Navigation – Plan du site

AccueilNuméros314Spese della morte: investimenti p...

Spese della morte: investimenti per l’aldilà (e per l’al di qua) e pratica artistica (Italia, XIV secolo). Studi sull’economia funeraria, primi appunti

Paola Vitolo
p. 73-94

Résumé

L’investimento nella costruzione di cappelle funerarie, con i relativi arredi, crebbe nel corso del Basso Medioevo con il fine di rendere stabile e duratura la celebrazione della memoria personale e dinastica dei defunti. Accanto allo studio degli elementi di stile e di iconografia, la valutazione dell’entità della spesa potrebbe aprire interessanti squarci sull’attività delle botteghe, sull’organizzazione dei cantieri, sulla circolazione dei modelli, ma anche sul valore riconosciuto al lavoro dell’artista e più in generale al significato simbolico attribuito nel Medioevo a questi prodotti. Attraverso l’analisi di alcuni casi di studio, il saggio presenta alcune riflessioni sul tema, quali esito di una prima esplorazione dell’argomento.

Haut de page

Extrait du texte

Ce document sera publié en ligne en texte intégral en décembre 2021.

Aperçu du texte

A partire dal Duecento, e con maggiore intensità nel corso del Trecento, crebbe, come è noto, il desiderio dei laici di assicurarsi uno spazio all’interno degli edifici sacri in cui allestire altari e sepolture, con i relativi cicli figurativi. Queste operazioni, in cui il valore dell’offerta votiva e la celebrazione personale e familiare sono fortemente intrecciati, determinarono la progressiva appropriazione dello spazio sacro da parte di una molteplicità di attori (singoli, famiglie, confraternite): fenomeno che a sua volta riflette dinamiche ed equilibri interni alla comunità locale. Le testimonianze documentarie e letterarie di coloro che hanno potuto vedere gli edifici medievali prima delle grandi operazioni di smantellamento degli arredi, avviate già nel Quattrocento ma sempre più radicali dopo il Concilio di Trento, offrono talvolta informazioni preziose per la ricostruzione della topografia dei patronati e per avanzare ipotesi sull’allestimento degli spazi e sulla configura...

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Paola Vitolo, « Spese della morte: investimenti per l’aldilà (e per l’al di qua) e pratica artistica (Italia, XIV secolo). Studi sull’economia funeraria, primi appunti »Études de lettres, 314 | 2020, 73-94.

Référence électronique

Paola Vitolo, « Spese della morte: investimenti per l’aldilà (e per l’al di qua) e pratica artistica (Italia, XIV secolo). Studi sull’economia funeraria, primi appunti »Études de lettres [En ligne], 314 | 2020, mis en ligne le 15 décembre 2021, consulté le 01 mars 2021. URL : http://journals.openedition.org/edl/3337 ; DOI : https://doi.org/10.4000/edl.3337

Haut de page

Auteur

Paola Vitolo

Université de Naples «Federico II»

Haut de page

Droits d’auteur

© Études de lettres

Haut de page
  • Logo Université de Lausanne
  • OpenEdition Journals
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search