Navigazione – Mappa del sito
L’altra Grecia

Due dediche focidesi per una vittoria contro i Tessali? Analisi comparata di Syll.3 202B e Syll.3 203A

Elena Franchi
p. 365-386

Abstract

Il dossier sulla conflittualità tessalo-focidese comprende tradizionalmente oltre ad alcune fonti letterarie due epigrafi delfiche alquanto lacunose: Syll.3 202B e Syll.3 203A. I primi editori non hanno esitato a connetterle alle battaglie arcaiche descritte da Erodoto (VIII 27-28), Pausania (X 1, 3-11) e Plutarco (mul.virt. 2). Di recente è prevalso un atteggiamento di cautela suggerito soprattutto dalle pesanti integrazioni con le quali in passato si è intervenuto talora con disinvoltura eccessiva. D’altro canto questa cautela sconfina in certi casi in una deriva ipercritica che va di pari passo con una rigida separazione tra considerazioni epigrafiche da un lato e considerazioni storiche dall’altro, a discapito delle seconde. Questo studio si propone in primo luogo di riesaminare le due iscrizioni da un punto di vista epigrafico, comparandole con iscrizioni rinvenute a Delfi, Kalapodi, Elatea e Panopeo; in secondo luogo di riconsiderarle in un quadro complessivo cercando un equilibrio tra la suggestiva ma meccanica connessione di testimonianze epigrafiche e letterarie da un lato e l’ipercriticismo dall’altro. La combinazione di considerazioni di ordine epigrafico con un esame della storia delle Focide così come è riflessa nelle fonti letterarie di IV secolo e in quelle successive rende assai probabile l’ipotesi per cui le due epigrafi risalgano al IV secolo ma commemorino una vittoria arcaica sui Tessali.

Torna su

Testo integrale

1. Il problema

  • 1 Il presente articolo nasce da una relazione tenuta in occasione della quinta edizione del Seminario (...)

1Il dossier sulla conflittualità tessalo-focidese comprende tradizionalmente, oltre ad alcune fonti letterarie, due epigrafi delfiche alquanto lacunose: Syll.3 202B e Syll.3 203A. Gli epigrafisti francesi e tedeschi che le hanno scoperte, editate e commentate della prima metà del Novecento non hanno esitato a connetterle alle battaglie arcaiche descritte da Erodoto (VIII 27-28), Pausania (X 1, 3-1) e Plutarco (mul.virt. 2). Di recente è prevalso un atteggiamento di cautela suggerito soprattutto dalle pesanti integrazioni con le quali in passato si è intervenuto talora con disinvoltura eccessiva. D’altro canto, questa cautela sconfina in certi casi in una deriva ipercritica, che va di pari passo con una rigida separazione tra considerazioni epigrafiche da un lato e considerazioni storiche dall’altro, a discapito delle seconde. Questo studio si propone di riesaminare le due iscrizioni in un quadro complessivo cercando un equilibrio tra la suggestiva ma meccanica connessione di testimonianze epigrafiche e letterarie da un lato, e l’ipercriticismo dall’altro1.

2. I dati materiali

2La prima epigrafe, Syll.3 202B, è iscritta sulla base di un gruppo statuario (inv. 4553α-ζ= Jacquemin 1999, nr. 397) rinvenuto a Delfi agli inizi del ‘900:

  • 2 «I Focidesi dedicarono ad Apollo come decima [dal bottino dei Tessali]», trad. della sottoscritta, (...)

Φǀωǀκε[ῖς ἀνέθ]ǀηκαν δ̣ǀ[εκάταǀν Ἀ]πόλǀλωνι ǀ[ἀπὸ Θǀεσσαλǀῶν]2

3ἀπὸ Θǀεσσαλǀῶν suppleverunt Pomtow 1915 et Daux 1936.

 

  • 3 I frr. α (che riporta Φ, = nr. 1 Keramopoullos), ε (ΠΟΛ, = nr. 5 Keramopoullos) e στ. (ΛΩΝΙ, = nr. (...)
  • 4 Si discuterà in seguito se si tratti di una decima o meno.

4L’epigrafe è iscritta su nove blocchi che formano la base del monumento. Quattro di questi blocchi sono conservati a tutt’oggi. La base, calcarea, è rettangolare e si trova attualmente in situ, sul lato sudovest della terrazza del tempio, nella cosiddetta halos; i blocchi, alti 37 cm e profondi 77, sono stati ritrovati in gran parte all’interno o immediatamente all’esterno della halos, sul lato sudovest della terrazza del tempio di Apollo3. Sui blocchi sono ben visibili le impronte dei piedi e dei fori di fissaggio di alcune statue non conservate (fig. 4). Nell’iscrizione si menziona una dedica fatta dai Focidesi (ΦΩΚΕ[ ) ad Apollo ( ]ΠΩΛΛΩΝΙ), molto probabilmente in conseguenza di una vittoria in un conflitto: forse una decima4.

Fig. 4 : Le impronte del monumento inv. 4553α-ζ= Jacquemin 1999, nr. 397 (visione dall’alto).

Fig. 4 : Le impronte del monumento inv. 4553α-ζ= Jacquemin 1999, nr. 397 (visione dall’alto).

Foto dell’Autrice.

  • 5 In attesa dell’imminente pubblicazione della nuova edizione delle IG IX curata da Denis Rousset, l’ (...)

5L’iscrizione è stata pubblicata da Antōnios Keramopoullos (1907, editio princeps), da Hans Pomtow per la terza edizione della Sylloge inscriptionum graecarum (1915) e infine da Georges Daux, nella sua monografia su Pausania a Delfi uscita nel 1936. Doveva essere inclusa in un fascicolo mai apparso del terzo volume delle Fouilles des Dèlphes5. Keramopoullos aveva avanzato due ipotesi di sequenza dei blocchi (e dunque delle parole; vedi fig. 1a): gli editori successivi hanno privilegiato l’ipotesi “A”, mentre nell’ipotesi “B” (figg. 1b e 2) il blocco con la δ̣ viene collocato in fondo rispetto a quelli conservati:

Φǀωǀκǀεǀ[ῖς Ἀ]πόλǀλωνι [ἀνέθ] ǀηκαν δ̣ǀ[εκάταǀν ǀἀπὸ Θǀεσσαλǀῶν]

6Scegliere l’ipotesi “A” implica ammettere che a destra della parola ]πόλλωνι vi sia almeno un altro blocco, dato che i frammenti di blocco che riportano il nome della divinità hanno tracce di anatirosi sia sulla destra che sulla sinistra.

Fig. 1 : inv. 4553α-ζ= Jacquemin 1999, nr. 397: ricostruzione di Keramopoullos 1907, 95-96.

Fig. 1 : inv. 4553α-ζ= Jacquemin 1999, nr. 397: ricostruzione di Keramopoullos 1907, 95-96.

Ricostruzione di Keramopoullos 1907, 95-96.

  • 6 Si tratta di calcare di Sant’Elia, con una patina dorata.
  • 7 L’altezza è 29,5 cm secondo Anne Jacquemin.

7La seconda iscrizione, Syll.3 203A, è fortemente lacunosa. È posta su di un blocco in calcare6, di cui sono conservati i frr. inv. nr. 37 e inv. nr. 1091 (=Jacquemin 1999, nr. 396 [vd. fig. 3]= ricostruzione disegnata da Georges Daux e Antoine Salaç in FD). Secondo le stime, il blocco è alto 28 cm, largo 25 cm e profondo 25 cm7. I due frammenti sono attualmente conservati nel magazzino del Museo archeologico di Delfi.

  • 8 «I Focidesi dedicarono una decima ad Apollo dal bottino dei Tessali», la traduzione (della sottoscr (...)

[Φωκεῖς ἀνέθηκαν δεκάτ]αν
τῶι [Ἀπόλλωνι ἀπὸ Θεσσα]λῶν8

81 Φωκεῖς: Bourguet 1912, Dittenberger 1915, Daux - Salaç 1932; [Φ]ω̣κ̣[εῖς: Daux 1936, qui reliquias litterae vidit, quem sequitur Franchi 2015 et 2016; δεκάταν supplevit Bourguet, quem sequuntur Pomtow Daux Franchi; 2 τῶι Pomtow 1989, quem sequuntur Bourguet 1912, Daux-Salaç 1932, Daux 1936; ἀπὸ Θεσσαλῶν: Bourguet 1912, Pomtow 1915, Daux-Salaç 1932, Daux 1936, Franchi 2015, Franchi 2016 (iam proposuit Pomtow 1911 ad fr. 37).

Fig. 3 : inv. 37+1091= Jacquemin 1999, N. 396.

Fig. 3 : inv. 37+1091= Jacquemin 1999, N. 396.

Ricostruzione di Georges Daux e Antoine Salaç (FD III 3, 150).

  • 9 Pomtow 1889, 114.
  • 10 Pomtow 1911, 45-46.
  • 11 Bourguet 1912, 14, n. 1.
  • 12 Daux 1936, 139-140.

9La scrittura è stoichedon e disposta su due linee. Il frammento 1091 riporta τῶι, l’articolo determinativo maschile in dativo con cui comincia la seconda linea; sopra, sono visibili i resti di ulteriori lettere, di cui Pomtow, Bourguet e in prima battuta anche Daux non hanno tenuto conto. Riesaminando l’iscrizione per la sua monografia su Pausania a Delfi (1936) Georges Daux ha proposto di leggervi ΩΚ, e di integrare in Φωκεῖς. Il fra. 37 riporta le lettere ΑΝ, poi integrato fino a diventare δεκάταν, e nella seconda riga ΛΩΝ, poi integrato fino a diventare Θεσσαλῶν. Il frammento 1091 era già stato pubblicato da Pomtow (1889)9; lo stesso Pomtow ha pubblicato nel 1911 il frammento 3710. Émile Bourguet ha connesso per primo i due frammenti, pubblicati come facenti parte di un’unica iscrizione nel 1912 (editio princeps)11. In seguito, l’hanno rieditata Hans Pomtow per la Sylloge nel 1915 e Georges Daux e Antoine Salaç nel 1932 nelle FD; nel 1936 Georges Daux l’ha ripubblicata per commentarla nel contesto della Periegesi12. Sul lato destro del nr. 37 si trova un’altra iscrizione, un decreto di prossenia per un focidese (FD III 3 nr. 152), mentre sull’angolo in basso a destra del nr. 1091 si legge un’epigrafe che menziona degli onori conferiti a individui focidesi (FD III 3 nr. 151). Queste due circostanze rendono altamente probabile l’integrazione Φωκεῖς nella nostra iscrizione, che farebbe riferimento a una dedica fatta dai Focidesi dopo una vittoria.

10Hans Pomtow, Émile Bourguet, Georges Daux, Pierre Ellinger e Anne Jacquemin hanno interpretato queste iscrizioni alla luce dei resoconti di Erodoto e Pausania delle battaglie combattute in età arcaica tra Focidesi e Tessali e alla luce delle dediche focidesi viste e descritte da Pausania a Delfi.

3. ἀπὸ Θεσσαλῶν? Per un riesame delle fonti letterarie sulle battaglie arcaiche tra Tessali e Focidesi

11Sono pagine note, ma sarà utile riassumere i dettagli più importanti di questi resoconti. Erodoto (VIII 27-28) racconta che i Tessali, medizzanti, mandarono un araldo ai Focidesi, che non avevano medizzato, invitandoli a cedere alla potenza dei Tessali. Lo storico specifica che tra i due popoli vi è un odio antico e nei paragrafi 27 e 28 ne spiega le ragioni. Non molti anni prima di questa invasione persiana, i Tessali avevano invaso la Focide ma erano stati maltrattati dai Focidesi che erano riusciti a respingerli. I Focidesi avevano vinto i Tessali grazie a due stratagemmi messi in atto in due distinte battaglie. Dopo l’invasione dei Tessali, in un primo momento i Focidesi si erano rifugiati sul Parnaso; su consiglio dell’indovino Tellia si cosparsero di gesso e spaventando i Tessali la notte li sconfissero. I Focidesi riuscirono a uccidere quattromila Tessali e si impadronirono dei loro scudi: ne dedicarono una metà a Delfi, l’altra metà ad Abai. Inoltre, con la decima del bottino raccolto in questo battaglia fecero fare grandi statue, che si affrontano intorno al tripode sia dinanzi al tempio di Delfi, che ad Abai.

  • 13 Erodoto è la fonte di Polyaen. VI 18. Per un commento al passo di Erodoto e a quelli, discussi di s (...)

12Contro la cavalleria i Focidesi escogitarono invece un altro stratagemma. Scavata una grande fossa, vi disposero anfore vuote, e le ricoprirono con della terra. Cadendo nelle anfore i cavalli dei Tessali all’assalto si ruppero le zampe13.

13I due episodi si ritrovano in Pausania (X 1, 3-11). Accingendosi a narrare «le imprese più note compiute dai Focidesi» Pausania comincia dalla guerra di Troia, prosegue poi con la guerra contro i Tessali raccontata anche da Erodoto. Il Periegeta inverte l’ordine: lo stratagemma delle anfore avrebbe preceduto quello del gesso, e tra i due si sarebbero verificati ulteriori episodi di scontro non riferiti nella pagina erodotea. I Tessali, adirati per la disfatta della cavalleria, avrebbero difatti raccolto milizie da tutte le città e preparato una spedizione contro la Focide. I Focidesi, terrorizzati, avrebbero consultato l’oracolo: stando al responso la vittoria sarebbe andata sia ai mortali che agli immortali, ma più ai mortali. I Focidesi avrebbero mandato trecento scelti guidati da Gelone con il divieto di attaccare ma con il dovere di spiare l’accampamento nemico. Nessuno sarebbe sopravvissuto, Gelone compreso.

14Quella strage avrebbe provocato tanto spavento da indurre i Focidesi a raccogliere spose, figli, beni, vesti, oro, argento, simulacri divini in un unico punto in cui avrebbero costruito un rogo lasciandovi a guardia 30 uomini incaricati di appiccare il fuoco e poi di darsi alla morte in battaglia in caso di disfatta. Da allora i Greci avrebbero chiamato ogni decisione feroce e crudele “disperazione focidese”.

15I Focidesi sarebbero andati all’attacco comandati da Roio di Ambrosso, a capo della fanteria, Daifante di Iampoli, a capo della cavalleria, e Tellia di Elide. Avrebbero combattuto con coraggio impareggiabile e vinto, ottenendo in seguito un ulteriore successo, quello conseguito dai guerrieri dipinti di gesso di cui aveva già riferito Erodoto (in Pausania i guerrieri imbiancati sarebbero però cinquecento e non trecento).

  • 14 Alla pagina plutarchea è dedicato un articolo di prossima uscita: Franchi 2018. In particolare, sul (...)

16L’episodio della disperazione focidese acquista un ruolo centrale anche nel Mulierum virtutes, il cui secondo capitolo è dedicato alla virtù delle donne focidesi. Plutarco dichiara che tali virtù sono commemorate, oltre che con antichi decreti (δόγμασι παλαιοῖς), da grandi riti sacrificali (ἱεροῖς τε μεγάλοις) officiati a Iampoli14. In Plutarco la sequenza degli eventi è diversa, e arricchita di dettagli non riferiti da Erodoto e/o Pausania.

17In questa sede interessa solo il dettaglio per cui la proposta del rogo con donne e bambini sarebbe stata fatta in assemblea da Daifante, e che l’eroismo delle donne focidesi consiste nel fatto di approvarla appieno.

4. ἀπὸ Θεσσαλῶν? Le dediche focidesi menzionate da Pausania

18Un ulteriore argomento “letterario” addotto da quanti sostengono che le due dediche si riferiscano alle battaglie arcaiche tra Focidesi e Tessali sono i diversi passi in cui Pausania fa menzione di dediche focidesi a Delfi:
1. Alla fine dell’episodio della “disperazione focidese”, Pausania menziona un complesso monumentale raffigurante Apollo, Tellia, dei capi focidesi e degli eroi focidesi non nominati (X 1, 10);
2. In X 13 ss., descrivendo gli
anathemata focidesi al di fuori di un contesto narrativo, ne cita tre:
2a. X 13, 4: un monumento raffigurante Apollo, Artemide e Atena;
2b. X 13, 6: delle statue di bronzo che sarebbero state dedicate dopo la vittoria sulla cavalleria;
2c. X 13, 7: delle statue che rappresentano la lotta per il tripode. Pausania non vede però solo Apollo ed Eracle, ma anche Artemide e Leto, che calmano Apollo, e Atena, che trattiene Eracle: insomma, cinque figure in tutto. Molti studiosi si sono chiesti se questo complesso monumentale coincida con quello riferito da Erodoto dopo la battaglia in cui i Focidesi si cosparsero di gesso.

19Cercando di conciliare questi dati con le descrizioni delle battaglie tessalo-focidesi arcaiche gli studiosi hanno proposto vari tentativi di identificazione tra la base della prima iscrizione e le dediche descritte da Erodoto e Pausania. Due sono sostanzialmente le ipotesi avanzate:
1) sulla base dell’iscrizione era poggiato il gruppo statuario della lotta tra Eracle e Apollo per il tripode, che, stando a Erodoto, i Focidesi avrebbero dedicato dopo la vittoria contro i Tessali sul Parnaso (Keramopoullos, Bourguet; cfr. Hdt. VIII 27 ss. e Paus. X 13, 7);
2) sulla base erano collocate le statue di Apollo e dei capi focidesi di quella stessa guerra indicati da Pausania (Daux; Torelli in Bultrighini - Torelli 2017, ad l., 241; cfr. Paus. X 1, 10): si tratterebbe del primo dei due anathemata citati da Pausania in questo passo (X 1, 8-10).

  • 15 Bourguet 1914, 155.
  • 16 Daux 1936, 140; Ellinger 1993, 235; Jacquemin 1999, 52. La questione diviene ancora più complessa s (...)

20In entrambi i casi si è ritenuto che, per ragioni che indagheremo più avanti, il complesso monumentale fosse successivo al IV secolo, ma commemorasse una battaglia arcaica. Per risolvere quella che gli studiosi ritenevano essere una difficoltà – vale a dire il gap temporale tra le battaglie e l’erezione del monumento che oggi noi vediamo – si ipotizzava che le statue originali, arcaiche, fossero state rimosse e sostituite; e che anche l’iscrizione fosse stata reiscritta15. In particolare, Georges Daux, Pierre Ellinger e Anne Jacquemin hanno tentato di individuare delle corrispondenze tra gli anathemata citati da Erodoto e Pausania, e le nostre iscrizioni16: l’iscrizione Syll.3 202B posta sui blocchi inv. 4553α-ζ coinciderebbe con il monumento di Apollo, Tellia, dei capi focidesi Roio e Daifante e degli eroi focidesi non specificati descritto da Pausania a X 1, 10. Le statue di bronzo dedicate dopo la vittoria sulla cavalleria, citate a X 13, 6, sarebbero da identificarsi con il medesimo monumento. L’iscrizione Syll.3 203A, posta sui blocchi inv. 37+1091, sarebbe apposta sul monumento di Apollo, Artemide e Atena che Pausania descrive a X 13, 4. Il monumento raffigurante la lotta per il tripode che Pausania descrive a X 13, 7 coinciderebbe con quello descritto da Erodoto a VIII 27, e non ci sarebbe conservato. Schematizzando:

I

inv. 4553α-ζ

Syll.3 202B

Paus. X 1, 10 = X 13, 6

/

Apollo, Tellia, i capi focidesi Roio e Daifante e degli eroi focidesi non specificati

II

inv. 37+1091

Syll.3 203A

Paus. X 13, 4

/

Apollo, Artemide e Atena

III

/

/

Paus. X 13, 7

Hdt.VIII 27

la lotta per il tripode

5. La cronologia del monumento e delle iscrizioni: un riesame

21Prima di impostare un ragionamento sulla battaglia, o le battaglie, oggetto di commemorazione, converrà esaminare i problemi legati alla cronologia. Due sono gli argomenti avanzati dagli studiosi per la datazione.

  • 17 Roland Martin (1965, 195-197) distingue in realtà tre tipologie di anatirosi su base cronologica: l (...)

22Il primo è di ordine architettonico, ed è stato applicato ai blocchi 4553α-ζ. Fondandosi sull’analisi della cronologia delle anatirosi di Roland Martin, Anne Jacquemin ha osservato come la tipologia di anatirosi dei blocchi possa essere fatta risalire al più presto alla seconda metà del IV secolo, ma non è escluso si riferisca anche a un periodo posteriore (alla prima metà del III a.C.)17.

23A conclusioni analoghe conduce anche un’analisi paleografica di entrambe le iscrizioni. La scrittura stoichedon e la forma delle lettere rende una datazione al IV secolo, o al limite al periodo successivo, assai probabile. Quanto alla forma delle lettere, sono soprattutto il lambda e l’omega a suggerire una datazione bassa, come sarà più chiaro di seguito. L’analisi dettagliata della forma delle lettere si rivela interessante anche al fine di individuare eventuali tratti arcaizzanti.

  • 18 Salmon 1984, 82-84; Luce 2011, 356.
  • 19 Luce 2011, 355.
  • 20 Si registra anche una certa permeabilità rispetto al nord: la tipologia di spille prevalenti a Kala (...)

24Gli studi sull’alfabeto focidese arcaico e su quello di V secolo sono in evoluzione. Le conclusioni di Lilian Jeffery si basavano soprattutto sulle iscrizioni focidesi rinvenute a Delfi. D’altro canto, la tabella redatta da Anne Palme Koufa sulla base delle iscrizioni rinvenute a Kalapodi non può considerarsi esaustiva, e per varie ragioni. In primo luogo perché la cultura materiale delle fasi più risalenti, ma anche di quelle tardo-arcaiche, rivela una frequentazione del santuario di Kalapodi da parte di tutti i popoli limitrofi18, in particolare di Locresi19, ma non solo20, ed è dunque solo con estrema cautela, e con conclusioni talora destinate a rimanere provvisorie, che si può definire un’iscrizione apposta a un oggetto come “focidese” (e non invece, per esempio, “locrese”, “beotica”, o financo “tessalica”). In secondo luogo perché se – come sempre davvero probabile – il santuario di Kalapodi è da identificare con quello di Abai citato nelle fonti antiche, esso fu frequentato da numerosi popoli, e gli oggetti iscritti che vi sono stati trovati possono essere dunque della provenienza più varia. Per le ragioni suddette, elaborare delle considerazioni sulla forma delle lettere nell’alfabeto focidese è tutt’altro che scontato e sembra consigliabile sul piano metodologico una triangolazione della forma delle letture registrata a Delfi, a Kalapodi e in altri siti e santuari di cui sappiamo con certezza maggiore che furono frequentati soprattutto da Focidesi, come Elatea, o Panopeo, per esempio.

  • 21 Jeffery 1961, 99.
  • 22 Jeffery 1961, 100 e 104 (nr. 15).

25Quanto al lambda, Jeffery registra due tipi di lambda nell’alfabeto focidese: il “lambda 1”, vale a dire quello con l’angolo in alto, con le aste oblique, ma aventi un’angolatura asimmetrica, e con l’asta destra più breve di quella sinistra; e il “lambda 2”, con l’angolo in alto e con le asticelle della medesima lunghezza e allungate fino in basso21. Quest’ultima sarebbe in uso nella prima metà del V secolo: a sostegno delle proprie conclusioni, Jeffery cita la colonna serpentina a Delfi, dedicata dai Focidesi in nome di tutti i Greci dopo la battaglia di Platea22.

  • 23 In età classica ed ellenistica si trova anche a Elatea: IG IX 1, 97; 110-114; 130; 163.
  • 24 Cfr. anche Rousset 2012 (una coppa attica a figure rosse rinvenuta a Elatea a opera del cosiddetto (...)

26Nelle iscrizioni a Kalapodi, Anna Palme Koufa riconosce invece tre tipi di lambda: il “lambda 1 Palme Koufa” coincide con il “lambda 1 Jeffery”; il “lambda 2 Palme Koufa” presenta due asticelle tendenzialmente perpendicolari ed è antenata della lettera L latina; il “lambda 3 Palme Koufa” è il “lambda 2 Jeffery”. A Kalapodi, il “lambda 3 Palme Koufa” ricorre solo dalla seconda metà del V secolo in poi (mentre a Delfi, abbiamo visto, è rintracciabile nella prima metà del V): ne è un esempio Kalapodi I, nr. 120, un graffito su di una kotyle23. Invece, in età arcaica si alternano il “lambda 1” (si veda Kalapodi I, nr. 85, su di un frammento di skyphos) o il “lambda 2 Palme Koufa” (ancora, a titolo d’esempio, si veda Kalapodi I, nr. 92, su di uno skyphos). Il lambda 1 si trova in età tardo-arcaica anche a Elatea24. Il “lambda 3” si trova invece a Kalapodi sull’iscrizione in onore del defunto Cleone (Prignitz 2014, nr. 1). Il lambda usato nelle nostre due iscrizioni è esattamente il “lambda 3” (fig. 5).

Fig. 5 : parte centrale dell’iscrizione Syll.3 202B apposta a inv. 4553α-ζ= Jacquemin 1999, nr. 397.

Fig. 5 : parte centrale dell’iscrizione Syll.3 202B apposta a inv. 4553α-ζ= Jacquemin 1999, nr. 397.

Foto dell’Autrice.

  • 25 A differenza di quanto si vede nell’iscrizione Rousset 2012 (Elatea) e nell’iscri-zione Rousset - C (...)
  • 26 A titolo d’esempio: IG IX 1, 130; 163.

27Anche la forma del ny e dell’alpha in Syll.3 202B e 203A suggeriscono una datazione post-arcaica, dato che il ny ha l’ultima asticella di lunghezza quasi identica alle altre25; al limite, si può intravedere un tratto arcaizzante nel ny del blocco nr. 7 Keramopoullos (fr. ζ: ΗΚΑΝ), in Syll.3 202B (fig. 6), e nel ny del blocco inv. nr. 37 sulla prima linea (δεκάτ]αν?), anche se va ammesso che l’ultima asticella più breve si può trovare anche in iscrizioni focidesi di età tardo-classica ed ellenistica26.

Fig. 6: parte finale (?) dell’iscrizione Syll.3 202B apposta a inv. 4553α-ζ=Jacquemin 1999, nr. 397.

Fig. 6: parte finale (?) dell’iscrizione Syll.3 202B apposta a inv. 4553α-ζ=Jacquemin 1999, nr. 397.

Foto dell’Autrice.

  • 27 A differenza di quanto si legge in Rousset 2012 (Elatea), dove l’asticella orizzontale è obliqua.
  • 28 Palme Koufa 1996, 329.
  • 29 Come confermano sia graffiti che iscrizioni su pietra: a titolo d’esempio, si veda la già citata is (...)

28L’alpha non ha nulla arcaizzante: ha l’asticella orizzontale “dritta”27. L’argomento più decisivo è però l’omega, la cui introduzione negli alfabeti rossi è recente28, e a Kalapodi si trova solo dal IV secolo in poi29.

6. Una dedica per una vittoria dei Focidesi: ma in quale battaglia?

29Ben più complesso è il problema dell’identificazione delle occasioni all’origine delle due dediche. Le ipotesi possibili sono quattro.

  • 30 Si confrontino Demostene (XVIII 81-2; XIX 61, 65, 81-2, 141, 325), Diodoro (XVI 60) e Pausania (X 3 (...)

30La prima è che una, o entrambe, le iscrizioni siano dediche successive a una battaglia non menzionata nella letteratura a noi pervenuta. Quest’ipotesi è la meno impegnativa, e ha una sola difficoltà: spiegare perché questa battaglia non sia citata né da Erodoto, né da Demostene – il quale pure è così impegnato a riscattare l’immagine dei Focidesi – e neppure da Diodoro; e soprattutto non sia ricordata da Pausania, che ha una passione per la storia dei Focidesi ed è interessato a mettere in evidenza le occasioni in cui si sono riscattati rispetto alla hybris di cui hanno dato triste esempio durante la terza guerra sacra. Certo, a Pausania la notizia di questa ipotetica battaglia potrebbe non essere mai giunta; ma in più di un’occasione il Periegeta mostra di conoscere molto bene la storia dei Focidesi così come veniva raccontata nel IV secolo, di aver consultato informatori locali o quanto meno di aver letto molto, e di aver letto molti documenti prodotti appunto nel IV secolo (penso per esempio al celebre passo sulla distruzione delle città focidesi, che riprende verbatim Demostene)30.

31Comunque sia, quest’ipotesi non può essere scartata e rappresenta una possibilità che va sempre tenuta presente.

  • 31 Buckler 1989, 34. Non è l’unica ipotesi possibile: cfr. Pascual - Papakonstantinou 2013, 124-127.
  • 32 Non in Beiträge zur Topographie von Delphi (1889), bensì nella voce Delphoi che ha curato per la Pa (...)

32La seconda ipotesi chiama in causa una battaglia dei IV secolo. Nel 355 i Focidesi combatterono contro i Tessali ad Argolas. La battaglia è riferita da Diodoro (XVI 30, 4), che risulta esserne l’unica fonte. Secondo le indagini di John Buckler, Argolas corrisponde alla moderna Mendenitsa31. È stato lo stesso Pomtow a indicare questa possibilità nei suoi primi interventi32, sebbene alla fine abbia privilegiato l’ipotesi che riconduce le due dediche alle battaglie arcaiche descritte da Erodoto, Pausania e Plutarco. Se la battaglia commemorata è quella di Argolas, avremmo a che fare con un monumento e due epigrafi erette nel IV secolo (o dopo) per commemorare una battaglia di IV secolo.

33Quest’ipotesi ha indubbiamente un vantaggio: non costringe a postulare che un monumento di IV secolo commemori una battaglia di fine VI. Ha un’unica difficoltà: Diodoro non dà grande rilievo alla battaglia di Argolas, Demostene e Pausania, che dedicano molto spazio ai Focidesi, non la menzionano proprio.

34Secondo la terza ipotesi, formulata da Anne Jacquemin in alternativa all’ipotesi delle battaglie arcaiche combattute contro i Tessali, il monumento potrebbe essere stato eretto dai Focidesi per commemorare l’eroica difesa contro i Galati di Brenno, nella quale i Focidesi si distinsero particolarmente. Agli occhi degli stessi Greci quella difesa dovette sembrare un riscatto per i Focidesi macchiatisi di hybris e asebeia nella terza guerra sacra: quando Pausania, intento a raccontare la storia dell’anfizionia di Delfi e del suo santuario, termina il racconto sull’occupazione di Delfi da parte dei Focidesi nella guerra sacra e sulla rovinosa fine degli stessi, aggiunge che gli stessi Focidesi si riscattarono per il loro impegno contro Filippo a Cheronea e che tra i Greci furono loro quelli che con maggior valore difesero i Delfi dai Galati guidati da Brenno (279 a.C.). Non solo, Pausania aggiunge che è grazie a quest’azione che riconquistarono il loro ruolo nell’anfizionia, dalla quale erano stati espulsi in seguito alla terza guerra sacra (X 8, 3). Più avanti (X 23, 3) ricorda una statua eretta per Aleximachos, un focidese battutosi eroicamente contro i Galati.

35La difficoltà di quest’ipotesi è che Pausania dedica pochissime righe a questa statua. Per quanto concerne poi il monumento costituito dai blocchi inv. nrr. 4553α-ζ le impronte dei piedi e dei fori di fissaggio indicano chiaramente che su di esso vi erano poste più statue, mentre il Periegeta dice chiaramente che il monumento per la vittoria contro i Tessali era costituito solo da una (Φωκεῖς δὲ εἰκόνα τοῦ Ἀλεξιμάχου ποιησάμενοι ἀπέστειλαν τῷ Ἀπόλλωνι ἐς Δελφούς).

36Tuttavia quest’ipotesi non può essere esclusa. Tutto è possibile: si tratta a questo punto di capire cosa sia più probabile.

  • 33 Bergmann c.d.p., nrr. 47-49.
  • 34 Daux 1936, 144 n. 3 vs. Krumeich 1997, 192.

37L’ipotesi più probabile sembra la quarta, quella sostenuta da sempre dai meno scettici. Il monumento con la base iscritta (202B) e il blocco con l’iscrizione 203A sarebbero da connettere alle battaglie arcaiche combattute dai Focidesi contro i Tessali. Alcuni studiosi hanno ritenuto che quest’ipotesi avesse una difficoltà: costringe a postulare che in pieno IV secolo i Focidesi abbiano eretto un monumento per ricordare delle battaglie avvenute oltre un secolo prima33. Per aggirare questa difficoltà si è ipotizzato che la base fosse precedente e poi fosse stata sostituita e sovrascritta; ha ragione però Ralf Krumeich a notare come non siano visibili lettere precedenti34.

38Le integrazioni proposte dagli editori sono però probabili per una serie di ragioni:

  1. Sul fatto che i dedicatari siano dei Focidesi non vi può essere alcun dubbio: in Syll.3 202B i blocchi riportano le lettere ΦΩΚΕ; in Syll.3 203A, dove l’intervento degli editori è più pesante, quest’integrazione è suggerita dalla circostanza, già riferita sopra, che sul lato destro del nr. 37 si trovi un’altra iscrizione, un decreto di prossenia, per un focidese (FD III 3 nr. 152), mentre sull’angolo in basso a destra del nr. 1091 sia apposta un’iscrizione che menziona degli onori conferiti a individui focidesi (FD III 3 nr. 151) .

    • 35 Pritchett I, 93-100.

    L’integrazione più probabile della delta visibile in Syll.3 202B è δ̣εκάταν, “decima”, una tipologia di dedica ampiamente documentata in contesti di guerra35. Stando a Erodoto dopo la vittoria sui Tessali i Focidesi avrebbero dedicato proprio una decima.

  2. ΛΩΝ sul frammento nr. 37 del blocco che riporta l’iscrizione Syll.3 202B non può essere integrato né in Γαλατῶν né in Κελτῶν, dunque almeno per quest’iscrizione va scartata la terza ipotesi. L’integrazione in Θεσσαλῶν è resa ancor più probabile da un passo del De Pythiae oraculis di Plutarco, che non a caso gli editori citano a supporto della propria integrazione. Al cap. 15 Plutarco fa riferimento ai monumenti più belli che recano le iscrizioni più tristi, e tra queste cita un’iscrizione per noi molto significativa: Φωκεῖς ἀπὸ Θεσσαλῶν.

39È peraltro improbabile che quest’iscrizione, e il monumento che la riporta, si riferisca alla battaglia di Argolas, ignota sia a Plutarco che, e ciò è più significativo, a Pausania (il che indebolisce la seconda ipotesi).

40Inoltre, come è da aspettarsi, Plutarco riporta solo quella parte di iscrizione che è di interesse in quello specifico passo, dato che l’obiettivo è indicare la parte più vergognosa dell’epigrafe, quella che contrasta con la bellezza del monumento: ciò emerge con chiarezza dall’opposizione καλῶν ἀναθημάτων vs. αἰσχίστας ἐπιγραφὰς, e la parte più vergognosa indica la vittima della battaglia e dunque del bottino: ἀπ᾽ Ἀθηναίων, ἀπὸ Κορινθίων, ἀπὸ Θεσσαλῶν, ἀπὸ Σικυωνίων, ἀπὸ Φωκέων. In questo contesto, non era d’interesse indicare che a essere stata dedicata era una decima: nulla vieta dunque di escludere che l’iscrizione vista da Plutarco riferisse anche δεκάταν.

 

  • 36 Ringrazio il Prof. Mario Lombardo per avermi suggerito una comparazione con il monumento dei Tarant (...)
  • 37 Bourguet 1912, 15-16; 1914, 155 ss., e più di recente Jacquemin 1999, 217 (nrr. 455 e 456).

41Vi sono infine delle considerazioni di ordine più strettamente storico, che rendono le integrazioni proposte molto probabili e la connessione con le battaglie tessalo focidesi arcaiche (quarta ipotesi) più probabile delle altre. Il fatto che vi sia un gap temporale tra l’atto commemorativo e l’evento commemorato non costituisce un ostacolo, e non è un caso nemmeno isolato: è significativo, a questo proposito, che è proprio nel IV secolo (agli inizi) che i Tarantini rinnovarono un monumento che avevano eretto agli inizi del V secolo36; il rinnovamento non può che essere sintomatico di un atteggiamento commemorativo che riconferma l’attualità e significatività seriore di un evento risalente (la guerra e la vittoria sui Messapi)37.

  • 38 Cfr. Bourguet 1898, 320-321. Sulle difficoltà di individuare quali e quanti generali fossero a cava (...)

42Nel caso dei Focidesi un atto commemorativo di questa tipologia è del tutto coerente con gli eventi di cui furono protagonisti nel IV secolo e nel III secolo, due secoli che videro i Focidesi raggiungere l’apice della gloria, poi la caduta rovinosa, e infine la ripresa e il riscatto. Occupando Delfi, saccheggiando i suoi tesori e opponendosi ai membri più influenti dell’anfizionia (Tebani e Tessali), sperimentarono in Grecia centrale (e non solo) un ruolo per loro inedito, che li vide opporsi strenuamente anche al nemico macedone. La sconfitta sancì una caduta direttamente proporzionale alla loro ascesa, con tanto di estromissione dall’anfizionia e dissoluzione del loro koinon. In quei decenni i Focidesi sperimentarono una centralità che possiamo immaginare senza precedenti, e che non mancarono di rendere tangibile attraverso la monumentalizzazione, come prova peraltro un’epigrafe pubblicata da Bourguet nel 1898 che testimonia della rimozione, effettuata in anni successivi alla fine della terza guerra sacra, di statue erette in onore di Filomelo, Onomarco e altri eroi focidesi a cavallo38.

  • 39 All’analisi delle orazioni è dedicato Franchi 2017.
  • 40 A titolo d’esempio: Aeschin. II 131; 140, 7; 138, 5; 3, 118. Per ulteriori passi e un commento, ved (...)
  • 41 A titolo d’esempio: Demosth. XIX 56; 30. Per ulteriori passi e un commento, vedere Franchi 2015.

43Il dibattito pubblico ateniese dell’epoca descrive appieno questa parabola dei Focidesi. Le loro sorti sono costantemente richiamate da Eschine e Demostene; anzi, si potrebbe arrivare a dire che i Focidesi sono uno dei temi scottanti sui quali i due oratori si giocano diverse partite, da quelle sull’accusa per la corruzione delle ambascerie in fase di trattativa della Pace di Filocrate (Demosth. XIX ed Aeschin. II), a quelle relative al conferimento di una corona d’oro a Demostene per i suoi servigi alla città (Demosth. XVIII ed Aeschin. III)39. Il destino dei Focidesi, un tempo alleati degli Ateniesi, è un tema talmente sentito nel discorso pubblico ateniese dell’epoca, da indurre entrambe le parti, sia quanti ritenevano fossero da non sostenere, sia quanti intendevano mantenere l’impegno dell’alleanza e dunque sostenerli, a esagerare le proporzioni delle loro colpe e della loro rovina: da un lato Eschine dà voce a quanti calcavano la mano sulla hybris, la asebeia e la paranomia dei Focidesi40, dall’altro Demostene ricorda agli Ateniesi le incredibili dimensioni della loro disfatta e della loro disperazione41. Non è difficile immaginare che in questo periodo i Focidesi abbiano pesantemente ripensato il proprio passato e le proprie origini. Un evento passato particolarmente fondante fu proprio l’occasione in cui riuscirono a respingere con successo l’avanzata tessalica e ad affermare la propria presenza in quella regione che poi sarà chiamata Focide. Che i Focidesi, una volta impossessatisi del santuario di Delfi e acquisito il “monopolio” sul paesaggio monumentale dello stesso, abbiano voluto inserirvi uno o più monumenti che commemorassero quell’arcaica vittoria sembra più che plausibile.

Fig. 7 : inv. 4553α-ζ= Jacquemin 1999, nr. 397 (dettaglio anatirosi).

Fig. 7 : inv. 4553α-ζ= Jacquemin 1999, nr. 397 (dettaglio anatirosi).

Foto dell’Autrice.

Torna su

Bibliografia

Bergmann c.d.p.: B. Bergmann, Jenseits von Sieg und Niederlage, Habilitationsschrift, Universität Regensburg, in corso di pubblicazione.

Bourguet 1898: É. Bourguet, Inscriptions de Delphes : Comptes des naopes, sous les archontes Damoxénos, Archon et Cléon, «BCH» 22, 1, 303-328.

Bourguet 1912: É. Bourguet, Rapport sur une mission a Delphes (1911), «REG» 111, 12-23.

Bourguet 1914: É. Bourguet, Les ruines de Delphes, Paris.

Buckler 1989: J. Buckler, Philip II and the Sacred War, Leiden.

Bultrighini - Torelli 2017: U. Bultrighini - M. Torelli, Pausania. Guida della Grecia. Libro X: Delfi e la Focide, Milano.

Daux-Salaç 1932: G. Daux, A. Salaç, Fouilles de Delphes. III. 3, Athènes.

Daux 1936: G. Daux, Pausanias à Delphes, Paris.

Ellinger 1993: P. Ellinger 1993, La légende nationale phocidienne, Paris.

Franchi 2013: E. Franchi, Pausanias’ mental maps und die Polis: 10.4.1 in context, «Ktèma» 38, 323-340.

Franchi 2015: E. Franchi, The Phocian Desperation and the „Third“ Sacred War, «Hormos» 7, 49-71.

Franchi 2016: E. Franchi, Die Konflikte zwischen Thessalern und Phokern. Krieg und Identität in der griechischen Erinnerungskultur des 4. Jhs., München 2016.

Franchi 2017: E. Franchi, La pace di Filocrate e l’enigma della clausola focidese, in Conflict in communities. Forward-looking Memories in Classical Athens, ed. by E. Franchi - G. Proietti, Trento, 255-288.

Franchi 2018: E. Franchi, The Phocian-Thessalian Battles, the Persian Wars, and the Changing Religious Landscape, in Ancient Phokis: New Approaches to its History, Archaeology and Topography. Papers of an International Conference Held at the German Archaeological Institute (DAI) Athens 30.03.-01.04.2017, ed. by K. Sporn - E. Laufer - A. Farnoux, Berlin, in corso di stampa.

Ioakimidou 1997: C. Ioakimidou, Die Statuenreihen griechischer Poleis und Bünde aus spätarchaischer und klassischer Zeit, München.

Jacquemin 1999: A. Jacquemin, Offrandes Monumentales à Delphes, Paris.

Jacquemin - Mulliez - Rougemont 2012 : A. Jacquemin - D. Mulliez - G. Rougemont, Choix d’inscriptions de Delphes, traduites et commentées, Paris.

Jeffery 1961: L. Jeffery, The Local Scripts of Archaic Greece. A Study of the Origin of the Greek Alphabet and its Development from the Eighth to the Fifth Centuries, Oxford.

Kalapodi I: Kalapodi. Ergebnisse der Ausgrabungen im Heiligtum der Artemis und des Apollon von Hyampolis in der antiken Phokis, I, hrsg. von R.C.S. Felsch, Mainz 1996.

Kalapodi II: Kalapodi. Ergebnisse der Ausgrabungen im Heiligtum der Artemis und des Apollon von Hyampolis in der antiken Phokis, II, hrsg. von R.C.S. Felsch, Mainz 2007.

Keramopoullos 1907: E. Keramopoullos, Φωκικὸν ἀνὰθημα ἐν Δελφοῖς, «EphArch», 91-104.

Kilian Dirlmeier 2002: I. Kilian Dirlmeier, Kleinfunde aus dem Athena Itonia Heiligtum bei Philia (Thessalien), Mainz.

Krumeich 1997: R. Krumeich, Bildnisse griechischer Herrscher und Staatsmänner im 5. Jhr. v. Chr., München.

Luce 2011: J.-M. Luce, La Phocide à l’âge du fer, in The “Dark Ages” Revisited. An International Conference in Memory of W.D.E. Coulson (Volos 2007), ed. by A. Mazarakis Ainian, Volos, 305-330.

Martin 1965: R. Martin, Manuel d’architecture grecque, I, Paris.

Mili 2015: M. Mili, Religion and Society in Ancient Thessaly, Oxford.

Palme Koufa 1996: A. Palme Koufa, Die Schriftendenkmäler von Kalapodi, in Kalapodi I, 274-371.

Pascual - Papakonstantinou 2013: Topography and History of Ancient Epicnemidian Locris, ed. by J. Pascual - M.-F. Papakonstantinou, Leiden-Boston.

Pomtow 1889: H. Pomtow, Beiträge zur Topographie von Delphi, Berlin.

Pomtow 1911: H. Pomtow, Delphica III. Bericht über die Ergebnisse einer dritten delphischen Reise, Leipzig.

Pomtow 1915: H. Pomtow, Syll.3 202B, 203A, in W. Dittenberger, Sylloge inscriptionum graecarum, 3rd ed., Lipsia.

Pomtow 1924: H. Pomtow, s.v. Delphoi, RE IV 2, coll. 1189-1432.

Prignitz 2014: S. Prignitz, Zur Identifizierung des Heiligtums von Kalapodi, «ZPE» 189, 133-146.

Pritchett 1971: W.K. Pritchett, The Greek State of War, I, Berkeley.

Rousset 2012 : D. Rousset, Une coupe attique à figures rouges et un pentamètre érotique à Élatée de Phocide, «REG», 125, 1, 19-35.

Rousset - Camp et al. 2015: D. Rousset - J. Camp - S. Minon, The Phokian City of Panopeus/Phanoteus, Three new rupestral inscriptions, and the cippus of the Labyadai of Delphi, «AJA» 119, 4, 441-463.

Roux 1966: G. Roux, Les comptes di IVe siècle et la reconstruction du temple d’Apollon à Delphes, «RA», 2, 277-287.

Salmon 1984: J. Salmon, Wealthy Corinth, Oxford.

Torna su

Note

1 Il presente articolo nasce da una relazione tenuta in occasione della quinta edizione del Seminario Avanzato di Epigrafia Greca tenutosi a Torino il 19 e 20 gennaio 2017: ringrazio la Prof.ssa Enrica Culasso, i suoi collaboratori e in particolare la dott.ssa Daniela Marchiandi per l’organizzazione. La mia gratitudine va anche al Prof. Hans-Joachim Gehrke, per aver seguito le prime fasi cruciali di questa ricerca epigrafica, che si inserisce in un progetto di ricerca più ampio dedicato alle guerre tra Focidesi e Tessali. Devo suggerimenti preziosi anche a Birgit Bergmann, Santo Privitera e ai referees anonimi. Ogni manchevolezza restante è da attribuirsi all’autrice.

2 «I Focidesi dedicarono ad Apollo come decima [dal bottino dei Tessali]», trad. della sottoscritta, così come l’apparato critico.

3 I frr. α (che riporta Φ, = nr. 1 Keramopoullos), ε (ΠΟΛ, = nr. 5 Keramopoullos) e στ. (ΛΩΝΙ, = nr. 6 Keramopoullos) sono stati trovati nel temenos in cima alla scala verso la halos; i frr. β (Ω, = nr. 2 Keramopoullos) e γ (K, = nr. 3 Keramopoullos) nel magazzino del Museo archeologico di Delfi; il fr. δ (E, = nr. 4 Keramopoullos) fuori dal temenos sopra le mura romane orizzontali al vano dietro al tempio; il fr. ζ (HKAN, = nr. 7 Keramopoullos) al di fuori del temenos sulla sinistra della via che vi conduce. Si noti che, nella ricostruzione grafica delle pagine 95-96, Keramopoullos non adotta la stessa numerazione per lettere greche apposta sui frammenti e riferita nella discussione degli stessi sulle medesime pagine (dove è anche corredata di numeri arabi), ma appronta due nuove proposte usando sempre le lettere greche (il che potrebbe essere suscettibile di confusione).

4 Si discuterà in seguito se si tratti di una decima o meno.

5 In attesa dell’imminente pubblicazione della nuova edizione delle IG IX curata da Denis Rousset, l’edizione di riferimento rimane dunque per il momento quella di Hans Pomtow nella Sylloge inscriptionum graecarum.

6 Si tratta di calcare di Sant’Elia, con una patina dorata.

7 L’altezza è 29,5 cm secondo Anne Jacquemin.

8 «I Focidesi dedicarono una decima ad Apollo dal bottino dei Tessali», la traduzione (della sottoscritta, così come l’apparato critico) tiene però conto di tutte le integrazioni discusse nel seguito dell’articolo.

9 Pomtow 1889, 114.

10 Pomtow 1911, 45-46.

11 Bourguet 1912, 14, n. 1.

12 Daux 1936, 139-140.

13 Erodoto è la fonte di Polyaen. VI 18. Per un commento al passo di Erodoto e a quelli, discussi di seguito, di Pausania e Plutarco, si veda Franchi 2016, 239-327.

14 Alla pagina plutarchea è dedicato un articolo di prossima uscita: Franchi 2018. In particolare, sul passo di Pausania si veda Bultrighini in Bultrighini - Torelli 2017, ad l., 238-241.

15 Bourguet 1914, 155.

16 Daux 1936, 140; Ellinger 1993, 235; Jacquemin 1999, 52. La questione diviene ancora più complessa se si considera la possibilità, indicata da Mario Torelli (ad l.), che anche la dedica di 10.13.4 coincida con quella di 10.1.10.

17 Roland Martin (1965, 195-197) distingue in realtà tre tipologie di anatirosi su base cronologica: la prima, definita “archaica” e riferita soprattutto al VI secolo, presenta fasce periferiche sottili; la seconda, usata soprattutto tra la fine del VI e fino a tutto il IV secolo, presenta fasce di larghezza media (da 7 a 10 cm); la terza, caratterizzante i blocchi in età ellenistica, può raggiungere una larghezza che va da 11 a 20 cm, e la parte centrale è solo leggermente in sottosquadro (di pochissimi millimetri). I blocchi del monumento focidese sembrano presentare una tipologia intermedia tra la seconda e la terza tipologia (fig. 7).

18 Salmon 1984, 82-84; Luce 2011, 356.

19 Luce 2011, 355.

20 Si registra anche una certa permeabilità rispetto al nord: la tipologia di spille prevalenti a Kalapodi nel VII secolo evidenzia molte somiglianze con una tipologia rinvenuta nel santuario di Fere e in quello di Filia (Kalapodi II, nr. 109, spille: nrr. 380-382; Kilian Dirlmeier 2002; Mili 2015, 232 ss.); e gli editori dello scavo di Kalapodi non esitano a definire come importazioni tessaliche le perle ritrovate a Kalapodi e risalenti al VII e al VI secolo (Kalapodi II, nr. 188).

21 Jeffery 1961, 99.

22 Jeffery 1961, 100 e 104 (nr. 15).

23 In età classica ed ellenistica si trova anche a Elatea: IG IX 1, 97; 110-114; 130; 163.

24 Cfr. anche Rousset 2012 (una coppa attica a figure rosse rinvenuta a Elatea a opera del cosiddetto pittore del Pithos [510-500 a.C.] e iscritta in alfabeto focidese epicorico).

25 A differenza di quanto si vede nell’iscrizione Rousset 2012 (Elatea) e nell’iscri-zione Rousset - Camp et al. 2015, nr. 1, ovvero l’iscrizione arcaica di Panopeus/Phanoteus, originale della più tarda copia delfica dell’iscrizione dei Labiadi (Syll.2 438=CID I 9=GHI 1= Jacquemin - Mulliez - Rougemont, Choix nr. 30): in entrambe l’ultima asticella è più breve e nel primo caso l’intera lettera è obliqua.

26 A titolo d’esempio: IG IX 1, 130; 163.

27 A differenza di quanto si legge in Rousset 2012 (Elatea), dove l’asticella orizzontale è obliqua.

28 Palme Koufa 1996, 329.

29 Come confermano sia graffiti che iscrizioni su pietra: a titolo d’esempio, si veda la già citata iscrizione di Cleone (Prignitz 2014, nr. 1); in soli due casi è attestata prima, alla metà del V secolo (Kalapodi I, nrr. 142 e 143), ma in entrambi si tratta di parziali integrazioni per nulla certe. Nel V secolo in Prignitz 2014, nr. 2, l’epigrafe per il defunto Timolito, si legge invece l’omicron al posto dell’omega. Ringrazio Mario Lombardo per avermi invitata a comparare la forma delle lettere nei graffiti da un lato e nelle iscrizioni su pietra dall’altro, e a prendere in considerazione eventuali analogie o differenze.

30 Si confrontino Demostene (XVIII 81-2; XIX 61, 65, 81-2, 141, 325), Diodoro (XVI 60) e Pausania (X 3, 1-3): cfr. Franchi 2013, 227.

31 Buckler 1989, 34. Non è l’unica ipotesi possibile: cfr. Pascual - Papakonstantinou 2013, 124-127.

32 Non in Beiträge zur Topographie von Delphi (1889), bensì nella voce Delphoi che ha curato per la Pauly-Wissowa (RE IV 2, col. 1189-1432 [1924]: sulla battaglia di Argolas si vedano le colonne 1401-1402).

33 Bergmann c.d.p., nrr. 47-49.

34 Daux 1936, 144 n. 3 vs. Krumeich 1997, 192.

35 Pritchett I, 93-100.

36 Ringrazio il Prof. Mario Lombardo per avermi suggerito una comparazione con il monumento dei Tarantini.

37 Bourguet 1912, 15-16; 1914, 155 ss., e più di recente Jacquemin 1999, 217 (nrr. 455 e 456).

38 Cfr. Bourguet 1898, 320-321. Sulle difficoltà di individuare quali e quanti generali fossero a cavallo, cfr. l’editore Bourguet 1898, 323. Si veda anche Roux 1966, 272. Il fatto che i generali menzionati dall’iscrizione siano detti a cavallo (l. 45) consente di escludere che le statue dell’iscrizione fossero quelle del monumento su cui si trova l’iscrizione Syll.3 202B; altrettanto improbabile anche l’identificazione con i due frammenti 37 e 1091 del blocco recante l’iscrizione Syll.3 203A (sebbene ci siano giunti solo i frammenti del blocco, non è così scontato immaginare che facesse parte di una base, dove l’iscrizione sarebbe peraltro posta su due linee). Si sarebbe tentati di ricondurre al IV secolo anche una o più iscrizioni di cui parla Plutarco nel Mulierum virtutes, nella parte già citata dedicata alle donne focidesi. Qui si dice che le azioni eroiche delle donne focidesi sono testimoniate da grandi riti sacrificali (ἱεροῖς τε μεγάλοις) officiati a Iampoli e da antichi decreti (δόγμασι παλαιοῖς). Alla fine della sezione dedicata alle donne focidesi, Plutarco torna su entrambi, in piena simmetria, specificando: i rituali sono gli Elaphebolia, celebrati a Iampoli, mentre gli antichi decreti sono le decisioni (ψηφίσματα), presi rispettivamente dagli uomini, dalle donne e dai bambini focidesi in tre distinte assemblee (si noti come ciò venga sottolineato dalla figura etimologica: ψηφισαμένωνἐψηφίσαντοἐπιψηφίσασθαιψήφισμα Φωκέωνἀπόνοιανοἱ Ἕλληνες ὠνόμασαν). I δόγματα sono dunque ψηφίσματα, e ciò induce a riflettere sul fatto che con questo significato il termine δόγμα ricorre proprio nelle iscrizioni. Quando Plutarco dice che dei fatti che sta per raccontare vi sono delle testimonianze (μαρτυρούμενον), si riferisce evidentemente a testimonianze che i suoi contemporanei possono vedere: i riti officiati a Iampoli e dei decreti che, per essere visti a secoli di distanza, dovevano per forza essere iscritti. È difficile però ipotizzare che nella concitazione del momento, con i Tessali che avrebbero potuto irrompere da un momento all’altro, i Focidesi abbiano fatto incidere una stele in cui riferivano i decreti che regolamentavano il da farsi in caso di disfatta (la decisione disperata del rogo). È più facile immaginare che i palaia dogmata più che essere iscritti su di una stele al momento siano stati commemorati attraverso una stele che li evocava (più o meno estesamente); e che questa stele, probabilmente successiva, doveva essere arcaizzante, altrimenti difficilmente Plutarco avrebbe usato il termine παλαιός.

39 All’analisi delle orazioni è dedicato Franchi 2017.

40 A titolo d’esempio: Aeschin. II 131; 140, 7; 138, 5; 3, 118. Per ulteriori passi e un commento, vedere Franchi 2016, 138-167.

41 A titolo d’esempio: Demosth. XIX 56; 30. Per ulteriori passi e un commento, vedere Franchi 2015.

Torna su

Indice delle illustrazioni

Titolo Fig. 4 : Le impronte del monumento inv. 4553α-ζ= Jacquemin 1999, nr. 397 (visione dall’alto).
Credits Foto dell’Autrice.
URL http://journals.openedition.org/historika/docannexe/image/409/img-1.png
File image/png, 147k
Titolo Fig. 1 : inv. 4553α-ζ= Jacquemin 1999, nr. 397: ricostruzione di Keramopoullos 1907, 95-96.
Credits Ricostruzione di Keramopoullos 1907, 95-96.
URL http://journals.openedition.org/historika/docannexe/image/409/img-2.png
File image/png, 133k
Titolo Fig. 3 : inv. 37+1091= Jacquemin 1999, N. 396.
Credits Ricostruzione di Georges Daux e Antoine Salaç (FD III 3, 150).
URL http://journals.openedition.org/historika/docannexe/image/409/img-3.png
File image/png, 62k
Titolo Fig. 5 : parte centrale dell’iscrizione Syll.3 202B apposta a inv. 4553α-ζ= Jacquemin 1999, nr. 397.
Credits Foto dell’Autrice.
URL http://journals.openedition.org/historika/docannexe/image/409/img-4.png
File image/png, 144k
Titolo Fig. 6: parte finale (?) dell’iscrizione Syll.3 202B apposta a inv. 4553α-ζ=Jacquemin 1999, nr. 397.
Credits Foto dell’Autrice.
URL http://journals.openedition.org/historika/docannexe/image/409/img-5.png
File image/png, 146k
Titolo Fig. 7 : inv. 4553α-ζ= Jacquemin 1999, nr. 397 (dettaglio anatirosi).
Credits Foto dell’Autrice.
URL http://journals.openedition.org/historika/docannexe/image/409/img-6.png
File image/png, 82k
Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Elena Franchi, « Due dediche focidesi per una vittoria contro i Tessali? Analisi comparata di Syll.3 202B e Syll.3 203A »Historika, 7 | 2017, 365-386.

Notizia bibliografica digitale

Elena Franchi, « Due dediche focidesi per una vittoria contro i Tessali? Analisi comparata di Syll.3 202B e Syll.3 203A »Historika [Online], 7 | 2017, online dal 01 mai 2020, consultato il 03 août 2020. URL: http://journals.openedition.org/historika/409

Torna su

Autore

Elena Franchi

elena.franchi@unitn.it

Torna su

Diritti d'autore

Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale (CC BY-NC-ND 4.0)-Creative Commons - Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International - CC BY-NC-ND 4.0

Torna su
  • Logo Celid
  • Logo Università degli Studi di Torino – Dipartimento di Studi Storici - Storia antica
  • Logo DOAJ
  • OpenEdition Journals