Navigazione – Mappa del sito

HomeNumerinumero speciale, supplemento al n. 55Mimmo Paladino e la filosofiaMimmo Paladino, la croce e il lab...

Mimmo Paladino e la filosofia

Mimmo Paladino, la croce e il labirinto

Demetrio Paparoni
p. 119-122

Abstract

While walking within the installation, even though moving among its elements, the image cannot really be grasped in its entirety. Hence, Paladino deals with three distincdy contrasting concepts: the part refers to the whole; the part has totality in itself; the part refers only to itself (being unable to take in the totality of the image, the part can only be related to as an autonomous fragment). And the different positions are incompatible because many believe they can experience the whole through the part, ruling out that the world is made up of autonomous fragments. In turn, the idea that reality is made up of fragments independent of one another is inconsistent with the idea that we can grasp the totality. Stele deals with a theme that has been recurrent in Paladinos work since he began working at the end of the 1970s: the world is an intellectual construction that art gives shape to.

Torna su

Testo integrale

1Stele (v. inserto fotografico), l’ultima grande installazione realizzata da Mimmo Paladino, è composta da 58 blocchi di marmo di diverso colore, per complessive 1500 tonnellate. Posti in Piazza Santa Croce, a Firenze, dinanzi all’omonima basilica, questi blocchi tracciano due assi ortogonali formando una croce. Installata il 2 novembre, Stele è stata smantellata dieci giorni dopo. Nell’intenzione di Paladino i blocchi di marmo tracciano un segno nello spazio che sul piano simbolico rimanda a un archetipo che non rimanda necessariamente alla cristianità. Le dimensioni dei blocchi di marmo utilizzati consentono di individuare la forma della croce solo dall’alto. Chi si trova a percorrere l’installazione dall’interno non ne coglie l’immagine, pur muovendosi tra i suoi elementi. Paladino si confronta così con tre concezioni in netta antitesi tra loro: la parte rimanda al tutto; la parte ha in sé la totalità; la parte rimanda solo a se stessa (non potendo cogliere la totalità dell’immagine, ci si può riferire solo alla parte intesa come frammento autonomo). L’inconciliabilità delle diverse posizioni si deve al fatto che quanti ritengono sia possibile fare esperienza del tutto attraverso la parte, escludono che il mondo sia costituito da frammenti autonomi. A sua volta, la concezione secondo cui la realtà è costituita da frammenti indipendenti l’uno dall’altro è inconciliabile con l’idea che si possa cogliere la totalità. Stele affronta un tema ricorrente nell’opera di Paladino sin dagli esordi, alla fine degli anni Settanta: il mondo è una costruzione intellettuale cui l’arte dà forma. Questa visione, da sempre contrastata dai teorici del Realismo, che rivendicano il valore della realtà esterna indipendentemente dalla nostra interpretazione, fa sintesi del pensiero di Nietzsche secondo cui non ci sono fatti, ma solo interpretazioni. Piuttosto che una croce questi blocchi di marmo definiscono una sorta di labirinto, all’interno del quale ci si può orientare grazie a elementi visivi che rimandano all’architettura e alla storia del luogo: una stella ebraica, una statua di Dante, il rosone. A questi ha aggiunto delle forme utilizzate per realizzare le scarpe, frammenti di corpi bruciati, uccellini. Paladino ha caricato ognuno di questi elementi di significati e valenze estetiche appartenenti alla storia dell’arte. Conferendole volume, ha trasformato la stella ebraica in un mazzocchio, il dodecaedro stellato studiato da Paolo Uccello per comprendere le leggi della prospettiva e mettere a punto un metodo che permettesse di rappresentare su una superficie piana strutture geometriche solide; richiamandosi alla capacità di Dante di fare una poesia antica e attuale nello stesso tempo, ha riproposto in marmo bianco il monumento al poeta. Nell’opera di Paladino la figura di Dante si presenta da una parte come un idolo cicladico e dell’altra come una scultura cubista; ricoprendo il suolo di scaglie di marmo bianco, inteso come un materiale prezioso, Paladino ha dato luminosità alla piazza e tracciato nel contempo i confini della sua opera-ambiente. Il cerchio in marmo (nero e posto su un blocco bianco, come il mazzocchio) rimanda al rosone sulla facciata della chiesa. Anche il cerchio è qui un riferimento agli studi prospettici di Paolo Uccello (e di Leonardo da Vinci) sul mazzocchio che, seppure usato scientificamente dall’artista rinascimentale per studiare la prospettiva con il fine di creare uno spazio illusorio, porta in sé il concetto di infinito, aprendo alla dimensione metafisica. Altri elementi che consentono alle persone di orientarsi all’interno di Stele sono le impronte delle mani lasciate dai visitatori sui grandi blocchi marmorei. Tempestivamente incise da scalpellini, queste impronte evocano le testimonianze medioevali lasciate sulla pietra dai pellegrini crociati, come traccia del loro itinerario spirituale. I viaggi dei pellegrini sono evocati anche dalle scarpe piantate su una delle facce di un blocco di marmo. Un altro blocco, parzialmente coperto di una foglia d’oro, rimanda alle icone presenti nelle chiese fiorentine. Su un altro ancora è stato inserito un mosaico che raffigura una testa rivolta verso la chiesa.

2Paladino ha sempre inteso le sue installazioni all’aperto come interventi archi- tettonici volti a far emergere la memoria storica del luogo. I riferimenti alle forme arcaiche presenti nella sua opera non intendono contrapporsi ideologicamente alla modernità e negarla, vogliono invece restituire allo spazio urbano la sua complessità, una complessità che si manifesta nella coesistenza di stratificazioni diverse e nel dialogo della storia con il presente.

3Stele ci conduce in un luogo simbolo della cristianità che accoglie al suo interno figure che sarebbe errato collocare in una dimensione meramente confessionale. A Santa Croce sono sepolti Michelangelo Buonarroti, Vittorio Alfieri, Niccolò Machiavelli, Gioacchino Rossini, Ugo Foscolo, Galileo Galilei, Leon Battista Alberti. Vi si trova inoltre il cenotafio commemorativo di Dante, le cui spoglie sono però è sepolte a Ravenna, dove il poeta è morto in esilio. E sufficiente pensare a Machiavelli, il quale ha svincolato la politica dalla sua dimensione religiosa, o a Galilei, che ha reso la fisica autonoma dalle interferenze teologiche, per comprendere che la stessa basilica di Santa Croce esprime la complessità del divenire storico, complessità che l’opera di Paladino rispecchia.

4Nonostante Paladino dichiari di aver realizzato queste forme espressamente per Stele, esse appartengono al suo immaginario scultoreo degli ultimi dieci anni. Ciò che agli occhi dell’artista le rende inedite è il fatto di averle fatte adesso con lo stesso marmo impiegato nella seconda metà dell’Ottocento per rivestire la facciata del Duomo di Firenze e della Basilica di Santa Croce. Sia le lastre usate per la Basilica, sia i marmi dell’installazione e delle sculture provengono infatti dalle cave del monte Altissimo, in Toscana. Il materiale utilizzato per dare forma a Stele ha messo così in relazione passato e presente.

5È innegabile che una forma arcaica esprima una dimensione atemporale anche grazie al materiale con cui è stata realizzata. Per quanto manipolata attraverso interventi creativi e concettuali, una forma acquisita dalla storia dell’arte può rimanere se stessa e al contempo apre a nuovi significati. Il dodecaedro stellato, per esempio, appare in un’altra importante opera architettonica all’aperto realizzata da Paladino nel 2006. In quell’occasione Paladino ha reinventato Piazza Guidi, a Vinci, la piazza antistante al Museo dedicato a Leonardo da Vinci. Lì Paladino ha infisso su una punta del mazzocchio una testa umana, a indicare che la costruzione geometrica dello spazio corrisponde alla visione di un osservatore ideale: l’uomo nella sua dimensione universale. L’architetto Mario Botta, nel commentare il rifacimento di piazza Guidi, a Vinci, realizzato da Paladino, ha scritto che «questo nuovo tappeto di pietra configura rilievi con spigoli rettilinei che modellano un vero e proprio cielo minerale rovesciato sulla terra, costellato da misteriose trame incrociate con presenze simboliche e tracce geometriche estranee aH’andamento organico e naturalistico dell’intorno». Come sempre accade nell’opera di Paladino, simboli e narrazione si insinuano tra le pieghe dell’opera andando oltre la volontà dell’artista, che ha sempre inteso le sue immagini come tracce prive di significato, segni e stratificazioni di cui si è persa memoria e per questo soggetti a interpretazioni contrastanti. Nella scelta dei marmi utilizzato in Stele, per esempio, Paladino ha privilegiato l’aspetto cromatico e non quello simbolico. «Utilizzo marmi di quattro diversi colori - spiega - che sono gli stessi che possiamo vedere sulla facciata della Basilica di Santa Croce. È l’architettura del luogo a definire i colori di Stele, non avrei potuto usare un giallo che non appartiene al luogo.» Da una parte questa scelta estetica porta alla molteplicità delle interpretazioni, dall’altra apre un varco tra le barriere temporali che ingabbiano l’opera nel tempo presente. «Tra l’arte del passato e quella di oggi c’è continuità — dice Paladino — non ho l’esigenza di negare la tradizione. Al contrario, penso che poter tornare indietro nel tempo di secoli e spaziare senza vincoli nella Storia dell’arte è una possibilità che ci è data dallo spirito del tempo.»

6Superando le polemiche tra modernismo e tradizione, Stele rimanda a linguaggi e forme estranei ai citazionismi del postmoderno. L’installazione di Piazza Santa Croce non contiene infatti colonne, timpani o elementi classicisti, tipici dell’architettura postmodernista. L’operazione di Paladino consiste nel costruire una forma semplice (una croce, per l’appunto) accostando dei blocchi di pietra. Questo processo dimostra che si può lavorare su forme e linguaggi arcaici senza per questo negare la lezione delle avanguardie storiche del primo Novecento, che hanno sovente ritrovato nelle forme arcaiche la grammatica con cui dar vita a nuovi linguaggi artistici. Basti pensare ai riferimenti alla statuaria africana e alle figure cretesi di Pablo Picasso, alle forme primitive di Alberto Giacometti, alle figure archetipiche di Costantin Bràncusi, ai volumi di Henry Moore o Anish Kapoor. Un esempio per tutti è Testa di toro ottenuta da Picasso nel 1942 mettendo insieme un sellino e un manubrio di bicicletta.

7Paladino considera Stele architettura e non scultura. «Ho preso dei blocchi di marmo allo stato grezzo e ho costruito una forma - dice Paladino — poi ho aggiunto delle sculture che mi sono state suggerite dal luogo, ma che nello stesso tempo appartenevano già al mio immaginario. Ovviamente non ci sono nell’installazione gli elementi funzionali tipici di certa architettura. Non c’è un tetto che ti protegge dalla pioggia, o un luogo chiuso dove ripararti dal freddo. Ogni blocco di marmo ha tuttavia una funzione rispetto allo spazio inteso come architettura: raccogliere la gente, farla incontrare».

8Siamo dunque molti lontani dalle esperienze di Land art che hanno rivestito un’importante ruolo nella scena dell’arte contemporanea statunitense. Robert Smithson, Dennis Oppenheim o Michael Heizer non sono mai intervenuti in spazi architettonici di peso storico, privilegiando i paesaggi naturali vergini. Quella della Land art è stata un’esperienza tipicamente statunitense perché legata all’idea della frontiera da esplorare e occupare. Esigenza, questa, estranea agli artisti europei che, avendo una ricca tradizione urbanistica e architettonica con la quale confrontarsi, hanno visto nel paesaggio incontaminato un valore da proteggere e da non violare (Joseph Beuys, Richard Long). Stele si colloca criticamente tra avanguardia e tradizione. Paladino, a differenza degli artisti della Land art, non pensa al paesaggio naturale come a uno spazio asettico su cui intervenire con la stessa logica con cui si traccia un segno su una tela bianca. Il paesaggio con cui Paladino si confronta è quello ereditato dalle città italiane che, cariche di memoria storica, non possono essere percepite come se non avessero mai avuto un passato.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Demetrio Paparoni, « Mimmo Paladino, la croce e il labirinto », Rivista di estetica, numero speciale, supplemento al n. 55 | 2014, 119-122.

Notizia bibliografica digitale

Demetrio Paparoni, « Mimmo Paladino, la croce e il labirinto », Rivista di estetica [Online], numero speciale, supplemento al n. 55 | 2014, online dal 30 novembre 2015, consultato il 28 novembre 2020. URL : http://journals.openedition.org/estetica/2346 ; DOI : https://doi.org/10.4000/estetica.2346

Torna su

Autore

Demetrio Paparoni

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Rivista di Estetica è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search