Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri33

33 | 2006
Atmosfere

a cura di Tonino Griffero e Antonio Somaini

Di che cosa stiamo parlando quando descriviamo l’atmosferaaccogliente di un locale, il climacordiale in cui si è svolto un incontro,l’ariadesolata di un volto o di una città? La diffusione nel linguaggio ordinario di questo lessico e di questa variegata metaforica di carattere meteorologico costituisce un interessante oggetto di studio sia per un’ontologiache prenda in considerazione, quali princìpi di segmentazione e categorizzazione del reale, anche le qualità o tonalità emotive degli ambienti, le modalità della presenza corporea e sinestesica dell’uomo nello spazio, sia per un’esteticache non si occupi esclusivamente di opere d’arte, ma anche della natura e di tutto l’ampio dominio della cosiddetta estetizzazione della vita quotidiana: dalle diverse forme del design alla dimensione estetica della comunicazione politica o pubblicitaria.
Raccogliendo l’eredità di concetti come Stimmung,aura e ambiance, il concetto di atmosfera ci invita, oggi, a riflettere in modo nuovo sullo statuto della percezione (non solo visivo-oculare), delle cose (tanto sentite quanto intenzionalmente create) e dello spazio (vissuto e non solo geometricamente rappresentato). A ripensare, cioè, nel contesto di un approfondimento delle funzioni sintetico-passive indispensabili alla percezione, il problema della “salienza”, vale a dire dell’azione esercitata sul soggetto, in termini sensoriali e motivazionali, da “spazi” e oggetti dai connotati ontologicamente sfuggenti, ma il cui valore emozionale difficilmente potrebbe essere integralmente ricondotto a un’arbitraria proiezione soggettiva.
 

  • Logo Rosenberg & Sellier
  • DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search