Navigazione – Mappa del sito
Sezione tematica: La città in frammenti

Introduzione alla sezione tematica

Gabriella Vanotti
p. 399

Testo integrale

1I contributi raccolti in questo nucleo tematico della rivista Historikà 2019 sono stati discussi nell’ambito di un ciclo di seminari dal titolo «La città in frammenti», tenutisi nel corso del 2018 presso l’Università del Piemonte Orientale, nell’ambito del corso magistrale di Storia Greca.

  • 1 Vd. in proposito l’efficace sintesi offerta da A. Visconti, Fragmenta Historica. Problemi aperti e (...)

2La città in questione è Atene, dunque i lavori qui raccolti riguardano aspetti della storia istituzionale, politica ed evenemenziale della polis attica e dei suoi leaders, analizzati o ricostruiti attraverso l’esame di testimonianze di natura storiografica, letteraria ed epigrafica, a noi pervenute talora in forma ‘frammentaria’, come si usa solitamente dire. In realtà, su tale definizione, come è ben noto, è da tempo in corso un intenso dibattito critico1, che ha evidenziato l’ambiguità, l’improprietà e la genericità del termine ‘frammento’, spesso usato per indicare, senza distinzione di merito, qualunque tipo di testo o di materiale re-impiegato, non soltanto le citazioni indirette, che costituiscono la vasta maggioranza dei passi riportati nelle grandi raccolte degli storiografi ‘frammentari’.

3Ma l’espressione «in frammenti», che ricorre nel titolo di questa sezione, intende riferirsi non solo alla natura della documentazione, appunto ‘frammentaria’, che in effetti viene analizzata e utilizzata nella maggior parte dei contributi qui presentati, ma anche, in senso più ampio, alla parzialità, che caratterizza la nostra conoscenza della storia ateniese in età antica, sulla quale siamo in grado di aprire squarci di informazione in modo spesso discontinuo per qualità e per quantità.

4E, difatti, lo scopo che si propongono i lavori qui raccolti è appunto quello di arricchire di nuovi ‘frammenti’ di informazione la nostra conoscenza della storia ateniese.

5In particolare, l’attenzione di Eduardo Federico si appunta su un ‘frammento’ elegiaco di Solone, in cui compare l’enigmatica e controversa definizione di Atene come «terra più antica degli Ioni», allo scopo di acclarare come tale definizione, utilizzata dallo stesso Solone nell’ambito della politica delfica, facesse riferimento non alla più celebre Ionia asiatica, ma a un’antica Ionia greco-continentale, di cui Atene era terra di origine.

6Alla ricostruzione di ‘frammenti’ della biografia dell’ateniese Milziade è dedicato il lavoro di Paolo Tuci, che analizza la fortuna del grande stratego nella produzione storiografica e nella pubblicistica, risalenti ai secoli compresi fra il IV a.C. e il I d.C., pervenute anche in forma ‘frammentaria’.

7Nadia Rosso, studiando la ricorrenza del celebre topos «La città sono gli uomini», a partire da Alceo, ne rintraccia una nuova occorrenza nel Ciclope euripideo, in cui sono adottati stilemi analoghi a quelli rintracciabili in un celebre frammento del Frisso, risalente allo stesso Euripide.

8La scrivente esamina il tema della corruzione, di cui l’ateniese Cimone sarebbe stato maestro presso i contemporanei, secondo la testimonianza del vescovo di Alessandria san Cirillo, che è fonte tralatrice del breve e controverso ‘frammento’ 90 Jacoby di Teopompo, che costituisce la fonte di informazione fondamentale.

9Di storia costituzionale ateniese si occupa il lavoro di Mirko Canevaro, che, analizzando alcuni testi epigrafici, pervenuti in forma ‘frammentaria’, si propone di chiarire come il ricorso alla nomothesia abbia permesso di affrontare e risolvere problemi di gestione delle finanze pubbliche ateniesi nel corso del IV secolo a.C.

10Il contributo di Cesare Zizza, che si concentra su Pausania, evidenzia come ‘frammenti’ della storia di Atene siano ricostruibili attraverso la lettura di theoremata e logoi, riportati (ma non solo) nel primo libro della Periegesi; essi sono assimilabili a ‘frammenti’, che lasciano trasparire informazioni utili a definire il genere letterario cui ascrivere l’opera pausaniana e l’orientamento ideologico dell’autore.

11Infine, Paolo Garbarino, soffermandosi sul breve soggiorno trascorso ad Atene da Giuliano l’Apostata, prima della sua investitura a Cesare, esamina l’influsso che questo ‘frammento’ di esperienza biografica esercitò in seguito sulla formazione intellettuale e sulla persona del futuro imperatore.

12Come appare evidente, ai temi trattati negli incontri seminariali non sono stati posti limiti di carattere contenutistico o cronologico e, infatti, essi vertono su argomenti di natura istituzionale, storico-biografica, storiografica, mitica, ideologica, dipanandosi lungo un arco temporale praticamente millenario, a partire dal VI secolo a.C. (a cui attengono i contributi di Federico, relativo a Solone, e di Tuci, relativo a Milaziade) sino al IV secolo d.C. (a cui si riferisce il contributo di Paolo Garbarino, dedicato a Giuliano l’Apostata): ciò al fine di offrire agli studenti un ampio ventaglio di argomenti e di scorci cronologici con i quali confrontarsi.

13È per me doveroso ringraziare tutti i Colleghi che hanno reso possibile, in prima istanza, la buona riuscita del ciclo di seminari e quindi, con la stesura dei relativi testi, la nascita di questo nucleo tematico, per il quale rivolgo un sentito ringraziamento, anche a nome degli autori, ai colleghi torinesi del comitato scientifico e della redazione della rivista Historikà, che generosamente hanno voluto ospitare questi contributi.

14I seminari si sono potuti tenere grazie al finanziamento del progetto di ricerca locale Hellenikà, erogato dall’Università degli Studi del Piemonte Orientale.

15Per l’organizzazione degli incontri e per la raccolta dei testi qui pubblicati ha offerto un aiuto indispensabile la dottoressa Nadia Rosso.

Torna su

Note

1 Vd. in proposito l’efficace sintesi offerta da A. Visconti, Fragmenta Historica. Problemi aperti e indicazioni di metodo nella riflessione sui frammenti degli storici greci, Napoli 2016, 8-40.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Gabriella Vanotti, « Introduzione alla sezione tematica »Historika, 9 | 2019, 399.

Notizia bibliografica digitale

Gabriella Vanotti, « Introduzione alla sezione tematica »Historika [Online], 9 | 2019, online dal 01 avril 2020, consultato il 04 août 2020. URL: http://journals.openedition.org/historika/363

Torna su

Autore

Gabriella Vanotti

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale (CC BY-NC-ND 4.0)-Creative Commons - Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International - CC BY-NC-ND 4.0

Torna su
  • Logo Celid
  • Logo Università degli Studi di Torino – Dipartimento di Studi Storici - Storia antica
  • Logo DOAJ
  • OpenEdition Journals