Skip to navigation – Site map

HomeIssuesXIV-1MultilingualBook ReviewsReview of Pia Campeggiani, Introd...

Multilingual
Book Reviews

Review of Pia Campeggiani, Introduzione alla filosofia delle emozioni

Bologna, Biblioteca Clueb, 2021, 223 p.
Gabriele Aleandri
Bibliographical reference

Pia Campeggiani, Introduzione alla filosofia delle emozioni, Bologna, Biblioteca Clueb, 2021, 223 p.

Full text

1Il libro di Pia Campeggiani Introduzione alla filosofia delle emozioni è un contributo molto rilevante al campo di studi della filosofia delle emozioni, che sta conoscendo negli ultimi anni una grande espansione. Come preannunciato chiaramente dal titolo, l’obiettivo fondamentale di questo testo è dare ai lettori una prospettiva aggiornata e comprensiva su quest’area di intersezione tra neuropsicologia, filosofia morale e antropologia evoluzionistica – per citare solo le più importanti tra le discipline afferenti. Coerentemente con questo proposito, i capitoli del libro sono organizzati tematicamente attorno a quattro aspetti fondamentali delle emozioni: la loro definizione, la loro espressione, la loro esperienza e il loro ruolo pratico. Ciascuno di essi viene canonicamente discusso confrontando le differenti posizioni che sono state adottate dai movimenti scientifici e filosofici più influenti. Tuttavia, se nella maggior parte dei manuali universitari la discussione concettuale è poco più che un elegante pretesto per elencare agli studenti una lista di autori e di idee, in questa Introduzione alla filosofia delle emozioni i lettori si trovano felicemente coinvolti nella strategia espositiva opposta: il filo conduttore del testo è la discussione teoretica, continuamente rafforzata e ampliata dal confronto serrato con gli autori. Nondimeno, la posizione di Campeggiani emerge più dal modo in cui il dibattito sulle emozioni viene presentato, anziché dal modo in cui viene esplicitamente commentato, e questa fluida continuità tra un lavoro di letteratura primaria e uno di letteratura secondaria è forse la migliore virtù del libro.

2Sin dal capitolo introduttivo, l’autrice fa forte affidamento su due punti metodologici: un approccio che potremmo definire “cumulativo” all’argomento del testo e la concessione di un ruolo co-primario agli studi scientifici ed empirici come guida della discussione concettuale. L’approccio è cumulativo, anziché oppositivo o definitorio, nel senso che l’immagine finale delle emozioni che emerge da quest’Introduzione è la risultante di differenti prospettive su tale fenomeno e non di parti di informazione meccanicamente, storiograficamente o gerarchicamente dedotte l’una dall’altra. Questo modo di guardare alle emozioni è effettivamente coerente con una delle caratteristiche più originali e interessanti del libro, cioè l’esplicita convinzione dell’autrice che l’oggetto della sua ricerca non abbia una natura o essenza univoca.

3Tuttavia, questa concezione aperta e inclusiva potrebbe risultare in qualche modo limitata dalla scelta di dare un ruolo centrale alle scienze naturali e ai movimenti filosofici che hanno costruito le proprie posizioni sul commento o sull’interpretazione dei loro risultati. Al contrario, una prospettiva multifocale sulle emozioni avrebbe potuto trarre un grande beneficio dall’inclusione di riflessioni proprie di correnti di pensiero con approcci differenti: le tradizioni fenomenologica ed esistenzialista, la ricchezza casuistica e aneddotica tipica dei testi poetici e letterari, e la comprensione sistemica delle interazioni umane (e non solo umane) tipica delle scienze sociali. Le ragioni che rendono i filosofi e gli scienziati naturali scettici sull’utilità classificatoria e generalizzante delle riflessioni introspettive e della sociologia sono fin troppo note, ma un libro sulle emozioni avrebbe potuto rappresentare un’occasione significativa per metterle in questione. In ogni caso, il lavoro di Campeggiani è tutto fuorché una schematica sistematizzazione di opinioni scientifiche sulla natura delle emozioni.

4Per cominciare, l’autrice sembra manifestare una consapevolezza insolitamente profonda, e certamente superiore a quella dei colleghi di riferimento le cui posizioni sono commentate nel corso del libro, di quanto sia fragile l’ipotesi del senso comune secondo cui le emozioni – spavento, gioia, disgusto, sorpresa, etc. – sono tipi naturali. Questa consapevolezza traspare chiaramente sia nella ricostruzione etimologica e storica del termine “emozione,” dall’originale discredito che ne accompagnò la traduzione dal francese alle altre lingue europee fino al suo enorme successo contemporaneo, sia nell’ampio spazio che viene dato a quei fenomeni, come il coinvolgimento emotivo verso entità fittizie o immaginarie, che ci fanno sollevare seri dubbi sull’oggettività dei resoconti personali su emozioni e sentimenti, e persino sulla loro genuina esistenza. In questo senso sarebbe forse stato utile portare nella discussione del libro anche i classici del comportamentismo e i loro eredi eliminativisti, che sono invece quasi assenti. Se la loro rigida prospettiva verificazionista, secondo cui gli oggetti dell’introspezione non esistono, è abbastanza fuori moda (e sarebbe suonata perfino paradossale in un libro dedicato alle emozioni), è pur vero che la loro insistenza sul ruolo della creatività psicologica come origine delle emozioni avrebbe potuto costituire un valido strumento concettuale in vari punti del libro.

5In secondo luogo, l’approccio naturalistico al tema della ricerca non ha obiettivi riduzionistici; al contrario, il legame evoluzionistico tra le nostre emozioni e la nostra struttura e origine biologica viene impiegata con l’evidente obiettivo di disegnare una caratterizzazione antropologica e ontologica molto ampia. È particolarmente importante, in questo senso, che il Darwin presentato in questo libro sia notevolmente diverso dall’ideologo della selezione naturale usualmente riportato nei testi di autori neo-darwiniani; quando si tratta dello sviluppo e dell’ereditarietà di comportamenti ed emozioni, Darwin aveva delle esplicite simpatie per alcune versioni del neo-lamarckismo che furono poi bandite, sulla base di ragioni empiriche molto fragili, dall’ortodossia biologica. È quindi un peccato che l’autrice scarti rapidamente queste intuizioni darwiniane come scientificamente sorpassate, dal momento che negli ultimi decenni numerosi studi stanno dimostrando la possibilità dell’ereditarietà di caratteri acquisiti in molti organismi viventi e, più in generale, stanno conducendo a una profonda integrazione e revisione del rigido e limitante modello “mutazione casuale/selezione cieca” tipico della Sintesi Moderna (vedi Laland et al. 2015). Un approfondimento su questi consistenti cambiamenti nelle più recenti teorie evoluzionistiche, di principio importante per ogni discussione scientifica sul comportamento umano e animale, sarebbe ancor più cruciale quando si parla di caratteristiche complesse come le emozioni, e avrebbe tra l’altro rinforzato l’appropriata critica che Campeggiani muove implicitamente all’ostinata intransigenza della tradizione darwiniana nell’assegnare una priorità filogenetica all’esclusivo ruolo organico delle emozioni a svantaggio di quello comunicativo.

6In terzo luogo, il libro si trova a proprio agio nell’alternare una certa varietà di registri linguistici e concettuali. È possibile passare da un capitolo in cui le emozioni sono descritte in termini di reazioni somatiche a un altro in cui sono concepite come oggetti formali, senza avvertire un senso di straniamento o di discontinuità nell’argomento trattato. Questo potrebbe sembrare ovvio, dal momento che tali differenze sono tipiche delle contrastanti teorie che il libro intende presentare. Ma Campeggiani resiste alla tentazione di tradurre il linguaggio di una teoria nell’altra, o di creare un linguaggio neutrale e intermedio, e questa scelta è particolarmente utile a mostrare quanto non ci sia bisogno di un armamentario concettuale rigido o completamente coerente per darci un quadro comprensivo del fenomeno dell’emozione – la lezione che sembra emergere dal testo è forse contraria.

7Dal punto di vista della proposta teorica sulle emozioni, in ogni caso, il testo sembra procedere con una struttura di fondo abbastanza chiara: c’è una prima opposizione tra la teoria BET (basic emotions theory) e l’ipotesi costruttivista sulla natura indistinta del core affect, una seconda opposizione tra una teoria funzionale/somatica di derivazione pragmatista e una intenzionale di origine cognitivista, e una riflessione finale sull’integrazione tra emozione e azione. Prendendo un esempio classico di emozione come la paura, queste cinque proposte ne focalizzano aspetti diversi: per la teoria BET la paura è definibile come uno reazione psicosomatica specifica e innata (è quello che succede a tutti gli animali coscienti e sani davanti a un predatore); per il costruttivismo è il risultato di meccanismi psicologici appresi che strutturano un sentimento di base indeterminato (è quello che succede alla nostra autocoscienza quando riconosciamo una pistola sotto la giacca di uno sconosciuto); per la teoria funzionalista coincide con uno stato psicofisico con precisi requisiti (il brivido, il pallore, la stretta allo stomaco, etc.); per le teorie di derivazione cognitivista è uno stato mentale caratterizzato da una relazione tipologica con l’oggetto dell’emozione (il giudizio sull’arma dello sconosciuto); mentre per le teorie enattiviste e pragmatiche è l’insieme delle disposizioni all’azione (in questo caso alla fuga o al silenzio).

8Possiamo dividere queste cinque posizioni in due grandi gruppi: le prime due sono teorie genetiche, cioè sono interessate a spiegarci l’origine delle emozioni. Le altre tre sono teorie categoriali, cioè ci indicano che cos’è un’emozione. Per quanto riguarda le teorie genetiche, l’opposizione tra BET e costruttivismo può essere risolta (dal punto di vista filosofico) con una semplice mediazione, dal momento che specialmente negli esseri umani lo stato emotivo è particolarmente condizionato da complessi fattori psicologici e cognitivi: questa soluzione sembra implicitamente indicata anche dal testo di Campeggiani. Come accennato sopra, sarebbe tuttavia utile riconsiderare la tradizionale teoria selettiva darwiniana per analizzare più da vicino la possibilità di un ruolo evolutivo per la funzione comunicativa delle emozioni, che costituirebbe una continuità concreta tra la teoria innatista e quella costruttivista. Per quanto riguarda le teorie categoriali, invece, una mediazione è più difficile: esse riguardano le condizioni necessarie e sufficienti per individuare un’emozione, e quindi una differenza teorica potrebbe portare nel loro caso a considerare uno stato psicofisico come un’emozione o no (oppure un’emozione anziché un’altra).

9Una possibile strategia risolutiva, che nel testo viene percorsa abbastanza di rado, è provare a restringere più precisamente il campo delle emozioni, distinguendole anzitutto dagli umori (nervosismo, allegria, etc.) e dai sentimenti (benevolenza, antipatia, etc.): i primi sono condizioni transitorie e prive di referente, i secondi inclinazioni durature e dotate di referente. In secondo luogo, se il concetto di emozione deve essere assunto in modo acritico dal linguaggio ordinario (come viene fatto in questa Introduzione), allora le emozioni devono avere il carattere della coscienza e dell’intenzionalità: una persona disgustata, impaurita, eccitata, sorpresa, gioiosa non può non sapere di esserlo, e non può non avere idee più o meno precise sul perché. Con queste chiarificazioni concettuali la differenza tra le teorie funzionaliste e le teorie cognitiviste dovrebbero ridursi considerevolmente. Infatti, la tensione tra causalità e intenzionalità (tra giudicare ciò che fa paura come causa della reazione psicosomatica o come oggetto dello stato mentale) può essere superata considerando come emozioni tutte quelle che stiano in una generica relazione con un certo evento o entità tipologicamente connotati dal punto di vista del soggetto, indipendentemente che questo evento o entità abbia il ruolo attivo di causa o il ruolo passivo di oggetto. Per ciò che riguarda l’esperienza soggettiva dell’emozione, invece, sia un approccio psicosomatico che un approccio intenzionale sembrano presupporre in modo robusto una consapevolezza conscia dell’emozione, evidenziandone ovviamente aspetti diversi.

10La riflessione conclusiva sul ruolo delle disposizioni pratiche nell’esperienza emotiva è particolarmente interessante perché lega il tema del libro alla teoria 4E (embodied, embedded, enacted, extended) della mente, che ricopre un ruolo centrale nel dibattito odierno. Tuttavia, all’interno di questo vasto campo di riforma della psicologia teoretica tradizionale si muovono orientamenti diametralmente opposti, che vanno dal recupero del panpsichismo all’esternalismo eliminativista (vedi Newen, De Bruin & Gallagher 2020). Una filosofia delle emozioni del tipo tratteggiato in quest’Introduzione, con un forte radicamento nel corpo soggettivo e nell’esperienza cosciente, può muoversi agevolmente nelle dimensioni embodied ed embedded, con più difficoltà in quella enacted, e con limitati margini di compatibilità in quella extended. Queste limitazioni, lungi dall’essere un impedimento, costituiscono un banco di prova delle teorie 4E, spesso influenzate in modo eccessivo dalla tensione tra paradigmi post-comportamentisti e post-cognitivisti, e sostanzialmente in difficoltà se messe in dialogo con temi tradizionalmente coscienzialisti e relazionali come l’affettività, l’emozione o l’intuizione; ma costituiscono anche una prova di resistenza e di compatibilità per tutte le filosofie dell’esperienza soggettiva che siano, comprensibilmente, affascinate dalla portata liberatoria della teoria 4E nei confronti delle scuole psicologiche tradizionali.

Top of page

Bibliography

Laland Kevin N., Uller Tobbias, Feldman Marcus W., Sterelny Kim, Muller Gerd B., Moczek Armin, Jablonka Eva & John Odling-Smee, (2015), “The extended evolutionary synthesis: its structure, assumptions and predictions,” Proceedings of The Royal Society B. Biological Sciences, 282 (1813). Online: doi.org/10.1098/rspb.2015.1019.

Newen Albert, De Bruin Leon & Shaun Gallagher (eds), (2020), The Oxford Handbook of 4E Cognition, Oxford, Oxford University Press.

Top of page

References

Electronic reference

Gabriele Aleandri, “Review of Pia Campeggiani, Introduzione alla filosofia delle emozioniEuropean Journal of Pragmatism and American Philosophy [Online], XIV-1 | 2022, Online since 13 May 2022, connection on 24 May 2024. URL: http://journals.openedition.org/ejpap/2885; DOI: https://doi.org/10.4000/ejpap.2885

Top of page

About the author

Gabriele Aleandri

Università di Roma Tre
g.92.a[at]hotmail.com

By this author

Top of page

Copyright

CC-BY-NC-ND-4.0

The text only may be used under licence CC BY-NC-ND 4.0. All other elements (illustrations, imported files) are “All rights reserved”, unless otherwise stated.

Top of page
Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search