Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeriN° 34, 2IV. RecensioniSean McMeekin, Il crollo dell’Imp...

IV. Recensioni
18

Sean McMeekin, Il crollo dell’Impero ottomano. La guerra, la rivoluzione e la nascita del Medio Oriente 1908-1923

Luca Zuccolo
Notizia bibliografica:

Sean McMeekin, Il crollo dell’Impero ottomano. La guerra, la rivoluzione e la nascita del Medio Oriente 1908-1923, Torino, Einaudi, 2017, 552 pp.

Termini di indicizzazione

Torna su

Testo integrale

Sean McMEEKIN, Il crollo dell’Impero ottomano. La guerra, la rivoluzione e la nascita del Medio Oriente 1908-1923, Torino, Einaudi, 2017, 552 pp.Visualizza l'immagine
Credits: Sean McMEEKIN, Il crollo dell’Impero ottomano. La guerra, la rivoluzione e la nascita del Medio Oriente 1908-1923, Torino, Einaudi, 2017, 552 pp.
  • 1 McMEEKIN, Sean, The Russian Origins of the First World War, London, Icon Books, 2013.
  • 2 McMEEKIN, Sean, The Berlin-Baghdad Express: The Ottoman Empire ad Germany’s Bid for World Power, 18 (...)

1In principio fu l’Impero ottomano… così potremmo descrivere in poche parole il saggio di Sean McMeekin. L’autore, docente del Bard College di New York, già docente dell’Università Koç di Istanbul e dell’Università Bilkent di Ankara, fa seguito ai suoi precedenti lavori July 1914: Countdown to War, The Russian Origins of the First World War1 e The Berlin-Baghdad Express: The Ottoman Empire ad Germany’s Bid for World Power, 1898-19182, analizzando in modo accurato le evoluzioni del fronte orientale turco-caucasico e medio orientale durante la Grande Guerra.

2L’attenzione posta sull’Impero ottomano, incrociando documenti e memorie turchi con quelli russi, tedeschi e anglo-francesi, permette a McMeekin di descrivere dettagliatamente il quadro delle operazioni e della situazione politica e sociale di un teatro di guerra spesso lasciato ai margini dalle storie nazionali europee e non solo. Al contrario, quanto emerge dalle pagine di questo saggio testimonia come l’Impero ottomano con le sue molteplici sfaccettature regionali sia stato uno dei teatri di guerra più rilevanti al pari della Somme, del fronte russo-tedesco o dei fronti austro-italiani nel Carso, sull’Isonzo e sulle Dolomiti.

3La peculiarità stessa dell’Impero ottomano, entità multietnica e multi-nazionale, come descritto nel primo capitolo introduttivo (la malattia) che ripercorre gli anni del Sultanato di Abdülhamid II, si paleserà lungo tutte le pagine del libro sia come punto di forza che come punto di debolezza dell’esercito e della strategia turche.

4Il volume di McMeekin, infatti, non è solo un piatto racconto degli eventi bellici, ma accompagna le campagne militari e gli scontri armati con una descrizione approfondita sia dei diversi aspetti diplomatici e degli accordi, più o meno, segreti tra i contendenti; sia degli aspetti socio-politici delle diverse campagne militari ai confini ottomani. Più di altri teatri di guerra, infatti, l’Impero ottomano, proprio a causa della sua struttura sociale e territoriale, si presenta come uno dei più articolati e complicati da decifrare e anche come il luogo più caldo del dopoguerra e del XX secolo.

5Dalle ceneri del Grande Malato, che non aveva certo intenzione di implodere, si sono sviluppati durante il primo dopoguerra e durante tutto il secolo scorso molteplici teatri di scontro e di conflitto, diretta emanazione delle vicende belliche della Prima Guerra Mondiale.

6McMeekin – questa è la bellezza del libro – riesce a chiarire attraverso una prosa scorrevole e a dati puntuali gli sviluppi di una regione non facile da comprendere nè da decifrare ancora oggi. Il volume pertanto porta una nuova luce e nuove prospettive sul mondo moderno analizzando la genesi di movimenti nazionali, di gruppi locali, di idee internazionali e anche degli aspetti religiosi che tutt’oggi sono il nucleo delle problematiche regionali nell’ara caucasico-medio orientale.

7Andando ad analizzare più in dettaglio l’opera di McMeekin vediamo come l’autore abbia suddiviso le vicende in tre macro parti.

8La prima, intitolata Il malato d’Europa, descrive l’Impero a cavallo tra Otto e Novecento e le convulsioni socio-politiche che hanno portato al potere i Giovani Turchi a scapito del Sultano Abdülhamid II e di una visione cosmopolita dell’Impero che ancora resisteva nella sua struttura e nei suoi molteplici tessuti sociali nonostante il certosino lavoro di svuotamento dei suoi valori secolari ad opera della stessa politica hamidiana.

9Il proto nazionalismo e il patriottismo hamidiani, che si intravedono chiaramente nelle pagine di questo volume sono infatti una delle basi su cui non solo si sviluppa la crescita dei Giovani Turchi e del CUP (Comitato di Unione e Progresso) ma anche un’anticipazione di quanto avverrà in seguito alla guerra nella regione anatolica e medio-orientale.

10La seconda parte, la più corposa, – La guerra del 1914: La Turchia gioca la sua mano – descrive in dettaglio gli eventi bellici suddividendo la narrazione non solo sui diversi fronti che hanno interessato l’Impero ma anche attraverso la successione cronologica degli anni di guerra che hanno visto oscillazioni significative in Turchia dovute anche agli eventi degli altri teatri di guerra.

  • 3 BLOCH, Marc, La guerra e le false notizie. Ricordi (1914-1915) e riflessioni (1921), Roma, Donzelli (...)

11In questa parte centrale del volume, McMeekin descrive le tappe salienti della guerra dell’Impero e nell’Impero ottomano analizzando sia gli aspetti interni che le reazioni internazionali alle mosse turche, insistendo a più riprese su un tema storiografico emerso grazie al noto lavoro di Marc Bloch sulle false notizie in tempo di guerra3. Notizie e informazioni strategiche che anche nel teatro ottomano come sul fronte occidentale in Europa hanno provocato spesso migliaia di morti e scontri sanguinosi per soddisfare le mire espansionistiche o di gloria di qualche uomo politico o di qualche ottuso comandante militare.

12L’analisi di McMeekin, infatti, come indicato più sopra, non si limita alla descrizione nuda e cruda dei fatti bellici, ma li analizza alla luce dei documenti diplomatici e politici dell’epoca sia da parte russa che inglese, le due potenze europee più coinvolte insieme alla Germania, alleato dei turchi, sui fronti ottomani. In questo contesto, poi, si intrecciano le vicende delle popolazioni armene e arabe coinvolte più o meno volontariamente nel teatro bellico da entrambi gli schieramenti. Vengono descritti in modo oggettivo sia la “leggenda” di Lawrence d’Arabia e dei suoi sotterfugi al servizio dello Scacchiere britannico, sia le tragiche vicende patite dagli armeni in tutto l’Impero. Su quest’ultimo tema, nondimeno, l’autore non entra nel merito del dibattito sul genocidio armeno del 1915, ma cerca di evidenziare il ruolo degli Armeni sul fronte caucasico – che è stato il principale teatro di intervento delle forze armene al fianco dei Russi e l’area più interessata dagli scontri armeno-turchi – senza dare giudizi di merito sulle diverse strategie belliche. L’autore non nega l’esistenza di una politica di epurazione adottata dai Giovani Turchi contro gli Armeni ma la lega e la inserisce nella più ampia politica di guerra in relazione agli eventi cruenti di uno dei fronti più critici per l’Impero ottomano.

13Infine, la terza parte si concentra sugli ultimi eventi bellici e sui successivi trattati di pace che hanno portato allo smembramento dell’Impero, alla rivoluzione nazionalista turca e all’esplosiva situazione odierna del Medio Oriente. In questa parte, l’autore analizza l’evoluzione dei trattati internazionali e degli accordi bellici a partire dal noto Sykes-Picot sulla spartizione del Medio Oriente, passando attraverso l’evoluzione della situazione turca e del suo ricostruirsi come identità e territorialità nazionale. Lo scontro degli anni Venti del Novecento tra Turchi e Greci, infatti, non è solo l’evidenza della nascita della Turchia moderna, ma è anche uno strascico, doloroso, della Grande Guerra e di un passato che non passa e che non sta ancora passando per una regione tormentata come quella dell’ex Impero ottomano a causa di odi e rivendicazioni ataviche, come quelle espresse dalla Grecia con la riproposizione della Megali Idea e la pretesa di occupare Smirne e l’Asia Minore.

14Gli aspetti più rilevanti messi in luce dall’autore, nondimeno, sono il rapporto che si è venuto a instaurare durante la guerra tra Arabi e Inglesi nella penisola araba e nella regione siriano-palestinese. Un rapporto che ha contribuito a creare l’odierna situazione territoriale ma anche molti dei nodi critici della stessa regione. Se da un lato, gli Inglesi hanno sfruttato il grimaldello arabo per scardinare la credibilità ottomana nel mondo musulmano, allo stesso tempo gli Arabi giocarono le loro opportunità su più piani ottenendo aiuti in armi e denaro da entrambi gli schieramenti. Se a questo si aggiunge la rilevanza di leggende e false notizie come quelle che ruotano attorno alla figura di Lawrence d’Arabia si può capire come il gioco inglese nel teatro mediorientale sia stato foriero di conseguenze pericolose a partire dalla questione sionista che paradossalmente per un certo periodo è stata addirittura “abbellita” nella propaganda inglese sfruttando il ruolo marginale svolto dagli Arabi guidati da Faysal nel conflitto mondiale.

15Strettamente connesso a questo tema, McMeekin mette in risalto anche un altro aspetto fondamentale per comprendere il nostro presente emerso all’indomani della Prima Guerra Mondiale, la religione musulmana e le sue ricadute politiche. Durante la guerra, infatti, la preoccupazione per entrambi gli schieramenti era quella di sfruttare le masse musulmane a proprio vantaggio: i Turchi propagandavano il pan-Islamismo contro l’imperialismo inglese; gli Inglesi, sui cui territori vivevano milioni di Musulmani, soprattutto in India, tentavano invece di sminuire e togliere valore religioso al Califfo ottomano delegittimandolo a favore di un Califfo arabo. Queste diatribe, tuttavia, si mantennero in uno stato di stallo sino alla decisione di Kemal Atatürk di abolire definitivamente il califfato togliendo così potere e legittimità alla religione in chiave politica all’interno della nuova Turchia, ma lasciando al tempo stesso i Musulmani privi di una guida riconosciuta trasversalmente alle diverse etnie, sette e gruppi nazionali. Una mancanza che si sta facendo sentire ancora oggi come dimostrano i numerosi conflitti regionali e il caos successivo alla caduta dei regimi post-bellici in anni recenti.

  • 4 McMEEKIN, Sean, Il crollo dell’Impero ottomano. La guerra, la rivoluzione e la nascita del Medio Or (...)

16In ogni caso, come sottolinea lo stesso McMeekin, «non dobbiamo dimenticare che tutti gli imperi quando crollano producono caos e miseria su grande scala, oltre alle lamentele per un’età dell’oro di cosmopolitismo perduta e per uno spirito di tolleranza immaginario»4 e che le crisi e il caos che si sono creati sui resti dell’Impero ottomano non sono solo frutto del conflitto ma di dinamiche iniziate un secolo prima sia a livello sociale che politico, dinamiche che la guerra ha soltanto contribuito a far esplodere e radicalizzare.

17Il pregio di questo volume, infine, si manifesta anche con l’apparato cartografico e fotografico che arricchisce la narrazione fornendo al lettore un pratico strumento per comprendere e seguire gli intricati sviluppi bellici sui vari fronti e di conoscere i protagonisti di queste fosche vicende.

Torna su

Note

1 McMEEKIN, Sean, The Russian Origins of the First World War, London, Icon Books, 2013.

2 McMEEKIN, Sean, The Berlin-Baghdad Express: The Ottoman Empire ad Germany’s Bid for World Power, 1898-1918, London, Allen Lane, 2010.

3 BLOCH, Marc, La guerra e le false notizie. Ricordi (1914-1915) e riflessioni (1921), Roma, Donzelli, 1994.

4 McMEEKIN, Sean, Il crollo dell’Impero ottomano. La guerra, la rivoluzione e la nascita del Medio Oriente. 1908-1923, Torino, Einaudi, 2017, p. 486 [ed. orig.: The Ottoman Endgame: War, Revolution and the Making of the Modern Middle East, 1908-1923, London Allen Lane, 2015].

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica digitale

Luca Zuccolo, «Sean McMeekin, Il crollo dell’Impero ottomano. La guerra, la rivoluzione e la nascita del Medio Oriente 1908-1923»Diacronie [Online], N° 34, 2 | 2018, documento 18, online dal 29 juin 2018, consultato il 22 septembre 2021. URL: http://journals.openedition.org/diacronie/8010; DOI: https://doi.org/10.4000/diacronie.8010

Torna su

Autore

Luca Zuccolo

Luca Zuccolo, dopo aver conseguito la laurea in Storia Contemporanea e il titolo di dottore magistrale in Storia d’Europa presso l’Università di Bologna (2005 e 2008), ha ottenuto il titolo di Dottore di ricerca in Storia Contemporanea presso il SUM – Istituto Italiano di Scienze Umane – Napoli. I suoi campi di ricerca sono: la modernizzazione dell’Impero Ottomano (XIX-XX secolo), il ruolo della stampa ottomana nel contesto imperiale ed europeo e i movimenti sociali che hanno preparato l’avvento della società turca contemporanea.
URL: < http://www.studistorici.com/2010/12/01/luca-zuccolo/ >

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Creative Commons License

Creative Commons License

Gli articoli di «Diacronie. Studi di Storia Contemporanea» sono pubblicati sotto Licenza Creative Commons (CC BY-NC-ND 2.5). Possono essere riprodotti a patto di citarne l’autore e la fonte originaria, di non modificarne i contenuti e di non usarli per fini commerciali. La citazione di estratti è comunque sempre autorizzata, nei limiti previsti dalla legge.

 



The works by «Diacronie. Studi di Storia Contemporanea» are published under a Creative Commons Licence (CC BY-NC-ND 2.5). They can be distributed on the condition that you attribute the work to the author and licensor, you do not modify the original contents and you do not use them for commercial purposes. The quotation of excerpts however is always allowed, in accordance with the law.

Torna su
  • DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search