Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri70recensioniPatrick Hayes and Jan Wilm, Beyon...

recensioni

Patrick Hayes and Jan Wilm, Beyond the Ancient Quarrel. Literature, Philosophy, and J.M. Coetzee

Viviana Vozzo
p. 177-178
Notizia bibliografica:

Patrick Hayes and Jan Wilm, Beyond the Ancient Quarrel. Literature, Philosophy, and J.M. Coetzee, Oxford, Oxford University Press, pp. 272.

Testo integrale

1Sebbene la ricchezza espressiva e la versatilità della scrittura di J.M. Coetzee si prestino ad una varietà di studi e considerazioni che riescono a coinvolgere molteplici discipline, solo i saggi che compongono il presente volume si impongono come un primo importante studio volto a comprendere, in maniera più sistematica, l’ampia pluralità di voci che caratterizza la critica coetziana. Il volume, dunque, riesce a superare le analisi meramente settoriali e unilaterali perché, cogliendo le provocazioni che Coetzee dissemina più o meno esplicitamente nelle sue opere, si interroga sui limiti delle diverse discipline per poi mettere in discussione, in maniera più estensiva e generale, il legame tra letteratura, filosofia e critica letteraria, al di là della specificità degli scritti in esame.

2Il volume, composto da tredici contributi, si divide in quattro sezioni. La prima, Unsettling Boundaries: Philosophy, Literature, and Literary Criticism (pp. 17-90), contestualizza i riferimenti filosofici e le inflessioni letterarie dello scrittore e, confrontandone la ricezione da parte della critica, mostra come questo vicendevole scambio si concretizzi nella scrittura; la seconda, Ethics and Moral Philosophy (pp. 91-124), adotta uno sguardo più specifico nell’analisi di alcuni temi di natura etica quali il rapporto con gli altri esseri – umani e non – e la particolare lettura dell’erotismo interpretato come sottoposto all’etica, in quanto scuote i personaggi e, per converso, i lettori e le lettrici, rendendoli consapevoli dell’incontro con l’alterità; la terza sezione, Reality, Language, and Subjectivity (pp. 125‑198), indaga la filosofia del linguaggio dalle forti influenze wittgensteiniane e mette in discussione il realismo inteso come genere letterario da cui Coetzee si distanzia risolutamente, per teorizzare, piuttosto, un realismo che emerge da un apparente allontanamento dalla materialità, con uno spostamento su contenuti più filosofici, attraverso particolari strategie narrative e un uso attento di ritmi e ripetizioni, per poi riconsegnare al lettore la concretezza del corpo. Un’altra lettura nella direzione del realismo è la denuncia, variamente declinata nel corso degli anni, della situazione politica postcolonialista in Sudafrica, di cui è espressione la spietatezza dell’apartheid. La quarta e ultima sezione intitolata Contexts and Institutions (pp. 199-232) indaga proprio il rapporto che assume il linguaggio nel confronto con il postcolonialismo. Se da un lato le torture e le atrocità dell’apartheid alimentano il terreno dell’“indicibile”, dall’altro lato Coetzee si assume la responsabilità di parlare, nella convinzione che il linguaggio, con il supporto dell’immaginazione, abbia un forte potere “transitivo” (p. 209) e intersoggettivo e che debba necessariamente confrontarsi con il linguaggio etico e politico contemporaneo.

3In generale emerge negli scritti di Coetzee una forte interazione tra filosofia e letteratura che viene definita nel terzo capitolo da Maximilian de Gaynesford come “attunement” (p. 35) ovvero come un vicendevole rapporto di armonia in cui le due discipline mantengono le proprie peculiarità pur presentandosi come attività unificata. Non si tratta infatti di leggere la letteratura in temi filosofici o, viceversa, la filosofia con un approccio letterario, ma di una cooperazione che si intreccia sistematicamente nella trattazione di alcuni temi rilevanti quali immaginazione e responsabilità. Questa sinergia, se da un lato arricchisce notevolmente la lettura, dall’altro, proprio perché il pensiero è espresso in forma di romanzo, lascia la risposta alle questioni poste come fondamentalmente aperta, demandando, in ultima analisi, al lettore il compito e la responsabilità di una risposta.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Viviana Vozzo, « Patrick Hayes and Jan Wilm, Beyond the Ancient Quarrel. Literature, Philosophy, and J.M. Coetzee », Rivista di estetica, 70 | 2019, 177-178.

Notizia bibliografica digitale

Viviana Vozzo, « Patrick Hayes and Jan Wilm, Beyond the Ancient Quarrel. Literature, Philosophy, and J.M. Coetzee », Rivista di estetica [Online], 70 | 2019, online dal 01 février 2020, consultato il 30 octobre 2020. URL : http://journals.openedition.org/estetica/5270 ; DOI : https://doi.org/10.4000/estetica.5270

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Rivista di Estetica è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search