Navigazione – Mappa del sito
Sezione tematica: La città in frammenti

Una nuova attestazione del topos “le città sono gli uomini” (Eur. fr. 828 K) nel Ciclope euripideo (115-116)

Nadia Rosso
p. 471-484

Abstract

Il contributo indaga il celebre topos ‘le città sono gli uomini’ a partire da Alceo, prestando particolare attenzione alla gnome corrispondente al fr. 828 attribuito al Frisso euripideo. Il confronto del frammento con le precedenti attestazioni del topos permette non solo di contestualizzare il frammento, ma anche di ipotizzarne una datazione. Questa analisi rintraccia una nuova occorrenza del topos nel Ciclope euripideo ai vv. 115-116, dimostrando l’assenza di implicazioni militari nell’opposizione πόλις/ἐρημία.

Torna su

Testo integrale

Introduzione1

  • 1 Tale contributo nasce dalla stimolante riflessione suggerita dalla partecipazione in qualità di udi (...)

1A segnare la riflessione sulla definizione di πόλις nell’antichità concorre il fortunato topos che identifica la città con gli uomini, le cui differenti declinazioni nel corso dei secoli riflettono le valenze politico-ideologiche proprie di ciascun periodo storico.

  • 2 Longo 1974a, 216 individua «la matrice topica del verso di Alceo» in Hom. Il. XV 733-736, dove Aiac (...)
  • 3 Aristide XLVI 206 (= II 273 Dindorf) nel II sec. d.C. attribuisce esplicitamente l’inuentio del top (...)
  • 4 Il topos entra a far parte del repertorio convenzionale dei retori, a cui ricorrono ancora nel V se (...)

2Pur affondando le radici in Omero2, tale identificazione nel VI sec. a.C. viene espressa da Alceo in una forma memorabile, che darà inizio al ricorrente motivo letterario3, e, sotto forma di sentenza a carattere gnomico, attraverserà i secoli successivi, trovando particolare fortuna nei tragediografi di V sec. a.C. e in Tucidide, fino ad approdare alle scuole di retorica in veste di luogo convenzionale, a cui ricorrono ancora i retori di V sec. d.C.4

  • 5 Una particolare attenzione a questo topos è stata dedicata specificamente da Oddone Longo, che si è (...)

3Il topos è stato oggetto di numerosi studi in anni recenti: in particolare si è prestata attenzione al rapporto tra le attestazioni tucididea e sofoclea e al ruolo giocato nella fortuna del topos sul finire del V sec. a.C. da Nicia, che lo avrebbe utilizzato in un discorso pronunciato ai soldati5.

  • 6 Lardinois 1997, 216 si è occupato di tale topos come esempio di tema attorno a cui si creano divers (...)
  • 7 Cfr. Valckenaer 1767, 224-225 (parr. 216-217) che individua le principali attestazioni del topos a (...)
  • 8 A collegare il fr. 828 al topos sono quasi esclusivamente alcune edizioni delle tragedie frammentar (...)

4Lardinois6 ha studiato varie gnomai a riguardo, ma non ne cita alcuna euripidea, nonostante già Valckenaer7 avesse individuato una ripresa di tale tema nella gnome corrispondente al fr. 828 (αἱ γὰρ πόλεις εἴσἄνδρες, οὐκ ἐρημία), a cui la critica finora si è dedicata solo sporadicamente e marginalmente8, probabilmente per la natura frammentaria della sentenza e per le difficoltà di ricostruzione della trama della tragedia a cui appartiene, il Frisso. Ciò non stupisce dal momento che finora non è stata condotta una ricerca sistematica del topos in Euripide.

5Per colmare questo vuoto documentario, il presente contributo si propone l’obiettivo di indagare la ripresa del topos nel poeta tragico, mettendo a confronto la sola attestazione euripidea finora individuata, il citato fr. 828, con le restanti principali attestazioni da Alceo fino alla fine del V sec. a.C.

6Il lavoro mostrerà che l’opposizione πόλις/ἐρημία presente nel fr. 828 va interpretata nell’accezione di città/luogo solitario senza uomini, senza implicazioni militari, come nelle altre attestazioni, e che una ulteriore occorrenza, finora non individuata, del topos si trova in Cycl. 115-116, in un contesto umoristico.

La ripresa del topos in fr. 828

  • 9 Stobeo all’inizio del IV libro dell’Anthologion che contiene testi di carattere etico-politico prem (...)

7La sola attestazione euripidea in cui ricorre l’identificazione della città con gli uomini finora individuata è dunque il fr. 828, riportato da Stobeo in Anth. IV 1, 49. Così recita il frammento:

  • 10 Dal punto di vista filologico il frammento non presenta particolari problemi: om. S || αἱ γὰρ πόλει (...)

αἱ γὰρ πόλεις εἴσἄνδρες, οὐκ ἐρημία10
«le città infatti sono gli uomini, non un luogo solitario»

  • 11 Ciò avviene per la quasi totalità dei frammenti; ad eccezione dei due incipit (fr. 818c; fr. 819) l (...)
  • 12 Difficile è la ricostruzione delle trame delle due tragedie dal momento che si hanno troppo pochi e (...)
  • 13 Per i riferimenti alla carestia si vedano P. Oxy. 3652 συγκαλέσασα γὰρ τῶν [Θετταλῶν γ]υ̣να[ῖκας ὅρ (...)
  • 14 Di questo avviso Hartung 1844, 146 che, pur non citando in modo esplicito la carestia, vi allude co (...)
  • 15 Per i riferimenti all’allontanamento si vedano P. Oxy. 2455 ἐμμανεῖς γὰρ π[οιήσ̣α̣ς Δ[ι]όνυσος Φρίξ (...)

8Il frammento, trasmesso esclusivamente dai manoscritti MA, non è attestato altrove ed è attribuito da Stobeo genericamente al Frisso di Euripide (Εὐριπίδου Φρίξῳ), titolo di due tragedie euripidee omonime11: l’esiguità del frammento rende difficile determinare se la sentenza appartenga al Frisso A o al Frisso B e collocarla con sicurezza all’interno della trama di una delle due12. La sentenza potrebbe plausibilmente inserirsi nel contesto della carestia a cui si fa riferimento nell’hypothesis ascrivibile al Frisso A13 (come già in precedenza ipotizzato)14, ma si può forse tenere aperta la possibilità di un riferimento all’allontanamento di Frisso ed Elle dalla città ad un luogo isolato ad opera di Dioniso sulla base della presenza del termine ἔρημ[.]ν nell’hypothesis ascrivibile al Frisso B15.

  • 16 L’ipotesi maggiormente accreditata è che la persona loquens sia Ino, come sostenuto da Wagner 1846, (...)

9Chi ha collegato il frammento al contesto della carestia ha dunque inteso tale battuta come ammonimento rivolto ad Atamante al sopraggiungere della notizia del falso oracolo escogitato da Ino secondo cui l’unico rimedio alla carestia sarebbe il sacrificio di Frisso ed Elle. Sono state fatte ipotesi differenti sulla persona loquens: Ino, un cittadino, o un membro del coro16. Tuttavia, non sarebbe inverosimile pensare che sia Atamante stesso a pronunciare la sentenza per giustificarsi con i presenti una volta presa la sofferta decisione di compiere il sacrificio; tale ipotesi posticiperebbe la collocazione del frammento al momento immediatamente precedente al sacrificio. In assenza di ulteriori dati a sostegno o confutazione delle ipotesi menzionate, è però possibile interpretare il frammento in maniera più precisa, analizzandolo all’interno della storia del topos in esso riportato.

  • 17 Superflua la congettura di Nauck 1889, 630 πόλεις γάρ εἰσιν ἄνδρες, seppur elegante.
  • 18 Come evidenzia Lardinois 1997, 216 «Sometimes, however, one of the three terms is left out, replace (...)
  • 19 Cfr. supra n. 5.

10La gnome αἱ γὰρ πόλεις εἴσἄνδρες, οὐκ ἐρημία17 riprende il topos secondo lo schema X (πόλεις) = Y (ἄνδρες) ≠ Z (ἐρημία). Mentre gli elementi X e Y costituiscono la parte fissa del topos, seppur soggetti ad alcune variabili, l’elemento Z può essere omesso o variare pur rimanendo all’interno della medesima area tematica18. Vale la pena esaminare le occorrenze nella letteratura antica19.

  • 20 Cfr. supra n. 2.
  • 21 Come confermato dalla citazione del topos in Aristide e Libanio.

11La prima chiara attestazione del topos20 si ha in Alceo fr. 112.10 Voigt ἄνδρες γὰρ πόλι̣ο̣ς πύργος ἀρεύιοι «infatti gli uomini dediti ad Ares sono la rocca della città», il cui schema corrisponde a Y (ἄνδρεςἀρεύιοι) = X (πόλι̣ο̣ς πύργος), con rovesciamento d’ordine di X e Y rispetto al fr. 828 e assenza dell’elemento Z. I due termini dell’identità non sono assoluti, come nel caso del fr. 828, ma circoscritti ad un ambito specifico: non sono tutti gli uomini ma tra essi solo gli ἀρεύιοι ad essere non l’intera città ma il πύργος della città. Si intuisce facilmente la differente portata dei due frammenti: mentre il frammento di Alceo si inserisce in un contesto specificamente militare di difesa, di più ampia portata è il fr. 828, almeno secondo la porzione testuale trasmessaci. Infatti, sebbene in entrambi i casi non si possa avere certezza dell’effettiva assenza degli elementi mancanti nei versi immediatamente precedenti o successivi, è proprio il carattere gnomico delle due sentenze ad averne garantito la trasmissione21 e pertanto non c’è motivo di dubitare della completezza della riflessione.

  • 22 Il richiamo ad Alceo era già segnalato dagli Scholia in A. Pers. 349 ἀνδρῶν γὰρ ὄντων] Ἀλκαῖος Ἄνδρ (...)

12Il tema ha in seguito grande fortuna nel V sec. a.C., in particolare in ambito tragico. Nel 472 a.C. Eschilo nei Persiani al v. 349 mette in bocca al messaggero la battuta ἀνδρῶν γὰρ ὄντων ἕρκός ἐστιν ἀσφαλές «finché infatti ci sono gli uomini il muro di difesa è saldo», secondo il medesimo schema di Alceo (Y ἀνδρῶν ὄντων = X ἕρκόςἀσφαλές) e in analogo contesto22. La presenza degli uomini garantisce la difesa: anche in questo caso il termine πόλις, seppur menzionato da Atossa al v. 348 ἔτʼ ἆρʼ Ἀθηνῶν ἔστʼ ἀπόρθητος πόλις; «è forse ancora inespugnata la città di Atene?», non è centrale nella sentenza dove in luogo di πύργος “rocca” troviamo ἕρκος “muro di difesa”. Il contesto militare limita la prospettiva all’inespugnabilità o meno della città, non all’esistenza della stessa, come invece sembra presupporre il fr. 828.

13Sofocle nell’Edipo Re riprende il topos con formulazione negativa ai vv. 56-57, affermando: ὡς οὐδὲν ἐστιν οὔτε πύργος οὔτε ναῦς | ἔρημος ἀνδρῶν μὴ ξυνοικούντων ἔσω «dal momento che non sono di alcun valore né la rocca né la nave priva di uomini che vi risiedano all’interno».

  • 23 L’autenticità di tali versi è stata messa in discussione per la prima volta da Deventer 1851, 5 che (...)
  • 24 Per l’identificazione metaforica nave/stato si vedano Alc. fr. 208a, fr. 6, 1-4, fr. 73; Corpus The (...)
  • 25 La presenza di ἀσφαλείᾳ sembra qui un ulteriore richiamo al passo eschileo.

14Le parole sono rivolte a Edipo come avvertimento dal sacerdote di Zeus con la premessa che è preferibile governare su una terra ξὺν ἀνδράσιν «con uomini», piuttosto che κενῆς «vuota»23. Più articolata è qui l’elaborazione della sentenza: l’elemento X è come in Alceo il termine πύργος “rocca” a cui però si aggiunge ναῦς “nave”, termine che non solo rispecchia il periodo storico con ampliamento della linea difensiva al mare, ma che rievoca anche la nota metafora politica del condottiero della nave in tempesta24; mentre l’elemento Y ἀνδρῶν “di uomini”, accessorio all’elemento X, a cui è legato dall’aggettivo ἔρημος “privo”, diviene conditio sine qua non. Dunque la sentenza è riconducibile allo schema X (πύργοςναῦς) ἔρημος Y (ἀνδρῶν) = οὐδὲν. Si noti che, come in Eschilo, il termine πόλις, seppur presente al v. 51 ἀλλʼ ἀσφαλείᾳ τήνδʼ ἀνόρθωσον πόλιν «risolleva con fermezza questa città!»25, non è presente qui, ma è sostituito da γῆ “terra”; l’espressione ἔρημος ἀνδρῶν corrisponde al termine ἐρημία usato da Euripide in fr. 828.

  • 26 Per un confronto tra le due sentenze si veda Longo 1974-1975, 62-63. Sul topos in relazione al pass (...)
  • 27 Si noti la comune presenza del γάρ e la medesima formulazione negativa ≠ Z che segue l’affermativa.

15Tucidide VII 77, 7 ripropone poi il topos nell’incitamento finale che Nicia nel 413 a.C., dopo la sconfitta della flotta nel Porto Grande di Siracusa, avrebbe rivolto all’esercito ἄνδρες γὰρ πόλις, καὶ οὐ τείχη οὐδὲ νῆες ἀνδρῶν κεναί «gli uomini infatti sono la città, e non le mura né le navi vuote di uomini», in cui – con possibile allusione al passo sofocleo26 – ritorna lo schema Y (ἄνδρες) = X (πόλις) ≠ Z (τείχηνῆες ἀνδρῶν κεναί), la cui formulazione può considerarsi senz’altro quella che ha maggiori tratti in comune con fr. 82827. Dal confronto della sentenza tucididea con il fr. 828 emergono però le seguenti differenze: gli uomini tucididei sono gli stessi ἄνδρες ἀρεύιοι di Alceo, come facilmente deducibile da ἀνδρῶν che segue, mentre lo stesso non si può affermare per il fr. 828, dove l’espressione resta generica non solo per la mancanza del contesto, ma anche per l’elemento Z, che, come vedremo, non necessariamente ha implicazioni militari; in Tucidide il termine singolare πόλις si trova posposto ad ἄνδρες, come nelle precedenti attestazioni del topos, mentre in fr. 828 si trova il plurale πόλεις in prima posizione a enfatizzarne l’importanza; inoltre, mentre in fr. 828 tra i due termini si ha εἴσ’, in Tucidide il verbo essere è sottinteso e tra i due termini si ha γάρ; infine, mentre in Tucidide il termine Z è costituito dalla lunga perifrasi τείχη οὐδὲ νῆες ἀνδρῶν κεναί, che richiama la sofoclea ἔρημος ἀνδρῶν μὴ ξυνοικούντων ἔσω, in fr. 828 l’opposizione è sinteticamente ridotta ad un unico termine, ἐρημία “luogo disabitato”.

Una nuova attestazione euripidea del topos

  • 28 L’identificazione del topos non si trova né nelle edizioni commentate sette-ottocentesche del Ciclo (...)

16Nel Ciclope di Euripide troviamo un’attestazione finora dimenticata del topos discusso28: alla domanda di Odisseo al v. 115: τείχη δὲ ποῦ ʼστι καὶ πόλεως πυργώματα; «ma dove sono le mura e le torri della città?», Sileno risponde οὐκ ἔστʼ· ἔρημοι πρῶνες ἀνθρώπων, ξένε «non ce ne sono; solo montagne senza uomini, straniero». Nello scambio di battute si ritrovano tutti gli elementi costitutivi del topos: l’elemento X (τείχηπόλεως πυργώματα) è l’oggetto della domanda, mentre l’elemento Y (ἀνθρώπων) si trova negato nella risposta (ἔρημοι πρῶνες ἀνθρώπων), formulazione riconducibile allo schema X (τείχηπόλεως πυργώματα) = Y (ἀνθρώπων) ≠ Z (ἔρημοι πρῶνες ἀνθρώπων). La domanda insiste sull’aspetto militare della città: mura e torri. L’assenza di costruzioni con finalità militari corrisponde all’assenza di uomini e conseguentemente l’assenza di uomini corrisponde all’assenza di città. L’espressione del v. 116 ἔρημοι πρῶνες ἀνθρώπων «solo montagne senza uomini» offre una variante sinonimica dell’espressione sofoclea ἔρημος ἀνδρῶν. La suddivisione degli elementi individuati tra domanda e risposta presuppone una consapevolezza implicita del topos da parte di Sileno, che introduce con la risposta l’elemento mancante, ossia l’assenza di uomini, pur non essendo parte della domanda di Odisseo. Senza gli uomini non possono esserci le città.

17Euripide nel Ciclope adotta dunque la medesima formulazione negativa sofoclea, usa l’espressione ἔρημοιἀνθρώπων che altro non è che una uariatio dell’espressione sofoclea ἔρημος ἀνδρῶν, con richiamo al termine ἐρημία presente in fr. 828, rielabora l’espressione di Alceo πόλιος πύργος in πόλεως πυργώματα, e presenta il medesimo termine τείχη che si trova in Tucidide.

Una definizione per opposizione

18Nella definizione di città in fr. 828 un ruolo di rilievo è giocato dal termine in opposizione ἐρημία, condizione che può verificarsi non necessariamente a causa della guerra. Sebbene i tratti comuni con i passi di Sofocle e di Tucidide possano indurre a pensare che il termine ἐρημία altro non sia che la sintesi delle rispettive perifrasi, ἔρημος ἀνδρῶν μὴ ξυνοικούντων ἔσω (S. OT 57) e οὐ τείχη οὐδὲ νῆες ἀνδρῶν κεναί (Th. VII 77, 7), l’attestazione del Ciclope non garantisce che questa fosse l’accezione nel contesto di fr. 828.

  • 29 Tale dato, unitamente all’attestazione del Ciclope, concorre a confermare l’attribuzione a Euripide (...)
  • 30 Cfr. A. Pr. 2 Σκύθην ἐς οἶμον, ἄβατον εἰς ἐρημίαν nell’accezione di luogo inaccessibile e dunque so (...)
  • 31 Cfr. S. OC 956-957 ἐπεὶ | ἐρημία με, κεἰ δίκαι’, ὅμως λέγω, σμικρὸν τίθησι nel senso di mancanza di (...)
  • 32 Le occorrenze euripidee del termine in tale accezione sono: Alc. 944 μὲν γὰρ ἔνδον ἐξελᾷ μἐρημί (...)
  • 33 In questa accezione cfr. Supp. 1095-1096 κᾆτἐρημίαν ἴδω | πολλῶν μελάθρων. In tale senso di priva (...)

19Il termine ἐρημία ricorre ben ventuno volte in Euripide29, due in Eschilo (Pr. 2; fr. 394, 22 tetr. 36B)30 e una in Sofocle (OC 957)31. Da queste occorrenze si possono escludere i passi in cui il termine compare a indicare lo stato di solitudine individuale32, uso che può comportare l’autoesclusione di un personaggio dalla partecipazione alla vita della πόλις33, ma non la negazione della πόλις stessa. Si prestano invece all’opposizione πόλις/ἐρημία le due diverse accezioni di desolazione da un lato e di luogo variamente caratterizzato dall’assenza di uomini dall’altro lato.

  • 34 Da intendersi nella medesima accezione di solitudo nella locuzione latina ubi solitudinem faciunt, (...)
  • 35 Cfr. Eur. Tr. 26 ἐρημία γὰρ πόλιν ὅταν λάβῃ κακή.
  • 36 Cfr. Eur. Tr. 95-97 μῶρος δὲ θνητῶν ὅστις ἐκπορθεῖ πόλεις, | ναούς τε τύμβους θʼ, ἱερὰ τῶν κεκμηκότ (...)
  • 37 Cfr. Eur. Tr. 563-564 ἔν τε δεμνίοις | καράτομος ἐρημία.

20In sintonia con le altre attestazioni del topos si colloca apparentemente il significato di “desolazione” causata dalla guerra34, che in tale accezione compare tre volte nelle Troiane di Euripide, a indicare le conseguenze della distruzione della città: al v. 26 si ha la personificazione dell’ἐρημία definita κακή per la città, dal momento che se ne impossessa in riferimento alla sofferenza che causa sui culti divini35; al v. 97 in riferimento alle conseguenze sugli edifici di culto Poseidone definisce stolto chi distrugge le città ἐρημίᾳ δοὺς «abbandonando alla desolazione» i templi e le tombe36; infine al v. 564 il termine ricorre in riferimento alle macabre conseguenze sulle persone di cui restano teste mozzate37.

  • 38 Nel senso di luogo deserto per natura cfr. le occorrenze euripidee: Cycl. 622 Κύκλωπος λιπὼν ἐρημία (...)
  • 39 Nel senso di luogo isolato e appartato legato alla ritualità si vedano le occorrenze euripidee IT 1 (...)
  • 40 Cfr. Eur. Hec. 1017 τἄνδον δὲ πιστὰ κἀρσένων ἐρημία (cfr. Battezzato 2018, 211 «‘and a place where (...)
  • 41 Cfr. Eur. Ba. 874-875 ἡδομένα | βροτῶν ἐρημίαις. Per l’uso di ἐρημία con genitivo nel significato i (...)

21La più ampia e sfaccettata accezione di ἐρημία come “assenza di uomini”, “luogo solitario”, le cui sfumature variano in “territorio incontaminato”38, “posto appartato“ e “luogo isolato”39 sembra adeguarsi maggiormente al fr. 828 in assenza di termini con implicazioni militari. A tale categoria appartengono due occorrenze emblematiche del termine in cui il senso di isolamento si traduce esplicitamente in assenza umana: nell’Ecuba al v. 1017 Polimestore è alla ricerca di un posto sicuro e κἀρσένων ἐρημία «senza uomini»40; similmente nelle Baccanti al v. 875 il Coro ricorre nella similitudine della cerbiatta all’espressione βροτῶν ἐρημίαις «senza mortali», a definire ciò che allieta l’animale41. In entrambi i casi il genitivo specifica l’assenza di uomini, che siano essi di genere maschile come nel caso dell’Ecuba o genericamente mortali come nel caso delle Baccanti.

Conclusioni

  • 42 Seaford 1982, 171, dopo aver condotto una precisa analisi metrica del dramma satiresco da cui ricav (...)
  • 43 Cfr. Finglass 2018, 3: «Splitting the difference puts us in the 430s; if forced to name a specific (...)
  • 44 Non si ritiene possibile, al contrario di Longo 1974-1975, determinare il rapporto tra Nicia, Sofoc (...)
  • 45 Arnim 1882, 83. Di diversa opinione Wilamowitz 1875, 175-176 che sostiene una datazione della trage (...)
  • 46 Schmid 1929, 598.
  • 47 Longo 1974-1975, 74 non distingue tra Frisso A e Frisso B.
  • 48 Per l’interpretazione del fr. 828 in relazione alla carestia si veda supra n. 13.
  • 49 Van Looy 1964, 176-178 e Webster 1967, 135-136 inseriscono la carestia nella ricostruzione della tr (...)
  • 50 Cropp - Fick 1985, 70; 88. Webster colloca il Frisso B tra il 422 e il 417 a.C.

22L’individuazione del topos nel Ciclope può suggerire una compatibilità cronologica: infatti, la proposta di datazione di Seaford42 del dramma satiresco tra gli anni della spedizione ateniese in Sicilia e il 408 a.C. può trovare qui ulteriore conferma dal momento che il topos sembra avere un periodo di particolare fortuna sul finire del V sec. a.C., successivamente alla rappresentazione dell’Edipo Re – vista la uariatio ἔρημοιἀνθρώπων euripidea dell’espressione sofoclea ἔρημος ἀνδρῶν – forse databile, secondo Finglass, tra il 440 e il 420 a.C.43, e, prestando fede a Tucidide, alla ripresa del topos da parte di Nicia in un discorso ai soldati durante la spedizione in Sicilia del 413 a.C., prima della ritirata44. La presenza del medesimo topos in una delle due tragedie intitolate Frisso potrebbe forse suggerire per l’opera una datazione analoga, proposta già avanzata genericamente per il Frisso che, prima del rinvenimento della seconda hypothesis, era erroneamente considerato un unico dramma: Arnim45 ascrive la tragedia al periodo immediatamente successivo alla spedizione in Sicilia per l’utilizzo del meccanismo drammaturgico di ritardare lo svelamento della propria identità da parte di un personaggio; successivamente Schmid46 sostiene la medesima datazione sulla base delle tematiche comuni alle tragedie di Euripide di questo periodo. La datazione è accolta per il Frisso da Longo47 proprio sulla base delle analogie del fr. 828 con Th. VII 77.7 e S. OT 56-7. La suggestione di una possibile analogia con Sofocle, che inserisce il topos nel contesto dell’iniziale peste-carestia di Tebe, sembra suggerire la contestualizzazione del frammento in riferimento all’ἀκαρπία48 menzionata nella hypothesis del Frisso A. Dunque, sebbene sia difficile determinare con certezza a quale delle due tragedie omonime il frammento appartenga, per una delle due – stando alle ricostruzioni proposte da Van Looy e da Webster il Frisso B49 – si può sostituire alla datazione generica di Cropp - Fick «any (or 455-ca. 416?)»50 una datazione più tarda, il cui terminus post quem può ragionevolmente coincidere con l’arco cronologico in cui si colloca plausibilmente la datazione del Ciclope.

Torna su

Bibliografia

Alasia 1944: B. Alasia, Euripide. Il Ciclope, Torino.

Ammendola 1952: G. Ammendola, Euripide. Il Ciclope, Firenze.

Arnim 1882: H. von Arnim, De prologorum Euripideorum arte et interpretatione, Gryphiswald.

Battezzato 2018: L. Battezzato, Euripides, Hecuba, Cambridge.

Biehl 1986: W. Biehl, Euripides Kyklops, Heidelberg.

Collard - Cropp 2008: C. Collard - M. Cropp, Euripides, Fragments Oedipus-Chrysippus. Other Fragments, Cambridge.

Corti 2014: E. Corti, La città in uno sguardo: la polis eusynoptos in Aristotele, in La Città com’era, com’è e come la vorremmo, a c. di E. Corti, Pavia, 49-59.

Croally 1994: N.T. Croally, Euripidean Polemic. The Trojan Women and the Function of Tragedy, Cambridge.

Cropp - Fick 1985: M. Cropp - G. Fick, Resolutions and Chronology in Euripides. The Fragmentary Tragedies, London.

Deventer 1851: L.G. van Deventer, Specimen litterarium inaugurale de interpolationibus quibusdam in Sophoclis tragoediis, Leiden.

Finglass 2018: P.J. Finglass, Sophocles, Oedipus the King, Cambridge.

Grégoire 1948: H. Grégoire, La date du Cyclope d’Euripide, «AC» 17, 269-284.

Hartung 1844: I.A. Hartung, Euripides restitutus sive scriptorium Euripidis ingeniique censura, quam faciens fabulas quae exstant explanavit examinavitque, earum quae interierunt reliquias composuit atque interpretatus est, omnes quo quaeque ordine natae esse videntur disposuit et vitam scriptoris enarravit, volumen alterum, Hamburgi.

Hermann 1888: G. Hermann, Euripidis Cyclops, Lipsiae.

Höpfner 1789: I.G.C. Höpfner, Euripidis Cyclops Graece, Lipsiae.

Hornblower 2008: S. Hornblower, A Commentary on Thucydides. Volume III. Books 5.25-8.109, Oxford.

Jouan - Van Looy 2002: F. Jouan - H. van Looy, Tragédies: Fragments. Sthénébée - Chrysippos, Paris.

Kannicht 2004: R. Kannicht, Tragicorum Graecorum Fragmenta: Euripides, vol. 5.2, Göttingen.

Lardinois 1997: A. Lardinois, Modern Paroemiology and the Use of Gnomai in Homer’s Iliad, «CPh» 92, 213-234.

Long 1891: W.E. Long, Euripides Cyclops, Oxford.

Longo 1974a: O. Longo, Ad Alceo 112,10 L.-P. Per la storia di un topos, «Bollettino dell’Istituto di Filologia Greca dell’Università di Padova» 1, 211-228.

Longo 1974b: O. Longo, Atene fra polis e territorio. In margine a Tucidide I 143, 5, «SIFC» 46, 5-21.

Longo 1974-1975: O. Longo, Edipo e Nicia: Sofocle O.T. 56-57/Tucidide VII 77.7, in Atti e memorie dell’Accademia patavina di Scienze Lettere ed Arti già Accademia dei Ricovrati, volume LXXXVII parte 3, Memorie della Classe di Scienze morali Lettere ed Arti, LXXXVII parte III, 61-76.

Longo 1975: O. Longo, La polis, le mura, le navi (Tucidide VII, 77,7), «QS» 1, 87-113.

Mancini 1928: A. Mancini, Euripide. Il Ciclope, Firenze.

Meccariello 2014: C. Meccariello, Le hypotheseis narrative dei drammi euripidei: testo, contesto, fortuna, Roma.

Millett 1998: P. Millett, Encounters in the Agora, in Kosmos. Essays in Order, Conflict and Community in Classical Athens, ed. by P. Cartledge - P. Millett - S. von Reden (eds.), Cambridge, 202-228.

Nauck 1889: A. Nauck, Tragicorum Graecorum Fragmenta, editio secunda, Lipsiae.

O’Sullivan - Collard 2013: P. OʼSullivan - C. Collard, Euripides, Cyclops and Major Fragments of Greek Satyric Drama, Oxford.

Paduano 2005: G. Paduano, Euripide. Il Ciclope, Milano.

Pozzoli - Zanetto 2004: O. Pozzoli - G. Zanetto, Eschilo, Sofocle, Euripide, Drammi satireschi, Milano.

Reeve 1970: M.D. Reeve, Some interpolations in Sophocles, «GRBS» 11, 283-293.

Rood 1998: T. Rood, Thucydides Narrative and Explanation, Oxford.

Schadewaldt 1928: W. Schadewaldt, Zum Phrixos des Euripides, «Hermes» 63, 1-14.

Schmid 1929: W. Schmid, Geschichte der Griechischen Litteratur, III, München.

Schmidt 1871: M. Schmidt, Sophoclis Oedipus Tyrannus, Ienae.

Seaford 1982: R. Seaford, The Date of Euripides’ Cyclops, «JHS» 102, 161-172.

Seaford 1984: R. Seaford, Euripides, Cyclops, Oxford.

Shaw 2018: C.A. Shaw, Euripides, Cyclops: a satyr play, London.

Smith 1923: C. Smith, Thucydides, History of the Peloponnesian War, Cambridge-London.

Ussher 1978: R.G. Ussher, Euripides, Cyclops, Roma.

Valckenaer 1767: L.C. Valckenaer, Diatribe in Euripidis perditorum dramatum reliquias, Lugduni Batavorum.

Van Looy 1964: H. van Looy, Zes verloren tragedies van Euripides. Studie met kritische uitgave en vertaling der fragmenten, Brussel.

Voigt 1971: E.M. Voigt, Sappho et Alcaeus fragmenta, Amsterdam.

Wagner 1846: F.G. Wagner, Fragmenta Euripidis perditorum tragicorum omnium, Parisiis.

Webster 1967: T.B.L. Webster, The Tragedies of Euripides, London.

Wecklein 1898: N. Wecklein, Euripidis Cyclops, Lipsiae.

Wilamowitz-Moellendorff 1875: U. von Wilamowitz-Moellendorff, Analecta Euripidea, Berolini.

Zielinski 1925: T. Zielinski, Tragodumenon libri tres, Cracoviae.

Torna su

Note

1 Tale contributo nasce dalla stimolante riflessione suggerita dalla partecipazione in qualità di uditrice al ciclo di seminari La città in frammenti organizzati da Gabriella Vanotti che desidero ringraziare. Sono inoltre grata a Luigi Battezzato per i suoi preziosi consigli. Desidero, infine, ringraziare i due revisori anonimi per le indicazioni suggerite. La responsabilità di quanto viene qui pubblicato è comunque mia.

2 Longo 1974a, 216 individua «la matrice topica del verso di Alceo» in Hom. Il. XV 733-736, dove Aiace esorta i Danai a continuare a combattere, nonostante abbiano ormai perduto la palizzata di difesa delle navi, con le parole φίλοι ἥρωες Δαναοί, θεράποντες Ἄρηος, | ἀνέρες ἔστε, φίλοι, μνήσασθε δὲ θούριδος ἀλκῆς | ἠέ τινάς φαμεν εἶναι ἀοσσητῆρας ὀπίσσω, | ἦέ τι τεῖχος ἄρειον, κἀνδράσι λοιγὸν ἀμύναι; come il più importante tra i richiami testuali già segnalati da Voigt 1971, 219 «cf. Δ 407 Ο 736 τεῖχος ἄρειον, sed Ν 499 ἄνδρες ἀρήϊοι», non solo per la presenza di tutti gli elementi lessicali che costituiranno il topos in Alceo, ma soprattutto perché «l’identificazione metaforica ἄνδρες / πόλιος πύργος vi è già contenuta in nuce».

3 Aristide XLVI 206 (= II 273 Dindorf) nel II sec. d.C. attribuisce esplicitamente l’inuentio del topos ad Alceo: ὃν πάλαι μὲν Ἀλκαῖος ποιητὴς εἶπεν, ὕστερον δὲ οἱ πολλοὶ παραλαβόντες ἐχρήσαντο, ὡς ἄρα οὐ λίθοι οὐδὲ ξύλα οὐδὲ τέχνη τεκτόνων αἱ πόλεις εἶεν, ἀλλὅπου ποτἂν ὦσιν ἄνδρες αὑτοὺς σῴζειν εἰδότες, ἐνταῦθα καὶ τείχη καὶ πόλεις.

4 Il topos entra a far parte del repertorio convenzionale dei retori, a cui ricorrono ancora nel V sec. d.C. come attesta Libanio XXXV 11 (= III 215 Förster): ὅταν οὖν ἀκούητε λεγόντων, ὠς οἰ μὲν ἦσαν πύργοι τῆς πόλεως.

5 Una particolare attenzione a questo topos è stata dedicata specificamente da Oddone Longo, che si è occupato della ricostruzione della sua storia in Longo 1974a, della sua ripresa in Th. I 143, 5 in Longo 1974b, della sua ripresa in Th. VII 77, 7 in Longo 1975, del rapporto tra Sofocle e Nicia in relazione alla ripresa di questo topos in S. OT 56-57 e Th. VII 77, 7 in Longo 1974-1975, contenente anche un’appendice sulla fortuna della sentenza tucididea nei secoli successivi. Sul topos si vedano anche Croally 1994, 168; Millett 1998, 205; e Corti 2014, 49-50.

6 Lardinois 1997, 216 si è occupato di tale topos come esempio di tema attorno a cui si creano diverse gnomai.

7 Cfr. Valckenaer 1767, 224-225 (parr. 216-217) che individua le principali attestazioni del topos a partire da Alceo.

8 A collegare il fr. 828 al topos sono quasi esclusivamente alcune edizioni delle tragedie frammentarie di Euripide: Nauck 1889, 630; Van Looy 1964, 146; Jouan - Van Looy 2002, 368; Kannicht 2004, 872; Collard - Cropp 2008, 455. Ad esse si aggiungono il paragrafo seppur marginale dedicato al frammento euripideo da Longo 1974-1975, 73-74, che nella parte conclusiva del contributo individua tre casi affini a S. OT 56-57 e Th. VII 77, 7 (Th. I 140, 1; Th. I 143, 5; e il fr. 828), e il breve cenno in nota in Longo 1975, 113. Il fr. 828 è inoltre citato nell’edizione di Tucidide di Smith 1923, 159, mentre non viene citato nell’edizione di Tucidide di Hornblower 2008, 720 e neppure nella recente edizione dell’Edipo Re di Sofocle di Finglass 2018, 185, in quanto meno strettamente collegato con le problematiche interpretative discusse nei commenti.

9 Stobeo all’inizio del IV libro dell’Anthologion che contiene testi di carattere etico-politico premette al fr. 828 altri tre passi euripidei: Ph. 1015-1018; Phaet. fr. 784; Phaet. 774.

10 Dal punto di vista filologico il frammento non presenta particolari problemi: om. S || αἱ γὰρ πόλεις εἴσ’ Gesner: αἱ γάρ πόλεις εἰσὶν MA, πόλεις γὰρ εἰσιν Nauck 1889 || ἐρημία MA: οἰκήματα Nauck 1889 |||.

11 Ciò avviene per la quasi totalità dei frammenti; ad eccezione dei due incipit (fr. 818c; fr. 819) la cui specifica attribuzione si deve alle due hypotheseis, l’unico caso di attribuzione specifica ad uno dei due drammi è il fr. 820a introdotto nell’Etymologicum Genuinum dalle parole Εὐριπίδης Φρίξῳ δευτέρῳ; bisogna però tenere presente la possibile confusione testimoniata da Tzetzes dovuta alla probabile circolazione delle due tragedie con una diversa numerazione, per ordine cronologico di messa in scena e per ordine di sequenza di azioni (cfr. Webster 1967, 131).

12 Difficile è la ricostruzione delle trame delle due tragedie dal momento che si hanno troppo pochi elementi a disposizione: oltre ai frammenti si hanno le due hypotheseis e le sole testimonianze di Apollodoro (Bibl. I 9, 1) e di Igino (Fab. 2-3). Di conseguenza, la maggior parte degli editori assume un atteggiamento estremamente cauto includendo la sentenza nell’ampia sezione dedicata ai frammenti di dubbia appartenenza al Frisso A o al Frisso B (Van Looy 1964, 146; Jouan - Van Looy 2002, 368; Kannicht 2004, 872; e Collard - Cropp 2008, 454-455). Webster 1967, 135 invece attribuisce il frammento alla parodo del Frisso B, in accordo alla ricostruzione ipotizzata da Van Looy 176-178.

13 Per i riferimenti alla carestia si vedano P. Oxy. 3652 συγκαλέσασα γὰρ τῶν [Θετταλῶν γ]υ̣να[ῖκας ὅρκοις κατησφαλ̣[ίσατο φρύγειν σπέρμα πύρινον ἐπὶ τὴν χε̣[ιμερινὴν σποράν· τῆς δὲ ἀκαρπίας ⟦αγε̣.[ (Kannicht 2004, 862), Apollod. Bibl. I 9, 1 Ἰνὼ δὲ τοὺς πεμφθέντας ἀνέπεισε λέγειν ὡς εἴη κεχρησμένον παύσεσθαι τὴν ἀκαρπίαν, ἐὰν σφαγῇ Διὶ Φρίξος, e Hygin. Fab. II 1 cum sterilitas et penuria frugum esset, ciuitas tota partim fame, partim morbo interiret e II 2 si Phrixum immolasset Ioui, pestilentiae fore finem.

14 Di questo avviso Hartung 1844, 146 che, pur non citando in modo esplicito la carestia, vi allude con tale considerazione: «Quaerit, num exstinctis civibus regnum suum constare posse opinetur». Similmente, Wagner 1846, 821 inserisce tale verso nel contesto dell’opera di convincimento di Atamante «ne rei frumentariae inopia patriam viris orbam fieri sinat». Anche Schadewaldt 1928, 11 intende il fr. 828 in relazione ai pericoli della carestia. Successivamente Van Looy 1964, 146 si allinea a tale posizione situando tale verso – un avviso rivolto al re delle conseguenze della carestia – dopo l’annuncio del falso oracolo a seguito dell’iniziale rifiuto di Atamante a compiere il sacrificio tra l’insistenza della gente dal momento che «Als het offer niet gebracht wordt, zullen allen sterven: over wie zal hij dan nog regeren? Over steden zonder inwoners?». Tale posizione è confermata anche in Jouan - Van Looy 2002, 368: «Comme le fr. précédent celui-ci est adressé à Athamas qui s’obstine à refuser le sacrifice de son fils. “Si la famine se prolonge, tu régneras sur une ville sans habitants”». Recentemente anche Collard - Cropp 2008, 455 specificano che si intende la città di Atamante «if its inhabitants die of starvation».

15 Per i riferimenti all’allontanamento si vedano P. Oxy. 2455 ἐμμανεῖς γὰρ π[οιήσ̣α̣ς Δ[ι]όνυσος Φρίξον τε κ̣αὶ Ἕλλην̣ τ̣̣[ν ἀδε[λ]φ̣[]ν προηγάγετο εἰς τὴν ἔρημ̣[ο]ν [ς] π̣α̣ρ̣ανάλωμ̣α τῶν μαινάδων̣ π̣ο̣ι̣ήσων (Meccariello 2014, 340-341, che specifica «la sequenza χω[, scritta in corpo minore sotto ἔρημ̣[ο]ν, è interpretata concordemente come χώ[ραν. Sono accettabili sia εἰς τὴν ἔρημον/ἐρήμην χώραν (cfr. Hdt. 2.31, 4.12) sia il semplice εἰς τὴν ἔρημον/ἐρήμην (cfr. Hdt. 4.18, Ael. NA 7.48, 3.26). In quest’ultimo caso, χώ[ραν potrebbe essere una glossa, ma la posizione del termine sotto la parola che precisa suggerisce piuttosto che si tratti di un’aggiunta esplicativa, intesa come parte del testo» e Hygin. Fab. III 1 Phrixus et Helle insania a Libero obiecta cum in silua errarent.

16 L’ipotesi maggiormente accreditata è che la persona loquens sia Ino, come sostenuto da Wagner 1846, 821 «Ino hoc versu Athamantem cohortari videtur» e da Collard - Cropp 2008, 455 «The speaker (Ino again, as in fr. 826?)». Van Looy 1964, 146 lascia aperte più possibilità affermando «Deze woorden kunnen alleen passen in de mond van iemand die de koning Athamas verwittigt voor de gevolgen van de hongersnood», circoscrivendo successivamente tre possibilità in Jouan - Van Looy 2002, 368 «Ino ou le représentant du peuple ou le coryphée». Webster 1967, 135 invece attribuisce la battuta al coro: «Orchomenian women (?) pray for release from the plague (in this context fr. 828N2)». Stranamente, nessuno ipotizza che a pronunciare tale battuta possa essere il satelles complice di Ino, nonostante il frammento venga inserito all’interno dell’abile opera di persuasione di Atamante al compimento del sacrificio.

17 Superflua la congettura di Nauck 1889, 630 πόλεις γάρ εἰσιν ἄνδρες, seppur elegante.

18 Come evidenzia Lardinois 1997, 216 «Sometimes, however, one of the three terms is left out, replaced by a synonym, or a circumlocution. In fifth-century Athens, significantly, ships are added to the equation: ὡς οὐδέν ἐστιν οὔτε ναῦς / ἐρῆμος ἀνδρῶν μὴ ξυνοικούντων ἔσω (Soph. OT 56-57); ἄνδρες γὰρ πόλις, καὶ οὐ τείχη οὐδὲ νῆες ἀνδρῶν κεναί (Th. 7.77.7). This shows that even the underlying themes can be subject to change».

19 Cfr. supra n. 5.

20 Cfr. supra n. 2.

21 Come confermato dalla citazione del topos in Aristide e Libanio.

22 Il richiamo ad Alceo era già segnalato dagli Scholia in A. Pers. 349 ἀνδρῶν γὰρ ὄντων] Ἀλκαῖος Ἄνδρες γὰρ πόλεως πύργος ἀρεύϊος.

23 L’autenticità di tali versi è stata messa in discussione per la prima volta da Deventer 1851, 5 che ha espunto i vv. 54-57, oltre che per il carattere tautologico in particolare dei vv. 56-57, proprio sulla base di questa inelegante opposizione ξὺν ἀνδράσιν/κενῆς; successivamente sono stati espunti esclusivamente i vv. 56-57 da Schmidt 1871, 11 per la loro omissione in K, mentre da Reeve 1970, 289-290 per l’inadeguatezza dell’accostamento πύργος e ναῦς. A riguardo concordo con Finglass 2018, 184-185 che, dopo aver affermato «The formal redundancy in the final line is typically Sophoclean: cf. 221, Aj. 463-5n.», argomenta «Reeve’s [i.e. l’obiezione di Reeve] is subjective, but might be right. Line 55 would be an effective ending, with its grim understatement that a populated city is ‘better, fairer’ than an empty one; by contrast, 56-7 seem rather wordy, and in particular it is hard to see what the πύργος and ναῦς are doing here. But overall the case is insufficient to justify deletion».

24 Per l’identificazione metaforica nave/stato si vedano Alc. fr. 208a, fr. 6, 1-4, fr. 73; Corpus Theognideum vv. 671-680; Archiloco fr. 105 West; e in particolare per la metafora del nocchiero della nave cfr. A. Sept. vv. 1-3; Plat. Polit. 297a; Polib. VI 44, 3-7; Dion. LII 16, 3-4; Hor. Od. I 14. In questa ottica l’accostamento πύργος e ναῦς risulta a mio giudizio meno inappropriato, come se Sofocle guardasse ad Alceo non solo per il topos della città ma anche per la metafora politica della nave.

25 La presenza di ἀσφαλείᾳ sembra qui un ulteriore richiamo al passo eschileo.

26 Per un confronto tra le due sentenze si veda Longo 1974-1975, 62-63. Sul topos in relazione al passo tucidideo si veda Rood 1998, 196.

27 Si noti la comune presenza del γάρ e la medesima formulazione negativa ≠ Z che segue l’affermativa.

28 L’identificazione del topos non si trova né nelle edizioni commentate sette-ottocentesche del Ciclope (cfr. Höpfner 1789, 56-57; Hermann 1888, 14; Long 1891, 8-9; e Wecklein 1898, 31), né scolastiche novecentesche (cfr. Mancini 1928, 18; Alasia 1944, 49; e Ammendola 1952, 23-24), e neppure nelle edizioni con commento più recenti (cfr. Ussher 1978, 56; Seaford 1984, 124; Biehl 1986, 95-96; Pozzoli 2004, 266-267; Paduano 2005, 64-65; O’Sullivan - Collard 2013, 146-147; e Shaw 2018, 40).

29 Tale dato, unitamente all’attestazione del Ciclope, concorre a confermare l’attribuzione a Euripide di Stobeo.

30 Cfr. A. Pr. 2 Σκύθην ἐς οἶμον, ἄβατον εἰς ἐρημίαν nell’accezione di luogo inaccessibile e dunque solitario e fr. 394, 22 tetr. 36B δὲ νόσος τοῦ Φιλοκτήτου καὶ κάκωσις καὶ τὸ ἐν ἐρημίᾳ βεβιωκέναι τὸν μεταξὺ χρόνον οὐκ ἀδύνατον τοῦτο ἐποίε con il significato di solitudine.

31 Cfr. S. OC 956-957 ἐπεὶ | ἐρημία με, κεἰ δίκαι’, ὅμως λέγω, σμικρὸν τίθησι nel senso di mancanza di aiuto.

32 Le occorrenze euripidee del termine in tale accezione sono: Alc. 944 μὲν γὰρ ἔνδον ἐξελᾷ μἐρημία, Med. 50-51 τί πρὸς πύλαισι τήνδἄγουσἐρημίαν | ἕστηκα, Androm. 569-570 ἀλλὰ τὴν ἐμὴν ἐρημίαν | γνόντες τέκνου τε τοῦδ’, El. 510 καὶ προσπεσὼν ἔκλαυσἐρημίας τυχών, Ion 791 ἐρημίᾳ δὀρφανοὺς δόμους οἰκήσω, Ba. 609 ὡς ἐσεῖδον ἀσμένη σε, μονάδἔχουσἐρημίαν.

33 In questa accezione cfr. Supp. 1095-1096 κᾆτἐρημίαν ἴδω | πολλῶν μελάθρων. In tale senso di privazione della comunità ricorre anche l’espressione ἐγὼ δʼ ἔρημος ἄπολις in Med. 255 in antitesi rispetto ai due versi precedenti σοὶ μὲν πόλις θʼ ἥδἐστὶ καὶ πατρὸς δόμοι | βίου τὄνησις καὶ φίλων συνουσία.

34 Da intendersi nella medesima accezione di solitudo nella locuzione latina ubi solitudinem faciunt, pacem appellant in Tac. Agric. XXX 4, come suggeritomi da Luigi Battezzato.

35 Cfr. Eur. Tr. 26 ἐρημία γὰρ πόλιν ὅταν λάβῃ κακή.

36 Cfr. Eur. Tr. 95-97 μῶρος δὲ θνητῶν ὅστις ἐκπορθεῖ πόλεις, | ναούς τε τύμβους θʼ, ἱερὰ τῶν κεκμηκότων, | ἐρημίᾳ δοὺς αὐτὸς ὤλεθʼ ὕστερον.

37 Cfr. Eur. Tr. 563-564 ἔν τε δεμνίοις | καράτομος ἐρημία.

38 Nel senso di luogo deserto per natura cfr. le occorrenze euripidee: Cycl. 622 Κύκλωπος λιπὼν ἐρημίαν, in riferimento al luogo in cui vive Polifemo, e Ba. 1176 πόθεν ἐρημίας;, la cui risposta è il Citerone.

39 Nel senso di luogo isolato e appartato legato alla ritualità si vedano le occorrenze euripidee IT 1197 ἐρημίας δεῖ· καὶ γὰρ ἄλλα δράσομεν, Ba. 222-223 ἄλλην δἄλλοσεἰς ἐρημίαν | πτώσσουσαν εὐναῖς ἀρσένων ὑπηρετεῖν, Andr. 752 ὅρα δὲ μὴ νῷν εἰς ἐρημίαν ὁδοῦ, Hec. 981 χωρεῖτ’· ἐν ἀσφαλεῖ γὰρ ἥδἐρημία (cfr. Battezzato 2018, 207 «‘isolation’, helpful in deception scenes; see 1017 e IT 1197»).

40 Cfr. Eur. Hec. 1017 τἄνδον δὲ πιστὰ κἀρσένων ἐρημία (cfr. Battezzato 2018, 211 «‘and a place where there are no men’. Pind. Isthm. 2. 33 οὐ γὰρ πάγος οὐδὲ προσάντης ἁ κέλευθος γίνεται offers a syntactic parallel for the coupling of adjective and noun as predicative elements»).

41 Cfr. Eur. Ba. 874-875 ἡδομένα | βροτῶν ἐρημίαις. Per l’uso di ἐρημία con genitivo nel significato invece di liberazione e privazione cfr. Eur. Her. 1157 ποῖ κακῶν έρημίαν | εὕρω e fr. 13, 6 Page νέμουσι δ’ οἴκους καὶ τὰ ναυστολούμενα | ἔσω δόμων σώιζουσιν, οὐδ’ ἐρημίαι | γυναικὸς οἶκος εὐπινὴς οὐδ’ ὄλβιος.

42 Seaford 1982, 171, dopo aver condotto una precisa analisi metrica del dramma satiresco da cui ricava come periodo di datazione l’arco temporale compreso tra il 412 e il 408 a.C., sulla base di un’attenta analisi stilistico-letteraria afferma: «To conclude, it is very probable that the Cyclops was written after the production of Thesmophoriazusae in 411 BC, in the last five years of Euripides’ life, most likely in 409 BC to be produced along with Orestes in 408 BC». Per una discussione sulla datazione del Ciclope cfr. anche Grégoire 1948, Ussher 1978, 193-204, e O’Sullivan - Collard 2013, 39-41 con relativa bibliografia.

43 Cfr. Finglass 2018, 3: «Splitting the difference puts us in the 430s; if forced to name a specific decade, this is the one I would go for, but a date in the 440s or 420s would not surprise».

44 Non si ritiene possibile, al contrario di Longo 1974-1975, determinare il rapporto tra Nicia, Sofocle e Tucidide.

45 Arnim 1882, 83. Di diversa opinione Wilamowitz 1875, 175-176 che sostiene una datazione della tragedia tra il 430 e il 425 a.C. e Zielinski, 1925, 238 per il quale invece è possibile una datazione tra il 455 e il 428 a.C.

46 Schmid 1929, 598.

47 Longo 1974-1975, 74 non distingue tra Frisso A e Frisso B.

48 Per l’interpretazione del fr. 828 in relazione alla carestia si veda supra n. 13.

49 Van Looy 1964, 176-178 e Webster 1967, 135-136 inseriscono la carestia nella ricostruzione della trama del Frisso B, mentre Kannicht 2004, 856 e Collard - Cropp 2008, 424-425 mantengono un atteggiamento più cauto.

50 Cropp - Fick 1985, 70; 88. Webster colloca il Frisso B tra il 422 e il 417 a.C.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Nadia Rosso, « Una nuova attestazione del topos “le città sono gli uomini” (Eur. fr. 828 K) nel Ciclope euripideo (115-116) »Historika, 9 | 2019, 471-484.

Notizia bibliografica digitale

Nadia Rosso, « Una nuova attestazione del topos “le città sono gli uomini” (Eur. fr. 828 K) nel Ciclope euripideo (115-116) »Historika [Online], 9 | 2019, online dal 01 avril 2020, consultato il 04 août 2020. URL: http://journals.openedition.org/historika/355

Torna su

Autore

Nadia Rosso

nadia.rosso@uniupo.it

Torna su

Diritti d'autore

Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale (CC BY-NC-ND 4.0)-Creative Commons - Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International - CC BY-NC-ND 4.0

Torna su
  • Logo Celid
  • Logo Università degli Studi di Torino – Dipartimento di Studi Storici - Storia antica
  • Logo DOAJ
  • OpenEdition Journals