Navigazione – Mappa del sito
L’Occidente

I Sebasta dell’82 d.C.: restauro delle lastre e aggiornamenti

Elena Miranda De Martino
p. 253-269

Abstract

Nel dicembre del 2015, grazie all’opera dei restauratori di R.O.M.A. Consorzio, è stato possibile ricostruire l’esatta sequenza cronologica della lastre iscritte in greco rinvenute a Napoli in Piazza Nicola Amore. I testi registrano i nomi di quanti vinsero i Sebasta nelle sei edizioni dei giochi, celebrate negli anni 74, 78, 82, 86, 90 e 94 d.C. L’articolo prende in esame alcune competizioni atletiche presenti nel catalogo dell’82 d.C. e in particolare le gare riservate a ragazze e ragazzi appartenenti alle classi dirigenti.

Torna su

Testo integrale

  • 1 Oltre che nelle pubblicazioni elencate a nota 3, i progressivi aggiornamenti sulle iscrizioni di Pi (...)
  • 2 Sui dati di scavo e sul tempio del culto imperiale che costituiva il fulcro del sito: De Caro-Giamp (...)
  • 3 Sui Sebasta: Miranda 1985; I.Napoli I, 91-92; Caldelli 1993, 28-37; Miranda 2007; Miranda De Martin (...)

1In questo contributo proseguo la presentazione dei dati relativi al dossier epigrafico rinvenuto a Napoli, in Piazza Nicola Amore, nell’ormai lontano 20031, durante la costruzione della Stazione Duomo per la nuova linea metropolitana. I testi sono iscritti su venti lastre di marmo proconnesio, larghe da cm 65 a 90, che ricoprivano la parete interna del portico sito presso il tempio del culto imperiale2. La parte superstite del testo raggiunge un’altezza di m 3 e una lunghezza di m 18 circa. Le epigrafi registrano i nomi di quanti vinsero le edizioni degli Italika Rhomaia Sebasta Isolympia degli anni 74, 78, 82, 86, 90, 94 d.C.3

2Le difficoltà dello scavo e soprattutto l’enorme quantità di reperti provenienti da questo e da altri cantieri della linea 1 della metropolitana di Napoli hanno reso estremamente difficile il lavoro di studio e pubblicazione.

3Per quanto riguarda le iscrizioni, un tempo abbastanza lungo è stato dedicato alla ricomposizione del complesso puzzle costituito dagli oltre 850 frammenti di marmo pertinenti alle lastre iscritte, rinvenute in caduta davanti alla parete, di cui costituivano il rivestimento. Per oltre dieci anni i frammenti sono stati conservati in grandi casse nei depositi messi a disposizione dalla Società Metronapoli nel quartiere periferico di Piscinola, presso la stazione di Chiaiano. In questi anni tutti i tentativi di ricostituire la sequenza cronologica delle lastre iscritte si sono scontrati con la necessità di riporre i frammenti nelle casse alla fine di ogni sessione di studio degli stessi. A questo problema si è aggiunta, purtroppo, la difficoltà di elaborare insieme agli archeologi l’enorme numero di informazioni raccolte durante lo scavo.

  • 4 Ringrazio la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per l’Area Metropolitana di Napoli (...)

4Solo negli ultimi mesi del 2015 una serie di contingenze positive ha reso possibile il posizionamento di tutti i frammenti e il restauro totale delle lastre. Tale risultato è stato il frutto di un progetto promosso all’epoca dalla Soprintendenza Archeologia della Campania e finanziato tramite un fondo europeo assegnato al Segretariato regionale MiBACT; il restauro è stato portato a termine in modo esemplare dall’équipe di R.O.M.A. Consorzio. I lavori si sono svolti nella più completa collaborazione tra studiosi e tecnici del restauro, e hanno permesso per la prima volta una visione totale della parete ricostruita4. Purtroppo una serie di difficoltà ha fermato temporaneamente il progetto, che prevede l’esposizione delle epigrafi nell’ambito di una mostra decennale dedicata alla storia della città.

  • 5 Ancora in Miranda De Martino 2014b la datazione di una parte dei testi era proposta in via ipotetic (...)

5Nonostante tutti gli ostacoli incontrati, lo studio dei cataloghi di Piazza Nicola Amore è andato avanti, portando alla pubblicazione di diciotto articoli, di cui tre ancora in corso di stampa. I recenti restauri hanno consentito di ricostruire l’esatta sequenza cronologica delle lastre, recanti i nomi di quanti vinsero i Sebasta nelle sei edizioni di età flavia, già indicate più sopra 5.

  • 6 I.Napoli I 20.

6Uno dei risultati più meritevoli di menzione è la datazione dei primi testi al principato di Vespasiano e la possibile integrazione di una sua agonotesia nell’edizione del 78. L’area del tempio fu interessata in età flavia da lavori di restauro, che potrebbero essere collegati all’iscrizione in cui si celebra, nell’81 d.C., la generosità di Tito nel restaurare edifici non meglio identificati, danneggiati da terremoti6.

  • 7 Miranda 2010, 419-420; Miranda De Martino 2013, 526-530; 2014b, 1173-1181, nr. 2.
  • 8 Di Nanni 2014.

7Per venire alle acquisizioni testuali, le novità più interessanti riguardano l’edizione dell’82 d.C. Prima delle operazioni di restauro non era stato possibile riconoscere la pertinenza reciproca della sezione artistica e di quella ginnica di questo catalogo. L’intestazione e il catalogo delle gare ginniche sono stati pubblicati da me in varie fasi e collocazioni editoriali7. In base all’identificazione di alcuni personaggi dell’ordine senatorio, che svolsero la funzione di agonoteti, e di atleti famosi, come Hermogenes di Xantos, avevo proposto una datazione all’86 d.C. La sezione artistica è stata pubblicata da Diva Di Nanni con una datazione generica al principato di Domiziano8. Dopo il restauro possiamo assegnare con certezza il catalogo all’anno 82 e ricostruire una sequenza in cui le gare artistiche precedono quelle ippiche e ginniche. Questa caratteristica è una costante dei cataloghi di Piazza Nicola Amore, che pongono sempre la sezione artistica al primo posto.

  • 9 Miranda 2010, 419-420; 2014b, 1169-1170, 1173-1175.

8L’edizione dell’82 è la più completa delle sei che ci sono pervenute. Essa ebbe come agonoteti Domiziano per la quarta volta, Acilius Aviola per la terza, Antonius Gallus per la terza, Didius Gallus Fabricius Veiento, Arrecinus Clemens, Marcus Atilius Bradua, Claudius [- -], Pomponius [- -] e altri personaggi non identificati9. Il catalogo era distribuito su sei lastre. Fra la quarta e la quinta lastra, dopo l’intestazione, sono registrate due gare ippiche, quella del carro a due cavalli, vinta dalla scuderia di Domiziano, e quella del carro a quattro cavalli, finita con un pareggio, che costituiscono la parte finale della sezione ippica.

  • 10 Sugli xystarchai cfr. Rousset, Strasser 2017, 7-12. Per gli eisagogeis si veda: Manieri 2009.
  • 11 Per questa gara si veda Miranda De Martino 2007, 209-210; 2014b 1175-1176; 2016, 394-398; 2017a, 35 (...)
  • 12 Le ultime righe della sezione ippica sono quelle che registrano la vittoria di Domiziano, leggibili (...)

9Grazie al restauro ora è completamente leggibile, all’inizio della sezione ginnica, la formula Ἀθληταὶ δἐνείκων̣. Seguono i nomi di quattro xystarchai e sei eisagogeis10, di cui l’ultimo è riscritto all’interno di una rasura. Parzialmente in rasura è scritta anche la registrazione della Θεοῦ Σεβαστοῦ λαμπάς, gara che apre il programma atletico11. Rispetto al testo da me edito in passato nuovi frammenti sono stati aggiunti alla fine della quinta lastra. Per completezza trascrivo per intero le ultime tre lastre, che contengono la fine del programma ippico e l’intera sezione ginnica. Per quanto riguarda l’intestazione riporto anche le integrazioni a sinistra, che corrispondono alle lastre precedenti, relative alle sezioni artistica e ippica12 (fig. 1).

Fig. 1 : dell’82 d.C., intestazione del catalogo.

Fig. 1 : dell’82 d.C., intestazione del catalogo.

Foto di Lucio Terracciano (prima del restauro).

[Ἀγωνοθετούντων τῆς .. Ἰταλίδος τῶν ]ωμαίων Σ̣[εβαστῶν Ἰταλι]κῶν ἰσολυμπίων
[
Ἀυτοκρᾶτορος Δομιτιανοῦ θεοῦ Οὐεσπασιαν]ο̣̣ υἰοῦ Καίσ[αρος Σεβαστοῦ τὸ] δ´, ᾿Ακειλίου ᾿Αουίολα τὸ γ´,
[-
c. 18 -, Διδίου Γάλλου Φαβρι]κ̣ίου Οὐειέντων[ος τὸ . ´, - c. 8 -]ανοῦ,᾿Αρρηκείνου Κλή-
μ[εντος τὸ . ´,], [[Ἀντωνίου Σατουρνίνου ?]]
5 υτ[ oppure υπ - c. 10-15 - τ]ὸ γʹ, Κλαυδίου [- c. 9-]+ου τὸ γʹ, Ἀντων̣ίου Γάλλου τὸ γ´, Πομ-
πων[ίου -c. 10-15 -]ωνος καὶ [Μ(ᾶρκος)] Ἀτειλίου Βράδουα.
vac.

I colonna (lastre 4-6)
II colonna (lastra 6)
συνωρίδι τελεία
Αὐτοκράτωρ Δομιτιαν(ὸς) Καῖσαρ
ἄρματος τελείου
10 ἱερὸς vac. ὁ στέφανος
vac.
Ἀθληταὶ δ’ ἐνείκων̣
ξυσταρχούντων
[- - Κλαυ]δ̣ίου Θεοπόμπου τὸ γʹ
[Ἰουλ]ίου Ἰουλιανοῦ Ἀφθόρου
15 [- -]ου Λονγείνου
[- -]λ̣ίου Αὐγουστάλεως
[εἰ]σαγωγέων
[- -]ο̣υ Παωνείνου κα
[- -]ου Ῥωμύλου καὶ
20 [Οὐαλ]ε̣ρίου Μαξίμου κα
[- -]ίου Καισιανοῦ καὶ
[- -]ου Προβάτου καὶ
«[- -]λίου Ἀσκληπιάδ(ης)»
[Θεοῦ] Σεβα«στοῦ λαμπάδ(α)»
25 [[- -]]
[- -]νους δε δημ[- -]
[βουλ(ευτῶν) θυγατ]έρας vac. στ[άδιον]
[- -] Ἰοῦστα [- -]
[παρθνου]ς συγκλητι̣[κὰς gara]
30 [- -] Κάστα ἡ π[- -]
αῖδα]ς συ̣γκλητ̣[ικoὺς gara]
[- -] Τάκιτος [- -]
αῖδα]ς (?) πολειτ[ικοὺς gara]
[- -]+ριος Κ+[- -]
35 [παρθ]ν(ους) πολ[ειτικὰς gara].
[- -]Ε+[- -]
[- -]
[- -]
[- -]
[- -]
40 [- -]
[- -]
[- -]

II colonna (lastra 6)
Μενεκ̣λ̣ῆ̣ς̣ Δ̣ι̣ο̣γ̣ένους Ἀλ(εξανδρεύς)
παῖδας πανκρατιαστάς
Τ(ίτος) Φλάουιος Λεωνᾶς Ἐφέσιο[ς
σεβαστῆς κρίσ(εως) πύκτας
5 Τ(ίτος) Φλάουιος Μητρόδ(ωρος) Προυσ[εύς]
σε̣βα̣στῆς κρίσ(εως) παλαισ[τάς]
Τ(ίτος) Φλάουιος Ἀπολλινᾶρις [ὁ καὶ]
Θεόπομπος Ἀλεξαν[δρεύς]
κλαυδιανῆς κ̣ρίσ(εως) πανκ̣[ρατιαστάς]
10 Ἀνδρόνεικος Ἀνδρονίκ(ου) Δ+[- -]
Τραλλιανός
ἀποβάτας
Γλύκων Ἀρχεστράτ(ου) Κυζικη̣[νός]
ἄνδρας δολιχαδρόμ(ους)
15 Ἡρακλείδης Σεραπίων(ος) Ἀλεξ(ανδρεύς)
παῖδας σταδιαδρόμους
Ἡλιόδωρος Νικοστράτου Ταρσεύς
ἄνδρας σταδια̣δρόμ(ους)
Ἑρμογένης Δημητρίου Ξάνθιος
20 ἄνδρας πεντάθλους
Τίτος Φλάουιος Ῥοῦφος Νικοπολ(είτης)
ἄ̣ν̣δρας διαυλοδρόμους
[Ἑρμ]ογένης Δημητρίου Ξάνθιος
[π]α̣ρθένων στάδιον
25 [Φλαο]υία Θαλασσία Ἐφέσι̣α
[π]αῖδας παλαιστάς
[Τ(ίτος)] Φλάουιος Βιονᾶς Σάμιος
[π]αῖδας πύκτας
[Ἀπολλ]ώνιος Ἡλιοδώρου Ἀ̣λ̣εξ(ανδρεύς)
30 [ἄ]νδρας πύκτας
[Τίτο]ς Φλάουιος Ῥοῦφος Ζμυρν(εύς)
[σ]εβαστῆς κρίσεως πανκρατ(ιαστάς)
[Τ(ίτος) Φλά]ουιος Ἀπολλινᾶρ(ις) ὁ καὶ Θεόπομ(πος) Ἀλεξ(ανδρεύς)
[ἄ]νδρας παλαιστάς
35 [- -]ων Φιλίππου Ἀλεξανδρεύς
[ἄ]νδρας πανκρατιαστάς
[- - Ο]ὐιβιανὸς Ἀθηνόδωρος Ταρσ(εύς)
ὁπλίτας
[Ἑρμ]ογένης Δημητρίου Ἀλεξ(ανδρεύς) καὶ Ξάνθιο(ς).

10I col.: le lettere in grassetto appartengono rispettivamente alla quarta e alla sesta lastra, mentre quelle in tondo sono – o erano – iscritte sulla quinta.

11I col.: le lettere in grassetto appartengono rispettivamente alla quarta e alla sesta lastra, mentre quelle in tondo sono – o erano – iscritte sulla quinta.

12I nuovi frammenti corrispondono alle linee 26-35 della I colonna (fig. 2), che doveva proseguire fino alla linea 42, per simmetria con la colonna successiva. Nella linea 25 dovremmo ipotizzare che fosse registrato il vincitore della λαμπάς, ma non abbiamo modo di stabilire se la gara fosse singola o a squadre, e per quale motivo in questo punto il testo sia stato eraso.

Fig. 2 : dell’82 d.C., particolare della sezione atletica.

Fig. 2 : dell’82 d.C., particolare della sezione atletica.

Foto di Sebastiano Ackermann (durante il restauro).

  • 13 A Demetra è comunemente attribuita dagli studiosi la stipe votiva rinvenuta a Sant’Aniello a Capona (...)
  • 14 Stat., Silvae, IV, 8, 50-51: tuque, Actaea Ceres, cursu cui semper anhelo / votivam taciti quassamu (...)
  • 15 Miranda De Martino 2013 526-530; 2014b, 1180-1181. Per questo atleta, cfr. Paus. VI 13, 3; Eus. Chr (...)
  • 16 Largamente attestata è, invece, la formula φύσει δέ. In generale sul tema delle adozioni in età imp (...)
  • 17 Per un riepilogo di tutte le vittorie di Hermogenes si veda Miranda 2013, 529, tenendo conto, però, (...)

13Alla linea 26 le lettere superstiti sono necessariamente da dividere nella sequenza [- -]νους δε δημ[- -]. La parola che termina in -νους doveva iniziare sulla lastra precedente, così come accade per le altre linee. Si può ipotizzare una lacuna da quattro a otto lettere, ma non è facile trovare una soluzione accettabile. Un’integrazione possibile sarebbe [εἰς τεμέ]νους δε Δήμ[ητρος], che porterebbe all’ipotesi che le gare di corsa successive alla lampàs avessero come traguardo il santuario di Demetra13. L’unica allusione a una corsa collegata al culto di Demetra è il noto passo di Stazio, in cui il poeta parla di una lampadedromia notturna14. Le gare registrate nel nostro catalogo sono, invece, normali gare di corsa, come lo stadion. Altre integrazioni che abbiano come finale le lettere -νους, per esempio παρθένους, non mi sembrano portare a soluzioni migliori. Non si può escludere che la linea 26 contenga ancora elementi onomastici del vincitore o dei vincitori della lampas. Numerosi sono i nomi maschili il cui genitivo termina in -γένους (Ἐπιγένους, Ἑρμογένους e simili), ma resterebbero da spiegare le lettere ΔΕΔΗΜ. Un’ipotesi non dimostrabile porterebbe a leggere alla linea 26 la sequenza [γέ]νους δὲ Δημ[ητρίου], in cui la parola indicherebbe un patronimico di famiglia, contrapposto a un patronimico adottivo. Questa integrazione avrebbe anche un candidato molto convincente in Ἑρμογένης Δημητρίου Ἀλεξανδρεύς καὶ Ξάνθιος, vincitore nella stessa edizione di ben tre gare: lo stadio degli adulti (II col., l. 19), il diaulo nella stessa categoria (II col., l. 21), e la corsa armata (II col., l. 39). Il personaggio è stato da me analizzato in due pubblicazioni precedenti, nelle quali sottolineavo come questo famoso atleta di età flavia sia conosciuto da documenti epigrafici di Xantos, in cui, però, presenta il nome di Τ. Φλάουιος Ἀπολλωνίου υἱος Κυρείνα Ἐρμογένης15. Mentre l’acquisizione della cittadinanza romana è forse da collegare alla sua vittoria nei Kapitolia del 94 o 98 d.C., il cambio di patronimico richiede una spiegazione, che io ho creduto di trovare nell’ipotesi di un’adozione. Se, però, è possibile che Hermogenes sia denominato in maniere differenti a distanza di tempo, più difficile risulta immaginare per lui un’onomastica del tipo Ἑρμογένης Ἀπολλωνίου [γέ]νους δὲ Δημ[ητρίου Ξάνθιος], per la quale non ho trovato attestazioni16. Del resto una vittoria alla lampas dei Sebasta non è registrata nella sua carriera, visto che le quattro vittorie ai Sebasta segnalate dai testi di Xanthos corrispondono ai tre successi dell’82 e a una vittoria nella corsa armata conseguita nell’edizione dell’8617.

  • 18 Buchner-Morelli et al. 1952, 408; 1954, nr. 186; SEG XIV, 602; Pleket 1969, nr. 17; Buonocore 20 (...)
  • 19 I.Napoli I 66.

14Passando alla linea 27, le lettere superstiti sono da integrare con la formula [βουλ(ευτῶν) θυγατ]έρας στ[άδιον], anche se lo spazio disponibile richiede un’abbreviazione. La gara di corsa per le figlie dei buleuti è già attestata per i Sebasta, grazie alla vittoria di Seia Spes nel 154 d.C.18. Anche un frammento di catalogo, rinvenuto nel 1890 nei pressi dell’attuale Piazza Nicola Amore, conserva traccia di questa gara19. Nel nuovo testo la vittoria è conquistata da una ragazza di nome Iusta, di cui è andato perso il gentilizio.

15Seguono due gare riservate ai ragazzi e alle ragazze di rango senatorio. Così interpreto, infatti, l’aggettivo συγκλητικός, sia perché questa è la normale accezione del termine sia perché un riferimento ai decurioni rappresenterebbe un doppione rispetto alla gara delle figlie dei buleuti.

  • 20 I.Napoli I 52 (=IG XIV 748).
  • 21 Gli esempi citati sono i seguenti: tou protou tagmatos, (Epidauro, IG IV2 1, 81); tou bouletikou ta (...)
  • 22 I.Napoli I 89, ll. 9-10.
  • 23 Per questa tipologia di premio, cfr. Robert 1982, 264; Slater - Summa 2006, 295-299.
  • 24 I.Olympia 56, l. 15. Un’immagine della corona è riprodotta a rilievo proprio in I.Napoli I 52. Per (...)
  • 25 I.Olympia 56, ll.54-60.

16Un interessante confronto si può stabilire fra questo catalogo e la competizione vinta da T. Flavius Zosimos, citata nella dedica degli Eumeleidai a suo fratello Euanthes, vincitore dei Sebasta del 170 nel diaulos dei ragazzi cittadini20. Il successo di Zosimos è così descritto: τῷ αὐτῷ ἀγῶνι / τάγμα νικήσαντι καὶ / βραβῖον λαβόντι. Finora l’interpretazione della parola τάγμα in contesto agonistico era rimasta dubbia. Il Liddel-Scott conosce sette diversi significati del termine, tra cui quello di ordo, nelle varie accezioni di ordo equestre, senatorio, bouleutico ecc.21. Il dizionario, però, attribuisce questo significato a una sola delle due attestazioni di Neapolis22, segnalando la difficoltà di interpretazione per la gara vinta da Zosimos. Le competizioni attestate nel nostro frammento permettono di ipotizzare anche per Zosimos una gara riservata ai giovani dell’ordo (bouleutico, equestre, senatorio?). Per tale vittoria l’atleta ottenne un βραβῖον, cioè un premio diverso dalla corona23, cosa che distinguerebbe queste gare riservate dalle altre specialità atletiche di routine. Per i vincitori di queste ultime, come delle gare ippiche, si prevedeva nei Sebasta solo una corona di spighe24. Premi in denaro erano assegnati, invece, per la sezione artistica dei giochi25.

  • 26 I.Napoli I 85.

17Tornando al nostro catalogo, le vittorie nelle gare dell’ordo andarono a un certo Tacitus e a una ragazza di nome Casta. Al nome di questa fanno seguito le lettere π[- -], che, con un’ipotesi azzardata, si potrebbero integrare in π[ρογόνη Τεττίας]. Se così fosse, la nostra Casta sarebbe la nipote della sacerdotessa Tettia Casta, onorata nel 71 d.C., con tre decreti post mortem26.

  • 27 Per la formula con il genitivo si veda, nello stesso catalogo, la vittoria nel [π]αρθένων στάδιον d (...)

18La parte leggibile del frammento si chiude con due gare riservate ai cittadini, la prima forse per la categoria paides. A linea 35 l’aggettivo πολειτικός è preceduto da una parola abbreviata di difficile integrazione. Non si può escludere che si tratti di un’altra vittoria femminile, nel qual caso l’integrazione da proporre sarebbe [παρθέ]ν(ους) πολ[ειτικὰς gara] o anche [παρθέ]ν(ων) πολ[ειτικῶν gara]27.

  • 28 I.Olympia 56, l. 32 [- - ος Νεαπολ̣[ίτης - -]; l. 40 [- -] τῶν ξ]ένων ἀγωνίζο[νται - -].
  • 29 I.Napoli I 52.
  • 30 Miranda De Martino 2017, 94-95.

19La distinzione fra gare riservate ai cittadini e gare aperte a tutti era già nota dal regolamento di Olimpia28 e ricorre anche nella dedica di Flavius Euanthes, in cui si cita la sua vittoria nel παίδων πολιτικῶν δίαυλος29. Nei nuovi cataloghi sono registrate vittorie di Neapolitai anche nelle competizioni internazionali30.

  • 31 Miranda De Martino 2013, 526-530; 2014b, 1173-1181, nr. 2.

20Nella colonna successiva il catalogo registra le vittorie di numerosi atleti stranieri, per i quali rinvio alle pubblicazioni già citate31.

Torna su

Bibliografia

Arrigoni 1985: G. Arrigoni, Donne e sport nel mondo greco, religione e società, in Le donne in Grecia, a cura di G. Arrigoni, Roma-Bari.

Balland - Le Roy 1984: A. Balland - Ch. Le Roy, Le monument de Titus Flavius Hermogénès au Létôon de Xanthos, «RA» 1984, 325-349.

Bean - Mitford. 1965: G. E. Bean - T. B. Mitford, Journeys in Rough Cilicia in 1962 and 1963 (DenkschrWien 85), Wien.

Bean - Mitford. 1970: G.E. Bean - T.B. Mitford, Journeys in Rough Cilicia 1964-1968, (DenkschrWien 102), Wien.

Bragantini - Cavalieri et alii 2010: I. Bragantini - G. Cavalieri Manasse - S. Febbraio - D. Giampaola - B. Roncella, Lo scavo di piazza Nicola Amore a Napoli: le fasi edilizie e decorative del complesso monumentale, in Actes Xe Colloque International de l’Association Internationale pour la peinture murale antique (Naples, 17-21 Septembre 2007), a cura di I. Bragantini, Naples, II, 607-622.

Buchner - Morelli et al. 1952: G. Buchner, D. Morelli, G. Nenci, Fonti per la storia di Napoli antica, «PdP» 7, 408.

Buonocore 2008: M. Buonocore, Spigolature epigrafiche II, «Epigraphica» 70, 269-298.

Caldelli 1993: M.L. Caldelli, L’Agon Capitolinus. Storia e protagonisti dall’istituzione domizianea al IV secolo, Roma.

Capaldi, Gasparri 2017: Complessi monumentali e arredo scultoreo nella Regio I Latium et Campania”. Nuove scoperte e proposte di lettura in contesto, Atti delle giornate di Studio - Napoli 5 e 6 dicembre 2013 (Quaderni Centro Studi Magna Grecia 24. Studi di Antichità 3), a. c. di C. Capaldi, C. Gasparri, Roma.

Cavalieri Manasse, Giampaola, Roncella 2017: D. Giampaola, G. Cavaliere Manasse, Nuove riflessioni sul complesso monumentale di Piazza Nicola Amore, in Capaldi, Gasparri 2017, Napoli, 203-221.

Cinquantaquattro - Capaldi et al. 2014: Augusto e la Campania: Augusto e la Campania. Da Ottaviano a Divo Augusto, 14-2014 d.C., Catalogo della Mostra, a cura di T.E. Cinquantaquattro - C. Capaldi - V. Sampaolo, Milano.

Coraggio 2017: F. Coraggio, Testa ritratto di Nerone Cesare da Napoli, in Capaldi, Gasparri 2017, 223-234.

Crowther 1989: N.B. Crowther, The Sebastan games in Naples (IvO L. 56), «ZPE» 79, 100-102.

Crowther 2010: N.B. Crowther, Observations on boys, girls, youth and age categories in Roman sports and spectacles, in Sport in the Cultures of the Ancient World: New Perspectives, ed. by Z. Papakonstantinou, London-New York, 195-216.

De Caro - Giampaola 2004: S. De Caro - D. Giampaola, La metropolitana approda nel porto di Neapolis, «Civiltà del Mediterraneo», II, 4-5 giugno, 49-64.

De Nardis 2015: M. De Nardis, Greek magistrates in Roman Naples? Law and memory from the fourth century BC to the fourth century AD, in Hughes - Buongiovanni 2015, 85-102.

Di Nanni 2014: D. Di Nanni, Iscrizioni in marmo: catalogo agonistico, in Cinquantaquattro - Capaldi et al. 2014, 38-39.

Di Nanni Durante 2007-2008: D. Di Nanni Durante, I Sebastà di Neapolis. Il regolamento e il programma, «Ludica. Annali di storia e civiltà del gioco» 13-14, 7-22.

Di Nanni Durante 2016: D. Di Nanni Durante, Gli encomi per Augusto e Livia ai Sebastà di Napoli, in Inmortalis Augustus, 399-411.

Di Nanni Durante c.d.s.: D. Di Nanni Durante, Augusto e il programma dei Sebastà, in Augusto e la Campania, Incontro internazionale di studio, Napoli, 14-15 maggio 2015, in corso di stampa.

Giampaola 2004: D. Giampaola, Dagli studi di Bartolomeo Capasso agli scavi della metropolitana: ricerche sulle mura di Napoli e sull’evoluzione del paesaggio costiero, «Napoli Nobilissima» ser. V, 1-2, 35-56.

Giampaola 2009: D. Giampaola, Archeologia e città la ricostruzione della linea di costa, «TeMA. Journal of Land Use, Mobility and Environment» 2.3, 37-46.

Giampaola 2014: D. Giampaola, Neapolis, graeca urbs, al tempo di Augusto, in Cinquantaquattro - Capaldi - Sampaolo 2014, 24-27.

Giampaola - Carsana 2010: D. Giampaola - V. Carsana, Fra Neapolis e Parthenope; il paesaggio costiero e il porto, in Ricoveri per navi militari nei porti del Mediterraneo antico e medievale, a cura di D.J. Blackman - M.C. Lentini, Centro Universitario Europeo per i Beni Culturali. Archeologia, storia e cultura 5, Bari, 119-132.

Golden 1998: M. Golden, Sport and Society in Ancient Greece, Cambridge.

Greco 2013: G. Greco, Demetra/Cerere: il culto, tra continuità e discontinuità, in San Gregorio Armeno. Storia, architettura, arte e tradizioni, a cura di N. Spinosa - A. Pinto - A. Valerio, Napoli, 61-74.

Habicht 1984: Chr. Habicht, Pausanias and the evidence of inscriptions, «ClAnt» 3, 40-56.

I.Napoli: E. Miranda, Iscrizioni greche d’Italia. Napoli, I-II, Roma 1990-1995.

Inmortalis Augustus: Inmortalis Augustus. Presenze, riusi e ricorrenze a duemila anni dalla morte di Augusto, Convegno Internazionale, Napoli, 8-10 ottobre 2014, «Maia» 68, 2, 2016.

Jones 2007: C.P. Jones, Three New Letters of the Emperor Hadrian, «ZPE» 161, 145-156.

Lee 1988: H.M. Lee, SIG3 802: Did women compete against men in Greek athletic festivals?, «Nikephoros» 1, 103-118.

Lindsay 2009: H. Lindsay, Adoption in the Roman World, Cambridge.

Lomas 2015: K. Lomas, Colonizing the past, in Hughes - Buongiovanni 2015, 64-82.

Lombardi - Mari 2017: Come Aurora. Lieve, preziosa. Ergastai e philoi a Gabriella Bevilacqua, Atti della Giornata di Studio, American Academy in Rome, 6 giugno 2012, a c. di P. Lombardi - M. Mari, Roma.

Manieri 2009: A. Manieri, L’εἰσαγωγεύς degli antichi agoni, «Nikephoros» 22, 103-128.

Mantas 1995: K. Mantas, Women and athletics in the Roman East, «Nikephoros» 8, 125-144.

Miranda 1985: E. Miranda, Gli agoni, in Napoli antica, Napoli, 390-392.

Miranda 1998: E. Miranda, Sacerdozi a Napoli in età romana, in I culti della Campania antica, Atti del Convegno internazionale di Studi in ricordo di Nazarena Valenza Mele, Napoli 15-17 Maggio 1995, Napoli, 231-238.

Miranda 2007: E. Miranda, Frammento di lastra iscritta, in Turchia. 7000 anni di storia, Napoli 27 aprile-31 maggio 2007, Napoli, 21.

Miranda 2010: E. Miranda, Consoli e altri elementi di datazione nei cataloghi agonistici di Neapolis, in Le tribù romane, Atti della XVIe Rencontre sur l’Épigraphie, Bari, 8-10 ottobre 2009, a cura di M. Silvestrini, Bari, 417-422.

Miranda De Martino 2007: E. Miranda De Martino, Neapolis e gli imperatori. Nuovi dati dai cataloghi dei Sebastà, «Oebalus. Studi sulla Campania nell’antichità» 2, 203-215.

Miranda De Martino 2013: E. Miranda De Martino, Ritratti di campioni dai Sebastà di Napoli, «MediterrAnt» 16, 2, 519-536.

Miranda De Martino 2014a: E. Miranda De Martino, Augusto e i Sebastà, in Cinquantaquattro - Capaldi et al. 2014, 28-29.

Miranda De Martino 2014b: E. Miranda De Martino, Les Sebasta de Naples à l’époque de Domitien. Témoignages épigraphiques, «CRAI» 2014, 3, 1165-1188.

Miranda De Martino 2016: E. Miranda De Martino, Augusto e i Sebastà: l’identità greca nell’impero, in Inmortalis Augustus, 389-398.

Miranda De Martino 2017a: E. Miranda De Martino, L’identità greca di Neapolis, in L’héritage grec des colonies romaines d'Orient: interactions culturelles et linguistiques dans les provinces hellénophones de l'Empire romain, éd. par C. Brélaz, Paris, 355-370.

Miranda De Martino 2017b: E. Miranda De Martino, Atleti e artisti occidentali ai Sebastà di Napoli, in «Kithon Lydios» Studi di storia e archeologia con Giovanna Greco, a cura di L. Cicala - B. Ferrara, Napoli, 93-99.

Miranda De Martino, 2017c: E. Miranda De Martino, Augusto ktistes di Neapolis, in Lombardi - Mari 2017, 155-161.

Miranda De Martino 2017d: E. Miranda De Martino, La propaganda imperiale e i concorsi isolimpici di Neapolis, in Capaldi - Gasparri 2017, 235-241.

Miranda De Martino c.d.s./a: E. Miranda De Martino, Forme e riti del culto di Augusto a Napoli, in Augusto e la Campania, Incontro internazionale di studio, Napoli, 14-15 maggio 2015, in corso di stampa.

Miranda De Martino c.d.s./b: Miranda De Martino, I vincitori dei Sebastà nell’anno 86 d.C., in Studi in onore di M.L. Lazzarini, Roma, in corso di stampa.

Monti 1968: P. Monti, Ischia preistorica, greca, romana, paleocristiana, Napoli.

Monti 1983: P. Monti, Ischia, archeologia e storia, Napoli.

Moretti 1957: L. Moretti, Olympionikai, (MAL 8, 2), Roma.

Moretti 1977: L. Moretti, Lo sport, in Storia e civiltà dei Greci, 8, La società ellenistica. Economia, diritto, religione, a cura di R. Bianchi Bandinelli, Milano, 491-499.

Moretti 1987: L. Moretti, Nuovo supplemento al catalogo degli olympionikai, «MGR» 13, 67-91.

Moretti 1991: L. Moretti, Dagli Heraia all’Aspis di Argo, «MGR» 16, 179-189.

Petzl - Schwertheim 2006: G. Petzl - E. Schwertheim, Hadrian und die dionysischen Künstler: drei in Alexandria Troas neugefundene Briefe des Kaisers an die Künstler-Vereinigung, (Asia Minor Studien, 58) Bonn.

Pleket 1969: H.W. Pleket, Epigraphica, II, Leiden.

Hughes - Buongiovanni 2015: Remembering Parthenope: Remembering Parthenope. The Reception of Classical Naples from Antiquity to the Present, ed. by J. Hughes - C. Buongiovanni, Oxford.

Robert 1982: L. Robert, Une vision de Perpétue martyre à Carthage en 203, «CRAI», 228-276.

Rousset - Strasser 2017: D. Rousset - J.-Y. Strasser, D’Élatée à Delphes: un Étolarque et un Xystarque, «REG» 130, 2017, 1, 1-22

Salomies 1992: O. Salomies, Adoptive and Polyonymous Nomenclature in the Roman Empire (Commentationes Humanarum Litterarum, 97), Helsinki. 

Schmidt 2009: S. Schmidt, Zum Treffen in Neapel und den Panhellenia in der hadriansinschrift aus Alexandria Troas, «ZPE» 170, 109-112.

Slater - Summa 2006: W.J. Slater - D. Summa, Crowns at Magnesia, «GRBS» 46, 275-299.

Strasser 2010: J.-Y. Strasser, “Qu’on fouette les concurrents…” à propos des lettres d’hadrien retrouvées à Alexandrie de Troade, «REG» 123, 585-622.

Sundwall 1912: J. Sundwall, in RE VIII.1, s.v. Hermogenes.

Torna su

Note

1 Oltre che nelle pubblicazioni elencate a nota 3, i progressivi aggiornamenti sulle iscrizioni di Piazza Nicola Amore sono stati presentati al I e II SAEG (relazioni a cura di V. De Martino, D. Di Nanni, E. Miranda dal titolo Epigrafi e Sport. Recenti scoperte dai cantieri della Metropolitana di Napoli, Bologna, gennaio 2009; I Sebastà di Napoli: ultimi aggiornamenti Bologna, gennaio 2011), mentre due poster furono preparati dalla sottoscritta e da Diva Di Nanni in occasione del III SAEG (Università di Napoli Federico II, gennaio 2013).

2 Sui dati di scavo e sul tempio del culto imperiale che costituiva il fulcro del sito: De Caro-Giampaola 2004; Giampaola 2004; Giampaola et al. 2005; Giampaola 2009; Bragantini - Cavalieri et alii 2010; Giampaola-Carsana 2010; Giampaola 2014; Cavalieri Manasse-Giampaola-Roncella 2017; Coraggio 2017.

3 Sui Sebasta: Miranda 1985; I.Napoli I, 91-92; Caldelli 1993, 28-37; Miranda 2007; Miranda De Martino 2007; Di Nanni Durante 2007-2008; Miranda 2010; Miranda De Martino 2013; 2014a; 2014b; Di Nanni 2014; Lomas 2015, 70, 80; De Nardis 2015, 96-102; Miranda De Martino 2016; Di Nanni Durante 2016; in cds; Miranda De Martino 2017a, in particolare 363-370; 2017b-d; in cds a-b. Per i testi rinvenuti a Napoli prima dei nuovi scavi: I.Napoli I, nrr. 47-80. Per il regolamento dei Sebasta conservato a Olimpia: I.Olympia 56 (testo riprodotto in Buchner et alii 1952, 406-407); Merkelbach, 1974; Crowther 1989; Maróti 1998, 211-213; Miranda 1998, 237-238; Di Nanni Durante 2007-2008, 9-12; in cds. Sui riferimenti ai Sebasta nelle lettere adrianee di Alessandria Troade cfr. Petzl - Schwertheim 2006; Jones 2007; Schmidt 2009; Strasser 2010 (con altra bibliografia alla nota 5); Miranda De Martino 2013, 520.

4 Ringrazio la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per l’Area Metropolitana di Napoli e, in particolare la dottoressa Daniela Giampaola, Ispettrice agli scavi di Napoli. La ricostruzione completa della parete iscritta è frutto della collaborazione tra chi scrive, la dottoressa Giampaola, la dottoressa Beatrice Roncella, collaboratrice della Soprintendenza, il dottor Giuseppe Giordano, direttore tecnico di R.O.M.A. Consorzio, i restauratori della sua équipe e il dott. Sebastiano Ackermann, autore delle foto eseguite durante il restauro. A tutti loro vanno i miei più sinceri ringraziamenti.

5 Ancora in Miranda De Martino 2014b la datazione di una parte dei testi era proposta in via ipotetica.

6 I.Napoli I 20.

7 Miranda 2010, 419-420; Miranda De Martino 2013, 526-530; 2014b, 1173-1181, nr. 2.

8 Di Nanni 2014.

9 Miranda 2010, 419-420; 2014b, 1169-1170, 1173-1175.

10 Sugli xystarchai cfr. Rousset, Strasser 2017, 7-12. Per gli eisagogeis si veda: Manieri 2009.

11 Per questa gara si veda Miranda De Martino 2007, 209-210; 2014b 1175-1176; 2016, 394-398; 2017a, 357-359 e 366-368.

12 Le ultime righe della sezione ippica sono quelle che registrano la vittoria di Domiziano, leggibili fra quarta e quinta lastra.

13 A Demetra è comunemente attribuita dagli studiosi la stipe votiva rinvenuta a Sant’Aniello a Caponapoli, nel sito dell’antica acropoli: cfr. Borriello-De Simone 1985; Greco 2013, in particolare 67-70.

14 Stat., Silvae, IV, 8, 50-51: tuque, Actaea Ceres, cursu cui semper anhelo / votivam taciti quassamus lampada mystae. Cfr. anche Cic., Pro Balbo, 24, 55. Per la documentazione epigrafica del culto: I.Napoli I nr. 34 e nr. 85.

15 Miranda De Martino 2013 526-530; 2014b, 1180-1181. Per questo atleta, cfr. Paus. VI 13, 3; Eus. Chron. I, 215-216 Schoene; Sundwall 1912, col. 862, nr. 3; Moretti 1957, nrr. 805-807, 812-813, 817-819; Habicht 1984, 40-56; Balland - Le Roy 1984, 325-349, in particolare 339 (=SEG XXXIV, 1314-1317; 1987, nr. 93); Moretti 1987, 76, nrr. 805-807; 1991, 180-181; Caldelli 1993, 87 e 124, nr. 3.

16 Largamente attestata è, invece, la formula φύσει δέ. In generale sul tema delle adozioni in età imperiale, cfr. Salomies 1992; Lindsay 2009.

17 Per un riepilogo di tutte le vittorie di Hermogenes si veda Miranda 2013, 529, tenendo conto, però, delle nuove datazioni dei cataloghi di Piazza Nicola Amore indicate nel presente articolo.

18 Buchner-Morelli et al. 1952, 408; 1954, nr. 186; SEG XIV, 602; Pleket 1969, nr. 17; Buonocore 2008, 287-289; Di Nanni Durante in questo volume. Cfr Moretti 1953, 169; Monti 1968, 119; Moretti 1977, 496; Monti 1983; Arrigoni, 1985, 119; Lee 1988, 114, n. 11; Caldelli 1993, 33; Mantas 1995, 132 e 135; Golden 1998, 127-128; Miranda De Martino 2007, 209 (con datazione al 194 per errore); Di Nanni Durante 2007-2008, 13; Crowther 2010, 196-197.

19 I.Napoli I 66.

20 I.Napoli I 52 (=IG XIV 748).

21 Gli esempi citati sono i seguenti: tou protou tagmatos, (Epidauro, IG IV2 1, 81); tou bouletikou tagmatos (Cilicia, IGRRP III, 833, a-b; Bean - Mitford 1965, 25, 29; 1970, 150, 152); ippikon tagma (Afrodisia, CIG 2803; I.Aph 1.168); to tagma tōn gymnasiarchōn (Ossirinco, P.Oxy. X 1252, Vol. 24).

22 I.Napoli I 89, ll. 9-10.

23 Per questa tipologia di premio, cfr. Robert 1982, 264; Slater - Summa 2006, 295-299.

24 I.Olympia 56, l. 15. Un’immagine della corona è riprodotta a rilievo proprio in I.Napoli I 52. Per il significato da attribuire alla scelta della spiga di grano si veda Miranda De Martino 2016, 397-398; 2017b, 358-359.

25 I.Olympia 56, ll.54-60.

26 I.Napoli I 85.

27 Per la formula con il genitivo si veda, nello stesso catalogo, la vittoria nel [π]αρθένων στάδιον di Flavia Thalassia registrata nell’ultima colonna, alla linea 24.

28 I.Olympia 56, l. 32 [- - ος Νεαπολ̣[ίτης - -]; l. 40 [- -] τῶν ξ]ένων ἀγωνίζο[νται - -].

29 I.Napoli I 52.

30 Miranda De Martino 2017, 94-95.

31 Miranda De Martino 2013, 526-530; 2014b, 1173-1181, nr. 2.

Torna su

Indice delle illustrazioni

Titolo Fig. 1 : dell’82 d.C., intestazione del catalogo.
Credits Foto di Lucio Terracciano (prima del restauro).
URL http://journals.openedition.org/historika/docannexe/image/399/img-1.png
File image/png, 67k
Titolo Fig. 2 : dell’82 d.C., particolare della sezione atletica.
Credits Foto di Sebastiano Ackermann (durante il restauro).
URL http://journals.openedition.org/historika/docannexe/image/399/img-2.png
File image/png, 170k
Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Elena Miranda De Martino, « I Sebasta dell’82 d.C.: restauro delle lastre e aggiornamenti »Historika, 7 | 2017, 253-269.

Notizia bibliografica digitale

Elena Miranda De Martino, « I Sebasta dell’82 d.C.: restauro delle lastre e aggiornamenti »Historika [Online], 7 | 2017, online dal 01 mai 2020, consultato il 03 août 2020. URL: http://journals.openedition.org/historika/399

Torna su

Autore

Elena Miranda De Martino

elemiran@unina.it

Torna su

Diritti d'autore

Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale (CC BY-NC-ND 4.0)-Creative Commons - Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International - CC BY-NC-ND 4.0

Torna su
  • Logo Celid
  • Logo Università degli Studi di Torino – Dipartimento di Studi Storici - Storia antica
  • Logo DOAJ
  • OpenEdition Journals