Navigation – Plan du site

Vecchie e nuove ipotesi sul primitivo mosaico della cupola della Cappella Palatina d’Aquisgrana

Simone Piazza
p. 167-186

Résumé

Il contributo si interroga sull’assetto del primitivo mosaico della cupola della Cappella Palatina di Aquisgrana (inizi del IX secolo), contenente i ventiquattro Seniores dell’Apocalisse in adorazione di una Majestas Domini. Distrutta nel 1719, l’opera venne rifatta à l’identique negli anni 1879-1881, sulla base di esigui resti del disegno preparatorio, della lettura di Peter von Beeck (1620) e di quella di Giovanni Ciampini (1690), includente una preziosa incisione. L’incompletezza e la non piena convergenza di tali informazioni sono all’origine di alcune inesattezze riscontrabili nell’intervento di ripristino. Ulteriori imprecisioni della copia ottocentesca emergono da appunti e disegni di Palamède Fabri (1607-1608), pubblicati da Jean Hubert nel 1936, documenti che consentono, per altro, di riesaminare la controversa questione del perduto soggetto zenitale.

Haut de page

Extrait du texte

Ce document sera publié en ligne en texte intégral en mai 2020.

Aperçu du texte

Se osservata dall’esterno, la Cappella Palatina di Aquisgrana, eretta intorno all’anno 800 per volere di Carlo Magno, appare profondamente alterata da aggiunte e superfetazioni in stile gotico e barocco. Internamente, invece, l’edificio altomedievale ha più o meno mantenuto la sua configurazione primitiva, tanto nell’assetto architettonico dell’invaso ottagonale, culminante nella volta a padiglione, che nel disporsi della compagine decorativa, in marmo policromo e mosaici. La natura di questi ultimi, tuttavia, non è affatto autentica, dal momento che i rivestimenti della cupola e del tamburo, così come quelli del deambulatorio e della tribuna, sono frutto di interventi di rifacimento ex novo. Il mosaico della volta è infatti opera della ditta veneziana di Antonio Salviati intervenuta fra il 1879 e il 1881, mentre il resto della decorazione musiva è frutto di una squadra di artisti operanti negli anni 1888-1913 sotto la guida di Hermann Schaper.

Quanto il nuovo mosaico della cupola si...

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Simone Piazza, « Vecchie e nuove ipotesi sul primitivo mosaico della cupola della Cappella Palatina d’Aquisgrana », Études de lettres, 2 | 2018, 167-186.

Référence électronique

Simone Piazza, « Vecchie e nuove ipotesi sul primitivo mosaico della cupola della Cappella Palatina d’Aquisgrana », Études de lettres [En ligne], 2 | 2018, mis en ligne le 15 mai 2020, consulté le 18 juin 2018. URL : http://journals.openedition.org/edl/1147 ; DOI : 10.4000/edl.1147

Haut de page

Auteur

Simone Piazza

Université Paul-Valéry Montpellier, CEMM - EA 4583

Haut de page

Droits d’auteur

© Études de lettres

Haut de page
  • Logo Université de Lausanne
  • OpenEdition Journals