Navegación – Mapa del sitio
Noticias de Italia

Noticias de Italia XI

Fausta Antonucci
p. 369-380

Texto completo

1Pese a mis constantes esfuerzos por mantener actualizada y en lo posible completa la información sobre todo lo que se hace y se publica en Italia sobre la cultura y literatura española del Siglo de Oro, soy consciente de que va a seguir habiendo lagunas en los datos que ofrezco a continuación. Por tanto, ruego a todos los amigos y colegas italianos que quieran colaborar conmigo, que me envíen noticia de todas sus actividades y publicaciones, si están interesados en que aparezcan en esta sección de la revista, y preferentemente en formato electrónico, lo cual aligera muchísimo el trabajo de preparación de estas páginas. Mi dirección electrónica es la siguiente: f.antonucci@uniroma3.it

Congresos y seminarios

2• Pavía, 12-16 de noviembre de 2007: Seminario internacional «Il libro antico spagnolo. Problematiche di studio, catalogazione e valorizzazione», organizado por los profesores Giuseppe Mazzocchi, de la Universidad de Pavía, y Paolo Pintacuda, de la Universidad de Bari. El seminario forma parte de las actividades del «Centro interdipartimentale di ricerca sulla Lombardia spagnola» con sede en la Universidad de Pavía; además de la actividad didáctica, a cargo de reconocidos especialistas italianos y extranjeros, se prevén dos conferencias:

Clive Griffin, «Los Cromberger y el libro sevillano»
María Luisa López Vidriero, «El libro español del siglo xviii»

3• Pisa, 23 de noviembre de 2007: Fausta Antonucci, «Strategie di adattamento e riscrittura in alcune rielaborazioni italiane secentesche del teatro di Calderón» (44 encuentro sobre «relazioni letterarie tra Italia e Penisola Iberica nell’epoca rinascimentale e barocca», organizado por la Scuola Normale Superiore y el Centro Elaborazione Informatica di Testi e Immagini nella Tradizione Letteraria).

4• Pisa, 25 de enero de 2008: Katerina Vaiopoulos, «L’attività teatrale di Carlo Celano. Intertestualità e gusto per il pastiche» (45 encuentro sobre «relazioni letterarie tra Italia e Penisola Iberica nell’epoca rinascimentale e barocca», organizado por la Scuola Normale Superiore y el Centro Elaborazione Informatica di Testi e Immagini nella Tradizione Letteraria).

5• Verona, 14-16 febbraio 2008: Congreso Internacional «Alle radici dell’Europa. Mori, giudei e zingari nei Paesi del mediterraneo occidentale (II incontro: secoli xvii-xix)». Señalo las intervenciones de interés para los siglodoristas:

Niccolò Guasti (Scuola Normale Superiore di Pisa), «L’immagine dello zingaro nella Spagna dei secoli xvii e xviii»
Andrea Zinato (Università di Verona), «“Kantigas”, “koplas” e “romances” della diaspora sefardita (secoli xvii-xix
Emilio González Ferrín (Universidad de Sevilla), «La tercera España: los moriscos»
Felice Gambin (Università di Verona), «L’oro dei moriscos nella letteratura apologetica sull’espulsione»
Gianni Ferracuti (Università di Trieste), «L’Abencerraje e il pirata inutile: come sopravvivere in un mondo barocco e gettare le basi della rivoluzione francese»
Giulia Poggi (Università di Pisa), «Il tesoro di Ricote»
Valentina Nider (Università di Trento), «La doppia simulazione di Antonio Enríquez Gómez: La culpa del primer peregrino»

6• Milano, 4 de marzo de 2008: Seminario sobre «La ricezione del teatro barocco spagnolo» (organización: Maria Teresa Cattaneo; Facoltà di Lettere e Filosofia, Dipartimento di Scienze del Linguaggio e Letterature Straniere Comparate). Intervienen:

Maria Grazia Profeti (Università degli Studi di Firenze), «La modernità, il teatro dei secoli d’oro e il canone europeo»
Luciano García Lorenzo (Consejo Superior de Investigaciones Científicas de Madrid), «Política cultural y teatro clásico en la España última»

7• Pisa, 11 de abril de 2008: Alfonso D’Agostino, «Lope de Vega e i novellieri italiani del Cinquecento» (48 encuentro sobre «relazioni letterarie tra Italia e Penisola Iberica nell’epoca rinascimentale e barocca», organizado por la Scuola Normale Superiore y el Centro Elaborazione Informatica di Testi e Immagini nella Tradizione Letteraria).

8• Verona, 17 y 18 de abril de 2008: dos clases doctorales de M. Carmen Marín Pina sobre «Bestiario fantástico de los libros de caballerías» y «Definición y caracterización del género de los libros de caballerías a partir de su poética» (en el ámbito del Doctorado en «Letterature straniere e scienze della letteratura» de la Universidad de Verona; organización científica del seminario a cargo de Anna Bognolo).

9• Ragusa Ibla, 21 y 22 de abril de 2008: Congreso «“España al revés”. Testi in viaggio. Traduzione, editoria e politiche culturali», organizado por la Facultad de Lenguas y Literaturas extranjeras de la Universidad de Catania (el comité científico comprende a Anita Fabiani, Sergio García Sierra, Gaetano Lalomia, Rossella Liuzzo). Entre las comunicaciones, dos se interesan por problemas de circulación y traducción de textos del Siglo de Oro:

Carla Perugini (Università di Salerno), «La lozana andaluza e le sue traduzioni italiane»
Enrico Di Pastena (Università di Pisa), «Le alterne fortune del Don Chisciotte in Italia»

10• Milán, 28-29 de mayo de 2008: Jornadas de estudio «Traducir a los clásicos en el nuevo milenio», organizadas por la Sección de Iberística de la Universidad de Milán (prof. Alessandro Cassol). Entre las comunicaciones, dos se interesaban por problemas de traducción de textos áureos:

Pietro Taravacci (Università di Trento): «Dire l’alterità: spigolature di esperienze traduttive di testi medievali e barocchi»
Giulia Poggi (Università di Pisa): «Postille critiche e autocorrezioni alla traduzione dei sonetti di Góngora»
Alessandro Cassol (Università di Milano): «Crónica de un olvido anunciado: il teatro del Seicento, tradito e tràdito»
Fausta Antonucci (Università di Roma Tre): «Tradurre La vida es sueño oggi: alcune proposte e riflessioni»
Mariarosa Scaramuzza (Università di Milano): «Il Don Chisciotte per la gioventù italiana nei primi decenni del Novecento»

Actas de congresos y volúmenes colectivos

112007

12• L’insula del Don Chisciotte, eds. M. C. Ruta y L. Silvestri, Palermo, Flaccovio, 2007. Contiene:

R. Galeota, «Due “isole” in Cervantes: Numancia e Barataria»
A. Candeloro, «“La aventura de los batanes” come mise en abîme: Don Quijote, I, 20»
F. Estévez, «El Quijote, modernidad de un clásico. Notas para una revisión»
A. Fabiani, «Dulcinea chimera androgina»
P. L. Gorla, «El gobierno de Sancho: entre experiencia y conocimiento»
C. Demattè, «Un desafío de traductología contra los molinos de viento: el Chisciotte de Lorenzo Franciosini»
A. Gagliardi, «Toffanin e Cervantes»
N. Palladino, «Pintura, imaginación y deseo. Le illustrazioni di Dalí al Don Quijote I»
B. Gentile, «Da Cervantes a Welles: luce su don Quijote»
J. G. Maestro, «Sancho Panza y Sansón Carrasco: contribuciones a la teatralidad en el Quijote»
A. Calderone, «Literatura española. Homenaje a Cervantes y la lengua española. Año 1978. De un homenaje a otro homenaje»
A. Fabiani, M. T. Morabito, L. Nangano, A. Polizzi, «Edizioni del Quijote nelle biblioteche di Catania, Messina, Trapani e Palermo»
M. L. Tobar, «Una tercera parte de Don Quijote del siglo xix compuesta por el Bachiller Avellanado»
C. E. Blake, «La presencia de El ingenioso hidalgo don Quijote de la Mancha en la literatura contemporánea argentina para niños»
A. De Laurentiis, «Ricardo Piglia lector del Quijote»
S. Neri, « Sicilia frente a las islas “de hadas y gigantes” en la biblioteca de don Quijote»
E. Urbina, E. Pasquel, R. Furuta, C. Monroy, J. Deng, N. Adenauert, «Humanidades digitales, crítica textual y la Edición variorum electrónica del Quijote»
A. Ruffinatto, «Presencia y ausencia del Quijote en Italia»

13“Con gracia y agudeza”. Studi offerti a Pina Ledda, ed. Antonina Paba, Roma, Aracne, 2007. Contiene los siguientes estudios de interés para los siglodoristas:

V. Infantes, «Hans Holbein, las Danzas de la Muerte y los primeros libros de emblemas: ¿la imagen de un texto o el texto de una imagen?»
I. Ravasini, «Le invenciones della Cuestión de amor e l’eclissi dell’amor cortese»
M. Rosso, «Elementi cosmici e paesaggio nella poesia di Garcilaso de la Vega»
A. Ruffinatto, «Garcilaso o Sánchez de las Brozas? Cronaca di un ragionevole dubbio»
A. Bognolo, «Il romanzo in una stanza. Le sale istoriate dello Sferamundi di Grecia»
B. Periñán, «Una bruja literaria más»
A. Redondo, «Jugando con los referentes históricos y narrativos: la novela de Lope de Vega, Las Fortunas de Diana»
F. Antonucci, «Paradigma processuale e retorica giudiziaria in alcuni drammi di Lope de Vega»
V. Nider, «Cam y la representación del Otro: Calderón en el marco de la tradición»
M. G. Profeti, «Gozzi “riedifica” Calderón: Le due notti affannose»
A. Martinengo, «Quevedo e le fonti siciliane»
G. Poggi, «Arione e il delfino (Soledades, I, 1-21)»
M. Masala, «Le avventure di un “picaro” bolognese del tardo ‘500, fra il Lazarillo e la Storia vera. Il Bartolino di Pompeo Vizani»
P. R. Piras, «La “información en Argel” di Miguel de Cervantes: documento e/o enunciazione?»
L. Mulas, «Un don Chisciotte italiano di fine Cinquecento?»
S. Boi, «Don Quixote in Inghilterra»
L. Sedda, «Dai bogatyri al principe del Gosplan: Don Chisciotte in Russia»
G. Cara, «Controcanone e contrappunto barbarico. L’occasione perduta del romanzo spagnolo aureo»
G. Mazzocchi, «Gli angeli di Santa Teresa»
F. Cerdan, «Fray Hortensio Paravicino atacado y defendido (1625). El anónimo Antihortensio y la Apología por la verdad de Juan de Jáuregui»
M. A. Roca Mussons, «Notas sobre Olivares y la iconografía del poder»
S. López Poza, «El gran duque de Osuna y las relaciones sobre su actuación en el Mediterráneo como virrey de Sicilia y Nápoles»
H. Ettinghausen, «Miserias sensacionales de la Inquisición de Cerdeña: la tentativa de asesinato del notario Bañolas (Sassari, 1628)»
P. M. Cátedra, «Juan Coloma y su Década de la Pasión (Cagliari, 1576)»
T. Paba, «Feste (e relaciones de fiesta) nella Sardegna del primo Settecento: “un delirio de exorbitante vanidad”»
M. C. García de Enterría, «“La merced que Vuestra Señoría me hace...” (Formulario de cartas. 1728)»

14• Narrazione e storia tra Italia e Spagna nel Seicento, eds. Clizia Carminati y Valentina Nider, Trento, Editrice Università degli Studi, 2007. Contiene:

C. Vaíllo, «Historia y ficción en el siglo xvii»
C. Carminati, «Narrazione e storia nella riflessione dei romanzieri secenteschi»
E. Bellini, «Agostino Mascardi: teoria e prassi della scrittura storica»
A. Delage, «L’historien comme fiction. Stratégies d’auteurs et stratégies narratives dans l’historiographie espagnole du xviie siècle»
L. Schwartz, «La Historia de la vida de un ilustre romano: Séneca según J. P. Mártir Rizo»
D. Aricò, «Le “prosperità infelici” di Seiano. Note sul tema del favorito nella narrazione di Pierre Matthieu e di Giovan Battista Manzini»
A. Morini, «Gustavo Adolfo dalla storiografia alla narrazione»
V. Nider, «Quevedo e l’Ars historica: le oraciones e le conjeturas»
M. Blanco, «Experimentación narrativa y conciencia histórico-política en la prosa española del Seiscientos. En torno a La hora de todos de Quevedo»
R. Valdés, «La historia en las sátiras menipeas de Quevedo»
L. Spera, «Girolamo Brusconi storico e narratore»
F. Gambin, «Pluma bien cortada e espada cortadora. Narrazione e storia in Baltasar Gracián»
D. Conrieri, «Una novella a doppia chiave storica»

15El libro se completa con unos resúmenes de los trabajos incluidos, al cuidado de Valentina Nider (véase a continuación), y con un Índice onomástico, al cuidado de Clizia Carminati.

Carlos Vaíllo, Historia y ficción en el siglo xvii.
Vaíllo ricorda come a partire dal xvi secolo la dottrina aristotelica che fissava i rispettivi campi di Storia e Poesia fosse avvertita come inadeguata per l’avvento di nuovi generi letterari come il romanzo, che nella sua varietà più realista assunse in Spagna il volto della picaresca; esso, infatti, «se acogía a las apariencias textuales de los géneros historiográficos, en particular la autobiografía o las memorias de un fingido personaje de baja estofa, que sólo así podía acceder al público lector». Per venire incontro al gusto dei lettori anche le opere storiografiche, soprattutto quelle dedicate a «sucesos particulares» adottarono stilemi e strutture della narrativa. Muovendosi nell’ambiguità e nei vuoti teorici riconosciuti dai trattatisti, «un escritor especialmente dotado podía alternar habilidades de historiador y novelista en la gestación de un texto híbrido, en el que se conjugasen noticias verídicas biográficas o relativas a una serie de sucesos con desarrollos novelescos de episodios y personajes». Nella novellistica, invece, la storia rappresenta generalmente «un factor superficial y de escasa trascendencia tanto para el desarrollo de la narración en sí como para la caracterización de los personajes o sus costumbres», ma non mancano le eccezioni come le Novelas ejemplares (1613) cervantine. Tra i maggiori successi editoriali dell’epoca, in grado di rivaleggiare con i romanzi di cavalleria, tro­viamo la Historia de las guerras civiles de Granada (1595 y 1619) di Ginés Pérez de Hita, che viene percepita come un’opera storiografica, anche se «se trata seguramente de una historia novelizada más que de una novela histórica ». Le opere che in qualche modo si trovano nella confluenza fra narrazione e storia sono suddivisibili per Vaíllo in quattro tipologie: 1) le narrazioni agiografiche, come quelle di Tirso de Molina e Montalbán; 2) le vidas, in molte delle quali si riconosce la discendenza da Matthieu o da Malvezzi, di Mártir Rizo e Quevedo, di argomento romano o biblico; 3) «historias y leyendas», in genere legate alla storia locale, frequentate da Cristóbal Lozano, autore anche di testi biblici; 4) «storia satirica», che comprende un’opera quasi sconosciuta, la Olla podrida a la española di Marcos Fernández (Amsterdam, 1675), di cui Vaíllo ha dato recentemente notizia.

Clizia Carminati, Narrazione e storia nella riflessione dei romanzieri se­centeschi.
Nel saggio, al fine di offrire materiali per un possibile confronto tra la situazione secentesca e quella ottocentesca, sino al Romanzo storico di Manzoni, si fa il punto su questioni rilevanti come la diffusione delle opere di Jean-Pierre Camus in Italia, attraverso traduzioni corredate di prefazioni di notevole interesse teorico, importanti per le poetiche del romanzo ‘sacro’ italiano inaugurato da Manzini. Vi si ricostruisce inoltre la discussione teorica sui rapporti tra romanzo e storia (classica, mitologica ma in particolare biblica) fra i letterati della accademia veneziana degli Incogniti, con interventi, fra gli altri, di Ferrante Pallavicino, di Giovan Francesco Loredan, di Luigi Manzini, Tomaso Tomasi. Anche per i letterati e i romanzieri fu importante la ricezione del trattato Dell’arte istorica: «negli anni intorno al 1636, e giù giù sino almeno agli anni ’40 inoltrati, e cioè nel periodo che vide la più numerosa fioritura di “storie meditate”, le prefazioni si affollano di riferimenti alle righe di Mascardi, senza che egli sia mai apertamente nominato». «La precisa scelta di privilegiare testi meno o per nulla noti» spinge la studiosa all’analisi di prefazioni sconosciute, ancorché assai significative, ove «il misto di storia e d’inven­zione» «risulta non accessorio ma essenziale». Alla fine del saggio si offrono ai lettori tre importanti documenti relativi alle poetiche su storia e romanzo; si tratta di tre lettere, la prima di Belisario Bulgarini a Tommaso Stigliani, la se­conda di Juan Antonio de Vera a Giovan Battista Manzini, la terza di Jean-Louis Guez de Balzac a Jean Chapelain.

Eraldo Bellini, Agostino Mascardi: teoria e prassi della scrittura storica (note sulla «Congiura del conte Gio. Luigi de’ Fieschi»).
La Congiura del conte Gio. Luigi de’ Fieschi
(1629) rappresenta un «netto cambiamento di rotta entro il percorso letterario» di Agostino Mascardi, figura centrale del dibattito secentesco. Con quest’opera Mascardi indirizza «con decisione la propria attivita sul versante storiografico», mostrando nella pratica «i capisaldi teorici e le scelte stilistiche che stanno alla base della sua scrittura della storia e che troveranno adeguata definizione nelle ampie campate del trattato Dell’arte istorica». Molte le fonti consultate per la stesura, dai testi a stampa alle «scritture private», ma i modelli di riferimento sono soprattutto il Cardinal Bentivoglio e il Sallustio del De Coniuratione Catilinae. Mascardi «sottrae la vicenda del Fiesco alla storia municipale per inserirla entro il contesto delle lotte tra Francia e Spagna per il dominio d’Italia». Per questi motivi l’opera venne ristampata in edizioni censurate e dette origine a una serie di testi polemici fra i quali la Difesa alla Congiura del conte Gio. Luigi de’ Fieschi descritta da Agostino Mascardi, nella quale si ricorda come, «a differenza dell’ampia libertà permessa alla finzione letteraria, non rientri nelle possibilità concesse allo storico alterare la verità di fatti realmente accaduti». La figura di Paolo Pansa, che tenta di distogliere Luigi Fieschi dal suo proposito, «le generose parole a lui affidate da Mascardi, la sua strenua volonta di dire in ogni oc­casione la ‘verità al principe’, sul modello del Cortegiano del Castiglione, rispondono all’esigenza, […] di mantenere all’uomo di lettere una funzione nobile entro i luoghi in cui si esercita il potere; che è segno evidente di una resistenza ancora tutta umanistica alla trasformazione del ‘cortegiano’ in semplice esecutore, o ‘segretario’».

Agnès Delage, L’historien comme fiction. Stratégies d’auteurs et stratégies narratives dans l’historiographie espagnole du xviie siècle.
Delage giudica la produzione storiografica secentesca soprattutto come il mezzo che gli autori hanno per legittimare il loro ruolo sociale e politico: «ce discours sur l’autorité de l’historien devient très rapidement une fiction, car il tisse une mise en scène de soi qui est la projection tout à fait fantasmatique de désirs et d’aspirations plus ou moins tolérées par la société d’Ancien Régime». Lo studio rivolge l’analisi a due figure paradigmatiche dei diversi atteggiamenti che si manifestano nel corso del Seicento, ovvero l’accreditamento dello storico in quanto partecipante per nascita alla casta che decide e partecipa ai grandi avvenimenti e il successivo affermarsi della storiografia come frutto di un sapere tecnico e specialistico. Il primo atteggiamento è ben esemplificabile nella traiettoria di Juan Antonio de Vera y Zúñiga, diplomatico sivigliano diventato conte de la Roca grazie al Conteduca di Olivares, mentre il secondo può facilmente ravvisarsi in Rodrigo Méndez Silva, autore del Embajador (1627) e protagonista di un’ascesa folgorante «réalisé cette fois-ci exclusive­ment dans le champ littéraire, et non pas dans la haute administration».

Lía Schwartz, La «Historia de la vida» de un ilustre romano: Séneca según J. P. Mártir Rizo.
Il genere storiografico umanistico della vita esemplare degli uomini illustri nel Seicento si trasforma alla luce della diffusione del tacitismo e del neostoicismo da una parte, e della pratica cortigiana dell’encomio dall’altra. Alla Historia de la vida de Lucio Anneo Séneca Español (1625) di Mártir Rizo e a questa problematica fa riferimento il saggio, che propone un confronto dell’opera con le fonti classiche (lo stesso Seneca, Tacito e Dione Cassio) e soprattutto con la vita del filosofo di Giusto Lipsio. Come in altre opere della stessa epoca, sono numerose le allusioni a Olivares, della cui cerchia Mártir faceva parte: «al relatar los vaivenes de la existencia de Séneca, Mártir fuera fiel a su doble propósito de adular indirectamente a Olivares»: Seneca più che mi­nistro «había sido consejero del príncipe. Es en esta función en la que, ante los ojos de los lectores del xvii, ambos podían ser considerados prototipos de los consejeros regios de las cortes europeas de su época».

Denise Aricò, Le «prosperità infelici» di Seiano. Note sul tema del favorito nella narrazione di Pierre Matthieu e di Giovan Battista Manzini.
Un’altra figura della storia romana ripresa nella ‘storia meditata’ secentesca fu Elio Seiano, collaboratore di Tiberio, giustiziato nel 31 d.C. L’Aelius Sejanus (1617) di Pierre Matthieu, uno dei maestri europei (1563-1621) del genere, ne rilegge la traiettoria seguendo la tradizione del tacitismo diffuso all’epoca per alludere alla vicenda più attuale di Concino Concini che, arrivato a Parigi con la moglie al seguito di Maria de’ Medici, acquisì un potere smisurato dopo la morte di Enrico IV, per poi essere ucciso nel 1617 (alla vicenda lo stesso Matthieu dedicò anche La conjuration de Conchine, ou l’histoire des mouvements derniers 1618). Alla moglie di Concini Matthieu dedica l’Histoire des prospéritéz malheureuses d’une femme Cathénoise, trasfigurandola nel personaggio dell’«umile lavandaia divenuta confidente di Giovanna d’Angiò», la cui storia era stata narrata da Giovanni Boccaccio nel De casibus virorum il­lustrium. In Spagna le due biografie esemplari sono tradotte da Mártir Rizo e pubblicate nel 1625, in Italia circolano già nel 1620 nella traduzione di un «Gelato Accademico Umorista» e più tardi vengono tradotte anche in Germa­nia e in Inghilterra. Un’altra lettura del personaggio è offerta da Giovan Battista Manzini (1599-1664) nella sua Peripetia di Fortuna, ovvero Sopra la caduta di Seiano (1628), una «breve considerazione». Anche Manzini segue so­prattutto Dione Cassio per costruire «un Seiano minato dall’ingenuità, frutto dell’accecamento prodotto dalla fortuna», ma nell’opera si riconosce pure l’influenza del manuale di Eustache de Refuge che aveva dedicato a Seiano ampio spazio; «Manzini vi aveva trovato inoltre un compendio autonomo sulla dissimulazione onesta».

Agnès Morini, Gustavo Adolfo dalla storiografia alla narrazione.
Il saggio esamina le diverse interpretazioni del personaggio di Gustavo Adolfo date dagli storici Maiolino Bisaccioni (1653) e Gualdo Priorato, (1643 e 1646), da Luigi Rossi (1598-1653) nelle «forme sintetiche del lamento», da Girolamo Graziani nel panegirico e infine dal Loredano nella Dianea (1636). In genere viene adottato lo schema plutarchiano, modellato secondo i vari intenti ideologici e in ogni caso è «la tragica coerenza del destino di Gustavo Adolfo, certo associata alla svolta cui corrisponde nella guerra dei Trent’Anni, a giustificare il rilievo particolare dato all’episodio della sua morte nei diversi testi». Il proposito comune, attraverso la menzione delle stesse caratteristiche psicologiche e di virtù militari, è quello di forgiare un ritratto morale che «restituisce l’immagine fortemente topica del capo politico e capo militare diviso con equilibrio tra un senso acuto dell’azione e un senso altrettanto vivo della riflessione […]. Insomma si tratta di delineare la figura di un campione protestante specularmente equivalente a quello del campo cattolico, Wallenstein».

Valentina Nider, Quevedo e l’ars historica: le oraciones e le conjeturas.
Alla luce delle dichiarazioni teoriche espresse da italiani e spagnoli, il saggio indaga le modalità d’impiego di congetture e discorsi, licenze retoriche all’epoca messe in discussione da molti storiografi. Le opere sottoposte ad analisi si rivolgono sia alla storia contemporanea, come il Mundo Caduco e i Grandes Anales, sia alla storia antica, come la Primera parte de la vida de Marco Bruto (1644). I risultati dell’indagine mostrano un Quevedo abile nel destreggiarsi tra le varie tecniche e tendenze: per esempio, i dissoi logoi, i discorsi di rappresentanti di entità collettive, come i discorsi degli Uscocchi nella loro doppia trasmissione, i giochi prospettici con i quali egli elabora una strategia per l’affermazione della propria autorialità, il tentativo (comune ad altri scrittori della storia meditata) di riprodurre una particolare eloquenza femminile nei discorsi di una Porzia allo stesso tempo trepida compagna e «mujer varonil». Tutti questi elementi indicano il lungo apprendistato condotto dall’autore presso gli storici antichi, citati e presi a modello anche in opere appartenenti a generi molto distanti.

Mercedes Blanco, Experimentación narrativa y conciencia históricopolítica en la prosa española del Seiscientos. En torno a «La Hora de todos» de Quevedo.
Il saggio indaga un’opera di finzione, la La Hora de todos (1635), rappre­sentativa di un’epoca in cui la crisi economica e sociale e i modi per superarla diventano «un tema prioritario de reflexión». A partire dalla constatazione che «en condiciones que hacían urgente reflexionar sobre la materia de Estado, en ausencia de instrumentos teóricos satisfactorios, la reflexión tendió a adoptar un cariz más poético que especulativo o filosófico», l’autrice individua due asserti centrali nella politica con cui Olivares pensa di contrastare la crisi: la concezione dell’ubiquità dell’azione statale e quella della sua permanenza illimitata. Tali concezioni sono trasfigurate letterariamente nella geografia della Hora de Todos, composta da quadri ambientati in diverse parti del mondo, o anche nelle imprese di Saavedra Fajardo, commentate con esempi veterotestamentari, classici, medievali e moderni, o, infine, nei fatti e detti memorabili di Ferdinando il Cattolico così come compaiono nel Político di Gracián, considerati una guida da seguire per tutti i sovrani futuri. Immagini letterarie parago­nabili al motivo della sfera di cristallo che dalla letteratura cavalleresca era approdato ai poemi di Camões e Ercilla, illustrano l’aspirazione al controllo universale con il quale lo stato pareva sostituirsi a Dio. Questa hybris riceve un trattamento satirico nell’opera di Quevedo attraverso la critica del cannocchiale mossa da un indio cileno che paragona lo strumento alle caratteristiche degli Olandesi, metafora politica che rielabora uno degli assunti formali della satira menippea (la visione dall’alto) adeguandola all’ampiezza cronologica e geografica dell’orizzonte politico spagnolo. L’altro concetto di cui si segue la «ficcionalización» è quello della ragion di stato, anch’esso messo in discussione in un’epoca nella quale non si crede più nell’esistenza di una scienza di governo che possa modificare lo status quo rappresentato dalle differenze nell’organizzazione dei vari stati (si pensi alla «unión de armas» proposta da Olivares, che pretendeva di unificare il sistema fiscale dei vari regni ispanici sulla base del modello castigliano).

Ramón Valdés, La historia en las sátiras menipeas de Quevedo.
Il saggio è dedicato ad un’altra satira menippea quevediana, il Discurso de todos los diablos, «un perfecto ejemplo de la compatibilidad entre el marco de ficción fantástico propio de la sátira menipea y el interés por la materia histórica y política que siempre interesaron al autor». Dopo aver illustrato le modalità di inserimento della Storia nella menippea, da Seneca a Luciano, ai rinascimentali Erasmo, Alfonso de Valdés e Juan Luis Vives, l’autore si sofferma in particolare sull’importanza dei discorsi. Il loro inserimento è una costante di genere e nel Discurso de todos los diablos Quevedo cede la parola ad alcuni personaggi dell’antichità, come Marco Bruto, Seneca, Giuliano l’apostata, Caligola, Domiziano, contenuti nell’opera. Nel discorso di quest’ultimo egli rinfaccia a Svetonio «su manipulación de la Historia, ensalzando los buenos mo­delos y exagerando con apasionamiento y parcialidad los defectos de los malos gobernantes, [hechos que] implican un cuestionamiento de la verdad de la historia y, consecuentemente, de la validez de las propuestas políticas postuladas sobre la base de los relatos y modelos históricos presentados»; in quello di Giuliano l’Apostata invece, «contenidos serios son abordados a través de la invectiva satírica, utilizando su fuerza para la persuasión». La presenza di questo personaggio non deve far dimenticare le corrispondenze strutturali e tematiche del Discurso de todos los diablos con I Cesari dello stesso Giuliano: «ambas sátiras menipeas, configuradas a medio camino entre la narración y el diálogo de muertos comparten, entre otros rasgos, la abundancia de los personajes históricos que van apareciendo y tomando la palabra en función de su carácter ejemplar (como conquistadores, buenos gobernantes, tiranos, indolentes…)»; tuttavia Valdés conclude l’analisi rilevando che tutti gli indizi raccolti «desgra­ciadamente no parecen suficientes como para confirmar una influencia segura de Juliano en Quevedo».

Lucinda Spera, Girolamo Brusoni storico e narratore.
Il saggio è incentrato sul fortunato romanzo storico-cronachistico La Fuggitiva (1639), che racconta le vicende di Pellegrina Buonaventuri, figlia della ‘leggendaria’ Bianca Cappello, sposa di un Bentivoglio, infelice amante di un Riario con il quale il Brusoni intende comporre un «ibrido narrativo […] derivato dall’unione di romanzo e novella, a cui è d’obbligo aggiungere […] un non marginale interesse per l’elemento storico-cronachistico [...] e una tenace fiducia nella capacità di tale commistione di attirare un pubblico sensibile alle novità e per nulla sprovveduto». Alla luce di questa prima opera la studiosa si interroga sulla possibilità che lo scrittore già in questo periodo mostri «quell’interesse verso la storia e la cronaca che, sostengono i più, si manifesterà pie­namente solo nella maturità». L’autrice si domanda: «Si può pensare che, al di là dell’impiego di una vicenda di cronaca politica estremamente nota, la Fuggitiva abbia alle spalle anche un lavoro di indagine su fonti storiche (o presunte tali)?». Alla luce dell’analisi delle fonti Lucinda Spera può concludere che «a parte gli arricchimenti narrativi, gli scarti della Fuggitiva rispetto ai resoconti forniti dagli ambasciatori veneti contestualmente ai fatti non sono molti, anche se piuttosto significativi e fortemente correlati».

Felice Gambin, «Pluma bien cortada» e «espada cortadora». Narrazione e storia in Baltasar Gracián.
Nell’Acutezza e l’Arte dell’Ingegno di Baltasar Gracián sono frequenti i riferimenti a storici moderni che sembrano aver appreso la lezione di Tacito, come Pierre Matthieu e Virgilio Malvezzi. Per Gracián «la narrazione è l’anima della storia. Solo la narrazione dà senso ai fatti e agli avvenimenti». Secondo Gracián, i fatti storici custodiscono messaggi che vanno decifrati come emerge a più riprese nelle allegorie del Criticón, per esempio nell’incontro di Critilo con una ninfa che distribuisce prodigiose penne e che «severa e inflessibile, segnala come assai spesso vi sia un’inconciliabilità tra narrazione storica e verità». Gracián vincola la penna alla spada, già a partire dalla dedica a don Pablo de Parada, e non risparmia critiche agli storici spagnoli, le cui opere non corrispondono all’eroismo e alla grandezza dimostrate dai connazionali nelle loro imprese. Il Criticón, già definito epopeya menipea, «si erge a opera che rivendica, finalmente, la capacità da parte degli spagnoli di usare la spada e la penna, di rendere immortali, ad un tempo, gli eroi della prudenza e quelli dell’ingegno».

Davide Conrieri, Una novella a doppia chiave storica.
Il saggio indaga una novella di Tomaso Tomasi pubblicata nella prima parte delle Cento novelle amorose dei Signori Accademici Incogniti (1641). La vicenda storica della prima parte adombra i tragici avvenimenti occorsi alla corte urbinate, in cui nel 1621 «Francesco Maria II, duca d’Urbino, rinuncia al suo potere in favore del figlio, Federico Ubaldo. Il giovane (era nato nel 1607) aveva appena sposato Claudia, figlia di Ferdinando I granduca di Toscana». Quest’ultimo, proseguita una vita di sregolatezze nonostante l’investitura e il matrimonio, viene ritrovato morto, con segni di soffocamento, nel suo letto. Nella seconda parte della novella alcuni avvenimenti ricordano elementi della vicenda del «Sebastiano di Venezia, ossia dell’individuo che nel 1598, nello Stato Veneto, affermò di essere il re Sebastiano di Portogallo, scomparso nella battaglia di Alcácer Quibir del 4 agosto 1578». Come precisa l’autore, «è da mettere in conto che nelle narrazioni a chiave non tutti gli elementi sono univocamente decifrabili in termini storici: l’arbitrio, il gusto stesso dell’oscillazione prospettica, vi hanno la loro parte. La combinazione in essa di due storie diverse, la giuntura tra le due storie attraverso il ricorso a espedienti di natura apertamente fantastica, l’attribuzione a personaggi e a luoghi di allusività polivalente sono il corrispettivo inventivo e strutturale di una tematica incentrata sull’illusorietà del reale».

16I mondi possibili del «Quijote», eds. Elisabetta Sarmati e Simone Trecca (numero monografico di Critica del testo), Roma, Viella, 2007.

17La memoria e l’invenzione. Presenza dei classici nella letteratura spagnola del Novecento. Atti del Convegno Internazionale (Università di Salerno, 6-7 aprile 2006), eds. Maria D’Agostino, Alfonsina De Benedetto, Carla Perugini, Soveria Mannelli (SA), Rubbettino editore, 2007. Las actas contienen intervenciones relacionadas con el Siglo de Oro, a saber:

A. Gargano, «“Amor en vilo” tra Garcilaso e Salinas»
G. Poggi, «Quel che resta di un naufragio: tracce gongorine nella poesia dei novísimos»
G. Gentile, «L’ombra breve di Soto de Rojas in Federico García Lorca»
E. Pittarello, «Juan Benet: ¿Se sentó la duquesa a la derecha de don Quijote?»
N. von Prellwitz, «Fray Luis de León e Luis de Góngora in due sonetti di Vicente Aleixandre»
J. M. Martín Morán, «Las semanas del jardín, texto cervantino recreado por Juan Goytisolo»
C. Perugini (Università di Salerno), «Migrazioni di Fray Bugeo: Juan Goytisolo riscrive la Carajicomedia»
M. D’Agostino, «Un “cavaliere santo” s’aggira per l’Europa. Don Quijote fra Dostoevskij e Unamuno»

182008

19Alle radici dell’Europa. Mori, giudei e zingari nei paesi del Mediterraneo occidentale. Volume I: secoli xv-xvii, Atti del Convegno Internazionale (Verona, 15 e 16 febbraio 2007), a cura di F. Gambin, Firenze, Seid, 2008. El volumen recoge las intervenciones al Congreso, entre las cuales, las siguientes de interés para los siglodoristas:

Massimo Aresu, «“Gitanos de dicho Reyno”: appartenenze multiple e ragnatele identitarie nella Sardegna spagnola dell’età moderna»
Andrea Celli, «A proposito di un “Allah piadoso”: la metafora carceraria nella letteratura aljamiada cinquecentesca»
Francesca Dalle Pezze, «Gitani, giudei e mori nella lessicografia spagnola dei Secoli d’Oro»
Antonella Gallo, «El hidalgo Bencerraje di Lope de Vega: luci e ombre della maurofilia letteraria nei Secoli d’Oro»
Felice Gambin, «I moriscos nella Spagna del Seicento: il trattato di Pedro de Valencia»
Nuria Martínez de Castilla Muñoz, «Cómo se hacía un manuscrito aljamiado»
Silvia Monti, «Giudei, conversos e prostitute nella Roma del primo Cinquecento»
Stefano Neri, «El Cautivo de la Cruz: finzione e realtà nel Lepolemo (Valencia, 1521)»

Monografías y volúmenes misceláneos de un mismo autor

202005

21• Gargano, Antonio, Con accordato canto. Studi sulla poesia tra Italia e Spagna nei secoli xv-xvii, Napoli, Liguori, 2005.

22• Nardoni, Valerio, Attraverso aurei ingegni. Garcilaso, Herrera, Gongora tra italia e Spagna, Presentazione di G. Chiappini, Firenze, Alinea, 2005.

232006

24• Morreale, Margherita, Escritos escogidos de lingua y literatura española, Madrid, Gredos, 2006.

252007

26• Gherardi, Flavia, «Un cuerpo parecemos y una vida». Doppie identità nella narrativa spagnola del Secolo d’Oro, Pisa, ETS, 2007.

27• Morreale, Margherita, Homenaje a fray Luis de León, Salamanca, Universidad de Salamanca, 2007.

28• Neri, Stefano, L’eroe alla prova. Architetture meravigliose nel romanzo cavalleresco spagnolo del Cinquecento, Pisa, ETS, 2007.

29• Ruffinatto, Aldo, Tríptico del ruiseñor. Berceo, Garcilaso, San Juan, Vigo, Editorial Academia del Hispanismo, 2007.

30• Gorla, Paola Laura, Rutas cervantinas, Sevilla, Renacimiento, 2007.

31• Monti, Silvia, La Lozana di Delicado e le altre. Con un testo inedito di Jerónimo López Mozo, Verona, Fiorini, 2007.

322008

33• Dolfi, Laura, Tirso e Don Giovanni. Scambi di ruoli tra dame e cavalieri (con due studi su Cicognini e Falla/Martínez Sierra), Roma, Bulzoni, 2008.

Ediciones

342006

35• Espinosa, Pedro, Primera parte de Flores de poetas ilustres de España. Edición de Inoria Pepe Sarno y José-María Reyes Cano, Madrid, Cátedra (Letras hispánicas, 588), 2006.

36• Granada, Fray Luis de, Guía de maravillas. Edición de Giuseppe Mazzocchi, Sevilla, Fundación José Manuel Lara, 2006, 2 vols.

37• Torre y Sebil, Francisco de la y José Arnal de Bolea, La Azucena de Etiopía. Comedia de fiesta, introduzione, testo critico e note di Giovanni Cara, Firenze, Alinea (collana «Secoli d’Oro», 49), 2006.

382007

39• Neri, Stefano, Antología de las arquitecturas maravillosas en los libros de caballerías, Alcalá de Henares, Centro de Estudios Cervantinos, 2007.

40• Calderón de la Barca, Pedro, La torre de Babilonia. Edición de Valentina Nider. Pamplona/Kassel, Universidad de Navarra/Reichenberger (Colección de Autos sacramentales completos de Calderón, 61), 2007, 256.

41• Diamante, Juan Bautista, Santa María Magdalena de Pazzi. Edizione di Paolo Pintacuda, Pavia, Ibis, 2007.

42• Pérez de Montalbán, Juan, Palmerín de Oliva. Edición y estudio introductorio de Claudia Dematté, Viareggio-Lucca, Mauro Baroni (colección Agua y Peña), 2007.

43• Vega, Lope de, Novelas a Marcia Leonarda. Edición de Marco Presotto, Madrid, Castalia (Clásicos Castalia, 290), 2007.

442008

45• Calderón de la Barca, Pedro, La vida es sueño. Edición de Fausta Antonucci, Barcelona, Crítica (Clásicos y Modernos, 23), 2008.

Traducciones

462005

47• Cervantes, Miguel de, Il curioso inopportuno. Introduzione, traduzione e note a cura di Valerio Nardoni, Firenze, Passigli, 2005.

48• Cervantes, Miguel de, Iª Parte del Don Chisciotte della Mancia. Trad. coord. da Patrizia Botta, Pescara, Libreria dell’Università, 2005.

492006

50• Giovanni della Croce, San, Salita del monte Carmelo. Introduzione di G. Ravasi, traduzione di E. Bistazzoni, Roma, Fazi, 2006.

512007

52• Juana Inés de la Cruz, Il divino Narciso. Traduzione e studio di Barbara Fiorellino, Roma, Bagatto Libri, 2007.

Tesis doctorales

53• 18 de junio de 2008: Manuela Sileri, «Le novelas cortas di Alonso de Castillo Solórzano tra narrativa e teatro», Universidad de Pisa (Dottorato di ricerca in Letterature Straniere Moderne), directores: Giulia Poggi y Fausta Antonucci

Inicio de página

Para citar este artículo

Referencia en papel

Fausta Antonucci, « Noticias de Italia XI », Criticón, 103-104 | 2008, 369-380.

Referencia electrónica

Fausta Antonucci, « Noticias de Italia XI », Criticón [En línea], 103-104 | 2008, Publicado el 20 enero 2020, consultado el 03 junio 2020. URL : http://journals.openedition.org/criticon/12394

Inicio de página

Autor

Fausta Antonucci

Universidad “Roma Tre”

Artículos del mismo autor

Inicio de página
  • Logo Presses universitaires du Midi
  • Logo ENS de Lyon
  • Logo IHRIM - Institut d'Histoire des Représentations et des Idées dans la Modernité
  • Logo Labex COMOD - Université de Lyon
  • Logo Instituto Cervantes
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals