Navigation – Plan du site

AccueilNuméros en texte intégral21Dossier : Image et Droit. Les man...Per gli esordi della decorazione ...

Dossier : Image et Droit. Les manuscrits juridiques enluminés

Per gli esordi della decorazione del Digesto in epoca medievale : le iniziali miniate del ms. 941 della Biblioteca Universitaria di Padova

Gianluca del Monaco

Résumés

Le Digestum vetus 941 de la Biblioteca Universitaria di Padova, datable de la première moitié du xiie siècle, est bien connu dans les études parmi les témoins de la plus ancienne tradition manuscrite de l’œuvre. Cependant, les fines initiales à la plume qui ornent le manuscrit n’ont pas été également étudiées, à l’exception de quelques contributions récentes. L’article explore les iconographies inhabituelles de quelques initiales et analyse le style des miniatures, proposant des connexions possibles avec l’enluminure contemporaine proche du milieu de Mathilde de Canossa.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 L’articolo presenta i primi risultati di una ricerca avviata su invito di Paola Lambrini e Federic (...)
  • 2 Almeno : S. L’Engle, The Illumination of Legal Manuscripts in Bologna, 1250-1350 : Production and (...)
  • 3 In particolare : R. Gibbs, « The Development of the Illustration », op. cit.

1Il manoscritto 941 della Biblioteca Universitaria di Padova, riferibile alla prima metà del xii secolo e appartenuto al convento degli Eremitani nella città veneta fin dalla prima metà del Trecento, è ben noto agli studi sulla tradizione testuale del diritto giustinianeo come uno dei più antichi testimoni del Digestum vetus, ovvero la prima partizione in cui il Digesto tornò a circolare tra xi e xii secolo, comprendente i libri dal I a parte del XXIV1. Fatta eccezione per alcune recenti osservazioni, non altrettanto indagato è stato il suo corredo decorativo, neanche da parte di quegli storici dell’arte che soprattutto negli ultimi anni si stanno dedicando al campo della miniatura giuridica2. Realizzate a inchiostro, le pregevoli iniziali che impreziosiscono il codice, alcune contraddistinte da singolari scelte iconografiche, sono importanti testimonianze delle prime fasi della decorazione dei libri del Corpus Iuris Civilis, che soprattutto a partire dalla seconda metà del Duecento vedrà un’eccezionale fioritura in ambito bolognese e non solo3.

  • 4 Una copia digitale del manoscritto è consultabile all’indirizzo : https://phaidra.cab.unipd.it/o:4 (...)
  • 5 P. Bonacini, Multa scripsit, nihil tamen reperitur. Niccolò Mattarelli giurista a Modena e Padova (...)
  • 6 F. 13v, 25r, 65r, 70r, 80r, 87r, 94v, 102r, 107v, 116v, 123r, 134r, 139v, 148v, 156v, 165r, 170v, (...)

2Il volume è costituito da 198 fogli membranacei, sui quali è stato copiato su due colonne in internazionale del progetto For. Ma. – The Forgotten Manuscripts dell’Università di Padova (22-23 ottobre 2021)una tarda minuscola carolina il testo del Digesto di Giustiniano dal Libro I all’inscriptio incompleta del secondo paragrafo del terzo titolo del Libro XXIV, accompagnato da più strati di glosse, formatisi già a partire dal xii secolo e fino al Trecento4. L’esame delle glosse due-trecentesche ha consentito di circoscrivere la circolazione del codice nei decenni precedenti l’ingresso nella biblioteca degli Eremitani agli Studia di Bologna, Modena, Reggio Emilia e infine della stessa Padova5. Ventiquattro capilettera di modulo maggiore, miniati ad inchiostro bruno, ocra e rosso, segnalano l’inizio della prima inscriptio con il nome del rispettivo giurista romano di ciascuno dei libri di cui si compone l’opera. La gran parte delle iniziali, diciannove per la precisione, sono caratterizzate da intrecci di tralci vegetali a risparmio sul fondo della pergamena con campiture rosse, ocra e brune6, talvolta con protomi a testa di cane (fo 25r, 65r, 87r, 107v ; fig. 1), e in un caso con l’inserzione di una figura umana che regge l’asta della lettera P (fo 94v ; fig. 2).

Fig. 1 – Italia settentrionale (Emilia?), prima metà del xii secolo : Iniziale U (Ulpianus ; D. 3.1.1), in Giustiniano, Digestum vetus

Fig. 1 – Italia settentrionale (Emilia?), prima metà del xii secolo : Iniziale U (Ulpianus ; D. 3.1.1), in Giustiniano, Digestum vetus

Padova, Biblioteca Universitaria di Padova, 941, fo 25r (distribuito con Licenza Creative Commons CC BY-NC-ND 4.0, particolare)

Fig. 2 – Italia settentrionale (Emilia?), prima metà del xii secolo : Iniziale P (Paulus ; D. 10.1.1), in Giustiniano, Digestum vetus

Fig. 2 – Italia settentrionale (Emilia?), prima metà del xii secolo : Iniziale P (Paulus ; D. 10.1.1), in Giustiniano, Digestum vetus

Padova, Biblioteca Universitaria di Padova, 941, fo 94v (distribuito con Licenza Creative Commons CC BY-NC-ND 4.0, particolare)

Quattro sono state lasciate incompiute (fo 80r, 165r, 170v, 183v). Al foglio 128r un’iniziale mostra un grifone all’interno dei racemi e al principio dell’ultimo libro un cavaliere è inserito nel capolettera (fo 193r). Maggiore interesse iconografico hanno infine le tre « U » (« Ulpianus ») figurate che si trovano : ad apertura del testo (fo 3r ; fig. 3), formata dalla figura di un giovane vestito di una corta tunica, che compie una sorta di acrobazia con una specie di sonaglio nella mano sinistra e il capo coperto da un berretto frigio, mentre canticchia, come sembra indicare il tralcio rosso che esce dalla bocca ; al principio del Libro IV (fo 35v ; fig. 4), costituita da un giovane uomo in abito classico, che strozza un drago a tre teste, da identificare verosimilmente con l’episodio di Ercole e l’Idra di Lerna ; infine, all’inizio del Libro V (fo 52r ; fig. 5), dove torna un personaggio analogo al giovane del primo libro, questa volta senza strumento musicale.

Fig. 3 – Italia settentrionale (Emilia?), prima metà del xii secolo : Ioculator (?) in iniziale V (Vlpianus ; D. 5.1.1), in Giustiniano, Digestum vetus

Fig. 3 – Italia settentrionale (Emilia?), prima metà del xii secolo : Ioculator (?) in iniziale V (Vlpianus ; D. 5.1.1), in Giustiniano, Digestum vetus

Padova, Biblioteca Universitaria di Padova, 941, fo 52r (distribuito con Licenza Creative Commons CC BY-NC-ND 4.0, particolare)

Fig. 4 – Italia settentrionale (Emilia?), prima metà del xii secolo : Ercole e l’Idra di Lerna in iniziale V (Vlpianus ; D. 4.1.1), in Giustiniano, Digestum vetus

Fig. 4 – Italia settentrionale (Emilia?), prima metà del xii secolo : Ercole e l’Idra di Lerna in iniziale V (Vlpianus ; D. 4.1.1), in Giustiniano, Digestum vetus

Padova, Biblioteca Universitaria di Padova, 941, fo 35v (distribuito con Licenza Creative Commons CC BY-NC-ND 4.0, particolare)

Fig. 5 – Italia settentrionale (Emilia?), prima metà del xii secolo : Ioculator (?) in iniziale V (Vlpianus ; D. 1.1.1), in Giustiniano, Digestum vetus

Fig. 5 – Italia settentrionale (Emilia?), prima metà del xii secolo : Ioculator (?) in iniziale V (Vlpianus ; D. 1.1.1), in Giustiniano, Digestum vetus

Padova, Biblioteca Universitaria di Padova, 941, fo 3r (distribuito con Licenza Creative Commons CC BY-NC-ND 4.0, particolare)

Il corredo miniato del Digestum vetus 941 di Padova appare il più articolato e raffinato tra i codici che costituiscono la più antica tradizione manoscritta dell’opera, visto che anche il più riccamente decorato tra i restanti testimoni, il Latino 4450 della Bibliothèque nationale de France (Paris, Bibliothèque nationale de France, Latin 4450), realizzato agli inizi del xii secolo in un’area tra Modena e Bologna, mostra soltanto iniziali semplici o ornate a intrecci vegetali eseguite con inchiostri di più colori all’inizio di ciascun libro7.

  • 8 Ibid., p. 786-787.
  • 9 M. Assirelli, « L’immagine dello ‘Stolto’ nel Salmo 52 », Il codice miniato. Rapporti tra codice, (...)
  • 10 M. Assirelli, op. cit.; S. Pietrini, op. cit.
  • 11 Per una breve scheda descrittiva con bibliografia relativa e le riproduzioni digitali delle inizia (...)
  • 12 M. Clouzot, Le jongleur : mémoire de l’image au Moyen Âge ; figures, figurations et musicalité dan (...)
  • 13 Ibid., p. 21.
  • 14 I. Marchesin, « Les jongleurs dans les psautiers du haut Moyen Âge : nouvelles hypothèses sur la s (...)
  • 15 M. Clouzot, op. cit., p. 135. A titolo di esempio, si può menzionare il suonatore di viola raffigu (...)
  • 16 G. Nicolaj, op. cit., p. 786.
  • 17 M. Ferrari, « Per la datazione del Liber magistri di Piacenza (Biblioteca Capitolare della Cattedr (...)
  • 18 Per una scheda di catalogo delle tavolette : D. Gaborit-Chopin, Ivoires médiévaux, ve-xve siècles, (...)
  • 19 Per la descrizione del manoscritto, con bibliografia relativa : https://archivesetmanuscrits.bnf.f (...)
  • 20 T. Seebass, Musikdarstellung und Psalterillustration im frühen Mittelalter. Studien ausgehend von (...)
  • 21 G. Nicolaj, op. cit., p. 795-796.
  • 22 Per la condanna degli attori nel diritto giustinianeo : M. Clouzot, op. cit., p. 27, 30-31.

3Giovanna Nicolaj, su suggerimento di Chiara Frugoni, ha proposto di vedere nelle iniziali antropomorfe al principio del Libro I e del Libro V (fo 3r e 52r ; fig. 3 e 5) una rappresentazione dell’insipiens, lo stolto che nega l’esistenza di Dio dei Salmi 13 (14) e 52 (53)8. La studiosa ha riconosciuto però che la presenza di una tale iconografia prima della metà del xii secolo costituirebbe un unicum, in quanto è solamente nel corso del Duecento che si diffonde nel Salterio la raffigurazione di tale personaggio come un folle. Infatti, nei secoli precedenti l’insipiens è solitamente identificato come un sovrano malvagio9. Inoltre, va rilevato che in realtà i caratteri dello stolto nei Salteri duecenteschi non corrispondono alla figura visibile nel Digesto 941. L’insipiens duecentesco è normalmente connotato dal capo calvo, un bastone e un disco, a volte con una croce sopra, di cui lo stolto in qualche caso si ciba, forse una parodia del pane eucaristico10. Mi sembra quindi che per ragioni cronologiche e per differenze di tipo iconografico sia da ritenere quanto meno problematico riconoscere nel personaggio del codice padovano la figura dell’insipiens biblico. È vero però che uno dei più antichi Salteri ampiamente illustrati, realizzato presso l’abbazia di San Pietro a Corbie nella Francia settentrionale a cavallo tra VIII e IX secolo e conservato oggi ad Amiens (Amiens, Bibliothèque Louis Arangon, 18), presenta un’iniziale figurata ad apertura del Salmo 13 (14 ; fo 11r) con il busto di un giovane caratterizzato dal berretto frigio11. Gli altri tratti del personaggio del Digesto di Padova conducono tuttavia a una più prudente identificazione con un soggetto invero imparentato con quella che sarà la raffigurazione dello stolto biblico a partire dal xiii secolo, ovvero lo ioculator o histrio, l’attore comico del teatro romano, spesso menzionato dagli scrittori cristiani antichi e poi medievali come un esempio d’immoralità12. Tale figura si diffonde particolarmente nei Salteri tra xii e xiii secolo, trovando nella nudità e nel movimento acrobatico i suoi tratti distintivi13, come si può già osservare nel frontespizio di un manoscritto realizzato presso l’abbazia di Saint-Rèmy a Reims nel secondo quarto del xii secolo, conservato a Cambridge (Cambridge, St John’s College, ms. B 18, fo 1r)14. La presenza di uno strumento musicale è un altro degli attributi osservabili, anche se solitamente si tratta di strumenti a fiato o a corde15, mentre nell’iniziale in apertura del Digesto padovano è visibile uno strumento a percussione. Già la Nicolaj ha notato la somiglianza di questo strumento con quelli suonati da un personaggio, tra l’altro anch’esso col capo coperto da un berretto frigio, nel Liber Magistri della cattedrale di Piacenza (Piacenza, Archivio Capitolare, 65, fo 262r)16, manoscritto databile alla fine del xii secolo secondo la recente ipotesi di Mirella Ferrari17. L’illustrazione del codice piacentino fa riferimento alle origini dei percussionalia. Tale strumento rientra in una tipologia riscontrabile anche in immagini più antiche, come per esempio nelle rappresentazioni carolinge di David salmista tra i suoi musici di una delle due tavolette eburnee al Louvre provenienti dalla legatura del Salterio di Dagulfo (Wien, Österreichische Nationalbibliothek, Cod. 1861), databile tra gli anni 782 e 79518, o all’interno del Salterio di Carlo il Calvo (Paris, Bibliothèque nationale de France, Latin 1152, fo 1v), eseguito entro l’86919, e che è stata riconosciuta come una coppia di nacchere (« Gabelbecken ») o « cymbala » da Tilman Seebass nel suo ampio studio sull’iconografia musicale del primo Medioevo20. Se la Nicolaj ha collegato la figura dell’insipiens da lei riconosciuta nelle iniziali dei Libri I e V al personaggio di uno stultus che compare nel racconto sull’origine del diritto riferito dalla glossa accursiana duecentesca (glossa constitui a D. 1.2.2)21, non sembrerebbe invece possibile individuare motivazioni specifiche per la scelta d’inserire un più generico ioculator. Non appare esserci difatti alcuna relazione diretta con il testo giustinianeo. Troppo labile e superficiale risulterebbe infatti il rapporto con la condanna nei confronti degli attori emessa in due passi all’interno del Libro III (D. 3.2.1 ; D. 3.2.2.5)22.

  • 23 L. Granata, op. cit., p. 76.
  • 24 C. Frugoni, « L’ideologia del potere imperiale nella “Cattedra di S. Pietro” », Bullettino dell’Is (...)
  • 25 Id., « L’ideologia del potere imperiale », op. cit., p. 61. Sul mantello, donato da Melo da Bari a (...)

4All’inizio del Libro IV (fo 35v ; fig. 4) è stata miniata un’iniziale figurata, che con ogni probabilità presenta il soggetto classico di Ercole e l’Idra di Lerna, una delle celebri dodici fatiche dell’eroe greco, come ha giustamente proposto Leonardo Granata23. Pur non essendoci neanche in questo caso una relazione immediata tra la miniatura e la lettera del testo giustinianeo, è significativo che il tema delle dodici fatiche erculee abbia una connotazione imperiale nella cultura del Medioevo europeo forse già a partire dalle discusse formelle eburnee del pannello frontale del trono probabilmente donato da Carlo II il Calvo a papa Giovanni VIII in occasione dell’incoronazione a Roma nell’875, ovvero la cosiddetta Cathedra Petri conservata all’interno del monumento bronzeo di Gian Lorenzo Bernini in San Pietro in Vaticano24. Ancora più interessante per il caso affrontato in questa circostanza è la scritta che identifica la scena di Ercole che uccide il serpente posto a guardia delle mele d’oro delle Esperidi, immagine della costellazione di Ercole, sul Mantello dello zodiaco dell’imperatore Enrico II, oggi al Diözesanmuseum di Bamberga : « HERCVLES SERPENTE(M) OCCIDID (sic !) AVREA MALA SERVANTEM ». L’eroe greco diventa quindi simbolo del sovrano che sconfigge le forze a lui ostili25. La rappresentazione di Ercole e l’Idra di Lerna nel codice padovano si potrebbe dunque giustificare come un’allusione all’origine imperiale del diritto giustinianeo.

  • 26 G. Nicolaj, op. cit., p. 785-787.
  • 27 L. Granata, op. cit., p. 75.
  • 28 Ibid., p. 76.
  • 29 S. Fumian, op. cit., p. 453.
  • 30 Per le vicende della decorazione libraria polironiana, almeno : P. Piva, « Contributo al recupero (...)
  • 31 Per la riproduzione digitale dei codici : http://digilib.bibliotecateresiana.it/sfoglia_manoscritt (...)
  • 32 G.Z. Zanichelli, « Lo scriptorium di San Benedetto al Polirone » op. cit., p. 509, 535-544 ; id., (...)

5La Nicolaj ha collocato il Digestum vetus 941 in un’area tra Modena e Padova, con una datazione alla prima metà avanzata del xii secolo26, mentre Granata ha preferito orientarsi sulla direttrice Bologna-Mantova27. Riguardo alla decorazione, quest’ultimo studioso ha parlato di possibili confronti con l’attività degli scriptoria monastici padani ad apertura del secolo, senza ulteriori specifiche28, indicate invece da Silvia Fumian in favore dell’ambito bolognese-modenese29. Tali coordinate di cronologia e di geografia artistica possono essere meglio precisate, una volta segnalato però che i capilettera dei fogli 128r e 193r sembrano essere opera di una mano più corsiva, che tra l’altro si limita ad utilizzare inchiostri di colore bruno e ocra, forse da identificare in uno dei copisti che hanno trascritto il testo. Venendo ai miniatori responsabili della quasi totalità della decorazione, mi sembra che prima di tutto lo stile dei motivi ornamentali delle iniziali orienti verso i modelli di San Benedetto al Polirone, l’abbazia fondata dal marchese Tedaldo di Canossa nel 1007, che a partire dalla seconda metà dell’xi secolo aveva visto la fioritura del proprio scriptorium30. In particolare, a titolo esemplificativo, l’andamento sinuoso dei racemi vegetali e la carnosità di alcune formazioni fogliacee (fig. 1 e 2) si possono avvicinare alle iniziali a tralcio con foglie trilobate confrontabili con esempi cluniacensi delle Enarrationes in Psalmos di Agostino della Biblioteca Teresiana di Mantova (mss. 144-145 ; fig. 6)31, verosimilmente miniate negli ultimi anni dell’xi secolo sotto la direzione del terzo dei tre maestri, provenienti dal monastero di Benediktbeuern in Baviera al seguito di Guglielmo, abate di Polirone dal 1080 al 1099, ai quali si deve la decorazione del celebre Evangeliario della Morgan Library di New York (MS M.492)32.

Fig. 6 – Monastero di San Benedetto al Polirone, fine dell’xi/inizio del xii secolo : Iniziale D (Deus), in Agostino, In Psalterium Davidicum pars prima

Fig. 6 – Monastero di San Benedetto al Polirone, fine dell’xi/inizio del xii secolo : Iniziale D (Deus), in Agostino, In Psalterium Davidicum pars prima

Mantova, Biblioteca Teresiana, ms. 144, fo 26r (da R. Benedusi, in Iste liber est : codici miniati da Polirone alla Teresiana, catalogo della mostra, Mantova, Biblioteca comunale Teresiana, 21 marzo – 4 marzo 2019, a cura di G.Z. Zanichelli, Mantova, Paolini, 2019, p. 59)

  • 33 Sulla pratica del disegno nell’Evangeliario Morgan e più in generale nei codici di Polirone : id., (...)
  • 34 L. Dabbene, in La sapienza degli angeli, op. cit., p. 163-165 (con bibliografia precedente) ; F. C (...)

Inoltre, il sapiente uso del disegno a inchiostro per realizzare figure di classica eleganza nelle iniziali dei Libri I e IV (fo 3r e 35v ; fig. 3 e 4) trova qualche analogia con il linguaggio bizantineggiante d’ispirazione tardo-ottoniana delle scene cristologiche dell’Evangeliario33. Tuttavia, confronti più stringenti al riguardo si possono rilevare con un altro manoscritto, probabilmente non allestito nel cenobio di fondazione canossiana, ma le cui miniature mostrano di guardare comunque ai modelli polironiani, specialmente proprio il codice della Morgan Library, pur con una più articolata apertura nei confronti della coeva produzione di ambito franco-settentrionale lungo il corso della Loira. Mi riferisco al manoscritto originale del De principibus Canusinis di Donizone, monaco di Sant’Apollonio a Canossa, meglio noto come Vita Mathildis (Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana, Vat.lat.4922), forse realizzato presso lo stesso monastero di Canossa oppure il cenobio di San Prospero a Reggio Emilia negli ultimissimi anni di vita della Comitissa, morta nel 111534. In particolar modo, mi sembra che il capolettera con Ercole e l’Idra (fig. 4) sia avvicinabile al vescovo Tedaldo, figlio del marchese omonimo, che compare al foglio 21v (fig. 7). Tornano la nobiltà di costruzione della figura attraverso un tratto grafico sottile e duttile, nonché alcuni particolari, come le mani e le teste dell’Idra e quelle di cane che adornano il sedile di Tedaldo. Una certa affinità è possibile notare anche tra il tralcio rosso che esce dalla bocca del presunto ioculator nell’iniziale del Libro I e le terminazioni fogliate dei ramoscelli che reggono a destra di Tedaldo i fratelli Bonifacio e Corrado.

Fig. 7 – Monastero di San Prospero di Reggio Emilia (?), ça. 1115 : Dinastia canossiana, particolare, in Donizone, De principibus Canusinis

Fig. 7 – Monastero di San Prospero di Reggio Emilia (?), ça. 1115 : Dinastia canossiana, particolare, in Donizone, De principibus Canusinis

Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana, Vat.lat.4922, fo 21v (da L. Dabbene, in La sapienza degli angeli. Nonantola e gli Scriptoria padani nel Medioevo. Nonantola, Museo Benedettino Nonantolano e Diocesano d’Arte Sacra, 5 aprile 2003 – 20 giugno 2003, a cura di G.Z. Zanichelli e M. Branchi, Modena, Panini, 2003, p. 163-165 : 165, particolare)

  • 35 E. Cortese, « Irnerio », Dizionario Biografico degli Italiani, vol. LXII, Roma, Treccani, 2004, p. (...)
  • 36 P. Golinelli, « Matilde di Canossa », Dizionario Biografico degli Italiani, vol. LXXII, Roma, Trec (...)
  • 37 E. Cortese, op. cit., p. 603 ; A. Padovani, op. cit., p. 241-242.

6Il Digestum vetus 941 di Padova appare per la decorazione il manoscritto più significativo tra i testimoni della più antica tradizione manoscritta dell’opera. Le iniziali figurate al principio dei Libri I, IV e V mostrano scelte iconografiche non comuni e indicano una consapevolezza della connotazione imperiale degli antichi libri legales nella raffigurazione di Ercole e l’Idra. I caratteri stilistici consentono di avvicinare i capilettera agli illustri modelli diffusi dallo scriptorium di San Benedetto al Polirone o comunque legati all’ambito culturale matildico, come il codice vaticano di Donizone. Quest’ultima osservazione appare particolarmente suggestiva, dati i noti interessi della Comitissa per la rinascita del diritto giustinianeo, attestati in particolare dalla notizia riferita dal Chronicon di Burcardo di Biberach che Irnerio « libros legum […] ad petitionem Mathilde comitisse renovavit et, secundum quod olim a dive recordationis imperatore Iustiniano compilati fuerant, paucis forte verbis alicubi interpositis eos distinxit »35. Dando credito a questi suggerimenti d’indagine, bisogna riconoscere che anche il carattere verosimilmente imperiale dell’immagine erculea ben si addirebbe al riavvicinamento di Matilde nei confronti dell’Impero nella figura di Enrico V verso la fine della sua vita36, il sovrano a cui lo stesso Irnerio si legherà dopo la morte di Matilde fino a ricevere con lui la scomunica papale nel 111937.

Haut de page

Notes

1 L’articolo presenta i primi risultati di una ricerca avviata su invito di Paola Lambrini e Federica Toniolo, che ringrazio per il coinvolgimento, in parte già presentati al convegno internazionale del progetto For. Ma. – The Forgotten Manuscripts dell’Università di Padova (22-23 ottobre 2021), dedicato allo studio e alla valorizzazione anche tramite tecnologie digitali delle antiche copie manoscritte del Codex e del Digestum vetus di Giustiniano conservate presso la Biblioteca Universitaria di Padova (mss. 688 e 941). Il lavoro rientra inoltre tra le attività del gruppo di ricerca IUS ILLUMINATUM.
Per un’accurata descrizione codicologica con ampia bibliografia relativa al manoscritto 941 : L. Prosdocimi, « Nota codicologica », Digestum Vetus. Il manoscritto Padova, Biblioteca Universitaria, 941, a cura di P. Lambrini e M. Milani, Padova, Grafiche Turato Edizioni, 2020, a cui è opportuno aggiungere : S. Fumian, « Tra tardogotico e umanesimo : tradizione e rinnovamento nei manoscritti delle biblioteche conventuali padovane », Il libro miniato e il suo committente. Per la ricostruzione delle biblioteche ecclesiastiche del Medioevo italiano (secoli XI-XIV), a cura di T. D’Urso, A. Perriccioli Saggese e G.Z. Zanichelli, Padova, Il Poligrafo, 2016, p. 451-472 : 453-454. Da ultimo va inoltre segnalata la pubblicazione del facsimile del codice : Digestum Vetus, op. cit.

2 Almeno : S. L’Engle, The Illumination of Legal Manuscripts in Bologna, 1250-1350 : Production and Iconography : A dissertation submitted in partial fulfillment of the requirements for the degree of Doctor of Philosophy, Institute of Fine Arts, New York University, May, 2000 ; S. L’Engle e R. Gibbs, Illuminating the Law : Legal Manuscripts in Cambridge Collections, London/Turnhout, Harvey Miller Publishers, 2001 ; S. L’Engle, « Trends in Bolognese Legal Illustration : The Early Trecento », Juristische Buchproduktion in Mittelalter, a cura di V. Colli, Frankfurt am Main, Vittorio Klostermann, 2002, p. 219-244 ; R. Gibbs, « The Development of the Illustration of Legal Manuscripts by Bolognese Illuminators between 1241 and 1298 », ibidem, p. 173-218 ; Ausbildung des Rechts. Systematisierung und Vermittlung von Wissen in mittelalterlichen Rechtshandschriften, a cura di K. Böse e S. Wittekind, Frankfurt am Main, Peter Lang, 2009 ; Decretales pictae. Le miniature nei manoscritti delle Decretali di Gregorio IX (Liber Extra). Atti del colloquio internazionale tenuto all’Istituto Storico Germanico, Roma 3-4 marzo 2010, a cura di M. Bertram e S. Di Paolo, Università degli Studi Roma Tre, Roma, 2013. https://arcadia.sba.uniroma3.it/handle/2307/711. Sulla decorazione del Digesto 941 : G. Nicolaj, « Documenti e libri legales a Ravenna : rilettura di un mosaico leggendario », Ravenna da capitale imperiale a capitale esarcale. Atti del XVII Congresso internazionale di studio sull’alto medioevo, Ravenna, 6-12 giugno 2004, Spoleto, Fondazione Centro Italiano di Studi sull’Alto Medioevo, 2005, p. 761-799 : 786-787, 795-796 ; F. Toniolo, « L’immaginario medievale nei manoscritti miniati della Biblioteca Universitaria di Padova », Splendore nella regola. Codici miniati da monasteri e conventi nella Biblioteca Universitaria di Padova, a cura di F. Toniolo e P. Gnan, Padova, Biblioteca Universitaria di Padova, 2011, p. 9-37 : 13 ; L. Granata, ibid., p. 75-77 ; S. Fumian, op. cit., p. 453.

3 In particolare : R. Gibbs, « The Development of the Illustration », op. cit.

4 Una copia digitale del manoscritto è consultabile all’indirizzo : https://phaidra.cab.unipd.it/o:429576 (ultimo accesso : 9 dicembre 2020).

5 P. Bonacini, Multa scripsit, nihil tamen reperitur. Niccolò Mattarelli giurista a Modena e Padova (1240 ca.-1314 ca.), Bologna, Bononia University Press, 2018, p. 82.

6 F. 13v, 25r, 65r, 70r, 80r, 87r, 94v, 102r, 107v, 116v, 123r, 134r, 139v, 148v, 156v, 165r, 170v, 178r, 183v.

7 Per la copia digitale del microfilm : https://gallica.bnf.fr/ark:/12148/btv1b90660818 (ultimo accesso : 9 dicembre 2020). Per una scheda descrittiva con bibliografia relativa : https://archivesetmanuscrits.bnf.fr/ark:/12148/cc632755 (ultimo accesso : 9 dicembre 2020). Capilettera a intreccio più rudimentali ornano invece il Vaticano latino 1406 (Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana, Vat.lat.1406), il più antico manoscritto della tradizione medievale del Digestum vetus, risalente alla seconda metà dell’xi secolo, forse di origine nonantolana. Il codice è integralmente consultabile in formato digitale all’indirizzo : https://digi.vatlib.it/view/MSS_Vat.lat.1406 (ultimo accesso : 9 dicembre 2020). Per una bibliografia specifica : https://digi.vatlib.it/mss/detail/Vat.lat.1406 (ultimo accesso : 9 dicembre 2020), a cui andranno però aggiunti almeno : F. Santoni, « Copisti-editores di manoscritti giuridici : 1. Il codice Vaticano latino 1406 del Digestum Vetus e l’edizione del testo fra copisti e glossatori », La collaboration dans la production de l’écrit médiéval. Actes du XIIIe colloque du Comité international de paléographie latine (Weingarten, 22-25 septembre 2000), a cura di H. Spilling, Paris, École de Chartes, 2003, p. 231-250 ; G. Nicolaj, op. cit., p. 781-784 ; C. Radding e A. Ciaralli, The Corpus Iuris Civilis in the Middle Ages : Manuscripts and Transmission from the Sixth Century to the Juristic Revival, Leiden-Boston, Brill, 2007, p. 195-204, 215-222. Due iniziali a intrecci vegetali realizzate con inchiostro bruno, rosso e ocra, di tipologia simile al Digesto padovano, compaiono nel più tardo testimone di Lipsia (Leipzig, Universitätsbibliothek, Ms 873, fo 94v, 112v), della metà del xii secolo, insieme a capilettera semplici a inchiostro rosso. Per una copia digitale : https://digital.ub.uni-leipzig.de/object/viewid/0000009090 (ultimo accesso : 9 dicembre 2020). Per una breve scheda descrittiva : http://www.manuscripta-mediaevalia.de/dokumente/html/obj31564587 (ultimo accesso : 9 dicembre 2020). Inoltre, per un’analisi paleografica : G. Nicolaj, op. cit., p. 787-788. Infine, iniziali ornate a intrecci vegetali talvolta con elementi zoomorfi, di cui una buona parte non completate, costellano il ms. F.II.14 della Biblioteca Universitaria di Torino, la cui importanza ha richiamato di recente P. Lambrini, « Sulla tradizione manoscritta del Digestum vetus a partire da alcune peculiarità del ms. Torino, Biblioteca Universitaria, F.II.14 », Iura. Rivista Internazionale di Diritto Romano e Antico, 68, 2020, p. 451-467. La digitalizzazione del microfilm è accessibile sulla banca dati BEIC: https://www.beic.it/it/articoli/manoscritti-giuridici-medievali.

8 Ibid., p. 786-787.

9 M. Assirelli, « L’immagine dello ‘Stolto’ nel Salmo 52 », Il codice miniato. Rapporti tra codice, testo e figurazione. Atti del III Congresso di Storia della Miniatura, a cura di M. Ceccanti e M.C. Castelli, Firenze, Leo S. Olshki Editore, 1992, p. 19-34 ; S. Pietrini, « L’antiliturgia della follia. L’iconografia dello stolto biblico nei manoscritti italiani », Iconografia e liturgia nella miniatura occidentale. Atti delle Giornate di studio sulla Storia della miniatura, Firenze, 24-26 novembre 2005, Rivista di Storia della Miniatura, numero speciale, 11, 2007, p. 39-48. Più in generale sulla decorazione del Salterio : The Illuminated Psalter : Studies in the Content, Purpose and Placement of Its Images, a cura di F.O. Büttner, Turnhout, Brepols, 2005.

10 M. Assirelli, op. cit.; S. Pietrini, op. cit.

11 Per una breve scheda descrittiva con bibliografia relativa e le riproduzioni digitali delle iniziali miniate del codice : http://initiale.irht.cnrs.fr/codex/5831 (ultimo accesso : 9 dicembre 2020).

12 M. Clouzot, Le jongleur : mémoire de l’image au Moyen Âge ; figures, figurations et musicalité dans les manuscrits enluminés (1200-1330), Bern, Lang, 2011, p. 15-43.

13 Ibid., p. 21.

14 I. Marchesin, « Les jongleurs dans les psautiers du haut Moyen Âge : nouvelles hypothèses sur la symbolique de l’histrion médiéval », Cahiers de civilization médiévale, 41, n. 162, aprile-giugno 1998, p. 127-139 : 136-139 ; Idem, in Moyen Âge : entre ordre et désordre. Musée de la musique, 26 mars-27 juin 2004, Paris, Réunion des musées nationaux, 2004, p. 124-125.

15 M. Clouzot, op. cit., p. 135. A titolo di esempio, si può menzionare il suonatore di viola raffigurato nel Salterio del principe Alfonso (London, British Library, Add MS 24686, fo 17v) sul margine sinistro in corrispondenza dell’iniziale D (Dixit insipiens) del Salmo 13 (14).
Per una descrizione del codice (con bibliografia relativa), la cui prima fase di realizzazione limitata ai Salmi, i Cantici, le Litanie (fo 11r-135v), compresa la decorazione del primo fascicolo del Salterio (fo 11r-18v), fu condotta a Londra intorno al 1284 : http://searcharchives.bl.uk/primo_library/libweb/action/dlDisplay.do?docId=IAMS032-002031972&vid=IAMS_VU2&indx=1&dym=false&dscnt=1&onCampus=false&group=ALL&institution=BL&ct=search&vl(freeText0)=032-002031972 (ultimo accesso : 14 dicembre 2020).
Per la riproduzione digitale : http://www.bl.uk/manuscripts/Viewer.aspx?ref=add_ms_24686_f002r (ultimo accesso : 14 dicembre 2020).

16 G. Nicolaj, op. cit., p. 786.

17 M. Ferrari, « Per la datazione del Liber magistri di Piacenza (Biblioteca Capitolare della Cattedrale, cod. 65), “Quod ore cantas corde credas”. Studi in onore di Giacomo Baroffio Dahnk, a cura di L. Scappaticci, Città del Vaticano, Libreria Editrice Vaticana, 2013, p. 189-202 ; id., « Bobbio e Piacenza, tra manoscritti, biblioteche e archivi », I misteri della Cattedrale. Meraviglie nel labirinto del sapere, Milano, Skira, 2018, p. 39-45 : 42-43. Per le datazioni nel corso degli anni trenta del xii secolo o intorno al 1142 sostenute in precedenza, almeno : A.C. Quintavalle, Miniatura a Piacenza. I codici dell’Archivio Capitolare, Venezia, Neri Pozza, 1963, p. 21-26, 99-114 ; L. Dabbene, in La sapienza degli angeli. Nonantola e gli Scriptoria padani nel Medioevo. Nonantola, Museo Benedettino Nonantolano e Diocesano d’Arte Sacra, 5 aprile 2003 – 20 giugno 2003, a cura di G.Z. Zanichelli e M. Branchi, Modena, Panini, 2003, p. 137-138.

18 Per una scheda di catalogo delle tavolette : D. Gaborit-Chopin, Ivoires médiévaux, ve-xve siècles, Paris, Réunion des Musées Nationaux, 2003, scheda 36.
Per la bibliografia sul codice, oggi a Vienna : https://www.onb.ac.at/bibliothek/sammlungen/handschriften-und-alte-drucke/bestaende/bestandsrecherche/literatur-zu-handschriften (ultimo accesso : 15 dicembre 2020). Per la copia digitale : http://data.onb.ac.at/rep/10004A84 (ultimo accesso : 15 dicembre 2020).

19 Per la descrizione del manoscritto, con bibliografia relativa : https://archivesetmanuscrits.bnf.fr/ark:/12148/cc84406 (ultimo accesso : 15 dicembre 2020).
Per la riproduzione digitale : https://gallica.bnf.fr/ark:/12148/btv1b55001423q (ultimo accesso : 15 dicembre 2020).

20 T. Seebass, Musikdarstellung und Psalterillustration im frühen Mittelalter. Studien ausgehend von einer Ikonologie der Handschrift Paris, Bibliothèque Nationale, Fonds Latin 1118, Bern, Francke, 1973, p. 39-40, 120.

21 G. Nicolaj, op. cit., p. 795-796.

22 Per la condanna degli attori nel diritto giustinianeo : M. Clouzot, op. cit., p. 27, 30-31.

23 L. Granata, op. cit., p. 76.

24 C. Frugoni, « L’ideologia del potere imperiale nella “Cattedra di S. Pietro” », Bullettino dell’Istituto Storico Italiano per il Medio Evo, 86, 1976-1977, p. 1-104 ; M. Guarducci, La cattedra di San Pietro nella scienza e nella fede, Roma, Istituto poligrafico e Zecca dello Stato, Libreria dello Stato, 1982 ; F. Gandolfo, « Cattedra », Enciclopedia dell’Arte Medievale, vol. IV, Roma, Treccani, 1993, p. 497-505 : 498. https://www.treccani.it/enciclopedia/cattedra_%28Enciclopedia-dell%27-Arte-Medievale%29/; C. Frugoni, « Ercole », Enciclopedia dell’Arte Medievale, vol. V, Roma, Treccani, 1994, p. 845-847 : 847. https://www.treccani.it/enciclopedia/ercole_%28Enciclopedia-dell%27-Arte-Medievale%29/; P. Zander, « L’immagine di Ercole nella basilica di San Pietro in Vaticano », Ercole il fondatore dall’antichità al Rinascimento, a cura di M. Bona Castellotti e Antonio Giuliano, Milano, Electa, 2011, p. 68-83 : 70-76.

25 Id., « L’ideologia del potere imperiale », op. cit., p. 61. Sul mantello, donato da Melo da Bari a Enrico II nel 1020 e probabilmente ricamato a Ratisbona (ca. 1018-1024), di recente : W. Metzger, « Der Sternenmantel Kaiser Heinrichs II », D. Blume, M. Haffner e W. Metzger, Sternbilder des Mittelalters : der gemalte Himmel zwischen Wissenschaft und Phantasie, vol. 1, 800-1200, t. 1, Text und Katalog der Handschriften, Berlin, Akademie-Verlag, 2012, p. 153-157 ; T. Kohnwagner-Nikolai, Kaisergewänder im Wandel – goldgestickte Vergangenheitsinszenierung : Rekonstruktion der tausendjährigen Veränderungsgeschichte, Regensburg, Schnell + Steiner, 2020, p. 245-318.

26 G. Nicolaj, op. cit., p. 785-787.

27 L. Granata, op. cit., p. 75.

28 Ibid., p. 76.

29 S. Fumian, op. cit., p. 453.

30 Per le vicende della decorazione libraria polironiana, almeno : P. Piva, « Contributo al recupero di un grande scrittorio : la miniatura romanica al monastero di Polirone », Codici miniati e artigianato rurale. Immagini devozionali e apotropaiche dalla cultura egemone alla cultura subalterna. San Benedetto Po, Museo civico polironiano, 24 settembre – 26 novembre 1978, San Benedetto Po, Museo civico polironiano, 1978, p. 13-65 ; G.Z. Zanichelli, « Lo scriptorium di San Benedetto al Polirone nei secoli xi xii », Wiligelmo e Matilde. L’officina romanica, a cura di A. Calzona e A.C. Quintavalle, Milano, Electa, 1991, p. 507-660 ; id., « Le bibbie atlantiche e il monastero di San Benedetto al Polirone », Arte medievale, s. II, 7, 1993, p. 43-59 ; Catalogo dei manoscritti Polironiani. I. Biblioteca Comunale di Mantova (mss. 1-100), a cura di C. Corradini, P. Golinelli e G.Z. Zanichelli, Bologna, Pàtron, 1998 ; G.Z. Zanichelli, « San Benedetto al Polirone », La sapienza degli angeli, op. cit., p. 143-155 ; id., « Lo scriptorium e la biblioteca del monastero di San Benedetto al Polirone », L’Abbazia di Matilde. Arte e storia in un grande monastero dell’Europa benedettina [1007-2007]. San Benedetto Po, 31 agosto 2008-11 gennaio 2009, a cura di P. Golinelli, Bologna, Pàtron, 2008, p. 21-31 ; Catalogo dei manoscritti Polironiani. II. Biblioteca Comunale di Mantova (mss. 101-225), a cura di C. Corradini, P. Golinelli e G.Z. Zanichelli, Bologna, Pàtron, 2010 ; Catalogo dei manoscritti Polironiani. III. Biblioteca Comunale di Mantova (mss. 226-381) e Codici Polironiani in altre biblioteche, a cura di C. Corradini, P. Golinelli e G.Z. Zanichelli, Bologna, Pàtron, 2018 ; Iste liber est : codici miniati da Polirone alla Teresiana, catalogo della mostra, Mantova, Biblioteca comunale Teresiana, 21 marzo – 4 marzo 2019, a cura di G.Z. Zanichelli, Mantova, Paolini, 2019.

31 Per la riproduzione digitale dei codici : http://digilib.bibliotecateresiana.it/sfoglia_manoscritti2.php?g=Manoscritti%20serie%20generale&sg=Ms.%20144&identifier=MN0035-POLI-ms144_0 e http://digilib.bibliotecateresiana.it/sfoglia_manoscritti2.php?g=Manoscritti%20serie%20generale&sg=Ms.%20145&iden (ultimo accesso : 16 dicembre 2020).

32 G.Z. Zanichelli, « Lo scriptorium di San Benedetto al Polirone » op. cit., p. 509, 535-544 ; id., « San Benedetto al Polirone » op. cit., p. 151-153 ; id., « Lo scriptorium e la biblioteca », op. cit., p. 22-23 ; id., « L’évangéliaire de Mathilde et San Benedetto Polirone », Cluny. 910-2010. Onze siècles de rayonnement, a cura di N. Stratford, Paris, Éditions du Patrimoine, 2010, p. 346-353 ; id., « Iste liber est », Iste liber est, op. cit., p. 11-26 : 15-18.

33 Sulla pratica del disegno nell’Evangeliario Morgan e più in generale nei codici di Polirone : id., « La funzione del disegno nei codici italiani fra xi e xii secolo », Come nasce un manoscritto miniato, a cura di F. Flores d’Arcais e F. Crivello, Modena, Panini, 2010, p. 115-126 : 119-123.

34 L. Dabbene, in La sapienza degli angeli, op. cit., p. 163-165 (con bibliografia precedente) ; F. Crivello, in Canossa 1077. Erschütterung der Welt. Geschichte, Kunst und Kultur am Aufgang der Romanik, a cura di C. Stiegemann e M. Wemhoff, vol. II, Katalog, München, Hirmer, 2006, p. 10 ; L. Castaldi, « La Vita Mathildis di Donizone di Canossa fra tradizione manoscritta e opportunità politica », Matilde di Canossa e il suo tempo. Atti del XXI Congresso internazionale di studio sull’alto medioevo in occasione del IX centenario della morte (1115-2015). San Benedetto Po – Revere – Mantova – Quattro Castella, 20-24 ottobre 2015, Spoleto, Fondazione Centro italiano di studi sull’alto medioevo, 2016, p. 323-354. Per la riproduzione digitale del codice : https://digi.vatlib.it/view/MSS_Vat.lat.4922 (ultimo accesso : 16 dicembre 2020).

35 E. Cortese, « Irnerio », Dizionario Biografico degli Italiani, vol. LXII, Roma, Treccani, 2004, p. 600-605 : 602. https://www.treccani.it/enciclopedia/irnerio_(Dizionario-Biografico) ; A. Padovani, « Matilde e Irnerio. Note su un dibattito attuale », Matilde di Canossa e il suo tempo, op. cit., p. 199-242 : 200.

36 P. Golinelli, « Matilde di Canossa », Dizionario Biografico degli Italiani, vol. LXXII, Roma, Treccani, 2008, p. 114-126 : 122-123. https://www.treccani.it/enciclopedia/matilde-di-canossa_(Dizionario-Biografico).

37 E. Cortese, op. cit., p. 603 ; A. Padovani, op. cit., p. 241-242.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 – Italia settentrionale (Emilia?), prima metà del xii secolo : Iniziale U (Ulpianus ; D. 3.1.1), in Giustiniano, Digestum vetus
Crédits Padova, Biblioteca Universitaria di Padova, 941, fo 25r (distribuito con Licenza Creative Commons CC BY-NC-ND 4.0, particolare)
URL http://journals.openedition.org/cliothemis/docannexe/image/1850/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 198k
Titre Fig. 2 – Italia settentrionale (Emilia?), prima metà del xii secolo : Iniziale P (Paulus ; D. 10.1.1), in Giustiniano, Digestum vetus
Crédits Padova, Biblioteca Universitaria di Padova, 941, fo 94v (distribuito con Licenza Creative Commons CC BY-NC-ND 4.0, particolare)
URL http://journals.openedition.org/cliothemis/docannexe/image/1850/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 259k
Titre Fig. 3 – Italia settentrionale (Emilia?), prima metà del xii secolo : Ioculator (?) in iniziale V (Vlpianus ; D. 5.1.1), in Giustiniano, Digestum vetus
Crédits Padova, Biblioteca Universitaria di Padova, 941, fo 52r (distribuito con Licenza Creative Commons CC BY-NC-ND 4.0, particolare)
URL http://journals.openedition.org/cliothemis/docannexe/image/1850/img-3.jpg
Fichier image/jpeg, 309k
Titre Fig. 4 – Italia settentrionale (Emilia?), prima metà del xii secolo : Ercole e l’Idra di Lerna in iniziale V (Vlpianus ; D. 4.1.1), in Giustiniano, Digestum vetus
Crédits Padova, Biblioteca Universitaria di Padova, 941, fo 35v (distribuito con Licenza Creative Commons CC BY-NC-ND 4.0, particolare)
URL http://journals.openedition.org/cliothemis/docannexe/image/1850/img-4.jpg
Fichier image/jpeg, 157k
Titre Fig. 5 – Italia settentrionale (Emilia?), prima metà del xii secolo : Ioculator (?) in iniziale V (Vlpianus ; D. 1.1.1), in Giustiniano, Digestum vetus
Crédits Padova, Biblioteca Universitaria di Padova, 941, fo 3r (distribuito con Licenza Creative Commons CC BY-NC-ND 4.0, particolare)
URL http://journals.openedition.org/cliothemis/docannexe/image/1850/img-5.jpg
Fichier image/jpeg, 100k
Titre Fig. 6 – Monastero di San Benedetto al Polirone, fine dell’xi/inizio del xii secolo : Iniziale D (Deus), in Agostino, In Psalterium Davidicum pars prima
Crédits Mantova, Biblioteca Teresiana, ms. 144, fo 26r (da R. Benedusi, in Iste liber est : codici miniati da Polirone alla Teresiana, catalogo della mostra, Mantova, Biblioteca comunale Teresiana, 21 marzo – 4 marzo 2019, a cura di G.Z. Zanichelli, Mantova, Paolini, 2019, p. 59)
URL http://journals.openedition.org/cliothemis/docannexe/image/1850/img-6.jpg
Fichier image/jpeg, 280k
Titre Fig. 7 – Monastero di San Prospero di Reggio Emilia (?), ça. 1115 : Dinastia canossiana, particolare, in Donizone, De principibus Canusinis
Crédits Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana, Vat.lat.4922, fo 21v (da L. Dabbene, in La sapienza degli angeli. Nonantola e gli Scriptoria padani nel Medioevo. Nonantola, Museo Benedettino Nonantolano e Diocesano d’Arte Sacra, 5 aprile 2003 – 20 giugno 2003, a cura di G.Z. Zanichelli e M. Branchi, Modena, Panini, 2003, p. 163-165 : 165, particolare)
URL http://journals.openedition.org/cliothemis/docannexe/image/1850/img-7.jpg
Fichier image/jpeg, 189k
Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Gianluca del Monaco, « Per gli esordi della decorazione del Digesto in epoca medievale : le iniziali miniate del ms. 941 della Biblioteca Universitaria di Padova »Clio@Themis [En ligne], 21 | 2021, mis en ligne le 09 novembre 2021, consulté le 18 août 2022. URL : http://journals.openedition.org/cliothemis/1850 ; DOI : https://doi.org/10.35562/cliothemis.1850

Haut de page

Auteur

Gianluca del Monaco

Dipartimento delle Arti, Alma Mater Studiorum – Università di Bologna

Complesso di Santa Cristina, P.tta G. Morandi 2, 40125 Bologna

Haut de page

Droits d’auteur

CC BY-NC-SA 4.0

Creative Commons - Attribution - Pas d’Utilisation Commerciale - Partage dans les Mêmes Conditions 4.0 International - CC BY-NC-SA 4.0

https://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/4.0/

Haut de page
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search