Navigation – Plan du site

AccueilNuméros40Le caricature veneziane di Anton ...

Le caricature veneziane di Anton Maria Zanetti (1680-1767)

Enrico Lucchese
p. 83-101

Résumés

Catalogué par l’auteur de l’article en 2015, l’album de caricatures possédé par Anton Maria Zanetti senior, aujourd’hui conservé à la Fondazione Cini de Venise, est un extraordinaire et très amusant document sur la société du XVIIIe siècle. Dans le kaléidoscope de personnages tournés en dérision dans les dessins de Marco Ricci et de Zanetti lui-même, ressortent les célébrités du mélodrame : on perçoit clairement l’analogie avec le parodique Teatro alla moda de Benedetto Marcello ; de plus on constate un esprit solidaire dans la conscience d’être un sujet ridicule, dessinateur inclus. Anton Maria Zanetti était très intéressé par les formes du théâtre comique, et fut aussi l’auteur du livret des intermèdes musicaux de Li Birbi en 1732 : dans son album apparaissent des acteurs et des comédiennes. Défenseur de Goldoni, Zanetti possédait une bibliothèque de grande valeur, dont l’indexation nous est parvenue. Parmi les quelques textes théâtraux inventoriés, on trouve l’édition de 1734 de Rutzvanscad il Giovine, parodie de l’opéra et de ses exagérations. Les gravures de Gaetano Gherardo Zompini, un protégé de Zanetti, révèlent des affinités avec les caricatures conservées à la fondation Cini : si les premières peuvent être considérées comme des exemples de métathéâtre, les secondes peuvent être considérées comme des cas originaux de métafigure.

Haut de page

Entrées d’index

Index géographique :

Italie

Index chronologique :

XVIIIe
Haut de page

Texte intégral

  • 1 L’iscrizione in calce alla stampa di Faldoni è più lunga ed è trascritta interamente da Enrico Lu (...)

1« Era soggetto che alle somme cognizioni ed alla fervida fantasia cogiugnea un umore lepido e bizzarro »: così il marchese Francesco Albergati Capacelli (1728-1804) definiva Zanetti, detto di Girolamo o il Vecchio per distinguerlo dall’omonimo cugino (1706-1778), postillandone il ritratto inciso messo ad antiporta dell’album della Fondazione Giorgio Cini1.

  • 2 Marina Magrini, Anton Maria Zanetti il Vecchio, in Il collezionismo d’arte a Venezia. Il Settecen (...)
  • 3 Francis Haskell, Mecenati e pittori. Studio sui rapporti tra arte e società italiana nell’età bar (...)
  • 4 Enrico Lucchese, op. cit., p. 261, cat. 37.XII.

2Personaggio chiave della vita artistica del Settecento2, Anton Maria Zanetti visse « al centro di quel mondo cosmopolitico di amatori e connoisseurs che costituiva una delle maggiori caratteristiche della Venezia della prima metà del secolo3 ». Di molti dei suoi amici artisti, da Canaletto a Sebastiano Ricci, a Rosalba Carriera ad altri ancora, Zanetti ci ha offerto dei ritratti caricaturali a volte crudelissimi, e per questo molto divertenti (tranne le ultime due, tutte le illustrazioni del seguente articolo sono disegni di Anton Maria Zanetti): una galleria di volti nella quale, naturalmente, c’è posto pure per se stesso (fig. 1)4.

  • 5 Ibid., p. 8-10.
  • 6 Ibid., p. 153-154, cat. 16.VII.
  • 7 Ibid., p. 3 e 5. Le due citazioni sono tratte da una lettera, datata 13 marzo 1723, di Marco Ricc (...)

3Ma sono i divi del teatro musicale veneziano, di cui fu costante frequentatore5, il bersaglio prediletto, comunque non unico, degli schizzi fatti a gara di comicità con Marco Ricci6, suo amico « oltre misura », pittore scenografo e presumibilmente inventore di questo particolare genere genialmente sviluppato dal « non solo dilettante, ma intelligentissimo » Zanetti7.

  • 8 Giulio Lorenzetti, Un dilettante incisore veneziano del xviii secolo. Anton Maria Zanetti di Gero (...)
  • 9 Enrico Lucchese, op. cit., p. 141-142, cat. 14.V.
  • 10 Così Zanetti a Gabburri l’11 gennaio 1729, Raccolta di lettere, op. cit., p. 185.
  • 11 Enrico Lucchese, op. cit., p. 120, cat. 6.IV, p. 337-338, cat. 72.I.

4Collezionista « pazzo da cattena8 », per sua ammissione, di antichi disegni e stampe (Parmigianino, Callot, Rembrandt, per fare tre nomi eclatanti), il melomane Anton Maria lo era anche delle immagini ridicole dei grandi castrati, come l’allampanato Farinelli (fig. 2)9, « che cantando esige un applauso tale, che non glie lo posso descrivere10 », e delle prime donne, note tanto per la loro voce quanto per le loro bizze, come Vittoria Tesi Tramontini ritratta in varie caricature, da inizio (fig. 3) a fine carriera (fig. 4)11.

  • 12 Giancarlo Rostirolla, Il “Mondo novo” musicale di Pier Leone Ghezzi, Milano, Skira, 2001, p. 14.
  • 13 Enrico Lucchese, op. cit., p. 6. Le caricature Smith sono state ultimamente studiate da Rosie Raz (...)

5Un gioco al massacro che doveva piacere certo pure agli effigiati, com’è attestato per la parallela produzione romana di Pier Leone Ghezzi12, ripetuto nell’album che presumibilmente Zanetti preparò per Joseph Smith, il noto mecenate di Canaletto e console britannico presso la Serenissima, nonché marito di un’ex cantante13.

  • 14 Giovanni Maria Ortes, Riflessioni sopra i drammi per musica, Venezia, Pasquali, 1757, p. 4.

6La lepida predilezione di Anton Maria Zanetti per gli attori lirici (e il loro ambiente) si spiega anche nella natura del dramma per musica e del teatro in generale, la cui qualità, per seguire le parole di un trattatista veneziano del tempo, « non sta nella pittura delle azioni umane qualunque, ma nella caricatura che può in esse incontrarsi14 ».

  • 15 Enrico Lucchese, op. cit., p. 108: « con una giocosità quasi infantile, non esente da una consape (...)
  • 16 Ludovico Zorzi, Il teatro e la città. Saggi sulla scena italiana, Torino, Einaudi, 1977, p. 265.

7La vita stessa è una rappresentazione, drammatica e comica assieme: il segreto di Pulcinella e il significato profondo dell’album della Fondazione Giorgio Cini15. C’è qui, assieme alle analogie parodistiche con il Teatro alla moda di Benedetto Marcello (1720)16, una compartecipazione, nell’essere soggetti da caricatura, di Zanetti, dei suoi amici artisti, di tanti veneziani, dai patrizi, ai preti, ai servitori, al popolino, agli ebrei del Ghetto.

  • 17 Enrico Lucchese, op. cit., p. 292-293, cat. 48.I.
  • 18 Ibid., p. 107-108, cat. 1.
  • 19 Gianluca Stefani, « Zanetti e Ghezzi. Figure di cantanti alla moda», Ariel, XX, no 2, maggio-ago (...)
  • 20 Su questa peculiarità del genere caricaturale: Ernst Kris, Ricerche psicoanalitiche sull’arte, To (...)

8Uno dei disegni rivelatori di tale spirito è quello con il sopranista Anton Maria Bernacchi spettatore in piazza San Marco, lontano quindi dalla scena teatrale ma nel massimo palcoscenico della città, di uno spettacolo di burattini (fig. 5)17. Spogliatosi, dunque, dal costume di « Mitridate, Rè di Ponto » (fig. 6) indossato nel primo foglio dell’album18, dove l’inventiva zanettiana porta il trillo del castrato dal teatro Grimani di San Giovanni Grisostomo al bacino marciano19, Bernacchi appare attratto a bocca aperta dalla recitazione, di norma innaturale, di Pulcinella e compagni. Il celebre cantante, ripreso di profilo con le gambe incurvate dall’eccessivo peso della pancia, il doppio mento e come fosse senza braccia, sembra una marionetta, sensazione accresciuta dal segno grafico, intenzionalmente regredito a infantile scarabocchio20.

  • 21 Lo rivela lo stesso commediografo nella lettera dedicatoria (1761) de Il ricco insidiato, in Tutt (...)
  • 22 Enrico Lucchese, op. cit., p. 293-294, cat. 48.II.

9Il suo ridicolo rapimento non è altro che l’incanto, tradotto in parodia, del mondo di cui egli fu protagonista e di cui Zanetti, burattinaio per Carlo Goldoni bambino21, è implacabile osservatore a poca distanza in una piazza San Marco ricreata nella pagina dell’album, dove pure lui si pone in forma caricaturale, con il corpo stirato da un immaginario mattarello sul foglio di carta (fig. 7)22.

  • 23 Ibid., p. 11.
  • 24 Irène Mamczarz, Les intermèdes comiques italiens au XVIIIe siècle en France et en Italie, Paris, (...)
  • 25 Cfr. Valeria Tavazzi, « Fra parodia e riforma: i libretti goldoniani per i comici del San Samuele (...)

10Autore nel 1732 del libretto degli intermezzi comici Li Birbi, satira di tono piacevole sulle smanie di voler essere alla moda e sulle ambizioni di rivalsa sociale di chi crede che con un abito elegante, o presunto tale, si possa continuare a restare fannulloni23, Anton Maria Zanetti si dimostra attento conoscitore di un genere musicale che allora si poneva a contraltare faceto, con notevole successo, delle opere serie di cui era intervallo24, qualche anno prima rispetto i libretti di Goldoni per i comici del San Samuele25.

  • 26 Enrico Lucchese, op. cit., p. 174-175, cat. 22.II, p. 234, cat. 33.IX, p. 243-244, cat. 35.III, p (...)

11Tra le caricature dell’album Cini compaiono, infatti, i disegni di specialisti in intermezzi: i cantanti Rosa Ongarelli e Antonio Ristorini, sulla scena con il costume della maschera del Dottore nella Commedia dell’Arte (fig. 8), Caterina Brogi Pertici con l’iscrizione, di Zanetti, « buffa » al Sant’Angelo; il compositore Giuseppe Maria Orlandini26.

  • 27 Ibid., p. 173, cat. 21.IV, p. 334-335, cat. 70.III.
  • 28 Carmelo Alberti, « Il ritorno dei comici. Vicende del teatro Vendramin di San Luca (1700-1733) », (...)
  • 29 Eleanor Selfridge-Field, A New Chronology of Venetian Opera and Related Genres, 1660-1760, Stanfo (...)

12Altri due esemplari della raccolta ritraggono una coppia di attrici comiche27, entrambe in attività al teatro Vendramin di San Luca, detto anche di San Salvador, innovativo centro di produzione comica nel primo trentennio del Settecento28. Tra maggio e giugno del 1727 furono rappresentate al San Luca Albumazar e Le Frenesie d’amore: se il libretto del primo spettacolo dichiara, in frontespizio, di essere « dramma per musica », svelandosi già nella terza pagina « scherzo musicale », la seconda opera si considera da subito « divertimento per musica29 ». Potrebbero appartenere alla compagnia impegnata in dette rappresentazioni tanto la « Padovana » in grembiule da lavoro, ipoteticamente impegnata nella parte della serva Zirina « che non parla » nelle Frenesie, che la « Sig. Masseretta », forse « Cirilla cantatrice » caduta schiava con i genitori del turco Albumazar, in abiti e atteggiamento retorico da cantante melodrammatica.

  • 30 Enrico Lucchese, op. cit., p. 232-233, cat. 33.VII.
  • 31 Peter Weiss, Da Aldiviva a Lotazio Vandini. I “drammi per musica” dei Comici a Venezia, nel primo (...)
  • 32 Eleanor Selfridge-Field, op. cit., p. 569.

13Dalla parte opposta della pagina con la menzionata caricatura di Ristorini compare lo schizzo raffigurante un’artista lirica non ricordata dai repertori, tale « Maria Gelti » (fig. 9)30, travestitasi da obeso castrato, con le gambe piegate dal peso, nella parte di qualche antico eroe greco o romano in armatura e cimiero: si tratterebbe allora di una cantante impegnata in una parodia di un dramma per musica31, sul tipo dello spassoso Nerone detronato dal trionfo di Sergio Galba, interpretato parzialmente in dialetto veneziano nell’inverno 1725 al San Luca32.

  • 33 Enrico Lucchese, op. cit., p. 10.
  • 34 Tutte le opere di Carlo Goldoni, op. cit., p. 864.

14L’attenzione di Anton Maria Zanetti, di cui si è appurata pure la conoscenza della notazione musicale33, verso le diverse forme teatrali, trova una conferma nelle parole riconoscenti di Goldoni nella lettera dedicatoria all’anziano amico de Il ricco insidiato (1761): « voi foste uno de’ primi e de’ più interessati fautori del mio partito, allora quando trattavasi di stabilire il mio credito sul nuovo metodo delle Commedie, ed il credito vostro e l’autorità de’ vostri giudizi mi guadagnò una parte grandissima di ben affetti e di approvatori34 ».

  • 35 Trascritto, nella sola parte in ordine alfabetico, in Venezia Settecento. Studi in memoria di Ale (...)
  • 36 Francis Haskell, op. cit., p. 521.
  • 37 Enrico Lucchese, op. cit., p. 13.

15Accanto a codesta attestazione, ancora troppo poco valutata dai critici, di letteratura o di storia dell’arte che sia, e agli esempi grafici di cui s’è detto, l’Indice de Libri dell’Illustriss.mo Sig.re Conte Anton Maria Zanetti q. Girolamo35 (1744) si rivela fonte diretta per la comprensione della complessa personalità culturale di chi funse « di frequente da intermediario tra Venezia ed il resto d’Europa36 ». Si tratta di un triplice elenco (alfabetico, per classi, cioè a soggetto, e per luogo di conservazione) di titoli di volumi, a stampa e manoscritti, ordinati in tre armadi della casa, aperta agli amici artisti e intendenti, a pochi passi dalla chiesa di Santa Maria Mater Domini: il carattere miscellaneo della raccolta è documentato dal medesimo album Cini, nel xviii secolo collocato, con il numero progressivo 66, nella terza scansia del secondo armadio della biblioteca di Zanetti37, tra le stampe di Giovanni Antonio Faldoni e di Cornelis Cort.

  • 38 Ibid., p. 14.
  • 39 Giulio Lorenzetti, op. cit., resta tuttora il contributo più completo per la conoscenza di un asp (...)
  • 40 Enrico Lucchese, op. cit., p. 14.
  • 41 Eleanor Selfridge-Field, op. cit., p. 574.

16Poche, seppure di un certo interesse, le opere teatrali: gli otto libri di Luisa Bergalli formano il nucleo più sostanzioso di un singolo autore e sembrano essere collegati ai noti legami della letterata, moglie di Gasparo Gozzi, con Rosalba Carriera e con la sua cerchia, alla quale Zanetti apparteneva, mentre le Tragedie del cardinale e patriarca d’Aquileia Giovanni Dolfin appaiono nell’Indice molto probabilmente per la qualità calcografica della pubblicazione con l’antiporta incisa da Giambattista Tiepolo38. Per identici motivi di gusto collezionistico per volumi stampati con qualità artistica, Anton Maria Zanetti, incisore dilettante di genio39, possedeva la satirica « arcisopratragichisima tragedia » Rutzvanscad il Giovine, non nell’edizione « appresso Marino Rossetti » del 1724, simile in tutto agli effimeri libretti operistici, ma in quella illustrata e tipograficamente curata « al Secolo delle Lettere per Giuseppe Bettinelli » del 173740, anno in cui apparentemente la parodia di Cattuffio Panchianio alias Zaccaria Vallaresso non sembra essere stata messa in scena a Venezia41.

  • 42 Presente nell’Indice de Libri, Enrico Lucchese, op. cit., p. 13.

17« Elaborata ad uso del buon gusto de’ Grecheggianti Compositori » non da un pastore arcade, com’era l’acclamato Artino Corasio, ma da un « bubulco », ossia un bifolco in Arcadia, che sinceramente « non può dissimulare la sua noia » di fronte al coturno calzato tra i lettori del contemporaneo Newtonianismo per le dame di Francesco Algarotti42:

  • 43 Zaccaria Valaresso, Rutzvanscad il giovine. Arcisopratragichissima tragedia. Elaborata ad uso del (...)

come sono ai nostri tempi cessati tutti que’ motivi, per i quali all’antica Grecia piacevano le orribilità, e superstizioni Tragiche, così è parso all’autore molto strano, ed inopportuno voler avvezzare i nostri Teatri alla totale e servile imitazione de’ Greci, e render grate all’udito, e alla vista cose sì ripugnanti al nostro genio, e al nostro costume43.

  • 44 Tobia Zanon, « Contro la Tragedia. Il Rutzvanscad il giovine di Zaccaria Valaresso », InVerbis, n(...)
  • 45 Lino Moretti, Nota, in Gaetano Zompini, Le Arti che vanno per via nella città di Venezia, Venezia (...)
  • 46 Girolamo Zanetti, « Memorie per servire all’istoria dell’inclita città di Venezia, a cura di Fede (...)
  • 47 Dario Succi, La Serenissima nello specchio di Rame. Splendore di una civiltà figurativa del Sette (...)
  • 48 Enrico Lucchese, op. cit., p. 160, cat. 17.IX.
  • 49 Dario Succi, op. cit., p. 760-761, cat. 45.

18Parodia del melodramma e delle sue distorsioni letterarie44, Rutzvanscad il giovine del 1737 si giova di alcune incisioni « condotte con segno minuto e tratto nitido, ma piuttosto duro45 », che il cugino di Anton Maria, il letterato Girolamo ricordava « di un certo Gaetano Zampini trivigiano pittor passabile46 », ossia Gaetano Gherardo Zompini, artista protetto dal nostro Zanetti e autore delle Arti che vanno per via, raccolta di immagini quotidiane veneziane edite per la prima volta nel 1753, ma già sei anni prima titolate del privilegio privativo47. Dal libretto di Vallaresso, la vignetta del Coro d’Orbi di Piazza – presa in giro dei coreuti dei moderni tragediografi – potrebbe essere stata d’ispirazione per la caricatura di un “Paulo orbo” nell’album Cini48: fu certo tenuta in considerazione da Zompini disegnando la scena delle Arti con i cenciosi « Orbi n’ha fato nasser el destin / cantemo l’orazion qua, e là sonando / chi chitara, chi basso, e chi violin49 ».

  • 50 Rutzvanscad il giovine, op. cit., p. cxxvi.

19Un’altra immagine del Rutzvanscad mostra invece la fine, ridicola nella sua magniloquenza scatologica, della regina – nomen omen – Culicutidonia (fig. 10)50, così descritta nel libretto dal cugino Alboulcassem al primo ministro del re di Cina e della Nuova Zembla, Mamaluc:

Voi ben sapete
che nelle Regie Stanze
un largo, e profondissimo condotto
di fina porcellana adorno tutto,
sotto di cui rapido corre il fiume
fe fabbricare il re Tettinculusso
per ivi scaricare con grandezza
tutta la puzzolente Maestade
de’ Regi Serenissimi escrementi;
là con rapido salto
nel punto che arrivai, deposti i cerchi
precipitò la misera regina;
ed a quest’ora del rapido fiume
negli archi sotteranei ella è già morta

  • 51 Ibid., p. cxxvii.

20« Di Culicutidonia degna morte51! », risponde a tono Mamaluc prima delle poche battute scambiate con Alboulcassem, nelle quali i due si sfidano al finale, in teoria catartico, combattimento: il palcoscenico resta vuoto, il pubblico del teatro rumoreggia e chiama fuori gli attori che non rispondono. Cattuffio Panchianio indica nel libretto:

  • 52 Ibid., p. cxxxi-cxxxii.

esca il Suggeritore con la carta in mano, e col cerino, poi dica i seguenti versi:
Uditori, m’accorgo, che aspettate
che nuova della pugna alcun vi porti;
ma l’aspettate in van: son tutti morti52. (fig. 11)

  • 53 Il teatro allo specchio: il metateatro tra melodramma e prosa, a cura di Francesco Cotticelli e P (...)
  • 54 Cfr. Enrico Lucchese, op. cit., p. 152.

21La paradossale conclusione diventa il teatro allo specchio, per usare il titolo di una recente antologia di saggi sulle occasioni di metateatro nel Sei e Settecento53: l’immagine dell’uomo in tricorno e attempato, con il manicotto intirizzito dal doversene stare fermo al freddo, portato alla ribalta, con ancora il fioco lume che gli è servito per seguire un assurdo copione, a sancire la « fine della tragedia » risultata « arcisopratragichisima » dalla prima pagina, ricorda la caricatura di Marco Ricci dell’album Smith del suggeritore teatrale Giovanni Battista Ruberti detto Gnapata54.

22A parte questi legami iconografici, il metateatro della parodia di Valaresso, come dei sopradetti spettacoli al San Luca del resto, mostra la finzione del teatro, l’unione di « udito » e di « vista »: così la caricatura per Zanetti diventa “metafigura”, chiave scherzosa, ma non per questo meno veritiera e amara, per svelare le illusioni della rappresentazione artistica e, alla fine dei conti, dell’esistenza.

Fig. 1. Autoritratto caricaturale, Venezia, Fondazione Giorgio Cini.

Fig. 2. Carlo Broschi detto Farinelli, Venezia, Fondazione Giorgio Cini.

Fig. 3. Vittoria Tesi Tramontini, Venezia, Fondazione Giorgio Cini.

Fig. 4. Vittoria Tesi Tramontini, Venezia, Fondazione Giorgio Cini.

Fig. 5. Anton Maria Bernacchi, Venezia, Fondazione Giorgio Cini.

Fig. 6. Anton Maria Bernacchi, Venezia, Fondazione Giorgio Cini.

Fig. 7. Autoritratto caricaturale, Venezia, Fondazione Giorgio Cini.

Fig. 8. Antonio Ristorini, Venezia, Fondazione Giorgio Cini.

Fig. 9. Maria Gelti, Venezia, Fondazione Giorgio Cini.

Fig. 10. Gaetano Gherardo Zompini, La morte di Culicutidonia, incisione.

Fig. 11. Gaetano Gherardo Zompini, Il suggeritore di Rutzvanscad il giovine, incisione.

Haut de page

Notes

1 L’iscrizione in calce alla stampa di Faldoni è più lunga ed è trascritta interamente da Enrico Lucchese, L’album di caricature di Anton Maria Zanetti alla Fondazione Giorgio Cini, Venezia, Lineadacqua, 2015, p. 106. Per l’identificazione di Albergati Capacelli: ibid., p. 17.

2 Marina Magrini, Anton Maria Zanetti il Vecchio, in Il collezionismo d’arte a Venezia. Il Settecento, a cura di Linda Borean e Stefania Mason, Venezia, Marsilio, 2009, p. 317: « abile disegnatore, geniale incisore, vivace caricaturista, collezionista raffinato, instancabile promotore culturale, intermediatore ricercato e soprattutto uomo dalle vastissime relazioni ».

3 Francis Haskell, Mecenati e pittori. Studio sui rapporti tra arte e società italiana nell’età barocca, Firenze, Sansoni, 1966, p. 519.

4 Enrico Lucchese, op. cit., p. 261, cat. 37.XII.

5 Ibid., p. 8-10.

6 Ibid., p. 153-154, cat. 16.VII.

7 Ibid., p. 3 e 5. Le due citazioni sono tratte da una lettera, datata 13 marzo 1723, di Marco Ricci all’erudito fiorentino Francesco Maria Niccolò Gabburri, pubblicata in Raccolta di lettere sulla pittura, scultura ed architettura scritte da più celebri personaggi dei secoli xv, xvi e xvii pubblicata da M. Gio. Bottari e continuata fino ai nostri giorni da Stefano Ticozzi, vol. II, Milano, Giovanni Silvestri, 1822, p. 129. Va ricordata inoltre l’attività d’impresario teatrale di Sebastiano Ricci, zio di Marco e anch’egli in stretta amicizia con Zanetti, su cui importanti novità documentarie sono fornite da Gianluca Stefani, Sebastiano Ricci impresario d’opera a Venezia nel primo Settecento, Firenze, Firenze University Press, 2015.

8 Giulio Lorenzetti, Un dilettante incisore veneziano del xviii secolo. Anton Maria Zanetti di Gerolamo, Venezia, Carlo Ferrari, 1917, p. 73.

9 Enrico Lucchese, op. cit., p. 141-142, cat. 14.V.

10 Così Zanetti a Gabburri l’11 gennaio 1729, Raccolta di lettere, op. cit., p. 185.

11 Enrico Lucchese, op. cit., p. 120, cat. 6.IV, p. 337-338, cat. 72.I.

12 Giancarlo Rostirolla, Il “Mondo novo” musicale di Pier Leone Ghezzi, Milano, Skira, 2001, p. 14.

13 Enrico Lucchese, op. cit., p. 6. Le caricature Smith sono state ultimamente studiate da Rosie Razzall e Lucy Whitaker, Canaletto and the art of Venice, London, Royal Collection Trust, 2017, p. 114-125.

14 Giovanni Maria Ortes, Riflessioni sopra i drammi per musica, Venezia, Pasquali, 1757, p. 4.

15 Enrico Lucchese, op. cit., p. 108: « con una giocosità quasi infantile, non esente da una consapevole crudeltà, le immagini dell’album – “scherzi di fantasia” − non denunciano mai, né impongono nuovi canoni, ma accettano, con un sorriso lieve e amaro, le consuetudini e le contraddizioni, non solo teatrali ma dell’intera umanità ».

16 Ludovico Zorzi, Il teatro e la città. Saggi sulla scena italiana, Torino, Einaudi, 1977, p. 265.

17 Enrico Lucchese, op. cit., p. 292-293, cat. 48.I.

18 Ibid., p. 107-108, cat. 1.

19 Gianluca Stefani, « Zanetti e Ghezzi. Figure di cantanti alla moda», Ariel, XX, no 2, maggio-agosto 2005, p. 132.

20 Su questa peculiarità del genere caricaturale: Ernst Kris, Ricerche psicoanalitiche sull’arte, Torino, Einaudi, 1967, p. 188.

21 Lo rivela lo stesso commediografo nella lettera dedicatoria (1761) de Il ricco insidiato, in Tutte le opere di Carlo Goldoni, vol. VI, a cura di Giuseppe Ortolani, Milano, Mondadori, 1943, p. 863.

22 Enrico Lucchese, op. cit., p. 293-294, cat. 48.II.

23 Ibid., p. 11.

24 Irène Mamczarz, Les intermèdes comiques italiens au XVIIIe siècle en France et en Italie, Paris, Éditions du CNRS, 1972, p. 87.

25 Cfr. Valeria Tavazzi, « Fra parodia e riforma: i libretti goldoniani per i comici del San Samuele », Drammaturgia, XI, no 1, 2014, p. 217-234.

26 Enrico Lucchese, op. cit., p. 174-175, cat. 22.II, p. 234, cat. 33.IX, p. 243-244, cat. 35.III, p. 264-265, cat. 38.IV, p. 303-304, cat. 53.III.

27 Ibid., p. 173, cat. 21.IV, p. 334-335, cat. 70.III.

28 Carmelo Alberti, « Il ritorno dei comici. Vicende del teatro Vendramin di San Luca (1700-1733) », Biblioteca teatrale. Rivista trimestrale di studi e ricerche sullo spettacolo, no 5-6, 1987, p. 133-187.

29 Eleanor Selfridge-Field, A New Chronology of Venetian Opera and Related Genres, 1660-1760, Stanford, Stanford University Press, 2007, p. 395-396.

30 Enrico Lucchese, op. cit., p. 232-233, cat. 33.VII.

31 Peter Weiss, Da Aldiviva a Lotazio Vandini. I “drammi per musica” dei Comici a Venezia, nel primo Settecento, in L’invenzione del gusto: da Corelli a Vivaldi. Mutazioni culturali, a Roma e Venezia, nel periodo post-barocco, a cura di Giovanni Morelli, Milano, Ricordi, 1982, p. 168‑188.

32 Eleanor Selfridge-Field, op. cit., p. 569.

33 Enrico Lucchese, op. cit., p. 10.

34 Tutte le opere di Carlo Goldoni, op. cit., p. 864.

35 Trascritto, nella sola parte in ordine alfabetico, in Venezia Settecento. Studi in memoria di Alessandro Bettagno, a cura di Bożena Anna Kowalczyk, Milano, Silvana, 2015, p. 31-36; per un commento sintetico, Enrico Lucchese, op. cit., p. 13-14 e 16.

36 Francis Haskell, op. cit., p. 521.

37 Enrico Lucchese, op. cit., p. 13.

38 Ibid., p. 14.

39 Giulio Lorenzetti, op. cit., resta tuttora il contributo più completo per la conoscenza di un aspetto primario di Anton Maria Zanetti di Girolamo.

40 Enrico Lucchese, op. cit., p. 14.

41 Eleanor Selfridge-Field, op. cit., p. 574.

42 Presente nell’Indice de Libri, Enrico Lucchese, op. cit., p. 13.

43 Zaccaria Valaresso, Rutzvanscad il giovine. Arcisopratragichissima tragedia. Elaborata ad uso del buon gusto de’ Grecheggianti Compositori da Cattuffio Panchiano Bubulco Arcade, Venezia, al Secolo delle Lettere per Giuseppe Bettinelli, 1737, p. vi.

44 Tobia Zanon, « Contro la Tragedia. Il Rutzvanscad il giovine di Zaccaria Valaresso », InVerbis, no 1, gennaio-giugno 2016, p. 99-114.

45 Lino Moretti, Nota, in Gaetano Zompini, Le Arti che vanno per via nella città di Venezia, Venezia, Filippi, 1968.

46 Girolamo Zanetti, « Memorie per servire all’istoria dell’inclita città di Venezia, a cura di Federigo Stefani », Archivio Veneto, XXIX, 1885, p. 107.

47 Dario Succi, La Serenissima nello specchio di Rame. Splendore di una civiltà figurativa del Settecento. L’opera completa dei grandi maestri veneti, vol. II, Castelfranco Veneto, Cecchetto e Prior Alto Antiquariato, 2013, p. 748-764. La raccolta di stampe non è presente nell’Indice de’ libri, del 1744 ma con aggiunte anche posteriori alla morte di Anton Maria, cfr. Enrico Lucchese, op. cit., p. 16.

48 Enrico Lucchese, op. cit., p. 160, cat. 17.IX.

49 Dario Succi, op. cit., p. 760-761, cat. 45.

50 Rutzvanscad il giovine, op. cit., p. cxxvi.

51 Ibid., p. cxxvii.

52 Ibid., p. cxxxi-cxxxii.

53 Il teatro allo specchio: il metateatro tra melodramma e prosa, a cura di Francesco Cotticelli e Paologiovanni Maione, Napoli, Turchini Edizioni, 2013.

54 Cfr. Enrico Lucchese, op. cit., p. 152.

Haut de page

Table des illustrations

Légende Fig. 2. Carlo Broschi detto Farinelli, Venezia, Fondazione Giorgio Cini.
URL http://journals.openedition.org/etudesromanes/docannexe/image/10396/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 78k
Légende Fig. 3. Vittoria Tesi Tramontini, Venezia, Fondazione Giorgio Cini.
URL http://journals.openedition.org/etudesromanes/docannexe/image/10396/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 165k
Légende Fig. 4. Vittoria Tesi Tramontini, Venezia, Fondazione Giorgio Cini.
URL http://journals.openedition.org/etudesromanes/docannexe/image/10396/img-3.jpg
Fichier image/jpeg, 121k
Légende Fig. 5. Anton Maria Bernacchi, Venezia, Fondazione Giorgio Cini.
URL http://journals.openedition.org/etudesromanes/docannexe/image/10396/img-4.jpg
Fichier image/jpeg, 118k
Légende Fig. 6. Anton Maria Bernacchi, Venezia, Fondazione Giorgio Cini.
URL http://journals.openedition.org/etudesromanes/docannexe/image/10396/img-5.jpg
Fichier image/jpeg, 105k
Légende Fig. 7. Autoritratto caricaturale, Venezia, Fondazione Giorgio Cini.
URL http://journals.openedition.org/etudesromanes/docannexe/image/10396/img-6.jpg
Fichier image/jpeg, 110k
Légende Fig. 8. Antonio Ristorini, Venezia, Fondazione Giorgio Cini.
URL http://journals.openedition.org/etudesromanes/docannexe/image/10396/img-7.jpg
Fichier image/jpeg, 69k
Légende Fig. 9. Maria Gelti, Venezia, Fondazione Giorgio Cini.
URL http://journals.openedition.org/etudesromanes/docannexe/image/10396/img-8.jpg
Fichier image/jpeg, 83k
Légende Fig. 10. Gaetano Gherardo Zompini, La morte di Culicutidonia, incisione.
URL http://journals.openedition.org/etudesromanes/docannexe/image/10396/img-9.jpg
Fichier image/jpeg, 63k
Légende Fig. 11. Gaetano Gherardo Zompini, Il suggeritore di Rutzvanscad il giovine, incisione.
URL http://journals.openedition.org/etudesromanes/docannexe/image/10396/img-10.jpg
Fichier image/jpeg, 43k
URL http://journals.openedition.org/etudesromanes/docannexe/image/10396/img-11.jpg
Fichier image/jpeg, 39k
Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Enrico Lucchese, « Le caricature veneziane di Anton Maria Zanetti (1680-1767) », Cahiers d’études romanes, 40 | 2020, 83-101.

Référence électronique

Enrico Lucchese, « Le caricature veneziane di Anton Maria Zanetti (1680-1767) », Cahiers d’études romanes [En ligne], 40 | 2020, mis en ligne le 08 juillet 2020, consulté le 09 mai 2021. URL : http://journals.openedition.org/etudesromanes/10396 ; DOI : https://doi.org/10.4000/etudesromanes.10396

Haut de page

Auteur

Enrico Lucchese

Université de Ljubljana (Slovénie)

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Cahiers d'études romanes est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
  • Logo Centre aixois d’études romanes
  • Logo Aix-Marseille Université
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search