Navigazione – Mappa del sito
Sezione tematica: Epistolografia pubblica e privata nell’Oriente romano

Lettere private dall’Egitto romano: documenti e contesti. A proposito di BGU III 815

Silvia Strassi
p. 375-388

Abstract

Il saggio offre uno sguardo sulla società di Karanis del II secolo d.C. attraverso la documentazione di archivi e dossiers e una proposta d’ interpretazione per BGU 185.

Torna su

Note dell'autore

Questo contributo è la versione scritta della mia relazione al convegno Epistolografia pubblica e privata nell’Oriente romano, tenutosi all’Università di Torino nei giorni 20-21 febbraio 2018; gli unici cambiamenti sono quelli dovuti al passaggio da oralità a scrittura. Ringrazio anche in questa sede gli organizzatori dell’invito a partecipare al convegno offrendomi occasione di preziosi confronti e approfondimenti sul tema che ne è stato l’oggetto.

Testo integrale

  • 1 La descrizione del terreno adatto al ritrovamento di papiri si trova in Grenfell - Hunt 1900, 24-25

1Le lettere private restituite dalla sabbia, dall’afsh (وسخ) e dal sebakh (سباخ) dell’Egitto1, dall’età ellenistica a quella bizantina e araba sono numerosissime. Molti e diversi sono gli argomenti dei quali trattano e i materiali su cui furono vergate: papiri, ostraka, tavolette lignee, pergamene. L’argomento è qui circo-scritto ad alcune lettere su papiro, che ho scelto per esemplificare e mettere a fuoco il tema proposto.

  • 2 Sull’organizzazione che regolava l’acquisizione dei papiri in Egitto da parte delle principali isti (...)

2La provenienza di questo tipo di fonti può essere diversa tanto da un sito all’altro quanto nell’ambito dello stesso sito. La cospicua documentazione da Ossirinco e da Tebtynis, ad esempio, è stata recuperata in buona misura da antiche discariche, oppure da materiale accumulato nelle cantine delle case per farne fuoco, cosa per buona sorte non sempre avvenuta, oppure da cartonnage, tutte condizioni in ragione delle quali l’origine dei documenti non neces-sariamente coincide con la loro provenienza. Diverso il caso dei documenti emersi dagli scavi di Karanis, primo sito del Fayum ad essere stato scavato con metodo stratigrafico a partire dalla fine degli anni Venti del secolo scorso. A fronte di questo esempio virtuoso non bisogna dimenticare che, soprattutto in passato, anche se il malcostume sussiste, molti papiri sono stati acquistati sul mercato antiquario e perciò sottratti al contesto di appartenenza2. Queste diverse modalità di acquisizione non sono ininfluenti quando si studia il materiale papiraceo, soprattutto per quanto riguarda la contestualizzazione dei documenti.

  • 3 Il primo studio, condotto su alcune lettere dell’archivio di Zenone è quello di Schubart 1932; l’an (...)
  • 4 La bibliografia più aggiornata si trova in Sarri 2018; fra gli studi più recenti va citato anche il (...)
  • 5 Cfr. Hanson 2001.

3Non è questo il luogo dove citare la sterminata bibliografia sulle lettere tramandate dai papiri, prodotta dall’inizio del secolo scorso ai giorni nostri3, poiché la si trova raccolta in lavori molto recenti4. Questa costante attenzione alle lettere private conservate dai papiri dimostra quanto valore attribuiscano i papirologi al privilegio, toccato loro in sorte più che agli altri studiosi del mondo antico, di mettere il naso direttamente nelle faccende private della “gente comune”, ovvero “Minding Other People’s Business”, la ormai proverbiale defi-nizione della Papirologia data da Ann Hanson quasi vent’anni fa5.

  • 6 Cfr. da ultima Dickey 2016.
  • 7 Cfr. White 1986.
  • 8 Cfr. Bagnall - Cribiore 2006.
  • 9 Cfr. Tibiletti 1979; Naldini 1968.
  • 10 Cfr. Chapa 1998.
  • 11 Sulla questione, lungamente dibattuta fra i papirologi, della distinzione fra archivi e dossier si (...)
  • 12 Si ricordino le lettere studiate in base al luogo di ritrovamento (per esempio il deserto orientale (...)

4Del materiale epistolare giuntoci dall’Egitto greco e romano sono stati studiati il supporto scrittorio, l’impaginazione, il modo di apporre la data e l’indirizzo del destinatario, la lingua, lo stile, che comprende formule introduttive, di saluto, di cortesia6; i contenuti sono stati considerati in generale7, o in base a criteri predefiniti: di genere8, di religione9, delle emozioni di chi scrive e riceve le lettere10. Questo tipo di indagini presenta il limite di mettere a fuoco solo le caratteristiche specifiche di categorie di volta in volta individuate come oggetto di studio, con il rischio di ingabbiare i documenti in ambiti d’interesse non comunicanti. Diverso è l’approccio nei casi in cui le lettere costituiscono un archivio o un dossier11: vi troviamo documentati aspetti e momenti della vita di gruppi di persone in relazione fra loro per parentela e molteplici ragioni di interesse pubblico o privato, non di rado in un’area geo-grafica e in un lasso di tempo definibili12.

5Per quanto riguarda le lettere private nei papiri d’epoca romana la documentazione più ricca, importante e interessante viene dagli archivi e dai dossier provenienti dall’Arsinoites, l’odierno Fayum, che rappresentano una miniera d’informazioni sulla vita quotidiana economica, sociale, culturale nella regione e non solo. Questi documenti sono di facile accesso attraverso il portale Trismegistos13, nella sezione dedicata agli archivi. La comunità dei papirologi è ormai concorde nell’affermare che, in generale14, un archivio consiste in un certo numero di documenti deliberatamente conservati insieme fin dall’antichità da parte di una o più persone o istituzione e così arrivati a noi, mentre i dossier sono documenti ascrivibili a una o più persone o ad una stessa istituzione, senza che fossero stati riposti e conservati insieme, o per lo meno non arrivati a noi in maniera unitaria, talora approdati in sedi diverse di conservazione e pubbli-cazione; alcuni archivi possono essere completati e incrementati dall’apporto di dossier di documenti identificati come appartenenti allo stesso gruppo di per-sone o alla stessa istituzione in una medesima area geografica e in un compa-tibile arco temporale. In queste indagini di riconoscimento di persone, gruppi, associazioni, famiglie legate da interessi pubblici, privati, di parentela, e dei relativi contesti socio-culturali le lettere private assumono importanza fonda-mentale, soprattutto quando vi si trovano indicati in modo esplicito i legami di parentela o, comunque, di relazione fra le persone che vi sono nominate. Un progresso d’indagine si ha quando, partendo dalle lettere di un archivio, o di un dossier, vi si riconoscono elementi comuni con altri documenti tanto a loro volta contestualizzati, quanto ancora isolati; le diverse ipotesi di aggregazione di dati sono molteplici, ma quanto segue ne darà conto con maggior chiarezza.

6Per illustrare questo tipo d’indagine prendo ad esempio un paio di archivi di secondo secolo da Karanis, una delle due komai dell’Arsinoites, insieme a Tebtynis, dalle quali proviene il maggior numero di archivi e dossier; di un paio di essi mi sono occupata in passato e mi piace ora rivisitarli.

  • 15 Cfr. Boak - Peterson 1931, p. V.
  • 16 Cfr. Rostovzev 1966-1980, vol. III, Indice dei nomi e delle cose notevoli, s.v. Karanis. Il giudizi (...)

7L’esplorazione archeologica di Karanis, nel Fayum nordorientale, intrapresa a partire dal 1924-25 dall’Università del Michigan, aveva lo scopo dichiarato di ottenere un “quadro ragionevolmente completo dei diversi aspetti della vita in un centro abitato della chora egiziana sotto il governo tolemaico e romano”15. Lo scavo stratigrafico doveva tener conto di ogni reperto, papiri compresi, utile a studiare la vita pubblica e privata di questa località, da allora presa a modello per le indagini interdisciplinari dei siti egiziani d’età ellenistica e romana. L’iniziativa era stata accolta con entusiasmo dalla comunità scientifica e, in particolare, dal Rostovzev, che nella sua “Storia economica e sociale del mondo ellenistico” avrebbe poi fatto largo uso dei dati offerti da Karanis16. Lo scavo di Karanis era profondamente innovativo, perché le komai del Fayum, erano state fino ad allora, nel corso del circa mezzo secolo precedente, visitate e indagate con sondaggi di scavo destinati per lo più al solo recupero di papiri, con scarsa attenzione al contesto di rinvenimento e, fra l’altro, con la conseguenza di attirare l’attenzione della popolazione locale, dedita da sempre agli scavi clandestini e alla ricerca di tesori di ogni sorta, anche sul valore dei papiri che, strappati al contesto archeologico, finivano sul mercato antiquario.

  • 17 Su BGU III 815 = TM 9366 cfr. Strassi 2008, 160-163; Strassi 2014, 40-41.
  • 18 Cfr. BGU III 815 = TM 9366, con BL I 69; BL III,14; BL IX 23. Il papiro è arrivato al Museo di Berl (...)

8Lo spunto di riflessione che qui propongo è offerto dalla lettera contenuta nel papiro di Berlino BGU III 815, datato 140-143 d.C., proveniente dall’Arsinoites. Questa lettera si presta più di altre a esemplificare come sia possibile ricostruire attraverso documenti privati, che si possono riconoscere come cronologicamente vicini e riferiti allo stesso luogo, qualche frammento della società che in essi si rispecchia17. Il testo è scritto parallelamente alle fibre (recto); contro le fibre (verso) si conservano due righe, la prima delle quali presenta parte dell’indirizzo del destinatario, mentre la seconda non si legge in maniera soddisfacente. Nel testo sul recto del papiro, conservato quasi completamente, si legge18: (m1) πρ[ μ]ὲν πάντων εὔχομέ / σοι []γιαίν\ειν/. γεινόσκιν σε / θέλω τὴ[ν] ἐπιστολήν σου / ἔλαβ\α/. ἐὰν \β/λέπις, ὅτι / Σωκρ[ά]της προ/[κου]ράτορ μου κόπους / [τινὰ]ς πα[ρ]έχῃ περὶ τῆς / [ ̣ ̣]λης (m2?), δηλώσατέ μοι. ἔγρα/[ψα] αὐτῷ περὶ ὑμῶν, ἵνα / ὑμεῖν πρ[ο]σέχῃ ε̣̣ς̣ πάντ[α]. / τ[ί] ἐποί[ησ]εν; ἄσπασαι τοὺς / ἀδελφο[ύς] μου Αὐνῆν καὶ Ἡρα/κλῆν κ[αὶ] τὴν μητέρα /μ̣ῶν [κ]αὶ τοὺς ἐν οἴκῳ / πάντα[ς] κατὄνομα. / ἐρρῶσθαί σε εὔχομαι. / εἴ τ̣ι̣νι χρεία ἐστίν, πέμψω/σαι διὰ Τιβεριανοῦ / ἔρ[ρωσο(?)]; sul verso: 20[ -ca.?- ] τὸν Ἀρσινοείτην κ[ώμη]ν Καρανίδα Ἀσκλᾶτι [ -ca.?- ] / [ -ca.?- ]ο̣υναι Ἀπολλινάριν [στ]ρατηγὸν [ ̣] ̣ ̣αι ̣ ̣ντηνοις ̣[ -ca.?- ].

… prima di tutto mi auguro che tu stia bene. Desidero che tu sappia che ho ricevuto la tua lettera. Se vedi che Sokrates, il mio procuratore, arreca qualche noia riguardo a … fatemelo sapere. Gli ho scritto riguardo a voi in modo che vi assista in tutto. Che ha fatto? Saluta i miei fratelli Aunes ed Herakles e nostra madre e tutti in casa uno per uno. Se c’è bisogno di qualcosa, te lo mando con Tiberianos … Sul verso: … nell’Arsinoites, kome Karanis, ad Asklas … Apollinaris strategos …

  • 19 Si vedano ad esempio le lettere BGU IV 1079 = TM 9456, 41 d.C. (4 agosto) dall’Arsinoites; BGU II 4 (...)
  • 20 Ci aspetteremo e.g. εἰς τὸν Ἀρσινοείτην / ἐν τῷ Ἀρσινοείτῃ ἐν κώμῃ Καρανίδι / Καρανίδος, oppure ἐν (...)
  • 21 Per esempio: ἀπόδ(ος) εἰς Καρανίδα × Ταήσι ἀπὸ Ἀπολιναρίου υἱοῦ, in P.Mich. VIII 491; ε[ἰς] Φ[ιλ]αδ (...)
  • 22 Forse da identificare con l’omonimo στρατηγός dell’Ossirinchite testimoniato fra il 134 e il 138 d. (...)

9La prima riga di quanto resta leggibile sul verso contiene istruzioni sul luogo nel quale deve arrivare la lettera, in accusativo preceduto verosimilmente da εἰς, ora in lacuna, con il nome del destinatario, in dativo19: consegna ad Asklas nel nomòs Arsinoites nella kome di Karanis. Anche se nell’indirizzo l’accusativo tanto del νομός quanto della κώμη è inusuale20, potremmo ipotizzare una lettura come ἀπόδος εἰς] τὸν Ἀρσινοείτην κ[ώμη]ν Καρανίδα Ἀσκλᾶτι … Generalmente ciò che segue l’indirizzo del destinatario è il nome del mittente, preceduto da παρά, eventualmente accompagnato da attributi o indicazioni che lo riguardano; il testo può essere espresso in maniera sempli-cissima oppure più o meno elaborata, specialmente se la consegna della lettera avviene attraverso intermediari21. Nulla di quanto si legge sul papiro pare tutta-via adattarsi alle formule note. Lo strategos nominato è identificabile con -πολλινάριος στρατηγός della μερὶς Ἡρακλείδου, testimoniato in carica fra il 140 e il 143 d.C.22; a l. 2 ]ο̣υναι, che lo precede potrebbe essere la fine di un infinito aoristo, forse di un composto di δίδωμι, ad esempio παραδίδωμι, come παραδοῦναι, dopo il quale ci si aspetterebbe un dativo, ma il poco che si legge non offre appigli per dare senso al testo.

  • 23 Cfr. http://aquila.zaw.uni-heidelberg.de/texte/HGV-Texte.html;
  • 24 Per i preparativi di un convito a Karanis si veda ad esempio P.Mich. VIII 511 = TM 30511, 200-250 d (...)
  • 25 Si vedano ad esempio i seguenti documenti, tutti da Karanis: P.Lond. II 154 (p. 178) = TM 11630, 68 (...)
  • 26 Cfr. P.Thomas 14 = TM 44494, della seconda metà del II secolo d.C., con BL XII, p. 283; cfr. per ll (...)
  • 27 A l. 10 si legga καὶ θύρα σήμερον ἤνυ<κ>ται (l. ἤνοικται): Hagedorn 2003, 144.

10La prima riga del testo è comunque sufficiente per stabilire che la lettera era stata inviata a Karanis, nell’Arsinoites, ed era indirizzata ad Asklas: a puro titolo d’esempio, potremmo supplire l’inizio del testo, ora perduto, con un’e-spressione quale Ἀσκλᾶτι τῷ ἀδελφῷ πλεῖστα χαίρειν. Nel verificare se esistano le condizioni per trovarle un contesto, la prima questione è capire a quale proposito l’autore della lettera ipotizzi che il procurator Sokrates avesse potuto creare problemi al destinatario del suo scritto, e ai suoi, non attenendosi alle istruzioni che gli aveva impartito; la spiegazione si trova nella parola all’inizio di l. 8 della quale si legge solo la fine: [ ̣ ̣]λ̣ης. Nella prima edizione, del 1903, G. Zereteli aveva proposto di integrare il testo leggendovi [δο]χῆς, una proposta che ha portato fino ad oggi a ritenere, nonostante la successiva lettura di lambda al posto di chi, che l’argomento in questione avesse avuto a che fare con un convito, vel similia, come ancora si legge nel contenuto che accompagna la scheda e la fotografia digitale del papiro disponibili in rete: Εrkundigung nach dem Verhalten eines Prokurators, der eine Bewirtung durchführen sollte e, più dettagliatamente, ein Unbekannter erkundigt sich bei seinem Bruder (?) nach dem Verhalten des Prokurators Sokrates bezüglich einer Bewirtung. Die Brüder des Absenders, Aynes und Herakles, die Mutter und alle zu Hause werden gegrüßt23. La lacuna di due lettere all’inizio di l. 8 va integrata, a mio modo di vedere, con αὐ]λῆς. Il coinvolgimento di un procurator ci porta infatti in ambito legale piuttosto che conviviale24; si può pensare che chi scrive alludesse a una questione legale di qualche sorta, ad esempio una transazione, con oggetto un cortile oppure una casa con annesso cortile e per la quale fosse necessaria l’assistenza di un procurator, come un contratto, di vendita o di affitto. Le case con αὐλή, termine con il quale si intende anche il recinto per animali, erano molto comuni a Karanis, come ancora si vede ed è ampiamente testimoniato nelle dichiarazioni di censimento e di proprietà fra I e III secolo; nei contratti di vendita e di affitto di case o parti di esse è nominato spesso anche il cortile25, e non mancano esempi di furti, beghe e complicazioni collegate alla custodia di case con cortile, sorte in assenza dei proprietari, come testimonia al meglio un’altra lettera, sempre da Karanis, della seconda metà del II secolo26, in cui si legge: Δ̣ίδυμος Ἁτρῆτι̣ τῷ τιμι<ωτ>άτῳ / πλεῖστα χαίρειν̣. / σ̣οῦ γράφοντος εϊπον σοι μισθῶσαι / τὴν οἰκίαν. οὐκ ἐμίσθωσας. ἐνο/χλούμενος δὲ τῆς παραγραφῆς / εἵνεκα, ἀνεχώρησα. Παν.μ̣αυ/λ̣ης δὲ ἄρας τὴν ἐξωδίαν τῆς / θύρας τῆς αὐλῆς (καὶ) ἁλων<ί>ας, ἐξε/φόρησεν ὅτι ἐὰν ἐ⟦ν⟧ τῇ οἰκίᾳ, / καὶ ⟦και⟧ θύρα σήμερον ἤνυται. / Ἀντῖνος δὲ τοῦ Ἡραίσκου ἠσφά/λ̣εισεν τὴν οἰκίαν καὶ ἐκεῖθεν μέ/νει. πᾶν ποίησον ο̣ὖν τοῦ πρ̣ ̣[ ̣] ̣ ̣[ -ca.?- ] / [ ̣ ̣]ελθεῖν περὶ τῆς οἰκίας τῆς αὐλῆς / [ὅτι] γράφω σοι σήμερον τρείτην / ἐπιστολὴν περὶ τούτου. ἀσπάζον/ταί σε οἱ ἐμοὶ πάντες κατὄν[ο]μα. Sul verso: Ἁτρῆτι οἰ{π}νοπωλήτῃ × Ὡρί̣[ωνος (?)]. Didymos invia moltissimi saluti allo stimatissimo Hatres. Tu hai scritto: ti ho detto di affittare la casa, non l’hai fatto. In gravi difficoltà a causa della paragraphé (procedimento di eccezione), ho abbandonato la mia residenza anagrafica. Panmaules (?), sollevando il paletto d’uscita della porta del cortile e dell’aia, ha portato via qualsiasi cosa ci fosse in casa, e la porta oggi è aperta27. Antinos, quello di Heraiskos ha messo in sicurezza la casa e rimane là. Fa di tutto dunque… riguardo alla casa o al cortile, poiché ti scrivo oggi la terza lettera in proposito. Ti salutano i miei uno per uno. Sul verso: per Hatres, venditore di vino × Horion (?).

  • 28 Cfr. O.Did. 62, datato fra 175 e 250 d.C., in cui l’asinaio Zosimos si rivolge ad Aurelios Bessario (...)
  • 29 Si veda Briguglio 2007, 20-34, specialmente 25-27, n. 54.
  • 30 Cfr. Strassi 2016, 219 con nn. 13 e 14.
  • 31 Cfr. BGU I 300 = TM 9043, 148 d.C. (3 gennaio). La nomina a rappresentante legale è per Marcus Semp (...)

11Di fatto BGU 815 costituisce la prima attestazione in greco sui papiri del termine ‘προκουράτωρ, finora testimoniato prima del V secolo soltanto in un ostrakon, dove troviamo il procurator del presidio militare di Didymoi nel deserto orientale28. Nel papiro da Karanis troviamo invece per la prima volta l’uso del termine latino traslitterato in greco nell’ambito del diritto privato per indicare la funzione del rappresentante legale, altrove generalmente espressa in greco con κύριος, ἐπίτροπος, κηδεστής. Ciò si colloca di fatto in un momento storico che vede ancora l’uso non tecnico di termini che poco più avanti nel tempo, dalla seconda metà del II secolo cominceranno a caratterizzare l’istituto giuridico della procura, che in età giustinianea definirà il procurator come un mandatario incaricato da un terzo di amministrare il suo patrimonio in modo stabile (procurator omnium bonorum) oppure di occuparsi di singoli affari (procurator unius rei), oppure di rappresentarlo in giudizio (procurator ad litem)29. Nel momento di transizione, che si rispecchia anche nella terminologia giuridica, in cui si colloca il nostro papiro30, abbiamo un esempio coevo, sempre da Karanis31, di un documento che contiene la nomina ufficiale di un rappre-sentante legale; vi troviamo specificati gli incarichi attribuitigli: amministrare la terra, affittare, riscuotere pagamenti, rilasciare ricevute, un verosimile pendant delle faccende alle quali doveva star dietro Sokrates, il procurator nominato nella lettera BGU 815.

12A margine si può aggiungere che se la lettera riguardasse un contenzioso per una transazione economica o una procedura legale di tipo amministrativo in cui erano implicati beni immobili, ciò potrebbe ipoteticamente collegarsi alla menzione sul verso del papiro del nome dello strategos, funzionario sotto la cui giurisdizione ricadevano i procedimenti amministrativi e giudiziari del νομός.

  • 32 Cfr. Strassi 2008, 161-162 e per la scrittura la bibliografia citata 161, n. 68.

13L’uso in greco del termine latino corrisponde alla scrittura del papiro, che presenta caratteri vicini a quelli della scrittura latina, soprattutto quando il ductus si fa più veloce nella seconda parte del testo (m2? da l. 8)32. Questo la colloca in un ambiente dove c’era l’abitudine a scrivere in latino, oltre che in greco, e che si può identificare con qualche ufficio militare, come quello del prefetto o di qualche altro funzionario dell’ordo equester con sede ad Alessandria, nel cui entourage si trovava forse l’autore della lettera, che in questo caso l’avrebbe spedita da Alessandria a Karanis, la κώμη dove viveva la famiglia, che avrebbe dovuto essere assistita dal procurator Σωκράτης, cui erano affidati i suoi affari.

  • 33 Cfr. TM ArchID 109, con la bibliografia e l’albero genealogico della famiglia. Il termine archivio (...)
  • 34 Si ricordi la richiesta a Sokrates di assistenza legale da parte di Artemis, in P.Mich. VIII 507 = (...)
  • 35 P.Mich. inv. 5894 (cit. in P.Mich. IX 549, commento a l. 3), che proviene dalla struttura C 123 di (...)
  • 36 Cfr. l’archivio dei (Gaii) Iulii Sabinus e Apollinaris, TM ArchID 116; Strassi 2002.
  • 37 I documenti sono citati in Strassi 2001, 1217, n. 10.

14Nella società di Karanis di II secolo occupa un posto di primo piano un Σωκράτης Σαραπίωνος μητροπολίτης, uomo dalle molteplici attività, non ultima quella di πράκτωρ ἀργυρικῶν, le cui carte, insieme a quelle della sua famiglia, formano un grosso archivio33. Σωκράτης non era il primo né il solo in famiglia ad occuparsi di riscossione di imposte e a ricoprire altri incarichi nell’amministrazione locale, godeva di una posizione sociale di rispetto che gli permetteva di mantenere relazioni con le migliori famiglie del luogo, con le quali e per le quali gestiva affari fungendo da agente e rappresentante legale34; in un testo ancora inedito del 132-133 d.C.35, Σωκράτης figura come agente per gli affari di Gaius Iulius Apolinarius e della sorella Iulia Sarapias, che gli era forse anche moglie: molto sappiamo di loro da numerose lettere e altri documenti che formano anch’essi un archivio36. La “casa di Σωκράτης” a Karanis, di notevoli dimensioni rispetto alla media, era un punto di riferimento nella κώμη, poiché spesso il nostro personaggio fungeva da intermediario nella consegna della corrispondenza in arrivo e in partenza dei suoi compaesani37. Per quanto il nome Σωκράτης sia fra i più comuni del mondo greco, il Σωκράτης προκουράτωρ di BGU 815 sembra dunque avere le carte in regola per essere identificato con il personaggio di Karanis appena descritto.

  • 38 Cfr. TM ArchID 54; Strassi 2008.
  • 39 Cfr. P.Mich. X 593, col. II.4 = TM 21357, una frammentaria lista di militari greci, di provenienza (...)
  • 40 Sulla struttura abitativa C/B 167, non lontana dal granaio, poi adibito ad abitazioni, C 123, cfr. (...)
  • 41 Cfr. Strassi 2008, 93 e n. 49.
  • 42 Per la cronologia relativa a Claudius Tiberianus cfr. Strassi 2008, 93-97 e 162. Come ho già osserv (...)

15Alla fine della lettera BGU 815 è nominato un Τιβεριανός, pronto in caso di necessità, a recarsi a Karanis per recapitare qualcosa, forse denaro (?). Le attestazioni del nome Τιβεριανός nei papiri si riducono, oltre a questa, nel papiro di Berlino, ad altre nove di II secolo, tutte riferite a Claudius Tiberianus, di cui abbiamo l’archivio38; altre due testimonianze del nome si trovano in testi di fine III e inzio IV secolo d.C.39. L’ipotesi che il Τιβεριανός nominato nella lettera BGU 815 sia lo stesso di cui è conservato l’archivio, trovato sotto la scala della casa in cui il personaggio e la sua famiglia avevano probabilmente abitato a Karanis40, va dunque esplorata. Il legionario Claudius Tiberianus, con l’inca-rico di speculator41, era assegnato al seguito del prefetto ad Alessandria con funzioni che prevedevano che si spostasse per frequenti missioni; all’epoca della nostra lettera era con ogni probabilità veterano42, ma verosimilmente continuava a viaggiare per gestire i propri affari o per qualche incarico di intelligence ‘da pensionato’ affidatogli dal prefetto o da altri personaggi di stanza ad Alessandria, facendo la spola fra la χώρα e la πόλις. Nell’occasione in cui venne scritta la lettera Tiberianus probabilmente non si trovava lontano da chi scriveva e una ‘gita’ a Karanis, se non già programmata, rientrava comunque nelle sue abitudini.

  • 43 Cfr. P.Mich. VIII 481, 19 = TM 27094. Cfr. anche Strassi 2008, 62-64 e 135 sgg.

16Che Σωκράτης e Τιβεριανός si conoscessero pare naturale, data l’ampia rete di relazioni sociali di entrambi i personaggi a Karanis e non solo; indirettamente lo potrebbe confermare una lettera di Terentianus a Tasoucharion, trovata nella casa di Tiberianus a Karanis, nella quale si manda a salutare Σωκράτης con tutto il suo οἶκος 43.

17Resta da chiedersi chi fosse Ἀσκλᾶς, comune diminutivo di Asklepiades, destinatario della lettera. Il nome Ἀσκλᾶς è testimoniato una ventina di volte a Karanis fra II e III secolo d.C.

  • 44 Cfr. SB I 4416, 1-6 = TM 13932, del 158-159 d.C.: Θεοδώρωι στρ(ατηγῶι) Ἀρσι(νοείτου) Ἡρακλείδου / μ (...)
  • 45 Cfr. BGU II 464 = TM 9192, 138 d.C. (post ?), proveniente come BGU III 815 dalla collezione di H. B (...)
  • 46 Cfr. Strassi 2015; Fiorillo 2015.

18Fra gli altri, un documento di metà II secolo conserva la denuncia allo strategos di Ptolemaios figlio di Sokrates e Harpalos figlio di Asklas, ἐπιτηρηταί dei raccolti posti sotto sequestro dell’amministrazione di Karanis44. Può essere ancora citato un frammentario papiro di Berlino datato dopo il 138 d.C.45, che contiene l’esecuzione di un’ipoteca, forse legata ad un testamento; vi sono citati una casa con cortile (αὐλή) e un palmeto; fra le persone interessate alla questione, oltre ad Ἀσκλᾶς e ai suoi due fratelli, troviamo un personaggio del quale abbiamo solo il nome del padre: cfr. l. 6: τ]οῦ [Σ]αραπίωνος ἀπὸ Καρανίδος … (da leggere Σωκρά]του Σαραπίωνος?). Non è forse del tutto dissennato pensare ad un possibile collegamento fra quest’ultimo documento e BGU 815, se si pensa che entrambi sono approdati al Museo di Berlino in uno stesso lotto di papiri, dalla collezione di Heinrich Karl Brugsch; la questione resta sospesa in attesa della prosopografia dell’Arsinoites46.

19Il filo dipanato dalla lettera BGU 815 ci ha portato a riconoscere che l’identificazione di due delle persone che vi compaiono, Sokrates e Tiberianus, è verosimilmente compatibile con due personaggi noti in base a una ricca documentazione, da cui emergono legami familiari e relazioni sociali utili alla conduzione di imprese e affari da parte di persone che per più generazioni avevano occupato posti nell’amministrazione locale con incarichi diversi, dalla riscossione delle imposte al controllo della terra, alla gestione delle operazioni di censimento, affiancati da quanti, avendo servito nell’esercito, avevano acquisito nome e cittadinanza romana, con i diritti ad essa connessi. Per quanto riguarda casi come quello di Ἀσκλᾶς, il problema principale è discernere quali documenti siano attribuibili a un solo personaggio e quanti invece si riferiscano a un omonimo, e se questo appartenga a una generazione diversa nella stessa famiglia, poiché uno dei figli prendeva il nome del nonno, oppure soltanto alla medesima cerchia di persone, che condividevano status, attività e imprese eco-nomiche e finanziarie. La ragione principale che giustifica lo studio delle lettere private in archivi e dossier sta nella possibilità di individuarvi un filo conduttore che, ripercorrendo i rapporti interpersonali che le ha prodotte, le collochi nel loro contesto storico, sociale, culturale; il passo successivo è quello di estendere l’indagine a macchia d’olio ad altri documenti il cui ambito tocca, interseca o in parte si sovrappone, al contesto acquisito e lo arricchisce. Si aggiunge così qualche nuovo tassello al mosaico, ancora lontano dall’essere completato, della società antica, una ragione che va al di là della banale curiosità per singoli episodi occorsi a persone per il resto trascurate dalla Storia.

Torna su

Bibliografia

Bagnall - Cribiore 2006: R.S. Bagnall - R. Cribiore (with contributions by E. Ahtaridis), Women’s Letters from Ancient Egypt: 300 BC-AD 800, Ann Arbor.

Bagnall 2011: Oxford Handbook of Papyrology, ed. by R.S. Bagnall, Oxford.

BerlPap (Berliner Papyrusdatenbank): Ägyptisches Museum und Papyrussammlung, Staatliche Museen zu Berlin (http://berlpap.smb.museum/01879/).

Boak - Peterson 1931: A.E.R. Boak - E.E. Peterson, Karanis. Topographical and Architectural Report of Excavations during the Seasons 1924-1928, Ann Arbor.

Briguglio 2007: F. Briguglio, Studi sul procurator. I. L’acquisto del possesso e della proprietà, Milano.

Chapa 1998: J. Chapa, Letters of Condolence in Greek Papyri (Pap. Flor. 29), Firenze.

Cuvigny - Brun et al. 2012: Didymoi. Une garnison romaine dans le désert oriental d’Égypte. Praesidia du désert de Bérénice IV, vol. II: Les Textes, éd. par H. Cuvigny - J.-P. Brun et al., («Institut français d’archéologie orientale, Fouilles de l’Ifao 67»), Le Caire.

Dickey 2016: E. Dickey, Emotional Language and Formulae of Persuasion in Greek Papyrus Letters, in Emotion and Persuasion in Classical Antiquity, ed. by E. Sanders - M. Johncock, Stuttgart, 237-262.

Fiorillo 2015: M. Fiorillo, Il Progetto ‘Digital Prosopography of Roman Egypt’, «Aegyptus» 95, 135-156.

Gaber El-Maghrabi - Römer 2014: Texts from the “Archive” of Socrates, the Tax Collector, and other Contexts at Karanis (P.Cair. Mich. II), ed. by M. Gaber El-Maghrabi - C. Römer, («APF» Beiheft 35), Berlin-Boston.

Gagos 2001: T. Gagos, The University of Michigan Papyrus Collections. Current Trends and Future Perspectives, in Atti del XXII Congresso internazionale di Papirologia (Firenze 23-29 agosto 1998), Firenze, 520-521.

Gonis 2001: N. Gonis, Some More Elaborate Epistolary Addresses, «ZPE» 136, 2001, 116-118.

Grenfell - Hunt 1900: Fayûm Towns and their Papyri, ed. by B. Grenfell - A. Hunt, London.

Hagedorn 2003: D. Hagedorn, Bemerkungen zu Urkunden, «ZPE» 142, 143-146.

Hanson 2001: A.E. Hanson, Papyrology: Minding Other People’s Business, «TAPA» 131, 297-313.

HGV (Heidelberger Gesamtverzeichnis): Institut für Papyrologie (Texte) http://aquila.zaw.uni-heidelberg.de/texte/HGV-Texte.html

Koenen 1967: L. Koenen, Eine Einladung zur Kline des Sarapis (P.Colon. inv. 2555), «ZPE» 1, 121-126.

Korolì 2016: Αικατερίνη Κορολή, Το αίτημα στις ελληνικές ιδιωτικές επιστολές σε παπύρους και όστρακα. Από την εποχή του Αυγούστου έως το τέλος της αρχαιότητας, Αθήνα (Καρδαμίτσα).

Kreuzsaler - Palme et al. 2010: Stimmen aus dem Wüstensand. Briefkultur im griechisch-römischen Ägypten, hrsg. von C. Kreuzsaler - B. Palme et al., Wien.

Lewis 1989: Judean Desert Studies: The Documents from the Bar Kokhba Period in the Cave of Letters, Greek Papyri, ed. by N. Lewis, Jerusalem.

Llewelyn 1994: S. Llewelyn, The εἰς (τὴν) οἰκίαν Formula and the Delivery of Letters to Third Persons or to their Property, «ZPE» 10, 71-78.

Luiselli 2008: R. Luiselli, Greek Letters on Papyrus First to Eighth Centuries: a Survey, in Documentary Letters from the Middle East. The Evidence in Greek, Coptic, South Arabian, Pehlevi, and Arabic (1st-15th c. CE), ed. by E.M. Grob - A. Kaplony («Asiatische Studien» 62), Bern, 677-737.

Martin 2007: A. Martin, Papyruskartell: The Papyri and the Movement of Antiquities in Oxyrhynchus. A City and its Texts, London.

Morelli - Pintaudi 1983: Cinquant’anni di Papirologia in Italia. Carteggi Breccia-Comparetti-Norsa-Vitelli, a c. di D. Morelli - R. Pintaudi, Napoli.

Naldini 1968: M. Naldini, Il Cristianesimo in Egitto. Lettere private nei papiri dei secoli II-IV, Firenze 1968 (seconda ed., Fiesole 1998).

Primavesi 1996: O. Primavesi, Zur Geschichte des deutschen Papyruskartells, «ZPE» 114, 173-167.

Rostovzev 1966-1980: M.I. Rostovzev, Storia economica e sociale del mondo ellenistico, Firenze, vol. I, 1966; vol. II, 1973; vol. III, 1980 [trad. it. di Social and Economic History of the Hellenistic World, London 1953].

Sarri 2018: A. Sarri, Material Aspects of Letter Writing in the Graeco-Roman World ca. 500 BC-ca. AD 300 («Materiale Textkulturen» 12), Berlin-New York.

Schubart 1932: W. Schubart, Griechische Briefe aus Ägypten, «Die Antike» 8, 113-137.

Strassi 2001: S. Strassi, Le carte di Σωκράτης Σαραπίωνος πράκτωρ ἀργυρικῶν a Karanis nel II sec. d.C., in Atti del XXII Congresso Internazionale di Papirologia, Firenze 1988, a c. di I. Andorlini - G. Bastianini - M. Manfredi, Firenze, 1215-1228.

Strassi 2002: S. Strassi, P.Mich. VIII 485: alcune considerazioni, «ZPE» 139, 161-176.

Strassi 2008: S. Strassi, L’archivio di Claudius Tiberianus da Karanis («APF» Beiheft 26), Berlin-New York.

Strassi 2014: S. Strassi, La lettera di Artemis: una storia, tante storie, in Antichità egizie e Italia. Prospettive di ricerca e indagini sul campo, a c. di E.M. Ciampini - P. Zanovello, Venezia, 35-42.

Strassi 2015: S. Strassi, Per una prosopografia dell’Egitto romano: metodi, problemi, proposte. Workshop internazionale (premessa), Padova, 23-24 luglio 2015, «Aegyptus» 95, 115-117.

Strassi 2016: S. Strassi, Prassi giuridico-amministrativa nella χώρα egiziana: fra lex romana e diritto locale, in Recht haben und Recht bekommen im Imperium Romanum. Das Gerichtswesen der Römischen Kaiserzeit und seine dokumentarische Evidenz. Ausgewählte Beiträge einer Serie von drei Konferenzen an der Villa Vigoni in den Jahren 2010 bis 2012, hrsg. von R. Haensch, («JJP» Supplement 24), Warschau, 213-240.

Strassi (c.d.s.): S. Strassi, Carlo Anti e i Papiri da Tebtynis, in Atti e Memorie dell’Istituto Veneto di Scienze Lettere ed Arti (c.d.s.).

Tibiletti 1979: G. Tibiletti, Le lettere private nei papiri greci del III e IV secolo d.C. Tra paganesimo e cristianesimo, Milano.

Vandorpe 2011: K. Vandorpe, Archives and Dossiers, in Oxford Handbook of Papyrology, ed. by R.S. Bagnall, Oxford, 216-255.

Vandorpe - Clarysse et al. 2015: Graeco-Roman Archives from the Fayum, , ed. by K. Vandorpe - W. Clarysse et al., [«Collectanea Hellenistica (KVAB)» 6], Leuven-Paris-Bristol.

White 1986: J.L. White, Light from Ancient Letters, Philadelphia.

Whitehorne 20062: J. Whitehorne, Strategi and Royal Roman Scribes of Roman Egypt: (Str.R.Scr.²), Firenze.

Winter 1933: J.G. Winter, Life and Letters in the Papyri, Ann Arbor.

Youtie 1948: H.C. Youtie, The Kline of Sarapis, «Harvard Theological Review» 41, 9-29.

Torna su

Note

1 La descrizione del terreno adatto al ritrovamento di papiri si trova in Grenfell - Hunt 1900, 24-25.

2 Sull’organizzazione che regolava l’acquisizione dei papiri in Egitto da parte delle principali istituzioni culturali europee cfr. Morelli - Pintaudi 1983; Primavesi 1996; Martin 2007, 40-49.

3 Il primo studio, condotto su alcune lettere dell’archivio di Zenone è quello di Schubart 1932; l’anno dopo usciva Winter 1933.

4 La bibliografia più aggiornata si trova in Sarri 2018; fra gli studi più recenti va citato anche il lavoro di Korolì 2016; si veda inoltre Luiselli 2008. Fra i contributi recenti si ricordi Kreuzsaler - Palme et al. 2010.

5 Cfr. Hanson 2001.

6 Cfr. da ultima Dickey 2016.

7 Cfr. White 1986.

8 Cfr. Bagnall - Cribiore 2006.

9 Cfr. Tibiletti 1979; Naldini 1968.

10 Cfr. Chapa 1998.

11 Sulla questione, lungamente dibattuta fra i papirologi, della distinzione fra archivi e dossier si veda da ultimo il contributo di Vandorpe 2011.

12 Si ricordino le lettere studiate in base al luogo di ritrovamento (per esempio il deserto orientale egiziano, dove i documenti riguardano la guarnigione militare romana stanziata a Didymoi (TM GEO ID 3125) nel II secolo: cfr. Cuvigny - Brun et al. 2012, 317-465. Va ricordato per il Vicino Oriente Lewis 1989.

13 Cfr. www.trismegistos.org/arch/index.php; Vandorpe - Clarysse et al. 2015.

14 Sulla distinzione fra archivi e dossier vedi supra, n. 11 e supra, n. 13 (Vandorpe - Clarysse et al. 2015, 15-30 e specialmente 16 e n. 3).

15 Cfr. Boak - Peterson 1931, p. V.

16 Cfr. Rostovzev 1966-1980, vol. III, Indice dei nomi e delle cose notevoli, s.v. Karanis. Il giudizio espresso da Rostovzev è riferito in una lettera di W.L. Westerman, della Columbia University, a Francis W. Kelsey, del 27 gennaio 1926, cfr. Gagos 2001, 520-521. Sulla visita fatta da Rostovzev a Karanis si veda Strassi (c.d.s).

17 Su BGU III 815 = TM 9366 cfr. Strassi 2008, 160-163; Strassi 2014, 40-41.

18 Cfr. BGU III 815 = TM 9366, con BL I 69; BL III,14; BL IX 23. Il papiro è arrivato al Museo di Berlino nel 1891 con la collezione di Heinrich Brugsch (chiamato anche Brugsch-Pasha: 18 febbraio 1827-9 settembre 1894), verosimilmente acquisita sul mercato antiquario, comunque non proveniente da scavi regolari. Il testo greco qui riprodotto è quello che si trova nella DDBDP; la traduzione è mia.

19 Si vedano ad esempio le lettere BGU IV 1079 = TM 9456, 41 d.C. (4 agosto) dall’Arsinoites; BGU II 423 = TM 28137, II d.C. da Philadelphia (Arsinoites); P.Mich. VIII 491 = TM 27101, II d.C. (105-199 d.C.) da Karanis.

20 Ci aspetteremo e.g. εἰς τὸν Ἀρσινοείτην / ἐν τῷ Ἀρσινοείτῃ ἐν κώμῃ Καρανίδι / Καρανίδος, oppure ἐν κ[ώ]μῃ Καρανίδι νομῷ Ἀρσινοείτῃ, come in BGU I 326. 6 = TM 9056, Testamento del veterano Gaius Longinus Castor, del 194 d.C. da Karanis.

21 Per esempio: ἀπόδ(ος) εἰς Καρανίδα × Ταήσι ἀπὸ Ἀπολιναρίου υἱοῦ, in P.Mich. VIII 491; ε[ἰς] Φ[ιλ]αδελφίαν Ἐπι×μάχῳ ἀπὸ Ἀπίωνος υἱοῦ / ἀπόδος εἰς χώρτην πρῖμαν × Ἀπαμηνῶν Ἰο[υλι]α[ν]οῦ Ἀν ̣[ ̣ ̣]/λιβλαρίῳ ἀπὸ Ἀπίωνος ὥστε Ἐπιμάχῳ πατρὶ αὐτοῦ. / × Μισηνάτου, in BGU II 423; [ἀπόδος εἰς] Ἀλεξά(νδρειαν) / εἰς Σεβα(στὴν) Ἀγορὰ(ν) ε[ἰς] τ̣[ὴν] ̣ ̣ ̣ ̣/ ̣ ̣ ̣θήκην ὥστε Ἡρακλ(είδῃ) π(αρὰ) Σαραπίω(νος) / ̣ ̣ ̣ ̣ ̣ ̣ ̣ωνος το() Σωσιπάτρου… in BGU IV 1079. Per la formula εἰς οἰκίαν, si veda Llewelyn 1994, e da ultimo Gonis 2001.

22 Forse da identificare con l’omonimo στρατηγός dell’Ossirinchite testimoniato fra il 134 e il 138 d.C. Cfr. Whitehorne 20062, 17-18 e 93.

23 Cfr. http://aquila.zaw.uni-heidelberg.de/texte/HGV-Texte.html;

http://berlpap.smb.museum/01879/.

24 Per i preparativi di un convito a Karanis si veda ad esempio P.Mich. VIII 511 = TM 30511, 200-250 d.C., su cui cfr. Youtie 1948; Koenen 1967.

25 Si vedano ad esempio i seguenti documenti, tutti da Karanis: P.Lond. II 154 (p. 178) = TM 11630, 68 d.C. (6 gennaio), vendita di un solo cortile; BGU XV 2478 = TM 9746, 90-96 d.C., vendita di parte di una casa.; P.Athen. 21 = TM 10127, 131 d.C. (6 settembre), la quinta parte di una casa con cortile sono dati in pegno per un prestito di denaro; P.Mich. 6, 427 = TM 12265, 138 d.C. (post) 10 luglio, vendita di terreno compresa una casa con cortile. La ricerca in PN di <#αυλ> per Karanis fra 50 a.C. e 350 d.C. dà 44 risultati, di cui più della metà (27) di II secolo.

26 Cfr. P.Thomas 14 = TM 44494, della seconda metà del II secolo d.C., con BL XII, p. 283; cfr. per ll. 7-10, Hagedorn 2003, 143 sgg.; per l. 8 e l. 13 cfr. «CE» 78 (2003), 329.

27 A l. 10 si legga καὶ θύρα σήμερον ἤνυ<κ>ται (l. ἤνοικται): Hagedorn 2003, 144.

28 Cfr. O.Did. 62, datato fra 175 e 250 d.C., in cui l’asinaio Zosimos si rivolge ad Aurelios Bessarion, che gli aveva consegnato una somma di denaro (120 dracme) da depositare a Koptos presso il curator Kasianos: ll. 1-4: Ζώσιμος ὀνηλάτης / Αὐρηλίῳ Βησαρίωνι / προκουράτωρι πρεσιδίου / Διδύμου χαίρειν.

29 Si veda Briguglio 2007, 20-34, specialmente 25-27, n. 54.

30 Cfr. Strassi 2016, 219 con nn. 13 e 14.

31 Cfr. BGU I 300 = TM 9043, 148 d.C. (3 gennaio). La nomina a rappresentante legale è per Marcus Sempronius Clemens, da parte di Gaius Valerius Cheremonianus, entrambi veterani. Le espressioni usate per esprimere l’incarico di rappresentante legale sono φροντιούντά μου (l. 4) ed ἐπιτροπή (l. 7). Questi personaggi appartenevano al folto gruppo di militari o ex militari che popolavano Karanis, con possedimenti sparsi fra l’Arsinoites e Antinoupolis, cosa che spiega anche la necessità di ricorrere alla nomina di rappresentanti legali per la gestione di interessi e beni immobili.

32 Cfr. Strassi 2008, 161-162 e per la scrittura la bibliografia citata 161, n. 68.

33 Cfr. TM ArchID 109, con la bibliografia e l’albero genealogico della famiglia. Il termine archivio è usato qui in senso lato: le carte provengono in parte dalla “casa di Σωκράτης”, dove erano state conservate, ma sono state recuperate anche sulla strada e in case adiacenti e documenti relativi alle attività sue e dei suoi sono approdati sul mercato antiquario e finiti in disparate collezioni; altri testi sono ancora inediti. Cfr. da ultimo Gaber El-Maghrabi - Römer 2014.

34 Si ricordi la richiesta a Sokrates di assistenza legale da parte di Artemis, in P.Mich. VIII 507 = TM 27117, su cui si veda Strassi 2014, 35-42.

35 P.Mich. inv. 5894 (cit. in P.Mich. IX 549, commento a l. 3), che proviene dalla struttura C 123 di Karanis.

36 Cfr. l’archivio dei (Gaii) Iulii Sabinus e Apollinaris, TM ArchID 116; Strassi 2002.

37 I documenti sono citati in Strassi 2001, 1217, n. 10.

38 Cfr. TM ArchID 54; Strassi 2008.

39 Cfr. P.Mich. X 593, col. II.4 = TM 21357, una frammentaria lista di militari greci, di provenienza sconosciuta, datata 312 d.C.; P.Oxy. IX 1205, l. 14 = TM 2159, un documento di manomissione da Ossirinco, datato 14 aprile 291, in cui Τιβεριανός, integrato nel testo, è uno dei consoli nella data.

40 Sulla struttura abitativa C/B 167, non lontana dal granaio, poi adibito ad abitazioni, C 123, cfr. Strassi 2008, 1-10.

41 Cfr. Strassi 2008, 93 e n. 49.

42 Per la cronologia relativa a Claudius Tiberianus cfr. Strassi 2008, 93-97 e 162. Come ho già osservato, l’ingresso di Tiberianus nell’esercito circa nel 90 d.C. è stata un’ipotesi di lavoro. Se lo si ritrova in BGU III 815 datato fra 140 e 143 d.C., verosimilmente è necessario abbassare di una decina d’anni la sua cronologia.

43 Cfr. P.Mich. VIII 481, 19 = TM 27094. Cfr. anche Strassi 2008, 62-64 e 135 sgg.

44 Cfr. SB I 4416, 1-6 = TM 13932, del 158-159 d.C.: Θεοδώρωι στρ(ατηγῶι) Ἀρσι(νοείτου) Ἡρακλείδου / μερίδος παρὰ Πτολεμαίου Σωκράτους καὶ / Ἁρπάλου Ἀσκλᾶ καὶ τῶν λοιπῶν / ἐπιτηρητ(ῶν) γενη(ματογραφουμένων) ὑπαρχόντων / διοικ(ήσεως) κώμης Καρανίδος.

45 Cfr. BGU II 464 = TM 9192, 138 d.C. (post ?), proveniente come BGU III 815 dalla collezione di H. Brugsch, vedi supra, n. 18. Alle ll. 5-8 si legge: [ -ca.?- ] οἰκίας καὶ αὐλῆς καὶ φοινικῶνος ἐν ἰδιοκτήτῳ [γῇ -ca.?- ] / [ -ca.?- τ]ου [Σ]αραπίωνος ἀπὸ Καρανίδος τῷ ιζ (ἔτει) θε[οῦ] Ἁδρ[ιανοῦ -ca.?- ] / [ -ca.?- ]έθετο διαθήκῃ βεβουλῆσθαι τὰ γενάμενα κατ[ -ca.?- ] / [ -ca.?- ]ιος καὶ Ἀσκλᾶτος κα[ ]ρφαήσιος τῶν τριῶν Ἁρφαή[σιος -ca.?- ].

46 Cfr. Strassi 2015; Fiorillo 2015.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Silvia Strassi, « Lettere private dall’Egitto romano: documenti e contesti. A proposito di BGU III 815 »Historika, 8 | 2018, 375-388.

Notizia bibliografica digitale

Silvia Strassi, « Lettere private dall’Egitto romano: documenti e contesti. A proposito di BGU III 815 »Historika [Online], 8 | 2018, online dal 01 mars 2020, consultato il 03 août 2020. URL: http://journals.openedition.org/historika/321

Torna su

Autore

Silvia Strassi

silvia.strassi@unipd.it

Torna su

Diritti d'autore

Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale (CC BY-NC-ND 4.0)-Creative Commons - Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International - CC BY-NC-ND 4.0

Torna su
  • Logo Celid
  • Logo Università degli Studi di Torino – Dipartimento di Studi Storici - Storia antica
  • Logo DOAJ
  • OpenEdition Journals