Navigazione – Mappa del sito

HomeNumerisupplemento al n. 58Contributi storici, critici e let...Nespolo, l’acculturazione

Contributi storici, critici e letterari

Nespolo, l’acculturazione

Tommaso Trini
p. 19-20

Abstract

The poetic of Nespolo’s first artistic period of production is characterized by an intensive conceptualist approach based on activism, social contestation and on the use of objects and materials. These are artistic activities characterised by a critical reflection on action and on the use and consequences of art.

Torna su

Note della redazione

Testo originariamente pubblicato sulla rivista “cartabianca”, maggio 1968, Istituto Grafico Tiberino, Roma, pp. 23-24.

Testo integrale

1Con una «assemblea generale» delle sue ricerche oggettuali, Ugo Nespolo ha «occupato» la milanese galleria Schwarz, che si apre così alla poetica dell’oggetto estroverso. Nespolo - che lavora a Torino ma è attivo anche a Milano con il gruppo Fluxus - ha realizzato i temi correnti elementari-strutturali in una brillante chiave «critica». È la verifica, attraverso una serie di operazioni critiche condotte sugli elementi della sua azione, di certi schemi dell’arte oggettuale in genere.

2Nell’accumulo della sua mostra-collage, un inventario di cose e idee eccessivamente a ridosso le une dell’altre, tale verifica interessa sia gli strumenti (materiali, tecniche, spazio e struttura, moduli formativi) sia il loro uso ed effetto. Con una mediazione intellettuale che lo distingue da altri strutturalisti elementari, Nespolo interviene sulla ragione delle cose più che sulle cose stesse. Ha inventato «pseudo-materiali» che aggiungono l’artificio all’artificiale; ha costruito una macchina per trasportare l’aria e un telefono per comunicare il ronzio del suo interno alimento, l’elettricità; ha coordinato lo spazio con barre metalliche a guisa di putrelle, e con le stesse crea «environments» che sono ostruzioni, barriere. Punta così sull’estraniazione: è il controllo degli «effetti», provocati con senso di eversione. Un parallelepipedo di scatole in legno accatastate rimanda a una struttura primaria: ma ecco le morse da falegname, gli strumenti del fare allegati, che ribaltano i dati formali in riferimenti costruttivi. Oppure vediamo un nastro serpeggiare, segreto e inerte, tra due contenitori, entro i quali si arrotola e srotola se solo accettiamo di manipolare questa scultura-gioco e il suo implicito erotismo. L’effetto estraniarne è ancora più potente nei «puzzles» appesi al muro come quadri e le cui tessere risultano inamovibili.

3Costruire, dunque, significa per Nespolo inserirsi entro il meccanismo di azione-reazione. Tra il prelievo: di ceste di vimini, di rete da ping-pong, di cartoncini compressi o disposti a schedario, e la funzione del nuovo oggetto, a lui interessa il momento della trasformazione; tra il possedere e l’usare, sottolinea il conoscere. Ma le ceste di vimini sono anche fasciate di colore; gli ironici «schedari» sono contenitori dall’aria chiaramente demodé, la dichiarazione d’oggetto d’arte domina ovunque. Stimolato da una fresca ricettività. Nespolo tende subito ad acculturare percezioni non decantate. Mantiene nella maggioranza dei lavori la presenza di quel diaframma tra fare e pensare, il riflesso dell’acculturazione, che la corrente in cui si è inserito intende eliminare.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Tommaso Trini, «Nespolo, l’acculturazione»Rivista di estetica, supplemento al n. 58 | 2015, 19-20.

Notizia bibliografica digitale

Tommaso Trini, «Nespolo, l’acculturazione»Rivista di estetica [Online], supplemento al n. 58 | 2015, online dal 30 novembre 2015, consultato il 23 juin 2021. URL: http://journals.openedition.org/estetica/2260; DOI: https://doi.org/10.4000/estetica.2260

Torna su

Diritti d’autore

Licenza Creative Commons
Rivista di Estetica è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search