Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeriN° 14, 2I. Laboratorio. Processo penale, ...Il processo di Lipsia e la figura...

I. Laboratorio. Processo penale, politica, opinione pubblica (secoli XVIII-XX)
6

Il processo di Lipsia e la figura di Georgi Dimitrov

Giulia Casadei

Abstract

L’articolo offre una breve ricostruzione del Processo di Lipsia (1933), dall’antefatto dell’incendio del Reichstag, all’incarcerazione degli imputati, comprese le differenti fasi processuali. Particolare attenzione è data al contributo di uno degli accusati, il bulgaro Georgi Dimitrov (membro di spicco del Comintern) il quale fu in grado, grazie ad una strenua quanto ardita autodifesa, di smascherare le macchinazioni della polizia e del sistema giudiziario nazista, all’interno di un processo di rottura politica.

Torna su

Testo integrale

Museum of Socialist ArtVisualizza l'immagine
Credits: by Rachel Titiriga on Flickr (CC BY 2.0)

1. L’incendio del Reichstag

It was the Reichstag fire, not the Chancellorship of Hitler nor his electory victory on 5 march, that began the Brown Terror

  • 1 TOBIAS, Fritz, The Reichstag Fire: Legend and Truth, London, Secker & Warburg, 1963, p. 287.

Fritz Tobias1

1L’intenzione di questa breve trattazione è di analizzare la portata storica e le peculiarità strutturali che hanno caratterizzato il cosiddetto Processo di Lipsia. Per fare questo ho ritenuto necessario partire dall’origine, dal casus belli di questo processo: l’incendio del Reichstag tedesco avvenuto la notte del 27 febbraio 1933. Nonostante l’evidente necessità di partire da questo avvenimento, il mio interesse non sarà tanto quello di condurre un’indagine storiografica volta allo smascheramento dei colpevoli dell’incendio. Il vero scopo di questa breve analisi sarà quello di far emergere il contributo che Georgi Dimitrov diede allo svolgimento del processo di Lipsia, e soprattutto la sua capacità di trasformare un semplice processo politico in uno dei più grandi casi mediatici dello scorso secolo.

1.1 L’incendio

2Come è noto, nel contesto di una Repubblica di Weimar attraversata da una lunga e profonda crisi, Hitler venne nominato Cancelliere il 30 gennaio 1933. Una volta insediato, decise di consultare immediatamente il popolo tedesco circa la sua nomina a cancelliere e indisse pertanto le elezioni per il 5 marzo. L’incendio del Reichstag si colloca cronologicamente appena 9 giorni prima di queste elezioni, ovvero il 27 febbraio del 1933.

3Alla notizia del Reichstagsbrand, accorsero sul luogo tutte le personalità, stampa compresa, assieme ovviamente alla polizia, alle SA e alle SS, incaricate del mantenimento dell’ordine pubblico, e alle squadre dei pompieri di Berlino.

4Una volta giunti sul posto, pompieri e poliziotti non impiegarono molto tempo né a sedare l’incendio, né a cogliere con le mani nel sacco l’incendiario che si aggirava seminudo per l’edificio.

1.2 L’arresto del “comunista olandese”

5L’incendiario, al momento della cattura, portava con sé pochi indumenti (molti dei quali li aveva utilizzati come micce per innescare gli incendi), un passaporto olandese a nome di Marinus van der Lubbe, nato il 13 gennaio 1909, di professione muratore, e inizialmente venne diffusa la notizia che il giovane avesse con sé anche una tessera del Partito Comunista Olandese. Di questa tessera non si trovarono in realtà tracce, e si dimostrò come questa fosse una macchinazione di Göring e dei suoi collaboratori per poter immediatamente attribuire l’incendio ai comunisti, giustificando così una serie di arresti e perquisizioni a danno di questi ultimi e dei socialdemocratici.

6Come possiamo chiaramente constatare dai provvedimenti di Hitler subito dopo l’incendio (messa fuorilegge del partito comunista, misure eccezionali sulla libertà di stampa e di riunione) l’incendio del Reichstag si dimostrò un grande affare per i nazisti che guadagnarono alle elezioni del 5 marzo ben il 44% dei consensi.

1.3 L’incendio, l’Unione Sovietica, gli ebrei

7Come abbiamo visto, assieme a Van der Lubbe, da quella sera vennero arrestati più di 4.200 cittadini in tutta la Germania, 1.200 nella sola Berlino. A cadere nelle mani dei nazisti non furono solamente attivisti di secondo piano, ma lo stesso Torgler, il principale deputato del Partito Comunista Tedesco, fu rinchiuso in carcere.

8Tuttavia, 4.200 comunisti nelle carceri, compreso il deputato più importante del KPD, non bastavano: i nazisti volevano tirare in ballo il vero grande nemico, l’Unione Sovietica. Il mandante dell’incendio del Reichstag e della successiva insurrezione comunista non poteva che venire direttamente da Mosca. È in questi termini che si cercò di comprovare il coinvolgimento di Georgi Dimitrov e degli altri due comunisti bulgari.

  • 2 CALIC, Edouard, L’incendio del Reichstag, Milano, Feltrinelli, 1970, p. 90.
  • 3 CALIC, Edouard, op. cit., pp. 87-88: sarà poi lo stesso 1° aprile (da notare l’astuzia di Goebbels, (...)

9Chiamati in causa i comunisti sovietici, mancavano solo gli ebrei, che prontamente vennero additati dalla propaganda nazista come i «difensori degli incendiari del Reichstag»2. Su questa linea, il 1° aprile3 venne dato inizio ad una vera e propria campagna antiebraica che prese il nome di Judenboykott (il boicottaggio degli ebrei). Possiamo dunque vedere come l’incendio del Reichstag fosse stato di fondamentale importanza, non solo per l’ascesa al potere di Hitler e della sua dittatura, ma anche come presupposto per l’inizio delle campagne persecutorie contro gli ebrei.

10Anche volendo sostenere, come lo storico Fritz Tobias, che non furono i nazisti a organizzare l’incendio, di certo non si può negare che per Hitler il Reichstagsbrand fu un vero e proprio affare, una manna caduta dal cielo, casualmente, nel posto giusto (il Reichstag era il simbolo della Repubblica di Weimar) e al momento giusto (poco prima delle consultazioni elettorali del 5 marzo). Il tutto sarà poi reso possibile da una cinica strumentalizzazione politica dell’incendio e da una serie di manipolazioni delle informazioni, dei testimoni, delle prove, oltre ovviamente ad un sapiente uso della stampa e dei mezzi di comunicazione.

1.4 I comunisti bulgari

  • 4 Ibidem, p. 170. La data non venne scelta a caso, ovvero dopo le elezioni del 5 marzo (arrestare i b (...)
  • 5 Ibidem, p. 137.

11Come abbiamo precedentemente accennato, per coinvolgere e screditare l’Unione Sovietica, il 7 marzo4 vennero arrestati tre comunisti bulgari, uno dei quali, Georgi Dimitrov, era una figura di spicco del comunismo internazionale in quanto capo del Komintern per l’Europa Occidentale. L’arresto dei bulgari suscitò immediatamente una forte indignazione da parte della stampa estera e di diversi intellettuali sia europei che americani. La stampa internazionale mise in piedi quella che Hitler definì la «propaganda dell’orrore»5 contro il popolo tedesco, grazie ad una serie di articoli militanti, alla pubblicazione di opere come il Braunbuch e al controprocesso organizzato a Londra.

12Così come era avvenuto per il caso Dreyfus, anche l’incendio del Reichstag e il corrispettivo processo di Lipsia si trasformarono ben presto in un vero e proprio affaire, seguito dall’opinione pubblica mondiale e dai più importanti intellettuali dell’epoca.

2. Il processo di Lipsia6

  • 6 L’accezione Processo di Lipsia è ormai largamente utilizzato per indicare non solo il periodo del p (...)

L’arte giudiziaria è un’arte autonoma il cui criterio non è il sopravvivere dell’arringa o della requisitoria, ma l’ampiezza dell’onda che il processo lascia della storia.

  • 7 VERGES, Jaques M., Strategia del processo politico, Torino, Einaudi, 1969, p. 113.

Jacques M. VERGES7

2.1 La fase inquisitoria

13Una volta introdotti i più importanti avvenimenti che caratterizzarono l’incendio del Reichstag e i principali personaggi coinvolti, possiamo entrare nel cuore della nostra trattazione, analizzando lo svolgimento del processo di Lipsia.

  • 8 DIMITROV, Georgi, Il Processo di Lipsia, Roma, Editori Riuniti, 1972, [I° edizione in lingua italia (...)

14Mi preme qui sottolineare che la ricostruzione di questo processo è stata in larga parte possibile grazie alle carte conservate da Dimitrov al momento del suo frettoloso rilascio8. Le autorità competenti omisero infatti di controllare i bagagli dell’ex detenuto, permettendo così la conservazione di numerose carte, lettere e verbali stenografati durante il processo. Tutti i documenti sono stati scritti su moduli carcerari: nell’angolo superiore a sinistra sono indicati il cognome e la matricola di Dimitrov, la formula di convenienza e la chiusura (i documenti che non presentavano tale impaginazione erano stati trattenuti). I documenti, ad esclusione della prima dichiarazione del 20 marzo, rilasciata in lingua bulgara, sono stati scritti in tedesco.

15Nella prima dichirazione riportata, Dimitrov spiega i motivi della sua permanenza in Germania sotto falso nome, sottolinea il proprio alibi per i giorni del 26-27 febbraio (come abbiamo visto si trovava a Monaco) ed infine giunge ad una puntuale analisi politica dell’incompatibilità della pratica terroristica dell’incendio del Reichstag con le linee direttive e programmatiche dei Partiti comunisti e dell’Internazionale.

  • 9 Ibidem, p. 19.
  • 10 Ibidem, p. 7. La comunicazione ufficiale dell’accusa di aver incendiato il Reichstag fu resa nota a (...)

16Questo testo, costituisce l’unico documento conservato per la fase inquisitoria (o istruttoria poliziesca9) che ebbe luogo tra il 9 marzo, data dell’arresto dei bulgari, e il 28 marzo, giorno in cui i sospettati vennero spostati nella prigione criminale di Moabit con l’accusa di aver partecipato all’incendio del Reichstag10. Durante questo periodo, la polizia di Berlino fu in grado di raccogliere una serie di prove e testimonianze, seppur il più delle volte menzognere, che consentì loro di procedere con la successiva fase processuale (l’istruttoria giudiziaria). Tutte le seguenti carte saranno inerenti a questa seconda fase e pertanto cronologicamente successive al 28 marzo.

2.2 Il trattamento di Dimitrov in carcere

  • 11 Ibidem, pp. 7, 10, 11. In data 26 aprile 1933, Dimitrov non aveva ancora avuto un colloquio con il (...)

17Con l’incarcerazione di Dimitrov si potè assistere da subito ad una serie di soprusi e di violazioni delle procedure ordinarie da parte della polizia tedesca e del giudice istruttorio Vogt: venne lasciato senza denaro, non gli vennero consegnati i pacchi inviati dalla madre, non gli fu fornita un’immediata assistenza legale, la sua corrispondenza viene recapitata in ritardo o addirittura non gli viene fatta pervenire e infine viene barbaramente privato dei suoi occhiali, gesto più che mai esemplificativo della volontà della polizia carceraria di ostacolare la preparazione dell’autodifesa del prigioniero, così come il fatto di non mettergli a disposizione un manuale di lingua tedesca, da lui più volte richiesto11.

18Tuttavia il sopruso decisamente più incivile fu quello di incatenare i sospettati dal 4 aprile al 31 agosto 1933, sia di giorno che di notte; addirittura durante le prime tre settimane vennero ammanettati anche alle caviglie, violando apertamente le più elementari procedure carcerarie. Dimitrov dovette organizzare tutta la preparazione del processo, l’analisi delle carte, la corrispondenza, con le mani incatenate e doloranti. Il sistema di manette, o potremmo dire lo strumento di tortura, era costituito in termini da una barra d’acciaio a cui era assicurata una catenella che stringeva i polsi incrociati; gli imputati venivano liberati da questo sistema di costrizione solamente durante i pasti e per i pochi minuti necessari per vestirsi la mattina e svestirsi la sera. A questo proposito Dimitrov scrisse una serie di lettere sia al proprio avvocato, che al giudice istruttore, senza ricevere tuttavia una risposta positiva per cinque mesi. La richiesta di Dimitrov era motivata dal seguente passo del codice di procedura penale, paragrafo 116 (terza parte), come egli stesso riporta nella lettera del 24 agosto 1933:

  • 12 DIMITROV, Georgi, Il Processo di Lipsia, cit., p. 37, lettera del 24 agosto 1933; ibidem, pp. 84-85

Le manette possono essere messe in prigione al carcerato soltanto quando ciò, in seguito al pericolo speciale che rappresenta la persona, è richiesto per la sicurezza altrui, oppure egli ha commesso o preparato tentativi di suicidio o di evasione. Durante il processo le manette devono essere tolte12.

19Essendogli stata negata più volte la liberazione dalle manette, Dimitrov provò a chiedere che lo si tenesse ammanettato solo di notte, come era abitudine fare per i reclusi condannati a morte, ma neanche questa richiesta poté trovare una risposta affermativa. Le conclusioni che Dimitrov trasse da questo inaudito trattamento furono le seguenti:

  • 13 Ibidem, p. 35, lettera del 18 agosto 1933.

È evidente che in questo modo la preparazione della mia difesa è considerevolmente ostacolata e il diritto che mi è garantito dalla legge viene ad essere straordinariamente limitato per non dire annullato di fatto13.

20Purtroppo per i giudici, nonostante questo subdolo sistema di tortura fisica quanto psicologica, Dimitrov, come vedremo in seguito, riuscì a prepararsi egregiamente per il suo processo.

2.3 Gli avvocati della difesa

  • 14 CALIC, Edouard, L’incendio del Reichstag, cit., p. 158, nota 4.
  • 15 DIMITROV, Georgi, Il Processo di Lipsia, cit., pp. 25-26.

21La questione degli avvocati della difesa all’interno del processo di Lipsia costituisce certamente un passaggio fondamentale per mostrare come questo fosse stato fortemente controllato dai nazisti e volto pertanto ad ostacolare il più possibile le possibilità degli accusati, anche a costo di ledere i più basilari principi del diritto alla difesa. Come abbiamo visto, ai bulgari non venne concesso (come era invece previsto dalle tempistiche ordinarie) di interloquire con i loro avvocati, i quali vennero nominati piuttosto tardivamente e secondo modalità alquanto provocatorie. A difendere gli imputati bulgari non si presentò volontariamente nessun avvocato tedesco, anche se giunsero ben venticinque candidature da avvocati di diversi paesi stranieri14: Decev e Grigorov dalla Bulgaria, Gallagher dall’America, Moro Giafferi, Campinchi, Torrès e Marcel Willard dalla Francia ed altri ancora. Per evitare che questi grandi avvocati fornissero realmente una difesa a Dimitrov, vennero respinti l’uno dopo l’altro, con la scusa che solitamente non si accettavano avvocati stranieri e che molti di questi non parlavano tedesco. Pertanto, il 25 luglio 1933 la IVa Sezione penale del Tribunale del Reichstag procedette alla nomina dell’avvocato d’ufficio di Dimitrov e degli altri bulgari, l’avvocato Teichert, mentre per van der Lubbe e Torgler vennero nominati rispettivamente gli avvocati Seuffert e Sack15.

  • 16 VERGES, Jacques M., Strategia del processo politico, cit., pp. 49-66. Questo capitolo, intitolato « (...)
  • 17 «Se i testimoni da me proposti non saranno citati ufficialmente, vorrei allora far inviare questi t (...)

22Inizialmente, Dimitrov accettò di essere difeso dall’avvocato d’ufficio che gli era stato assegnato, anche se questo, per la sua poca intraprendenza, non godette mai della sua fiducia completa. I due entrarono ben presto in conflitto sulle basi stesse su cui condurre la difesa: Dimitrov spingeva irremovibilmente per una difesa di tipo politico e per dar vita a quello che Verges definì il «processo di rottura»16, mentre al contrario l’avvocato Teichert puntava ad una difesa puramente personale dell’imputato. Data la presenza di questi contrasti, Dimitrov si mosse immediatamente per costruire una propria difesa parallela, procurandosi informazioni sul sistema penale tedesco e soprattutto sulla procedura penale. La tenacia e l’acume di questo personaggio emersero sempre più chiaramente: non solo Dimitrov affinò la propria conoscenza della lingua tedesca, ma consultò manuali di diritto penale e procedurale in modo da non essere mai colto di sorpresa e da poter supervisionare l’operato del giudice istruttorio Vogt (certamente uno dei personaggi che più gli si opposero), per esempio sulla questione delle manette. Dimitrov infatti non solo controllava il suo avvocato, ma prendeva immediatamente parte attiva alla costruzione della propria difesa, suggerendo a Teichert su quali linee muoversi e fornendogli una lista di testimoni da citare e interrogare17. Queste “ingerenze” da parte dell’accusato non furono mai prese in considerazione dall’avvocato tedesco, che continuò a mantenere una difesa tipicamente canonica, andando così a provocare una rottura che culminò il 12 ottobre, con la dichiarazione di Dimitrov al presidente Bürger:

  • 18 Ibidem, p. 57.

Dopo che il tribunale ha ricusato tutti gli otto difensori da me proposti, non mi resta altro che difendermi da me stesso, come posso e credo. E così sono costretto a presentarmi davanti al tribunale del Reich in doppia veste: in primo luogo, come accusato Dimitrov, in secondo luogo, come difensore dell’accusato Dimitrov18.

23D’ora in poi il bulgario si appellerà pertanto al suo diritto all’autodifesa.

2.4 L’inizio del processo

24Il processo ai presunti incendiari ebbe inizio il 21 settembre 1933 presso la Corte Suprema di Lipsia, davanti alla IVa Sessione penale del tribunale del Reichstag. Fu consentito di seguire il dibattito a ottantadue corrispondenti di giornali stranieri, oltre a dodici tedeschi. Per sfruttare al meglio la portata mediatica del processo, ignaro della piega che questo avrebbe preso, il governo tedesco decise di trasmettere le udienze via radio. A seguito del sorprendente successo e dell’eco internazionale che ebbe il discorso di Dimitrov del 23 settembre, la trasmissione radio venne immediatamente sospesa.

25All’apertura della prima udienza del processo, contrariamente a tutte le usanze, il presidente del tribunale Bürger pronunciò un discorso tutto volto a difendere l’immagine della Germania dalle accuse di aver fabbricato false testimonianze con lo scopo di permettere l’ascesa al potere di Hitler. Su questa stessa linea si mosse anche il discorso introduttivo dell’avvocato di Torgler, Sack.

26Durante il proprio interrogatorio (23 settembre), Dimitrov capovolse radicalmente l’andamento del processo, affrontando i suoi accusatori in termini di attacco e rottura. Il bulgaro, più che insistere sulla propria innocenza, parlò come accusatore contro il tribunale, le autorità fasciste e contro la falsità dell’intero processo, il quale non era altro che uno strumento borghese nelle mani dei dittatori nazisti. Secondo Dimitrov, all’interno del processo di Lipsia non si stava né cercando di scoprire la verità, né tanto meno di fare giustizia, piuttosto si volevano mettere in piedi i presupposti per l’annientamento del Partito comunista e dei suoi principali esponenti.

  • 19 Ibidem, p. 48.

27Invece di giustificare il proprio passato insurrezionale, Dimitrov lo rivendicò con orgoglio, affermando che l’unico rammarico per i moti da lui diretti nel 1923 era quello che non fossero stati all’epoca abbastanza “bolscevichi”19.

2.5 I testimoni

28L’audacia e il carattere “accusatorio” dell’autodifesa di Dimitrov lo si riscontra costantemente in ogni suo aspetto, in particolar modo nella provocatoria citazione dei testimoni.

  • 20 Ibidem, p. 59.

29Per iniziare Dimitrov volle estendere le indagini anche sui sostenitori del nazismo. In particolar modo il bulgaro si soffermò sull’ultima notte trascorsa da van der Lubbe presso il quartiere di Hennigsdorf20, noto a tutto per essere luogo di nazisti facinorosi. La polizia governativa si era ben guardata da compiere indagini e interrogatori in questa zona, riversandosi piuttosto sul rione proletario di Berlino, il Neukölln, dove, secondo alcuni testimoni, Marinus si era aggirato qualche giorno prima dell’incendio. Ovviamente tutti i tentativi di estendere le indagini nella direzione proposta da Dimitrov furono ignorati dal Presidente Bürger.

30Ulteriore elemento sul quale Dimitrov incentrò la propria attenzione fu quello di dimostrare l’incompatibilità tra le modalità dell’attacco incendiario al Reichstag con le politiche generali di lotta indicate da tutti i Partiti comunisti nazionali e internazionali, cosa che gli costò non pochi richiami e diversi allontanamenti dalle aule del processo.

31Il 31 ottobre si chiuse anche il cerchio dei testimoni principali dell’accusa, con la testimonianza di Lebermann, morfinomane e ladro, che fu così commentata da Dimitrov:

  • 21 DIMITROV, Georgi, Il Processo di Lipsia, cit., p. 98.

vorrei soltanto notare, signore Presidente e signori giudici, che il ciclo dei testimoni […] dell’accusa contro di noi, imputati comunisti, si chiude con questo teste. Iniziatosi con dei deputati del Reichstag appartenenti al partito nazionalsocialista, con dei giornalisti nazionalsocialisti, esso finisce con un ladro21.

32Non mi sembra sia necessario aggiungere altro circa la scarsa attendibilità dei teste dell’accusa.

2.6 L’interrogatorio di Göring e Goebbels

  • 22 DIMITROV, Georgi, Il Processo di Lipsia, cit., p. 102.

33Data la portata mediatica che il Processo aveva preso, Göring e Goebbels decisero di intervenire per risollevare la situazione e cercare di ridare credibilità all’accusa. Tuttavia si trovarono a fare i conti con un Dimitrov sempre più agguerrito, pronto a cogliere l’occasione per smascherare la falsità del processo davanti alla stampa di tutto il mondo. Il primo a sottoporsi alle domande del bulgaro fu Göring, il quale venne immediatamente attaccato per aver diffuso la notizia menzognera che Marinus appartenesse al Partito comunista olandese. Non era certo sfuggito a Dimitrov il fatto che la dichiarazione di Göring, rilasciata appena pochi minuti dopo essere giunto sul luogo dell’incendio, fosse stata una vera e propria macchinazione volta a coinvolgere il fronte comunista e a legittimare l’arresto di migliaia dei suoi componenti. Che fosse stato male informato, o piuttosto, che avesse voluto effettivamente diffondere quella falsa notizia, poco importa: come Ministro degli Interni non aveva nessuna scusante per il suo errore. Questo Göring lo sapeva bene, tanto che, non appena Dimitrov glielo fece notare, andò su tutte le furie, e finì col lasciarsi scappare pesanti minacce: «Il vostro partito [riferendosi a Dimitrov] è un partito di delinquenti che bisogna annientare!»22; emergevano così le vere intenzioni di Göring.

  • 23 Ibidem, p. 105.
  • 24 Per ben cinque volte Dimitrov venne fatto allontanare dall’aula e riportato in prigione; il numero (...)

34Certamente più pacato, ma enigmatico, fu il comportamento di Goebbels durante il suo interrogatorio: di fronte alle domande scomode cambiava prontamente discorso oppure affermava che non fosse di suo competenza rispondere. Inoltre, quando Dimitrov chiese al Ministro come mai adesso si stesse accanendo così tanto su questo attentato terroristico quando il suo governo aveva appena votato un’amnistia per tutti gli attentati terroristici compiuti dai nazionalsocialisti nel 1932, Goebbels rispose semplicemente che la gente «si difendeva dal terrore rosso, noi non potevamo mandarla in prigione, giacché gli atti venivano commessi per la salvezza della nazione tedesca»23. In altre parole se i nazisti compivano attacchi terroristici, questi ultimi erano del tutto legittimi, ma se invece venivano realizzati dai comunisti, si rendeva necessario intervenire con veemenza. Ovviamente un simile ragionamento non poteva che lasciare allibita l’opinione pubblica estera; così il presidente Bürger venne prontamente in aiuto del Ministro della Propaganda, accusando Dimitrov di fare propaganda socialista e, come ogni volta in cui quest’ultimo poneva domande scomode, gli tolse la parola24.

2.7 Il silenzio di Marinus van der Lubbe

35Abbiamo accennato in precedenza alla biografia di questo personaggio e abbiamo analizzato il momento della sua perquisizione e soprattutto la questione della fantomatica tessera del Partito comunista olandese che il giovane sembrava portare con sé. Approfondiremo invece ora il comportamento di Marinus durante il Processo di Lipsia, il quale desterà non poche perplessità e interrogativi sia da parte della stampa internazionale che da parte dello stesso Dimitrov.

  • 25 CALIC, Edouard, L’incendio del Reichstag, cit., p. 168.
  • 26 Ibidem, p. 153.

36Innanzitutto, bisogna sottolineare che il van der Lubbe del processo sembrò decisamente un’altra persona rispetto a quello spavaldo e temerario del momento dell’arresto. Durante le udienze Marinus se ne stava con il capo chino, in una condizione di apparente disorientamento, quasi assente, e soltanto occasionalmente riprendeva coscienza di sé, bofonchiava qualche risposta oppure scoppiava in fragorose risate infantili. Una delle teorie più accreditate per spiegare il comportamento del giovane voleva che il giovane fosse stato drogato in carcere, probabilmente con della scopolamina25. La motivazione di tutto questo sarebbe da ricercare nel fatto che Marinus non avrebbe voluto denunciare i comunisti come complici diretti dell’incendio; questo avrebbe pertanto portato i nazisti a “neutralizzare” l’olandese e, parallelamente, li avrebbe costretti a creare dei “finti testimoni” per sostenere l’accusa contro Dimitrov e i suoi compagni26. Che questa teoria corrisponda a verità o meno, di fatto il silenzio di Marinus rese possibile il proseguimento del processo e il coinvolgimento dei comunisti, proprio nella misura desiderata dai nazisti.

37Durante le udienze, Dimitrov cercò più volte di rivolgersi all’incendiario, senza riuscire mai, tuttavia, ad ottenere una risposta di senso compiuto.

38Ora, se l’olandese avesse davvero avuto qualcosa a che fare coi comunisti, o se fosse addirittura appartenuto allo stesso partito, di certo avrebbe cercato di far scagionare i proprio compagni, affermando che non erano stati in nessun modo suoi complici. Al contrario, il mutismo di van der Lubbe non fece che peggiorare la situazione dei bulgari e consentì ai nazisti di portare avanti la loro campagna propagandistica contro il terrore rosso. Le possibilità potevano essere soltanto due: o Marinus era tanto stordito (o meglio drogato) a tal punto da non essere in grado realmente di rispondere alle domande, oppure non aveva minimamente a cuore gli interessi del Partito comunista, tanto da lasciare che venisse ingiustamente chiamato in causa nel processo. Ad ogni modo, è evidente che i veri mandanti dell’incendio andassero cercati altrove, come suggerì lo stesso Dimitrov:

  • 27 Ibidem, p. 93. È interessante analizzare anche il resoconto stenografico del 26 settembre: «Dimitro (...)

Secondo la mia opinione, van der Lubbe è in questo processo, per così dire, il Faust dell’incendio doloso del Reichstag. Questo misero Faust sta davanti al tribunale, mentre il Mefistofele dell’incendio doloso del Reichstag non c’è…27.

39Ovviamente per Dimitrov questo diabolico Mefistofele poteva appartenere ad una sola fazione, quella nazista.

2.8 L’arringa finale

40Dopo tre lunghi mesi, il 13 dicembre, ci si avviò verso la conclusione del processo con la requisitoria del procuratore, le arringhe degli avvocati e le dichiarazioni finali degli imputati. Il procuratore generale presentò la proposta di verdetto per un’«assoluzione, per insufficienza di prove, degli imputati bulgari». L’accusa, ormai spalle al muro, stava così cercando un espediente per uscirne nel modo migliore possibile: dichiarando l’assoluzione degli imputati, li si lasciava effettivamente in libertà, ma non si affermava la loro piena innocenza, quanto piuttosto l’impossibilità di dichiararli colpevoli per mancanza di prove sufficienti. Di fronte a questa proposta, che pur avrebbe concesso la piena libertà ai bulgari, Dimitrov si dimostrò fermamente contrario, proponendo piuttosto la seguente sentenza:

  • 28 DIMITROV, Georgi, Il Processo di Lipsia, cit., p. 153.

1. Che il Tribunale supremo riconosca la nostra innocenza in questa causa e dichiari l’accusa ingiusta; ciò si riferisce a tutti, anche a Torgler, Popov e Tanev;
2. Considerare Van der Lubbe come uno strumento del quale i nemici della classe operaia hanno abusato;
3. Mettere sotto processo i colpevoli dell’accusa infondata, diretta contro di noi;
4. A spese di questi colpevoli risarcire noi dei danni per il tempo da noi perduto, per la salute sciupata, e per le sofferenze subite28.

  • 29 Ibidem, p. 129.
  • 30 Ibidem, p. 132.

41Così, come la proposta di sentenza di Dimitrov, anche il resto della sua arringa finale risultò provocatorio e audace. Il bulgaro esordì citando il secondo paragrafo del Codice di procedura penale, secondo il quale egli aveva: «diritto di parlare sia come difensore, sia come imputato»29 e riuscì così a ottenere l’autorizzazione per pronunciare il proprio lungo discorso. Durante questa ultima arringa, come durante tutto il processo, il suo scopo fu quello di: «confutare l’accusa che Dimitrov, Torgler, Popov e Tanev, il Partito Comunista della Germania e l’Internazionale Comunista potessero avere un qualsiasi rapporto con l’incendio»30, e lo fece ricapitolando tutti i passaggi fondamentali delle udienze.

42Infine, in termini ancora più apertamente provocatori, Dimitrov diede una propria ricostruzione dell’incendio che lasciava trapelare una palese accusa al governo nazista:

  • 31 Ibidem, pp. 147-148.

io ritengo che effettivamente van der Lubbe non ha [abbia] incendiato il Reichstag da solo. Basandomi sulle dichiarazioni dei periti e sui risultati degli interrogatori al processo, giungo alla conclusione che l’incendio della sala plenaria del Reichstag è di tutt’altro carattere degli incendi nel ristorante, al piano inferiore, ecc. L’incendio della sala plenaria è stato provocato da altre persone e con altri mezzi. Gli incendi provocati da van der Lubbe e quello provocato nella sala plenaria coincidono soltanto nel tempo, ma per il resto sono totalmente differenti31.

43Di lì a poco, sarebbe stata tolta la parola a Dimitrov per l’ultima volta. Ormai il processo stava andando verso la sua conclusione, gli imputati non potevano fare altro che attendere il verdetto finale.

2.9 Il verdetto finale

44La sentenza finale del Processo di Lipsia venne pronunciata il 23 dicembre e recitava:

  • 32 TOBIAS, Fritz, The Reichstag Fire, cit., p. 268.

The accused Torgler, Dimitrov, Popov and Tanev are acquitted. The accused van der Lubbe is found guilty of high treason, insurrectionary arson and attempted common arson. He is sentenced to death and to perpetual loss of civil rights32.

45Il presidente Bürger fornì la seguente motivazione:

  • 33 CALIC, Edouard, L’incendio del Reichstag, cit., p. 196.

secondo l’opinione della corte il fuoco non ha potuto essere opera di una sola persona bensì della collaborazione di altri individui, non fosse altro che per la difficoltà e l’importanza del sinistro […] l’imputato van der Lubbe ha quindi incendiato coscientemente e volontariamente il Reichstag con la collaborazione di altri individui33.

46Questi collaboratori, tuttavia, non furono mai trovati, soprattutto per via del fatto che, durante il processo, si cercò più che altro di costruire false prove e testimonianze contro i bulgari piuttosto che ricercare i veri colpevoli.

  • 34 Ibidem.

47Dopo aver tenuto in prigione tre innocenti per quasi un anno e dopo che non si era trovato uno straccio di prova contro il Partito comunista tedesco, il Presidente ebbe inoltre l’ardire di concludere la sentenza in questa maniera: «con questo processo viene provato che l’incendio del Reichstag è opera dei comunisti e delle organizzazioni che sono a questi vicine o parallele in vista dello scatenamento della guerra civile»34. L’affermazione aveva quantomeno del ridicolo e suscitò le animate proteste di Dimitrov.

48Nonostante questa insensata conclusione della sentenza, i bulgari potevano comunque festeggiare la fine del loro processo, anche se non venne loro riconosciuta la piena innocenza bensì, come aveva proposto il procuratore generale, il proscioglimento per mancanza di prove.

49Con la fine del processo di Lipsia, tuttavia, non terminarono i soprusi contro i comunisti bulgari i quali, invece di essere immediatamente rilasciati, vennero posti sotto detenzione preventiva nella prigione di Albrecht Strasse per altri due mesi, sotto la sorveglianza della Gestapo. Evidentemente Hitler voleva sfruttare il loro rilascio nel momento più opportuno.

50Dopo la minaccia di sciopero della fame da parte di Dimitrov e l’intervento diretto dell’Unione Sovietica, i prigionieri vennero finalmente espulsi dalla Germania la sera del 27 febbraio 1934, esattamente un anno dopo il Reichstagsbrand. Tra festeggiamenti e manifestazioni di gioia, Dimitrov, Tanev e Popov vennero accolti in Russia dallo stesso Stalin.

  • 35 CANESTRALI, Stefano, CORNACCHIA, Luigi, DE SIMONE, Giulio, Manuale di diritto penale: Parte general (...)

51Per quanto riguarda van der Lubbe invece, è bene sottolineare le modalità con le quali venne ammessa la condanna a morte dell’imputato. Il governo nazista aveva infatti fatto approvare una legge, la cosiddetta Lex van der Lubbe del 29 marzo 1933, secondo la quale era prevista la condanna a morte per reati volti a sovvertire l’ordine. Ora, avendo compiuto il reato il 27 febbraio, quindi un mese prima dell’entrata in vigore della legge in questione, van der Lubbe non sarebbe dovuto rientrare in questa nuova normativa; tuttavia, i nazisti estesero la validità della legge a tutti i crimini compiuti a partire dal 30 gennaio. La legge risultava così essere una vera e propria lex contra personas, ovvero, in questo caso, una norma approvata esclusivamente per permettere la condanna a morte dei colpevoli dell’incendio del Reichstag. I nazisti si dimostrarono disposti a sconfessare uno dei princìpi cardine della giurisprudenza europea: il Nullum crimen, nulla poena sine praevia lege poenali35, pur di poter vedere gli incendiari appesi ad un cappio. Fortunatamente ai giudici di Lipsia era rimasta ancora sufficiente dignità e autonomia per riconoscere l’estraneità degli imputati dalle accuse e così ai bulgari non toccò di dover salire sul patibolo che i nazisti avevano, con tanta cura, preparato per loro.

52A poco valse il tentativo dell’ambasciatore olandese di richiedere la grazia per Marinus: almeno una testa doveva cadere e, se non poteva essere quella della preda più ambita (Dimitrov), allora Hitler si sarebbe accontentato di quella di van der Lubbe.

53La pena di morte venne eseguita il 10 gennaio e il corpo dell’olandese venne fatto sparire, impedendo così eventuali successive autopsie o analisi tossicologiche.

3. Il processo di rottura

54Per concludere questa trattazione, sembra doveroso soffermarsi sugli elementi di rottura e le peculiarità che hanno caratterizzato questo processo.

55L’espressione processo di rottura venne teorizzato per la prima volta dal giurista francese Jacques M. Vergès, il quale suddivise i processi in due distinte categorie, a seconda dell’atteggiamento dall’accusato:

    • 36 VERGÈS, Jacques M., Strategia del processo politico, cit., p. 21.

    I processi di connivenza, nei quali la difesa accetta l’ordine pubblico e instaura così un dialogo reciproco con i giudici e l’accusa. Scrive Verges: «tutti i caratteri del processo di connivenza sono condizionati dal loro bisogno fondamentale di rispettare l’ordine stabilito […] l’imputato, non potendo dimostrare la sua innocenza, tenta almeno di provare la mancanza di prove della propria colpevolezza»36;

    • 37 Ibidem.

    E appunto i processi di rottura, nei quali si: «sconvolge tutta la struttura del processo. I fatti e le circostanze dell’azione passano in secondo piano; in primo piano appare immediatamente la contestazione brutale dell’ordine pubblico»37.

56A differenza del processo di connivenza, nel quale possiamo riscontrare la sola volontà di vincere dell’accusa, nel processo di rottura entra in gioco anche la difesa, altrettanto agguerrita nella lotta per la vittoria. Il processo di rottura risulta pertanto più incerto nel suo esito finale.

  • 38 «In un processo di rottura, quando manca la mobilitazione dell’opinione pubblica, non si hanno sper (...)

57Per assicurarsi una buona probabilità di vittoria è dunque necessario che la difesa di rottura faccia sapiente uso del tribunale come palcoscenico mediatico, essendo la mobilitazione dell’opinione pubblica e della stampa una conditio sine qua non della vittoria all’interno dei questo tipo di processo. Fu proprio questa grande mobilitazione dell’opinione pubblica che impedì ai giudici filonazisti di Lipsia di condannare Dimitrov, a meno di non voler scatenare manifestazioni di rivolta in tutto il mondo e la rottura diplomatica con diversi paesi europei. È evidente che un Dimitrov solo non avrebbe avuto nessuna possibilità di vittoria38.

  • 39 Ibidem, p. 59. Scrive anche Liora Israel: «La difesa fu costruita prima di tutto su base politica, (...)
  • 40 Ibidem, p. 61.
  • 41 Ibidem, p. 63.

58Altro tassello fondamentale nel processo di rottura è quello della difesa politica: «nella maggior parte dei processi di rottura, è scopo della difesa non tanto far assolvere l’imputato quanto mettere in luce le sue idee»39. Su questa linea possiamo pertanto vedere Dimitrov abbandonarsi a discorsi decisamente propagandistici, almeno quanto quelli dei giudici e degli avvocati del tribunale, che gli costarono frequenti ammonizioni quando non allontanamenti dall’aula del processo. Non ci deve sorprendere dunque che la principale linea difensiva di Dimitrov consistette nel «Demolire politicamente, non soltanto l’accusa, ma lo stesso nemico […] Rendendolo ridicolo40» e che la sua arringa finale si fosse aperta con la seguente affermazione: «Io difendo le mie idee, le mie convinzioni comuniste41». Fu proprio perché seguiva questa linea di difesa come attacco politico che Dimitrov non temette mai di fare domande provocatorie, di accusare direttamente i nazisti o di chiamare in causa testimoni talmente scomodi al governo che non sarebbero mai stati ammessi.

59Il processo di Lipsia risulta pertanto un grande caso di interesse non soltanto storiografico, per il ruolo svolto nell’ascesa al potere della dittatura nazista, ma anche giuridico, come straordinario e riuscito esempio di processo di rottura.

Torna su

Note

1 TOBIAS, Fritz, The Reichstag Fire: Legend and Truth, London, Secker & Warburg, 1963, p. 287.

2 CALIC, Edouard, L’incendio del Reichstag, Milano, Feltrinelli, 1970, p. 90.

3 CALIC, Edouard, op. cit., pp. 87-88: sarà poi lo stesso 1° aprile (da notare l’astuzia di Goebbels, ministro della Propaganda), in concomitanza con l’inizio del boicotto, che la radio tedesca rese noti per la prima volte i nomi dei complici di van der Lubbe, che erano stati arrestati quasi un mese prima: Georgi Dimitrov, Vassili Konstantinov Tanev e Blagoï Simeonov Popov. «Ne derivava pertanto che Mosca e gli Ebrei erano entrambi implicati nell’incendio del Reichstag […]». Ibidem.

4 Ibidem, p. 170. La data non venne scelta a caso, ovvero dopo le elezioni del 5 marzo (arrestare i bulgari prima sarebbe risultato troppo sospetto), subito dopo aver contato i proprio voti.

5 Ibidem, p. 137.

6 L’accezione Processo di Lipsia è ormai largamente utilizzato per indicare non solo il periodo del processo che si svolse strettamente alla Corte Suprema Tedesca della città sassone, ma per indicare tutto l’insieme delle procedure giudiziarie che coinvolsero gli imputati accusati del Reichstagsbrand, a prescindere dal luogo dello svolgimento fisico del processo. Per esempio, dal 10 ottobre al 18 novembre, la corte venne trasferita a Berlino nelle sale ancora intatte del Reichstag. DIMITROV, Georgi, The Diary of Georgi Dimitrov 1933-1949, London, Yale University, 2003, p. 2.

7 VERGES, Jaques M., Strategia del processo politico, Torino, Einaudi, 1969, p. 113.

8 DIMITROV, Georgi, Il Processo di Lipsia, Roma, Editori Riuniti, 1972, [I° edizione in lingua italiana, Mosca, Edizioni in lingue estere, 1944], p. 157. Il rilascio di Dimitrov avvenne in termini piuttosto precipitosi, soprattutto per evitare che trapelasse la notizia della sua liberazione: si temeva infatti l’insorgere di pericolose manifestazioni popolari antifasciste.

9 Ibidem, p. 19.

10 Ibidem, p. 7. La comunicazione ufficiale dell’accusa di aver incendiato il Reichstag fu resa nota a Dimitrov soltanto il 3 aprile, durante l’interrogatorio sostenuto dal giudice Vogt.

11 Ibidem, pp. 7, 10, 11. In data 26 aprile 1933, Dimitrov non aveva ancora avuto un colloquio con il suo avvocato.

12 DIMITROV, Georgi, Il Processo di Lipsia, cit., p. 37, lettera del 24 agosto 1933; ibidem, pp. 84-85.

13 Ibidem, p. 35, lettera del 18 agosto 1933.

14 CALIC, Edouard, L’incendio del Reichstag, cit., p. 158, nota 4.

15 DIMITROV, Georgi, Il Processo di Lipsia, cit., pp. 25-26.

16 VERGES, Jacques M., Strategia del processo politico, cit., pp. 49-66. Questo capitolo, intitolato «I processi di rottura»,sarà analizzato in dettaglio più avanti.

17 «Se i testimoni da me proposti non saranno citati ufficialmente, vorrei allora far inviare questi testimoni privatamente, da parte mia, sulla base dell’articolo 220 del codice di procedura penale». Ibidem, p. 31. È qui evidente come Dimitrov si sia informato e abbia studiato il sistema penale tedesco, oltre ovviamente il fatto che molti avvocati stranieri tentavano comunque di seguire e consigliare il bulgaro nonostante non fossero stati accettati dalla corte.

18 Ibidem, p. 57.

19 Ibidem, p. 48.

20 Ibidem, p. 59.

21 DIMITROV, Georgi, Il Processo di Lipsia, cit., p. 98.

22 DIMITROV, Georgi, Il Processo di Lipsia, cit., p. 102.

23 Ibidem, p. 105.

24 Per ben cinque volte Dimitrov venne fatto allontanare dall’aula e riportato in prigione; il numero delle volte in cui venne interrotto e ostacolato da parte del Presidente Bürger è troppo alto perché lo si possa calcolare. TOBIAS, Fritz, The Reichstag Fire, cit., pp. 215-222.

25 CALIC, Edouard, L’incendio del Reichstag, cit., p. 168.

26 Ibidem, p. 153.

27 Ibidem, p. 93. È interessante analizzare anche il resoconto stenografico del 26 settembre: «Dimitrov:O van der Lubbe è pazzo o è un uomo normale. E se allora egli tace, lo fa perché si trova sotto il peso enorme del tradimento compiuto nei confronti della classe operaia. Io pongo la seguente domanda a van der Lubbe: ha mai egli, in vita sua, udito il mio nome? ” - Presidente: “Non ammetto questa domanda. Essa qui non c’entra”». È evidente che la domanda, più che mai legittima, risultava troppo scomoda e pericolosa per i nazisti: se van der Lubbe avesse affermato di non avere nulla a che fare con Dimitrov, buona parte dell’accusa sarebbe crollata. Fortunatamente per loro, non era in grado di rispondere.

28 DIMITROV, Georgi, Il Processo di Lipsia, cit., p. 153.

29 Ibidem, p. 129.

30 Ibidem, p. 132.

31 Ibidem, pp. 147-148.

32 TOBIAS, Fritz, The Reichstag Fire, cit., p. 268.

33 CALIC, Edouard, L’incendio del Reichstag, cit., p. 196.

34 Ibidem.

35 CANESTRALI, Stefano, CORNACCHIA, Luigi, DE SIMONE, Giulio, Manuale di diritto penale: Parte generale, Bologna, Il Mulino, 2009, p. 144.

36 VERGÈS, Jacques M., Strategia del processo politico, cit., p. 21.

37 Ibidem.

38 «In un processo di rottura, quando manca la mobilitazione dell’opinione pubblica, non si hanno speranze di vittoria. Il solitario Socrate ne è un triste esempio». Ibidem, p. 60.

39 Ibidem, p. 59. Scrive anche Liora Israel: «La difesa fu costruita prima di tutto su base politica, […] approfittare dell’occasione del processo per raggiungere un platea più vasta, soprattutto attraverso la stampa». ISRAËL, Liora, Le armi del diritto, Milano, Giuffrè, 2012, p. 53.

40 Ibidem, p. 61.

41 Ibidem, p. 63.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica digitale

Giulia Casadei, «Il processo di Lipsia e la figura di Georgi Dimitrov»Diacronie [Online], N° 14, 2 | 2013, documento 6, online dal 01 août 2013, consultato il 28 juillet 2021. URL: http://journals.openedition.org/diacronie/188; DOI: https://doi.org/10.4000/diacronie.188

Torna su

Autore

Giulia Casadei

Frequenta il primo anno del corso di Laurea Magistrale in Scienze storiche presso l’Università di Bologna.

Torna su

Diritti d'autore

Creative Commons License

Creative Commons License

Gli articoli di «Diacronie. Studi di Storia Contemporanea» sono pubblicati sotto Licenza Creative Commons (CC BY-NC-ND 2.5). Possono essere riprodotti a patto di citarne l’autore e la fonte originaria, di non modificarne i contenuti e di non usarli per fini commerciali. La citazione di estratti è comunque sempre autorizzata, nei limiti previsti dalla legge.

 



The works by «Diacronie. Studi di Storia Contemporanea» are published under a Creative Commons Licence (CC BY-NC-ND 2.5). They can be distributed on the condition that you attribute the work to the author and licensor, you do not modify the original contents and you do not use them for commercial purposes. The quotation of excerpts however is always allowed, in accordance with the law.

Torna su
  • DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search