Navigazione – Mappa del sito
Sezione tematica: Epistolografia pubblica e privata nell’Oriente romano

Gregorio di Nazianzo e i concili (alcune considerazioni sulle Epp. 130-136 e 173 Gallay)

Assunta Iovine
p. 389-404

Abstract

L’articolo prende in esame alcune lettere scritte da Gregorio di Nazianzo in seguito alla sua abdicazione alla cattedra episcopale di Costantinopoli. Si tratta per lo più di brevi testi scritti da Gregorio per declinare l’invito alla sinodo indetta per l’estate del 382; nelle lettere in questione, tuttavia, il fine pratico fornisce il pretesto a Gregorio per sfogare la delusione e l’amarezza seguiti all’esperienza di Costantinopoli, esse sono dunque venate di un malcelato risentimento nei confronti dei vescovi. L’asprezza dei toni nei confronti dei più alti rappresentanti del clero riecheggia, seppur in chiave attenuata, il piglio di certi carmi giambici del Nazianzeno e permette, dunque, di individuare una linea di continuità tematica fra produzione epistolare e poesia autobiografica.

Torna su

Testo integrale

1Il genere epistolare conosce nel IV secolo d.C. una fioritura straordinaria sia nell’area latinofona che nell’area grecofona dell’Impero. La circolazione delle lettere investe la società a più livelli, coinvolgendo scriventi di grado culturale e capacità vari, così come varie sono funzioni e caratteristiche delle lettere stesse, dalle missive di carattere meramente informativo diffuse anche presso i ceti popolari a quelle di scriventi colti, in cui l’elevata fattura stilistica può talora accompagnarsi alla trattazione di tematiche di più ampio respiro.

  • 1 Sull’importante ruolo svolto dalle lettere paoline per la formazione dell’epistolografia cristiana, (...)

2In più, nel secolo che vede consolidarsi il cristianesimo e parallelamente incrementarsi il dibattito teologico-dottrinario, la lettera diviene, sulla scorta dell’impiego che del genere epistolare fece San Paolo, uno dei generi privilegiati e come mezzo di comunicazione fra vescovi e comunità e come strumento di proselitismo e di intervento nelle dispute dogmatiche1.

  • 2 A proposito dell’impiego dell’epistola da parte di vescovi cristiani allo scopo di sollecitare favo (...)
  • 3 Si veda in modo particolare l’Ep. 53 di Gregorio al nipote Nicobulo. Sulle caratteristiche linguist (...)
  • 4 Ricordiamo che i lavori del concilio si erano aperti sotto la presidenza di Melezio di Antiochia; a (...)
  • 5 Su questa sinodo, cfr. Theodoret. Hist. Eccl. V 8.
  • 6 In diversi luoghi, sia nell’epistolario che nella produzione in versi, Gregorio accenna alla malatt (...)
  • 7 Nonostante le non poche difficoltà incontrate da Gregorio nel corso della breve esperienza costanti (...)
  • 8 Sulla coincidenza fra lettere e versi, non solo per ciò che concerne le tematiche ma anche per lo s (...)

3Fra gli epistolari di autori cristiani a noi giunti, un posto di rilievo riveste quello di Gregorio di Nazianzo. Come vescovo e come guida della comunità ecclesiale, Gregorio si serve della lettera a scopo strumentale per comunicare e dare istruzioni mentre come uomo di cultura egli scambia lettere con altre personalità letterarie del tempo2. Letterarietà, coloritura retorica, tendenza alla deconcretizzazione sono le caratteristiche di un epistolario che fu l’autore stesso a voler divulgare, curandone una sorta di embrionale “pubblicazione”3. Le lettere di cui ci si occuperà in questa occasione, d’altra parte, non si segnalano per la coloritura artistica ma sono brevi comunicazioni legate a un particolare momento della vita e dell’esperienza episcopale del Nostro. Si tratta, infatti, di lettere scritte da Gregorio nel periodo successivo al suo ritiro dal concilio di Costantinopoli del 381 e alla sua abdicazione alla cattedra vescovile della capitale4. Quasi tutte le epistole in questione traggono occasione dalla sinodo indetta per l’estate del 3825; da questi testi apprendiamo che Gregorio fu invitato a prendervi parte, cosa che egli, provato da uno stato di infermità fisica6, ma soprattutto moralmente ferito dai fatti di Costantinopoli, si guardò bene dal fare7. L’occasione di una nuova sinodo gli dà modo di esprimere alcune brevi, lapidarie considerazioni sulla prassi conciliare che appaiono tanto più interessanti alla luce del complesso rapporto di Gregorio con l’istituzione ecclesiastica e della problematicità con la quale egli visse l’impegno attivo all’interno di quest’ultima. Nell’esaminare tali testi si volgerà parallelamente lo sguardo ad alcuni dei carmi giambici del Nazianzeno, i quali sono accomunati alle lettere dall’irrompere prepotente della materia autobiografica in una fase della sua esistenza contrassegnata da un doloroso ripiegamento e da un senso di isolamento generato dal clima di incomprensione e di ostilità che egli avverte attorno a sé8.

4L’esperienza di Costantinopoli segna uno spartiacque nella vita di Gregorio; la piega presa dal concilio lo induce a farsi da parte, a seguire l’aspirazione alla pace e al raccoglimento che come un filo rosso percorre tutta la sua opera e la sua esistenza. Qualche tempo dopo, nel declinare l’invito alla suddetta sinodo, egli pronuncia una icastica sententia, cfr. Ep. 131, 2, 1-2:

  • 9 «Una quiete scevra d’affanno è da tenere invero in maggior pregio della rinomanza che s’acquista ne (...)

ἀπράγμων γὰρ ἡσυχία τῆς ἐν πράγμασι περιφανείας τιμιωτέρα9.

  • 10 Analogamente, in Εp. 40, scritta a Basilio quando questi cercava l’appoggio dell’amico nella sua co (...)

5Il nesso ἀπράγμων ἡσυχία sintetizza efficacemente l’ideale di una vita tranquilla lontana dalle beghe amministrative e politiche10. Il lessico adoperato in questa lettera, inoltre, sembra quasi suggerire che Gregorio percepisse il solo invito al concilio come una forma di imposizione, per non dire di violenza, nei propri confronti: si vedano l’espressione εἰς μέσους θορύβους ὠθεῖσθαι, «essere spinto in mezzo ai tumulti», e il termine πρόσταγμα che connota la convocazione ricevuta come un “ordine”.

  • 11 Cfr. Carm. II 1, 11, 1506-1508. Sull’invidia per Gregorio, cfr. Moreschini 1997, 220 e Trisoglio 20 (...)

6D’altra parte, il riposo di cui egli sembra finalmente poter godere non appare come un traguardo meritato, ma assume la fisionomia di una scelta obbligata, dettata da un buon senso che lo spinge a fare di necessità virtù. Una nota di amarezza si coglie allorquando l’ideale della vita contemplativa – l’agognato φιλοσοφεῖν – viene presentato come una diretta conseguenza del φθόνος che lo ha inesorabilmente colpito proprio nel momento in cui egli si è trovato a raggiungere, ancorché suo malgrado, il vertice della carriera ecclesiastica11; così, in Εp. 164, 4 leggiamo:

  • 12 «Indietreggiamo al cospetto dell’invidia, conduciamo nella quiete vita da filosofi con il divino au (...)

ὑπεχωρήσαμεν τῷ φθόνῳ, φιλοσοφοῦμεν ἐφ’ἡσυχίας τῷ θεῷ, καθ’ἡμᾶς αὐτοὺς συγγινόμεθα ταῖς εὐχαῖς, τῶν ἐν μέσῳ κλόνων καὶ θορύβων ἠλευθερώμεθα12.

  • 13 Conte 2017, 67 n. 159.
  • 14 Cfr. Ep. 77, 14: μὴ τοσοῦτον ἔργον καὶ περιβόητον διἐπήρειαν ἴσως τοῦ πονηροῦ καὶ φθόνον οὕτως ἐν (...)
  • 15 Cfr. Ep. 178, 10: ἄλλους πεττευέτω καὶ μεταρριπτείτω καὶ παιζέτω φθόνος καὶ χρόνος καὶ τύχη, δή φ (...)

7L’invidia rappresenta la «grande protagonista dell’opera del Nazianzeno»13, una presenza ricorrente nell’epistolario quando Gregorio allude agli eventi più significativi e drammatici della sua esistenza. Questa oscura forza, che talvolta viene direttamente collegata all’azione del Maligno14, talaltra riassume in sé il principio di instabilità che presiede alle vicende umane15, si manifesta in modo diverso; essa gli appare maggiormente insidiosa quando agisce velandosi dietro blandizie e falsi sorrisi che celano acerbe ostilità.

8Nel segno dell’invidia si riassume l’intera vicenda di Costantinopoli; da questa, come si è accennato, Gregorio esce provato e apparentemente sconfitto, ma la fierezza e la dignità che gli derivano dall’essersi fatto da parte spontaneamente gli conferiscono una statura tragica; nel rievocare i fatti, nel carme II 1, 12 (A sé stesso e intorno ai vescovi), egli stesso riconosce di esprimersi al modo della tragedia (τραγῳδικόν), citando – non senza un tocco di amara autoironia – un verso dell’Edipo re di Sofocle (OT 629); cfr. Carm. II 1, 12, 134-147 Meier (=MPG 37 coll. 1176, 2 - 1177, 2):

  • 16 «“Oh città, città!” (perch’io mi esprima ancora una volta alla maniera della tragedia!). Ma quegli (...)

ὦ πόλις πόλις,
ἵν’ἐκβοήσω καί τι καὶ τραγῳδικόν.
ἀλλ’οἱ καλοί τε κἀγαθοὶ συμποίμενες
φθόνῳ ῥαγέντες […]
καὶ τὴν ἐμὴν λαβόντες ἔκγονον πόνων
ἀρρωστίαν συνεργόν, ἣν αἰδεῖσθ’ἔδει
τοὺς καί τι μικρὸν τῷ θεῷ κεκμηκότας,
τό τε θρόνου τοσούτου μὴ στέργειν κράτος
κόσμου ῥαγέντος, ἐν μάχης μεταιχμίῳ -
ταῦτ’οὖν λαβόντες σὺν ῥοπῇ τοῦ δαίμονος
προὔπεμψαν ἔνθεν ἀσμένως οἱ φίλτατοι
ὥσπερ τιν’ὄγκον ἐκ νεὼς βαρουμένης
ῥίψαντες16.

9Osteggiato dall’invidia dei vescovi, Gregorio preferisce deporre le armi scegliendo la via del ripiegamento interiore; così scrive a Filagrio in Εp. 87, 3:

  • 17 «Ci ha sfiancati lottare contro l’invidia e i santi vescovi che dissolvono la comune concordia e re (...)

κεκμήκαμεν ἀγωνιζόμενοι πρὸς τὸν φθόνον καὶ τοὺς ἱεροὺς ἐπισκόπους τὴν κοινὴν ὁμόνοιαν διαλύοντας καὶ τῶν ἰδίων φιλονεικιῶν τὸ τῆς πίστεως πάρεργον ποιουμένους17.

  • 18 Cfr. l’incipit del carme II 1, 12, 1-15 (=MPG 37 1166, 2-1167-7): ἴσως μὲν ἐχρῆν, ὡς κακούμενον φέρ (...)
  • 19 Cfr. Crimi 1999, 26.
  • 20 Cfr., a titolo d’esempio, Or. 4, 32: θεῖος Δαβὶδ ἕν τι τῶν ἀγαθῶν καὶ τὸ συνεστάλθαι τίθεται καὶ (...)

10Nei versi e nelle epistole composti negli anni successivi al rientro dalla capitale Gregorio torna con un’insistenza quasi ossessiva sull’esperienza dell’episcopato costantinopolitano, che non smetterà di rappresentare per lui un nervo scoperto. Si tratta di testi che appaiono pervasi da un’urgenza apologetica e, al contempo, dalla cupa consapevolezza da parte sua di non poter trovare altro riscatto al di fuori della pagina scritta; pur sapendo che rinunciando a difendersi anche solo verbalmente avrebbe reso il suo ingiusto supplizio ancora più conforme a quello di Cristo, suo modello, Gregorio sceglie di servire la verità attraverso i propri scritti18. Di fatto, tuttavia, in questi ultimi il concilio che ha sancito il trionfo dell’ortodossia nicena è filtrato attraverso una lente deformante che tende a metterne in luce soltanto gli aspetti negativi19, come la conflittualità interna, soffermandosi sulle tappe che hanno scandito la “passione” di Gregorio: oltraggiato e vilipeso, egli trova in sé stesso, nella propria integrità morale e nella solidità della propria fede, la forza per sottrarsi alla tempesta facendo delle ingiustizie subìte un esercizio di virtù. Alla boria dei vescovi litigiosi oppone un atto di umiltà. Ricorrente nelle lettere è l’espressione συστέλλειν ἑαυτόν, «raccogliersi», «ripiegarsi» che, se da un lato è in linea con l’inclinazione personale di Gregorio alla meditazione, dall’altro richiama il precetto biblico che invita ad abbassarsi, a farsi piccoli per accostarsi a Dio20.

  • 21 Cfr. Aristot. HA 622b 5; Callim. Epigr. 5, 3-4; Opp. Hal. I 338-360.

11Lungi dal rappresentare un segno di debolezza, dunque, quello di ripiegarsi è un gesto che denota forza e capacità di resistenza; di qui il paragone che Gregorio istituisce fra sé stesso e un’umile creatura del mondo marino, il pesce nautilo, in realtà un piccolo mollusco le cui straordinarie capacità di adattamento e di resistenza alla violenza dei flutti erano proverbiali21; cfr. Ep. 87, 4:

  • 22 «Per tale ragione ci risolvemmo a indietreggiare di poppa, come si dice, a raccoglierci in noi stes (...)

διὰ τοῦτο ἔγνωμεν πρύμναν κρούσασθαι, τὸ τοῦ λόγου, καὶ εἰς ἡμᾶς αὐτοὺς συσταλῆναι, ὥσπερ τὸν ναυτῖλόν φασιν ἰχθὺν ὅταν χειμῶνος αἰσθάνηται, καὶ τοὺς μὲν ἄλλους ὁρᾶν πόρρωθεν βαλλομένους καὶ βάλλοντας, αὐτοὶ δὲ πρὸς τὰ ἐκεῖσε μετασκευάζεσθαι22.

12L’atteggiamento di filosofico distacco e di stoica sopportazione cui Gregorio inneggia non lo trattiene dal perorare la propria causa e difendere con veemenza il proprio operato. Emblematica in tal senso la lettera indirizzata a Nettario, designato vescovo della capitale dopo le sue dimissioni; si tratta di un biglietto di felicitazioni per il nuovo incarico assunto dal destinatario, cionondimeno Gregorio, nell’esprimere le proprie rimostranze per il trattamento subìto a Costantinopoli, non esita a valersi di un linguaggio piuttosto aspro; cfr. Ep. 88, 2:

  • 23 «Siamo noi invece ch’essa (scil. la città) a lungo trattò come sozza lordura e che ci mise al bando (...)

ἡμᾶς δὲ μακρὰν ἀπεσκυβάλισε καὶ ἀπέρριψεν ὡσανεὶ συρφετόν τινα καὶ ἄχνην καὶ κῦμα θαλάσσιον23.

13Egli stesso si mostra consapevole dello scarto stilistico e linguistico, in direzione di una caustica λοιδορία, di talune sue tirate contro i vescovi indegni, caratterizzate da un tono particolarmente mordace; si veda, ad esempio, Ep. 95, 1:

  • 24 «Oh fausto morbo e fausti oltraggi dei nemici: è grazie ad essi che noi ci siamo liberati dal sodom (...)

ὢ τῆς δεξιᾶς νόσου καὶ τῆς τῶν ἐχθρῶν ἐπηρείας, δι’ἣν ἡμεῖς ἐλεύθεροι γεγόναμεν ἔξω τοῦ Σοδομιτικοῦ πυρὸς καὶ τῆς ἐπισκοπικῆς ἐκλύσεως24.

14Così, nel carme II 1, 12, all’interlocutore fittizio che, secondo una modalità tipica della diatriba cinico-stoica, dialoga con lui rilevando come egli si sia allontanato dalla sua consueta εὐστομία, egli replica spiegando che le proprie scelte espressive traggono origine dal dolore; cfr. Carm. II 1, 12, 43-47 Meier (=MPG 37 col. 1169, 10-14):

  • 25 «Perché dici queste cose? Che significano? Perché mai tu che hai sempre squisite parole, non ti esp (...)

πῶς ταῦτα; καὶ τί ταῦτα; πῶς λόγους ἀεί
κινῶν ἀμείνους, οὐχὶ καὶ νῦν εὐστομεῖς;
ἀλγοῦντός ἐστιν, ἐξερεύγεσθαι πάθος
Θεῷ, φίλοις, γονεῦσι, γείτοσι, ξένοις,
εἰ δ’οὖν, χρόνῳ τε καὶ βίῳ τοῖς ὕστερον25.

15Νell’Autobiografia, allorché descrive la reazione dei vescovi al suo discorso in merito alla questione della successione episcopale antiochena, Gregorio ci offre la rappresentazione forse più vivida, decisamente satirica, delle assemblee conciliari; cfr. Carm. II 1, 11, 1680-1689 Jungck:

  • 26 «Furono queste le mie parole, ma quelli si misero a gracchiare, chi da una parte e chi dall’altra, (...)

ταῦτ’εἶπον. οἱ δ’ἔκρωζον ἄλλος ἄλλοθεν,
δῆμος κολοιῶν εἰς ἓν ἐσκευασμένος,
τύρβη νέων τις, καινὸν ἐργαστήριον,
λαῖλαψ κόνιν σύρουσα πνευμάτων στάσει,
οἷς οὐδ’ἂν ἠξίωσε τῶν τις ἐντελῶν
φόβῳ τε θείῳ καὶ χρόνῳ δοῦναι λόγον,
ἄτακτα παφλάζουσιν ἢ σφηκῶν δίκην
ᾄττουσιν εὐθὺ τῶν προσώπων ἀθρόως˙
τοῖς δ’ἠκολούθουν ἡ σεμνὴ γερουσία.
τοσοῦτ’ἀπεῖχον σωφρονίζειν τοὺς νέους26.

*

16L’esperienza del concilio di Costantinopoli convince Gregorio dell’inutilità e dell’inefficacia delle assemblee pastorali per la risoluzione dei problemi della Chiesa, per non dire del loro essere a questo riguardo dannose; così egli scrive in Ep. 130, 1:

  • 27 «Mai vidi alcun concilio ch’abbia avuto fausta conclusione o che abbia posto fine ai mali piuttosto (...)

μηδεμιᾶς συνόδου τέλος εἶδον χρηστὸν μηδὲ λύσιν κακῶν μᾶλλον ἐσχηκὸς ἢ προσθήκην27.

17Anche l’eccessiva frequenza di tali adunanze suscita in lui delle riserve, cfr. Ep. 136, 4:

  • 28 «Tenere spesso adunanze, senza che si sia trovato il modo di mettere fine ai mali, anzi aggiungere (...)

τὸ γὰρ συνιέναι μὲν πολλάκις, μηδὲν δὲ πέρας εὑρίσκεσθαι τῶν κακῶν ἀλλ’ἀεὶ προστιθέναι ταραχαῖς ταραχάς, μείζονος τῆς αἰσχύνης, ὃ καὶ αὐτὸς γινώσκεις28.

  • 29 Un atteggiamento che ha riscontro anche in Sinesio di Cirene, almeno a quanto è possibile dedurre d (...)

18Appare, insomma, intima convinzione di Gregorio, fondata sugli esiti dei numerosi concili cattolici e ariani del IV secolo, che tale pratica moltiplichi le eresie e lo sviluppo di controversie in seno alla Chiesa29.

19Nondimeno, le lettere recano traccia di come anche dopo la sua uscita di scena a Gregorio continuino a stare a cuore le sorti della Chiesa e di come egli per promuovere la pacificazione interna di questa non esiti ad avvalersi delle sue numerose amicizie e conoscenze. Pur non essendo intenzionato a partecipare alla sinodo, egli scrive a diverse autorità – sia del mondo ecclesiastico che di quello laico – sollecitando ad intercedere per il buon esito di quest’ultimo. Al generale Vittore, chiede di adoperarsi per la «concordia comune»; cfr. Ep. 133, 3:

  • 30 «A fronte d’una nuova sinodo e d’una novella pugna, in mezzo a nemici che con solerzia scrutano ogn (...)

ἐπειδὴ δὲ πάλιν σύνοδος, ἀγὼν πάλιν, καὶ τοῦτο ἐν μέσοις ἐχθροῖς πάντα τηροῦσιν ἐπιμελῶς τὰ ἡμέτερα, δὸς χεῖρα τῇ κοινῇ καταστάσει, ὡς μέρος ὢν τῆς Ἐκκλησίας οὐ τὸ φαυλότατον, καὶ μὴ περιίδῃς πάντα καταναλωθέντα τῷ ἐμπρησμῷ τῷ νῦν περιέχοντι τὴν Ἐκκλησίαν30.

  • 31 A proposito dell’uso di στασιάζω in Ep. 173, 6, N. Gómez-Villegas 2000, 193, osserva che «las discu (...)

20Πάλιν σύνοδος, ἀγὼν πάλιν (Ep. 133, 3) è forse l’espressione che più efficacemente sintetizza la considerazione che Gregorio ha delle adunanze pastorali: il chiasmo con i termini estremi in anafora sancisce, infatti, la perfetta identificazione della sinodo con un agone. È inoltre probabile che Gregorio giochi sulla polisemia del termine ἀγών, che può significare sia «adunanza», come i concili degli dèi nell’epica omerica, sia «competizione», dal momento che ad animare i concili non è il proposito di agire nell’interesse della Chiesa, ma sono contese e ambizioni (come espressamente detto in Ep. 130, 2: ἀεὶ γὰρ φιλονεικίαι καὶ φιλαρχίαι […] καὶ λόγου κρείττονες), sia, ancora, «battaglia», e ἀγών in tal senso si va ad aggiungere alla serie di termini del lessico politico-militare di cui Gregorio si serve quando fa riferimento alle assemblee dei membri della Chiesa, come θόρυβος (Ep. 131, 1), πόλεμος (Ep. 136, 3), ἀγωνίζω (Ep. 136, 3), ταραχή (Ep. 136, 4), στασιάζω (Ep. 173, 6)31.

21D’altra parte, in ἀγών è implicita una suggestione teatrale, dunque il concilio come una rappresentazione scenica in cui i partecipanti recitano una parte, indossano maschere.

  • 32 Per le allusioni alla prassi teatrale all’interno dell’epistolario di Gregorio, cfr. Crimi 1981, 71

22Le allusioni alla prassi scenica per descrivere l’atteggiamento dei vescovi non sono rare in Gregorio; esse tradiscono a monte una concezione negativa dello spettacolo teatrale come luogo della finzione diffusa nella moralistica del tempo, cristiana e non32. Nel già citato carme II 1, 12 la dura reprimenda contro i sedicenti pastori di anime fa leva su immagini del mondo del teatro per denunciare l’accesso alla cattedra episcopale di uomini privi di un’adeguata preparazione e talora dalla dubbia moralità; cfr. 359 Meier (= MPG 37, 1192, 7):

  • 33 «Viene recitata (ahimé!) una bella scena da teatro».

σκηνή τις (οἴμοι) παίζετ’εὐπρεπεστέρα33

23E, poco oltre (396-399 Meier = MPG 37, 1195, 1-4):

  • 34 «Le sorti di Dio affidate ai dadi! O, piuttosto, una maschera da commedia messa tutt’a un tratto da (...)

                   ἐν κύβοις τὰ τοῦ Θεοῦ·
ἢ κωμικὸν πρόσωπον, ἀθρόως τεθέν
τῶν εὐτελεστάτων τε καὶ μικρῶν ἑνί,
πέφηνεν ἡμῖν οὗτος εὐσεβὴς νέος34.

24Analoghe immagini ricorrono nell’epistolario; si veda ad esempio Ep. 96, 2, sempre in riferimento ai fatti di Costantinopoli:

  • 35 «Fui sopraffatto dall’invidia e mi raccolsi in me stesso, cedendo ad altri il dominio della Chiesa (...)

ἔπειτα ἡττήθην τοῦ φθόνου καὶ εἰς ἐμαυτὸν συνεστάλην, ἄλλοις τοῦ κράτους τῆς Ἐκκλησίας παραχωρήσας καὶ τῆς εὐπρεπεστέρας σκηνῆς (ἵν’οὕτως εἴπω διὰ τοὺς παίζοντας εὐκόλως τὰ μὴ παιδιᾶς ἄξια)35.

  • 36 Cfr. Bernardi 1997, 223.

25Le riserve di Gregorio sul concilio di Costantinopoli, fa notare J. Bernardi36, oltre e ancor più che dall’esplosione all’interno di questo di rivalità personali e di contrasti di carattere politico, furono motivate dalla superficialità che egli credette di scorgere nei vescovi per ciò che concerneva la definizione di importanti questioni dottrinali. È questo che Gregorio avverte come un voler “scherzare” su temi che non ammettono leggerezza; di qui la metafora della σκηνή che compare anche, in contesto analogo, nell’Autobiografia, cfr. Carm. II 1, 11, 1726-1730:

  • 37 «Il teatro è aperto a tutti; una grande fiera è in atto: nemmeno uno se ne vada senza aver fatto i (...)

θέατρόν ἐστι πᾶσιν ἠνεῳγμένον,
Πανήγυρις ἕστηκεν. ἀπίτω μηδὲ εἷς
ἀπραγμάτευτος. ἂν μεταστραφῇ κύβος
- καιροῦ γὰρ οὐδέν ἐστιν εὐστροφώτερον - ,
ἔχεις τὸ τεχνύδριον. δρᾶμά τ’ἔμπαλιν37.

  • 38 Cfr. ancora Bernardi 1997, 222. Sul ruolo giocato da interessi di tipo economico nella vicenda del (...)

26Gregorio dubita della genuinità delle prese di posizione in campo dogmatico dei vescovi – dei quali denuncia la venalità e la preoccupazione pressoché esclusiva di compiacere i potenti del momento – e, di conseguenza, della loro coerenza nel tenere fede alle posizioni prese una volta cambiato il vento38. Egli, avrebbe dunque lasciato il concilio di Costantinopoli perché non soddisfatto delle definizioni dottrinali in esso proposte, preferendo dare seguito al suo impegno per l’ortodossia trinitaria non più da “politico”, bensì da intellettuale e da teologo. Ancora, a Saturnino, magister militum per Orientem, scrive così in Ep. 132, 2-3:

  • 39 «Ogni cosa per noi, con il divino ausilio, ha fausto corso, fuorché una, ed è l’apprensione che noi (...)

πάντα ἡμῖν σὺν Θεῷ καλῶς ἔχει, πλὴν ἑνός, τοῦ μεριμνᾶν περὶ τῶν Ἐκκλησιῶν οὕτω ταρασσομένων. 3. ταύταις ὅ τι ἂν δυνηθῇς εἰσενεγκεῖν, μὴ κατοκνήσῃς τὴν κοινὴν ὁμόνοιαν καὶ λόγῳ καὶ ἔργῳ βραβεῦσαι, ἐπειδὴ πάλιν ἐπισκόπων σύνοδος καὶ δέος πάλιν μὴ καὶ νῦν αἰσχυνθῶμεν, πικρὸν καὶ ταύτης λαβούσης τὸ τέλος, ὥσπερ τῆς πρότερον39.

  • 40 Cfr. Trisoglio 1986, 211 n. 16.

27Anche in questa lettera compare un chiasmo analogo a quello osservato in precedenza: πάλιν ἐπισκόπων σύνοδος καὶ δέος πάλιν μὴ καὶ νῦν αἰσχυνθῶμεν. Qui, però, il termine posto sullo stesso piano di σύνοδος è δέος; il timore di Gregorio è esplicitato dal verbo che segue, αἰσχυνθῶμεν, che vale «essere sfigurati». Per quanto Gregorio cerchi di motivare il proprio scetticismo riguardo all’utilità delle assemblee conciliari con ragioni oggettive, rilevandone il clima di contrasti e la facilità con cui in esse rivalità personali finissero con l’imporsi sulle questioni di interesse generale, in realtà la ragione del suo rifiuto di partecipare a un nuovo concilio va ricercata proprio nella scottante esperienza di Costantinopoli: «quel πάλιν in chiasmo», osserva Trisoglio, «che sembra comprimere concilio e paura, traduce un brivido che non nasce da un cruccio momentaneo ma da un’ansia che perdura»40.

  • 41 In proposito, cfr. Socr. Hist. Eccl. V 10.
  • 42 Sul personaggio, pagano, destinatario dell’Ep. 1036 di Libanio, cfr. PLRE, s.v. Postumianus 3, 718s (...)

28Anche in occasione della sinodo dell’anno successivo, il 38341, Gregorio non manca di mobilitarsi, come dimostra la lettera 173 a Postumiano; il testo denota un alto impegno retorico, commisurato verosimilmente al prestigio del destinatario, prefetto del pretorio, e alla sua statura intellettuale, in quanto uomo dotto in entrambe le culture, greca e latina, e conoscitore di ambedue gli idiomi42, cfr. Ep. 173, 6:

  • 43 «Devi stimare che nulla convenga tanto alla tua carica (a fronte d’una nuova sinodo di vescovi, che (...)

μηδὲν οὕτω νόμιζε τῇ σῇ πρέπειν ἀρχῇ (ἐπειδὴ πάλιν σύνοδος ἐπισκόπων, οὐκ οἶδα δι’ὅ τι καὶ ὅπως συναγομένων), ὡς τὸ ἐπὶ σοῦ καὶ διὰ σοῦ εἰρηνεύεσθαι τὰς Ἐκκλησίας, κἂν δέῃ σφοδρότερον ἐπιτιμῆσαι τοῖς στασιάζουσιν43.

29Nel seguito della lettera Gregorio previene una possibile critica nei suoi confronti, concernente la sua intromissione in questioni di cui aveva formalmente rinunciato ad occuparsi abdicando alla carica di vescovo e poi ritirandosi definitivamente dalla vita attiva, cfr. Ep. 173, 7:

  • 44 «Se a qualcuno sembra sia contrario alla norma che io, che pure ricusai certi affari, non ho cessat (...)

εἰ δέ τῳ δοκῶ περιττὸς εἶναι, τῶν μὲν πραγμάτων ἀναχωρήσας, τὴν δὲ φροντίδα μὴ καταλύσας, τοῦτο σὺ μὴ θαυμάσῃς. οὐ γὰρ ὥσπερ τῶν θρόνων καὶ τῆς ὀφρύος τοῖς βουλομένοις, οὕτω καὶ τῆς εὐσεβείας παρεχωρήσαμεν˙ ἀλλὰ νῦν ἀξιόπιστοι καὶ πλέον, ὡς οἶμαι καὶ σοὶ δοκεῖν, ὡς οὐδὲν ἴδιον, ἀλλὰ τὸ κοινὸν θεραπεύοντες44.

30Per Gregorio, sollecitudine nella difesa della Chiesa e rifiuto dell’impegno diretto non si escludono a vicenda. In tal senso, un ruolo di primo piano viene svolto proprio dalle lettere, che gli danno modo di mettere in atto quanto preconizzato nella conclusione del discorso d’addio dal concilio di Costantinopoli; cfr. Or. 42, 26, 35-37:

  • 45 «Si è zittita per voi la lingua malvagia e chiacchierona. Non si è arrestata del tutto, però: conti (...)

σεσίγηκεν ὑμῖν ἡ πονερὰ γλῶσσα καὶ λάλος˙ oὐ μὴν σιγήσεται παντάπασιν˙ μαχήσεται γὰρ διὰ χειρὸς καὶ μέλανος˙ τὸ δ’ οὖν παρὸν σεσιγήκαμεν45.

  • 46 Cfr. Ep. 130, 4.

31Le lettere, difatti, gli forniscono, anche una volta allontanatosi dalla vita pubblica, un valido strumento di azione; in particolare, in occasione dei concili di cui si è detto, lo zelo che Gregorio mostra nello scrivere per informare o sollecitare interventi basta di per sé a scongiurare quell’accusa di ῥαθυμία di cui pure egli mostra di avere timore46.

32In conclusione, le lettere nelle quali viene fatto riferimento ai concili appaiono pervase da un senso di amarezza che Gregorio si sforza di convertire in cristiana sopportazione ma che finisce con lo sfociare ripetutamente in esplosioni di bilioso rancore lì dove egli scaglia i suoi strali contro i più alti rappresentanti del clero, i vescovi, benché nell’epistolario i toni polemici appaiano nel complesso più smorzati e contenuti rispetto a quanto accade nei versi autobiografici.

33Le lettere recano inoltre la traccia dell’impegno profuso da Gregorio in favore della pace all’interno della Chiesa anche una volta deposte le vesti ufficiali, ma, soprattutto, lasciano emergere un senso di profonda sfiducia nella figura del vescovo, carica che egli reputa troppo politicizzata e troppo spesso affidata a individui culturalmente e spiritualmente poveri. Anche sotto quest’aspetto, le lettere trovano un preciso corrispettivo nei coevi carmi giambici.

34Il concilio del 381, se da un lato segna lo scacco di Gregorio come figura pubblica, al contempo è addotto da lui come banco di prova della propria coerenza di uomo di fede, disinteressato a onori e cariche e unicamente teso alla difesa della Trinità e della concordia fra i membri della Chiesa.

35Nell’incipit di uno dei carmina de se ipso l’esperienza costantinopolitana è condensata in un breve enunciato, retoricamente costruito (cfr. Carm. II 1, 19 MPG 37, 1026, 1):

μετῆλθον, ἦλθον, ἔρχομαι.

  • 47 Cfr. Carm. II 1, 11, 1535 ss.

36La rapida successione dei tre verbi conferisce al sottaciuto una potente drammaticità. Vi si coglie al contempo un senso di rassegnazione, o meglio di accettazione della situazione che deriva a Gregorio dalla coscienza della purezza dei propri intenti e di aver fatto quanto in proprio potere per favorire lo svolgimento pacifico del concilio, agendo come un χορευτής intento a riunire due cori47, nonché dalla consapevolezza di avere avuto a che fare con una forza più potente di lui, a cui l’elleno Gregorio dà il nome di φθόνος.

Torna su

Bibliografia

Bernardi 1997: J. Bernardi, Gregorio di Nazianzo: teologo e poeta nell’età d’oro della patristica, Roma (trad. it. di Saint Grégoire de Nazianze, Paris 1995).

Cattaneo 2017: G. Cattaneo, Note critico-testuali alle lettere di Gregorio di Nazianzo (In margine a un recente contributo), «Koinonia» 41, 691-700.

Conte 2013: A. Conte, Libertà di parola e ἀτιμία negli scritti di Gregorio Nazianzeno, «Bizantinistica» 15, 1-14.

Conte 2017: A. Conte (ed.), Gregorio Nazianzeno. Epistole. Introduzione, traduzione e note a c. di A. Conte, Roma.

Coulie 1985: B. Coulie, Les richesses dans l’oeuvre de Saint Grégoire de Nazianze. Étude littéraire et historique, Louvain-la-Neuve.

Crimi 1981: C.U. Crimi, Allusioni e citazioni di testi teatrali nell’epistolario di Gregorio Nazianzeno, Catania.

Crimi 1999: C.U. Crimi (ed.), Gregorio Nazianzeno. Poesie/2. Introduzione di C. Crimi, traduzione e note di C.U. Crimi (carmi II, 1, 1-10. 12-50) e di I. Costa (carmi II, 1, 51-99 e II, 2), Roma.

Criscuolo 2007: U. Criscuolo, Sugli Epigrammi di Gregorio di Nazianzo, in L’epigramma greco. Problemi e prospettive, a c. di G. Lozza - S. Martinelli Tempesta, Milano, 19-52.

Criscuolo 2016: U. Criscuolo, Un cristiano difficile: Sinesio di Cirene, in Sinesio di Cirene nella cultura tardoantica, Atti del Convegno Internazionale, Napoli 19-20 giugno 2014, a c. di U. Criscuolo - G. Lozza, Milano, 9-46.

Cugusi 1988: P. Cugusi, Epistolografi, in Dizionario degli scrittori greci e latini, II, Milano.

Dagron 1974: G. Dagron, Naissance d’une capitale. Constantinople et ses institutions de 330 à 451, Paris.

Fatouros-Krischer 1980: Libanios, Briefe, Auswahl herausgegeben, übersetzt und erläutert von G. Fatouros und T. Krischer, München.

Gallay 1933: P. Gallay, Langue et style de Saint Grégoire de Nazianze dans sa correspondance, Paris.

Gautier 2001: F. Gautier, Le carême de silence de Grégoire de Nazianze: une conversion à la littérature?, «REAug» 47, 97-143.

Gómez-Villegas 2000: N. Gómez-Villegas, Gregorio de Nazianzo en Constantinopla: ortodoxia, heterodoxia y régimen teodosiano en una capital cristiana, Madrid.

Guignet 1911: M. Guignet, Les procédés épistolaires de Saint Grégoire de Nazianze comparés à ceux de ses contemporains, Paris.

Hauser-Meury 1960: M.M. Hauser-Meury, Prosopographie zu den Schriften Gregors von Nazianz, Bonn.

Lizzi 1987: R. Lizzi, Il potere episcopale nell’Oriente Romano: rappresentazione ideologica e realtà politica (IV-V sec. d.C.), Roma.

Malingrey 1961: A.M. Malingrey, Philosophia. Étude d’un groupe de mots dans la litterature grecques des Présocratiques au IV siècle après J.C., Paris.

McGuckin 2001: J.A. McGuckin, Saint Gregory of Nazianzus. An Intellectual Biography, New York.

Moreschini 1997: C. Moreschini, Filosofia e letteratura in Gregorio di Nazianzo, Milano.

Przychocki 1912: G. Przychocki, De Gregorii Nazianzeni epistulis quaestiones selectae, Cracoviae.

Trisoglio 1986: F. Trisoglio, La pace in S. Gregorio di Nazianzo, «CCC» 2, 193-229.

Trisoglio 2008: F. Trisoglio, San Gregorio di Nazianzo. Un contemporaneo vissuto sedici secoli fa, Torino.

Torna su

Note

1 Sull’importante ruolo svolto dalle lettere paoline per la formazione dell’epistolografia cristiana, cfr. Cugusi 1988, 830-831.

2 A proposito dell’impiego dell’epistola da parte di vescovi cristiani allo scopo di sollecitare favori da amici influenti o di richiederne l’intercessione presso i potenti, cfr. Lizzi 1987, 82.

3 Si veda in modo particolare l’Ep. 53 di Gregorio al nipote Nicobulo. Sulle caratteristiche linguistiche e stilistiche dell’epistolario di Gregorio, cfr. Guignet 1911; Przychocki 1912; Gallay 1933.

4 Ricordiamo che i lavori del concilio si erano aperti sotto la presidenza di Melezio di Antiochia; alla morte di Melezio – il cui elogio funebre fu pronunciato da Gregorio di Nissa (cfr. l’edizione di A. Spira, in Gregorii Nysseni Opera IX, Sermones 1, ediderunt G. Heil, A. Van Heck, E. Gebhardt, A. Spira, Leiden 1967, 343-416, e cfr. anche Socr. Hist. Eccl. V 9) – la presidenza del concilio passò a Gregorio.

5 Su questa sinodo, cfr. Theodoret. Hist. Eccl. V 8.

6 In diversi luoghi, sia nell’epistolario che nella produzione in versi, Gregorio accenna alla malattia che lo tormentò dall’epoca del concilio (a titolo di esempio si vedano anche Ep. 90, 3, Carm. II 1, 11, 1745-1748 e Carm. II 1, 12, 139-140).

7 Nonostante le non poche difficoltà incontrate da Gregorio nel corso della breve esperienza costantinopolitana (consumatasi, in sostanza, nel triennio 379-381), a decretare la sua abdicazione all’episcopato della capitale furono gli sviluppi del secondo concilio ecumenico (su cui cfr. Dagron 1974, 447-453). La morte di Melezio aveva riacceso i contrasti circa la titolarità del seggio episcopale di Antiochia, già all’origine del cosiddetto “scisma” con la consacrazione, in contrapposizione a Melezio sostenuto dagli Orientali, di Paolino, che aveva l’appoggio della Chiesa egiziana e degli Occidentali (cfr. Socr. Hist. Eccl. III 6). La proposta conciliante di Gregorio, di sanare la frattura lasciando sul seggio Paolino (cfr. Carm. II 1, 11, 1611 e seguenti), non fu accolta dagli Orientali né gli guadagnò l’appoggio della parte avversa, anzi, i vescovi egiziani e illirici, sopraggiunti in un secondo momento all’assemblea (ivi, 1797-1817), appellandosi al quindicesimo canone del concilio di Nicea contro le traslazioni episcopali, denunciarono l’illegittimità dell’elezione dello stesso Gregorio a vescovo di Costantinopoli in quanto già detentore della cattedra di Sasima. Fu in seguito a queste circostanze che Gregorio decise di ritirarsi. L’“addio” a Costantinopoli è affidato all’Or. 42, ma egli allude a tali spiacevoli eventi in diversi luoghi, in particolare nell’Autobiografia (= Carm. II 1, 11), non nascondendo una certa amarezza per aver visto le proprie dimissioni accettate senza troppe proteste (cfr. Carm. II 1, 11, 1868-1869; II 1, 10, 18 e II 1, 12, 136-147, nonché Dagron 1974, 452).

8 Sulla coincidenza fra lettere e versi, non solo per ciò che concerne le tematiche ma anche per lo stato d’animo e i sentimenti che li informano, cfr. Criscuolo 2007.

9 «Una quiete scevra d’affanno è da tenere invero in maggior pregio della rinomanza che s’acquista nella gestione delle pubbliche faccende» (la traduzione dell’epistolario di Gregorio è, qui e infra, di A. Conte).

10 Analogamente, in Εp. 40, scritta a Basilio quando questi cercava l’appoggio dell’amico nella sua corsa all’episcopato, Gregorio esorta l’amico a φυγεῖν τοὺς ἐν μέσῳ θορύβους καὶ τὰς πονηρὰς ὑπονοίας (cfr. Εp. 40, 5).

11 Cfr. Carm. II 1, 11, 1506-1508. Sull’invidia per Gregorio, cfr. Moreschini 1997, 220 e Trisoglio 2008, 101, in particolare n. 34.

12 «Indietreggiamo al cospetto dell’invidia, conduciamo nella quiete vita da filosofi con il divino ausilio, ci raccogliamo in noi stessi in preghiera, ci affrancammo dai pubblici tumulti e dai clamori». Proprio dal passo citato si può ricavare che la lettera è stata scritta nel 383 successivamente al ritiro dall’episcopato di Nazianzo. Sulle accezioni del verbo φιλοσοφέω e dei vocaboli relativi in Gregorio, cfr. Malingrey 1961, 207-261.

13 Conte 2017, 67 n. 159.

14 Cfr. Ep. 77, 14: μὴ τοσοῦτον ἔργον καὶ περιβόητον διἐπήρειαν ἴσως τοῦ πονηροῦ καὶ φθόνον οὕτως ἐν βραχεῖ καταλύσωμεν («non riduciamo al nulla in così breve tempo un atto tanto grande e insigne, a ciò spinti forse dalle insidie dell’invidioso Maligno»).

15 Cfr. Ep. 178, 10: ἄλλους πεττευέτω καὶ μεταρριπτείτω καὶ παιζέτω φθόνος καὶ χρόνος καὶ τύχη, δή φασι τῶν ἀνθρωπίνων τὸ ἄστατον καὶ ἀνώμαλον («che altri siano preda degli svaghi, degli sconvolgimenti e dei sollazzi di cui sono responsabili l’invidia, il tempo, il fato, per usare i nomi con cui si definisce l’incerta incostanza delle vicende umane»).

16 «“Oh città, città!” (perch’io mi esprima ancora una volta alla maniera della tragedia!). Ma quegli ottimi colleghi nell’episcopato che scoppiavano d’invidia […] presero come loro complice sia la mia infermità - di cui quanti hanno faticato, anche un poco, per Dio dovrebbero avere rispetto -, figlia degli affanni, sia il fatto ch’io non amavo il potere che derivava da una cattedra di così grande importanza, mentre il mondo era spaccato ed io mi trovavo nel bel mezzo della battaglia. Prendendo dunque a pretesto queste cose, quegli ottimi, con il peso decisivo del demone, mi cacciarono da lì con gran piacere, come se gettassero un peso da una nave gravata» (la traduzione di Carm. II 1, 12 è, qui e infra, quella di C. Crimi). Conte 2013, 8, rileva l’incidenza significativa di vocaboli come παρρησία e ἀτιμία, recanti una suggestione della loro originaria accezione politica, negli scritti di Gregorio riferentisi al concilio ecumenico del 381, sottolineando come egli viva «paradossalmente la sua atimia non come un ‘disonore’ ma come il privilegio di chi, nemico di un clero corrotto, ha facoltà di trascorrere parte della sua vita in un silenzio ‘parresiastico’» (in riferimento alla scelta di osservare un periodo di silenzio dopo il ritiro da Costantinopoli; sull’episodio, cfr. Gautier 2001, in part. 98 n. 3 per la bibliografia relativa).

17 «Ci ha sfiancati lottare contro l’invidia e i santi vescovi che dissolvono la comune concordia e reputano abbia marginale rilievo quel che alla fede attiene a paragone delle loro personali contese». Anche questa lettera risale al definitivo ritiro di Gregorio da Nazianzo nel 383. Su Filagrio, cfr. Hauser-Meury 1960, 145s.

18 Cfr. l’incipit del carme II 1, 12, 1-15 (=MPG 37 1166, 2-1167-7): ἴσως μὲν ἐχρῆν, ὡς κακούμενον φέρειν / ταῖς τοῦ παθόντος ἐντολαῖς τυπούμενον, / οὕτω παθόντα καρτερεῖν καὶ τὸν λόγον, / ὡς ἂν τελείως ὦμεν ἠγωνισμένοι / καὶ μισθὸν ἐλπίζωμεν ἐντελέστερον. / ῟Ων γὰρ τέλειος μόχθος, ἐντελέστερος˙ / ὧν δοὐ τέλειος, καὶ τὸ ἆθλον ἐλλιπές. / ὡς ἂν δὲ μὴ δόξαιεν οἱ κακοὶ κρατεῖν / τὰ πάντα μηδ λεῖος αὐτοῖς δρόμος / ἀντιστατοῦντος οὐδενός, τὸ μὲν πέρας / τούτων παρήσω τῷ τελευταίῳ πυρί, / πάντἐλέγχει καὶ καθαίρει σὺν δίκῃ, / κἂν λανθάνωμεν ἐνθάδε πλοκαῖς τισιν˙ / αὐτὸς δὲ μικρῷ τοὺς ἐμοὺς πλήξω λόγῳ / φονεῖς («forse avrei dovuto, poiché mi sono formato nei precetti di colui che patì, sopportare l’oltraggio a me arrecato e, dopo aver patito, dominare persino la mia eloquenza per poter sperare, qualora la gara fosse condotta sino in fondo, nell’intera mercede. È intera, infatti, quella di quanti hanno interamente compiuto la fatica; se questa non è intera, anche il premio sarà minore. Perché non credano i malvagi di averla vinta in ogni cosa e il cammino non risulti per loro sgombro, senza che nessuno li ostacoli, io affiderò la conclusione di queste cose al fuoco ultimo, che tutto mette alla prova e purifica con giustizia, anche se quaggiù riusciamo a nasconderci con qualche stratagemma. Io stesso colpirò con un modesto discorso i miei carnefici»).

19 Cfr. Crimi 1999, 26.

20 Cfr., a titolo d’esempio, Or. 4, 32: θεῖος Δαβὶδ ἕν τι τῶν ἀγαθῶν καὶ τὸ συνεστάλθαι τίθεται καὶ χάριν ὁμολογεῖ τῷ συστείλαντι, ὡς τοῦ τὰ δικαιώματα μαθεῖν ἐντεῦθεν προσγινομένου («anche Davide, divinamente ispirato, pone tra i beni anche l’essere umiliato e rende grazie a colui che lo ha umiliato, pensando che gli sia venuta di qui la conoscenza dei giudizi di Dio», trad. L. Lugaresi).

21 Cfr. Aristot. HA 622b 5; Callim. Epigr. 5, 3-4; Opp. Hal. I 338-360.

22 «Per tale ragione ci risolvemmo a indietreggiare di poppa, come si dice, a raccoglierci in noi stessi, nel modo in cui fa, secondo quel che si narra, il pesce nautilo allorché avverte l’arrivo d’una procella, a osservar da lungi gli altri che infliggono colpi e colpi subiscono, a trasformare noi stessi in vista della vita ultraterrena».

23 «Siamo noi invece ch’essa (scil. la città) a lungo trattò come sozza lordura e che ci mise al bando quasi fossimo immondizia, mondiglia e flutto di mare». Accanto all’amarezza per il trattamento personalmente subìto, in alcune allusioni di Gregorio è malcelato un certo disappunto per la scelta a suo successore di Nettario, cfr. Carm. II, 1, 10, 18 e II, 1, 12, 136-147 citati supra, n. 7. In proposito, cfr. McGuckin 2001, 374-384.

24 «Oh fausto morbo e fausti oltraggi dei nemici: è grazie ad essi che noi ci siamo liberati dal sodomitico fuoco e dalla mancanza di nerbo dei vescovi».

25 «Perché dici queste cose? Che significano? Perché mai tu che hai sempre squisite parole, non ti esprimi anche ora con eleganza? – Chi è nel dolore vomita la sua sofferenza a Dio, agli amici, ai genitori, ai vicini, agli stranieri; altrimenti, almeno a quanti verranno dopo all’esistenza».

26 «Furono queste le mie parole, ma quelli si misero a gracchiare, chi da una parte e chi dall’altra, assembramento di cornacchie attrezzato per un unico scopo, caotica torma di giovanotti, fucina di nuovo genere, turbine che si trascina dietro un polverone nel tumulto dei venti. A loro non avrebbe creduto conveniente concedere l’autorizzazione a parlare chiunque fosse maturo nel timore di Dio e nell’età; individui che tartagliano frasi sconnesse, o che, a guisa di vespe, si avventano dritti, tutti insieme, sul volto; e l’augusto senato andava loro dietro, tanto erano lontani dal richiamare i giovani al senno!» (La traduzione dell’Autobiografia è, qui e infra, quella di F. Trisoglio).

27 «Mai vidi alcun concilio ch’abbia avuto fausta conclusione o che abbia posto fine ai mali piuttosto che dar loro incremento».

28 «Tenere spesso adunanze, senza che si sia trovato il modo di mettere fine ai mali, anzi aggiungere tumulti a tumulti, è motivo d’un più grande disdoro, come tu stesso t’avvedi».

29 Un atteggiamento che ha riscontro anche in Sinesio di Cirene, almeno a quanto è possibile dedurre dalla Ep. 13, cfr. 17-20 Garzya-Roques: ἐπεὶ καὶ τῆς ἐνθάδε συνόδου (πλῆθος δὲ συχνῶν ἱερέων) συντυχία τις ἦν, ἣν νῦν καιρὸς ἤθροισεν ἐπιθεμένων ἡμῶν γράψαι πρὸς ὑμᾶς; in proposito, cfr. Criscuolo 2016, 15 n. 20.

30 «A fronte d’una nuova sinodo e d’una novella pugna, in mezzo a nemici che con solerzia scrutano ogni nostra mossa, porgi la tua mano alla comune quiete, dacché tu sei parte, neppur minima della Chiesa, e non tollerare che tutto si consumi nell’incendio che al presente attorno alla Chiesa divampa».

31 A proposito dell’uso di στασιάζω in Ep. 173, 6, N. Gómez-Villegas 2000, 193, osserva che «las discusiones teológicas y su dramatización por excelencia, los sínodos episcopales, constituían una de las principales canalizaciones de la violencia ciudadana en la Antigüedad Tardía».

32 Per le allusioni alla prassi teatrale all’interno dell’epistolario di Gregorio, cfr. Crimi 1981, 71.

33 «Viene recitata (ahimé!) una bella scena da teatro».

34 «Le sorti di Dio affidate ai dadi! O, piuttosto, una maschera da commedia messa tutt’a un tratto da una persona tra le più vili e meschine: e costui si presenta a noi come un novello uomo di fede!»

35 «Fui sopraffatto dall’invidia e mi raccolsi in me stesso, cedendo ad altri il dominio della Chiesa e la più che speciosa scena (per così dire, a causa di coloro che prendono facile sollazzo di ciò che non deve essere un trastullo)».

36 Cfr. Bernardi 1997, 223.

37 «Il teatro è aperto a tutti; una grande fiera è in atto: nemmeno uno se ne vada senza aver fatto i suoi affari. Qualora poi il gioco della sorte muti – non c’è nulla che sia soggetto a trasmutazioni più del momento opportuno – hai a disposizione la tua piccola abilità: la rappresentazione prosegue».

38 Cfr. ancora Bernardi 1997, 222. Sul ruolo giocato da interessi di tipo economico nella vicenda del concilio, cfr. Coulie 1985, in particolare 38.

39 «Ogni cosa per noi, con il divino ausilio, ha fausto corso, fuorché una, ed è l’apprensione che noi proviamo per via delle Chiese che versano in tale stato di tumulto. Quale che sia l’ausilio che ad esse potrai recare, non tardare con parole e atti a porti quale arbitro della comune concordia, a fronte d’una nuova sinodo di vescovi e del rinnovato timore d’essere noi anche al presente oggetto d’oltraggio, qualora la sinodo si concludesse come la precedente». Su Saturnino, cfr. Hauser-Meury 1960, 153s.

40 Cfr. Trisoglio 1986, 211 n. 16.

41 In proposito, cfr. Socr. Hist. Eccl. V 10.

42 Sul personaggio, pagano, destinatario dell’Ep. 1036 di Libanio, cfr. PLRE, s.v. Postumianus 3, 718s. Cfr. anche Fatouros-Krischer 1980 (Lib. Ep. 67, 170-173 e 445-449 per il relativo commento).

43 «Devi stimare che nulla convenga tanto alla tua carica (a fronte d’una nuova sinodo di vescovi, che non so bene per quale ragione né a qual fine si riuniscano) quanto rappacificare le Chiese, malgrado occorra usare più veemenza nel biasimare quanti sono in conflitto».

44 «Se a qualcuno sembra sia contrario alla norma che io, che pure ricusai certi affari, non ho cessato però di averne cura, ciò non desti in te meraviglia. Non cedemmo invero la retta dottrina come cedemmo invece gli alteri troni a quanti ne avevano brama; ma oggi ancor di più noi meritiamo fiducia, com’io credo che anche tu pensi, poiché non coltiviamo l’interesse privato ma quello comune».

45 «Si è zittita per voi la lingua malvagia e chiacchierona. Non si è arrestata del tutto, però: continuerà, infatti, a combattere per mezzo della mano e dell’inchiostro; ma per ora ci siamo azzittiti» (trad. C. Sani - M.Vincelli).

46 Cfr. Ep. 130, 4.

47 Cfr. Carm. II 1, 11, 1535 ss.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Assunta Iovine, « Gregorio di Nazianzo e i concili (alcune considerazioni sulle Epp. 130-136 e 173 Gallay) »Historika, 8 | 2018, 389-404.

Notizia bibliografica digitale

Assunta Iovine, « Gregorio di Nazianzo e i concili (alcune considerazioni sulle Epp. 130-136 e 173 Gallay) »Historika [Online], 8 | 2018, online dal 01 mars 2020, consultato il 03 août 2020. URL: http://journals.openedition.org/historika/323

Torna su

Autore

Assunta Iovine

susijov@hotmail.it

Torna su

Diritti d'autore

Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale (CC BY-NC-ND 4.0)-Creative Commons - Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International - CC BY-NC-ND 4.0

Torna su
  • Logo Celid
  • Logo Università degli Studi di Torino – Dipartimento di Studi Storici - Storia antica
  • Logo DOAJ
  • OpenEdition Journals