Navigation – Plan du site

AccueilNuméros en texte intégral21Dossier : Image et Droit. Les man...Un manoscritto giuridico miniato ...

Dossier : Image et Droit. Les manuscrits juridiques enluminés

Un manoscritto giuridico miniato tra la Badia Fiorentina ed il Portogallo del xv secolo: il codice Conventi Soppressi A 4 2554 della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze

Sofia Orsino

Résumés

Un manuscrit latin du xve siècle, conservé à la Biblioteca Nazionale Centrale de Florence et provenant du monastère bénédictin de Santa Maria (également connu sous le nom de Badia Fiorentina) contient le Repertorium iuris de Giovanni Nicola de Milis et se présente comme le résultat d’influences et de contacts entre l’Italie et le Portugal. Cet article examine la relation énigmatique entre le texte et la décoration et reconstitue le contexte de la production du codex et de son arrivée au monastère florentin, en se basant sur une analyse de l’enluminure combinée à une étude codicologique et paléographique.

Haut de page

Texte intégral

I. Contatti tra Firenze ed il Portogallo nel xv secolo

  • 1 V. Rau, « Affari e mercanti in Portogallo dal xiv al xvi secolo », Economia e Storia, 4, 1967, p.  (...)
  • 2 S. Tognetti, Gli uomini d’affari…, op. cit., p. 90.

1Le reti di contatti commerciali tra Firenze ed il Regno di Portogallo durante il xv secolo sono oggi note grazie soprattutto alle ricerche di Federigo Melis, Virginia Rau, Sergio Tognetti e Francesco Guidi Bruscoli1. Nei loro contributi è stato ricostruito come i legami tra le compagnie fiorentine e le città portuali portoghesi, in particolare Lisbona, dettero origine a relazioni economiche, politiche e culturali con Firenze: tra le altre merci, i fiorentini esportavano sui mercati portoghesi pregiati prodotti artistici, quali libri e mappe del mondo, mentre i mercanti ed i chierici portoghesi che transitavano in Italia – questi ultimi richiamati spesso dalla possibilità di formarsi nelle università italiane – facevano sovente affidamento sulle filiali del banco Cambini per gestire le proprie finanze2.

  • 3 V. da Bisticci, Le vite, cur. A. Greco, vol. I, Firenze, Istituto Nazionale di Studi sul Rinascime (...)
  • 4 S. Causa, La cappella del cardinale del Portogallo, dir. L. Berti, C. Leonardi, F. Guerrieri, La B (...)
  • 5 D. M. X. De Lima, « A viagem de d. Pedro e as alianças externas de Portugal no início do século xv(...)
  • 6 R. Costa Gomes, « Between Pisa and Oporto: Afonso Eanes merchant of the king of Portugal (1426-144 (...)

2Tale insieme di relazioni fu duraturo e ramificato, come è testimoniato dalle notizie intorno a numerose personalità portoghesi che nella prima metà del Quattrocento ebbero stretti contatti con Firenze; tra queste, la più celebre è forse quella del cardinale del Portogallo, Giacomo d’Aviz3, nipote del re Giovanni I, al quale fu dedicata una cappella in San Miniato al Monte4. Ma oltre alle personalità della corte lusitana, tra cui contiamo anche Pietro d’Aviz in viaggio a Firenze nel 14285, sono state ricostruite le attività ed i contatti di alcuni uomini di chiesa, sui quali torneremo, e del contador Alfonso Eanes6, mercante portoghese che per affari risiedette a lungo a Pisa.

  • 7 Il monastero, intitolato alla Vergine Maria, è più comunemente noto semplicemente come « Badia Fio (...)
  • 8 S. Orsino, F. Salvestrini, « Per uno studio della biografia monastica benedettina in età umanisti (...)
  • 9 L’abate del monastero di Santa Giustina di Padova Ludovico Barbo fu il promotore della nascita del (...)
  • 10 Su questo argomento vedasi Alessandro Guidotti, « Indagini su botteghe di cartolai e miniatori a F (...)
  • 11 Ibidem.
  • 12 La cui identità resta difficile da stabilire con certezza a causa della ricorrenza di questo nome (...)

3Alcune fonti di primaria importanza per la ricostruzione di tali relazioni sono i documenti provenienti dal monastero di Santa Maria di Firenze, meglio noto come Badia Fiorentina. In questo monastero benedettino7 risiedette infatti dal 1419 al 1440 l’abate portoghese Gomes Eanes, una figura tramite cui uomini di primo piano della corte, così come religiosi e mercanti, entrarono in contatto con la città e la Badia Fiorentina. Tali contatti avvenivano per le ragioni più varie, dalla politica del regno a questioni religiose ma anche per interessi di matrice culturale, come è testimoniato in gran parte dalla corrispondenza superstite dell’abate portoghese originario di Lisbona8, Gomes Eanes era stato inviato da Santa Giustina di Padova allo scopo di riformare i benedettini di Firenze9; vicino alla famiglia regnante d’Aviz, rappresentò un interlocutore di primo piano, tanto per la corte così come per il clero portoghese, grazie alla posizione di prestigio acquisita agli occhi di Eugenio IV; si interessò spesso anche di acquisti di libri da parte di propri connazionali, trovandosi la Badia in una posizione geograficamente privilegiata rispetto al mercato del libro fiorentino10. Tra coloro che si rivolsero all’abate per procurarsi manoscritti fiorentini, possiamo ricordare il già citato mercante Alfonso Eanes per la produzione di un libro d’ore miniato11, il procuratore del re Giovanni Rodrigues per una copia dell’epistolario di Coluccio Salutati, e Valasco Roderigi12 che, tramite un prestito concesso proprio dal banco Cambini, acquisì a Firenze alcuni libri tra cui un manoscritto di Terenzio ed un codice di Leonardo Bruni.

4Il monastero fiorentino guidato da Gomes, sul cui ruolo in curia ed in Portogallo avremo modo di tornare, appare dunque uno degli ambienti che nella prima metà del Quattrocento ebbe più intensi, frequenti e vari contatti con il Portogallo ed i principi della dinastia d’Aviz. Fu proprio nell’arco del xv secolo che la Badia Fiorentina entrò in possesso di un manoscritto miniato, di contenuto giuridico, che, per ragioni che vedremo in seguito, appare nella decorazione strettamente legato al regno di Portogallo.

  • 13 Il primo inventario completo della biblioteca del monastero di Santa Maria è ancora oggi conservat (...)
  • 14 Il manoscritto passò dalla biblioteca della Badia Fiorentina alla Biblioteca Magliabechiana (oggi (...)
  • 15 Mi riferisco in particolare al contributo di A. C. de la Mare, op. cit. ma anche a studi inerenti (...)

5Malgrado l’antica fondazione, la Badia Fiorentina ebbe una significativa raccolta di manoscritti solo a partire dagli anni Venti del Quattrocento, grazie alle donazioni e ai lasciti che si verificarono con continuità fino al Cinquecento e che furono propiziati dalla nuova guida offerta ai benedettini di Firenze proprio da Gomes Eanes. All’epoca in cui venne redatto il primo inventario completo della biblioteca13, la Badia possedeva circa 890 volumi: di questi, 35 codici e 26 testi a stampa contenevano opere di diritto civile e canonico. Di questo nucleo corposo, oggi in gran parte disperso, il codice in questione, il Conventi Soppressi A 4 2554 della Biblioteca Nazionale di Firenze14 rappresenta un caso di studio affascinante, per quanto poco conosciuto e del tutto ignorato nell’ambito delle testimonianze relative ai contatti tra Firenze e il Portogallo nel Quattrocento15.

6Le vie tramite cui il manoscritto potrebbe essere giunto nella biblioteca del monastero fiorentino sono riaffiorate solo tramite un’analisi del manufatto, dal momento che non sono state ad oggi reperite altre testimonianze intorno alla provenienza del codice: le possibilità d’indagine sono dunque offerte principalmente dallo studio dei dati iconografici, codicologici e paleografici. Come verrà illustrato nel prosieguo della trattazione, nel codice fiorentino la decorazione ed il testo risultano apparentemente dissociati ma riferibili a dinamiche di produzione simbiotiche, frutto delle reti di contatti intessuti a livello europeo dal Portogallo nel xv secolo.

II. L’apparato decorativo e illustrativo del codice fiorentino

Fig. 1 : Firenze, Biblioteca Nazionale Centrale, Conventi Soppressi A 4 2554, fo 1r.

Fig. 1 : Firenze, Biblioteca Nazionale Centrale, Conventi Soppressi A 4 2554, fo 1r.

La riproduzione dei manoscritto è stata autorizzata dagli enti di conservazione. È vietata ogni ulteriore riproduzione con qualsiasi mezzo.

  • 16 D’ora in avanti Conv. Soppr. A 4 2554. Il codice è stato reperito durante l’indagine sul fondo Con (...)
  • 17 Sono riassunti di seguito altri aspetti ricavati dallo studio del codice. Fascicolazione: 1-1610, (...)

7Il manoscritto Conventi Soppressi A 4 2554 della Biblioteca Nazionale di Firenze16 è cartaceo e composto da 171 fogli; come anticipato, contiene un testo giuridico, il Repertorium iuris di Giovanni Nicola de Milis17.

8La miniatura si concentra essenzialmente nel primo foglio: per il resto, l’apparato decorativo è limitato a iniziali filigranate a contrasto, in rosso e blu, e ad iniziali semplici alternate, anch’esse, in rosso o blu. Come richiesto anche dall’ordinamento alfabetico dei lemmi, le lettere filigranate maggiori si trovano ad ogni cambio di iniziale, mentre le singole voci presentano iniziali minori semplici in rosso o blu. Tutto il testo è scandito da segni di paragrafo rossi o blu, regolarmente alternati.

9Il foglio 1ro invece è interamente decorato, con un riquadro miniato posto ad introdurre la prima colonna di testo e un ricchissimo fregio marginale istoriato e decorato, che si estende nei quattro margini dello specchio scrittorio e nell’intercolunnio centrale che divide le due colonne di scrittura.

10Le scene dipinte nel fregio marginale del foglio 1ro possono leggersi, secondo la nostra interpretazione, in senso antiorario, partendo dal riquadro miniato, sorretto da due colonnine tortili, che introduce il testo nella prima colonna di scrittura: la figura rappresentata al suo interno è quella di un alto prelato, ritratto frontalmente a mezzo busto, abbigliato con una mitra e un piviale chiuso con un fermaglio, entrambi dorati e gemmati. Il personaggio appare in atteggiamento benedicente, affacciato a una finestra definita da pesanti cortine verde smeraldo e oro; alle sue spalle, completa la scena un baldacchino verde smeraldo. Le vesti del prelato sembrano riferibili alla personalità di un vescovo.

  • 18 Gli scudi sono visibili negli scontri corpo a corpo rappresentati sul lato sinistro. A causa delle (...)

11Nel bas de page è raffigurata una scena di assedio nella quale una flotta di velieri si dirige verso una città fortificata, mentre gruppi di soldati sulla terraferma assaltano le mura. Sulla destra si verifica uno scontro armato, mentre sulla sinistra è rappresentata la fuga dei civili dalla città. I soldati che giungono dal mare portano armature e scudi crociati, riconducibili, come vedremo, al regno di Portogallo; nella città, gli assediati sono invece armati di scudi bianchi con quattro simboli dorati18. Sulle porte di accesso si intravedono personaggi armati, di dimensioni maggiori rispetto a quelle dei cittadini e, sullo sfondo, un braccio di mare che sembra connotare geograficamente la città raffigurata.

12La scena del bas de page prosegue nel margine destro verso il quale sono orientati i personaggi in fuga, a piedi e a cavallo: dal basso, le figure si inerpicano verso l’alto, lungo una strada rocciosa che costeggia un corso d’acqua. Nel paesaggio prevalentemente brullo, inframezzato da ponti e castelli, si intravedono dei leoni ed un cigno; più in alto una scena bucolica, con un pastore che suona uno strumento a fiato circondato dal suo gregge, e nel punto più alto del margine esterno, una rocca con palme e minareti, come ideale punto d’arrivo degli esuli. La popolazione civile, rappresentata nell’atto di fuggire dalla città, indossa abiti orientali: tale elemento, insieme alla raffigurazione dei minareti che spiccano nel tessuto urbano così come l’aspetto delle torri, della vegetazione e della fauna nel margine esterno, contribuisce a supportare l’ipotesi che la scena sia riferibile ad un regno musulmano del nord Africa.

  • 19 L’abito nero degli angeli certamente appare insolito; non si può dire tuttavia se si tratti di una (...)

13Risultano slegati dal filo della narrazione i due piccoli angeli musici, in un insolito abito nero, che compaiono nel margine superiore del foglio, in corrispondenza della seconda colonna di scrittura19.

  • 20 Il riconoscimento dell’insegna poggia sul prezioso consiglio del professor João Portugal (Institut (...)

14L’impronta portoghese del manoscritto cui è stato finora alluso, si concentra in primo luogo nella scena d’assedio: nel parte inferiore della decorazione spicca infatti la presenza degli stemmi della famiglia reale portoghese d’Aviz, posti nella sezione centrale della pagina e distribuiti negli spazi tra le colonne di scrittura. La presenza di questi blasoni permette di collegare l’assedio alle vicende storiche del Portogallo risalenti alla prima metà del xv secolo. Gli stemmi si riferiscono, infatti, ai sei figli del re Giovanni I di Portogallo: da sinistra svettano, issate su lunghe lance, le insegne di Pietro d’Aviz (1392-1449), Ferdinando (1402-1443), Enrico il Navigatore (1394-1460), Giovanni (1400-1442) e infine di Alfonso, figlio naturale di re Giovanni I e conte di Barcelos (più tardi nominato duca di Braganza)20. La scena d’assedio è riferibile in particolare, a nostro avviso, al regno di Edoardo, figlio primogenito di Giovanni I, salito al trono nel 1433, in virtù della presenza della bandiera del regno, la prima in alto a sinistra nella scena.

  • 21 J. Veríssimo Serrão, História de Portugal. Formaçao di estado moderno (1415-1495), vol. II, Lisbon (...)

15È noto come la dinastia d’Aviz si fosse resa protagonista di numerose spedizioni navali, in particolare sulle coste dell’Africa; alla prima e più celebre che portò alla conquista di Ceuta (1415-1419) non presero parte però i figli cadetti dell’allora re Giovanni I, Giovanni e Ferdinando, poiché a quell’epoca erano troppo giovani21. Gli stessi due principi inoltre morirono prematuramente: la presenza delle loro bandiere nella decorazione del primo foglio del codice fiorentino porta quindi a collocare cronologicamente la realizzazione della miniatura entro un arco temporale compreso tra l’inizio del regno di Edoardo e la morte di Giovanni, ovvero tra il 1433 ed il 1442. Sappiamo inoltre che il principe Ferdinando trovò la morte nel 1443 a seguito di una spedizione di conquista sulle coste dell’Africa che prese avvio proprio durante il regno di Edoardo e si concluse con la sua prigionia.

  • 22 Come rivela una lettera inviata all’abate Gomes, sarebbe stata intenzione di Enrico condurre una l (...)
  • 23 I pareceres dei membri della famiglia reale sono stati pubblicati in Monumenta Henricina, cur. A.  (...)
  • 24 P. Russel, op. cit., p. 136-137.
  • 25 I timori di Edoardo ed i pareri dei principi sono riportati anche in R. de Pina, Chronica, op. cit (...)
  • 26 Eugenio IV dà il proprio appoggio alla crociata contro gli infedeli con la bolla Rex regum dell’8  (...)

16Insieme a Enrico il Navigatore, suo fratello, Ferdinando era infatti tra i più accesi sostenitori della necessità di un’azione risolutiva che portasse a termine il progetto di espansione avviato da re Giovanni I. Dopo la sua morte, Edoardo dette seguito ad una spedizione in Marocco guidata da suo fratello Enrico22: tutti i fratelli del nuovo re, compreso il conte di Barcelos e i suoi due figli, furono chiamati ad esprimere ufficialmente il proprio parere in merito all’opportunità di una guerra contro i Merinidi del regno di Fez23. Seguendo la ricostruzione di Russel, malgrado l’entusiasmo di Ferdinando ed Enrico, il primo intenzionato a imbarcarsi in una lunga guerra mirata al diretto controllo del Marocco24, il secondo in cerca di gloria militare, Edoardo aveva tenuto un atteggiamento più cauto, condiviso anche da Giovanni, Pietro e Alfonso25. Alla fine, Edoardo si era orientato sulla ricerca del sostegno papale, nell’ottica di condurre una guerra contro gli infedeli: ottenuta l’approvazione della crociata, tutti i principi si dedicarono ai preparativi della spedizione26.

  • 27 La data della partenza della flotta si ricava da una lettera del segretario reale Rui Galvão del 1 (...)
  • 28 I dettagli dei preparativi alla spedizione sono ben riassunti in P. Russel, op. cit., p. 169-170; (...)
  • 29 Secondo P. Russel, op. cit., p. 175 (nota 20) Edoardo aveva posto particolare accento sul ristrett (...)
  • 30 P. Russel, op. cit., p. 179.

17L’impresa partì da Lisbona alla volta delle coste del Marocco nell’agosto del 143727: la flotta, capitanata da Enrico, con Ferdinando come comandante in seconda, si sarebbe diretta a Ceuta e da lì a Tangeri. Edoardo e Pietro si sarebbero avvicinati al teatro di guerra spostandosi in Algarve per essere pronti a portare aiuti alla spedizione in caso di necessità28.Tuttavia, come ammise solo più tardi Edoardo, la flotta portoghese si era trovata a corto di navi e un terzo dei soldati preventivati non aveva potuto prender parte alla spedizione29. Nei primi giorni di settembre, gli uomini di Enrico si erano messi in marcia da Ceuta verso Tangeri, mentre Fernando raggiungeva via mare la città con altre truppe. I portoghesi posero il loro campo tra le mura di Tangeri e Capo Spartel e tentarono un assedio. Il primo assalto tuttavia fallì per i gravi problemi di equipaggiamento che aveva incontrato la spedizione e per la scarsa conoscenza del territorio con cui era stata tentata la presa della città30. Guidato dal suo temperamento, Enrico rimase deciso nel continuare con l’assedio, mentre ingenti rinforzi guidati dal comandante Abu Zakariya Yahya ibn Ziyan al-Wattasi giungevano in aiuto delle forze marocchine.

  • 31 Il documento è attestato in una copia del xvi secolo ed è stato pubblicato in Monumenta Henricina, (...)
  • 32 M. Elbl, « Contours of Battle. Chronicles, GIS and topography – a spatial decoding of the portugue (...)
  • 33 « D. Fernando, Infante », Dicionário de História de Portugal, cur. J. Serrão, vol. II, Lisbona, Li (...)

18A ottobre il principe Enrico era stato costretto a firmare la capitolazione con Salah ben Salah, comandante della guarnigione di Tangeri31: l’accordo prevedeva che il principe Ferdinando rimanesse prigioniero fino a quando Ceuta non fosse tornata al sultanato del Marocco32. Per impedire al fratello Edoardo di cedere Ceuta in cambio della sua libertà, pare che Ferdinando avesse scelto coraggiosamente di rimanere ostaggio; dopo aver passato sei anni in prigione, morì nel 1443 guadagnandosi il titolo di « principe santo »33.

  • 34 Benché gli arazzi siano successivi al codice, la rappresentazione della città sotto assedio che si (...)

19L’identificazione di alcuni elementi della miniatura, in particolare le navi portoghesi, le bandiere dei principi, la città sotto assedio, nonché certi dettagli quali la raffigurazione della popolazione civile e della geografia del luogo, portano a credere che il foglio rechi una raffigurazione dell’assedio di Tangeri del 1437. Tale ipotesi poggia dunque sulla possibilità di riconoscere nella scena ritratta alcuni momenti della spedizione militare cui presero parte i principi portoghesi fratelli di Edoardo e trova riscontro anche in successive rappresentazioni della città, come negli arazzi di Pastrana34.

  • 35 Nel 1438 la notizia era già arrivata all’abate della Badia, il portoghese Gomes Eanes; a gennaio t (...)

20A tale ipotesi sembra però necessario aggiungere un’ulteriore riflessione. Considerato l’infausto esito dell’impresa, la realizzazione del codice si colloca probabilmente ante 1438. Dobbiamo immaginare infatti che al momento della realizzazione di una miniatura d’intonazione celebrativa quale appare quella del codice del Repertorium di de Milis, fosse ancora lontana la notizia della capitolazione di Enrico e della cattura del principe Ferdinando. Agli inizi del 1438 le voci della disfatta si erano pienamente diffuse in ambienti vicini alla sede apostolica35: è probabile dunque che il primo foglio del Conv. Soppr. A 4 2554 fosse stato miniato prima di quell’anno.

21Alla luce di quanto esposto, la raffigurazione del primo foglio non sembra avere un legame diretto con il contenuto del codice, né con l’autore dell’opera. Nella decorazione della prima pagina, infatti, non compaiono elementi che portino a ipotizzare l’esistenza di un chiaro rapporto tra immagine e testo del Repertorium.

  • 36 Archivio Apostolico Vaticano, Registra Lateranensia 365, f92v-95r; i consulta si trovano nel cod (...)

22Vi era certamente un forte interesse verso l’opinione della Chiesa nella mente del re Edoardo nel momento in cui si era accostato al progetto della crociata in Marocco. Il regnante si era voluto assicurare che il papa avesse la piena autorità di concedere a principi cristiani di intraprendere in suo nome guerre di conquista verso stati non cristiani e si era perciò rivolto ad Eugenio IV per avere l’approvazione papale. Il papa aveva risposto alla preghiera del re emanando la bolla Rex regum e delegando la formulazione di un parere giuridico ad Antonio Minucci da Pratovecchio e Antonio da Roselle; i due giuristi, entrambi professori allo Studium bolognese, avevano inviato quindi due distinti consulta in cui venivano affrontate generiche questioni di ambito civile e canonico in riferimento alla sanzione papale su guerre di conquista contro popolazioni pagane e musulmane, senza rivolgersi mai direttamente alla questione della crociata portoghese36.

  • 37 L’analisi dello stile della miniatura è frutto della consulenza di Maria Alessandra Bilotta (Unive (...)

23Malgrado la centralità delle implicazioni giuridiche della spedizione in Marocco, il contenuto del manoscritto non sembra avere un diretto legame con l’evento a cui il foglio miniato sembra fare riferimento. L’autore del Repertorium, come vedremo, era stato un membro della Sacra Rota sotto Eugenio IV, ma non è noto ad oggi un legame della sua attività giuridica con la spedizione portoghese su Tangeri. Nell’illustrazione del primo foglio del manoscritto, opera di un artista iberico con forti influenze fiamminghe37, la presenza della figura del vescovo benedicente, degli stemmi dei principi e del regno di Portogallo portano certamente in primo piano un contesto di rapporti concilianti tra potere civile ed ecclesiastico.

III. La scrittura

24Quanto emerge dallo studio della miniatura è meritevole di un confronto con i primi risultati di un’analisi della scrittura in cui è vergato il manoscritto della Badia Fiorentina. La formazione del copista del Repertorium dovette collocarsi molto probabilmente in un panorama grafico gotico: il testo si presenta in una scrittura che potremmo definire bastarda, di mano non italiana, mentre i lemmi sono in littera textualis, di modulo grande, e gli incipit delle sezioni interne in un alfabeto misto di onciali e maiuscole di derivazione capitale.

25Nella scrittura del Repertorium compaiono però anche elementi tipici della scrittura umanistica, la littera antiqua quattrocentesca, benché poco assimilati: legatura, s dritta usata in fine di parola, g in forma di due piccoli cerchi collegati (questa alternata ad una variante con la curva inferiore realizzata in una forma simile ad una S). Le varianti umanistiche appaiono gestite con poca confidenza, come si nota soprattutto nella realizzazione di &; sono minoritarie anche nei primi fogli e del tutto assenti nella seconda metà del codice. Prendendo a campione tre fogli, all’inizio, al centro e alla fine del codice, al fo 2ro& è usata una sola volta, a fronte di altre 12 circostanze in cui la congiunzione si trova scritta per esteso, mentre ai fo 86ro e 171ro non vi è nessuna occorrenza. L’uso della nota tachigrafica 7 è però raro in tutte le parti del codice. La distribuzione dell’uso di s dritta in fine di parola è molto simile a quella di &, con occorrenze al fo 2ro che sono comunque minoritarie rispetto ad s tonda; anche l’uso di s dritta in fine di parola degrada poi nell’avanzare dei fogli, fino a scomparire del tutto. Si riconosce una tendenza peculiare della mano nella proliferazione di segni abbreviativi lunghi e sottili, spesso raddoppiati in un occhiello; la d’onciale, unica variante usata dal copista, è caratterizzata da un corpo quasi romboidale e un’asta molto inclinata. La scrittura nel complesso è caratterizzata da un tratteggio regolare, ma senza ambizioni di ricercatezza ed eleganza. Alla luce degli elementi fin qui presentati, è possibile che lo scriba avesse una certa consuetudine con contesti di cancelleria e non fosse necessariamente un copista di professione.

26I lemmi del Repertorium si presentano invece in scritture di modulo maggiore: sono in una textualis distintiva, tranne nei casi in cui si trovano in apertura di una nuova sezione ovvero in corrispondenza del cambio di iniziale dei lemmi, per via della scansione alfabetica del repertorio. In questi casi sono vergati in un alfabeto misto composto da capitali rustiche, con alcune lettere inchiavardate (ad esempio al fo 152v), e onciali. Nella gestione del tratteggio delle capitali, il copista appare esitante, diversamente da quanto si può constatare per le sezioni in textualis. Con i lemmi in gotica l’ignoto scriba mostra infatti una maggiore dimestichezza: la scrittura è regolare e il tratteggio costante. I tratti della textualis sono inoltre per lo più spezzati: le lettere curve, in particolare c’o (visibili al fo 1r) sono risolte in forme romboidali, secondo una tendenza che si riscontra occasionalmente anche nella corsiva del testo. Nei lemmi in textualis si riscontra inoltre una variante peculiare di a, caratterizzata da un corpo triangolare e un tratto superiore molto sviluppato e chiuso in un occhiello ampio e sottile.

  • 38 S. Zamponi, « La scrittura umanistica », Archiv für Diplomatik, 50, 2004, p. 467-505; la prima fas (...)
  • 39 P. Supino Martini, « Orientamento per la datazione e la localizzazione delle cosiddette litterae t (...)

27Sebbene l’aspetto delle scritture usate nel testo e nei lemmi porti ad escludere che si tratti di uno scrivente italiano, elementi quali &legatura, l’uso di s dritta in fine di parola e le lettere capitali lasciano pensare che lo scriba fosse entrato in contatto con scritture umanistiche. I dati forniti dalla datazione della miniatura e, come vedremo, del testo, sembrano confermare la possibilità di un lavoro di copia collocabile cronologicamente in un’epoca in cui la littera antiqua si era ampiamente diffusa in Italia38. Altre tendenze riscontrate nella scrittura del testo e soprattutto nelle parole dei lemmi del Repertorium sembrano però avere legami con le litterae textuales iberiche, soprattutto nella spezzatura del tratteggio e nella risoluzione in forme romboidali dei corpi curvi, nella riduzione del chiaroscuro e nella ricorrenza di filamenti39.

  • 40 Sulla presenza di giovani portoghesi a Padova sono offerti in particolare in P. Sambin, Ricerche d (...)
  • 41 C. de Witte, op. cit., p. 698.

28Il quadro offerto dalla scrittura, in cui si evidenziano la base gotica di provenienza iberica e l’innesto di varianti umanistiche poco assimilate, sembra riconducibile in definitiva ad un contesto di contatti e ibridazioni, quale poteva essere la condizione di uno scrivente straniero residente in Italia. Lo scriba del Conv. Soppr. A 4 2554, benché non necessariamente copista di professione, doveva essere inoltre allenato almeno nella produzione di scritture di cancelleria e vicino ad un ambiente di intensa circolazione di libri che gli permettesse di entrare in contatto e sperimentare personalmente alcuni elementi della littera antiqua, pur senza appropriarsene completamente. Riguardo alla provenienza dello scrivente, tenendo conto anche della forte impronta portoghese della miniatura, è opportuno segnalare come nel Quattrocento la presenza di studenti portoghesi fosse ben attestata e diffusa in Italia: a Padova40, dove l’università rappresentava un importante polo di attrazione, ma anche a Firenze ed infine a Bologna dove re Edoardo, in procinto di prendere una decisione in merito alla crociata, aveva fatto pervenire nel 1436 una propria delegazione guidata dal conte di Ourém per incontrare Eugenio IV41.

IV. La provenienza

  • 42 Metà del tracciato della filigrana è poco visibile anche a causa della sua posizione: una parte ri (...)
  • 43 C. M. Briquet, Les filigranes. Dictionnaire historique des marques du papier dès leur apparition v (...)
  • 44 D’ora in avanti Conv. Soppr. 263.
  • 45 Il codice Bilioteca Medicea Laurenziana, Conv. Soppr. 263 infatti fu acquistato dal monastero, com (...)

29Il manoscritto, come già detto, è cartaceo: la filigrana, appena visibile42, è riconducibile al tipo basilic del Briquet. La tipologia, secondo Briquet, era molto diffusa in Francia, Italia e Germania; quella che compare nel codice rientra nel gruppo delle forme italiane, ma non trova un riscontro palmare nei repertori43. Tra le filigrane riprodotte, i confronti più significativi si pongono per un nucleo di forme databili tra gli inizi e la prima metà del xv secolo e provenienti dall’Italia centro-settentrionale, in particolare dall’Emilia-Romagna. Si possono segnalare nella fattispecie Briquet 2639, 2641, 2642, 2661, 2666, che si collocano rispettivamente a Ferrara (1415), Reggio Emilia (1439), Ferrara (1404) e Ferrara (1442): tali esempi mostrano differenze piccole o minime rispetto alla filigrana del codice del Repertorium. Ad ulteriore sostegno di un’ipotesi di provenienza ferrarese del supporto, una filigrana presumibilmente identica a quella del Conv. Soppr. A 4 2554 si rintraccia – solo per una fortunata coincidenza – in un altro codice proveniente dalla Badia Fiorentina, il Conventi Soppressi 263 della Biblioteca Medicea Laurenziana di Firenze44. Il Conv. Soppr. 263 reca una filigrana basilic che non trova neppure in questo caso un esatto riscontro nei repertori. Quest’ultimo codice è datato 1439 e sottoscritto da Angelo Decembrio che lo realizzò a Ferrara, come è ulteriormente confermato dalla nota di possesso di Francesco Ariosto Peregrino, funzionario degli Estensi (ca. 1415-1484), al fo 1ro. I due manoscritti giunsero poi entrambi alla Badia Fiorentina ma molto probabilmente per vie diverse: mentre il codice di mano di Decembrio, contenente una silloge di testi di storia romana, venne certamente acquistato dal monastero alla fine del Quattrocento45, il manoscritto di Giovanni de Milis non sembra essere stato comprato. La presenza di una filigrana presumibilmente identica a quella del Conv. Soppr. A 4 2554 su di un codice realizzato a Ferrara nel 1439, porta però a ritenere che l’ipotesi di una simile provenienza sia sostenibile.

  • 46 I soggiorni fiorentini di Eugenio IV sono accuratamente ricostruiti in L. Boschetto, Società e cul (...)

30Sul codice operarono professionalità di origine e formazione diversa, nel lavoro di copia e nella realizzazione della miniatura. Inoltre, il contenuto del codice, un lemmario ad uso degli specialisti del diritto canonico, e la presenza di varianti di lettera tipiche della scrittura umanistica, porta a formulare l’ipotesi che la produzione del Repertorium possa essere legata ad un contesto in cui potevano verificarsi scambi fra dotti di diverse provenienze e umanisti italiani, quale poteva essere l’ambiente della curia papale all’epoca del Concilio di Basilea e di Ferrara. Dal 1436 Eugenio IV si trovava a Bologna: l’avrebbe lasciata solo il 23 gennaio del 1438 per unirsi alla prima sessione del concilio di Ferrara apertasi l’8 di quel mese nella cattedrale di San Giorgio46. Nell’ottobre del 1436 il papa aveva inviato proprio da Bologna la Bolla Rex Regum con cui concedeva il proprio appoggio alla crociata: tale documento assicurava al Portogallo il diritto di far guerra contro « saracenos et alios infideles ».

  • 47 La biografia dell’abate Gomes è stata ripercorsa in una serie di contributi tra i quali ricordiamo (...)

31Come ricordato in apertura a questo contributo, tra il 1419 e il 1440, il monastero fiorentino cui fu poi destinato il manoscritto, era retto dall’abate portoghese Gomes Eanes che rivestì proprio in quegli anni un ruolo di primo piano sia per il papa che per il re Edoardo47.

  • 48 Una più precisa datazione del viaggio è stata fissata in R. Costa Gomes, A Portuguese abbot… op. c (...)
  • 49 BML Ashb. 1792, II, fasc. ii, 6 e fasc. iii, 16; R. Costa Gomes, A Portuguese abbot…, op. cit., p. (...)
  • 50 BML, Ashb. 1792, II, fasc. i, 18, 19; Costa Gomes, A Portuguese abbot… op. cit., p. 335-339; in un (...)
  • 51 Biblioteca Medicea Laurenziana, Ashb. 1792, I, fasc. i, 3, 4; Costa Gomes, A Portuguese abbot… op. (...)
  • 52 Il regno di Castiglia aveva reagito alle concessioni di Eugenio IV a Edoardo rivendicando i propri (...)
  • 53 Biblioteca Medicea Laurenziana, Ashb. 1792, I, fasc. i, 17; R. Costa Gomes, A Portuguese abbot…, o (...)
  • 54 Biblioteca Medicea Laurenziana, Ashb. 1792, I, fasc. i, 6; ibid., p. 392-395. A queste istruzioni (...)
  • 55 Ne resta traccia, nella bozza della supplica al papa scritta di propria mano da Gomes, nella menzi (...)
  • 56 Ibid., p. xvii-xviii.
  • 57 J. Veríssimo Serrão, op. cit., p. 50.

32Proprio alla fine del 1436, Gomes aveva portato a termine il secondo viaggio in Portogallo avviato nel settembre 143548: in quell'occasione, partito come nunzio apostolico con il compito di mediare tra il papa e il regnante portoghese, fu accolto nel consiglio del re Edoardo e fu incaricato di riferire di fronte al papa in difesa degli interessi portoghesi. Con il delinearsi della crociata, la personalità di Gomes e la sua influenza nel mondo ecclesiastico si rivelarono sempre più preziose per i principi d’Aviz. Nel 1435 l’abate aveva inoltrato a Eugenio IV varie suppliche per la concessione di privilegi e indulgenze per componenti della famiglia reale portoghese49, tra cui l’affidamento a Ferdinando dell’amministrazione patrimoniale dell’ordine militare d’Aviz; già in quell’occasione Gomes aveva avuto modo di sondare la disposizione del papa verso una crociata guidata dal Portogallo, trovandolo favorevole. Edoardo aveva quindi nominato un proprio legato permanente in curia per dar seguito alle proprie istanze, rispondendo probabilmente anche ad una sollecitazione dello stesso Gomes50. La testimonianza offerta dalla raccolta di lettere dell’abate della Badia Fiorentina mostra chiaramente il suo impegno costante nel supporto alla famiglia reale soprattutto nel 1437. A Firenze, Gomes riceveva pressanti indicazioni di Edoardo in previsione dei colloqui con il papa: nel gennaio del 1437 il re chiedeva che venissero garantite l’autonomia delle diocesi e degli ordini militari portoghesi rispetto al regno di Castiglia51 nonché il pieno supporto all'azione che si stava avviando in nord Africa, riponendo piena fiducia nell’abilità diplomatica del suo consigliere52. La corrispondenza con il re, assidua per tutto il 1437, gravitava quasi esclusivamente attorno alle delicate questioni da riferire a Eugenio IV, come si nota nella ripetizione del contenuto delle missive nei mesi di marzo53 e maggio del 143754, quando i preparativi per la spedizione erano già iniziati55. Nel momento in cui la personalità di Gomes era giunta all’apice della sua influenza in curia56, gran parte della sua corrispondenza era stata assorbita dalle relazioni con la famiglia d’Aviz, in particolare Edoardo e Leonora, i principi Pietro e Ferdinando, diplomatici e altri personaggi del mondo ecclesiastico e nobiliare della corte lusitana. Nei preparativi della spedizione, Gomes si era rivelato dunque un personaggio chiave per l’acquisizione ed il mantenimento dell’appoggio papale57.

  • 58 Biblioteca Medicea Laurenziana, Ashb. 1792, I, fasc. vii, 7c; R. Costa Gomes, A Portuguese abbot…,(...)
  • 59 Di tale celebrazione Gomes fece informare poi il cardinale Branda Castiglioni tramite Timoteo Ricc (...)
  • 60 Biblioteca Medicea Laurenziana, Ashb. 1792, I, fasc. ix, 6a; ibid., p. 427-428.
  • 61 L’abate Gomes viene informato dal monaco Timoteo Ricci che gli scrive il giorno stesso da Bologna: (...)

33Nel luglio del 1437 le flotte erano ormai pronte a partire, con il principe Enrico a capo dell’esercito in partenza da Lisbona e Pietro pronto ad unirsi con altri nobili e cavalieri da Porto58. Nel giorno dell’inaugurazione della crociata, si tenne una cerimonia pubblica a Lisbona alla presenza dei regnanti, nella chiesa di Santa Maria do Carmo, seguita da una processione in cui venne resa pubblica la bolla Rex regum59. Ad agosto Gomes veniva informato delle voci che circolavano in curia, a Bologna, sulle prime fasi della spedizione guidata da Enrico60. A conferma della benedizione concessa dal papa alla crociata, l’8 ottobre del 1437 Eugenio IV celebrò a Bologna una messa solenne per il re del Portogallo, un gesto che fu fortemente sollecitato dallo stesso Edoardo61.

  • 62 A. J. Dias Dinis (dir.), Monumenta Henricina…, op. cit., vol. VI, p. 210-212.
  • 63 Biblioteca Medicea Laurenziana, Ashb. 1792, I, fasc. vii, 12; R. Costa Gomes, A Portuguese abbot…,(...)
  • 64 Biblioteca Medicea Laurenziana, Ashb. 1792, I, fasc. iii, 10; ibid., p. 480-482.
  • 65 Biblioteca Medicea Laurenziana, Ashb. 1792, I, fasc. ix, 3; ibid., p. 490-491.

34Il 17 ottobre il Portogallo aveva già siglato l’atto di resa a seguito del fallimento dell’assedio di Tangeri62, ma le notizie sull’andamento della crociata erano giunte in Italia con un notevole ritardo: solo a dicembre infatti Gomes riceveva aggiornamenti dal cubicolario papale Gonçalo Anes de Óbidos circa i rumores circolanti in curia, secondo cui i principi Pietro e Giovanni e il conte Alfonso erano dovuti salpare in soccorso di Enrico e Ferdinando63. Gonçalo aveva poi confermato il tragico esito della spedizione in una lettera del gennaio 143864; a febbraio, il mercante Alfonso Eanes riferiva a proposito della complessa situazione seguita alla cattura del principe Ferdinando, in cui Edoardo aveva trovato il consiglio diviso tra l’opinione di Pietro, a favore di una resa di Ceuta in cambio della libertà del fratello, e quella di Giovanni e del conte di Barcelos che puntavano a salvare Ferdinando senza perdere Ceuta65.

35Per gli anni della crociata contro il Marocco emerge con chiarezza il ruolo di Gomes Eanes, grazie soprattutto alle testimonianze offerte dalla sua raccolta di lettere, ed è forte la tentazione di vedere nell’abate della Badia Fiorentina un possibile destinatario del manoscritto. Resta tuttavia ancora da stabilire il momento in cui il codice approdò nel monastero fiorentino.

  • 66 La prima testimonianza completa sul contenuto della biblioteca risale infatti ai primi anni del Ci (...)
  • 67 « Iste liber est Congregationis Sanctae Iustinae ordinis sancti Benedicti deputatus monasterio San (...)
  • 68 I codici latini della Badia Fiorentina finora rintracciati sono 210; sono conservati principalment (...)
  • 69 « finito, a 113, signatus 19 »: la segnatura, che compare su una delle carte di guardia anteriori, (...)

36Sulla base delle fonti a disposizione, potremmo dire soltanto che il codice del Repertorium dovette giungere alla Badia Fiorentina prima della fine del Quattrocento66. Sul verso del foglio di guardia anteriore del codice è presente una nota di possesso del monastero67 vergata da una mano di fine Quattrocento che appose identiche note su altri 22 codici latini tra quelli tuttora conservati68. La nota menziona l’appartenenza del monastero alla Congregazione di Santa Giustina ed è perciò collocabile tra il 1419 ed il 1504 quando il nome della congregazione mutò in Cassinese, anche se tra il 1428 ed il 1437 la Badia Fiorentina uscì dalla Congregazione proprio per iniziativa di Gomes. Sul codice resta traccia anche di un’altra segnatura riferibile ad una collocazione precedente alla sistemazione cinquecentesca attestata dal catalogo: benché possiamo supporre che tale iniziativa dovette avvenire comunque nella seconda metà del Quattrocento, molti dei codici coinvolti si trovavano nel monastero già dagli anni Trenta e Quaranta del secolo. Tra i codici che mostrano le stesse segnature troviamo infatti tutti i manoscritti del lascito di Antonio Corbinelli69.

37Sulla base delle testimonianze in nostro possesso, non possiamo dunque stabilire più precisamente il momento di arrivo del codice nel monastero. La centralità del rapporto tra Gomes Eanes e la casa regnante d’Aviz negli anni di preparazione e avvio della crociata porta tuttavia ad ipotizzare che l’abate portoghese potesse essere stato individuato come destinatario del manoscritto in cui era miniata la spedizione che aveva significativamente contribuito ad avviare proprio all’epoca del suo abbaziato alla Badia Fiorentina.

V. Il contenuto del codice

  • 70 Così secondo J. F. von Schulte, op. cit., p. 299-300.

38L’ipotesi di una datazione del codice che consideri la fine dell’anno 1437 come terminus ante quem per la realizzazione della miniatura, implica inevitabilmente che il testo contenuto nel manoscritto sia precedente. Il Repertorium di de Milis tuttavia non ha una datazione all’anno ed è stato finora collocato in un arco cronologico compreso tra gli anni Trenta e Quaranta del Quattrocento70.

  • 71 Ibid., p. 300.
  • 72 L’esistenza di una biografia di Vespasiano da Bisticci porterebbe però a ritenere che avesse almen (...)
  • 73 V. da Bisticci, Le vite, dir. A. Greco, vol. II, Firenze, Istituto Nazionale di Studi sul Rinascim (...)
  • 74 C. Cartario, Advocatorvm Sacri Consistorii Syllabvm, Roma, Zenobio Masotto, 1656, p. xxiii. L’oper (...)
  • 75 E. Capriolo, Delle historie bresciane, Brescia, Pietro Maria Marchetti, 1585, vol. VII, p. 145. Il (...)

39L’opera contenuta nel manoscritto fin qui presentato è un repertorio di diritto civile e canonico articolato in 463 voci, da Absenti, lemma da cui prende nome lo stesso repertorio71, fino a Uxor. L’autore del Repertorium, Giovanni Nicola de Milis (attestato anche come Milis, de Miliis o Emilis e Miglio) era un giurista originario Brescia, utriusque iuris doctor, attivo intorno alla prima metà del Quattrocento come avvocato e come uditore della Sacra Rota a Roma. È possibile che Vespasiano da Bisticci avesse indicato de Milis come romano nella Vita a lui dedicata proprio in relazione a quest’ultimo dato biografico: non era dunque originario di Roma ma era stato per molti anni avvocato concistoriale sotto Martino V72. Nella breve biografia, Vespasiano non manca di menzionare l’attività come giurista e canonista ma cita, tra le sue opere, solo il Repertorium73. Dell’impiego come avvocato concistoriale ci parla anche Cartari, circa due secoli dopo, nella biografia di de Milis posta all’interno dell’Advocatorum Sacri Consistorii Syllabum, in cui si dice che de Milis era di origine bresciana e aveva il doppio nome di Giovanni Nicola, anche se nelle edizioni a stampa del Repertorium si trova indicato soltanto come Nicola74. Cartari riportava tuttavia anche un estratto dalle Historie Bresciane di Elia Capriolo in cui il giurista, citato in questo caso con il cognome italiano di Miglio, veniva posto – a tutti gli effetti erroneamente – nel pieno del xiv secolo 75.

  • 76 Königsberg, Staats- und Universitätsbibliothek Königsberg, ms. 90, fo 250rA-272rB; si tratta del c (...)

40Giovanni Nicola de Milis fu anche autore di uno scritto processuale, le Allegationes in causa brabantina matrimoniali pro duce, relativo alla conclusione del matrimonio tra Giovanni IV duca di Brabante e Giacobina di Hainaut, celebrato nel 1418: tale opera sembra essere attestata, stando a Schulte, da almeno un manoscritto conservato, un codice cartaceo del xv secolo76.

  • 77 F. Delivré, « Le De scismate de Francesco Zabarella: textes et contextes », cur. C. M. Valsecchi, (...)
  • 78 Sulla tradizione manoscritta e a stampa dell’opera vedasi J. Miethke, « Die handschriftliche Überl (...)

41Se dunque le coordinate temporali note dell’attività di de Milis si attestano intorno ai decenni centrali del Quattrocento, per collocare più precisamente Giovanni Nicola de Milis nel contesto della storia del diritto, è opportuno ricordare inoltre l’esistenza di un consilium prodotto da de Milis nel 1433, in cui il giurista si interrogava sul capitolo Licet del Concilio di Costanza77, inserendosi nel solco di Francesco Zabarella con la ripresa del Tractatus de schismate78.

  • 79 S. Di Paolo, Verso la modernità giuridica della Chiesa. Giovanni Francesco Pavini (ca. 1424-1485): (...)

42Si segnala infine come nel Repertorium, alla voce lex, Milis avesse sostenuto per primo una posizione poi condivisa dal giurista Giovanni Francesco Pavini (1424-1485), suo collega come uditore della Sacra Rota, secondo cui doveva essere riconosciuto valore legislativo anche alle regole di cancelleria che avrebbero perso valore alla morte del pontefice sotto cui erano state emanate. Nell’esprimere tale posizione, Pavini riprendeva in termini molto vicini quanto era stato espresso da de Milis79.

  • 80 Le prime edizioni furono stampate a Louvain e a Roma nel 1475; l’edizione di Roma è conservato pre (...)

43Quanto alla tradizione dell’opera più famosa del giurista bresciano, benché il testo del Repertorium sia stato trasmesso prevalentemente a stampa, con la prima edizione del 147580, un’indagine sui testimoni manoscritti permette di chiarire alcuni aspetti della circolazione del testo e porre il codice fiorentino in rapporto con esemplari coevi dell’opera.

Fig. 2 : Wroclaw, University Library, II F 99, fo 1r

Fig. 2 : Wroclaw, University Library, II F 99, fo 1r

La University Library di Wroclaw è proprietaria degli originali

  • 81 Il codice è citato in J. Fvon Schulte, op. cit., vol. II, p. 300. La University Library di Wrocl (...)
  • 82 Per questo ed altri manoscritti rimando alla banca dati Mirabile web: http://www.mirabileweb.it/ma (...)
  • 83 Una breve scheda sul codice è disponibile in rete all’interno della banca dati Mirabile web: http: (...)
  • 84 Per questo codice, sottoscritto dal copista Guglielmo Meleto, v. Catálogo de los manuscritos juríd (...)
  • 85 Come l’altro codice di Wroclaw, anche questo è menzionato in J. F. von Schulte, op. cit., p. 300. (...)
  • 86 Il codice è inserito nella banca dati di Mirabile web: http://www.mirabileweb.it/manuscript/eichst (...)

44Pur dovendo limitare la ricerca a repertori digitali e cataloghi di biblioteche, è stato possibile rintracciare un nucleo piuttosto corposo di testimoni manoscritti quattrocenteschi. Tra i 13 testimoni rintracciati, un buon numero di codici sono datati e si collocano in un arco cronologico che si attesta tra gli anni Cinquanta e Sessanta del Quattrocento. Si tratta dei codici II F 99 della University Library di Wroclaw81 e Jur. 30 della Staatsbibliothek di Bamberga82 datati entrambi 1455, del manoscritto 1555 della Biblioteca Comunale di Trento83 e del codice 2078 della Biblioteca Capitolare della Seu d’Urgell84, datati entrambi al 1458; del manoscritto Bibliothèque Municipale 516 della Bibliothèque d’Agglomeration di Saint-Omer, datato 1462, del manoscritto II F 100 della University Library di Wroclaw, datato 146685, del codice D 6 della Biblioteca Capitolare di Padova concluso nel 1467 ed infine del volume St. 509 della Universitätsbibliothek di Eichstätt, datato 146886.

Fig. 3 : Wroclaw, University Library, II F 100, fo 1r

Fig. 3 : Wroclaw, University Library, II F 100, fo 1r

La University Library di Wroclaw è proprietaria degli originali

  • 87 Il codice è interamente digitalizzato e reperibile all’indirizzo: https://bvmm.irht.cnrs.fr/result (...)
  • 88 J. F. von Schulte, op. cit., p. 300. I due codici sono solo inseriti ma non descritti nel catalogo (...)

45Alcuni di questi codici erano già noti a Schulte, in particolare il codice Bibliothèque Municipal 516 della Bibliothèque d’Agglomeration di Saint-Omer87, sottoscritto da Egidium Peppini nel 1462 e realizzato nel Collegio di Boncourt a Parigi, insieme ai due manoscritti della Biblioteca Universitaria di Wroclaw88. Il manoscritto Conventi Soppressi della Biblioteca Nazionale di Firenze non era invece noto a Schulte, né sembra essere stato preso in considerazionce Rossini 1085 della Biblioteca Apostolica Vaticana, di origine pado.

46Tra i codici datati rintracciati, l’Aug. Pap. 117 della Badische-Landes Bibliothek di Karlsruhe appare il più vicino per datazione al codice fiorentino. Il copista del codice di Karlsruhe si sottoscrive al fo 345ro e si presenta come Ioannes Steynmetz, canonico di Reichenau89. Nella sottoscrizione, Ioannes Steynmetz afferma di aver prodotto il codice per sé (« manu mea […] meum librum ») e di aver concluso la copia nel 1442, fatto che garantisce la possibilità che il testo del Repertorium circolasse già agli inizi degli anni Quaranta del Quattrocento.

47Il codice tedesco è evidentemente una copia ad uso personale, come attesta anche la sottoscrizione del copista e come si nota osservandone formato (mm 281 × 203) e decorazione. Nella produzione del Conv. Soppr. A 4 2554, invece, ci sfuggono una serie di dati circa l’ambiente di produzione del codice e la sua destinazione, vale a dire se fosse stato concepito prevalentemente come oggetto celebrativo o come strumento di studio. La decorazione del codice di Karlsruhe, benché realizzata molto probabilmente dal copista, appare più in linea con gli altri esemplari del repertorio giuridico di de Milis di quanto non lo sia quella del codice fiorentino.

  • 90 Le dimensioni dei manoscritti citati sono: per il ms. Aug. Pap. 117 della Badische-Landes Biblioth (...)

48L’indagine sui codici del Repertorium ha evidenziato un nucleo di caratteristiche variamente ricorrenti nella produzione dei testimoni dell’opera, in un contesto che può vantare, come è stato segnalato, un alto numero di copie prodotte in un arco di tempo circoscritto. I manoscritti sono in primo luogo tutti cartacei; il codice della Seu d’Urgell, il manoscritto D 6 della Biblioteca Capitolare di Padova, il Vaticano Rossiano 1085, il codice di San Gallo, di Bamberga, della Seu d’Urgell e di Trento si presentano a due colonne come il codice fiorentino, mentre solo nei codici di Wroclaw, di Saint-Omer e nel manoscritto di Karlsruhe il testo è copiato a piena pagina. Per tre codici datati, quello di Karlsruhe, il codice di Sant-Omer e quello della Seu d’Urgell, il formato è simile e appare nel complesso inferiore a quello del codice fiorentino, del padovano e di quello del ms. Vaticano Ross. 1085 che hanno tutti dimensioni molto vicine tra loro 90.

49Tutti i codici citati presentano iniziali filigranate in apertura delle sezioni alfabetiche e iniziali minori semplici, rosse o blu, per le singole voci del repertorio; sebbene si presentino a livelli diversi di realizzazione, sono complessivamente coerenti nell’organizzazione. In questo panorama il codice Conv. Soppr. A 4 2554 risulta invece ad oggi l’unico che ospita una decorazione tanto ricca, benché concentrata in un solo foglio. La miniatura del codice della Badia appare dunque di per sé un elemento di eccezionalità anche tra i codici noti del Repertorium.

  • 91 V. « Baldo degli Ubaldi », Dizionario biografico dei giuristi italiani, cur. I. Birocchi, E. Corte (...)
  • 92 La data è posta al termine dei fogli copiati dalla prima mano, stando alla scheda di S. Fiuman in (...)
  • 93 Tale inventario si trova nel codice E 16 della Biblioteca Capitolare di Padova; sulle vicende dell (...)

50Non altera in sostanza questa tesi neppure il caso del manoscritto D 6 della Biblioteca Capitolare di Padova: il codice, composito, miniato da Giuliano Amadei, contiene il Repertorium di Milis ed il Repertorium super Innocentium di Baldo degli Ubaldi91, ed è datato 146792. Questo manoscritto presenta un’iniziale ornata e una ricca decorazione lungo i margini sinistro e inferiore: al centro del margine inferiore compare lo stemma del vescovo padovano Iacopo Zeno con relativa legenda, mentre il resto del codice è scandito da iniziali filigranate poste all’inizio di ogni sezione alfabetica. Ma benché sul primo foglio del codice l’incipit a minio reciti « Excellentissimi doctoris domini Ioannis de Emiliis advocatis concistorialis repertorium feliciter incipit », l’opera con cui si apre il codice è il Repertorium di Baldo degli Ubaldi e non il Repertorium absenti di Giovanni de Milis, come spesso riportato. La mano che inserisce la rubrica è diversa da quella che copia il testo ma tale indicazione aveva comunque tratto in inganno il compilatore dell’inventario dei libri del vescovo Zeno realizzato nel 1482, il quale registrava questo manoscritto come contenente solo l’opera di Milis, evidentemente attribuendo a questo la prima opera che si trova nel manoscritto93. La decorazione del primo foglio, realizzata a Roma per il vescovo padovano Iacopo Zeno, non è dunque riferibile al testo di Giovanni Nicola de Milis bensì al Repertorium di Baldo degli Ubaldi: nel Repertorium di de Milis troviamo infatti soltanto iniziali filigranate in apertura delle sezioni alfabetiche e dei lemmi. Alla luce di questa ulteriore considerazione, appare evidente come tutti i testimoni manoscritti rintracciati del Repertorium di de Milis presentino una decorazione piuttosto sobria, limitata alle iniziali filigranate che scandiscono i lemmi. Da tale tipologia ricorrente di decorazione non si discosterebbe neppure il codice Conv. Soppr. A 4 2554, osservando la scansione di iniziali che si trova al suo interno.

51Tuttavia, il manoscritto fiorentino appare ad oggi l’unico testimone del Rertorium di de Milis corredato di un ricco fregio marginale che occupa interamente il primo foglio e che riporta alla vicenda storica della crociata portoghese in Marocco.

VII. Conclusioni

52Le peculiarità del manoscritto fin qui presentate rimandano ad un manufatto con coordinate geografiche e cronologiche ricostruibili solo in termini generali, benché riconducibili ai contatti che si colgono tra Firenze ed il Portogallo nel xv secolo. Alla luce di quanto esposto, le principali ipotesi sul contesto di realizzazione del codice Conv. Soppr. A 4 2554 ruotano attorno agli ambienti della curia papale poco prima del suo trasferimento a Firenze per il concilio, e si riallacciano alla politica di conquista del Portogallo verso le coste nord-occidentali dell’Africa. In questa visione, il codice potrebbe essere giunto a Firenze come dono da parte di Edoardo e della sua corte, all’agente in curia e consigliere Gomes Eanes, all’epoca in cui era abate della Badia Fiorentina e perciò rimasto nella biblioteca di quel monastero.

53Proprio l’emergere della figura di Gomes entro gli eventi che riguardarono le ambizioni territoriali della famiglia d’Aviz negli anni Trenta del Quattrocento, apre spiragli sulla possibilità di cogliere un legame tra il progetto iconografico della miniatura e l’approdo del codice nel monastero fiorentino.

  • 94 R. L. Guidi, op. cit., p. 158 ha opportunamente messo in luce come la raccolta di lettere attesti (...)

54In particolare, poiché Gomes fu così direttamente coinvolto nella mediazione tra la famiglia reale ed Eugenio IV nella preparazione delle condizioni per l’avvio della crociata cui la scena dipinta sul primo foglio sembra fare riferimento, potremmo avanzare l’ipotesi che Gomes potesse essere stato individuato come destinatario del codice da un membro della famiglia reale d’Aviz. Emerge infatti soprattutto dalla corrispondenza dell’abate come l’impegno diplomatico di Gomes si fosse rivelato determinante nel dialogo tra la corte e la curia94.

  • 95 Il primo viaggio, come ricostruito da R. Costa Gomes, A portoguese abbot…, op. cit., p. xvi, durò (...)
  • 96 Rui de Pina affermava nella Chronica che la bolla del 1436 fosse giunta tramite Gomes e che la nom (...)
  • 97 La morte del re avvenne tra il 9 ed il 10 settembre del 1438 come riportato da Gomes Eanes de Zura (...)

55La convergenza degli elementi esposti porta a collocare il momento centrale della realizzazione della miniatura circa tra il 1436 ed il 1437, tra l’emanazione della bolla Rex regum e l’avvio della spedizione, in un giro di anni cui possiamo far risalire anche la produzione delle prime copie e la circolazione dell’opera di de Milis. Il codice avrebbe potuto raggiungere la Badia Fiorentina nell’ultimo periodo trascorso a Firenze da Gomes, ovvero negli anni compresi tra il ritorno dal secondo viaggio in Portogallo – alla fine del 143695 – e la sua definitiva partenza dal monastero nel 1440. L’abate fu infatti nominato priore del convento di Santa Cruz di Coimbra e spese gli ultimi decenni della sua vita nella cittadina portoghese, senza più fare ritorno in Italia96. In aggiunta a questo, ricordiamo inoltre che Edoardo, di cui Gomes era stato nominato consigliere nel 1436, era morto di peste nel settembre del 1438 e aveva lasciato il paese nel caos delle dispute per il trono97.

  • 98 Ciò in relazione all’ipotesi avanzata intorno alla provenienza del copista; niente impedisce tutta (...)
  • 99 Archivio di Stato di Firenze, Corporazioni Religiose Soppresse, 78, 1, f80ro: « […] spese domino (...)

56Considerato lo stretto arco temporale compreso tra questi due momenti, non è possibile stabilire se il manoscritto fosse stato completato o miniato nel regno lusitano98 prima di giungere a Firenze. A distanza di alcuni mesi dal ritorno di Gomes dal secondo soggiorno portoghese, tra le spese sostenute per il trasporto di alcuni beni dell’abate, i monaci della Badia avevano annotato anche la presenza di una cassa di libri giunta dal Portogallo al porto di Pisa il 26 marzo 143799. Tuttavia, neppure questa testimonianza può confermare che tra i beni che raggiunsero l’abate nel 1437 ci fosse anche il codice di Giovanni Nicola de Milis. Del resto, nessun elemento risulta probante per escludere che il codice, prodotto per iniziativa di un influente membro della corte, se non dello stesso Edoardo, potesse essere stato interamente realizzato, ovvero copiato e miniato, in Italia, in ambienti vicini al concilio e da lì inviato direttamente a Firenze. Una produzione interamente collocata in Italia, benché in un ambiente fortemente legato alla corte portoghese, sembra in definitiva la più probabile.

57Nell’incontro di ecclesiastici, dignitari, legati e dottori di legge, ovvero nel consesso di figure, tra cui anche copisti e librai, riunite dall’occasione del concilio e al seguito del pontefice tra Bologna e Ferrara, possiamo vedere inoltre un ambiente in cui il Repertorium avrebbe potuto circolare con maggiore rapidità e in cui la copia arrivata in ultima istanza alla Badia Fiorentina avrebbe potuto essere più facilmente commissionata. Benché restino di fatto sconosciuti i protagonisti della produzione del manoscritto, il codice si configura in definitiva come un prodotto eccezionale nel panorama delle copie dell’opera. Il manoscritto risulterebbe in primo luogo anteriore rispetto a tutte le altre copie individuate e può di fatto apparire tra i primi manoscritti noti dell’opera di de Milis. L’unicità del codice si rintraccia però in particolare nella presenza di una miniatura eccezionalmente ricca sul primo foglio, per la quale non si intuiscono espliciti legami con il testo giuridico contenuto nel codice, ma si riconosce un diretto rapporto con il regno di Edoardo d’Aviz in riferimento all’infausta spedizione sulle coste del Marocco. Benché la questione giuridica della liceità di una crociata fosse stata un argomento di confronto tra la corte portoghese e la curia di Eugenio IV, al centro della miniatura del codice resta l’impresa delle navi portoghesi inaugurata sotto l’auspicio di una benedizione della Santa Sede.

Haut de page

Notes

1 V. Rau, « Affari e mercanti in Portogallo dal xiv al xvi secolo », Economia e Storia, 4, 1967, p. 447-456; Ead., « Bartolomeo di Iacopo di ser Vanni mercador-banqueiro florentino estante em Lisboa nos meados do século xv », Do Tempo e da História, 4, 1971, p. 97-117; F. Melis, « Di alcune figure di operatori economici fiorentini attivi nel Portogallo nel xv secolo », I mercanti italiani nell’Europa medievale e rinascimentale, cur. L. Frangioni, FMelis, Le Monnier, Firenze, 1990; S. Tognetti, « Gli uomini d’affari toscani nella penisola iberica (metà xiv – inizio xvi) », eHumanista, 38, 2018, p. 88; FGuidi Bruscoli, « Da comprimari a protagonisti: i fiorentini in Portogallo nel Basso Medioevo (1338-1520) », eHumanista, 38, 2018, p. 65-82. Sulla società Cambini è fondamentale il contributo di S. Tognetti, Il banco Cambini. Affari e mercati di una compagnia mercantile-bancaria nella Firenze del xv secolo, Firenze, Olschki, 1999

2 S. Tognetti, Gli uomini d’affari…, op. cit., p. 90.

3 V. da Bisticci, Le vite, cur. A. Greco, vol. I, Firenze, Istituto Nazionale di Studi sul Rinascimento, 1970, p. 193-199.

4 S. Causa, La cappella del cardinale del Portogallo, dir. L. Berti, C. Leonardi, F. Guerrieri, La Basilica di San Miniato al Monte a Firenze, Firenze, Giunti Barbèra, 1982, p. 233-247.

5 D. M. X. De Lima, « A viagem de d. Pedro e as alianças externas de Portugal no início do século xv », Aedos, 3, 2011, p. 105-112.

6 R. Costa Gomes, « Between Pisa and Oporto: Afonso Eanes merchant of the king of Portugal (1426-1440) », From Florence to the Mediterranean and beyond. Essays in honour of Anthony Molho, cur. Ramada Curto, Eric R. Dursteler, Julius Kirshner, Francesca Trivellato, Firenze, Olschki, 2009, p. 235-248.

7 Il monastero, intitolato alla Vergine Maria, è più comunemente noto semplicemente come « Badia Fiorentina », nome che deriva dall’indicazione della casa monastica come abbazia per antonomasia. Sulle origini del monastero, oggi soppresso, si rimanda a La Badia Fiorentina, cur. E. Sestan, M. Adriani, A. Guidotti, Giunti Barbèra, 1982.

8 S. Orsino, F. Salvestrini, « Per uno studio della biografia monastica benedettina in età umanistica. la Vita inedita di Gomes Eanes, abate portoghese della badia Fiorentina (prima metà del xv secolo) », Bullettino dell’Istituto Storico Italiano per il Medioevo, 123, 2021, p. 241-298.

9 L’abate del monastero di Santa Giustina di Padova Ludovico Barbo fu il promotore della nascita della riforma che prese nome dalla casa religiosa padovana; inviò Gomes a Firenze nel 1418, come racconta lui stesso nell’opera De initiis congregationis Sanctae Iustinae (L. Barbo, De initiis congregationis Sanctae Iustinae, cur. G. Campeis, Padova, Tipographia Antoniana, 1908); Eugenio IV richiese poi il contributo dell’abate della Badia per l’estensione della riforma ai Camaldolesi e ai Vallombrosani. Sull’argomento vedasi in particolare F. Salvestrini, Disciplina caritatis. Il monachesimo vallombrosano tra medioevo e prima età moderna, Roma, Viella, 2008.

10 Su questo argomento vedasi Alessandro Guidotti, « Indagini su botteghe di cartolai e miniatori a Firenze nel xv secolo », La miniatura italiana tra Gotico e Rinascimento, Atti del II Congresso di Storia della Miniatura Italiana (Cortona, 24-26 settembre 1982), cur. E.Sesti, Firenze, Olschki, 1985, p. 473-507.

11 Ibidem.

12 La cui identità resta difficile da stabilire con certezza a causa della ricorrenza di questo nome nelle fonti italiane e portoghesi di quegli anni; A. de la Mare, « Notes on Portuguese Patrons of the Florentine book trade in the Fifteenth Century », Cultural links between Portugal and Italy in the Renaissance, cur. K. J. P. Lowe, Oxford-New York, 2000, p. 170-171.

13 Il primo inventario completo della biblioteca del monastero di Santa Maria è ancora oggi conservato all’intero del codice Conventi Soppressi 151 della Biblioteca Medicea Laurenziana di Firenze, ai f2r-84r.

14 Il manoscritto passò dalla biblioteca della Badia Fiorentina alla Biblioteca Magliabechiana (oggi Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze) a seguito della soppressione delle congregazioni religiose. Sull’argomento v. O. Fantozzi Micali, P. Roselli, Le soppressioni dei conventi a Firenze. Riuso e trasformazioni dal secolo xviii in poi, Firenze, Libreria Editrice Fiorentina, 1980; P. Roselli, O. Fantozzi Micali Itinerari della memoria: badie, conventi e monasteri della Toscana (province di Firenze, Pisa, Pistoia, Siena), Firenze, Alinea, 1987; M. E. Rossi, Sulle tracce delle biblioteche: i cataloghi e gli inventari (1808-1819) della soppressione e del ripristino dei conventi in Toscana, vol. II, Vecchiarelli, 2000; I manoscritti datati del Fondo Conventi Soppressi della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, cur. S. Bianchi, A. di Domenico, R. di Loreto, G. Lazzi, M. Palma, P. Panedigrano, S. Pelle, C. Pinzauti, P. Pirolo, A. M. Russo, M. Sambucco Hammoud, P. Scapecchi, I. Truci, S. Zamponi, Firenze, SISMEL-Edizioni del Galluzzo, 2002, p. 7-9.

15 Mi riferisco in particolare al contributo di A. C. de la Mare, op. cit. ma anche a studi inerenti l’abate della Badia Fiorentina Gomes Eanes: E. Borges Nunes, Dom Frey Gomez, abade de Florença, 1420-1440, Braga, Livraria Editoria Pax e R. Costa Gomes, A Portuguese abbot in Renaissance Florence: the letter collection of Gomes Eanes (1415-1463), Firenze, Olschki, 2017; il codice d’altronde non è segnalato neppure in J. F. von Schulte, Die Geschichte der Quellen und Literatur des canonischen Rechts von Gratian bis auf die Gegenwart, vol. II, Graz, 1956, p. 299-300.

16 D’ora in avanti Conv. Soppr. A 4 2554. Il codice è stato reperito durante l’indagine sul fondo Conventi Soppressi della Biblioteca Nazionale di Firenze nell’ambito della tesi di Dottorato S. Orsino, La biblioteca della Badia Fiorentina. Ricostruzione della raccolta libraria e catalogo dei codici latini, Dottorato in Studi Storici, XXXIII ciclo, Università degli Studi di Firenze (sotto la direzione del profFrancesco Salvestrini e della prof.ssa Teresa De Robertis). La ricostruzione qui proposta nasce da uno studio preliminare del manoscritto condotto allo scopo di redigerne una scheda codicologica e, successivamente, dalla discussione dei primi risultati della ricerca presentati in occasione del II Workshop internazionale dell’équipe di ricerca IUS ILLUMINATUM « Il manoscritto giuridico miniato. Spazi, territori e contesti di ricerca e uso nell’Europa medievale » (22 settembre 2020) organizzato da Maria Alessandra Bilotta e Timoty Leonardi.

17 Sono riassunti di seguito altri aspetti ricavati dallo studio del codice. Fascicolazione: 1-1610, 1711, con richiami introdotti da puntini; schema della pagina: mm 429 × 289 = 39 [289] 101 × 50 [67 (36) 66] 70, rr. 62 / ll. 61  f15); legatura restaurata, con riuso dei piatti antichi (databili al xvi secolo) coperti in cuoio, impressi e dipinti in nero secondo l’uso della Badia Fiorentina, con tracce di fermagli e chiusure.

18 Gli scudi sono visibili negli scontri corpo a corpo rappresentati sul lato sinistro. A causa delle dimensioni estremamente minute non è possibile fornire altri dettagli sulla decorazione degli stessi.

19 L’abito nero degli angeli certamente appare insolito; non si può dire tuttavia se si tratti di una rappresentazione di monaci benedettini, quale era parsa ad A. Guidotti che aveva sommariamente analizzato il codice dal punto di vista della decorazione (Codici miniati benedettini, cur. M. G. Ciardi Dupré del Poggetto, Firenze, Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze-Istituto di Storia dell’Arte della Facoltà di Lettere dell’Università di Firenze, 1982, p. 51).

20 Il riconoscimento dell’insegna poggia sul prezioso consiglio del professor João Portugal (Instituto Português de Heráldica), che voglio qui ringraziare, e sulla segnalazione del manoscritto Latino 28 della John Ryland’s Library di Manchester in cui lo stemma del conte di Barcelos compare a p. 61.

21 J. Veríssimo Serrão, História de Portugal. Formaçao di estado moderno (1415-1495), vol. II, Lisbona, Editorial Verbo, 1978, p. 19-24; C. de Witte, « Les bulles pontificales et l’expansion portugaise au xve siècle », Revue d’histoire ecclésiastique, 48, 1953, p. 686-691. L’impresa fu oggetto della narrazione di Gomes Eanes de Zurara, Cronica da tomada de Ceuta, in particolare nei capitoli lxiii-ci (Gomes Eanes de Zurara, Crónica de tomada de Ceuta por el Rei D. João I, dir. F. M. Esteves Pereira, Lisbona, Academia das Ciências de Lisboa, 1915), passi riportati anche in A. J. Dias Dinis (dir.), Monumenta Henricina, vol. II, Coimbra, Comissão executiva do V centenário da morte do infante D. Henrique, 1960, p. 178-218.

22 Come rivela una lettera inviata all’abate Gomes, sarebbe stata intenzione di Enrico condurre una lunga guerra in Marocco, nell’ottica di assicurarsi la guida del vicereame di quel territorio; le intenzioni di Enrico sono attentamente analizzate in P. Russel, Prince Henry ‘the navigator’. A life, New Haven-Londra, Yale University Press, 2000, p. 136-137; la lettera del 1437 diretta da Rodrigo Anes Vilela all’abate Gomes è edita oggi in R. Costa Gomes, A Portuguese abbot…, op. cit., p. 405-406.

23 I pareceres dei membri della famiglia reale sono stati pubblicati in Monumenta Henricina, cur. A. J. Dias Dinis, vol. IV, Coimbra, Comissão executiva do V centenário da morte do infante D. Henrique, 1964, p. 99-110 e analizzati in J. Veríssimo Serrão, op. cit., p. 40-41: l’unico parecer del 1432 sopravvissuto tra quelli dei fratelli di Edoardo è quello di Giovanni, analizzato in P. Russel, op. cit., p. 137-140. Quello di Pietro non compare poiché era assente, in viaggio nel regno di Aragona. Probabilmente non erano stati sollecitati i pareri ufficiali di Fernando e Enrico perché il loro sostegno alla guerra era già noto: se ne trova riferimento anche in R. de Pina, Chronica do Senhor Rey D. Duarte, Lisbona, Academia Real das Ciências, 1790 (in particolare nei capitol x-xi). Erano invece chiaramente contrari quelli del conte di Barcelis Afonso e del conte di Ourém. Per un’approfondita analisi delle motivazioni che condussero Edoardo alla fallimentare impresa di Tangeri si rimanda a D. M. Gomes dos Santos, D. Duarte e as responsabilidades de Tânger (1433-1438), Lisbona, Editora grafíca portuguesa, 1960.

24 P. Russel, op. cit., p. 136-137.

25 I timori di Edoardo ed i pareri dei principi sono riportati anche in R. de Pina, Chronica, op. cit., cap. xvii-xix.

26 Eugenio IV dà il proprio appoggio alla crociata contro gli infedeli con la bolla Rex regum dell’8 settembre 1436 (Archivio Apostolico Vaticano, Registra Lateranensia 365, f92v-95r); C. de Witte, op. cit., p. 697-718; J. Veríssimo Serrão, op. cit., p. 44-45.

27 La data della partenza della flotta si ricava da una lettera del segretario reale Rui Galvão del 12 settembre, edita in R. Costa Gomes, A Portuguese abbot…, op. cit., p. 452 e precedentemente in Monumenta Henricina, op. cit., vol. VI, p. 205-207; secondo P. Russel, op. cit., p. 175 (nota 19), la flotta partì da Lisbona il 22 agosto, lasciando l’estuario del Tago alcuni giorni dopo.

28 I dettagli dei preparativi alla spedizione sono ben riassunti in P. Russel, op. cit., p. 169-170; lo studioso poggia la ricostruzione anche su alcune lettere risalenti alla primavera del 1437 inviate all’abate della Badia Fiorentina Gomes, in particolare la lettera del 22 maggio 1437 indirizzata a Gomes da Rodrigo Anes Vilela e quella del 3 luglio per le quali v. R. Costa Gomes, A Portuguese abbot…, op. cit., p. 405, 418.

29 Secondo P. Russel, op. cit., p. 175 (nota 20) Edoardo aveva posto particolare accento sul ristretto numero di forze per giustificare la sconfitta portoghese; si fa riferimento alla lettera diretta da Edoardo a Gomes Eanes il 17 marzo 1438, edita in R. Costa Gomes, A Portuguese abbot…, op. cit., p. 495, in cui si legge « na dicta armada ficou bem a quarta parte ».

30 P. Russel, op. cit., p. 179.

31 Il documento è attestato in una copia del xvi secolo ed è stato pubblicato in Monumenta Henricina, op. cit., vol. VI, p. 210-212.

32 M. Elbl, « Contours of Battle. Chronicles, GIS and topography – a spatial decoding of the portuguese siege of Tangier, September-October 1437 », Portuguese Studies Review, 21, 2, 2013, p. 1-135 offre nel suo contributo una disamina della bibliografia inerente l’assedio di Tangeri del 1437 ed un’analisi dell’andamento dello scontro nella baia.

33 « D. Fernando, Infante », Dicionário de História de Portugal, cur. J. Serrão, vol. II, Lisbona, Livraria Figuerinhas, 1962, p. 210-211. P. Russel, op. cit., p. 184 segnala tuttavia come tale narrazione fosse stata alimentata da Enrico stesso e dagli agiografi di Ferdinando.

34 Benché gli arazzi siano successivi al codice, la rappresentazione della città sotto assedio che si trova nella miniatura si presta ad un confronto con la scena della caduta di Tangeri. Il ciclo degli Arazzi di Pastrana, commissionato da Alfonso V per celebrare le conquiste in Marocco risale 1471 ed è attualmente conservato presso il Museo parrocchiale degli arazzi di Santa María la Asunción a Pastrana. Sugli arazzi di Pastrana vedasi: The invention of glory: Afonso V and the Pastrana tapestries, Catalogo della mostra (Washington, National Gallery of Art, 18 settembre 2011 – 8 gennaio 2012), cur. M. A. de Bunes Ibarra, D. J. La Rocca, D. Rodrigues, Madrid, Ediciones el Viso, 2011. Un ulteriore sostegno all’identificazione è dato inoltre dal confronto offerto dalla rappresentazione di Tangeri che compare nella prima edizione del Civitates Orbis Terrarum (G. Braun, S. Neuvelt, FHogemberg, Civitates Orbis Terrarum, Colonia – Anversa, presso gli autori – presso Philippus Gallaeum, 1572, p. 56); una riproduzione della città tratta da questa edizione è reperibile anche in Monumenta Henricina, op. cit., vol. VI (estratto 4).

35 Nel 1438 la notizia era già arrivata all’abate della Badia, il portoghese Gomes Eanes; a gennaio trapelava in una lettera da Bologna di Gonçalo Anes de Óbidos, cubiculario del papa conservata nel codice della Biblioteca Medicea Laurenziana, Ashburnham 1792 (d’ora in poi Ashb.), I, fasc. iii, 10, edita in R. Costa Gomes, A Portuguese abbot…, op. cit., p. 480-482). A febbraio il mercante Afonso Eanes, con cui Gomes aveva frequenti scambi epistolari, dava per assodato che Gomes fosse a conoscenza di quanto era accaduto durante l’assedio di Tangeri e riferiva che a gennaio Edoardo aveva convocato le cortes e aveva preso in considerazione l’idea di restituire Ceuta in cambio del fratello Fernando (Biblioteca Medicea Laurenziana, Ashb. 1792, I, fasc. ix, 3; R. Costa Gomes, A Portuguese abbot…, op. cit., p. 490-491).

36 Archivio Apostolico Vaticano, Registra Lateranensia 365, f92v-95r; i consulta si trovano nel codice Vaticano latino 1932, f100r-112vo e 114r-122vo della Biblioteca Apostolica Vaticana, (il codice è digitalizzato all’indirizzo https://digi.vatlib.it/view/MSS_Vat.lat.1932); sono editi in Monumenta Henricina, op. cit., vol. V, ai n. 140 e 141; v. C. de Witte, op. cit., p. 697-701; per la bibliografia più completa rimando a P. Russel, op. cit., p. 161-164 (in particolare nota 35).

37 L’analisi dello stile della miniatura è frutto della consulenza di Maria Alessandra Bilotta (Universitade NOVA de Lisboa, FCSH) che ringrazio per il prezioso aiuto.

38 S. Zamponi, « La scrittura umanistica », Archiv für Diplomatik, 50, 2004, p. 467-505; la prima fase di sperimentazione e diffusione della scrittura umanistica si colloca invece a Firenze, con i primi esperimenti di Niccolò Niccoli e Poggio Bracciolini; sull’argomento B. L. Ullman, The origin and Development of Humanistic Script, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 1960; A. C. de la Mare, « Humanistic script: the first ten years », Das Verhältnis der Humanisten zum Buch, dir. F. Krafft e D. Wuttke, 1977, p. 89-110; T. De Robertis, « I primi anni della scrittura umanistica. Materiali per un aggiornamento », Palaeography, Manuscript Illumination and Humanism in Renaissance Italy: Studies in Memory of A. C. de la Mare, cur. R. Black, J. Kraye e L. Nuvoloni, Londra, The Warburg Institute, 2016, p. 55-85. Nel giro di pochi anni, nel panorama della scrittura umanistica compaiono i primi esperimenti veneti e lombardi, talvolta per influsso dei codici fiorentini, in altri casi come esperienze originali (T. De Robertis, « Motivi classici nella scrittura del primo Quattrocento », L’ideale classico a Ferrara e in Italia nel Rinascimento, cur. P. Castelli, Firenze, Olschki, 1998, p. 65-79).

39 P. Supino Martini, « Orientamento per la datazione e la localizzazione delle cosiddette litterae textuales italiane e iberiche nei secoli xii-xiv », Scriptorium, 1, 2000, p. 20-34 (p. 23-24).

40 Sulla presenza di giovani portoghesi a Padova sono offerti in particolare in P. Sambin, Ricerche di storia monastica medievale, Padova, Antenore, 1959, p. 107-116.

41 C. de Witte, op. cit., p. 698.

42 Metà del tracciato della filigrana è poco visibile anche a causa della sua posizione: una parte rimane sempre coperta dalla scrittura.

43 C. M. Briquet, Les filigranes. Dictionnaire historique des marques du papier dès leur apparition vers 1282 jusqu’en 1600 avec 39 figures dans le texte et 16 112 fac-similés de filigranes, vol. I, Ginevra, A. Jullien, 1907, p. 190.

44 D’ora in avanti Conv. Soppr. 263.

45 Il codice Bilioteca Medicea Laurenziana, Conv. Soppr. 263 infatti fu acquistato dal monastero, come si legge al f239r nella nota « Hic liber est Abbatiae Florentinae emptus anno domini 1495 ».

46 I soggiorni fiorentini di Eugenio IV sono accuratamente ricostruiti in L. Boschetto, Società e cultura a Firenze ai tempi del Concilio. Eugenio IV tra curiali, mercanti e umanisti, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 2012, mentre sul concilio di Ferrara e sulle date degli spostamenti del papa e della corte, nonché le relative fonti, si rimanda a J. Gill, The council of Florence, traduzione italiana cur. A. Orsi Battaglini, Firenze, Sansoni, 1967, p. 109-212.

47 La biografia dell’abate Gomes è stata ripercorsa in una serie di contributi tra i quali ricordiamo G. Battelli, « L’Abate Don Gomes Ferreira da Silva e i portoghesi a Firenze nella prima metà del Quattrocento », Relazioni Storiche fra l’Italia e il Portogallo. Memorie e Documenti, Roma, 1940, p. 149-163; E. Borges Nunes, op. cit.; A. D. de Sousa Costa, « D. Gomes Reformador de Abadia de Florença, e as tentativas de reforma dos mosteiros portogueses no século xv », Studia Monastica, 5, 1963, p. 93-96; un contributo importante a proposito dei suoi ultimi anni in Portogallo è S. A. Gomes, « D. Gomes Eanes e a Capela de Santo André e dos Cinco Mártires de Marrocos do Mosteiro de Santa Cruz de Coimbra », Arquivo Coimbrão. Boletim da Biblioteca Municipal, 35, 2002, p. 439-540. In S. Orsino, FSalvestrini, op. cit., p. 241-298 è data l’edizione della biografia manoscritta dell’abate scritta da Tommaso Salvetti, avvocato del monastero. Per la ricostruzione della vita dell’abate è centrale ovviamente anche l’edizione del corpus di lettere dell’abate curata da R. Costa Gomes, A Portuguese abbot… op. cit.) e l’analisi che ne ha dato R. L. Guidi, « Gomes Eanes ovvero un fiorentino del Portogallo », Archivio Storico Italiano, 178. 1, 2020, p. 157-178.

48 Una più precisa datazione del viaggio è stata fissata in R. Costa Gomes, A Portuguese abbot… op. cit., p. xvi.

49 BML Ashb. 1792, II, fasc. ii, 6 e fasc. iii, 16; R. Costa Gomes, A Portuguese abbot…, op. cit., p. 348-349.

50 BML, Ashb. 1792, II, fasc. i, 18, 19; Costa Gomes, A Portuguese abbot… op. cit., p. 335-339; in un’altra lettera in cui Gomes dopo aver suggerito al principe Ferdinando di far pervenire i propri ringraziamenti al papa per la nomina come maestro dell’ordine d’Avis, avanzava la proposta di nominare Joao Beleagua come procuratore in curia: Biblioteca Medicea Laurenziana, Ashb. 1792, I, fasc. iii, 5; Costa Gomes, A Portuguese abbot…, op. cit., p. 337.

51 Biblioteca Medicea Laurenziana, Ashb. 1792, I, fasc. i, 3, 4; Costa Gomes, A Portuguese abbot… op. cit., p. 358-361. Anche in una lettera al proprio ambasciatore al Concilio di Basilea, Antão Martins de Chaves, Duarte protestava, seguendo la linea già adottata da re Giovanni prima di lui, contro la soggezione di alcune diocesi portoghesi al regno di Castiglia recentemente approvata al Concilio; v. Biblioteca Medicea Laurenziana, Ashb. 1792, II, fasc. i, 11; Costa Gomes, A Portuguese abbot…, op. cit., p. 417.

52 Il regno di Castiglia aveva reagito alle concessioni di Eugenio IV a Edoardo rivendicando i propri diritti sulla costa africana e sulle isole Canarie: C. de Witte, op. cit., p. 703-708.

53 Biblioteca Medicea Laurenziana, Ashb. 1792, I, fasc. i, 17; R. Costa Gomes, A Portuguese abbot…, op. cit., p. 370-372.

54 Biblioteca Medicea Laurenziana, Ashb. 1792, I, fasc. i, 6; ibid., p. 392-395. A queste istruzioni dirette a Gomes in qualità di agente del re in curia segue infatti la bolla Preclaris tue del 25 maggio 1437 che rinnova il privilegio di commerciare con gli Infedeli: Archivio Apostolico Vaticano, Registra Lateranensia, 353, f104v-107vo; C. de Witte, op. cit., p. 698.

55 Ne resta traccia, nella bozza della supplica al papa scritta di propria mano da Gomes, nella menzione dei velieri pronti e armati per la spedizione Biblioteca Medicea Laurenziana, Ashb. 1792, I, fasc. iii, 1; Costa Gomes, A Portuguese abbot…, op. cit., p. 373-375. Il testo non è datato, ma vi è un chiaro riferimento agli argomenti esposti da Duarte nella lettera di marzo. Un’ulteriore conferma viene però dalla lettera datata 7 maggio 1437: Álvaro Gonçalves de Ataíde, membro della corte di re Duarte riferiva di essere ancora a Porto, ma in procinto di unirsi alla flotta che veniva armata a Lisbona (Biblioteca Medicea Laurenziana, Ashb. 1792, I, fasc. vi, 20b; Costa Gomes, A Portuguese abbot… op. cit., p. 384-385). Una descrizione dei preparativi si trova inoltre in una lettera di Rodrigo Anes de Vilela diretta a Gomes circa negli stessi giorni: Biblioteca Medicea Laurenziana, Ashb. 1792, I, fasc. xi, 4; Costa Gomes, A Portuguese abbot…, op. cit., p. 405-406.

56 Ibid., p. xvii-xviii.

57 J. Veríssimo Serrão, op. cit., p. 50.

58 Biblioteca Medicea Laurenziana, Ashb. 1792, I, fasc. vii, 7c; R. Costa Gomes, A Portuguese abbot…, op. cit., p. 418.

59 Di tale celebrazione Gomes fece informare poi il cardinale Branda Castiglioni tramite Timoteo Ricci, monaco della Badia e suo legato a Bologna. Timoteo riferiva che il racconto della cerimonia « vehementer placuit » al cardinale: Biblioteca Medicea Laurenziana, Ashb. 1792, II, fasc. IV, 12a; R. Costa Gomes, A Portuguese abbot…, op. cit., p. 464-465.

60 Biblioteca Medicea Laurenziana, Ashb. 1792, I, fasc. ix, 6a; ibid., p. 427-428.

61 L’abate Gomes viene informato dal monaco Timoteo Ricci che gli scrive il giorno stesso da Bologna: Biblioteca Medicea Laurenziana, Ashb. 1792, II, fasc. iv, 10a; R. Costa Gomes, A Portuguese abbot…, op. cit., p. 463-464; in C. de Witte, op. cit., p. 709 si riscontra un errore nell’indicazione della data: questa lettera di Timoteo è datata 8 ottobre, e non 9 come quella precedentemente citata, contenente il racconto della processione di Lisbona prodotto per l’abate dallo stesso monaco Timoteo.

62 A. J. Dias Dinis (dir.), Monumenta Henricina…, op. cit., vol. VI, p. 210-212.

63 Biblioteca Medicea Laurenziana, Ashb. 1792, I, fasc. vii, 12; R. Costa Gomes, A Portuguese abbot…, op. cit., p. 470.

64 Biblioteca Medicea Laurenziana, Ashb. 1792, I, fasc. iii, 10; ibid., p. 480-482.

65 Biblioteca Medicea Laurenziana, Ashb. 1792, I, fasc. ix, 3; ibid., p. 490-491.

66 La prima testimonianza completa sul contenuto della biblioteca risale infatti ai primi anni del Cinquecento, come già segnalato. Rudolf Blum ha per primo messo in luce come la raccolta libraria della Badia, destinata a diventare in breve tempo molto ricca, dovette ricevere un forte impulso negli anni dell’abate Gomes (R. Blum, La biblioteca della Badia Fiorentina ed i codici di Antonio Corbinelli, Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana, 1951, p. 17-20). Nel catalogo della biblioteca, contenuto nel codice Conventi Soppressi 151 della Biblioteca Medicea Laurenziana, il nostro manoscritto si individua al f30vo ed è descritto come « Repertorium Ioannis de Millis in papyro, volumine magno corio nigro, signatus 19 ».

67 « Iste liber est Congregationis Sanctae Iustinae ordinis sancti Benedicti deputatus monasterio Sanctae Mariae sive Abbatiae Florentinae signatus 19 ».

68 I codici latini della Badia Fiorentina finora rintracciati sono 210; sono conservati principalmente nel fondo Conventi Soppressi della Biblioteca Medicea Laurenziana e nel fondo omonimo della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze.

69 « finito, a 113, signatus 19 »: la segnatura, che compare su una delle carte di guardia anteriori, va intesa come « completo di tutte le carte, posto nel banco 113 e segnato 19 »; questa lettura della nota è stata proposta da Blum (R. Blum, op. cit., p. 65-66) e appare sostenibile anche in virtù di uno studio delle segnature ancora visibili su tutti i codici latini. Su Antonio Corbinelli v. R. Blum, op. cit.; A. Rollo, « Sulle tracce di Antonio Corbinelli », Studi medievali e umanistici, 2, 2004, p. 25-93.

70 Così secondo J. F. von Schulte, op. cit., p. 299-300.

71 Ibid., p. 300.

72 L’esistenza di una biografia di Vespasiano da Bisticci porterebbe però a ritenere che avesse almeno soggiornato a Firenze.

73 V. da Bisticci, Le vite, dir. A. Greco, vol. II, Firenze, Istituto Nazionale di Studi sul Rinascimento, 1970, p. 95.

74 C. Cartario, Advocatorvm Sacri Consistorii Syllabvm, Roma, Zenobio Masotto, 1656, p. xxiii. L’opera è reperibile online all’indirizzo https://gdz.sub.uni-goettingen.de/id/PPN688839347?tify={%22pages%22:[35],%22panX%22:0.365,%22panY%22:0.701,%22view%22:%22info%22,%22zoom%22:1.287}.

75 E. Capriolo, Delle historie bresciane, Brescia, Pietro Maria Marchetti, 1585, vol. VII, p. 145. Il testo è reperibile online all’indirizzo
https://books.google.it/books?id=E5E5RZ6x1XMC&hl=it&source=gbs_similarbooks.

76 Königsberg, Staats- und Universitätsbibliothek Königsberg, ms. 90, fo 250rA-272rB; si tratta del codice CXXIII in E. Steffenhagen, Catalogus codicum manuscriptorum Bibliothecae Regiae et Universitatis Regimontanae, Schubert, 1861, p. 55-56.

77 F. Delivré, « Le De scismate de Francesco Zabarella: textes et contextes », cur. C. M. Valsecchi, F. Piovan, Diritto, Chiesa e cultura nell’opera di Francesco Zabarella (1360-1417), Milano, Franco Angeli 2020, p. 57.

78 Sulla tradizione manoscritta e a stampa dell’opera vedasi J. Miethke, « Die handschriftliche Überlieferung der Schriften des Juan González, Bischof von Cádiz († 1440) », Quellen und Forschungen aus italienischen Bibliotheken und Archiven, 60, 1980, p. 275-324, in part. p. 314.

79 S. Di Paolo, Verso la modernità giuridica della Chiesa. Giovanni Francesco Pavini (ca. 1424-1485): la stampa, le decisiones, le extravagantes e la disciplina amministrativa, Roma, Deutsches Historisches Institut in Rom, 2018, online all’indirizzo http://dhi-roma.it/fileadmin/user_upload/pdf-dateien/Online-Publikationen/Online-Schriften_NEUE-REIHE/Online_NR2_DiPaolo_Pavini.pdf, p. 47-48.

80 Le prime edizioni furono stampate a Louvain e a Roma nel 1475; l’edizione di Roma è conservato presso la Biblioteca Palatina di Parma ed è disponibile online all’indirizzo http://digitale.beic.it/primo_library/libweb/action/dlDisplay.do?vid=BEIC&docId=39bei_digitool11759848.

81 Il codice è citato in J. Fvon Schulte, op. cit., vol. II, p. 300. La University Library di Wroclaw è proprietaria degli originali.

82 Per questo ed altri manoscritti rimando alla banca dati Mirabile web: http://www.mirabileweb.it/manuscript/bamberg-staatsbibliothek-jur-30-(p-vi-4)-manoscript/232883

83 Una breve scheda sul codice è disponibile in rete all’interno della banca dati Mirabile web: http://www.mirabileweb.it/manuscript/trento-biblioteca-comunale-1555-manoscript/110982.

84 Per questo codice, sottoscritto dal copista Guglielmo Meleto, v. Catálogo de los manuscritos jurídicos de la Biblioteca Capitular de la Seu d’Urgell, cur. García y García, Urgell, La Seu d’Urgell, 2009, p. 180.

85 Come l’altro codice di Wroclaw, anche questo è menzionato in J. F. von Schulte, op. cit., p. 300. La University Library di Wroclaw è proprietaria degli originali.

86 Il codice è inserito nella banca dati di Mirabile web: http://www.mirabileweb.it/manuscript/eichstätt-universitätsbibliothek-(olim-staatliche--manoscript/112808.

87 Il codice è interamente digitalizzato e reperibile all’indirizzo: https://bvmm.irht.cnrs.fr/resultRecherche/resultRecherche.php?COMPOSITION_ID=18148

88 J. F. von Schulte, op. cit., p. 300. I due codici sono solo inseriti ma non descritti nel catalogo dei manoscritti della University Library di Wroclaw, nel quale mancano di fatto, all’interno del sesto tomo, tutte le schede relative ai manoscritti da II F 94 a II F 112: c fW. Goeber, J. Klapper, Die Handschriften der Staats – und Universitäät Bibliothek Breslau, Lipsia, Otto Harrasowitz, 1938: segnalo inoltre che il volume VI, in cui avrebbero dovuto trovarsi i due codici, è in realtà manoscritto e le pagine tra p. 210 e p. 211, sono bianche e non numerate.

89 Il codice è interamente digitalizzato all’indirizzo: https://digital.blb-karlsruhe.de/blbhs/content/pageview/4065051; vedasi inoltre Bénédictins du Bouveret, op. cit., vol. III. I-J (7392-12130), Friburgo, Éditions universitaires, 1973, p. 505 (n. 11531).

90 Le dimensioni dei manoscritti citati sono: per il ms. Aug. Pap. 117 della Badische-Landes Bibliothek di Karlsruhe mm 281 × 203; del codice il codice Bibliothèque Municipal 516 della Bibliothèque d’Agglomeration di Saint-Omer mm 275 × 195 e per il 2078 della Biblioteca Capitolare della Seu d’Urgell mm 300 × 211. Il codice D 6 della Biblioteca Capitolare di Padova misura mm 428 × 274, il Rossian  1085 della Biblioteca Apostolica Vaticana mm 435 × 290; il Conv. Soppr. A 4 2554 della Biblioteca Nazionale di Firenze misura mm 429 × 289.

91 V. « Baldo degli Ubaldi », Dizionario biografico dei giuristi italiani, cur. I. Birocchi, E. Cortese, A. Mattone, N. M. Miletti, vol. I, Bologna, Il Mulino, 2013, p. 149-151; per l’opera v. CALMA. Compendium Auctorum Latinorum Medii Aevii, vol. I. 5, Firenze, SISMEL-Edizioni del Galluzzo, 2003, p. 583 (numero 20); un più ampio panorama sui manoscritti dell’opera di De Milis in http://www.mirabileweb.it/title/repertorium-super-innocentium-title/13825.

92 La data è posta al termine dei fogli copiati dalla prima mano, stando alla scheda di S. Fiuman in I manoscritti miniati della biblioteca capitolare di Padova, II. I manoscritti dei vescovi Iacopo Zeno e Pietro Barozzi. Manoscritti rinascimentali della Chiesa padovana e di altra provenienza, cur. G. Mariani Canova, Minazzato, FToniolo, Padova, Istituto per la Storia ecclesiastica padovana, 2014, p. 701-703 (scheda 129). Il miniatore romano Giuliano Amadei viene segnalato in riferimento al codice D 6 della Capitolare di Padova per l’opera di Giovanni Nicola de Milis e non di Baldo degli Ubaldi anche in L. Zabeo, I libri dei papi umanisti. La miniatura a Roma nel primo Rinascimento, Tesi di Dottorato in Storia delle Arti e dello Spettacolo, a. a. 2013 / 2016, Università degli Studi di Firenze, p. 227, 271. Nella scheda descrittiva disponibile online su Mirabile (Archivio digitale della cultura medievale, http://www.mirabileweb.it/manuscript/padova-biblioteca-capitolare-della-curia-vescovile-manuscript/204307), il codice è presentato come composito, così come nella scheda di S. Bernardinello, Catalogo dei codici della biblioteca capitolare di Padova, Padova, Istituto per la Storia ecclesiastica padovana, vol. I, 2007, p. 534-535 in cui non si segnala l’errore nell’indicazione del primo testo. Anche a causa dell’emergenza pandemica in atto tuttavia non è stato finora possibile studiare direttamente il manoscritto.

93 Tale inventario si trova nel codice E 16 della Biblioteca Capitolare di Padova; sulle vicende della collezione si rimanda a I manoscritti dei vescovi Iacopo Zeno…, op. cit., p. 494-495.

94 R. L. Guidi, op. cit., p. 158 ha opportunamente messo in luce come la raccolta di lettere attesti una vera e propria rete di interlocutori ancorata al ruolo politico e alla frenetica attività della personalità dell’abate Gomes.

95 Il primo viaggio, come ricostruito da R. Costa Gomes, A portoguese abbot…, op. cit., p. xvi, durò dal 1424 al 1426, il secondo dal settembre del 1435 alla fine del 1436.

96 Rui de Pina affermava nella Chronica che la bolla del 1436 fosse giunta tramite Gomes e che la nomina come priore del convento di Santa Cruz fosse giunta « por seus merecimientos », ovvero per i meriti verso il regno di Portogallo (Rui de Pina, Chronica…, op. cit., cap. xiii).

97 La morte del re avvenne tra il 9 ed il 10 settembre del 1438 come riportato da Gomes Eanes de Zurara nella Chronica do conde Duarte de Menezes: il passo è riportato in A. J. Dias Dinis (dir.), Monumenta Henricina…, op. cit., vol. VI, p. 247-249.

98 Ciò in relazione all’ipotesi avanzata intorno alla provenienza del copista; niente impedisce tuttavia di pensare che il lavoro di copia potesse essersi svolto in Portogallo, affidato ad uno scriba dello stesso profilo, sia per quanto riguarda la formazione che le influenze.

99 Archivio di Stato di Firenze, Corporazioni Religiose Soppresse, 78, 1, f80ro: « […] spese domino Bernardo quando andò a Pisa per far venire le chose mandò messer l’abate di Portogallo cio è 2 balle di panni ed una balla di tapeti e corbegli di sardine e 1a chassa di libri e una valigia grande ». La nota era già stata pubblicata parzialmente in E. Borges Nunes, op. cit., p. 127.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 : Firenze, Biblioteca Nazionale Centrale, Conventi Soppressi A 4 2554, fo 1r.
Crédits La riproduzione dei manoscritto è stata autorizzata dagli enti di conservazione. È vietata ogni ulteriore riproduzione con qualsiasi mezzo.
URL http://journals.openedition.org/cliothemis/docannexe/image/1909/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 633k
Titre Fig. 2 : Wroclaw, University Library, II F 99, fo 1r
Crédits La University Library di Wroclaw è proprietaria degli originali
URL http://journals.openedition.org/cliothemis/docannexe/image/1909/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 457k
Titre Fig. 3 : Wroclaw, University Library, II F 100, fo 1r
Crédits La University Library di Wroclaw è proprietaria degli originali
URL http://journals.openedition.org/cliothemis/docannexe/image/1909/img-3.jpg
Fichier image/jpeg, 441k
Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Sofia Orsino, « Un manoscritto giuridico miniato tra la Badia Fiorentina ed il Portogallo del xv secolo: il codice Conventi Soppressi A 4 2554 della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze »Clio@Themis [En ligne], 21 | 2021, mis en ligne le 09 novembre 2021, consulté le 11 août 2022. URL : http://journals.openedition.org/cliothemis/1909 ; DOI : https://doi.org/10.35562/cliothemis.1909

Haut de page

Auteur

Sofia Orsino

Università degli Studi di Firenze – Dipartimento SAGAS – Dottorato in Studi Storici

Membro associato dell’équipe di ricerca IUS ILLUMINATUM

Haut de page

Droits d’auteur

CC BY-NC-SA 4.0

Creative Commons - Attribution - Pas d’Utilisation Commerciale - Partage dans les Mêmes Conditions 4.0 International - CC BY-NC-SA 4.0

https://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/4.0/

Haut de page
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search