Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri45recensioniMauro Carbone, Eleonora Sparvoli ...

recensioni

Mauro Carbone, Eleonora Sparvoli (a c. di), Proust et la philosophie aujourd’hui; Dario Ferrari, Paolo Godani (a c. di), La sartoria di Proust. Estetica e costruzione nella «Recherche»; Thierry Marchaisse, Comment Marcel devient Proust. Enquête sur l’énigme de la créativité; Luigi Azzariti-Fumaroli, Alla ricerca della fenomenologia perduta. Husserl e Proust a confronto.

Claudio Rozzoni
p. 204-207
Notizia bibliografica:

Mauro Carbone, Eleonora Sparvoli (a c. di), Proust et la philosophie aujourd’hui, ETS, Pisa 2008

Dario Ferrari, Paolo Godani (a c. di), La sartoria di Proust. Estetica e costruzione nella «Recherche», ETS, Pisa 2010

Thierry Marchaisse, Comment Marcel devient Proust. Enquête sur l’énigme de la créativité, EPEL, Paris 2009

Luigi Azzariti-Fumaroli, Alla ricerca della fenomenologia perduta. Husserl e Proust a confronto, Mimesis, Milano 2009

Testo integrale

1È noto come il capolavoro di Marcel Proust, À la recherche du temps perdu, sia stato fin dal suo apparire oggetto privilegiato dell’interesse dei filosofi: non sarebbe pertanto fruttuoso, in questa breve recensione, limitarci a porre l’attenzione su tale osservazione. Forse meno noto, e in ogni caso meritevole d’essere posto in evidenza e degno di attenta considerazione, è il fatto che anche negli ultimi anni, i primi del secolo appena nato, si sia assistito, in Italia come in ambito internazionale, all’emergere di una dinamica e rinnovata proposta critica concernente lo studio dei rapporti fra Proust e la filosofia. Tali scritti sembrano aprire, pur dovendosi misurare con l’illustre eredità che li precede e tuttora li accompagna, fertili vie di ricerca che possono dare nuova linfa a un dibattito le cui implicazioni restano, a oggi, lungi dall’essere risolte; a una discussione che, traendo ispirazione dal capolavoro del romanziere francese, rimette in gioco e cerca di riproporre in nuovi termini, secondo inediti punti di vista, il problema del rapporto fra parola letteraria e parola filosofica.

2Importante momento di questo recente sforzo critico e significativa conferma del vivace contributo dei più importanti studiosi a livello internazionale è stato il convegno Proust et la philosophie aujourd’hui, organizzato dall’Università degli Studi di Milano (Dipartimento di Filosofia e Dipartimento di Scienze del Linguaggio e Letterature Straniere Comparate) e patrocinato dalla Società Italiana di Estetica (SIE), tenutosi a Gargnano del Garda nel settembre del 2006. Di questa preziosa occasione di confronto, che ha visto intervenire alcuni fra i più rilevanti specialisti contemporanei dell’opera proustiana (fra gli altri Antoine Compagnon e Jean-Yves Tadié) è testimonianza il volume, a cura di Mauro Carbone e di Eleonora Sparvoli, che ne raccoglie gli atti (Proust et la philosophie aujourd’hui, ETS, 2008); un lavoro che si vuole candidare come un imprescindibile punto di riferimento per una feconda ripresa di quel compito – missione senz’altro ardua per il filosofo che si trovi a fronteggiare, o meglio a calarsi, in un’opera di questo respiro – che si propone di ereditare, principalmente per poterlo rilanciare all’interno dell’attuale dibattito, tutto “ciò”, come nella “Prefazione” viene esplicitamente sottolineato, “che di filosoficamente impensato la Recherche non cessa di offrire”. In questa direzione, pertanto, quello che tali atti offrono (oltre, naturalmente, alla ricchezza di questioni tematizzate, di cui anche una semplice scórsa all’indice può dar conto) è proprio l’opportunità – nella consapevolezza che è la possibilità di una nuova stagione critica a essere in gioco – di capire in quali rinnovati termini, a partire dal capolavoro di Proust, si possa scandagliare la questione del rapporto fra (e delle rispettive prerogative delle) immagini della letteratura e della filosofia. Se il nome Marcel Proust diviene l’agone in cui questa annale disputa viene riaffrontata, è perché proprio le immagini letterarie proustiane, pur nel loro radicarsi nei canoni della più classica tradizione retorica, rimangono di difficile definizione, risultano faticosamente sussumibili sotto prestabiliti limiti formali, facendo sì che da più parti venga loro riconosciuta la capacità di produrre inaudite manifestazioni di pensiero. La metafora, per scegliere l’esempio più noto, più arduo e più trattato, rappresenta anche lungo i contributi del testo appena preso in considerazione, seppur alla luce dei più recenti approcci critici, lo snodo attraverso cui pensare l’immagine proustiana del pensiero.

3Proprio con un saggio, dedicato alla metafora, di uno dei filosofi intervenuti a Gargnano del Garda, Miguel de Beistegui (si tratta della traduzione italiana di un estratto del suo bel testo intitolato Jouissance de Proust. Pour une esthétique de la métaphore, Éd. Michalon, 2007), si apre invece un volume che bene delinea, già nei propri dichiarati intenti, la precisa declinazione attraverso la quale intende inserirsi, per ridiscuterla, nella suddetta questione relativa al rapporto fra Proust e la filosofia, ovvero provando a cimentarsi nel tutt’altro che agevole compito di mostrare se si possa parlare di una specifica “portata filosofica” della Recherche, di una sua peculiare filosofia.

4L’intenzione di questo testo, intitolato La sartoria di Proust. Estetica e costruzione nella Recherche (ETS, 2010), è appunto quella, come tengono a specificare i suoi curatori, Dario Ferrari e Paolo Godani, di fare emergere tale “portata” proprio prendendo il via da considerazioni svolte sulla struttura romanzesca del capolavoro proustiano, per farne affiorare la singolare filosofia. Evitando così, dunque, per precisa scelta metodologica, una depauperante analisi limitata alle parti più esplicitamente teoriche presenti nell’opera e privilegiando, piuttosto, quegli aspetti della stessa in grado, pur senza “dichiararlo”, di mettere in crisi – concedendo loro, nel contempo, occasioni di riformulazione – alcune fra le classiche questioni che attraversano la tradizione filosofica. In questo senso è allora opportuno altresì segnalare, per quanto concerne il côté francese, la recente pubblicazione del volume di Thierry Marchaisse, dal titolo Comment Marcel devient Proust. Enquête sur l’énigme de la créativité (EPEL, 2009), che in questo stesso orientamento e con la medesima preoccupazione metodologica prova a mostrare come, se di filosofia di Proust si possa parlare, è proprio avviando l’indagine dalla struttura romanzesca sui generis inscenata dallo scrittore francese che tale respiro filosofico debba essere inseguito.

5Nella lettura di Marchaisse – il quale raccoglie l’invito di Roland Barthes a vedere nella forma della Recherche una terza soluzione morfologica non riconducibile né al saggio né al romanzo –, l’opera di Proust presenterebbe una struttura duplice, che implicherebbe l’articolazione costante di due “strutture”, di due “logiche”: una esplicita, superficiale, e una profonda. Per meglio caratterizzare tale articolazione l’autore parte, utilizzandola come un modello euristico che egli sceglie di proporre inizialmente al lettore, dalla figura dell’anatra-coniglio (duck-rabbit illusion) di Jastrow, resa celebre da Wittgenstein e Gombrich, arrivando in seguito a leggere l’impresa proustiana non come una traduzione di una posizione filosofica, ma come un vero e proprio paradigma inedito d’una dimostrazione letteraria, una “dimostrazione alla prima persona” sul “tempo incorporato” che troverà infine la rappresentazione esplicativa della sua peculiare duplicità nell’immagine dell’anello di Möbius. Proprio da un discorso sul valore filosofico di tale struttura non può essere disgiunta un’analisi sulla soggettività del narratore proustiano, sull’immagine di quell’‘io’ che cresce e si moltiplica proprio tessendo le trame del suo stesso racconto. Ben attenta a quest’ultima implicazione, che viene riproblematizzata attraverso i territori del sogno, del tempo e della memoria con una ricchezza e puntualità di riferimenti veramente notevole, risulta a tal proposito la fatica compiuta da Luigi Azzariti-Fumaroli, intitolata Alla ricerca della fenomenologia perduta. Husserl e Proust a confronto (Mimesis, 2009). L’autore sceglie di dar vita – rinnovando un accostamento già, in passato, da più parti evidenziato e sviluppato, ma tuttora lungi dall’essere risolto nelle sue conseguenze – ad un serrato raffronto fra l’opera di Proust e la riflessione di Edmund Husserl. Oltre a offrire un’aggiornata contestualizzazione delle tematiche husserliane funzionali al percorso tracciato, il testo di Azzariti-Fumaroli pone queste ultime in uno stretto dialogo critico con le letture novecentesche della fenomenologia, cercando di fornire un considerevole orizzonte interpretativo a chi voglia decidere di “andare alla ricerca” della valenza fenomenologica della Recherche.

6Ciò con la consapevolezza, presente in tutti i testi qui segnalati, che, nel cimentarsi nell’arduo compito di delineare quali filosofie risuonino nell’orizzonte filosofico risultante da quest’opera, non si tratta semplicemente di contrapporre, come una certa tradizione non ha mancato di fare, fenomenologia e postfenomenologia. Sembrano piuttosto maturi i tempi – anche in considerazione di ciò che lo studio del pensiero husserliano ancora continua a offrire al panorama filosofico e alla sua continua ridefinizione – per intraprendere una ridiscussione delle critiche indirizzate alla fenomenologia (biasimi che sovente ne hanno travisato il senso) volta a far nascere, dal riesame dei contrasti, sviluppi inediti proficuamente percorribili, che possano eventualmente indicare al “filosofo lettore di Proust” vie attraverso cui corrispondere alla chance che oggi gli si dà: quella di comprendere quale ruolo le ‘lenti della Recherche’ potranno avere nella formazione delle immagini della filosofia a venire.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Claudio Rozzoni, «Mauro Carbone, Eleonora Sparvoli (a c. di), Proust et la philosophie aujourd’hui; Dario Ferrari, Paolo Godani (a c. di), La sartoria di Proust. Estetica e costruzione nella «Recherche»; Thierry Marchaisse, Comment Marcel devient Proust. Enquête sur l’énigme de la créativité; Luigi Azzariti-Fumaroli, Alla ricerca della fenomenologia perduta. Husserl e Proust a confronto.»Rivista di estetica, 45 | 2010, 204-207.

Notizia bibliografica digitale

Claudio Rozzoni, «Mauro Carbone, Eleonora Sparvoli (a c. di), Proust et la philosophie aujourd’hui; Dario Ferrari, Paolo Godani (a c. di), La sartoria di Proust. Estetica e costruzione nella «Recherche»; Thierry Marchaisse, Comment Marcel devient Proust. Enquête sur l’énigme de la créativité; Luigi Azzariti-Fumaroli, Alla ricerca della fenomenologia perduta. Husserl e Proust a confronto.»Rivista di estetica [Online], 45 | 2010, online dal 30 novembre 2015, consultato il 27 mai 2022. URL: http://journals.openedition.org/estetica/1774; DOI: https://doi.org/10.4000/estetica.1774

Torna su

Diritti d’autore

Licenza Creative Commons
Rivista di Estetica è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search