Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri56recensioniFelice Cimatti, Filosofia dell’an...

recensioni

Felice Cimatti, Filosofia dell’animalità - Fran de Waal, Il bonobo e l’ateo

Leonardo Caffo
p. 271-272
Notizia bibliografica:

Felice Cimatti, Filosofia dell’animalità, Roma-Bari, Laterza, 2013
Fran de Waal, Il bonobo e l’ateo, Milano, Raffaello Cortina, 2013

Testo integrale

1La questione animale, secondo il Derrida insignito del premio Adorno, è la questione filosofica centrale del xxi secolo – punto di snodo, per la sua particolare interdisciplinarità che incrocia l’etica, l’estetica, l’ontologia e la filosofia della scienza. Indagare l’animalità, infatti, non significa – come molti credono pensando all’etica animale – chiedersi “semplicemente” se gli animali abbiano diritti; significa piuttosto, ragionare sulla vita e sulla comune base esistenziale che ci lega al resto del mondo animale. Non è un caso, dunque, che il recente Filosofia dell’animalità (Laterza, 2013) di Felice Cimatti abbia, tra i suoi capitoli centrali, il “Divenire-umano” e il “Divenire-animale”. Al secondo, in effetti, siamo stati abituati dalla filosofia di Gilles Deleuze: pensiamo al suo commento dei quadri sulla macellazione di Bacon – l’estetica di quei corpi, resi nient’altro che carne, richiama la caducità delle nostre esistenze e costringe a ripensare la cesura, ontologicamente forzata, tra “noi” e il resto del mondo vivente. Una cesura che, sempre seguendo il “secondo” Derrida, quello ancorato al pensiero sull’animalità e sovranità, è all’origine della maggior parte delle aporie della nostra specie. Ma è sul divenire umano, appunto, che Cimatti riesce a far comprendere, finalmente, e in modo decisamente originale, la specificità della questione animale per la filosofia: il problema non è il “troppo umano”, ma proprio la sua assenza. Non è facendosi animali, ma ridiventando umani, che comincia a dipanarsi la matassa di un pensiero che attraversa la filosofia di Cartesio, Heidegger, Deleuze, Derrida e molti altri. Leggendo Cimatti, viene da pensare che sarebbe possibile elaborare una storia della filosofia proprio passando dall’interpretazione che, dai presocratici a oggi, si è fornita dell’animalità come entità teorica. Per questo, l’autore, deve innanzitutto riportare l’attenzione su quella frattura “noi/loro” raccontandoci una storia di differenze non gerarchiche tra diverse forme di vita in cui, i presunti limiti dell’altro da sé, svaniscono non appena si comprende che entro ogni sistema di riferimento, questi presunti limiti perdono semplicemente di senso. Forse bastavano le ricerche di filosofia della mente di Thomas Nagel in Cosa si prova a essere un pipistrello?, in cui si spiega l’inaccessibilità alle altre menti animali, o forse no, dato che in Cimatti anche la questione wittgensteiniana delle forme di vita chiuse in se stesse viene a concettualizzarsi verso un’apertura, e una rilettura di Rilke, al di fuori dei campi di senso che Jakob Johann von Uexküll aveva compresso, come in bolle di sapone, entro il concetto di Umwelt. Ma la cosa più interessante, e forse più originale, è la tesi di Cimatti: egli sostiene che l’esperienza estetica davvero autentica è possibile solo nell’animale. Ovvero, in colui che non si distanzia dal mondo, che non si “aspetta di vedere qualcosa”, ma viene sorpreso dal manifestarsi del mondo. E forse a questo livello, percorrendo il filo dell’estetica, ha senso evidenziare questa natura comune con gli animali: l’animalità che dunque siamo, direbbe ancora Derrida.

  • 1 C’è qui celata in Heidegger una distinzione classica tra animali e umani che assume in Alfred North (...)
  • 2 Per un dibattito in tal senso rimando a M. Ferraris, Manifesto del nuovo realismo, Roma-Bari, Later (...)

2Ove poi non bastasse la filosofia di Cimatti, possiamo fare pensare al recente Il bonobo e l’ateo (Raffaello Cortina, 2013) del noto primatologo Franz de Waal: la sua idea esprime la visione biologica di quest’unica natura che ci lega, darwinisticamente, al resto del vivente definendoci, in accordo con molta letteratura, delle “scimmie bipolari”. Siamo dunque, in fondo, corde tese tra gli irascibili scimpanzé e gli amabili bonobo (in entrambi i casi mi riferisco, tecnicamente, alle loro rispettive indoli catturate dalla etologia). Che sia forse, dunque, proprio l’estetica a giocare un ruolo essenziale nella questione animale? Che l’umano sia davvero incapace di provare una genuina esperienza sensoriale perché, paradossalmente, la sua non povertà di mondo1 di cui lo glorificava Heidegger è invece arma a doppio taglio che non consente di vederne l’interezza? Va da sé che né Cimatti, né tantomeno il sottoscritto, si riferiscono a esperienze artistiche: piuttosto a essere chiamata in causa è l’estetica nel senso del manifestarsi del mondo a un soggetto percipiente. Si tratta, in un senso neanche troppo ricercato, della condizione di possibilità di tutte le altre esperienze estetiche. L’animale ci guarda, racconta Jacques Derrida ne L’animale che dunque sono (Jaca Book, 2006), e il pensiero comincia forse da questo incrocio di sguardi. Ma noi possiamo apparirgli sorprendendolo, come parte di un mondo che vive nella sua “interezza” (espressione che Cimatti utilizza per evidenziare come gli animali, animal cognition docet, non sono soliti partizionare il reale nel modo tipico agli essere umani). Siamo invece in grado, viceversa, di osservare senza aspettarci sempre qualcosa – marchiando la realtà esterna con i pregiudizi di un’ermeneutica senza freni spesso mistificatoria dei fatti2? Cimatti, e de Wall, in modi diversi suggeriscono che questa possibilità estetica autentica per le scimmie bipolari passi da un ragionamento sull’animalità. Vale la pena di seguire i sentieri che ci hanno indicato.

Torna su

Note

1 C’è qui celata in Heidegger una distinzione classica tra animali e umani che assume in Alfred North Whitehead una formulazione molto più precisa: gli animali si limitano a vivere la “struttura” del mondo mentre gli umani “creano la struttura” del mondo che vivono – cfr. Alfred North Whitehead, I modi del pensiero, tr. it. di P.A. Rovatti, Milano, il Saggiatore, 1972 (si veda, soprattutto, la lezione “Il problema dell’espressione”).

2 Per un dibattito in tal senso rimando a M. Ferraris, Manifesto del nuovo realismo, Roma-Bari, Laterza, 2012.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Leonardo Caffo, « Felice Cimatti, Filosofia dell’animalità - Fran de Waal, Il bonobo e l’ateo », Rivista di estetica, 56 | 2014, 271-272.

Notizia bibliografica digitale

Leonardo Caffo, « Felice Cimatti, Filosofia dell’animalità - Fran de Waal, Il bonobo e l’ateo », Rivista di estetica [Online], 56 | 2014, online dal 01 juin 2014, consultato il 23 janvier 2021. URL : http://journals.openedition.org/estetica/909 ; DOI : https://doi.org/10.4000/estetica.909

Torna su

Autore

Leonardo Caffo

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Rivista di Estetica è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search