Navigazione – Mappa del sito

HomeNumerinumero speciale, supplemento al n. 55Mimmo Paladino e la filosofiaConversazione con Mimmo Paladino....

Mimmo Paladino e la filosofia

Conversazione con Mimmo Paladino. Don chisciotte tra enthousiasmós e pàthos1

Sergio Givone
p. 69-76

Testo integrale

  • 1 Don Chisciotte tra enthousiasmós e pàthos, incontro con Mimmo Paladino e Sergio Givone, “Parallelo4 (...)

1Mimmo Paladino: Intanto le faccio un regalo, questa pubblicatone appena uscita per festeggiare i cento anni di Lévi-Strauss. Sono stato molto onorato di essere stato invitato a illustrare “Tristi tropici”, che tra l’altro e un testo che ho sempre amato e leggo continuamente, e stranamente ci ritrovo elementi del mio lavoro.

2Sergio Givone: Grazie, grazie mille. Ma a dire il vero, questa attinenza non mi stupisce, mi fa subito venire in mente qualcosa che ha a che fare con Don Chisciotte. E cioè che ci sia un legame tra Lévi-Strauss e Cervantes, tra il mondo di Lévi-Strauss, un mondo naufragato, un mondo che appartiene a un’altra epoca della storia naturale, e il mondo di Don Chisciotte, anche quello e un mondo naufragato. Penso soprattutto a come lei ha interpretato quel mondo che ha fatto naufragio, il mondo dei cavalieri erranti di Cervantes, il mondo degli aborigeni di Lévi-Strauss. Questo mondo ci viene restituito, nel caso di Lévi-Strauss, da fotografie e dalla descrizione di questa vita che neanche più immaginavamo, e nel caso di Don Chisciotte dalla sua follia. Ecco, lei da voce a tutto questo, popolando quel mondo naufragato, dopo chi sa quale catastrofe, di frammenti che riemergono alla percezione, ma che sono perfettamente inutilizzabili, come il grande scudo di Don Chisciotte che fa ombra al cavallo. E ritroviamo questi frammenti in tutti i suoi lavori, parlo del film, dei disegni e di quelle macchie di colore su Parallelo42. Ecco, la prima domanda che mi sorge è da dove vengono, da quale notte, da quale buio riemergono e a chi parlano, quale lingua parla questa gente e a cosa servono questi strumenti. E ancora, quali sono i tempi abitati dal personaggi delle opere di Paladino, da quale passato vengono, da quali stagioni della storia universale, o invece sono personaggi di un futuro, di un day after, di dopo una catastrofe, appunto.

3MP: Veramente sono imbarazzato a rispondere, perché l’artista non lo sa, quando non ha condizionamenti tematici, l’artista “semplicemente” allunga le mani nel passato, nella storia, nei segni che forse neanche gli appartengono. D’altro canto, quest’attenzione al mondo dei frammenti mi appartiene da sempre, forse perché Benevento, di cui parlavamo poco fa, è una città costruita per frammenti, allora, volendo dare un significato immediato a un’intuizione visiva, le cose che vedevo da ragazzo nelle mura dalla città, erano i frammenti con cui i longobardi le avevano costruite, in cui c’erano pezzi romani, addirittura egizi. Ma questo discorso mi porta anche a un altro significato, più profondo: l’idea che il segno dell’uomo sia comunque universale, sicuramente legato agli eventi storici, alla propria storia, alla storia dei luoghi, in termini semantici.

4Del resto Lévy-Strauss e Cervantes, parlano ancora di frammenti, quando raccontano entrambi di un gioco di magie, dell’artificio del segno, di un personaggio che disegna ciò che non è, però può anche far apparire ciò che è un’altra cosa. Don Chisciotte si permette di evocare mondi invisibili attraverso i mulini a vento e le armate guerresche, lui inventa mondi nuovi, li inventa per suggestionarsi, per suggestionare Sancio, per suggestionare il lettore, in questo caso. Allo stesso modo, le foto che Lévi-Strauss faceva con intenzione scientifica, probabilmente arrivano a noi e forse a lui stesso, in modo meno scientifico di quanto lui volesse intendere, esse hanno la forza suggestiva del mondo che non c’e più o che sta per scomparire.

5SG: Ecco lei dice, giustamente, che l’artista fa quello che fa e non sa perché, e non è neanche importante che sappia, che sia filosoficamente consapevole. C’è una figura della tradizione spagnola che ha a che fare con la musica e che forse viene ancora da più lontano, addirittura dalle tradizioni sciamaniche: el guende, misterioso spirito della musica che possiede il suonatore, il chitarrista. Spirito che non viene dalla testa per poi scendere nelle braccia e nelle dita, come se l’artista dovesse prima sapere quello che fa e poi dare esecuzione, ma viene dalla terra e sale su per i piedi e solo di lì arriva poi alla testa. Don Chisciotte è invasato da una potenza che lo domina e lo acceca: prende lucciole per lanterne, prende mulini a vento per mostri mitologici ecc…. ma è davvero accecato?

6Lo credo il contrario, perché lui nei mulini a vento vede qualche cosa che noi non vediamo più, vede l’eroismo di una possibile battaglia del bene contro il male. Allora, tornando ai frammenti di un mondo naufragato, sarà pur vero che si tratta di strumenti inutilizzabili e anzi frammenti archeologici di una storia passata, ma agli occhi di Don Chisciotte, nello sguardo di questo visionario, pazzo ma visionario, che vede più a fondo di noi, queste cose tornano a parlarci, a vibrare ben oltre i loro significati univoci e riconoscibili.

7MP: Ma infatti, soprattutto nel film, non per stravaganza avanguardistica o per spirito di un neorealismo, o semplicemente per introdurre citazioni, ho utilizzato anche delle cose che sono contemporanee: c’è un’ape a motore che circola piena di botti e fuochi d’artificio, c’è il viaggio di Sancio e Don Chisciotte sopra il cassone di un camion. Volevo soprattutto raccontare questo continuo andirivieni tra passato e presente nell’arte contemporanea, con l’introduzione di strumenti altri, su dei segni che potevano essere riconoscibilmente di oggi, come se fossero stati arcaici o antichi o addirittura impossibili; il grande scudo è un oggetto impossibile, lo era anche nell’antichità. Infatti Don Chisciotte non solo crede che i mulini a vento siano avversari, ma ne restituisce un’immagine figurata. Perciò continuo a sostenere che Don Chisciotte è la metafora dell’artista, perché costruisce e inventa con la parola, con il segno e con il racconto un mondo che probabilmente esiste e che forse noi abbiamo perso la capacità di guardarlo. Io non so se gli indios di Lévi-Strauss avessero ancora la capacità di vedere un altrove, forse sì, perché lei mi raccontava di questo sciamano della musica che aveva la capacità di far arrivare da strane emanazioni del sotterraneo, un mondo che non esisteva. Questa è la capacità che l’arte ha di trasformare le cose, l’artista come sciamano. In questo concetto Beuys ci viene in aiuto quando diceva che l’artista e un demiurgo, ma tutti gli uomini sono artisti. Questo fatto che tutti gli uomini possono essere artisti è una cosa che condivido molto, lo stesso Sancio Panza, quando Don Chisciotte, morente gli dice: «... non credere più nelle cose che ti ho fatto vedere, non credere più nelle mie follie perché io ho perso la mia battaglia», lui risponde: «Ma un momento padrone, e ora chi me la dà più la mia isola». Sancio, era realmente convinto che quel mondo potesse esistere, e dunque non accetta di non poter più diventare governatore. Questo gioco tra reale e irreale e in fondo la battaglia che noi facciamo tutti i giorni, entriamo qui dentro e affrontiamo uno spazio vuoto, che non c’è, e irreale, e lo riempiamo di immagini che non sono reali ma creano una realtà.

8SG: Questa idea del Don Chisciotte come metafora dell’artista mi fa pensare a Vico, il quale nel “poeta teologo”, avrebbe visto colui che instaura un particolare rapporto con le cose: le considera non rispetto all’uso che ne possiamo fare, ma rispetto ai significati profondi che ci sono in esse. Questo mi suggerisce di tentare un passo in più, e credo valga la pena di insistere su questo punto, sostenendo che Don Chisciotte è veramente convinto delle sue illusioni, e in fondo che siano illusioni importa anche poco. Ma non solo: Don Chisciotte è veramente convinto delle sue illusioni, come lo sono generalmente i pazzi, ma a differenza dei pazzi, ha ragione lui! Cioè viene voglia di dargli ragione, ogni volta, viene voglia di dire che vale veramente la pena di essere fedeli fino in fondo a Dulcinea, vale veramente la pena di prendere a bastonate quel coglione che, nell’osteria, gli impedisce di diventare quello che lui è: un cavaliere errante. Ma se Don Chisciotte ha ragione, crea un bel problema non solo all’artista, ma anche al filosofo, perché è come se nella realtà di cui facciamo esperienza normalmente, si aprisse un varco, un varco verso il senso delle cose, verso la verità, verso ciò che vale veramente la pena di fare, di credere, e questo varco si chiamasse pazzia. Cioè la malattia di Don Chisciotte è la via che Nietzsche avrebbe chiamato la via verso una più alta salute. Il costo è alto, perché ci lascia la pelle, il povero Don Chisciotte torna a casa giusto in tempo per morire, ma nel momento in cui è disilluso Sancio Panza gli ricorda che forse non è il caso, che forse era più vero quel Don Chisciotte di prima, non solo per l’interesse banale che se crolla il castello, lui non è più governatore, ma proprio perché la vita vera è quella là e non è questa qua. Allora non solo Don Chisciotte ha ragione, ma anche Sancio Panza ha ragione, e la ragione dell’uno e la ragione dell’altro non sono in contraddizione. Kafka leggeva Don Chisciotte tutto dalla parte di Sancio, lei Paladino lo legge tutto dalla parte di Don Chisciotte, ma le due cose non sono così diverse, ce una specie di scambio, non è vero che Don Chisciotte è idealista e Sancio è realista.

9MP: E vero, ma la mia posizione non è una difesa del fantastico rispetto al concreto, anzi io credo che l’artista abbia questa doppia possibilità, che continua- mente coniughi, di intuizione e strategia. Volendo fare una citazione pittorica, anche Pollock, che faceva il suo “drip painting” non si affidava a una casualità pittorica, ma aveva una precisa strategia di movimento. Così come ogni opera d’arte, se non ha una strategia di logica, di lucidità organizzativa, non può diventare tale, in quest’opera da una parte c’è il buon Sancio che rappresenta la concretezza del progetto, e dall’altra c’è la fantasia scatenata quasi folle di Don Chisciotte, ma le due cose viaggiano sempre assieme. Ritroviamo questo concetto nelle avanguardie: quando Duchamp sposta l’oggetto quotidiano nella galleria e lo battezza opera d’arte, sembra che egli compia un gesto avanguardista e quindi folle, ma in realtà gioca sul significato preciso del segno e del linguaggio. Inevitabilmente, questo oggetto di uso quotidiano, spostato in uno spazio destinato all’arte, si carica di significati diversi, proprio secondo un’organizzazione di scienza del linguaggio. L’artista investiga su dei sistemi che sono di puro pensiero, tocca le corde del linguaggio, a volte in maniera casuale e intuitiva, a volte in maniera organizzata, spesso non riesce a portare il progetto alle estreme conseguenze e del resto questo non è il suo compito. Don Chisciotte non è il folle che noi vediamo, ma ha una sua strategia per capire il mondo attraverso concretezza e visionarietà contemporaneamente.

10Mariantonietta Firmanti: Cervantes nel Don Chisciotte «non cela la sua enorme e mistica fiducia verso gli ideali di una volta. Egli sa bene che quel senso dell’eroismo, della morale e della spirituale elevazione attraverso il valore individuale non può essere attualizzata nel contesto odierno». Dunque la lotta contro i mulini a vento del degrado morale e sociale, è caratteristica forse specifica e anzi generativa della letteratura e dell’arte di ogni tempo della storia, come dire che l’artista è l’unico individuo consapevole di tutte la arti. Allora, ipotizzando una contemporaneità costante del Don Chisciotte, la nostalgia di un mondo passato, contiene solo elementi di fuga, o può contenere una qualche progettualità?

11SG: Qui c’è da dire che il gesto dell’arte, da Cervantes a Duchamp a Beuys è sempre lo stesso! Anche se cambiano forme, occasioni, modalità; Duchamp prende l’oggetto di uso quotidiano e lo trasferisce in un’altra dimensione, dove questo oggetto incomincia ad avere e sprigionare significati che non aveva, incomincia a parlarci altrimenti, allo stesso modo Beuys prende tante pietre e le rovescia senza neanche toccarle, e mette in atto questo gesto che trasferisce, e lo investe di significato. Entrambi compiono un metaforéin, nel senso che trasportano da una dimensione all’altra. Don Chisciotte fa lo stesso, ma lo fa nel gioco continuo con Sancio Panza, perché se non ci fosse questo continuo rimando alla dimensione della realtà, la visionarietà di Don Chisciotte non avrebbe questo valore di trasposizione. Ma questo trasporre è lo stesso lavoro dell’artista, e in fondo è un po’ folle pretendere delle pietre e dire: guardatele, è un’opera d’arte, come fa Beuys. Già i greci avevano capito benissimo che questa patologia è una “theos-mania”, donde enthousiasmós, da én-theos, il dio che entra dentro, dio come forza, ma questa forza è mania, foiba. E se è fobia, è però anche il mostrarsi di un enigma, perciò colui che passa attraverso questa porta e afferra l’inafferrabile, è segnato da una ferita, da una estraneità al mondo. Come se Don Chisciotte ci dicesse, e con lui tutti gli artisti, che il semplice fatto di aver compiuto un certo percorso, di avere afferrato una realtà altra, lo rende estraneo al mondo, lo rende pazzo! In questo concetto si legge un legame tra verità e fobia, legame necessario, come se non fosse possibile dire qualcosa di vero, senza patire. Patire nel senso del pàthos, dove la conoscenza è dolore e Don Chisciotte ne è testimone. Allora mi chiedo se non abbia ragione un interprete come Segre che parlava di Don Chisciotte come un personaggio essenzialmente tragico più che comico.

12MP: Io ritengo che Don Chisciotte racconti principalmente la tragedia dello spazio vuoto, vuoto per i più e che invece l’artista riempie con delle immagini. E dunque la tragedia è più degli altri che non dell’artista. Il fatto che l’umanità possa vivere senza immagini illusorie o fantastiche, senza l’immaginazione, quella è la vera tragedia. Parlando per frammenti, mi torna in mente un personaggio che personalmente ho sempre ignorato, Guttuso, che del resto è stato ignorato da tanti altri artisti di ricerca e d’avanguardia. Qualche giorno fa mi interrogavo su Guttuso e su La Vucciria, sulla possibilità di guardare questo pittore con uno sguardo più distaccato, semplicemente rivolto al suo lavoro, e a questo quadro in particolare che secondo me ha delle notevoli potenzialità espressive. Qui entriamo in un altro campo, e cioè come mai, un pittore che si affida a un’immagine realistica di un soggetto realistico come è il mercato di Palermo, assurge a una ribalta d’attenzione che forse non aveva prima? Ecco io penso che l’arte, anche quando non ha il romanticismo della visionarietà, della necessità di creare un mondo alternativo alla realtà, anche quando si affida a soggetti estremamente concreti con intenzioni estremamente concrete, ha una forma di magia, di comunicazione, e riesce a superare ostacoli anche di ordine ideologico e di lettura critica condizionata da diverse esperienze.

13SG: Dunque si tratta della stessa esperienza che può essere descritta in modi diversi, è solo questione di sottolineatura. Pur volendo mettere fra parentesi termini romantici come follia e verità, arte come luogo di rivelazione ecc., nella natura morta di Guttuso (che tutto era meno che folle) o nelle bottiglie di Morandi troviamo la stessa trasposizione posta in essere da Don Chisciotte.

14MP: Ma certo io sono convinto di questo, nella prospettiva di Paolo Uccello, nel rigore di Piero Della Francesca, c’è lo stesso drammatico percorso di Caravaggio, benché siano mondi e modi completamente diversi, il percorso di chi costruisce un’immagine non può non essere lo stesso, ma questo a cominciare dai segni degli indios di Lévi-Strauss. Allora la cosa che mi interessa è questa necessità dell’uomo, artista o non artista che sia, di esprimersi attraverso un segno, rimandando poi all’esperienza e alla capacità di ciascuno di organizzarlo in modo più o meno espressivo, narrativo, sintetico. Don Chisciotte è la metafora dell’artista proprio per la sua capacità di organizzare uno spazio intorno alla sua idea iniziale.

15MAF: Ma Piero della Francesca, Paolo Uccello, Caravaggio, sono tutti artisti che hanno introdotto un elemento di novità nelle potenzialità espressive e dunque percettive della propria epoca. In quel preciso momento storico il lavoro di quegli artisti è stato un elemento di rottura che ha significato un passo avanti nel progresso della società, e dunque il luogo di follia dell’artista è diventato luogo di progresso per tutti. L’artista introduce una capacità di lettura che prima non c’era e che poi viene assimilata da tutta la società, e diventa patrimonio di tutti.

16SG: in questo concetto possiamo trovare una simmetria rovesciata tra arte e filosofia. Nel senso che la filosofia, insegnava Aristotele, nasce dallo stupore, dalla meraviglia, dal thaûma, e lavora per renderlo amichevole, cioè per farcelo apparire per quello che è: non un qualcosa che deve restare misterioso ma qualcosa che possiamo conoscere. L’uomo primitivo, apre gli occhi di fronte al mondo e tutto lo meraviglia, lo sbalordisce, ma poi ragionando, questa meraviglia viene riportata al suo principio di ragione. L’artista fa il contrario. L’artista parte dal mondo che le sue mani, i suoi occhi vedono, incontrano, e, attraverso questa immediatezza di contatto con le cose e con il mondo, le sue mani in queste cose ritrovano la meraviglia originaria.

17MP: Come nella mela di Cézanne, è una mela e rimane una mela, eppure se quella mela cadesse dalla tela il mondo s’incendierebbe.

18SG: E di nuovo tutto questo ci riporta a quello spostamento di piani tra realtà e magia che è proprio dell’arte. Penso alla bellissima immagine del Don Chisciotte nudo, e nella storia e lui che chiede a un certo punto «io voglio che tu mi veda nudo». Non so se lei conosce gli scritti che Hoffmann ha dedicato aKreisler, la figura del musicista, perché Hoffmann ha dipinto questo musicista come uno che si denuda, quasi per compiere quel passaggio da una dimensione all’altra, per superare la soglia, sia necessario spogliarsi, denudarsi, scendere nelle profondità del proprio io, della propria intimità.

19MP: Nella storia dell’arte ci sono dei quadri formidabili e famosissimi che raccontano questa necessità di ricerca, c’è un autoritratto di Giorgio De Chirico credo anche di Edouard Munch.

20SG: Be’ ci sarebbero mille altri piccoli dettagli e grandi argomenti da affrontare, ma seguendo la mia vecchia passione di marionettista, sono rimasto colpito dal carattere di marionetta che Don Chisciotte assume su di sé, sia nel film sia nei disegni, come se a sostenere i suoi personaggi fossero dei fili sottili, di una lontana regia volta anche ad altro.

21MP: Sì il cavallo è sostenuto da cavi volutamente visibili, anche il Don Chisciotte nella battaglia con il cavallo si muove gestito esattamente come una marionetta. E l’intento era quello di restituire questo continuo rimando tra finzione e realtà, questo eterno equilibrio, che è anche nella pittura, tra vero e falso, dove quello che appare sembra vero ma l’autore sta raccontando che è tutto finto, e poi alla fine è più vero del vero.

22SG: Kleist ha scritto un trattato sul teatro delle marionette. Lui sostiene che la marionetta ha un vantaggio rispetto all’attore e soprattutto sul danzatore, perché i movimenti che compie corrispondono a una forza che viene messa in moto dal suo centro di gravità. Io ho fatto la prova, ho costruito delle marionette che hanno nel centro di gravità un piombo su cui s’innesta un’asta rigida di philarmon (il philarmon è quella lega che ha permesso la costruzione dei pianoforti, a differenza dell’acciaio più elastica e sensibile). Dunque, senza usare il castelletto, basta toccare il centro di gravità dall’alto e la marionetta compie degli movimenti assolutamente naturali e privi di artificio, perché seguono questa pura meccanica naturale.

23MP: Ma il rimando alle marionette cela anche un’altra curiosità nel film che vuole raccontare quella che si dice sia stata l’ispirazione di Cervantes, e cioè che lui tornando da Lepanto si era fermato in Sicilia e proprio lì assistendo a uno spettacolo al teatro dei pupi, che raccontava le gesta dei paladini di Francia, ha avuto l’ispirazione da cui poi nasce il suo eroe Don Chisciotte. E la voce narrante del film è di Mimmo Cuticchio, il famoso puparo siciliano. Cuticchio inizia dicendo: «Trasiti, trasiti...» cioè entrate in teatro, «inizia l’opera...».

Torna su

Note

1 Don Chisciotte tra enthousiasmós e pàthos, incontro con Mimmo Paladino e Sergio Givone, “Parallelo42 Contemporary Art”, Pescara, Raccolta 2008: 1-6.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Sergio Givone, « Conversazione con Mimmo Paladino. Don chisciotte tra enthousiasmós e pàthos », Rivista di estetica, numero speciale, supplemento al n. 55 | 2014, 69-76.

Notizia bibliografica digitale

Sergio Givone, « Conversazione con Mimmo Paladino. Don chisciotte tra enthousiasmós e pàthos », Rivista di estetica [Online], numero speciale, supplemento al n. 55 | 2014, online dal 30 novembre 2015, consultato il 30 octobre 2020. URL : http://journals.openedition.org/estetica/2340 ; DOI : https://doi.org/10.4000/estetica.2340

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Rivista di Estetica è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search