Navigazione – Mappa del sito
Saggi

Epigrafe tardo-ellenistica inedita da Halaesa Archonidea: un nuovo esempio di ‘locazione’ fondiaria dall’Occidente greco

Emiliano Arena
p. 233-296

Abstract

Si presenta qui l’editio princeps di un’epigrafe tardo-ellenistica proveniente dal sito di Halaesa Archonidea (Tusa, prov. ME). Lo scarno testo superstite, disposto su due colonne, e riferibile su base paleografica al tardo II - inizio I sec. a.C., sembra attribuibile a un contratto di misthosis fondiaria, che a oggi parrebbe essere il secondo esempio dall’Occidente greco dopo le Tavole di Heraklea. Alcuni passaggi chiave dell’epigrafe in particolare lasciano identificare il documento con un ‘contratto minuto’ (col. A, l. 15: κ̣αὶ ἃ παρέ[λ]αβον), che a sua volta faceva riferimento a delle syngraphai (coll. A ll. 8-9; col. B, ll. 3-4: κατὰ τ]ὰς συγγραφάς), da interpretarsi probabilmente con un più generale “contratto quadro” alesino. Il testo conserva altresì alcune peculiarità linguistiche (l’hapax epigrafico μισθάριον, col. A, l. 11; due casi di imperativo eolico, col. A, ll. 13-14: ἐχόντον, ἀποδόντον) e tracce di un inedito sistema numerale acrofonico locale (col. B, l. 2). Ma soprattutto il documento, benché certamente da esse distinto, potrebbe essere in qualche misura connesso con le celebri Tabulae Halaesinae (IG XIV 352 + SEG IV 45), che all’incirca nello stesso periodo (tardo II - inizio I sec. a.C.) descrivevano dettagliatamente alcune decine di lotti demaniali (klaroi) destinati dalla polis di Halaesa all’affitto.

Torna su

Note dell'autore

Desidero esprimere la mia profonda gratitudine alla Dott.ssa Gabriella Tigano, dirigente del Servizio ar- cheologico della Soprintendenza BB.CC.AA. di Messina (U.O. 05), per avermi gentilmente autorizzato a prendere visione dell’epigrafe qui presentata presso il deposito della Soprintendenza BB.CC. di Messina e a studiarne il contenuto. La mia riconoscenza va altresì all’Arch. Rocco Burgio della U.O. 5 della Soprin- tendenza di Messina per i preziosi suggerimenti offertimi nell’ambito di un proficuo scambio di idee in ordine alla valutazione degli aspetti materiali del supporto. I miei sentiti ringraziamenti vanno altresì al Prof. Mario Lombardo per aver letto e commentato una prima versione di questo testo e ai due anonimi revisori. S’intende mia la responsabilità di quanto qui scritto.

Testo integrale

L’iscrizione

1L’epigrafe qui presentata (n. inv. Me 30908) [Figg. 1-4] proviene dall’area archeologica di Halaesa Archonidea (odierno territorio di Tusa, Provincia di Messina); essa costituisce un rinvenimento sporadico del gennaio 2013, in occasione dei lavori di sbancamento dell’area a Sud della chiesa di S. Maria delle Balate per la realizzazione di un parcheggio per auto, ricadente nell’isolato V, a Ovest del cardo II della città antica [Fig. 5]. È iscritta su un frammento di pietra calcarea bianca, che presenta nella parte superiore un colore grigiastro, denotante presumibilmente una esposizione al fuoco della pietra. La superficie mostra anche numerose tracce di aggressione biologica da muschi e licheni.

Fig. 5: Impianto urbano di Halaesa con punto di rinvenimento del frammento.

Fig. 5: Impianto urbano di Halaesa con punto di rinvenimento del frammento.

Rielaborazione da Tigano 2016, 131, fig. 2.

  • 1 Devo all’Arch. R. Burgio questa importante suggestione. Un riutilizzo in età imperiale fu ipotizzat (...)

2Il frammento, di forma grossolanamente parallelepipeda, ha una lunghezza di 31 cm e una larghezza di 14 cm. Lo spessore va da cm 10,2 a un massimo di 11,3. Esso è danneggiato su tutti i lati, ma è ampiamente presumibile l’appartenenza a una grossa lastra. La faccia posteriore del frammento presenta esigue tracce di malta, che potrebbero testimoniare l’alloggiamento della pietra in antico su una superficie; da qui la forte probabilità che lo spessore attuale rappresenti quello originario della lastra, che quest’ultima fosse di considerevoli dimensioni e, dunque, che il testo inciso su di essa fosse di ampia e proporzionale estensione. Larghezza, lunghezza e forma attuali sono probabilmente esito di una sbozzatura del supporto originario, forse finalizzata a riprodurre le dimensioni di un blocco rettangolare in vista di un reimpiego, che potrebbe ipotizzarsi avvenuto nelle murature di strutture di epoca imperiale rivenute nell’area immediatamente adiacente al muro Ovest della chiesa di S. Maria1.

3La superficie della pietra è molto consunta sulla parte alta del lato sinistro, che conserva solo labili tracce di lettere, leggibili unicamente con l’uso di una fonte di luce radente; decisamente migliore lo stato di conservazione dei caratteri nella parte inferiore dello stesso lato e su quello destro. Per quanto non uniforme, è in generale evidente una notevole corrosione della superficie della pietra, presumibilmente dovuta a una lunga esposizione della stessa agli agenti atmosferici.

Colonna A

Colonna B

1

5

10

15

[--------------------------------]

[--------------------------------]

[--------------------------------]

[--------------------------------]

[------------------------ ].ΑΣ̣[…]

[-------------------------]PIA καὶ

[------------------κατὰ τ]ὰς συγ-

[γραφὰς -------------------]μηθὲν

[--------------- π]αρ̣ὰ χώρᾳ, εἴ κα

[--------------------τ]ὸ μισθάριον

[------------------].οντες καρπ̣[..]

[-----ἐξ]ουσίαν ἐχόντον, εἰ δ[έ κα]

[--μὴ βό]λ̣ωνται, ἀποδόντον τ[α...]

[-----]κ̣αὶ ἃ παρέ[λ]αβον π̣[αρὰ ?]

[-------------------]ΔΕ[......12......]

τάδε ποιη̣[σοῦντι -----κατὰ τὰς συγγρ-]

αφὰς ΚΑΠΑ[--------------- τοὺς κλά ?]

ρους καὶ τὰς̣ [-------------------------]

ἐ[̣π]ιμελησ̣[οῦνται---------------------]

[δύ]νωντ[αι---------------------------]

.[..]ΚΑΛ̣[------------------------------]

Ạ.[------------------------------------]

Ν[------------------------------------]

Π[--------------------------------–---]

. [-------------------------------------]

[----------------------------------–---]

4Il testo, molto frammentario, è impaginato su due colonne affiancate assai mal conservate: lo specchio epigrafico, intaccato sulla colonna sinistra (A) da una grossa lacuna di cm 12 x 5,5, misura nella medesima colonna una larghezza di cm 18 x 15 di altezza, mentre nella colonna destra (B) cm 6 di larghezza nella parte superiore, cm 12,5 in quella inferiore e cm 15 di altezza.

5La colonna A conta dodici linee di testo, di cui resta una esigua parte del margine destro (ll. 6-10); della colonna B si preservano dodici linee sul margine sinistro, ma di ben cinque si conserva poco più di una lettera (ll. 9-12). Le linee sono tutte egualmente incomplete.

6Lo spazio fra le colonne misura da un massimo di 3 cm (l. 6) a un minimo di 1 cm (l. 8). È oltremodo probabile che l’iscrizione continuasse sia sopra che sotto la parte superstite, con ulteriori cinque linee in entrambe le colonne.

  • 2 Vd. Arena 2020a.
  • 3 Questa espressione è preferibile alla definizione di lettere tout court “quadrate” usata da Mangana (...)
  • 4 Intorno al 300 a.C.: Calderone 1998, 36; seconda metà III sec. a.C.: Nenci 1998, 53-54; Facella 200 (...)
  • 5 Calderone 1961, 124, n. 3. Collegando il frammento direttamente alle Tabulae Halaesinae, lo studios (...)

7Le lettere hanno un’altezza di 8 mm, l’interlinea è di 6 mm, mentre l’interasse di lettere come omicron e ny, che abbiamo già assunto come parametro di riferimento anche per altri frammenti alesini inediti2, misura 8 mm. Esse appaiono geometricamente regolari e di ‘modulo quadrato’3, apparentemente senza apicature e in un caso almeno non particolarmente accurate (vd. il rho a col. A, l. 9). Malgrado il cattivo stato di conservazione della superficie dello specchio scrittorio, i caratteri presentano delle grazie (vd. col. A, l. 14 estremità del tratto verticale di tau e di pi), pur quasi del tutto scomparse, ma confrontabili con quelle presenti sulle perdute Tabulae Halaesinae (IG XIV 352), datate genericamente III-I sec. a.C.4, che possiamo direttamente ammirare grazie alla riproduzione fototipica del cosiddetto “frammento B” (SEG IV 45; IGDS I, 196) a esse pertinente (rinvenuto nel 1885 e oggi anch’esso perduto), ma soprattutto in due nuovi frammenti inediti che riteniamo attribuibili alle stesse Tabulae (vd. n. 2). Analoghe, e significative, consonanze si colgono ancora con un altro rilevante, e problematico, documento alesino come IGDS I, 197 (SEG XXXI 825; SEG LI 1191), datato ca. nella seconda metà II sec. a.C., che l’editore Salvatore Calderone identificava con un terzo frammento delle Tabulae, e in particolare con la lex che regolava l’affitto dei lotti alla stregua della syntheka delle Tavole di Heraklea5.

  • 6 Calderone 1961, 124 quantificava l’altezza delle lettere del frammento da lui edito in 9 mm; dalla (...)

8In comune con questi importanti documenti alesini sono l’interlinea (6 mm), e l’interasse campione fra le lettere omicron e ny (8 mm) e l’altezza delle lettere (8 mm)6.

  • 7 Arena 2020a, frammenti nrr. 1 e 2.
  • 8 Scibona 1972; recenti Tigano - Prag 2017, 35-37, n. 8.

9Per quanto concerne le peculiarità paleografiche del nostro documento, risultano pressoché indistinguibili dai summenzionati testi epigrafici alpha con barra rettilinea, beta non chiuso, phi con occhiello ellittico schiacciato, omicron intero e non rimpicciolito, theta circolare con barra mediana non contigua, pi con asta orizzontale superiore estesa al di là dei tratti verticali, sigma con tratti superiore e inferiore non divaricati. Anche l’epsilon appare con tratto mediano accorciato e soprattutto sembrerebbe presentare – il condizionale è d’obbligo per via della consunzione della superficie della pietra – quanto meno il tratto orizzontale superiore esteso al di là della barra verticale, peculiarità che, nell’ambito della documentazione epigrafica alesina, ritroviamo nel “frammento B” delle Tabulae, in IGDS I, 197, negli altri frammenti inediti alesini7 e nella dedica degli Alesini a Caninius Niger, datata alla fine del II o al I sec. a.C.8. Sembra invece differire significativamente l’omega, che è sì chiuso come nei suddetti documenti (non compare nella dedica a Caninius), ma di forma in alto marcatamente tondeggiante (vd. in particolare col. A, l. 13, dove è ben conservato), laddove esso appare in forma ‘ellissoidale’ nel “frammento B”, nei due nuovi frammenti inediti delle Tabulae Halaesinae e infine, come ci è stato possibile appurare a seguito di visione autoptica, in IGDS I, 197.

  • 9 Tigano - Prag 2017, 30-31, nr. 3, e 80, nr. 42. I due personaggi probabilmente non vanno identifica (...)
  • 10 Tigano - Prag 2017, 31, nr. 4 e 37, nr 9.
  • 11 Vd. rispettivamente ora Prag 2018, 114; Prestianni Giallombardo 2018b, 545.

10Al di là della già citata dedica a Caninius Niger, nel panorama epigrafico alesino i caratteri generali della nostra iscrizione, pur in misura minore, trovano confronto anche in altri documenti tardo-ellenistici di analoga datazione, come la dedica onorifica del koinon dei sacerdoti per un Lapiron figlio di Diogenes (II-I sec. a.C.), la dedica onorifica degli Alesini per Diogenes Lapiron figlio di Diogenes (II sec. a.C.)9, la dedica di Theodoros a Serapide (II-I sec. a.C.) o ancora gli onori di Halaesa a Lapiron figlio di Apollodoro (fine II-I sec. a.C.)10, la prima linea in lettere “quadrate” del decreto di Nemenio (prima metà o metà I sec. a.C.)11 che, tuttavia, differiscono tutti rispetto al nostro documento per la forma dell’omega, con l’occhiello ancora più tondeggiante, ormai quasi circolare, e per l’alpha, talora a barra spezzata/curva.

  • 12 Arena 2020a, fr. nr. 1, l. 4.
  • 13 Il fenomeno, riconducibile al processo di monottongazione dei dittonghi lunghi, che comportò in età (...)

11L’elemento paleografico, unitamente ai confronti alesini, sembra dunque orientare verso una cronologia della nostra iscrizione che va dalla seconda metà del II agli inizi del I sec. a.C. Una datazione di massima, questa, che potrebbe trovare ulteriore supporto nella possibile omissione dello iota adscriptum nel dittongo improprio del caso dativo (vd. col. A, l. 9). Un fenomeno, questo, generalizzatosi in ambito epigrafico nel tardo II sec. a.C., costantemente attestato, come sappiamo dagli apografi manoscritti del documento, e ora da un frammento superstite12, nelle perdute Tabulae Halaesinae, ma ancora ‘intermittente’ in Sicilia sin entro il I sec. a.C., come ben illustra nella stessa Halaesa tardo-ellenistica proprio il suddetto decreto di Nemenio (SEG LIX 1100)13.

  • 14 Calderone 1961, 128; Manganaro 2001, 7, nella sua ricostruzione del testo attribuiva intorno a cinq (...)

12Assente, purtroppo, qualunque elemento per determinare il numero di caratteri per linea. Ove si considerino le dimensioni delle lettere confrontabili con quelle delle grandi Tabulae, che contavano quaranta/quarantacinque lettere per linea, o di IGDS I, 197, le cui linee sono stimate di estensione analoga o poco maggiore14, è pressoché certo che ci troviamo in presenza di una porzione alquanto esigua del testo originale, il che rende di primo acchito oltremodo arduo l’inquadramento della tipologia del documento, al pari della possibilità di ricostruirlo compiutamente, se non avvalendoci di rare integrazioni ed esclusivamente exempli gratia.

  • 15 Per i caratteri della koine “dorico-sicula” adoperata nelle epigrafi siciliane, vd. Sicca 1924, 148 (...)

13La lingua utilizzata non presenta apparentemente alcun elemento peculiare della koine “dorico-sicula” di matrice siracusana ispirata ai canoni della doris mitior mista a elementi della koine ionico-attica largamente usata in Sicilia in epoca ellenistica, forse a eccezione, se la nostra lettura della col. A, l. 9 è corretta, della congiunzione subordinante ipotetica εἴ κα15. Si tratta, tuttavia, solo di un caso legato alla accidentale conservazione di pochissimi frustuli di testo: la presenza fra i pochi termini superstiti di due casi del raro imperativo “eolico” (vd. infra col. A l. 13: ἐχόντον, l. 14: ἀποδόντον), documentato in Sicilia sinora solo ad Halaesa, non lascia alcun dubbio circa l’appartenenza del nostro documento alla stessa temperie linguistica delle Tabulae Halaesinae e degli altri documenti epigrafici tardo-ellenistici della città nebroidea.

Colonna A

14L. 6: della lettera iniziale si conserva solo un tratto verticale ravvicinato all’alpha, possibile my o ny; a destra dell’alpha è leggibile un sigma.

  • 16 Vd. Pernin 2014, 507-508.
  • 17 Alla lettura ὅρια potrebbe rinviare la possibile presenza, prima del rho, di fatto non visibile a o (...)
  • 18 In vari documenti carii relativi all’affitto di γέαι, ὅρια ricorre nella formula ὡς τὰ ὅρια πέπηγεν (...)
  • 19 Oltre che nelle Tabulae Halaesinae, la delimitazione di un kleros con annessa pertinenza in zona mo (...)

15L. 7: la linea conserva alla sua estremità destra solo un esiguo frammento di testo: ]ΡΙΑ καί. La sfortunata perdita della lettera precedente il rho, causata qui dalla corrosione della superficie scrittoria, rende potenzialmente numerose le opzioni esegetiche; tuttavia, alla luce del contesto ricostruibile di seguito per il nostro documento, per via della menzione di συγγραφαί (l. 6), “istruzioni, specificazioni, accordi” o “contratti”, e di un enigmatico μισθάριον (l. 10), esse a nostro giudizio si riducono verosimilmente a due: χωρία, termine largamente utilizzato in Attica, Grecia centrale, Cicladi e Asia Minore per indicare dei “terreni” concessi in affitto e designante un semplice campo come una intera proprietà terriera16, e ὅρια, forma lessicale di raro uso al singolare e derivata da ὅρος, indicante, com’è noto, sia “confine” che “cippo confinario”17, specializzatasi a denotare prevalentemente i “confini” della chora cittadina, ma anche di realtà terriere parcellizzate destinate all’affitto come χωρία, γέαι18, e in rari casi κλῆροι, “lotti”, come ad Halaesa e a Mylasa19.

  • 20 Sardis VII, 1, nr. 1, col. II, ll. 4-5: ἐὰν δὲ μὴ βεβαιώσωμεν ἢ παρὰ τὴν συγγραφὴν παραβαίνωμεν τήν (...)
  • 21 IG IV 752, ll. 10-11: καὶ τὰ χωρία καὶ τὰς οἰκίας, ὅσσα ἐστὶ ἐρρυτιασμένα ὑπὸ τᾶς πόλιος ἀποδόμεν τ (...)

16Quale che fosse esattamente il nostro mutilo termine, la presenza della successiva congiunzione καί, potenzialmente di funzione copulativa o coordinante, rimanda alla possibilità che “terreni / confini”, ad esempio, fossero ricompresi in una elencazione di elementi oggetto di una determinata azione, ovvero ancora che il καί coordinasse una nuova ignota proposizione. Pressoché impossibile stabilirlo: solo exempli gratia si ricorderà che dei χωρία sono menzionati assieme a komai, kleroi e oiketai in una delle clausole di garanzia nella prasis epi lysei di Mnesimachos da Sardi del 200 a.C.20, mentre si trovano registrati insieme con oikiai in un documento da Trezene anch’esso di inizio II sec. a.C.21.

ὅριαperioresiaTabulae Halaesinaeklaroi22τέρμωνlitterae ligatae23καίTabulae24
  • 25 Corsaro 1988, 213.
  • 26 Chios 75 (= Pernin 2014, n. 130), che conserva lo schema contrattuale completo in A II, ll. 29-62. (...)
  • 27 IG II2 1165, ll. 20-22: καὶ οἱ ἐπιμεληταὶ| οἱ αἰεὶ καθιστάμενοι κατ’ ἐνιαυτὸν βαδίζοντες ἐπὶ τὰ κτή (...)

17Considerata la costante preoccupazione nel mondo greco di mantenere integri i confini fra le proprietà25, va in ogni caso rilevato come χωρία e ὅροι fossero realtà strettamente collegate: non fanno eccezione, in tal senso, i documenti di locazione fondiaria, come ben emerge, ad esempio, nell’iscrizione dei Klytidai di Chios, un dossier di contratti della metà del IV sec., il cui schema tipo contemplava anche la descrizione dei terreni e dei loro confini26 o ancora in IG II2 1165, documento di affitto di terreni della tribù attica Eretteide, della prima metà del III sec. a.C., dove si prescrive che degli ἐπιμελεταί della tribù dovevano verificare una volta l’anno se i terreni (χωρία) venissero coltivati e i loro cippi confinari (ὅρους) si trovassero al loro posto κατὰ τὰς συνθήκας27.

  • 28 Sulle varie tipologie di negozi giuridici moderni riconducibili al concetto di misthosis, vd. Ruppr (...)

18L’estrema lacunosità del testo non consente di spingerci oltre. E tuttavia, l’integrazione sia di χωρία che di ὅρια, considerata l’attestazione di syngraphai (col. A, l. 7, col. B, l. 4), di un divieto (col. A, l. 4), di concessioni (col. A, l. 12) e prescrizioni (col. A, l. 13), costituisce indizio significativo per collegare il nostro testo a un documento pubblico che menzionava qui dei “terreni”, unitamente a qualche altro bene, come ad esempio edifici, giardini, coltivazioni ecc. e quanto solitamente ricadeva in un appezzamento, ovvero menzionava i “confini” con ogni probabilità dei “fondi” stessi. Inoltre, la presenza (col. A, l. 13) del verbo ἀποδίδωμι, “pagare / versare”, “vendere”, e di un termine come μισθάριον, afferente alla sfera semantica del μισθός e, come vedremo più avanti, forse della μσθωσις, sono ulteriori indicazioni che, fin d’ora, persuadono a riferire il nostro documento proprio alla μσθωσις, una tipologia di negozio giuridico cui sono riconducibili, fra le altre, le moderne e distinte categorie di “locazione” e di “affitto”28.

  • 29 Vd. Lombardo 2013, 376 sgg. Su IG I3 84 da ultima Pernin 2014, 32 sgg. Sulle Tavole di Heraklea, ol (...)

19Purtroppo l’ipotesi di lettura κλά]|ρους alle ll. 4-5 della col. B, per quanto verosimile, non può essere confermata con certezza; diversamente essa consentirebbe, forse, di restringere qui il campo alla lettura ]ρια, lasciando eventualmente riconoscere in questa linea del nostro documento un accenno ai “confini” dei klaroi stessi, non tanto nel contesto delle operazioni di delimitazione del fondo, già ben documentate ad Halaesa dalle Tabulae, quanto nell’ambito di quel complesso di operazioni legate e successive allo horizein, come la revisione, il recupero, e soprattutto l’assegnazione dei terreni in locazione, registrate, ad esempio, in celeberrimi documenti come IG I3 84, decreto ateniese del 413 a.C. riguardante l’affitto del temenos di Codro, Neleo e Basile, nelle Tavole di Heraklea (IG XIV 645) o in altri ancora29.

  • 30 Di recente Prestianni Giallombardo 2018, 127, ha proposto, a IG XIV 352 col. I, l. 7, l’integrazion (...)
  • 31 Ampolo 2000, 15; Lombardo 2017, 387. Per una sintesi sul tema della chora hiera e demosia nelle var (...)
  • 32 IG XIV 645, I, ll. 48-50: τὼς χώρως τὼς ἱαρὼς τὼς τῶ Διονύσω; II, ll. 19-27: τὼς χώρως τὼς ἱαρὼς τὼ (...)
  • 33 Prag 2014, 590; 2018, 133-134, sulla scorta della recente scoperta del decreto onorifico del koinon(...)

20Benché la maggioranza dei contratti di misthosis fondiaria noti epigraficamente designasse i terreni oggetto del negozio come χωρία (cfr. χῶρος ad Heraklea) o talvolta γέαι, a supporto della possibilità qui ventilata va sottolineato che sarebbe sorprendente trovare in un documento alesino un termine diverso da κλᾶρος o da δαίθμος per designare tali terreni30, a meno che, e non possiamo escluderlo del tutto vista la lacunosità del testo, in considerazione della generale abbondanza della documentazione epigrafica relativa alle proprietà terriere di divinità e la maggiore visibilità epigrafica di ciò che riguardava la sfera del sacro31, oggetto del nostro documento fossero invece “terreni sacri”. Questi, tuttavia, riteniamo sarebbero stati definiti come tali o da una terminologia specifica (τεμένη o ἱεραὶ γέαι) o da qualche perduta intestazione, alla stregua di quella delle Tavole di Heraklea, che qualificava come appartenenti a Dioniso e Atena32 i χώροι oggetto della delimitazione e della locazione33.

  • 34 Bianchini 1979, 256. Sul termine vd. LSJ s.v. συγγραφή; Schwahn 1932; Kunkel 1932; in senso tecnico (...)
  • 35 Si veda IG I3 402, l. 19 del 434 a.C. (= Pernin 2014, n. 37); IG I3 84, ll. 5 e 31 del 413 (= Perni (...)

21L. 8: la superficie della pietra è qui particolarmente deteriorata, restano tuttavia ancora leggibili un alpha e due sigma successivi, da cui la sequenza ΑΣΣΥΓ. La l. 4 della col. B (-αφας) conferma qui la presenza del termine συγγραφή, etimologicamente “l’atto, la composizione scritta”, entrato dalla metà del IV sec. a.C. nel linguaggio giuridico greco a designare una scrittura negoziale in genere, utilizzata per varie distinte fattispecie, dai rapporti matrimoniali, alla misthosis, ai mutui non qualificati34, ma che nella documentazione epigrafica compare già anteriormente a questa data, con una significativa ricorrenza nell’ambito dei casi di misthosis di terreni e talora di appalti di lavori, a indicare qualcosa di più di semplici istruzioni / specificazioni, e cioè, al pari del sinonimo syntheka,un vero e proprio “contratto”35.

  • 36 IG XIV, 645, ll. 121 e 146, 161, 163. Cfr., per i contratti di lavoro, es., IG II2 1668, l. 1 del 3 (...)
  • 37 Aixone: IG II2 2492, ll. 29-31 (παρὰ τάσδε τὰς συνθήκας); Dyaleis: IG II2, 1241, ll. 3-4: κατὰ συνθ (...)

22Con ogni probabilità, συγγραφή ricorre nel nostro documento nell’ambito della formula κατὰ τὰς συγγραφάς, impiegata, più frequentemente al singolare, in svariati documenti epigrafici a indicare in particolare la conformità di una prescrizione rispetto a un testo contrattuale (di misthosis, di lavoro ecc.). Tale attestazione è indiscutibilmente di particolare rilevanza, giacché costituisce una delle evidenze più ‘forti’ per l’interpretazione generale del documento quale misthosis, presumibilmente di fondi agricoli (vd. infra col. A, l. 11). Al tempo stesso, però, l’estrema lacunosità del supporto non offre altri elementi utili per una più precisa definizione del documento. Ad esempio, sappiamo per certo che nelle tavole di Heraklea le formule ἐν τᾶι συνθήκαι e κὰτ τὰν συνθήκαν costituiscono dei rimandi interni allo stesso documento in virtù dell’intestazione della tavola I: συνθήκα Διονύσω χώρων36. Ad analoga conclusione saremmo giunti si fosse qui conservato eventualmente il dimostrativo τάσδε, preposto o posposto a συγγραφάς, che avrebbe individuato in questa parte del testo l’indicazione dell’insieme delle disposizioni enumerate di seguito («secondo i presenti contratti»), come avviene nella misthosis del demo attico di Aixone e in quella dei Dyaleis, ove il termine utilizzato è syntheka37. Dunque il fatto che alla col. B, l. 4, dopo συγγρ]|αφάς, per certo il dimostrativo non compaia, per quanto indizio suggestivo, non è risolutivo.

23D’altra parte, resta comunque significativo che qui la formula κατὰ τ]ὰς συγγ|[ραφάς sia attestata al plurale, confrontandosi così con alcune epigrafi attiche relative ad affitti di terreni, ove ricorre anche la variante κατὰ τὰς συνθήκας, suscettibili di offrire preziose indicazioni, dal momento che sembrano rinviare a documenti terzi, di cui attestano indirettamente l’esistenza.

  • 38 Walbank 1991, 155.
  • 39 Walbank 1991, 164: «The juxtaposition of this word with instructions for leasing out the temenos (l (...)
  • 40 «Individual contracts» per Walbank 1991, 161 n. 79; «réglementation général» per Pernin 2014, 160.
  • 41 Walbank 1991, 164, n. 108; Behrend 1970, 111-116, 121-122.

24Va sicuramente ricordato fra queste l’unico esempio di decreto attuativo statale giuntoci completo in ogni sua parte, la succitata IG I3, 84 del 413 – in cui si dispone, incaricandone il basileus, che il temenos di Codro, Neleo e Basile venga dato in affitto – che registra più volte la formula κατὰ τὰς συγγραφάς (nel probouleuma alle ll. 5, 6-7, e nel corpo alle ll. 12-13, 31). In particolare, M. Walbank ha ritenuto che, alle ll. 5 e 31, essa designasse le “istruzioni/specificazioni” per la costruzione del recinto del santuario anziché i termini in base ai quali affittare il temenos38, avanzando però l’ipotesi che essa potesse alludere anche a un «distinto contratto di affitto»39. E ciò in analogia a quanto ci sembra attestato in IG I3, 402 (l. 19), che registra per Delos nel 434 a.C. affitti regolati da altrimenti ignote syngraphai40, nonché in IG II2, 1165 (l. 21) e 1168 (l. 11), dove synthekai e syngraphai rispettivamente paiono designare simili distinti contratti di affitto, in cui erano specificate disposizioni per la cura e la manutenzione della proprietà41.

  • 42 Chios 75, A I, ll. 21-23 (= Pernin 2014, n. 130). Qualcosa di simile doveva esistere anche a Mylasa (...)

25Anche di recente, nell’accenno di IG I3 84 e dei testi succitati a questi enigmatici “contratti” si è visto il rinvio a un insieme di testi distinti, la cui funzione, tuttavia, diversamente dall’esegesi di Walbank, sarebbe stata di fissare le condizioni generali delle locazioni dei terreni. È il caso della lacunosa Hiera Syngraphe di Delos del 300 a.C. (IDelos 503), pubblicata dopo l’indipendenza delle città del 314 e modificata nel 157/6 a.C. (IDelos 416, ll. 1-56), che era presupposta dai rendiconti degli hieropoioi delii, o ancora, ad esempio, della stele, conservata «ad Aktai nel santuario», cui fa esplicito riferimento l’iscrizione dei Klytidai di Chios in relazione ai versamenti annuali dell’affittuario Anaxidemos42.

  • 43 Cfr. Brunet - Rougemont et al. 1998, 213, che riconoscono due tipi di contratto: i contratti di loc (...)

26Tale tipo di documenti, oggi definiti usualmente “contrats-type” o, nella terminologia giuridica italiana che qui adotteremo, “contratti quadro” e in antico più di sovente συγγραφαί, costituivano la fonte per la redazione di una seconda tipologia di contratti di affitto/locazione stipulati con uno o più specifici individui nominati nel corpo del testo, in ambito delio-attico detti prevalentemente συνθήκαι, che definiremo qui contratti nominativi o ‘minuti’, che precisavano solo le condizioni particolari applicate ai singoli beni/fondi43.

27Un caso di combinazione delle due tipologie è poi rappresentato dalle Tavole di Heraklea, in cui una regolamentazione di carattere generale (la syntheka dei terreni di Dioniso, ll. 96-178), indicante in generale gli obblighi dei potenziali affittuari in relazione ai singoli terreni, era seguita da una breve sezione (ll. 178-187, introdotta da ἐπὶ τούτοις ἐμίσθωσαν), recante la specificazione dei nomi dei singoli affittuari dei quattro terreni, del canone in natura e dei garanti.

28Il nostro lacerto testuale pone quindi il problema dei precisi connotati giuridici del documento alesino. Esclusa la tipologia della lista di locazione solitamente compresa in un rendiconto, come nei casi di Delfi e di Delos, che presentava in genere dei testi ridottissimi, in linea di principio, infatti, esso potrebbe di per sé rappresentare la syngraphe di carattere ‘generale’, come la Hiera Syngraphe di Delos. In tal caso, questo frammento epigrafico conserverebbe una parte assai esigua del documento originario. Altrimenti, il nostro stesso documento potrebbe costituire quella tipologia di contratto ‘minuto’ che conservava le condizioni specifiche applicate ai singoli fondi e che, attraverso la menzione delle syngraphai, rinviava a una regolamentazione altra e, ovviamente, per noi perduta, senza escludere una casistica analoga alle Tavole di Heraklea, comprensive delle due precedenti categorie.

  • 44 Cfr. Pernin 2014, 486.

29Un problema che, come vedremo in dettaglio più avanti, potrebbe trovare soluzione grazie alla l. 14 (κ̣αὶ παρέ̣[λ]αβον̣). Qui basti sottolineare che l’indicativo aoristo παρέλαβον sembra testimoniare un fatto oggettivo e pregresso, non facilmente collocabile nel contesto di una normativa valevole in astratto e per il futuro, quale sostanzialmente era un “contratto-quadro”, che invece utilizzava a tale scopo l’indicativo presente44.

  • 45 IDelos 503, passim.
  • 46 IG XIV 352, col. II, l. 23: τοῖς παρὰ τὸν ῥοῦν τὸν Ἄλαισον δαιθμοὺς <ζ>; l. 75: Σκυρεώνοις δαιθμοὺς(...)

30Quanto alle parti interessate dalla nostra convenzione, benché in molti casi di affitto fondiario, specie attici, il soggetto locatore fosse una collettività locale (demi, fratrie) o anche una associazione (orgeoni), nel nostro caso è difficile pensare che tale soggetto, che decideva e aveva la disponibilità economica di eternare su pietra, per di più non locale, un documento iscritto su colonne, fosse diverso dalla polis stessa di Halaesa. Laddove gli imperativi plurali nelle linee successive, alla luce delle considerazioni svolte sopra, non dovrebbero possedere la funzione generalizzante che, ad esempio, rivestono nella Hiera Syngraphe di Delos45 e alludere quindi alla categoria di affittuari per sé nell’ambito di un “contratto quadro”. Essi documentano, piuttosto, nel ruolo di affittuari, presumibilmente una molteplicità di privati cittadini contraenti, senza escluderne una appartenenza a qualche suddivisione civico-territoriale del corpo cittadino, come quelle note dalle rubriche, che nelle Tabulae Halaesinae assegnavano rispettivamente sette e almeno tre, ma erano certamente di più, daithmoi (appezzamenti) a «quelli che abitano lungo il fiume Aleso» (IG XIV 352, col. II, l. 23) e agli Skyreonoi (col. II, l. 75)46.

31Dopo la citazione a l. 6 e 7 dei beni immobili e mobili da concedere in affitto, il testo potrebbe registrare qui una formula del genere di quella di IG I3 402, ll. 18-19: ὥστε ἀποδιδόναι τὴμ μίσθωσ[ιν ἁπάντων τούτων τὸς με]|[μ]ισθω-μένος κατὰ τὰς ξυγγραφάς.

  • 47 Lo spazio vuoto a fine colonna dopo il ny, di fatto sufficiente per l’iscrizione di uno iota, lasce (...)
  • 48 Ampolo 2000, 17; Corsaro 2002, 151, sul caso di Heraklea; Pernin 2014, 511-512.
  • 49 IG II2, 1241, l. 29-33: ἄ[ρ]χει τῆς μισθώσε|ως ὁ ἐπὶ Ἡγεμάχου Μουνιχιών·μὴ ἐξεῖνα|ι δὲ Διοδώρωι κόψ (...)
  • 50 IG XIV 352, col. I, ll. 70-71: οὐ ποιησοῦν|τι δὲ βυρσοδέψιον οὐδὲ μαγειρικὸν οἱ μισθωσάμενοι τὸ ἐλα (...)

32L. 9: l’unico termine conservato all’estremità della colonna, il pronome/aggettivo indefinito negativo μηθέν47, registra qui chiaramente un divieto, che trova opportuna collocazione in una convenzione di affitto. Come è noto, l’autorità che approvava l’appalto nelle synthekai/syngraphai imponeva spesso delle prescrizioni sull’uso della proprietà concessa in affitto, tra cui, sia che si trattasse di terre pubbliche o sacre, proprio dei divieti. Questi avevano lo scopo di salvaguardare il terreno e altresì valorizzarlo mediante la messa a dimora di vari tipi di alberi48 o il divieto di tagliarli, come nella summenzionata IG II2 1241, che si estendeva, nelle Tavole di Heraklea, finanche ai tronchi nei querceti49. Da ricordare poi, proprio in ambito alesino, il divieto che compare nelle Tabulae per gli affittuari dell’elaiokomion diklaron, il “duplice lotto” contenente un “piantonaio di olivini”, di allestire in esso concerie e cucine50. Benché non possa essere chiaro cosa riguardi esattamente il divieto posto agli eventuali affittuari del nostro documento, lo spirito del testo potrebbe essere analogo a quello di IG II2 1241, da cui una ipotesi ricostruttiva, solo exempli gratia fra le tante possibili, del genere: μὴ ἐξεῖ-ναι / ἐξέστω τοῖς δείνοις κόψαι τῶν δένδρων τῶν ἐκ τῶν χωρίων/κλάρων] μηθὲν.

  • 51 Potrebbe trattarsi di un caso di tachigrafia; cfr. Guarducci 1967 I, 406.
  • 52 Dovremmo ipotizzare che questi, correttamente iscritta la nasale velare prima del kappa, dopo avere (...)
  • 53 Sull’uso di παρά nella koine dorica di Sicilia, vd. Sicca 1924, 139.
  • 54 Non sembrerebbe il caso di εἱκάς / ἱκάς, il gruppo civico di venti uomini attestato nella Camarina (...)

33L. 10: da rilevare, dopo l’alpha iniziale della linea conservata, un rho con occhiello, pur ben distinguibile, leggermente ridotto rispetto agli altri presenti nel nostro testo, e quasi forzatamente inserito fra i due alpha. Dopo il secondo alpha del rigo, è una lettera leggibile con difficoltà: è ben visibile un tratto orizzontale superiore che si diparte dal primo tratto verticale; di contro, sembra appena accennato nella parte iniziale un tratto orizzontale inferiore parallelo, che si diparte dal tratto verticale; il che rimanda in ultima analisi, sebbene manchi traccia del tratto mediano51, alla presenza qui di un epsilon particolarmente ‘evanido’, come a l. 12, mentre quella di un gamma, con la sequenza ---]ΑΡΑΧΩΡΑΓΙΚΑ, implicherebbe difficoltà interpretative, superabili solo con l’ipotesi di un errore del lapicida e l’espunzione dello iota successivo52. Quanto alla lettura di epsilon, la sequenza ---]ΑΡΑΧΩΡΑΕΙΚΑ dovrebbe intendersi π]αρὰ χώρᾳ, εἴ κα, ove π]αρά reggerebbe il dativo singolare di χώρα privo dello iota ascritto53, presumibilmente seguito da una subordinata ipotetica introdotta da εἴ κα, secondo la consueta forma della koine dorica ellenistica, e costituente, come di norma nelle clausole contrattuali, la protasi di un periodo ipotetico di II tipo. L’altra opzione possibile, un sintagma con la struttura articoloπαρὰ χώρᾳ ­­– sostantivo, comporta la problematica individuazione qui di un sostantivo iniziante per εἰκα- di adeguata pertinenza54. In entrambi i casi, tuttavia, la menzione della chora resta di primo acchito alquanto oscura, dal momento che sintagmi, per di più privi di articolo, come παρὰ χώρᾳ, “presso la chora”, o παρὰ χώραν, “verso, lungo la chora”, in ambito epigrafico sarebbero sin qui un unicum.

  • 55 Olymos 51, l. 7: -]|σιν ἐν τῆι παρὰ τῶι ποτ[αμῶι χώραι (= Pernin 2014, nr. 186); così anche Labraun (...)
  • 56 Chios 75, A II, l. 55 (= Pernin 2014, nr. 130): ὅ τι ἂ|[ν περὶ ὅρκων ἀντιλέγ]ηται, ὅρκους μὲν ε|[ἶν (...)
  • 57 IG V2 443, ll. 9, 14, 37.
  • 58 IG V2 445, ll. 5, 17, e 13.

34Inoltre, contrariamente a γῆ, che ha un largo impiego nei documenti di affitto di terre (a Thespie, Delos e Mylasa, più raramente in Attica), a indicare le terre “sacre” (ἱεραί) e “pubbliche” (δημοσίαι), allo stesso χωρίον (χῶρος a Heraklea) o sinanche a τέμενος, χώρα compare assai di rado in tali documenti, come nel caso di in un frammento di presunto affitto dalla caria Olymos, dove è frutto di integrazione55, e nell’affitto dei Klytidai di Chios, nell’ambito di un giuramento in uno dei contratti conservati dalla stele56. Sembra invece essere sinonimo e concorrente di γῆ in ambiente arcade a Megalopolis, dove a fine II-inizio I sec. a.C. è significativamente qualificata come δαμοσία e forse è in rapporto con una misthosis57, al pari di quanto accade in un altro documento megalopolitano del 103/102 a.C., menzionante oltre alla chora, una misthosis e la delimitazione di horoi58.

  • 59 Lombardo 2002, 104-107.
  • 60 Così Lombardo 2002, 107, che cita Tit. Cam. 72, o IG XII 3, 173 B.

35Purtroppo, la perdita quasi completa del testo non consente di specificare qui la funzione rivestita dal termine, la cui accezione politico-territoriale peculiare delle fonti letterarie, come sottolinea M. Lombardo, trova riscontro anche nei suoi impieghi epigrafici e in particolare in documenti pubblici. In proposito si sono opportunamente colti l’emergere nel V sec. e la frequenza in età ellenistica di formule in cui «nella definizione complessiva dell’orizzonte politico-territoriale di una città-stato, χώρα si trova accostato non solo a polis, ma anche ad altri denominatori di realtà territoriali come φρούρια, τείχη, λιμένες, νᾶσοι, ὅρη»59, al pari della valenza di riferimento ad articolazioni del territorio cittadino60, una casistica questa, che a nostro giudizio potrebbe forse attagliarsi alla testimonianza del presente documento. In tal caso, παρὰ χώρᾳ potrebbe servire a localizzare i beni oggetto (i terreni? i “lotti”?) del nostro documento in rapporto alla chora cittadina.

  • 61 Su misthos, vd. Schultess 1932; LSJ, s.v.; Chantraine 1968-1980, 705 s.v.; Will 1975.
  • 62 In Aristofane (Vesp. 300-301) mistharion è usato ironicamente dal coro dei giudici popolari, per la (...)
  • 63 Vd., in particolare, P.Mich. 3 202, l. 14 (105 d.C.), lettera privata in cui si accenna a un compen (...)

36L. 11: τ] μισθάριον, l’unico termine conservato nella linea riveste particolare interesse sul piano lessicografico: quella del nostro documento a oggi costituirebbe, infatti, la prima e unica attestazione in campo epigrafico del vocabolo, che è documentato quale diminuitivo di μισθός61 nelle fonti letterarie fin da Aristofane, con frequenza nei testi comici, col valore colloquiale di “mercedula”, “piccolo compenso”, “paghetta”, con sfumature finanche polemiche e dispregiative62. Meno espressivamente connotato appare invece l’uso di μισθάριον in rari papiri documentari dell’era volgare (lettere private, scritture di artisti), dove il termine sembra talora possedere un’accezione priva della sfumatura diminuitiva e sostanzialmente equivalente a misthos63.

  • 64 Prestianni Giallombardo 1999, 454. Vd. i diminuitivi τυρρίδιον (IG XIV 352, col. II, ll. 65-66), ῥο (...)

37Il fatto che nella nostra epigrafe il termine sia, con ogni probabilità, preceduto dall’articolo lascia pensare che esso non afferisca alla ethike lexis, ma designi un istituto ben preciso, ufficialmente riconosciuto dalla polis e ben noto ai destinatari del documento. È dunque probabilmente all’uso noto dai succitati papiri documentari che dobbiamo guardare per comprendere come un termine usualmente ‘espressivo’ possa trovare posto in un documento ufficiale che la polis decide di pubblicare es aei. Ove si consideri poi, come sottolineato da Anna Maria Prestianni Giallombardo, la familiarità dell’epigrafia alesina verso forme lessicali diminuitive, eminentemente testimoniate dalle Tabulae64, ad Halaesa l’eventuale uso del diminuitivo mistharion per alludere al misthos o, in qualche misura, a frazioni di esso, non sorprenderebbe del tutto.

  • 65 Così fanno i kolakretai in IG I3 71, ll. 51-52: τοῖς δε͂ κέρυχσι τοῖς ἰο͂σι τ|[ὸμ μισθὸν] ἀ̣ποδ[όντ (...)
  • 66 Vd. es. IDelos 316, 354, 399 ecc.
  • 67 Es. IG XI, 2 158, ll. 51-52.
  • 68 Dai semplici mercenari a quanti percepivano le indennità per le funzioni civili, quali il misthos t (...)

38Naturalmente, la registrazione di un “compenso”, evidenza indiretta di una qualche categoria di salariati, è tutt’altro che inconsueta in un documento pubblico: svariati i casi in cui l’istituzione (polis o santuario) prescrive esplicitamente di versare il misthos all’araldo o agli araldi65, agli auleti66, all’architekton 67o ad altre categorie di soggetti autonomi o subordinati, che fornivano una prestazione dietro compenso o un pubblico servizio68.

  • 69 Cfr. es. IG XII, 4, 1:56, l. 29: το[ὶ δ]ὲ̣ ταμίαι τελεσάντω αὐτῶ]ι τό τε ἐς τὸ[ν σ]τέφανον ἀργύριον (...)
  • 70 Teos 48, ll. 26-30: ll. 26-30: ἐὰν δὲ μαχόμενος [ἀποθάνηι, ὑπάρχ]ε[ι]ν αὐτοῦ δημόσια τὰ ὄν|τα· τῶι (...)

39Tale accenno, però, appare più di frequente nelle disposizioni finali di un documento69, non propriamente quale conseguenza prescrittiva di una o più premesse. Se, come abbiamo ipotizzato, in questa parte del documento ci troviamo nel contesto di un dispositivo strutturato su una o più clausole, come quella probabilmente introdotta da εἴ κα della l. 9, il riferimento al compenso di un salariato già alla l. 10 potrebbe quindi risultare alquanto ‘eccentrico’. A meno che non ci troviamo qui di fronte a una casistica testuale quale, ad esempio, quella di Teos 48, ll. 26-28, dove l’accenno al compenso è compreso in una lunga serie di prescrizioni elencate dopo una clausola70, si dovrà pensare pertanto per il nostro testo a una differente soluzione.

  • 71 Vd. Sicca 1924, 152 e vocabolarietto, passim; cfr. Calderone 1998, 26.
  • 72 Vd. la prima attestazione del termine βασιλικά senza ulteriori denotazioni per designare uno specif (...)

40Considerata la presenza nelle Tabulae Halaesinae di numerosi termini con un’accezione rara o unica e la loro già evidenziata difficoltà di interpretazione lessicale71, e che Halaesa continua a rivelare nuovi casi di hapax linguistici, come ora nel decreto di Nemenio72, è lecito chiederci se il nostro documento non possa registrare un nuovo specimen alesino di semantica divergente da quella ‘ortodossa’. L’interpretazione del documento fin qui delineatasi potrebbe spingere, infatti, per l’esegesi di misthos, come del suo diminuitivo mistharion, verso una direzione diversa da quella del “compenso”.

  • 73 Cfr., es., la locazione del santuario dell’eroe Egretes da parte degli orgeoni (IG II2, 2499, ll. 3 (...)
  • 74 Vd., es., Arist. Ath. Pol. 47, 2 e 4, dove misthoma è sostanzialmente intercambiabile con misthosis(...)
  • 75 Così già Schulthess 1932, col. 2085; vd. Chantraine 1968-1980, 705 s.v. μισθός: «s’applique à la lo (...)
  • 76 Behrend 1970, 29, n. 100, in particolare rivolgeva la propria critica alle evidenze epigrafiche ric (...)
  • 77 Per tale accezione, cfr. anche Hdt., I, 24; 2 180; 9, 34 e 9, 37; Thuc. IV, 52; Xen. Anab. 1, 3, 1; (...)

41Come è noto, alla famiglia semantica di μισθός afferiscono, attraverso il verbo denominativo μισθόω/μισθοῦμαι, “affittare”, anche due importanti termini che non rimandano all’accezione di “compenso”: μσθωσις, che vale sia “affittanza”, “locazione”, che “canone d’affitto”73 e μίσθωμα, coniazione più specializzata nell’accezione di “canone”, ma talora indicante lo stesso “contratto di affitto”74. Ora, benché i due termini μισθός e μσθωσις nella documentazione letteraria e in gran parte di quelle epigrafica e papiracea sembrino mantenere la semantica distinta e separata, rispettivamente di “salario” e di “affitto/locazione”, “canone”, non sono mancate voci, fra cui quelle illustri di P. Chantraine, di E. Will e, di recente, di M. Walbank, tendenti invece a riconoscere a μισθός talora anche l’accezione di “canone”75, laddove tale possibilità veniva recisamente negata dal Behrend76. Un tale traslato nella semantica di misthos trova fondamento nell’estensione della misthosis al di fuori del ristretto campo originario dei rapporti di lavoro regolati dal pagamento di un misthos, testimoniata dall’uso della terminologia μισθός/μισθοῦμαι per denotare anche l’affitto/noleggio di beni mobili, che troverebbe la più antica evidenza in un episodio riguardante il filosofo Talete, secondo Aristotele (Pol. 1289a), acquirente di frantoi per noleggiarli in regime di monopolio77.

  • 78 Walbank 1991, 153, n. 20. La derivazione dell’affitto di terre dal contratto di lavoro è in effetti (...)

42Secondo M. Walbank, il principio della misthosis funzionerebbe, dunque, anche per l’affitto di terre, in quanto il possessore considera la proprietà che prende in affitto qualcosa che gli guadagnerà un compenso pagato regolarmente; la proprietà verrebbe quindi “noleggiata”, alla stregua di quanto era possibile fare con uno schiavo78.

  • 79 Vd. BGU 1122 (13 a.C.): il misthos viene versato per delle arourai di terra.
  • 80 Vd. P.Cairo Zen. 4 59748, ll. 23, 42 (256 a.C., noleggio di ὑποζύγια); P.Sorb. 3 84, l. 8 (247 a.C. (...)
  • 81 IDelos 509 (=Syll.3, 975), ll. 40-42: ἐὰν δέ τι|νες μὴ πειθαρχῶσιν τοῖς γεγραμμένοις, οἱ ἀγο|ρανόμο (...)
  • 82 IG II2 1126 (=Syll.3 145), ll. 22-23: μι]|σθὸν μη[δ]ένα φέρεν μηδενὶ μηδ’ ἐνοικε͂ν τὸν αὐτὸν πλέον (...)

43Benché la documentazione epigrafica a sostegno di questa lettura di misthos non sia particolarmente nutrita, la tesi del Behrend, che rubricava come tardi e incerti i casi di interferenza semantica fra i due termini, a ben vedere non è più sostenibile. Se l’accezione di “canone di locazione” per misthos in relazione in particolare a delle terre è attestata in papiri egiziani successivi al 30 a.C.79, già nella prima metà del III e ancora nel pieno II sec. a.C., più di un papiro tolemaico testimonia simile accezione di misthos per l’affitto/noleggio di beni immobili, mobili e di animali80. Ma soprattutto essa ricorre, in ambito epigrafico, in due documenti di epoca ellenistica che accreditano l’uso di misthos anche per l’affitto di beni immobili: IDelos 509 (ll. 40-42) (= Syll.3, 975) del III sec. a.C., una legge sulla vendita di legno e carbone a Delos, nella sezione sugli importatori ateleis del diritto di dogana, si prescrive di versare alla città una dracma giornaliera per uno spazio dove tenere la legna (τοῦ τόπου…μισθόν)81, e un regolamento anfizionico per i Pythia del 380-79 a.C., che menziona l’affitto di alloggi82.

  • 83 Vd. Montevecchi 1988, 214 sgg.; Rupprecht 1999, 121.
  • 84 Sulle numerose iscrizioni carie attestanti questo uso del termine phoros, vd. sintesi in Pernin 201 (...)
  • 85 Vd. documentazione in Pernin 2014, 488, nn. 19 e 20.
  • 86 IG XIV 645, ll. 101, 109, 112, 128, 155.

44La pur rara documentazione epigrafica e quella papiracea mostrano, dunque, che l’accezione di “affitto” compare precocemente nella piena età ellenistica, e che ben prima del pieno o tardo II sec. a.C., possibile datazione del nostro documento alesino, la semantica originaria di misthos, per influenza della fortuna e diffusione del verbo μισθόω/μισθοῦμαι e dei termini derivati, aveva comunque acquisito una nuova sfumatura, spostandosi dalla sfera del “compenso” verso quella dell’“affitto/noleggio”. E se, in ambito orientale, i documenti papiracei tolemaici83 e diverse iscrizioni ellenistiche di Caria, unitamente al singolo caso di Thestia in Etolia, sembrano usare φόρος per indicare il canone d’affitto delle terre84, è invece significativo che ad Atene e nella Grecia propria, con le rare eccezioni di Chios e Delos, che presentano anche i sinonimi ἐνηλάσιον e ἐνηρόσιον85, la terminologia del canone continui ad afferire alla sfera semantica originaria di misthos, un uso che troviamo diffuso, particolare ancor più rilevante, nell’occidente magnogreco: si pensi a μίσθωμα, regolarmente utilizzato nelle Tavole di Heraklea86.

  • 87 Cfr., es., IG I3, 402, l. 19.

45Poiché il nostro documento, in virtù della menzione di syngraphai in col. A, l. 7 e col. B, l. 3, appare probabilmente inquadrabile nella tipologia della misthosis, non ci sembra da escludere del tutto la possibilità di intendere qui μισθάριον come un singolare e locale sinonimo di μισθός, alla stregua dell’uso attestato nei succitati documenti, nella sua più rara accezione di “canone di affitto”, e nel senso specializzatosi nello stesso sostantivo μσθωσις, nel succitato μίσθωμα, ο nella perifrasi τὸ μισθώσεως κεφάλαιον, la “somma della locazione87 e dunque più specificatamente forse qualcosa di simile a un “esiguo canone/somma di locazione”, ovvero ancora a una ‘frazione’ di esso.

  • 88 Cfr. IG XIV 645, ll. 108-110: όστις δὲ κα μὴ ποτάγει πρωγγύ|ως μὴ τὸ μίσθωμα ἀποδιδῶι κὰτ τὰ γεγ (...)
  • 89 Cfr. IK Rhod. Peraia 354, ll. 9-11: καταβαλλέτω δὲ τὸ μίσ̣[θωμα καθ’]|[ἕκαστον ἐνιαυτ]̣ν̣ ἐπ[ τ](...)

46Se la nostra lettura di una clausola alla fine della l. 10 è corretta, potremmo avere qui traccia della apodosi, eventualmente riferentesi al versamento di questo particolare forma di canone, in “conformità ai contratti”88: ἀποδόντον τ] μισθάριον| [κατὰ τὰς συγγραφάς; altrimenti, potrebbe essere qui traccia della specificazione temporale del versamento del canone89.

47Ll. 12-15. A l. 12 la frattura di inizio rigo ha risparmiato la parte terminale di un’asta verticale con leggera apicatura, potenzialmente riconducibile a svariate lettere come, gamma, iota, rho, tau, ypsilon; non è quindi immediatamente perspicuo a quale verbo possa appartenere quello che verosimilmente è un participio nominativo maschile plurale, di cui resta solo la parte suffissale ].οντες. Alla fine del rigo, subito dopo il rho, risparmiato dalla lacuna estesa da due a tre lettere, si conserva parte di uno spigolo superiore una di lettera probabilmente riconducibile, dovendosi ovviamente escludere un secondo rho, alla parte superiore sinistra di un pi. La lettura καρπ̣[...] appare di particolare significatività per l’interpretazione del documento, in quanto, testimoniando qui la presenza della sfera semantica dello “sfruttamento” o dei “frutti”, opzioni entrambe a ragione concepibili, va a confortare con buona verosimiglianza l’ipotesi che il nostro documento avesse carattere fondiario e che riguardasse in ultima analisi una misthosis di terre. Non è immediatamente chiaro, tuttavia, se ci troviamo di fronte a sostantivo o a una voce verbale.

  • 90 Si concedeva ai padroni la facoltà di castigare gli ex schiavi, espressa all’infinito o al particip (...)
  • 91 IMylasa I, 218 (Pernin 2014, nr. 157), l. 6: ἐξουσίαν δὲ ἐχέτω καὶ ἄλλους ὑπὲρ αὐτῆς|[— εἰ δὲ μή, ο (...)

48A inizio l. 13 è ben riconoscibile traccia di un omicron; benché la lettera fra ypsilon e iota non sia più leggibile, è verosimile si tratti di un sigma, che lascia ricostruire qui facilmente il testo superstite come ἐξ]ουσ̣ίαν ἐχόντον, «abbiano facoltà, permesso», testimoniando qui la concessione a una pluralità di individui, probabilmente gli affittuari, di un beneficio di ignota natura che, come vedremo, potrebbe anche essere collegato alla linea precedente. Si tratta di una iunctura che ricorre con una certa frequenza come apodosi nei documenti delfici di manomissione90, mentre in rari casi di documenti di locazione, tutti attestati in Caria, essa regge l’infinito posposto παραχωρεῖν e rinvia alla possibilità degli affittuari di cedere ad altri il contratto stesso91.

  • 92 Buck 1955, 106; Brixhe 1976, 121-123 n. 8; Colvin 2007, 43, 48.
  • 93 Buck 1955, 106.
  • 94 Calderone 1961, 130-131; Calderone 1999, 37 lo attribuiva all’elemento agrigentino e geloo della fo (...)
  • 95 Prestianni Giallombardo 1999, 455. La persistenza di questa forma nel II-I sec. a. C. mina definiti (...)

49Notevole qui dal punto di vista linguistico la presenza di ἐχόντον, che insieme con l’ἀποδόντον attestato nella l. 14, costituisce un raro imperativo di tipo “eolico” con desinenza in -ντον, analogo a quelli attestati in IGDS I, 197 da Halaesa (l. 3: ]βαλλόντον; ll. 7, 9: ἀφαιρέοντον) e nel decreto di Nemenio (SEG LIX 1100, l. 30, ἐξοδιάντον; l. 31: ἀναθέντον; l. 32: ἀποδόντον). Forma regolare nell’eolico di Lesbo (cfr. IG XII, 2, 6 di Mitilene) e nel panfilio92, tale imperativo è attestato, forse per influenza panfilia, in una iscrizione in dialetto rodio della fondazione lindia di Faselide in Licia e in un decreto rodio a Seleucia di Cilicia, laddove a Rodi troviamo invece la forma regolare in -ντων93. La sua presenza ad Halaesa è stata collegata a una possibile componente agrigentina dello ξύμμικτος ὄχλος che partecipò alla fondazione della città (Diod. XIV, 16)94. Di certo i due imperativi rimandano alla stessa temperie linguistica attestata in IGDS, I 197 e nel decreto di Nemenio (SEG LIX 1100), confermando definitivamente l’esistenza ad Halaesa di un significativo esempio di conservatorismo linguistico95. Dopo, seguita da una lacuna di tre o quattro lettere prima del margine, è leggibile la sequenza ΕΙΔ[….], la cui possibile esegesi rimandiamo alla ricostruzione complessiva.

  • 96 Per questa forma di βούλομαι ad Halaesa cfr. il decreto onorifico per Nemenio (SEG LIX 1100, Tab. A (...)

50A inizio l. 14, subito prima dell’omega della sequenza ΩΝΤΑΙ, resta traccia del tratto obliquo discendente destro di una lettera, ricostruibile in un delta ο in un lambda, che rinvia a un congiuntivo da integrarsi con buona probabilità come βό]λ̣ωνται96. Nessun problema di lettura per l’imperativo ἀποδόντον, seguito alla fine della linea conservata da un tau. Dopo quest’ultimo è una frattura obliqua verso sinistra, che non lascia intravvedere tracce di lettere; presumibilmente essa seguiva il tratto discendente di una lettera di forma obliqua, forse qui un alpha, seguito prima del margine della colonna da due/tre lettere (τ[α …]). Dovendosi escludere un dativo dei destinatari del versamento, ad esempio τοῖς ταμίαις, attestati ad Halaesa in IGDS I, 197, l. 3 (cfr. IG II2, 1168, l. 9), si tratterà probabilmente di un articolo femminile in accusativo singolare o plurale (τάν/τάς), in genitivo (τᾶς) comunque relativo all’oggetto del verbo ἀποδίδωμι, o ancora un neutro plurale (τά).

  • 97 Vd. es., fra tanti casi delii, l’affitto decennale, regolato dalla Hiera syngraphe, di 15 temene ap (...)

51A inizio l. 15, dopo la frattura, è traccia di un tratto obliquo ascendente, evidentemente ascrivibile a un kappa; le successive lettere alpha e iota sono seguite dall’apice di un alpha; dopo pi e alpha, seguono malconservati rho ed epsilon, una lacuna, in cui integrare un lambda, infine omicron e il tratto verticale sinistro presumibilmente di un ny, seguito, prima della lacuna, dalla traccia di uno spigolo forse di un pi. Da qui la lettura di una proposizione relativa, cui seguivano tre o quattro lettere prima del margine, con spazio sufficiente per la preposizione παρά: ]κ̣αὶ παρέ[λ]αβον π̣[αρὰ?] (« ]anche quanto ricevettero [da»). Ora, è quanto mai significativo che παρέλαβε/παρέλαβον sia impiegato in vari documenti di affitto, soprattutto delii, per introdurre l’inventario dei beni della proprietà locata a specifici individui, o nei casi di rilocazione, per specificare i vari beni che i nuovi affittuari effettivamente trovavano, subentrando nella disponibilità del fondo97.

52Si tratta, dunque, di una evidenza che conduce in una direzione ben precisa e consente di sciogliere, verosimilmente, i dubbi in merito al preciso inquadramento della nostra misthosis alesina: un tale riferimento di carattere puntuale a un negozio già concluso e non meramente potenziale, quale invece quello previsto da un “contratto quadro”, a nostro giudizio induce, infatti, a riconoscere con ogni probabilità nel nostro documento un ‘contratto minuto’. Giocoforza, malgrado l’incertezza circa la presenza o meno di aggettivi dimostrativi come τάσδε relativi alle syngraphai, in considerazione dell’uso prevalente al plurale già rilevato si potrebbe cogliere con buona verosimiglianza nell’accenno alle syngraphai a col. A. l. 7 e B l. 4 un riferimento a documenti distinti e separati, costituenti eventualmente una sorta di Hiera syngraphe alesina, che stabiliva le norme generali per la locazione fondiaria nella polis nebroidea.

53L.16: superstiti solo l’apice di un delta e un epsilon seguito da una lacuna di circa dodici/tredici lettere.

54Non può sfuggire la difficoltà di ricostruire con sufficiente verosimiglianza i termini lacunosi e, di conseguenza, la sintassi di queste linee, specie in assenza di evidenze solide circa la lunghezza effettiva delle linee della colonna, che offre come parziale punto di ancoraggio solo il margine destro. A nostro giudizio, tuttavia, pur tenui, non mancano elementi per tentare di fissare almeno dei punti utili a sviluppare una ipotesi di esegesi.

  • 98 Teos 59, l. 100.
  • 99 IG XIV 645, l. 101: τοὶ δὲ μισθωσάμενοι καρπευσόνται τὸν ἀεὶ χρόνον; cfr. anche ll. 159, 161, 166.
  • 100 IG XIV 352, col. I, 1, l. 9: τὰ δὲ δένδρεα καρπεύσε<τ>[αι].
  • 101 Cfr. es. la più volte menzionata IG I3, 84, ll. 33-34, dove si prescrive all’affittuario del temeno (...)
  • 102 Pernin 2014, 522.
  • 103 Il caratteristico futuro dorico con suffisso -σεο- presenta normalmente la terza persona plurale di (...)

55Partendo dalla l. 12, nella sequenza καρπ̣[...] è potenzialmente individuabile un accenno al “diritto di sfruttamento”, la καρπεία o κάρπωσις (cfr. la ἐπικαρπία delle tavole di Heraklea, IG XIV, 644, l. 107), per quanto resti problematico individuare un verbo compatibile con la traccia di tratto verticale conservatosi davanti all’omicron di ].oντες. Minori difficoltà nel caso di καρπς: il nostro ignoto participio potrebbe, infatti, avere “frutti” come oggetto e assolvere funzione appositiva di un soggetto in lacuna; si potrà pensare a φέροντες, λαμβάνοντες, o ancora, sulla scorta di un’iscrizione di Teos, al verbo ἐξάγω98, da cui una possibile ricostruzione del genere: οἱ δεῖνες, τοὺς τῶν δείνων ἐξά]γ̣οντες καρπ̣[οὺς]|, κτλ. Ma è l’ipotesi di una forma verbale a fornire, a nostro giudizio, più consone possibilità di integrazione. In tal caso, si penserà preferibilmente al verbo καρπεύω, ad esempio attestato nella syntheka relativa ai terreni di Dioniso delle tavole di Heraklea, dove si accorda agli affittuari dei lotti ricavati dalle terre del dio lo sfruttamento in perpetuo (o enfiteusi) degli stessi99, come pure, va sottolineato, nell’ambito epigrafico alesino nelle Tabulae, dove si dice l’affittuario del quinto lotto «fruirà dello sfruttamento degli alberi»100. Tale sfera semantica, in particolare, consentirebbe a sua volta di ricondurre il nostro possibile participio ].οντες al verbo φυτεύω, “coltivare”, “piantare con alberi da frutto”, riconoscendo così in un ypsilon la traccia verticale conservata di un participio sostantivato (οἱ φυτε]̣οντες). Una opzione non inverosimile, dal momento che le convenzioni di affitto di terre potevano contemplare anche norme più o meno dettagliate relative alle colture da impiantare101, nel quadro di una strategia di rivalorizzazione dei terreni da parte del soggetto locatore102. Mentre, come vedremo, καρπ̣[...] potrebbe costituire la parte iniziale di un imperativo (presente ?) alla terza persona plurale (καρπ̣[ευ]|[έσθω) o di un indicativo futuro (καρπ̣[ευ]|[σοῦνται103), o ancora di infinito (καρπ̣[εύ]|[εσθαι), eventualmente dipendente dalla successiva l. 12.

  • 104 Cfr. Fraser - Matthews 1997.

56Dopo l’imperativo ἐχόντον, attenderemmo di trovare qui una specificazione della facoltà di cui godono questi soggetti, il che farebbe indentificare la sequenza ΕΙΔ[…] con un infinito (εἰδέναι?), un participio (εἰδότες ?), ovvero ancora, se possiamo istituire un confronto con i summenzionati documenti di affitto carii (vd. supra, n. 91), con il primo dei nomi di quanti eventualmente godevano della facoltà di cedere (παραχωρεῖν) il contratto di affitto. Una possibilità, quest’ultima, di certo attraente, se non incontrasse la difficoltà di identificare nell’ambito siceliota un nome proprio iniziante per Eἰδ-, a oggi non attestato104.

57Una possibile chiave per ricostruire la sintassi di questa parte del documento resta, dunque, la lettura βό]λ̣ωνται della l. 14, unitamente al successivo imperativo ἀποδόντον. Alla luce del delta conservato dopo εἰ, che potrebbe indicare la particella avversativa δέ, è verosimile qui la lettura di una ulteriore clausola, eventualmente anche negativa, εἰ δ[ κα ... (μὴ), il cui verbo al congiuntivo è andato perduto, o che, come vedremo, potrebbe essere rappresentato dallo stesso βό]λ̣ωνται.

58La presenza qui di tale clausola comporta di conseguenza: a) che ἐξ]ουσ̣ίαν ἐχόντον doveva costituire l’apodosi di una clausola espressa in precedenza, se non identificabile con quella introdotta dalla congiunzione subordinante ipotetica εἴ κα della l. 10, quanto meno con un’altra ricadente nella lacuna della l. 12; b) che la facoltà concessa ai nostri ignoti soggetti riguardava, insolitamente, qualcosa già specificato nel testo, eventualmente il frustulo testuale καρπ̣[...], specie se in questo si potrà leggere l’infinito καρπ̣[εύ]|[εσθαι; c) che ha tutta l’aria di riferirsi a una diversa apodosi anche l’imperativo ἀποδόντον, seguito dall’ignoto oggetto del verbo di cui resta solo il tau iniziale dell’articolo.

  • 105 Per l’uso di ἀποδίδωμι relativamente al versamento di un canone in natura, si veda il caso di Herak (...)
  • 106 L’ipotesi di Manganaro 1980, 431; 2002, 71, circa l’esistenza di una dekata ad Halaesa, riposa sull (...)
  • 107 Sulla forma ἥμισσον, cfr. ad Halaesa IGDS I 197, l. 1; cfr. l’attico ἕνηι es. in IG II2, 1241, ll. (...)

59A questo proposito, sono varie le possibilità di identificazione, tuttavia complicate dall’anfibolia semantica del verbo ἀποδίδωμι, che vale “versare/pagare” riferito sia a canoni in natura che in moneta, ma anche “cedere”, “vendere”105. Nel caso del sostantivo femminile, si potrà pensare qui al versamento da parte degli affittuari della misthosis stessa, ovvero, tuttavia con dei dubbi, della dekata106, seguita dalla cifra (cfr. IG II2, 1241, l. 43-44), o ancora di una frazione di rata del canone seguita da una specificazione temporale, ad esempio τ[ᾶς μι]|[σθώσεως τὸ ἥμισσον μηνὸς δεῖνα ἔνᾳ107. Nell’ipotesi di un sostantivo neutro plurale, sembra possibile integrare qui eventualmente τὰ μισθώματα, da cui l’ipotesi di lettura: ἀποδόντον τ[ μι]|[σθώματα.

60Come già sottolineato, qualunque proposta di restituzione del testo non può che essere altamente ipotetica, perché resa più difficoltosa dalle variabili rappresentate dalla precisa funzione sintattica di βό]λ̣ωνται, dalla natura (negativa o meno) della clausola e dalla eventuale identità dell’oggetto dell’imperativo ἀποδόντον.

  • 108 Potrebbe soccorrerci qui la già menzionata convenzione di affitto dei Dyaleis (IG II2 1241, ll. 36- (...)

61Qualora il congiuntivo βό]λ̣ωνται testimoni qui, come pure di frequente accade, una relativa impropria riferibile all’azione discrezionale dei soggetti preposti alle operazioni di locazione (magistrati cittadini? Membri di demi/associazioni cittadine?) di assegnare ad altri il bene, dovremo presupporre un testo alquanto esteso e articolato, postulando nella lacuna, oltre alla protasi, anche una apodosi con infinito o imperativo, reggente anche la relativa in questione con βό]λ̣ωνται, non nascondendo, però, che in tal caso la sintassi risulterebbe alquanto difficoltosa da ricostruirsi108.

62Naturalmente nulla esclude, in potenza, che nella Halaesa ellenistica la cancelleria cittadina facesse sfoggio di una complessità testuale confrontabile con quella di altre ben più illustri poleis coeve, basti pensare alla ricchezza del decreto onorifico per Nemenio del I sec. a.C. Tuttavia, benché l’argomento ovviamente non sia dirimente, potrebbe non essere privo di significato che l’unico confronto epigrafico di ambito alesino di cronologia similare, come IGDS I, 197, presenti un frasario alquanto sintetico.

  • 109 Cfr., es., IG II2 1104, ll. 2-3.

63Nell’ipotesi, dunque, di un testo mediamente costituito di trenta/quaranta lettere per linea, non sarebbe inverosimile che la protasi εἰ δ[έ κα …] (μὴ) della l. 13 potesse ‘chiudersi’ con lo stesso congiuntivo βό]λ̣ωνται109, subito seguito dall’imperativo ἀποδόντον τ[α, in funzione di apodosi del medesimo periodo ipotetico e della clausola.

  • 110 Vd. Pernin 2014, 498-499.
  • 111 IG II2 2499, l. 30 sgg.: «Se Diogneto non pagherà l’affitto nelle date previste o non eseguirà le a (...)

64Ora, se la nostra clausola, come spesso accade in svariati documenti di affitto, era qui negativa (εἰ δ[ κα …]|[μὴ), con ogni probabilità doveva indicare una ipotesi di infrazione dei contratti in merito al pagamento del canone nei termini temporali fissati, le cui sanzioni erano solitamente più o meno rigide110. È noto che il mancato rispetto delle clausole portava spesso alla rottura del contratto e ad una nuova aggiudicazione dell’affitto, come ben illustra la misthosis del santuario dell’eroe ateniese Egretes111. Affinché non si giungesse a tali estremi, i soggetti locatari inserivano nel contratto disposizioni, che variavano in base alle epoche e alle aree geografiche, volte ad assicurare che gli affittuari dessero esecuzione ai contratti secondo i termini prescritti.

  • 112 IG XIV 645, ll. 105-110: «Chiunque non fornisca garanti o non paghi l’affitto secondo le norme pres (...)
  • 113 IG II2 1241, ll. 35-37. «Se (Diodoros) non versa il danaro del canone di affitto nelle date fissate (...)
  • 114 IThesp 53, ll. 18-20: ἠ δέ κά τις τῶν μισθωσαμένων μεὶ κατα]βάλλει τὰν μίσθωσιν [ἐ]ν| [τοῖ γεγ]ραμμ (...)

65In caso di rottura del contratto e rilocazione ad altro affittuario, potevano infliggersi al locatario debitore vari tipi di ammende. Paradigmatico il caso ateniese descritto da Aristotele (Ath. Pol. 48, 1), che prevedeva per gli insolventi l’iscrizione nel registro dei debitori con l’obbligo di pagare il doppio degli arretrati, pena la prigione. Non mancavano di severità le analoghe prescrizioni delle Tavole di Heraklea112, della misthosis dei Dyaleis, dove il mancato pagamento dell’affitto o la mancata cura del terreno secondo le clausole previste (κατὰ τὰ γεγραμμένα) prevedeva il sequestro del terreno e la rilocazione dello stesso113, o ancora di un documento di affitto di Thespie, dove in caso di ritardo nel versamento della rata, era prevista non solo un’ammenda, e il ritorno del bene nella disponibilità dell’istituzione, libera di rimetterlo in affitto negli anni a venire, ma anche l’aggravio per l’affittuario insolvente di corrispondere la differenza, qualora la rendita nel nuovo affitto non fosse stata pari alla rata da lui precedentemente dovuta114.

  • 115 Osborne 1988, 294.

66In generale, l’istituzione locatrice minacciava conseguenze severe per gli affittuari morosi o inadempienti dei vari termini contrattuali, in quanto aveva un preciso interesse a incoraggiare pratiche agricole virtuose, cercando di salvaguardare i terreni da uno sfruttamento eccessivo o, per converso, di incentivarne la produttività e il ricambio delle colture. Non mancavano, però, casi come quello di Thespie dove, come ha chiarito Osborne, si tendeva a ottenere il medesimo risultato rendendo molto severe le conseguenze finanziarie degli abusi115.

  • 116 Suggestiva l’ipotesi che ἀποδόντον, sulla scorta della ipotesi di restituzione della l. 5, avesse i (...)

67Ci chiediamo se non si possa ipotizzare una similare severità anche ad Halaesa, individuando quindi in ἀποδόντον l’evidenza di un versamento di eventuali maggiorazioni del canone, o di altre forme di ammenda, da parte degli affittuari all’istituzione locatrice, che eventualmente provvedeva a rimettere in affitto i terreni, in conseguenza di una trasgressione di qualche prescrizione dei contratti116. Da qui la seguente ipotesi di restituzione e traduzione:

A) [--- οἰ μισθωσάμενοι ? οἱ τὰ χωρία/τοὺς κλάρους φυτε]̣οντες, καρπ̣[εύ]|[εσθαι --- ἐξ]ουσ̣ίαν ἐχόντον, εἰ δ[ κα]|[οἰ μισθωσάμενοι ?μὴ --- βό]λ̣ωνται, ἀποδόντον τ[ μι]|[σθώματα --- κ]αὶ παρέ[λ]αβον [....].
«[Gli affittuari] che coltivano [i fondi/lotti], abbiano facoltà di goderne i frutti; ma se rinunciano [a coltivare i fondi? / a pagare la rata secondo i contratti?], essi versino [i canoni (maggiorati ?)] [---] e quanto ricevettero [---]».

  • 117 Cfr. IG II2 1241, ll. 44-47: [ἐὰ]ν δὲ βούληται ἐν τοῖς δέκα ἔτεσιν Διόδω|[ρ]ος ἢ οἱ κληρονόμοι αὐτο (...)

68Nell’ipotesi qui di una clausola di carattere differente, spunti significativi di interpretazione provengono dal confronto con una delle clausole finali del più volte richiamato documento di affitto dei Dyaleis (IG II2 1241), che recita: «nell’ipotesi in cui Diodoros o i suoi eredi entro i dieci anni dal contratto lo desiderino, dopo avere versato cinquemila dracme ai Dyaleis e l’ammontare del canone di cui restano debitori, i fratriarchi e i Dyaleis cedano loro il terreno, dopo aver ricevuto il prezzo»117.

69Il testo conservato è sfortunatamente troppo esiguo per ipotizzare che in tale punto anche il nostro documento potesse registrare un raro esempio di alienazione di terreni a beneficio degli stessi affittuari da parte dei soggetti preposti all’affitto, come nella misthosis dei Dyaleis, magari unitamente ad altre categorie di beni compresi nella proprietà fondiaria, come si potrebbe evincere dal frustulo testuale della l. 14 «anche quanto ricevettero» (]κ̣αὶ παρέ[λ]αβον [.....]). A nostro giudizio, sussistono, tuttavia, margini sufficienti per formulare una più economica e lineare ipotesi di ricostruzione, testualmente e sintatticamente coerente, delle linee 11-14, ispirata alla prima parte della clausola della misthosis dei Dyaleis, che potrebbe condurre a un testo di massima del genere:

B) [--- οἰ μισθωσάμενοι ? οἱ τὰ χωρία/ τοὺς κλάρους φυτε]̣οντες, καρπ̣[εύ]|[εσθαι --- ἐξ]ουσ̣ίαν ἐχόντον, εἰ δ[ κα]|[οἰ μισθωσάμενοι ἐν τοῖς δέκα ἔτεσι ? ἀποδόμειν βό]λ̣ωνται, ἀποδόντον τ[ μι]|[σθώματα --- κ]αὶ παρέ[λ]αβον [...].
«[Gli affittuari] che coltivano [i terreni/lotti], abbiano facoltà di goderne i frutti [---]; ma qualora [gli affittuari nell’arco dei dieci anni ?] lo desiderino, versino [i canoni/il canone a?] [---] e quanto ricevettero [---]».

Colonna B

70L. 1: dopo una lacuna di un paio di lettere, si conserva la metà inferiore di un eta, seguita da una tenue traccia della parte inferiore, forse un tratto orizzontale, di una lettera indecifrabile.

ΩΝdeltadeltaiotaepsilonepsiloniotaepsilon

Fig. 6: Particolare della col. B, l. 2.

Fig. 6: Particolare della col. B, l. 2.
Tabulae
  • 118 Vd., es., vari esemplari di tegole ed elementi di condutture da Calacte (Marina di Caronia, contrad (...)
  • 119 Infruttuoso, restando al caso alesino, il confronto del nostro (...)

71Benché, pur rari, non manchino nell’epigrafia alesina, né altrove in Sicilia, casi di somiglianza esteriore, in particolare con il delta con ‘cerchietto’ interno, escluderemmo, tuttavia, l’ipotesi di una identificazione di entrambi i segni con un compendio o con dei monogrammi e di un loro scioglimento di tipo ‘civico’ (ad esempio ΔΑ(ΜΟΣΙΟΣ). Tali esempi, infatti, o rientrano nella casistica dell’instrumentum publicum118, risultando quindi non congruenti rispetto a un documento di misthosis, o sono essi stessi di dubbia interpretazione come vedremo più avanti, o non riescono a spiegare efficacemente entrambi i nostri segni119.

  • 120 Tod 1979, 1-83, part. 34. Recente, sul sistema, vd. Chrysomalis 2010, 98-105.
  • 121 Su cui vd. Brugnone 2005; Cordano 2017.

72Decisamente più fondato, a nostro giudizio, il confronto morfologico con dei numerali appartenenti a sistemi acrofonici, la cui estrema variabilità formale nel mondo greco rispetto al modello ateniese, ben illustrata negli studi fondamentali di M.N. Tod120, verosimilmente autorizza a ravvisare qui una ulteriore, inedita variante locale per indicare i numeri cardinali; questa andrebbe ad arricchire, come avvenuto nel caso di Entella, il variegato panorama dei sistemi numerali acrofonici della Sicilia greca121.

73Un’ipotesi che troverebbe ulteriore conforto, poi, nell’interpretazione, tutt’altro che inverosimile, della sequenza .ΩΝ come un genitivo plurale. Sarebbe infatti arduo, in tal caso, non identificarlo con il partitivo normalmente precedente l’indicazione delle cifre acrofoniche.

  • 122 Es., un my all’interno del delta designa le dieci mine ed è variamente attestato a Tegea, Lindos e (...)
  • 123 Cordano 2017, 136-137: tessere nr. 70 (cerchietto a sinistra del delta e altro con tratto mediano a (...)

74Ma se, come è noto, il delta indica usualmente la decina, e può essere talvolta combinato con ulteriori segni specificanti come my per la mina e sigma per lo statere122, più problematica è l’interpretazione del ‘cerchietto’ (o omicron?) che, in compendio con il delta, appare sin qui un unicum fra i numerali acrofonici noti. Nel panorama epigrafico della Sicilia, un ‘cerchietto’ ricorre in contesti numerici nelle tessere personali di Camarina, posto davanti o dopo il delta designante il dekalitron, presumibilmente come indicatore di frazione123.

omicron124omicron125126pi127deltaΔΟ128

75Il delta in compendio col ‘cerchietto’ del nostro documento, ove applicassimo la medesima ratio individuata nel Chersoneso Taurico, potrebbe pertanto designare il numerale 10 combinato con un simbolo ponderale da identificare.

deltadelta129130deltaΔΔ131eta hekaton132pi-epsilon133Πdistinguens134
  • 135 Heraklea: IG XIV 645, l. 103 (orzo riscosso dai sitagertai); Olymos: Pernin 2014, nr. 199, l. 2 (ca (...)
  • 136 Su cui Manganaro 1997, 310-313 (Siracusa) e 318-319, 338 (Agira), con possibile lettura ascendente (...)

76In linea di principio, inoltre, potrebbe anche valutarsi l’ipotesi di individuare qui misure di liquidi/aridi relative, ad esempio, a un canone di affitto in natura, quale quello in uso a Heraklea, Olymos e parzialmente a Mylasa e forse a Tauromenion135. Ne consegue che i due numerali andrebbero qui letti come un’unica cifra relativa a tali unità di misura. Tenuta presente la sporadica attestazione nell’ambiente siciliano di sistemi acrofonici discendenti, come in un contratto di vendita da Siracusa del IV sec. e in uno da Agyrion136, potremmo avere qui l’indicazione di 15 (10 + 5) o 16 (11+5) unità.

77Qualora invece, come è più probabile, il nostro documento si iscrivesse nella medesima tradizione siciliana e alesina che, come abbiamo visto, attesta l’ordine ascendente sia nelle Tabulae che nel decreto di Nemenio, dovremo invece leggere qui [x]60 (= 10+50), dal momento che in lacuna potevano trovarsi uno o più simboli delle centinaia, e quindi una cifra computabile in linea teorica fino a 960.

  • 137 Così Calderone 1998, 29.

78L’ipotesi dell’esistenza di un tale tipo di canone ad Halaesa, al momento, non ha però riscontri sufficientemente solidi. Anche a voler ammettere l’uso del versamento di una “decima” sulla base della lettura τὰ[ς] (τᾶς) δ̣[εκάτ]ας della problematica l. 2 di IGDS I, 197 (vd. supra n. 106), la menzione nel medesimo documento di tamiai (l. 3) e del verbo καταβάλλω (ll. 3-4) rimanderebbe semmai al pagamento di una decima in moneta137.

  • 138 Vd. Manganaro 1980, 429. I rendiconti più antichi registrano un computo redatto secondo il sistema (...)

79In più probabile alternativa, dovremo dunque pensare all’inquadramento delle due cifre nell’ambito del sistema ponderale basato su talanton/nomos e litra, in uso nella Sicilia tardo-ellenistica ancora nei rendiconti finanziari di Tauromenion (IG XIV 423-430) e in un contratto di compravendita da Camarina del II-I sec. a.C. (IGDS I, 126)138.

nomoilitraideltadekalitronnomoilitrai
  • 139 Manganaro 1988, 187 (cfr. Fantasia 1999, 260-261) ipotizzava che l’uso del termine nomos nei rendic (...)
  • 140 La fase III della monetazione di Halaesa, databile dopo la deditio a Roma nel 263 a.C., contempla, (...)

80Analogamente a quanto avvenuto nel caso dei rendiconti tauromenitani139, a latere dell’attestazione delle nostre cifre andrebbe poi aperto un nuovo fronte di indagine di ordine numismatico, che non potrà essere affrontato in questa sede, relativamente alla eventuale traduzione delle cifre stesse in termini monetari chiaramente riconoscibili e riconducibili a quelli in uso nella polis nebroidea nella seconda metà del II sec. a. C., fase in cui il sistema tradizionale della litra bronzea sembra ormai affiancato dal nuovo sistema “romano-siciliano” basato sull’asse e sui segni di valore140.

  • 141 In realtà quella del nostro documento potrebbe non essere la prima testimonianza in assoluto; a ben (...)
  • 142 Tod 1979, 31-32: Atene, IG II 985; Melitea: IG IX, 2 206.

81Quali che fossero ordine ed esatto ammontare delle cifre, resta qui di estrema rilevanza quella che potrebbe essere la prima (?) attestazione del sistema acrofonico nella polis di Halaesa141, nonché (probabilmente) della cronologia più bassa di tale sistema in Sicilia, com’è noto sopravvissuto ad Atene sino al 95 a.C. e in Tessaglia fino al 50 a.C.142. Al contempo, questa nuova evidenza potrebbe essere prova ora di una inedita e sorprendente vitalità del sistema acrofonico nell’Occidente tardo-ellenistico, a indicare misure e pesi o valori monetali, accanto al ‘nuovo’ sistema alfabetico utilizzato per i numeri ordinali e cardinali.

  • 143 La piccola porzione di specchio scrittorio, di forma approssimativamente triangolare, in cui non co (...)
  • 144 Cfr. Sol. 36; Is. 6, 36; Dem. 31, 1; 25, 69; Amorgos IG XII, 7, 412.
  • 145 Cfr., es., IDelos 442, l. 75: ἔθεσαν ταμίαι Ἀλκίμαχος καὶ Διογένης τραπεζῶν καὶ ὅρων ΗΗΔΔΔΔ κτλ.
  • 146 Cfr., es., il decreto della tribù caria degli Otorkondes (Pernin 2014, nr. 147, ll. 17-18), che spe (...)

82Resta quanto mai problematico identificare, oltre all’esatto ammontare e alla natura, anche il preciso contesto della cifra. Purtroppo non giova, a tale scopo, ignorare a l. 2 la lettera iniziale della sequenza .ΩΝ che precede la nostra cifra. Per motivi paleografici143 e linguistici (vd. infra l. 5) ci sembra da escludere la possibilità di leggere qui ὅ]ρ̣ων, il genitivo plurale dei “cippi liminari” che servivano a registrare un debito144, genitivo che si riscontra, ad esempio, in numerosi rendiconti degli hieropoioi delii, dove esso precede sempre la cifra145. Improbabile qui anche ποθό]δ̣ων, un eventuale accenno alle “entrate” che, pur presente in qualche documento di misthosis, non compare mai accanto a numerali e presuppone delle spese, da prelevarsi “da entrate comuni”, solitamente specificate in fine documento, che è arduo immaginare invece in questo punto del testo146.

  • 147 Cfr. IG I3 402, l. 20: μισθώσεως κεφ[άλαιον τ μὲν πρώτο ἔτος]| ŅΗΗΔŃł ⋮ τῶν δὲ ἄλλων ἐτῶν ŅΗΗΗ[.
  • 148 Cfr. IG I3 258, l. 10: [μ]ισθώσεων ΗΔΔΔłłłłΙΙŁ.

83Altre opzioni possibili, e forse più pertinenti al contesto che va emergendo, sono qui il genitivo plurale ἐ]τ̣ῶν, che ricorre davanti alla specificazione della cifra delle rate del canone di locazione degli anni successivi al primo147 o ancora, meglio supportato dall’evidenza della pietra (vd. n. 143), il genitivo μισθώσ]ε̣ων148, che spiegherebbe la cifra con il gettito complessivo degli affitti.

  • 149 La contrazione in -ου-, diffusa nella koine dorica per influenza della koine attica (Buck 1955, 158 (...)

84L. 3: la sequenza di lettere conservate (ΤΑΔΕΠΟΙ.) presenta in basso a sinistra, dopo lo iota, traccia di un tratto verticale riferibile più probabilmente a un eta che a un epsilon; ciò lascia identificare qui una forma verbale riferibile a ποιέω. Considerato il carattere del documento, menzionante syngraphai e clausole e, soprattutto, dei soggetti plurali, anziché ipotizzare una protasi εἴ κα τάδε ποιῇ, propenderemmo per ricostruire qui un testo di tipo prescrittivo, avente in oggetto il dimostrativo τάδε e presumibilmente indirizzato agli ignoti soggetti agenti nella colonna A; si penserà più plausibilmente a un futuro, eventualmente parallelo con quello presente a l. 6, τάδε ποιη̣[σοῦντι, che a un imperativo ποιέ̣[oντον149, “essi faranno/facciano queste cose”.

  • 150 Se in essa è possibile riconoscere una crasi, non altrimenti attestata, e per la verità assai rara (...)
  • 151 IG XIV 645, ll. 146, 161, 163.

85L. 4: la sequenza ΑΦΑΣΚΑΠA[--- conservata a inizio linea attesta, pressoché con certezza, una ulteriore presenza di συγγραφαί in accusativo. Ben più difficoltoso, invece, sciogliere la successiva sequenza ΚΑΠΑ[150. Tutt’altro che peregrina qui l’ipotesi di una reiterazione dell’obbligo di attenersi alle istruzioni dei “contratti”, che, come si è detto, costituivano presumibilmente la convenzione generale dell’affittanza fondiaria. In tal caso, avremmo l’evidenza in questo punto del testo di una nuova prescrizione, o ancora della indicazione di un nuovo affittuario, all’incirca come avviene nelle Tavole di Heraklea, dove si prescrive via via a ciascun affittuario di eseguire ogni cosa κὰτ τὰν συνθήκαν151.

  • 152 È significativo che essa si ritrovi nella stessa posizione anche in un altro documento epigrafico i (...)

86L. 5: Le poche lettere qui conservate sul margine sinistro della colonna, ΡΟΥΣΚΑΙΤΑΣ̣ (a fine rigo dopo l’alpha resta in alto una esigua traccia di un tratto orizzontale riconducibile a un sigma), restituiscono la sequenza iniziale ΡΟΥΣ, che potrebbe rimandare a un sostantivo in accusativo plurale152. Ci sembra subito da escludere, benché tutt’altro che estranea ai documenti di affitto, la menzione di ὅρους, “cippi”, sia per ragioni linguistiche, che di contesto geografico. Come apprendiamo dalle Tabulae, la delimitazione dei klaroi ad Halaesa si avvaleva degli elementi del paesaggio, alberi, rocce, fosse, siepi, ruscelli ecc., e dove è postulabile la presenza di un cippo, come già rilevato, il termine usato è τέρμων.

  • 153 Di contro, es., alla documentazione papiracea dell’Egitto tolemaico, dove la pratica dell’affitto è (...)

87Malgrado la rarità di contratti di affitto di kleroi in ambito epigrafico, ricorrenti a oggi solo in epigrafi tardo-ellenistiche molto frammentarie da Mylasa e Olymos153, nel caso alesino, considerata la familiarità del termine κλᾶρος nelle Tabulae, e la menzione di chora nella col. A del nostro documento, non sarebbe invece fuori luogo la lettura dell’accusativo plurale κλάρους, quelli che ad Halaesa sono i “lotti demaniali”.

  • 154 IG XIV 352, col. I, ll. 7-9, relativamente al mutilo IV lotto compare la prescrizione di non lavora (...)
  • 155 Kaibel 1890, 66: «Agros describi locando necdum locatos inde perspicitur quod nomina eorum qui cond (...)
  • 156 Kaibel 1890, 66: «Locationis lex non tradita est; necessarium tamen erat declarare quibus condicion (...)
  • 157 Cfr. da ultima Prestianni Giallombardo 2018, 124.

88Tale lettura consentirebbe di istituire un nesso quanto mai suggestivo con il celebre documento alesino, che vale la pena di approfondire anche in funzione della collocazione storica del documento in esame. Il testo delle Tabulae, come è noto, pur avendo dichiaratamente carattere di una perioresia, presenta anche alcune peculiarità delle locazioni. Nella prima colonna registra infatti quattro casi di prescrizioni destinate a futuri affittuari154, nella seconda, come già ricordato, descrive sette lotti esplicitamente destinati ai residenti «lungo il fiume Aleso» (IG XIV 352, col. II, ll. 23-74) e tre lotti destinati agli Skyreonoi (col. II, ll. 75-84). Al tempo stesso, come sottolineava già Georg Kaibel, di fatto non conteneva i nomi di alcun affittuario155 e mancava di altre specifiche prescrizioni, come pure delle condizioni generali di affitto, compreso l’ammontare del canone156. Dunque si è presunto preludesse alla stesura di una vera e propria convenzione di affitto dei klaroi alesini, la cui esistenza è stata postulata da vari esegeti del documento, da Kaibel a A.M. Prestianni Giallombardo157, e che S. Calderone proponeva di identificare, in particolare, nel frammento nell’attuale IGDS I, 197 (vd. supra n. 5). Il rinvenimento proprio ad Halaesa del nostro documento, che riteniamo una misthosis fondiaria, rende quindi inevitabile un raffronto col più celebre documento alesino, per il quale rinviamo alla sezione finale della nostra disamina.

  • 158 Per il testo vd. supra n. 20.
  • 159 Per l’uso del verbo παραβαίνω nell’ambito di una misthosis fondiaria, vd. IDelos 502, l. 16, dove e (...)

89Ma su un piano più specifico, la lettura klaroi nel nostro documento potrebbe aprire anche ad altre ipotesi di interpretazione della presenza delle syngraphai alla l. 4: nella summenzionata prasis epi lysei di Mnesimaco, da Sardi, una clausola di garanzia stabiliva che komai, kleroi, choria e oiketai, in caso di trasgressione del contratto da parte di Mnesimaco e della sua famiglia (παρὰ τὴν συγγραφὴν παραβαίνωμεν τήνδε τήνδε γεγραμμένην), dovessero essere avocati al santuario di Artemide158. Con tutte le cautele del caso, legate alla difforme natura dei due documenti, e consapevoli dell’assenza di evidenze plausibili circa la lunghezza delle linee del nostro testo, in alternativa a una reiterazione dell’osservanza dei contratti, si potrebbe ipotizzare dietro la sequenza ]ΦΑΣΚΑΠΑ[ la presenza di una clausola riguardante una eventuale infrazione dei contratti, in base alla quale i lotti cittadini e altri beni dovevano avere una determinata, ma per noi purtroppo ignota, sorte. Sulla base di una lacunosa iscrizione delia159, si potrebbe in tal caso restituire il senso generale del testo come segue: εἴ κα παρὰ τὰς συγγρα]|φὰς κἀπα[ρὰ δεῖνα παραβαίνωσι, --- τοὺς κλά]|ρους καὶ τὰς [δεῖνας ἅπαντας οἱ δεῖνες ἐχέτωσαν.

  • 160 Per le tre casistiche enunciate cfr., rispettivamente IG II3 1 1258, l. 57: οἱ ἐπιμελησόμενοι τῆς κ (...)

90L. 6: A inizio linea si conserva il tratto verticale iniziale di una lettera e poi una lacuna, dovuta a una intaccatura della pietra, di forma approssimativamente circolare. Le lettere conservate successivamente, ]ΙΜΕΛΗΣ[, lasciano chiaramente intuire qui la presenza iniziale di epsilon e pi e quindi del verbo ἐπιμελέομαι, indicante una prescrizione relativa a un qualche genere di curatela. Difficile però stabilire se vi fosse qui il participio futuro con il genitivo della cosa, oppure l’indicativo futuro ἐπιμελησοῦνται con una subordinata completiva o con il genitivo160.

  • 161 IG XIV 645, l. 119: ἐπιμελησόνται δὲ καὶ τῶν ℎυπαρχόντων δενδρέων.
  • 162 IG II2 2499, ll. 15-16: ἐπι| [μ]ελήσεται δὲ καὶ τῶν δένδρων τῶν v |ἐν τῶι ἱερῶι πεφυκότων κτλ.
  • 163 SEG XXIV 614 (= Pernin 2014, nr. 36), ll. 21-23: [σ]υκέ[ων δ]ὲ [κ]αὶ τῶν λο[ι]| πῶν ὀπωρῶν καὶ στεμ (...)

91In genere, tale verbo ricorre in clausole conclusive, riguardanti la scelta o la nomina di quanti devono concretamente “curarsi” di attuare i provvedimenti della polis. Non mancano però documenti di misthosis in cui il futuro di ἐπιμελέομαι si trova impiegato relativamente alla cura che gli affittuari devono prestare agli alberi della terra presa in affitto: è il caso delle tavole di Heraklea161, o ancora della misthosis del santuario dell’eroe Egretes162. Mentre la connessione di ἐπιμελέομαι con tale genere di documenti è ribadita nel tardo decreto di Gazoros (159 d.C.) sullo sfruttamento di terre pubbliche, dove si concede la epikarpia, il “diritto di raccolta”, a colui che “si occupa” degli alberi di fichi, di altri alberi da frutto e dei resti della spremitura163.

92Dunque, alla luce delle numerose consonanze fin qui rilevate con documenti di affitto, non sarebbe azzardato intravvedere qui, in particolare, una prescrizione analoga a quella dei due ultimi documenti, ipotizzando un testo del genere: ἐ̣[π]ιμελησ[οῦνται δὲ καὶ τῶν ὑπαρχόντων δένδρων κτλ.

  • 164 Cfr. es. IG II2 1286, ll. 9-11: ὅπως οὖν φ]ανεροὶ γίνω[ν]|[ται οἱ στρατιῶται εἰδότες ἀποδιδόναι] τὰ (...)
  • 165 Cfr. IDelos 509, l. 27: ἐ[ὰ]ν δὲ μὴ δύνωνται| ἐξομόσαντες, προσθέντων αὐτὸν καὶ τὰ αὐ| τοῦ τῶι εἰσα (...)

93L. 7. A inizio linea si trovano tre grosse intaccature irregolari della pietra, con la perdita di almeno due o più lettere. Nella sequenza ]ΝΩΝΤ[ va certamente individuato un congiuntivo di forma medio-passiva, di interpretazione evidentemente incerta: potrebbe riferirsi, ad esempio, a una subordinata finale, peculiare del formulario di “Zweck der Ehrung”, l’esaltazione dell’orgoglio municipale, dei decreti onorifici ellenistici164. In considerazione del carattere generale del documento e della assai probabile presenza di clausole, appare però tutt’altro che da trascurarsi l’ipotesi di lettura [δύ]νωντ[αι, individuando qui, fra fine l. 6 e inizio l. 7, una clausola del genere: εἰ δὲ κα μὴ]| [δύ]νωντ[αι, «qualora non siano in grado», riscontrabile, ad esempio, nella sezione relativa alla clausole penali della summenzionata IDelos 509165.

94L. 8: la superficie è a inizio linea molto corrosa; si conserva un tratto verticale e parte di uno orizzontale, forse un gamma, un pi o un tau, seguito dallo spazio per una o due lettere. Dopo la successiva sequenza KA, è ben leggibile un tratto obliquo, verosimilmente riconducibile a un lambda.

95Ll. 9-12: si conservano lettere o tracce di esse solo a inizio di ciascuna linea, rispettivamente (l. 9) un alpha o delta, seguito da una traccia di tratto verticale, un ny (l. 10), un pi (l. 11), infine (l. 12) traccia dello spigolo superiore sinistro di una lettera, forse un pi o un gamma.

Traduzione

Col. A


«… terreni/confini e … [secondo i] contratti…. nessun …..presso la chora, ma qualora… il compenso/canone di affitto ?…. [coloro che] coltivano [i terreni/lotti ?], abbiano facoltà di [godere dei frutti?] […. qualora non …. a chi] vogliano, versino la …. e quanto ricevettero…».
Col. B
«15 / [x]60 (se unità di misura), [x]5(0) talenti e 10 litrai (se valori ponderali) …. faranno ciò ?…. [secondo i] contratti e … i [kla]roi ? e le … si occuperanno di…”, [qualora non] possano…»

Per una interpretazione del documento: una nuova misthosis fondiaria dall’Occidente greco

96Lo stato di conservazione gravemente lacunoso del supporto rende il testo del nostro documento di ricostruzione e intelligenza particolarmente ardue. Possediamo solo dei lacerti che, tuttavia, come via via esaminato nel commento, nel loro complesso lasciano riconoscere con una certa verosimiglianza, nel testo conservato, un contratto di misthosis fondiaria, dettagli e struttura del quale restano alquanto oscuri.

97Nella colonna A si accenna verosimilmente a terreni (χω]ρία) o a confini (]ρια) (l. 6) e alla osservanza di “contratti” --- κατὰ (τ]ὰς συγ|[γραφάς (l. 7). Vi è poi (l. 8) traccia di un divieto (μηθέν), un riferimento spaziale alla chora (π]αρ̣ χώρᾳ) e, probabilmente, la parte iniziale di una clausola (εἴ κα) (l. 9). Si registra poi (l. 10) un enigmatico μισθάριον, che verosimilmente non avrà avuto qui la comune accezione di “piccolo compenso”; e ancora (l. 11) un frustulo di testo di difficile interpretazione (].οντες καρπ̣[..]), che potrebbe conservare traccia di una prescrizione riguardante la coltivazione (οἱ φυτε]̣οντες) e lo “sfruttamento” (καρπ̣[ευ]|[έσθω/καρπ̣[εύ]|[εσθαι, di fondi?). Successivamente (l. 12), vi è un chiaro accenno alla concessione di diritti a degli ignoti soggetti (ἐξ]ουσίαν ἐχόντον), che saranno identificabili con i μισθωσάμενοι, gli “affittuari”, e forse traccia di una nuova clausola (εἰ δ[ κα]). È non poco problematico, invece, il frustulo testuale della linea successiva (l. 13) (βό]λ̣ωνται, ἀποδόντον τ[α), che reca traccia di quella che potrebbe essere una subordinata relativa riferibile alla eventuale rilocazione del bene ad altri affittuari, a discrezione dei tesorieri (?), ovvero di una clausola riguardante la volontà o meno degli affittuari di eseguire qualche disposizione, unitamente alla prescrizione di versamento (del canone di affitto ?). Infine (l. 14) troviamo il riferimento a beni ricevuti nel passato (]κ̣αὶ παρέ̣[λ]αβον̣ [παρά ?]), peculiare degli inventari dei beni della proprietà concessa in affitto o delle riassegnazioni degli affitti.

ΩΝτάδεποιησοῦντικατὰτὰςσυγγραφὰςklaroiκλάρουςκαὶτάςπιμελήσονταιεἰδὲκαμὴδύνωνται

98Come abbiamo osservato nel commento, il nostro documento offre non pochi spunti di interesse. Su due evidenze in particolare occorre richiamare qui l’attenzione per via del carattere di spiccata rarità, se non unicità, che le contraddistingue.

99Nella colonna A, τ] μισθάριον, a oggi un hapax legomenon in ambito epigrafico, attesta forse un ulteriore caso di eccentricità semantica del lessico alesino, oltre a quelli già noti dalle Tabulae, caratterizzato da una predilezione per i termini diminuitivi come rhoiskos, rhoeidion, tyrrhidion ecc. È alquanto improbabile che il termine sia in uso in un documento pubblico come il nostro con la connotazione ‘espressiva’ di “mercedula”, “piccolo compenso”, attestata nelle fonti letterarie. Mistharion potrebbe essere qui sì un diminuitivo di misthos, tuttavia provvisto della connotazione neutra, meramente sinonimica di misthos, nota da taluni documenti papiracei, specie contratti di lavoro. Non possiamo escludere che esso si riferisse al compenso di un qualche salariato pubblico. Nondimeno, in virtù della sua collocazione nel residuo corpo testuale del documento, abbiamo avanzato, con la dovuta cautela, l’ipotesi che mistharion potesse invece designare un termine encorio collegato alla sfera semantica del misthos in quanto “canone di affitto”. Accezione rara, ma non inusuale, specie in fonti papiracee di epoca tolemaica e in qualche sporadico documento epigrafico tardo-ellenistico, per indicare nel nostro documento eventualmente un canone di affitto esiguo o una ‘frazione’ dello stesso.

instrumentum publicum instrumentum publicum Tabulae HalaesinaemisthosisΩΝtalantonlitradekalitrontalenti/nomoilitrai

100Quanto agli aspetti formali del documento, se la sfera semantica dello “sfruttamento”, deducibile dal frustulo testuale καρπ̣[, testimonia forse una produttività dei terreni e potrebbe rinviare, dunque, alla categoria moderna dell’“affitto” anziché della “locazione” di terreni (vd. supra n. 28), non è invece immediatamente perspicuo quale fosse il preciso inquadramento del documento nell’ambito della tipologia della misthosis fondiaria. In primo luogo, considerata la lacunosità del supporto, non è possibile capire se, come pure sarebbe possibile, la misthosis fosse contenuta entro un decreto cittadino, come avviene in diversi casi, fra cui quello celebre di IG I3 84. Esclusa la tipologia della lista di locazione compresa in un rendiconto, come spesso avviene nei casi di Delfi e di Delos, le opzioni residue per il nostro documento sono il cosiddetto “contratto-quadro”, una regolamentazione generale paragonabile alla Hiera Syngraphe di Delos, e il ‘contratto nominativo’ o ‘minuto’, stipulato, cioè, con soggetti specifici menzionati nel corpo del testo e che, alla stregua di varie misthoseis attiche, come IG II 403, IG I3 84 ecc., a tale regolamentazione generale poteva rinviare come ‘fonte normativa’. Benché il testo alesino non ci abbia conservato né intestazioni, che troviamo ad esempio nelle Tavole di Heraklea, né eventuali aggettivi dimostrativi pertinenti a συγγραφάς (col. B, ll. 3-4), utili ad accertare se il duplice accenno alle syngraphai costituisca un rinvio a un documento altro dal nostro, ovvero un rinvio interno al presente documento, con ciò che ne consegue in termini di identificazione, riteniamo potenzialmente risolutivo del problema il testo della l. 14.

101Conservando il riferimento puntuale a quanto gli affittuari effettivamente “ricevettero/trovarono” nell’acquisire l’affitto della proprietà o nel subentrare in esso, l’indicativo aoristo παρέλαβον esclude verosimilmente la categoria del “contratto-quadro”, a beneficio del contratto nominativo e, di conseguenza, induce a riferire gli imperativi plurali non a dei misthosamenoi potenziali, bensì a degli specifici affittuari, titolari di un contratto di affitto concluso.

102Ma c’è di più. Se è valido il confronto con documenti di area delio-attica, dove la formula impiegata al plurale e senza il dimostrativo (κατὰ τὰς συγγραφάς) rinvia di solito a documenti separati di carattere normativo generale, ci sembra plausibile approdare alla conclusione, di notevole rilevanza storica, che nella Halaesa tardo-ellenistica il “contratto quadro” degli affitti fondiari era costituito da un insieme di syngraphai. Di contro, non è possibile stabilire se il contratto nominativo iscritto sul nostro frammento lapideo fosse terminologicamente distinto dalle syngraphai generali e venisse definito, ad esempio, συνθήκα, come prevalentemente avviene in ambito delio-attico, o fosse esso stesso denominato συγγραφή.

103Per quanto concerne i soggetti contraenti del contratto, l’impiego come supporto per l’iscrizione del particolare calcare non locale usato anche per l’iscrizione delle Tabulae induce a ritenere che il soggetto locatore fosse la stessa polis di Halaesa. Nulla di certo, invece, possiamo dire in prima battuta dell’identità degli affittuari.

  • 166 Vd. Cavagnola 1972, 112-113.
  • 167 Brunet - Rougemont et al. 1998, 218. Vd. ora, per una sintesi delle varie realtà locali, Pernin 201 (...)
  • 168 Osborne 1988, 289-292; Brunet - Rougemont et al. 1998, 219.

104Vari studi sulla locazione fondiaria in epoca ellenistica hanno rilevato l’assegnazione dei contratti a un gruppo sociale ristretto, che, come ad esempio a Delos166, disponeva del capitale finanziario e probabilmente dei mezzi di produzione della manodopera servile167. Secondo la lettura di Brunet, poi, la locazione terriera non sarebbe stata destinata a favorire l’accesso alla terra dei cittadini non proprietari, né a permettere a dei piccoli proprietari di ottenere un migliore livello di produzione per l’autoconsumo. Si tratterebbe, bensì, di una pratica essenzialmente conservatrice, che rafforzava la solidarietà tra tutti, finalizzata a conferire agli affittuari maggiore prestigio sociale168, e usata come forma di investimento da parte di élite cittadine.

105Nel caso di Halaesa, l’unico dato a nostra disposizione potrebbe confermare tale orientamento: nella II colonna delle Tabulae, come abbiamo osservato, i lotti appaiono esplicitamente assegnati su base territoriale a quanti abitavano determinati distretti della chora cittadina, come i residenti “lungo il fiume Aleso”, destinatari di sette daithmoi localizzati proprio fra le mura e il corso del fiume (l. 23), e gli Skyreonoi, destinatari di almeno tre appezzamenti (l. 75), cui potrebbero aggiungersi almeno altri due gruppi/distretti cittadini, assegnatari della serie di lotti descritti nella col. I. e dei lotti all’inizio della col. II, dove si legge la descrizione degli ultimi tre di tredici lotti.

  • 169 Manganaro 2009, 17-18; Prag 2018, 117, che richiama l’esperienza ateniese, dove i seggi della boule(...)

106Sembrerebbe possibile dedurre, dunque, una differenza di trattamento sulla base della estensione territoriale o forse della consistenza numerica di queste ripartizioni civico-territoriali alesine169. Ma al contempo l’esiguo numero di lotti destinati alla locazione sembra segnalare una pratica riservata a pochi cittadini, scelti per capacità economica. Diversamente, dovremo ipotizzare che l’assegnazione dell’affitto avvenisse su un principio paritario, e dunque eventualmente per sorteggio fra una rosa di aspiranti alla locazione dei lotti entro le singole circoscrizioni territoriali, giacché è arduo pensare, pur tenendo debitamente in conto l’esiguità del territorio alesino, che solo sette fossero i politai aventi diritto ad abitare lungo il fiume Aleso.

  • 170 Sono da riferirsi, con ogni probabilità, agli affittuari le voci verbali col. A, l. 11:].οντες; l. (...)

107Resta in ogni caso da sottolineare, nel nostro documento, l’uso costante del plurale riguardo tutte le azioni verbali conservate nel testo170. Escluso che gli affitti venissero stipulati in modalità cumulative per gruppo territoriale, poiché mancherebbe l’indicazione della titolarità del singolo affittuario, esso potrebbe riferirsi a una pluralità di affittuari dei vari terreni elencati per nome – senza poter scartare casi limite di più affittuari nominativi di un singolo terreno (cfr. IDelos 445) – eventualmente appartenenti a uno di quei gruppi civico-territoriali ricordati dalle Tabulae.

  • 171 Vd. Pernin 2014, passim.

108A prescindere dalla sua precisa tipologia, è indubbio che il nostro documento riveste una importanza di primissimo piano per la storia dell’epigrafia alesina e della Sicilia tutta. Come è noto, la maggior messe di documenti epigrafici relativi ad affitti fondiari proviene da Atene, Thespie, Delfi, Delos, la Caria; mentre singoli casi sono noti da Eretria, Thestia in Etolia, Gazoros in Macedonia per la Grecia continentale, Thasos, Naxos, Chios, Amorgos per l’Egeo, Gambreion, Clazomene per l’Asia Minore ed Heraklea per l’area Magnogreca171.

  • 172 A privati proprietari sono stati solitamente ricondotti i nomi propri in genitivo menzionati a IG X (...)

109Questo di Halaesa costituisce quindi, a oggi, il secondo caso di contratto di locazione (o affitto) di terreni pervenutoci in tutto l’Occidente greco, dopo le Tavole di Heraklea, e il primo in assoluto attestato in Sicilia. E che un tale documento provenga da Halaesa è tutt’altro che sorprendente, giacché il testo delle Tabulae Halaesinae, classificato a oggi come una iscrizione di carattere catastale relativa a terreni (daithmoi, klaroi) del demanio cittadino che sembra ricomprendessero talora fondi privati172, pur presentando, come si è visto, delle peculiarità che accentuano la singolarità del documento, almeno nelle parti pervenuteci, sembrerebbe funzionale proprio alla locazione dei klaroi.

  • 173 Che ad Halaesa potesse esistere della ἱερά γῆ può ricavarsi dalla menzione dell’aggettivo ΙΕΡΑΣ su (...)

110Non abbiamo certezza che oggetto della nostra misthosis fossero dei klaroi, né possiamo escludere del tutto, considerata l’abbondanza della documentazione epigrafica relativa alle proprietà terriere di divinità, che essa riguardasse dei terreni sacri, eventualmente appartenenti al santuario di Apollo173. Tuttavia, in virtù della compatibilità paleografica e cronologica di fondo del nostro documento con le Tabulae, che riporta al tardo II se non all’inizio del I sec. a.C., si impongono inevitabilmente, più che legittimi, degli interrogativi in ordine agli eventuali rapporti del nostro contratto con il celebre documento alesino. A tal fine, va subito sottolineato che la presente convenzione di affitto costituiva un testo distinto e separato da quello delle perdute Tabulae, come da quello di IGDS I, 197. Ci sembra, infatti, conduca a questa conclusione la differente esecuzione dell’omega, tondeggiante nel nostro documento, invece sensibilmente ristretto in alto nelle Tabulae, come apprendiamo dalla zincotipia del “frammento B”, e ora in un nuovo frammento inedito delle stesse, e nella summenzionata IGDS I, 197, nonché lo spessore, 11, 3 cm, compatibile, eventualmente, solo con il frammento B delle Tabulae (12 cm), laddove il frammento inedito e IGDS I, 197 misurano, rispettivamente, 8,3 e 3,5-5,7 cm (vd. supra n. 5).

  • 174 Per un’analisi delle evidenze relative alla chora alesina in età ellenistica, vd. Burgio 2008, 227- (...)

111Al contempo, è difficile ritenere che il nostro documento non fosse in qualche modo collegato, quanto meno, al contesto ‘eternato’ dalla grande iscrizione alesina. In caso contrario, dovremmo infatti ritenere che nella seconda metà/fine del II-inizi I sec. a.C. la polis di Halaesa, dotata di una chora non particolarmente estesa174, avesse redatto, senza che questi fossero in reciproca relazione, due documenti concernenti l’assetto fondiario cittadino. Una assai singolare delimitazione di almeno trentasei lotti demaniali (cui vanno aggiunti i tredici o più del “grande querceto”), recante anche alcune prescrizioni per dei potenziali misthosamenoi e che, di fatto, stabiliva anche a quali gruppi civici assegnare i singoli gruppi di lotti, e un contratto ‘minuto’ di affitto fondiario, concluso con degli specifici, ma per noi ignoti, affittuari alesini, che a sua volta rinviava al “contratto-tipo” di Halaesa, la cui esistenza deduciamo dagli accenni alle syngraphai del presente documento.

112Sarebbe quindi tutt’altro che inverosimile che il nostro documento registrasse il contratto nominativo di locazione/affitto stipulato dalla città con una pluralità di misthosamenoi proprio relativamente a dei (gruppi di) lotti già delimitati dalla perioresia iscritta sulle Tabulae, contratto che rimandava come fonte normativa a un documento di carattere generale, diremmo la ‘Hiera syngraphe’ alesina. E ci sembra non poco suggestivo, in questa direzione, anche l’uso costante nel nostro documento di forme verbali al plurale, che potrebbe testimoniare sì una pluralità di singoli affittuari, senza poterne escludere, però, l’appartenenza a gruppi cittadini, confrontabili (o identificabili?) con quelli menzionati nelle Tabulae, come quanti abitavano “lungo il fiume Aleso” e gli Skyreonoi.

“L’elefante nella stanza”: le Tabulae Halaesinae

113Il nostro frammento epigrafico, dunque, se la presente analisi è corretta, si rivela ‘doppiamente’ prezioso, dal momento che attesta, con ogni probabilità, l’esistenza nella Halaesa tardo-ellenistica di due distinti documenti di misthosis fondiaria: un contratto nominativo di locazione/affitto e delle syngraphai, un “contratto quadro”.

114Non può sfuggire come tale acquisizione abbia dei riflessi di non scarso rilievo in sede di ricostruzione della storia dell’assetto fondiario demaniale della città in epoca tardo-ellenistica. Sorgono ora, infatti, più che legittimi degli interrogativi sulla collocazione in questo contesto delle syngraphai e sulla loro eventuale relazione con le Tabulae.

115Di primo acchito, l’esistenza stessa di un “contratto quadro” alesino inevitabilmente conduce a riprendere in considerazione l’ipotesi di S. Calderone che, come si è detto, identificava senza incertezze nella attuale IGDS I, 197 un frammento delle Tabulae e, in particolare, della perduta syntheka delle stesse. Gli aspetti testuali del lacunoso documento sono alquanto complessi e meritano un ulteriore approfondimento che riserviamo ad altra sede; tuttavia basteranno qui delle notazioni di carattere materiale che non sembrano avvalorare in toto l’ipotesi dello studioso. Lo spessore della lastra (3,5-5,7 cm), infatti, esclude che essa appartenesse alle grandi e più spesse Tabulae dove era registrata la perioresia dei lotti (cfr. supra n. 5). Ciò non toglie che potesse trattarsi di un documento egualmente pertinente alle Tabulae, ma iscritto su altra pietra. E tuttavia, ancora una volta, il dato dello spessore lascia dedurre come la lastra e il testo in essa iscritto non fossero particolarmente ampi, come invece ci si potrebbe aspettare da un “contratto quadro” e quale, con ogni probabilità, doveva essere invece il documento, cui apparteneva il frammento da noi qui pubblicato, iscritto su un supporto dello spessore di oltre 11 cm.

116A meno di voler ipotizzare che il “contratto quadro” alesino di locazione fosse particolarmente ‘schematico’, eventualmente scandito solo per gruppi di lotti quali compaiono nelle Tabulae e senza una diversificazione del canone dei lotti collegata alla natura e produttività dei terreni, dovremo postulare l’esistenza di un ulteriore, grande e dettagliato documento oggi perduto, ovvero, ancora, cercare la soluzione in altre direzioni.

117A tal proposito, potrà essere d’ausilio svolgere qui alcune brevi considerazioni, suscettibili certo di ulteriore approfondimento, sulla singolare natura del testo delle Tabulae che, come osservato sopra, presenta peculiarità tali da farne, forse, qualcosa di più di una semplice iscrizione catastale. Sarà quindi tutt’altro che irragionevole proporre qui un raffronto con le già tante volte richiamate Tavole di Heraklea, altro documento sui generis se confrontato con quelli di misthosis fondiaria del resto del mondo greco.

118Nelle Tavole di Heraklea la delimitazione dei χῶροι sacri di Dioniso è seguita dalla syntheka, che appare strutturata in: a) prescrizioni di carattere generale per i locatari (IG XIV 645, ll. 93-110), b) prescrizioni specifiche per ciascuno dei quattro terreni (ll. 111-179), che sembrano peculiari tutte dei “contratti quadro”, c) indicazione dei nomi degli affittuari dei singoli terreni, unitamente a quelli dei relativi garanti e alle cifre del canone (ll. 179-187), tipiche invece dei ‘contratti nominativi’ e che attestano, all’atto dell’iscrizione del documento sulle tavole enee, l’avvenuta presa in locazione dei terreni.

119Una giustapposizione di differenti tipologie documentali in unico testo, dunque, che nelle Tabulae Halaesinae sembra, invece, assumere la singolare veste di una ‘contaminazione’.

120In seno alla descrizione dei confini dei klaroi esse offrono, infatti, nella I colonna, quattro casi di prescrizioni (come ad Heraklea espresse al futuro, fra concessioni e divieti, col. I, ll. 8-9, 62-63, 70-71), e degli accenni in astratto a dei potenziali misthosamenoi (col. I, l. 43; col. II, 24, 75), che sembrano peculiari dei cosiddetti “contratti quadro”. Inoltre, nella II colonna, il documento descrive dei lotti che appaiono esplicitamente riservati, con tanto di rubricazione del testo, agli abitanti dell’area presso il fiume Aleso e agli Skyreonoi, cui dovremo aggiungere almeno altri due gruppi civico-territoriali nelle parti perdute in testa alla colonna destra e sinistra del “frammento A”.

  • 175 Kaibel 1890, 60: «Pretia vero quonima singulis agris adscripta non sunt, patet certum suum cuique a (...)

121Nel testo pervenutoci, invece, manca del tutto, come sottolineava già Kaibel175, qualunque accenno all’ammontare del canone dei gruppi di lotti e i nomi di eventuali garanti. Talché, dallo studioso germanico in poi, si è sempre pensato che, come a Heraklea, una ‘syntheka’ dovesse accompagnare la perioresia dei lotti.

122Ma se tale assunto vale a spiegare l’assenza nelle Tabulae della sezione del gettito dei terreni, fondamentale in qualunque documento di locazione, non riesce a spiegare adeguatamente perché la perioresia contenga prescrizioni che sarebbero ridondanti rispetto a una distinta sezione di syntheka di carattere generale, concepita unitamente alla descrizione stessa dei lotti. Questi elementi, semmai, lascerebbero pensare come minimo che una syntheka, organicamente strutturata come quella dei terreni di Dioniso ad Heraklea, forse, all’atto della stesura delle Tabulae, non fosse stata predisposta.

123Tuttavia, a parer nostro, ciò non avvenne, perché in un certo senso la città aveva già espressamente stabilito, proprio nel testo delle Tabulae, inframezzandole alla descrizione della perioresia, le prescrizioni ritenute essenziali, nonché fissato a quali gruppi di politai destinare la locazione dei lotti, indicando, peraltro, un criterio strettamente territoriale attraverso le ‘rubriche’.

124Certo è difficile immaginare che il testo della descrizione dei lotti non fosse introdotto da un dispositivo con il quale gli organi deliberanti della polis avevano decretato di eseguire la perioresia. Vale perciò la pena di valutare l’ipotesi se il singolare combinato disposto di perioresia e prescrizioni, conservato nelle Tabulae Halaesinae, non costituisse già di per se stesso una convenzione o ‘scrittura’, che, tuttavia, al pari delle Tavole di Heraklea, forse assunse connotati differenti dai documenti prodotti nel resto del mondo greco, dove più rigorosa appare la distinzione tipologica e documentale fra “contratti nominativi” e “contratti-quadro”.

125Alla luce di tali considerazioni, è possibile dunque che nella Halaesa tardo-ellenistica, ormai all’ombra di Roma, la misthosis fondiaria possedesse una fisionomia del tutto peculiare, caratterizzata cioè da una struttura alquanto ‘disorganica’, o, forse meglio, ‘diffusa’, che prevedeva l’indicazione, evidentemente solo ove ritenuto strettamente necessario, di prescrizioni nel corso della stessa descrizione dei lotti destinati agli affittuari, unitamente alla identificazione di massima degli stessi a mezzo di rubriche, cui attribuiremo già valenza ‘esecutiva’, in quanto certamente espressione della volontà della polis.

  • 176 Kaibel 1882, 11.

126Non possiamo poi escludere che, come avviene a Heraklea, il documento riservasse a una sezione finale, oggi perduta, informazioni come le cifre del canone dei singoli lotti o dei differenti gruppi di lotti (quelli dei residenti lungo il corso dell’Aleso, quelli degli Skyreonoi, quelli del megas drymos ecc.), dal momento che è difficile che questi avessero lo stesso prezzo in virtù delle loro differenti caratteristiche morfologiche. Un’ipotesi peraltro da non sottovalutare, poiché probabilmente esisteva una ulteriore tabula che descriveva almeno i tredici lotti del “grande querceto”, ed è quindi da presupporsi per il documento una quantità di testo perduto tutt’altro che trascurabile176.

  • 177 Vd. Pernin 2014, nrr. 29-34 (Delfi); nr. 28 (Thespie); nrr. 96, 109 (Delos).
  • 178 In tal caso, occorrerebbe riconsiderare sotto una diversa luce gli antroponimi, espressi in nominat (...)

127Resta da capire se in questa ipotetica sezione finale delle Tabulae trovassero posto, eventualmente introdotti da formule come ἐπὶ τούτοις ἐμισθώσαντο (cfr. IG XIV 645, l. 179), anche i nomi dei garanti e la specificazione dei nomi delle decine di affittuari dei lotti, individuabili per area di residenza, agevolmente abbinabili ai terreni già numerati nella perioresia e trascrivibili in dei sintetici inventari, come a Delfi, Delos e Thespie177; il che, di fatto, costituirebbe, come a Heraklea, la registrazione del contratto nominativo effettivamente concluso178.

128In caso contrario, dovremo pensare che quest’ultimo, contenente i nomi degli affittuari con eventuali supplementi di prescrizioni, dovette essere stipulato in un momento ancora successivo e iscritto su altro documento.

  • 179 Es., Calderone 1998, 27.

129Una tale antinomia potrebbe, a nostro giudizio, risolversi a beneficio della prima opzione, specie ove si interpreti ora l’uso del futuro nelle prescrizioni delle Tabulae non quale precisa evidenza di una locazione ancora di là dall’essere realizzata, come comunemente ritenuto in passato179, bensì in un contesto più ampio quale quello testimoniato dalle Tavole di Heraklea. Anche qui, infatti, troviamo il futuro normalmente impiegato a indicare le varie condizioni di locazione all’indirizzo di misthosamenoi potenziali (ll. 93-179), dunque in una sezione, come si è detto, identificabile nel “contratto quadro” di Heraklea. E tuttavia, la summenzionata formula ἐπὶ τούτοις ἐμισθώσαντο ci ricorda che la convenzione generale era stata poi effettivamente seguita dalla stipula di un contratto nominativo con individui specifici, in questo caso enfiteuti.

130In ultima analisi, non sarebbe azzardato proporre che anche Halaesa, come Heraklea, avesse deciso di eternare sulla pietra l’insieme di delimitazione dei lotti, “contratto quadro” e ‘contratto minuto’.

  • 180 Vd. ora, per un tentativo di soluzione, Prag 2018, 125-134. Evidenziate le criticità delle ipotesi (...)

131Se la nostra ipotesi di individuare nelle Tabulae sostanzialmente la syngraphe alesina è valida, si tratterebbe, certo, di una anomalia di non poco conto rispetto ai documenti di misthosis fondiaria a oggi noti, che tuttavia non sarebbe la prima restituitaci dalla documentazione epigrafica di Halaesa. Oltre alle varie singolarità linguistiche rilevate nelle Tabulae, nel nostro documento in esame e nel decreto onorifico per Nemenio (vd. supra, n. 72), basti pensare, attestata proprio in quest’ultimo, all’esistenza ad Halaesa, nel I sec. a.C., di un koinon di hiereis di Apollo, non solo dotato di halia e boula funzionanti con la complessità peculiare degli istituiti di una polis, ma che, con i suoi ben 825 votanti, paragonabili numericamente solo a quelli di una entità statale, non smette di ‘sfidare’ gli esegeti moderni180.

132Alla luce di queste preliminari riflessioni, per la problematica che abbiamo qui posto relativamente ai due documenti di misthosis fondiaria testimoniati dalla nostra epigrafe (syngraphai e ‘contratto nominativo’), riteniamo possibile formulare, in questa fase della nostra ricerca, due diverse ipotesi di soluzione così schematizzabili:

133A) Qualora, seguendo l’interpretazione tradizionale, si voglia individuare nelle Tabulae un documento di carattere esclusivamente ‘catastale’, dovremo ipotizzare un ‘processo’ articolato in tre fasi, corrispondenti ad altrettanti documenti, la cui precisa diacronia non è, in questo stadio della nostra indagine, immediatamente accertabile.

  • 181 Corsaro 2002, 157. Significativo, in tal senso, che le Tabulae, come sottolinea Manganaro 1980, 432 (...)
  • 182 Vd. Arena 2020a.

134All’inizio di tale processo, naturalmente, porremo la redazione delle Tabulae, la cui datazione è problema spinoso che non può essere affrontato né risolto qui in modo esauriente. Riteniamo però verosimile individuare, con Mauro Corsaro, un terminus post quem nel riordinamento della Provincia Sicilia con la lex Rupilia del 131 a.C.181, che dovette comportare un riassetto delle terre anche ad Halaesa, laddove gli aspetti paleografici e testuali del documento potrebbero suggerire un orizzonte cronologico intorno al tardo II sec., se non agli inizi del I sec. a.C.182.

  • 183 Per un collegamento della redazione delle Tabulae con le leges di Claudius Pulcher, vd. già Kaibel (...)

135In un secondo momento, dovette manifestarsi la necessità di regolamentare in maniera sistematica il regime di affitto dei medesimi terreni mediante una serie di prescrizioni più puntuali rispetto a quelle contenute nella perioresia. Pertanto, la polis di Halaesa procedette alla redazione di un vero e proprio “contratto-quadro” distinto dalle Tabulae, forse costituito da un insieme di testi oggi perduti, le cui evidenze potrebbero individuarsi in quelle syngraphai cui rinvia il nostro documento. Tale momento potrebbe collegarsi, in qualche modo, all’evento ‘principe’ per la città di questo scorcio temporale, e cioè le leges emanate dal pretore C. Claudius Pulcher nel 95 a.C., allorché Halaesa chiese l’intervento romano per dirimere delle controversie de senatu cooptando (Cic. Verr., II, 122), in seguito alle quali l’ordinamento costituzionale alesino venne uniformato a una dimensione di tipo romano183. A latere delle syngraphai, o in una fase ancora successiva, vennero stipulati uno o più ‘contratti minuti’, senza escludere anche l’ipotesi di una riassegnazione dei contratti di affitto, destinati a specifici affittuari, di cui il documento epigrafico rinvenuto ad Halaesa nel 2013, oggetto del nostro studio, riteniamo abbia conservato traccia.

136B) Ove si vogliano, invece, valorizzare le singolarità tipologiche delle Tabulae che abbiamo qui evidenziato, una seconda, per la verità più economica, ipotesi conduce a identificare nelle Tabulae stesse, per quanto sui generis, un documento di locazione (o affitto) fondiaria, e dunque a individuare grosso modo proprio nelle Tabulae, insieme con la loro possibile e perduta sezione finale, le syngraphai menzionate nel nostro ‘contratto nominativo’.

137Se queste non comprendevano ancora il contratto nominativo, la redazione del nostro documento sarà stata richiesta in un momento di poco successivo, al fine di implementare il documento maggiore, forse specificando quanto mancava nelle Tabulae all’indirizzo di una pluralità di affittuari, presumibilmente appartenenti ai gruppi civici indicati nelle Tabulae, che avevano ormai scelto il proprio lotto da prendere in locazione (o affitto).

138Qualora, invece, le Tabulae, come abbiamo ipotizzato sulla base del confronto con le Tavole di Heraklea, contemplassero nella perduta sezione finale anche il contratto minuto, di conseguenza il nostro documento sarà stato finalizzato a regolamentare una nuova locazione dei klaroi, resa necessaria da nuove esigenze sorte in seno alla polis, che al momento, se non vogliamo collegarle agli eventi del 95 a.C., ci sfuggono del tutto.

Fig. 1: Fronte del frammento con specchio scrittorio

Fig. 1: Fronte del frammento con specchio scrittorio

Archivio fotografico U.O. 5, Soprintendenza BB.CC. AA. Messina. Foto F. Marcellino.

Fig. 2: Retro del frammento

Fig. 2: Retro del frammento

Archivio fotografico U.O. 5, Soprintendenza BB.CC. AA. Messina. Foto F. Marcellino.

Fig. 3: Spessore del frammento.

Fig. 3: Spessore del frammento.

Archivio fotografico U.O. 5, Soprintendenza BB.CC. AA. Messina. Foto F. Marcellino

Fig. 4: Disegno dell’epigrafe con sezione.

Fig. 4: Disegno dell’epigrafe con sezione.

Eseguito dall’Arch. R. Burgio. (U.O. 5, Soprintendenza BB.CC. AA. Messina).

Torna su

Bibliografia

Amelotti - Migliardi Zingale 1988: M. Amelotti - L. Migliardi Zingale, Συγγραφή, χειρόγραφον - testatio, chirographum. Osservazioni in tema di tipologie documentali, in Symposion 1988. Vorträge zur griechischen und hellenistischen Rechtsgeschichte (Siena - Pisa, 6.-8. Juni 1988), hrsg. von G. Nenci - G. Thur, 297-304.

Ampolo 2000: C. Ampolo, I terreni sacri nel mondo greco in età arcaica e classica, in Production and Public Powers in Classical Antiquity, ed. by E. Lo Cascio - D.W. Rathbone, Cambridge, 14-19.

Arena 2016: E. Arena, Il decreto onorifico tardo-ellenistico da Caronia (SEG LIX, 1102): per una nuova edizione, in F. Collura, Studia Calactina I, ricerche su una città greco-romana di Sicilia, Kalè Akté (BAR, 2813), Oxford, 347-368.

Arena 2019: E. Arena, “Sigle demotiche” e Synkletos nella Kale Akte tardoellenistica: a proposito di SEG LIX. 1102, «StAnt» 15, 7-40.

Arena 2020a: E. Arena, Epigrafi inedite da Halaesa Archonidea: due nuovi frammenti delle Tabulae Halaesinae (IG XIV 352), «PdP» 78, c.d.s

Arena 2020b: E. Arena, Nuovi casi di numerali in epigrafi greche da Halaesa Archonidaea, «PdP» 78, c.d.s.

Arangio Ruiz - Olivieri 1925: V. Arangio Ruiz - A. Olivieri, Inscriptiones Graecae Siciliae et infimae Italiae ad ius pertinentes, Milano.

Bargelli 2004: E. Bargelli, Proprietà e locazione: prelazione e valore di scambio, Torino.

Bartoněk 1972: A. Bartoněk, Classification of the West Greek Dialects at the Time about 350 B.C., Amsterdam-Prague.

Beekes - Beek 2009: R.S.P. Beekes - L. van Beek, Etymological Dictionary of Greek, Leiden.

Bianchini 1979: M. Bianchini, La συγγραφή ed il problema delle forme contrattuali, in Symposion 1974. Vortrage zur griechischen und hellenistischen Rechtgeschichte (Gargnano am Gardasee, 5-8 Juni 1974), hrsg. von A. Biscardi, Köln-Wien, 245-262.

Behrend 1970: D. Beherend, Attische Pachturkunden: ein Beitrag zur Beschreibung der misthōsis nach den griechischen Inschriften (Vestigia, 12), München.

Biscardi 1989: A. Biscardi, Contratto di lavoro e misthosis nella civiltà greca del diritto, «RIDA» 3, 75-97.

Biscardi 2015: A. Biscardi, Diritto greco antico, a c. di P. Cobetto Ghiggia - F. Zuccotti, «Rivista di Diritto Ellenico» 5, Alessandria.

Bonanno 2009: C. Bonanno, Kale Akte. Scavi in contrada Pantano di Caronia Marina 2003-2005, Roma.

Brixhe 1976: C. Brixhe, Le dialecte grec de Pamphylie, Paris.

Brugnone 2005: A. Brugnone, Considerazioni sui sistemi numerali greci in uso in Sicilia, Atti del V congresso internazionale di studi fenici e punici, Marsala Palermo, 2-8 ottobre 2000, Palermo, 899-906.

Brunet - Rougemont et al. 1998: M. Brunet. - G. Rougemont - D. Rousset, Le contrats agraires dans la Grèce antique. Bilan historique illustré par quatre exemples, «Histoire et Sociétés Rurales» 9, 211-245.

Buck 1955: C.D. Buck, Introduction to the Study of the Greek Dialects, Chicago.

Buck - Petersen 1944: C.D. Buck - W. Petersen, A Reverse Index of Greek Nouns and Adjectives, Chicago.

Buckler - Robinson 1912: W.H. Buckler - D.M. Robinson, Greek Inscriptions from Sardes I, «AJA» 16, 1, 11-82.

Caccamo Caltabiano 2004: M. Caccamo Caltabiano, Nuove prospettive dell’indagine sulla monetazione siciliana di età romana, in Nuove prospettive della ricerca sulla Sicilia del III sec. a.C. Archeologia, Numismatica, Storia (Pelorias, 11), a c. di M. Caccamo Caltabiano - L. Campagna - A. Pinzone, Messina, 49-73.

Calderone 1961: S. Calderone, Un nuovo frammento di I.G. XIV 352, «Kokalos» V, 124-136.

Calderone 1985-86: S. Calderone, Frammento di decreto onorifico agrigentino, «QuadA», 1, 13-18.

Calderone 1998: S. Calderone, Le Tabulae Halaesinae: alcuni problemi, in Colloquio Alesino, Atti del colloquio tenutosi il 7 maggio 1995 a S. Maria delle Palate (Tusa), a c. di A.M. Prestianni, Catania, 23-39.

Campagna 2018: L. Campagna, I rendiconti finanziari di Tauromenion tra epigrafia e archeologia: alla ricerca del contesto monumentale, in A Madeleine Cavalier, a c. di M. Bernabò Brea - M. Cultraro - M. Gras - M.C. Martinelli - C. Pouzadoux - U. Spigo, Napoli, 405-419.

Campana 1996: A. Campana, Corpus nummorum antiquae Italiae (Zecche minori), Sicilia: Alaisa Archonidea (343-7 d.C.), «Panorama Numismatico» 102-103, 81-111.

Carbè 2008: A. Carbè, La monetazione, in Alesa Archonidea. Guida all’Antiquarium, a c. di G. Scibona - G. Tigano, Palermo, 58-61.

Carettoni 1959: G. Carettoni, Tusa (Messina). Scavi di Halaesa (prima relazione), «NSc» 1959, 293-349.

Carettoni 1961: G. Carettoni, Tusa (Messina). Scavi di Halaesa (seconda relazione), «NSc» 1961, 266-321.

Carroccio 2004a: B. Carroccio, Dal basileus Agatocle a Roma. Le monetazioni siciliane di età ellenistica (cronologia - iconografia - metrologia) (Pelorias, 10), Messina.

Carroccio 2004b: B. Carroccio, Moneta locale nella Sicilia romana, in Nuove prospettive della ricerca sulla Sicilia del III sec. a.C. Archeologia, Numismatica, Storia (Pelorias, 11), a c. di M. Caccamo Caltabiano - L. Campagna - A. Pinzone, Messina, 277-292.

Carroccio 2008: B. Carroccio, Roma in Sicilia. I tre cambi di valute: per una cronologia numismatica delle tavole di Tauromenio, «MEP» 21, 13, 29-43.

Casanova 1981: G. Casanova, Contratti di affitto fra privati nelle epigrafi greche, in Studi in onore di Orsolina Montevecchi, Bologna, 89-97.

Cavagnola 1972: B. Cavagnola, I locatari delle proprietà fondiarie del dio Apollo a Delo, «RIL» 106, 51-115.

Chaniotis 2013: A. Chaniotis, Epigraphic bulletin for Greek religion 2010, «Kernos» 26, 241-302.

Chantraine 1933: P. Chantraine, La formation de noms en grec ancien, Paris.

Chantraine 1968-1980: P. Chantraine, Dictionnaire étymologique de la langue grecque, Paris.

Chios: D.F. McCabe, Chios Inscriptions. Texts and List. The Princeton Project on the Inscriptions of Anatolia, The Institute for Advanced Study, Princeton 1986. Packard Humanities Institute CD #6, 1991.

Chrysomalis 2010: S. Chrysomalis, Numerical Notation. A Comparative History, Cambridge.

Clarysse 1976: W. Clarysse, Notes on the use of the iota adscript in the third century B.C., «CE» 101, 150-166.

Coco 1974: G.S. Coco, s.v. “Locazione”, in Enciclopedia del Diritto XXIV, 918-997.

Collura 2016: F. Collura, Studia Calactina I, Ricerche su una città greco-romana di Sicilia Kalè Akté - Calacte, con contributi di S. Cascella - E. Arena - B. Carroccio (BAR International Series, 2813), Oxford.

Collura 2019: F. Collura, I Nebrodi nell’antichità, Oxford.

Colvin 2007: S. Colvin, A Historical Greek Reader, Oxford.

Consani 1996: C. Consani, Koinai et koiné dans la documentation épigraphique de l’Italie méridionale, in La Koiné grecque antique, II. La concurrence, éd. par C. Brixhe, Paris, 113-132.

Cordano 1999: F. Cordano, Le istituzioni delle città greche di Sicilia nelle fonti epigrafiche, in Sicilia epigraphica, a c. di M.I. Gulletta, «ASNP» ser. IV, 1-2, 149-158.

Cordano 2012: F. Cordano, Eponimi ufficiali nella Sicilia di età ellenistica, in Agora greca e agorai di Sicilia, Atti del I seminario internazionale di Studi, Pisa, Scuola Normale Superiore, 30 giugno-2 luglio 2008 e Atti delle settime giornate internazionali di studi sull’area elima e la Sicilia occidentale nel contesto mediterraneo, Erice 12-15 ottobre 2009, a c. di C. Ampolo, Pisa, 77-80.

Cordano 2017: F. Cordano, L’uso dei numerali nella Sicilia orientale, in Epigrammata 4, L’uso dei numeri greci nelle iscrizioni, Atti del Convegno di Roma, Roma 16-17 dicembre 2016, a c. di A. Inglese, Tivoli, 131-147.

Corsaro 1990: M. Corsaro, Qualche osservazione sulle procedure di recupero delle terre pubbliche nelle città greche, Symposion 1988. Vorträge zur griechischen und hellenistischen Rechtsgeschichte (Siena - Pisa, 6.-8. Juni 1988), hrsg. von G. Nenci - G. Thur, 213-229.

Corsaro 2002: M. Corsaro, Ambiente e paesaggio in Magna Grecia: le fonti epigrafiche, in Ambiente e paesaggio in Magna Grecia (ACT, 42), Taranto, 135-167.

Di Giovanni 1885: V. di Giovanni, La tavola alesina scoverta nel sec. XVI e il frammento trovato nel 1885, «Archivio storico siciliano» 10, 123-129.

Dubois 2013: L. Dubois, Une inscription sicilienne déconcertante, «REG» 126, 1-19.

Ecca 2015: G. Ecca, The μισθάριον in the Praecepta: the medical fee and its impact on the patient, in Homo patiens, Approaches to the Patient in the Ancient World, ed. by G. Petridou - C. Thuminger, Leiden-Boston, 325-344.

Erythrae: D.F. McCabe, Erythrai Inscriptions. Texts and List, The Princeton Project on the Inscriptions of Anatolia, The Institute for Advanced Study, Princeton 1986. Packard Humanities Institute CD #6, 1991. Includes Erythrai: H. Engelmann - R. Merkelbach, Die Inschriften von Erythrai und Klazomenai. 2 vols. Inschriften griechischer Städte aus Kleinasien, 1-2, Bonn, 1972-1973.

Facella 2006: A. Facella, Alesa Arconidea: ricerche su un’antica città della Sicilia tirrenica, Pisa.

Fantasia 1999: U. Fantasia, I ΣΙΤΟΦΥΛΑΚΕΣ e i ΣΙΤΩΝΙΑ di Tauromenio in Sicilia Epigrafica, Atti del Convegno di studi di Erice, 15-18 ottobre 1998, II, a c. di M.I. Gulletta, «ASNP» ser. IV, 1, 251-279.

Faraguna 2019: M. Faraguna, Aspetti dell’amministrazione pubblica della terra a Chio in età classica ed ellenistica, in Dike, Essays on Greek Law in Honour of Alberto Maffi, ed. by L. Gagliardi - L. Pepe, Milano, 105-129.

Fragali 1958: M. Fragali, s.v. “Affitto”(in generale), in Enciclopedia del Diritto I, 729-761.

Fraser - Matthews 1997: P.M. Fraser - E. Matthews, A Lexicon of Greek Personal Names, III.A: The Peloponnese, Western Greece, Sicily and Magna Graecia, Oxford.

Gallo 2019: S. Gallo, Le Tavole di Heraklea. Appunti di paleografia e spunti indiziari, in Dialoghi sulla archeologia delle Magna Grecia e del Mediterraneo, vol. III, Paestum 7-9 settembre 2016, a c. di A. Pontrandolfo - M. Scafuro, Paestum, 691-702.

Game 2008: J. Game, Actes de Vente dans le monde grec. Témoignages épigraphiques des vents immobilières, Lyon.

Geagan 1971: D.J. Geagan, Greek inscriptions, «Hesperia» 40, 96-108.

Gentili 1961: G.V. Gentili, Nuovi elementi di epigrafia siracusana, «Archivio Storico Siracusano» 7, 5-25.

Giangiulio 1982: M. Giangiulio, Di una particolarità dialettale rodia nei decreti di Entella e in altre iscrizioni di Sicilia e Magna Grecia, «ASNP» ser. III, 12, 3, 801-815.

Guarducci 1967: M. Guarducci, Epigrafia Greca, I, Roma.

Guy 1998: M. Guy, La topographie des territoires décrits dans les tables d’Heraclée, in Siritide e Metapontino. Storia di due territori coloniali, Atti dell’incontro di studio Policoro 31 ottobre-2 novembre 1991, a c. di E. Greco, Napoli-Paestum, 261-280.

Harrison 1968: A.R.W. Harrison, The Law of Athens. The Family and Property, Oxford.

Hatzopoulos 1988: M.B. Hatzopoulos, Une donation du roi Lysimaque, Paris.

Hegyi 1971: D. Hegyi, Τεμένη ἱερὰ καὶ τεμένη δημόσια, «Oikumene» 1, 77-87.

IDelos: Paris 1926-1972. Vol. 6 [1], Nos. 1-88, ed. A. Plassart (1950); vol. 7 [2], nos. 89-104, ed. J. Coupry (1972); vol. 1 [3], nos. 290-371, ed. F. Durrbach (1926); vol. 2 [4], nos. 372-509, ed. F. Durrbach (1929); vol. 3 [5], nos. 1400-1496, ed. F. Durrbach - P. Roussel (1935); vol. 4 [6], nos. 1497-2219, eds. P. Roussel - M. Launey (1937); vol. 5 [7], nos. 2220-2879, eds. P. Roussel - M. Launey (1937).

IGDS I: Dubois L. 1989, Inscriptions grecques dialectales de Sicile. Contribution à l’Étude du vocabulaire grec colonial, Roma.

IMylasa II: W. Blümel, Inschriften von Mylasa, Teil II: Inschriften aus der Umgebung der Stadt, Bonn 1988.

IScM I: D.M. Pippidi, Inscriptiones Daciae et Scythiae Minoris antiquae. Series altera: Inscriptiones Scythiae Minoris graecae et latinae. Vol. 1. Inscriptiones Histriae et vicinia, Bucharest 1983.

Kaibel 1882: G. Kaibel, De inscriptione Halaesina commentariolus, Rostochii.

Kaibel 1890: G. Kaibel, IG XIV, 61-67, n. 352.

Klazomenai: D.F. McCabe, Klazomenai Inscriptions. Texts and List. The Princeton Project on the Inscriptions of Anatolia, The Institute for Advanced Study, Princeton, 1986. Packard Humanities Institute CD #6, 1991. Includes (Klazomenai): H. Engelmann - R. Merkelbach. Die Inschriften von Erythrai und Klazomenai. Vol. 2. Inschriften griechischer Städte aus Kleinasien, 2. Bonn 1973.

Kunkel 1932: W. Kunkel, s.v. συγγραφή, RE IV A, Stuttgart, coll. 1376-1387.

Labraunda: D.F. McCabe, Labraunda Inscriptions. Texts and List. The Princeton Project on the Inscriptions of Anatolia, The Institute for Advanced Study, Princeton, 1991. Packard Humanities Institute CD #7, 1996. Includes: J. Crampa, Labraunda. Swedish Excavations and Researches, III,1-2. Greek Inscriptions. 2 vols., (Skrifter utgivna av Svenska Institutet i Athen, series in 4°, V, III,1-2), Lund 1969, Stockholm 1972.

Lambert 1993: S.D. Lambert, The Phratries of Attica, Ann Arbor.

Langdon 1991: M.K. Langdon, Poletai records, in Athenian Agora XIX: Inscriptions, Princeton, 57-143.

Lombardo 1982: M. Lombardo, Il sinecismo di Entella, «ASNP» ser. III, 12, 848-886.

Lombardo 1997: M. Lombardo, Il decreto V di Entella: note di lettura, in Seconde giornate internazionali di studi sull’area elima, Gibellina 22-26 ottobre 1994, a c. di A. Corretti, Pisa-Gibellina, 1039-1048.

Lombardo 2001: M. Lombardo, La documentazione epigrafica, in Problemi della chora coloniale dall’occidente al Mar Nero (ACT, XL), Taranto, 73-114.

Lombardo 2013: M. Lombardo, Horistai: osservazioni sull’evidenza delle tavole di Eraclea, in Epigrammata 2. Definire, descrivere, proteggere lo spazio, Atti del convegno di Roma, 26-27 ottobre 2012, a c. di A. Inglese, Tivoli, 373-395.

Manganaro 1980: G. Manganaro, La provincia romana, in (a c. di), Storia della Sicilia Antica, II, a c. di E. Gabba - G. Vallet, Napoli, 415-461.

Manganaro 1988: G. Manganaro, Le tavole finanziarie di Tauromenion, in Comptes et inventaires dans la cité grecque. Actes du colloque de Neuchâtel en l’honneur de Jacques Tréheux, 23-26 septembre 1986, éd. par D. Knoepfler, Neuchâtel-Genève, 155-190.

Manganaro 1997: G. Manganaro, Nuove tavolette di piombo inscritte siceliote, «PdP» 52, 306-348.

Manganaro 1999: G. Manganaro, Sikelika. Studi di antichità e di epigrafia greca, Pisa-Roma.

Manganaro 2001: G. Manganaro, Tre principi della epigrafia greca: l’autopsia, la ‘serie’, il contesto, «ZPE» 135, 63-72.

Manganaro 2003: G. Manganaro, Bollatura fiscale dei laterizi per la vendita, in Usi e abusi epigrafici, Atti del colloquio internazionale di epigrafia latina, Genova 20-22 settembre 2001, a c. di M.G. Angeli Bertinelli - A. Donati, Roma, 375-386.

Manganaro 2009: G. Manganaro, Il paesaggio agrario di Halaesa Archonidea, «Epigraphica» 71, 9-28.

Martini 2005: R. Martini, Diritti greci, Bologna.

Masson 1984/85: O. Masson, La Sicile et le monde grec archaïque. L’apport de la linguistique, «Kokalos» XXX-XXXI, 71-77.

Mimbrera 2012: S. Mimbrera, The Sicilian Doric Koina, in Language and Linguistic Contacts in Ancient Sicily, ed. by O. Tribulato, Cambridge, 223-250.

Montevecchi 1988: O. Montevecchi, La papirologia, Milano.

Muscolino 2012: F. Muscolino, La «campagna classica» di Bagnoli: notizie e ipotesi sulla provenienza delle iscrizioni pubbliche greche di Tauromenion, «MEFRA» 124/1, 151-183.

Muscolino (in preparazione): F. Muscolino, Bolli laterizi di Alesa, in Halaesa Archonidaea. Ricerche archeologiche e prospettive di valorizzazione. Incontro di studio Messina 15-16 marzo 2019, in preparazione.

Nazzaro 2008: A.C. Nazzaro, L’affitto, Napoli.

Nenci 1995: G. Nenci, Il sistema numerale acrofonico pseudoascendente nella Sicilia greca, «ASNP» ser. III, 25, 1-2, 1-5.

Nenci 1998: G. Nenci, Spigolature alesine, in Colloquio Alesino, Atti del colloquio tenutosi il 7 maggio 1995 a S. Maria delle Palate (Tusa), a c. di A.M. Prestianni, Catania, 1998, 45-58.

Olymos: D. F. McCabe, Olymos Inscriptions. Texts and List, The Princeton Project on the Inscriptions of Anatolia, The Institute for Advanced Study, Princeton. Packard Humanities Institute CD #6, 1991. Includes: W. Blümel, Die Inschriften von Mylasa. Vol. 2. Inschriften griechischer Städte aus Kleinasien, 35, Bonn 1988.

Osborne 1988: R. Osborne, Social and economic implications of the leasing of land and property in Classical and Hellenistic Greece, «Chiron» 18, 279-323.

Papazarkadas 2008: N. Pazarkadas, Sacred and Public Lands in Ancient Athens, Oxford.

Pernin 2014: I. Pernin, Le baux ruraux en Grèce ancienne. Corpus épigraphique et étude (Travaux de la Maison de l’Orient e te de la Méditerranée, 66), Lyon.

Petrakos 1997: V. Ch. Petrakos, Oι επιγραφές του Ωρώπου (Βιβλιοθήκη της εν Αθήναις Αρχαιολογικής Εταιρείας, 170), Athenai.

Preisigke 1925: F. Preisigke, Wörterbuch der griechischen Papyrusurkunden, Berlin.

Prag 2014: J.R.W. Prag, Territorial organisation in late Hellenistic Halaesa, Sicily, in Öffentlichkeit - Monument - Text: XIV Congressus Internationalis Epigraphiae Graecae et Latinae, Berlin, 27-31 Augusti MMXII, Akten, hrsg. von W. Eck - P. Funke, Berlin, 590-592.

Prag, 2018: J. R. W. Prag, A new bronze honorific inscription from Halaesa, Sicily, in two copies, «JES» 1, 93-141.

Prestianni Giallombardo 1988: A.M. Prestianni Giallombardo, ΕΛΑΙΟΚΟΜΙΟΝ ΔΙΚΛΑΡΟΝ: una interpretazione di IG XIV 352, col. I, LL. 69-71, «ASNP» ser. III, 18, 4, 1447-1467.

Prestianni Giallombardo 1998: A.M. Prestianni Giallombardo, Società ed economia in Halaesa Archonidea, in Colloquio Alesino, Atti del colloquio tenutosi il 7 maggio 1995 a S. Maria delle Palate (Tusa), a c. di A.M. Prestianni Giallombardo, Catania, 59-80.

Prestianni Giallombardo 1999: A.M. Prestianni Giallombardo, Le Tabulae Halaesinae, alcuni aspetti grafici e linguistici, in Sicilia Epigrafica, Atti del Convegno di studi di Erice, 15-18 ottobre 1998, II, a c. di M.I. Gulletta, «ASNP» ser. IV, 2, 449-463.

Prestianni Giallombardo 2010: A.M. Prestianni Giallombardo, Ἀλαισίνα Προβλήματα, in Salvatore Calderone (1915-2000). La personalità scientifica. Atti del Convegno Internazionale di Studi (Messina-Taormina, 19-21 febbraio 2002), a c. di V. Aiello - L. De Salvo (Pelorias, 17), Messina, 527-550.

Prestianni Giallombardo 2012: A.M. Prestianni Giallombardo, s.v. Tusa, in BTCG XXI, Pisa-Roma-Napoli, 251-262.

Prestianni Giallombardo 2018a: A.M. Prestianni Giallombardo, Monogrammi e litterae ligatae nelle Tabulae Halaesinae. Terra del dio o terra della polis?, «Linguarum Varietas» 7, 119-138.

Prestianni Giallombardo 2018b: A.M. Prestianni Giallombardo, Il decreto onorifico per Nemenio in due tabelle di bronzo da Alesa, «MedAnt» 21, 1-2, 509-550.

Puglisi 2009: M. Puglisi, La Sicilia da Dionisio I a Sesto Pompeo. Circolazione e funzione della moneta (Pelorias, 16), Messina.

Rupprecht 1999: H.A. Rupprecht, Introduzione alla papirologia, a c. di L. Migliardi Zingale, Torino.

Salvatori 2006: M. Salvatori, Manuale di metrologia per architetti studiosi di storia dell’architettura e archeologi, Genova.

Robert 1963: J. Robert - L. Robert, Bulletin épigraphique, «REG» 76, 121-192.

Sardis VII, 1: W. H. Buckler - D.M. Robinson, Sardis, VII. Greek and Latin Inscriptions, Part I. Leiden 1932.

Scibona 1971: G. Scibona, Nota a IG XIV, 2395.7 (Instrumentum publicum Calactinum), «Kokalos» XVII, 21-25.

Scibona 1977: G. Scibona, Postilla Alesina, «ASM» 35, 213-217.

Scibona 2009: G. Scibona, Decreto sacerdotale per il conferimento della euerghesia a Nemenios in Halaesa, in Alaisa-Halaesa. Scavi e ricerche (1970-2007), a c. di G. Scibona - G. Tigano, Messina, 97-112.

Schultess 1932: O. Schultess, s.v. μισθός, RE XV, Stuttgart, coll. 2078-2095; s.v. μίσθωσις, RE XV, coll. 2095-2129.

Sicca 1924: U. Sicca, Grammatica delle iscrizioni doriche di Sicilia, Arpino.

Slavova 2004: M. Slavova, Phonology of the Greek Inscriptions in Bulgaria, Stuttgart.

Teos: D.F. McCabe, Teos Inscriptions. Texts and List. The Princeton Project on the Inscriptions of Anatolia, The Institute for Advanced Study, Princeton, 1985. Packard Humanities Institute CD #6, 1991.

Theangela: D.F. McCabe, Theangela Inscriptions. Texts and List. The Princeton Project on the Inscriptions of Anatolia, The Institute for Advanced Study, Princeton. Packard Humanities Institute CD #6, 1991.

Threatte 1980: L. Threatte, The Grammar of the Attic Inscriptions. Vol. I. Phonology, Berlin-New York.

Thur 2000: G. Thur, s.v. misthosis, Neue Pauly, VIII, 271-275.

Tigano 2016: G. Tigano, Alesa Arconidea: Appunti sull’impianto urbano alla luce delle recenti ricerche, in Se cerchi la tua strada verso Itaca. Omaggio a Lina di Stefano, a c. di E. Lattanzi - R. Spadea, Roma, 129-142.

Tigano - Prag 2017: G. Tigano - J.R.W. Prag, Alesa Archonidea. Il lapidarium, Messina.

Tod 1979: M.N. Tod, Ancient Greek Numerical Systems. Six studies, Chicago.

Uguzzoni - Ghinatti 1968: A. Uguzzoni - F. Ghinatti, Le tavole greche di Eraclea, Roma.

Von Bolla 1940: S. Von Bolla, Untersuchungen zur Tiermiete und Viepacht im Altertum, München.

Walbank 1991: M. Walbank, Leases of public lands, in Athenian Agora XIX: Inscriptions, Princeton, 149-207.

Walther 1624 (1625): G. Walther, Siciliae, objacentium insularum et Bruttiorum antiquae tabulae cum animadversionibus, Messanae.

Weiss 2017: E. Weiss, Les tables d’Héraclée. Étude historique et linguistique, Paris.

Will 1975: E. Will, Notes sur ΜΙΣΘΟΣ, in Le Monde Grec. Pensé, littérature, histoire, documents, Hommage à Claire Préaux, éd. par J. Bingen - G. Cambier - G. Nachtergael, Bruxelles, 426-438.

Torna su

Note

1 Devo all’Arch. R. Burgio questa importante suggestione. Un riutilizzo in età imperiale fu ipotizzato da Scibona 1977, 215, relativamente al frammento di calcare supporto di IGDS I, 197, anch’esso erratico e rinvenuto nel 1958 in superficie, in una «radura a N-NE della chiesa di S. Maria e delle case coloniche annesse (ma si tratta del convento costruito assieme alla chiesa nel Cinquecento)». Cfr. Prestianni Giallombardo 2010, 531.

2 Vd. Arena 2020a.

3 Questa espressione è preferibile alla definizione di lettere tout court “quadrate” usata da Manganaro 1979, 430 per i caratteri del più celebre documento epigrafico alesino, le Tabulae Halaesinae, che rimanda a una specifica e più tarda connotazione cronologica (cfr. Guarducci I 1967, 368, 377); secondo Prestianni Giallombardo 2010, 537, sarebbe invece più indicata la definizione di lettere “geometriche”.

4 Intorno al 300 a.C.: Calderone 1998, 36; seconda metà III sec. a.C.: Nenci 1998, 53-54; Facella 2006, 187-188; II sec.: Calderone 1961, 124; Manganaro 1980, 430; I sec. a.C.: Kaibel 1882, 13; 1890, 67; Sicca 1924, 222; Arangio Ruiz - Olivieri 1925, 48; Dubois in IGDS I 196, 234 e ora Prag 2018, 115 n. 1.

5 Calderone 1961, 124, n. 3. Collegando il frammento direttamente alle Tabulae Halaesinae, lo studioso datò l’epigrafe dapprima nel II/I sec. (seguito inizialmente da Manganaro 1980, 430, che proponeva il 150 a.C.), per poi rialzarne la datazione, insieme con quella delle Tabulae, intorno al 300 a.C. (Calderone 1998, 36). L’ipotesi di Calderone, tuttavia, se si eccettua Nenci (1998, 54), che proponeva però una datazione nella seconda metà del III sec., non ha incontrato successivamente il favore dalla critica, incline invece a distinguere il documento conservato nel frammento dalle Tabulae e a datarlo intorno al 150 a.C. o nella seconda metà del II sec.: cfr. Robert 1963, 191, nr. 318, subito inclini a riconoscere negli ἀντιποιησάμενοι di l. 4 quanti rivendicavano la proprietà di un terreno; Corsaro 1988, 220-221; 2002, 157 che lo collegava «a forme di regolamentazione dei procedimenti giudiziari, che si aprivano durante le operazioni di recupero dei beni pubblici»; a una possibile distinzione accennava nel 1989 Prestianni Giallombardo (cfr. Prestianni Giallombardo 2010, 532, n. 26); Dubois in IGDS I 197, 234; Manganaro 2001, 69 (deciso a riconoscere nel documento copia di una syntheka, riferibile, tuttavia, alla colonizzazione timoleontea). Di recente, sostanzialmente ‘agnostico’ sul problema, per via dell’assenza di ulteriori dati, Prag 2018, 95, n. 2; 129. Una nostra lettura autoptica dell’epigrafe conservata presso il Rettorato dell’Università di Messina (resa possibile grazie al prof. Gioacchino Francesco La Torre, prorettore dell’Università di Messina, che qui ringraziamo sentitamente) conferma, al di là degli aspetti testuali del documento su cui torneremo prossimamente con una trattazione specifica, che la lastra con ogni probabilità non apparteneva alle Tabulae. Il retro, infatti, con certezza non presenta tracce di lavorazione o reimpiego; il suo spessore di 3,5-5,7 cm va dunque identificato con quello originario, che risulta certamente inferiore a quello del “frammento A” delle Tabulae, quantificato in 7,4 cm (IV digiti di Walther 1624, nr. 132, 28, calcolati sul digitus romano di cm 1,84; su cui vd. Salvatori 2006, 6), e sostanzialmente confermato dallo spessore di 8,3 cm del nuovo frammento delle Tabulae di nostra prossima pubblicazione (Arena 2020a, fr.1), come pure ai 12 cm di spessore riferiti da Di Giovanni (1885, 126) per il “frammento B”.

6 Calderone 1961, 124 quantificava l’altezza delle lettere del frammento da lui edito in 9 mm; dalla nostra misurazione sulla pietra, effettuata mediante calibro, risultano 8 mm.

7 Arena 2020a, frammenti nrr. 1 e 2.

8 Scibona 1972; recenti Tigano - Prag 2017, 35-37, n. 8.

9 Tigano - Prag 2017, 30-31, nr. 3, e 80, nr. 42. I due personaggi probabilmente non vanno identificati nella medesima persona, vd. Prag 2017, 31.

10 Tigano - Prag 2017, 31, nr. 4 e 37, nr 9.

11 Vd. rispettivamente ora Prag 2018, 114; Prestianni Giallombardo 2018b, 545.

12 Arena 2020a, fr. nr. 1, l. 4.

13 Il fenomeno, riconducibile al processo di monottongazione dei dittonghi lunghi, che comportò in età ellenistica la perdita dello iota nella pronuncia della koine e degli altri dialetti, non costituisce un terminus cronologico saldo. Nelle epigrafi attiche l’omissione dello iota adscriptum compare, relativamente al dativo singolare, al più tardi fra fine III e metà II sec. a.C. per i singoli dittonghi (vd. Threatte 1980, 361). Una cronologia di massima, questa, che trova conferma anche nei papiri documentari tolemaici, che registrano lo iota adscriptum non oltre la fine del III sec. a.C. (vd. Clarysse 1976, 165). Bisogna giungere all’incirca alla fine del II sec. per registrare in Attica la compresenza delle tre forme di dativo senza la notazione dello iota adscriptum (Threatte 1980, 360-361: decreto datato 125-100 da Geagan 1971, 96, n. 1 e IG II2 1011, del 106/5), laddove, in un’area periferica come il Ponto, per l’omissione sistematica dello iota nel dittongo ΩΙ si giunge in iscrizioni ufficiali al I sec. a.C. (vd. Slavova 2004, 72-73). Un quadro non dissimile da quello dell’epigrafia tardo-ellenistica di Sicilia e Magna Grecia che ci interessa più da vicino, dove lo iota ascritto è generalmente presente nelle iscrizioni del III sec. a.C., ma, come rilevava già Sicca 1924, 49-51, comincia a perdersi nel secolo successivo, mostrando una spiccata fluidità d’uso. Lo troviamo, infatti, ancora presente in una serie di documenti datati, tuttavia senza assoluta certezza, nel corso del II sec. a.C. (SEG LIX 1101, da Caronia, prima metà II sec.: Arena 2016, 348; 2017, 10; IG XIV 432 = IGDS I, 187, da Tauromenion; IGDS I, 189, da Centuripe; IGDS I, 194, da Morgantina; IGDS I, 100, da Heloros, II/I sec.; IG XIV, 612 = IGDGG I, 40, da Reggio, databile intorno al 100 a.C., con iota ormai ‘intermittente’; forse IGDS I, 109, da Akrai, di datazione genericamente ellenistica e IG XIV, 952 =IGDS I 185, da Agrigento, ove si accolga, contro quella di poco posteriore al 210 a.C., la datazione al II/I sec.; vd. Dubois in IGDS I 185, 211); mentre nel I sec. a.C., come osserva ora Prag 2018, 114, lo iota nell’ambito di un documento può essere, di volta in volta, sempre presente (IG XIV, 252 = IGDS I, 161, da Licata; Gentili 1961, b1, 11-15, decreto di prossenia da Siracusa, 47-45 a.C.), mancare del tutto (decreto di prossenia da Siracusa, metà I sec. a.C., Gentili 1961, b2, 15-18; i più recenti rendiconti finanziari di Tauromenion, datati 42-36 a.C., Arangio Ruiz - Olivieri 1925, nr. 13; Manganaro 1988; IG XIV 574 = IGDS I, 188, Centuripe, III-I sec.), o ancora risultare discontinuo (vd. il decreto di Nemenio da Halaesa SEG LIX 1100, dove è assente nella tavola A e presente in due casi nella tavola B (ll. 16 e 30).

14 Calderone 1961, 128; Manganaro 2001, 7, nella sua ricostruzione del testo attribuiva intorno a cinquanta lettere.

15 Per i caratteri della koine “dorico-sicula” adoperata nelle epigrafi siciliane, vd. Sicca 1924, 148-160, e in particolare 149-150; Giangiulio 1982, che sottolinea (804) l’importanza dei tratti dialettali rodii in grado di resistere all’azione uniformante della koine e di riaffiorare in poca tarda nel linguaggio ufficiale dei documenti pubblici di varie poleis di Sicilia e a Reggio, perché sostenuti da una pressione linguistica constante nel corso del tempo; Consani 1996, che attribuisce a una scelta politica la preferenza per il dorico sulla koine nell’ambito epigrafico; Dubois in IGDS I, 298-299, e ora Mimbrera 2012, che pone l’accento sugli apporti della koine ionico-attica. Circa la koine dorica in generale, vd. Bartoněk 1972, 66-68. Sull’uso di εἴ κα, vd. Sicca 1924, 151; Buck 1955, 139.

16 Vd. Pernin 2014, 507-508.

17 Alla lettura ὅρια potrebbe rinviare la possibile presenza, prima del rho, di fatto non visibile a occhio nudo, di una tenue traccia dell’incisione di un omicron, rilevabile solo con calco cartaceo. Va tuttavia rilevato che, in questo punto, la pietra si presenta letteralmente ‘esfoliata’ della superficie scrittoria. Sul termine ὅριον, vd. LSJ s.v.; al singolare, come nelle Tabulae, ricorre con particolare concentrazione in iscrizioni delfiche (FD III 4 280, 293, 351, 355). Su ὅρος vd. LSJ s.v.; Chantraine 1968-1980, 825 s.v.; Beekes - Beek 2009, 1109, s.v.

18 In vari documenti carii relativi all’affitto di γέαι, ὅρια ricorre nella formula ὡς τὰ ὅρια πέπηγεν, che la Pernin rende «dans le limites fixées par les bornes plantées» (Pernin 2014, nr. 144, l. 10; 145, l. 12; 150, l. 11, 171, l. 2; 204, l. 9; 205, l. 3).

19 Oltre che nelle Tabulae Halaesinae, la delimitazione di un kleros con annessa pertinenza in zona montagnosa, destinato all’affitto, sembra attestata a Mylasa: IMylasa II 822, ll. 7-8 (= Pernin 2014, n. 188).

20 Sardis VII, 1, nr. 1, col. II, ll. 4-5: ἐὰν δὲ μὴ βεβαιώσωμεν ἢ παρὰ τὴν συγγραφὴν παραβαίνωμεν τήνδε γεγραμμένην, | ἐπ[ὶ] τὰς κώμας καὶ τοὺς κλήρους καὶ τὰ χωρία καὶ τοὺς οἰκέτας ἅπαντας εἰς τὰ Ἀρτέμιδος ἐχέτωσαν. L’epigrafe conserva le clausole intermedie e finali dell’atto di “vendita soggetta a riscatto”, con cui un certo Mnesimachos trasmette alla dea Artemide le terre specificate nel documento e le loro appartenenze in contraccambio di un prestito di 1253 stateri accordatogli dal tesoro del tempio della dea. Le terre erano soggette a phoroi annuali da pagarsi ai funzionari del re (col. I, 5, 7, 9, 10); la proprietà fu assegnata dallo stesso Mnesimachos da un Antigonos (col. I, l. 2), che gli editori identificano con Antigono Monoftalmo. Per una approfondita analisi del documento vd. Buckler - Robinson 1912, e gli stessi in Sardis VII, 1. Sull’istituto della prasis epi lysei come garanzia reale della proprietà vd. Harrison 1968, 271-279; cfr. Martini 2005, 128-130; Biscardi 2015, 171-172.

21 IG IV 752, ll. 10-11: καὶ τὰ χωρία καὶ τὰς οἰκίας, ὅσσα ἐστὶ ἐρρυτιασμένα ὑπὸ τᾶς πόλιος ἀποδόμεν τοῖς ἐρρυτιασμένοις.

22 Ὅρια: IG XIV 352, col. I, ll. 13, 33, 43, 50, 61; col. II, ll. 9, 16, 22, 50; SEG IV 45, col. I, l. 18; ὅριον: IG XIV 352, col. I, ll. 13, 60, 67, 68; col. II, ll. 8, 9, 15, 22, 46, 70; ὁρίου: IG XIV 352, col. I., 1, 20, 51, col. II, 8, 19; SEG IV 45, col. I, l. 21.

23 Vd. Sicca 1924, 202; sul termine vd. anche le considerazioni di Prestianni Giallombardo 1999, 457-458, che nell’uso di τέρμων riconosce il «conservatorismo di un linguaggio catastale elaborato nelle prime fasi di vita della polis, fors’anche con l’apporto di una grossa componente di elementi italici e il riaffiorare di elementi siculi». Sul compendio, vd. ora Prestianni Giallombardo 2018, 127-129.

24 Solo a titolo di suggestione citiamo due documenti dall’area tracia di età medio-imperiale (II-III d.C.), che registravano la horothesia dei confini degli abitanti di Istros, in cui si accordavano ai destinatari «confini non soggetti a contenziosi dello sfruttamento di un bosco e l’utilizzo esente da imposte dei proventi»: IscM I 67, ll. 22-23 (cfr. IscM I 68, ll. 26-27): περὶ |[γὰρ τῶν τῆς ὕλης χρειῶν ἀναμφισ]βήτητα ἔχετε ὅρια κ[αὶ]| [τὴν ἐξ ἐκείνων χρῆσιν πᾶσαν τῷ τέλει ἀ]νυπεύθυνον.

25 Corsaro 1988, 213.

26 Chios 75 (= Pernin 2014, n. 130), che conserva lo schema contrattuale completo in A II, ll. 29-62. Da ultimo, sul documento, vd. Faraguna 2019, 115-125.

27 IG II2 1165, ll. 20-22: καὶ οἱ ἐπιμεληταὶ| οἱ αἰεὶ καθιστάμενοι κατ’ ἐνιαυτὸν βαδίζοντες ἐπὶ τὰ κτήμ|ατα δὶς τοῦ ἐνιαυτοῦ ἐπισκοπῶνται τά τε χωρία εἰ γεωργεῖτ|αι κατὰ τὰς συνθήκας, καὶ τοὺς ὅρους εἰ ἐφεστήκασιν κατὰ τ|ὰ αὐτά, κτλ.

28 Sulle varie tipologie di negozi giuridici moderni riconducibili al concetto di misthosis, vd. Rupprecht 1999, 121; Thur 2000; Biscardi 2015, 121-122. L’“affitto”, disciplinato in Italia dagli artt. 1615-1627 del Codice civile, si distingue dalla “locazione” (artt. 1571-1606) sulla base della produttività della cosa mobile o immobile che il locatore si obbliga a far godere all’affittuario. Su affitto e locazione nell’ordinamento giuridico italiano, vd. rispettivamente Fragali 1958, Nazzaro 2008 e Coco 1974, Bargelli 2004.

29 Vd. Lombardo 2013, 376 sgg. Su IG I3 84 da ultima Pernin 2014, 32 sgg. Sulle Tavole di Heraklea, oltre il fondamentale Uguzzoni - Ghinatti 1968, vd. Guy 1998, per gli aspetti topografici del territorio descritto nel documento e, recenti, Pernin 2014, 459-484; Weiss 2017 e Gallo 2019, con proposta di datazione al secondo quarto del III sec. a.C.

30 Di recente Prestianni Giallombardo 2018, 127, ha proposto, a IG XIV 352 col. I, l. 7, l’integrazione [τὸ χωρίον] τὸ ὑπὸ τὸν ὀχετὸν ἄχρι ποτὶ τὰν κράναν κτλ., effettivamente mai ricorrente nel resto delle Tabulae, ma che resta in questo contesto plausibile, in quanto χωρίον verrebbe impiegato in senso generico e non ‘tecnico’.

31 Ampolo 2000, 15; Lombardo 2017, 387. Per una sintesi sul tema della chora hiera e demosia nelle varie poleis, vd. Hegyi 1971; sul caso ateniese, Papazarkadas 2008.

32 IG XIV 645, I, ll. 48-50: τὼς χώρως τὼς ἱαρὼς τὼς τῶ Διονύσω; II, ll. 19-27: τὼς χώρως τὼς ἱαρὼς τὼς τᾶς Ἀϑάνας.

33 Prag 2014, 590; 2018, 133-134, sulla scorta della recente scoperta del decreto onorifico del koinon degli hiereis per Nemenio e della rilettura Ἀπό(λλωνος) (su cui vd. già Facella 2006, 319-320) del monogrammaImage 100002010000000E0000000FCFF2A0931D1A4AF3.pngattestato nelle Tabulae, tradizionalmente sciolto πό(λις) Ἀ(λαισίνων) (Kaibel 1890, 67), ha proposto di ricondurre il testo del documento a una riorganizzazione del territorio alesino appartenuto al santuario di Apollo. Ma, per una natura ‘pubblica’ dei klaroi alesini, vd. già Sicca 1924, 221 (che valorizzava la testimonianza di Frontino, Controversiae, 7, 2, sul carattere pubblico dei terreni prossimi alle mura, come quelli della col. II, l. 25 sgg. delle Tabulae), Calderone 1998, 27 e da ultima Prestianni Giallombardo 2018, 133-135, con validi argomenti, fra cui lo scioglimento del monogramma Image 100002010000000E0000000FF8216FD3247869BC.pngA sul bollo di un laterizio inedito come πό(λις) Ἀ(λαισίνων), che conferma fondamentalmente la ratio esegetica della lettura tradizionale del monogramma Image 100002010000000E0000000FCFF2A0931D1A4AF3.png. Corrobora l’interpretazione tradizionale anche un sigillo in piombo dalla collina di Caronia, interpretato come mercantile (Collura 2016, 22, tav. I fig. 11), recante il nostro monogramma, nel quale la lettura Ἀπό(λλωνος), nonostante la presenza a Calacte di un tempio di Apollo (vd. ora SEG LIX 1102, l. 13), sarebbe di problematica intelligenza. Dovremmo ipotizzare una singolare standardizzazione dei monogrammi teofori ‘di Apollo’, usati indifferentemente ad Halaesa come a Calacte, laddove è più economico pensare che un sigillo della polis di Halaesa sia finito a Calacte.

34 Bianchini 1979, 256. Sul termine vd. LSJ s.v. συγγραφή; Schwahn 1932; Kunkel 1932; in senso tecnico-giuridico vd. Bianchini 1979; Amelotti - Migliardi Zingale 1988. In ambito epigrafico solo un cenno alla misthosis in Bianchini 1979, 253; più esaustiva Pernin 2014, 489-491.

35 Si veda IG I3 402, l. 19 del 434 a.C. (= Pernin 2014, n. 37); IG I3 84, ll. 5 e 31 del 413 (= Pernin 2014, n. 2); come esempio di contratto di lavoro, si veda l’appalto dei lavori di rifacimento della fontana nell’Amphiareion di Oropos del 369/8 a.C. (Petrakos 1997, n. 290, l. 6); per la metà del IV sec. (345/4), vd. IDelos 104, l. 17.

36 IG XIV, 645, ll. 121 e 146, 161, 163. Cfr., per i contratti di lavoro, es., IG II2 1668, l. 1 del 347/6 con intestazione iniziale per la costruzione di una skeuotheke.

37 Aixone: IG II2 2492, ll. 29-31 (παρὰ τάσδε τὰς συνθήκας); Dyaleis: IG II2, 1241, ll. 3-4: κατὰ συνθήκας τάσδε).

38 Walbank 1991, 155.

39 Walbank 1991, 164: «The juxtaposition of this word with instructions for leasing out the temenos (lines 4-5) leaves the impression that these συγγραφαί may not be merely the specifications for the enclosure of the hieron but also a separate lease contract». Cfr. Behrend 1970, 111-116.

40 «Individual contracts» per Walbank 1991, 161 n. 79; «réglementation général» per Pernin 2014, 160.

41 Walbank 1991, 164, n. 108; Behrend 1970, 111-116, 121-122.

42 Chios 75, A I, ll. 21-23 (= Pernin 2014, n. 130). Qualcosa di simile doveva esistere anche a Mylasa: un decreto della tribù degli Otorkondes, IMylasa I, 208, l. 13 (= Pernin 2014, n. 147), stabiliva che i tamiai stipulassero la misthosis conformemente a un testo in vigore (κατὰ συγγραφήν). Cfr. per quanto concerne i contratti di lavoro SEG XXXIV 778, che menziona syngraphai e dienggyeseis «le cui copie si trovano nel tempio».

43 Cfr. Brunet - Rougemont et al. 1998, 213, che riconoscono due tipi di contratto: i contratti di locazione di terreni agricoli tra una collettività locatrice e uno o più locatari specifici, e quello, detto “contratto tipo”, syngraphai dove sono enumerate le condizioni a cui una collettività intende dare in affitto delle terre che le appartengono o di cui possiede la gestione; cfr. ora Pernin 2014, 27, 489.

44 Cfr. Pernin 2014, 486.

45 IDelos 503, passim.

46 IG XIV 352, col. II, l. 23: τοῖς παρὰ τὸν ῥοῦν τὸν Ἄλαισον δαιθμοὺς <ζ>; l. 75: Σκυρεώνοις δαιθμοὺς l. 75: Σκυρεώνοις δαιθμοὺς. Secondo Manganaro 2009, 18, «formule analoghe per altri distretti cittadini dovevano precedere la serie di lotti della col. I. e quelli dei lotti all’inizio della col. II, dove si legge la descrizione degli ultimi tre di tredici lotti».

47 Lo spazio vuoto a fine colonna dopo il ny, di fatto sufficiente per l’iscrizione di uno iota, lascerebbe pensare che il lapicida abbia rispettato a fine rigo il principio di sillabazione, il che escluderebbe qui la presenza di uno iota nel rigo successivo e quindi del dativo μηθενί.

48 Ampolo 2000, 17; Corsaro 2002, 151, sul caso di Heraklea; Pernin 2014, 511-512.

49 IG II2, 1241, l. 29-33: ἄ[ρ]χει τῆς μισθώσε|ως ὁ ἐπὶ Ἡγεμάχου Μουνιχιών·μὴ ἐξεῖνα|ι δὲ Διοδώρωι κόψαι τῶν δένδρων τῶν ἐ[κ]| τοῦ χωρίου μηθὲν μηδὲ τὴν οἰκίαν καθ[ε]|λεῖν. IG XIV 644, l. 144 sgg.: τῶν δὲ ξύλων τῶν ἐν τοῖς δρυμοῖς οὐδὲ τῶν ἐν τοῖς σκίροις οὐ πωλη σόντι οὐδὲ κοψόντι οὐδὲ ἐμπρησόντι οὐδὲ ἄλλον ἐασόντι.

50 IG XIV 352, col. I, ll. 70-71: οὐ ποιησοῦν|τι δὲ βυρσοδέψιον οὐδὲ μαγειρικὸν οἱ μισθωσάμενοι τὸ ἐλαιοκόμιον. Sul problema dell’elaiokomion, vd. Prestianni Giallombardo 1988; Dubois in IGDS I 196, 244.

51 Potrebbe trattarsi di un caso di tachigrafia; cfr. Guarducci 1967 I, 406.

52 Dovremmo ipotizzare che questi, correttamente iscritta la nasale velare prima del kappa, dopo avere tracciato il tratto verticale del kappa stesso, abbia avuto un ripensamento, riscrivendo la lettera per intero subito dopo, producendo l’erronea sequenza ΓΙΚ, dove lo iota è quindi da espungersi con la conseguente lettura: π]αρὰ χώραγ {ι} κα|[ὶ. Ovvero ancora, il lapicida, non avendo forse precisa contezza del corretto uso della nasale velare, potrebbe aver avvertito come forma ortograficamente normale, nonostante la presenza dello iota successivo, χώραγ in luogo di χώραν; pertanto la sequenza sarebbe da intendersi π]αρὰ χώραν ἱκα|[νὴν o ἱκα|[νῶς ecc.

53 Sull’uso di παρά nella koine dorica di Sicilia, vd. Sicca 1924, 139.

54 Non sembrerebbe il caso di εἱκάς / ἱκάς, il gruppo civico di venti uomini attestato nella Camarina della rifondazione geloa; vd. Cordano 1999, 150.

55 Olymos 51, l. 7: -]|σιν ἐν τῆι παρὰ τῶι ποτ[αμῶι χώραι (= Pernin 2014, nr. 186); così anche Labraunda 47, l. 5: καὶ παραλ̣[αβὼν τὴν μίσθωσιν πάσης τῆς χώρας καὶ τῶν] λοιπῶ[ν].

56 Chios 75, A II, l. 55 (= Pernin 2014, nr. 130): ὅ τι ἂ|[ν περὶ ὅρκων ἀντιλέγ]ηται, ὅρκους μὲν ε|[ἶναι Κλυτιδέων ὑπὲρ τ]ῆς χώρας («Se sorgono contestazioni riguardo i giuramenti, i Klytidai prestino giuramento sulla terra»). Sull’uso del termine γῆ nelle locazioni, vd. Pernin 2014, 508-509.

57 IG V2 443, ll. 9, 14, 37.

58 IG V2 445, ll. 5, 17, e 13.

59 Lombardo 2002, 104-107.

60 Così Lombardo 2002, 107, che cita Tit. Cam. 72, o IG XII 3, 173 B.

61 Su misthos, vd. Schultess 1932; LSJ, s.v.; Chantraine 1968-1980, 705 s.v.; Will 1975.

62 In Aristofane (Vesp. 300-301) mistharion è usato ironicamente dal coro dei giudici popolari, per lamentarsi del loro basso salario. Per altre attestazioni nella commedia, vd. anche Eup. fr. 470 K.-A.; Diph. fr. 42 K.-A.; Men. 303. In autori come Plutarco (Mor. 1044a) e Diogene Laerzio (X, 4), il termine esprime la critica degli Stoici contro i Sofisti, e in particolare, l’indignazione contro il mercimonio delle arti liberali per compensi esorbitanti, laddove tali arti andrebbero insegnate a titolo gratuito. Esso ricorre poi in vari luoghi dei Praecepta del Corpus Hippocraticum (7; cfr. mercedula in Sen. De Ben. 6, 15, 1) relativamente alla parcella pattuita fra medico e paziente, a sottolineare l’esiguità del compenso rispetto al servizio inestimabile svolto per il malato, con evidente intento apologetico della reputazione dei medici (così Ecca 2015, 328-329). Vd. LSJ s.v.

63 Vd., in particolare, P.Mich. 3 202, l. 14 (105 d.C.), lettera privata in cui si accenna a un compenso di baliatico maggiore del solito per un bambino di condizione libera, dove mistharion appare a tutti gli effetti un sinonimo di misthos, senza sfumatura diminuitiva; SB 22 15708 = P.Oxy. XVIII 2190, l. 53 (100 d.C.), lettera privata; P.Med. 1 47, l 10 (200-299 d.C.), compenso per scrittura di artisti; SB 14 11583, l. 3-4 (II/III sec. d.C.), frammento di lettera privata; P.Nessana 73, l. 8 (683 d.C.), ordine per il governatore per una guida. Cfr. anche Preisigke 1925, col. 107 s.v. μισθάριον, che cita P.Teb 413, 13 (III d.C.), P.Mey 20/22 (III d.C.), MeyOstr 82, 7 (IV sec. d.C.).

64 Prestianni Giallombardo 1999, 454. Vd. i diminuitivi τυρρίδιον (IG XIV 352, col. II, ll. 65-66), ῥοείδιον (IG XIV 352, col. I, ll. 27, 56, 59, 60; col. II. ll. 82, 84), ῥοΐσκος (IG XIV 352, col. I, ll. 4, 16, 17, 23, 24, 32; col. II, l. 26).

65 Così fanno i kolakretai in IG I3 71, ll. 51-52: τοῖς δε͂ κέρυχσι τοῖς ἰο͂σι τ|[ὸμ μισθὸν] ἀ̣ποδ[όντον ℎο]ι κ̣[ολακρέται ․․․․9․․․․ εἶπ]ε· τὰ μὲ[ν] ἄλλα καθάπερ τε͂ι βολε͂ι·, nonché l’affittuario, che è tenuto pure a pagare altre spese, in Klazomenai 15, ll. 12-13: τὸ δ’ ἀνάλωμα |[δώσει ὁ μισθ]ωσάμενος καὶ τῶι κήρυκι τὸμ μισθό[ν.].

66 Vd. es. IDelos 316, 354, 399 ecc.

67 Es. IG XI, 2 158, ll. 51-52.

68 Dai semplici mercenari a quanti percepivano le indennità per le funzioni civili, quali il misthos tes prytaneias, ekklestiakos e dikastikos; vd. Will 1975, 42-43.

69 Cfr. es. IG XII, 4, 1:56, l. 29: το[ὶ δ]ὲ̣ ταμίαι τελεσάντω αὐτῶ]ι τό τε ἐς τὸ[ν σ]τέφανον ἀργύριον |[καὶ μ]ισθὸν καὶ ἐς π̣[ο]ρεῖον τὸ τεταγμέ|[νον].

70 Teos 48, ll. 26-30: ll. 26-30: ἐὰν δὲ μαχόμενος [ἀποθάνηι, ὑπάρχ]ε[ι]ν αὐτοῦ δημόσια τὰ ὄν|τα· τῶι δὲ καταρχθέντι φ[ρο]υρ[άρχωι μὴ ἔστω] ἀποσπᾶσθαι· διδόναι| δὲ αὐτῶι τὸμ μισθὸν τὸν [ἐκ τῶν νόμων ἑκάστου τε]τραμήνου τοὺς ταμ[ίας ἐ]|πάναγκον ὅταν πορεύηται [εἰ]ς τὸ [χωρίον· μ]ισθὸν δὲ εἶναι τῶ[ι μὲν]| φρουράρχωι τεσσέρας δραχμ[ὰς] ἀ[λεξ]ανδρε[ίας,] κτλ.

71 Vd. Sicca 1924, 152 e vocabolarietto, passim; cfr. Calderone 1998, 26.

72 Vd. la prima attestazione del termine βασιλικά senza ulteriori denotazioni per designare uno specifico edificio (tab. A, l. 24; vd. discussione in Prag 2018, 123-124) o ancora l’aggettivo διοδωρεῖος, coniazione su un nome proprio senza confronti nel mondo greco, usata al posto della consueta espressione preposizionale (ἐπί + gen, μετά ecc.) per designare i tamiai (tab. A, l. 29) in carica sotto la prostasia di Diodoros figlio di Dazos (tab. A, l. 7; vd. Prag 2018, 129-130).

73 Cfr., es., la locazione del santuario dell’eroe Egretes da parte degli orgeoni (IG II2, 2499, ll. 30-33; = Pernin 2014, n. 7), dove ricorrono entrambe le accezioni nello spazio di poche linee. Vd. LSJ s.v. misthosis; sulla istituzione vd. Schultess 1935, coll. 2114-2129; Behrend 1970, 7-48, 107; Biscardi 1989, 79 sgg.

74 Vd., es., Arist. Ath. Pol. 47, 2 e 4, dove misthoma è sostanzialmente intercambiabile con misthosis in quanto contratto di affitto. Su misthoma vd. LSJ s.v.: “prezzo del contratto” vd. Hdt. II, 180; IG XII 347, l. 43 (V sec.); “contratto”: Arist. Ath. Pol. 47, 2 (47, 4); Dem. 19, 125; Isoc. 7, 29; “affitto”: IG XII 7, 55, 15 (Amorgos); IG XIV 645, 1, 128 (Tavole di Heraklea). Sull’uso del termine nella documentazione epigrafica, vd. Pernin 2014, 488, n. 18. Sui suffissi in -σις e -μα utilizzati per neoconiazioni lessicali a partire dal V sec. per indicare, rispettivamente, l’azione in astratto e l’effetto concreto dell’azione, vd. Chantraine 1933, 182 sgg.; Buck - Petersen 1944, 221; Meillet 1965, 248.

75 Così già Schulthess 1932, col. 2085; vd. Chantraine 1968-1980, 705 s.v. μισθός: «s’applique à la location d’une object comme au salaire d’un homme»; Will 1975, 427 n. 2: «l’emploi actif du verbe μισθοῦν implique la réception du misthos-salaire de la part de celui qui μισθοῖ ἑαυτόν, qui “ se loue ”, alors que son versement, qui est le fait de l’employeur, est exprimé par le moyen causatif (μισθοῦσθαι τινα). Il en va de même, évidemment, du misthos-loyer (μισθοῦν/ μισθοῦσθαι οἰκίαν)»; Walbank 1991, 153, n. 20: «There are dozens of examples in Attic documents of μισθός and its derivatives having the sense of recompense for work done or service performed, particularly in context of public works (where the contractor is a μισθωτής), but there are relatively few cases of μισθός and μισθωτής meaning respectively “rent” or “tenant”».

76 Behrend 1970, 29, n. 100, in particolare rivolgeva la propria critica alle evidenze epigrafiche richiamate nell’articolo della RE di Schultess (1936, 2110-2111), nonché alle evidenze papiracee citate da Von Bolla 1940 a supporto di tale accezione di misthos. Come vedremo, in realtà non mancano oggi nuovi papiri che accreditano un’equivalenza misthos-affitto, ma già fra quelli svalutati dal Behrend, il P.Oslo 3, 135, l. 8 del 286-293 d.C., un contratto concernente il noleggio di asini, malgrado il termine misthosis sia integrato in lacuna, lascia pochi dubbi sia un “canone” e non un “compenso” il misthos che un tale Herakles ha già ricevuto in anticipo per la liturgia della onelasia (l. 20).

77 Per tale accezione, cfr. anche Hdt., I, 24; 2 180; 9, 34 e 9, 37; Thuc. IV, 52; Xen. Anab. 1, 3, 1; Plato, Leges, 800e; Dem. De Cor., 33.

78 Walbank 1991, 153, n. 20. La derivazione dell’affitto di terre dal contratto di lavoro è in effetti teorizzata da Biscardi 1989, 93, che riprendeva la tesi di Herrmann (1958) fondata sulla documentazione papiracea, offrendo una ricostruzione che riconosce al termine phoros e non a misthos la funzione di indicare l’affitto. Egli pone in una fase originaria l’assunzione da parte del possessore fondiario di un coltivatore autonomo, il quale, previa consegna del fondo, avrebbe acquistato diritto al misthos per la sua opera con l’obbligo di restituire al locatore, in conformità con gli accordi, l’utile netto della coltivazione sotto forma di phoros, cioè quanto rimaneva dei frutti, una volta detratto il compenso. In una seconda fase sarebbe avvenuta l’eliminazione del compenso per l’affittuario, la cui detenzione del fondo non sarebbe più stata concepita come presupposto del rapporto di lavoro, ma avrebbe finito col consolidarsi come un potere di disposizione limitato nel tempo e condizionato dalla pattuita coltivazione del fondo e non al pagamento del canone di affitto.

79 Vd. BGU 1122 (13 a.C.): il misthos viene versato per delle arourai di terra.

80 Vd. P.Cairo Zen. 4 59748, ll. 23, 42 (256 a.C., noleggio di ὑποζύγια); P.Sorb. 3 84, l. 8 (247 a.C., χώματα, “dighe”); P.Cairo Zen. 3 59449, l. 8 (metà III sec. a.C., πλοῖα); P.Cairo Zen. 4 59612, l. 7 (metà III sec. a.C., ὑποζύγια); P.Cairo Zen. 4 59701, l. 11 (metà III sec. a.C., ὑποζύγια); P.Ryl. 4 583, ll. 20, 67 (157 a.C., ληνός, pigiatrice).

81 IDelos 509 (=Syll.3, 975), ll. 40-42: ἐὰν δέ τι|νες μὴ πειθαρχῶσιν τοῖς γεγραμμένοις, οἱ ἀγο|ρανόμοι αὐτοῖς μὴ διδότωσαν μήτε τὰ ζυγὰ μήτε| τὰ μέτρα τὰ ἀνθρακηρά, καὶ τοῦ τόπου οὗ ἂν αὐ|τοῖς κείμενα ἦι τὰ ξύλα ἢ οἱ ἄνθρακες ἢ οἱ ῥυμοὶ| φερέτωσαν τῆι πόλει μισθὸν τῆς ἡμέρας δρα|χμὴν ἕως ἂν ἄρωσιν κτλ.

82 IG II2 1126 (=Syll.3 145), ll. 22-23: μι]|σθὸν μη[δ]ένα φέρεν μηδενὶ μηδ’ ἐνοικε͂ν τὸν αὐτὸν πλέον τριάκ[οντα ἁμερᾶν.

83 Vd. Montevecchi 1988, 214 sgg.; Rupprecht 1999, 121.

84 Sulle numerose iscrizioni carie attestanti questo uso del termine phoros, vd. sintesi in Pernin 2014, 488 n. 20; vd. anche il regolamento di Thestia, in Etolia, del II sec. a.C; Pernin 2014, n. 35, l. 5-6. Per questa accezione di phoros, Hatzopoulos 1988, 35; Casanova 1981, 94; contra Thonemann 2009, 376, che ritiene phoros utilizzato unicamente per la tassazione regia delle terre.

85 Vd. documentazione in Pernin 2014, 488, nn. 19 e 20.

86 IG XIV 645, ll. 101, 109, 112, 128, 155.

87 Cfr., es., IG I3, 402, l. 19.

88 Cfr. IG XIV 645, ll. 108-110: όστις δὲ κα μὴ ποτάγει πρωγγύ|ως μὴ τὸ μίσθωμα ἀποδιδῶι κὰτ τὰ γεγραμμένα, τό τε μίσθωμα διπλεῖ ἀποτεισεῖ τὸ ἐπὶ τῶ ϝέ|τεος καὶ τὸ ἀμπώλημα τοῖς τε πολιανόμοις καὶ τοῖς σιταγέρταις τοῖς ἀεὶ ἐπὶ τῶ ϝέτεος.

89 Cfr. IK Rhod. Peraia 354, ll. 9-11: καταβαλλέτω δὲ τὸ μίσ̣[θωμα καθ’]|[ἕκαστον ἐνιαυτ]̣ν̣ ἐπ[ τ]̣ν̣ ̣ρ̣χ̣̣[ν̣ε[ρ]ομνάμο[σ]ι τοῖς ἐν ἀρ[χᾶι οὖ]|[σι καὶ Ἀμίων κοινῶι ἐνμ̣η[νὶ Π]ανάμωι· 

90 Si concedeva ai padroni la facoltà di castigare gli ex schiavi, espressa all’infinito o al participio predicativo, qualora essi non rispettassero gli obblighi; cfr. fra i tanti documenti es. FD III 3, 373, ll. 12-14: εἰ δὲ μὴ παραμένοι ἢ μὴ ποιέ<ο>ι τὸ ἐπιτασσόμενον| εἰ δὲ μὴ παραμένοι ἢ μὴ ποιέ<ο>ι τὸ ἐπιτασσόμενον| ἐξουσίαν ἐχέτωσαν Τρύφερον καὶ Σμύρνα ἐπιτιμέουσαι Σωτη[ρί]|χᾳ τρόπωι ᾧ κα θέλωντι.

91 IMylasa I, 218 (Pernin 2014, nr. 157), l. 6: ἐξουσίαν δὲ ἐχέτω καὶ ἄλλους ὑπὲρ αὐτῆς|[— εἰ δὲ μή, οὐχ] ὑπάρξει αὐτῇ ἡ μίσθωσις· ἐὰν δὲ {μὴ} βούληται παραχωρεῖν, παραχωρεί|[τω τὰ προγεγραμμένα κατὰ τὰ α]ὐτά, ἄλλως δὲ μὴ ἐξέστω παραχωρεῖν· IMylasa II, 819 (= Pernin 2014, n.173), l. 8: [—] ἐξουσίαν ἔχων καὶ ἑτέρωι παραχ[ωρ]εῖν καὶ οὐ καταμεριεῖ[ν]; IMylasa II, 827 (= Pernin 2014, nr. 194), ll. 12-13: [ἐὰν δὲ καὶ ἐμβόλιμ]ον μῆνα ἡ πόλις ἄγ[ῃ, τὸ κατ]ὰ| [ἐξουσίαν] ἔχουσα καὶ ἑτέρωι π̣[αραχ]ω-

92 Buck 1955, 106; Brixhe 1976, 121-123 n. 8; Colvin 2007, 43, 48.

93 Buck 1955, 106.

94 Calderone 1961, 130-131; Calderone 1999, 37 lo attribuiva all’elemento agrigentino e geloo della fondazione di Halaesa. Dubois IGDS I 197, 247 dal canto suo, rilevando la diversità della desinenza dell’imperativo in ambito geloo (-νθω e -σθω), è più propenso a collegare questa forma alla componente rodia della fondazione di Akragas e quindi a valorizzare un’origine agrigentina dei mercenari che parteciparono alla fondazione di Halaesa, fino a supporre una forte influenza di questa componente agrigentina ad Halaesa a 250 anni dalla fondazione della città.

95 Prestianni Giallombardo 1999, 455. La persistenza di questa forma nel II-I sec. a. C. mina definitivamente l’ipotesi di Manganaro 2001, 71-72, formulata anche sulla base dell’attestazione dell’imperativo eolico, che IGDS I, 197 fosse una copia, redatta intorno al 150 a.C., della syntheka in dorico originariamente pubblicata in occasione della rifondazione della città e connessa con la colonizzazione timoleontea del 338/7.

96 Per questa forma di βούλομαι ad Halaesa cfr. il decreto onorifico per Nemenio (SEG LIX 1100, Tab. A, l. 25: ἐν ᾧ κα τόπῳ αὐτὸς βόληται…).

97 Vd. es., fra tanti casi delii, l’affitto decennale, regolato dalla Hiera syngraphe, di 15 temene appartenenti ad Apollo (IG IX 2 287 A, l. 142 sgg. = Pernin 2014, nr. 86), dove, dopo l’indicazione del nome del temenos e dell’affittuario, del prezzo e dei garanti, καὶ παρέλαβε introduce sistematicamente l’inventario dei beni ricevuti da ciascun affittuario insieme con la proprietà terriera. Vd. ancora IG IX 2 1912, 161C, l. 125 (= Pernin 2014, nr. 72), la rilocazione di tre temene (Πάνορμος, Νίκου Χῶρον Χαρωνεία) a dei nuovi affittuari, i quali παρέ|λαβον τά φυτ|ὰ καὶ τἄλλα τὰ γε|γραμμένα ἐν τῆι| στήληι ἧι ἔστησα|ν Ἡγίας καὶ Ἀνά|σχετος; cfr. ancora IDelos 445, l. 21; IG II2 463, l. 100: τοὺς μεμισθ|ωμένους κ[αὶ περὶ τοῦ] κεράμο[υ] ὅσομ παρ[έλ]αβον.

98 Teos 59, l. 100.

99 IG XIV 645, l. 101: τοὶ δὲ μισθωσάμενοι καρπευσόνται τὸν ἀεὶ χρόνον; cfr. anche ll. 159, 161, 166.

100 IG XIV 352, col. I, 1, l. 9: τὰ δὲ δένδρεα καρπεύσε<τ>[αι].

101 Cfr. es. la più volte menzionata IG I3, 84, ll. 33-34, dove si prescrive all’affittuario del temenos di Neleo di piantarvi non meno di duecento alberi di olive; laddove in documenti più tardi comparivano anche prescrizioni relative ai cereali da seminare, limitazioni o divieti del taglio degli alberi ecc.; vd. Ampolo 2000, 17. Per l’uso del participio di φυτεύω, vd. l’affitto del demo di Aixone: IG II2 2492, l. 5.

102 Pernin 2014, 522.

103 Il caratteristico futuro dorico con suffisso -σεο- presenta normalmente la terza persona plurale di forma ordinaria (cfr. IG XIV 644, l. 101; Buck 1955, 107; Mimbrera 2012, 231); si restituirà qui invece la forma contratta proprio sulla base delle Tabulae Halaesinae: IG XIV 352, col. I, l. 70-71: ποιησοῦν|τι.

104 Cfr. Fraser - Matthews 1997.

105 Per l’uso di ἀποδίδωμι relativamente al versamento di un canone in natura, si veda il caso di Heraklea (IG XIV, 645, l. 103: orzo); nella misthosis dei Dyaleis (IG II2 1241, ll. 24, 33) il verbo indica sia il versamento di un canone in moneta, per cui è usato anche καταβάλλω, ma anche “cedere/vendere” a l. 45; cfr. anche, in questo senso, la misthosis dei terreni di Zeus Temenites da parte della polis di Arkesines, ad Amorgo: Syll.3 936, l. 27.

106 L’ipotesi di Manganaro 1980, 431; 2002, 71, circa l’esistenza di una dekata ad Halaesa, riposa sulla cauta proposta di Calderone (1961, 130) di integrare alla problematica l. 2 di IGDS I, 197: τὰς (τᾶς) δε[κ]ά[τ]ας. Lo stato della pietra, purtroppo assai rovinata in questo punto, non ci consente di andare oltre la lettura autoptica Τ̣Α[.]Δ̣[....]ΑΣ. Apparentemente è visibile prima di ΑΣ una labilissima traccia verticale con tratti divaricati, che potrebbe interpretarsi, secondo Calderone 1998, 29, come un ypsilon. Tuttavia, l’ipotesi di lettura dello studioso TΑ[Σ] δ̣' [ἐγγ]ύ̣ας, con la menzione, quindi, della o delle “garanzie”, alla luce di una elaborazione grafica della foto dell’epigrafe, non sembra corroborata da sufficiente spazio, in questo punto della pietra, per due gamma, spazio effettivamente compatibile, invece, con l’integrazione di Δ̣[ΕΚΑΤ]ΑΣ. Ringrazio per questa verifica il dott. Giovanni Boffa del laboratorio epigrafico dell’Università del Salento.

107 Sulla forma ἥμισσον, cfr. ad Halaesa IGDS I 197, l. 1; cfr. l’attico ἕνηι es. in IG II2, 1241, ll. 26, 28.

108 Potrebbe soccorrerci qui la già menzionata convenzione di affitto dei Dyaleis (IG II2 1241, ll. 36-39), utile a ricostruire lo spirito del testo come segue: [---- οἰ μισθωσάμενοι ? οἱ τὰ χωρία φυτε]ύ̣οντες, καρπ̣[ευ]|[έσθω καὶ --- ἐξ]ουσ̣ίαν ἐχόντον, εἰ δ[ὲ κα]| [οἰ μισθωσάμενοι ? μὴ ἀποδῶσι τὸ μισθάριον ? /τὸ μίσθωμα ? κατὰ τὰς συγγραφὰς, ἐξέσθω τοῖς ταμίαις ? μισθῶσαι (/οἱ ταμίαι μισθωσάντον) ἑτέρῳ τὰ χωρία ? ᾧ κα βό]λ̣ωνται. Non semplice tuttavia, in tal caso, l’integrazione sintattica del successivo imperativo ἀποδόντον. L’assenza della congiunzione δέ, per la quale non v’è spazio per via della presenza del successivo tau, rende poco probabile che l’imperativo attesti una nuova apodosi, coordinata a quella presumibile in lacuna, e retta dalla medesima protasi εἰ δ[έ κα (μὴ). Il problema si ripropone anche ipotizzando che tale apodosi fosse invece preposta alla protasi (cfr. IG II2, 1241, ll. 39-40: καὶ ὑπόδικος ἔστω Διόδωρος, ἐάν τι π[ρ]|[οσ]οφ̣είλει τῆς μισθώσεως). Né sembra plausibile che ἀποδόντον reggesse un oggetto in lacuna (cfr. IDelos 502, l. 13: τὸ δὲ λοιπὸν ἀργύριον ἀποδόντων τὸ ἥμυσυ τῶι ἐργώνηι), perché esso risulterebbe eccessivamente separato dal verbo, per via della subordinata che si chiudeva con βό]λ̣ωνται. Resta la possibilità di inserire un segno di interpunzione forte dopo βό]λ̣ωνται e considerare l’imperativo ἀποδόντον una nuova prescrizione prescindente da quanto affermato nella clausola precedente.

109 Cfr., es., IG II2 1104, ll. 2-3.

110 Vd. Pernin 2014, 498-499.

111 IG II2 2499, l. 30 sgg.: «Se Diogneto non pagherà l’affitto nelle date previste o non eseguirà le altre clausole del documento, questo sarà annullato e sarà privato del diritto di importare legno, e gli Orgeoni potranno affittarlo a loro discrezione».

112 IG XIV 645, ll. 105-110: «Chiunque non fornisca garanti o non paghi l’affitto secondo le norme prescritte, pagherà per quell’anno l’affitto doppio e il risarcimento ai Polianomi e ai Sitagerti ecc.» (trad. Uguzzoni - Ghinatti 1967).

113 IG II2 1241, ll. 35-37. «Se (Diodoros) non versa il danaro del canone di affitto nelle date fissate o non si prende cura del terreno secondo le clausole previste, i fratriarchi e i Dyaleis potranno effettuare un sequestro prima che la cosa sia giudicata e affittare il terreno ad altri a loro discrezione».

114 IThesp 53, ll. 18-20: ἠ δέ κά τις τῶν μισθωσαμένων μεὶ κατα]βάλλει τὰν μίσθωσιν [ἐ]ν| [τοῖ γεγ]ραμμέν[οι χρόνοι, τοὶ ἱαράρχη ἐσγράψονθι αὐτὸν κὴ τὼς ἐνγύως ἐπὶ τῆ] μισθώσι τῆ ἀντ’ ἐνιαυ| τῶ ἐ[φ’ εἱ]μιο[λίοι, κὴ ἐπαμμισθώσονθι τὰν γᾶν ἐν τὰ περίσαα ϝέτια. «nel caso gli affittuari non paghino la rata nella data fissata, gli hierarchi li faranno iscrivere con i loro garanti per l’importo dell’affitto di un anno con una maggiorazione del cinquanta per cento e rimetteranno in affitto la terra negli anni a venire».

115 Osborne 1988, 294.

116 Suggestiva l’ipotesi che ἀποδόντον, sulla scorta della ipotesi di restituzione della l. 5, avesse in oggetto τ[ὰ χω]|[ρία, i terreni; l’assenza di evidenze in proposito, tuttavia, vieta di attribuire ad ἀποδίδωμι una inconsueta accezione di “restituire” (cfr. ad Halaesa, ma in tutt’altro contesto, il succitato decreto di Nemenio, SEG LIX 1100, Tab. A, l. 32), ipotizzando una situazione in cui gli affittuari, in caso di trasgressione di questa clausola del contratto, fossero tenuti a restituire i “terreni” all’autorità locatrice, che provvedeva a rimetterli in affitto. Analogamente, sebbene sintatticamente possibile, resta arduo riferire l’imperativo a soggetti diversi dagli affittuari, giungendo a ipotizzare sinanche una vendita dei terreni da parte dei magistrati preposti (es. ἀποδόντον τ[ὰ χω]|[ρία οἱ ταμίαι --- κ]αὶ ἃ παρέ[λ]αβον[....]). Si tratterebbe, infatti, di una conseguenza alquanto inusuale per una clausola di dettaglio relativa alle coltivazioni dei terreni. In genere, nei casi in cui gli affittuari rinunciano a eseguire dei lavori, i magistrati procedono a rilocare il terreno: cfr. IG II2 1241, ll. 35-37; Syll.3 963, ll. 15-17.

117 Cfr. IG II2 1241, ll. 44-47: [ἐὰ]ν δὲ βούληται ἐν τοῖς δέκα ἔτεσιν Διόδω|[ρ]ος ἢ οἱ κληρονόμοι αὐτοῦ, καταβαλόντ|[ες] Δυαλεῦσιν ņ δραχμάς, καὶ ἐάν τινα̣ μί|σθωσιν προσοφείλωσιν ἀποδ[ό]σθ[ω]σ[α]ν α|[ὐ]τοῖς οἱ φρατρίαρχοι καὶ Δυαλεῖς τὸ χ|[ωρί]ον κομισάμενοι τὸ ἀργύριον. Per questa traduzione, vd. Pernin 2014, nr. 14, 76. Cfr., basata tuttavia sulla lettura καταβαλόντ|[ων], traduzione più letterale di Lambert 1993, 299-300. Sul documento, vd. anche Papazarkadas 2011, 167 sgg.

118 Vd., es., vari esemplari di tegole ed elementi di condutture da Calacte (Marina di Caronia, contrada Pantano) con bollo rettangolare e iscrizione a rilievo ΔΑ ΚΑΤ ΙΕΡΟΣ (Bonanno 2009, 44-45, figg. 30-31), sciolto da Scibona 1971, in (ΚΕΡΑΜΟΣ) ΔΑ(ΜΟΣΙΟΣ) ΚΑ(ΛΑΚ)Τ(ΙΝΩΝ) ΙΕΡΟΣ (cfr. Manganaro 2003, 382, n. 25 ΔΑ(ΜΟΥ) ΚΑΛΑΚΤΙ(ΝΩΝ) ΙΕΡΟΣ (ΚΕΡΑΜΟΣ) (vd., per una specifica trattazione, Collura 2019, 237-244, che ritiene ΔΑ non un compendio, ma un vero monogramma in cui sono leggibili tutte le lettere singole di δαμόσιος). L’alpha del nesso ΔΑ è reso di norma con una piccola losanga interna al delta che rende chiaramente la barra mediana spezzata dell’alpha stesso (cfr. anche piombo riferibile a Erbita, Manganaro 1999, 77 fig. 173), ma vi sono ora laterizi (sempre da Caronia, contrada Samperi) riutilizzati in sepolture tarde, la cui iscrizione rende il tratto mediano dell’alpha con un piccolo triangolo pieno e rovesciato o con una linea curva molto spostata vero il vertice del delta, quasi a riprodurre una sorta di ‘cerchietto’ (vd. Collura 2019, 240-241, figg. 6-8). Rientra di fatto nella casistica dell’instrumentum publicum anche il celebre monogrammaImage 100002010000000E0000000FCFF2A0931D1A4AF3.png, attestato su laterizi da Halaesa, e ora su un sigillo in piombo rinvenuto a Caronia (vd. supra n. 33), e usato nelle Tabulae per individuare degli alberi iscritti con tale monogramma come termini di delimitazione dei lotti (IG XIV 352, col. I, l. 38; col. II, 31, 41, 42, 43). Il testo delle Tabulae, infatti, si limita a ‘citare’ semplicemente dei realia, che, pur immateriali, rientrano di fatto nella casistica dell’instrumentum publicum. Di recente, ha richiamato l’attenzione sul concetto di monogramma in quanto abbreviazione di una parola mediante l’unione o intreccio delle singole lettere, da distinguersi dalla legatura e dalla sigla, invece abbreviazioni di una parte della parola, nonché sui criteri di scioglimento, Prestianni Giallombardo 2018, 130 n. 2, con ampia bibliografia.

119 Infruttuoso, restando al caso alesino, il confronto del nostro Image 100002010000000B0000000F6C4BC81379A91639.pngcon il nesso Image 100002010000000E0000000FF8216FD3247869BC.png= πό(δας), che nelle Tabulae accompagna, distinti da punti divisorii, dei numerali alfabetici con valore cardinale (IG XIV 352, A I, l. 9 (K = 20); A I, l. 63 (O = 70), a indicare le distanze misurate in piedi. Il secondo segno del nostro documento, infatti, come è evidente, non è identificabile con un numerale alfabetico. Benché vagamente somiglianti, non sono del pari raffrontabili nell’ambito dell’instrumentum publicum alesino noto il delta di un bollo (Carettoni 1959, 324, nr. 7, fig. 30d) letto ora ΔΑΠΙΡ (Facella 2006, 233) e, relativamente al secondo segno, il bollo con compendio letto LE da Carettoni (1961, 293, nr. 5) e ora, più plausibilmente, ΓΕ da Muscolino in preparazione.

120 Tod 1979, 1-83, part. 34. Recente, sul sistema, vd. Chrysomalis 2010, 98-105.

121 Su cui vd. Brugnone 2005; Cordano 2017.

122 Es., un my all’interno del delta designa le dieci mine ed è variamente attestato a Tegea, Lindos e Stratos in Acarnania. A Tegea il my è miniaturizzato e chiaramente riconoscibile all’interno del delta (Tod 1979, 10); a Lindos manca il tratto orizzontale inferiore del delta, ma il my è reso da una linea spezzata fra le due linee oblique del delta (Tod 1979, 20); a Stratos il delta è completo e il my è reso da una linea spezzata all’interno del delta (Tod 1979, 48).

123 Cordano 2017, 136-137: tessere nr. 70 (cerchietto a sinistra del delta e altro con tratto mediano a destra di quattro delta) e 73 (cerchietto a sinistra del delta). In questi casi e in altri (tessere nr. 13, 43, 105, 125) i delta «sono incisi sempre in modo che non si confondano con altri segni» (Cordano 2017, 36).

124 Tod 1979, 12, fig. 3 e 16, fig. 4; frazione di obolo a Pergamo (Tod 1979, 23).

125 Tod 1979, 5.

126 Tod 1979, 22.

127 Tod 1979, 26.

128 Tod 1979, 26.

129 Lombardo 1982, 881-884; 1997, 1043.

130 Tod 1979, 32. Per l’esempio da Locri, vd. De Franciscis 1972, 34, nr. 20, l. 2.

131 Game 2008, 157, nr. 83

132 Tod 1979, 12; 70, fig. 2.

133 Tod 1979, 12; 70, fig. 2.

134 Sistema la cui origine è stata variamente attribuita a una influenza dell’ambiente fenicio-punico (Nenci 1995) o alla consuetudine di esporre i numeri oralmente sopravvissuta in Sicilia (Prestianni Giallombardo 1999, 453; Brugnone 2000, 905-906).

135 Heraklea: IG XIV 645, l. 103 (orzo riscosso dai sitagertai); Olymos: Pernin 2014, nr. 199, l. 2 (canone totale in natura [κα]ρπ̣οφόρον τελέσει τὸμ φόρον); Mylasa: Pernin 2014, nr. 153, l. 9 (una mina d’incenso e una hydria di olio completano il canone in moneta). Nel caso di Tauromenion, Fantasia 1999, 255, ha ipotizzato che gli agertai menzionati nei rendiconti finanziari, al pari dei sitagertai di Heraklea, riscuotessero quantitativi di derrate «a titolo di canone di affitto di terreni pubblici o sacri» e li rimettessero ai sitophylakes.

136 Su cui Manganaro 1997, 310-313 (Siracusa) e 318-319, 338 (Agira), con possibile lettura ascendente in Brugnone 2005, 904; da ultimo sui due documenti, vd. Game 2008, 163, n. 89 e 164, n. 90.

137 Così Calderone 1998, 29.

138 Vd. Manganaro 1980, 429. I rendiconti più antichi registrano un computo redatto secondo il sistema monetale siciliano ricordato da Aristotele (Arist., ap. Poll. IX, 87), basato sul talanton di 10 nomoi o 120 litrai, mentre i due rendiconti più tardi attestano nomoi di 40 litrai o 10 tetralitra, secondo l’equivalenza, attestata da Festo (492, 12 L.), che vuole in età romana il talanton pari a 3 denarii (pari a 40 litrai ciascuno).

139 Manganaro 1988, 187 (cfr. Fantasia 1999, 260-261) ipotizzava che l’uso del termine nomos nei rendiconti più recenti si riferisse a monete romane coniate e circolanti all’epoca della redazione dei rendiconti, ma ancora indicate con nomi greci. Più di recente Carroccio 2008, 35, 39 ha spiegato alcune cifre dei rendiconti riferendole a dei denarii romani «giunti all’equivalenza festiana a un 1/3 di talanton, testimoniata più chiaramente nei tituli recenziori», ma ancora percepiti come estranei al sistema tradizionale siciliano e quindi ‘tradotti’ in moneta locale, mentre le cifre non riducibili in denarii attesterebbero la circolazione di altre monete siciliane degli anni della II punica e ancora disponibili, come nominali argentei (Filistide/quadriga, Zeus/quadriga della V repubblica siracusana, le serie di Gelone, l’Apollo/tripode di Tauromenion) e bronzei (Zeus/aquila di Tauromenion). Sulla storia del rinvenimento dei rendiconti, vd. Muscolino 2012 e ora, per un tentativo di ricostruzione del contesto monumentale di appartenenza dei documenti, Campagna 2018.

140 La fase III della monetazione di Halaesa, databile dopo la deditio a Roma nel 263 a.C., contempla, come unica emissione in argento nota, un nominale D/civetta stante ad ali chiuse, R/arco e faretra, legenda ΑΛΑΙΣΑΣ ΑΡΧ di gr 3,41, datato 241-212 (Facella 2006, 185-186) o 212-190 a.C. (Campana 1996, 92-93), che ha corrispondenza ponderale con il vittoriato romano, il tetralitron siracusano di Ierone II, l’argento di Tauromenion, dei Sikeliotai, di Akragas, tutti databili a partire dalla II guerra punica (Campana 1996, 93; Carbè 2008, 59-60). Coeva è considerata una serie in bronzo D/ testa di Athena con elmo corinzio, a d.; R/ civetta stante a d. con ali chiuse, legenda ΑΛΑΙΣΑΣ, (da gr 1,45 a gr 1,12). Seguono varie serie enee, che presentano tipi con testa laureata di Zeus, Apollo, Dionisio, Artemide ecc. senza segni di valore inquadrati su base ponderale, come assi, semisses, trientes, quadrantes, sextantes e unciae (Campana 1996, 97-102; Prestianni 2012, 261). Una vigorosa ripresa della produttività della zecca di Halaesa dopo la seconda punica è sostenuta da Puglisi 2009, 240-241. Sui vari nominali basati sul sistema della litra attestati ad Halaesa a partire dalla fine del III sec. sino al 186 a.C., vd. anche Carroccio 2004a, 174-177 (post 204 a.C.), 180, 207, 219, 226, 248, 251. Sul cosiddetto sistema “romano-siciliano”, vd. Caltabiano 2004, 49-62; Carroccio 2004b.

141 In realtà quella del nostro documento potrebbe non essere la prima testimonianza in assoluto; a ben vedere l’enigmatica sequenza attestata nel cosiddetto “frammento B” delle Tabulae Halaesinae (col. I, l. 17: ]ẠΚΑΝ Image 10000201000000250000000F1006DAC268478A41.png[), potrebbe ora comprendersi, se interpretata almeno in parte come sequenza numerica, come ventilato già da Arangio Ruiz - Olivieri 1925, 61: (suntne numeri?) e in seguito dai redattori del SEG IV 45 (Olivas sacras numerari apparet; quis numerus sit, quaerendum). In particolare, tali segni, che non hanno corrispondenza con i numerali alfabetici usati nelle Tabulae con valore ordinale nella numerazione dei lotti e cardinale nelle misure metriche, potrebbero forse trovare una esegesi nel quadro di un sistema numerale acrofonico (vd. Arena 2020b).

142 Tod 1979, 31-32: Atene, IG II 985; Melitea: IG IX, 2 206.

143 La piccola porzione di specchio scrittorio, di forma approssimativamente triangolare, in cui non compaiono incisioni verticali prima dell’omega sembra orientare più verso la presenza di lettere come sigma, delta o epsilon che rho o tau.

144 Cfr. Sol. 36; Is. 6, 36; Dem. 31, 1; 25, 69; Amorgos IG XII, 7, 412.

145 Cfr., es., IDelos 442, l. 75: ἔθεσαν ταμίαι Ἀλκίμαχος καὶ Διογένης τραπεζῶν καὶ ὅρων ΗΗΔΔΔΔ κτλ.

146 Cfr., es., il decreto della tribù caria degli Otorkondes (Pernin 2014, nr. 147, ll. 17-18), che specifica solo alla fine del testo come la somma per la trascrizione dell’atto di acquisto e dell’acquisizione della locazione nel santuario dovesse essere prelevata ἐκ τῶν κοινῶν προσόδων.

147 Cfr. IG I3 402, l. 20: μισθώσεως κεφ[άλαιον τ μὲν πρώτο ἔτος]| ŅΗΗΔŃł ⋮ τῶν δὲ ἄλλων ἐτῶν ŅΗΗΗ[.

148 Cfr. IG I3 258, l. 10: [μ]ισθώσεων ΗΔΔΔłłłłΙΙŁ.

149 La contrazione in -ου-, diffusa nella koine dorica per influenza della koine attica (Buck 1955, 158; Mimbrera 2012, 236), ad Halaesa non sembra aver soppiantato la forma puramente dorica -εο-; cfr. IGDS I 197, l. 9: ἀφαιρέοντον.

150 Se in essa è possibile riconoscere una crasi, non altrimenti attestata, e per la verità assai rara nel dorico di Sicilia (Sicca 1924, 81; cfr. le Tavole di Heraklea IG XIV 644, l. 106 dove a essere attestata è però una elisione: καἴ κ' ἔμπροσθα), per καὶ πά[-, potrebbe essere qui menzione di un secondo accusativo di riferimento oltre ai “contratti”: possibile candidato il termine διεγγύησις, “cauzione”, registrato insieme con “i contratti” in una iscrizione delia relativa a un contratto di lavoro (IDelos 365, l. 24: κατὰ τὰς συγγραφὰς καὶ τὰς διεγγυήσεις) e quindi tentare di integrare qui: κατὰ τὰς συγγρ]|αφὰς κἀπά[ντας τὰς διεγγυήσεις, «secondo i contratti e tutte le cauzioni».

151 IG XIV 645, ll. 146, 161, 163.

152 È significativo che essa si ritrovi nella stessa posizione anche in un altro documento epigrafico inedito alesino di nostra prossima pubblicazione.

153 Di contro, es., alla documentazione papiracea dell’Egitto tolemaico, dove la pratica dell’affitto è particolarmente diffusa a opera dei klerouchoi militari, ma anche nell’ambito della γῆ ἐν δορεᾷ o della γῆ βασιλική; vd. Montevecchi 1988, 215. Per Mylasa: Pernin 2014, nr. 153, l. 5; per Olymos: Pernin 2014, nrr. 188, ll. 7, 9; 195, l. 3; 197, ll. 3, 5.

154 IG XIV 352, col. I, ll. 7-9, relativamente al mutilo IV lotto compare la prescrizione di non lavorare il terreno e di lasciare una peristasi di 70 piedi intorno, unitamente alla concessione di raccolta dei frutti; al IX lotto (col. I, l. 43) si prescrive che l’edificio rurale sia comune con l’affittuario del X lotto; nel XII lotto (col. I, ll. 62-63) viene prescritto all’affittuario di lasciare un passaggio di sei piedi dalla parte dell’Adranieion e di segnare il confine del I lotto a non meno di venti piedi dal naos; infine i misthosamenoi dell’elaiokomion diklaron (col. I, ll. 70-71) hanno l’esplicito divieto di allestire concerie e cucine.

155 Kaibel 1890, 66: «Agros describi locando necdum locatos inde perspicitur quod nomina eorum qui conduxerint non adiciuntur, nec minus clarum est ipsius civitatis auctoritate tabulam publice propositam esse».

156 Kaibel 1890, 66: «Locationis lex non tradita est; necessarium tamen erat declarare quibus condicionibus quove pretio singuli agri costarent. Iam vero singulas quasdam locandi condiciones singulis quibusdam capitibus subiecta videmus, velut de iure aquarum (I 18) e olearum (I 24) (sic), de agro arando (I 63) et quae sunt similia; unde apparet has condicionies in peculiare parte praescripta non fuisse neque in omnino in universum quae valerent condiciones constitutas fuisse».

157 Cfr. da ultima Prestianni Giallombardo 2018, 124.

158 Per il testo vd. supra n. 20.

159 Per l’uso del verbo παραβαίνω nell’ambito di una misthosis fondiaria, vd. IDelos 502, l. 16, dove esso è però integrato.

160 Per le tre casistiche enunciate cfr., rispettivamente IG II3 1 1258, l. 57: οἱ ἐπιμελησόμενοι τῆς κατα[σκ]ευῆς καὶ τῆς ἀναθέσεως τῶν εἰκόνων κατὰ τὸ ψήφισμα οἵδε κεχειροτόνηνται; Erythrae 32, l. 7: ἀποδεῖξαι ἄνδρας πέντε, οἵτινες ἐπιμελήσονται, ὅπως ὁ ναὸς οἰκοδομηθήσεται; Theangela 1, l. 24: ἄνδρας ἑλέσθαι οἵτινες τούτων ἐπιμελήσονται κτλ.

161 IG XIV 645, l. 119: ἐπιμελησόνται δὲ καὶ τῶν ℎυπαρχόντων δενδρέων.

162 IG II2 2499, ll. 15-16: ἐπι| [μ]ελήσεται δὲ καὶ τῶν δένδρων τῶν v |ἐν τῶι ἱερῶι πεφυκότων κτλ.

163 SEG XXIV 614 (= Pernin 2014, nr. 36), ll. 21-23: [σ]υκέ[ων δ]ὲ [κ]αὶ τῶν λο[ι]| πῶν ὀπωρῶν καὶ στεμφύλων ἔ[χειν τὴν] |ἐπικαρπίαν τὸν ἐπιμελούμενον, κτλ.

164 Cfr. es. IG II2 1286, ll. 9-11: ὅπως οὖν φ]ανεροὶ γίνω[ν]|[ται οἱ στρατιῶται εἰδότες ἀποδιδόναι] τὰς χάρι|[τας ἀξίας τῶν εὐεργετημάτων o, ancora, IG II3, 1, 1313, ll. 33-35: ἵνα δὲ κα[ὶ] |ἡ βουλὴ καὶ ὁ δῆμος φαίνωνται τιμῶντες τοὺς ἀξίους, ἀγαθεῖ τύχει, δεδόχθαι τεῖ βου|λεῖ.

165 Cfr. IDelos 509, l. 27: ἐ[ὰ]ν δὲ μὴ δύνωνται| ἐξομόσαντες, προσθέντων αὐτὸν καὶ τὰ αὐ| τοῦ τῶι εἰσαγγείλαντι, καὶ ἀναγράψαντες εἰ|ς τὴν σανίδα οὗ καὶ τὰ λοιπὰ γράμματα παραδό|[τ]ωσαν εἰς τὸ δημόσιον τῆι βουλῆι.

166 Vd. Cavagnola 1972, 112-113.

167 Brunet - Rougemont et al. 1998, 218. Vd. ora, per una sintesi delle varie realtà locali, Pernin 2014, 515-518.

168 Osborne 1988, 289-292; Brunet - Rougemont et al. 1998, 219.

169 Manganaro 2009, 17-18; Prag 2018, 117, che richiama l’esperienza ateniese, dove i seggi della boule erano assegnati ai demi in proporzione alla loro grandezza.

170 Sono da riferirsi, con ogni probabilità, agli affittuari le voci verbali col. A, l. 11:].οντες; l. 12: ἐξ]ουσίαν ἐχόντον; l. 13: ἀποδόντον; l. 14: παρέ̣[λ]αβον̣; col. B, 7: [δύ]νωντ[αι, cui aggiungere forse col. A, l. 14: βό]λ̣ωνται (col dubbio che il verbo si riferisca ai tamiai), col. B, l. 3: ποιη̣[σοῦντι, col B, l. 6: ἐ[̣π]ιμελήσ̣[ονται.

171 Vd. Pernin 2014, passim.

172 A privati proprietari sono stati solitamente ricondotti i nomi propri in genitivo menzionati a IG XIV 352, col. II, l. 38 (Agrios); II, ll. 46, 51 (Elapheus); II, ll. 73-74 (Herakleides figlio di Apollonio e Philoxenos figlio di Meniskos); II, ll. 79-80 (Istieios figlio di Theston e Pelagios); così Manganaro 1980, 432; Calderone 1998, 36; Prestianni Giallombardo 2018, 123. Nenci 1998, 55 proponeva, invece, l’ipotesi di «lotti pubblici ormai noti con il nome degli antichi proprietari».

173 Che ad Halaesa potesse esistere della ἱερά γῆ può ricavarsi dalla menzione dell’aggettivo ΙΕΡΑΣ su un’altra epigrafe inedita, sempre dallo stesso sito, di nostra prossima pubblicazione, certamente relativa a un documento diverso dal presente.

174 Per un’analisi delle evidenze relative alla chora alesina in età ellenistica, vd. Burgio 2008, 227-245.

175 Kaibel 1890, 60: «Pretia vero quonima singulis agris adscripta non sunt, patet certum suum cuique agro pretium fuisse idque fortasse in praescriptis quae perierunt notatum; porro si omnes eodem aestimabantur, sequitur omnes si eiusdem amplitudinis, at eiusdem bonitatis fuisse omnes omnesque pro aestimio ut aiunt ubertatis divisos».

176 Kaibel 1882, 11.

177 Vd. Pernin 2014, nrr. 29-34 (Delfi); nr. 28 (Thespie); nrr. 96, 109 (Delos).

178 In tal caso, occorrerebbe riconsiderare sotto una diversa luce gli antroponimi, espressi in nominativo nel “frammento B” delle Tabulae (ll. 14-15), Herakleios Diogeneous e forse Artemidoros, da distinguersi da quelli in genitivo dei proprietari di fondi privati menzionati nel “frammento A”, aprendo alla possibilità che si riferiscano a degli specifici misthosamenoi (cfr. Arangio Ruiz - Olivieri 1925, 61) o a dei garanti, come ad Heraklea.

179 Es., Calderone 1998, 27.

180 Vd. ora, per un tentativo di soluzione, Prag 2018, 125-134. Evidenziate le criticità delle ipotesi precedenti, per spiegare i numeri inusitati della votazione del decreto, lo studioso riprende l’ipotesi di Chaniotis 2013, 279, nr. 116, secondo la quale gli Alesini, a seguito di una dedica al dio del territorio e della città, che troverebbe un parallelo con il caso di Teos e Dioniso del tardo III sec., potrebbero essersi definiti “sacerdoti di Apollo”. Come ricordato supra n. 33, evidenza di tale dedica della città ad Apollo, secondo lo studioso, sarebbe il monogramma Image 100002010000000E0000000FCFF2A0931D1A4AF3.pngattestato su laterizi e nelle Tabulae. Lascia aperto il problema Prestianni Giallombardo 2018b, 539-541.

181 Corsaro 2002, 157. Significativo, in tal senso, che le Tabulae, come sottolinea Manganaro 1980, 432-433, conservino evidenze sia di precedenti fasi di proprietà private confluite nel demanio della polis che di nuove parcellazioni; si vedano la skana comune agli affittuari dei lotti IX e X, e l’elaiokomion diklaron suddiviso in due lotti.

182 Vd. Arena 2020a.

183 Per un collegamento della redazione delle Tabulae con le leges di Claudius Pulcher, vd. già Kaibel 1882, 15 e, di recente, Prag 2018, 133. Per la valenza istituzionale dell’episodio, vd. Arena 2018, 25-26.

Torna su

Indice delle illustrazioni

Titolo Fig. 5: Impianto urbano di Halaesa con punto di rinvenimento del frammento.
Credits Rielaborazione da Tigano 2016, 131, fig. 2.
URL http://journals.openedition.org/historika/docannexe/image/368/img-1.png
File image/png, 186k
URL http://journals.openedition.org/historika/docannexe/image/368/img-2.png
File image/png, 14k
URL http://journals.openedition.org/historika/docannexe/image/368/img-3.png
File image/png, 11k
URL http://journals.openedition.org/historika/docannexe/image/368/img-4.png
File image/png, 13k
URL http://journals.openedition.org/historika/docannexe/image/368/img-5.png
File image/png, 11k
Titolo Fig. 6: Particolare della col. B, l. 2.
URL http://journals.openedition.org/historika/docannexe/image/368/img-6.png
File image/png, 173k
URL http://journals.openedition.org/historika/docannexe/image/368/img-7.png
File image/png, 10k
URL http://journals.openedition.org/historika/docannexe/image/368/img-8.png
File image/png, 13k
URL http://journals.openedition.org/historika/docannexe/image/368/img-9.png
File image/png, 12k
URL http://journals.openedition.org/historika/docannexe/image/368/img-10.png
File image/png, 13k
URL http://journals.openedition.org/historika/docannexe/image/368/img-11.png
File image/png, 12k
URL http://journals.openedition.org/historika/docannexe/image/368/img-12.png
File image/png, 13k
URL http://journals.openedition.org/historika/docannexe/image/368/img-13.png
File image/png, 9,3k
URL http://journals.openedition.org/historika/docannexe/image/368/img-14.png
File image/png, 9,2k
URL http://journals.openedition.org/historika/docannexe/image/368/img-15.png
File image/png, 13k
Titolo Fig. 1: Fronte del frammento con specchio scrittorio
Credits Archivio fotografico U.O. 5, Soprintendenza BB.CC. AA. Messina. Foto F. Marcellino.
URL http://journals.openedition.org/historika/docannexe/image/368/img-16.png
File image/png, 158k
Titolo Fig. 2: Retro del frammento
Credits Archivio fotografico U.O. 5, Soprintendenza BB.CC. AA. Messina. Foto F. Marcellino.
URL http://journals.openedition.org/historika/docannexe/image/368/img-17.png
File image/png, 162k
Titolo Fig. 3: Spessore del frammento.
Credits Archivio fotografico U.O. 5, Soprintendenza BB.CC. AA. Messina. Foto F. Marcellino
URL http://journals.openedition.org/historika/docannexe/image/368/img-18.png
File image/png, 131k
Titolo Fig. 4: Disegno dell’epigrafe con sezione.
Credits Eseguito dall’Arch. R. Burgio. (U.O. 5, Soprintendenza BB.CC. AA. Messina).
URL http://journals.openedition.org/historika/docannexe/image/368/img-19.png
File image/png, 124k
Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Emiliano Arena, « Epigrafe tardo-ellenistica inedita da Halaesa Archonidea: un nuovo esempio di ‘locazione’ fondiaria dall’Occidente greco »Historika, 9 | 2019, 233-296.

Notizia bibliografica digitale

Emiliano Arena, « Epigrafe tardo-ellenistica inedita da Halaesa Archonidea: un nuovo esempio di ‘locazione’ fondiaria dall’Occidente greco »Historika [Online], 9 | 2019, online dal 01 avril 2020, consultato il 04 août 2020. URL: http://journals.openedition.org/historika/368

Torna su

Autore

Emiliano Arena

emaren@tiscali.it

Torna su

Diritti d'autore

Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale (CC BY-NC-ND 4.0)-Creative Commons - Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International - CC BY-NC-ND 4.0

Torna su
  • Logo Celid
  • Logo Università degli Studi di Torino – Dipartimento di Studi Storici - Storia antica
  • Logo DOAJ
  • OpenEdition Journals