Navigation – Plan du site

AccueilNuméros40Lisabetta o Bettine?

Lisabetta o Bettine?

Romanzo, affabulazione e riscrittura nella Storia della mia vita di Giacomo Casanova
Alessandro Bosco
p. 65-81

Résumés

À l’exception des écrits pionniers de Ted Emery, la critique casanovienne n’a pas encore produit d’études de fond sur le dialogue que les Mémoires entretiennent avec le roman du XVIIIe et les thématiques qui le caractérisent, telles qu’inceste, déguisement, androgynie, homosexualité. Il s’agit souvent de véritables réécritures, plus ou moins implicites et plus ou moins parodiques, d’intrigues romanesques. On examinera l’un des premiers épisodes des Mémoires, les chapitres consacrés à Bettine, pour montrer comment Casanova réécrit implicitement, de façon parodique et critique, certaines scènes de La Nouvelle Héloïse de Rousseau, en proposant un modèle de codification des rôles dévolus aux genres complètement différent de celui représenté par Julie.

Haut de page

Entrées d’index

Index géographique :

Italie

Index chronologique :

XVIIIe
Haut de page

Texte intégral

  • 1 Cfr. l’introduzione di Paolo Archi a Giacomo Casanova, Romanzi italiani, a cura di Paolo Archi, p (...)
  • 2 Ibid.
  • 3 Giacomo Casanova, Confutazione della storia del Governo Veneto d’Amelot de La Houssaie, 3 vol., v (...)

1Nel 1769 Giacomo Casanova pubblica a Lugano la Confutazione della storia del governo veneto d’Amelot de la Houssaie. Si tratta di un’opera di carattere storiografico, in cui lo scrittore veneziano si propone di confutare l’Histoire du gouvernement de Venise (Parigi 1676) nell’intenzione di muovere il governo della Serenissima a concedergli la grazia dopo anni di esilio passati a girovagare per l’Europa. Difatti, come ha osservato Paolo Archi, la Confutazione mirava « a costruire un’immagine dell’uomo del tutto opposta a quella nota nelle corti e nelle gazzette europee. Non è più il curioso e libertino homme d’esprit, ma un serio studioso, ispirato da lumi conservatori, o quantomeno illuminista moderato, tutto teso a glorificare la storia passata della Repubblica1 ». Tant’è vero che Casanova « si schiera in prima linea contro l’irreligiosità […] in accordo con la svolta reazionaria del governo veneto2 », polemizzando addirittura con Voltaire in uno dei numerosissimi excursus di cui è costellato questo copioso trattato in cui l’autore non perde occasione per fare sfoggio della propria erudizione. Ebbene proprio in una di tali divagazioni, e precisamente nel secondo dei tre volumi complessivi dell’opera, Casanova narra la storia di Elisabetta Gozzi, « giovane d’anni 15 » che « nell’anno 1737 […] a Padova […] fu comunemente riputata stregata3 ». Si tratta dello stesso episodio che oltre vent’anni dopo Casanova avrebbe raccontato nel secondo e terzo capitolo del primo tomo dell’Histoire de ma vie.

  • 4 Id., Histoire de ma vie, 3 vol., vol. I, suivie de textes inédits, édition présentée et établie p (...)
  • 5 Sui limiti del casanovismo si era del resto già precisamente espresso, oltre mezzo secolo fa, Rob (...)

2Questa corrispondenza del resto è nota da tempo, né poteva sfuggire ad un casanovista come il Gugitz che, tuttavia, nel confrontare le due versioni della storia di Lisabetta si limitava a commentare: « Nous pouvons remarquer quelques légères dissemblances dans les deux récits. […] Mais d’un côté comme de l’autre, c’est en 1737 que l’affaire se passa4. » Quasi che la corrispondenza delle date esaurisse l’interesse filologico del confronto. Il che, se si vuole, è sintomatico dei limiti del casanovismo, e della sua persistente (e dico persistente perché la recentissima e pur meritevolissima edizione critica dell’Histoire non scioglie ancora, come vedremo, tutti i dubbi in questo senso ) ritrosìa a riconoscere a pieno le ragioni dell’operazione letteraria di Casanova5. Che l’episodio di Lisabetta, la « Bettine » dell’Histoire, si sia svolto o meno nel 1737 è infatti un dato sostanzialmente irrilevante per la comprensione dell’episodio e della sua funzione all’interno della complessa architettura narrativa dell’Histoire. Mentre risultano invece decisive quelle « légères dissemblances » accennate dal Gugitz, e che poi tanto « légères » non sono affatto.

3Ma andiamo per ordine e riprendiamo in mano l’episodio così come ci viene narrato nell’Histoire. Giacomo, ragazzino di 12 anni, si trova a pensione presso il suo precettore, l’abate Antonio Gozzi, a Padova. Nella stessa casa vive anche la sorella dell’abate, Elisabetta, che nell’Histoire entra in scena come segue:

  • 6 Giacomo Casanova, Histoire de ma vie, 3 vol., vol. I, édition établie sous la direction de Gérard (...)

Le docteur Gozzi avait aussi une sœur âgée de treize ans nommée Bettine, jolie, gaie, et grande liseuse de romans. Le père et la mère la grondaient toujours parce qu’elle se montrait trop à la fenêtre, et le docteur à cause de son penchant à la lecture. Cette fille me plut d’abord sans que je susse pourquoi. Ce fut elle qui peu à peu jeta dans mon cœur les premières étincelles d’une passion qui dans la suite devint ma dominante6.

  • 7 Id., Confutazione della storia del Governo Veneto d’Amelot de La Houssaie, op. cit., p. 162.

4Da un lato Bettina assume così una funzione iniziatica nel percorso autobiografico del protagonista, in quanto prima ispiratrice di quel desiderio erotico che in seguito sarebbe divenuta la passione dominante dell’esistenza di Giacomo. Mentre dall’altro inaugura tutta una schiera di memorabili eroine che più si va avanti nella lettura dell’Histoire e più sembrano rispecchiarsi l’una nell’altra in una sorta di estasi allucinatoria. Alla luce di questa sua funzione inaugurale dunque, non può non acquistare maggior risalto la veste in cui Bettina ci viene presentata, ovvero quella di « gran lettrice di romanzi ». Si tratta evidentemente di una ben precisa scelta narrativa dell’autore, che non solo non trova nessun riscontro nella vicenda reale di Elisabetta Gozzi (la quale, come ci informa lo stesso Casanova, « non sapeva che cucire » ed era quindi una ragazza illetterata7), bensì richiama soprattutto la celeberrima polemica sulla moralità del romanzo rilanciata nel 1761 da uno dei principali e costanti bersagli polemici dell’Histoire, ovvero La Nouvelle Héloïse di Jean-Jacques Rousseau:

  • 8 Jean-Jacques Rousseau, Julie ou la Nouvelle Héloïse, introduction, notes et choix de variantes pa (...)

Ce Recueil [scriveva dunque Rousseau nella nota prefazione al romanzo] avec son gothique ton convient mieux aux femmes que les livres de philosophie. Il peut même être utile à celles qui, dans une vie déréglée, ont conservé quelque amour pour l’honnêteté. Quant aux filles, c’est autre chose. Jamais fille chaste n’a lu de romans, et j’ai mis à celui-ci un titre assez décidé, pour qu’en l’ouvrant on sût à quoi s’en tenir. Celle qui, malgré ce titre, en osera lire une seule page, est une fille perdue ; mais qu’elle n’impute point sa perte à ce livre ; le mal était fait d’avance8.

  • 9 Giacomo Casanova, « Préface de 1791. Histoire de mon existence », in id., Histoire de ma vie, vol (...)

5Che Casanova avesse ben presente questo passo è del resto testimoniato da un progetto di prefazione redatto nel 1791, in cui egli insinua come Rousseau, anteponendo tale avvertenza al proprio romanzo, non abbia voluto far altro che mettere in atto una subdola manovra commerciale. Di fatti, sottolinea sarcasticamente Casanova, « jamais livre ne fut tant lu, et cela devait être car les perdues ne risquaient rien, et les autres voulurent voir si cela était vrai9 ». Ma a parte la battuta è evidente che presentando la prima protagonista dell’Histoire come una giovane assiduamente dedita alla lettura di romanzi Casanova carichi subito il personaggio di precise connotazioni, implicitamente alludendo al “pericolo”, che secondo l’avvertenza rousseauiana, tale lettura comporterebbe.

  • 10 Cfr. Ted Emery, « Casanova, the Novel, and the Woman as Desiring Subject: The Case of Bettina », (...)
  • 11 Nancy K. Miller, The Heroine’s Text. Readings in the French and English Novel, 1722-1782, New Yor (...)
  • 12 Pierre Fauchery, La destinée féminine dans le roman européen du dix-huitième siècle (1713-1807). (...)
  • 13 Nancy K. Miller, The Heroine’s Text, op. cit., p. 151.

6In realtà, come del resto ha già evidenziato Ted Emery, se il “pericolo” è quello di compromettere la castità delle ragazze “risvegliando” in loro il desiderio erotico, è proprio la legittimità di tale desiderio che Casanova intende invece rivendicare10. E tale discorso non può che passare nell’Histoire attraverso un’implicita operazione di riscrittura e quindi di messa in discussione dell’impianto ideologico di una determinata tradizione del romanzo settecentesco, e nella fattispecie del romanzo sentimentale che trova il proprio paradigma in Pamela. Il plot del capolavoro di Richardson si fonda com’è noto sulla centralità della protagonista femminile chiamata a difendere dagli assalti maschili la propria verginità e, con essa, l’essenza stessa della propria identità. Se per le protagoniste del romanzo sentimentale del Settecento il faux pas sessuale, come ha notato Nancy Miller, costituisce « un passo fatale », è perché l’esperienza dei caratteri femminili continua ad essere, e lo sarà ancora di più nell’Ottocento, in primo luogo connessa alla sfera sessuale e familiare11. Ma accanto alle eroine che fanno della verginità il valore supremo della propria esistenza, vi è invece un’altra schiera di protagoniste per le quali, come ha notato Fauchery, « la verginità non è che un momento e non un’essenza, e che la perdono senza catastrofe12 », devalorizzando di fatto « l’erotico quale centro delle propria identità13 ». E si pensi, in tal senso, ad esempi quali Moll Flanders, Roxane o Fanny Hill a cui fanno da contraltare, non senza ambiguità, personaggi quali Pamela o Julie.

  • 14 Si vedano in proposito le imprescindibili osservazioni di Tatiana Crivelli contenute in Né Arturo (...)

7Il discrimine tra romanzi moralmente edificanti e altri che invece « prostituiscono alla dissolutezza » passa quindi in sostanza attraverso una determinata codificazione ideologica e morale del ruolo sociale della donna. Ma è un ambito, quello dei ruoli di genere, in cui l’orgoglio settecentesco del romanesque ama giocare d’ambiguità14. Tant’è vero che Pietro Verri nell’indicare un ideale modello femminile alla propria figlia Teresa, vede bene di fare chiarezza:

  • 15 Pietro Verri, Ricordi a mia figlia Teresa, in id., Scritti di argomento familiare e autobiografic (...)

L’uomo, o per la carriera delle armi, o per la ecclesiastica, o per le scienze, o per le cariche civili, ha il mezzo di forzare le dicerie popolari a tacere e va da conquistatore forzando la opinione e sottomettendosela. Ma la donna manca di queste risorse. Debole, gracile, timida per sua natura, non ha per mezzi che la dolcezza, la placida bontà, la virtù del cuore. Questi sono che le procurano un marito, che le lo affezionano, e che la conducono a quel grado di felicità a cui può aspirare. Le virtù stesse sembrano divise in gran parte per appanaggio dei due sessi. Un giovane robusto, ardito, impetuoso, piace, una figlia, se tale fosse, dispiacerebbe: la virtù sua è la modestia; il contegno, un po’ di timidezza, la sensibilità squisita, la compassione, qualche poco anche d’imbarazzo nella sua persona, formano il di lei pregio. Una donna decisa, aspra, e di franchezza spiace e sembra affumicata dalle pippe d’un corpo di guardia15.

8Il ritratto del Verri ci presenta le qualità che una donna dovrebbe avere per risultare desiderabile agli occhi dell’opinione pubblica del tempo e del partito maschile in particolare. La sfera pubblica non solo è ricca d’insidie per la donna, « debole, gracile, timida per sua natura »: le qualità stesse necessarie per affrontarla paiono disdicevoli in quanto « una donna decisa, aspra, e di franchezza spiace ». È invece alla sfera privata che pertengono le sue virtù e i pregi, ossia « la modestia, il contegno, un po’ di timidezza la sensibilità squisita, la compassione, qualche poco anche d’imbarazzo », qualità che con « la dolcezza, la placida bontà, la virtù del cuore » vanno a costituire il modello della sposa e quindi della madre esemplare attorno alla quale va formandosi il nucleo della nascente famiglia borghese.

  • 16 Ibid., p. 415.
  • 17 Giacomo Casanova, Histoire de ma vie, op. cit. (Gallimard), p. 49. (Corsivi nel testo.)

9Ebbene è propriamente questa costellazione di valori che il romanzo “libertino” del Settecento sistematicamente trasgredisce. Sicché il Verri, pur approvando la lettura dei romanzi « scritti con decenza e con grazia », mette in guardia sua figlia da quelli « troppo libertini, i quali, se avete l’anima delicata, vi stomacano e, se disgraziatamente l’aveste poco ferma, vi prostituiscono alla disolutezza (sic)16 ». La lettura dei primi invece rappresenta una « eccellente lezione di morale pratica ». Un concetto che troviamo ribadito anche nell’Histoire, là dove il narratore casanoviano verso la fine dell’episodio si chiede a proposito di Bettina: « mais dans quelle école avait-elle appris à si bien connaître le cœur humain ? En lisant des romans. Il se peut que la lecture de plusieurs soit la cause de la perte d’une grande quantité de filles ; mais il est certain que la lecture des bons leur apprend la gentillesse, et l’exercice des vertus sociales17 ». Come il Verri e al contrario di Rousseau, Casanova non condanna la lettura dei romanzi in toto come disdicevole per le ragazze, ma distingue tra quelli buoni e quelli cattivi. Con la differenza, tuttavia, che quei romanzi che il Verri avrebbe ritenuto accettabili, sono propriamente quelli che, come vedremo, Casanova invece parodizza, e finalmente condanna, nell’episodio di Bettina.

  • 18 Ibid.

10Insomma è chiaro che presentandoci Bettina come una « grande liseuse de romans » il narratore casanoviano sta invitando il lettore a leggere l’episodio sullo sfondo delle trame narrative dei romanzi settecenteschi e quindi entro un ben preciso orizzonte di attesa. Tant’è vero che Bettina viene esplicitamente paragonata ad un personaggio romanzesco: « Cette fille me paraissait plus étonnante que toutes celles dont les romans que j’avais lus m’avaient représenté les merveilles. Il me semblait me voir joué par elle avec une effronterie sans exemple18. » E si badi come la sfrontatezza e l’inganno siano qualità prettamente opposte all’ideale della modestia, del contegno e della sincerità incarnate, non senza ambiguità, da una Julie o da una Pamela. Seduzione, inganno, finzione sono invece non soltanto, come vedremo, alcuni tratti fondamentali del personaggio di Bettina, ma anche tre motivi essenziali e ricorrenti nella partitura narrativa dell’Histoire, nonché elementi costitutivi, e secondo l’autore tutt’altro che condannabili, del rapporto amoroso.

11Sviluppando dunque l’implicita connotazione erotica della giovane protagonista desumibile, come detto, dal dialogo con l’intertesto rousseauiano, Casanova mette in scena nella prima parte dell’episodio le capacità seduttive di Bettina, in un implicito gioco di inversione dei canonici ruoli romanzeschi di seduttore e vittima. In un primo momento questo processo di seduzione ha un’aria abbastanza innocente: Bettina si reca quotidianamente in camera del giovane Giacomo per pettinarlo e lavarlo, spesso quando questi è ancora a letto svestito. Tra carezze, palpeggiamenti e baci infantili la seduzione messa in atto da Bettina va di pari passo con un palese processo di effeminazione del protagonista maschile che dalla vergogna, all’imbarazzo, alla timidezza, al contegno, alla sensibilità, alla bianchezza e morbidezza della pelle incarna tutte le qualità che nella sua definizione dei ruoli di genere Verri, come abbiamo visto, attribuisce alla donna. Questi giochi erotici portati avanti in un’aria di presunta innocenza vengono turbati un giorno dall’arrivo in casa Gozzi di tre nuovi educandi, tra cui Candiani, un ragazzino di quindici anni che pare instaurare subito un buon rapporto con Bettina. Il giovane Giacomo finisce per ingelosirsi. Bettina ne approfitta per portare a compimento il proprio progetto di seduzione intensificando fino alle sue esplicite conseguenze il gioco erotico:

  • 19 Ibid., p. 37-38.

Elle vint un matin à mon lit me portant des bas blancs tricotés par elle ; et après m’avoir coiffé, elle me dit qu’elle avait besoin de me les chausser pour voir leurs défauts, et se régler pour m’en faire d’autres. […] Me mettant les bas, elle me dit que j’avais les cuisses malpropres, et tout de suite elle se mit en devoir de me les laver sans m’en demander la permission. Je fus honteux de pouvoir lui paraître honteux, ne m’imaginant pas d’ailleurs que ce qui est arrivé arriverait. Bettine assise sur mon lit poussa trop loin son zèle pour la propreté ; et sa curiosité me causa une volupté qui ne cessa que quand elle se trouva dans l’impossibilité de devenir plus grande. Me trouvant calme, je me suis avisé de me reconnaître pour coupable, et je me suis cru en devoir de lui demander pardon. Bettine qui ne s’y attendait pas, après y avoir un peu pensé, me dit d’un ton d’indulgence que toute la faute était d’elle : mais que cela ne lui arriverait plus. Elle me quitta ainsi m’abandonnant à mes réflexions19.

12Giacomo cade così definitivamente nelle reti della sua seduttrice e si innamora della ragazza. Ma Bettina di colpo interrompe le proprie visite, lasciando Giacomo in preda ad astratti sensi di colpa e rimorsi di coscienza. Il tarlo dell’innamoramento lo rode finché si convince che il motivo delle cessate visite non possa che risiedere nel fatto che anche Bettina si sia innamorata di lui. Sull’onda di tale pensiero riprende coraggio e scrive a Bettina la quale, in tutta risposta, gli propone di travestirsi da donna per accompagnarla ad un ballo. Giacomo accetta l’invito convinto che Bettina stia cercando un modo per stare insieme a lui senza destare sospetti. In realtà anche in questo caso il gioco nella pagina è più sottile, poiché l’ipotesi del travestimento segna di fatto il culmine del processo di effeminazione del personaggio maschile, ratificando metaforicamente l’inversione dei ruoli tra seduttore e vittima. Nell’attesa del fatidico ballo, intanto, il desiderio di Giacomo cresce, quand’ecco che approfittando di una temporanea assenza del dottor Gozzi egli, stanco di attendere, propone a Bettina di venire a trovarlo di notte nella propria camera. Bettina acconsente. Giacomo si ritira nella propria camera in attesa del momento in cui poter finalmente appagare il proprio desiderio:

  • 20 Ibid., p. 39.

À peine retiré dans ma chambre, j’ai fermé ma porte au verrou, et j’ai ouvert celle qui donnait sur le corridor de façon que Bettine n’avait qu’à la pousser pour entrer. Après cela j’ai éteint ma chandelle sans me déshabiller. On croit que dans les romans que nous lisons ces situations sont exagérées, et ce n’est pas vrai. Ce que l’Arioste dit de Roger qui attendait Alcine est un beau portrait tiré de nature20.

  • 21 Cfr. Ludovico Ariosto, Orlando Furioso, VII, 23-26: « Ruggiero entrò ne’ profumati lini / che par (...)

13Affermazione, a ben pensarci, paradossale, visto che la veridicità dell’accaduto sarebbe attestato secondo il narratore proprio dal suo sapore romanzesco, quasi a rivendicare le ragioni della finzione sopra quelle della realtà. Fatto sta che la scena in cui Giacomo (che come Ruggero ha subito un processo di effeminazione per mano della sua seduttrice) attende Bettina, non dalla “natura” è tratta bensì dalla letteratura, e ricalca esplicitamente quella di Ruggero che nella notte attende Alcina21.

14A differenza di Alcina, tuttavia, Bettina non va da Giacomo. Non solo: quando Giacomo un’ora prima dell’albeggiare decide, stanco di aspettare, di recarsi sull’uscio di Bettina, si trova di fronte Candiani che sgattaiolando fuori dalla stanza di questa trova modo di rifilare a Giacomo un calcio nel ventre. « Ingannato, umiliato, maltrattato », il giovane Giacomo pare adesso riconoscere il vero volto di Bettina. Un biglietto di Candiani che egli trova per caso nella stanza della ragazza, e che fornisce la prova di altri incontri notturni avvenuti tra i due, sembra definitivamente ridestare Giacomo dall’incanto amoroso. Le implicazioni dell’intertesto ariostesco sono evidenti: seduttrice, ammaliatrice, incantatrice, tessitrice di trame ingannevoli, Bettina rappresenta una sorta di proiezione di Alcina.

15Gli eventi si susseguono senza sosta, e a poche ore dall’accaduto Bettina viene trovata nel suo letto in preda alle convulsioni. La prima diagnosi fornita da una levatrice parla di “effetti isterici” (che secondo la tradizione galenica erano da ricondurre al soffocamento dell’utero). Ipotesi subito smentita dal medico Oliva che prescrive riposo e bagni freddi. Nell’allarme generale della casa per le condizioni della ragazza, Giacomo rimane impassibile, convinto che l’unica causa delle convulsioni sia invece da ricercare nell’episodio notturno. Col persistere dei sintomi la madre intanto si convince che le convulsioni non possano che essere opera del maleficio di una strega (subito individuata nella vecchia serva di casa), e quando Bettina il giorno dopo inizia a delirare pronunciando parole in latino e greco, nessuno, all’infuori di Giacomo e del medico Oliva, dubita più della possessione demoniaca, sicché si decide di ricorrere all’esorcista.

  • 22 Cfr. Elena Brambilla, Corpi invasi e viaggi dell’anima. Santità, possessione, esorcismo dalla teo (...)
  • 23 Ibid., p. 102.
  • 24 Cfr. Giacomo Casanova, Lana caprina. Lettera di un licantropo, in id., Saggi, libelli e satire, a (...)

16Ora, va notato che l’iter che nella narrazione conduce alla diagnosi della possessione della ragazza segue alla lettera i principali assunti della manualistica esorcistica del tempo, secondo la quale il diavolo non poteva impossessarsi del corpo se non tramite un « maleficio ». Inoltre il « parlare “varie lingue”, non corrispondenti alla parlata locale » era considerato in questi stessi manuali un tipico sintomo di possessione diabolica22. Ma per cogliere fino in fondo le implicazioni del testo, bisogna qui osservare in primo luogo i personaggi che restano sullo sfondo, ovvero, la levatrice, il medico Oliva e lo stesso Giacomo. La levatrice, come abbiamo visto, è sostanzialmente una portavoce del classico punto di vista galenico, secondo cui le cause dell’isteria (insieme a quelle di un’alta forma di demenza esclusivamente femminile, ovvero la ninfomania) andavano attribuite « a quella bestia viva e inquieta che si celava nel ventre femminile: l’utero che, se privato della sua funzione naturale – secondo Ippocrate di procreare, secondo Galeno di produrre il seme nell’orgasmo – in colei che era condannata alla verginità (o nella donna matura ma insoddisfatta) si distaccava dagli ormeggi per salire nel ventre e premere contro il diaframma, chiudendo la gola e provocando un senso di soffocamento, uteri suffocatio23 ». Questa credenza continuava ad essere ben presente nella cultura del Settecento, tanto che lo stesso Casanova nel 1772 intervenne, con un gustoso libello intitolato Lana caprina, nel dibattito che sull’argomento opponeva due professori dell’Università di Bologna24. Sulla « cura consigliata e praticata sin dall’antichità per questa malattia dai galenisti » ci informa, in un passo riportato da Elena Brambilla, il medico Giovan Battista Codronchi in un trattato del 1595:

  • 25 Cfr. Elena Brambilla, Corpi invasi e viaggi dell’anima, op. cit., p. 102.

tutti i Medici insegnano e principalmente Galeno, Ezio e Avicenna, che per sottrarre queste donne all’accesso che le affligge si deve procurare la secrezione del seme: un’ostetrica o un’altra donna inserisca le dita unte d’olio o di unguenti riscaldanti, dilatanti e rilassanti nelle parti pudende, massaggiandole delicatamente e a lungo, in modo che eccitando la tensione e provocando la libidine, si secerna il seme25.

  • 26 Ibid., p. 103.
  • 27 Giacomo Casanova, Histoire de ma vie, op. cit. (Gallimard), p. 43. Nell’episodio di Lisabetta Goz (...)

17Ora, se con la rivoluzione scientifica del Seicento e i progressi dell’anatomia il destino della teoria galenica nella storia della medicina appare di fatto segnata, Brambilla ha però sottolineato come il vero motivo per cui « questa terapia medica antica » venga ad un certo punto respinta vada attribuita non già alla lineare evoluzione del sapere medico bensì, per effetto della Controriforma, ad « una vera frattura nella storia della medicina », ovvero all’« ingresso spiazzante di una teoria non medica ma teologica, la possessione demoniaca, che esclude la terapia precedente e spiega i sintomi, che i medici attribuivano alla uteri suffocatio, con i poteri dei démoni26 ». Alla luce di questo quadro, che fa da sfondo alla narrazione dell’episodio di Bettina, il personaggio di Oliva (che rifiuta sia la tesi isterica avanzata dalla levatrice sia quella dell’indemoniamento) incarna per così dire il progresso della scienza medica. Un progresso che l’autore implicitamente rivendica in chiave illuministica attraverso la sua proiezione ideologica nel testo, ovvero Giacomo, che di fronte alla diagnosi della possessione diabolica commenta: « Ils me semblaient tous fous ou imbéciles. Je ne pouvais me figurer des diables dans le corps de Bettine sans rire27. » E la ridicolizzazione della prassi esorcistica trova il proprio culmine in una vera e propria mise en abyme (che è al contempo una gustosa e graffiante parodia) del sacro rito, con il padre di Bettina, ubriaco da non reggersi in piedi, chiamato a vestire i panni dell’esorcista:

  • 28 Giacomo Casanova, Histoire de ma vie, op. cit. (Gallimard), p. 46.

C’était un dimanche. Bettine avait bien dîné, et avait été folle toute la journée. Vers minuit son père arriva à la maison chantant le Tasse, ivre à ne pas pouvoir se tenir debout. Il alla au lit de sa fille, et après l’avoir tendrement embrassée il lui dit qu’elle n’était pas folle. Elle lui répondit qu’il n’était pas soûl. – Tu es possédée, ma chère fille. – Oui mon père ; et vous êtes le seul qui peut me guérir. – Eh bien ! Je suis prêt. Il parle alors en théologien ; il raisonne sur la force de la foi, et sur celle de bénédiction paternelle ; il jette son manteau ; il prend un crucifix d’une main, il met l’autre sur la tête de sa fille, et il commence à parler au diable d’une façon que sa femme même toujours bête, triste, et acariâtre doit en rire à gorge déployée. Les seuls qui ne riaient pas étaient les deux acteurs, et c’était cela qui rendait la scène plaisante. J’admirais Bettine qui rieuse du premier ordre avait alors la force de se maintenir dans le plus grand sérieux. Le docteur Gozzi riait aussi, mais en désirant que la farce se terminât28 […].

18Questa scena è significativamente incastonata tra i due tentativi di esorcismo subiti da Bettina. Nel primo caso a presentarsi in casa Gozzi è un frate cappuccino « molto brutto » di nome Prospero da Bovolenta:

  • 29 Ibid., p. 43. (Corsivi nel testo.)

Bettine à son apparition lui dit en éclatant de rire des injures sanglantes, qui plurent à tous les assistants, puisqu’il n’y avait que le diable d’assez hardi pour traiter ainsi un capucin ; mais celui-ci à son tour s’entendant appeler ignorant, imposteur, et puant commença à donner des coups à Bettine avec un gros crucifix disant qu’il battait le diable. Il ne s’arrêta que lorsqu’il la vit en position de lui jeter un pot de chambre à la tête, chose que j’aurais bien voulu voir. Si celui qui t’a choqué, lui dit-elle, par des paroles est le diable, frappe-le avec les tiennes, âne que tu es ; et si c’est moi apprends butor que tu dois me respecter ; et va-t’en. J’ai vu alors le docteur Gozzi rougir29.

  • 30 Ibid., p. 44.
  • 31 Ibid., p. 45.

19Il confronto tra la ragazza e il cappuccino va avanti a colpi di dialettica che attestano la superiorità intellettuale di Bettina. Per finire, la giovane sputa sulla mano del frate nel momento in cui questi le intima di baciargliela e rovescia sulla testa del cappuccino un bicchiere di liquido nero che avrebbe dovuto ingerire. Se i piani di vendetta di Giacomo per il torto subito nella notte erano già stati accantonati nel giorno precedente (quando sussurrando nell’orecchio di Bettina le aveva promesso la propria discrezione in merito alla tresca con Candiani), di fronte a questo nuovo spettacolo inizia ora ad affievolirsi anche il suo senso di disprezzo verso la ragazza: « Inconcevable fille remplie de talent, qui confondit le capucin, et qui n’étonna personne, puisqu’on attribua toutes ses paroles au diable. Je ne concevais pas quel pouvait être son but30. » Giacomo, in altre parole, ammira come attraverso la finzione e sfruttando le superstizioni degli altri Bettina riesca in un’opera di dissacrazione non soltanto dei dogmi religiosi, ma anche delle gerarchie patriarcali rivendicando rispetto per un’indipendenza di giudizio e una prontezza di parola che gli astanti evidentemente ritengono qualità sconvenienti in una ragazza, tanto da ascriverle, non senza soddisfazione, a fattura diabolica. Bettina, in altre parole, attraverso la propria “ingegnosità” si rivela nella sua qualità di “femme d’esprit” (« raison ingénieuse » essendo la definizione di « esprit » nell’Encyclopédie di D’Alemebert e Diderot); sicché il suo penchant all’esternazione del desiderio erotico va di pari passo con una libertà di pensiero e di giudizio che costituiscono la cifra stessa dello spirito libertino del Settecento e di tutte le eroine che successivamente incontreremo nell’Histoire. Ed è proprio alla parola « esprit » che il narratore casanoviano ricorre per esprimere la stima che Bettina si è definitivamente guadagnata nei confronti di Giacomo: « L’esprit de cette fille lui avait gagné mon estime ; je ne pouvais plus la mépriser. Je la regardais comme une créature séduite par son propre tempérament. Elle aimait l’homme ; et elle n’était à plaindre qu’à cause des conséquences31. »

  • 32 Ibid., p. 48.
  • 33 Elena Brambilla ha sottolineato come in seguito ad alcuni decreti emanati da Benedetto XIV tra il (...)

20Fallito dunque il primo tentativo di esorcizzare la ragazza, si decide di affidare Bettina alle mani di un tale Padre Mancia, ritenuto un esorcista infallibile ma di cui colpisce in primo luogo l’avvenenza: grande e maestoso, sui trent’anni, capelli biondi, occhi blu, i tratti del viso che ricordano quelli dell’Apollo di Belvedere. Né magro né grasso, passo lento, aria timida, la modestia come principale tratto caratteriale. A differenza di Frate Prospero, padre Mancia dice di voler rimanere da solo in camera con la posseduta, e viene subito accontentato. « La porte », come ci informa il narratore, « resta ouverte ; mais c’est égal. Qui aurait osé y entrer ? Nous n’entendîmes durant l’espace de trois heures que le plus morne silence32 ». È evidente che il testo mira qui ad insinuare un’ambiguità erotica nel rapporto tra l’esorcista e la ragazza (specie se letto sullo sfondo della cronaca dell’epoca, visto che i frati esorcisti, come già i medici galenici, spesso continuavano a « praticare forme di terapia sessuale » con lo scopo di provocare l’orgasmo33). Ma a prescindere dai riferimenti storici, è il confronto filologico con l’episodio di Lisabetta narrato nella Confutazione a fornire la prova non solo della detta intensione del testo bensì, più in generale, del modus operandi di Casanova nel momento in cui si tratta di rielaborare letterariamente un’esperienza vissuta.

  • 34 Giacomo Casanova, Confutazione, op. cit., p. 148.
  • 35 Ibid., p. 149-150.

21Notiamo intanto che anche nella Confutazione Casanova sottolinea l’avvenenza di Padre Mancia, senza tuttavia indugiare in descrizioni particolareggiate e limitandosi ad un secco « di bella figura ». Il testo dell’Histoire invece, come abbiamo visto, insiste molto su questo aspetto, scomodando il divino Apollo e marcando anche l’opposizione con Frate Prospero definito « molto brutto ». Ma la differenza essenziale si ha nel fatto che le rispettive procedure rituali dei due esorcisti sono invertite, ovvero: nella Confutazione è Padre Prospero a rimanere solo nella stanza con Lisabetta (« cacciava via tutti, e si tratteneva solo con essa per lo spazio di due ore34 »), mentre Padre Mancia, al contrario, è dell’avviso « che più gli astanti erano numerosi, più il diavolo era tormentato, e perciò convocava tutta la casa, ed i scolari tutti, fra i quali », scrive Casanova, « io pur mi trovava35 ». Inoltre, sempre nella Confutazione, è Padre Mancia a picchiare Lisabetta, e non per le dissacranti offese e umiliazioni ricevute dalla ragazza, bensì per gli astrusi « anacronismi » che questa andava inanellando nel suo delirio intorno alla figura di Santa Orsola:

  • 36 Ibid., p. 161.

Il Padre Mancia sedotto da pari enormi anacronismi non poté allora tenersi dal ridere, e sdegnato prese a due mani la Santa Stola, e cominciò a battere la povera Lisabetta, che malmenata da quei colpi non leggeri piangeva dirottamente, e lo pregava di placarsi, e faceva a me un grandissimo spiacere, perché mi sentivo portato ad amarla; ma F. Mancia implacabile sempre più la batteva, dicendo, che batteva il Diavolo, e lo chiamava padre della bugia36.

  • 37 Giacomo Casanova, Histoire de ma vie, op. cit. (Gallimard), p. 56.

22Inutile dire che Lisabetta che piange a dirotto supplicando l’esorcista di placarsi è un personaggio che non ha nulla in comune con Bettina, se non il dato anagrafico. E quando Casanova riprendendo l’episodio nell’Histoire decide di invertire le parti dei due esorcisti enfatizzando contemporaneamente la bellezza di Padre Mancia lo fa propriamente in funzione della tempra caratteriale che contraddistingue la dimensione letteraria di Bettina, cioè per incrementare consapevolmente quell’alone di ambiguità e di trasgressione erotica che avvolge il personaggio. Del resto è lo stesso testo dell’Histoire a insistere esplicitamente su questo punto, quando più avanti Giacomo fa notare a Bettina la propria remissività e accondiscendenza nei confronti del « beau-père Mancia »: « mais que voulez-vous dire par cette épithète de beau que vous donnez au jacobin ? » – risponde Bettina – « Supposeriez-vous ?… » « Point du tout, point du tout37 », si affretta a rettificare Giacomo, ma intanto il testo continua a giocare con l’ambiguità costitutiva di un’eroina il cui fascino trasgressivo si lega alla sua capacità dissimulatoria.

  • 38 Della sterminata bibliografia prodotta negli ultimi anni intorno al tema del libertinismo, si ved (...)

23Questo breve raffronto dimostra insomma come Casanova nel riprendere determinate situazioni e personaggi della vita vissuta, lo faccia non per il mero piacere di riviverli (come semplicisticamente ci vuol far credere nella prefazione), bensì per riscriverli in funzione di un ben preciso disegno letterario, che si fonda su una altrettanto precisa visione utopica ascrivibile, certo, al libertinismo, nel senso più pieno che questa parola assumeva nella cultura del Settecento38.

  • 39 Giacomo Casanova, Histoire de ma vie, op. cit. (Gallimard), p. 48-49.
  • 40 Ibid., p. 49.

24Più che gli esorcismi di Padre Mancia, a dare una svolta al corso degli eventi è tuttavia il proposito del dottor Gozzi (suggeritogli dalla madre) di condurre i propri allievi a confessarsi presso il detto « sant’uomo ». Il pericolo è ovviamente che Candiani possa svelare la storia dei suoi commerci notturni con una ragazza, e che Padre Mancia possa quindi facilmente risalire al nome di Bettina. Difatti quest’ultima, nella paura di essere compromessa malgrado tutti i suoi accorgimenti dissimulatori, corre immediatamente ai ripari rifilando di nascosto un biglietto a Giacomo in cui si legge: « Haïssez ma vie ; mais respectez mon honneur, et une ombre de paix à laquelle j’aspire. Aucun de vous ne doit aller demain à confesse chez le père Mancia. Vous êtes le seul qui pouvez faire avorter ce dessein, et vous n’avez pas besoin que je vous en suggère le moyen. Je verrai s’il est vrai que vous avez de l’amitié pour moi39. » Giacomo le risponde di poter garantire per sé, ma che per far abortire un progetto cui Candiani ha già dato il proprio assenso dovrebbe rivolgersi a lui direttamente. La risposta di Bettina è sintomatica della forza ammaliatrice che contraddistingue il personaggio: « Je n’ai plus parlé à Candiani depuis la fatale nuit qui m’a rendue malheureuse ; et je ne lui parlerai plus quand même en lui parlant je pourrais redevenir heureuse. C’est à vous seul que je veux devoir ma vie, et mon honneur40. » L’inserzione di questi scambi epistolari è una tecnica narrativa cui Casanova ricorre costantemente nell’Histoire, e che gli permette di variare la prospettiva che focalizza gli eventi fino a farli apparire sotto una luce completamente diversa da quella che era parsa in un primo momento. Giacomo è perfettamente consapevole di essere nuovamente oggetto della trame manipolatorie di Bettina-Alcina (« je voyais qu’elle voulait me remettre dans ses chaînes »), tanto più adesso che ha la certezza che la ragazza non è né folle né indemoniata; eppure decide di assecondarla, affascinato dalle sue capacità ammaliatrici (« elle se sentait sûre de réussir ») che, a dire del narratore, non potevano derivarle che dalla lettura dei romanzi. Scansato dunque il pericolo della confessione presso Padre Mancia, e dopo essere stata esplicitamente paragonata ad una eroina romanzesca, Bettina si ripresenta finalmente nella stanza di Giacomo per il « momento della grande spiegazione ». Ciò che segue è un lungo dialogo in cui Bettina, mettendo a frutto il proprio bagaglio di letture, si mette in scena quale eroina di un plot da romanzo sentimentale, ricorrendo a tutto l’arsenale retorico e ideologico del genere per persuadere Giacomo della propria innocenza. Tra singhiozzi, pianti e sospiri ecco dunque dipanarsi una trama in cui malgrado i ripetuti assalti del seduttore di turno (ovvero Candiani) la vittima (Bettina) riesce a serbare intatta la propria illibatezza, dando così prova delle proprie qualità morali e quindi della propria desiderabilità secondo i canoni assiologici della borghesia in ascesa. La vicenda che ci era stata narrata attraverso gli occhi di Giacomo ci viene qui riproposta da una prospettiva inedita, modulata sul modello della Pamela, facendo apparire la protagonista in una luce del tutto diversa. In realtà però questa lunga sequenza dialogica non fa che confermare l’abilità con cui Bettina si serve, estraniandola, dell’impalcatura ideologica del romanzo sentimentale a fini puramente strumentali. Ma Giacomo è oramai immune dagli artifici della sua seduttrice e non crede alla favola inscenata da Bettina, la quale abbandona la stanza in preda alla disperazione. Poco dopo giunge la notizia che la ragazza è a letto con la febbre alta, ma questa volta i vaniloqui che ne seguono sono dovuti ad una malattia reale, ovvero al vaiolo.

  • 41 Cfr. Ted Emery, Casanova, the Novel, op. cit., p. 286 sq. Ed è abbastanza sorprendente che un dis (...)
  • 42 Giacomo Casanova, Histoire de ma vie, op. cit. (Gallimard), p. 58.

25È stato Emery a notare per primo come l’episodio del vaiolo – che riprende espressamente una delle scene più celebri della tradizione romanzesca del Settecento, ovvero il vaiolo di Julie nella Nouvelle Héloïse – costituisca una sorta di commento all’opera di Rousseau41. Di certo rappresenta il culmine di quel processo di svuotamento ed esautorazione dell’impalcatura ideologica del romanzo sentimentale in cui l’episodio di Bettina trova uno dei suoi principali significati narrativi fungendo così da viatico per il lettore che si accinge ad inoltrarsi nei complessi meandri dell’Histoire. Com’è noto, nella Nouvelle Héloïse l’episodio del vaiolo segna il momento di svolta nel romanzo, sancendo in una sorta di catarsi il definitivo sacrificio dell’amore per Saint-Preux e, tramite il consenso alle nozze con Wolmar, il reintegro di Julie nell’ordine patriarcale. Nella storia di Bettina la scena del vaiolo assume una funzione analoga, visto che la malattia pare purificare la sua passione da qualsiasi finzione sublimandola al contempo in una dimensione platonica: « Elle m’a aimé dans la suite », ci informa il narratore, « sans aucune fiction, et je l’ai aimée sans jamais m’emparer d’une fleur que la destinée aidée par le préjugé avait réservée à l’Hyménée42 ». Rientrando dunque anche lei nei ranghi dell’ordine costituito, Bettina, come da copione, si sposa. Ma il matrimonio, che la lega ad un calzolaio, invece di un lieto fine segna la sua rovina:

  • 43 Ibid.

Mais quel pitoyable Hyménée ! Ce fut deux ans après qu’elle devint épouse d’un cordonnier nommé Pigozzo infâme coquin qui la rendit pauvre et malheureuse. Le docteur son frère dut prendre soin d’elle. Quinze ans après il la conduisit avec lui à Saint-George-de-la-Vallée, dont il fut élu archiprêtre. Étant allé le voir il y a dix-huit ans, j’ai trouvé Bettine vieille, malade, et mourante. Elle expira sous mes yeux l’an 1776 vingt-quatre heures après mon arrivée chez elle43.

26L’iscrizione di Bettina entro la logica del romanzo sentimentale sfocia insomma in una mortificazione del personaggio che ammutolito e defraudato di tutte le proprie qualità si avvia indecorosamente verso il proprio destino di morte. Un finale che suona come una condanna dell’ordine morale che sorregge e codifica il modello femminile della società patriarcale. E il riscatto di Bettina nell’Histoire avverrà attraverso tutta la successiva schiera di eroine che sistematicamente trasgrediscono tale norma in funzione di un ordine nuovo che utopicamente fonda un disegno narrativo che rappresenta forse uno degli ultimi e più compiuti sussulti del libertinismo nella storia della letteratura europea.

Haut de page

Notes

1 Cfr. l’introduzione di Paolo Archi a Giacomo Casanova, Romanzi italiani, a cura di Paolo Archi, prefazione di Luca Toschi, Firenze, Sansoni, 1984, p. xxiii-xlviii a p. xxiv.

2 Ibid.

3 Giacomo Casanova, Confutazione della storia del Governo Veneto d’Amelot de La Houssaie, 3 vol., vol. II, Amsterdam [ma Lugano], Pietro Mortier, 1769, p. 147.

4 Id., Histoire de ma vie, 3 vol., vol. I, suivie de textes inédits, édition présentée et établie par Francis Lacassin, Paris, Robert Laffont, 1993, p. 971-973, p. 973.

5 Sui limiti del casanovismo si era del resto già precisamente espresso, oltre mezzo secolo fa, Robert Abirached nel suo Casanova ou la dissipation, Paris, Grasset, 1961, p. 216: « Des dizaines de Sherlock Holmes de toutes nationalités ont, leur vie durant, passé l’Europe au peigne fin sur sa trace, dépouillant les archives et les registres baptismaux, auscultant les vieilles pierres, épluchant les écrits de ses contemporains, confrontant inlassablement les indices qu’ils recueillaient. Constitués en collège de casanovistes […], ils sont arrivés à des résultats surprenants : on sait presque tout maintenant au sujet du Vénitien, et peut-être résoudra-t-on d’autres énigmes, une fois achevée la publication du manuscrit original. Il n’est qu’un seul malheur : toutes ces découvertes ne nous éclairent en rien sur l’opération qui s’est tramée jadis dans ce château de la Bohême, et l’on ne peut énoncer en termes de mensonge et de vérité les problèmes que cette œuvre nous pose. »

6 Giacomo Casanova, Histoire de ma vie, 3 vol., vol. I, édition établie sous la direction de Gérard Lahouati et Marie-Françoise Luna, avec la collaboration de Furio Luccichenti et Helmut Watzlawick, Paris, Gallimard, 2013-2015, p. 32.

7 Id., Confutazione della storia del Governo Veneto d’Amelot de La Houssaie, op. cit., p. 162.

8 Jean-Jacques Rousseau, Julie ou la Nouvelle Héloïse, introduction, notes et choix de variantes par René Pomeau, Paris, Garnier, 1960, p. 4.

9 Giacomo Casanova, « Préface de 1791. Histoire de mon existence », in id., Histoire de ma vie, vol. III, op. cit. (Gallimard), p. 1110‑1121, p. 1119.

10 Cfr. Ted Emery, « Casanova, the Novel, and the Woman as Desiring Subject: The Case of Bettina », in Studies in Eighteenth-Century Culture, vol. 33, no 1, 2004, p. 277-292, p. 277: « Casanova is aware that his reader’s expectations of female characters will have the novel as an almost inevitable point of reference. In the story of his precocious affair with Bettina Gozzi, Casanova plays with these expectations in order to propose a model of female behavior in which the woman will be not the object of male desire, but instead herself a desiring subject. »

11 Nancy K. Miller, The Heroine’s Text. Readings in the French and English Novel, 1722-1782, New York, Columbia University Press, 1980, p. 157.

12 Pierre Fauchery, La destinée féminine dans le roman européen du dix-huitième siècle (1713-1807). Essai de gynécomythie romanesque, Paris, Armand Colin, 1972, p. 327: « Il semble qu’il y ait des filles pour lesquelles la virginité ne soit qu’un moment et non une essence, et qui la perdent sans catastrophe. » (Traduzione mia.)

13 Nancy K. Miller, The Heroine’s Text, op. cit., p. 151.

14 Si vedano in proposito le imprescindibili osservazioni di Tatiana Crivelli contenute in Né Arturo né Turpino né la Tavola rotonda. Romanzi del secondo Settecento italiano, Roma, Salerno editrice, 2002.

15 Pietro Verri, Ricordi a mia figlia Teresa, in id., Scritti di argomento familiare e autobiografico, a cura di Gennaro Barbarisi, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 2003 (= Edizione nazionale delle opere di Pietro Verri, vol. 5), p. 387-431, p. 387.

16 Ibid., p. 415.

17 Giacomo Casanova, Histoire de ma vie, op. cit. (Gallimard), p. 49. (Corsivi nel testo.)

18 Ibid.

19 Ibid., p. 37-38.

20 Ibid., p. 39.

21 Cfr. Ludovico Ariosto, Orlando Furioso, VII, 23-26: « Ruggiero entrò ne’ profumati lini / che pareano di man d’Aracne usciti, / tenendo tuttavia l’orecchie attente, / s’ancor venir la bella donna sente. // Ad ogni piccol moto ch’egli udiva, /sperando che fosse ella, il capo alzava: / sentir credeasi, e spesso non sentiva; / poi del suo errore accorto sospirava. / Talvolta uscia del letto e l’uscio apriva, / guatava fuori, e nulla vi trovava: / e maledì ben mille volte l’ora / che facea al trapassar tanta dimora. // Tra sé dicea sovente: – Or si parte ella; – / e cominciava a noverare i passi / ch’esser potean da la sua stanza a quella / donde aspettando sta che Alcina passi; / e questi et altri, prima che la bella / donna vi sia, vani disegni fassi. / Teme di qualche impedimento spesso, / che tra il frutto e la man non gli sia messo. // Alcina, poi ch’a’ preziosi odori / dopo gran spazio pose alcuna meta, / venuto il tempo che più non dimori, / ormai ch’in casa era ogni cosa cheta, / de la camera sua sola uscì fuori; / e tacita n’andò per via secreta / dove a Ruggiero avean timore e speme / gran pezzo intorno al cor pugnato insieme. »

22 Cfr. Elena Brambilla, Corpi invasi e viaggi dell’anima. Santità, possessione, esorcismo dalla teologia barocca alla medicina illuminista, Roma, Viella, 2010, p. 81-84: « Il nesso tra [maleficio e possessione] consiste nel fatto che le malattie che non appaiono diagnosticabili e curabili con mezzi naturali vengono considerate come prodotte da un maleficio; sono cioè concepite come un danno magico – appunto un maleficio – inteso e interpretato come danno inferto da una magàra o strega, con l’aiuto del diavolo al suo servizio; oppure come presa di possesso diretta del corpo, o della parte del corpo malata, da parte di uno o più diavoli. […] Si deve dunque sospettare […] il maleficio per opera diabolica (vale a dire, per opera di malefiche o streghe che agiscono con aiuto diabolico), quando i rimedi normalmente efficaci non operano; quando i sintomi sono estremi e sproporzionati, poiché il diavolo fugge la medietas; quando il/la malata offendono cose sacre e consacrate; quando il/la malata mentre delirano per poi cadere in deliquio, parlano in terza persona. Quinto (e ben noto) sintomo di possessione è la capacità dei malati-maleficiati, o posseduti, di parlare “varie lingue”, non corrispondenti alla parlata locale; sesto, quella di profetizzare e predire il futuro mentre sono senza sensi; settimo, infine, il fatto che possono venire guariti da sincope, palpitazioni, tremore, epilessia mediante preghiere – ossia, possiamo inferire, anche mediante le benedizioni e gli scongiuri dell’arte esorcista. »

23 Ibid., p. 102.

24 Cfr. Giacomo Casanova, Lana caprina. Lettera di un licantropo, in id., Saggi, libelli e satire, a cura di Piero Chiara, Milano, Longanesi, 1968.

25 Cfr. Elena Brambilla, Corpi invasi e viaggi dell’anima, op. cit., p. 102.

26 Ibid., p. 103.

27 Giacomo Casanova, Histoire de ma vie, op. cit. (Gallimard), p. 43. Nell’episodio di Lisabetta Gozzi evocato nella Confutazione Casanova, seppur con toni più moderati e circospetti visto l’implicito destinatario dell’opera, smonta punto per punto, riconducendoli a cause naturali, i sintomi che gli esorcisti ascrivevano alla possessione diabolica.

28 Giacomo Casanova, Histoire de ma vie, op. cit. (Gallimard), p. 46.

29 Ibid., p. 43. (Corsivi nel testo.)

30 Ibid., p. 44.

31 Ibid., p. 45.

32 Ibid., p. 48.

33 Elena Brambilla ha sottolineato come in seguito ad alcuni decreti emanati da Benedetto XIV tra il 1743 e il 1745 per inasprire « sino all’inabilitazione perpetua le pene per i sacerdoti rei di sollecitazione in confessionale, e di abuso della messa o della penitenza per sortilegi », si registri « un moltiplicarsi di processi e comparizioni spontanee di confessori, che si autodenunciano ai vescovi nel timore di essere accusati di abuso sessuale dalle loro penitenti » (cfr. Elena Brambilla, Corpi invasi e viaggi dell’anima, op. cit., p. 190).

34 Giacomo Casanova, Confutazione, op. cit., p. 148.

35 Ibid., p. 149-150.

36 Ibid., p. 161.

37 Giacomo Casanova, Histoire de ma vie, op. cit. (Gallimard), p. 56.

38 Della sterminata bibliografia prodotta negli ultimi anni intorno al tema del libertinismo, si vedano in generale almeno Didier Foucault, Storia del libertinaggio e dei libertini, Roma, Salerno, 2009, oltre alle oramai classiche pagine di Robert Darnton, Libri proibiti. Pornografia, satira e utopia all’origine della Rivoluzione francese, Milano, Mondadori, 1997.

39 Giacomo Casanova, Histoire de ma vie, op. cit. (Gallimard), p. 48-49.

40 Ibid., p. 49.

41 Cfr. Ted Emery, Casanova, the Novel, op. cit., p. 286 sq. Ed è abbastanza sorprendente che un discorso palesemente letterario (il vaiolo di Bettina, che com’è ovvio non trova nessun riscontro nel testo della Confutazione) finisca per figurare come fatto storico realmente accaduto nella cronologia dell’autore che correda l’edizione critica dell’Histoire (per cui cfr. Giacomo Casanova, Histoire de ma vie, vol. I, op. cit. [Gallimard], p. lvii).

42 Giacomo Casanova, Histoire de ma vie, op. cit. (Gallimard), p. 58.

43 Ibid.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Alessandro Bosco, « Lisabetta o Bettine? », Cahiers d’études romanes, 40 | 2020, 65-81.

Référence électronique

Alessandro Bosco, « Lisabetta o Bettine? », Cahiers d’études romanes [En ligne], 40 | 2020, mis en ligne le 08 juillet 2020, consulté le 09 mai 2021. URL : http://journals.openedition.org/etudesromanes/10362 ; DOI : https://doi.org/10.4000/etudesromanes.10362

Haut de page

Auteur

Alessandro Bosco

Université d’Innsbruck

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Cahiers d'études romanes est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
  • Logo Centre aixois d’études romanes
  • Logo Aix-Marseille Université
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search