Navigation – Plan du site

AccueilNuméros48Visions d’ensemble de l’œuvre de ...Alla voce Sciascia. Echi di stamp...

Visions d’ensemble de l’œuvre de Sciascia

Alla voce Sciascia. Echi di stampa dal centenario1

Marino Biondi
p. 30-60

Résumés

Ripercorrendo il profilo intellettuale e letterario di Leonardo Sciascia, questo contributo si sofferma su quei momenti, scritti e aspetti che, secondo noi, hanno determinato, forse più di altri, la sua varia fortuna critica, anche una controversa fortuna, e la sua sempre bruciante attualità. Nell’intento di rendergli un omaggio a più “voci”, esso richiama quelle testimonianze e memorie di scrittori, studiosi, giornalisti e artisti, che, riportate su libri, giornali e riviste in occasione del centenario della nascita dell’autore siciliano, permettono di riflettere ancora una volta, a mente lucida e distaccata, su ciò che di più prezioso e unico Sciascia ci ha lasciato in eredità, in tema di libertà, giustizia, legalità e anticonformismo. Ma anche quanto sia stato in ogni tempo abrasivo, non indolore, il suo rapporto con la pubblica opinione e i poteri costituiti.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 Relazione al Convegno Leonardo Sciascia: il potere della (contro)narrazione, la (contro)narrazione (...)

Un film sulla mafia? Bah! Come giustamente mi disse lei quel giorno, il film da fare, sarebbe dovuto essere casomai sulla commissione antimafia.

[Lina Wertmüller a Sciascia, lettera dell’8 maggio 1970]

Ma è sicuro che mi chiamerà la commissione?

Sicuro com’è sicura la morte […].

[Sciascia, Filologia, 85 (scritto – profezia piuttosto facile – al costituirsi della commissione antimafia)]

Come va? – domandò l’ispettore. Il tono voleva essere ed era cordiale: ma era pur sempre una domanda, il principio di un’inquisizione.

[Sciascia, Il contesto, 24-25]

  • 2 Cito qui un libro che ci riporta alla realtà odierna del mass incarceration; dagli anni ’90 aumento (...)

1Che destino, noi italiani, cari amici di Tolone, non possiamo difenderci né dagli assassini né dai giudici. È da secoli che in Italia il giudice ebbe la parvenza di un inquisitore. Colpa degli Italiani, certo, colpa delle loro colpe, ma non poco anche dei giudici, dei giudicanti, sempre e comunque sostenitori dell’accusa, la pubblica accusa. L’Inquisizione non solo di casa nostra, ma di Spagna, Epos de los destinos, come s’intitolava un libro di Eugenio D’Ors, che aveva al cuore il grande inquisitore Jiménez de Cisneros, cardinale reggente di Castiglia alla morte di Ferdinando il Cattolico. Sulle pareti delle segrete carcerarie di Palazzo Chiaramonte, sede del Sant’Uffizio dal 1605 al 1782, si potevano leggere queste parole: Pacienza Pane, e tempo, che il benemerito Giuseppe Pitrè, in Del Sant’Uffizio a Palermo e di un carcere di esso, aveva decifrato nel 1906: «insieme ad altre di disperazione, di paura, di avvertimento, di preghiera; tra immagini di santi, di allegorie, di cose ricordate o sognate»2 [Sciascia 2010, 15].

2Mi rendo conto che cominciare così, con una citazione da Malaparte (prima) e poi con le segrete palermitane di Morte dell’Inquisitore di Sciascia – e ci vorrebbe un Füssli (entre rêve et fantastique) –, possa configurarsi chiaramente come una provocazione, una scorretta pozione di veleno, le quali, come tali, non bastano a reggere una argomentazione, ma forse bastano a essere una buona iniziazione a uno scrittore che sui temi cruciali della giustizia e della pena si è illustrato come nessun altro dopo Manzoni. Si è illustrato e si è esposto. Ricevendone attacchi, sospetti, vario assortimento di contumelie.

  • 3 Cfr. nota bibliografica.

3In Italia non manca la materia del contendere. Mafia e Antimafia, come in una rappresentazione medievale, si dividono lo spazio del bene e del male, e si contendono le anime. Professionisti del Male, Professionisti del Bene3. I giornalisti in TV parlano innocentemente di buoni e cattivi come in una sagra di paese. Molto elevato il livello di analisi nei consessi delegati, basta leggere stralci di istruttorie in corso in varie procure d’Italia (da Palermo a Firenze), ma è la comunicazione a riuscire non compatibile con quella complessità, anche per l’oggettiva difficoltà di spiegare una dura verità, che Cosa Nostra si è andata metastatizzando nei vari contesti italiani, infiltrando la storia e la cronaca politico-economica del Paese. La Mafia, prima negata (anche dalla Magistratura), poi la si è vista realisticamente in Sicilia e oltre, altrove, seguendo la traiettoria della palma che saliva al nord. Questo però non significa che la storia d’Italia sia solo una storia criminale. Una affermazione del genere corrisponderebbe a uno “stato di negazione”, o “sconfittismo”, come viene definito l’atteggiamento puramente negativo nei confronti dei livelli di lotta a Cosa Nostra, almeno dal 1992. La “tribunalizzazione della storia” (Maurizio Catino).

4Ogni volta che si discorre di Cosa Nostra, e lo si sta facendo intensivamente in questi giorni del gennaio 2023, al tempo della cattura del boss Matteo Messina Denaro (Castelvetrano, 1962), che nello stesso anno della cattura è morto per un male incurabile nel penitenziario de L’Aquila dove era detenuto, capomafia senza pentimenti (25 settembre 2023), si evocano i contesti (puro Sciascia), vale a dire i livelli a Cosa Nostra superiori, e a loro volta governanti Cosa Nostra. Il famigerato Terzo livello, del quale aveva parlato anche Giovanni Falcone, pur escludendolo, non in linea teorica ma perché non avrebbe potuto provarlo, né mai chiamarlo a correità confessa. Nel corso di una audizione al Consiglio Superiore della Magistratura del 1991, dovendosi difendere dalle accuse di Leoluca Orlando sindaco di Palermo, di tenere segregati nei cassetti documenti che avrebbero inchiodato il potere politico, il giudice assassinato a Capaci ebbe a dichiarare: «Il terzo livello, inteso quale direzione strategica, che è formata da politici, massoni, capitani d’industria ecc… e che sia quello che orienta Cosa nostra, vive solo nella fantasia degli scrittori: non esiste nella pratica». Fantasia degli scrittori, lo si ribadisca. Sciascia, dallo scrittore che era, con licenza di inventare o costruire storie, non amava però le fantasie. E pure in presenza di una illegalità tanto invasiva, riteneva che i velleitarismi di alcuni giustizieri mediatici fossero anche peggiori del male.

5Non che una già drammatica involuzione etica nei partiti e nelle istituzioni pubbliche, oltre che nel diffuso e individualizzato illegalismo dei comuni cittadini, ciascuno per sé, ciascuno intento al proprio condono – rete fittissima, inestricabile, elaborata con grande inventiva, di privati interessi – fosse sfuggita a leader della caratura di Enrico Berlinguer, la famosa “Questione morale”, tematizzata allora nella intervista del Segretario comunista a Eugenio Scalfari (luglio 1981). Italo Calvino scrisse sull’«Espresso», alla fine del 1980 (l’anno della Strage di Bologna, a due anni dall’assassinio di Moro), che gli Italiani avevano saputo fare a meno dello Stato, altrimenti non sarebbero sopravvissuti fino a oggi. Questo il clima di disfatta. Politica, storia, biologia, sociobiologia italiane. Questione morale, poi malintesa, avocata a sé dai puri della Sinistra per autocelebrarsi diversi e migliori, con effetti deleteri anche sulle opposizioni virtuose, o sedicenti tali. Attualmente la Destra al potere di mafia non parla. Come se ne fosse stata esentata dal recente successo (16 gennaio 2023), cattura e morte dell’ultimo padrino, battezzato il capo dei capi. Sembra per ora archiviata la pratica del crimine organizzato.

6Sciascia, per quanto personalità autorevolissima, ma volutamente estranea all’ambito delle problematiche e discussioni pubbliche, in solitudine, a disagio nel maelstrom italico, aveva posto il dito e la mano sulla piaga della giustizia, e dell’ingiustizia, che in Italia non è raro che vadano una appresso all’altra. Il cittadino teme la giustizia; i palazzi, dove la si amministra con tempi ferocemente lunghi, sono palazzacci (a Firenze è l’edificio più massiccio, e alquanto minacciosamente accoglie il pellegrino che scenda in città dalle autostrade). I tempi e i modi in cui la giustizia viene erogata sono degni del grande scrittore boemo. Il cittadino poco o nulla capisce di riforme, di carriere separate, come quella in corso d’opera della Ministra Cartabia (governo Draghi). E nel nuovo esecutivo Meloni del ministro Nordio. Ha vagamente il sospetto di un duello fra poteri, tramortita l’opinione pubblica da un vacuo cicaleccio in cui sente solo odore di vendette del potere politico nei confronti di un altro potere dello Stato che da decenni lo tiene sotto scacco. I giornali non aiutano, in Italia non li legge nessuno (o l’élite della mazzetta sotto il braccio, come sulla Terrazza di Ettore Scola). Ma non è tutto. Con il nostro autore il menu è vario, e sempre attuale. La salsa in cui intinse i suoi piatti piccantissima.

  • 4 La lezione «globale» di Sciascia, in «Corriere della Sera», 21 settembre 2021.

7«Dove sono i mostri della criminalità, dove i re del delitto?»4. Sotto il bel cielo d’Italia non poteva albergare il crimine, e i mostri erano domiciliati in quel di Düsseldorf, come il Peter Lorre nell’espressionismo tedesco di Fritz Lang. E dunque. No, caro Savinio, ribatteva Sciascia, ci sono e ci furono anche quelli, i mostri e i re del delitto, e quindi la teoria che il belpaese, tutto sole e mare, e pertanto non adatto alle brume del giallo, ebbene era proprio fasulla. Sciascia aveva approfondito da par suo questo viluppo di idee, ipotesi, contrasti, esclusioni, contaminazioni, aggiornamenti. In materia di giallo-nero cartaceo, e di giallo-nero in cronaca e politica e storia. Non si lasciava andare ad asserzioni impavide, non suffragate. Uomo di legge, dentro la legge. Anche dentro distorte leggi. Difensore strenuo della legalità nel paese dove l’illegalità dilagava e dilaga. Leggeva, e distingueva, tra persone, fatti, libri e film, almeno finché al cinema ci andò.

8In un film di un tale che voce in capitolo nei delitti avrebbe dovuto averne, Alfred Hitchcock, Il delitto perfetto (1954), il capo ispettore Hubbard di Scotland Yard (John Williams) sbottava a un certo punto dell’indagine: si parla male di noi piedipiatti, ma i santi ci salvino dai poliziotti dilettanti (un film, tutto in un interno londinese nel quartiere di Maida Vale – M. come Murder, morte – dove il delitto perfetto, architettato da un marito-regista dell’omicidio, Ray Milland, enunciato nel titolo, crollava miseramente, e solo per la collocazione di una chiave, ma anche uno scrittore di gialli, Mark Halliday, interprete Robert Cummings, in verità dava una mano alla soluzione del caso). Aggiungiamo che Margot, la vittima designata (che scampa alla forca), era una soave Grace Kelly (l’algida dal fuoco interiore). Che poi il losco sicario assoldato si chiamasse Swann, come l’eroe proustiano – interprete il truce Anthony Dawson – saremmo indotti a credere a uno scherzo hitchcockiano.

9Sciascia. Primo dossier, quello del poliziesco – romanzo crime è la sigla a livello internazionale comprensiva dei vari filoni narrativi, ma lo spagnolo novela negra a Sciascia si adatterebbe di più – agito in proprio come lettore (divoratore di trecento Gialli Mondadori) e come scrittore. Uno scrittore che, dopo averne ingurgitato dosi massicce, per divertimento, per noia, per intuizione che forse nel crimine molta era la verità umana (Maigret su tutti), espelleva da sé e dai suoi circuiti mentali (e morali) la forma canonica (meccanica, ripetitiva, holmesiana-logico-provvidenziale, hard-boiled-maccartista), e tratteneva il giallo come contesto criminale, a dubbia o impossibile soluzione (come Gadda). Il giallo come problema. E metastasi contestuale.

  • 5 Roberto Quagliano, Le interviste impossibili, Rai 5, 11 gennaio 2021, (ora visibili su https://www. (...)

10Abbiamo ricordato Conan Doyle. In un’intervista (sì, impossibile), alla domanda rivoltagli dall’intervistatore nel suo interno vittoriano londinese, su cosa fosse, in cosa consistesse la verità in una inchiesta sul crimine, lo scrittore aveva risposto quasi rassegnato che bisognava accontentarsi di quanto offriva il convento delle procedure, e il convento offriva il procedimento deduttivo e il procedimento induttivo, incrociati fra loro. Quella, e all’incrocio fra deduzione e induzione, ahimè, la verità, e quella anche la giustizia5. Ma dopo l’indagine, se questa fosse andata a buon fine, si stagliava in prospettiva il processo.

  • 6 Bruno Cavallone, La borsa di Miss Flite. Storie e immagini del processo, 2016.

11Una scrittrice francese, Yasmina Reza, ha sostenuto non senza ragione quanto sia istruttivo frequentare, come lei è solita fare, i processi, perché molto ha da insegnare la loro struttura, priva di orpelli, che formalizza spietatamente i vissuti di innocenza e di colpa, di accusa e di difesa, una buona lezione di essenzialità. E di verifica delle certezze. Il diritto come forma. Una forma che è una estetica6. Ed è fondamentale in quella essenzialità e solennità delle forme il rispetto dell’articolo 24 della Costituzione, che tutti hanno diritto a una difesa. Il processo, e lo riconoscono proprio gli avvocati di prima linea, i cosiddetti avvocati del diavolo, è una rappresentazione teatrale. Anche Thomas Bernhard, da cronista giudiziario, aveva frequentato da giovane i tribunali, stando sempre dalla parte degli imputati.

12A Racalmuto uno scrittore che più singolo e solitario non era dato concepire. Sciascia, il maestro. Insegnante alle elementari. Questo è stato, nella prima fondante parte della vita. Fioccano le celebrazioni con tanto di comitati, che da vivo, pensante e critico, non avrebbe voluto scomodare per nulla al mondo. E non per evitare di sentirsi scomodo (modo di dire minimalista e quasi insignificante) ma perbene. Un dubbio catastrofico coltivava, e lo pose in evidenza in un luogo del suo romanzo di svolta, Il contesto: che in Italia i nodi mai sarebbero venuti al pettine, perché non c’era più il pettine. Il contesto (1971) e Todo modo (1974) realizzano il nero su nero nell’arte del romanzo. Quindi ogni discorso dilatorio, ogni rinvio strumentale a tempi che sarebbero stati maturi (il sol dell’avvenire), lo lasciavano del tutto incredulo. Rispettava i politici finché fossero rispettabili, poi li disprezzava, a qualunque schieramento appartenessero. Con accenti modernamente danteschi, nella visione della bolgia del malaffare, che si è andata intascando l’Italia.

13Leggiamo, nell’eremo di Zafer di Todo modo, il dialogo tra il cuoco e il pittore: «Ma è una soddisfazione, Cristo, una grande soddisfazione: vedere tutti questi figli di puttana andare su e giù a recitare il Rosario… – La Chiesa – dissi – dà delle soddisfazioni anche ai non credenti. – Forse è così. Ma io della Chiesa me ne fotto» [Sciascia 1974, 51].

14Quando si turbò per la morte preveduta e scritta di alcuni di loro (Todo modo), lo scrittore preferì rinunciare al dubbio dono della profezia (che è stato fin da Tiresia e Cassandra una disgrazia), e si dedicò al passato, alle cronache e cronachette ben documentate in archivio, andò su trascorsi remoti, a cercare se ci fossero state verità dimenticate, in altre parole decise che era meglio per lui (più rasserenante) prevedere il passato. Imprevedibile, anche il passato, in Italia. Sciascia era naturalmente antifascista, definiva il fascismo come la “collera degli imbecilli”, e anche per questo antifascismo genuino, senza perciò fanatismi e troppe retoriche strumentali, del tutto alieno, e per motivi storico-geografici, dall’enfasi resistenziale, trovava fascismo anche nell’antifascismo (come Flaiano), e anche fuori dai geografici confini del fascismo di casa nostra, in America per esempio, tra gli scrittori infetti di maccartismo (drastico il ridimensionamento dell’autore de Il falcone maltese e di tutto il bogartismo cinematografico, escluso Giungla d’asfalto di John Huston).

15Eppure la Sinistra italiana si prestava per il suo tipo di intelligenza a una parodia continua. Oggi, mentre scriviamo, avrebbe assistito a una completa rovina, consule Letta nipote (elezioni politiche del 25 settembre 2022), e non avrebbe infierito. La borghesia comunista, benessere e parole d’ordine, forti appetiti di potere, irresistibili tendenze alla censura (togliattismo), designava il molièriano comunismo italiano, da generone romano all’ombra di Botteghe Oscure, privilegi e sol dell’avvenire. Perché – ahilei la Sinistra – era parodiabile, si prestava a esserlo lo slancio rivoluzionario totalmente infondato. Da Flaubert a Sciascia, prima e dopo, e intorno, i romanzieri che di costumi si siano sarcasticamente deliziati hanno sempre diffidato degli Homais, che, pontificando ideali, si sono fatti gli affari loro. Una fiction avveniristica, millenaristica, cui abbiamo smesso di credere. Il contesto è un libro feroce, con effetti di straniamento (onomastica ispanica), ma soprattutto nella distanza ormai siderale da una cosa chiamata giustizia, ed è l’aria ammorbata che ovunque si respira, negli interni ed esterni del libro, né è solo mafia, anzi non è più mafia – intuizione rigorosamente verificata nelle inchieste odierne sul crimine delle cosiddette terre di mezzo – composita patologia piuttosto, che ha contaminato tutto ciò che è riuscita a toccare, a lambire. Una pestilenza politica e morale. A nostro avviso, la rappresentazione più opaca, tetra e disperante che uno scrittore italiano abbia mai prodotto nel 900. Un campo concentrazionario di crimini, iniquità, complicità inestricabili, alleanze perverse, menzogne, spudoratezze, senza possibile riscatto.

16Memorabile prosa per come essa cattura e scolpisce tipi come Galano, il direttore della rivista «Rivoluzione permanente», o Nocio, lo scrittore impegnato. Si legga questo dialogo:

Uno scrittore borghese, io? – Rivolgendosi a Rogas – Ha sentito? Sono uno scrittore borghese! Glielo dica lei, se la polizia mi considera uno scrittore borghese. – Vilfredo, non essere ridicolo – intervenne la signora. – Ti manca proprio un attestato della polizia: “Vilfredo Nocio non è uno scrittore borghese”. Firmato da Tamborra –. Tamborra era il capo della polizia, in fama di tenace avversione agli intellettuali [Sciascia 1971, 64].

17Una parodia, un divertimento. Un uomo, Cres, fatto condannare ingiustamente dalla moglie, che va ammazzando giudici, e un poliziotto (Rogas) che diviene il suo alter ego. Parodia come «travestimento comico di un’opera seria» [121]. Il ridicolo, da travestimento comico di opera seria, in un paese immaginario, che potrebbe essere la Sicilia, o l’Italia, non riesce a stingere il nero seppia che invade il romanzo (come il riso nero del delitto).

  • 7 Il diavolo con gli occhiali. Sciascia, inquisiti e inquisitori di Alice Cencetti (cfr. infra) anali (...)

18Sciascia prendeva molto sul serio il diavolo con gli occhiali7 [1974, 29-30]. Con tutti i significati annessi a quella figura, per così dire, tanto acutamente filologa. Il prete cattivo, ma non ignorante, come i preti buoni, e, il don Gaetano, prete fanatico detentore di certezze corrosive quanto i dubbi, nonché lettore di tutti libri: «La chair est triste, hélas! et j’ai lu tous les livres» (Mallarmé). Col diavolo nella mente, non in corpo – demonialità non erotica ma mentale, intellettuale – il progressismo, per la sua ingenuità (per il suo calcolo d’ingenuità), è sempre stato, più del conservatorismo e anche del più bieco reazionarismo, maggiormente esposto, come l’ottimismo, alla satira in letteratura (il demone flaubertiano di Homais insegna, e prima ancora Leopardi, De Maistre, i maledetti negatori di risorgimenti e progressi, immodificabile nel suo peggio l’umanità, ente astorico come il vizio, l’avarizia, la gola, la libidine). Parodia denominò il suo Contesto, in cui il partito della Rivoluzione usciva a pezzi (Rosso su Nero, poi Nero su Nero). La maschera della rivoluzione cadeva a brandelli come un trucco stantìo dal volto di un attore. Un altro dubbio metodico lo assillava, e riguardava le istituzioni, a cui sarebbe stato devoto (avrebbe voluto essere devoto), se solo ci fossero state (come in Francia, dove preferibilmente si recava), ma esse, nonostante la pompa dell’ufficialità istituzionale, non c’erano veramente, ma solo vuoti involucri da pesce d’aprile.

19Per gli statalisti più o meno metafisici (i gentiliani), le sue erano scudisciate in pieno volto. Distruttivo senza essere assurdamente, scioccamente, nichilista. Aveva un forte registro di razionalità volterriana, libero esame, tolleranza, e giustamente sapeva non prendere troppo sul serio la realtà. Diffidava di coloro che prendevano troppo sul serio, e troppo sul serio si prendevano. Come Molière fiutava tartufi nella genia dei seriosi. Fossero anche i più nobili ideali. Era scettico (Giuseppe Rensi, Arrigo Cajumi, i suoi filosofi); non idealista (anticrociano, tutta quella metafisica era per lui una favola). Fuori dallo scherzo, uno scherzo che aveva una sua inimitabile complessità metafisica (Kundera), non c’era verità. Una testimonianza su Sciascia e Pertini in convivio al Quirinale, anno 1982, è ancora oggi un ritratto micidiale di cosa fosse rigore e cosa fosse retorica (teste Colette Rosselli, sublime arbitra nella circostanza). Insomma anche il pertinismo, fiore senile di democraticismo resistenziale, vacillava davanti al suo sguardo volterrianamente inquisitorio (sia consentito l’ossimoro).

  • 8 Damiano Fedeli, Al via le celebrazioni per il centenario di Sciascia, in «Corriere della Sera», 29 (...)

20Ricominciamo dal codice dell’ufficialità. «La libertà e l’autonomia sono state la cifra di Leonardo Sciascia. Lui, così refrattario a farsi incasellare nei recinti, si richiamava alla lezione dell’illuminismo, praticava scetticismo e pensiero critico. Il suo esercizio del dubbio manca oggi, in un mondo dove ci si scambiano solo certezze». Lo ha detto ieri il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini, intervenendo all’evento online La patria di Sciascia, organizzato da Treccani e dagli Amici di Leonardo Sciascia come avvio delle celebrazioni del centenario della nascita dello scrittore siciliano (8 gennaio 1921-20 novembre 1989). Un anniversario che prevede iniziative nell’arco di un triennio. «Celebrazioni – disse Franceschini – devono essere occasione per una partenza e diventare stabili per ricordare la sua lezione, la scrittura, la denuncia dei mali della società ancora così attuale. Un’occasione di impegno che il Mibact continuerà a sostenere». Emma Bonino presiede il Comitato nazionale del centenario che comprende scrittori (fra cui Mario Vargas Llosa e Claudio Magris), filologi, personalità del mondo editoriale, registi e giuristi. «Per Sciascia la Sicilia era metafora del mondo», ha sottolineato Bonino. «La sua scelta culturale, umanista ed europea, è nata e si è sviluppata grazie alla contraddizione fra l’attaccamento alla sua terra e il suo costante contrapporsi ad essa in nome di diritto, giustizia, dignità»8.

21Una lezione sempre utile, quando si cerca di costruire una immagine, è ricorrere alle più varie testimonianze, a occhi e memorie diversi, come in un dibattimento, e metterle insieme a mosaico. Una di queste ci è parsa illuminante (davvero, letteralmente illuminante, come si vedrà), e non l’avevamo letta in nessuna biografia. Il fotografo Scianna, amico e ritrattista di Sciascia, in una intervista affermò che ognuno ha il proprio modo di vedere. Venendo a Sciascia, aggiunse:

  • 9 Roberta Scorranese, Italiani. Ferdinando Scianna, in «Corriere della Sera», 6 febbraio 2021.

Leonardo Sciascia, per esempio, vedeva con la memoria. Non solo. Per lungo tempo nella casa di Racalmuto dove Leonardo andava a scrivere non c’è stata luce né acqua corrente. Ecco da dove viene il rigore che traspare dai suoi libri. Specie quelli in cui scandaglia la cronaca: libri puliti, forti.9

  • 10 Una mostra di 22 ritratti di Scianna, Due scrittori: Leonardo Sciascia e Jorge Luis Borges, a cura (...)

22Sciascia vedeva con la memoria; Borges con il tatto delle mani. Quante affinità fra i due, che s’incontrarono a Palermo nel 1984: lo scetticismo e la sicilianità. Fra vertigini di finzione e realismo amaro, luce cruda del sole e l’ombra più oscura, mai si sarebbe arrivati a capo della verità, questa la scepsi Siciliani-Sicilia. Borges, illuminata cecità, era nato a Buenos Aires nel barrio “Palermo”10.

  • 11 Cfr. Giuseppe Leone. Metafore, Galleria Ceribelli, Bergamo, a cura di Mario Andreose ed Elisabetta (...)
  • 12 Esposte in Pirandello e Sciascia, figli della stessa terra (Agrigento, Villa Genuardi, 3 settembre (...)
  • 13 Aldo Cazzullo, Racalmuto, nelle stanze che raccontano Sciascia, in «Corriere della Sera», 31 agosto (...)

23Le immagini di Sciascia sono fiorite in questo anniversario. Un quasi inedito Sciascia ridente, insieme agli amici, anche loro ridenti, Vincenzo Consolo e Gesualdo Bufalino, sono scatti al raro riso carpito del fotografo di Ragusa Giuseppe Leone11. Altre due foto inedite, scattate nel 1986 dal fotografo agrigentino Angelo Pitrone: Sciascia in Contrada Noce, solo nello studio, e insieme alla moglie Maria Andronico12. In visita a Racalmuto, d’estate clima afoso, d’inverno freddo, dove non ci viene nessuno, anche perché estranea alla Sicilia del turismo, quella di Montalbano e dei Florio, Aldo Cazzullo firmava Racalmuto, nelle stanze che raccontano Sciascia13. In quelle stanze c’è ancora il fantasma della zia Concettina, la maestra con trecento libri, che gli fece conoscere la futura moglie Maria, sua collega a Favara. Gli amici che (insieme a Calvino, oggi disponiamo del carteggio, dei due illuministi, dei due illuminati) lo fecero conoscere al mondo: Aldo Scimè ed Emanuele Cavallaro (padre di Felice, giornalista del «Corriere» e biografo di Sciascia). La casa di Sciascia, ora in restauro, è stata salvata da Pippo De Falco, e dai racalmutesi di Hamilton, Ontario, Canada. Inaugurata il 10 settembre. Infine, mi pare però che il suo rapporto con Paolo Borsellino sia trattato con qualche approssimazione (ancora di più quello con Giovanni Falcone). Nella sua biografia, Felce Cavallaro non rimuove alcuni aspetti delicati nelle relazioni fra Sciascia e i due giudici. Con Borsellino le incomprensioni, dopo il noto articolo sui Professionisti dell’antimafia (10 gennaio 1987), furono chiarite, e ci fu un riavvicinamento (che pure a me lettore è sembrato una soluzione diplomatica fra siciliani illustri, gestita dai rispettivi entourage). Con Falcone, da cui era stato interrogato, relativamente al caso del rapimento Sindona in Sicilia (estate 1979), i rapporti restarono tesi. Lo scrittore non aveva tollerato la convocazione (e l’interrogatorio).

  • 14 Pietrangelo Buttafuoco, Sciascia. Il dovere civile della letteratura, in La Lettura, «Corriere dell (...)

24Un’altra testimonianza: «A chi cerimoniosamente lo appellava “maestro!”, da sornione qual era, rispondeva: “Ebbene sì; maestro di scuola io sono”»14.

  • 15 Marco Lillo, Lettera del ’48 su Sciascia: “Sì, ha passato il concorso”, in «Il Fatto Quotidiano», 2 (...)
  • 16 Valter Vecellio, Sciascia non ha Fatto, in «Il Foglio», 21 agosto 2021.

25Scoperta da Giuseppe Spallino, allievo a Palermo di Salvatore Lupo, è stata pubblicata la lettera che, in data 12 ottobre 1948, Vincenzo Lala, funzionario del Provveditorato di Agrigento, scriveva al deputato regionale onorevole Pietro Sapienza, eletto nel 1947 nelle liste dell’Uomo Qualunque di Guglielmo Giannini, che lumi aveva chiesto: «l’insegnante Sciascia Leonardo (e non Leonarda) di Pasquale, candidato al Concorso magistrale B.6 ha riportato punti 37,5 / 50»15. Saremo ingenui ma non ci è sembrato uno schizzo di fango sul Maestro di Racalmuto16. Sia detto per inciso, Sciascia amava i suoi ragazzi, i protagonisti delle Parrocchie, ma non amava la scuola.

  • 17 Concetto Vecchio, intervista a Marcelle Padovani, “Cara Italia che dimentichi e ti sottovaluti”, in (...)

26L’intellettuale di punta dell’Italia contemporanea (il maggiore e il più influente dopo Pasolini) era l’espressione della scuola elementare, veniva dai banchi della più umile e negletta delle accademie d’istruzione. Le parrocchie di Regalpetra (1956) furono il suo primo libro, e decisivo, anche se poi dimenticato dall’onda dei romanzi, e dalla fama (respinta con fastidio misto a disgusto di essere ritenuto un mafiologo). Questo gli era toccato, d’essere convocato da giornali e giornalisti per commentare crimini e criminali? No, non era cosa sua. Eppure da teste fededegno veniamo a sapere che era monotematico: «Parlava soltanto della Sicilia, di Parigi, della mafia e di Racalmuto. Mai dell’Italia»17. Mai dell’Italia, altra rivelazione dello straniamento che in lui si avvertiva fin da subito, ma che tende ad accrescersi, fino a Una storia semplice (1989), a una disperazione senza lacrime.

  • 18 Antonio Di Grado, Barbara Distefano, In Sicilia con Leonardo Sciascia, 2021.
  • 19 Stefano Lanuzza, Scrittore contro. L’opera di Leonardo Sciascia, 2020.

27Del crimine, della stessa criminologia, Sciascia aveva un’altra più profonda concezione. Ma, a ben guardare, proprio in quello spazio scolastico si era formato ed educato il suo implacabile rigore, e il risentimento, politico e operativo, nel vedere i bambini sacrificati da uno Stato “democratico” solo di nome, non provvidente, lontano, indifferente. Ho sempre sentito che la radice della scuola era stata essenziale esperienza nell’armarlo anche contro la supponenza dell’accademia alta, e gli intellettuali di professione che ne erano i prodotti derivati, i chierici che nulla sapevano della realtà della miseria. Il direttore della Fondazione Sciascia, Antonio Di Grado, con Barbara Distefano, ha pubblicato In Sicilia con Leonardo Sciascia, un libro e un viaggio che scoprono e analizzano quanto si poteva intuire nello scrittore e nella sua terra: la essenzialità della sicilitudine (un bel riparo dalle menzogne e superfetazioni del linguaggio) e la stretta connessione con le grandi letterature di altri paesi (Spagna, Francia)18. Coraggioso il libro unitario e sintetico di Stefano Lanuzza, Scrittore contro. L’opera di Leonardo Sciascia19.

  • 20 Salvatore Silvano Nigro, Il filologo della realtà, in «Il Sole 24 Ore», 7 febbraio 2021.
  • 21 Emiliano Morreale, Quando Sciascia indagava sull’enigma cinema, in Il Venerdì di Repubblica, «la Re (...)
  • 22 Giuseppe Sottile, La Trattativa stato mafia: una boiata; Luciano Capone, Il processo storytelling, (...)
  • 23 Una biografia di Mario Mori, a cura di Gianni Barbacetto: Il “dark side” di Mori: le 14 foto di Giu (...)

28Ciò detto, lo sguardo di Sciascia era il più penetrante sulla realtà (anche quella occulta) della Sicilia e dei siciliani. Salvatore Silvano Nigro ha scritto un articolo-recensione su varie pubblicazioni di questo periodo alla attenzione della critica, Il filologo della realtà20. Sebbene respingesse da sé, amaro calice per un siciliano, l’obbligo etnico di intingere sempre il discorso su affari di mafia, ha ragione lo specialista Emiliano Morreale, in una recensione a «Questo non è un racconto» (2021), raccolta di pezzi sul cinema, a dire che lo scrittore influenzò negli anni Settanta tutto il cinema di denuncia civile e tema mafioso, dei registi Damiani (Il giorno della civetta, 1968), Petri (A ciascuno il suo, 1967), Rosi (Cadaveri eccellenti, 1974)21. «È lui l’ispiratore quasi involontario di tutto il cinema di mafia». Non solo, Sciascia era diventato l’interlocutore di ogni pubblico discorso sulla mafia e sul rapporto fra la mafia e lo Stato, così come sull’iter giudiziario di Cosa Nostra. Un esempio, fresco di stampa, è il processo d’appello di Palermo, corte presieduta da Angelo Pellino, che ha assolto alcuni alti ufficiali dell’Arma (Mori, De Donno, Subranni) dal delitto di trattativa con Cosa Nostra (e con loro anche Marcello Dell’Utri). Un giornale ha evocato Sciascia, come nume dell’antigiustizialismo praticato dalle Procure, che quel processo neppure lo avrebbe istruito: «Vuol dir che ha ragione Leonardo Sciascia, il quale non si stancava di ripetere che una credibile lotta alla mafia va fatta attraverso un serio garantismo» (Giovanni Fiandaca)22. Cos’è il giustizialismo? Dare aprioristicamente per fondate le tesi accusatorie23.

  • 24 Leonardo Sciascia, «Questo non è un racconto». Scritti per il cinema e sul cinema, p. 141.

29Questo non è un racconto, una citazione da Diderot, inaugura il terzo trattamento. La lettera di Lina Wertmuüller, in epigrafe [Sciascia 2021, 150]. Se non un racconto, cos’era? Un soggetto per un film. Nemmeno un soggetto. E allora? «Una discussione su un soggetto. E la faremo noi» [133]. Il soggetto, di chi era? Di Sergio Leone. Immagini, idee. Un repertorio fotografico. Scarti fra memoria e attualità. Giochi di citazioni (come per Machiavelli, dalla lettera a Lorenzo di Piero de’ Medici)24. Momenti crepuscolari, e morti ammazzati, che quelli non potevano mancare al genere. Tre inediti per il cinema. Per Carlo Lizzani, Per Lina Wertmüller, Per Sergio Leone. Situazioni, in cui l’elemento forte è la inesorabilità, la terrificante (fatale) funzionalità del sistema criminale, che azzera, come nel primo episodio, qualsivoglia resistenza o antidoto o umana difesa. Psicologie mafiose, forgiate da secoli di relazioni, intrighi, memorie intra Cosa Nostra. Tanto da lasciare segni genetici. Solo rappresentazioni. «Alt!... Non dimenticate che stiamo preparando del cinema. Niente spiegazioni, dunque» [42].

  • 25 Ivi, pp. 118-119.

30Nel libro sul cinema, il lettore apprezza la calzante argomentazione dei giudizi, come quando censurava gli stereotipi siciliani di registi quali Germi e Cimino (Germi: un ragguaglio arretrato; Quel falso mito di Giuliano). Sensibile alla fenomenologia del divismo (I miti del cinema, L’alfabeto delle stelle, L’ufficiale Von Stroheim maschera di nostalgia), alla icona del grande interprete (Charlot, Keaton, Cooper, Mosjoukine), all’eros del cinema muto (Valentino, Clara Bow, «quando levava le palpebre era come se alzasse la veste»), sulle leggi del comico nella rappresentazione e nella vita reale (Bergson, Angelo Musco), su scrittura di romanzi e film derivati (Non rinnego nemmeno una virgola, Un conato di morte, Il mio “Todo modo” e quello del film), scrisse pagine brillanti da amatore intelligente che alla fine, intorno al 1987, andava sempre più raramente al cinema, se non per vedere Fellini. Il cinema era diventato memoria (Io mi ricordo…)25. Scrive il curatore, nella puntualissima Nota al testo, che il cinema divenne archivio, riflessione filosofica, pensando anche ai tesori, alle migliaia di pellicole conservate nelle Archives du cinéma di Bois-d’Arcy, dove aveva rivisto Il fu Mattia Pascal di Marcel L’Herbier, interpretato da Ivan Mozzuchin (menzionato alla francese come Mosjoukine). L’attore prediletto, insieme a Louis Jouvet. Il regista più amato, René Clair, per Il milione. Il libro più amato, Don Chisciotte di Cervantes. Il dipinto più amato: Ritratto di ignoto di Antonello da Messina. Sciascia era per le preferenze assolute. Gli era facile rispondere con un solo nome a chi gli avesse chiesto di scegliere.

  • 26 Massimo Bucchi, Sottovuoto, in Il Venerdì di Repubblica, «la Repubblica», 16 aprile 2021.

31Gli pesava la istituzionalizzazione del fenomeno mafioso, la calendarizzazione delle ricorrenze legate a quella costellazione criminale (che per lui non era solo tale, ma storica, sociale). Avrebbe riso di una vignetta di Massimo Bucchi: «Poste italiane. Primo centenario della lotta alla mafia. Lire…. Le rarità filateliche»26. La Mafia in Italia è diventata un genere letterario, acquisendo, quasi avocando a sé, per la sua prestanza spettacolare e la duttilità delle situazioni, ogni format espressivo, televisivo, cinematografico, teatrale. È la nostra epica. Il nostro Far West. Il dossier si incrementa a ogni stagione.

  • 27 Giuseppe Governale, Sapevamo già tutto. Perché la Mafia resiste e dovevamo combatterla prima, 2021.

32È andato in scena alla Pergola fiorentina il 10 maggio 2021 uno spettacolo (regia di Piero Maccarinelli, consulenza tecnica del magistrato Gaspare Sturzo, pronipote dell’autore), tratto da un testo teatrale del giovane don Luigi Sturzo (1871-1959), futuro fondatore del Partito Popolare, intitolato La mafia, in scena nel Teatro Silvio Pellico di Caltagirone nel febbraio 1900, ispirato a quello che viene ritenuto negli annali del crimine il primo delitto (eccellente) di Cosa Nostra: 1 febbraio 1893, sul treno tra Termini Imerese e Trabia, l’agguato e l’efferato assassinio a colpi di pugnale di un siciliano illustre, il palermitano Emanuele Notarbartolo (1834-1893), direttore generale del Banco di Sicilia, sindaco di Palermo, deputato del Regno d’Italia. Il mandante fu individuato nell’onorevole Raffaele Palizzolo, condannato e poi assolto in appello (1905). La storia è largamente nota (c’è anche un romanzo, Il cigno di Sebastiano Vassalli), non il testo (inedito, se si eccettua negli anni Sessanta un allestimento, e parziale rifacimento, di Diego Fabbri) di Sturzo, in cui emerge anche il mafioso Accarano e in cui il tema che più interessa è il meccanismo della collusione, l’espansione alla pubblica amministrazione e alla Roma politica dei ministeri (la piovra), testo che sarà edito a cura della Fondazione Sturzo. Al dramma di Sturzo fa riferimento anche un grande esperto di mafia, il generale di divisione dell’Arma, Giuseppe Governale, nel suo libro Sapevamo già tutto. Perché la Mafia resiste e dovevamo combatterla prima27. La mafia è storia, una materia di studio (e non solo nelle questure), ricerca, archiviazione continua di materiali, nuove segnalazioni, dibattito, sorveglianza politica sulla legalità democratica, educazione civica e pedagogia scolastica, e infine l’Antimafia, dal 1963, su cui Sciascia scrisse un memorabile racconto, che lo scettico Pirrone avrebbe sicuramente sottoscritto.

  • 28 Annarita Briganti, disegni di Massimo Jatosti, in laRepubblica.it, Cultura. Il rosso e il noir, 12 (...)
  • 29 Fabrizio Catalano, Vincenzo Aronica (a cura di), Sciascia e il cinema. Conversazioni con Fabrizio, (...)
  • 30 Vincenzo Consolo, Cosa loro. Mafie tra cronaca e riflessione. 1970-2010, a cura di Nicolò Messina, (...)

33Dopo i primi e più popolari romanzi, i libri più influenti furono in ordine cronologico: Il contesto (1971), Todo modo (1974) e L’affaire Moro (1978). La popolarità dello scrittore la si misura anche nella versione illustrata de Il giorno della civetta28. Ora un bel volume illustrato ripercorre quella storia: Sciascia e il cinema. Conversazioni con Fabrizio29. Non un controcanto ma un assiduo complemento riflessivo, sostanzialmente solidale per quanto autonomo, quello dell’amico siciliano trapiantato a Milano, Vincenzo Consolo, Cosa loro. Mafie tra cronaca e riflessione. 1970-201030.

34Su Sciascia tenni una relazione alla Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze il 9 dicembre 2019. La rammento qui perché ero affiancato in quella sede da due illustri personalità, dall’ex Presidente della Camera, Luciano Violante, ed ex presidente dell’Antimafia, e dall’ex procuratore capo della Repubblica di Firenze, Pasquale Quattrocchi. Come se parlare di Sciascia fosse ormai questione e tema di tecnici del diritto, teoria e governo dello Stato. Cominciai dalla citazione di Shakespeare che sta in epigrafe al Giorno della civetta (1961). Il drammaturgo inglese poteva ben mettere tutti d’accordo, sulla sua tragica lunghezza d’onda. Ciò premesso, Sciascia è per le sue caratteristiche, le sue qualità, persino per i suoi difetti, ammesso che siano tali (ostinata solitudine e metodica diffidenza, nessuna inclinazione a commuoversi, se non per i carusi uccisi nelle zolfare), rappresenta un potente antidoto al pensiero unico che si è diffuso nel nostro Paese, asfissiato da un duplice conformismo, laico-laicista e cattolico-clericale, e verrebbe da dire che non c’è Papa che tenga (venuto da vicino, o, come Bergoglio, da lontano), in stallo tra una destra sciagurata e una sinistra imbelle (e ipocrita), un fascismo (che in Italia non muore mai, il Paese che lo ha inventato, e ne conserva il copyright, un po’ come succede ai laboratori che conservano i virus anche quando la malattia sia stata debellata), e un antifascismo risibile (come la sinistra). Estremismo, il nostro, un po’ in stile Sciascia. Lo si perdoni.

  • 31 La palma sale al nord. Sciascia scrittore civile, Meeting Zoom, Cesena, 5 maggio 2021.
  • 32 Leonardo Sciascia, La palma va a nord, a cura di Valter Vecellio, 1982.
  • 33 Si veda sul punto: Sergio Soave, Sciascia, l’anarchico radicale che rifiutò di sostenere la lotta c (...)

35Sciascia e il suo centenario (1921-2021). A un incontro organizzato dagli Amici della Malatestiana31, si diede il titolo La palma sale al nord. Sciascia scrittore civile. Era ed è anche il titolo di un libro di articoli, interviste, prese di posizione, letteratura a tutti gli effetti militante: La palma va a nord32. Altri punti sensibili, a cominciare dal suo rapporto con lo Stato. Problematica di non poco conto, e non del tutto digerita dall’opinione pubblica, dai non pochi avversari dello scrittore, fu il rapporto con lo Stato negli anni di piombo, la presa di posizione sui giurati popolari, e il loro diritto di astenersi dal comando in tribunale, al processo contro Renato Curcio e gli altri capi delle BR a Torino, dove era stato giustiziato il 28 aprile 1977 il presidente dell’Ordine degli avvocati di Torino, Fulvio Croce. Sciascia aveva detto: «Per questo stato non farei il giudice popolare». Il tema, e lo slogan, su tutti controverso, del «né con lo Stato né con le BR», frase che lo scrittore non pronunciò ma che si poté dedurre da una serie di prese di posizione, e non fu mai smentita33.

  • 34 Nella bibliografia recente, cfr. Marina Castiglione, Elena Riccio (a cura di), Leonardo Sciascia (1 (...)
  • 35 Antonio Iovane, La seduta spiritica, 2021.

36L’affaire Moro (1978-2011) è il libro centrale di tutta la problematica che ruota intorno al rapporto di Sciascia con lo Stato, che è anche il fulcro della interpretazione della resistenza di Aldo Moro nella prigione brigatista. Non in nome dello Stato (da statista, quale gli avversari della trattativa volevano farlo passare, inchiodandolo a una parte non sua, secondo lo scrittore, mai stata sua) ma della (pirandelliana) nuda vita34. L’affaire Moro è il libro-guida nel saggio di Antonio Iovane, La seduta spiritica35. Sul caso Moro, e su uno dei suoi misteri, ruotante intorno al nome “Gradoli”, emerso nella seduta spiritica cui aveva partecipato un gruppo di amici, tutti professori nell’Ateneo bolognese (fra i quali Romano Prodi, Beniamino Andreatta, Mario Baldassarri), in località Zappolino (campagna bolognese), domenica 2 aprile 1978, nella casa di Alberto Clò.

37Leggiamo qui un altro piccolo libro, dopo quello sul cinema, soffermandoci ancora sul suo rapporto con la Settima Arte. Nove furono i film ispirati dallo scrittore. Sciascia fu per l’Italia il cinema d’ispirazione civile, esiti variabili, ma non tutto da buttare. Ci ha sorpreso pertanto una affermazione di Francesco Merlo:

  • 36 Francesco Merlo, Sciascia, il cinema e l’invenzione del Padrino, in «la Repubblica», 9 agosto 2021.

A Sciascia non piacevano i film tratti dalle sue opere e aveva ragione. Non fece in tempo a vedere Porte aperte di Gianni Amelio e Una storia semplice di Emidio Greco, ma la verità è che non c’è mai stato l’incontro tra Sciascia e un regista davvero grande. Finì invece preda del cinema impegnato italiano che in quegli anni, Sessanta e Settanta, era intossicato di ideologia. E peggio gli andò quando divenne, a sua insaputa, serbatoio di archetipi […].36

38Cinema impegnato italiano («Sciascia è la letteratura a cui si aggrappa il cinema per darsi arie di profondità»), ma c’era Elio Petri fra quei registi, non uno qualsiasi. Stimava Rosi per il suo cinema, per Le mani sulla città (indipendentemente da Cadaveri eccellenti [1976], che non lo aveva convinto, a cominciare dal titolo). Anche Damiani – diceva – aveva fatto un buon lavoro con Il giorno della civetta (1968). Considerazione e una punta di commozione per Gianni Amelio e il suo I ragazzi di via Panisperna (1989), in sintonia con La scomparsa di Majorana (1975), e dei Ragazzi diceva che gli avevano fatto superare l’idiosincrasia nevrotica per il mezzo televisivo (Ho ritrovato il mio Majorana, 1989). Si affidava fiduciosamente, lo scrisse, ad Amelio per Porte aperte (1990), che in effetti non fece in tempo a vedere. D’accordo sul “serbatoio di archetipi”, ruolo e mansione che gli restarono addosso in modo indelebile.

39Sui luoghi comuni, Merlo ha visto giusto:

  • 37 Ivi.

Tra i dibattiti più oziosi c’è quello sul rapporto tra il cinema e la letteratura, su quanto bene o quanto male fanno l’uno all’altra. Prima del Marlon Brando del 1972, non c’erano padrini nella mafia. Non ne parlano i mafiosi e gli storici, da Franchetti e Sonnino a Salvatore Lupo, non ne fanno cenno gli inquirenti. Il padrino in realtà è un’invenzione del cinema americano. Ma in Sicilia non esiste. Brusca aveva lo sguardo del macellaio inebetito e non quello penetrante di Robert Duvall. Liggio era uno psicopatico di campagna e non un Abramo biblico. Totò Riina era grasso e corto come Marlon Brando ma la sua pesantezza non apparteneva al genere shakespeariano. Nella mafia siciliana esiste il capo, il don, lo zio, oppure “il Padrenostro” com’era Navarra a Corleone o “il Papa”, Michele Greco, che persino durante il processo rispondeva al giudice citando salmi e versetti; ma non c’è il Padrino. Del resto, se così non fosse, Sciascia non avrebbe dato il soprannome di Parrineddu all’idealtipo dei confidenti di questura, “miserabili uomini, fango di paura e di vizio”. Insomma, Sciascia, che considerava i luoghi comuni più nocivi della mafia, aveva profeticamente ragione a sentirsi tradito dal cinema che ha trasformato in una discarica di luoghi comuni la Sicilia che per lui era metafora.37

  • 38 Giampiero Calapà, È nascosto in Sicilia, in queste campagne, ma spesso si sposta”; Si è già rifugi (...)

40Il capo («Iddu comanda e per comandare in Cosa Nostra le persone vanno guardate negli occhi»), quand’anche sia in fuga da decenni, e in fama di lussi e belle donne (Matteo Messina Denaro, 59 anni, latitante dal giugno 1993), doveva poi, come Anteo, toccare terra per continuare a legittimarsi, e accogliere l’ospitalità di un altro boss (Vincenzo Virga) anche in una grotta, un buco nella montagna del Trapanese. La Sicilia rurale – di pastori e ovili, trazzere, casolari sperduti, ruderi abbandonati – terra arcaica inestirpabilmente mafiosa, la Contrada Giurfo nell’Ennese, o il comune di Torretta, lo nasconde (ammucciare è nascondere), non il bel mondo di cui si è favoleggiato38.

41In entrambi i libri, poliziesco e cinema, letture ed esperienze penetranti che ci offrono una vista su Sciascia modificata. Il giallo, dunque. Se si va alla storia archivistica del Giorno della civetta, approdato all’Einaudi, sul tavolo di Calvino, si scopre subito l’intuizione calviniana che il romanzo d’esordio di quell’ancora oscuro siciliano avrebbe con qualche accorgimento potuto utilmente abbinare la qualità della scrittura, l’impegno letterario, e il richiamo esercitato dall’intrattenimento giallistico, pronubo di maggiori vendite. Non vi è dubbio che il congegno del poliziesco serva a oliare la macchina del romanzo, lo renda funzionale anche a fini di lucro estetico (e commerciale). Sciascia non visse e non scrisse mai di rendita su queste clausole di facilitazione della lettura. Questo deve essere chiaro.

42Un passo di uno dei suoi romanzi più complessi, dove tutto è apparenza, A ciascuno il suo (1966), in cui lo scrittore affrontava la questione del giallo, le tecniche rivelatorie del poliziesco. In epigrafe: «Ma non crediate che io stia per svelare un mistero o per scrivere un romanzo», da Poe, I delitti di rue Morgue. In A ciascuno il suo chi indaga, il più interessato alla verità, il più somigliante – sembrerebbe – all’autore, Paolo (Paolino) Laurana, viene descritto inizialmente come uomo di non grande intelligenza, pur essendo non solo uno dei pochissimi onesti (e sinceramente indignati) del paese, capace di sviluppare un indizio (plausibile) nella trama («L’Osservatore Romano»), un umanista quarantenne professore in un liceo di Palermo, alla fine dopo la sua tragica morte, giubilato con un «era solo un cretino», dalla diffusa opinione paramafiosa del natio borgo.

43Un singolare trattamento, reso più severo dalla sua sudditanza alla madre e da una sensualità, tale in effetti da obnubilarlo e perderlo:

Aveva messo mano alla ricerca anche la signora: stava accosciata davanti al cassetto più basso della scrivania, inscritta nel reticolo che luce ed ombra giuocavano: nuda, il volto misteriosamente sommerso dalla scura massa dei capelli. I pensieri di Laurana si dissolsero nel buio sole del desiderio [Sciascia 2012, 577].

44Nel romanzo non si vedono in azione le forze dell’ordine, rispetto al Giorno della civetta, sono assenti (il capitano Bellodi era stato trasferito). L’intelletto degli inquirenti, basso o alto che sia, non agisce. Scrive Sciascia al cap. VII:

Che un delitto si offra agli inquirenti come un quadro i cui elementi materiali e, per così dire stilistici consentano, se sottilmente reperiti e analizzati, una sicura attribuzione, è corollario di tutti quei romanzi polizieschi cui buona parte dell’umanità si abbevera. Nella realtà le cose stanno però diversamente: e i coefficienti dell’impunità e dell’errore sono alti non perché (o non soltanto, o non sempre) è basso l’intelletto degli inquirenti, ma perché gli elementi che un delitto offre sono di solito assolutamente insufficienti. Un delitto, diciamo, commesso o organizzato da gente che ha tutta la buona volontà di contribuire a tenere alto il coefficiente di impunità. Gli elementi che portano a risolvere i delitti che si presentano con carattere di mistero o di gratuità sono la confidenza diciamo professionale, la delazione anonima, il caso. E un po’, soltanto un po’, l’acutezza degli inquirenti [2012, 542].

  • 39 Francesco Guglieri (a cura di), Menti criminali, 2011.

45Sacrosante verità. Da un libro di casi esemplari, tutti efferati assassini accaduti, al di là di ogni immaginabile orrore – con sofferenza del lettore – gli si rivela la complessità inesauribile del crimine commesso e indagato, e si scopre anche che esso non diverte, insomma non è un piacevole giallo: Menti criminali (Ellroy, Webb, Borowitz, Dunne, Wilkinson, Lee, Grann)39.

46Né lui si voleva inquirente. Di qui l’intolleranza verso chi gli si rivolgesse come a mafiologo. Mafiologia: pseudoscienza trascesa dalla scienza dei contesti. Un esperto di Sicilia, questo sì, e di Italia, un’Italia sicilianizzata (la palma era salita al Nord). La Sicilia come metafora del bellissimo dialogo con Marcelle Padovani (1979). Si pensi alla frustrazione indotta in un lettore ipoteticamente abituale del genere poliziesco dalle conclusioni sia del Giorno della civetta sia di A ciascuno il suo. Vere docce fredde per chi si attendeva il consueto lieto fine implicito nel giallo come struttura d’ordine della narrativa contemporanea. Non c’erano i colpevoli, o se ci fossero stati, visto che in effetti c’erano, e se ne intuivano le fattezze, se ne conoscevano le professioni e i ruoli, nei loro propri ambienti (e contesti), sarebbero stati invisibili (alla giustizia), ma anche quando e se si fossero resi visibili (l’umana roccia mafiosa di don Mariano Arena, cui toccava l’onore delle armi riconosciutogli da un capitano dell’Arma), sarebbero stati nascosti e protetti da un sistema criminale che non era solitario, ma aveva infettato lo Stato. Aveva lo Stato dalla sua, o era già in parte quello Stato. A ben guardare un giallo non era per statuto formale possibile in queste terre di Mafia. Un giallo secondo tradizione.

  • 40 Leonardo Sciascia, Il metodo di Maigret e altri scritti sul giallo, 2018.

47Per questo occorre scavare nel lettore di gialli che era in Sciascia per scorgere altri aspetti del genere, da lui captati, e sfruttati nella sua visione del mondo e della società, nel laboratorio di scrittura, più liberi, più suoi, totalmente sovvertitori del genere tradizionale (si pensi a Una storia semplice, ultimo e postumo libro del 1989, sconvolgente disperata derisoria negazione di ogni poliziesco inteso al virtuoso ristabilimento dell’ordine infranto). Il metodo di Maigret e altri scritti sul giallo40 è un libro che consente questa ricognizione in modalità sistematiche. Il giallo, sottobosco della letteratura, un genere con forti oscillazioni al suo interno, tra il picco intellettuale dell’euresi di Poe e Conan Doyle (Dupin, Sherlock Holmes) e la bieca offerta di un intrattenimento poco meno che pornografico, l’hard boiled di Mike Spillane, inventore di un poliziotto, Mike Hammer, che non ha fiducia nelle giurie e si fa giustizia da solo (il maccartismo che aggiunge violenza a violenza, paragonato a «quella “collera degli imbecilli” che è il fascismo»). Le suggestioni di lettura sono molte. Giungla d’asfalto (Burnett), nel genere del gangsterismo organizzato (Il piccolo Cesare, Scarface), è il titolo più determinante nel creare a sua volta un genere, una tendenza, o una location: «la strada, i notturni allucinati della strada» (Letteratura del «giallo») [Sciascia 2018, 17].

48Ma una in particolare veniva dal filosofo Alain (Sistema delle arti), appare in epigrafe ad Appunti sul «giallo» (1954), sovente replicata come teoresi descrittiva e qualificante la condizione di lettura del giallo: «L’effetto certo dei mezzi di terrore e di pietà, quando li si adopera senza precauzione, è lo sgomento e la fuga dei pensieri, insomma una meditazione senza distacco, come nei sogni…» [19].

49Cosa significa? Il mezzo di terrore-pietà (la violenza, la morte, la paura, la compassione), che si genera a contatto di un genere di lettura in cui si entra come per un passatempo (senza precauzione), disarma il lettore, sì che egli leggendo vaghi come nei sogni senza vera coscienza. Evasione dunque di tipo onirico, con conseguente subordinazione ad altrui volontà. Il giallo per Sciascia è una chiave, se non di risoluzione delle problematiche che il racconto o il romanzo incontra sulla sua strada, di vita, di esperienza, di storia italiana, uno strumento d’interrogazione della realtà. C’è pertanto un sapere di criminologia, che gli si era maturato dentro, lo volesse o no, dal borderline fra legalità e illegalità – condizione della Sicilia, e non solo – una competenza del crimine che era qualcosa di più dell’estro del giallista. Il giallo e la sua storia, dalle origini dei suoi classici a Chesterton (il cattolico investigatore Padre Brown), nelle implicazioni che poteva avere con la realtà italiana (e non solo quella dei lettori), era per Sciascia una messa a punto di strumenti di analisi della realtà. Dal giallo, nei suoi tratti specifici, nazionalità (Europa, America), classici, al romanzo del contesto italiano, questo è il passaggio che conta esaminare e valutare.

50Una questione riguarda la scarsa pertinenza del genere poliziesco al terreno italiano. Quale la ragione? In Breve storia del romanzo «giallo» (1975), dopo tante facoltose esperienze di piacevoli incontri letterari con grandi scrittori che per divertimento o congenialità si sono iscritti all’albo (Greene, Bernanos, Borges, Gadda), il discorso andava a parare sull’autore del Pasticciaccio, il quale aveva scritto un giallo «assoluto», e senza soluzione, assoluto nel senso di un giallo sciolto dal vincolo di genere, un vincolo di mandato letterario disatteso. Non è proprio il caso di rettificare e alzare il dito e far notare a Sciascia che forse il romanzo una soluzione la lasciava intravvedere, la contemplava insomma. Verremmo zittiti dall’oltretomba e non importerebbe che avessimo qualche ragione al lettore, al quale importano solo le considerazioni di Sciascia:

Che può anche essere inteso [il fatto che non si dia soluzione] come parabola, di fronte alla realtà come nei riguardi della letteratura, dell’impossibilità di esistenza del “giallo” in un paese come il nostro: in cui di ogni mistero criminale molti conoscono la soluzione, i colpevoli – ma mai la soluzione diventa “ufficiale” e mai i colpevoli vengono, come si suol dire, assicurati alla giustizia [2018, 75].

51Un altro punto, che ha visto Sciascia su posizioni di acerrima conflittualità con giornalisti e politici, lui garantista, spregiatore di ogni pentitismo delatorio, è possibile rivedere alla luce di un’altra sua lettura critica, L’ulcera delle polizie (1981), in cui Sciascia raccontava di un romanzo “giallo” Mondadori, scoperto per caso alla stazione di Palermo, titolo Perché i poliziotti hanno l’ulcera, autrice Elizabeth Linington. Da dove l’ulcera? I poliziotti arrestavano, i giudici liberavano. I poliziotti assicuravano alla giustizia. La magistratura riapriva le gabbie. L’ingiustizia che assolve (frase attribuita al generale Carlo Alberto dalla Chiesa).

52Riportiamo il commento conclusivo di Sciascia:

È un conflitto da tenere realisticamente presente, facendo conto delle forze (e ancor più delle debolezze) che stanno dietro l’una e l’altra posizione. È un conflitto da guerra civile fredda. E probabilmente non diventerà mai calda, ma avrà incalcolabili (cioè calcolabilissimi) effetti di usura e di logoramento del sistema democratico. Perché si è come in un circolo vizioso: contro l’autonomia, l’irresponsabilità (nel senso che non sono responsabili dell’errore di un provvedimento, di una sentenza) e la discrezionalità dei giudici, la polizia non troverà di meglio che chiedere un corrispettivo di autonomia, di irresponsabilità e di discrezionalità. A meno che non si ristabilisca, per entrambi, quella che si suole chiamare la certezza del diritto. Che oggi non c’è [2018, 84].

53Guerra civile fredda fu quella che accadde in Italia ed ebbe Sciascia fra i suoi più controversi ma anche autorevoli protagonisti.

Ragazzi: Maestro, maestro un colpo di penna!!!! Sciascia: Che avete detto? Ragazzo: (si alza). Maestro, basta un colpo di penna. Poi va a sedersi alla cattedra posta dietro la catasta di banchi. Sciascia va verso la catasta e dice: Sciascia: La povera gente del mio paese ha una gran fede nella scrittura, dice – basta un colpo di penna – come dicesse – un colpo di spada – e crede che un colpo vibratile ed esatto della penna basti a ristabilire un diritto, a fugare l’ingiustizia e il sopruso [1987, 9-10].

54A questa fiducia si è tenuto stretto lo scrittore.

55Fra gli omaggi si segnala, ne abbiamo tratto la citazione, la lettura teatrale di Roberto Andò, così descritta dal regista scrittore:

  • 41 Roberto Andò, Notte delle lucciole, dal sito web del Teatro India – Teatro di Roma.

In questa veglia – e mi piace ricordare che Sciascia tradusse per il teatro La veglia a Benincarlò di Manuel Azaña, dandone nell’introduzione la definizione più risonante: «l’ultima veglia del chisciottismo spagnolo» – le sue parole e quelle di Pasolini (non c’è una sola parola che non appartenga a loro, se non due citazioni da Pirandello e da Canetti) trovano un loro, credo non arbitrario, congiungimento. Un congiungimento in cui entrambi adempiono al destino di rappresentare, nella scrittura, nell’essere testimoni del proprio tempo, «una razza che fa della propria mitezza un’arma che non perdona». Entrambi, pronti, con la penna – come fosse una spada – all’azione, per provocare con la scrittura effetti concreti, per disarmare il potere.41

56L’ultima lettura scenica, nella interpretazione di Marco Baliani, si è svolta il 28 novembre 2019 (Casarsa della Delizia, Palazzo Burovich). Si apre, con la voce di Sciascia:

  • 42 Ibidem.

Qualcuno è morto al momento giusto. È la frase più mostruosa di tutte, qualcuno è morto al momento giusto. Sì… io vorrei raccontare il morire, la morte come esperienza.42

57Il nostro, cari colleghi di Tolone, è anche un notiziario. Di seguito il lettore ha un quadro delle iniziative di studio in Europa:

  • 43 La lezione «globale» di Sciascia, cit.

La prima tappa è Istanbul, la seconda Parigi. Al via – in questo anno del centenario dalla nascita – le “Lezioni sciasciane nel mondo”, una delle iniziative del Comitato nazionale del centenario: seminari e conversazioni che si svolgeranno nella rete degli Istituti italiani di cultura e delle ambasciate italiane. A coordinarli, l’associazione Amici di Leonardo Sciascia e l’Università per stranieri di Perugia. Il primo appuntamento è quello organizzato per domani alle 17 italiane dall’Istituto italiano di Cultura di Istanbul e intitolato Leonardo Sciascia e la Turchia (in diretta sui canali social dell’Istituto, oltre che su quelli di Treccani, Amici di Sciascia, rivista “Todomodo” e casa editrice Olschki). Ci saranno i saluti di Emma Bonino, presidente del comitato del centenario, e l’introduzione di Salvatore Schirmo, direttore dell’Istituto italiano di cultura di Istanbul. Previsti gli interventi di Cristiano Bedin dell’università di Istanbul (sulla fortuna in Turchia di Sciascia) e di Giovanni Capecchi, dell’Università per stranieri di Perugia. L’appuntamento successivo è quello su Sciascia e la Francia, mercoledì 29 alle 19. L’incontro all’Istituto italiano di cultura di Parigi sarà introdotto dal direttore Diego Marani e da Francesco Izzo, del comitato del centenario. Intervengono Davide Luglio della Sorbona (su Sciascia e Michel Foucault) e Domenico Scarpa, del Centro Primo Levi di Torino. Coordina Paolo Grossi, direttore della collana italiana dell’Istituto.43

Nota

58Sembra proprio una parodia il brano da cui è fatto cominciare Morte dell’inquisitore di Sciascia, più volte edito da Adelphi, breve saggio o racconto su un avvenimento e un personaggio quasi dimenticati della storia siciliana, il racalmutese Diego La Matina, religioso della terra di Ragalmuto, dell’ordine della Riforma di S. Agostino, «detti li padri della Madonna della Rocca» (Giuseppe Pitrè), il quale, al Cisneros inquisitore che misericordioso si era recato a visitarlo fin nelle segrete, affibbiò alcuni colpi mortali, nella fronte e nel cranio, e con gli stessi ferri della contenzione. I ferri della repressione uccidevano il repressore il quale si credeva benefico nello scendere alle tenebrose latebre della prigionia disumana. A proposito del quale, per quel gesto altamente simbolico (con i ferri del martirio inflitto l’afflizione inflitta al carnefice), anche se la comunità si mostrò compassionata per la morte dell’inquisitore contro quel barbaro e crudele inquisito, lo scrittore pronunciava la sua piena e duratura affezione: «è la cosa che più mi è cara tra quelle che ho scritto e l’unica che rileggo e su cui ancora mi arrovello». Libro, aggiungeva, non finito, e forse infinibile, che non avrebbe mai condotto a termine: «Le prigioni inquisitoriali non furono mai le oscure segrete che ci s’immagina: eran formate da celle spaziose, luminose, pulite e ammobiliate. In molti casi, i prigionieri vi portavano i loro mobili, e si concedeva sempre, a chi lo chiedesse, l’uso di libri, di carta e del necessario per scrivere» [2010, 17]. Celle spaziose e areate, all’arredamento delle quali provvedevano gli stessi prigionieri, come in una seconda casa, adatte a meditare e scrivere i quaderni del carcere, nelle varie carceri approntate in ogni tempo dal potere politico per spegnere cervelli, e distruggere oppositori. A scrivere questi fiori di pensiero storico fu il già rammentato Eugenio D’Ors, in Epos de los destinos, epici destini individuali, fra i quali il cardinale Jiménez de Cisneros, fondatore dell’Università di Alcalá de Henares, epico destino di Spagna, tradotto in Epopea della Spagna (Milano, 1948). La mano dell’inquisizione ha soffocato e ha sorretto la Spagna: «Una mano che soffoca non sorregge che un cadavere; a meno che non gli manchi la forza per compiere l’opera. Ci pare perciò meglio spiegato, da parte di Américo Castro, lo stesso concetto della soffocazione: “L’Inquisizione fu una lunga calamità, rese ancora più angusta la curiosità intellettuale degli spagnoli, ma non riuscì a soffocare nessun grande pensiero uscito dal seno della vita di quel popolo”. Non riuscì: così va bene» [17-18].

59Il volume di Giovanna Fiume, Del Santo Uffizio in Sicilia e delle sue carceri, Roma, Viella, 2022, è un libro importante che partitamente ci illustra i contesti dei racconti di Sciascia all’Inquisizione ispirati. L’antico palazzo Chiaramonte di Palermo, noto come lo Steri, fu adibito fra il 1601 e il 1702 a sede dell’Inquisizione spagnola, altra cosa dal Sant’Ufficio romano, in quanto dipendente dalla Suprema di Madrid. Processi in causa fidei agli eretici. Graffiti palinsesti del dolore. Cicatrici murali. Una letteratura del potere repressivo. Da ultimo segnalo il volume curato da Gabrio Forti, Claudia Mazzucato, Alessandro Provera, Arianna Visconti, L’ombra delle «Colonne infami». La letteratura e l’ingiustizia del capro espiatorio, Milano, Vita e Pensiero, 2022.

60Ancora su Costa Nostra. La mafia, prima negata, poi ammessa, divenne storia, non solo del crimine ma della società infiltrata dal crimine. «Quando Joe Valachi confermò in diretta televisiva l’esistenza di Cosa Nostra, durante una delle tante udienze della Commissione McClellan, il commento più ironico fu quello del compianto giornalista americano Fred J. Cook: “Si tratta – disse – di un grande passo avanti nell’accettazione ufficiale e pubblica dell’ovvio”» (Antonio Nicaso, Gli amici degli amici di Cosa Nostra, in «Il Fatto Quotidiano», 31 gennaio 2023). Mafia e Antimafia. Sciascia, lo sappiamo, innescò veri e propri incendi in materia, non certo come un piromane provocatore ma come coscienza fermissima, e tutore altrettanto intransigente della legalità, anche in rapporto al crimine e ai criminali (come il capitano Bellodi con don Mariano Arena ne Il giorno della civetta). Sull’Antimafia e i suoi eccessi mediatici, e non solo, si veda Alessandro Barbano, L’inganno. Antimafia. Usi e soprusi dei professionisti del bene, Venezia, Marsilio, 2022. Libro sull’Antimafia, come macchina fuori controllo, recensito con attenzione da Giovanni Maria Flick, L’antimafia sia in linea con la costituzione, in «Il Sole 24 Ore», 29 gennaio 2023. Vi si accenna alla negatività dei “cori mediatici”, come indebita dilatazione dell’area di contrasto, segnalata anche dal Procuratore Antimafia Melillo. Flick: «Al di là dei fatti specifici, che non conosco, la valutazione severa di ordine generale di Barbano mi sembra condizionata dalla sua premessa: l’elenco di una serie di situazioni di fatto specifiche, fra loro non omogenee e diverse. Esse sembrano idonee piuttosto a denunziare eccessi ed errori nella applicazione della legge; ambiguità nella formulazione di quest’ultima che ne consente dilatazioni interpretative; indifferenza se non insofferenza rispetto a taluni principi costituzionali nella loro interpretazione tradizionale. Peraltro destano una forte perplessità sotto il profilo della coerenza con i principi costituzionali del sistema penale: il passaggio dalla cultura della “prova” e della “condanna alla pena definitiva” per un delitto alla cultura del “sospetto” e dell’“indizio” per la misura di prevenzione; la dilatazione di quest’ultima dalla “pericolosità” della persona a quella del denaro in sé o degli eredi di quella persona; la applicazione delle misure interdittive all’impresa, per il sospetto di un suo condizionamento mafioso, rischiando di trasformare il magistrato o il prefetto – tramite i loro ausiliari – in “supercontrollori” dell’impresa. Lasciano altrettanto perplessi il ricorso consolidato al c.d. “doppio binario” nelle indagini, nel processo e nell’esecuzione della pena; l’estensione delle misure di “diritto antimafia o antiterrorismo” alle ipotesi di corruzione sul presupposto di una eguale gravità dei reati in ciascuna di queste materie; l’articolo 41 bis dell’ordinamento penitenziario che, per impedire giustamente la comunicazione tra un detenuto e l’organizzazione criminale all’esterno, trasforma la reclusione in un “carcere duro”; il divieto di accesso alle misure alternative al carcere per chi “non collabora” e il c.d. ergastolo ostativo. Sono tutte soluzioni che – soprattutto in momenti come questo – trovano entusiastica ed enfatica adesione: sia da parte di chi non conosce la tecnicalità, la complessità e spesso la tortuosità di tutti questi strumenti; sia da parte di chi, per professione, deve applicare quelle misure e teme che esse vengano ridimensionate». 

Haut de page

Bibliographie

Amodio, Ennio, Catalano, Elena Maria, La sconfitta della ragione. Leonardo Sciascia e la giustizia penale, Palermo, Sellerio Editore, 2022.

Anastasia, Stefano, Le pene e il carcere, Milano, Mondadori, 2022.

Barbacetto, Gianni, Il “dark side” di Mori: le 14 foto di Giusva e la P2 di brava gente, in «Il Fatto Quotidiano», 28 settembre 2021; Mori, tutti gli “incidenti” che hanno aiutato la mafia, in ivi, 29 settembre 2021.

Bucchi, Massimo, Sottovuoto, in Il Venerdì di Repubblica, in «la Repubblica», 16 aprile 2021.

Buttafuoco, Pietrangelo, Sciascia. Il dovere civile della letteratura, in La Lettura, «Corriere della Sera», 3 gennaio 2021.

CalapÀ, Giampiero, “È nascosto in Sicilia, in queste campagne, ma spesso si sposta”, in «Il Fatto Quotidiano», 12 agosto 2021; Si è già rifugiato in una grotta di montagna e in un’oreficeria, in ivi.

Calvino, Italo, Sciascia, Leonardo, L’illuminismo mio e tuo. Carteggio 1953-1985, a cura di Mario Barenghi, Milano, Mondadori, 2023.

Capone, Luciano, Il processo storytelling, in «Il Foglio», 24 settembre 2021.

Castiglione, Marina, Riccio, Elena (a cura di), Leonardo Sciascia (1921-1989). Letteratura, critica, militanza civile (Atti del Convegno Internazionale, Palermo 18-19 novembre 2019), Palermo, Centro di studi filologici e linguistici siciliani, 2020.

Catalano, Fabrizio, Aronica, Vincenzo (a cura di), Sciascia e il cinema. Conversazioni con Fabrizio, testimonianze di Roberto Andò, Beppe Cino, Giuseppe Tornatore, Roma, Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia, Soveria Mannelli (Cz), Rubbettino, 2021.

Cavallaro, Felice, Sciascia l’eretico. Storia e profezie di un siciliano scomodo, Milano, Solferino, 2019.

Cavallaro, Luigi, Conti, Roberto Giovanni (a cura di), Diritto verità giustizia. Omaggio a Leonardo Sciascia, Bari, Cacucci Editore, 2021.

Cavallone, Bruno, La borsa di Miss Flite. Storie e immagini del processo, Milano, Adelphi, 2016.

Cazzullo, Aldo, Racalmuto, nelle stanze che raccontano Sciascia, in «Corriere della Sera», 31 agosto 2021.

Cencetti, Alice, Il diavolo con gli occhiali. Sciascia, inquisiti e inquisitori, in Giuseppe Lovito (sous la direction de), Leonardo Sciascia: le pouvoir du (contre)récit, le (contre)récit du Pouvoir (actes du colloque international sur Leonardo Sciascia organisé par le Laboratoire Babel, 9-10 décembre 2021), in « Babel. Littératures plurielles », n° 48, BABEL (EA 2649), Université de Toulon, Edizioni Effigi, Arcidosso (Gr), 2023.

Consolo, Vincenzo, Cosa loro. Mafie tra cronaca e riflessione. 1970-2010, a cura di Nicolò Messina, Milano, Bompiani, 2017.

Di Grado, Antonio, Distefano, Barbara, In Sicilia con Leonardo Sciascia, Roma, Giulio Perrone Editore, 2021.

Fedeli, Damiano, Al via le celebrazioni per il centenario di Sciascia, in «Corriere della Sera», 29 gennaio 2021.

Fedeli, Damiano, La lezione «globale» di Sciascia, in «Corriere della Sera», 21 settembre 2021.

Governale, Giuseppe, Sapevamo già tutto. Perché la Mafia resiste e dovevamo combatterla prima, Milano, Solferino, 2021.

Guglieri, Francesco (a cura di), Menti criminali, introduzione di Corrado Augias, traduzioni di Monica Capuani e Claudio Perroni, Torino, Einaudi, 2011.

Iovane, Antonio, La seduta spiritica, Roma, minimum fax, 2021.

Izzo, Francesco (a cura di), Cento anni di Sciascia in sei parole, testi introduttivi di Francesco Izzo ed Emma Bonino, Firenze, Olschki, 2021 (terra, pane, donne, mistero, giustizia, diritto, sei parole da Sciascia selezionate in un bilancio nel corso di una conversazione con James Dauphiné del 1987).

Lanuzza, Stefano, Scrittore contro. L’opera di Leonardo Sciascia, Milano, Editoriale Jouvence, 2020.

Lillo, Marco, Lettera del ’48 su Sciascia: “Sì, ha passato il concorso”, in «Il Fatto Quotidiano», 20 agosto 2021.

Lo Giudice, Alessio, Il dramma del giudizio, Milano, Mimesis, 2023.

Merlo, Francesco, Sciascia, il cinema e l’invenzione del Padrino, in «la Repubblica», 9 agosto 2021.

Morreale, Emiliano, Quando Sciascia indagava sull’enigma cinema, in Il Venerdì di Repubblica, «la Repubblica», 15 gennaio 2021.

Mortara Garavelli, Bice, Le parole e la giustizia. Divagazioni grammaticali e retoriche su testi giuridici italiani, Torino, Einaudi, 2001.

Nigro, Salvatore Silvano, Il filologo della realtà, «Il Sole 24 Ore», 7 febbraio 2021.

Satta, Salvatore, Il mistero del processo, Milano, Adelphi, 1994.

Sciascia, Leonardo, Todo modo, Torino, Einaudi, 1974.

Sciascia, Leonardo, La palma va a nord, a cura di Valter Vecellio, Milano, Gammalibri, 1982 (prima edizione, Roma, Edizioni Quaderni Radicali, 1981).

Sciascia, Leonardo, Storia della colonna infame, in Idem, Cruciverba, Torino, Einaudi, 1983.

Sciascia, Leonardo, Le parrocchie di Regalpetra, in Idem, Opere 1956-1971, a cura di Claude Ambroise, Milano, Bompiani, 1987 (prima edizione, Bari, Laterza, 1956).

Sciascia, Leonardo, Il contesto. Una parodia, Milano, Adelphi 1994 (prima edizione, Torino, Einaudi, 1971).

Sciascia, Leonardo, Filologia, in Idem, Il mare colore del vino, Milano, Adelphi, 1996 (prima edizione, Torino, Einaudi, 1973).

Sciascia, Leonardo, Morte dell’inquisitore, Milano, Adelphi, [1992] 2010.

Sciascia, Leonardo, L’affaire Moro, con aggiunta La relazione parlamentare, Milano, Adelphi, [1994] 2011 (prima edizione, Palermo, Sellerio, 1978).

Sciascia, Leonardo, A ciascuno il suo, in Idem, Opere, volume I: Narrativa – Teatro – Poesia, a cura di Paolo Squillacioti, Milano, Adelphi, 2012.

Sciascia, Leonardo, Il metodo di Maigret e altri scritti sul giallo, a cura di Paolo Squillacioti, Milano, Adelphi, 2018.

Sciascia, Leonardo, «Questo non è un racconto». Scritti per il cinema e sul cinema, a cura di Paolo Squillacioti, Milano, Adelphi, 2021.

Scorranese, Roberta, Italiani. Ferdinando Scianna, in «Corriere della Sera», 6 febbraio 2021.

Scorranese, Roberta, L’uomo che unì Sciascia e Borges con il dubbio, in «Corriere della Sera», 14 agosto 2021.

Soave, Sergio, Sciascia, l’anarchico radicale che rifiutò di sostenere la lotta contro il terrorismo, in «Il Foglio», 9 gennaio 2021.

Sottile, Giuseppe, La Trattativa stato mafia: una boiata, in «Il Foglio», 24 settembre 2021.

Vecellio, Valter, Sciascia non ha Fatto, in «Il Foglio», 21 agosto 2021.

Vecchio, Concetto, intervista a Marcelle Padovani, “Cara Italia che dimentichi e ti sottovaluti”, in «la Repubblica», 15 agosto 2021.

Siti Internet

Briganti, Annarita, disegni di Massimo Jatosti, in laRepubblica.it, Cultura. Il rosso e il noir, 12 febbraio 2021, <https://www.repubblica.it/cultura/2021/02/11/news/il_giorno_della_civetta-286019933/>.

Quagliano, Roberto, Le interviste impossibili, Rai 5, 11 gennaio 2021, <https://www.raiplay.it/programmi/intervisteimpossibili>.

Haut de page

Notes

1 Relazione al Convegno Leonardo Sciascia: il potere della (contro)narrazione, la (contro)narrazione del Potere, organizzato da Giuseppe Lovito e Simone Visciola, Laboratoire Babel, Università di Tolone, Campus di La Garde, 9-10 dicembre 2021. Parzialmente anticipata, a titolo Sciascia. Giustizia e Potere, in «Antologia Vieusseux», settembre-ottobre 2023.

2 Cito qui un libro che ci riporta alla realtà odierna del mass incarceration; dagli anni ’90 aumento esponenziale dell’internamento di massa: Stefano Anastasia, Le pene e il carcere, 2022. Il diritto penale non cura il male sociale.

3 Cfr. nota bibliografica.

4 La lezione «globale» di Sciascia, in «Corriere della Sera», 21 settembre 2021.

5 Roberto Quagliano, Le interviste impossibili, Rai 5, 11 gennaio 2021, (ora visibili su https://www.raiplay.it/programmi/intervisteimpossibili

6 Bruno Cavallone, La borsa di Miss Flite. Storie e immagini del processo, 2016.

7 Il diavolo con gli occhiali. Sciascia, inquisiti e inquisitori di Alice Cencetti (cfr. infra) analizza a fondo questa demonialità, fatta di acume, freddezza d’animo, intellettualità, con tanto di lenti, come di chi si sia limato cervello e occhi a spremere dal reale succhi perversi.

8 Damiano Fedeli, Al via le celebrazioni per il centenario di Sciascia, in «Corriere della Sera», 29 gennaio 2021.

9 Roberta Scorranese, Italiani. Ferdinando Scianna, in «Corriere della Sera», 6 febbraio 2021.

10 Una mostra di 22 ritratti di Scianna, Due scrittori: Leonardo Sciascia e Jorge Luis Borges, a cura di Sandro Parmiggiani, Reggia di Colorno, Parma, 12 settembre – 8 dicembre 2021 (Roberta Scorranese, L’uomo che unì Sciascia e Borges con il dubbio, in «Corriere della Sera», 14 agosto 2021).

11 Cfr. Giuseppe Leone. Metafore, Galleria Ceribelli, Bergamo, a cura di Mario Andreose ed Elisabetta Sgarbi, La Milanesiana, giugno – 11 settembre 2021.

12 Esposte in Pirandello e Sciascia, figli della stessa terra (Agrigento, Villa Genuardi, 3 settembre – 31 ottobre 2021, a cura di Michele Benfari e Stefano Milioto, con Salvatore Ferlita, Roberto Alajmo, Massimo Onofri, Alfonso Maurizio Iacono, Alfonso Veneroso).

13 Aldo Cazzullo, Racalmuto, nelle stanze che raccontano Sciascia, in «Corriere della Sera», 31 agosto 2021.

14 Pietrangelo Buttafuoco, Sciascia. Il dovere civile della letteratura, in La Lettura, «Corriere della Sera», 3 gennaio 2021.

15 Marco Lillo, Lettera del ’48 su Sciascia: “Sì, ha passato il concorso”, in «Il Fatto Quotidiano», 20 agosto 2021.

16 Valter Vecellio, Sciascia non ha Fatto, in «Il Foglio», 21 agosto 2021.

17 Concetto Vecchio, intervista a Marcelle Padovani, “Cara Italia che dimentichi e ti sottovaluti”, in «la Repubblica», 15 agosto 2021.

18 Antonio Di Grado, Barbara Distefano, In Sicilia con Leonardo Sciascia, 2021.

19 Stefano Lanuzza, Scrittore contro. L’opera di Leonardo Sciascia, 2020.

20 Salvatore Silvano Nigro, Il filologo della realtà, in «Il Sole 24 Ore», 7 febbraio 2021.

21 Emiliano Morreale, Quando Sciascia indagava sull’enigma cinema, in Il Venerdì di Repubblica, «la Repubblica», 15 gennaio 2021.

22 Giuseppe Sottile, La Trattativa stato mafia: una boiata; Luciano Capone, Il processo storytelling, in «Il Foglio», 24 settembre 2021.

23 Una biografia di Mario Mori, a cura di Gianni Barbacetto: Il “dark side” di Mori: le 14 foto di Giusva e la P2 di brava gente, in «Il Fatto Quotidiano», 28 settembre 2021; Mori, tutti gli “incidenti” che hanno aiutato la mafia, in ivi, 29 settembre 2021.

24 Leonardo Sciascia, «Questo non è un racconto». Scritti per il cinema e sul cinema, p. 141.

25 Ivi, pp. 118-119.

26 Massimo Bucchi, Sottovuoto, in Il Venerdì di Repubblica, «la Repubblica», 16 aprile 2021.

27 Giuseppe Governale, Sapevamo già tutto. Perché la Mafia resiste e dovevamo combatterla prima, 2021.

28 Annarita Briganti, disegni di Massimo Jatosti, in laRepubblica.it, Cultura. Il rosso e il noir, 12 febbraio 2021, https://www.repubblica.it/cultura/2021/02/11/news/il_giorno_della_civetta-286019933/

29 Fabrizio Catalano, Vincenzo Aronica (a cura di), Sciascia e il cinema. Conversazioni con Fabrizio, 2021.

30 Vincenzo Consolo, Cosa loro. Mafie tra cronaca e riflessione. 1970-2010, a cura di Nicolò Messina, 2017.

31 La palma sale al nord. Sciascia scrittore civile, Meeting Zoom, Cesena, 5 maggio 2021.

32 Leonardo Sciascia, La palma va a nord, a cura di Valter Vecellio, 1982.

33 Si veda sul punto: Sergio Soave, Sciascia, l’anarchico radicale che rifiutò di sostenere la lotta contro il terrorismo, in «Il Foglio», 9 gennaio 2021.

34 Nella bibliografia recente, cfr. Marina Castiglione, Elena Riccio (a cura di), Leonardo Sciascia (1921-1989). Letteratura, critica, militanza civile, (Atti del Convegno Internazionale, Palermo 18-19 novembre 2019), 2020.

35 Antonio Iovane, La seduta spiritica, 2021.

36 Francesco Merlo, Sciascia, il cinema e l’invenzione del Padrino, in «la Repubblica», 9 agosto 2021.

37 Ivi.

38 Giampiero Calapà, È nascosto in Sicilia, in queste campagne, ma spesso si sposta”; Si è già rifugiato in una grotta di montagna e in un’oreficeria, in «Il Fatto Quotidiano», 12 agosto 2021.

39 Francesco Guglieri (a cura di), Menti criminali, 2011.

40 Leonardo Sciascia, Il metodo di Maigret e altri scritti sul giallo, 2018.

41 Roberto Andò, Notte delle lucciole, dal sito web del Teatro India – Teatro di Roma.

42 Ibidem.

43 La lezione «globale» di Sciascia, cit.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Marino Biondi, « Alla voce Sciascia. Echi di stampa dal centenario »Babel, 48 | 2023, 30-60.

Référence électronique

Marino Biondi, « Alla voce Sciascia. Echi di stampa dal centenario »Babel [En ligne], 48 | 2023, mis en ligne le 31 décembre 2023, consulté le 15 avril 2024. URL : http://journals.openedition.org/babel/14739 ; DOI : https://doi.org/10.4000/babel.14739

Haut de page

Auteur

Marino Biondi

Università degli Studi di Firenze
Scuola di Studi Umanistici e della Formazione

Haut de page

Droits d’auteur

CC-BY-NC-ND-4.0

Le texte seul est utilisable sous licence CC BY-NC-ND 4.0. Les autres éléments (illustrations, fichiers annexes importés) sont « Tous droits réservés », sauf mention contraire.

Haut de page
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search