Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri43

43 | 2010
ontologia dei colori

a cura di Luca Angelone

Mentre il senso comune descrive i colori come proprietà oggettive conoscibili attraverso la percezione sensibile, una lunga tradizione filosofica che può essere fatta risalire almeno a Galileo, Descartes e Locke si è schierata contro questa impostazione, interpretando i colori come proprietà illusorie. Contemporaneamente al rinato interesse per la metafisica e l’ontologia, all’interno della filosofia analitica è fiorito un ampio dibattito volto a indagare quale sia il modo migliore per caratterizzare la natura dei colori. Oltre a discutere la questione dell’oggettività dei colori, i filosofi hanno dovuto confrontarsi con problemi metodologici e con i dati emersi dalla ricerca scientifica. La Rivista di estetica presenta i contributi di studiosi impegnati in questa area di ricerca proponendo una discussione aggiornata sugli sviluppi del dibattito più recente.

  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search