Navigazione – Mappa del sito

HomeNumerisupplemento al n. 58Contributi filosoficiNespolo tra Warhol e Rilke

Contributi filosofici

Nespolo tra Warhol e Rilke

Maurizio Ferraris
p. 111-114

Abstract

In the field of social objects, in the hierarchy of values (and often of prices) a special place is occupied by those inscriptions that should move us or amuse us, frighten us or make us think, or even just make us look good into society: that is, the works of art. The artwork begins to exist only when we have an expression and an inscription. This teaches us — and Ugo Nespolo knows it better than anyone else — how important the work (understood as labour) is in art: craft is the father of all arts, and, in the end, it is true that genius is first of all diligence.

Torna su

Note della redazione

Testo originariamente pubblicato nel catalogo della mostra Ugo Nespolo Novantiqua, Museo Nazionale del Bargello, Firenze, 9 ottobre 2009 - 17 gennaio 2010, Firenze, Giunti, pp. 27-33.

Testo integrale

1Difficile immaginare una collocazione più centrata per Nespolo: il Bargello. Il Bargello è il regno del riuso: palazzo della politica, palazzo della giustizia, prigione, pieno di avanzi di galera in senso letterale, cioè di strumenti di tortura che Leopoldo di Lorena fece fondere a metà del Settecento per celebrare (un po’ illudendosi) la fine delle tenebre. Ma è così strano che un palazzo per uffici diventi un museo? Nella città degli Uffizi, questo dovrebbe stupire meno che in qualsiasi altro luogo. Gli uffici raccolgono dei documenti, degli atti iscritti, cose che impegnano almeno due persone, e che valgono proprio perché sopravvivono, perché lasciano una traccia. Ed è per questo che, intorno a noi, palazzi interi, siano essi ministeri o banche, archivi o anagrafi, biblioteche o stazioni di polizia raccolgono documenti, quei documenti il cui rogo accompagna spesso la fine di un regime. La necessità della iscrizione e della registrazione, la necessità delle scartoffie, è la caratteristica degli oggetti sociali, di quel mondo di promesse e scommesse, denaro e opere d’arte, che comprende le cose più importanti della nostra vita, quelle da cui dipendono la nostra felicità o la nostra infelicità.

2Tra gli oggetti sociali, un posto particolare, nella gerarchia dei valori e spesso dei prezzi è occupato da quelle iscrizioni che dovrebbero commuoverci o divertirci, spaventarci o farci pensare, o anche soltanto farci fare bella figura in società. Parlo ovviamente delle opere d’arte. Ora, che cosa sono le opere d’arte, se non documenti, atti iscritti che comprendono un autore e un destinatario, un artista e un committente? Atti che non hanno valore se non trovano una espressione e una iscrizione? Non fidatevi del tizio che vi dice che ha tutta l’opera in testa, che ha solo da scriverla. Quell’opera non esiste, e non esiste per lo stesso motivo per cui non esistono una promessa, una scommessa, una banconota o un matrimonio che siano soltanto pensati.

3L’opera incomincia a esserci solo quando c’è una espressione e una iscrizione, e questo insegna (Nespolo lo sa meglio di chiunque altro) quanto importante sia il lavoro nell’arte, quanto l’artigianato sia il padre di tutte le arti, e quanto, alla fine, sia vero che il genio è anzitutto diligenza. Dunque, in quell’ufficio che è il Bargello, poco lontano dagli Uffizi, si sono susseguiti nel tempo dei documenti, degli atti iscritti. Che sono stati dei trattati o delle sentenze, delle grazie o delle opere di segretari fiorentini da Machiavelli (rinchiuso e torturato al Bargello nel 1513) a Donatello, scultore, orafo, disegnatore, cioè, ancora una volta, iscrittore. Sembra del tutto normale, sembra naturale e giusto, anzi sembra doveroso che al Bargello ci siano anche i documenti di Nespolo, che sono tra le opere più documentali dell’arte contemporanea. Apertamente, consapevolmente, dichiaratamente e genialmente documentali. Avete visto quante scritte ci sono sulle sue opere, nelle sue opere? E quanto spesso gli piaccia lavorare con quegli altri infaticabili produttori di iscrizioni che sono gli scrittori e gli sceneggiatori? Io mi figuro la storia della vocazione artistica di Nespolo più o meno così: qualcuno deve avergli detto: “Nespolo, favorisca i documenti”. E lui, per fortuna, invece di dare patente e libretto ha fornito le sue opere, quelle migliaia di opere che occupano le sedi più varie, rivelando la sua natura profonda (questa, almeno, la mia interpretazione) di grande artista pop. Che non significa “popolare” o peggio che mai “populista”, ma, proprio al contrario, portatore di una visione critica per cui non c’è niente di così basso da non meritare attenzione, ma anche non c’è niente di così alto da non meritare uno sberleffo. Uno così non poteva che finire al Bargello, e fortuna che il clima è cambiato (almeno un po’) dai tempi in cui ci è finito Machiavelli.

4Questo è il primo filo conduttore che unisce l’ufficio del Bargello all’ufficio di Nespolo, alla sua infaticabile produzione di documentalità. Ma c’è un secondo filo conduttore, almeno altrettanto importante, ed è il filo conduttore dell’oggetto. Qui, invece di partire dal Bargello, partiamo da Nespolo, anzi, dal suo ufficio, o officina, o factory di Torino. Ci passerei delle giornate intere, è il trionfo del feticismo, che è la risposta ragionevole ed educata al narcisismo. Si tratta di una imponente raccolta di oggetti, oggetti dappertutto, sedie, cineprese, strumenti musicali, libri, juke-box, pupazzi, robot, in cui Nespolo si aggira come Superman nella fortezza della solitudine. Solo che per fortuna non siamo al Polo Nord, e ci sono persino giardini pensili e maioliche napoletane.

5Ora, il Bargello non è diverso. Anche lì, dopo che è diventato un museo, si sono accumulate le cose più svariate, bronzi, porcellane e tessuti, statue e anelli, in un grandissimo accumulo feticistico. “Arti minori”, come si dice, per lo più riferendosi alla taglia, e per togliersi d’impiccio, senza calcolare che allora una grande tettoia ottocentesca in ghisa, che so, le strutture del Christal Palace, dovrebbero essere considerate “arti maggiori”, e “arti massime” la grande muraglia o i grattacieli di Dubai... La verità è che davvero le arti minori, quelle che con una inesattezza e una ingiustizia formidabili vengono chiamate così, la dicono lunga sull’arte, ossia ci insegnano che le opere sono prima di tutto degli oggetti, degli articoli da emporio di modeste dimensioni, degli arredi della nostra vita. Non c’è una discontinuità di fondo tra l’ornamento e l’arte, tra la pubblicità e le opere, ecco un grande insegnamento di Nespolo, qui al Bargello così come nella sua officina torinese.

6Dunque, la Nespolo Factory, questo grande magazzino da rigattiere, è un museo in piena regola, proprio come il Bargello. E, notate bene, anche qui, come nel caso dei documenti, a ben vedere non abbiamo a che fare con un’eccezione, ma con la regola. Se andiamo a Dresda, o al Castello Sforzesco, o da qualunque altra parte, in qualunque altro museo, troviamo la stessa situazione. Oggetti che, a un certo punto, sono diventati opere. E che non se lo aspettavano minimamente. Che cosa ne sapeva, una scimitarra, che un giorno sarebbe stata esposta in una galleria per il beneficio dei turisti? Come poteva sapere chi si stava facendo costruire una bara che un giorno la bara sarebbe finita esposta? Messa in un museo insieme a delle monete, a delle fibbie... E magari insieme a lui stesso, se ha avuto l’idea di farsi imbalsamare, come è successo ai Faraoni, che sono diventati strani oggetti di body art messi lì a deliziare (o più spesso a orripilare) le scolaresche in visita ai musei egizi. Tra il grande magazzino di Nespolo e il Museo Egizio di Torino la distanza non è grande, circa tre chilometri secondo Google Maps. Il Bargello è un po’ più lontano nello spazio, ma non nel concetto.

7Quale? Questo, direi: la comprensione della ragione profonda del ready-made, che non significa che ogni cosa può essere un’opera d’arte, ma piuttosto che l’arte è anzitutto una cosa. Io credo che Duchamp con il pissoir volesse far passare un messaggio nichilistico: qualunque cosa può essere un’opera d’arte, anche questo orinatoio, anche questa ruota di bicicletta. E guardate come sono intelligente, io, che l’ho capito, mentre voi, gonzi, eravate convinti che l’opera avesse qualcosa di intrinseco che la rendeva tale. Ma a ben pensare, ed è proprio Nespolo che ce lo fa vedere, con le sue opere così diverse da quelle di Duchamp (anzitutto perché sono belle, e non è poco) c’è un senso in cui il ready-made è esattamente l’opposto del nichilismo. Si tratta dell’amore per l’oggetto, della santificazione dell’oggetto. In fondo, il ready-made ha, per così dire, due sensi teorici e due sensi di marcia. Il primo dall’alto verso il basso, i baffi alla Gioconda, l’orinatoio in galleria. Il secondo, quello di Nespolo, va invece dal basso verso l’alto, cioè trova la bellezza e la nobiltà degli oggetti che ci stanno attorno, e li consacra.

8Dopotutto, è quello che facciamo anche noi quando decidiamo di mettere un oggetto qualsiasi sul nostro tavolo, non per usarlo, ma perché ci piace, o conserviamo un qualche strumento che non serve più. In questa santificazione dell’oggetto, per l’appunto in questo ready-made dal basso verso l’alto. Nespolo è parente non di quel nichilista di Duchamp, ma di quel feticista di Warhol. A Warhol piacciono le cose belle, e trova la bellezza in quel mondo meraviglioso che è l’universo delle merci, le bonheur des femmes, proprio come nel romanzo di Zola. Non gli passa neppure per l’anticamera del cervello di esporre e magnificare qualcosa di radicalmente brutto e insignificante. Nespolo, seguendo questa via, si porta (direbbero i Carabinieri) ancora un po’ più in là, e non si limita a santificare le zuppe Campbell’s o le pagliette Brillo, ma cerca di essere a sua volta produttore di oggetti (è tutto un lato della sua attività, quella di artista pubblicitario, tra Mucha e James Harvey, il disegnatore della Brillo Box, che meriterebbe un discorso a parte).

9L’ho tirata per le lunghe e devo concludere. Quello che volevo dire, alla fine, è questo: il pop di Nespolo, malgrado la sua vena ironica, o forse proprio grazie a essa, incontra, a sorpresa, il Rilke delle Elegie Duinesi.

Loda all’Angelo il mondo, non quello indicibile, con lui
non puoi sfoggiare splendore di sentimento; nell’Universo
dove egli sente più sensibilmente, tu sei novizio. E allora
Mostragli
quello che è semplice, quel che, plasmato di padre in figlio
vive, cosa nostra, alla mano e sotto gli occhi nostri.
Digli le cose. Resterà più stupito; stupito come
rimanesti tu
dinanzi al cordaio a Roma o al vasaio sulle rive del Nilo.
Mostragli quanto una cosa può essere felice, quanto innocente e nostra,
e come financo il dolore che piange, puro, s’induce a
forma
serve da cosa o muore in farsi cosa...
... E queste cose che vivon di
morire,
lo sanno che tu le celebri; passano ma ci credono capaci di salvarle, noi che passiamo più
di tutto.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Maurizio Ferraris, «Nespolo tra Warhol e Rilke »Rivista di estetica, supplemento al n. 58 | 2015, 111-114.

Notizia bibliografica digitale

Maurizio Ferraris, «Nespolo tra Warhol e Rilke »Rivista di estetica [Online], supplemento al n. 58 | 2015, online dal 30 novembre 2015, consultato il 23 juin 2021. URL: http://journals.openedition.org/estetica/2285; DOI: https://doi.org/10.4000/estetica.2285

Torna su

Autore

Maurizio Ferraris

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d’autore

Licenza Creative Commons
Rivista di Estetica è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search