Navigazione – Mappa del sito
varia

I vantaggi di un’economia postmonetaria

Pierangelo Dacrema
p. 99-132

Abstract

Può un'economia post-monetaria - vale a dire un'economia che funziona in assenza di moneta - offrire risultati preferibili a quelli forniti da un'economia monetaria? Questo saggio presenta una visione critica del funzionamento dell'attuale sistema economico monetario evidenziando i suoi costi in termini di "occupazione apparente", "disoccupazione apparente", e "motivazioni deviate". A questo scopo, di un'economia post-monetaria, si produce un'analisi costi-benefici basata sul modello teorico del marginalismo. La conclusione è che un'economia senza moneta è in grado di offrire una maggiore produzione e una più equa distribuzione della ricchezza a scapito di un minore livello d'efficienza.

Torna su

Termini di indicizzazione

Torna su

Testo integrale

1. Introduzione

  • 1 Su questo tema si veda Dacrema 2006.

1Scopo di quest’articolo è dimostrare che un’economia postmonetaria ha buone probabilità di riuscire a fornire risultati oggettivamente preferibili rispetto a quelli offerti da un’economia fondata sulla circolazione della moneta1.

  • 2 Nella definizione di questo tipo d’economia è implicita la circostanza che essa possa offrire i ris (...)
  • 3 Con questo, ben inteso, non si vuole escludere l’eventualità del ricorso, nel nuovo sistema, a qual (...)

2Per “economia postmonetaria”2 s’intende un sistema economico mondiale che, dopo avere scientemente abbandonato lo strumento della moneta: a) produce merci il cui valore non è più quantificabile con il criterio numerico tipico del metro monetario; b) rinuncia conseguentemente alla moneta come mezzo di pagamento; c) opera con scambi e passaggi di proprietà resi possibili da un metodo non confondibile con quello del baratto3; d) risparmia e investe in beni fisici (attività non finanziarie).

  • 4 La povertà ha molte facce e, tra le tante, una assoluta e una relativa: è povero in Italia chi non (...)

3Per “risultati oggettivamente preferibili” s’intende una più rapida diminuzione della povertà estrema4 fino alla sua scomparsa, ovunque, e una diffusione della ricchezza in un clima di salvaguardia delle opportunità di accrescerla, anche a livello individuale, in tutte le sue forme, con tutti gli incentivi – e i vantaggi collettivi – che si associano di norma alla libera e pratica realizzabilità di tale obiettivo.

  • 5 Si veda in materia Dacrema 2006.
  • 6 «I socialisti avevano la risposta sbagliata alla domanda giusta. La risposta giusta non è concentra (...)

4Il sistema ipotizzato – che si avvantaggerebbe dei frutti offerti in ogni campo dall’esperienza dell’economia della moneta – sarebbe fondato sul rispetto della proprietà privata e delle regole che, in un contesto non monetario, ne governerebbero l’amministrazione e il trasferimento5. Il presupposto è che la proprietà sia capitale – pubblico o privato – che non ha bisogno della moneta per essere accumulato. E che il capitale sia fondamentalmente risparmio, reddito accantonato e utilizzabile nel lungo periodo, comunque espressione di un profitto che – anche in un’economia della moneta – vede la moneta tradursi ben presto in merci, beni concreti di valore più o meno cospicuo. Che il capitale pubblico o privato – la proprietà – venga ben amministrato ha un’evidente importanza sociale: da ciò dipendono le modalità della produzione dei beni e la loro effettiva disponibilità. Che la proprietà privata – la diffusione, la non concentrazione, della proprietà – abbia favorito, o possa favorire, una buona amministrazione del capitale non è solo un’ipotesi6. E il fatto che l’ipotesi di un’economia postmonetaria possa offrire il frutto di un’adeguata amministrazione della proprietà verrà approfondito in seguito.

  • 7 L’economia postmonetaria qui ipotizzata non ha a che vedere con alcuna nozione di decrescita: si ca (...)
  • 8 Si veda, al riguardo, Searle 1985 e Ferraris 2003.
  • 9 Sui limiti del linguaggio dei numeri si veda anche Dacrema 2007.

5L’economia, nel nuovo quadro, continuerebbe a soddisfare il suo naturale bisogno di cambiare e progredire, vale a dire crescere, e ciò nel suo significato storico più sostanziale, con una manifestazione empirica del fenomeno cui nulla toglierebbe il venir meno dell’abitudine di enunciarne e pubblicizzarne una versione numerica7. Lo sviluppo economico è essenzialmente cambiamento: il suo contrario è già stato percorso, e nulla di nuovo (di umanamente interessante) si trova in esso. Per quanto non sia questa la sede più adatta per approfondire, è il caso di aggiungere che numero e matematica numerica appaiono inadatti a esprimere l’essenza del valore come attribuzione di significato e contenitore di senso. Con questo non si intende certo sminuire il linguaggio dei numeri ma solo sottolinearne l’inadeguatezza a rappresentare il fatto economico e il suo valore (soprattutto il lato soggettivo di quest’ultimo, comunque fondamentale). Non si vuole neanche negare la realtà (la consistenza) della moneta e dei suoi numeri come frutto di un’intenzionalità collettiva non confondibile con un’intenzionalità soggettiva o con la semplice somma di singole intenzionalità8. Si intende piuttosto dimostrare che la moneta come oggetto sociale è risultato di un’intenzionalità collettiva che pone costi abnormi e per nulla trasparenti a carico della società9.

  • 10 Già Hegel parlava di un “calore” della verità che non potrà mai promanare dalla matematica, avente (...)

6L’economia è la sperimentazione dei fatti già pregiudicati nelle cose. Sua regola indefettibile è che il pensiero si traduce in azione per effetto della volontà. E manca, nella matematica, l’“ombra” della volontà10. Sembra, l’esattezza dell’aritmetica della moneta, non collimare con l’“inesattezza” – la probabilità, l’incertezza, l’emotività – del fatto economico; o, il che è lo stesso, che la speciale, poco esplorata, esattezza del fatto economico possa essere meglio descritta e spiegata da una matematica diversa. Una matematica per concetti non numerici pare più adatta a dialogare con il fenomeno economico e a offrire prospettive alla disciplina che lo studia. Un semplice esempio di matematica per concetti è costituito dalla seguente definizione generale di economia: Pensiero + Volontà + Azione = Economia. Il metodo matematico è rispettato: si tratta pur sempre di un’equazione (o di un’equivalenza). Il lato sinistro è uguale a quello destro, il processo uguale al risultato. Nei limiti e nei modi in cui sono sommabili i concetti in gioco si ha, esattamente, P + V + A = E.

  • 11 «Quel che tutti i viventi occupa e tiene in moto è la fatica per l’esistenza. Ma dell’esistenza, un (...)
  • 12 «I romani non sono scomparsi dalla faccia della terra in seguito alle invasioni dei barbari né a ca (...)

7Anche il ruolo del denaro e della moneta come motore della storia – o più semplicemente come forma precipua di sollecitazione ad agire – si presenta tutt’altro che indiscutibile. Come avrebbero impiegato il loro tempo i nati su questa terra? La domanda è meno oziosa di quanto possa sembrare11. Gli uomini dell’età della pietra hanno regalato ai loro discendenti un futuro più vivibile del loro presente, e ciò senza alcun stimolo della moneta. Questo vale anche per gli uomini di epoche molto successive12. V’è ragione di pensare che, da sempre, siano esistite forze del cambiamento ben più potenti di quelle rappresentate dal denaro. Il che non porta a negare il ruolo di progresso che la moneta ha avuto per un certo periodo storico.

8Alla superabilità del “trauma” del passaggio da un’economia della moneta a un’economia postmonetaria – aspetto non centrale di questo discorso ma che, per così dire, lo permea – verrà dedicata una serie di considerazioni nel sesto paragrafo. Ma fin d’ora è lecito chiedersi: è pensabile una civiltà che, per essere più avanzata della nostra, rinunci definitivamente al denaro?

  • 13 Turri 2009: 29.

9Come fa notare Turri (2009), denaro e moneta non sono la stessa cosa. Il primo è un concetto ontologico, un «a priori pratico», un oggetto fisico correlato all’agire concreto degli uomini, e non a caso, nel corso della storia, è stato di tutto (pepe, sale, semi di cacao, bestiame e frumento, monili, oggetti metallici più o meno preziosi…); la seconda è un oggetto sociale, il prodotto di un’«intenzionalità sociale», una convenzione, un’istituzione accreditata e protetta dallo Stato. In questo senso la moneta si pone come l’attuale oggettivizzazione storica del denaro (o perlomeno come la sua versione di maggior successo). «La moneta è una delle forme del denaro e nel contempo il denaro è la forma idealizzata della moneta»13. Data la «natura ideale» del denaro, non è da escludere che un’economia post-monetaria lasci sopravvivere il denaro come idea pura (o anche solo un’idea del denaro, vale a dire ciò che ne rimarrebbe una volta che lo si privasse di qualsiasi supporto fisico o numerico).

  • 14 Si allude alla progressiva trasformazione del denaro da mezzo in fine, e a tutte le deprecabili con (...)

10Quanto al metodo d’indagine, si cercherà di tenere il ragionamento ancorato ai suoi fondamenti tecnico-scientifici. Svincolare il più possibile il discorso dalle sue pur innegabili implicazioni morali14 non significa comunque tradirne la radice più profonda. La possibilità di mettere in discussione una realtà consolidata come quella della moneta nasce infatti dalla necessità di rispondere a quesiti di natura essenzialmente filosofica, o più propriamente epistemologica. Che cos’è l’economia e di che cosa deve occuparsi la disciplina economica? Che cos’è la moneta e che tipo di capitalismo potrebbe sopravvivere in un’economia senza moneta?

  • 15 «Vogliamo codificare un piano…» [in modo che] «la riconduzione della vita economica nell’ambito del (...)

11La filosofia sta alla descrizione del mondo come l’economia a una sperimentazione di esso. In economia il pensiero è azione, e se il pensiero è l’immagine dei fatti, la filosofia è l’immagine della storia e la visione più realistica dell’economia che la anima15.

2. I costi della moneta

  • 16 Su questo tema si veda diffusamente Dacrema 2003.

12Il motivo principale – almeno in questa sede – che suggerisce di mettere in discussione il sistema della moneta è costituito dalla mole dei suoi costi, tanto ingenti quanto difficili da quantificare con esattezza. Tali costi – trascurati di norma da qualunque analisi – sono riassumibili sotto le voci: a) occupazione apparente; b) disoccupazione apparente; c) motivazioni deviate16.

13Può definirsi apparente l’attività di tutti gli occupati nei “comparti” della creazione, movimentazione e manutenzione della moneta? A certe condizioni – entro certi limiti e con alcune doverose specificazioni – sì, e in un senso non irrilevante. Certo si presenta oggi molto sostanziale (tutt’altro che apparente) l’utilità della moneta e (quindi anche) dell’attività di tutti coloro che, a vario titolo, contribuiscono a crearla, proteggerla, garantire il corretto funzionamento del suo sistema. E se è solo immaginando un insieme di consuetudini radicalmente diverso da quello odierno che si può dar corpo a un’economia postmonetaria, è solo attraverso la visione di questa stessa economia – una sorta di anticipazione, di simulazione dell’avveramento di un’ipotesi – che si può arrivare a cancellare il significato del lavoro di chi si occupa esclusivamente di moneta e dei suoi numeri.

14Viviamo di gesti che danno luogo a oggetti ed eventi, viviamo di fatti, non dei numeri e dei prezzi chiamati a rivestirli e a comunicarne il valore. Come prodotto di un’umana attività – di un’occupazione vera e propria, peraltro assai articolata –, la moneta è un unicum, unica merce priva del requisito di un’utilità diretta, non mediata, attribuibile a una fonte e a un intervento puntuali e individuabili. Tutti coloro che, a livello planetario, sono dediti al funzionamento, alla conservazione e allo sviluppo del sistema della moneta si trovano nella condizione di non poter produrre alcunché di utile per il concreto, diretto, benessere dell’umanità. In questo senso, e solo in questo senso – poiché non si può certo negare la loro effettiva e notevole utilità nell’attuale contesto –, sarebbe lecito considerare queste persone occupati apparenti.

15Chiaramente, non si sta parlando solo degli individui impiegati nel settore finanziario in senso stretto – banchieri, finanzieri, agenti di cambio, commercialisti, dipendenti di banche, fondi di investimento, società d’intermediazione mobiliare, imprese assicurative e così via, ovvero gli uomini che con l’ambiente del denaro hanno sistematicamente e professionalmente a che fare –, bensì anche di tutti gli addetti alla contabilità in tutte le aziende del mondo appartenenti a qualunque settore. La moneta è (ormai) numero, numero soltanto. E si deve notare che la cura del suo impianto – il mero mantenimento della sua struttura, costituita appunto dal numero ed estranea per definizione al complesso dei beni utilizzabili dagli uomini – assorbe una quantità enorme di operatori (quantità gigantesca e fatalmente sproporzionata, sempre che si consideri – è il caso di precisarlo – il summenzionato aspetto di inutilità del prodotto, che fa tutt’uno del resto con la sua inequivocabile “uniqueness”).

  • 17 Del tutto a ragione si può sostenere che la moneta, come oggetto sociale, ha un suo proprio profilo(...)
  • 18 L’esercizio della contabilità come occupazione professionale, che riguarda un certo numero di perso (...)
  • 19 Proprio in questo senso Marx, nel primo libro del Capitale (I Sezione, Capitolo secondo) ebbe modo (...)

16Ora, se si presume, in via del tutto approssimativa, che più o meno un terzo di tutti i lavoratori del mondo si trovano impegnati in questo ambito, se ne deduce che più o meno un terzo del valore aggiunto prodotto a livello mondiale ha questa natura “fittizia”, vale a dire la qualità di bene non direttamente fruibile e del tutto strumentale alla valorizzazione e alla distribuzione degli altri due terzi17. Questa imprescindibile caratteristica del sistema della moneta rappresenta – oltre che fonte di continue distrazioni, incessanti richiami a concentrarsi sull’oggetto18 – un costo sotto forma di una corrispondente diminuzione, rispetto al suo potenziale, di tutta la produzione mondiale in termini di beni e servizi destinati al consumo effettivo19.

  • 20 Quello della disoccupazione “involontaria” (e della significatività della sua differenza dalla diso (...)
  • 21 A proposito dei sussidi di disoccupazione come strumento per lenire i disagi prodotti dal fenomeno, (...)
  • 22 Sul tema si veda, in particolare, Bruni 2005.

17A questo punto si potrebbe definire apparente anche la disoccupazione normalmente intesa (perlomeno quella indiscutibilmente involontaria)20. Il disoccupato, infatti, non è un individuo incapace di produrre, bensì un uomo escluso dal sistema della moneta, privo di una remunerazione monetaria più o meno stabile. La circostanza che egli non possa contribuire al reddito globale è legata al fatto che la contabilità di nessuna persona fisica o giuridica si presenta disposta a sostenere l’onere relativo al suo ruolo (la contropartita in moneta a fronte dello svolgimento del suo compito). Anche questo è un difetto macroscopico del sistema della moneta cui corrisponde un costo che si presenta proporzionale al fenomeno della cosiddetta disoccupazione21. E ciò senza sottovalutare l’importanza dei cosiddetti beni relazionali, non monetizzabili22 – non frutto di un’occupazione “ufficiale” – ma non per questo meno preziosi. Il disoccupato, anche in virtù del maggior tempo libero a sua disposizione, potrà abbondantemente godere di questo tipo di beni quanto efficacemente contribuire alla loro formazione. Ma ciò non porrà rimedio agli inconvenienti procuratigli dalla specificità della sua condizione (in sintesi, il fatto di essere a corto di moneta) in un’economia della moneta.

  • 23 Approfondimenti specifici dello strumento della moneta come fattore strutturale di crisi del sistem (...)

18Si può parlare infine di motivazioni deviate ogni qual volta l’obiettivo dell’incasso – dell’ottenimento di una somma di moneta – prevale sull’obiettivo sostanziale della produzione (dello svolgimento di qualsiasi funzione o mansione) e ne determina un abbassamento della quantità o della qualità. Mi riferisco ai casi, per nulla marginali, in cui la moneta – la versione monetaria del prodotto – diventa più importante del prodotto stesso, distrae l’attenzione di chi lavora, la dirige verso il simbolo allontanandola da ciò che simboleggia e diminuisce l’efficacia della prestazione. Il fenomeno è psicologico, ma il suo impatto è fisico, nonché di portata etica: si pensi a tutti i casi in cui la remunerazione in moneta non si presenta direttamente proporzionale alla qualità della prestazione e il percettore della remunerazione si rivela interessato a quest’ultima molto più che dedito all’impegno destinato a giustificarla. Il fatto che molti, o anche solo alcuni, considerino il risultato in moneta del loro intervento più rilevante – più attraente – delle caratteristiche dell’intervento stesso, e la circostanza che il fenomeno sia almeno in parte imputabile al sistema della moneta, sono interpretabili come un costo del sistema difficile da quantificare ma tutt’altro che trascurabile. D’altra parte, più in generale, è noto come la preferenza per la liquidità – per la detenzione di moneta – non come fattore di distrazione del singolo dal proprio compito produttivo ma come opzione lasciata aperta a chiunque decida di non consumare o non investire si pone, da Marx in poi, alla base di qualunque teoria delle crisi capitalistiche23.

  • 24 Sull’argomento si veda Sweezy 1970.

19Per quanto non trattato in modo sistematico, il problema della crisi è ricorrente nei volumi del Capitale, ed è ben nota la critica di Marx alla legge di Say e all’acritica accettazione di quest’ultima da parte di Ricardo24. J.B. Say (1767 – 1832), autore di un noto Traité d’économie politique (1803), aveva sostenuto che l’offerta di qualsiasi bene avrebbe immancabilmente trovato sul mercato la propria domanda, e che niente, sul mercato, sarebbe rimasto invenduto. Il denaro, come qualunque altra merce, non sarebbe rimasto inutilizzato, inoperoso, e avrebbe subito creato lo sbocco per la formazione di un altro prodotto. Ma l’errore di aver pensato che non esistessero forme di tesaurizzazione della moneta – veri e propri ammanchi nella domanda – è stato gravido di conseguenze, simile a quello degli economisti neoclassici nell’aver immaginato mercati automaticamente perfetti. Ed è chiaro come, per quanto in questo caso non si tratti di motivazioni deviate, ci si trovi se non altro di fronte a un utilizzo della moneta (perlomeno temporaneamente) deviato dallo scopo dello scambio e dell’alimentazione del fatto economico.

  • 25 Sempre in merito alle critiche di Marx alla legge di Say, si veda Marx 1905-1910, vol. II: 272-291.

20In realtà la legge di Say è vera soltanto nelle ipotesi di assenza di moneta o di moneta utilizzata esclusivamente come mezzo di scambio. Con ciò, infatti, si ottiene l’uguaglianza matematica tra produzione e consumo nell’ambito di un dato sistema economico. Le due ipotesi rendono la legge una tautologia, che con la seconda ipotesi si fa soltanto un po’ meno semplice. E la loro mancanza rende l’assunto di Say non insensato ma solo accidentalmente valido25.

3. Il problema dell’efficienza

21Nel quadro di quest’analisi è ora utile soffermarsi su alcuni aspetti fondamentali del cosiddetto marginalismo applicato alla teoria dell’impresa. Questo approccio di tipo micro, adottato nel presente e nel quarto paragrafo, è funzionale allo svolgimento di una serie di considerazioni di tipo macroeconomico prevalenti nei paragrafi successivi.

22L’utilizzo dei grafici – che da un lato sembrerebbe costringere il discorso dentro i limiti delle tecniche di gestione dell’impresa – servirà non solo a descrivere in breve il ragionamento marginalistico ma anche, e soprattutto, a superare i suoi contenuti e a trasformarlo in un ponte per una migliore comprensione del fatto economico e della “matematica” della sua evoluzione.

  • 26 Come noto, nell’impostazione classica è la quantità di lavoro a definire il valore del prodotto, me (...)

23Prendiamo velocemente in esame la figura che illustra la posizione ottimale dell’impresa nella visione neoclassica del suo comportamento26.

24

25Com’è noto, la posizione di massimizzazione del profitto è indicata in questo schema dal punto x, ovvero dal volume di prodotto Q0 e dal prezzo Pr0 in corrispondenza dei quali il costo marginale del prodotto (curva CM) è uguale al suo ricavo marginale (RM). Una produzione venduta inferiore alla quantità Q0 implicherebbe infatti una rinuncia a una porzione di profitto (il mancato sfruttamento di una “zona” in cui il ricavo marginale della produzione è ancora superiore al suo costo), e una produzione venduta superiore alla quantità Q0 comporterebbe l’erosione di una porzione di profitto (l’ingresso in una zona in cui il costo marginale della produzione è ormai superiore al suo ricavo marginale). In questo mercato, e con questo tipo d’impresa, è essenziale fermarsi al momento giusto, vale a dire: a) cavalcare la diminuzione dei prezzi fino a quando garantisce un incremento del profitto; b) evitare di produrre e vendere di più a partire dal momento in cui il calo dei prezzi provoca una diminuzione del profitto.

  • 27 Le conseguenze del fenomeno della separazione tra proprietà e controllo dell’impresa sono state stu (...)

26Tutto qua? Sì, se si attribuisce all’imprenditore lo scopo, più che razionale, di massimizzare l’utile. E se, come qualcuno ha osservato, ci fosse chi vuole massimizzare non il profitto ma le dimensioni intese come fatturato, numero di dipendenti, quota di mercato, e così via? La realtà statunitense, in effetti, è stata il primo e più chiaro esempio di un interesse prevalente per quest’altro scopo. Il processo di separazione della proprietà dalla responsabilità della gestione ha condotto chi gestisce l’impresa a privilegiare, rispetto all’obiettivo del profitto, quello dell’incremento delle dimensioni, ritenuto più adatto a produrre vantaggi per chi si occupa della gestione: gli utili premiano i proprietari, gli azionisti, mentre le dimensioni premiano i dirigenti, i manager (non solo attraverso lo stipendio, ma anche attraverso i benefici derivanti dalla circostanza di trovarsi a capo di un’impresa grande e conosciuta)27.

27Da notare è che l’analisi marginalistica del comportamento d’impresa non perde, davanti a questa variazione sul tema dei possibili obiettivi imprenditoriali, la sua significatività. L’imprenditore – l’uomo, o il gruppo di uomini, alla guida dell’impresa – varcherà, se attratto dalle dimensioni più che dal profitto, la soglia rappresentata dal punto x, e non esiterà a incrementare le vendite. Fino a che punto? Presumibilmente non oltre la quantità Q1, quella in corrispondenza della quale la curva dei costi medi CMe interseca quella dei ricavi medi (la curva della domanda DD´, o dei prezzi). E ciò poiché andare oltre significherebbe affrontare tutte le conseguenze di un bilancio in perdita, cioè di una situazione – disdicevole per definizione – in cui i ricavi sono inferiori ai costi.

28Quindi, è facile osservare che esiste un “tratto” della vita d’impresa in cui profitto e dimensioni crescono simultaneamente – quello che va da zero alla quantità Q0 venduta al prezzo Pr0 –, seguito da un altro tratto, che va da questa stessa quantità a quella Q1 (quella oltre la quale, per motivi intuibili, diventerebbe irragionevole spingersi), in cui le dimensioni crescono e il profitto diminuisce.

  • 28 Del marginalismo si salva qualcosa d’importante come il desiderio inesauribile di avere di più, la (...)

29Ora, sono ben noti pregi e difetti della teoria marginalistica del comportamento d’impresa. Tra i primi – oltre a un modo tutto sommato efficace di leggere e rappresentare i rapporti tra impresa e mercato –, si deve riconoscere quello rappresentato dall’aver attribuito all’imprenditore una volontà massimizzante, il desiderio soggettivo di avere di più e di non fermarsi in questa ossessiva ricerca di un massimo in qualche modo quantificabile e tipicamente quantificato da variabili come il profitto e le dimensioni. In realtà, il “margine” che più interessa è un limite psicologico, non tecnico-fisico. (Detto di passaggio, in questo senso è pur sempre del marginalismo il metodo di chiarimento della rilevanza economica del concetto di massimo. E se qualcosa si salva del marginalismo28, questo qualcosa si riferisce indistintamente a tutte le imprese, indipendentemente dalla loro complessità, rendendo possibile e più che legittimo il passaggio da analisi e valutazioni di tipo micro a deduzioni e conclusioni di tipo macro).

  • 29 Nell’intenzione che gli è propria di mostrare l’attitudine dei micro e dei macrosistemi economici a (...)

30Tra i secondi, i difetti – solo apparentemente mitigati dall’eleganza matematica degli esiti del percorso marginalistico –, il più evidente è la mancanza di una forma importante di realismo. Mi riferisco a una carenza di realismo così specifica da mettere in crisi il concetto stesso di massimo, e con ciò il cuore della teoria stessa. Il risultato è che un quadro concettuale affascinante, tanto solido sul piano logico quanto ricco di spunti preziosi sul piano scientifico, finisce per indicare obiettivi non attendibili, se non addirittura impossibili, in termini teorici e pratici29.

  • 30 Sul problema dell’efficienza e sulla centralità del concetto di razionalità economica nella teoria (...)

31La variabile imperdonabilmente assente nell’impianto marginalistico è quella dell’efficienza (il che è quasi paradossale in un’impostazione il cui fondamento è rappresentato da un modo efficiente di comportarsi e di produrre)30. È chiaro come il punto x rappresenti il vero punto di massimizzazione solo se, nel contempo, viene massimizzata l’efficienza, vale a dire solo se i costi vengono minimizzati a un dato livello di ricavi o i ricavi vengono massimizzati a un dato livello di costi. Ma che cosa significa questo, esattamente?

32Il problema cruciale è l’impossibilità di rispondere a questa domanda, con la conseguente impossibilità teorico-pratica di stabilire quale sia il vero punto di massimizzazione.

33Prendiamo in considerazione il caso di due aziende del tutto identiche (per numero di dipendenti, numero e dimensione degli stabilimenti, organizzazione del personale, tecnologia utilizzata, tipologia dei mercati di riferimento, e così via). Se l’una dovesse dimostrarsi più redditizia dell’altra il motivo non potrebbe che essere rappresentato dalla sua maggiore efficienza. E, data l’assoluta identità delle risorse a disposizione di entrambe – per quanto valutabile a priori, anche sul piano della qualità delle risorse umane –, ciò implica che l’una sia più veloce dell’altra. Si tenga presente come ciò, date le condizioni ipotizzate, comporti necessariamente un più intenso utilizzo della risorse umane da parte dell’azienda più efficiente. La quale – è questa la conclusione ineludibile – dovrà per forza di cose disporre di uomini più efficienti, cioè più veloci, più disposti ad affaticarsi, praticamente dediti alla realizzazione di una maggior quantità di prodotto nell’unità di tempo. La questione non è trascurabile.

  • 31 Si potrebbe obiettare che, cambiando azienda, cambino curve e relativi punti di massimizzazione. In (...)

34A che cosa sarebbe attribuibile tale risultato? A tanti possibili fattori. L’imprenditore e il gruppo dirigente lavorano anche il sabato, talvolta perfino la domenica, e si attardano la sera a risolvere problemi animati da un senso del dovere che soffoca sul nascere qualsiasi occasione di distrazione? Gli operai compiono più velocemente i loro gesti in sintonia con il funzionamento delle macchine, oppure trascorrono più tempo al lavoro rinunciando anche a qualche pausa più che meritata? La contabilità e l’amministrazione del magazzino “lubrificano” la macchina aziendale, e gli impiegati, più attenti e coscienziosi, non commettono errori all’origine di inconvenienti e perdite di tempo nella gestione dei flussi di fattori produttivi e di prodotto? Difficile dare una risposta: certo è che si tratterebbe di una maggiore efficienza, di una maggiore velocità, e che l’esito lo si dovrebbe agli uomini in gioco, a un utilizzo più intenso della variabile umana. Ma, stando così le cose, nessuno può escludere che esista una terza azienda31, sostanzialmente (apparentemente) identica alle due precedenti, che riesce – grazie a un piccolo sforzo in più – a essere ancora più efficiente. E se lo sforzo aggiuntivo non fosse così piccolo? Ne esisterebbe una quarta, ancora più efficiente delle altre tre, più autentica interprete e artefice della massimizzazione del profitto (fino a quando non ne esistesse un’altra ancora in grado, con uno sforzo ulteriore, di ottenere una versione “più vera” dell’obiettivo della massimizzazione).

35Da questo semplice ragionamento si deduce che: a) non è possibile parlare di massimizzazione del profitto se non si prevede una contestuale massimizzazione dell’efficienza; b) massimizzare l’efficienza è operazione quanto mai indeterminata, connessa con mille variabili tutte associate, in ultima analisi, allo sfruttamento dell’efficienza umana; c) aumentare progressivamente l’efficienza è, letteralmente, faticoso (la gazzella destinata a sopravvivere all’attacco dell’ennesimo leone sarà un animale sempre più veloce, sempre più affaticato nel tentativo e nella necessità di esserlo); d) ragioni intimamente legate a tali circostanze hanno stimolato gli uomini a escogitare metodi diversi dall’aumento dell’efficienza – della loro stessa efficienza, dei loro sforzi – per ottenere risultati quantitativamente e qualitativamente superiori.

36Per sviluppare il discorso è ora opportuno inserire la variabile dell’efficienza nel quadro della teoria marginalistica del comportamento imprenditoriale. Lo scopo è quello di disporre di uno schema concettuale più realistico e adatto a ricavarne deduzioni di ordine macroeconomico.

4. La soluzione dell’inefficienza

37Da quanto si è visto l’efficienza, per come la si è intesa – e per come si deve intendere l’accezione più pura e meno ambigua del concetto di efficienza –, si presenta come una sorta di acceleratore senza fondocorsa: fino a quando la si può incrementare, fino a quando è possibile velocizzare operazioni che, fermo restando il contesto tecnico-scientifico, si presentano come l’esito diretto del pensiero e del gesto degli uomini? Che cosa significa, per gli uomini, dare il massimo, o pretendere il massimo da loro?

38L’efficienza è sempre una questione d’efficacia dell’azione nel tempo. E sembra più facile, per dare rilievo tangibile alla variabile dell’efficienza, tener conto del suo contrario, cioè dell’inefficienza. Nel grafico seguente, una situazione d’inefficienza pari a zero – un risultato concettualmente simile all’infinito, più teorico che pratico – coinciderà con una situazione di massima efficienza.

39L’intento è quello di passare dal quadro “piatto” della rappresentazione marginalistica dell’impresa a una sua descrizione (sempre molto semplificata) che contempli l’inevitabile impatto di un certo livello d’inefficienza. L’asse delle ascisse è quello del profitto P, l’asse delle ordinate è quello dello sviluppo dimensionale D, e l’asse in perpendicolare agli altri due – destinato a dare spessore alla varietà dei risultati ottenibili in termini di profitto e dimensioni a seconda del livello di efficienza – è quello dell’inefficienza I.

  • 32 Dovrebbero essere chiari, ora, i motivi per cui si tratta di condizioni squisitamente teoriche: per (...)
  • 33 Si tratta chiaramente di una semplificazione. Non si vuole certo sottovalutare tutta la possibile p (...)

40Ne consegue che il segmento D0P0 è il luogo dei punti che indicano le innumerevoli combinazioni profitto-sviluppo dimensionale possibili in condizioni di massima efficienza32. Ed è facile notare, del resto, che il passaggio da P0 a D0 lungo tale segmento altro non rappresenta che le conseguenze, in termini di combinazioni profitto-dimensioni, dello spostamento da Q0 a Q1 con riferimento al precedente grafico 1. Da notare è che, nel tratto compreso tra 0 e Q0 del grafico 1, l’impresa assiste alla crescita sia del profitto che delle dimensioni. Si tratta di una fase non particolarmente complessa della vita dell’impresa: a un aumento della quantità prodotta e venduta corrisponde infatti, in modo pressoché automatico33, un aumento del reddito d’esercizio (gli obiettivi imprenditoriali quantificabili vengono contestualmente perseguiti e raggiunti).

Grafico 2. La rappresentazione dell’efficienza

Grafico 2. La rappresentazione dell’efficienza
  • 34 «Se faccio un gesto agisco. Ma: io non posso volere tutto». Wittgenstein 1964: 191.

41Più problematica – e per questo anche più interessante – è la fase della vita d’impresa cui corrisponde il segmento P0D0 del grafico 2. È qui che si illustra il “momento” in cui è necessario compiere scelte in merito alla combinazione profitto-dimensioni preferita, vale a dire assumere decisioni imprenditoriali a favore dell’una o dell’altra variabile. L’economia è energia finalizzata, selezionata, scelta tra innumerevoli possibili linee d’azione34. Si vuole massimizzare il profitto? Occorre rinunciare allo sviluppo delle dimensioni. Si vuole incrementare la quantità prodotta e venduta? Occorre rinunciare a una porzione più o meno consistente del profitto.

Grafico 3. L’impatto dell’inefficienza

Grafico 3. L’impatto dell’inefficienza
  • 35 Il presupposto, per sua natura piuttosto difendibile, è l’inevitabilità, per l’impresa, di un certo (...)

42Come preannunciato, è necessario ora fornire una visione più realistica della situazione dell’impresa offrendo una rappresentazione grafica al presumibile impatto della variabile Inefficienza35.

43Per le ragioni esposte è praticamente impossibile che la posizione dell’impresa venga a coincidere con uno dei punti appartenenti al segmento P1D1 del grafico 3 (lungo il quale, come nel caso del segmento P0D0 del grafico 2, qualunque fonte d’inefficienza risulta assente, azzerata, inesistente). La posizione dell’impresa sarà allora indicata dal punto t1 posto all’interno del “triangolo imprenditoriale” P1D1I1, dove: P1 rappresenta il punto di massimizzazione del profitto in assenza di sviluppo delle dimensioni (si continua a produrre e a vendere la stessa quantità, quella in corrispondenza della quale, come suggerito dal marginalismo, il costo marginale coincide con il ricavo marginale della produzione); D1 indica il massimo sviluppo delle dimensioni fino alla totale erosione del profitto (fino al punto oltre il quale un ulteriore aumento di D comporterebbe delle perdite); I1 indica la massima inefficienza compatibile con la sopravvivenza di breve periodo dell’impresa (si osservi, infatti, come in corrispondenza del punto I1 risulti pari a zero sia il tasso di sviluppo delle dimensioni sia il profitto, il che renderebbe l’organismo imprenditoriale poco interessante dal punto di vista sia dei suoi proprietari sia di chi lo gestisce, a meno che non si riesca a diminuirne l’inefficienza).

  • 36 È evidente come si tratti di un modo del tutto convenzionale per misurare il costo, in termini di p (...)

44In corrispondenza del punto t1 non avremo più le combinazioni ideali di profitto e dimensioni caratteristiche del segmento al margine P1D1. Dato l’intervento di un certo tasso d’inefficienza i1, infatti, l’impresa dovrà “accontentarsi” di un profitto p1 e di un tasso di sviluppo delle dimensioni d1. Come si arriva a questi due punti (a queste due misure)? L’inefficienza, interpretabile come una sorta di appannamento, o dispersione, dell’energia imprenditoriale – come una diminuzione, rispetto al massimo, della velocità del compiersi di gesti strumentali allo scopo –, avrà causato un calo dei risultati quantitativamente rilevanti dell’azione imprenditoriale (profitto e dimensioni) rispetto al loro massimo teorico. Il quadro imprenditoriale ha ora la sua profondità. Il punto t1 si colloca a una certa distanza dal segmento P1D1 e, per vederne le risultanti in termini di profitto e dimensioni – dato un certo livello d’inefficienza –, occorrerà tracciarne le proiezioni ortogonali sugli assi su cui si misurano, in concreto, le tre variabili P, D e I36.

  • 37 In questo senso si potrebbe sostenere che Marx si è sbagliato perché aveva ragione. I profeti marxi (...)

45Come può un’impresa operante in un determinato contesto – nel vincolo di breve periodo rappresentato da un dato triangolo imprenditoriale – migliorare la sua performance reddituale o dimensionale? Semplice, diventando più efficiente (diminuendo il suo tasso d’inefficienza). L’impresa orientata a progredire nel profitto e nelle dimensioni disporrà, nell’immediato, dell’unica strada costituita da un avvicinamento al margine P1D1. Ma, come si è già avuto modo di osservare, battere questa strada in modo sistematico è, progressivamente, sempre più faticoso. Migliorare l’efficienza (diminuire l’inefficienza) implica infatti uno sforzo molto simile a quello richiesto a un centometrista per passare da un tempo di 11 secondi a un tempo di 10 secondi e mezzo, da 10 e mezzo a 10, da 10 a 9.9, e così via. Per un’impresa significa mettere sotto pressione le proprie risorse umane di ogni tipo e livello, affrontare battaglie sindacali, affidarsi alla logica di sfruttamento di cui ha parlato Marx e che, se fosse stata davvero portata alle sue estreme conseguenze, avrebbe potuto dar ragione, per ragioni diverse, alle previsioni di Marx sulla fine del capitalismo (che comunque, dopo una prima, durissima fase pionieristica, si è sempre ingegnato di trovare compromessi, ingentilire i suoi metodi, sottrarsi all’accusa di essere un fenomeno spietato e lesivo degli interessi delle masse)37.

46Come perseguire l’obiettivo di maggiori profitto e dimensioni – fine perfettamente in linea con la pulsione dell’azione imprenditoriale – senza sottoporre il sistema a pericolose tensioni? Storicamente, la risposta ricorrente è stata il cambiamento del piano operativo – la costruzione di un nuovo e più ampio “triangolo imprenditoriale” –, così come illustrato dal grafico che segue.

Grafico 4. Il cambiamento del piano imprenditoriale

Grafico 4. Il cambiamento del piano imprenditoriale

47Cambiare piano operativo significa creare i presupposti per nuovi e più elevati massimi teorici: significa mettere a disposizione ulteriore energia imprenditoriale, maggiori risorse finanziarie, nuove idee e più moderne tecnologie (per esempio, potrebbe anche significare passare dalla gestione di un’edicola, o di una pizzeria, all’amministrazione di una catena di edicole o pizzerie). Sul piano pratico, ciò prevede la possibilità di fronteggiare una nuova triade di punti di massimizzazione: P2, D2, I2.

48Il nuovo punto t2 – che si suppone rappresentare la posizione raggiunta dall’impresa nel nuovo piano operativo costruibile in un orizzonte temporale non breve – darà luogo a nuove risultanti in termini di p2, d2 e i2. Che cosa c’è da notare nel nuovo contesto, oltre al fatto che p2, d2 e i2 si collocano su un livello maggiore dei loro omologhi nel quadro precedente? L’attenzione, ora, va tutta rivolta alla variabile dell’efficienza (o meglio, dell’inefficienza).

49È evidente come, nel passaggio da un piano operativo all’altro, si sia destinati a fronteggiare un livello teorico d’inefficienza maggiore in termini assoluti (è ovvio come quanto separa la nostra vecchia Fiat, ora Fca, dalla massima efficienza in termini assoluti – sul piano finanziario, in numeri valutabili in moneta – sia una quantità maggiore di quella che separa dalla sua migliore performance l’officina che abbiamo sotto casa). Ma ciò che si presta a considerazioni interessanti è un’osservazione, nel nuovo quadro, dell’inefficienza relativa, vale a dire del rapporto tra l’inefficienza effettiva (i2) e la massima inefficienza indicata dall’estremo del nuovo piano operativo (I2).

  • 38 I corretti confronti di efficienza, si sa, si operano a parità di contesti (anche tecnico-scientifi (...)

50È l’inefficienza relativa, infatti, a offrire l’immagine più vera e significativa dell’efficienza, quella che pesa sul fattore umano e che si misura al netto del progresso come fenomeno che fa nascere nuovi e più avanzati modelli di efficienza, cioè di forme di velocità assoluta. È chiaro come l’uomo a bordo di un’automobile sia più veloce di un uomo a piedi, ma altrettanto chiaro è come non sia necessariamente più efficiente38. Il progresso non tocca l’economia come processo ma ne modifica gli esiti: progresso ed efficienza, rispetto allo stesso risultato, sono percorsi alternativi.

51Ora, come spesso accade, non esistono certezze su quanto accadrà effettivamente nel nuovo contesto. Però è possibile formulare previsioni sensate. In particolare, è lecito immaginare che l’inefficienza relativa – intesa come rapporto tra i2 e I2 – si presenti, nel nuovo quadro, superiore a quella del quadro precedente. Perché la previsione dovrebbe essere attendibile? Per la stessa ragione per cui il soldato di Giulio Cesare era una macchina da guerra più efficiente di quella costituita da un aviatore che scarica bombe a bordo di un aereo supersonico: la stessa per cui chi pianta chiodi manualmente è tenuto a dimostrarsi più efficiente di un individuo munito di una macchinetta pianta-chiodi, non diversa da quella per cui un individuo montato su un cavallo utilizzerà il sistema “uomo-quadrupede” meno di quanto sfrutterà le proprie gambe un uomo, a piedi, costretto a coprire la stessa distanza nello stesso tempo. Le prove scientifiche di tutto questo? Non sembrano indispensabili. Occorre forse provare che il sole è molto più efficace, per quanto molto meno efficiente, di un ferro da stiro?

  • 39 Sul piano concettuale, non sembra arbitrario definire anche l’inefficienza, che in varia misura aff (...)
  • 40 È legittimo assimilare molte forme di rendita a vere e proprie manifestazioni d’inefficienza di un (...)

52Più il sistema diventa ampio, più aumentano i suoi tassi di sottoutilizzo: più il sistema è potente, meno è efficiente. L’abbondanza non suggerisce la parsimonia, o perlomeno non la rende necessaria. Un mondo semplice è un mondo che ha bisogno di essere efficiente, che trova nell’efficienza l’unica risposta ai suoi problemi. Un mondo complesso è un mondo che sfrutta una pluralità di possibilità, e che non ha alcun interesse a sfruttarne una, ad approfondirne una in particolare, al parossismo. Si chiama entropia39, tendenza irrefrenabile al disordine, allo spreco, alla decadenza del sistema attraverso la sperimentazione – anche superficiale, anche inefficiente – di tutte le sue possibilità, di tutti i suoi possibili stati40. Non si vede perché questa regola della storia e del funzionamento del mondo non dovrebbe applicarsi all’economia in generale e a quella particolare delle aziende. Ne consegue che, a un cambiamento del piano operativo – in occasione del passaggio da un triangolo P1 D1 I1 a un triangolo P2 D2 I2 –, è probabile, benché non necessario sul piano logico, che corrisponda un aumento dell’inefficienza, cioè che si verifichi i2/I2 > i1/I1.

53Se si può avere più P e più D (tipici obiettivi d’impresa) pagando il risultato con più I – con una più articolata e dispendiosa organizzazione del lavoro, con più progresso, con più spreco delle risorse del mondo –, perché mai si dovrebbe cercare di ottenere lo stesso obiettivo pagandolo con una maggiore fatica degli uomini?

54Il progresso si impone alla volontà, nel tempo. E la volontà non cerca il progresso ma lo trova come una necessità, con la natura dell’affidabilità, nel tempo, di una probabilità (il tempo è il campo d’esercizio della volontà in quanto lo è delle possibilità, delle probabilità).

5. Il confine monetario che separa i vantaggi microeconomici da quelli macroeconomici

55È ora il momento di segnalare i limiti dei normali concetti – delle normali interpretazioni – di profitto e dimensioni come obiettivi d’impresa. L’economia, infatti, si esprime attraverso il linguaggio naturale delle forme di utilità (oggetti, eventi, sensazioni da questi suscitate). E la moneta, chiamata a valutare profitto e dimensioni (fatturati), è suo metalinguaggio, nel senso che è solo struttura convenzionale dell’utilità. (Dovrebbe far riflettere la circostanza che la legge, una qualunque legge – nel suo ruolo di etica convenzionale –, suscita di norma, e come è normale per la sua opinabilità, un dibattito a cui la convenzione della moneta non è mai stata in alcun modo sottoposta).

56Nella loro veste consueta, profitto e dimensioni sono misurati in modo minuzioso dalla moneta. C’è profitto se i ricavi – valutazioni in moneta di ciò che l’impresa produce e vende – sono superiori ai costi, che sono pure valutazioni in moneta di tutti i fattori acquisiti dall’impresa per produrre: la somma dei prezzi-costi non può (non deve) superare quella dei prezzi-ricavi. Anche le dimensioni – in particolare, il volume delle vendite – non possono superare il limite oltre il quale i costi comincerebbero a presentarsi più alti dei ricavi. Nella visione tradizionale – squisitamente monetaria – della nozione di profitto e dimensioni, è fondamentale la linea di separazione interno-esterno, il confine che separa i vantaggi dell’impresa da quelli del resto del mondo. Se, per esempio, il prezzo del prodotto, allo scopo di vendere di più, dovesse essere abbassato al di sotto del suo costo medio, di questa manovra si avvantaggerebbe la collettività degli acquirenti, non certo l’impresa che risulterebbe in perdita.

57Questa linea di separazione interno/esterno – dettata dai numeri della moneta – comporta quindi il costo rappresentato da un “taglio” delle dimensioni (volume fisico delle vendite) che l’impresa potrebbe raggiungere in assenza del vincolo monetario (così come si tagliano i dipendenti in eccesso se l’impresa ha costi superiori ai ricavi, o non se ne assumono altri che potrebbero essere responsabili di una produzione in perdita). Questa stessa linea, in modo non meno evidente, comporta anche un taglio dell’interpretazione del concetto di profitto: non sarebbe forse degno di questo nome quello che – in forza della diminuzione dei prezzi, non esclusa l’ipotesi che vengano ridotti a zero – verrebbe distribuito all’esterno dell’impresa, beneficiaria la collettività degli acquirenti? Del resto, questa più estesa – qualcuno direbbe più vaga, o perfino inconsistente – concezione del profitto non toglierebbe nulla alla centralità dell’impresa: suo continuerebbe a essere il merito del profitto realizzato e, in questo senso, suo anche il profitto. In altri termini, che esista un profitto non implica necessariamente che debba goderne solo l’impresa. Pertanto, profitto e dimensioni tradizionalmente intesi sono frutto di una valutazione convenzionale, cioè di una misurazione monetaria, mentre la valutazione di profitto e dimensioni sul piano sostanziale non può che essere frutto di un’intuizione.

  • 41 È noto come, fin dall’inizio (più o meno fin dalla fondazione, nel 1930, dell’Econometric Society a (...)

58A questo punto, per esaminare gli effetti del passaggio da un’economia monetaria a un’economia postmonetaria – un’economia senza moneta e senza prezzi –, è sufficiente sottoporre a una nuova lettura il grafico 4. L’unica avvertenza è quella di sostituire l’economia d’azienda con l’economia-mondo, di riconoscere nel Profitto, nelle Dimensioni e nell’Inefficienza, che il grafico individua come limiti delle performance di un dato organismo imprenditoriale, caratteristiche e limiti delle performance, nel senso più concreto e non monetario del termine, di tutta l’economia mondiale. Passaggio arbitrario, temerario? Non necessariamente: si tratta di passare da un singolo organismo, funzionante secondo una certa logica, alla somma di un numero indefinito di organismi, tutti funzionanti secondo la stessa logica. Attenzione! Non si vuole sottacere l’esistenza di certe barriere concettuali che si frappongono tra micro e macroeconomia: si vuole solo sottolineare che le n imprese esistenti sul pianeta verrebbero chiamate simultaneamente a operare secondo le nuove regole del gioco (e che non c’è motivo di pensare che subirebbero effetti diversi a seguito dell’abbandono delle regole vecchie, tutte identicamente ispirate dalla moneta e dalla necessità di utilizzarla come chiave di lettura degli stati patrimoniali e dei conti economici41).

59Si consideri l’economia monetaria, il sistema attuale, come quella espressa dal triangolo P1 D1 I1, e l’economia postmonetaria come quella espressa dal triangolo P2, D2, I2. Il secondo modello d’economia prevede, per definizione, limiti teorici più ampi. Un’economia senza moneta, infatti, è tecnicamente più vasta, potenzialmente più dinamica, alleggerita se non altro dal venir meno di occupazione apparente, disoccupazione apparente e motivazioni deviate.

60In sostanza, con il passaggio da un’economia della moneta a un’economia senza moneta accadrebbe qualcosa di molto simile a quanto accade a un’impresa in forza del passaggio da un piano operativo a un altro. Anche in questo caso, in particolare, sembra del tutto probabile che, a seguito del passaggio, aumenti il rapporto tra inefficienza effettiva (i2) e inefficienza potenziale (I2). Ciò che non impedirebbe, tuttavia, la formazione di risultati più soddisfacenti in termini di P e di D, corrispondenti a una migliore performance complessiva dell’economia. Come si giustificherebbe questa traduzione dei limiti teorici – solo teoricamente, ma sicuramente, superiori di un’economia senza moneta – in risultati pratici, effettivamente migliori? Nello stesso modo in cui si giustifica il fatto che il passaggio da un piano operativo all’altro genera vantaggi economicamente rilevanti per l’impresa. Il parallelo sembra giustificabile sotto diversi aspetti. In entrambi i casi – paragonare i quali, tra l’altro, equivale a sottolineare una certa intuibile artificiosità della distinzione tra fatto micro e fatto macroeconomico – accade che:

  1. si passi da un potenziale di data misura (P1, D1, I1) a un potenziale di misura maggiore (P2, D2, I2);

  2. il piano operativo comprenda, oltre alle ipotesi più favorevoli, anche quelle più sfavorevoli (rappresentate, nei due contesti, da I1 e I2, ovvero dall’eventualità che l’inefficienza raggiunga livelli incompatibili con la sopravvivenza di lungo periodo del sistema);

  3. il passaggio da un piano operativo all’altro possa produrre una performance migliore in termini di profitto e dimensioni pur in concomitanza con un peggioramento delle condizioni di efficienza (con un aumento del rapporto tra inefficienza effettiva e inefficienza potenziale).

  • 42 Sembra corretto riconoscere nella moneta la “forma di velocità” (la forma di efficienza) su cui via (...)
  • 43 Il fatto che il progresso equivalga – concettualmente ed esattamente – alla velocità del cambiament (...)

61Come si può escludere che il passaggio di cui si parla conduca a condizioni di tale inefficienza da produrre un peggioramento – il contrario del miglioramento sperato – della performance dell’economia? L’unica risposta a sfavore di tale eventualità è che – così come fa un’impresa – anche un sistema macroeconomico più complesso dovrebbe essere in grado di sfruttare il suo maggior potenziale per trarne vantaggio. Anche qui, come nel contesto di un organismo microeconomico, la formazione di un risultato più soddisfacente pagherebbe il prezzo di un’entropia più elevata, vale a dire di un caos e uno spreco corrispondenti, appunto, a un maggiore livello d’inefficienza. In termini più espliciti, il sistema diventerebbe più veloce e produttivo non perché più efficiente ma perché più evoluto42, non in forza di un utilizzo più intenso delle stesse risorse – e, in ultima analisi, della risorsa umana –, bensì per l’intervento di un cambiamento a cui non si saprebbe quale definizione dare se non quella di progresso43.

62La transizione da un’economia della moneta a un’economia senza moneta non sarebbe un evento qualunque. Come si potrebbe lenire il trauma?

63Sotto l’aspetto operativo, nel senso più lato del termine, non vi è ragione di pensare che un’economia postmonetaria funzioni diversamente – in modo intimamente diverso – da quella attuale. Cambierebbe il modo d’intendere e di costruire i rapporti fiduciari, dai più semplici ai più complessi, ma l’universo dei consumatori e dei produttori rimarrebbe lo stesso, caratterizzato dagli stessi comportamenti, dalle stesse capacità e possibilità tecniche (si tratterebbe pur sempre di produzione di merci a mezzo di merci, di imprese più o meno specializzate che importano ed esportano, di individui che sfruttano e mettono a disposizione le loro conoscenze, abilità e competenze in qualsiasi parte del mondo per produrre tutto ciò che è vendibile e consumabile ovunque).

  • 44 Inutile sottolineare i motivi che renderebbero del tutto preferibile una rivoluzione pacifica. In o (...)

64In prima battuta, parrebbe di poter osservare che il trauma44, in ogni sua componente e manifestazione, altro non sarebbe, in sintesi, che il previsto calo d’efficienza. In sostanza, potrebbe non rendersi necessario “attutire il colpo” visto che, alla luce di quanto esposto, sarebbe il sistema stesso ad assorbirlo senza per questo dover assistere al venir meno dei vantaggi menzionati. D’altra parte, bisogna ammetterlo, è la portata stessa del cambiamento a suggerire l’opportunità di spendere ulteriori considerazioni in merito alla sua sopportabilità e, nel contempo, anche alla concreta possibilità che il corredo dei suoi benefici si presenti più consistente di quello dei suoi costi.

6. La sostenibilità del passaggio da un’economia monetaria a un’economia postmonetaria

65Può non essere travolto dal disordine e dalla scarsa produttività un sistema funzionante sul principio della sostanziale gratuità, in termini monetari, di tutte le forme del valore aggiunto in circolazione?

66Va precisato, innanzitutto, che la risposta affermativa alla richiesta d’acquisto sarebbe d’obbligo, consueta, nel caso di tutti i beni a basso e bassissimo valore aggiunto, oltre che nel caso di beni “normali” (compresi, per esempio, un qualunque elettrodomestico, un’automobile o una casa decorosa). Nel caso di beni particolari e, almeno a oggi, relativamente ambiti – preziosi, opere d’arte, manifatture di pregio, speciali prodotti della meccanica o dell’elettronica, un certo tipo di vestiario o di generi alimentari e così via –, potrebbe funzionare la regola della disponibilità del bene “fino a esaurimento” o anche, perché no, della facoltà di diniego da parte del produttore o venditore. La discrezionalità di chi vende diventerebbe totale nel caso di beni ad alto e altissimo valore aggiunto, e ciò senza violare il principio della gratuità monetaria, e senza cambiamenti rivoluzionari rispetto alle attuali regole di funzionamento del sistema: chi potrebbe comprare un treno o un transatlantico se non un’impresa di trasporti qualificata per l’acquisto? Anche un bene particolarmente complesso come un’azienda potrebbe essere negoziato solo da chi si presentasse abilitato a farlo.

67È lecito temere che un’economia postmonetaria sia portata, per sua natura, a far emergere un numero insostenibile di “profittatori” nullafacenti e a provocare, con questo, un crollo della produzione globale? Si può rispondere che, a parte le persone a cui nega un’occupazione stabile e remunerata, anche l’economia di oggi sopporta una quantità considerevole di individui che allignano nel sistema più che contribuire fattivamente al suo funzionamento e al suo sviluppo. È previsto, del resto, come si è già sottolineato, che un’economia senza moneta diventi ancora meno efficiente della nostra. E se, d’altra parte, si volge lo sguardo al passato più o meno remoto, si è tenuti a osservare come crescita e cambiamento, nel mondo, siano stati assicurati anche in epoche in cui la moneta non ha avuto un ruolo paragonabile a quello che siamo abituati ad attribuirle: vien da pensare che il lavoro, per gli uomini, sia sempre stato una specie di passatempo obbligato, quasi una consolazione.

  • 45 Una “regola” sulla base della quale ogni offerta dovrebbe creare i presupposti per la propria doman (...)

68Un’economia postmonetaria renderebbe più attendibili le ottimistiche previsioni della legge di Say, smentite di fatto ogni qual volta a un accumulo di moneta da parte di qualcuno non corrisponde un investimento o un consumo eccedente il proprio reddito da parte di qualcun altro45. Un’economia senza moneta riconcilierebbe molti aspetti del pensiero di Marx e di Keynes, entrambi sensibili alla sorte di esclusi, emarginati e diseredati. Del capitalismo potrebbe salvarsi la parte più sostanziale, quella fisica, del capitale. Di quest’ultimo verrebbe meno la componente della moneta, considerata da Marx stesso come mero “momento di transito” prima della sua conversione in merce, vale a dire prima della trasformazione impostale dal processo di accumulazione capitalistica.

  • 46 Marx 2006: vol. I, sez. i, cap. II.
  • 47 Si sa che i punti di contatto tra il pensiero di Marx e quello di Keynes sono più numerosi di quant (...)

69Marx, è noto, apprezzò esplicitamente il capitalismo come fattore di cambiamento e di modernizzazione dei rapporti sociali. Ma altrettanto noto è che lo considerasse un sistema responsabile di gravi ingiustizie e che ne auspicasse il superamento (e ne predicesse il fallimento) in vista della nascita e dello sviluppo di una società senza classi. Marx riconobbe nel denaro un oggetto diabolico, una materia riconducibile alla Bestia dell’Apocalisse46, ma poi non approfondì l’argomento, e si concentrò su altri aspetti del capitale e del capitalismo. Anche Keynes (1931) denunciò la passione per il denaro in sé come un sentimento morboso, qualcosa di simile a una malattia, ma poi vide nella moneta – proprio nella moneta e nelle proprie ricette di politica monetaria – lo strumento per risolvere, in un arco di tempo relativamente contenuto, il problema economico mondiale. E a questo proposito, come sappiamo, si illuse47.

  • 48 Il capitale è investimento, normalmente distinto dal consumo. La distinzione è, in certa misura, ar (...)
  • 49 Si consideri al riguardo la distinzione tra produzioni tecnicamente individuali e produzioni tecnic (...)

70Il capitale, si è detto, è reddito accantonato e utilizzabile nel lungo periodo48. Come tale è parte della realtà che ci circonda: la parte più elaborata, per certi aspetti la meno naturale, della realtà, quella destinata a rendere più affrontabili i problemi della vita pratica. Vero è che il capitale ha bisogno di un proprietario, di chi lo amministri, ne abbia cura nel senso più lato del termine. E nel momento in cui si prende atto dei limiti dell’efficacia della proprietà pubblica49, entra in gioco il ruolo del “capitalista”, del proprietario privato, vale a dire di un lavoratore – ciò che Marx si è rifiutato di riconoscere – più capace e desideroso di altri di occuparsi di beni complessi a vantaggio proprio e, indirettamente, anche della collettività. Si consideri, del resto, che il diritto di proprietà (come il profitto e la remunerabilità o meno di certe funzioni) non è tanto frutto di un’idea dell’origine del valore economico quanto di un’idea sulle motivazioni a produrlo.

  • 50 «Ora, bisogna notare che, per la tesi di Marx contro il capitalismo, sarebbe utile che in effetto i (...)

71Ora, è lecito sperare che un’economia postmonetaria riesca ad addolcire il volto più brutale e parassitario50 del capitalismo? La risposta richiede un minimo di riflessione sulla figura dell’imprenditore nonché sul suo possibile grado di identificazione con quella del capitalista.

7. A proposito di un capitalismo postmonetario

  • 51 «Poiché quella dell’imprenditore non è una professione e di regola neppure una condizione durevole, (...)
  • 52 «Teniamo [dunque] fermo che una qualsiasi persona è, in linea di principio, un imprenditore solo qu (...)

72Da fine analista del fenomeno dell’innovazione, Schumpeter intende l’introduzione di nuovi tipi di beni per il consumatore come: 1) l’apertura di nuovi mercati; 2) la sperimentazione di nuovi metodi di produzione e di nuovi modelli di organizzazione dell’impresa; 3) il reperimento di nuove fonti di materie prime. Per Schumpeter, l’attività economica nel suo complesso è scindibile in due grandi comparti: a) l’amministrazione di una determinata struttura (ciò che assorbe la maggior parte delle energie nell’alimentazione del cosiddetto flusso circolare); b) la creazione di nuove strutture (al cuore del processo dello sviluppo economico). L’innovatore per eccellenza è appunto l’imprenditore, che non va confuso con il capitalista51. È chiaro come l’imprenditore possa trovarsi favorito dall’eventualità di riuscire a sostenere le sue iniziative con capitale proprio, ma ciò non è assolutamente necessario per lo svolgimento della sua funzione essenziale52.

  • 53 «Innanzitutto, il ruolo creativo della classe degli uomini d’affari è per definizione un ruolo rivo (...)

73Ciò che distingue l’imprenditore è l’ora esserlo. Non a caso, infatti, il modello ideale di imprenditore schumpeteriano è quello di uno squattrinato la cui prima preoccupazione sarà quella di convincere un banchiere a finanziare i suoi progetti. È in virtù dell’intervento dell’imprenditore-innovatore che lo sviluppo può accedere alla sua forma moderna e alla sua nuova funzione di «distruzione creatrice»53.

74Ciò premesso, ha senso ritenere che un’economia postmonetaria sia destinata a privilegiare la formazione e l’affermazione di una categoria di imprenditori-innovatori rispetto a un’altra di capitalisti-sfruttatori? La risposta potrebbe essere positiva per almeno tre motivi.

75L’imprenditore operante in un’economia senza moneta non farebbe (come ovvio) ricorso alle banche, specializzate teoricamente a finanziare chi lo merita ma abituate, praticamente, a prestare denaro a chi ne ha già o a chi dispone di garanzie reali traducibili in denaro. E si troverebbe costretto a guadagnarsi le collaborazioni occorrenti per la realizzazione del suo progetto con la forza e l’evidenza dei propri argomenti. In sostanza, la classica analisi dell’affidabilità svolta dalle banche – il monolitico punto di vista dell’intermediario finanziario – verrebbe sostituita da una pluralità di opinioni e valutazioni di carattere per lo più professionale. Il risultato sarebbe una sorta di democratizzazione del processo per ottenere la disponibilità delle risorse necessarie, non più finanziarie bensì umane.

  • 54 Il sistema attuale, a tutto vantaggio dell’imprenditore e degli azionisti, favorisce la concentrazi (...)

76In secondo luogo, e in stretta relazione con quanto anzidetto, una visione più caleidoscopica del processo potrebbe essere meno orientata a promuovere iniziative volte a produrre solo profitto in moneta a vantaggio del titolare dell’iniziativa stessa54 e più portate a favorire progetti con ricadute interessanti per il bene comune, o comunque per il benessere di un più elevato numero di soggetti.

77In terzo luogo, un imprenditore, per così dire, poco illuminato – o anche solo inadatto a creare sufficienti benefici per l’ambiente di lavoro, all’interno dell’azienda, o per l’esterno, per l’ambiente in generale – verrebbe ben presto abbandonato, superato: preferirne un altro “migliore” sotto tanti possibili profili sarebbe relativamente facile in assenza del vincolo finanziario.

  • 55 Sembra di poter osservare che Marx abbia sottovalutato i potenziali vantaggi di un certo tipo di di (...)

78Queste considerazioni rafforzano l’idea che una proprietà vasta e di tipo parassitario potrebbe diventare un peso per il proprietario stesso – non più fonte di potere, vantaggi e privilegi, bensì causa di disagio e riprovazione sociale –, con tutte le implicite, inevitabili, sollecitazioni a vendere, a liberarsene a fronte di qualche generica o specifica contropartita (anche la circostanza di non doversi più occupare di una faccenda di cui non si è in grado o non si ha voglia di occuparsi in modo adeguato potrebbe essere percepito come un “incasso congruo”). Varrebbe l’opposto per una proprietà la cui buona amministrazione producesse effetti apprezzabili sul piano sociale, e quindi anche sul piano individuale (per il proprietario). In altri termini, agli oneri della funzione imprenditoriale si abbinerebbero gli onori cui un imprenditore è tendenzialmente interessato. E ciò in una libera espressione delle attitudini e propensioni personali, vale a dire con una maggiore probabilità, rispetto a oggi, che si formi un mercato vero. Di una naturale diversità degli esseri umani il mondo si è sempre avvantaggiato troppo, pur avendone anche sofferto. Perché non cercare di massimizzare i ricavi e minimizzare i costi della situazione? Un po’ di più a chi ha di meno, un po’ di meno a chi ha di più. E poi non credo che tutti, indistintamente, desidererebbero essere proprietari di Google o di Fca, anche a fronte degli evidenti vantaggi (e di qualche meno evidente svantaggio) che ciò comporterebbe55.

  • 56 È la domanda che, testualmente, si pone Sweezy (1970: 71) dopo aver preso rapidamente in esame, app (...)

79Analizziamo per un momento il concetto di plusvalore. Il capitalista utilizza moneta per comprare sul mercato macchine, materie prime, forza lavoro. Poi mescola questi fattori produttivi in un processo il cui esito è un dato volume di merci che, a loro volta, vengono messe sul mercato. Marx parte dal presupposto che il capitalista acquisti i fattori produttivi ai rispettivi valori di equilibrio, e venda ciò che ha prodotto al suo valore di equilibrio. Ma egli, a processo concluso, possiede più moneta di quanta ne avesse all’inizio. Come è possibile?56. La risposta di Marx, lo sappiamo, è che l’unica fonte possibile del plusvalore è la forza lavoro. Che è solo degli operai, dice lui. Che è degli operai e dell’imprenditore, dico io, secondo quote che è difficile – praticamente impossibile – valutare con precisione. Da qui la proposta di lasciare il plusvalore in libera circolazione, senza una sua “improponibile” ripartizione in moneta.

  • 57 Circostanza che si è anche tradotta, vien da aggiungere, in una sorta di amplificazione dell’ipocri (...)

80In un’economia postmonetaria, politici ed economisti verrebbero distolti dalla sterile consuetudine di riconoscere nella moneta il problema o la soluzione del problema. Non a caso tutte le politiche fiscali si risolvono nel tentativo di strumentalizzare la moneta per la correzione di errori o difetti dei quali, nella distribuzione della moneta, è responsabile il sistema stesso della moneta. Di norma, anche la soluzione o l’attenuazione del problema della disoccupazione implica piani che prevedono grandi stanziamenti di moneta: ma non è, questo, l’esatto contrario della logica inoppugnabile per cui è il lavoro – il risultato del lavoro – a giustificare la circolazione e l’accumulo di moneta? D’altra parte, non c’è economista che non sia costretto a ragionare in modo tale da trovare in una diversa, più avveduta, distribuzione della moneta la soluzione di un problema generato dalla stessa economia della moneta. Circostanza che si è tradotta nell’appiattimento della disciplina economica in una sorta di scienza della moneta e della sua amministrazione57.

81Senza le consuete, interminabili discussioni sulle risorse monetarie, immancabilmente insufficienti, la politica si troverebbe inchiodata ai fatti, costretta a concentrare l’attenzione sulla loro analisi, sugli obiettivi concreti da perseguire e sul reperimento delle risorse umane occorrenti per perseguirli.

  • 58 L’adozione di un unico linguaggio rappresentato dall’adozione di una sola valuta dovrebbe favorire (...)

82Neanche le difficoltà della transizione dal vecchio al nuovo sistema dovrebbero essere sopravvalutate. Il passaggio vero e proprio – momento, in effetti, di per sé delicato – dovrebbe essere preceduto da un periodo più o meno esteso di utilizzo di un’unica moneta a livello mondiale58. Durante questo periodo di acclimatamento, l’esperienza e l’intelligenza giuridica di cui il mondo dispone avrebbero tutto il tempo per mettere a fuoco una nuova tipologia di contratti non fondati sulla corresponsione di una contropartita in moneta.

  • 59 Una società postmonetaria darebbe più spazio alla pratica del concetto di mercato e alla naturale m (...)

83A un’economia postmonetaria sarebbe sbagliato chiedere qualcosa di simile alla felicità, obiettivo individuale e collettivo che solo una certa dose d’ingenuità potrebbe far intendere come frutto di un certo sistema economico. Semmai, più ragionevolmente, si potrebbe chiederle di essere un po’ più giusta, che gli uomini possano soffrire in pace, che riescano a godere di un benessere materiale più diffuso in forza dell’eliminazione delle punte inaccettabili d’indigenza così come, all’estremo opposto, di quelle di una ricchezza che va oltre le aspirazioni e i desideri di chi ne è beneficiato59.

  • 60 «Non so poi perché dovrei scriverle, a Lei gentile signor Presidente degli Stati Uniti, le norme pe (...)

84Resta infine da considerare – per quanto ciò possa valere in un ambito etico-estetico non troppo coltivato dalla contemporaneità – che un’umanità tutta affaccendata nella contabilità appare anche un po’ ridicola, dedita a un gioco che la distoglie dalle sue vere priorità60.

8. Sintesi

85Occupazione apparente, disoccupazione apparente e motivazioni deviate sono i costi che la moneta – la manutenzione e il funzionamento del suo sistema – impone, inevitabilmente, a un’economia fondata sulla sua circolazione. A ciò si aggiunge un inconveniente di ordine generale legato al fatto che la matematica dei numeri può solo “rivestire” l’economia, non penetrarla o rispettarne l’essenza (l’operazione che l’aritmetica della moneta compie nei confronti dell’economia è a posteriori). Questi oneri – ingenti e mai presi in debita considerazione – suggeriscono di esaminare con attenzione l’ipotesi dell’opportunità di dar vita a un’economia postmonetaria. Può un’economia senza moneta dar luogo a risultati oggettivamente preferibili rispetto a quelli di un’economia monetaria? Una risposta affermativa viene fornita da un’analisi di tipo microeconomico che si presta a una serie di deduzioni di tipo macro.

86La pulsione verso l’aumento del profitto e la crescita delle dimensioni (in termini fisici e monetari) di una qualunque azienda non è dissimile da quella che porta allo sviluppo del sistema economico mondiale. Incrementi del profitto e delle dimensioni – tipici obiettivi imprenditoriali – possono essere ottenuti attraverso un miglioramento dell’efficienza. Va notato tuttavia che una maggiore efficienza – da intendersi, essenzialmente, come un’intensificazione dell’utilizzo della risorsa umana – è di per sé “faticosa”. E che funzionali allo scopo di incrementare profitto e dimensioni sono anche un cambiamento e un ampliamento del piano operativo aziendale conseguenti a nuovi investimenti (nuove idee, più moderne soluzioni organizzative, tecnologie più avanzate, tutti accadimenti cui si può dare nel loro complesso, legittimamente e storicamente, il nome di progresso). È il progresso che crea i presupposti per più elevati limiti teorici degli obiettivi del profitto e dello sviluppo dimensionale. Ed è quest’ultimo che consente di ottenere, in concreto, un aumento del profitto e delle dimensioni di un organismo imprenditoriale senza ricorrere ad aumenti dell’efficienza umana con gli oneri psichici e fisici che ne conseguono. Anzi, è lecito ritenere che l’efficienza operativa tenda a diminuire proprio perché la si può ridurre senza che risulti compromesso l’ottenimento di performance più ambiziose. Questo processo per cui esiti economicamente preferibili sono il frutto di un maggior spreco di risorse (non umane) e di un minore sfruttamento della variabile umana può definirsi entropia (la forma economica dell’entropia).

  • 61 Ciò nel senso chiarito dalla nota 41.

87Ora, si può osservare come un’economia postmonetaria presenti limiti teorici delle sue performance di livello superiore a quelli di un’economia monetaria proprio come accade che a un cambiamento (un ampliamento) del piano operativo aziendale corrisponda un aumento delle potenzialità dell’impresa. E ciò per la ragione che non esistono differenze concettuali tra il funzionamento di una singola impresa e quello di un sistema costituito dalla somma di un numero indeterminato di esse61.

  • 62 Cfr. Severino 1998.

88Se in economia è il progresso a rendere plausibile tutto il pensabile (purché lo si consideri solo possibile), un’economia postmonetaria è pensabile, e possibile, come forma interessante di progresso. E se il progresso, come sembra – inclusi i frutti della tecnica –, ha a che vedere con la necessità di una direzione della storia62 più che di un miglioramento della condizione spirituale dell’uomo, è più sensato parlare di un’economia contro l’ingiustizia del malessere economico che di un’economia della felicità.

Torna su

Bibliografia

Baumol, W.J.
– 1959, Business, Behaviour, Value and Growth, New York, Macmillan

Bellow, S.
– 1980, Herzog, Milano, Feltrinelli; ed. or. Herzog, New York, The Viking Press, Inc., 1964

Boffito, C.
– 1979, Efficienza e rapporti sociali di produzione, Torino, Einaudi

Bruni, L.
– 2005, Felicità, economia e beni relazionali, “Nuova Umanità”, XXVII, 3-4

Cioran, E.M.
– 1990, Lacrime e santi, Milano, Adelphi; ed. or. Des larmes et des saints, Paris, Editions de l’Herne, 1986

Dacrema, P. e de Sury, P.
– 1986, Elementi per la definizione di un modello di comportamento imprenditoriale, in AA. VV., Profitto e dimensioni nelle banche italiane, Torino, Banco di Santo Spirito-Utet

Dacrema, P.
– 2003, La morte del denaro, Milano, Christian Marinotti
– 2006, Il denaro come limite dell’economia e incidente della storia, “Rivista di Estetica”, 2
– 2007, La dittatura del Pil, Venezia, Marsilio

Ferraris, M.
– 2003, Oggetti sociali, “Sistemi intelligenti”, 3, dicembre

Garegnani, P.
– 1966, Switching of Tecniques, “Quarterly Journal of Economics”, November
– 1979, Valore e domanda effettiva, Torino, Einaudi
– 1981, Marx e gli economisti classici, Torino, Einaudi

Girard, R.
– 1978, Des choses cachèes depuis la foundation du monde, Paris, Grasset & Fasquelle

Hegel, G.W.F.
– 2000, Fenomenologia dello spirito. Prefazione, Milano, Bompiani; ed. or. Phaenomonologie des Geistes. Vorrede, Bamberg und Würzburg, Joseph Anton Goebhardt, 1807

Keynes, J.M.
– 1931, Economic Possibilities for our Grandchildren, in J.M. Keynes, Essays in Persuasion, London, Macmillan & Co.
– 1936, The General Theory of Imployment, Interest and Money, London, Macmillan & Co.
– 1975, Esortazioni e profezie, Milano, il Saggiatore; ed. originale Essays in Persuasion, London, Macmillan, 1931

Kojeve, A.
– 2004, Il silenzio della tirannide, Milano, Adelphi; ed. originale Tyrannie et sagesse, in L. Strauss, De La Tyrannie, Paris, Gallimard, 1954

Machlup, F.
– 1967, Theories of the firm: Marginalist, behavioural, managerial, “American Economic Rewiew”, March

Marx, K.
– 2006, Il capitale, Roma, Editori Riuniti, Vol. I; ed. originale Das Kapital, Hamburg, Otto Meissner, 1867
– 1905 – 1910, Theorien über den Mehrwert, (a cura di K. Kautsky), Stuttgart, Dietz, Vol. II

Mattick, P.
– 1971, Marx and Keynes. The Limits of the Mixed Economy, London, The Merlin Press

Minsky, H.Y.
– 1983, Potrebbe ripetersi? Instabilità e finanza dopo la crisi del ’29, Torino, Einaudi; ed. originale Can It Happen Again? Essays on Instability and Finance, New York, M.E. Sharpe Inc., 1982

Napoleoni, C.
– 1970, Introduzione su alcuni problemi del marxismo, in Sweezy e altri (a cura di C. Napoleoni), La teoria dello sviluppo capitalistico, Torino, Boringhieri
– 2013, Lotta alle rendite. Teorie e proposte di politica economica, (a cura di M. Messori), Lanciano, Carabba

Pareto, V.
– 1970, L’economia marxista, in Sweezy e altri, (a cura di C. Napoleoni), La teoria dello sviluppo capitalistico, Torino, Einaudi; prima edizione L’economia marxista, in V. Pareto, I sistemi socialisti (trad. Celestino Arena), Torino, Utet, 1951

Pasinetti, L.L.
– 1966, Paradoxes in capital theory: A symposium: Changes in the rate of profit and switches of tecniques, “The quarterly Journal of Economics”, November

Petrosino, S.
– 2012, Soggettività e denaro. Logica di un inganno, Milano, Jaca Book

Rajan, R.G. e Zingales, L.
– 2004, Salvare il capitalismo dai capitalisti, Torino, Einaudi; ed. or. Saving Capitalism from the Capitalists, New York, Random House Business Books, 2003

Rigney, D.
– 2011, Sempre più ricchi sempre più poveri, Milano, ETAS; ed. or. The Matthew Effect. How advantage Begets Further Advantage, New York, Columbia University Press, 2010

Roncaglia, A.
– 1975, Sraffa e la teoria dei prezzi, Bari, Laterza

Schopenhauer, A.
– 2002, Il mondo come volontà e rappresentazione, Bari, Laterza; ed. or. Die Welt als Wille und Vorstellung, Leipzig, Brockhaus, 1819

Schumpeter, J.A.
– 1963, Il Manifesto Comunista in sociologia e in economia, “L’industria”, fascic. 2; ed. or. The Communist Manifesto in Sociology and Economics, “Journal of Political Economy”, June 1949
– 1971, Teoria dello sviluppo economico, Firenze, Sansoni; ed. or. Theorie der Wirtschaftlichen Entwicklung: Eine Untersuchung über Unternehmergewinn, Kapital, Kredit und den Konjunkturzyklus, München und Leipzig, Duncker & Humblot, 1912

Searle, J.R.
– 1985, Della intenzionalità. Un saggio di filosofia della conoscenza, Milano, Bompiani; ed. or. Intentionality: An Essay in the Philosophy of Mind, Cambridge, Cambridge University Press, 1983

Severino, E
– 1998, Il destino della tecnica, Milano, Rizzoli

Sgalambro, M.
– 1994, Dell’indifferenza in materia di società, Milano, Adelphi

Simmel, G.
– 1984, Filosofia del denaro, Torino, Utet; ed. or. Die Philosophie des Geldes, Leipzig, Dunker & Humboldt, 1900

Skidelsky, R.
– 1998, Keynes, Bologna, il Mulino; ed originale Keynes, Oxford, Oxford University Press, 1996

Sraffa, P.
– 1925, Sulle relazioni fra costo e quantità prodotta, “Annali di economia”, 2: 277-328
– 1926, The laws of returns under competitive conditions, “The Economic Journal”, 36, December

Sweezy, P.M.
– 1970, La teoria dello sviluppo capitalistico, in Sweezy e altri (a cura di C. Napoleoni), La teoria dello sviluppo capitalistico. Discussione del pensiero economico marxiano, Torino, Boringhieri; ed. or. The Theory of Capitalist Development, New York, Monthly Review Press, 1942

Turri, M.G.
– 2009, La distinzione tra moneta e denaro, Roma, Carocci

Veblen, T.
– 1949, La teoria della classe agiata, Torino, Einaudi; ed. or. The Theory of the Leisure Class, New York, Macmillan, 1899

Wittgenstein, L.
– 1964, Tractatus logico-philosophicus e Quaderni 1914-1916, Torino, Einaudi; ed. originale Logisch-Philosophisce Abhandlung, “Annalen der Naturphilosophie”, 14, 1921; Notebooks 1914-1916, Oxford, Blackwell, 1961

Torna su

Note

1 Su questo tema si veda Dacrema 2006.

2 Nella definizione di questo tipo d’economia è implicita la circostanza che essa possa offrire i risultati sperati solo dopo la sperimentazione di un’economia monetaria e alla luce dei limiti dei suoi risultati.

3 Con questo, ben inteso, non si vuole escludere l’eventualità del ricorso, nel nuovo sistema, a qualcosa di occasionalmente simile al baratto. Come si chiarirà meglio in seguito, si vuole tuttavia precisare che non è affatto il baratto la tecnica di scambio a cui si affida il funzionamento di un’economia postmonetaria.

4 La povertà ha molte facce e, tra le tante, una assoluta e una relativa: è povero in Italia chi non può permettersi l’acquisto di un televisore, lo è in Africa chi non riesce neppure a sfamarsi. La “povertà estrema” cui mi riferisco comprende il suo significato sia relativo che assoluto. Su questi temi si veda Rigney 2011.

5 Si veda in materia Dacrema 2006.

6 «I socialisti avevano la risposta sbagliata alla domanda giusta. La risposta giusta non è concentrare ulteriormente il potere economico, ma distribuirlo in modo più ampio». Rajan e Zingales 2003: 51. Da notare è che la crescita incontrollata di talune aziende private crea spesso un’eccessiva concentrazione di potere economico, il che tende a legittimare le preoccupazioni dei socialisti.

7 L’economia postmonetaria qui ipotizzata non ha a che vedere con alcuna nozione di decrescita: si candida, al contrario, come economia del cambiamento, del progresso e dell’abbondanza.

8 Si veda, al riguardo, Searle 1985 e Ferraris 2003.

9 Sui limiti del linguaggio dei numeri si veda anche Dacrema 2007.

10 Già Hegel parlava di un “calore” della verità che non potrà mai promanare dalla matematica, avente come principio il rapporto aconcettuale della grandezza e come materia «den toten Raum» e «das tote Eins», «il morto spazio» e «il morto uno». Hegel 2000: 106.

11 «Quel che tutti i viventi occupa e tiene in moto è la fatica per l’esistenza. Ma dell’esistenza, una volta che sia loro assicurata, non sanno che cosa fare: perciò il secondo impulso, che li fa muovere, è lo sforzo di alleggerirsi dal peso dell’essere, di renderlo insensibile, di ‘ammazzare il tempo’, ossia di sfuggire alla noia». Schopenhauer 2002: 343.

12 «I romani non sono scomparsi dalla faccia della terra in seguito alle invasioni dei barbari né a causa del virus cristiano, un virus ben più sottile fu loro fatale. Una volta privati dell’azione si trovarono costretti ad affrontare la vacuità del tempo, maledizione sopportabile per un pensatore, tortura incomparabile per una collettività». Cioran 1990: 68.

13 Turri 2009: 29.

14 Si allude alla progressiva trasformazione del denaro da mezzo in fine, e a tutte le deprecabili conseguenze del fenomeno. Certo è difficile separare ciò che è per sua natura sociale, come la disciplina economica, dalle sue implicazioni morali. Ma alludo al fatto che insisterò sulla preferibilità in termini di convenienza economica di un’economia postmonetaria (tenendo ben presente la distinzione tra ciò che è conveniente ma riprovevole e ciò che è commendevole oltre che conveniente).

15 «Vogliamo codificare un piano…» [in modo che] «la riconduzione della vita economica nell’ambito delle cause della cultura spirituale venga comunque assicurata nel suo valore esplicativo, ma nello stesso tempo quelle stesse forme economiche vengano riconosciute come risultato dell’operare di valutazioni e di correnti più profonde i cui presupposti sono psicologici e, anzi, metafisici». Simmel 1984: 88.

16 Su questo tema si veda diffusamente Dacrema 2003.

17 Del tutto a ragione si può sostenere che la moneta, come oggetto sociale, ha un suo proprio profilo, e anche molto importante, di fruibilità (con l’aggiunta di una percezione diffusissima, praticamente universale, della sua utilità). Ma ciò che sto mettendo in discussione in questa sede è, appunto, la convenienza del “processo” di produzione di questa speciale fruibilità: la produzione di qualsiasi cosa – fatto economico, evento, bene, servizio, oggetto, sociale o non sociale – può, e deve, essere assoggettabile a un’analisi costi-benefici.

18 L’esercizio della contabilità come occupazione professionale, che riguarda un certo numero di persone, si interseca con quello di un’attività occasionale ma piuttosto sistematica, quotidiana, che riguarda un numero ben più elevato di persone. «Il denaro induce di per sé la necessità di continue operazioni matematiche nella vita quotidiana. La vita di molti uomini viene riempita da tale attività di definizione, di ponderazione, di calcolo, di riduzione dei valori qualitativi a valori quantitativi». Simmel 1984: 628.

19 Proprio in questo senso Marx, nel primo libro del Capitale (I Sezione, Capitolo secondo) ebbe modo di parlare del denaro come «merce esclusa».

20 Quello della disoccupazione “involontaria” (e della significatività della sua differenza dalla disoccupazione volontaria) è un tema abbastanza controverso: si veda Skidelsky 1998. In ogni caso, dal punto di vista di chi scrive, pesa la sostanziale diversità della figura di chi è alla ricerca di un’occupazione e non la trova da quella di chi non ha un’occupazione e, soddisfatto della propria condizione, non la cerca.

21 A proposito dei sussidi di disoccupazione come strumento per lenire i disagi prodotti dal fenomeno, non si può fare a meno di osservare come il rimedio abbia in sé qualcosa di irrazionale: si destina una parte della ricchezza prodotta dalla collettività a sostegno di coloro che non hanno potuto contribuire al suo aumento per rendere accettabile la continuazione di questo stato di inerzia.

22 Sul tema si veda, in particolare, Bruni 2005.

23 Approfondimenti specifici dello strumento della moneta come fattore strutturale di crisi del sistema capitalistico si sono poi tradotti nella teorizzazione della “trappola della liquidità” keynesiana e nell’ampio lavoro di Minsky sul tema delle crisi finanziarie. Si veda, in particolare, Minsky 1982.

24 Sull’argomento si veda Sweezy 1970.

25 Sempre in merito alle critiche di Marx alla legge di Say, si veda Marx 1905-1910, vol. II: 272-291.

26 Come noto, nell’impostazione classica è la quantità di lavoro a definire il valore del prodotto, mentre nell’impostazione neoclassica (marginalista) il valore del prodotto è la risultante del livello di soddisfazione del consumatore. Su ciò che più profondamente distingue gli autori marginalisti da Marx e dagli economisti classici, si veda Garegnani 1981. Il marginalismo, fondato sul presupposto della razionalità del comportamento degli operatori, è una corrente di pensiero sviluppatasi tra il 1870 e il 1890. Suoi principali esponenti furono William Jevons, Carl Menger, Leon Walras e Alfred Marshall. L’imprenditore del marginalismo persegue la massimizzazione del profitto (così come il consumatore quella della sua soddisfazione). Ci si può domandare: è razionale il comportamento di questo tipo d’imprenditore? Sembra lecito supporre di sì, benché entri in gioco anche una non secondaria componente istintuale. Sul peso di certi automatismi nel modo di operare dell’impresa marginalista si leggano le considerazioni di un marginalista irriducibile come Machlup (1967).

27 Le conseguenze del fenomeno della separazione tra proprietà e controllo dell’impresa sono state studiate, tra i primi, da Baumol, Williamson e Marris i quali, pur nella diversità delle loro teorie, si sono trovati d’accordo nel trattare l’ottenimento di un livello minimo di profitto (da parte dei manager) non come obiettivo ma come vincolo. Sulle teorie manageriali dell’impresa si veda, in particolare, Baumol 1959.

28 Del marginalismo si salva qualcosa d’importante come il desiderio inesauribile di avere di più, la pulsione verso il massimo che porta a pensare a un marginalismo più “psicologico” che tecnico, fondato sul modo di ragionare dell’imprenditore più che sull’osservazione oggettiva dell’andamento di variabili tecnico-monetarie. In sostanza, può definirsi marginalismo psicologico il modo in cui la volontà dell’unità economica seleziona le situazioni economiche. Cfr. Dacrema e de Sury 1986.

29 Nell’intenzione che gli è propria di mostrare l’attitudine dei micro e dei macrosistemi economici a generare equilibri tendenzialmente perfetti, il marginalismo ha subito, nel corso del tempo, critiche di varia natura. Già Veblen (1899) espresse con vivacità e chiarezza il suo dissenso dalla corrente di pensiero allora dominante. Contestò aspramente l’idea che gli uomini d’affari fossero massimizzatori razionali d’utilità così come quella che i consumatori fossero orientati a soddisfare bisogni materiali: gli sembravano, piuttosto, i primi nulla più che predatori avvezzi alla manipolazione dei prezzi, i secondi individui ansiosi di sperimentare forme di superiorità rispetto ai propri simili. Anche Sraffa, con due articoli apparsi nel 1925 e nel 1926, si espresse piuttosto duramente contro il marginalismo marshalliano: ne sottolineò rigidità d’impostazione e veri e propri errori tra i quali, in particolare, quello di stabilire un rapporto funzionale tra costo unitario e quantità di produzione: si veda Roncaglia 1975. Per una critica serrata del marginalismo si legga anche Garegnani 1979. Resta il fatto che, per quanto affetto da un eccesso di schematismo, il marginalismo conserva il pregio di riuscire a inserire il fenomeno dell’impresa in un quadro credibile di variabili (costi e ricavi, medi e marginali) e di decisioni ispirate dalla volontà massimizzante (a prescindere dal massimando) dell’imprenditore.

30 Sul problema dell’efficienza e sulla centralità del concetto di razionalità economica nella teoria marginalista si veda Boffito 1979.

31 Si potrebbe obiettare che, cambiando azienda, cambino curve e relativi punti di massimizzazione. In realtà, l’esempio – prima, seconda, terza azienda e così via – vuole sottolineare il fatto che la stessa azienda (un’azienda, sempre strutturalmente la stessa, che si presenta in versioni diverse solo per il diverso grado di efficienza) può avere diversi punti di massimizzazione in relazione al diverso grado di efficienza espresso.

32 Dovrebbero essere chiari, ora, i motivi per cui si tratta di condizioni squisitamente teoriche: per quanto ridotto e ulteriormente riducibile, un certo tasso d’inefficienza sarà comunque destinato a “rubare” qualcosa da qualsiasi combinazione profitto-dimensioni ottimale.

33 Si tratta chiaramente di una semplificazione. Non si vuole certo sottovalutare tutta la possibile problematicità, sul piano sia finanziario che organizzativo, della parte della vita dell’impresa (fase 1) in cui profitto e dimensioni possono crescere simultaneamente e in modo relativamente naturale. Si vuole solo sottolineare la criticità e la maggiore opinabilità delle decisioni cui è chiamata un’impresa già affermata che è orientata a continuare a crescere (fase 2).

34 «Se faccio un gesto agisco. Ma: io non posso volere tutto». Wittgenstein 1964: 191.

35 Il presupposto, per sua natura piuttosto difendibile, è l’inevitabilità, per l’impresa, di un certo tasso d’inefficienza (l’esistenza di una certa distanza dal punto, ideale, in cui l’Inefficienza è pari a zero). E ciò a prescindere dalla tecnica produttiva (combinazione capitale-lavoro) utilizzata, che nel breve periodo potrebbe ragionevolmente essere considerata un vincolo. Il profitto, quindi, potrebbe oscillare in virtù delle variazioni del costo del capitale e del fenomeno del “ritorno delle tecniche”, circostanza fatta emergere da Sraffa in Produzione di merci a mezzo di merci come conseguenza dell’insussistenza di una relazione monotonica inversa tra l’intensità capitalistica delle tecniche produttive adottate e il saggio di profitto: sulla questione si veda Pasinetti 1966, e Garegnani 1966. Ma anche se si verificasse che una certa tecnica cessasse di essere la più conveniente a seguito di un aumento del tasso di remunerazione del capitale e ritornasse a esserlo in forza di un ulteriore aumento di quest’ultimo, ciò non influirebbe sul dato più rilevante del quadro, vale a dire il fatto che l’impresa debba comunque sopportare un certo livello d’inefficienza (e che la progressiva riduzione dell’inefficienza si presenti come una strada irta di ostacoli).

36 È evidente come si tratti di un modo del tutto convenzionale per misurare il costo, in termini di profitto e dimensioni, dell’impatto dell’inefficienza. Ciò non toglie che le cose, sul piano sostanziale, stiano proprio così: un certo tasso d’inefficienza i1 è responsabile di un abbassamento (più o meno che proporzionale) dei livelli teorici di profitto e dimensioni pmax1 e dmax1 ai livelli effettivi p1 e d1.

37 In questo senso si potrebbe sostenere che Marx si è sbagliato perché aveva ragione. I profeti marxisti avrebbero fatto previsioni sbagliate poiché proprio nei paesi capitalisti non si è assistito ad alcuna rivoluzione sociale. E non c’è stata rivoluzione sociale poiché si è provveduto a una più equa ripartizione del reddito. «Insomma, i capitalisti hanno finito col vedere essi stessi proprio ciò che Marx aveva visto e detto, ossia che alla lunga il capitalismo non può svilupparsi, e neppure mantenersi, se il plusvalore ottenuto grazie al progresso della tecnica industriale non viene suddiviso tra la minoranza capitalista e la maggioranza lavoratrice». Kojève 2004: 161. Ma per come sono andate le cose, o per come è lecito leggere l’attuale situazione del “proletariato” a livello mondiale – sempre più ricchi, sempre più poveri –, Marx potrebbe aver avuto sostanzialmente ragione, e Kojève sostanzialmente torto.

38 I corretti confronti di efficienza, si sa, si operano a parità di contesti (anche tecnico-scientifici): tra due centometristi sarà più veloce (più efficiente) chi arriva prima al traguardo, così come tra due piloti a bordo di due identiche Ferrari. Ed è evidente come un pilota possa far ricorso a un briciolo soltanto del potenziale di efficienza di cui dispone per battere un centometrista che pure dà il massimo di sé. In questo senso, nelle gare (nei confronti) di efficienza rileva, più che l’efficienza assoluta, l’efficienza relativa, vale a dire il grado di sfruttamento di un sistema.

39 Sul piano concettuale, non sembra arbitrario definire anche l’inefficienza, che in varia misura affligge qualunque impresa, come una manifestazione del fenomeno generale dell’entropia. Che cos’è, infatti, l’inefficienza di un’impresa (o, al limite, dell’economia-mondo) se non una dispersione dell’energia imprenditoriale, vale a dire un consumo di questa stessa energia non finalizzato al perseguimento degli obiettivi caratteristici dell’azione imprenditoriale?

40 È legittimo assimilare molte forme di rendita a vere e proprie manifestazioni d’inefficienza di un sistema economico: la cosa diventa ancor più plausibile, sul piano concettuale, nel momento in cui si passa dalle rendite (dalle inefficienze) che si annidano in un sistema micro a quelle che danneggiano la performance di un macrosistema (ciò che verrà commentato nel successivo paragrafo 5). Da notare, comunque, è che l’inefficienza (o rendita) di cui si parla perde qui la sua connotazione tipicamente negativa, sul piano sia micro che macro, per il fatto che si traduce, in entrambi i casi, in una minore “pressione” sulla risorsa umana, vale a dire in un suo minore sfruttamento (cfr. supra paragrafo 3). Per una vasta e approfondita disamina del problema delle rendite nei sistemi capitalistici, si veda la raccolta di scritti di Napoleoni 2013.

41 È noto come, fin dall’inizio (più o meno fin dalla fondazione, nel 1930, dell’Econometric Society a opera di R. Frisch e I. Fisher), la distinzione, in economia, tra micro e macro sia stata fonte di innumerevoli commenti, discussioni, puntualizzazioni. Certo è che non esisterebbe il “macro” senza il “micro” (mentre vale certamente il contrario). Non si può negare che un ministro dell’Economia è chiamato a fronteggiare problemi diversi da quelli di cui deve occuparsi l’amministratore delegato di un’azienda. Ma si deve pure riconoscere che un provvedimento di politica economica (termine che dopo Keynes ha acquisito un significato diverso) potrebbe avere, sull’economia, un impatto inferiore a quello di un provvedimento, per esempio, di politica estera. E ciò in modo da far pensare che la politica esista più della politica economica. Per motivi non dissimili l’economia esiste più, per così dire, della micro o della macroeconomia, e ciò di cui non si può dubitare è che un dato economico complessivo (macro) si pone sempre e comunque come l’esito del comportamento di un numero indeterminato di organismi (uomini, aziende, enti, tutti chiamati al rispetto di norme omogeneamente dettate dalla moneta e dalla sua contabilità).

42 Sembra corretto riconoscere nella moneta la “forma di velocità” (la forma di efficienza) su cui viaggia attualmente l’economia del pianeta. La moneta – questa ruota – è stata perfezionata e resa sempre più scorrevole nel corso del tempo. Ma ora sembra aver dato il massimo, e proprio per questo occorre passare a una nuova forma di velocità caratterizzata dall’assenza di moneta, dall’eliminazione di qualsiasi attrito. In questo senso è possibile parlare di evoluzione e progresso: la luna non sarebbe stata raggiungibile con la forma di velocità della ruota.

43 Il fatto che il progresso equivalga – concettualmente ed esattamente – alla velocità del cambiamento dell’economia, non è altro che un semplice esempio della matematica per concetti non numerici, utile per la spiegazione e l’approfondimento del fatto economico, di cui si è fatto cenno nell’introduzione: Progresso = Efficienza dei sistemi economici = Velocità del cambiamento dell’economia.

44 Inutile sottolineare i motivi che renderebbero del tutto preferibile una rivoluzione pacifica. In ogni caso, la possibilità di attenuare il trauma o di eliminarne i presupposti si presenta legata alla durata e all’efficacia di una fase “educativa” (anche la logica per la quale qualsiasi prestazione economica esige una contropartita monetaria richiede un periodo di apprendimento non breve durante l’infanzia) nonché alla circostanza che dell’affermazione di un’economia postmonetaria si faccia promotrice, in concreto, qualche istituzione (la Chiesa, l’Onu, un governo, un partito…).

45 Una “regola” sulla base della quale ogni offerta dovrebbe creare i presupposti per la propria domanda, diventa molto più credibile in un sistema senza moneta. È stato, in particolare, Keynes (1936) a stigmatizzare come una preferenza per la liquidità (possibile, come ovvio, solo sulla base dell’esistenza della moneta e della scelta di tesaurizzarla per periodi più o meno estesi) riesca a causare una domanda inferiore all’offerta globale, con tutte le conseguenze del caso in termini recessivi (crollo delle aspettative e della produzione globale, disoccupazione…).

46 Marx 2006: vol. I, sez. i, cap. II.

47 Si sa che i punti di contatto tra il pensiero di Marx e quello di Keynes sono più numerosi di quanto si possa superficialmente considerare. Marx fu un critico – proprio come Keynes, per quanto ante litteram – dell’economia neoclassica e dei suoi presunti, automatici equilibri. Come Keynes, infatti, anche Marx – sebbene per ragioni diverse – riconobbe nell’essenza del capitalismo e dei suoi meccanismi il germe della malattia che ne avrebbe provocato crisi ricorrenti e sempre più gravi. Su questo tema (Marx e Keynes) si veda Mattick 1971. Sul tema della crisi finale, o “crollo”, del capitalismo si veda, in particolare, Napoleoni 1970.

48 Il capitale è investimento, normalmente distinto dal consumo. La distinzione è, in certa misura, artificiosa: si consuma un panino al salame (bene di consumo), si consuma una casa o un impianto siderurgico (bene d’investimento). Tuttavia, per una questione di tempo – e per la rilevanza della variabile tempo nella vita degli uomini – , la distinzione conserva un senso.

49 Si consideri al riguardo la distinzione tra produzioni tecnicamente individuali e produzioni tecnicamente sociali proposta da Keynes 1975: 237.

50 «Ora, bisogna notare che, per la tesi di Marx contro il capitalismo, sarebbe utile che in effetto il ’capitale’ fosse esclusivamente del denaro, che, come si è tanto spesso ripetuto, è una materia sterile» (Pareto 1970: 349).

51 «Poiché quella dell’imprenditore non è una professione e di regola neppure una condizione durevole, gli imprenditori non formano una classe sociale in senso tecnico come, per esempio, i proprietari terrieri, o i capitalisti, o i lavoratori» (Schumpeter 1971: 91).

52 «Teniamo [dunque] fermo che una qualsiasi persona è, in linea di principio, un imprenditore solo quando realizza effettivamente una nuova combinazione; e ne perde il carattere non appena ha costruito la propria attività, quando si sistema in una condizione conforme al flusso circolare» (Schumpeter 1971: 91).

53 «Innanzitutto, il ruolo creativo della classe degli uomini d’affari è per definizione un ruolo rivoluzionario. […] La rivoluzione in questione è un ‘continuo rivoluzionamento della produzione’, un atto creativo che comporta l’obsolescenza e la conseguente distruzione di ogni struttura industriale di produzione esistente in ogni momento: il capitalismo è un processo, e il capitalismo stazionario sarebbe una contradictio in adjecto» (Schumpeter 1963: 209).

54 Il sistema attuale, a tutto vantaggio dell’imprenditore e degli azionisti, favorisce la concentrazione del profitto all’interno dell’azienda anche per aumentare la probabilità della restituzione del capitale e del pagamento degli interessi alle banche.

55 Sembra di poter osservare che Marx abbia sottovalutato i potenziali vantaggi di un certo tipo di disuguaglianza: «Per tornare ancora all’idea che mi stava a cuore, la mia disuguaglianza me la conferma il fatto che io voglio essere trattato così come mi tratta il destino. Su questa disuguaglianza fondo la mia causa» (Sgalambro 1994: 55).

56 È la domanda che, testualmente, si pone Sweezy (1970: 71) dopo aver preso rapidamente in esame, appunto, il concetto di plusvalore.

57 Circostanza che si è anche tradotta, vien da aggiungere, in una sorta di amplificazione dell’ipocrisia e dell’impotenza della politica: «In realtà devo dire che tra l’idea di politica e l’idea di verità vi è contraddizione. Essendo la verità qualcosa che non si può migliorare e la politica qualcosa la cui essenza è proprio questa: migliorare tutto ciò che tocca» (Sgalambro 1994: 67).

58 L’adozione di un unico linguaggio rappresentato dall’adozione di una sola valuta dovrebbe favorire il passaggio all’utilizzo del nuovo, unico linguaggio di un’economia senza moneta. Del resto, la creazione del “bancor” come nuova unità di conto amministrata da una banca mondiale (e come premessa per un’unificazione monetaria globale) venne già sollecitata da Keynes, senza successo, in occasione della conferenza di Bretton Woods del 1944. E al riguardo viene da interrogarsi sui motivi per cui non si è dato seguito al proposito, espresso e condiviso da più parti all’indomani della crisi finanziaria del 2007-2008, di dar vita a una nuova Bretton Woods e a un nuovo ordine economico-finanziario internazionale.

59 Una società postmonetaria darebbe più spazio alla pratica del concetto di mercato e alla naturale multiformità dei desideri e degli stili di vita. Con ciò non si può pretendere che certi oggetti – certi fini, certi risultati – non continuerebbero, nel nuovo quadro, a essere più ambiti di altri. In altri termini, sarebbe sbagliato chiedere a un’economia postmonetaria la capacità taumaturgica di eliminare ogni umana frustrazione originata dalla pulsione a possedere. Sul tema dei comportamenti mimetici e di una certa tendenza degli individui a desiderare le stesse cose si veda Girard 1978. Sul denaro come simbolo di un desiderio inesauribile si veda Petrosino 2012.

60 «Non so poi perché dovrei scriverle, a Lei gentile signor Presidente degli Stati Uniti, le norme per la denuncia fiscale ci faranno diventare un popolo di ragionieri! La vita di ogni cittadino sta diventando un problema contabile. Questa, a mio avviso, è una delle peggiori interpretazioni del senso della vita umana che la storia abbia mai visto. La vita di un uomo non è un’impresa commerciale» (Bellow 1980: 21-22).

61 Ciò nel senso chiarito dalla nota 41.

62 Cfr. Severino 1998.

Torna su

Indice delle illustrazioni

URL http://journals.openedition.org/estetica/docannexe/image/1215/img-1.jpg
File image/jpeg, 160k
Titolo Grafico 2. La rappresentazione dell’efficienza
URL http://journals.openedition.org/estetica/docannexe/image/1215/img-2.jpg
File image/jpeg, 132k
Titolo Grafico 3. L’impatto dell’inefficienza
URL http://journals.openedition.org/estetica/docannexe/image/1215/img-3.jpg
File image/jpeg, 144k
Titolo Grafico 4. Il cambiamento del piano imprenditoriale
URL http://journals.openedition.org/estetica/docannexe/image/1215/img-4.jpg
File image/jpeg, 293k
Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Pierangelo Dacrema, « I vantaggi di un’economia postmonetaria », Rivista di estetica, 62 | 2016, 99-132.

Notizia bibliografica digitale

Pierangelo Dacrema, « I vantaggi di un’economia postmonetaria », Rivista di estetica [Online], 62 | 2016, online dal 01 septembre 2016, consultato il 22 septembre 2018. URL : http://journals.openedition.org/estetica/1215 ; DOI : 10.4000/estetica.1215

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Rivista di Estetica è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • OpenEdition Journals