Navigation – Plan du site

Rappresentare le spazialità complesse. L’esperienza dell’ALS (Atlante linguistico della Sicilia)

Représenter les spatialités complexes. L’expérience de l’ALS (Atlas linguistique de la Sicile)
Representing Complex Spatialities. The Experience of ALS (Linguistic Atlas of Sicily)
Vincenzo Pinello
p. 41-66

Résumés

Dans cet article, nous nous occuperons des données quantitatives et qualitatives recueillies durant les vingt-cinq dernières années en Sicile. Ces données ont été collectées dans le cadre d’une enquête sur le terrain de grande ampleur qui a intéressé la Sicile entière dans le contexte des activités de l’Atlas linguistique de la Sicile (ALS). En particulier, nous observerons les données sur la perception et sur la représentation des différences linguistiques recueillies à travers trois questions du questionnaire ALS. Nous présenterons aussi une proposition de cartographie pluridimensionnelle de ces données.
Pour l’analyse, l’interprétation et la cartographie des données nous avons élaboré un modèle analytique qui permet, à la fois, d’intégrer la micro et la macro-analyse et de considérer les aspects qualitatifs et quantitatifs des phénomènes linguistiques. L’article est centré sur le phénomène particulier des dichotomies oppositionnelles linguistico-pragmatiques relevées dans le corpus ALS. Il s’agit de processus de représentation à travers lesquels les locuteurs opposent les niveaux d’espace/territoire, langue et idéologie, dans le moment où ils identifient le pôle de la différence linguistique. Au cœur de ce nouveau modèle il y a l’idée d’espace vécu qui est le résultat des expériences linguistiques des locuteurs par rapport à l’extension unidimensionnelle de l’espace physique. Le modèle cartographique de cette complexe série de données vise à obtenir des informations spécifiques dans la dimension linguistique et dans la dimension de l’espace vécu cognitif.

Haut de page

Texte intégral

1. Pluridimensionalità e variabili nell’Atlante linguistico della Sicilia

1L’Atlante linguistico della Sicilia (ALS) è un progetto di ricerca che ha mosso i primi passi nella metà degli anni ottanta, a Palermo, città capoluogo della Sicilia. Fin dall’inizio il gruppo di ricerca ha posto alla base del progetto l’esigenza di conciliare e far dialogare metodi e prospettive della sociolinguistica e della geografia linguistica (D’Agostino & Ruffino, 2005: 43) realizzando «dunque una duplice articolazione all’interno di un progetto unitario, la integrazione di atlante orizzontale (diatopico) e analisi verticale della variabilità» (Ruffino, 1991: 219).

  • 1 Il campionamento per famiglia è criterio non nuovo nelle indagini in area romanza. Per tutti, si ri (...)
  • 2 Il campione è completato, in ogni punto, da due adolescenti, uno di contesto familiare dialettofono (...)

2L’obiettivo generale è documentare il repertorio linguistico della Sicilia nelle sue variegate articolazioni. La configurazione di base del sistema lingua rappresentata dalla polarizzazione italiano/dialetto, che pure nel progetto trova adeguata considerazione, è il punto da cui muovere per giungere all’analisi e all’interpretazione delle cosiddette varietà intermedie esito dei processi di italianizzazione delle varietà dialettali e di regionalizzazione dell’italiano. Queste ultime sono osservate nella dimensione degli usi linguistici percorsa da intensi fenomeni di variabilità. L’indagine, adesso conclusa, che ha delineato il quadro sociolinguistico sopra illustrato e le sue articolazioni linguistiche, sociali e ideologiche, è stata realizzata attraverso un’imponente campagna di raccolta dati che ha interessato mille informatori distribuiti in 60 punti d’inchiesta in tutto il territorio siciliano. Il campione è stato definito seguendo un parametro dinamico finalizzato a conciliare la specificità del parlante e il contesto familiare e territoriale1. Per quanto riguarda il parlante, la variabile di riferimento del campione è la Famiglia articolata in tre fasce generazionali: Nonno, Genitore, Figlio2. Per ogni punto d’inchiesta ci sono 5 famiglie, dalla prima alla quinta. I tre informatori della prima famiglia presentano il più basso livello di istruzione e gli usi linguistici sono esclusivamente dialettali e tutti hanno come prima lingua il dialetto. I tre informatori della famiglia 5 presentano il più alto grado di istruzione e tutti hanno competenza attiva e passiva dell’italiano. La diatopia è articolata in punti d’inchiesta e microaree costituite da due o tre punti minimi contigui associati da costanti socio-economiche. I punti d’inchiesta sono centri dinamici o mediamente dinamici (città capoluoghi, centri medi caratterizzati da produttività economica e mobilità sociale); i punti minimi presentano fenomeni di significativa instabilità demografica, invecchiamento della popolazione, recessione economica (cfr. D’Agostino & Ruffino, 2005: 125-130).

3Una tale quantità e qualità di dati, che ad oggi ha prodotto oltre 50 volumi pubblicati nella collana editoriale «Materiali e Ricerche dell’Atlante linguistico della Sicilia», ha richiesto modelli pluridimensionali di analisi e di interpretazione, sistemi teorici e metodologici in grado di cogliere le relazioni funzionali tra variabili e fenomeni linguistici e metalinguistici. Modelli così concepiti consentono anche di risalire all’item di base, la variabile atomica, a partire dalla rete relazionale complessa; permettono, in sintesi, di far dialogare le dimensioni micro e macro della variazione linguistica e dei contesti socio-geo-economici. Ad esempio, nella sfera del parlante, la variabile «fascia generazionale» (Nonno, Genitore, Figlio) è ulteriormente scomponibile nelle variabili cosiddette tradizionali prima lingua, livello di istruzione, età.

2. L’Atlante linguistico della Sicilia (ALS) e lo studio delle opinioni dei parlanti

4Il questionario ALS somministrato all’intero campione nell’ambito della campagna di raccolta dati sul campo, rispecchia la complessità delle variabili linguistiche in gioco, i profondi assestamenti e riassestamenti del repertorio, le correlazioni con le dinamiche extra-linguistiche di carattere essenzialmente socio-geo-economico. Rimane quindi fedele alla sopra richiamata integrazione tra prospettiva variazionistica e approccio geolinguistico, in modo da tenere insieme lingua e giudizi sulla lingua, usi reali e percezioni e, su entrambi i piani, qualità e quantità:

La complessità del questionario si deve, dunque, al tentativo di integrare due diversi approcci e due pratiche empiristiche differenti: il questionario di taglio sociolinguistico e quello di tipo geolinguistico. Mentre il primo, infatti, è costruito per ottenere in primo luogo giudizi sui comportamenti linguistici (propri e/o comunitari) ed è sottoponibile ad analisi qualitative e quantitative, il secondo è interamente orientato al reperimento di usi linguistici (e, in taluni casi, di percezioni, come in alcune esperienze nipponiche) volti ad una cartografazione areale. (D’Agostino & Ruffino, 2005: 52)

5Nella sua stesura definitiva, che risale al 1998, il questionario si presenta articolato in tre parti. Nella prima le domande mirano a tracciare il profilo dell’informatore: dati biografici, mobilità intra e inter areale, grado di istruzione proprio e della famiglia, attività lavorativa, spostamenti pendolari e/o periodici, frequentazioni nell’infanzia con nonni o persone anziane, abitudini in merito al consumo di riviste, libri e televisione.

  • 3 Proficua per DP la distinzione tra percezione e rappresentazione proposta da Thomas Krefeld e Eliss (...)

6La seconda parte è dedicata alla elicitazione delle percezioni e rappresentazioni3 del parlante in merito alle lingue e alle varietà delle quali ha avuto ed ha esperienza, sia nell’ambito della propria comunità linguistica, sia rispetto ad altre comunità. È una sezione a forte contenuto ideologico, molte domande invitano a riflettere e a riferire sugli usi dialettali propri ed altrui e sulle opinioni riguardo al dialetto in famiglia e in società, ma con l’italiano convitato di pietra di una dialettica frutto del contatto e delle interferenze non solo linguistiche, ma anche ideologiche e identitarie.

  • 4 Una descrizione molto precisa del contenuto del questionario e delle diverse fasi di progettazione (...)

7La terza parte, attraverso domande sia onomasiologiche che semasiologiche, misura le competenze dell’informatore in merito all’uso e alla conoscenza di lessemi dialettali arcaici e regionali e sulla traduzione italiano/dialetto e viceversa. Due domande sono finalizzate a rilevare fenomeni fonetici peculiarmente regionali o microareali (come il raddoppiamento consonantico ad inizio di parola, la presenza della retroflessione in /r/). Vengono anche raccolti 5 minuti di parlato spontaneo a codice bloccato in italiano e in dialetto4.

  • 5 Sono le domande 16, 17 e 18 della seconda parte del questionario: 16. Lei nota delle differenze tra (...)
  • 6 La scelta del verbo notare non è casuale: «Si chiede […] di focalizzare l’attenzione su ciò di cui (...)

8In questo articolo ci occuperemo di una porzione piccola di dati (se confrontata all’enorme quantitativo di materiale raccolto in 25 anni di indagine) e molto significativa. Fanno parte del sotto-corpus elicitato con le tre domande5 pensate per rilevare la percezione e rappresentazione delle differenze linguistiche. Con la prima domanda viene chiesto all’informatore se nota6 che nel proprio centro si parli in maniera diversa rispetto ai centri vicini. La successiva chiede di precisare per quali paesi ha notato le differenze. La successiva invita l’informatore ad individuare e precisare gli elementi linguistici che differenziano la parlata del proprio centro rispetto alle parlate degli altri centri. Come si vede, sono tipiche domande del settore di studio che si occupa delle opinioni dei parlanti.

2.1. L’atlantistica percezionale

  • 7 Molto popolata la bibliografia di settore, sebbene si tratti di una disciplina relativamente giovan (...)

9Lo studio delle opinioni dei parlanti7 sui fatti di lingua è indagato oggi da molteplici punti di vista corrispondenti a differenti settori e discipline diversamente collegati tra di loro. In ciascuno di essi il focus linguistico risulta variamente circoscritto e indagato: la folk linguistic pone attenzione alle lingue e alle varietà in generale; la Dialettologia Percettica (DP), alla loro variazione diatopica; la language attitude, a comportamenti linguistici correlati funzionalmente a sottostanti atteggiamenti linguistici; la sociofonetica, a varianti e opposizioni fonologiche e fonetiche; ecc. Tutti quanti questi settori, tuttavia, nel ritagliare un generale, ampio o specifico focus linguistico, condividono l’interesse per le opinioni dei parlanti sui fatti di lingua, ovvero per cosa i non linguisti pensano sul modo di parlare della gente, nell’ambito del più generale universo extralinguistico e pragmatico, dove i fattori affettivi ed ideologici sono osservati con modelli rigorosi.

10In effetti, l’interesse per la dimensione affettiva ed ideologica dei fenomeni di lingua e il suo proficuo integrarsi con le competenze e gli usi linguistici, ha una antica tradizione. A voler proporre una sommaria rassegna, bisogna partire dalla prima, matura formalizzazione risalente già alla fine dell’800 e l’inizio del 900 con le osservazioni di Jules Gilliéron sulla forza modellatrice esercitata dalla percezione dello spazio dei gruppi sociali (in particolare dai gruppi egemoni) nei confronti del dialetto. È a partire da questa iniziale assunto, e attraverso la considerazione delle esperienze nipponiche ed olandesi degli anni ’30 sui giudizi linguistici, delle più recenti teorie della geografia francese sulla spazialità vissuta risalenti agli anni 70-80, e delle osservazioni sulla funzione dinamica dell’elemento umano ed affettivo sulla percezione e rappresentazione del vicino e del distale ideologico-linguistico (Grassi, 1981), che trova fondamento il concetto moderno di atlantistica percezionale. Per essa deve intendersi quell’insieme di teorie di carattere epistemologico, approcci metodologici, pratiche di ricerca, in grado di far dialogare la dimensione linguistica e la dimensione pragmatica, per la definizione di puntuali ma anche generali fenomeni ideologici ed affettivi strettamente connessi a fenomeni linguistici, attraverso l’individuazione di specifiche proprietà di salienza sociale e di salienza linguistica.

2.2. Spazio vissuto e dicotomie di spazio, lingua, ideologia

  • 8 Opposizioni linguistico-spaziali sono individuate e analizzate anche in Canobbio (2002), D’Agostino (...)
  • 9 Nonna Famiglia 4.
  • 10 Tusa è un centro della provincia di Messina confinante ad est con la provincia di Palermo.
  • 11 La carta 1 è stata realizzata da Francesco Macaluso collaboratore del Centro di studi filologici e (...)

11All’interno del quadro teorico e metodologico dell’atlantistica percezionale abbiamo preso in considerazione la porzione di dati elicitati dalle tre domande sulla percezione e rappresentazione delle differenze linguistiche (v. paragr. 2), attraverso un modello messo a punto a posteriori (sulla base dei dati raccolti, analizzati ed interpretati), le dicotomie oppositive linguistico-pragmatiche. Si tratta di attività di categorizzazione che coinvolgono i livelli di spazio/territorio, lingua, ideologia8. Ecco un tipico esempio di dicotomia, individuato nell’interazione dell’informatrice Rosa, NF49, di Tusa10 (in carta 111 tutti i comuni citati in questo articolo; in carta 2 la ripartizione in province):

Carta 1. – I comuni citati in questo articolo.

Carta 1. – I comuni citati in questo articolo.

Carta 2. La ripartizione in province.

Carta 2. La ripartizione in province.
  • 12 Di seguito si danno, molto succintamente, simboli e specifiche utilizzati per le trascrizioni, seco (...)

R1: ora lei nota delle differenze tra il siciliano che si parla a Tusa e il siciliano che si parla nei paesi vicini12.

I2: certi païsi mancu si capìsciunu nzocchi dìciunu. quannu pàrrunu in dialettu pròpia:: chiddru sua. cu i capisci? nuàtri macari ammischiamu sia l’italiànu, sia…

R3: e per quali paesi nota delle differenze.

I4: se una va a San Fratello, cu i canusci comu pàrrunu?

R5: <mh.> qualche altro paese.

I6: issi a Castiddruzzu, issi a Gangi, sempri atri dialetti hannu.

R7: e poi? i paesi me li può dire tutti quelli che sa. dove sa che ci sono…

  • 13 Diamo la traduzione delle parti di interazione in dialetto locale: I2: alcuni paesi nemmeno si capi (...)

I8: turturiciani, sti::: genti: cchiù: montagna, chissi con il dialetto suo pàrrunu13.

12L’informatrice istituisce: opposizioni linguistiche tra la varietà italianizzata del proprio centro (I2) verso centri i cui dialetti sono incomprensibili (I2) e che usano dialetti locali (I8); opposizioni che riguardano l’articolazione morfologica del territorio (I8); opposizioni di carattere ideologico: nei paesi si parla un dialetto incomprensibile (I2) e nei paesi di montagna si parla il dialetto locale (I8), mentre Tusa, centro della costa, è stato raggiunto dalle innovazioni linguistiche italianeggianti (I2). È evidente che nella narrazione del parlante i tre livelli (lingua, spazio/territorio, ideologia) sono strettamente interrelati. Va peraltro rilevato il reiterato utilizzo della deissi del verbo andare. Questa appena presentata è il modello generale delle dicotomie oppositive così come sono state rilevate nel corpus ALS.

  • 14 Si vedano le miscellanee curate da Krefeld (2002, 2006), con scritti dello stesso Krefeld e di D’Ag (...)

13È del tutto evidente che un modello teorico di questo tipo ha un ampio debito teorico nei riguardi del concetto di spazio cognitivo o spazio vissuto, introdotto nello studio delle opinioni dei parlanti con specifico statuto teorico ed empirico soprattutto da Mari D’Agostino e Thomas Krefeld14 agli inizi del 2000 ed ulteriormente precisato negli anni successivi:

[Per spazio vissuto si intende l’insieme delle] immagini mentali associate da un individuo o da un gruppo di individui ad un determinato spazio focalizzando l’importanza che nella creazione di tali immagini mentali hanno la componente affettiva, le sensazioni e le percezioni rispetto all’astratta struttura spaziale. (D’Agostino, 2006)

  • 15 Si è parlato a tal proposito di umanizzazione dello spazio (Pinello, 2016: 158-59).

14Lo spazio vissuto, in sostanza, afferma la non trascurabilità dell’elemento umano ed affettivo nello studio dei fenomeni linguistici e metalinguistici15. Ma il forte impatto sulle scienze che si occupano delle opinioni dei parlanti sui fatti di lingua, e in particolare per quanto riguarda la dialettologia percettiva, deriva dal rifiuto di considerare tali elementi accidentali e quindi interpretabili intuitivamente, bensì propri del tempo antropologico della vita quotidiana e meritevoli di analisi metodiche fondate scientificamente, facenti capo a specifici modelli di analisi ed interpretazione.

15Le pagine successive si occuperanno della descrizione di uno di tali modelli messo a punto dal gruppo di ricerca ALS, come già detto, per lo studio delle dicotomie oppositive linguistico-pragmatiche così come sono state individuate nel momento dell’interpretazione dei dati.

2.3. Le rappresentazioni oppositive ALS

16Le dicotomie oppositive linguistico-pragmatiche (nel paragrafo precedente ne abbiamo già proposto un esempio) rientrano nel più generale processo di categorizzazione per opposizioni. Nel corpus ALS sono state individuate ulteriori due modalità di categorizzazione riconducibili a tale processo. Per una chiara definizione di dicotomia oppositiva prima presenteremo brevemente anche queste altre due modalità, per poi entrare nello specifico delle dicotomie, oggetto di questo intervento.

17Di seguito le categorizzazioni oppositive rilevate nel campione:

  1. dicotomia oppositiva, o dicotomia interazionale, o opposizione categoriale linguistico-pragmatica, coinvolge i livelli di lingua, spazio/territorio, società. È il tipo di categorizzazione oppositiva che coinvolge più livelli e che presenta una forte correlazione interna tra dimensione linguistica e dimensioni extra-linguistiche. Per tali motivi è considerata di particolare interesse;

  2. ideologia linguistica di primo livello: si differenzia dalla dicotomia in quanto è priva dell’aggancio spaziale;

    • 16 Gli elementi linguistici indicati dagli informatori nelle interazioni sono stati classificati come (...)

    i (italiano) vs. d (dialetto), opposizione che investe: sempre, il livello della lingua; non necessariamente, anche quello della società. Va differenziata dall’ideologia linguistica di primo livello in quanto contiene una indicazione analitica dei tratti linguistici della differenza16, in prevalenza di tipo lessicale (62,31%) e fonetico (22,76%).

Tabella 1. – Tipi di categoria rappresentazionale ALS. Informatori.

Dicotomie

Ideologia linguistica di I livello

Lingua i vs d.

Totali

Assoluti

58

103

159

320

%

6,91

12,28

18,95

38,14

18La tabella 1 mostra le percentuali di incidenza tra tutti gli informatori dei tre tipi elencati sopra. I dati sono stati ottenuti verificando per ciascun informatore la presenza o meno di almeno uno dei tre tipi nell’interazione alle richiamate domande 16, 17 e 18 (v. nota 4). I rapporti percentuali sono stati calcolati sulla base del numero degli informatori del campione che sono qui considerati: 839. La tabella mostra che sul totale di 839 informatori, 320 (38,14%) hanno messo in atto comportamenti verbali di opposizione categoriale.

Tabella 2. – Tipi di categoria rappresentazionale ALS. Output informatori.

Dicotomie

Ideologia linguistica di I livello

Lingua i vs d.

Totali

139

118

284

541

19Nella tabella 2 si prende in esame il totale delle opposizioni categoriali prodotti dai 320 informatori individuati in tabella 1. Infatti in alcuni casi uno stesso informatore ha indicato più paesi e/o più tipi: dati, questi, che sono stati analiticamente catalogati.

2.4. Gli spazi dicotomizzati ALS: definizione

  • 17 Molto ricca è la bibliografia sulla categorizzazione per opposizione presente in settori di studio (...)
  • 18 Va qui precisato che le specifiche attività del parlante che iniziamo ad analizzare sono atti di ra (...)

20Procediamo ad analizzare da vicino la tipologia di attività di categorizzazione17 che definiamo dicotomia oppositiva, o dicotomia interazionale, o opposizione categoriale linguistico-pragmatica18, fenomeno che si presenta come processo socio-cognitivo rappresentazionale.

  • 19 Traduzione: in questi paesi di montagna.
  • 20 Comune della provincia di Messina posto sulla costa nord-orientale siciliana. È un centro dinamico (...)

21Le dicotomie ALS si fondano su un substrato ideologico costituito dai livelli di lingua e di spazio/territorio i quali risultano associati; il primo livello si basa sull’opposizione principale italiano vs. dialetto; il secondo, su opposizioni che focalizzano l’articolazione morfologica del territorio, ad esempio mare vs. montagna. Nel seguente stralcio d’interazione le opposizioni nei livelli della lingua (siciliano più elegante vs. siciliano meno elegante) e dello spazio-territorio (paese di mare vs. paese di montagna) sono associate nella rappresentazione montagna = siciliano meno elegante: «per esempio nta sti paesi di montagna19 si parla un ziciliano diverso dal nostro. Noi lo parliamo più:: con eleganza diciamo così» (NF4 Capo d’Orlando20).

  • 21 Gibellina e Salaparuta sono due piccoli comuni della provincia di Trapani, posti nell’area interna (...)
  • 22 Traduzione: in queste montagne, in queste montagne, in questi paesi di montagna Gibbelina, Salaparu (...)
  • 23 È uno stralcio di interazione dell’informatore NF2 di Campobello di Mazara. Quest’ultimo è un comun (...)

22L’accumulo dei livelli di lingua e di spazio/territorio, evidentemente, ha una forte caratterizzazione ideologica che colpisce la comunità linguistica obiettivo. Nello stralcio di interazione seguente (di tipologia simile a quella del Nonno di Capo d’Orlando riportata sopra): «nta ssi muntagnë/ nta ssi muntag+ | nta ssi paisi di muntagnë. / Gibbelina, Salaparuta21 […] u-nni li capimu22. sì: la noto la differenza»23, le opposizioni nel livello dello spazio (paese di mare vs. paese di montagna) e nel livello della lingua (dialetto comprensibile vs. dialetto non comprensibile) conservano una autonoma carica ideologica; tuttavia, il processo di associazione dei due livelli rende ipertrofica l’opposizione ideologica, anche con riferimento alle dimensioni pragmatiche (l’essere di montagna e l’essere di conseguenza facente parte di una comunità linguistica arretrata e isolata).

  • 24 A parere di Silverstein i collegamenti di «secondo ordine» sono realizzati dai parlanti quando asso (...)

23Difatti, i processi di rappresentazione esprimono anche verbalizzazioni valutative e dicotomiche esplicite del tipo progrediti vs. non progrediti (dimensione della società), nella forma di indessicalità di secondo ordine24 (Silverstein, 1996, 2003):

  • 25 Cinisi e Terrasini sono due comuni della provincia di Palermo, situati sul versante costiero nord d (...)
  • 26 Nanà e ru ru sono voci onomatopeiche. Faru (Faro) è nome proprio di persona.

I2: [per esèmpio] Çìnisi / | con Cìnisi cc’è una çerta ddifferenza. / perché hanno un accento diverso, / dal nostro e:: anche: usano dei vocàbboli molto più arretrati / [ora non di più]= […] R5: <eh::> per esèmpio si rricorda qualche vocàbbolo, mi sa ffare qualche:: esèmpio? di Çìnisi di qualche pparola che [a Tterrasini non si usa ppiù.] I6: [<eh> io per esèmpio] mi ricordo un’espressione che avèvano::: | che ricordava anche mia madre sempre. cc’è stato sempre questo senzo di critica tra Çìnisi e Tterrasini25. perchè Terrasini è stata sempre una meta agognata dalla:: | dai:: villeggianti di Palermo e qquindi ha subbito sempre un: certo influsso. mentre Çìnisi è rrimasto sempre più indietro. / <eh::> mi ricordo che mmia madre diçeva questo che la musica di Terras | di Çìnisi // la musica di Çìnisi non façeva altro che ffare “ru ru”. R7: [cioè xxx] I8: [“cinta nanà”] | ripetèvano continuamente «cinta nanà Faru ru ru zìttuti tu26» (NF5 Terrasini).

24Nello stralcio di interazione appena letto dell’informatore Nonno della Famiglia 5 di Terrasini, vanno individuate tre opposizioni nei rispettivi livelli: linguistico (usano vocaboli molto arretrati); spazio-territorio (centro dinamico vs. paese); socio-culturale (Cinisi è rimasto sempre più indietro). La forma rappresentazionale è popolata dalle seguenti associazioni: paese = vocaboli arretrati = paese arretrato.

  • 27 Per salienza deve intendersi l’insieme di proprietà che determinano quelle condizioni per cui un og (...)

25I tre livelli interrelati della dicotomia illustrati sopra si basano su corrispettive dimensioni di salienza27 espresse dalle seguenti matrici opposizionali:

– Salienza linguistica: es: italiano raffinato, elegante, ecc. vs. dialetto, volgare, rozzo, ecc.

– Salienza spazio/territorio: es: città di mare vs. paese di montagna; città vs. paese; ecc.

– Salienza socio-culturale: es: progrediti vs. arretrati.

26Una prima conclusione sullo statuo dell’attività di dicotomizzazione pone in rilievo alcune delle caratteristiche essenziali: vi sono costitutivi i livelli di lingua e di spazio; lo spazio assume decisa fisionomia cognitiva; è attestata l’incidenza del livello della società; è processo metaforico, analogico e di similarità.

2.5. Due potenti super-stereotipi comunitari

27Le categorie oppositive degli informatori ALS sono, a un tempo, potenti sollecitatori di stereotipi per i gruppi sociali che li percepiscono e stereotipi esse stesse; a loro volta, sono motivate da due potenti ‘super-stereotipi comunitari’:

  • ‘la mia lingua e la lingua della mia comunità è meglio della lingua degli altri’, una matrice interazionale che proclama il dialetto degli altri caratterizzato innanzitutto da: pronuncia, accento, tono.
    E lo qualifica:

  • 28 Molto marcato.
  • 29 Rozzo.
  • 30 Villano nel senso di volgare e anche di contadino. Qui esprime la seguente sequenza di associazioni (...)
  • 31 Paesano, cioè abitante in un paese.

– ’ncarcatu28; rozzu29; viddanu30; paesanu31
– antico
– arretrato
– cupo
– incomprensibile
– misterioso
– pesante
– strano
– stretto
– volgare
– (con) difetto di dizione

Gli items appena elencati motivano e sono motivati dall’ulteriore super-stereotipo:

  • io e la mia comunità parliamo italiano vs. gli altri parlano dialetto.

28Da questi due super-stereotipi discendono tutte le forme di dicotomizzazione oppositiva.

Tabella 3. – Dicotomie oppositive. Livelli linguistici.

Tratto linguistico

Valore assoluto

%

Senza tratto

58

41,72

Soprasegmentale

31

22,30

Incomprensione

31

22,30

Tot. senza tratti

120

86,32

Fonetico

9

6,49

Lessicale

8

5,75

Morfologico

2

1,44

Tot. con tratti

19

13,68

Tot. complessivo

139

100

29La tabella 3 dà conto delle percentuali di incidenza nelle opposizioni dicotomiche di ciascuno dei livelli linguistici; i livelli linguistici sono stati ricavati dall’analisi delle risposte alla domanda 18 della seconda parte del questionario (v. ancora nota 4). Come si evince da questa tabella, l’86,32% del sottocampione formato dagli intervistati che nello spazializzare la relazione con l’alterità utilizzano le forme della dicotomia oppositiva, non associano ad essa tratti linguistici distintamente percepiti e/o rappresentati. Sembra che la carica di attenzione ideologica di tipo stigmatico alla lingua e alla comunità oggetto di dicotomia, risulti così forte da omogeneizzare la varietà bersaglio in una super-immagine privata dalle singole particolarità linguistiche. Tutto questo, nonostante la salienza attestata nel campione dei tratti lessicali e fonetici.

30Presentiamo la descrizione, ciascuna corredata da un esempio, per le opposizioni categoriali senza tratto, soprasegmentale, incomprensione.

31Senza tratto. Comprende i valori che qualificano il super-stereotipo la mia lingua e la lingua della mia comunità è meglio della lingua degli altri, che abbiamo già elencato: ’ncarcatu, rozzu, viddanu; paesanu; antico; arretrato; cupo; incomprensibile… Segnala l’atteggiamento e il comportamento più diffuso tra i parlanti che dicotomizzano le rappresentazioni: invece che i singoli tratti linguistici, essi colgono la salienza olistica della varietà bersaglio. L’altra caratteristica fondamentale di questo tipo di salienza è la sua forte caratterizzazione ideologica. L’esito è una rappresentazione di tutto in uno, dove i tratti linguistici sono appiattiti e fagocitati dalla forza del giudizio e del pregiudizio linguistico. Nello stralcio d’interazione che segue le opposizioni categoriali sono città vs. paesi dell’entroterra, pronuncia e parlata della città vs. pronuncia più stretta, parlata più cupa:

  • 32 Paesini della provincia di Catania in posizione internata rispetto a Catania.

Poi chiaramente i paesi dell’entroterra dove sono più stretti che possono essere Adrano Bronte: Randazzo32: eccetera sono già con una pronuncia più stretta ecco cioè l+ l+ o+ | secondo me ogni paese c’ha la sua poi ehm: poi si: si vede si: si nota più: | di meno se sono più viçini alla alla città di Catania appena si allontanano già si vede di più se poi cambi provincia ancora di più […] perché: secondo me ce l’hanno più cupa la parlata [mh.] nei paesi dell’entroterra. (GF4 Catania)

32Soprasegmentale. Al pari della opposizione categoriale priva di esplicitazione di specifici tratti linguistici che abbiamo appena illustrato, anche questa etichetta è una declinazione del super-stereotipo la mia lingua e la lingua della mia comunità è meglio della lingua degli altri, e segnala una percezione/rappresentazione della differenza linguistica di tipo olistico. Nello stralcio d’interazione seguente vanno individuate le seguenti opposizioni categoriali: città vs. paesi, accento di città vs. accento di paesi:

I4: sì sì vabbe’ cambia molto l’accento. comunque si sente subito quando mh: provengono dai paesi.

R1: per esempio quali sono questi paesi dove pensi ci siano delle differenze.

I2: vabbe’ io posso dire le persone che ho conosciuto =

R3: certo.

I4: = magari tipo Belmonte Mezzagno, oppure che ti so dire, Piana degli Albanesi, cioè cambia molto, sì ci sono molte parole | proprio gli accenti sono diversi [perché] =

R5: [altri paesi?]

I6: = le parole spesso sono le stesse. poi è proprio l’accentuazione che danno che cambia.

R7: [o per altri pae+]

I8: [o che ti] posso dire eh:: / Misilmeri, insomma questi paesi qua.

  • 33 Aragona, Santa Elisabetta, Sant’Angelo Muxaro sono piccoli centri posti nell’entroterra dell’agrige (...)

33Incomprensione. Anche la dichiarata incomprensione della varietà bersaglio è marca di proclamazione di differenza linguistica. Sopra (paragrafo 2.2) abbiamo proposto un’interazione che contiene il fenomeno dell’incomprensione associato alla dicotomia oppositiva (interazione dell’informatrice NF4). Adesso illustriamo l’interessante caso attestato dall’interazione dell’informatrice di Aragona33, nel quale il fenomeno dell’incomprensibilità, è marcato come incapacità a comprendere il siciliano da parte degli abitanti dei paesi ritirati, i quali utilizzano parole antiche. In questo caso il siciliano è concepito come koiné sovra territoriale affrancata dai tratti locali ed arcaici. La dicotomia nel livello linguistico è declinata dall’opposizione siciliano vs. dialetto con lessico antico e nel livello dello spazio/territorio paese vs. campagna:

R1: e per esempio per quali paesi ci su sti differenzi. fammi n’esempiu di quacchi paisi cca vicinu ca c’è differenza di parlari: sicilianu?

I2: a tutti i paisi. va a Elisabetta: e ti parlanu di na manera =

R3: dove?

I4: = va a Sant’Angelu e parlanu di nantra manera, va a Raffadali e ti parlanu di nantra manera…

R5: quindi mi li po’ ripetiri quali su sti paisi ca dicisti?

I6: a tutti banni. Santa Elisabetta, Raffadali, Sant’Angilu, a: tutti banni. su sti paisi ritirati. su paisi ritirati questi.

R7: chi vuol diri ritirati?

  • 34 R1: e per esempio per quali paesi ci sono queste differenze? Un esempio di qualche paese qua vicino (...)

I8: <eh> che non vanno mai in paese e sanno l’antichità parola antica e dicinu sempri chiddri antichi. e quannu ci dici na cosa nun a capiscinu. nemmeno u sicilianu capiscinu34 <P ride> (NF3 Aragona).

Anche qui va rilevato l’uso della deissi del verbo andare (I2, I4).

2.6. Lo spazio/territorio: i tipi dicotomici

34Lo stretto intreccio tra rappresentazione dello spazio e rappresentazione della lingua rilevato nel campione ALS, era emerso già in forme molto pronunciate in Ruffino (2006), un’indagine sul pregiudizio linguistico negli alunni delle ultime tre classi delle scuole elementari italiane. Attraverso la collaborazione di direttori didattici e insegnanti di classe, i bambini hanno scritto un testo estemporaneo per rispondere alla seguente domanda: Qual è secondo te la differenza tra lingua italiana e dialetto? All’indagine hanno aderito 167 scuole distribuite in tutta Italia per un totale di oltre 9 000 elaborati. Anche nelle rappresentazioni di questi giovanissimi informatori, gli stereotipi dialetto urbano vs. disaletto rurale e città vs. campagna, esprimono le seguenti associazioni:

città = italiano

paese/campagna = dialetto

L’opposizione dicotomica è sciolta nella lista dei costituenti delle forme stereotipate, orientate dalla matrice urbanicità/rusticità (82):

Città vs.
Campagna, Paese, Paese di campagna, Paesi arretrati,
Frazioni, Borghi e borgate, Località casarecce, Contadini

Grandi città vs. Piccoli paesi

Metropoli vs. Piccole città, paesi

  • 35 Nei testi i giovanissimi informatori di Ruffino fanno più volte riferimento alla tipicità dialettal (...)

35Ancora in Ruffino, il cui campione è distribuito in numerose scuole italiane, associati al dialetto emergono l’ambiente geografico montagna35, però come forma compresente e non polare (101) e la categoria sociale contadini (campagnoli, pastori, montanari) legata alla rappresentazione della dialettalità (104-105).

36Nel corpus ALS sono presenti anche le forme stereotipate del polo dello stigma presenti in Ruffino (anche se con denominazioni ed estensioni semantiche leggermente diverse) ma ambiente geografico montagna ha funzione polare, come abbiamo già visto.

Tabelle 4. – Dicotomie interazionali ALS. Spazio/territorio. Indicazioni degli informatori.

POSIZIONE

DIMENSIONE

ECONOMIA

paese di montagna/(zona di) montagna

paesini

paesi di contadini

paesi interni/internati

paesi piccoli

campagna/campagne

entroterra

paesetti piccoli

agricoltura

interno della Sicilia

frazioni

isolato

borgate

lontano dalla città

contrade

provincia

37In tabella 4 illustriamo la classificazione delle dicotomie interazionali ALS con focalizzazione sulla stigma. Gli elementi di ciascun gruppo classificato in tabella sono stati ricavato, ovviamente, dalle dichiarazioni degli informatori che dicotomizzano. Tutti gli elementi in tabella, quindi, rappresentano ciò che questi informatori hanno detto sulla comunità linguistica colpita dalla dicotomia. Ciascun elemento in tabella è sempre opposto ad una polarità positiva che l’informatore attribuisce a sé e/o alla propria comunità linguistica, ad esempio: città (vs. paese); città di mare (vs. paese di montagna); ecc. In taluni casi tale polarità rimane implicita nel dettato interazionale dell’informatore.

  • 36 Per la definizione di centri urbani e semi-urbani vedi D’Agostino (1995).

38L’opposizione è quindi costruita sempre sulla base di un riferimento a. Un dato molto significativo è che quasi tutti gli informatori che dicotomizzano vivono in centri urbani o semi-urbani36. Per la tipologia posizione i riferimenti oppositivi sono di tipo geografico/spaziale e anche di direzione: verticale, su vs. giù (paese e zona di montagna); orizzontale, mare/costa vs. interno (tutti gli altri sotto-tipi: paesi interni e internati, entroterra, interno della Sicilia…). In questa tipologia è attestato negli informatori il significativo utilizzo di deittici.

39Ciascuna delle tipologie economia e dimensione esplicitano al loro interno il gradatum bipartito dentro/fuori il centro abitato, i cui sotto-tipi agricoltura e frazioni, borgate, contrade, campagna, recano l’attributo della ruralità.

  • 37 Costanti, o modelli standard, o «plot», sono individuati in particolare nell’analisi dei discorsi. (...)

40Le narrazioni interazionali dicotomiche presentano le seguenti costanti strutturali37:

  • oggetto io/mia comunità [esplicito o implicito] vs. sotto-tipi in tab. 2 [sempre esplicito];

  • direzione ‘io/mia comunità’ [polarità positivo] vs. ‘altri/altra comunità’ [polarità negativa];

  • tratti linguistici olistici; distinti;

  • ideologia esplicita; esplicita nei tratti; implicita nella polarità positiva (vedi sopra);

  • ideologia spazio/territorio (cognitiva): spazio vissuto e altre spazialità cognitive.

2.7. Variazione diatopica? La carta concettuale delle dicotomie

  • 38 Nemmeno la variabile mobilità sembra avere una forte incidenza; infatti solo una sparuta minoranza (...)

41Per quanto riguarda le variabili da campione (età, livello di istruzione, prima lingua, tipologia famiglia), tra gli informatori che dicotomizzano c’è una prevalenza di Nonni rispetto ai Genitori e soprattutto ai figli; la tipologia familiare che dicotomizza meno è la Famiglia 138.

42La variabile forte, però, sembra essere la diatopia, in relazione sia centri degli informatori che dicotomizzano, sia ai centri colpiti dalla dicotomia.

Carta 3. – Carta concettuale delle dicotomie oppositive ALS.

Carta 3. – Carta concettuale delle dicotomie oppositive ALS.
  • 39 La carta è stata realizzata dal consorzio Ticonzero di Palermo operante nel campo dell’informatica (...)

43La carta 3 è la rappresentazione concettuale della variazione diatopica delle dicotomie oppositive interazionali39. La carta, realizzata per pesare la forza della variabile diatopia, non rappresenta distanze diatopiche ma vicinanze concettuali. La posizione dei nodi nel rettangolo della carta è casuale, non sono casuali le relazioni tra nodi (ad esempio, Catania) e satelliti (Treccastagni, Troina, Linguaglossa…). L’atomo concettuale che sovrintende alla carta, dunque, è la relazione tra gli elementi e non la posizione di ciascuno nello spazio geografico.

  • 40 La rappresentazione cartografica del grado di tensione della corda attraverso il solo spessore mett (...)

44Lo spazio concettuale è strutturato in ‘famiglie dicotomiche’ all’interno delle quali i nodi agganciano i satelliti attraverso la tensione delle corde: più alto è il flusso di categorizzazione dicotomica che dal nodo muove verso il satellite, più tesa è la corda. La tensione della corda è rappresentata sia dalle dimensioni di nodo e satellite, sia dallo spessore della corda40. Sulla scala aritmetica che conta il numero delle categorizzazione dicotomiche, in un certo punto il sistema si eccita e trasmette l’input al nodo, al satellite e alla corda, le cui dimensioni si dilitano su dimensione proporzionale.

45Classifichiamo i nodi della carta in base alla grandezza del diametro del cerchio. Consideriamo i primi 4 livelli:

  • livello 1 Palermo, Catania

  • livello 2 Caltanissetta

  • livello 3 Agrigento, San Giovanni la Punta, Termini Imerese, Vittoria, Campobello di Mazzara, Raffadali

  • livello 4 Castelvetrano, Misilmeri, Tusa

46I centri i cui parlanti dicotomizzano di più sono i poli regionali Catania e Palermo. Subito dietro c’è Caltanissetta, capoluogo di provincia. Nel livello 3 stanno quattro centri di rilievo economico e sociale di area (Agrigento, San Giovanni la Punta, Termini Imerese, Vittoria). Nel livello 4 centri di una qualche importanza di micro-area, sia per i servizi che per l’economia.

47Questa prima ricognizione darebbe l’impressione che l’asserto sulla forza della variabile diatopica andrebbe precisato nell’ambito del continuum dinamicità vs. recessione (cfr. Ruffino, 1991 e D’Agostino, 2005). Dinamicità del dentro da cui muove la dicotomia, recessione del centro colpito dalla dicotomia.

48Il ruolo della variabile appena individuata trova conferma dall’analisi puntuale delle relazioni all’interno di ciascuna famiglia dicotomica. Consideriamo una porzione delle numerose relazioni individuate nella famiglia Palermo e le relazioni nella famiglia Termini Imerese (dalla carta si vede che quest’ultima è allo stesso tempo satellite di Palermo e nodo di famiglia). Da entrambi i nodi muovono flussi dicotomici verso i centri Caccamo e Petralia Sottana, il primo situato a pochi chilometri da Termini Imerese, il secondo nell’entroterra delle Madonie. A sua volta, il nodo di Termini Imerese è epicentro gravitazionale di flussi dicotomici verso Cerda, Sciara, Montemaggiore, comuni distanti pochi chilometri.

49Palermo e Termini Imerese sono sede di porti e di importanti stazioni ferroviarie. La rilevanza economica e nel settore dei servizi di Palermo è attestata da tutti gli indicatori Istat. Termini Imerese è centro economico di rilievo d’area, soprattutto per il terziario e le industrie. Caccamo e Petralia Sottana dipendono per i servizi essenziali da Palermo e Termini Imerese. Da quest’ultima, per altri servizi essenziali tra i quali l’istruzione superiore, dipendono i satelliti Cerda, Sciara, Montemaggiore. Castelbuono dipende da Termini Imerese per il tribunale (cfr. D’Agostino & Ruffino, 2005).

50Palermo e Termini Imerese, infine, sono comuni capofila dei rispettivi Sistemi Locali del Lavoro (cfr. D’Agostino & Ruffino, 2005).

51Le dinamiche appena illustrate per due specifiche famiglie dicotomiche si ripetono nelle altre famiglie della carta a conferma del ruolo della variabile dinamicità vs. recessione, variabile di alta densità ideologica.

52Due ultime precisazioni. Per il nodo di Vittoria, la matrice dinamicità vs. recessione sembra essere specificamente connaturata dal rilievo economico del centro invece che dai servizi tout court: Vittoria è infatti un’importante realtà del settore primario con commercializzazione dei prodotti su scala internazionale.

  • 41 Santa Elisabetta, Aragona, Santo Stefano di Quisquina, Grotte, Canicattì.

53Infine, può destare stupore la consistenza di Raffadali come nodo, infatti si tratta di un centro per nulla dinamico e pressoché recessivo. In questo specifico caso sembra che ad agire siano le componenti ideologiche che investono sia la lingua che la società nella dimensione microareale del rapporto con i 5 paesi satelliti41 all’interno della famiglia. Si tratta, dunque, di uno di quei casi in cui le dinamiche puntuali di area, a prima vista, agirebbero come una sorta di variabile che farebbe saltare il banco dell’analisi e dell’interpretazione. Ma casi del genere non sono affatto atomi del sistema sfuggiti al controllo dell’analista ALS, piuttosto hanno sollecitato a dosare ognuna delle plurime componenti del dato all’interno del modello generale di analisi e di interpretazione, tenendo conto anche delle specifiche micro-dinamiche di sub-area.

3. Conclusioni

  • 42 Una monografia molto completa e documentata sul «parlato» basata sul corpus ALS è Paternostro (2013 (...)

54I dati illustrati sopra e soprattutto le interazioni proposte esito della trattativa interazionale informatore/raccoglitore, attestano l’estrema complessità delle componenti coinvolte nel momento in cui si vuole sottoporre ad analisi ed interpretazione le opinioni dei parlanti. A tal proposito, all’inizio di questo articolo (paragrafo 2.1) abbiamo fatto riferimento agli utili strumenti dell’atlantistica percezionale. Abbiamo sostenuto la sua forza epistemica in quanto insieme di teorie e strumenti capace di riunire e problematizzare in unico sistema le plurime dimensioni coinvolte nel tempo ordinario della vita quotidiana: da un lato lingua, pragmatica, ideologia, affettività, dall’altro società, macro e micro contesti antropologici, dinamiche economiche e di mobilità, salienze linguistiche e sociali. Tutti questi elementi trovano la loro ragion d’essere e la possibilità di essere interpretati e analizzati, come abbiamo verificato attraverso il percorso qui condotto, all’interno degli scambi interazionali informatore/raccoglitore, dei frammenti estesi di discorso42, all’interno in definitiva delle storie che sono nate intorno a domande del questionario che chiedevano dati puntuali. Tanto che, a proposito della propensione del parlante al racconto durante la fase di elicitazione del dato, in sede ALS si è dovuto osservare che «abbiamo chiesto agli informatori paesi e tratti linguistici della differenza e ci hanno raccontato anche storie» (Pinello, in stampa).

55In questo quadro, nel quale il concetto di spazio vissuto assume particolare rilevanza per la ragioni già illustrate (paragrafo 2.2), molto probabilmente le dicotomie oppositive costituiscono la tipologia delle rappresentazioni del parlante che più di ogni altra da una parte esprime la plurima complessità degli elementi coinvolti nelle opinioni sulla lingua, dall’altra richiede per l’analisi strumenti plurimi e complessi. Esse, infatti, sono il coagulo di lingua, spazio/territorio, pragmatica, identità e sono processi di categorizzazione ad elevatissima tensione ideologica.

56Questo contributo, illustrando le modalità oppositive linguistiche, pragmatiche e interazionali rilevate nel corpus ALS e gli strumenti messi in campo per analizzarli e interpretarli, ha voluto indicare se non soluzioni definitive, alcuni sentieri da percorrere all’interno dell’accidentato territorio dello studio delle opinioni dei parlanti.

Haut de page

Bibliographie

D’Agostino Mari, 1995, «Luoghi del vivere e luoghi del comunicare nella Sicilia degli anni novanta», in G. Ruffino (ed.), Percorsi di Geografia linguistica. Idee per un atlante siciliano della cultura dialettale e dell’italiano regionale, Palermo, Materiali e Ricerche del Centro di studi filologici e linguistici siciliani dell’Università di Palermo, pp. 159-196.

D’Agostino Mari & Pinello Vincenzo, 2010, «La Sicilia linguistica tra frammentazione e continuità», in T. Krefeld e E. Pustka (edd.), Perzeptive Varietätenlinguistik, Frankfurt am Main, Peter Lang, pp. 313-336.

D’Agostino Mari, 2006, «Fra ricerca empirica e storiografia. Modelli di spazio in linguistica», in T. Krefeld, Modellando lo spazio in prospettiva linguistica, Frankfurt am Main, Peter Lang, pp. 35-66.

D’Agostino Mari & Ruffino Giovanni, 2005, I rilevamenti sociovariazionali. Linee progettuali, Palermo, Materiali e Ricerche del Centro di studi filologici e linguistici siciliani dell’Università di Palermo.

Francescato Giuseppe & Solari Paola, 1994, Timau. Tre lingue per un paese, Galatina, Congedo.

Grassi Corrado, 1981, «Il concetto di spazio e la geografia linguistica», in H. Geckeler, B. Schlieben Lange, J. Trabant e H. Weydt (edd.), Logos Semantikos. Studia linguistica in honorem Eugenio Coseriu, vol. V, Berlin/New York, Mouton de Gruyter, pp. 59-69.

Kerswill Paul & Williams Ann, 2002, «“Salience” As an Explanatory Factor in Language Change: Evidence from Dialect Levelling in Urban England», in M. C. Jones e E. Esch (edd.), Language Change. The Interplay of Internal, External and Extra-linguistic Factors, Berlin/New York, Mouton de Gruyter, pp. 81-110.

Krefeld Thomas (ed.), 2002, Spazio vissuto e dinamica linguistica Varietà meridionali in Italia e in situazione di extraterritorialità, Frankfurt am Main, Peter Lang.

Krefeld Thomas (ed.), 2006, Modellando lo spazio in prospettiva linguistica, Frankfurt am Main, Peter Lang.

Krefeld Thomas & Pustka Elissa, 2010, «Per una varietistica percezionale», Revue de linguistique romane, no 74, pp. 321-339.

Labov William, 2001, Principles of Linguistic Change. Vol. II: Social Factors, Oxford, Blackwell.

Milroy Lesley, 2002, «Introduction: Mobility, Contact and Language Change. Working with Contemporary Speech Communities», Journal of Sociolinguistics, vol. 6, no 1, pp. 3-15.

Niedzielski Nancy A. & Preston Dennis R., 2003, Folk Linguistics, Berlin/New York, Mouton de Gruyter.

Paternostro Giuseppe, 2013, Discorso, interazione, identità, Frankfurt am Main, Peter Lang.

Pinello Vincenzo, 2016, «L’apprendistato dell’artigiano e la lezione dell’ALS. Come le lingue e gli spazi ci raccontano il mondo», in Gruppo di ricerca dell’Atlante linguistico della Sicilia (ed.), La linguistica in campo. Scritti per Mari D’Agostino, Alessandria, Edizioni dell’Orso, pp. 157-169.

Pinello Vincenzo, (in stampa), Raccontare e rappresentare lo spazio: l’esperienza dell’Atlante linguistico della Sicilia, Stuttgart, Franz Steiner.

Preston Dennis R. (ed.), 1999, Handbook of Perceptual Dialectology, vol. 1, Amsterdam/Philadelphia, John Benjamins Publishing Company.

Preston Dennis R. & Long Daniel, 2001 (ed.), Handbook of Perceptual Dialectology, vol. 2, Amsterdam/Philadelphia, John Benjamins Publishing Company.

Ruffino Giovanni, 1991, Dialetto e dialetti di Sicilia, Palermo, Il Pellicano.

Ruffino Giovanni, 2006, L’indialetto ha la faccia scura. Giudizi e pregiudizi linguistici dei bambini italiani, Palermo, Sellerio.

Silverstein Michael, 1996, «Indexical Order and the Dialectics of Sociolinguistic Life», in R. Ide, R. Parker e Y. Sunoshi (edd.), Salsa III: Proceedings of the Third Annual Symposium about Language and Society (Austin, Texas Linguistic Forum), vol. 36, pp. 266-295.

Silverstein Michael, 2003, «Indexical Order and the Dialectics of Sociolinguistic Life», Language & Communication, no 23, pp. 193-229.

Haut de page

Notes

1 Il campionamento per famiglia è criterio non nuovo nelle indagini in area romanza. Per tutti, si ricorda Francescato e Solari (1994), e la loro indagine sul trilinguismo del villaggio friulano di Timau, per la quale hanno suddiviso in nuclei familiari l’intera popolazione.

2 Il campione è completato, in ogni punto, da due adolescenti, uno di contesto familiare dialettofono, uno di contesto familiare italofono. Ciascun punto d’inchiesta è stato campionato quindi con 17 informatori. In questo articolo gli adolescenti non rientrano nel campione analizzato a causa della non omogeneità delle variabili rispetto agli altri componenti.

3 Proficua per DP la distinzione tra percezione e rappresentazione proposta da Thomas Krefeld e Elissa Pustka: «Ciò che qui ci proponiamo è di distinguere in maniera netta il concetto di percezione da quello di rappresentazione. Tra i due esiste infatti una differenza essenziale: mentre la percezione è propria di un contesto comunicativo reale (parole), le rappresentazioni sono parte del sapere linguistico (langue) ad esse si può quindi fare riferimento anche indipendentemente da percezioni concrete.» (2010)

4 Una descrizione molto precisa del contenuto del questionario e delle diverse fasi di progettazione è in D’Agostino e Ruffino (2005: 51-81).

5 Sono le domande 16, 17 e 18 della seconda parte del questionario: 16. Lei nota delle differenze tra il siciliano che si parla nel Suo paese/città e il siciliano che si parla nei paesi/città vicini?; 17. (Se ha risposto sì) Saprebbe dirmi per quali paesi specialmente Lei nota delle differenze?; 18. Saprebbe indicarmi qualche particolarità (pronuncia, parole, espressioni) che non è usata nel dialetto del Suo paese/città ed è invece tipica del dialetto di qualche paese/città vicini?

6 La scelta del verbo notare non è casuale: «Si chiede […] di focalizzare l’attenzione su ciò di cui si ha esperienza diretta (si noti la formulazione “Lei nota delle differenze?”) piuttosto che su saperi, immagini, opinioni, nei quali sia assente il legame con precisi dati esperenziali. L’interrogativo posto dal ricercatore si proponeva, dunque, di dirigere lo sguardo dell’informatore sulla sua esperienza di ascoltatore immerso in un flusso linguistico, dunque su una classe di esperienze, non solo immaginate, rappresentare, pensate.» (D’Agostino & Pinello, 2010: 315)

7 Molto popolata la bibliografia di settore, sebbene si tratti di una disciplina relativamente giovane. Per tutti si citano qui i fondamentali Preston (1999) e Long & Preston (2002).

8 Opposizioni linguistico-spaziali sono individuate e analizzate anche in Canobbio (2002), D’Agostino (2002), Ruffino (2006).

9 Nonna Famiglia 4.

10 Tusa è un centro della provincia di Messina confinante ad est con la provincia di Palermo.

11 La carta 1 è stata realizzata da Francesco Macaluso collaboratore del Centro di studi filologici e linguistici siciliani di Palermo.

12 Di seguito si danno, molto succintamente, simboli e specifiche utilizzati per le trascrizioni, secondo il sistema ALS: tondo = italiano; corsivo = siciliano; Rnumero = Raccoglitore e numero del turno; Inumero = Informatore e numero del turno; <abcd> = commenti del trascrittore; abcd:, abcd::, abcd::: = allungamenti vocalici e consonantici in finale di parola, di durata gradualmente più lunga; abcd / , abcd // , abcd /// = Pausa, rispettivamente da 1 a 2 secondi, da 2 a 3 secondi, superiore a 3 s.; abcd+ = interruzione di parola; abcd | efcd = cambiamento di progetto morfosintattico; -abcd- = incisi; x, xx, xxx = rispettivamente, parte di parola, parola, più di una parola incomprensibili; [abcd] [abcd] = enunciati sovrapposti; abcd. = conclusiva; abcd, = sospensiva; abcd, = richiesta con tono interrogativo all’interlocutore di completare la parola o la frase; <P> = parlante.

13 Diamo la traduzione delle parti di interazione in dialetto locale: I2: alcuni paesi nemmeno si capisce cosa dicono quando parlano in dialetto stretto, quello suo. Chi li capisce?! Almeno noi mescoliamo il dialetto con l’italiano. I4: chi può conoscere come parlano?! I6: vada a Castel di Lucio, vada a Gangi, constaterà che hanno altri dialetti. I8: i tortoriciani (abitanti di Tortorici), queste persone di montagna, parlano il loro dialetto.

14 Si vedano le miscellanee curate da Krefeld (2002, 2006), con scritti dello stesso Krefeld e di D’Agostino, oltre che di altri importanti esponenti di esperienze atlantistiche di diversa provenienza.

15 Si è parlato a tal proposito di umanizzazione dello spazio (Pinello, 2016: 158-59).

16 Gli elementi linguistici indicati dagli informatori nelle interazioni sono stati classificati come segue: lessico; fonetica; morfologia; sintassi; morfosintassi; soprasegmanentali; una categoria è stata prevista per la generica indicazione di differenza senza l’indicazione di particolare tratti. Per la etichettatura dei dati, riconducendo quindi ciascun dato a una delle categorie elencate, si è utilizzato il linguaggio di mark-up XML. I dati così etichettati confluiscono in sistema di interrogazione XML di tipo relazionale, in grado quindi di associare su più livelli dati e variabili.

17 Molto ricca è la bibliografia sulla categorizzazione per opposizione presente in settori di studio diversi. Citiamo alcuni lavori. Labov segnala l’insistere di processi cognitivi che danno luogo ad «abstract polarities which may take the same form in many widely separated communities» (2001), alle quali dà il nome di fattori culturali. Essi includono costrutti come Northerner, Southerner, New Yorker, Philadelphian, che possono svilupparsi cognitivamente senza che siano necessari, nell’ordine, i concetti di North, South, New York, Philadelphia. Nel campo della dialettologia percettiva in particolare, un esempio significativo sono le hand drawn maps di Preston, espressioni di opposizioni diatopiche e differenziazioni di classi e di status. In Niedzielski e Preston, «respondents illustrate one of the more important conclusions from the quantitative studies—that North and South are the principal distinctions in American English and the division is supported by prescriptive notions» (2003: 97). Milroy rileva «an ideological motivation underlies the long term maintenance of distinctive, often stigmatized, local norms in the face of pressures from numerically or socially more powerful speech communities» (2002: 9-10).

18 Va qui precisato che le specifiche attività del parlante che iniziamo ad analizzare sono atti di rappresentazione. La rappresentazione è definita come l’idea che ci si fa su un oggetto e come questa idea viene reduplicata, cioè riprodotta, e comunicata. Vedremo come l’oggetto di rappresentazione è costituito da più livelli.

19 Traduzione: in questi paesi di montagna.

20 Comune della provincia di Messina posto sulla costa nord-orientale siciliana. È un centro dinamico (D’Agostino & Ruffino, 2005).

21 Gibellina e Salaparuta sono due piccoli comuni della provincia di Trapani, posti nell’area interna della Sicilia sul versante centro-occidentale.

22 Traduzione: in queste montagne, in queste montagne, in questi paesi di montagna Gibbelina, Salaparuta […] non li capiamo.

23 È uno stralcio di interazione dell’informatore NF2 di Campobello di Mazara. Quest’ultimo è un comune della costa sud-occidentale della provincia di Trapani.

24 A parere di Silverstein i collegamenti di «secondo ordine» sono realizzati dai parlanti quando associano un comportamento sociale della comunità linguistica osservata (ad esempio: «quelli di montagna sono arretrati») ad un loro tratto linguistico di solito saliente. Il risultato di tale processo è che tali parlanti associano il comportamento anche al tratto linguistico e all’intera varietà di lingua della comunità osservata, per cui: «la varietà che contiene quel tratto di lingua è una lingua arretrata».

25 Cinisi e Terrasini sono due comuni della provincia di Palermo, situati sul versante costiero nord della Sicilia, al confine con la provincia di Trapani. Distano l’uno dall’altro pochi chilometri.

26 Nanà e ru ru sono voci onomatopeiche. Faru (Faro) è nome proprio di persona.

27 Per salienza deve intendersi l’insieme di proprietà che determinano quelle condizioni per cui un oggetto sia notato. In DP gli studi sulla salienza sono utili soprattutto per quei casi in cui un tratto linguistico molto saliente o saliente non sia notato. È questo un fenomeno ricorrente nel corpus ALS per il quale è stato proposto un modello di interpretazione (Pinello, in stampa). Per l’applicazione del concetto di salienza in DP vedi soprattutto Kerswill e Williams (2002).

28 Molto marcato.

29 Rozzo.

30 Villano nel senso di volgare e anche di contadino. Qui esprime la seguente sequenza di associazioni: professione di contadino – villano – paese di contadini – paese di villani.

31 Paesano, cioè abitante in un paese.

32 Paesini della provincia di Catania in posizione internata rispetto a Catania.

33 Aragona, Santa Elisabetta, Sant’Angelo Muxaro sono piccoli centri posti nell’entroterra dell’agrigentino.

34 R1: e per esempio per quali paesi ci sono queste differenze? Un esempio di qualche paese qua vicino, dove c’è differenza nel parlare siciliano? I2: in tutti i paesi, vai a Santa Elisabetta e parlano in un modo. I4: = vai a Sant’Angelo Muxaro e parlano in un altro modo, vai a Raffadali e ti parlano in un altro modo. R5: quindi me li puoi ripetere quali sono questi paesi che hai detto? I6: Dovunque. Santa Elisabetta, Raffadali, Sant’Angelo Muxaro, dovunque. Sono questi paesi ritirati, sono paesi ritirati questi. R7: che significa ritirati? I8: <eh> paesi i cui abitanti non vanno mai in paese (e vivono sempre in campagna o nei borghi) e sanno la parola molto antica e dicono sempre le parole antiche e se dici loro qualcosa non la capiscono, nemmeno capiscono il siciliano.

35 Nei testi i giovanissimi informatori di Ruffino fanno più volte riferimento alla tipicità dialettale dei paesi interni o dell’interno.

36 Per la definizione di centri urbani e semi-urbani vedi D’Agostino (1995).

37 Costanti, o modelli standard, o «plot», sono individuati in particolare nell’analisi dei discorsi. Johnstone (2007: 63-66) distingue tra due fondamentali tipologie di incontri, differenziati per «situazione iniziale» (il parlante è pittsburghese; il parlante non è pittsburgese) e per spostamento (il parlante si trova fuori dalla propria comunità, cioè Pittsburgh; il parlante non vive a Pittsburgh ma si trova lì) (63-64). In Johnstone il plot di una storia è il suo modello degli eventi (63). L’autrice definisce narrativi gli incontri (59).

38 Nemmeno la variabile mobilità sembra avere una forte incidenza; infatti solo una sparuta minoranza di coloro che dicotomizzano occupa i poli estremi della variabile (es., mobili: Nonno Fam. IV Capo d’Orlando, Figlio Fam. III Giarratana; immobili: Gen. Fam. 1 Custonaci, Figlio Fam. II Misilmeri).

39 La carta è stata realizzata dal consorzio Ticonzero di Palermo operante nel campo dell’informatica territoriale, in particolare da Andrea Borruso.

40 La rappresentazione cartografica del grado di tensione della corda attraverso il solo spessore metteva a rischio la leggibilità della carta.

41 Santa Elisabetta, Aragona, Santo Stefano di Quisquina, Grotte, Canicattì.

42 Una monografia molto completa e documentata sul «parlato» basata sul corpus ALS è Paternostro (2013).

Haut de page

Table des illustrations

Titre Carta 1. – I comuni citati in questo articolo.
URL http://journals.openedition.org/geolinguistique/docannexe/image/461/img-1.png
Fichier image/png, 5,5M
Titre Carta 2. La ripartizione in province.
URL http://journals.openedition.org/geolinguistique/docannexe/image/461/img-2.png
Fichier image/png, 1,6M
Titre Carta 3. – Carta concettuale delle dicotomie oppositive ALS.
URL http://journals.openedition.org/geolinguistique/docannexe/image/461/img-3.png
Fichier image/png, 572k
Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Vincenzo Pinello, « Rappresentare le spazialità complesse. L’esperienza dell’ALS (Atlante linguistico della Sicilia) », Géolinguistique, 16 | 2016, 41-66.

Référence électronique

Vincenzo Pinello, « Rappresentare le spazialità complesse. L’esperienza dell’ALS (Atlante linguistico della Sicilia) », Géolinguistique [En ligne], 16 | 2016, mis en ligne le 15 février 2019, consulté le 22 octobre 2019. URL : http://journals.openedition.org/geolinguistique/461 ; DOI : 10.4000/geolinguistique.461

Haut de page

Auteur

Vincenzo Pinello

Università di Palermo

Haut de page

Droits d’auteur

Géolinguistique

Haut de page
  • Logo UGA Éditions
  • Logo Gipsa-lab
  • Logo Université Grenoble Alpes
  • OpenEdition Journals