Navigation – Plan du site
Bulletin platonicien

Eyjólfur K. Emilsson and Steven K. Strange, Plotinus, Ennead VI.4 & VI.5 : On the Presence of Being, One and the Same, Everywhere as a Whole

Franco Ferrari
Référence(s) :

Plotinus, Ennead VI.4 & VI.5 : On the Presence of Being, One and the Same, Everywhere as a Whole, Translation, Introduction and Commentary by E.K. Emilsson and S.K. Strange, Las Vegas – Zürich – Athens, Parmenides Publishing, 2015, pp. 295.

Texte intégral

1Questo volume inaugura una nuova collana, diretta da John Dillon e Andrews Smith, che prevede la traduzione con introduzione e commentario di tutti i trattati delle Enneadi di Plotino. Ogni volume della serie contiene un’introduzione al trattato, il riassunto dei principali argomenti in esso sviluppati, la traduzione inglese e un commentario analitico, seguito dalla bibliografia e dagli indici. Questo primo volume si apre con un’introduzione generale, dovuta ai due responsabili del progetto, sulla vita e i lineamenti fondamentali del pensiero plotiniano (pp. 1-10).

2In poche pagine Dillon e Smith forniscono un quadro preciso ed estremamente utile sui principali aspetti che un lettore delle Enneadi deve prendere in considerazione nel momento in cui si accinge ad affrontare il pensiero di questo straordinario e difficile filosofo del III secolo a.C. I responsabili della collana partono dalla giusta osservazione che, sebbene Plotino abbia sviluppato una concezione metafisica unitaria, coerente e fortemente sistematica, i suoi trattati non presentano affatto un andamento sistematico, ma sono simili a esplorazioni teoriche, in cui prende spesso il sopravvento uno stile problematico. In effetti gli scritti che compongono le Enneadi assumono sovente l’aspetto di un’insieme di aporie, alle quali l’autore tenta di fornire una soluzione, la quale viene a sua volta sottoposta ad un ulteriore esame, con il risultato che la posizione di Plotino non emerge quasi mai in forma esplicita.

3Come è noto, Plotino concepì il proprio lavoro filosofico nei termini di un’esegesi degli scritti di Platone (V 1, 8, 9-14) ; ma la radicalità del metodo interpretativo adottato lo ha condotto a sviluppare concezioni che non si trovano nei dialoghi. Inoltre Plotino incorpora nei suoi scritti uno spettro molto ampio di tradizioni che vanno da Aristotele e l’aristotelismo fino ai commentatori medioplatonici, passando per le opere dei pensatori stoici (e molte di queste opere sono andate perdute). Una simile circostanza rende estremamente arduo il compito dell’interprete, il quale deve sapersi districare in una rete di temi e motivi che vengono a formare un panorama filosofico di notevole complessità.

4Il volume che qui si presenta ha conosciuto un lungo periodo di incubazione che risale addirittura al 1990, come Emilsson spiega negli Acknowledgments (pp. 13-15). La traduzione è stata approntata da Strange, e leggermente modificata dopo la scomparsa di quest’ultimo (2011) da Emillson, anche sulla base dell’edizione commentata di VI 4-5 dovuta a Christian Tornau (1998). Sono di Emilsson l’introduzione (pp. 17-44) e il commento analitico del testo (pp. 115-272).

5I due trattati corrispondenti a VI 4 e VI 5 (22 e 23 cron.) dell’ordinamento di Porfirio costituiscono in realtà un unico scritto continuo, dedicato principalmente alla questione della natura della presenza dell’anima nel corpo. In realtà il titolo apposto da Porfirio, ossia Περὶ τοῦ τὸ ὂν ἓν καὶ ταὐτὸν ὂν ἅμα πανταχοῦ εἶναι ὅλον, risulta parzialmente fuorviante, perché esso allude al dettato di Parm. 131b e 144c-d, dove il motivo dell’onnipresenza è riferito al mondo intelligibile, ossia alle idee, mentre il focus del trattato di Plotino è rappresentato dal tema dell’onnipresenza dell’anima nel corpo. Non c’è dubbio, ad ogni modo, che agli occhi di Plotino la questione del rapporto tra anima e corpo (mind/body) rappresenti un caso del più generale problema della relazione tra l’intelligibile e il sensibile, al quale appartiene anche il fenomeno della partecipazione.

6Nel trattato VI 4-5 Plotino sembra trascurare l’esistenza all’interno della sfera intelligibile di una struttura gerarchica, espressa dalla sequenza delle ipostasi Uno, Intelletto e Anima, per concentrarsi quasi esclusivamente sulla relazione tra l’anima e il corpo. Come spiega molto bene Emilsson (p. 22), ciò dipende dalla circostanza che l’ambito intelligibile venga considerato in modo unitario e compreso all’interno della categoria generale di noeton (inclusiva di Anima, Intelletto, essere intelligibile, idee ecc.), di cui appunto l’Anima costituisce un caso, particolarmente significativo, dal momento che essa rappresenta l’ipostasi intelligibile direttamente confinante con la sfera sensibile (pp. 39-40).

7Il mondo intelligibile, di cui dunque l’Anima è parte integrante, risulta caratterizzato per Plotino dalla permanenza, dall’auto-identità, dall’indivisibilità e dalla interezza (holon), ossia dal fatto che in esso non è attiva la logica mereologica. La natura ‘olistica’ del mondo intelligibile trova espressione in Plotino nella celebre formula di origine anassagorea o parmenidea homou pan (panta), dalla quale traspare il principio della totale inclusività degli intelligibili, ossia la circostanza che ciascun membro di questa sfera sia anche la totalità dell’intero ambito intelligibile (V 8, 4, 4-11). Dunque la tesi centrale del trattato plotiniano consiste nell’affermazione che l’onnipresenza dell’anima nel corpo, vale a dire dell’intelligibile nel sensibile, non comporti da parte dell’anima l’assunzione del carattere fondamentale del corpo, cioè la sua divisibilità (merismos). Dal momento che una norma fondamentale della metafisica di Plotino stabilisce che ciò che è ontologicamente anteriore (proteron) non possa venire modificato da ciò che è ontologicamente posteriore (hysteron), l’anima non subisce nessuna affezione dal corpo e non ne assume nessuna caratteristica.

8Per Plotino non è l’anima a trovarsi nel corpo, bensì il corpo ad essere nell’anima, e la condizione di ‘essere in’ equivale per il filosofo neoplatonico a ‘dipendere da’ (p. 25). Emilsson dedica poi la giusta attenzione al principio della Reception according to the capacity of the recipient (pp. 26-28), ossia alla norma che stabilisce che le modalità con cui una realtà inferiore assume i caratteri ‘trasmessi’ dalla realtà superiore dipendono dalla epitedeiotes della prima, ossia dalla sua adattabilità. Si tratta di un principio destinato a conoscere un’infuenza formidabile nel pensiero arabo e cristiano successivo.

9Altrettanto opportune mi paiono le considerazioni che Emilsson dedica alla celebre concezione della ‘doppia attività’ (energeia ditte), che scandisce il processo di generazione delle ipostasi. Come è noto, questa dottrina stabilisce che ogni realtà ipostatica presenti due forme di attività : la prima interna e coincidente con l’essere stesso di questa entità, la seconda, prodotta dalla prima, esterna e capace di generare un livello ontologico inferiore (per mezzo dell’epistrophe verso la fonte da cui promana). Sebbene questa importantissima concezione, che informa l’impianto emanativo della metafisica plotiniana, sia assente dal trattato sull’onnipresenza dell’essere, nel senso che mancano in esso espliciti richiami a tale dottrina, in realtà, come Emilsson rileva molto opportunamento (pp. 36-7), la teoria della doppia attività agisce sullo sfondo di alcuni passi nei quali Plotino dichiara che l’anima, pur risultando presente nei sensibili, non è mai staccata (ouk apotetmenon) dalla sua fonte (VI 4, 3, 9 ; VI 4, 8, 15 ; VI 5, 1, 8). In effetti il motivo della continuità, ossia l’assenza di un vero e proprio distacco dalla fonte, costituisce uno degli aspetti focali della concezione della doppia energeia.

10L’ultima parte dell’introduzione è consacrata alla ricostruzione della strategia esegetica messa in atto da Plotino in questo trattato. Secondo Emilsson, il nucleo di questa strategia consiste nell’interpretazione di Parm. 131b per mezzo del rinvio a Tim. 35a (pp. 39-44). Come noto, in Parm. 131b Socrate accenna alla possibilità che la ‘presenza’ dell’idea nei sensibili che di essa partecipano sia equiparabile alla presenza del giorno, che risulta unico, identico, indivisibile e onnipresente dappertutto. Questo suggerimento viene radicalmente frainteso da Parmenide, il quale assimila in maniera del tutto illegittima la presenza del giorno a quella di un velo che copre kata mere, ossia in forma mereologica, molti uomini. Secondo Emilsson la circostanza che Plotino interpreti l’onnipresenza e l’indivisibilità dell’intelligibile riferendole prevalentemente all’anima trova una plausibile spiegazione nel richiamo al passo del Timeo nel quale viene enfatizzata l’indivisibilità della psyche tou pantos. Scrive in proposito lo studioso : « Plotinus connects the answer to the riddle posed by the Parmenides to the interpretation of Timaeus 35a : the latter passage is to be interpreted in such a way that the integrity of soul is preserved ; that same concern directs this attitude towards the former» (p. 42). Tutto ciò comporta che la natura della relazione tra l’anima e il corpo sia la medesima di quella che regola il rapporto tra la sfera intelligibile e quella sensibile, come Emilsson spiega in conclusione dell’introduzione : « The indivisibility of being implies that whatever partecipates in being partecipates in being as a whole. From this it follows that the thesis of the indivisibility of the soul is the same thesis as that of partecipation in being as whole» (p. 44). Il mondo intelligibile, anima compresa, si sottrae alla logica mereologica implicante divisibilità per assumere una prospettiva olistica.

11Il commentario appare puntuale e preciso, fornendo in questo modo un ausilio prezioso alla comprensione del testo di Plotino. Il livello complessivo di questo primo volume consente di nutrire le migliori speranze sul proseguio di un’impresa destinata a rivelarsi di grande utilità sia per gli specialisti di Plotino, sia per gli amanti di questo straordinario pensatore, che forse ha ancora qualcosa di interessante da dire all’uomo contemporaneo, come ritengono i due direttori della collana (p. 10).

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Franco Ferrari, « Eyjólfur K. Emilsson and Steven K. Strange, Plotinus, Ennead VI.4 & VI.5 : On the Presence of Being, One and the Same, Everywhere as a Whole », Études platoniciennes [En ligne], 13 | 2017, mis en ligne le 01 septembre 2017, consulté le 17 août 2018. URL : http://journals.openedition.org/etudesplatoniciennes/1237

Haut de page

Auteur

Franco Ferrari

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Études Platoniciennes est mis à disposition selon les termes de la Licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
  • OpenEdition Journals