Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri42variaDocumenti e intenzioni. La docume...

varia

Documenti e intenzioni. La documentalità nel dibattito contemporaneo sull’ontologia sociale

Giuliano Torrengo
p. 157-188

Abstract

What is the ontological status of the “objects” we find in the social realm, such as Universities, marriages, fines, meetings, and the like? In this paper I present three alternative answers to this question. Sanguine realism, according to which the existence and identity of social objects is independent from the existence and intentions of subjects. Moderate realism, according to which the identity of social objects is at least in part independent from that of the subjects, but their existence is not. And anti-realism, according to which talk of social objects is a mere façon de parler. I focus on moderate realism, and argue that the fundamental constrain on the existence and identity of social objects is their dependence upon documents and inscriptions.

Torna su

Testo integrale

How can there be objective facts which are only facts because we think they are facts?
Barry Smith

There’s an oil man known as Tex
Who is keen to give me checks.
And his checks, I fear, means that Tex is here to stay.
Cole Porter, Always true to you in my fashion

1. Discussione Preliminare: Realtà Sociale e Oggetti Sociali

1.1 I problemi dell’esistenza, identità e sostanzialità degli oggetti sociali

  • 1 Reinach 1913.
  • 2 Sulla teoria delle unità fisico comportamentali e i suoi sviluppi, vedi Smith 1999 e 2003a. Sul tes (...)
  • 3 Varzi 2007 sviluppa, a partire da Searle 1995 e appoggiandosi alla teoria dell’opera d’arte di Nels (...)

1Ci sono almeno tre domande in cui si può articolare la questione della realtà del mondo sociale, ossia di quanto “oggettive” siano le entità che nominiamo e incontriamo nella vita sociale – talvolta indipendentemente dalla nostra volontà, come quando prendiamo una multa o troviamo nella buca delle lettere la convocazione a una riunione condominiale, altre volte in modo volontario, come quando facciamo richiesta di un prestito, quando promettiamo qualcosa o ci sposiamo. La prima questione riguarda l’esistenza di entità come multe, riunioni condominiali, prestiti, promesse e matrimoni. Come in altri campi dell’indagine filosofica, è possibile distinguere atteggiamenti realisti e anti-realisti nei confronti dell’esistenza delle entità che compongono la sfera sociale. Una forma di realismo forte, per esempio, è la teoria del diritto di Reinach, stando a cui la realtà sociale è composta da oggetti sociali (promesse, obbligazioni, ordini ecc.) dotati di essenze conoscibili a priori e indipendenti da soggetti e oggetti di altri tipi1. Forme di realismo più moderate sono la teoria delle unità fisico-comportamentali, e il testualismo debole, in cui si riconosce l’esistenza di oggetti sociali, ma si insiste sulla loro dipendenza da una collettività di soggetti e da entità di altro tipo2. Tali posizioni si contrappongono a forme di anti-realismo, stando a cui le espressioni che nel linguaggio ordinario usiamo per parlare di oggetti sociali (“ho preso tre multe”, “è stato scoperto un debito nella Parmalat” ecc.) non sono che una mera façon de parler, che riflette le funzioni e caratteristiche che le persone che fanno parte di una società attribuiscono a oggetti fisici e soggetti nei contesti appropriati3.

2La seconda questione riguarda l’identità degli oggetti sociali, tanto quella sincronica (cosa fa sì che un oggetto sociale sia quello che è piuttosto che un altro?), quanto quella diacronica: da quali cambiamenti segue che un oggetto sociale cessi di esistere, o semplicemente cambi alcune delle sue proprietà (pur rimanendo lo stesso attraverso il tempo), e quali cambiamenti, invece, non costituiscono che meri cambiamenti relazionali per un oggetto sociale? Mi preme far notare che questa seconda questione è almeno in parte slegata dalla precedente. La questione nodale qui non è se gli oggetti sociali esistano, ma quale sia il ruolo di eventuali vincoli sull’istituzione di una sfera del sociale. In tal senso, anche nell’ambito di una prospettiva anti-realista sull’esistenza di oggetti sociali è comunque possibile chiedersi se le attribuzioni di proprietà contestuali rilevanti per il nostro agire sociale possano avvenire solo in determinate circostanze. Ossia, se sia possibile istituire qualsiasi tipo di realtà sociale in qualsiasi contesto, o esistano vincoli di natura fisica, psicologica, economica o normativa. Similmente, nell’ambito di un realismo moderato, anche ammettendo che non esisterebbero oggetti sociali se non ci fossero, in generale, soggetti dotati di stati mentali, rimane comunque da chiedersi se l’istituzione di oggetti sociali debba sottostare a certe condizioni, e quali siano queste condizioni. Di conseguenza, diventa importante stabilire se – oltre alla dipendenza generica degli oggetti sociali dai soggetti – non vi siano anche forme di dipendenza specifica di singoli oggetti sociali da entità particolari. Questo perché se per ogni oggetto sociale O esiste una entità X da cui O dipende, le condizioni di identità di O includeranno le condizioni di esistenza di X.

3La terza questione riguarda il tipo di vincoli coinvolti, piuttosto che il loro ruolo nell’istituzione della realtà sociale. La natura e il “peso” dei vincoli coinvolti possono variare largamente. Si passa da vincoli formali (ed esempio, rispetto alle obbligazioni, ogni promessa deve essere diretta verso un oggetto), a vincoli via via più materiali (per esempio, una promessa non può non avere una scadenza, per quanto vaga), fino a pretese sostanziali sull’essenza di un’istituzione (per esempio, l’idea che esista un matrimonio naturale, o che certe norme sociali siano parte di un diritto naturale). La distinzione tra vincoli “formali”, “materiali” e “sostanziali” è solo intuitiva, e non si darà un criterio di distinzione rigoroso. Indicativamente, i vincoli materiali sono tanto meno sostanziali tanto più sono giustificati da motivazioni generali di natura razionale-pragmatica o fisica. Inoltre, vi è la questione dello statuto generale di tali vincoli: si tratta di vincoli normativi, o di vincoli descrittivi (ossia riguardano ciò che dobbiamo o ciò che possiamo costituire nella sfera del sociale)?

4Nello spazio concettuale delle alternative possibili aperto dalle risposte a questi problemi, propongo di individuare almeno tre “posizioni guida”:

 

(A) Il realismo “sanguigno”: l’esistenza e identità degli oggetti sociali è indipendente da quella dei soggetti. Che un oggetto sociale abbia certe proprietà o stia in certe relazioni non dipende dal rapporto che ha con i soggetti che costituiscono la società.

  • 4 Ovviamente un oggetto (sociale o fisico) avrà sempre anche delle proprietà che, banalmente, dipendo (...)

(B) Il realismo “moderato”: l’identità degli oggetti sociali è largamente indipendente dai soggetti, mentre l’esistenza degli oggetti sociali ne dipende. Le entità sociali, come pensa anche il realista “sanguigno”, hanno proprietà e stanno in relazione tra di loro in larga parte indipendentemente dai soggetti e dalle relazioni che questi ultimi intrattengono con essi4; ma non esistono se non nella relazione con i soggetti.

(C) L’anti-realismo: gli oggetti sociali sono mere costruzioni logiche o finzioni, propriamente parlando non esistono oggetti o fatti sociali, è solo contestualmente che possiamo attribuire a determinate entità fisiche (persone e oggetti inanimati) – sulla base di comportamenti e disposizioni dei soggetti che interagiscono con esse – caratteristiche sociali (come status, poteri, diritti e doveri).

 

5In ciò che segue mi concentrerò sul realismo moderato, e presenterò degli argomenti per sostenere che il vincolo sulla costituzione di oggetti sociali fondamentale per la loro identità ed esistenza è la dipendenza da documenti e iscrizioni. Vista la natura in larga parte formale (e descrittiva) di tale vincolo, la terza questione, quella della sostanzialità dei vincoli, verrà toccata solo marginalmente, a discapito dei primi due problemi. Procederò secondo il seguente piano: in primo luogo, sgombererò la strada dall’ipotesi che l’esistenza e identità delle entità sociali dipendano da tutte le relazioni che intrattengono con i soggetti e le altre entità, ciò che chiamerò olismo sociale globale. Poi illustrerò tre teorie della realtà sociale: una forma molto debole di realismo, vicina per molti aspetti all’anti-realismo, la teoria dell’intenzionalità collettiva di John Searle; una forma di realismo moderato vicina al realismo sanguigno, la teoria delle unità fisico-comportamentali di Barry Smith; e infine la teoria della documentalità di Maurizio Ferraris.

6Mi concentrerò poi su quest’ultima teoria dandone una formulazione in termini di relazioni di dipendenza. Detto in maniera grossolana: che un certo oggetto sociale sia quello che è, dipende dal contenuto di certe iscrizioni piuttosto che dalle credenze dei soggetti sociali coinvolti, anche se l’esistenza dell’oggetto sociale dipende anche dal fatto che vi siano persone disposte a interagire in certi modi con le iscrizioni che ne stanno a fondamento. Per come verrà formulata qui, dunque, la teoria della documentalità prevede che l’esistenza e l’identità degli oggetti sociali dipendano da documenti (e iscrizioni in generale), ma che solo l’esistenza e non l’identità dipenda dai soggetti. Come si vedrà a conclusione del discorso, nel mettere sotto esame le relazioni di dipendenza nella realtà sociale verranno in luce soprattutto aspetti interessanti della sua struttura temporale.

1.2 Un olismo sociale?

7Nella sfera della realtà fisica, l’ipotesi che l’esistenza e identità delle entità (fisiche) dipenda dal loro essere in relazione reciproca – in particolare dalle loro relazioni con soggetti – attrae oramai solo pochi pensatori “postmoderni”. L’identità di un oggetto come, per esempio, il computer su cui sto scrivendo, è intuitivamente indipendente da molte delle relazioni in cui rientra (così come da molte delle proprietà che possiede). Nel senso che se avesse intrattenuto relazioni diverse con altre entità (fosse proprietà di un altra persona, anziché mio) sarebbe comunque rimasto lo stesso computer. Nel campo della realtà sociale, però, l’ipotesi che l’identità delle entità dipenda molto più radicalmente dalle relazioni in cui ricade sembrerebbe avere un fascino maggiore. Cos’altro è un oggetto sociale, si potrebbe pensare, se non il prodotto di tutte le relazioni che intrattiene con i soggetti che lo riconoscono, che rivestono determinati ruoli, e che, in generale, lo coinvolgono?

  • 5 L’olismo sociale globale è una tesi più forte della tesi per cui i concetti sociali rimandano olist (...)

8Stando all’ipotesi che chiamerò olismo sociale globale le entità sociali non sono che nodi in una rete di relazioni, la cui identità ed esistenza dipendono dalle relazioni che intrattengono con tutti gli altri nodi. Ci sono almeno due buone ragioni per pensare che l’olismo, anche nel campo sociale, sia falso5. La prima ragione è che se prendiamo sul serio il linguaggio ordinario, e il senso comune con esso, l’olismo risulta falso; e per quanto riguarda l’identità degli oggetti sociali, il senso comune costituisce un buon indizio di come stanno le cose. È sicuramente una considerazione banale che nella vita ordinaria non diciamo e non pensiamo che non appena un’entità sociale esce o entra in una nuova relazione la “vecchia” entità muore e ne nasce una “nuova”. Eppure, se l’olismo sociale fosse vero, dovremmo spiegare come mai tale banalità nasconda, in effetti, una falsità.

9Prendiamo per esempio un’istituzione, come l’Università di Torino, un tipico oggetto sociale. L’Università di Torino può essere individuata da una fitta rete di relazioni tra entità di almeno tre tipi:

 

(1) Relazioni con entità che in qualche modo ne fanno parte: (1a) soggetti come studenti, il personale docente e il personale amministrativo, (1b) oggetti sociali come dipartimenti, facoltà, corsi di laurea, (1c) eventi che avvengono “al suo interno” come le lezioni, gli esami, i consigli di dipartimento ecc.

(2) Relazioni con entità esterne a essa: (2a) soggetti (per esempio, quando qualcuno coinvolge l’università in una causa legale), (2b) oggetti sociali (per esempio, altre istituzioni negli accordi inter-universitari, o nei progetti di ricerca che coinvolgono vari dipartimenti e centri), (2c) eventi che la coinvolgono dall’esterno (per esempio, la competizione con altri atenei).

(3) Relazioni con documenti: non solo i documenti che vengono prodotti all’interno dell’università (voti, lauree, assegni di ricerca…), ma anche quelli che ne fondano e stabiliscono il funzionamento delle sue parti, come gli statuti e determinati regolamenti.

 

10Quanto è plausibile l’ipotesi che queste relazioni, ammesso che la individuino univocamente, ne costituiscano l’identità? Non molto: anche se ci restringiamo al campo sociale, rimane altamente contro-intuitivo sostenere che tutte le relazioni in cui l’Università di Torino è coinvolta siano necessarie per l’identità e l’esistenza dell’Università di Torino. Sicuramente non parliamo e pensiamo come se le cose stessero così. Per esempio, mettiamo che l’Università di Torino entri in un qualche rapporto di scambio con l’Università di Pisa: non diremmo con ciò che l’Università di Torino ha smesso di esistere, e che da oggi chiamiamo con quel nome un’entità totalmente diversa, creatasi con l’accordo con Pisa. Noi parliamo e pensiamo piuttosto come se l’Università di Torino, la stessa entità che esisteva prima che un certo accordo venisse firmato, fosse entrata a un certo punto in una certa relazione (così come, magari, in un tempo successivo ne uscirà). Che poi l’accordo crei, accanto all’università di Torino (e di Pisa), una nuova entità di cui le due Università sono in qualche senso “parti” non cambia la situazione – l’esistenza di tale entità non è incompatibile con l’esistenza dell’Università di Torino (e di Pisa), anzi, sembrerebbe presupporla.

11Lo stesso discorso vale per le relazioni tra l’Università di Torino e i suoi membri, o con gli eventi che hanno luogo al suo interno. Sarebbe assurdo pensare che l’Università di Torino diventi una nuova entità ogni volta che un professore va in pensione, uno studente si ritira, un segretario viene sostituito, o un insegnamento tace. Anche se magari diciamo che “l’Università non è più la stessa da quando tal dei tali non insegna più”, è evidente che parliamo metaforicamente. O, meglio, ciò che letteralmente non è più lo stesso sono alcune attività (eventi) che si svolgono all’interno dell’università (didattica e ricerca, per dire). Non ci sono più attività di quel tipo all’Università di Torino, dunque, ma l’Università è ancora “lì”. Certo, si potrebbe obiettare che la faccenda non è poi così chiara se da persone o oggetti individuali passiamo a considerare figure o ruoli centrali per le istituzioni. Magari il fatto che ci sia una determinata persona come rettore non ha influenza sull’identità dell’Università, ma un rettore l’Università deve averlo. Così come un certo numero di professori e un certo numero di studenti. Faccio notare che in questo modo la tesi dell’olismo viene indebolita, e non di poco. Si tratterebbe, dunque, di un olismo che riguarda solo i generi (type) di relazioni, piuttosto che le particolari realizzazioni (token): l’identità dell’Università dipende da tutti i tipi di relazioni in cui l’Università entra. Ma anche così indebolito l’olismo rimane una tesi altamente implausibile. Innanzitutto, l’olismo debole rimane altamente implausibile per quanto riguarda le relazioni con entità esterne: nessun tipo di relazione esterna sembra essere essenziale all’identità dell’Università di Torino. Se anche l’Università di Torino fosse vittima di un boicottaggio internazionale e cessasse di avere una qualsiasi relazione con altre istituzioni e persone fisiche al di fuori dei suoi membri, non per questo l’Università di Torino cesserebbe di esistere. Inoltre, i ruoli all’interno dell’istituzione possono essere istituiti ed eliminati, a seconda delle circostanze storico-sociali, e questo non sembra avere influenza sull’identità dell’oggetto sociale Università. Certo, ci sono ruoli che sono più rilevanti di altri. Ma, in primo luogo, il fatto che questi ruoli fondamentali (il rettore, il decano ecc.) siano vacanti, almeno per brevi periodi, non sembra ancora essere elemento deteriorante per l’esistenza dell’Università. In secondo luogo, e più importante qui, proprio il fatto che solo alcuni ruoli e non altri risultino fondamentali inficia la tesi dell’olismo. Contrariamente a quanto sostiene l’olismo, né tutte le relazioni determinano l’identità di un oggetto sociale, né l’esistenza di un oggetto sociale dipende dalla totalità delle relazioni che intrattiene.

  • 6 Vedi Searle 1995. Più precisamente, il fondamento dell’oggetto sociale sono disposizioni, capacità (...)

12L’idea che certi ruoli, così come certi elementi, sia fisici (edifici), sia comportamentali (didattica, ricerca), siano fondamentali per l’identità di un’istituzione (l’Università), per quanto generalmente non siano essenziali i particolari soggetti che li realizzano, ci spinge a cercare una qualche entità su cui fondare il processo di istituzione di tali ruoli, e a vedere se è plausibile – contro l’olismo, e nello spirito di un realismo moderato – limitare la dipendenza di un’istituzione a entità di tale tipo. Ci si prospettano qui almeno tre alternative. La prima è quella di formulare una tesi olistica non-globale, ossia legare l’identità dell’oggetto sociale ai rapporti interni con i soggetti e gli oggetti che in qualche modo ne fanno parte. La teoria delle unità fisico-comportamenali avanzata e poi sviluppata da Barry Smith costituisce una forma di olismo indebolito in questo senso. La seconda è di fondare l’identità dell’oggetto sociale sul contenuto di alcuni tipi di credenze che i soggetti, collettivamente, intrattengono su di esso. La teoria di Searle si pone su queste linee, individuando nei contenuti dell’intenzionalità collettiva che riguardano le attribuzioni di funzioni sociali il fondamento dell’identità degli oggetti sociali6. Anche limitandosi ai contenuti di credenza, la tesi di Searle non è olistica, perché vi sono credenze riguardanti l’oggetto sociale che non hanno influenza sulla sua identità; per esempio, le credenze che riguardano il motivo dell’attribuzione di una certa funzione sociale: c’è bisogno che una collettività creda che il re ha certe funzioni perché questo le abbia, anche se alcuni credono che le abbia per conferimento divino, altri per diritto dinastico, e così via. La terza alternativa è di fondare l’identità dell’oggetto sociale sui documenti (e in generale le iscrizioni) che a esso sono collegate. Anche in questo caso, contro l’intuizione olistica, non tutti i documenti hanno rilevanza per l’esistenza e l’identità dell’oggetto sociale. L’Università di Torino sarebbe la stessa entità se anche alcuni particolari certificati che nell’attuale anno accademico sono stati emessi non fossero stati emessi, e anche se alcuni tipi di documenti non esistessero (per esempio, se l’Università di Torino cessasse di accettare studenti Erasmus, molti documenti appositamente studiati per gli Erasmus cesserebbero di esistere, ma non con essi l’Università). Sono piuttosto i documenti costitutivi – come gli statuti e gli atti di fondazione – ciò da cui l’identità dell’Università dipende: per operare dei cambiamenti nelle sue proprietà più caratterizzanti, o porre fine all’esistenza sua o di alcune sue parti, occorre operare trasformazioni su tali documenti. È quest’ultima alternativa all’olismo globale quella su cui mi concentrerò, con l’obiettivo di articolarne una formulazione coerente che sia il più possibile trasparente nei confronti di molte delle sue conseguenze. Prima, però, mi soffermerò sulle altre due opzioni.

1.3 Tre teorie degli oggetti sociali

1.3.1 “Contare come”

13Iniziamo col considerare la teoria di John Searle, il primo filosofo ad avere pienamente articolato – alla fine del secolo scorso – un’ontologia sociale. Per Searle, gli oggetti sociali sono entità fisiche che acquistano delle caratteristiche funzionali in contesti caratterizzati da collettività organizzate in società. Tali caratteristiche sono definite da regole aventi la seguente forma:

 

14(RCS) (L’oggetto fisico) X conta come (l’oggetto sociale) Y nel contesto C

 

  • 7 Per ripetere ancora l’esempio di Searle: il re ha autorità perché una collettività gliela attribuis (...)

15In un contesto come quello dell’Europa odierna, per esempio, determinati pezzi di carta contano come banconote da 10 Euro. Le regole sono costitutive dell’oggetto sociale, perché senza di esse le entità fisiche X in questione (i pezzi di carta) non avrebbero le caratteristiche specificate (non sarebbero denaro). L’attribuzione alle X di tali proprietà ha conseguenze per gli individui che interagiscono collettivamente con le X (per esempio, possono acquistare beni pagando con banconote). Alcune assegnazioni di funzioni sono almeno in parte basate sulla struttura fisica dell’oggetto (per esempio, un cacciavite non potrebbe avere la funzione che gli riconosciamo se non avesse determinate caratteristiche fisiche – in particolare, di forma e consistenza), ma altre ne sono slegate e derivano unicamente dal contenuto delle credenze che i soggetti di una società hanno rispetto alla loro funzione. Gli oggetti sociali Y esistono quando una collettività di persone, in un contesto C, attribuisce collettivamente a certi oggetti (gli X) le funzioni caratterizzanti degli Y. In altre parole, le X svolgono certe funzioni unicamente in virtù del fatto che venga accettato (collettivamente) il fatto che abbiano tali funzioni: non si potrebbe pagare con una banconota da 5 Euro se non ci fosse una collettività di persone che attribuiscono a pezzi di carta di quel tipo la funzione di essere usata per pagare gli acquisti (anche se, anche in assenza di tale attribuzione collettiva, si potrebbe forse scambiare quel pezzo di carta per qualcos’altro). Centrale è che l’attribuzione di funzioni sia compiuta tramite atti di intenzionalità collettiva (ossia atti che hanno la forma ‘noi…’ piuttosto che ‘io…’), perché le funzioni sociali in genere non possono venire istituite che sulla base di un riconoscimento collettivo (non mi basta decidere di essere un vigile per poter fare delle multe). Importante è ricordare due cose a cui ho accennato in precedenza: (i) i “contenuti” non sempre sono esplicitamente rappresentati (in maniera conscia o inconscia) negli stati mentali degli individui, è sufficiente che risultino descrittivamente adeguati a certe capacità, disposizioni e comportamenti collettivi; (ii) non tutti i contenuti di credenza che i soggetti hanno su di un oggetto sociale risultano rilevanti per l’identità dell’oggetto sociale, in particolare non hanno influenza sull’identità dell’oggetto sociale le credenze relative al perché certi oggetti o persone abbiano una certa funzione7.

16Quando il linguaggio o, più generalmente, processi simbolico-intenzionali svolgono un ruolo essenziale nell’attribuzione di funzioni a un’entità, Searle parla di fatti istituzionali e non semplicemente di fatti sociali (come possono essere anche fatti che riguardano animali che non dispongono del linguaggio, per esempio un gruppo di iene che attacca una gazzella). I fatti istituzionali concernono l’attribuzione di status o ruoli a persone e oggetti all’interno di contesti sociali. Gli status di una persona consistono nei diritti e doveri che gli sono collettivamente e contestualmente riconosciuti; quelli di un oggetto inanimato, nel riconoscimento collettivo di poter o non poter essere usato per determinati fini (in determinati contesti). La regola costitutiva fondamentale può essere iterata, nel senso che certi status sono attribuiti sulla base di altri status già acquisiti (per esempio, un uomo conta come un cittadino italiano in certi contesti, e solo a un cittadino italiano può essere riconosciuta la funzione di assessore in un comune italiano, e solo a un assessore il conferimento di una pensione per assessori) e in tal modo dare luogo a strutture sociali complesse ed estese temporalmente, quali quelle delle società umane odierne e passate. Nelle società avanzate, in genere, gli atti istituzionali si sostituiscono ai fatti fisici bruti. Per esempio, il fatto che venga socialmente riconosciuta la mia proprietà su di un determinato oggetto si sostituisce al fatto fisico bruto che consiste nel portare quell’oggetto sempre con me. Alla base di ogni iterazione della regola istitutiva, comunque, sta sempre un oggetto fisico di un qualche tipo.

17Per Searle, dunque, l’identità dell’oggetto sociale (il denaro con cui si possono comprare beni, un professore che ha il diritto di dare voti agli esami, un governo che può varare leggi ecc.) dipende unicamente dal contenuto di atti di intenzionalità collettiva che lo riguardano – o, più precisamente, da quei contenuti che ne individuano le funzioni sociali. E ciò vale per il denaro tanto quanto per istituzioni complesse, come Università e Stati. Dal momento che tali contenuti intenzionali sono descrivibili sostanzialmente come contenuti linguistici, Searle individua una struttura logica alla base dell’intero sistema sociale. In confronto alla complessità sociale, tale struttura logica risulta abbastanza semplice, ed è costituita dall’attribuzione di poteri (poteri di conferire e revocare status, di esercitare la coercizione ecc.). La sua forma base è:

 

18(F) (Accettiamo che) S ha il potere di fare A

 

  • 8 Nuovamente, intrattenere una credenza con un certo contenuto qui può anche voler solo dire avere di (...)

19L’esistenza continua nel tempo di molte istituzioni sociali è data dal loro continuo riconoscimento, quindi dal fatto che i soggetti di una collettività intrattengano credenze del tipo (F) – e altre articolazioni, di cui Searle abbozza una logica sul modello di quella deontica8.

20È interessante notare che, nella prospettiva di Searle, i documenti sono indicatori di status, ossia sono oggetti fisici a cui è attribuita la funzione di indicare quale status abbia la persona o l’oggetto a cui sono collegati. Ciò è possibile in primo luogo perché la regola costitutiva (RCS) può essere applicata anche ad atti linguistici, come formule o cerimonie – che se particolarmente importanti vengono di solito codificati – i quali assumono così la funzione di valere a loro volta come attribuzioni di status. Per esempio, la mia intenzione di regalarti un orologio, esternata nelle parole “Ti regalo questo orologio”, conferisce al mio proferimento la funzione di trasferire la proprietà dell’orologio da me a te (Searle 1995: 85). Gli atti linguistici scritti valgono come documenti quando assumono una simile funzione. In tal senso, i documenti non sono diversi da uniformi o stemmi, e acquistano la loro funzione (di indicatori) grazie al riconoscimento collettivo, così come le altre entità sociali. Essi hanno in primo luogo una funzione epistemica di individuazione di un’istituzione già preventivamente riconosciuta a livello collettivo. Searle concede però loro, anche se solo di sfuggita (Searle 1995: 120), una funzione costitutiva delle istituzioni che identificano, nella misura in cui essi hanno un ruolo linguistico – in quanto in generale il processo di rappresentazione linguistica (o simbolica) è essenziale all’istituzione di una funzione di stato. Non è chiaro però quale sia il ruolo di questa sorta di duplicazione degli elementi costitutivi, dal momento che Searle sottolinea, sì, che i documenti, a differenza degli atti, permangono nel tempo, ma poi insiste sul fatto che l’esistenza continua richiede un riconoscimento continuo, e – soprattutto – non dà alcun ruolo costitutivo al contenuto del documento che sia indipendente dal riconoscimento collettivo.

1.3.2 “Free-standing Y terms”

  • 9 Cfr. Smith 1999.
  • 10 La definizione qui usata è in una versione piuttosto “grossolana”, ma sufficiente per quello che se (...)

21Barry Smith prende le mosse9 da un’ontologia basata su due categorie (individuate dal modo di persistenza delle entità in questione): continuanti e occorrenti (ossia sostanze ed eventi). I continuanti persistono nel tempo con l’essere interamente presenti a ogni momento della loro esistenza, mentre gli occorrenti persistono nel tempo con l’avere parti temporali successive le une alle altre. Per esempio, io – come qualsiasi altra persona – sono un continuante. Io ero interamente presente stamattina, così come sono interamente presente questo pomeriggio: non esistono parti di me che non siano presenti quando io sono presente. L’assemblea a cui ho preso parte stamattina, invece, è un occorrente. Un’assemblea esiste fintanto che si susseguono le sue parti temporali (l’apertura, l’esposizione dell’agenda del giorno, la discussione, la pausa caffè, la ripresa della discussione, le conclusioni), ma non è mai interamente presente durante ciascuna di esse. Ossia esistono parti di essa che non sono presenti quando essa è presente. Entità di entrambe le categorie hanno spesso una struttura mereologica stratificata (per esempio, gruppi di cellule formano organi, e gruppi di organi formano organismi, e parti di un partita di calcio formano l’intera partita). Nonostante Smith insista sulla necessità di ammettere entrambi i tipi di entità, nella sua teoria gli occorrenti non esistono indipendentemente dai continuanti, mentre la conversa vale. In particolare, ogni occorrente sta in una relazione di dipendenza specifica con il suo portatore (bearer o carrier) o con i suoi portatori nel caso di eventi collettivi. La nozione di dipendenza specifica è definita10 come segue:

 

22(DS) x dipende specificamente da y = df. (1) x e y non hanno parti in comune, e (2) necessariamente, se x esiste allora y esiste

 

23(Per esempio, l’evento costituito dal mio mal di testa dipende specificamente da me.) Sia continuanti che occorrenti possono essere complessi, ossia costituire delle collettività: come, per esempio, un club di scacchisti, una riunione o una guerra. In prima battuta, molti oggetti sociali non sono che collettività di continuanti, ossia interi costituiti, in modo più o meno coeso, da continuanti. Fra una collettività di continuanti e i continuanti che la costituiscono sussiste una relazione di dipendenza generica, secondo la definizione:

 

24(DG) x dipende genericamente da un oggetto di tipo S = df. necessariamente, se x esiste allora esiste un qualche oggetto di tipo S

 

  • 11 Cfr. Barker 1968.

25(Per esempio, è necessario che se esiste la Scuola Media Statale «E. De Amicis», allora esistono gli studenti della De Amicis, ma la De Amicis potrebbe esistere anche se non fosse composta da quelli che di fatto ora sono i suoi studenti, bensì da altri studenti.) Smith riconosce l’importanza della relazione di dipendenza generica per gli oggetti sociali, ma non identifica la categoria degli oggetti sociali con quella di collettività di continuanti o di occorrenti. La quasi totalità della nostra vita, e con essa il mondo del senso comune, si svolge all’interno di “schemi” e sistemi di aspettative, che coinvolgono noi, i nostri comportamenti e altri oggetti e persone in vere e proprie “unità” a cui spesso diamo un nome: la passeggiata del venerdì sera, il pranzo della domenica, la riunione di condominio, il riposo domenicale. L’esistenza di tali unità non è un fatto meramente soggettivo, esse fanno parte dello stesso mondo in cui si trovano continuanti e occorrenti fisici, e hanno caratteristiche proprie. Riprendendo la terminologia dello psicologo Barker11, Smith parla di unità fisico-comportamentali. Le unità fisico-comportamentali hanno caratteristiche analoghe in parte a quelle dei continuanti (per esempio, possono avere parti più o meno essenziali, come le persone e gli organismi – si pensi all’analogia tra il presidente di un’associazione e il cervello di una persona), in parte a quelle dei meccanismi, ossia complessi di continuanti retti da leggi meccaniche (per esempio, spesso si possono fare iniziare, interrompere, riprendere, iterare – si pensi alle riunioni, o alle attività didattiche) e in parte a quelle di eventi complessi (per esempio, hanno dei partecipanti che possono essere almeno parzialmente sostituiti senza che l’unità cessi di esistere). Sono dunque delle unità trans-categoriali e non possono essere ridotte all’interno di una singola categoria. Piuttosto, la loro identità dipende dal rapporto olistico tra le entità che coinvolgono e da cui dipendono. Parti (o costituenti) di tali unità sono spesso a loro volta oggetti sociali come persone che svolgono determinati ruoli, oggetti fisici dotati di funzioni sociali, ambienti con caratteristiche opportune per ospitare certi tipi di comportamenti collettivi. Le unità fisico-comportamentali hanno spesso degli effetti, e tra questi molti a loro volta sono oggetti sociali, per esempio un’assemblea sulla cui base venga redatto un documento, o la concessione di un premio o di una punizione.

  • 12 Cfr. Smith 2003b.
  • 13 Si veda soprattutto Smith e Searle. Per una critica al convenzionalismo di Searle, e al suo legame (...)
  • 14 Tanto che Varzi 2007 “ricava” una posizione esplicitamente anti-realista interpretando quest’ultima (...)

26La teoria di Smith è perfettamente compatibile con l’idea di Searle per cui l’istituzione di funzioni e status all’interno di contesti sociali avviene quando una collettività ha disposizioni, credenze e comportamenti che si accordano con l’attribuzione collettiva di tali funzioni e status. Smith ne riprende questo aspetto, ma opera almeno due “trasformazioni” nella teoria di Searle12. La prima è che, come è facilmente intuibile se si considera che le premesse sono l’esistenza di unità fisico-comportamentali, le attribuzioni di status non hanno mai basi meramente convenzionali e arbitrarie, ma sottostanno a vincoli metafisici di vario tipo13. La seconda è la distinzione tra la tesi per cui l’esistenza delle entità sociali dipende dall’esistenza di persone impegnate in determinati comportamenti collettivi riguardanti determinati oggetti e luoghi (descrivibili come l’attribuzione di funzioni a entità fisiche) e la tesi per cui ogni entità sociale è da identificarsi con un’entità fisica che, in un certo contesto, conta come avente una certa funzione. Smith ha criticato l’insistenza di Searle su quest’ultima ipotesi – che costituisce il lato più vicino all’anti-realismo di tutta la sua teoria14. Per Smith è sufficiente che l’oggetto sociale Y venga rappresentato (in un appropriato contesto sociale) affinché esista, anche in assenza di supporti fisici X che contino come Y. Per Smith, la realtà sociale è caratterizzata dall’esistenza di molti “free-standing Y terms”, ossia oggetti sociali che non hanno bisogno (per esistere e continuare a esistere) di alcuna realizzazione fisica (casi tipici sono: debiti, cartolarizzazioni, bond; ma anche le corporation e il denaro “virtuale” contenuto negli attuali conti correnti bancari), o che possono avere una esistenza fisica sparpagliata e intermittente (come la stessa Università di Torino, o un conto in banca). Anche questo secondo aspetto è in accordo con l’idea di base per cui gli oggetti sociali sono unità dotate di caratteristiche in larga parte autonome dalle entità da cui dipendono, e non si riducono a oggetti fisici contestualmente descritti in modo appropriato.

  • 15 Smith 2006. Un documento, nella teoria di Smith, può essere visto come la registrazione di una attr (...)
  • 16 In questo la teoria degli atti documentali non contraddice la precedente affermazione di Smith stan (...)
  • 17 Per una critica a questo presupposto, si veda Ferraris 2007.

27Il ruolo della rappresentazione come fondamento dell’esistenza di “free-standing Y terms” è stato equiparato da Smith, in uno scritto recente15, al ruolo dei documenti nella vita sociale. I documenti sono importanti per la realtà sociale perché, a differenza degli atti sociali, che sono eventi che coinvolgono l’attività di più persone, e di conseguenza hanno per motivi pragmatici una durata temporale piuttosto limitata, continuano a esistere nel tempo oltre l’evento grazie a cui sono stati prodotti e indipendentemente dall’attività delle persone. Nella teoria di Smith, però, come in quella di Searle, i documenti non hanno un ruolo costitutivo vero e proprio. La sua è principalmente una teoria dell’uso che può venire fatto dei documenti (degli atti documentali), in analogia all’uso che può venire fatto degli atti linguistici, nel costituire la realtà sociale. I documenti sono effetti di attività istituzionali, che hanno (fra le altre) la funzione di mantenere attraverso il tempo l’identità delle istituzioni a essi collegate16. Inoltre, Searle non è risultato molto impressionato dalle critiche di Smith (Searle 2003). La sua risposta è stata che l’esistenza di “free-standing Y terms” è in effetti prevista dalla sua teoria. Le “eccezioni” alla regola (RCS) si spiegano sulla base dell’accettazione collettiva di attribuzioni di potere – ossia di contenuti della forma (F), ritenuta più fondamentale. Per esempio, anche in assenza di un metallo prezioso, o di una banconota, la rappresentazione del denaro contenuta nei microchip del computer di una banca funziona come un’attribuzione di poteri al possessore del denaro (per esempio, il potere di acquistare certi beni). Searle e Smith sembrano quindi condividere che a fondamento dell’esistenza di oggetti sociali che non corrispondono a oggetti fisici ci siano rappresentazioni17.

1.3.3 “Atti iscritti”

  • 18 Cfr Ferraris 2005. Questi sono gli aspetti della teoria di Reinach che vengono inglobati nella teor (...)

28Diverso, sia dalla teoria di Searle, sia da quella di Smith, è lo status dei documenti, e delle iscrizioni in generale (anche quelle nella memoria, per esempio la memoria di aver stretto una promessa con qualcuno), nella teoria di Ferraris. Il cuore della teoria della realtà sociale di Ferraris è che gli atti sociali (determinati eventi che coinvolgono almeno due persone) possano produrre oggetti sociali che richiedono iscrizioni. Dal momento che gli oggetti sociali vengono prodotti dagli atti sociali, e gli atti sociali richiedono soggetti che li compiano, l’esistenza degli oggetti sociali dipende (genericamente) dall’esistenza di soggetti. Gli oggetti prodotti dagli atti sociali, però, non sono “soggettivi” in due sensi importanti. Primo: le loro proprietà non dipendono dall’arbitrio di qualsiasi persona: non posso sposarmi semplicemente pensando di sposarmi, devo compiere determinati atti (pronunciare una formula, ma anche firmare certi documenti) così come stabilito dalla società in cui mi trovo. Secondo: la loro istituzione sottostà a vincoli formali e materiali. Anche se in diversi contesti storici e geografici oggetti sociali diversi vengono costituiti, essi devono sottostare ad alcune “leggi di essenza”. Ecco perché in un certo senso gli oggetti sociali sono scoperti, e perché in diverse società diversi oggetti sociali possono venire alla luce (ma società diverse possono anche scoprire oggetti sociali identici o simili)18. In altri termini, l’identità degli oggetti sociali non dipende interamente dagli atti istitutivi dei soggetti. Sicuramente gli oggetti sociali non dipendono dai soggetti che interagiscono con un certo oggetto sociale dopo che un corrispondente atto sociale gli ha dato vita (una volta istituito il matrimonio, quali siano i vincoli a cui uno sottostà se si sposa non dipendono da me), ma – in una certa misura almeno – nemmeno dai soggetti coinvolti nell’atto istitutivo. Non solo e non tanto per i vincoli metafisici a cui si accennava prima, ma – soprattutto – perché l’identità degli oggetti sociali dipende in primo luogo dalle iscrizioni rilevanti per l’atto con cui si istituiscono. In altri termini, vi è una dipendenza specifica dell’oggetto sociale dalla “sua” iscrizione istitutiva, e una dipendenza generica dell’oggetto sociale da una collettività di persone. È su questo punto centrale che vorrei focalizzare l’attenzione in quanto segue. Ferraris schematizza la sua teoria nella formula:

 

29(O) Oggetto sociale = Atto iscritto

 

30L’idea sottostante alla relazione di identità (=) che compare nella formula è chiara: se vogliamo rispondere alla domanda su che cosa siano le università, i professori, il denaro, i matrimoni, le promesse, le barzellette e tutto ciò che compone la nostra realtà sociale, dobbiamo andare a vedere le iscrizioni che a queste entità sono sempre, in qualche maniera, collegate – firme e documenti, sigle su banconote, tracce nella memoria. Non dobbiamo – come sostiene anche Searle – andare ad analizzare le cellule di cui è fatto il corpo del professore, la filigrana delle banconote, e cose del genere, ma non dobbiamo nemmeno – contro Searle – soffermarci unicamente su certi tipi di credenze che collettivamente intratteniamo su di essi (che sia un professore, che sia denaro, che sia un matrimonio ecc.). L’oggetto sta nell’iscrizione, piuttosto che nel modo in cui consideriamo certi oggetti fisici a cui l’iscrizione rimanda. Nel contempo, visto che l’iscrizione è solo condizione necessaria e non sufficiente per l’oggetto, e quindi ci può essere iscrizione senza oggetto sociale (e la stessa iscrizione in tempi e contesti diversi può essere ora un oggetto sociale, ora no), l’identificazione di oggetto sociale e iscrizione avviene solo in determinate circostanze, ossia quando vi sia un atto istitutivo e una collettività alle spalle. Per cogliere questo aspetto della teoria, propongo di analizzare – in un certo senso, di scomporre – la formula di Ferraris nelle relazioni di dipendenza che sussistono fra (a) l’oggetto sociale e il documento, (b) il documento e l’atto (ossia l’evento) istitutivo, e (c) il documento e i soggetti coinvolti.

2. Le relazioni di dipendenza in una teoria della Documentalità

2.1 Le relazioni fondamentali

31Le relazioni di dipendenza fondamentali in una teoria della documentalità, come appena accennato, sono tre:

 

  1. Per ogni oggetto sociale O, esiste un documento (o, più in generale, un’iscrizione) D da cui O dipende specificamente.

  2. Per ogni documento D, esiste un atto (o evento) istitutivo E tale che D ed E dipendono specificamente l’uno dall’altro.

  3. Per ogni documento D da cui O dipende specificamente, O dipende genericamente da soggetti disposti a riconoscere come valido D e ad agire di conseguenza.

 

  • 19 Nelle teorie assiomatiche standard per la dipendenza, la transitività è in genere fra i postulati ( (...)

32Le relazioni (a) e (b) congiuntamente implicano (assumendo la transitività della relazione di dipendenza)19 che tanto l’iscrizione quanto l’atto siano condizione necessaria (ma non sufficiente) per l’oggetto sociale. Mentre (c) dice che l’esistenza degli oggetti sociali dipende (genericamente) dai soggetti che hanno una certa relazione con i documenti da cui specificamente dipendono. Quindi, senza soggetti non si avrebbero, in generale, oggetti sociali, ma senza specifici documenti o iscrizioni non ci potrebbero essere specifici oggetti sociali.

33In altri termini, la dipendenza dai soggetti delle entità sociali è “mediata” da entità che sono indipendenti (almeno dopo che sono stati istituiti) dai soggetti stessi: documenti e, più in generale, iscrizioni. Si noti che la dipendenza dell’esistenza e identità degli oggetti sociali da documenti rappresenta un vincolo di natura formale, che lascia aperta la questione dell’esistenza di ulteriori vincoli più materiali o sostanziali sulla costituzione degli oggetti sociali, e lascia ampio spazio alla possibile natura “convenzionale” di molta realtà sociale. La presenza di un’iscrizione svincola l’identità dell’oggetto sociale dall’arbitrio dei “fruitori” di oggetti sociali indipendentemente costituiti, ma non dice nulla riguardo agli eventuali vincoli cui sottostanno i soggetti che partecipano alla “costituzione” dell’oggetto sociale. In generale, una risposta alla questione della dipendenza dell’identità di un oggetto sociale non sempre implica una risposta alla questione della sostanzialità (anche se può “vincolarla” in qualche modo). Sotto questo aspetto, una teoria della documentalità che accetti (a)-(c) è una forma di realismo moderato che non si impegna a nessuna “forza” (se non minima) dei vincoli sulla costituzione degli oggetti sociali. Ma vediamo ora da più vicino le tre relazioni fondamentali.

2.1.1. Dipendenza Oggetto-Documento

  • 20 In quel che segue i riferimenti sono a Smith e Searle 2003.

34Stando alla teoria della documentalità, in particolare alla tesi (a), l’identità degli oggetti sociali dipende dai documenti che vengono stilati negli atti istitutivi, dalle iscrizioni in essi coinvolte, piuttosto che dai contenuti intenzionali di una collettività. Più in generale, l’identità di un oggetto sociale, per esempio un’istituzione come l’Università di Torino, o una valuta come l’Euro, dipende dal contenuto di alcune iscrizioni che sono state preposte a tale ruolo da una collettività. In uno scambio con Smith20, Searle sottolinea come il sussistere di certi fatti istituzionali sia indipendente da qualsiasi contesto – quindi dalla presenza di una collettività disposta a riconoscere un certo status a un oggetto o persona. Un esempio ne sono determinati fatti istituzionali passati. Poniamo che l’ultima partita di campionato Torino-Juventus sia finita 1 a 0. È un fatto istituzionale che il Torino abbia vinto domenica scorsa contro la Juventus, perché partite, vittorie e cose simili richiedono che una collettività si comporti in accordo con la credenza che certi fatti fisici (la palla che supera una linea) contino come fatti sociali (segnare un goal) in certi contesti (le partite di pallone). Eppure, anche se tutti pensassero il contrario della partita di domenica (ossia che abbia vinto la Juventus), ciò non cambierebbe il fatto (istituzionale) che il Torino ha vinto – si tratterebbe piuttosto di una collettività di persone che si sbaglia rispetto a un certo fatto sociale. Ma allora, come fa notare Smith, contrariamente all’ipotesi iniziale di Searle, non per tutte le realtà istituzionali la credenza collettiva che un’entità x abbia un certo status è condizione sufficiente affinché x abbia quello status.

35Smith usa questo esempio per suggerire che, in generale, la classe delle entità sociali per cui la priorità delle credenze collettive non vale è molto più vasta e centrale per la società di quanto sospetti Searle. A me interessa per far notare due cose che riguardano l’identità degli oggetti sociali – piuttosto che per sottolineare il fatto che l’intenzionalità collettiva deve sottostare a vincoli fisici, razionali, e metafisici. Primo: oltre a un vincolo metafisico (l’inalterabilità del passato) su ciò che l’intenzionalità collettiva può e non può istituire, l’esempio mette in luce il fatto che l’intenzionalità collettiva non ha potere (immediato, almeno) su ciò che – in qualche modo – è già stato istituito. L’esempio, in tal senso, è un po’ fuorviante, perché è incentrato sull’istituzionalizzazione di fatti che hanno condizioni di riuscita non banali (riuscire a segnare più goal dell’altra squadra), mentre – a ben vedere – lo stesso vale per fatti istituzionali di qualsiasi tipo. Per esempio, se la settimana scorsa mi sono iscritto al corso di nuoto, anche se oggi tutti (io incluso) credessero che io non sia iscritto a nuoto, ciò non cambierebbe il fatto che io sono iscritto a nuoto (a meno che altri fatti istituzionali siano intervenuti – per esempio, hanno cassato la mia richiesta di iscrizione). Per provare che sono (attualmente) iscritto – contrariamente a quanto tutti credono – basterebbe che qualcuno mostrasse i documenti che lo certificano. Certo, se tutti iniziassero a credere che non basta (e non bastava) fare ciò che ho fatto – compilare un modulo, allegare un certificato medico, e mettere una firma (diciamo) – per essere iscritto a nuoto, allora il mio status presumibilmente cambierebbe. Sempre che non ci sia scritto da qualche parte (come verosimilmente è) che le cose che ho fatto bastano, o almeno bastavano, per iscriversi. Ma questo vale anche nel caso della partita – se tutti iniziassero a pensare che per vincere bisogna (e bisognava) fare almeno due goal (per esempio), allora non si capisce perché la credenza condivisa dalla collettività non possa avere, per Searle, influenza “retroattiva” sullo status dell’evento. A meno che non sia sancito (nuovamente con un’iscrizione di qualche tipo) che le regole sono cambiate, e che quindi le credenze collettive su cosa ci voglia per vincere a calcio sono ora diverse rispetto a una settimana fa. Ma in entrambi i casi non è possibile attribuire a eventi passati uno status, senza che non si tenga memoria (eventualmente tramite documenti) delle condizioni collegate allo status in quel momento del passato (cosa conti come vincere, per esempio). Lo stesso, ovviamente, vale anche per le entità presenti: se c’è un’iscrizione che certifica che un certo oggetto o persona ha un certo status ora, non è sufficiente che tutti credano il contrario, e si comportino di conseguenza, per togliere lo status all’oggetto in questione. Ciò che è determinante per l’identità dell’oggetto sociale, dunque, è un contenuto iscritto – da cui dipende la sua identità a un dato momento nel tempo, e attraverso il tempo. Le regole costitutive che stabiliscono che se capitano certe cose (una palla oltrepassa una linea) ne seguono altre (un goal viene segnato), dunque, istituiscono oggetti sociali solo se (e fintanto che) permangono iscritte su di un supporto di qualche tipo. E il contenuto dell’iscrizione determina l’identità dell’oggetto a scapito di credenze diverse da parte dei soggetti sociali, anche nel caso in cui l’iscrizione sia solo nella memoria, visto che ci si può sbagliare a proposito dei propri ricordi. In tal senso il fatto che il passato non si possa alterare è rilevante per l’identità dell’oggetto sociale (e quindi costituisce un vincolo sulle possibilità di costituire oggetti sociali) solo nella misura in cui si sia disposti a vedere l’immutabilità come una sorta di registrazione “naturale” nella storia del mondo. O, più prosaicamente, si conceda che in linea di principio (quindi indipendentemente dall’esserci accessibile epistemicamente – tramite memoria o scritti) ciò che si era istituito (insieme a ciò che è successo se rilevante – come nel caso della vittoria o sconfitta) è ciò da cui dipende l’identità dell’entità sociale in primo luogo. A tale principio si deroga nel caso di applicazioni “retroattive” di regole e leggi – che non a caso spesso ci suonano un po’ come delle forzature – a meno che non ristabiliscano e risarciscano ciò che era vissuta come un’ingiusta attribuzione o negazione di status. Ma per quanto si possa derogare a tale principio, non è possibile istituire uno status sociale senza una registrazione dell’attribuzione di status, ed è questa registrazione, e non le credenze che la collettività può avere rispetto alle funzioni sociali di un oggetto, ciò che “fa fede” per l’identità dell’oggetto sociale.

  • 21 Si pensi a un topos ricorrente della commedia americana: un uomo passa una notte di follie ed ecces (...)
  • 22 Ovviamente per l’esistenza dell’oggetto non basta l’iscrizione – come dimostra la possibilità di is (...)

36Per illustrare il punto rielaboro un esempio di Ferraris. Immaginiamoci un matrimonio in cui, appena finita la cerimonia, diciamo, poco dopo aver firmato i registri, venga cancellata la memoria dell’accaduto a tutti gli astanti (possiamo pensare a qualcosa tipo il “flash” di Men in Black). Fuori dal Comune nessuno penserebbe che i due fidanzati si sono infine sposati (nemmeno essi stessi). Eppure, se qualcuno scoprisse i documenti, la cosa giusta da dire – sembrerebbe – è che i due credevano di non essere sposati, quando di fatto lo erano. Sembrerebbe bizzarro sostenere che prima di scoprire l’accaduto non erano sposati, e che sono diventati marito e moglie solo quanto si sono scoperti i documenti; piuttosto, i promessi erano sposi pur non sapendolo. Se qualche personaggio attendibile facesse vedere loro una registrazione della cerimonia, gli spiegasse che qualcuno (gli alieni?) ha cancellato la memoria a tutti, e poi gli mostrasse i registri comunali firmati, essi scoprirebbero di essere già sposati. Il loro status di sposi, dunque, dipende unicamente da quell’iscrizione21. La dipendenza degli oggetti sociali dai documenti dotati di contenuto è più forte di qualsiasi credenza e disposizione collettiva, perché solo intervenendo sui documenti si possono fare cambiamenti che coinvolgano l’identità dell’oggetto sociale. Dai documenti costitutivi (statuti, costituzioni ecc.), e non dai contenuti dell’intenzionalità collettiva, dipendono dunque l’esistenza22 e identità degli oggetti sociali.

37L’ipotesi, allora, è che il contenuto dei documenti o iscrizioni in generale da cui un oggetto sociale O dipende specificamente determini le proprietà caratteristiche di O. Strettamente parlando, la dipendenza specifica dell’oggetto sociale dal documento non implica che il suo contenuto determini le condizioni di identità dell’oggetto sociale. L’ipotesi della dipendenza specifica non è però in opposizione a questa ulteriore tesi. Inoltre, il contenuto di un documento è l’unica cosa rilevante per le sue condizioni di identità, dal momento che il supporto fisico non è rilevante (anche se può essere sancito che solo certi supporti sono accettati come validi). Si potrebbe a questo punto obiettare che è una forzatura considerare l’intera vita sociale come dipendente da iscrizioni di qualche sorta. In fondo, non tutto nella nostra vita sociale è formalizzato tramite iscrizioni; molti accordi, promesse e patti nella vita sociale hanno luogo senza che nulla venga messo nero su bianco. E si considerino poi cose come le consuetudini, le mode e le barzellette. Se si tratta anche in questi casi di entità di qualche sorta, tali entità appartengono certamente alla sfera del sociale, ma non sembrerebbero con ciò richiedere una qualche istituzionalizzazione per esistere e avere un qualche effetto. Il fatto di poter venire istituzionalizzate, semmai, è una conseguenza della loro “presa” sociale. Per esempio, la richiesta di riconoscere diritti e doveri alle convivenze non ufficializzate dal matrimonio ha senso solo perché esistono molte persone che, di fatto, convivono senza essere sposate. La risposta, come ci si può aspettare, è che non si tratta di una forzatura nella misura in cui le iscrizioni possono essere contenuti iscritti nella memoria di (almeno due) soggetti. Il fatto che la registrazione possa essere anche solo nella memoria (almeno per realtà sociali poco complesse, date le limitate capacità umane) non deve portarci a confonderla con il contenuto collettivo delle intenzioni che riguardano la stessa parte di realtà sociale. Per esempio, la memoria di un patto sancito fra due persone in presenza di testimoni è qualcosa di diverso dall’intenzione di rispettare il patto, o dal riconoscimento di essere obbligati in un certo modo da quel patto (che a sua volta è qualcosa di distinto dall’intenzione). E per quanto possa sbagliarmi nel ricordare cosa si fosse stabilito è – in linea di principio – quella memoria (e non eventuali contenuti intenzionali collettivi contemporanei o successivi al patto) a stabilire quale sia l’obbligazione che il patto ha fatto nascere e chi coinvolga – a meno di successivi interventi di ratifica.

  • 23 Se le ipotesi di Chalmers e Clark 1998 sulla mente estesa sono corrette, la differenza non va comun (...)

38Certo, potrebbe continuare l’obiezione, per quanto facendo ricorso alle iscrizioni nella memoria interna ai soggetti l’applicazione generale – anche a realtà non istituzionali – della teoria acquisti più plausibilità, rimane un problema di fondo. Fra iscrizioni nella mente delle persone e iscrizioni su pezzi di carta sembrerebbe esserci una differenza sostanziale, tale da rendere la risposta del sostenitore della teoria della documentalità quantomeno sospetta23. In particolare, nei casi in cui la teoria della documentalità prevede che a fondamento di un oggetto sociale vi sia un’iscrizione nella memoria degli individui, essa non sembra poi differire molto da una teoria dell’intenzionalità collettiva (anche accettando che nel caso del documento scritto su di un supporto esterno vi sia una chiara differenza). Questo perché l’iscrizione nella memoria del soggetto sembrerebbe essere qualcosa di molto vicino al contenuto della credenza del soggetto. Ma le cose non stanno così. In primo luogo, perché si possono avere credenze sbagliate riguardo alle proprie memorie. Poniamo che qualcuno prometta di dare a qualcun altro 10 Euro entro due settimane e poi, quando le due settimane scadono, questi creda (sinceramente) di aver promesso di dare 5 Euro, invece che 10. Ovviamente, se non vi è nulla di scritto, non vi sono testimoni, o qualche cosa di registrato, la faccenda è destinata a rimanere irrisolta (o a risolversi per altre vie). Ma il creditore potrebbe infine rendersi conto di essersi sbagliato sull’entità dell’importo, e ammettere che in effetti, anche se non se ne rendeva conto, era obbligato a dargli 10 Euro e non solo 5. L’identità dell’oggetto sociale (essere in debito di 10 Euro) è stabilita da un’iscrizione nella memoria, anche se non era accessibile al soggetto in questione e quindi non poteva venir riconosciuta. In secondo luogo, al di là di cosa uno ricordi o creda di ricordare, in linea di principio ciò che conta è ciò che “davvero si è detto” nell’atto istitutivo. In tal senso l’atto istitutivo è sempre un evento iscrittorio, qualcosa di collegato indissolubilmente a un’iscrizione da cui – in quanto costituisce una potenziale memoria di un certo contenuto – dipende l’identità dell’oggetto sociale. Per quanto riguarda gli oggetti sociali, dunque, la relazione fondamentale di dipendenza di questi ultimi da un’iscrizione non è diversa nel caso dell’iscrizione esterna dal caso del documento propriamente detto. Le memorie (veritiere) di atti sociali, per così dire, non sono che “proto-documenti”. Senza iscrizioni ci sarebbero solo comportamenti collettivi, ma nessuna possibilità di imporre regole su di essi, o di istituire status, diritti e doveri. Si noti, inoltre, che l’evento è sempre “pubblico”, nel senso di coinvolgere almeno due persone, e anche se le memorie sono in un certo senso “private”, è solo in quanto registrazioni di un evento pubblico che esse possono avere valore vincolante per la realtà sociale (ossia istituire oggetti sociali). Ne segue che i documenti “esterni” alla memoria individuale sono supporti più appropriati per l’istituzione di oggetti sociali, perché mantengono pubblica, in un certo senso, la memoria dell’evento istitutivo (di per sé pubblico).

  • 24 O, quantomeno, se ci sono contrasti, questi devono essere circoscritti. Se non riconosco autorità a (...)

39In questa prospettiva, le credenze collettive sullo status di un oggetto sociale, i comportamenti condivisi, hanno piuttosto una funzione di mantenimento della stabilità, nel senso che generalmente devono essere in accordo con ciò che è stabilito dalle iscrizioni24, affinché non si senta il bisogno di cambiare l’istituzione (e quindi di operare cambiamenti su documenti, alla fine). Se il disaccordo sull’esistenza o le proprietà di qualche entità sociale (in particolare la concessione di diritti e doveri) è profondo, ha conseguenze rilevanti, ed è diffuso collettivamente, una parte o tutta la società può sentire il bisogno di intervenire (in modo pacifico o violento) per far morire un oggetto sociale e per farne nascere uno nuovo, o anche solo per modificarne i tratti. Ora, è proprio perché è stato istituito, tramite un’iscrizione (fosse anche solo la memoria di un antico patto) che le cose stanno in un certo modo, che sorge un problema quando tutti o alcuni la pensano diversamente, o anche solo non sono più disposti ad accettare un qualche effetto di tale istituzione. Ed è proprio perché l’identità dell’istituzione dipende dall’iscrizione che – in una situazione del genere – il cambiamento porta a un’alterazione o sostituzione dei documenti fondativi.

2.1.2 Dipendenza Documento-Evento Istitutivo

  • 25 Come già ricordato, Searle distingue atti sociali, per cui è sufficiente l’intervento dell’intenzio (...)

40Sia Smith sia Searle riconoscono l’importanza dei documenti per la dimensione “temporale” degli oggetti sociali. In particolare, i documenti sono entità spesso fondamentali per la conservazione degli oggetti sociali, che – stando alla teoria di Searle – vengono istituiti da atti di intenzionalità collettiva e, nel caso di atti istituzionali, atti basati sull’utilizzo di sistemi simbolici (in particolare il linguaggio)25. Ma, mentre l’atto istitutivo è un evento che generalmente inizia e finisce in un tempo breve, l’iscrizione continua a esistere per un tempo generalmente più lungo, e comunque la sua esistenza è indipendente dalle azioni degli individui che l’hanno prodotta (con l’eccezione di quelle particolari azioni che sono gli interventi di modifica di un documento, o la sua distruzione). Una riunione non può esistere senza persone che agiscono in un certo modo, mentre un documento chiuso in un cassetto continua a esistere anche quando tutti vanno a dormire.

  • 26 In alcuni casi è capitato che si sia falsificato il legame del documento con l’evento istitutivo pe (...)

41Per la teoria della documentalità qui proposta, vi è una dipendenza biunivoca tra l’evento istitutivo, in cui partecipano soggetti, e il documento prodotto. La dipendenza è biunivoca perché se non viene prodotto il documento l’evento non ha luogo (anche se parti di esso possono avere luogo), e se l’evento non ha (completamente) luogo il documento non viene prodotto. L’evento istitutivo, inoltre, è importante perché è in genere rilevante per il contenuto dell’iscrizione e per il suo status di legittimità riconosciuto. Nei casi di alcuni documenti, almeno, il contenuto del documento tende a riflettere una certa volontà o intenzione, che si manifesta nel conferimento di diritti e doveri, da parte di persone dotate a loro volta di autorità pertinente. Questo avviene tanto nel caso di un contratto di affitto e dei testamenti, quanto nel caso di molte leggi26. Ovviamente, una legge che riflette una volontà che non è condivisa da chi ne subisce le conseguenze può costituire un problema. È possibile infatti che la maggior parte dei destinatari la giudichi ingiusta (ossia deviante da un punto di vista normativo) e questo può spingere a voler sostituire o almeno alterare l’iscrizione rilevante. Che in molti casi l’atto costitutivo “debba” riflettere un comportamento e una disposizione diffusa in una collettività perché l’oggetto istituzionale non “rimanga sulla carta”, o ne venga riconosciuta la legittimità, è palese (altrimenti non si spiegherebbero, del resto, i tentativi di influire sull’opinione pubblica). Ma ciò non vuol dire che il contenuto da cui dipende l’identità dell’oggetto sociale sia quello dell’intenzionalità collettiva. Anzi, se fosse necessariamente identico a quello dell’intenzionalità collettiva sarebbero difficili da spiegare i casi in cui ci si scontra contro una qualche istituzione sociale – dalle multe alle rivoluzioni.

42Certamente ci sono molti fenomeni di “abitudini”, “consuetudini” e “mode” che non vengono istituzionalizzati da nessun documento creato durante un evento istitutivo dai confini netti. Questo però non capita per la realtà sociale che diventa istituzione, quella che più spesso ci colpisce come più “esterna” e “indipendente” da noi, e che non dipende dai contenuti collettivi di intenzionalità, anche se può essere in “accordo” con essi. Si potrebbe obiettare che in alcuni casi le consuetudini e gli abiti alterino le caratteristiche centrali di un’istituzione (o almeno di alcune sue parti) e quindi non è escluso che abbiano un’influenza sulla sua identità che “superi” anche quella del documento collegato con l’evento istitutivo. Per fare un esempio drastico: una fondazione istituita per fini non di lucro che si trasforma in una associazione per scopi criminosi.

  • 27 Nota bene: nel caso in cui fin dall’inizio l’associazione sia stata fatta per scopi criminosi, ma s (...)

43Ora, il legame tra che ciò che sta scritto sul documento istitutivo e le caratteristiche di un’istituzione è spesso tutt’altro che rigido. In particolare, le istituzioni sono influenzate dalle particolari realizzazioni che incorporano e possono cambiare (lentamente o velocemente) nel tempo senza che statuti e documenti istitutivi vengano alterati. Si considerino però due cose. Primo, nei casi in cui la trasformazione rifletta un cambiamento di attitudini, si tenderà ad “aggiornare” il documento istitutivo, dal momento che questo può costituire un ostacolo al raggiungimento di ulteriori fini. Secondo, in un caso drastico come quello di un’istituzione a scopo benefico che, nel giro di pochi anni e senza che il suo statuto venga sostanzialmente modificato, si trasformi di fatto in una associazione a scopo criminale, diremmo che la sua natura è stata tradita27. In generale, dunque, se c’è una discrepanza tra atteggiamenti, disposizioni, comportamenti tenuti all’interno di un’istituzione e il contenuto del suo documento istitutivo, l’atteggiamento può essere o di modificare il documento, o di modificare il comportamento. Quale sia l’opzione da scegliere nei vari casi può essere materia di disputa (anche violenta).

44Questi sono gli effetti indiretti che le consuetudini e le abitudini “non scritte” possono avere sull’identità di un’istituzione. Una teoria della documentalità può forse anche accettare una forma di effetto più diretto sulle istituzioni da parte di abitudini e costumi, ammettendo l’ipotesi che “usi” o “atteggiamenti” sedimentati (quindi memorie) si sostituiscano o si aggiungano alle iscrizioni istitutive di una realtà sociale. Per la teoria della documentalità, però, tali alterazioni rimangono comunque “in bilico” tra l’essere ufficializzate tramite modifiche del documento istitutivo e l’accusa di essere “tradimenti” o “falsificazioni” dell’istituzione, o, più semplicemente, mancanze nei confronti dei doveri e diritti attribuiti (si pensi ai casi normalmente detti – in modo significativo – di “malcostume”: un ufficio che non funzioni in modo efficiente, un governo che crei molti scontenti ecc.). E, ciò che qui è più importante, l’unico modo di modificare le caratteristiche dell’istituzione rimane comunque utilizzare iscrizioni che si sovrappongano o si “mescolino” all’iscrizione originaria.

2.1.3 Dipendenza Documenti-Soggetti

45La teoria della documentalità qui presa in considerazione è una forma di realismo moderato: l’esistenza degli oggetti sociali dipende dall’esistenza di soggetti dotati di stati mentali e capacità intenzionali. La dipendenza degli oggetti sociali dai soggetti è però solo generica: ciò che si richiede alla collettività è un generico riconoscimento della validità dei documenti rilevanti, o, meglio, di ciò che il loro contenuto sancisce. La dipendenza degli oggetti sociali dai documenti, invece, è specifica: ciò che è rilevante per l’identità di una data istituzione è il contenuto del documento che la istituisce (e delle successive iscrizioni che interferiscono con esso).

46Un’obiezione che non abbiamo ancora affrontato, ma a cui la teoria della documentalità nella forma qui proposta può forse sembrare di stare offrendo via via più il fianco, riguarda la relazione tra documenti e riconoscimento collettivo. Per quanto detto nel paragrafo precedente, iscrizioni diverse da un documento che “ufficialmente” istituisce un oggetto sociale possono influire sull’identità dell’oggetto sociale stesso, solo se la collettività di persone coinvolte dall’oggetto sociale in qualche modo riconosce la validità di queste altre iscrizioni – anche solo mostrando disposizioni e comportamenti che rispondono al contenuto di queste nuove iscrizioni. Le cose sembrerebbero stare così, però, anche per i documenti istitutivi originari, e quindi ogni iscrizione, per avere un effetto sociale, sembra dover essere accompagnata da una forma di riconoscimento collettivo. Ma questo non vuol dire, in fin dei conti, che affinché le iscrizioni di cui parla la teoria della documentalità stiano a fondamento delle corrispondenti istituzioni debbano essere sostenute da contenuti intenzionali (nel senso in cui ne parla la teoria di Searle) corrispondenti?

47Il problema può essere formulato in modo forse più incisivo nel modo seguente. Stando alla teoria della documentalità, ogni oggetto sociale dipende specificamente dal documento che lo istituisce. Ciò non vuol dire che l’esistenza e l’identità di un’istituzione risiedano meramente in macchie di inchiostro su di un pezzo di carta. L’identità di un documento, sia attraverso il tempo, sia sincronicamente, è determinata dal suo contenuto, piuttosto che dal supporto fisico usato. Le condizioni di identità di un documento, però, non coincidono né con le condizioni di identità del suo supporto fisico, né con quelle del suo contenuto. Un documento richiede l’esistenza di un qualche supporto materiale (ne dipende genericamente), anche solo la memoria, ma lo stesso documento può esistere in supporti materiali diversi, e presumibilmente sopporta “manipolazioni” di vario genere, sia per quel che riguarda il supporto stesso (successive sostituzioni, co-localizzazione in più copie “autenticate”), sia per quel che riguarda il contenuto o il suo modo di presentazione (ratifiche, eliminazione o modifica di parti, traduzioni in lingue diverse). In generale, l’identità di un documento solleverà problemi filosofici, ma questi problemi riguardano l’identità di oggetti fisici e di contenuti proposizionali in generale e non sono urgenti per la teoria della documentalità – la quale può rifarsi a una nozione intuitiva e preteorica di identità di un documento.

48Il problema che l’individuazione dei documenti tramite il loro contenuto pone alla teoria della documentalità è, piuttosto, un altro. Un documento può avere un contenuto solo sullo sfondo di certe capacità delle persone che interagiscono con esso. In particolare, capacità linguistiche. In tal senso il contenuto dipende genericamente dall’esistenza di una collettività in grado di comprendere certe iscrizioni come dotate di un dato significato. Il contenuto di un documento, dunque, sembrerebbe essere qualcosa che esiste solo nella misura in cui viene collettivamente riconosciuto e attribuito a un certo fenomeno fisico (le macchie sulla carta, le onde sonore). Ma allora, visto che per la teoria della documentalità ciò che è rilevante in un documento è il suo contenuto, l’identità degli oggetti sociali finisce per dipendere dagli atteggiamenti intenzionali collettivi, e nuovamente sorge il rischio di minimizzare le differenze tra l’ipotesi su ciò che fonda gli oggetti sociali avanzata dalla teoria della documentalità (iscrizioni) e quella della teoria dell’intenzionalità collettiva (contenuti intenzionali).

49Occorre essere molto precisi qui sulla natura della dipendenza tra soggetti e documenti. Come ricordato all’inizio del paragrafo, il rapporto tra l’evento istitutivo e il documento, da un lato, e i soggetti dotati di stati intenzionali, dall’altro, è di dipendenza generica. Di quale “genere” stiamo parlando, però? Ovviamente, non del genere soggetto semplicemente, poiché chiaramente non basta che persone e supporti fisici di iscrizioni condividano lo stesso mondo perché nasca una realtà sociale. Se ci fossero, nascoste sotto terra, delle pietre su cui una civiltà passata avesse iscritto i principi guida delle proprie istituzioni in un mondo abitato da uomini, non per questo avremmo gli oggetti sociali corrispondenti. Tali “documenti” non sarebbero che oggetti fisici su cui camminiamo e sopra cui costruiamo case e strade. Come già accennato, una condizione minima ulteriore è che esistano delle persone che interagiscano con essi sulla base di uno sfondo di capacità linguistiche che le metta in una posizione di comprendere il contenuto del documento. Ma anche questa condizione minima non basta, perché non ogni tipo di interazione è sufficiente per avere un oggetto sociale, e quindi va ulteriormente specificata. Si pensi a una congregazione medievale che non conta più membri e di cui si ritrovi dopo un millennio il documento istitutivo.

  • 28 Visto che, nell’esempio precedente, assumiamo che la congregazione non esista più, ci si può chiede (...)
  • 29 Contrariamente, almeno in parte, a quanto pensa Thomasson 2003.

50Le persone che lo scoprono, anche se ne capiscono perfettamente il contenuto e magari sono storici che iniziano a studiarlo, non determinano con ciò il ritorno in vita della società. E, questo, perché non sono disposte ad assumere i ruoli e riconoscere i diritti e doveri che il contenuto del documento sancisce (in esso, inoltre, si può far riferimento implicito ad altre istituzioni che non esistono più – e in tal caso è di fatto impossibile istituire nuovamente quella congregazione). Non basta quindi che vi siano persone che in qualche modo interagiscono con le iscrizioni: essi devono interagire nella maniera appropriata, ossia devono essere disposte a riconoscere il contenuto dei documenti rilevanti come vincolante per le loro attività sociali28. È vero, dunque, che un documento ha un “valore sociale” solo sullo sfondo di un riconoscimento collettivo, ma il riconoscimento collettivo ha una funzione generica. Ci devono essere persone disposte a riconoscere la validità del documento. Ossia persone disposte a riconoscere che il contenuto che determina l’identità dell’oggetto sociale sta nel documento, ma non occorre che esse intrattengano il contenuto intenzionale corrispondente. Ed è per questo che il contenuto iscritto nel documento è più importante, ossia più vincolante, che non il riconoscimento, anche collettivo, di una funzione di status. Perché qualcuno abbia un ruolo sociale, per esempio, è necessario che una collettività sia disposta a riconoscerlo una volta che le caratteristiche peculiari del ruolo siano state certificate – ossia esista un documento che certifichi che quella persona ha quel ruolo. Non c’è però bisogno che la collettività, tutti o la maggioranza di un certo gruppo di persone, abbia alcuna credenza specifica nei confronti delle funzioni o dello status collegati a quel ruolo – ciò che importa è che siano disposti a reagire in certi modi appropriati con il documento che lo attribuisce alla persona in questione. In generale, l’esistenza di istituzioni richiede che esistano soggetti che siano disposti a riconoscere le funzioni che il documento da cui l’istituzione dipende prevede: ossia accettare che l’iscrizione stabilisce attribuzioni di diritti, doveri, e di poteri ai soggetti e agli oggetti coinvolti. La dipendenza da documenti dell’identità degli oggetti sociali ha come conseguenza che questi spesso non risultino trasparenti alla collettività che coinvolgono29. Questo non dovrebbe sorprendere, dal momento che esiste molta realtà istituzionale di cui non siamo a conoscenza, e contro cui può capitare di scontrarsi (ossia di subirne gli effetti) anche senza che questa sia “incorporata” in qualche insieme di disposizioni e comportamenti – a parte la disposizione ad accettare certi documenti come vincolanti.

  • 30 Ringrazio Luca Morena per aver esplicitamente sollevato questa critica, in conversazione.

51A questo punto, però, si potrebbe obiettare che, presa alla lettera, la teoria della documentalità qui prospettata sminuisce troppo il ruolo del riconoscimento collettivo30. In molti casi, se al documento non si accompagna la disposizione ad agire in certi modi, e non solo la disposizione generica ad accettare i vincoli sui nostri comportamenti istituiti dai documenti rilevanti, non è chiaro che l’istituzione sociale esista davvero. Sembrerebbe piuttosto che in questi casi si possa, al più, parlare di una “esistenza formale” – come quando di un matrimonio si dice che “esiste ormai solo sulla carta”, quando due persone (ancora) legalmente sposate non hanno più una relazione coniugale. E non è chiaro se parlare di “esistenza” qui vada preso alla lettera o sia piuttosto un parlare metaforico. Perché non ammettere, allora, che l’identità dell’istituzione è sì vincolata dai documenti che la sanciscono, ma la sua esistenza non dipende solo genericamente dall’esistenza di persone disposte a interagire in un certo modo con il documento, bensì da un contenuto dell’intenzionalità collettiva – un contenuto che deve (come norma generale) essere abbastanza simile a (certe parti del) contenuto del documento? Insomma, perché non relegare il ruolo del documento a quello di una codifica e accettare nella sostanza la teoria dell’intenzionalità collettiva come fondamento della realtà sociale? Non penso che questa sia una soluzione percorribile, perché il ricorso all’intenzionalità collettiva, almeno nel caso di strutture sociali complesse è problematico, e non è chiaro che possa risolvere davvero questa questione.

  • 31 Ed è anche implausibile che ci sia una “divisione del lavoro intenzionale” nella società, con diver (...)
  • 32 Searle 1995: 47.
  • 33 Si ricordi che per Searle ciò che rende collettivo un atto intenzionale individuale è la sua forma (...)
  • 34 Searle 1995: 96-8.

52Il problema dell’intenzionalità collettiva non è quello di stabilire che cosa sia esattamente. Searle giustamente fa notare che l’intenzionalità collettiva non è meno “nella testa” di quella individuale: ciò che la differenzia da quella individuale è piuttosto la sua forma. Se caratterizziamo i contenuti intenzionali con espressioni linguistiche, la forma di un atto di intenzionalità collettiva è ‘noi intendiamo…’, piuttosto che ‘io intendo…’. Nemmeno la sua forma, dunque, è problematica – nella misura in cui capiamo l’uso del pronome ‘noi’. Il problema è piuttosto che, presa alla lettera, una teoria che fonda i fatti istituzionali su credenze collettive ha delle conseguenze altamente implausibili riguardo ai contenuti di tali credenze – almeno non appena andiamo a esaminare un po’ più a fondo gli esempi. È altamente implausibile sostenere che la maggior parte delle persone di una società intrattenga credenze, per quanto solo nella forma di disposizioni e capacità (adeguatamente descritte da tali contenuti), su tutti o sulla maggior parte dei ruoli, istituzioni e, in generale, funzioni sociali di ogni (genere di) elemento della società31. Eppure, se la funzione sociale è una conseguenza di una attribuzione collettiva di funzione, non si capisce come potrebbe essere altrimenti. Si noti che una credenza generica – per esempio sull’esistenza di molti ruoli di cui non sono a conoscenza, ma che sono garantiti da istituzioni a cui riconosco una determinata funzione – di per sé non basta. Non basta perché non si spiegherebbe “dove sono” e come possono essere specificati i contenuti che risultano vincolanti per il mio comportamento. Ma, allora, se non la possiamo prendere alla lettera, l’intenzionalità collettiva non è quell’entità innocua che prometteva di essere (uno stato mentale soggettivo che si può caratterizzare come un ‘noi intendiamo…’), bensì un tocco di bacchetta magica32 che istituisce le caratteristiche di ogni entità sociale indipendentemente dai contenuti individuali di intenzionalità collettiva33. Il problema non è il fatto che la gente spesso pensa cose molto diverse riguardo al perché certe funzioni di status sono riconosciute collettivamente. Searle riconosce in vari punti che la gente possa pensare cose molto diverse al riguardo, ma congiuntamente alle diverse cose che pensa deve pur sempre intrattenere la credenza che una determinata funzione sociale sia attribuita: le più svariate teorie sull’autorità regale non intaccano lo status del re, ma se la collettività smette di credere che il re abbia autorità, per Searle, il re smette di avere autorità34.

53Non appena, dunque, andiamo al di là della comunità di poche persone, o dei quattro amici che giocano a briscola, e ci dirigiamo verso un mondo pieno di ministri, professori, vice-direttori, vigili, consiglieri comunali, denaro, cambiali, titoli immobiliari e quant’altro, la teoria dell’intenzionalità collettiva mostra il suo lato debole e inizia ad assumere i connotati dello spirito oggettivo hegeliano. A ben vedere, essa fa già acqua nel caso della promessa, perché – come nota Ferraris – senza registrazione nella memoria del contenuto (memoria come proto-documento) nessun atto linguistico è sufficiente a far nascere un’obbligazione. Ma non appena andiamo in un mondo più complesso, l’idea di una memoria individuale diffusa che mappi l’intero mondo di ruoli e loro relazioni reciproche diventa decisamente implausibile. L’apparenza di plausibilità è data dal fatto che l’idea misteriosa di una memoria collettiva in qualche modo “esterna” agli individui si insinui ogni volta che l’ipotesi che vi siano credenze collettive condivise risulti insostenibile, e “puntelli” l’idea che l’intenzionalità collettiva sia il fondamento dei fatti sociali. Ma questa ipotesi “di sostegno” rappresenta, più che il passaggio dal fisico al sociale, il passaggio dalla padella alla brace – ossia, dal punto debole della teoria a una tesi palesemente falsa.

3. Istituzioni e intenzioni

  • 35 Cfr. supra 1.3.1 e 2.1.2, n. 25.
  • 36 Cfr., per esempio Ferraris 1997, La prima tesi è ispirata alla filosofia di Derrida; mentre la seco (...)

54Una volta che formuliamo la documentalità in termini di dipendenza degli oggetti sociali da iscrizioni – documenti in primo luogo – diventa ovvio come una conseguenza della teoria sia che ogni manifestazione della realtà sociale appartiene alla sfera che Searle definirebbe “istituzionale”35. Dal punto di vista di una teoria che vede la realtà sociale come emergente a partire dalle intenzioni di una collettività, questa situazione appare come un ribaltamento dell’ordine delle cose. La teoria dell’intenzionalità collettiva attribuisce un ruolo alle iscrizioni e ai documenti solo sulla base di un ruolo più fondamentale e pervasivo delle intenzioni collettive. Alcuni oggetti sociali – certamente molto importanti nelle società complesse e sviluppate – richiedono l’uso di iscrizioni e codificazioni per poter esistere e avere un’effettiva presa sociale. Le istituzioni, in un certo senso, arrivano dopo che i comportamenti intenzionali hanno già istituito una realtà sociale “di base”. Solo su questa base “informale” di riconoscimento collettivo è possibile – grazie in primo luogo alle potenzialità simboliche del linguaggio e, in secondo luogo, alla precisione e permanenza della scrittura – costruire realtà complesse come le corporation e gli istituti di credito. La teoria documentale, dunque, considera erroneamente una sottoclasse degli oggetti sociali, quella degli oggetti istituzionali, come la categoria più onnicomprensiva di oggetti sociali; dal punto di vista della teoria dell’intenzionaltà collettiva essa appare – per trovare un’etichetta – una forma immotivata di “omni-istituzionalismo”. Abbiamo già cercato di rispondere a tale obiezione, difendendo la plausibilità che le iscrizioni abbiano un ruolo costitutivo nei confronti degli oggetti sociali anche dove questo sembrava più dubbio. Per ripetere ancora una volta l’idea di fondo: senza memoria del contenuto dell’evento istitutivo – ossia dell’attribuzione di obblighi, doveri e poteri – realizzata in una iscrizione almeno potenzialmente condivisibile, non c’è istituzione dell’oggetto sociale. Ora, l’autore che per primo ha sviluppato una teoria articolata della documentalità, Maurizio Ferraris, elabora le sue riflessioni sul ruolo dei documenti e delle iscrizioni nella realtà sociale sullo sfondo di due tesi generali: (i) la memoria è a fondamento dell’intenzionalità (e in genere di tutta l’attività psichica conscia o inconscia), e (ii) la memoria è una facoltà fondamentalmente di tipo scrittorio36. Sicuramente difendere l’idea che fenomeni intenzionali non possono prescindere da fenomeni mnemonici è un modo per difendere la teoria della documentalità dall’obiezione sopra riportata. Ma le tesi centrali della documentalità possono essere difese anche indipendentemente da questa tesi generale, almeno nelle sue letture più forti.

  • 37 Anche se forse potrebbero esistere in un mondo di “intenzioni istantanee”, che però sarebbe plausib (...)
  • 38 Qui, ovviamente, “ricordare x per il periodo T” implica solo poter accedere al ricordo di x durante (...)
  • 39 IV Seminario della Scuola di Alta Formazione Filosofica - Maggio 2008, Torino.
  • 40 Mi sembra che qui Searle, però, continui a non vedere come lo stesso ragionamento si applichi a tut (...)
  • 41 Si noti che se assumiamo che intenzioni e iscrizioni non possano congiuntamente istituire oggetti s (...)
  • 42 Che cosa stabilisca la validità è un’ulteriore questione che la teoria deve affrontare e che qui no (...)

55Vi sono almeno due modi di specificare l’idea stando a cui gli oggetti sociali dipendono specificamente da iscrizioni di qualche genere – comprese le iscrizioni nella memoria di più persone. La prima lettura, “debole”, è compatibile con la teoria dell’intenzionalità collettiva, e anzi è implicata da essa – almeno se facciamo alcune plausibili assunzioni. Stando alla lettura debole, senza attività mnemoniche di qualche tipo – ricordi “nella testa” delle persone, documenti nei cassetti degli uffici, o file negli hard disk dei computer – gli oggetti sociali non potrebbero mantenersi in esistenza nemmeno per un istante (e quindi, in ultima analisi, non esisterebbero)37. Dal momento che un corollario della teoria dell’intenzionalità collettiva è che gli oggetti sociali per poter essere istituiti e continuare a esistere hanno bisogno del riconoscimento collettivo, assumendo (alquanto plausibilmente) che, per poter riconoscere un’entità x per un intervallo di tempo T, occorre ricordare x per il periodo T 38, risulta evidente che anche per la teoria dell’intenzionalità collettiva la memoria è una condizione necessaria per l’esistenza della società. Ma questo, ovviamente, non è in nessun modo un controargomento alla teoria, in quanto non è una conseguenza né implausibile di per sé (sembra anzi banale), né è in contrasto con altre parti della teoria. Del resto, durante una recente conferenza39, Searle ha riconosciuto questa implicazione. Inoltre, fatto decisamente più rilevante, ha riconosciuto che il ruolo meramente epistemico (di indicatori di status) che riconosceva ai documenti nella Costruzione della realtà sociale era troppo limitativo. Stando alla sua “nuova” posizione (che in parte viene suggerita, ma mai esplicitamente, nello scambio con Smith, cfr. Searle 2003), almeno per quel che riguarda i termini “Y indipendenti” come le corporation e il denaro “virtuale”, le iscrizioni hanno un ruolo pienamente costitutivo. Il motivo è che le rappresentazioni di attribuzioni di potere (che stanno alla base dell’esistenza di corporation e denaro “virtuale”) per quanto non debbano necessariamente riferirsi a un oggetto (reale) come nel caso delle banconote, devono comunque possedere realtà fisica – essere appunto rappresentazioni iscritte da qualche parte40. Le seconda lettura, “forte”, è la tesi centrale della documentalità, e non è compatibile con la teoria dell’intenzionalità collettiva. Stando alla lettura forte, ogni particolare entità sociale dipende specificamente da un’iscrizione ovvero dalla memoria. La lettura forte implica quella debole, ossia implica che la capacità di ricordare e di iscrivere sia condizione necessaria per l’esistenza della società, ma non ne è implicata. Ciò che contraddistingue la lettura forte, dunque, è la dipendenza specifica di ogni oggetto sociale da un’iscrizione che ne delimita (non necessariamente in maniera non vaga in ogni sua parte) le caratteristiche vincolanti per le persone e le cose coinvolte41. In primo luogo, dunque, l’iscrizione da cui l’oggetto sociale dipende è distinta dal contenuto intenzionale collettivo. Questo vale anche nei casi in cui la distinzione è più sottile, come i casi “informali” che non prevedono iscrizioni esterne, ma solo nella memoria dei partecipanti. Anche in questi casi il contenuto vincolante è in un certo senso “esterno”, perché non necessariamente trasparente, all’intenzionalità dei partecipanti (come dimostra la possibilità di sbagliarsi sul contenuto del ricordo vincolante). In secondo luogo, il riconoscimento collettivo individua l’iscrizione vincolante, ossia valida, ma, appunto perché l’oggetto sociale non è dipendente da essa, il riconoscimento collettivo non determina il suo contenuto, ossia non determina che cosa viene vincolato e come viene vincolato – anche se, come abbiamo sottolineato prima, il consenso è importante per il mantenimento, e inoltre la “lettura” del contenuto richiede capacità intenzionali. In altri termini, per la teoria della documentalità i vincoli che la società impone sul comportamento collettivo sono determinati sempre da un’iscrizione che è almeno in linea di principio distinta dal contenuto intenzionale collettivo degli individui, ma che deve essere sancita collettivamente come valida e vincolante42.

  • 43 C’è un senso in cui è perfettamente sensato e innocuo parlare di “omni-istituzionalismo” per la doc (...)
  • 44 La teoria della documentalità, in altri termini, non necessariamente si accompagna all’idea, che se (...)

56Il ruolo delle intenzioni e del linguaggio, dunque, non è centrale nella teoria della documentalità per l’istituzione della realtà sociale. La realtà istituzionale per la teoria dell’intenzionalità collettiva è fatta essenzialmente di linguaggio. Per la teoria della documentalità, invece, le iscrizioni e le memorie non sono necessariamente collegate al linguaggio (anche se per entrambe le teorie nel caso delle realtà sociali più complesse il ricorso a forme linguistiche sembra inevitabile). In un certo senso, la teoria pone un limite al riconoscimento collettivo e all’attribuzione collettiva di funzioni e poteri, o meglio lo relega a un ruolo diverso, costitutivo della realtà sociale solo in un senso generico e non specifico. Ovviamente, il fatto che all’intenzionalità “si siano sostituiti” i documenti come fondamento della realtà sociale non vuol dire che le iscrizioni posseggano il potere “magico” di far nascere qualsiasi oggetto sociale in qualsiasi circostanza. Anzi, in un certo senso la lezione da trarre va in senso contrario. Il vincolo formale dell’iscrizione o della fissazione in memorie non è l’unico “ostacolo” all’intenzionalità collettiva. Altri fattori materiali sono normalmente in gioco, come l’uso della forza, o il controllo effettivo delle ricchezze. Ed è per questo che l’accusa di “omni-istituzionalismo” manca il bersaglio43. Mentre la teoria dell’intenzionalità collettiva rischia di sottovalutare tali fattori, “sottomettendoli” invariabilmente ad attribuzioni collettive di status, all’interno di una cornice come quella descritta dalla teoria della documentalità è possibile vedere più chiaramente il ruolo e la rilevanza di ogni specifico vincolo materiale nella costituzione della realtà sociale44.

Torna su

Bibliografia

Barker, R.G.

– 1968, Ecological Psychology. Concepts and Methods for Studying the Environment of Human Behaviour, Stanford, Stanford University Press

Chalmers, D. e Clark, A.

– 1998, The Extended Mind, “Analysis”, 58:10-23

Correia, F.

– 2005, Existential Dependence and Cognate Notions, München, Philosophia De Soto, H.

– 2000, The Mystery of Capital: Why Capitalism Triumphs in the West and Fails Everywhere Else, New York, Basic Books

Fine, K.

– 1995, Ontological Dependence, “Proceedings of the Aristotelian Society”, 95: 269-290 Goodman, N.

– 1968, Languages of Art: An Approach to a Theory of Symbols, Indianapolis, Bobbs-Merrill Ferraris, M.

– 1997, Estetica Razionale, Milano, Cortina

– 2005, Dove sei? Ontologia del telefonino, Milano, Bompiani

– 2007, Sans Papier, Roma, Castelvecchi

Reinach, A.

– 1913, Die apriorischen Grundlagen des bürgerlichen Rechtes, “Jahrbuch für Philosophie und phänomenologische Forschung”, 1; tr. ingl. di J. Crosby, The A Priori Foundations of Civil Law, «Aletheia», 3, 1983, 1-142

Searle, J.

– 1995, The Construction of Social Reality, New York, Free Press

– 2003, Reply to Barry Smith, in Smith e Searle 2003

Simons, P.

– 1987, Parts, Oxford, Oxford University Press

Smith, B.

– 1999, Les objects sociaux, “Philosophiques”, 26: 315-347; vers. ingl. Social Objects (http://ontology.buffalo.edu/socobj.htm)

– 2003a, John Searle: From Speech Acts to Social Reality, in John Searle, Cambridge, Cambridge University Press: 1-33

– 2003b, The Ontology of Social Reality, in Smith e Searle, 2003

– 2006, Document Acts (http://ontology.buffalo.edu/document_ontology/)

Smith, B. e Searle, J.

– 2003, The Construction of Social Reality - An Exchange, “American Journal of Economics and Sociology”, 62, 1: 283-309

Sutton, J.

– 1998, Philosophy and Memory Traces: Descartes to Connectionism, Cambridge, Cambridge University Press

Thomasson, A.

– 2002, Foundations for a Social Ontology, “Protosociology: An International Journal of Interdisciplinare Research”: 18-19

Toumela, R.

– 1995, The Importance of Us: A Philosophical Study of Basic Social Notions, Stanford, Stanford University Press

Varzi, A.C.

– 2007, Il denaro è un’opera d’arte (o quasi), “Quaderni dell’Associazione per lo Sviluppo degli Studi di Banca e Borsa”, 24: 17-39

Torna su

Note

1 Reinach 1913.

2 Sulla teoria delle unità fisico comportamentali e i suoi sviluppi, vedi Smith 1999 e 2003a. Sul testualismo debole vedi Ferraris 2005.

3 Varzi 2007 sviluppa, a partire da Searle 1995 e appoggiandosi alla teoria dell’opera d’arte di Nelson Goodmann 1968 una visione anti-realista dell’ontologia sociale.

4 Ovviamente un oggetto (sociale o fisico) avrà sempre anche delle proprietà che, banalmente, dipendono dall’esistenza di soggetti, per esempio le proprietà “converso-intenzionali”, come essere pensato da qualcuno. Il punto qui è che, per il realista, non tutte le proprietà di un oggetto sociale sono di questo tipo.

5 L’olismo sociale globale è una tesi più forte della tesi per cui i concetti sociali rimandano olisticamente l’uno all’altro (Searle 1995). Ammettere che per definire i vari tipi di entità sociale dobbiamo sempre far ricorso a entità sociali di qualche tipo (per esempio, per definire cosa sia il “denaro” occorre far ricorso alle nozioni di “vendita” e di “acquisto”, così come per definire un “padre” occorre far ricorso alla nozione di “figlio”), non implica – di per sé – che l’identità di un oggetto sociale dipende da quella di tutti gli altri. Anche se non mi sembra che quest’ultima tesi (l’olismo sociale globale) sia mai stata esplicitamente avanzata, tesi più moderate rischiano talvolta di avvicinarvisi, per cui ho ritenuto utile formulare e criticare l’ipotesi esplicitamente.

6 Vedi Searle 1995. Più precisamente, il fondamento dell’oggetto sociale sono disposizioni, capacità e comportamenti collettivi dei soggetti, che sono adeguatamente descritti dall’attribuzione collettiva di tali contenuti intenzionali.

7 Per ripetere ancora l’esempio di Searle: il re ha autorità perché una collettività gliela attribuisce, e indipendentemente dal fatto che – magari – alcuni gliela attribuiscono per convenienza, altri perché credono che derivi da dio, altri ancora per lealtà e così via. In ciò che segue, con “contenuti (dell’intenzionalità collettiva)” intenderò rappresentazioni mentali descrittivamente adeguate nel senso (1) e rilevanti nel senso (ii). Ovviamente anche contenuti esplicitamente rappresentati possono essere (e quasi sempre sono) descrittivamente adeguati.

8 Nuovamente, intrattenere una credenza con un certo contenuto qui può anche voler solo dire avere disposizioni, capacità e comportamenti adeguatamente descrivibili nei termini del contenuto in questione.

9 Cfr. Smith 1999.

10 La definizione qui usata è in una versione piuttosto “grossolana”, ma sufficiente per quello che segue. Sulla nozione di dipendenza vedi Simons 1987, Fine 1995 Correia 2005.

11 Cfr. Barker 1968.

12 Cfr. Smith 2003b.

13 Si veda soprattutto Smith e Searle. Per una critica al convenzionalismo di Searle, e al suo legame con la centralità del linguaggio nella sua teoria, si veda Ferraris 2005.

14 Tanto che Varzi 2007 “ricava” una posizione esplicitamente anti-realista interpretando quest’ultima tesi come la tesi per cui le entità sociali non sono che entità fisiche descritte (contestualmente) in una certa maniera.

15 Smith 2006. Un documento, nella teoria di Smith, può essere visto come la registrazione di una attribuzione di status su di un supporto fisico pubblicamente accessibile.

16 In questo la teoria degli atti documentali non contraddice la precedente affermazione di Smith stando a cui «the status functions and deontic powers by which our social world is pervaded do after all depend in every case on quite specific attitudes of the participants in given institutions» (Smith 2003a: 33).

17 Per una critica a questo presupposto, si veda Ferraris 2007.

18 Cfr Ferraris 2005. Questi sono gli aspetti della teoria di Reinach che vengono inglobati nella teoria di Ferraris. Va fatto notare che i vincoli metafisici che ha in mente Ferraris sono principalmente vincoli legati alla costituzione fisica degli oggetti e soggetti coinvolti: «[…] l’idea di fondo è per l’appunto che nell’approccio con gli oggetti sociali abbiamo a che fare con dimensioni spaziali e temporali che orientano e limitano la forza della convenzione. I contratti, le leggi, gli affitti, le monete risultano condizionati, più profondamente che dalla volontà dei contraenti, dalla forma immanente dell’oggetto sociale, e da coordinate spazio-temporali che hanno a che fare con il nostro rapporto con l’ambiente circostante» (Ferraris 2005: 188).

19 Nelle teorie assiomatiche standard per la dipendenza, la transitività è in genere fra i postulati (o come conseguenza immediata). Si veda Simons 1987, Fine 1995.

20 In quel che segue i riferimenti sono a Smith e Searle 2003.

21 Si pensi a un topos ricorrente della commedia americana: un uomo passa una notte di follie ed eccessi a Las Vegas, si risveglia al mattino in un letto sfatto e a fianco di una donna che ha un certificato di matrimonio stretto in mano. Ora, appena sveglio l’uomo può intraprendere tutta una serie di comportamenti che non possono essere descritti adeguatamente come la credenza che la donna sia sua moglie, ma anzi rispecchiano piuttosto la credenza opposta – e così possono fare i suoi amici (che conoscono la sua “vera” fidanzata, e non hanno mai visto quella donna con lui) e chiunque altro. Ma ciò non toglie che una volta visto il certificato di matrimonio (e magari la registrazione filmata della coppia barcollante davanti al cerimoniere), non rimane che prendere atto che – contrariamente a tutte le apparenze – l’uomo e la donna sono sposati.

22 Ovviamente per l’esistenza dell’oggetto non basta l’iscrizione – come dimostra la possibilità di iscrizioni fisicamente indistinguibili da documenti attuali in mondi senza uomini, o in scenari in cui gli uomini interagiscono in maniera inappropriata con essi. Ma, come cercherò di mostrare in seguito, non è richiesta una accettazione collettiva di un contenuto del tipo richiesto dalla teoria dell’intenzionalità collettiva, quanto piuttosto un generico riconoscimento di dover agire in conformità al contenuto dei documenti rilevanti.

23 Se le ipotesi di Chalmers e Clark 1998 sulla mente estesa sono corrette, la differenza non va comunque esagerata.

24 O, quantomeno, se ci sono contrasti, questi devono essere circoscritti. Se non riconosco autorità a un vigile o a un poliziotto in un caso specifico, perché penso stia abusando del suo ufficio, non per questo non riconosco autorità alle forze dell’ordine in generale.

25 Come già ricordato, Searle distingue atti sociali, per cui è sufficiente l’intervento dell’intenzionalità collettiva, dai più specifici atti istituzionali, che sono atti sociali in cui giocano un ruolo costitutivo i sistemi di rappresentazione simbolica – in primo luogo il linguaggio.

26 In alcuni casi è capitato che si sia falsificato il legame del documento con l’evento istitutivo per falsificare la legittimità del documento stesso. La “Donazione di Costantino”, per esempio, certificava una cessione di proprietà e un conferimento di poteri che non ha mai avuto luogo.

27 Nota bene: nel caso in cui fin dall’inizio l’associazione sia stata fatta per scopi criminosi, ma sulla base di uno statuto che dice tutt’altro, ne parleremmo come di una truffa. Inoltre, è perfettamente coerente anche con ciò che dirò nel paragrafo successivo che in tali casi l’oggetto sociale che il documento istituirebbe se ci fossero persone disposte a interagire nei modi “giusti” con esso, non esiste – piuttosto, ne esiste un altro che dipende da tracce mnemoniche.

28 Visto che, nell’esempio precedente, assumiamo che la congregazione non esista più, ci si può chiedere: quando ha cessato di esistere? Grossomodo, quando non ci sono più persone potenzialmente disposte a interagire con il suo documento istitutivo nei modi appropriati. Questo può comportare una certa vaghezza nei confini temporali dell’istituzione.

29 Contrariamente, almeno in parte, a quanto pensa Thomasson 2003.

30 Ringrazio Luca Morena per aver esplicitamente sollevato questa critica, in conversazione.

31 Ed è anche implausibile che ci sia una “divisione del lavoro intenzionale” nella società, con diverse “sotto-collettività” che tengono in vita tutta la realtà vincolante per la società.

32 Searle 1995: 47.

33 Si ricordi che per Searle ciò che rende collettivo un atto intenzionale individuale è la sua forma “plurale”.

34 Searle 1995: 96-8.

35 Cfr. supra 1.3.1 e 2.1.2, n. 25.

36 Cfr., per esempio Ferraris 1997, La prima tesi è ispirata alla filosofia di Derrida; mentre la seconda è una tesi generalmente condivisa da psicologi e filosofi. Si veda Sutton 1998.

37 Anche se forse potrebbero esistere in un mondo di “intenzioni istantanee”, che però sarebbe plausibilmente molto diverso dal mondo reale.

38 Qui, ovviamente, “ricordare x per il periodo T” implica solo poter accedere al ricordo di x durante T, e non coscientemente rappresentarsi x per tutto il periodo T.

39 IV Seminario della Scuola di Alta Formazione Filosofica - Maggio 2008, Torino.

40 Mi sembra che qui Searle, però, continui a non vedere come lo stesso ragionamento si applichi a tutti i casi nella sfera sociale, non solo alle realtà sociali apparentemente “immateriali” e complesse.

41 Si noti che se assumiamo che intenzioni e iscrizioni non possano congiuntamente istituire oggetti sociali (almeno in ogni caso), come sembra plausibile, la lettura forte è chiaramente incompatibile con la teoria dell’intenzionalità collettiva.

42 Che cosa stabilisca la validità è un’ulteriore questione che la teoria deve affrontare e che qui non affronteremo. Si noti solo che non necessariamente i criteri di validità hanno a che fare con relazioni intenzionali. Si vedano a questo riguardo le riflessioni sulle firme e gli idiomi in Ferraris 2007.

43 C’è un senso in cui è perfettamente sensato e innocuo parlare di “omni-istituzionalismo” per la documentalità, in quanto la teoria identifica quello che è l’aspetto tipico della realtà istituzionale, la codifica e la normazione in documenti scritti, come elemento omnipervasivo della realtà sociale, anche quella più elementare, costituita solo da memorie di accordi e tracce mnemoniche di comportamenti. Ma una teoria “omni-istituzionale” in tal senso non è una teoria stando a cui con le iscrizioni si può istituire, in qualsiasi circostanza, qualsiasi determinazione sociale.

44 La teoria della documentalità, in altri termini, non necessariamente si accompagna all’idea, che sembra essere implicata dalle tesi di De Soto 2000, che i documenti non solo siano un importante condizione di sviluppo dell’economia, ma possano di per sé “creare” ricchezza.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Giuliano Torrengo, « Documenti e intenzioni. La documentalità nel dibattito contemporaneo sull’ontologia sociale », Rivista di estetica, 42 | 2009, 157-188.

Notizia bibliografica digitale

Giuliano Torrengo, « Documenti e intenzioni. La documentalità nel dibattito contemporaneo sull’ontologia sociale », Rivista di estetica [Online], 42 | 2009, online dal 30 novembre 2015, consultato il 21 septembre 2020. URL : http://journals.openedition.org/estetica/1851 ; DOI : https://doi.org/10.4000/estetica.1851

Torna su

Autore

Giuliano Torrengo

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Rivista di Estetica è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search