Navigation – Plan du site

AccueilNuméros38L’oubli : arme, trace ou droit da...IV. L’oubli, un instrument ou un ...Tradizione e oblio nella memoria ...

L’oubli : arme, trace ou droit dans le monde hispanique et nord méditerranéen
IV. L’oubli, un instrument ou un droit ?

Tradizione e oblio nella memoria dei papi: la sfida biografica di metà XV secolo

Amedeo De Vincentiis

Résumés

Comment un pouvoir institutionnel, particulier comme la monarchie pontificale de Rome, essaie de remédier à une tradition d’oubli qui concerne directement le sommet de l’institution elle même ? Autour de la curie des papes, vers la moitié du XVe siècle, on commença à s’interroger sur les moyens et les formes les plus aptes à combler une absence qui devenait de plus en plus voyante, et anachronique, dans le contexte de la politique de l’image princière en vigueur auprès des autres états de la péninsule. Après avoir esquissé les caractères et les motivations de la tradition d’oubli biographique des papes, on suivra une tentative de l’interrompre dans les années 50 du siècle.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 «Noli igitur haec tempora ad illorum temporum ratione exuirere. Alios enim illa mores, alios haec d (...)
  • 2 Inquadramento politico in Giorgio CHITTOLINI, «Papato e Stati italiani», in: Andrea GAMBERINI, Isab (...)

1Un curia nuova per tempi nuovi: con questo motto si potrebbe sintetizzare il tema di fondo di molte discussioni in voga alla corte dei papi nei primi decenni del XV secolo. Così, ad esempio, si leggeva in un trattato che alla fine degli anni ’30 circolava tra i ranghi più alti della gerarchia ecclesiastica, dedicato al cardinale che allora era vicecancelliere della chiesa e, soprattutto, nipote del papa regnante1. A curiali e osservatori attenti era ben chiara la necessità che l’istituzione pontificia, da poco riunificata dopo i grandi scismi e da ancor meno tempo insediate a Roma, si adeguasse rapidamente agli stili e alle forme delle relazioni politiche in vigore tra gli altri stati, nelle corti e nei domini della penisola attorno gli stati della chiesa che si erano consolidati durante più di un secolo di assenza del papato2. Fu in questo ambiente che attorno alla metà del ‘400 si cominciarono a sperimentare diversi modi per rimediare a un oblio memoriale persistente ormai da molti decenni: una carenza nel campo delle rappresentazioni del potere e dell’identità dell’istituzione che colpiva il vertice del sistema curiale. Nelle prossime pagine cercheremo di definire le caratteristiche di questo oblio, valutando le interferenze tra due dimensioni della tradizione curiale, quella simbolico rituale e quella letteraria.

  • 3 Materiali importanti in Massimo MIGLIO, Storiografia pontificia del Quattrocento, Bologna: Pàtron, (...)

2In seguito considereremo più da vicino un tentativo di rompere l’atmosfera obliterante che circondava l’individualità della persona papale, attraverso il caso di una impresa biografica di inizio anni ’50, la prima di una serie di testi del genere che proseguì fino alla fine del secolo3. La precocità di questa iniziativa e i suoi caratteri originali, di novità, permetteranno di cogliere alcune dinamiche memoriali, di trasmissione della testimonianza, dove l’oblio e i suoi rischi giocarono un ruolo determinante. Prima, però, conviene fermarci ancora per poche righe sul trattato circa la curia composto dal Lapo da Castiglionchio nel 1438 con cui abbiamo iniziato. La sua testimonianza infatti trasmette una autorappresentazione della curia in cui risaltano con evidenza alcuni tratti che segnano lo sfondo culturale su cui si svolge la nostra vicenda.

  • 4 CELENZA, Renaissance humanism..., p. 132-138, 167, 170-173 (152-159 per gli aspetti letterari).
  • 5 Ibid., p. 176, 196-198.
  • 6 «Deinde ordo ipse, qui ita expositus est atque editus in altum ut ab omnibus undique circunspici et (...)

3Sicuramente è la consapevolezza della propria centralità a dominare l’organizzazione curiale: uno spazio dove si concentrano le possibilità di venire a contatto con esperienze, tradizioni e linguaggi provenienti da tutto il resto della cristianità4. L’abbondanza di scambi, il continuo flusso di notizie, il via vai di forestieri illustri, ambasciatori, sapienti, politici, affaristi, artisti, letterati e osservatori di ogni genere, moltiplicavano le potenzialità comunicative di ogni messaggio politico che arrivava o che partiva dalla curia di Roma. Con lucidità, tuttavia, il trattato analizza pure le controindicazioni del sistema. La sovraesposizione dello scenario politico e diplomatico della corte papale obbligava i suoi membri a una sorveglianza continua: tutti, dai ranghi più bassi ai principi della chiesa, per potersi posizionare con vantaggio erano tenuti a scrutare minuziosamente, senza sosta, i comportamenti e le vicende degli altri5. E al vertice della piramide di sguardi si trovava il papa: «esposto e mostrato al pubblico su un piedistallo tanto elevato che tutti in qualsiasi posizione lo possono osservare»6, e per questo imprigionato nella necessità estenuante di un continuo controllo della propria immagine.

4Come vedremo, la centralità politica e culturale della curia favorirono la conoscenza di quanto avveniva altrove nel campo della celebrazione memoriale dei sovrani; allo stesso tempo, come percepiva chiaramente Lapo da Castiglioncio, gli sguardi dall’interno e dall’esterno si fissavano sempre più sulla figura individuale e umana di chi impersonava il potere papale. Ma le particolarità comunicative dell’ambiente curiale comportavano anche un’altra conseguenza, taciuta nel trattato forse perché implicita agli occhi dell’autore.

  • 7 Vespasiano da Bisticci, Vite degli uomini illustri del secolo XV, ed. Aulo GRECO, 2, Firenze: Istit (...)

5Pochi anni dopo un altro letterato, laico e fiorentino come Castiglionchio, fu molto più esplicito in merito. Allora Giannozzo Manetti non si trattenne dal mostrare i propri timori per la prova che lo attendeva a breve, cioè debuttare come oratore ufficiale alla corte di Roma, e subito davanti al sovrano pontefice e all’intero corpo diplomatico convenuto per l’occasione. «Se per mia disgrazia mi venisse errato, io perdo la fatica di anni quaranta ch’io ho studiato, e dove, nel primo luogo de’ Cristiani dove si può perdere assai e guadagnare poco»7, pare si lamentasse il prestigioso inviato della Repubblica alla vigilia dell’esordio letterario in curia. In altri termini, la visibilità, il sistema di sguardi puntati attorno alla figura del papa, si rifletteva direttamente sulle forme e gli argomenti mobilitati da coloro cui sarebbe toccato trattarne letterariamente. Occuparsi dell’individualità di un monarca pontefice, insomma, era una impresa rischiosa, anche quando era il pubblico curiale stesso a esigerlo: anche per questo, accettare la sfida di rappresentare un papa attraverso la sua biografia avrebbe richiesto un profilo autoriale molto particolare.

Oblio personale e oblio biografico dei papi di primo ‘400

  • 8 Profilo biografico aggiornato in David MARSH, Giannozzo Manetti. The Life of a Florentine Humanist, (...)

6Quando nella primavera del 1447 Manetti soppesava i rischi dell’esporsi sul palcoscenico curiale ragionava da esperto della comunicazione politica e diplomatica. Il fiorentino aveva alle spalle già due decenni di incarichi pubblici, e uno quale ambasciatore di primo rango, quando venne inviato a Roma8: era già apprezzato, reputato per la cultura, per il sapere oratorio, per le capacità di acconciare in bella forma e con argomenti persuasivi i messaggi politici più esposti. A Manetti però non sfuggiva la circostanza tutta particolare per la quale venivano richiesti i suoi talenti, che obbligava a interpretare il brano di certo più difficile nel repertorio di incontri ufficiali che scandivano i rapporti con la corte papale: l’orazione di obbedienza.

  • 9 Cf. Maria Antonietta VISCEGLIA, La Roma dei papi. La corte e la politica internazionale (secoli XV- (...)

7Da pochi giorni era stato eletto il nuovo papa, e all’ambasciatore quindi sarebbe spettato ideare e pronunciare il discorso di congratulazioni cui la repubblica fiorentina era tenuta a ogni inizio di regno, come tutti i maggiori potentati della cristianità. Si trattava di parole che venivano vagliate con attenzione dalla corte romana e dagli altri rappresentanti diplomatici. Per loro tramite infatti si intendeva esprimere la tonalità della relazione politica con la santa sede auspicata dalla comunità cui dava voce l’oratore. Da quest’ultimo ci si attendeva che sfruttasse il suo ingegno e le sue informazioni per costruire un discorso centrato sul profilo del neoeletto, con riferimenti opportuni alle origini, alla famiglia, al percorso seguito nell’istituzione ecclesiastica, alle qualità personali. Insomma, era proprio in quelle che il lessico della diplomazia del tempo definiva ‘orazioni di obbedienza’9 che il palcoscenico curiale richiedeva il massimo di attenzione biografica circa un pontefice vivente. A differenza di quanto accadeva nelle corti laiche, trattare discorsivamente una materia che personalizzasse il vertice della monarchia pontificia però, a Roma e in curia, doveva tenere conto di un ambiente e di una tradizione particolarmente diffidenti.

  • 10 Sul nome dei papi Bernd-Ulrich HERGEMÖLLER, Die Geschichte der Papstnamen, Münster: Regensberg Verl (...)

8Erano ormai più di due secoli che l’istituzione papale aveva messo a punto un dispositivo simbolico originale attorno alla natura umana, individuale e mortale, di coloro che erano posti a capo della chiesa. All’obbligo di scelta di un nuovo nome che rimpiazzasse l’identità propria di ogni neoeletto con quella di un predecessore sulla cattedra di Pietro si erano aggiunti altri rituali e altre pratiche, meno formalizzate, attorno all’identità di chi incarnava la monarchia sacerdotale. I papi erano vicari di Cristo, discendevano dell’apostolo Pietro: non avevano avi né eredi, ma predecessori e successori. Per questo, la fine della vita terrena di ciascuno di loro andava considerata irrilevante rispetto alla continuità di una autorità che ambiva a trascendere la temporalità cui erano sottoposte tutte le altre. E per riaffermarlo, dal XIII secolo, mentre l’amministrazione pontificia estendeva sempre più la presa governativa sulle terre della chiesa e il diritto canonico rafforzava il primato spirituale dei vescovi di Roma, in curia la figura al vertice sistema fu inquadrata in un percorso di disumanizzazione. Il passato da individuo svaniva al momento della proclamazione, e da allora il ritmo della nuova esistenza biologica del corpo sovrano veniva sottoposto all’imperativo della longevità: conformemente alla natura di un sovranità che si sottraeva alla fisiologia riproduttiva del potere, la persona regnante era oggetto di cure rivolte al prolungamento dell’esercizio delle sue funzioni, oltre i limiti comuni alla condizione umana. Il tema della durata della vita dei papi fu discusso e approfondito negli ambienti curiali, con gli strumenti della filosofia e della teologia; e queste, a loro volta, fecero da sfondo a una vasta letteratura scientifica e medica, spesso all’avanguardia, che indagava sia le pratiche della cura corporis sia le possibilità di allungamento della vita terrena della persona papale10.

  • 11 Reinhard ELZE, «‘Sic transit gloria mundi’: la morte del papa nel medioevo», Annali dell’Istituto s (...)
  • 12 Cf. Carlo GINZBURG, «Pillages rituels au Moyen Âge et au début des temps modernes», in: Normes et d (...)

9In ogni caso, ciò che si intendeva preservare con tali pratiche era la funzione animata dal prescelto alla guida dell’istituzione ecclesiastica. Viceversa la memoria di quello stesso individuo in quanto uomo, il ricordo delle vicende che ne avevano caratterizzato la personalità, gli aspetti dell’esistenza che lo legavano a ciò che era estraneo al ruolo sacrale cui era stato chiamato, avrebbero dovuto interferire il meno possibile con l’immagine sovrana. Il momento di massima intensità di questo dispositivo spersonalizzante si manifestava alla morte del papa11. Allora, prima ancora che l’identità mondana del cardinale neoeletto venisse a sua volta smembrata e dispersa per mezzo del tradizionale saccheggio concesso ai romani12, erano gli appartamenti privati del papa appena morto a venire svuotati dai curiali con altrettanta rapacità. Nel frattempo, il corpo del defunto sovrano era affidato a un trattamento rituale che ne rimarcava la natura mortale e la prospettiva di dissolvimento (in modi che talvolta si avvicinavano all’abbandono se non all’oltraggio, come notavano gli osservatori). Infine, pure la tomba e la commemorazione devozionale delle spoglie venivano espulse dallo spazio dell’istituzione pontificia. Non è un caso che ancora oggi la maggior parte dei sepolcri dei papi di inizio quattrocento si trovino al di fuori delle mura vaticane, sparsi nelle differenti chiese cittadine dove gli eredi terreni di ciascuno di loro si presero la cura di farli erigere.

  • 13 Isabella LAZZARINI, «Il gesto diplomatico fra comunicazione politica, grammatica delle emozioni, li (...)

10Nella prima metà del XV secolo, dunque, la speciale condizione dell’individualità personale dei sovrani pontefici inibiva l’approccio biografico. L’oblio memoriale con cui veniva smussato tutto ciò che rimandava alle loro esperienze umane sconsigliò la committenza istituzionale dall’orientarsi verso forme estetiche e tematiche che celebrassero un sovrano pontefice tracciandone la vita, dalla nascita alla morte, o rappresentassero aspetti della sua esistenza eccentrici da una prospettiva centrata sullo stretto esercizio della carica sacrale. Da fuori, però, si osservava la personalità dei papi di Roma con le stesse attenzione rivolte a quelle degli altri rappresentanti del potere sovrano. Anche gli individui che incarnavano il sommo sacerdozio, la loro dimensione personale, la loro storia familiare, la loro vita privata, agli occhi degli ambasciatori e nei ragionamenti politici erano scrutati come segnali da interpretare, di indicazioni circa costanti e variazioni nell’esercizio della loro autorità13. La messa in scena biografica di un governante consentiva di divulgare e trasmettere messaggi politici, oltre che esibire la consapevolezza di un rango sovrano, destinato a durare e ad essere rammemorato nel tempo. Non era consono a una istituzione fiduciosa nella continuità del proprio funzionamento, garante della propria stabilità e affidabilità, mostrare disinteresse per il ricordo di chi la incarnava sul momento. Così, per lo meno, si riteneva nelle maggiori corti italiane con cui avevano a che fare i papi a sud e a nord dei propri stati.

  • 14 In questa prospettiva: Amedeo DE VINCENTIIS, «Le don impossible. Biographes du roi et biographes du (...)
  • 15 Gary J. IANZITI, Humanistic Historiography under the Sforzas. Politics and Propaganda in Fifteenth- (...)
  • 16 Cf. id., «Filelfo storico», in: Gabriella ALBANESE, Paolo PONTARI, Filelfo e la storia, Firenze: SI (...)

11Ciascuna con una propria strategia, sia la corte del re Alfonso d’Aragona che quella del duca Francesco Sforza si erano organizzate per favorire la realizzazione di progetti biografici ambiziosi attorno alla figura dei loro sovrani. A Napoli, la biblioteca regia era già in piena attività quale spazio di raccolta, confronto e coordinamento tra diverse iniziative letterarie che, ciascuna nel suo genere, miravano a offrire una immagine articolata su diversi registri espressivi della persona regia, dall’epopea storico biografica alle raccolte di aneddoti, alla serie di frammenti di vissuto quotidiano14. A Milano invece si iniziavano a sperimentare i primi tentativi di committenza e realizzazione della memoria biografica del principe15. Anche in questo caso Filelfo, guidato dal suo fiuto circa le necessità letterarie dei potenti, era stato tra i primi a cogliere l’occasione iniziando la composizione di un lungo poema epico sulla vita di Francesco Sforza16. Ciononostante, il cantiere biografico sforzesco si protrasse a lungo, prima che un paio di decenni dopo la cancelleria degli Sforza, l’ufficio al centro della amministrazione politica e diplomatica del ducato, diventasse l’ambiente più propizio per la realizzazione di un’opera storica circa la personalità fondatrice della dinastia.

  • 17 Cf. Gabriella ALBANESE, Daniela PIETRAGALLA, «In honorem regis edidit. Lo scrittoio di Bartolomeo F (...)

12Durante la missione a Roma, mentre si interrogava sui modi più opportuni per costruire un discorso politico articolato sul profilo biografico del neoeletto, Manetti così poteva tenere a mente ciò che aveva visto nel suo ultimo soggiorno presso la corte di Napoli. Negli ambienti della biblioteca regia l’impresa letteraria sulla vita del sovrano si mostrava con la forza visiva di preziosi manufatti, appariva cioè messa su pagina in forme grafiche e in codici dalla fattura studiata appositamente per attestare la loro origine controllata, per presentarsi come un monumento memoriale voluto e convalidato direttamente dalla dinastia regnante17. L’autenticazione ideologica di un messaggio politico scritto, documentario o letterario che fosse, passava anche attraverso le sue forme materiali: da quale autorevolezza testuale invece era rappresentata la memoria biografica della tradizione pontificia di metà ‘400?

  • 18 Giuseppe BILLANOVICH, «Gli umanisti e le cronache medioevali», Italia medioevale e umanistica, 1, 1 (...)

13Mentre le parola d’ordine con cui un osservatore acuto quale Lapo da Castiglionchio definiva la curia dei suoi tempi si riassumevano nell’imperativo dell’aggiornamento continuo, la memoria biografica dei papi al contrario sopravviveva come un reperto arcaico e precario, come tante chiese dell’Urbe che non subivano restauri da un paio di secoli. In un saggio che è un classico della filologia, Giuseppe Billanovich ha ricostruito le vicende dell’antico Liber Pontificalis della chiesa di Roma, offrendo pure un primo sguardo sui manoscritti che lo conservavano in Vaticano in quest’epoca18: prodotti di una accumulazione durata secoli, quei codici apparivano un concentrato di stili grafici differenti, stesi su fogli di qualità e misure varie, che riportano in stili latini disarmonici tra loro le vite dei pontefici dai primi secoli cristiani al XIII. Contenitori librari tanto trasandati non apparivano in nulla come custodi di una memoria affidabile, e ancora meno testimoni garantiti da istituzione attenta e al passo con i tempi. Inoltre i resoconti biografici che vi si leggevano rimandavano a epoche lontane e non offrivano alcun modello narrativo, di selezione delle notizie, di partizioni tematiche, di tono retorico, che potesse essere reimpiegato o riadattato facilmente a quanto ci si attendeva da una Vita di un principe contemporaneo. Affidata a forme espressive ormai inefficaci, a materiali testuali desueti, quella tradizione biografica di fatto equivaleva a un oblio.

La necessità biografica di Niccolò V Parentucelli

  • 19 Per la biografia, sintesi e bibliografia in Massimo MIGLIO, «Niccolò V», in: Mario FOIS, Encicloped (...)

14Il conclave del 1447 portò sul trono dei papi un chierico che pareva dovesse la propria carriera alle sue sole qualità individuali e a una buona reputazione intellettuale, senza né avere una famiglia potente e di prestigio alle spalle, né un partito influente, e neppure poter contare su una corte cardinalizia efficiente e ben organizzata. Porporato solo da pochi mesi, come per nessun altro pontefice del suo secolo l’ascesa alla tiara di Tommaso Parentucelli fu un balzo rapidissimo e imprevisto dalla massa dei chierici che servivano la curia al vertice assoluto di quelli che la governavano. Fino a poco prima l’ecclesiastico di Sarzana era stato un fedele funzionario dell’istituzione ecclesiastica, per più di due decenni, sempre al suo servizio: prima come chierico nel seguito del legato papale a Bologna, il potente cardinale Niccolò Albergati, fino alla morte dello stesso, nel 1443; poi, nominato vescovo, come incaricato di varie missioni diplomatiche da papa Eugenio IV19. Privo di tradizioni familiari o esperienze personali nelle pratiche del reclutamento letterario per proprio conto, durante il suo regno Niccolò V Parentucelli non si circondò di una clientela letteraria addetta alla costruzione dell’immagine memoriale del sovrano pontefice, come accadeva invece alle corti di Napoli e Milano. Il mecenatismo del suo pontificato continuò piuttosto a identificarsi nel servizio all’istituzione, patrocinando la produzione di lasciti materiali e duraturi, da trasmettere ai successori.

  • 20 Le immagini di offerta in Stefania TARQUINI, Simbologia del potere. Codici di dedica al pontefice n (...)
  • 21 Cf. Cesare VASOLI, «La biblioteca progettata da un Papa: Niccolò V e il “suo canone”», Babel, 6, 20 (...)

15A metà secolo la memoria storica di papa Parentucelli si avviava a essere così tramandata soprattutto in moduli visivi associati a manufatti più o meno monumentali, dunque piuttosto spersonalizzanti come le iscrizioni che ne celebravano il nome sugli edifici rinnovati o le piccole scene miniate all’inizio di centinaia di manoscritti, dove il pontefice è ritratto in trono, nelle vesti di apparato, mentre accoglie con le proprie mani il libro offerto dall’autore20. Un’immagine che tutto sommato poteva apparire coerente con la personalità culturale di colui che, prima della ascesa in curia, si era fatto notare quale estensore di un catalogo librario diventato presto un modello di ordinamento per molte biblioteche pubbliche del tempo21.

16Proprio in quegli anni, però, tra gli intellettuali che si occupavano delle politiche culturali e di immagine dei principi, in tutta la penisola italica, si era iniziato a discutere sui vantaggi e gli inconvenienti delle diverse forme di trasmissione della memoria di un governante. Ritornavano di attualità le questioni di paragone tra le arti che avevano appassionato gli antichi, e in particolare si confrontavano le potenzialità e gli effetti della comunicazione politica tramite le immagini o, viceversa, attraverso le parole. Conveniva associare la fama dei governanti a manufatti e immagini artistiche oppure affidarla alle celebrazioni scritte e ai discorsi? Una memoria politica si dimostra efficace, capace di agire anche a distanza di generazioni, se trasmessa dalla solidità di monumenti e costruzioni o solo l’immortalità delle lettere, le parole dei sapienti, l’autorità di storici e poeti, potevano garantirla?

  • 22 Elementi in Amedeo DE VINCENTIIS, «La città intoccabile. Sovrani pontefici, renovationes Urbis e re (...)

17Il lessico impiegato per trattare la questione riprendeva le formule con cui la latinità classica si era interrogata sugli stessi argomenti, ma lo sfondo di riferimento erano le corti e le repubbliche cittadine dove si stavano sperimentando forme innovative sui fronti della comunicazione politica, dagli adattamenti dei generi letterari e della lingua latina per la celebrazione di poteri nuovi alle più vistose committenze urbanistiche e monumentali22. Alle iniziative fondate sulle pietre, come quelle volute dal pontefice nei suoi domini, tutti concordavano nell’accordare il primato nelle possibilità di rammemorazione futura a vantaggio di chi le aveva commissionate e fatte realizzare. I più schierati nel campo della scrittura letteraria però si avvalevano di un argomento qualitativo circa il tipo di memorabilità su cui si intendeva investire: perché, si osservava, i discorsi costruiti con le parole erano i soli a potere trasmettere e perpetuare una memoria in grado di argomentare nel tempo, di appellarsi alla comprensione e all’apprezzamento dei sapienti contro altre tracce avverse, anche a distanza di secoli. E dopo i primi cinque anni di pontificato spiegare gli eventi, interpretarli, rinvenirne i significati reconditi oltre le apparenze più evidenti, si imponeva con urgenza per la reputazione storica di papa Parentucelli.

  • 23 Sull’episodio: Anna MODIGLIANI, Congiurare all'antica. Stefano Porcari, Niccolò V, Roma 1453. Con l (...)
  • 24 Manfredo TAFURI, Interpreting the Renaissance. Princes, Cities, Architects, New Haven, London: Yale (...)

18Il 1453 concentrò una serie di sventure per la politica pontificia che parvero vanificare proprio gli sforzi più vistosi di Niccolò degli anni precedenti. Il 9 gennaio venne impiccato il nobile romano Stefano Porcari, esibito in bella vista, sotto la nuova statua dell’arcangelo Michele che il papa avevo voluto sguainasse la spada su tutta la città dall’alto di Castel Sant’Angelo, e seguito nei giorni seguenti da altri congiurati: tutti giustiziati per un progetto di rivolta che avrebbe previsto perfino l’uccisione del sovrano, o al minimo la sua incarcerazione23. Il tentativo era stato sventato a un passo dall’esecuzione, ma le sue conseguenze comunicative furono disastrose, perché mostrava come le critiche circolanti contro i tentativi di stringere il controllo sui territori dello stato e sulla capitale potessero facilmente trasformarsi in azioni di rivolta. Invece che rassicurare, la politica delle pietre di Niccolò V aveva spaventato; e a molti era sembrata un esempio nella pratica di quanto si leggeva nei trattati a proposito dei tiranni, facilmente riconoscibili nello spazio cittadino perché il loro mecenatismo edilizio era rivolto a difendersi dai sudditi24.

  • 25 Concetta BIANCA, «Il pontificato di Niccolò V e i Padri della Chiesa», in: Sebastiano GENTILE (dir. (...)
  • 26 Cf. James HANKINS, «Renaissance Crusaders: Humanist Crusade Literature in the Age of Mehmed II», Du (...)

19Ma ciò che accadde i mesi successivi mutò il segno del ricordo della recentissima congiura, da dimostrazione dell’incertezza del dominio principesco del papa a evento premonitore (e accusatore) di una catastrofe di portata universale. Anche la raccolta di libri in Vaticano cambiò significato memoriale a partire da quell’anno. La caduta di Costantinopoli, il 29 maggio, infatti segnò il fallimento del programma di unificazione culturale di due tradizioni religiose appena riconciliate, dopo secoli di scismi25: reperire e rinnovare i testi classici del cristianesimo latino, tradurre i greci, e poi concentrarli a Roma, in curia, nella biblioteca dell’unico capo spirituale, ormai non avrebbe sancito il primato di autorità e dottrina su due mondi cristiani quanto, invece, ricordato il fallimento dell’unità appena raggiunta (nonché continuato a rimproverare l’abbandono dei cristiani d’Oriente)26.

  • 27 Amadeo DE VINCENTIIS, « Le don impossible… », p. 332 ss

20Risemantizzare la figura di papa Niccolò V nella memoria dell’istituzione si impose allora con urgenza. Che il mezzo biografico apparisse come una lacuna nell’armamentario culturale del sovrano pontefice lo dimostrarono le candidature letterarie che giunsero in curia attorno al 1454. Particolarmente significativa quella di un letterato attento alle diverse esigenze di committenti e patroni istituzionali di tutta la penisola, tecnicamente molto versatile, capace quindi di potersi esprimere diversi generi (e anche in greco), e proprio in quegli anni desideroso di ampliare il raggio dei suoi committenti: Francesco Filelfo27. Se per sondare le possibilità di impiego presso la corte di Napoli (dove, com’era noto, si abbondava di biografi del sovrano) il letterato mise in scena la presentazione spettacolare di una raccolta di propri versi a tema politico, invece, per saggiare l’interesse della curia, a Roma, si fece presentare proprio quale potenziale biografo di Niccolò.

La novità biografica e l’oblio curiale

  • 28 Cf. Stefano U. BALDASSARRI, Brian J. MAXSON, «Giannozzo Manetti, the Emperor, and the Praise of Kin (...)
  • 29 La categoria è ben identificata in ambito fiorentino da Brian J. MAXSON, The Humanist World of Rena (...)

21Appariva dunque evidente come non fosse all’interno della curia che si sarebbe potuta trovare una soluzione operativa alla sfida biografica, ravvivata da circostanze che incupivano la fama del sovrano. Per un compito tanto particolare infine ebbe la meglio un profilo esterno, eppure molto diverso da quello che delineava il celebre Filelfo. Con il letterato di Milano infatti Giannozzo Manetti, oltre al non aver mai ricevuto alcun incarico da parte della curia, non condivideva molto più che la condizione laica e l’antipatia dei Medici. Patrizio fiorentino, membro di una importante famiglia cittadina, ricco dalla nascita, per Manetti il sapere letterario era stato lo strumento con il quale compiere un salto ancora in avanti rispetto alle condizioni sociali di partenza, un di più distintivo ma non indispensabile. La sua speciale notorietà negli ambienti politici e culturali italici, tra i dotti, nelle corti come tra gli alti consiglieri delle repubbliche, infatti si era diffusa grazie alle straordinarie qualità oratorie del fiorentino, conquistando l’ammirazione unanime28. Facendo circolare negli stessi ambienti altre sue opere di vario genere, impegnate, eleganti, ricche di dottrina, Manetti aveva consolidato la sua fama di autore fino a entrare nel circolo prestigioso di coloro che a una condizione sociale e a una posizione politica eminenti aggiungevano una pratica delle lettere di livello professionale, da sfruttare direttamente a proprio vantaggio nella vita pubblica29.

  • 30 Cf. sopra nota 7.
  • 31 Giannozzo MANETTI, De Vita ac Gestis Nicolai quinti summi pontificis, ed. Anna MODIGLIANI, Roma: IS (...)

22Un profilo letterario come quello di Giannozzo Manetti associava così alla perizia nella comunicazione politica qualità socio professionali particolarmente adatte a un tipo di impresa memoriale inconsueta presso la curia papale, dove né la cancelleria, né la biblioteca o un altro ufficio, erano predisposte a inquadrarne durevolmente la realizzazione, nonché a promuoverne la circolazione. Vedremo in conclusione come fu grazie alle risorse personali dell’autore che la biografia venne portata a termine e diffusa, ma già nella fase della sua preparazione lo statuto personale di Manetti giocò un ruolo determinante. La relazione tra biografo e protagonista della narrazione, infatti, poté essere rappresentata nei codici dell’amicizia piuttosto che in quelli di un servizio letterario regolato da una committenza istituzionale. Precocemente venne reso noto che l’autore aveva intrattenuto rapporti molto ravvicinati, confidenziali, con il pontefice, in modo da presentare la testimonianza come affidabile e veritiera30. Soprattutto, ad avvantaggiarsene fu la materia dell’opera. La Bibbia (soprattutto l’Antico Testamento), le fonti cristiane e alcuni testi precedenti dello stesso Manetti sorreggono il racconto della vita di Tommaso Parentucelli, ma indubbiamente ciò che la rende eccezionale furono i documenti e le notizie dettagliate messe a disposizione dal protagonista31: un rapporto di collaborazione creativa che allude volutamente a un’autorialità diretta del biografato.

  • 32 G. MANETTI, De Vita…, p. 86-87, 189: «ut ex his, que nostris litteris mandata fuerint, reliqua huiu (...)

23Raramente in un’opera biografica di questi anni si trova applicato con tanta coerenza e consequenzialità l’argomento forte dei sostenitori del primato della memoria scritta rispetto a quella trasmessa dalle testimonianze materiali. Che il De vita et gestis Nicolai quinti summi pontificis sia stato composto soprattutto «per lasciare al lettore intelligente il compito di valutare, tra le imprese edilizie la cui memoria resterà affidata alla mia opera, quanto grandi e quanto importanti sarebbero state tutte le altre»32 è una chiave di lettura fornita dall’autore stesso, convalidata da esempi sparsi in tutta la narrazione: le tracce materiali delle azioni di Niccolò V svolgeranno la loro funzione memoriale solo se trascritte in un discorso capace di conservarle inserendole in una prospettiva significante, proiettate su uno sfondo che ne riveli verbalmente le intenzioni. E fu principalmente attraverso la costruzione di uno sfondo di coerenza che Manetti impostò la retorica persuasiva della Vita di Tommaso Parentucelli.

  • 33 Ibid., p. 66-88.
  • 34 Ibid., p. 88-104 (su Costantinopoli, p. 132-134).

24Oltre ai programmi di trasformazione del Vaticano, Manetti ricordò con minuzia i diversi siti restaurati per volere del papa nello stato e così offrì ai lettori una visione integrante, d’insieme, in cui le singole iniziative attestano singoli tasselli di una politica coerente di mantenimento dell’istituzione e di protezione dei sudditi33. Il culmine del trionfo delle parole sulle immagini però si legge poco oltre, nel secondo libro, dove l’autore inserì un lungo pezzo di bravura dedicato a descrivere nel dettaglio la pianta, le strutture e le decorazioni della basilica di San Pietro così come sarebbe apparsa una volta realizzato il progetto di rifacimento patrocinato dal pontefice34.

  • 35 Ibid., p. 115-144 (sulle problematiche testuali del testamento: l-lix) . Per la discontinuità, cf. (...)

25Lo scopo difensivo e giustificativo dell’intera biografia di Niccolò V è dunque dichiarato, e viene abilmente perseguito delineando il percorso di redenzione postuma di una reputazione oltraggiata, sottoposta in vita all’esperienza martirizzante del dover sopportare false accuse. Il terzo e ultimo libro dell’opera però è dedicato a risolvere un’altra difficoltà posta dal carattere particolare della autorità incarnata dal protagonista, quella di un potere sovrano che non lasciava spazio a forme di trasmissione diretta dell’autorità, tra il principe e il suo imprevedibile successore35. Se un papa non poteva lasciare eredi e neanche designare colui che avrebbe preso il suo posto, ancora una volta rimanevano solo le parole per incidere sul futuro, o almeno per ostacolare l’oblio.

26Così, nel lungo finale della Vita di Manetti, è il protagonista in persona a definire il proprio ritratto ufficiale di sovrano pontefice, sotto forma di testamento affidato ai confratelli cardinali. Mai nessun papa prima di allora in una testimonianza biografica aveva avuto modo di tracciare e trasmettere un manifesto politico personalizzato, specifico e preciso come quello definito da Parentucelli nella narrazione di Manetti. La voce del morente infatti non si accontenta di ricordare e spiegare il suo operato, ma si prolunga nel delineare i tratti di continuità che sarebbero potuti essere accolti dai suoi successori. La scelta del testamento quale forma di espressione del messaggio così salda narrativamente, nel luogo più memorabile del racconto (la morte del protagonista), la dimensione politica e sovrana del papa Niccolò a quella individuale e umana di Tommaso Parentucelli.

  • 36 G. MANETTI, De Vita..., p. 5-39.
  • 37 Le influenze agiografiche rilevate da Massimo MIGLIO, Storie di Roma nel Quattrocento, Roma: Istitu (...)

27Sebbene le informazioni storiche rilevanti si ritrovino soprattutto negli ultimi due libri della Vita Nicolai, dove sono riportate le azione compiute da pontefice, è nel primo che si legge la narrazione più innovativa36. Per la prima volta nella tradizione secolare della chiesa di Roma la vita di un papa prima della sua elezione diventò argomento di un racconto dettagliato, e impostato secondo i canoni di un resoconto storico. Manetti orientò i fatti della vita umana di Tommaso Parentucelli, prima da fanciullo e poi da chierico in carriera, in una prospettiva teleologica in vista del supremo sacerdozio, impiegando i toni della agiografia : ma, come ogni lettore colto avrebbe riconosciuto dalle prime pagine, quella stessa esistenza veniva sottoposta a uno sguardo indagatore lontano dalla tradizione cristiana, ispirato senza mediazioni a quello applicato dallo storico latino Svetonio alle vite degli antichi imperatori pagani37. Attraverso il filtro classico, a un pubblico avido di informazioni sulla persona sovrana, da leggere come segni politici, veniva offerto un repertorio di notizie che andava da quelle circa il luogo e l’ambiente di nascita alla famiglia, al carattere di genitori e fratelli, all’educazione, alla carriera, fino ai caratteri corporei, intellettuali e alle abitudini quotidiane.

  • 38 A. MODIGLIANI, Introduzione…, p. xxvi, rileva l’influsso nella letteratura storiografica moderna.

28La strategia per fronteggiare l’oblio biografico di papa Niccolò V è stata efficace nel lungo periodo. Studiosi di storia del papato, di storica culturale, dell’architettura e dell’urbanistica dalla seconda metà del secolo scorso hanno riletto e discusso la Vita di Manetti, consapevoli dell’unicità di una testimonianza tanto densa e ricca circa la vita e l’opera di un pontefice del XV secolo38: i significati storici che sono stati attribuiti al regno di Parentucelli e alla sua personalità, oggi, devono molto più al suo monumento biografico che alle osservazioni critiche dei contemporanei. Anche nei tempi immediatamente successivi alla morte del pontefice l’opera di Manetti riuscì a sottrarre la memoria individuale del suo protagonista alla lunga serie di papi che, ormai da quasi due secoli, erano caduti nell’oblio biografico. Le vie percorse dal ricordo biografico di Niccolò V nel breve periodo, infine, rivelano un paio di dinamiche memoriali significative per il nostro argomento. Osserviamole rapidamente in conclusione.

  • 39 Alfred A. STRNAD, «Cerdá y Lloscos, Antonio», in: Dizionario Biografico degli Italiani, 23, Roma: I (...)

29Innanzitutto la scelta del biografo, che fu determinante per garantire la sopravvivenza biografica del pontefice. La posizione socio intellettuale di Giannozzo Manetti, oltre che nel rapporto di committenza strettissimo, riflesso nella qualità informativa dell’opera, giocò un ruolo determinante nella trasmissione del ricordo personale di papa Parentucelli. Testimonianza di una forma celebrativa del sovrano dissonante con la tradizione della corte papale, il committente stesso poteva prevedere che la sua biografia non sarebbe stata portata a termine, e ancora meno messa in valore, dopo la sua scomparsa: a meno di non affidarne la realizzazione fin da principio a un autore per suo conto interessato all’impresa. Morto il protagonista, Manetti in effetti completò il lavoro con i suoi mezzi, impiegando a Firenze i servizi di scribi e copisti di fama, ma anche trasformando l’opera in un bene di famiglia, grazie al coinvolgimento del figlio Antonio nella messa in forma libraria della Vita. Finito il lavoro, l’aristocratico fiorentino ne offrì un esemplare a un membro del sacro collegio, il cardinale spagnolo Antonio Cerdá y Lloscos, che allo stesso tempo era un alto cortigiano del re di Napoli, cui Alfonso d’Aragona aveva affidato l’educazione del primogenito39. La residenza stabile di Manetti suo autore a Napoli negli ultimi anni di vita, sempre favorito dal sovrano, poté facilitare la fortuna di un testo biografico così originale presso una corte che continuava a mostrarsi sensibile al genere.

  • 40 Cf. Albinia DE LA MARE, «Vespasiano da Bisticci as Producer of Classical Manuscripts in Fifteenth-C (...)
  • 41 Ead., «Vespasiano da Bisticci e i copisti fiorentini di Federico», in: Giorgio CERBONI BAIARDI Baia (...)
  • 42 DA BISTICCI, Vite…, p. 35-81.

30Inoltre la vivacità culturale dell’ambiente di origine dell’autore e il suo prestigio in patria, a Firenze, garantirono da subito una diffusione ancora più duratura alla memoria biografica di Tommaso Parentucelli. Manetti infatti, da letterato al servizio di se stesso, poté disporre liberamente della sua opera, per cui ne dedicò un altro esemplare a Giovanni dei Medici, il secondogenito di Cosimo. Inserire un manoscritto nel circuito di letture e di scambi letterari gravitante attorno alla famiglia che allora dominava la repubblica significava ampliare considerevolmente le potenzialità di diffusione del testo, e infatti nel giro di pochi decenni la Vita Nicolai quinti divenne il tramite verso una nuova collocazione memoriale, di portata e diffusione molto più ampie. Il codice offerto ai Medici era stato fatto realizzare dall’officina libraria di Vespasiano da Bisticci, un commerciante di manoscritti da cui si servivano le maggiori biblioteche principesche della penisola40. Attorno al 1475, quindici anni dopo la morte dell’autore, fu sempre a quella bottega che l’erede Antonio Manetti affidò l’esemplare di famiglia della biografia di papa Parentucelli per realizzarne un’altra copia, destinata alla biblioteca del duca di Urbino, Federico da Montefeltro41. Verso il 1482 infine fu il libraio letterato in prima persona a inserire una nuova biografia del pontefice nelle sue fortunatissime Vite degli uomini illustri, riscritta in volgare a partire dalla Vita di Manetti: nel giro di una generazione, Niccolò V si ritrovò così ad essere l’unico papa della chiesa di Roma incluso nel canone riconosciuto delle personalità marcanti del suo secolo42.

  • 43 Amedeo DE VINCENTIIS, «Vite di sovrani senza eredi. La committenza biografica dei papi, 1450-1475», (...)

31A fronte di diverse vie di diffusione verso altre corti principesche, o attraverso nuove forme testuali per un pubblico più vasto, la curia invece rimase refrattaria all’accoglienza della memoria biografica del papa di metà secolo. Come prevedibile, l’oblio ambientale di una corte che non contava eredi diretti del protagonista, interessati alla sopravvivenza del ricordo del sovrano defunto, ebbe la meglio sul tentativo memoriale di Tommaso Parentucelli e del suo biografo43.

Haut de page

Notes

1 «Noli igitur haec tempora ad illorum temporum ratione exuirere. Alios enim illa mores, alios haec desiderant»: Christopher CELENZA, Renaissance humanism and the Papal Curia: Lapo da Castiglionchio the Younger's De Curia commodis, Ann Arbor: University of Michigan Press, 2002, edizione del testo ibid., p. 102-227, p. 208, 212.

2 Inquadramento politico in Giorgio CHITTOLINI, «Papato e Stati italiani», in: Andrea GAMBERINI, Isabella LAZZARINI (dir.), Lo Stato del Rinascimento in Italia, 1350-1520, Roma: Viella, 2014, p. 421-440; e in particolare, id., «Il papato e gli stati italiani negli anni di Niccolò V. Qualche cenno», in: Eliana VECCHI (dir.), Atti delle Giornate di Studio Papato, Stati Regionali e Lunigiana nell'Età di Niccolò V, La Spezia: Accademia Lunigianese di Scienze Giovanni Capellini, 2004, p. 33-42. Sulla cultura curiale del tempo, sintesi in John F. D’AMICO, «Humanism in Rome», in: Albert RABIL (dir.), Renaissance Humanism: Foundations, Forms, and Legacy, Philadelphia: University of Pennsylvania Press, 1988, p. 264-295; Massimo MIGLIO, « Culture à la cour des papes, XIIe- XVe siècle », in: Isabelle HEULLENT-DONAT (dir.), Cultures italiennes (XIIe-XVe siècle), Paris: Les Editions du Cerf, 2000 p. 121-143; Clémence REVEST, «La naissance de l'humanisme comme mouvement au tournant du XVe siècle», Annales. Histoire, Sciences Sociales, 68 (3), 2013, p. 665- 696.

3 Materiali importanti in Massimo MIGLIO, Storiografia pontificia del Quattrocento, Bologna: Pàtron, 1975.

4 CELENZA, Renaissance humanism..., p. 132-138, 167, 170-173 (152-159 per gli aspetti letterari).

5 Ibid., p. 176, 196-198.

6 «Deinde ordo ipse, qui ita expositus est atque editus in altum ut ab omnibus undique circunspici et observari possit », ibid., p. 196 (e poco oltre : «et perpetuus, ut sic dixerim, carcer non modo debilitet»).

7 Vespasiano da Bisticci, Vite degli uomini illustri del secolo XV, ed. Aulo GRECO, 2, Firenze: Istituto Nazionale di Studi sul Rinascimento, 1976, p. 551. Cf. Riccardo FUBINI, Wi-Seon KIM, «Giannozzo Manetti nei resoconti biografici di Vespasiano da Bisticci», Humanistica, 5 (1), 2010, p. 35-49.

8 Profilo biografico aggiornato in David MARSH, Giannozzo Manetti. The Life of a Florentine Humanist, Harvard: Harvard University Press, 2019, p. 17-57. Sull’attività di ambasciatore, Gabriella ALBANESE, Bruno FIGLIUOLO, Giannozzo Manetti a Venezia, 1448-1450. Con l’edizione della corrispondenza e del Dialogus in symposio, Venezia: Istituto Veneto di Scienze, Lettere e Arti, 2014.

9 Cf. Maria Antonietta VISCEGLIA, La Roma dei papi. La corte e la politica internazionale (secoli XV-XVII), Roma: Viella 2018, p. 114 ss., e Catherine FLETCHER, Diplomacy in Renaissance Rome. The Rise of the Resident Ambassador, Cambridge: Cambridge University Press, 2015. Per un caso simile: Michele CANENSI, Ad beatissimum D.N. Nicolaum V Pontificem Maximum Michael Canensis de Viterbio humillus servulus de ipsius laudibus et divina electione, edito in: MIGLIO, Storiografia pontificia…, p. 203-243.

10 Sul nome dei papi Bernd-Ulrich HERGEMÖLLER, Die Geschichte der Papstnamen, Münster: Regensberg Verlag 1980, p. 143-153. Sul tema della cura corporis: Agostino PARAVICINI BAGLIANI, Medicina e scienze della natura alla corte dei papi nel Duecento, Spoleto: CISAM, 1991; Chiara CRISCIANI, «Premesse e promesse di lunga vita: tra teologia e pratica terapeutica (secolo XIII)», in: Chiara CRISCIANI, Luciana REPICI, Pietro B. ROSSI (dir.), Vita longa. Vecchiaia e durata della vita nella tradizione medica e aristotelica antica e medievale, Firenze: SISMEL, 2009, p. 61-86.

11 Reinhard ELZE, «‘Sic transit gloria mundi’: la morte del papa nel medioevo», Annali dell’Istituto storico italo-germanico in Trento, 3, 1977, p. 23-41; Agostino PARAVICINI BAGLIANI, Morte e elezione del papa. Norme, riti e conflitti. Il Medioevo, Roma: Viella, 2013.

12 Cf. Carlo GINZBURG, «Pillages rituels au Moyen Âge et au début des temps modernes», in: Normes et déviances. XXXIes Rencontres Internationales de Genève, Neuchâtel: La Baconnière, 1988, p. 312-325.

13 Isabella LAZZARINI, «Il gesto diplomatico fra comunicazione politica, grammatica delle emozioni, linguaggio delle scritture (Italia, XV secolo), in: Monica BAGGIO, Monica SALVADORI (dir.), Gesto-Immagin tra antico e moderno. Riflessioni sulla comunicazione non-verbale, Roma: Quasar, 2009, p. 75-93; ead., Le scritture dell’ambasciatore. Informazione e narratività nelle lettere diplomatiche (Italia, 1450-1520 ca.), in: Eleonora PLEBANI, Elena VALERI, Paola VOLPINI (dir.), Diplomazie: linguaggi, negoziati e ambasciatori fra XV e XVI secolo, Milano: Franco Angeli, 2017, p. 17-40.

14 In questa prospettiva: Amedeo DE VINCENTIIS, «Le don impossible. Biographes du roi et biographes du pape entre Naples et Rome (1444-1455)», in: Ccecile CABY, Rosa Maria DESSI (dir.), Les humanistes et l’Église. Pratiques culturelles et échanges entre les litterati laïcs et ecclésiastiques (Italie, début XIIIe-début XVIe siècle), Turnhout: Brépols, 2012, p. 319-366. Cf. Fulvio DELLE DONNE, «Da Valla a Facio, dalla prassi alla teorizzazione retorica della scrittura storica», Reti Medievali. Rivista, 19, 2018, p. 599-625 e più in generale: Fulvio DELLE DONNE, Antonietta IACONO (dir.), Linguaggi e ideologie del Rinascimento monarchico aragonese (1442-1503). Forme della legittimazione e sistemi di governo, Napoli: Federico II University Press, 2018.

15 Gary J. IANZITI, Humanistic Historiography under the Sforzas. Politics and Propaganda in Fifteenth-Century Milan, Oxford: Clarendon Press, 1988.

16 Cf. id., «Filelfo storico», in: Gabriella ALBANESE, Paolo PONTARI, Filelfo e la storia, Firenze: SISMEL, 2017, p. 3-22.

17 Cf. Gabriella ALBANESE, Daniela PIETRAGALLA, «In honorem regis edidit. Lo scrittoio di Bartolomeo Facio alla corte napoletana di Alfonso il Magnanimo», Rinascimento, 39, 1999, p. 293-336, Gennaro TOSCANO (dir.), La Biblioteca reale di Napoli al tempo della dinastia aragonese. La Biblioteca Real de Nápoles en tiempos de la dinastía aragonesa, Valenceia : Generalitat Valenciana, 1998, p. 375-381, 417-436, 580-581.

18 Giuseppe BILLANOVICH, «Gli umanisti e le cronache medioevali», Italia medioevale e umanistica, 1, 1958, p. 103-137.

19 Per la biografia, sintesi e bibliografia in Massimo MIGLIO, «Niccolò V», in: Mario FOIS, Enciclopedia dei papi, Roma: Istituto dell’Enciclopedia Italiana, 2000, p. 644- 658. Sul ristretto entourage curiale del papa, cf. Germano GUALDO, «Pietro da Noceto e l’evoluzione della segreteria papale al tempo di Niccolò V (1447-1455)», in: Armand JAMME, Olivier PONCET (dir.), Offices et papauté (XIVe-XVIIe siècle). Charges, hommes, destins, Roma: École Française de Rome, 2005, p. 793- 804.

20 Le immagini di offerta in Stefania TARQUINI, Simbologia del potere. Codici di dedica al pontefice nel Quattrocento, Roma: Roma nel Rinascimento, 2001.

21 Cf. Cesare VASOLI, «La biblioteca progettata da un Papa: Niccolò V e il “suo canone”», Babel, 6, 2002, p. 219-239.

22 Elementi in Amedeo DE VINCENTIIS, «La città intoccabile. Sovrani pontefici, renovationes Urbis e resistenze nel XV secolo», in: Caroline CALLARD, Elisabeth CROUZET-PAVAN, Alain TALLON (dir), La politique de l'histoire en Italie. Arts et pratiques du réemploi (XIVe-XVIIe siècle), Paris : Presses de l’université Paris-Sorbonne, 2014, p. 69 ss,

23 Sull’episodio: Anna MODIGLIANI, Congiurare all'antica. Stefano Porcari, Niccolò V, Roma 1453. Con l'edizione delle fonti, Roma: Roma nel Rinascimento, 2013. Cf. Anthony F. D’ELIA, A Sudden Terror: The Plot to Murder the Pope in Renaissance Rome, Cambridge-Mass: Harvard University Press, 2009.

24 Manfredo TAFURI, Interpreting the Renaissance. Princes, Cities, Architects, New Haven, London: Yale University Press, 2006, p. 23- 58; (Cf. Leon Battista ALBERTI, L’arte del costruire, ed. Valeria GIONTELLA, Torino: Bollati Boringhieri, 2010, p. 160- 166 per il tiranno). Sui programmi edilizi di papa Parentucelli: ANNA MODIGLIANI, «Ad urbana tamdem edifcia veniamus. La Vita Nicolai quinti di Giannozzo Manetti: una rilettura», in: Arturo CALZONA, Joe CONNORS, Francesco Paolo FIORE, Cesare VASOLI (dir.), Leon Battista Alberti. Architetture e committenti, Firenze: Olschki, 2009, p. 513- 559.

25 Concetta BIANCA, «Il pontificato di Niccolò V e i Padri della Chiesa», in: Sebastiano GENTILE (dir.), Umanesimo e Padri della Chiesa. Manoscritti e incunaboli dei testi patristici da Francesco Petrarca al primo Cinquecento, Roma: Rose, 1997, p.85- 92.

26 Cf. James HANKINS, «Renaissance Crusaders: Humanist Crusade Literature in the Age of Mehmed II», Dumbarton Oaks Papers, 49, 1995, p. 111-207.

27 Amadeo DE VINCENTIIS, « Le don impossible… », p. 332 ss

28 Cf. Stefano U. BALDASSARRI, Brian J. MAXSON, «Giannozzo Manetti, the Emperor, and the Praise of King in 1452», Arcihvio Storico Italiano, 172, 2014, p. 513-569; Patrick GILLI, «De l'importance d'être hors norme: la pratique diplomatique de Giannozzo Manetti d'après son biographe Naldo Naldi», in: Rosa Maria DESSI (dir.), Prêcher la paix et discipliner la société. Italie, France, Angleterre (XIIIe-XVe siècles), Turnhout : Brepols, p. 413-430.

29 La categoria è ben identificata in ambito fiorentino da Brian J. MAXSON, The Humanist World of Renaissance Florence, Cambridge: Cambridge University Press, 2013.

30 Cf. sopra nota 7.

31 Giannozzo MANETTI, De Vita ac Gestis Nicolai quinti summi pontificis, ed. Anna MODIGLIANI, Roma: ISIME, 2005, e soprattutto Anna MODIGLIANI, «Introduzione», p. vii-xcii, in part. p. vii-lix. Sul rapporto di committenza, cf. anche Charles BURROUGHS, From Signs to Design: Environmental Process and Reform in Renaissance Rome, Cambridge MA, London: The MIT Press, 1990, p. 244-245.

32 G. MANETTI, De Vita…, p. 86-87, 189: «ut ex his, que nostris litteris mandata fuerint, reliqua huiusmodi qualia quantaque fore debuissent, diligentis lectoris iudicio existimanda relinquamus».

33 Ibid., p. 66-88.

34 Ibid., p. 88-104 (su Costantinopoli, p. 132-134).

35 Ibid., p. 115-144 (sulle problematiche testuali del testamento: l-lix) . Per la discontinuità, cf. Amedeo DE VINCENTIIS, «Papato, stato e curia nel XV secolo: il problema della discontinuità», Storica, 24, 2002, p. 91-115.

36 G. MANETTI, De Vita..., p. 5-39.

37 Le influenze agiografiche rilevate da Massimo MIGLIO, Storie di Roma nel Quattrocento, Roma: Istituto storio italiano per il medioevo, 2006, p. 63-74, 123-130; il modello del De vita et moribus Caesarum libri duodecim di Svetonio in Anna MODIGLIANI, Introduzione…, p. xvi e nota 24 (soprattutto la vita di Augusto).

38 A. MODIGLIANI, Introduzione…, p. xxvi, rileva l’influsso nella letteratura storiografica moderna.

39 Alfred A. STRNAD, «Cerdá y Lloscos, Antonio», in: Dizionario Biografico degli Italiani, 23, Roma: Istituto dell’Enciclopedia Italiana, 1979, p. 704-706.

40 Cf. Albinia DE LA MARE, «Vespasiano da Bisticci as Producer of Classical Manuscripts in Fifteenth-Century Florence», in: Claudine A. CHAVANNES-MAZEL, Margaret M. SMITH (dir.), Medieval Manuscripts of the Latin Classics: Production and Use, Los Altos Hills, CA: Anderson-Lovelace, 1996, p. 166-207, p. 183-186.

41 Ead., «Vespasiano da Bisticci e i copisti fiorentini di Federico», in: Giorgio CERBONI BAIARDI Baiardi, G. CHITTOLINI, Piero FLORIANI (dir.), Federico da Montefeltro. Lo Stato, le arti, la cultura, 3, Roma: Bulzoni, 1986, p. 81-96, p. 89-90, e MODIGLIANI, Introduzione, p. lxiv-lxv.

42 DA BISTICCI, Vite…, p. 35-81.

43 Amedeo DE VINCENTIIS, «Vite di sovrani senza eredi. La committenza biografica dei papi, 1450-1475», in: Lucia BERTOLINI, Il Principe inVisibile: la rappresentazione e la riflessione sul potere tra Medioevo e Rinascimento, Turnhout: Brépols, 2015, p. 201-216, p. 208.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Amedeo De Vincentiis, « Tradizione e oblio nella memoria dei papi: la sfida biografica di metà XV secolo », e-Spania [En ligne], 38 | février 2021, mis en ligne le 09 février 2021, consulté le 03 mars 2021. URL : http://journals.openedition.org/e-spania/38227 ; DOI : https://doi.org/10.4000/e-spania.38227

Haut de page

Auteur

Amedeo De Vincentiis

Università della Tuscia

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Les contenus de la revue e-Spania sont mis à disposition selon les termes de la Licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
  • Logo CLEA
  • Logo GDRE AILP
  • Logo DOAJ
  • OpenEdition Journals
Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search