Navigation – Plan du site

AccueilLa revueRaccomandazioni per gli autori

Raccomandazioni per gli autori

Gallia Préhistoire (Préhistoire de la France dans son contexte européen) pubblica articoli di sintesi e dossier su scoperte, ricerche importanti o questioni dibattute nel campo dell’archeologia in Francia e in altri paesi europei. Il suo campo cronologico si estende dal Paleolitico inferiore alla fine dell’età del Bronzo.

Studi monografici, sintesi tematiche e corpora che presentano un interesse maggiore o progressi significativi per l’archeologia preistorica sono pubblicati come supplementi. In questi supplementi possono essere pubblicati anche gli atti di convegni internazionali.

Gallia Préhistoire accetta le proposte in francese e inglese. Per le altre lingue, contattare il Comitato editoriale.

A oggi, la rivista combina un’edizione digitale e un’edizione cartacea. Pertanto, ogni articolo è pubblicato online “di volta in volta” (in versione HTML e PDF, nel sito http://journals.openedition.org/galliap/), mentre un volume cartaceo annuale raccoglie alla fine dell’anno tutti gli articoli apparsi online. Questo doppio processo editoriale implica che gli autori debbano conformarsi rigorosamente alle norme seguenti, il cui mancato rispetto comporterà il rifiuto automatico dell’articolo proposto.

Proposte e processo editoriale

Gli autori possono sottoporre i loro lavori al Comitato editoriale in qualsiasi momento dell’anno, di preferenza per posta elettronica all’indirizzo gallia.prehistoire@cnrs.fr. Tuttavia, in un primo momento si consiglia di contattare il Comitato editoriale per assicurarsi che l’articolo proposto rientri nella linea editoriale della rivista.

Al ricevimento del manoscritto:

  • Le proposte sono esaminate in primo luogo dal Comitato editoriale per verificare la loro attinenza alla linea editoriale della rivista, la loro originalità e il rispetto delle norme editoriali. In seguito, il Comitato editoriale informa l’autore corrispondente (vale a dire il primo autore in caso di articolo collettivo) della sua decisione.

  • Per ogni contributo selezionato, il Comitato editoriale nomina due revisori: uno all’interno del comitato, l’altro esterno alla rivista. Un terzo revisore (interno o esterno) può essere designato in caso di necessità specifiche. L’autore riceve, entro un termine massimo di due mesi dalla data di ricezione del suo articolo, i due o tre rapporti di valutazione dell’articolo sottoposto.

  • Gli autori hanno a loro volta un massimo di due mesi per apportare le correzioni richieste e restituire alla rivista una versione modificata del loro articolo. Quest’ultima sarà nuovamente esaminata rapidamente dai revisori.

  • Non appena la versione definitiva è stata convalidata dal Comitato editoriale, la rivista si impegna a pubblicare una versione elettronica dell’articolo entro due mesi.

La pubblicazione di ogni articolo è subordinata alla firma autografa, da parte di tutti gli autori, di un’autorizzazione alla pubblicazione trasmessa al primo autore dal Comitato editoriale.

Norme editoriali

Tutti i testi devono essere digitati senza formattazione ed essere forniti nel formato odt, doc, docx o rtf. Devono essere privi di impaginazione, senza stili di paragrafo o caratteri (niente titoli in maiuscolo o in corsivo, maiuscoletto, sottolineato...). Si prega di rispettare le norme tipografiche riportate di seguito.

Ogni articolo sottoposto deve includere i seguenti documenti (e una versione PDF che comprenda il tutto):

  1. Dettagli di contatto degli autori (file nominato: autore1_coord)

  2. Abstract e parole chiave in francese e inglese (file nominato: autore1_resume)

  3. Estratto in inglese in caso di articolo in francese o in francese in caso di articolo in inglese (file nominato: autore1_short)

  4. Testo dell’articolo (file nominato: autore1_texte)

  5. Bibliografia (file nominato: autore1_biblio)

  6. Didascalie delle figure (file nominato: autore1_leg-fig) e tabelle (autore1_leg-tab) in francese e inglese

  7. Figure e tabelle dell’articolo (file nominato: autore1_fig1 o autore1_tab1)

1. Dettagli di contatto degli autori

Per ogni autore dell’articolo devono essere indicati:

  • Cognome/i e nome/i completo/i degli autori.

  • Indirizzo/i completo/i con numero/i di telefono (per la redazione).

  • Nome/i e indirizzi di laboratori o organismi di appartenenza.

  • Indirizzo/i e-mail (specificare alla redazione se questa informazione non deve essere pubblicata nell’articolo).

  • Specificare se si tratta di un autore principale o di un collaboratore (poiché trattamento diverso su Journals). Non indicare “direttore dell’articolo” o “contributore”.

Attenzione: alcune istituzioni non tengono conto di articoli in cui i loro standard di presentazione delle affiliazioni degli autori non sono rigorosamente rispettati. Dinanzi alla diversità di questi standard, è responsabilità esclusiva degli autori controllare i requisiti di queste presentazioni.

2. Abstract e parole chiave

Ogni articolo deve essere accompagnato da un abstract di 900 a 1400 caratteri (spazi inclusi) in francese e inglese, nonché da 5 a 10 parole chiave in entrambe le lingue (parole chiave da scegliere esclusivamente nel thesaurus Pactols.

3. Estratto / Abridged version

A ogni articolo sarà associato un estratto (in inglese se l’articolo è in francese e in francese se l’articolo è in inglese), che dovrà rappresentare tra il 10 e il 15% della lunghezza totale della versione principale. L’articolo principale e il suo estratto, raccolti nella versione cartacea, saranno oggetto di due unità editoriali distinte nella versione digitale (entrambe con un DOI).

Perciò, l’estratto dovrà includere una breve bibliografia contenente i principali riferimenti e tra 1 e 3 illustrazioni tra le più importanti (che tradurremo se necessario). Inoltre, nel titolo dovrà essere precisata la menzione “Abridged version”. Per esempio: The last Lateglacial and Early Holocene societies in France. Overview of thirty years of research (abridged versione).

Nel caso di un estratto in inglese, si consiglia vivamente di non utilizzare software o siti di traduzione online. La rivista s’incarica, salvo effettiva competenza linguistica degli autori, della traduzione di testi francesi in inglese a carico di un traduttore bilingue competente.

4. Testo dell’articolo

Testo: deve essere scritto senza formattazione, con un solo tipo di carattere e senza moltiplicare i corpi (dimensione del carattere). Per facilitare la valutazione, le righe e le pagine devono essere numerate.

Titoli: indicare la gerarchia dei titoli (struttura ad albero: 1, 1.1, 1.1.1., 1.1.1.1). Attenzione a non superare quattro livelli di titolo. Non mettere punti alla fine di un titolo o di un sottotitolo. Nel caso di articoli collettivi, non citare le iniziali o i nomi degli autori nei titoli dei paragrafi.

Richiami bibliografici: tutti i riferimenti bibliografici devono essere richiamati nel testo sotto forma del cognome dell’autore e dell’anno di pubblicazione. Per esempio:

  • Se un autore: (Leroi-Gourhan 1968, p. 185)

  • Se due autori: (Callender et Desbat 1990, p. 38-50, fig. 2, no 3)

  • Se più di due autori, utilizzare et al.: (Desbat et al. 1987)

  • Se più date per lo stesso autore: (Dupont 1965, 1968 et 1970)

  • Se più date identiche per lo stesso autore: (Dedet 1998a et 1998b)

  • Se si susseguono più richiami, classificarli preferibilmente in ordine cronologico di pubblicazione, separandoli con una virgola: (Callender 1965, Desbat et al. 1987)

Attenzione: distinguere chiaramente “p. 25-32” = “pagine dalla 25 alla 32” da “p. 25, 32” = “pagine 25 e 32”.

Rinvii per illustrazioni e tabelle: tutte le illustrazioni e tabelle devono essere richiamate nel corpo del testo e in ordine numerico nel modo seguente: (fig. 1), (fig. 2, no 1), (fig. 3, nos 1 et 6), (fig. 4, nos 1-5), (fig. 5, A). Nessun rinvio a figura e/o tabella è consentito nei titoli. Le figure e le tabelle sono numerate con cifre arabe.

Note a piè di pagina: se indispensabili, limitarne comunque il numero e la lunghezza. Integrare le note automaticamente utilizzando la funzione “Inserisci nota”. Devono, quindi, essere numerate in modo continuo.

Rinvii interni: da evitare il più possibile. Tali riferimenti possono rinviare solo a titoli, sottotitoli o note. Se necessario, utilizzare le seguenti formule tra parentesi: (voir supra) o (voir infra), per gli articoli in francese, senza indicare la paginazione.

5. Bibliografia

La bibliografia finale corrisponderà solo ai riferimenti citati nell’articolo. Sarà presentata sotto forma di un file separato e sarà elencata in ordine alfabetico degli autori.

Gli autori sono pregati di attenersi rigorosamente alle regole bibliografiche stabilite qui di seguito, pena il rifiuto dell’articolo. Si raccomanda vivamente l’uso di software di gestione bibliografica per cui sono disponibili fogli di stile della rivista.

6. Didascalie di figure e tabelle

Tutte le figure e le tabelle devono essere accompagnate da didascalie esplicite e complete, in francese e inglese (le traduzioni sono a cura della rivista a meno che gli autori non siano realmente competenti).

Non dimenticare:

  • La descrizione dei reperti;

  • La descrizione dei motivi, colori e simboli utilizzati;

  • Il dettaglio delle abbreviazioni utilizzate (ad esempio: NMI = numero minimo di individui);

  • I cognomi degli autori dei disegni e delle fotografie, con la menzione degli organismi di appartenenza (CAD A. Haddock, CNRS);

  • La dicitura DAO (dessin assisté par ordinateur), per il francese, o CAD (computer-aided design), per l’inglese, in tutte le figure (piante, tavole, rilievi, ecc.) eseguite con software come Adobe Photoshop, Adobe Illustrator o Inkscape;

  • Il dettaglio “cliché” per qualsiasi fotografia scattata durante uno scavo, uno studio, ecc.

Alcuni esempi:

Fig. 1 – Localisation du gisement les Bossats, Ormesson (Seine-et-Marne ; DAO M. Ballinger, CNRS).

Fig. 15 – Les sols moustérien et châtelperronien superposés dans le sondage 3. Au premier plan, le niveau moustérien ; au second plan, le niveau châtelperronien (cliché P. Bodu, CNRS).

Fig. 38 – Cores from Pont-Glas. 1. Core on flake in cataclasite from Mikaël (O24, US 5.2); 2. Core in cataclasite from Mikaël (P23, US 5.3); 3. Burnt flint core (1987 test pit, -5 to -20 cm; drawing G. Marchand).

Tabl. 4 – Décompte de l’assemblage faunique (d’après Perrin 2018, p. 101). NR : nombre de restes ; NMI : nombre minimum d’individus.

7. Figure e tabelle

Ciascuna figura o tabella deve essere presentata in un file separato ed essere citata nel testo.

Attenzione: tutte le riproduzioni di elementi iconografici (o testi) già pubblicati sono sottoposte all’autorizzazione del proprietario (autore, editore, museo, ecc.) ai sensi della legge sulla proprietà letteraria e artistica. La richiesta di autorizzazione deve essere fatta dall’autore. Le relative spese sono a suo carico.

Tabelle

Devono essere create direttamente, in carattere Arial, con LibreOffice o Microsoft Word (eventualmente Microsoft Excel se sono complesse) ed essere fornite sotto forma di file separati (un file per tabella). In generale, è preferibile avere più righe che colonne (per una migliore resa online) ed evitare sia la proliferazione di “micro-tabelle” che presentano ciascuna solo pochi dati, sia il “blocco” di cifre a pagina intera. Inoltre, non inserire note a piè di pagina nelle tabelle (solo in didascalia se necessario).

Le tabelle complesse hanno il vantaggio di poter essere messe online come dati supplementari (formato csv, ods o xlsx).

Figure

Includono disegni a mano libera (piante, mappe, tavole, disegni di oggetti...), grafici, illustrazioni digitalizzate e fotografiche. Devono essere preparate in formato stampabile, ovvero alla dimensione finale desiderata per la pubblicazione.

Image 100000000000053F00000259D35BABDA18D7343F.jpg

In generale:

  • Il tipo di carattere da usare è Arial.

  • La rivista accetta figure a colori senza restrizione di numero, con riserva tuttavia di un utilizzo ragionato.

  • Essere selettivi: selezionare gli elementi significativi e citati nel testo, ed elaborare composizioni sintetiche.

  • Evitare i “fai da te” manuali (collage, ritagli, ecc.) o digitali (combinazioni di documenti provenienti da applicazioni diverse), nonché le rielaborazioni inappropriate (per esempio con ridondanze).

  • Fare attenzione, per quanto possibile, a utilizzare scale grafiche coerenti – e se possibile costanti per gli insiemi di elementi – e a indicare la direzione nord sulle piante. Quanto più spesso possibile, si sceglierà una rappresentazione a grandezza naturale. Escludere le menzioni di scala quantificata nelle legende (le necessità di rielaborazione possono comportare la modifica del tasso di riduzione).

  • Evitare gli orientamenti e i tassi di riduzione disparati – se è necessaria una riduzione, privilegiare un rapporto di riduzione costante per una stessa categoria di elementi.

  • Ricordarsi che le figure possono essere ridotte e che devono rimanere leggibili: linea di almeno 0,20 punti e testo di 5 punti.

  • Evitare quanto più possibile le trame meccaniche poiché nuocciono alla qualità dell’immagine.

Le figure devono essere fornite nel formato:

  • Tiff per i documenti immagini in bianco e nero a 1200 dpi (Bitmap, opzione colore trasparente).

  • Tiff per i documenti immagini in scala di grigi o a colori, minimo 300 dpi (modello CMYK).

  • Inkscape SVG o Illustrator EPS per tutti i disegni a mano libera o le immagini annotate (modello CMYK).

Per i disegni a mano libera, in formato .svg (Inkscape) o .ai (Adobe Illustrator), prestare particolare attenzione a:

  • la qualità della linea (densità, spessore costante, precisione delle intersezioni).

  • mantenere un contrasto sufficiente tra le trame: una differenza di densità del 20% tra due gamme (cioè quattro livelli di grigio tra bianco e nero) è il minimo per il comfort del lettore.

  • limitare quanto più possibile l’inserimento di testo nelle figure, fonte di problemi durante le conversioni, e indicare i commenti nella legenda-testo (in CAD, raggruppare la tipografia su un “livello” separato).

  • evitare l’uso dello strumento trama per circondare le figure e ancor meno le pagine.

  • non trasferire una fig. Inkscape/Adobe Illustrator in Gimp/Adobe Photoshop (non rasterizzare).

Illustrazioni digitalizzate e fotografie:

  • Devono essere di ottima qualità, con una risoluzione sufficiente (minimo 300 dpi) ed essere leggibili (in particolare avere un contrasto sufficiente). Eventualmente proporre un ritaglio per eliminare gli elementi superflui.

  • La pulizia e il ridimensionamento delle illustrazioni sono realizzati su Gimp/Adobe Photoshop. Se si desidera incorporare del testo, si deve trasferire e trattare il documento con Inkscape/Adobe Illustrator. Questo rende molto più facile apportare correzioni. Comunque, non vettorializzare il testo e ricordarsi di incorporare fisicamente l’immagine nel file Inkscape/Illustrator.

  • Scansione: i documenti in bianco e nero senza livelli di grigio (piante di scavo, disegni di oggetti a mano libera, ecc.) devono essere scansionati a 1200 dpi. Altri documenti con foto o che comportano gamme di grigio devono essere scansionati a 300 dpi. In entrambi i casi, controllare l’opzione colore a 24-bit (anche per un documento che verrà modificato in bianco e nero) e salvare in formato tiff.

I grafici devono essere realizzati con un software di desktop publishing (Inkscape, Adobe Illustrator) o in un foglio di calcolo (Microsoft Excel, Open Office) con una risoluzione sufficiente (minimo 300 dpi) ed essere leggibili. Assicurarsi che tutti gli assi abbiano le indicazioni corrispondenti, che le legende e le unità siano specificate... I grafici pseudo-3D sono vietati (perché falsi). I grafici a torta (pie charts) devono essere limitati a serie di due o tre variabili al massimo, non essendo più leggibili oltre (privilegiare gli istogrammi o diagrammi a barre).

8. Documenti complementari

Incoraggiamo a utilizzare documenti complementari per alleggerire gli articoli e permettere una facile consultazione dei dati da parte dei lettori: immagini fotografiche supplementari, modelli 3D, database, elenchi di misure, inventari... Le regole da seguire per l’elaborazione di questi documenti sono pressappoco le stesse che per la pubblicazione cartacea.

L’archivio dati predefinito è Nakala. A ogni documento depositato viene assegnato un DOI, fermo restando che è la rivista (e non gli autori) che effettua il deposito in questione. Questi documenti devono essere forniti almeno in formato PDF, o se possibile in più versioni:

  • una versione “proprietario” originale se il documento è stato creato con un software privato (per esempio .xlsx per un foglio di calcolo creato con Microsoft Excel);

  • una versione in formato libero (in questo caso .csv per esempio);

  • una versione leggibile da tutti (.pdf).

Si prega di contattare la rivista per qualsiasi chiarimento o informazione supplementare.

Norme tipografiche

Per gli articoli in francese, è necessario attenersi al Lexique des règles typographiques in uso presso l’Imprimerie nationale.

Per gli articoli in inglese, occorre seguire The Chicago Manual of Style.

In generale:

Corsivo

  • È riservato ai titoli di libri, periodici, espressioni latine e parole straniere.

  • Esempio di espressioni latine: ad hoc, a fortiori, a priori, a posteriori, ca., cf., e.g., et al., ibid., idem, i.e., in fine, infra, op. cit., passim, statu quo, supra. Eccezione per “etc.” (rimane in tondo).

  • Le citazioni non devono essere messe in corsivo ma tra virgolette (francese: « », inglese: “ ).

Maiuscolo

  • Le maiuscole vanno accentuate (esempi: Épipaléolithique, Éditions).

  • Formazioni geologiche, periodi archeologici, culture e nomi di specie animali o vegetali (in latino) si scrivono con le iniziali maiuscole, ma non gli aggettivi corrispondenti. Esempi: il Paleolitico (ma un sito paleolitico), il Chasséen (ma una sepoltura chassea).

  • I nomi delle “âges” vanno scritti così: âge du Bronze, âge du Fer…

  • I punti cardinali si scrivono con l’iniziale maiuscola quando indicano una regione (esempi: il Sud-Ovest della Francia, i dipartimenti del Nord) ma si scrivono con la minuscola se indicano una direzione o sono usati come sostantivi (esempi: in direzione del sud, essere situato al nord della Garonne);

  • I nomi degli organismi multipli (= un certo numero dello stesso tipo esiste nell’organizzazione amministrativa di una nazione) sono nomi comuni e si scrivono in minuscolo, il nome proprio o il termine di specializzazione che li individualizza si scrive con l’iniziale maiuscola. Esempi per il francese: il service régional de l’Archéologie, il ministère de la Culture et de la Communication, la direction régionale des Affaires culturelles.

  • I nomi degli organismi unici (= la sua competenza si estende a tutto il territorio) si scrivono con l’iniziale maiuscola nel primo nome e nell’aggettivo che lo precede. Esempi per il francese: gli Archives nationales, la Bibliothèque nationale, l’Institut de recherches archéologiques préventives, il Centre national de la recherche scientifique, l’Académie des inscriptions et belles-lettres.

  • La parola “musée” è scritta in minuscolo tranne quando accompagnata da un aggettivo posposto, nel qual caso si scriverà con la maiuscola. Esempi: il musée de l’Homme, il musée du Louvre, il Musée lorrain, il British Museum. Eccezione perché istituzione unica: il Muséum national d’histoire naturelle.

  • I nomi dei monumenti si scrivono con una maiuscola nel nome proprio, nome comune o aggettivo che li caratterizza. Esempi: la grotte du Renne, l’hypogée des Mournouards II, la nécropole de la Grifaine, il tumulus de la Fabière.

  • Le parole “université” e “faculté” si scrivono senza lettere maiuscole. L’individualizzazione sarà contraddistinta da un nome proprio di persona o luogo (quindi con la maiuscola) e dalla specialità insegnata (in minuscolo). Esempi: université de Besançon, université Rennes 2, faculté des sciences et technologies Lille 1.

Abbreviazioni e acronimi

  • Non confondere le abbreviazioni (riduzione di una parola a poche lettere) e gli acronimi (abbreviazione composta dalle lettere iniziali).

  • Nel corpo del testo, l’uso di abbreviazioni deve essere limitato per quanto possibile. Se vengono utilizzate abbreviazioni insolite, fornire un elenco esplicito dei termini utilizzati. Esempi di alcune abbreviazioni comuni: 14C, ca. (circa), i.e. (cioè), etc. (mai etc…), p. (non pp.), par ex. (o e.g.).

  • Gli acronimi si scrivono in maiuscolo e senza punti. Alcuni esempi: CNRS (Centre national de la recherche scientifique), DRAC (direction régionale des Affaires culturelles), INRAP (Institut national de recherches archéologiques préventives), DFS (document final de synthèse), NMI (nombre minimum d’individu), SIG (système d’information géographique), SRA (service régional de l’Archéologie), US (unité stratigraphique)…

Numeri e date

  • Privilegiare la scrittura in lettere nel corpo del testo per i numeri collocati isolatamente e che rappresentano quantità semplici (in caso contrario, uniformare le trascrizioni all’interno dello stesso articolo) e per i numeri collocati all’inizio di frase.

  • Invece, scrivere sempre in cifre arabe le indicazioni di unità, le quantità complesse (al di là di sedici, per il francese) e i numeri con funzione di numerazione (in particolare per la numerazione in inventari e cataloghi).

  • I numeri in cifre che esprimono una quantità si scrivono in gruppi di tre cifre (serie di mille) separati da uno spazio unificatore (e non da una virgola).

  • “Deuxième” e “second” sono abbreviati in 2e (e non 2e, 2ème o 2ème); “premier”: 1er; “première”: 1re. Non si scrive la “2e US est noire” ma “la deuxième US est noire”.

  • Non abbreviare i numeri composti (per es.: da 5 000 a 6 000 persone e non da 5 a 6 000).

  • Per l’abbreviazione di “numero” si usa la lettera “o” in apice per il singolare (no) e “os” per il plurale (nos).

  • Sono accettati solo i seguenti sistemi di datazione: “BP (K-Ar)”, “cal. BC”, “cal. BP”, “av. n.è.” e “BCE”. Non usare “av. J.-C.” né “BC”.

  • I secoli si scrivono in maiuscoletto (xvie siècle), i millenni in numeri arabi (3e millénaire av. n.è.).

Tipografia

  • I segni : ; ! ? % e » devono essere preceduti da uno spazio (insecabile) in francese, ma devono essere attaccati alla parola che li precede (senza spazio) in inglese.

  • I segni « e =, -, +, +/- devono essere collocati tra due spazi.

  • L’uso delle virgolette alte “ ” deve essere riservato ai testi in inglese. Nel corpo di un articolo in francese si devono utilizzare le virgolette caporali « ».

  • Le parole composte che includono un prefisso, come “technocomplexe”, “typochronologie”, “chronoculturel”, “paléoenvironnement”, si scrivono senza trattino. L’uso del trattino deve essere mantenuto solo in occasione della successione di due vocali identiche (centre-européen, ecc.).

  • Le parentesi successive sono vietate: non si scrive (Polloni 2007) (fig. 21) ma (Polloni 2007 ; fig. 21). Sono vietate anche le parentesi annidate: (colonne outlier (a), tabl. 1). Si deve scrivere (colonne outlier [a], tabl. 1).

Pubblicazione delle datazioni con radiocarbonio

Gallia Préhistoire consiglia di seguire le raccomandazioni di A. Millard (2014).

La pubblicazione di una data inedita deve sempre menzionare:

  • du code laboratoire et numéro,

  • il codice laboratorio e il numero,

  • la data BP e la deviazione standard fornita dal laboratorio,

  • la natura del campione datato (il più precisamente possibile),

  • se possibile, il metodo di preparazione applicato (ultrafiltrazione, ecc.),

  • se possibile, i criteri di qualità misurati (δ13C, %C, C/N) e il rapporto 12C/13C,

  • se possibile, l’anno di misura e la tecnica utilizzata (scintillazione liquida, AMS).

La calibrazione della data grezza deve sempre essere eseguita con l’ultima versione della curva disponibile. Queste informazioni devono apparire chiaramente nel testo, così come il software utilizzato; i relativi riferimenti bibliografici devono essere indicati. Se vengono applicati valori di correzione (effetto serbatoio), devono essere presentati e giustificati.

I risultati della calibrazione sono forniti con una delle seguenti unità: “BP (K-Ar)”, “cal. BC”, “cal. BP”, “av. n. è.” o “BCE”.

Espressioni come “calibrato a 2 sigma” sono da evitare. È preferibile indicare il valore della probabilità: 68,2 %, 95 %, ecc.

Nel caso dell’elaborazione di una serie di date o di un modello statistico, occorre precisare il software utilizzato e, se possibile, il modello matematico con i relativi riferimenti bibliografici. Questi modelli possono essere inseriti come dati supplementari.

Norme bibliografiche

Memento: ogni riferimento citato in bibliografia deve essere richiamato nel testo o nelle didascalie di figure e tabelle, e viceversa ogni richiamo deve corrispondere a un riferimento. Prima dell’invio, si prega di verificare la completa corrispondenza tra i richiami e la bibliografia e di rispettare le norme bibliografiche della rivista (di seguito riportate). L’esattezza di tutti gli elementi contenuti nei riferimenti è responsabilità dell’autore.

Un foglio di stile CSL (Zotero) è disponibile gratuitamente per la formattazione automatica delle bibliografie.

Osservazioni generali

  • I riferimenti sono disposti in ordine alfabetico (cognome dell’autore indipendentemente dal numero) poi in ordine cronologico (anno di pubblicazione).

  • Eventualmente indicare a/b/… dopo l’anno se ci sono più pubblicazioni nello stesso anno.

  • Citare tutti i nomi degli autori nella bibliografia e non solo et al.

  • Le iniziali dei nomi composti devono essere separate da uno spazio unificatore (anche per autori non francofoni).

  • Quando il riferimento non è stato pubblicato, s’indicherà come data di pubblicazione “à paraître”, per gli articoli in francese (se è prevista una pubblicazione).

  • Quando il riferimento non è stato pubblicato e non lo sarà, s’indicherà come data di pubblicazione la data di elaborazione del documento e si preciserà “inédit” (per il francese) prima della paginazione.

  • Non confondere la data dell’evento (convegno, mostra...) e la data di pubblicazione del libro.

  • I titoli delle monografie e delle riviste si scrivono in corsivo, i titoli degli articoli tra virgolette e i nomi delle collane tra parentesi.

  • I titoli in inglese si scrivono con un’iniziale maiuscola a tutte le parole (ad eccezione di congiunzioni, determinativi e preposizioni).

  • Il numero dell’edizione corrente sarà indicato subito dopo il titolo (senza corsivo) mentre l’indicazione di un’edizione supplementare o ristampa sarà indicata tra parentesi alla fine del riferimento.

  • I luoghi di pubblicazione della bibliografia saranno indicati nella lingua dell’articolo (e non in quella del riferimento citato).

  • Ulteriori informazioni (nuova edizione, supporto aggiuntivo, ecc.) verranno fornite nella lingua dell’articolo e inserite tra parentesi alla fine del riferimento.

Éditeur (éd.) = persona che ha sistemato e/o annotato il testo.

Directeur (dir.) = persona che, nell’ambito di un’opera collettiva, ha diretto il gruppo di autori, organizzato il volume, supervisionato i manoscritti, ecc.

Presentazione dei riferimenti bibliografici

Per un articolo in un periodico

Cognome/i (di tutti gli) autore/i + Iniziale/i del/i nome/i + (Data di pubblicazione) – Titolo articolo, Nome del periodico [nome completo e sviluppato], No del volume del periodico, Paginazione dell’articolo [inizio-fine].

Grébénart D. 1975 – Une armature nouvelle de l’Épipaléolithique saharien : la pointe de Tarfaya, Bulletin de la Société préhistorique française, 72, p. 68-69.

Whittle A. 1990 – Radiocarbon dating of the Linear Pottery culture: The contribution of cereal and bone samples, Antiquity, 64 (243), p. 297-302.

Per un libro

Cognome dell’autore + Iniziale del nome + [eventualmente “directeur” o “éditeur scientifique” (dir.) o (éd.)] + (Data di pubblicazione [o “à paraître”]) – Titolo e sottotitolo completi, Luogo di pubblicazione, Casa editrice (+ eventualmente: Nome completo della collana o del supplemento, No del volume nella collana o No del supplemento), Numero di pagine (eventualmente Numero delle figure).

Guilaine J. 2003 De la vague à la tombe : la conquête néolithique de la Méditerranée, 8000-2000 avant J.-C, Paris, Éditions du Seuil, 375 p.

Van Gijn A.-L. 2010 Flint in focus: Lithic biographies in the Neolithic and Bronze Age, Leyde, Sidestone Press, 289 p.

Gardin J.-C. 1979  Une archéologie théorique, 1re éd., Paris, Hachette (L’esprit critique 5), 339 p.

Guilaine J. (dir.) 1976 La Préhistoire française, t. II : Les civilisations néolithiques et protohistoriques de la France, Paris, CNRS Éditions, 913 p.

Per un contributo in un’opera collettiva

Cognome autore + Iniziale del nome + (Data di pubblicazione) – Titolo del contributo, in Cognome dell'editore o del direttore scientifico dell'opera collettiva + Iniziale del nome, Titolo dell'opera collettiva, Luogo di pubblicazione, Casa editrice, Paginazione del contributo [inizio-fine].

Nota: “in” si scrive in corsivo davanti al tondo e in tondo davanti al corsivo.

Thévenin A. 1996 – Mésolithique récent et Mésolithique final entre Bassin parisien et Alpes, in Duhamel P. (dir.), La Bourgogne entre les bassins rhénan, rhodanien et parisien : carrefour ou frontière ?, Dijon, Société archéologique de l’Est de la France (Suppl. Revue archéologique de l’Est 14), p. 9-28.

Blouet V., Decker E. 1993 – Le rubané en Lorraine, in Le Néolithique du Nord-Est de la France et des régions limitrophes. Actes du 13e colloque interrégional sur le Néolithique, Metz, 10-12 octobre 1986, Paris, Éditions de la Maison des sciences de l’homme (Documents d’archéologie française 41), p. 84-93.

Per un contributo negli atti di un convegno

Cognome dell’autore + Iniziale del nome + (Data di pubblicazione) – Titolo della comunicazione, in Cognome del direttore scientifico del convegno + Iniziale del nome, Titolo del convegno, Luogo del convegno, Data del convegno, Luogo di pubblicazione, Casa editrice, Paginazione [inizio-fine].

Mordant D. 1987  Les inhumations en « pleine terre ». L’exemple de la Petite Seine, in Duday H., Masset C. (dir.), Anthropologie physique et archéologie : méthodes d’étude des sépultures. Actes du colloque de Toulouse, 4-6 novembre 1982, Paris, CNRS Éditions, p. 155-165.

Lietar C. 2016 – The role of enclosures in territorial organization in the Paris Basin between 4500 and 3800 BC, in Ard V., Pillot L. (dir.), Giants in the landscape. Monumentality and territories in the European Neolithic. Proceedings of the XVII UISPP world congress, Burgos, 1-7 September 2014, Oxford, Archaeopress, p. 31-44.

Per un catalogo

Cognome dell’autore + Iniziale del nome + (Data di pubblicazione [o “à paraître”]) – Titolo, Catalogo della mostra (luogo della mostra, data della mostra), Luogo di pubblicazione, Casa editrice, Numero di pagine.

Genestre J.-M., Man-Estier E., Merlin-Anglade V., Cleyet-Merle J.-J. (dir.) 2014 Grands sites d’art magdalénien, catalogue d’exposition (Musée national de Préhistoire, 21 juin-10 novembre 2014), Paris, Éditions de la Rmn, 128 p.

Per un rapporto

Cognome dell’autore + Iniziale del nome + (Data del rapporto) – Titolo del rapporto, Operatore, “inédit”, Numero di pagine.

Henton A. 2009 Valenciennes, le Vignobles IV, rapport final d’opération, SRA Nord-Pas-de-Calais, inédit, 57 p.

Per un lavoro universitario

Cognome dell’autore + Iniziale del nome + (Data della discussione) – Titolo, Tipo di lavoro universitario [tesi di dottorato, tesi di laurea magistrale, ecc.], Università della discussione, (eventualmente città se non specificata nel nome dell’università), “inédit”, Numero di pagine [eventualmente Numero di volumi e figure].

Polloni A. 2008 La parure dans les sépultures collectives de la fin du IVe au début du IIe millénaire en Bassin parisien, thèse de doctorat, Université Paris 1 Panthéon-Sorbonne, inédit, 2 vol.

Per una pubblicazione online

Cognome dell’autore + Iniziale del nome + (Data di pubblicazione [o “à paraître”]) – Titolo del contributo, Nome del periodico, Luogo di pubblicazione, Casa editrice, Paginazione (se possibile), [URL, data di pubblicazione online].

Pasty J.-F., Piboule M., Alix P. 2017 Le site Magdalénien de plein air des Hauts de Buffon à Montluçon (Allier, France), Gallia Préhistoire, 57, p. 127-223 [URL : http://journals.openedition.org/galliap/590, mis en ligne le 15/02/2018].

  • Logo Maison des sciences de l'Homme Mondes
  • Revue soutenue par l’Institut des sciences humaines et sociales du CNRS
    CNRS - Institut national des sciences humaines et sociales
  • OpenEdition Journals
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search