Navigation – Plan du site

AccueilNuméros47Presentazione

Presentazione

Gabrielle Varro
Traduction de Stefano Corno
p. 3-4
Cet article est une traduction de :
Présentation [fr]

Texte intégral

1Sono passati solo tre mesi dal momento in cui abbiamo appreso con stupore la scomparsa della nostra collega e amica Federica Dièmoz, il 19 agosto 2019. Il comitato di lettura di Educazione e Società Plurilingui onora qui la sua memoria ripubblicando uno dei suoi testi. In effetti, per molti anni, Federica è stata membro del CIEBP e del comitato di lettura della rivista, per la quale aveva accettato di caricare sul nostro antico sito tutti i sommari e gli articoli della rivista dal 1997. La sua autobiografica linguistica, pubblicata nel 2003 nella rubrica “Testimonanze” di ESP chiuderà il presente numero.

2Nella rubrica “Storia e società: Valle d’Aosta” il lettore troverà uno studio giuridico e sociolinguistico presentato al Convegno Le lingue minoritarie nell'Europa latina mediterranea. Diritto alla lingua e pratiche linguistiche (Aosta, ottobre 2018), che ha per tema l’impiego effettivo (reale o meno) del francese nella regione (Alessi), un’analisi che avremmo potuto pubblicare nella rivista “Dibattiti” e che forse susciterà in risposta qualche riflessione (incoraggiamo i nostri lettori a scrivere!).

3Nella rubrica “Didattica e insegnamento bi/plurilingue” uno studio comparativo dell’educazione bilingue, praticata in Alsazia ed in Bretagna ha permesso alle autrici di approfondire la spinosa questione di quello che potrebbe essere un “atteggiamento bilingue” presso gli insegnanti (Mathes-Heinz, Geiger-Jaillet). Un altro articolo comparativo interroga i vari modi in cui il bi-plurilinguismo viene capito e servito dagli insegnanti di lingua in Francia ed in Germania (Putsche).

4La rubrica “Esperienze e ricerche” ci permette di seguire il destino delle lingue e dei loro parlanti attraverso il mondo; in Marocco i vantaggi pedagogici dell’uso del diario personale nelle lezioni di francese lingua straniera vengono presentati ed analizzati per mezzo di un’esperienza condotta nelle scuole medie (Kharbouch). Negli Stati Uniti ed in Germania è stata recentemente osservata l’importanza crescente dell’apprendimento della lingua e della cultura italiane (Hösle Borra), mentre una ricerca collaborativa originale in corso nelle università di Berna e della Valle d’Aosta (Krakenberger et alii.) interroga gli atteggiamenti ed i sentimenti dei parlanti nei confronti dei vari italiani parlati.

5Ma, se il primo termine di Educazione e Società Plurilingui è fondamentale, anche il secondo ispira ricerche che allargano la questione del contatto delle lingue all’insieme della società, al di là dell’universo educativo. È il caso, per esempio del contesto transfrontaliero – “interculturale”, ma non per forza “bilingue” – in cui le autrici constatano che uno stesso fatto sociale, in questo caso la percezione del rischio, può provocare interpretazioni divergenti (Breugnot, Laemmel). Per quanto riguarda le potenziali conseguenze di un’“interpretazione non professionista”, presentate da un’interprete e traduttrice professionista (Kyi-Drago), esse ci riportano ad una delle preoccupazioni principali del CIEBP: la presenza nei nostri Paesi di migranti allofoni e bisognosi, che devono spesso, in mancanza d’altro, fare ricorso a questo tipo di interpretariato, nonostante i rischi che esso può comportare.

6Come in contrappunto, il resoconto di un testo proveniente dal concorso nazionale italiano Lingua madre (Marocco) riassume l’impresa delle donne straniere che si trasformano in scrittrici nella lingua d’accoglienza (in questo caso l’italiano) per sormontare le difficili realtà dell’esilio e far trionfare la forza ed il coraggio dei nuovi arrivati.

7Nella breve autobiografia linguistica che aveva scritto per ESP nel 2003, Federica Dièmoz ripercorreva il proprio percorso dall’infanzia verso quell’appoccio etnolinguistico delle pratiche linguistiche diventato poi la sua specialità, come nel colloquio condotto in pubblico con un discendente di immigrati italiani nel corso del convegno Lingue forti, lingue deboli organizzato all’Università della Valle d’Aosta in ottobre 2016 (Revelli et alii. 2017).

Haut de page

Bibliographie

Dièmoz F. 2003. Être plurilingue : combinaisons et complémentarité, Education et Sociétés Plurilingues n° 14 (juin) : 91-96.

Revelli L. Tabouret-Keller A., Varro G. 2017. Langues faibles. Lingue deboli. Torino, L’Harmattan Italia.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Gabrielle Varro, « Presentazione »Éducation et sociétés plurilingues, 47 | 2019, 3-4.

Référence électronique

Gabrielle Varro, « Presentazione »Éducation et sociétés plurilingues [En ligne], 47 | 2019, mis en ligne le 01 septembre 2021, consulté le 13 août 2022. URL : http://journals.openedition.org/esp/4325 ; DOI : https://doi.org/10.4000/esp.4325

Haut de page

Auteur

Gabrielle Varro

Université de Versailles-Saint-Quentin-en-Yvelines (France)

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

Tous droits réservés

Haut de page
  • Logo CIEBP (Centre d'Information sur l'Education Bilingue et Plurilingue)
  • OpenEdition Journals
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search