Navigazione – Mappa del sito
L’età romana

La titolatura dei sacerdoti del culto imperiale in Grecia: terminologia ed evoluzione

Francesco Camia
p. 451-489

Abstract

La titolatura dei funzionari cultuali offre indicazioni sull’oggetto del culto oltre che sulle mansioni e sulla durata dell’incarico sacerdotale. Il presente articolo esamina il sacerdozio del culto imperiale in Grecia (provincia Achaia). L’analisi sistematica della documentazione epigrafica mostra che in ambito sopra-cittadino il titolo archiereus è pressoché esclusivo. In ambito municipale – cui si riferisce la maggior parte delle attestazioni epigrafiche – il titolo hiereus è gradualmente soppiantato, durante il primo secolo d.C., dal titolo archiereus, secondo una precisa evoluzione che riflette nello stesso tempo il passaggio nell’oggetto del culto da singole figure imperiali all’insieme dei Sebastoi (imperatore regnante, suoi predecessori, altri membri della domus Augusta).

Torna su

Testo integrale

Introduzione

  • 1 Uso il termine ‘sacerdote’ nell’accezione generica di funzionario cultuale, senza alcuna connession (...)
  • 2 Una prosopografia dei sacerdoti dei culti presenti ad Atene in età imperiale è in corso di preparaz (...)

1La presenza di funzionari cultuali è uno dei segnali più evidenti dell’esistenza di un culto. La titolatura dei sacerdoti può fornire indicazioni relative all’oggetto del culto, alle competenze del sacerdote e alla durata dell’incarico. Il presente studio è un’indagine sulla titolatura dei sacerdoti addetti alla venerazione degli imperatori in Grecia. Esso è basato sull’analisi sistematica della documentazione epigrafica, consistente in circa 230 iscrizioni di varia tipologia nelle quali vengono menzionati sacerdoti del culto imperiale1. È bene qui rimarcare che oggetto del presente studio non sono i singoli personaggi che ricoprirono il sacerdozio del culto imperiale in Grecia bensì la terminologia usata nelle iscrizioni per indicare tale sacerdozio2.

  • 3 L’integrazione della Tessaglia e delle Cicladi nel sistema amministrativo romano, caratterizzata da (...)

2L’area geografica oggetto della presente indagine corrisponde grosso modo alla provincia romana di Acaia (essenzialmente la Grecia centromeridionale), con in più la Tessaglia, che al più tardi alla metà del II sec. d.C. dipendeva dal governatore di Macedonia, e le isole Cicladi, che furono associate (almeno la maggior parte di esse) alla provincia d’Asia già dalla tarda età repubblicana; seppur distinte amministrativamente dall’Acaia, Tessaglia e Cicladi sono state prese in considerazione per la vicinanza alla Grecia propriamente detta e per le relazioni che a quella le legavano3.

  • 4 Una di queste attestazioni si riferisce alla città di Tolosa (Agora XVIII H398, l. 8: hiereia della (...)
  • 5 Sul culto imperiale in Grecia vd. Kantirea 2007; Lozano 2010; Camia 2011 e 2016.

3Il totale delle attestazioni epigrafiche di sacerdoti del culto imperiale da me individuate nell’area oggetto di indagine ammonta a 247. Di queste, 43 (= 17,4%) riguardano l’ambito sopra-cittadino, si riferiscono cioè ad individui che svolsero la funzione sacerdotale in organizzazioni ‘federali’ (koina). In questo numero sono comprese anche 14 attestazioni relative a sacerdozi esterni alla Grecia (Asia; Gallia Narbonese) o esercitati nell’ambito di organizzazioni dal carattere ‘panellenico’ o ‘ecumenico’ (Panellenio; xystos ‘ecumenico’ degli atleti): pur riferendosi a personaggi che esercitarono il loro sacerdozio al di fuori della provincia d’Acaia, o comunque in relazione ad un’entità più ampia di essa (hiereus di Adriano Panhellenios, la cui ‘sede’ ufficiale era Atene), anche queste attestazioni costituiscono una testimonianza della terminologia utilizzata in Grecia per indicare il sacerdozio del culto imperiale. Ne ho quindi tenuto conto a fini percentuali, tenendole comunque distinte nell’analisi e discussione dei dati. Le rimanenti 204 attestazioni (82,6%) riguardano invece l’ambito municipale4, quello di gran lunga più documentato in relazione al culto imperiale nella provincia d’Acaia, come confermato anche da altri tipi di documentazione5.

  • 6 L’iscrizione onoraria per il sommo sacerdote della Lega achea M. Aurelio Amaranto, pubblicata da Mo (...)
  • 7 Per l’Attica, in aggiunta alle 90 attestazioni da me considerate, se ne possono ricordare altre tre (...)
  • 8 Camia 2012. Si noti che in Grecia il sacerdozio del culto imperiale, a livello sia municipale che s (...)
  • 9 Nel gruppo delle attestazioni della Grecia centrale, ve n’è una proveniente da Caristo in Eubea (IG (...)

4Le regioni col maggior numero di attestazioni di sacerdoti del culto imperiale sono il Peloponneso, con 95 casi (38,46%), 23 dei quali relativi all’ambito sopra-cittadino6, e l’Attica, con 90 casi (36,44%), 10 dei quali relativi all’ambito sopra-cittadino7. Nel gruppo delle attestazioni di sacerdoti ‘municipali’ ateniesi va tenuto distinto il sottoinsieme (22 attestazioni) relativo al sacerdote di Druso Console (Druso Maggiore), funzione annuale associata alla carica di arconte eponimo e attestata nel periodo ca. 9 a.C. - età traianeo-adrianea8. La Grecia centrale ha restituito 28 attestazioni (11,34%), sei delle quali relative all’ambito sopra-cittadino9, la Tessaglia 17 (6,88%), tre delle quali relative all’ambito sopra-cittadino, le Cicladi 17 (6,88%), una delle quali riguardante un sommo sacerdote della provincia d’Asia (fig. 1).

Fig. 1 : Distribuzione geografica delle attestazioni epigrafiche di sacerdoti del culto imperiale in Grecia

Fig. 1 : Distribuzione geografica delle attestazioni epigrafiche di sacerdoti del culto imperiale in Grecia
  • 10 SEG XI 810 (Sparta; età di Costantino): M. Aurelio Stefano, archiereus degli Augusti a Sparta; IG I (...)

5Le attestazioni epigrafiche di sacerdoti del culto imperiale si distribuiscono quasi totalmente tra l’età augustea e la fine del III secolo: più precisamente, 84 (34%) – 24 delle quali relative al sacerdozio ateniese di Druso Console – si datano tra l’età augustea e la fine del I sec. d.C., 11 (4,45%) al I o II sec. d.C., 86 (34,82%) al II sec. d.C., 25 (10,12%) al II o III sec. d.C., 29 (11,75%) al III sec. d.C.; ci sono poi 4 attestazioni (1,62%) di IV sec. d.C.10 e altre 8 (3,24%) databili genericamente in età imperiale (fig. 2).

Fig. 2 : Distribuzione cronologica delle attestazioni epigrafiche di sacerdoti del culto imperiale in Grecia.

Fig. 2 : Distribuzione cronologica delle attestazioni epigrafiche di sacerdoti del culto imperiale in Grecia.
  • 11 IG II-III2 5206; cfr. Oliver 1950, 88-89.
  • 12 Cfr. IG IX 1, 218 (Anficleia, Focide; età antonina o severiana): M. Ulpio Damasippo archiereus di D (...)
  • 13 IvO 301 (Olimpia; metà del II sec. a.C.) e I.Délos 1528 (Delo; seconda metà del II sec. a.C.): Sele (...)

6Fatta eccezione per un isolato caso di IV sec. d.C. da Atene in cui ricorre il termine φλαμ(ινάλιος), indicante forse un ex sommo sacerdote del culto imperiale11, in Grecia gli unici termini attestati nelle iscrizioni per indicare i sacerdoti addetti alla venerazione degli imperatori sono ἱερεύς e ἀρχιερεύς. Il primo è generico e comune ai sacerdoti dei culti tradizionali, il secondo è più specifico – benché non sia esclusivo del culto imperiale12 e sia attestato, anche in Grecia (di rado e quasi esclusivamente in riferimento ai regni ellenistici), già nella fase precedente13 – e diventerà il titolo per antonomasia dei sacerdoti addetti al culto degli imperatori.

  • 14 IG VII 2517, ll. 8-9. Il personaggio fu anche agonoteta dei Kaisareia Erotideia Rhomaia (anche ques (...)
  • 15 IG IX 2, 333.
  • 16 IG XII 3, 1119 (+ IG XII 3 Suppl. 1119), l. 2. Sul personaggio, cfr. Puech 2002, 248-259; Mendoni - (...)

7Raramente il sacerdozio del culto imperiale è reso con una perifrasi; mi risultano tre sole attestazioni: un’iscrizione di Tebe in cui il sommo sacerdozio rivestito da Lisandro figlio di Policratide è indicato col participio ἀρχιερατεύσαντα14, un’epigrafe di Larissa in cui la funzione della sacerdotessa di Livia, identificata con la dea Era, è indicata col participio ἱερητε[ύσ]ασαν15 e una dedica onoraria di Melo per Ti. Claudio Frontoniano, il cui sommo sacerdozio della provincia d’Asia è indicato col participio ἀρχιερασάμενον16.

  • 17 Corinth 8.1, 80 (ll. 4-5). Sul Panellenio cfr. Graindor 1934, 102-111; Oliver 1970, 90-138; Spawfor (...)
  • 18 Corinth 8.3, 201.
  • 19 Sui sacerdoti sopra-cittadini del culto imperiale vd. infra.

8Nella documentazione epigrafica da me raccolta il titolo hiereus ricorre 77 volte (31,18%), quasi esclusivamente per i sacerdoti del culto imperiale cittadino; le attestazioni relative all’ambito sopra-cittadino sono solo sette. L’eccezione più cospicua – benché limitata a sei soli casi epigraficamente documentati nell’area oggetto di indagine – è rappresentata dai sacerdoti del Panellenio, la nuova ‘lega pan-greca’ fondata da Adriano nel 131/2 d.C., che aveva il suo centro cultuale e amministrativo ad Atene. Nelle iscrizioni il titolare di questo sacerdozio è normalmente designato come “hiereus del (theos) Adriano Panhellenios” (l’epiteto theos è assente nella titolatura di Cn. Cornelio Pulcro, molto probabilmente il primo titolare del sacerdozio, in un’iscrizione precedente la morte di Adriano)17. L’unico altro (possibile) caso a me noto di utilizzo del termine hiereus per designare un sacerdote del culto imperiale a livello sopra-cittadino in Grecia riguarda il koinon acheo. Si tratta di una base di statua, reimpiegata in una casa di Corinto, che reca il nome proprio Ἰουβεντιανός al nominativo accompagnato dalla sola indicazione ἱερεύς18. Nel personaggio si riconosce il sommo-sacerdote della Lega achea P. Licinio Prisco Iuventiano, attestato da altre iscrizioni, tra cui la più importante è IG IV 203, proveniente dall’Istmo, nella quale Iuventiano, designato come archiereus dia biou, appare nelle vesti di finanziatore di una serie numerosa di costruzioni e restauri di edifici nel santuario di Posidone. Tralasciando la dibattuta cronologia del personaggio, da collocare a mio parere in età traianea, va detto che il termine hiereus con cui Iuventiano – ammesso che di lui si tratti – è ricordato sulla base di statua sopra menzionata potrebbe anche riferirsi all’ambito municipale o ad un altro culto, dal momento che, come si vedrà, in tutte le altre attestazioni di sacerdoti addetti al culto imperiale attivi nel koinon acheo o in altre istituzioni ‘federali’ della Grecia romana, questi sono sempre designati come archiereis19.

9Il titolo archiereus ricorre 167 volte (67,62%) ed è utilizzato in ambito sia municipale (131 attestazioni) che sopra-cittadino (36 attestazioni).

  • 20 IG II-III2 5034 (Atene): ἱερέως καὶ ἀρχιερέως Σεβαστοῦ Καίσαρος; IG V 1, 1172 (Gizio), ll. 5-7: ̣ε (...)

10Ci sono poi due attestazioni (0,8%) in cui i termini hiereus e archiereus ricorrono insieme nella titolatura del medesimo sacerdote20 (fig. 3).

Fig. 3 : Titolatura dei sacerdoti del culto imperiale in Grecia.

Fig. 3 : Titolatura dei sacerdoti del culto imperiale in Grecia.

11Le attestazioni di hiereis si datano per lo più entro il I sec. d.C. Al contrario, la maggioranza delle attestazioni di archiereis si data nei secoli secondo e terzo.

12Nell’analisi procederò dapprima alla presentazione della documentazione relativa ai sacerdoti cittadini, in seguito mi occuperò dei sacerdoti sopra-cittadini.

Sacerdoti municipali

Hiereis

  • 21 Vd. nota precedente per i riferimenti e per un ulteriore possibile caso.

13Il termine hiereus (o hiereia) per designare un sacerdote municipale del culto imperiale ricorre 72 volte (34,95% del totale delle attestazioni di sacerdoti municipali), in due casi insieme ad archiereus21.

  • 22 Per un altro possibile caso vd. infra n. 41.

14La città in cui il termine risulta maggiormente attestato in relazione al culto imperiale è Atene, con 41 occorrenze (56,95%) – in un caso insieme ad archiereus –, 22 delle quali relative al sacerdote di Druso console, seguita a distanza dalle città del Peloponneso con 17 occorrenze (23,62%) – in una delle quali insieme a archiereus –, da quelle della Tessaglia con 9 attestazioni (12,5%), da quelle della Grecia centrale con 4 occorrenze (5,55%), e dalle Cicladi con un solo caso certo (1,38%)22.

  • 23 IG II-III2 1995 (l. 2); 3543; SEG XXXI 122; IG II-III2 4193A (ll. 12-13); Agora XVIII H398 (l. 5); (...)
  • 24 IG II-III2 5035; cfr. Maas 1972, 116-117.
  • 25 IG V 1, 1172, ll. 5-7: ̣ερέα κ[αὶ ἀρχιερέα] τοῦ τῶν̣ [Σ]εβαστῶν̣ [οἴκου δι]̣ βίου.
  • 26 SEG XXXIII 342: ἱερέ[α τῶν Σεβαστῶ]ν ἐν Ἀθή[ναις]. All’epoca in cui fu posta l’iscrizione, ad Attic (...)
  • 27 IG V 1, 500 (ll. 5-6) e 525 (ll. 10-13: ἱερέως θεᾶς Ῥώμης, ἀρχιερέως δὶς τῶν Σεβαστῶν καὶ τῶν θείων(...)
  • 28 SEG LIV 556; cfr. Camia 2011; Bouchon 2016, 291-292.
  • 29 SEG XXXVI 543-546; vd. anche IG IX 2, 92 (= SEG XXXIX 493).

15La maggior parte delle attestazioni di hiereis municipali si data entro il Principato di Nerone. Sono pochi i casi che oltrepassano questa soglia cronologica: sette attestazioni relative a hiereis di Druso console ad Atene23, e dalla stessa città anche il sedile del teatro di Dioniso riservato allo hiereus di Adriano Eleuthereus (= del demo di Eleutherai)24; un’iscrizione onoraria di età adrianea da Gizio in Laconia per il sommo sacerdote spartano C. Giulio Euricle, nella quale il termine hiereus era probabilmente accompagnato da quello di archiereus25; l’iscrizione della metà del II sec. d.C. dal ninfeo di Erode Attico ad Olimpia identificante la statua del sommo sacerdote ateniese Ti. Claudio Attico, padre del celebre Erode Attico26; due iscrizioni spartane per l’archiereus Ti. Claudio Spartiatico databili probabilmente durante il regno congiunto di Settimio Severo e di Caracalla, nelle quali Spartiatico è menzionato come hiereus della dea Roma oltre che sommo sacerdote dei Sebastoi27; un’iscrizione di Ipata, in Tessaglia, databile tra la fine del I e gli inizi del II sec. d.C. per la menzione della carica di stratego federale esercitata dall’onorato, lo hiereus imperiale Lico figlio di Ermolao28; infine, una serie di testi di manomissione da Echino, databili nel secondo quarto del II sec. d.C., che menzionano funzionari designati ἱερεῖς καὶ ἀγωνοθέται τῶν Σεβαστῶν, destinatari della tassa dovuta alla città dagli schiavi liberati29.

  • 30 SEG LIV 556, ll. 5-9: ̣ερέα ἑπταετηρικὸν δὶς τῶν Σεβαστῶν καὶ Διὸς Καραιο̣[] γενόμενον καὶ ἱερέα (...)
  • 31 IG IX 2, 44, ll. 5-6: ἀρχιερέα [κ]αὶ ἀγωνοθέτην τῶν Σεβαστῶν Θεῶν ἐπὶ τοῖς δύο στεφά[νοις]; Syll.3 (...)
  • 32 In un lacunoso atto di manomissione da Echino (IG IX 2, 92 = SEG XXXIX 493) è menzionato un unico “(...)
  • 33 SEG XXXVI 543, ll. 8-9 e 544, ll. 8-9: τοῖς κατὰ πόλιν ἱερεῦσι καὶ ἀγωνοθέταις τῶν Σεβαστῶν; SEG XX (...)

16I testi tessali meritano qualche riflessione aggiuntiva. Lico rivestì a Ipata due funzioni sacerdotali, in entrambi i casi per due volte: hiereus heptaeterikos dei Sebastoi e di Zeus Karaios; hiereus dei Sebastoi, di Zeus Soter e di Atena30. Degna di nota nella titolatura di Lico è soprattutto la presenza dell’epiteto heptaeterikos, un hapax che rimanda ad una nota categoria di epiteti che fanno riferimento all’ambito agonistico, indicando la durata periodica, solitamente biennale (trieterikos) o quadriennale (penteterikos), delle relative feste con agoni. L’espressione va intesa quindi come testimonianza dell’esistenza a Ipata di una festa che si svolgeva ogni sei anni in onore degli imperatori e che doveva alternarsi con i ‘normali’ Sebasta annuali. Lo stretto legame tra sacerdozio degli imperatori e agonotesia della festa imperiale, confermato per Ipata dalla titolatura degli archiereis civici di età traianeo-adrianea L. Cassio Petreo e T. Flavio Eubioto31, è attestato anche a Echino dai sopra menzionati “hiereis e agonothetai”. L’assenza dell’articolo davanti al termine agonoteta indica che lo stesso funzionario assommava mansioni sacerdotali e agonotetiche. Le attestazioni epigrafiche mostrano che si tratta di una funzione annuale, collegiale (a ricoprirla sono due individui contemporaneamente32) e civica, il che è ben rivelato, oltre che dal fatto che la tassa è percepita dalla città, dall’espressione κατὰ πόλιν presente talvolta nella titolatura di questi funzionari, riferita agli hiereis o, in un solo caso, alla festa dei Sebasta33.

  • 34 IG VII 572: ἱέρεια Ἀλεξὼ Ἡρακλᾶ Φλ(αβίαν) Δομίτιλλαν Τύχην τοῖς θεοῖς καὶ τῇ πόλει; cfr. Kantirea (...)

17Per completare la serie delle attestazioni di hiereis (potenzialmente) connessi col culto imperiale e databili oltre l’età neroniana va menzionata anche una dedica di tardo I sec. d.C. da Tanagra in Beozia, accompagnante una statua di Flavia Domitilla identificata con la Tyche, nella quale tuttavia il titolo hiereia portato dalla dedicante Alexo potrebbe riferirsi al sacerdozio di Tyche e non a quello di Domitilla34.

  • 35 SEG XI 923, ll. 33-34. Diverso è con ogni probabilità il caso della dedica IG IX 1, 282 da Opunte n (...)
  • 36 Attica: I.Eleusis 297 (Eleusi; principato di Augusto), l. 2: [ ἱερε]̣ς αὐτοῦ; IG II-III2 5034 (At (...)
  • 37 Lo stesso vale in sostanza anche per l’altro titolo, archiereus; vd. infra.
  • 38 IG II-III2 3274, ll. 3-4: ἱερεὺς αὐτοῦ [καὶ τοῦ γένους] διὰ βίου; ma vd. Agora XVIII H258, dove v (...)
  • 39 L’argivo Ti. Giulio Claudiano fu hiereus di un imperatore che può essere identificato con Claudio o (...)
  • 40 Messene: IG V 1, 1449 (l. 7: ἱερεὺς α̣ὐτο̣̣ πρῶτος καὶ ἱερεὺς Ῥώμης); 1450 (ll. 10-11: ἱερεὺς αὐ (...)
  • 41 IG II-III2 5035: Ἱερέως Ἁδριανοῦ Ἐλευθεραίως; cfr. Maas 1972, 116-117. Uno hiereus di Traiano potre (...)

18Per quanto riguarda l’oggetto del culto (fig. 4), esso coincide 15 volte (20%) con un imperatore specifico, che è sempre il princeps regnante salvo in un caso: l’eccezione è rappresentata dalla nota iscrizione di Gizio sui Kaisareia, documento che segue, benché probabilmente di pochissimo, la morte di Augusto, in quanto in esso viene menzionato come imperatore regnante (autokrator) Tiberio; di conseguenza, in questa iscrizione l’espressione θεοῦ Σεβαστοῦ Καίσαρος che accompagna il titolo hiereus portato dallo stratego Chairon va intesa come la resa in greco della terminologia latina Divi Augusti35. L’imperatore più rappresentato è Augusto, con 10 hiereis (in tre casi insieme alla dea Roma)36. A questo proposito, va rilevato che l’espressione (τοῦ) Σεβαστοῦ (Καίσαρος), priva di altri nomi personali, di seguito al titolo sacerdotale hiereus è attestata epigraficamente in Grecia solo in riferimento al fondatore del Principato, risultando di conseguenza un indicatore cronologico37. Nella titolatura degli hiereis attestati in Grecia compaiono anche i seguenti imperatori: Claudio (una volta, ad Atene, forse insieme alla domus Augusta38, e forse una seconda volta ad Argo)39; Nerone (due volte, entrambe a Messene, e forse un’altra volta ad Argo)40; Adriano (una volta, ad Atene)41.

Fig. 4 : Hiereis municipali: oggetto del culto.

Fig. 4 : Hiereis municipali: oggetto del culto.
  • 42 Vd. Camia 2012, 46-49 per una lista delle attestazioni epigrafiche, tutte da Atene fuorché due da E (...)
  • 43 IG II-III2 5096: ἱερήας Ἑστίας ἐπἀκροπόλει καὶ Λειβίας καὶ Ἰουλία[ς]; cfr. anche IG II-III2 5161 (...)
  • 44 IG II-III2 5095: ἱερή[ας] ε — — Ἀν[τ]ωνίας. Lo stesso sacerdozio (ma col titolo archiereus) è attes (...)
  • 45 IG II-III2 5101 (AE 1949, 89): Ὀλβίας ἱερήας καθὑπομνημ[α]τισμὸν καὶ κατὰ ψήφισμα Ἰουλίας τῆς Γ[ε (...)
  • 46 I.Eleusis 354: ̣ []ε̣ρ̣ε̣̣ς [α]̣[τ]̣ς.
  • 47 IG IV2 600, l. 5: ἱέρεια αὐτῆς; cfr. Kantirea 2007, 72. Vd. anche IG II-III2 3266: a causa dello (...)

19In 31 casi (41,33%) l’oggetto del culto servito dagli hiereis imperiali è un altro personaggio della domus Augusta. Ventiquattro di queste attestazioni riguardano lo hiereus ateniese di Druso Console, funzione annuale che, come si è già detto, era regolarmente rivestita dall’arconte eponimo42. Eccezion fatta per Druso, sono attestate esclusivamente figure femminili (e quasi tutte in iscrizioni ateniesi): Livia (insieme a Giulia e a Hestia)43, Antonia Minore44, le figlie di Germanico (e sorelle di Caligola) Giulia Livilla45, Agrippina Minore46, Giulia Drusilla47. Non mi risultano altri hiereis (né archiereis, come si vedrà a breve) di personaggi maschili della domus Augusta diversi dall’imperatore.

  • 48 Cass. Dio LI 20.
  • 49 IG II-III2 3173, ll. 2-3: ἱερέως θεᾶς Ῥώμης καὶ Σεβαστοῦ Σωτῆρος ἐπἀκροπόλει. Allo stesso persona (...)
  • 50 IG II-III2 5114.
  • 51 IG II-III2 3242, ll. 3-4: ἱερέως θεᾶς Ῥώ[μη]ς̣ κ̣[α]̣ Σεβασ[τ]οῦ Καίσαρος. L’assenza sia nella tit (...)
  • 52 Lozano 2004 (vd. anche Schmalz 2009, 103-105 nr. 132); contra, a favore della cronologia tradiziona (...)
  • 53 Vd. infra, n. 67; cfr. Lozano 2002, 25-29. Un sacerdote di Roma e di Augusto potrebbe essere attest (...)
  • 54 IG II-III2 5047: ἱερέως Δήμου καὶ Χαρίτων καὶ Ῥώμης (tarda età augustea; cfr. Maas 1972, 55).
  • 55 I.Eleusis 333 (ca. 20 d.C. o poco dopo), ll. 1-2: ἱερέα συνκλή̣[του Ῥωμαίων] καὶ Δήμου κα̣ Χα̣ρ̣ίτ (...)
  • 56 IG V 1, 1149 e 1150; i due personaggi ricoprirono anche il sacerdozio di Nerone; vd. supra n. 40.
  • 57 IG V 1, 500 (ll. 5-6) e 525 (ll. 10-13); il personaggio, Ti. Claudio Spartiatico, fu anche archiere (...)

20In 13 casi (17,33%) il titolo hiereus è specificato dal riferimento a una divinità direttamente legata a Roma e al culto imperiale, in primo luogo la personificazione della città eterna, la dea Roma, che come è noto rivestì un ruolo importante sia come preludio all’affermarsi del vero e proprio culto imperiale sia nella sua prima fase: è insieme a questa divinità, infatti, che Augusto acconsentì ad essere venerato a livello sopra-cittadino48. Tra i sacerdoti del culto imperiale in Grecia la dea Roma è attestata invece solo in ambito municipale, dieci volte. In tre casi, tutti dall’Attica, compare in congiunzione con Augusto. Uno di questi è l’iscrizione dedicatoria del monoptero di Roma e di Augusto sull’Acropoli, in cui è menzionato il primo sacerdote di questo culto, Pammene figlio di Zenon di Maratona49. La stessa funzione sacerdotale è probabilmente menzionata anche nelle altre due attestazioni: il sedile del teatro di Dioniso recante l’epigrafe ἱερέως θεᾶς Ῥώμης καὶ Σεβαστοῦ Καίσ[αρος]50 e la dedica di riconsacrazione a Livia del Tempio di Nemesi a Ramnunte, nella quale è menzionato [Dem]ostrato di Pallene (anch’egli, al pari di Pammene, stratego degli opliti)51. Se si accetta la datazione in età augustea dell’epigrafe ramnusia, sostenuta da Fernando Lozano52, ad Atene il sacerdozio di Roma e di Augusto potrebbe essere scomparso entro l’età augustea avanzata, forse soppiantato dall’affermarsi del nuovo titolo archiereus, che proprio in questa fase potrebbe fare la sua prima comparsa53. La dea Roma fu venerata ad Atene anche in congiunzione col demos e le Charites, come provato dal sedile del teatro di Dioniso riservato al relativo hiereus54. È noto inoltre uno hiereus del Senato di Roma, del demos e delle Charites, Menandro figlio di Asclepiodoro del demo di Gargetto, attestato da un’epigrafe eleusinia che costituisce l’unica testimonianza di questo sacerdozio55. Hiereis della dea Roma sono attestati anche a Messene durante il Principato di Nerone56 e a Sparta nell’età di Settimio Severo e Caracalla57. Va qui rilevato che non sono mai attestati archiereis della dea Roma.

  • 58 IG IV 799 (prima età imperiale?): ἱερέως Τύχης Σ[ε]βαστῆς.
  • 59 I.Eleusis 341 (ca. 25-65 d.C.?): ἱερεὺς Σεβαστῆς Δικα[ιοσύνης].

21In due casi sono attestate le cd. divinità auguste (o virtù imperiali), a Trezene (Fortuna Augusta)58 e a Eleusi (Iustitia Augusta)59.

  • 60 SEG XXXIII 342 (Olimpia; ca. 150 d.C. – hiereus è attribuito a Ti. Claudio Attico e si riferisce al (...)
  • 61 IG V 1, 1172, ll. 5-7: ̣ερέα κ[αὶ ἀρχιερέα] τοῦ τῶν̣ [Σ]εβαστῶν̣ [οἴκου δι]̣ βίου.
  • 62 IG II-III2 3274, ll. 3-4: ἱερεὺς αὐτοῦ [καὶ τοῦ γένους] διὰ βίου (ma vd. ora la diversa integrazi (...)

22Da notare è la scarsa presenza di riferimenti all’insieme dei Sebastoi (10 attestazioni = 13,33%)60 e alla domus Augusta (una o forse due attestazioni). L’unica zona della Grecia in cui la specificazione Sebastoi ricorre un certo numero di volte è la Tessaglia, con 8 attestazioni, databili tra la seconda metà del I e la prima metà del II sec. d.C.; è interessante rilevare a questo proposito come in questa regione il titolo hiereus rimanga ancora in uso nel secondo secolo, il che potrebbe giustificare il numero più elevato di occorrenze del termine Sebastoi nella titolatura degli hiereis. Quanto alla domus Augusta, essa ricorre nella già menzionata iscrizione di Gizio in onore dello spartano C. Giulio Euricle Erculano, nella quale hiereus è probabilmente accompagnato da archiereus61, e forse anche nell’iscrizione ateniese in onore di Claudio posta dal suo hiereus Dionisodoro figlio di Sofocle del demo del Sunio62.

  • 63 I.Eleusis 334, 335, 355 (Eleusi; I sec. d.C.); IG VII 572 (Tanagra; ultimo quarto I sec. d.C. – hie (...)
  • 64 SEG XLI 328 (Messene, 15 d.C.). Benché non certa – ciò che seguiva la parola hiereus (l. 7) è andat (...)

23Infine, nei rimanenti cinque casi (6,67%) l’oggetto del culto non è specificato (quattro volte)63 o non è più definibile64.

Archiereis

  • 65 Per i riferimenti e per un altro possibile caso di combinazione dei due titoli hiereus e archiereus (...)

24Il termine archiereus per designare un sacerdote del culto imperiale a livello municipale ricorre 133 volte (64,56% del totale delle attestazioni di sacerdoti municipali), in due casi insieme a hiereus65.

25Più di un terzo delle attestazioni si data nel II sec. d.C., più di due terzi nel secondo e/o terzo secolo, mentre le attestazioni sicuramente databili entro la fine del I sec. d.C. sono solo una ventina.

26La regione col maggior numero di occorrenze è il Peloponneso, dove il termine archiereus ricorre 56 volte (42,1%), in un caso insieme a hiereus; più della metà delle attestazioni si riferiscono a Sparta, la città della Grecia dove sono attestati in assoluto più archiereis. Seguono l’Attica con 39 attestazioni (29,32%), in un caso insieme a hiereus, la Grecia centrale con 18 (13,54%), le Cicladi con 15 (11,28%), infine la Tessaglia con cinque attestazioni (3,76%).

  • 66 IG II-III2 5034: ἱερέως καὶ ἀρχιερέως Σεβαστοῦ Καίσαρος.
  • 67 I.Eleusis 344 (ca. 30-37 d.C.). Il primo a rilevare le due fasi di realizzazione di IG II-III2 5034 (...)
  • 68 Un’eccezione è rappresentata dallo hiereus di Druso (maggiore), attestato ancora in età traianea; c (...)
  • 69 L’unico caso a me noto è rappresentato dallo hiereus θεοῦ Σεβαστοῦ Καίσαρος (cioè del Divo Augusto) (...)
  • 70 Per l’unica eccezione a questa ‘norma’, rappresentata da alcuni archiereis spartani di età severian (...)
  • 71 I.Eleusis 334 (ca. 25 d.C.?).
  • 72 IG II-III2 3274 (con Agora XVIII H258); vd. supra n. 62.
  • 73 IG II-III2 3535.
  • 74 IG II-III2 5095 (post 37 d.C.?).
  • 75 IG II-III2 1990 (61/2 d.C.), l. 5: [ἀρχι]ερέως τοῦ οἴκου τῶν Σεβαστῶν. Novio, più volte generale de (...)
  • 76 Cfr. IG II-III2 2773 (metà del III sec. d.C.), ll. 3-4: ἀρ[χιερεὺς Σεβαστῶν καὶ] Σεβαστῆς [οἰκίας] (...)

27Ad Atene il titolo archiereus compare forse già in età augustea, dapprima in associazione con hiereus. A questa conclusione potrebbe condurre l’iscrizione incisa sul sedile della proedria del teatro di Dioniso riservato allo “hiereus e archiereus di Augusto Cesare”: l’epigrafe, in origine per lo hiereus di Augusto, fu in seguito modificata con l’aggiunta del termine archiereus66. La questione è complessa, poiché non è possibile determinare l’esatto momento in cui si verificò questo cambiamento, così da stabilire se il nuovo titolo fece la sua comparsa ad Atene già sotto Augusto o solo in età tiberiana, quando è attestato con sicurezza un archiereus di Tiberio, che è anche il primo sommo sacerdote ateniese noto per nome, Policarmo figlio di Eukles di Maratona67. Nel primo caso (età augustea), l’introduzione del nuovo titolo per il sacerdozio del fondatore del Principato fungerebbe da modello per il periodo successivo (benché, come si vedrà, la sua affermazione non sarà, inizialmente, totale); nel secondo caso (età tiberiana), invece, l’adozione del titolo archiereus da parte del sacerdote di Tiberio avrebbe indotto a modificare, per così dire ‘retroattivamente’, la titolatura del sacerdote di Augusto sul sedile del teatro. Alcune considerazioni mi portano a preferire il primo scenario. In Grecia la venerazione degli imperatori e le sue varie manifestazioni sono incentrate sull’imperatore regnante: il focus è rappresentato dal princeps, e dopo la sua morte passa al suo successore. Ad Atene, in particolare, nella prima età imperiale questa situazione è ben evidenziata dalla presenza di una pluralità di sacerdoti, non solo di singoli imperatori ma anche di altri personaggi della famiglia imperiale68. Con questo quadro mal si concilia, a mio parere, l’ipotesi di una modifica ‘retroattiva’ della titolatura del sacerdote di Augusto, che sarebbe stata indotta dall’introduzione, in età tiberiana, del titolo archiereus. Una tale decisione presupporrebbe, a rigor di logica, che dopo la morte di Augusto sia continuato a esistere un sacerdote addetto specificamente al suo culto, oppure che il sedile inizialmente riservato al sacerdote di Augusto sia stato riservato di volta in volta – fino all’introduzione alla metà del primo secolo della funzione di archiereus dei Sebastoi – al sacerdote dell’imperatore regnante, per il quale nel frattempo era stato adottato il titolo archiereus. Ma nessuna di queste due ipotesi è verosimile alla luce della documentazione esistente in Grecia: da una parte, sacerdozi di singoli imperatori divinizzati sono praticamente assenti69, dall’altra, nella titolatura dei sacerdoti del culto imperiale l’uso del termine Sebastos (eventualmente accompagnato da Kaisar o da un epiteto come Soter), non specificato dal nome di un determinato imperatore, è attestato quasi esclusivamente in riferimento ad Augusto, non come generica indicazione del princeps regnante70. Ritengo dunque che l’iscrizione della proedria del teatro di Dioniso per lo “hiereus e archiereus di Augusto Cesare” (IG II-III2 5034) possa testimoniare, con le sue due fasi, proprio il momento dell’introduzione, ancora in età augustea, del titolo archiereus. Ad ogni modo, che l’affermazione di tale titolo non sia stata né immediata né totale è mostrato in modo chiaro dalla documentazione epigrafica. Il termine hiereus, infatti, non viene soppiantato per designare un sacerdote addetto al culto imperiale, continuando a essere attestato fin verso la metà circa del I secolo sia per l’imperatore regnante sia, soprattutto, per altri membri della famiglia imperiale. La presenza di uno hiereus di Tiberio, Papio di Maratona, attestato a Eleusi da una dedica su architrave per l’imperatore che Clinton ha datato ipoteticamente a un periodo precedente al sommo sacerdozio di Policarmo71, e di uno hiereus di Claudio, Dionisodoro figlio di Sofocle del demo del Sunio (che potrebbe però avere ricoperto anche la funzione di archiereus)72, sono indizio di una fase ancora incerta e per così dire fluida del sacerdozio imperiale ad Atene durante la prima metà del I sec. d.C. Il titolo hiereus sembra tuttavia essere ormai riservato a personaggi femminili della domus Augusta, oltre che a virtù imperiali e personificazioni divine legate allo stato romano (Iustitia Augusta, Senatus Romanus, dea Roma). D’altra parte, la comparsa intorno al 50 d.C. di un archiereus di Antonia Minore73 – per la quale si conosce del resto anche uno hiereus, cui era riservato un sedile nel teatro di Dioniso74 sembrerebbe indicare che il titolo archiereus vada sempre più diffondendosi e che non sia più limitato al solo imperatore regnante. Non è probabilmente un caso che a ricoprire il sommo sacerdozio di Antonia Minore sia quel Ti. Claudio Novio del demo di Oion, notabile ateniese noto da numerose attestazioni epigrafiche, che di lì a poco avrebbe assunto, primo titolare, la nuova funzione vitalizia di “sommo sacerdote degli Augusti” (ἀρχιερεὺς τῶν Σεβαστῶν), la cui introduzione in età neroniana segna una riorganizzazione del culto imperiale ateniese e del relativo sacerdozio, da allora in poi focalizzato sul complesso cultuale dei Sebastoi, comprendente oltre all’imperatore regnante anche gli altri personaggi (vivi o defunti) della Domus Augusta. La nuova titolatura mostra che ormai un unico sacerdote si occupava del culto ‘collettivo’ dell’insieme della famiglia imperiale, il che è ben esplicitato dal riferimento all’οἶκος τῶν Σεβαστῶν proprio in quella che potrebbe essere la più antica attestazione della nuova funzione sacerdotale ricoperta da Novio75. A partire da questo momento, i sacerdoti del culto imperiale civico ateniese recano invariabilmente il titolo archiereus, spesso (ma non sempre) accompagnato dalla specificazione Sebastoi, raramente da un riferimento all’imperatore regnante o alla Domus Augusta76.

28Considerazioni cronologiche a parte, l’introduzione del titolo archiereus per designare il sacerdote del culto imperiale ad Atene mirava non solo ad attribuire maggiore importanza al culto dell’imperatore, ma anche, e forse soprattutto almeno inizialmente, a dare maggiore lustro al suo sacerdote, che assumendo quel titolo veniva a distinguersi da tutti gli altri sacerdoti ateniesi. La documentazione epigrafica mostra come, ad una prima fase caratterizzata da una grande varietà di titolature e di figure sacerdotali, ne faccia seguito una caratterizzata dalla presenza di un unico archiereus addetto al culto collettivo dei Sebastoi.

  • 77 IvO 426 (Olimpia); IG XII 5, 558 e 629 (Kea).
  • 78 IG VII 2713, ll. 27-28 (Acrefia); vd. anche CID IV 139-140 (Delfi), dove però il titolo portato da (...)
  • 79 Syll.3 825C; IG IX 2, 44 (entrambe da Ipata).
  • 80 IG IX 2, 92 (= SEG XXXIX 493); SEG XXXVI 543-546.

29Anche nel resto della Grecia il titolo archiereus riferito al culto imperiale è attestato già nel I sec. d.C., benché non siano note attestazioni di sommi sacerdoti di Augusto né di Tiberio. Si notano alcune differenze tra le varie aree: il titolo compare già nella prima metà del primo secolo nel Peloponneso e nelle Cicladi77, mentre nella Grecia centrale le prime attestazioni si datano in età neroniana78, e solo nel secondo secolo in Tessaglia79, dove la presenza, ad Echino, negli anni ‘30 del secondo secolo, del già menzionato collegio di hiereis del culto imperiale, che assumono contemporaneamente la funzione di agonoteti dei Sebasta, mostra forse una situazione più fluida rispetto al resto della Grecia80. Va detto tuttavia che è difficile e rischioso dare un eccessivo peso a queste differenze, non essendo possibile stabilire se esse riflettano un reale ritardo di alcune zone nell’adozione del titolo archiereus o se più semplicemente questa impressione dipenda dallo stato della documentazione. Ad ogni modo, come ad Atene anche nelle altre città della Grecia è solo a partire dall’età neroniana e flavia che il titolo archiereus va definitivamente generalizzandosi così da essere utilizzato in maniera pressoché esclusiva quasi ovunque.

30Passando ora a considerare l’oggetto del culto quale viene espresso nella titolatura degli archiereis cittadini, le attestazioni epigrafiche permettono di distinguere tre gruppi principali (fig. 5).

Fig. 5 : Archiereis municipali: oggetto del culto.

Fig. 5 : Archiereis municipali: oggetto del culto.
  • 81 IG V 1, 302, 500, 525, 546, 590 (Sparta; vd. infra).
  • 82 IG II-III2 2773 (Atene; metà del III sec. d.C.), ll. 3-4: ἀρ[χιερεὺς Σεβαστῶν καὶ] Σεβαστῆς [οἰκίας (...)
  • 83 IG II-III2 1990 (Atene; 60/1 d.C.), l. 5: [ἀρχι]ερέως τοῦ οἴκου τῶν Σεβαστῶν; Kantirea 2007, 172, n (...)

31In 56 casi (41,48%) il titolo archiereus è specificato dal genitivo plurale Σεβαστῶν, che, come detto, definisce un complesso cultuale comprendente, oltre all’imperatore regnante, anche gli altri membri, vivi o defunti, della famiglia imperiale; in cinque di questi casi il concetto è ulteriormente rimarcato dal riferimento agli “antenati divinizzati” (θεῖοι πρόγονοι)81, in un caso dalla menzione della casa imperiale82. Lo stesso concetto è espresso dal riferimento all’οἶκος dei Sebastoi, che ricorre in altre cinque iscrizioni (in un caso insieme al termine πρόγονοι) con chiaro riferimento alla Domus Augusta83.

  • 84 In uno di questi casi, da Olimpia, lo stato lacunoso dell’iscrizione (IvO 354) impedisce in realtà (...)

32In 47 casi (34,81%) il titolo archiereus ricorre da solo, senza alcuna specificazione84. Tali attestazioni vanno considerate a mio parere come varianti più concise della forma canonica col genitivo plurale τῶν Σεβαστῶν, riferendosi di conseguenza anch’esse all’insieme della famiglia imperiale.

  • 85 In tre casi il nome dell’imperatore (Traiano) è sostituito dal genitivo singolare del dimostrativo (...)
  • 86 IG II-III2 5034: ἱερέως καὶ ἀρχιερέως Σεβαστοῦ Καίσαρος; IG II-III2 3521, ll. 3-4: ἀ[ρχιε]ρέα τοῦ Σ (...)
  • 87 I.Eleusis 344, ll. 1-2: ἀρχιερέα Τιβερίου Καίσαρος Σεβαστοῦ.
  • 88 Acrefia: IG VII 2713, ll. 27-28: ἀρχιερεὺς τῶν Σεβαστῶν διὰ βίου καὶ Νέρωνος Κλαυδίου Καίσαρος Σεβα (...)
  • 89 IvO 437, ll. 6-8: [ἀρχιερέα Αὐτοκράτορ]ος Κα[ίσαρος Ν]έρ̣[βα Σ]εβαστ̣ο[ῦ].
  • 90 Atene: Ameling 1983, II, nrr. 37-38 (ὁ ἀρχιερεὺς αὐτοῦ). Melo: IG XII 3, 1110, l. 3: [ὁ ἀρχιερ]εὺς (...)
  • 91 IG XII 9, 11, l. 1: [ἀρχιερέα θεοῦ Ἁ]δριανοῦ. S. Follet - Delmousou 2009 hanno mostrato che la rest (...)

33Solo in 10 casi (7,51%) il titolo archiereus è specificato dal nome di un determinato imperatore, sempre quello regnante85. Archiereis di uno specifico imperatore sono attestati per Augusto (ad Atene, due volte)86, Tiberio (a Eleusi)87, Nerone (ad Acrefia in Beozia, insieme ai Sebastoi, e forse ad Atene)88, Nerva (a Olimpia)89, Traiano (ad Atene, due volte, e probabilmente a Melo, nelle Cicladi, una volta)90, e Adriano (a Caristo in Eubea)91. La maggior parte di queste attestazioni si data ad una fase in cui si era ormai affermato in maniera generalizzata il titolo ἀρχιερεὺς τῶν Σεβαστῶν; esse vanno quindi considerate come semplici varianti di quella titolatura, non implicando a mio parere che i relativi archiereis servissero il culto del solo imperatore regnante.

  • 92 Nella parte ellenofona dell’Impero il termine θεός viene normalmente attribuito all’imperatore vive (...)
  • 93 IG II-III2 3535. Per due possibili archiereiai di personaggi femminili della famiglia imperiale vd. (...)

34In Grecia non è mai attestato un archiereus di un imperatore divinizzato92. Solo in un caso è attestato un archiereus di un personaggio della famiglia imperiale diverso dal princeps: si tratta del già ricordato Ti. Claudio Novio del demo di Oion, sommo sacerdote di Antonia Minore, ad Atene, alla metà del I sec. d.C.93.

  • 94 IG V 1, 556; IG V 1, 682 (SEG XI add. et corr. 844).
  • 95 Spawforth 1984, 281; Cartledge - Spawforth 2002, 117-118.
  • 96 L’archiereus τῶν Σεβαστῶν καὶ τῶν θείων προγόνων αὐτῶν Ti. Claudio Eudamo, che in base alla titolat (...)

35Nella titolatura degli archiereis municipali di Grecia il genitivo singolare Σεβαστοῦ non specificato da nomi personali (eventualmente accompagnato da un epiteto come Kaisar o Soter) è attestato raramente e quasi esclusivamente in riferimento ad Augusto. L’unica eccezione a me nota è rappresentata dalla città di Sparta. Qui, infatti, in poco più di una decina di iscrizioni databili tra la fine del II e il secondo quarto del III sec. d.C., sono attestati degli archiereis (annuali) nella cui titolatura il genitivo del termine Sebastos si trova ora al singolare ora al plurale ed è accompagnato da un ulteriore riferimento agli antenati divinizzati del Princeps. Fin dalla loro prima attestazione in età traianea, a Sparta i sacerdoti addetti al culto imperiale vengono designati col titolo archiereus, specificato talvolta dal genitivo plurale τῶν Σεβαστῶν, secondo un uso a quel tempo ormai generalizzato in tutta la Grecia. Ad un certo momento, verso la fine del II sec. d.C., appare una nuova titolatura, in due varianti: a) ἀρχιερεὺς τῶν Σεβαστῶν καὶ τῶν θείων προγόνων αὐτῶν; b) ἀρχιερεὺς τοῦ Σεβαστοῦ καὶ τῶν θείων προγόνων αὐτοῦ. Il riferimento agli antenati divinizzati (theioi progonoi) si mantiene per qualche decennio, risultando ancora attestato nel secondo quarto del III sec. d.C., mentre il genitivo singolare Σεβαστοῦ è ancora attestato verso la metà del III sec. d.C. nella titolatura dell’archiereus P. Elio Alcandrida94. A.J.S. Spawforth ha collegato la comparsa della nuova titolatura degli archiereis spartani ad una riorganizzazione del culto imperiale che rifletterebbe la propaganda dinastica ufficiale di Settimio Severo, il quale nel 195 d.C. riabilitò la memoria di Commodo, chiedendo al Senato di divinizzarlo, e rivendicò di essere stato adottato da Marco Aurelio, diventando così di fatto fratello adottivo del suo predecessore95. In effetti, non è forse casuale che il riferimento agli antenati divinizzati nella titolatura dei sacerdoti del culto imperiale spartani non si mantiene probabilmente oltre la morte dell’ultimo dei Severi, Severo Alessandro (235 d.C.). Inoltre, secondo Spawforth, gli archiereis spartani nella cui titolatura è presente il singolare Sebastos devono avere servito in un periodo di regno di un solo imperatore (vale a dire 195-198, 212-217, 218-235 d.C.), mentre quelli nella cui titolatura è presente il plurale Sebastoi avranno esercitato la loro funzione in un periodo di regno congiunto (quindi 198-212 d.C.). Il modello escogitato da Spawforth mi sembra condivisibile e la sua validità non è minata a mio parere da quei rari casi che se ne discostano, rappresentando piuttosto questi ultimi delle eccezioni alla regola96. Va tuttavia sottolineato come quello spartano rappresenti un caso a parte rispetto al panorama generale del resto della Grecia: come si è visto, infatti, nella titolatura dei sacerdoti del culto imperiale delle altre città non è mai attestato un riferimento agli antenati divinizzati, e a partire dall’ultimo terzo del I sec. d.C. l’oggetto del culto, laddove specificato, è indicato nella maggior parte dei casi col genitivo plurale τῶν Σεβαστῶν, che indica il complesso della domus imperiale senza alcun riferimento alla presenza di uno o più imperatori contemporaneamente al potere in quel dato momento storico. Per questo motivo, in generale bisogna evitare di interpretare la presenza del plurale Sebastoi nella titolatura di un sacerdote del culto imperiale come un indicatore cronologico per datare la relativa iscrizione ad un periodo di regno congiunto.

Sacerdoti sopra-cittadini

  • 97 Corinth 8.1, 80-81 e Corinth 8.3, 139 (Corinto; principato di Adriano); IG II-III2 3626 (Atene; sec (...)
  • 98 Sommo sacerdozio d’Asia: SEG XLVII 163, l. 46 (Atene; principato di Adriano); I.Eleusis 463, l. 16 (...)
  • 99 IG V 1, 669, ll. 5-9 (Sparta; II-III sec. d.C.); F.Delphes III 1, 557 (Delfi; post 250 d.C.). Vd. a (...)
  • 100 IG II-III2 3538; Corinth 8.2, 68.
  • 101 IG II-III2 4193A (ll. 6-7); Agora XVIII H398 (ll. 2-3).

36Le attestazioni epigrafiche di sacerdoti sopra-cittadini del culto imperiale in Grecia ammontano a 43 (17,4% del totale delle attestazioni di sacerdoti del culto imperiale). In soli sette casi il titolo portato da questi sacerdoti è hiereus: sei riguardano il sacerdozio di Adriano Panhellenios97, mentre l’altro (possibile) caso è quello, già menzionato, documentato dall’epigrafe Corinth 8.3, 201 per Ἰουβεντιανὸς ἱερεύς, probabilmente riferibile al sommo sacerdote della Lega achea P. Licinio Prisco Iuventiano. Negli altri 36 casi il titolo è sempre archiereus; otto di queste attestazioni sono relative a koina di province esterne alla penisola greca (Asia, Gallia Narbonese)98 e allo xystos ecumenico degli atleti99. Quasi la totalità delle attestazioni si data al secondo e al terzo secolo. Oltre a due iscrizioni onorarie di Atene e di Corinto per il primo sommo sacerdote della Lega achea, C. Giulio Spartiatico100, e a un catalogo efebico ateniese del 61/2 d.C. nella cui intestazione viene menzionato come ἀρχιερεὺς Νέρωνος Κλαυδίου Καίσαρος Γερμανικοῦ καὶ Διὸς Ἐλευθερίου ἐκ τῶν Ἑλλήνων il più volte ricordato Ti. Claudio Novio di Oion, che a quel tempo aveva già assunto la funzione municipale di sommo sacerdote del culto imperiale ateniese, le uniche due attestazioni sicuramente databili al I sec. d.C. si riferiscono al sommo sacerdote della Gallia Narbonese Q. Trebellio Rufo, onorato ad Atene in età domizianea101. Ciò che interessa notare è che anche in questi casi ‘precoci’ il termine impiegato è archiereus: diversamente da quanto osservato per i sacerdoti municipali, quindi, in ambito sopra-cittadino questo termine è stato utilizzato fin da subito in maniera pressoché esclusiva, l’unica eccezione essendo di fatto rappresentata dagli hiereis del Panellenio adrianeo.

  • 102 IG II-III2 3538, ll. 2-6; cfr. Spawforth 1994, 218-219; Roman Peloponnese II, LAC 509; Kantirea 200 (...)
  • 103 Corinth 8.2, 68, ll. 5-6 e 8-9 (archieri Domus Aug(ustae) [in] perpetuum).
  • 104 Ti. Claudio Policrate, Ti. Claudio Saethida Celiano (I), C. Cornelio Pulcro, Ti. Claudio Saethida C (...)
  • 105 Si veda in primo luogo Puech 1983.
  • 106 In entrambi è attestato il culto degli imperatori.
  • 107 Il titolo hiereus/archiereus attestato epigraficamente per alcuni epimeleti degli Anfizioni (CID IV (...)
  • 108 A tal proposito si vedano le importanti osservazioni di Lozano 2010, 119-124; cfr. anche Lozano c.d (...)

37Più della metà delle attestazioni proviene dal Peloponneso, il che non sembra dovuto al caso. Tra le organizzazioni di tipo ‘federale’ della Grecia romana, infatti, quella che ha restituito il maggior numero di documenti sul culto imperiale, e l’unica per la quale si conosca una serie cospicua di sommi sacerdoti degli imperatori, è il koinon acheo, che fu anche il più importante tra i koina regionali della Grecia romana, giungendo per un breve periodo a coincidere geograficamente quasi con l’intera provincia d’Acaia, o comunque a rappresentarla a livello di culto imperiale. Tra la fine del regno di Tiberio e la fine del regno di Nerone, infatti, la Lega achea si mise alla testa di una confederazione di koina, dalla designazione mutevole nelle iscrizioni, nel cui seno si svilupparono, prima forse solo informalmente, poi, con l’avvento al potere di Nerone, in maniera più ufficiale, manifestazioni cultuali per gli imperatori coordinate da un sommo sacerdote (della Lega achea). Il primo titolare di questo nuovo sacerdozio vitalizio fu, alla metà del I sec. d.C., lo spartano C. Giulio Spartiatico. La titolatura ufficiale di questa funzione è probabilmente quella presente in un’iscrizione ateniese in suo onore posta dal suo amico Ti. Claudio Teogene del demo di Paiania, sacerdote di Posidone Eretteo: ἀρχιερέα θε[ῶν] Σεβαστῶν κ[αὶ γέ]νους Σε[β]αστῶν ἐκ τοῦ κοινοῦ τῆ[ς] Ἀχαίας διὰ βίου102. La stessa funzione è espressa, in latino, in un’iscrizione onoraria da Corinto per Spartiatico, che nella colonia romana fu anche flamen Divi Iuli103. Dopo Spartiatico sono attestati altri nove archiereis della Lega achea; cinque di essi, la cui attività è databile grosso modo nel periodo compreso tra l’età traianea e gli inizi del III sec. d.C., associarono alla funzione di archiereus la carica di elladarca (con competenze forse giudiziarie ma non definibili in maniera precisa)104. La presenza del termine Helladarches, richiamando termini affini attestati in altre province della parte ellenofona dell’Impero quali Asiarches, Thrakarches, Makedoniarches, che sono portati dai sommi sacerdoti sopra-cittadini del culto imperiale, ha indotto a identificare l’archiereus del koinon acheo col sommo sacerdote provinciale d’Acaia105. In realtà, la Grecia non sembra avere mai avuto un’organizzazione ‘provinciale’ del culto imperiale paragonabile a quella attestata, ad esempio, in Asia Minore. La coesistenza nel territorio della penisola greca di koina regionali, organizzazioni sopra-regionali (Anfizionia delfica) ed entità a vocazione panellenica (koinon di Platea e Panhellenion106); la presenza di un’antichissima organizzazione politico-religiosa (l’Anfizionia) trasversale alle più recenti distinzioni provinciali tracciate dalle autorità romane nella quale erano rappresentati città e ethne appartenenti a tre diverse province dell’Impero (Acaia, Epiro, Macedonia) e per la quale sono noti elladarchi, ma nessun sicuro sacerdote del culto imperiale107; l’oscillazione dei confini di Acaia e Macedonia e la presenza di una regione, la Tessaglia, che sembra fare da ‘cerniera’ tra le due province mantenendo al contempo una sua autonomia che si riflette anche nell’esistenza di un proprio autonomo sommo sacerdote del culto imperiale, sono tutti elementi che riflettono la specificità della realtà ellenica rispetto ad altre province dell’Impero e danno ragione di una organizzazione del culto imperiale evidentemente ancorata, non solo dal punto di vista cultuale e rituale, ma anche a livello organizzativo e amministrativo, al passato preromano. Quindi, benché in età neroniana, come supposto da Spawforth, il koinon acheo sembri assumere una connotazione quasi ‘provinciale’ – funzione che in parte, ma solo limitatamente all’organizzazione del culto imperiale, potrebbe avere continuato a svolgere anche in seguito per alcune regioni della Grecia centrale (sostanzialmente quelle già rappresentate nella cd. ‘confederazione panachea’) – è preferibile non utilizzare l’espressione “sommo sacerdote provinciale” in riferimento agli archiereis attestati nelle iscrizioni della Grecia continentale, ma definire questi ultimi semplicemente come sommi sacerdoti sopra-cittadini o ‘federali’108.

  • 109 Bouchon 2016, 296 (Larissa; ca. 160-180; iscrizione inedita): ἀρχιερεῖς καὶ ἀγωνοθετὲ (sic) τοῦ κοι (...)
  • 110 Bouchon 2016, 287 n. 8 (II sec. d.C.; inedita): ἀρχιερεὺς καὶ ἀγωνοθέτης.
  • 111 Oliver 1970, nr. 32 (Amphikleia; età antonina o severiana), ll. 4-5: ἀρχιερέα τῆς Βοιωτίας.
  • 112 IG II-III2 1990 (Atene; 61/2 d.C.), ll. 3-4: ἀρχιερέως Νέρωνος Κλαυδίου Καίσαρος Γερμανικοῦ καὶ Διὸ (...)

38Oltre a quello acheo, per il quale si conoscono 23 attestazioni relative ad archiereis, gli altri koina di Grecia di cui sono noti dei sommi sacerdoti sono quello tessalico (2 o 3 attestazioni)109, quello dei Magneti (1)110, quello beotico (1)111 e, in ambito sopra-regionale, il cd. koinon degli Elleni di Platea (1)112.

  • 113 Vd. supra n. 97.
  • 114 Corinth 8.3, 138, ll. 5-7: [ἑ]λλαδάρχη̣[ν κ]α̣ὶ ἀρχιερέα̣ [Αὐτοκράτορος Καίσαρος Τ]ραιανοῦ Ἁδ[ριαν] (...)
  • 115 Vd. supra n. 113.
  • 116 IvO 473 (Olimpia; 212-213 d.C.), ll. 9-13: ἀρχιέρεια διὰ βίου τοῦ κυρίου ἡμῶν αὐτοκράτορος καὶ τοῦ (...)
  • 117 IG V 1, 1455, ll. 2-5: ἀρχιερεὺς τῶν Σεβαστῶν διὰ βίου καὶ ἑλλαδάρχης ἀπὸ τοῦ κοινοῦ τῶν Ἀχαιῶν διὰ (...)
  • 118 Moretti 1953, 255; Corinth 8.2, 68 (in latino).

39Sacerdoti di uno specifico imperatore sono attestati in nove casi (20,45%), sei dei quali relativi allo hiereus di Adriano Panhellenios113; oltre ad Adriano, che è attestato una volta anche nell’ambito del koinon acheo114, compaiono Nerone (nell’ambito del koinon di Platea, in associazione con Zeus Eleutherios)115 e Caracalla (nell’ambito del koinon acheo)116. La presenza di questi imperatori potrebbe avere qualche relazione con la loro personalità e/o con il particolare rapporto che instaurarono col mondo greco. In tre iscrizioni (6,81%) il titolo archiereus è specificato dal genitivo plurale Σεβαστῶν, in un caso insieme alla Domus Augusta117; in altre due iscrizioni, entrambe relative al koinon acheo, è presente solo il riferimento alla Domus Augusta (οἴκος τῶν Σεβαστῶν)118. Nella maggior parte dei casi (29 = 65,9%), tuttavia, il termine archiereus è usato da solo, senza indicazione dell’oggetto del culto, spesso accompagnato dall’indicazione dell’ambito geografico (koinon) – o dell’organizzazione (xystos) – cui il sommo sacerdozio si riferisce.

Associazione tra sacerdozio del culto imperiale e altre funzioni

  • 119 IG IV 795. Secondo Puech 1983, 20, invece, all’epoca in cui fu posta l’iscrizione, Pulcro non avreb (...)
  • 120 IvO 460, 483.
  • 121 In un’iscrizione posta a Messene dal koinon acheo in onore del messenio Ti. Claudio Dionisio Crispi (...)
  • 122 Per il periodo in questione mi sono noti due casi di possibile assunzione della sola carica di ella (...)

40Come si è visto, tra l’età traianea e gli inizi del III sec. d.C. gli archiereis del koinon acheo associarono alla funzione di sommo sacerdote quella di elladarca. Il nuovo titolo diventa parte integrante della loro titolatura ufficiale; solo in un caso, in un’iscrizione trezenia della fine del principato di Traiano in onore di Cn. Cornelio Pulcro, quest’ultimo è designato archiereus senza ulteriori specificazioni, ma si tratta probabilmente di una formulazione abbreviata119. Al contrario, nessuno dei sommi sacerdoti ed elladarchi della Lega achea di cui si ha conoscenza è mai attestato nelle iscrizioni solamente come elladarca; ‘semplici’ elladarchi ricompaiono nel terzo secolo120. Ciò sembra mostrare che in un determinato periodo, corrispondente grosso modo al secondo secolo, le funzioni di archiereus e elladarca della Lega achea erano tra loro strettamente unite in una associazione di fatto e di sostanza. Più difficile è stabilire se la funzione di elladarca sia stata associata al sommo sacerdozio della Lega achea fin dalla sua introduzione121, e se nel periodo in cui è attestata l’associazione sommo sacerdozio-elladarchia quest’ultima potesse talvolta essere assunta indipendentemente dalla funzione di sommo sacerdote122.

  • 123 Cfr. da ultimo Camia 2012.
  • 124 IG II-III2 1076; cfr. Geagan 1967, 9.

41Un caso affine a quello degli archiereis ed elladarchi del koinon acheo è rappresentato in ambito municipale dallo hiereus ateniese di Druso hypatos (= consul), funzione che a partire dalla sua introduzione, a seguito dell’istituzione di un culto per Druso Maggiore probabilmente subito dopo la sua morte avvenuta in Germania nel 9 a.C., e fino alla sua eliminazione al più tardi sotto Adriano (ma forse già in età traianea), fu assunta regolarmente dall’arconte eponimo123. È significativo a tal proposito che il sacerdozio di Druso sia menzionato in maniera regolare nelle liste arcontali; l’unica altra categoria di documenti epigrafici in cui esso è menzionato in maniera (apparentemente) regolare, insieme alla funzione arcontale, è rappresentata dalle iscrizioni onorarie, che costituiscono anche l’unica tipologia di testi in cui tale funzione ricorre al di fuori della formula eponimica. Il titolo ἱερεὺς Δρύσου ὑπάτου, a quanto mi risulta, non ricorre mai da solo, a riprova del fatto che questo sacerdozio costituiva una sorta di appendice alle normali funzioni dell’arconte, al quale, nel lasso di tempo in cui fu praticato un culto di Druso Maggiore, spettavano le mansioni sacerdotali in relazione a quel culto. Ad Atene, al più tardi agli inizi del III sec. d.C., l’arconte eponimo prendeva parte alle celebrazioni del culto imperiale sia individualmente sia come membro del collegio arcontale, come è attestato da un decreto sugli onori cultuali per l’imperatrice Giulia Domna; è probabile che le stesse funzioni le svolgesse già in precedenza, il che potrebbe avere contributo a far sì che proprio l’arconte eponimo assumesse il sacerdozio di Druso console124.

  • 125 SEG XXXVI 543-546.
  • 126 IG IX 2, 92 (= SEG XXXIX 493); vd. supra n. 32.
  • 127 Vd. supra nn. 30-31.

42La doppia funzione (sacerdozio del culto imperiale + carica x) poteva essere ricoperta anche da più individui contemporaneamente, come mostrano i già ricordati testi di manomissione tessali in cui sono menzionati degli “hiereis e agonothetai τῶν Σεβαστῶν”, addetti a riscuotere la tassa dovuta alla città di Echino dagli ex-schiavi per la loro liberazione125. Dal momento che, salvo in un caso126, in questi testi vengono sempre menzionati per nome due individui, si potrebbe ipotizzare che essi si dividessero le mansioni rispettivamente di sacerdote e di agonoteta, ma è forse più verosimile immaginare che entrambi assommassero nella propria persona mansioni sia sacerdotali che agonotetiche. Che nel mondo greco i sacerdoti del culto imperiale svolgessero compiti anche in relazione alle feste per gli imperatori è del resto ben documentato, benché queste funzioni vengano rese esplicite solo in alcuni casi, come è mostrato in un’altra città tessalica, Ipata, dalle titolature di Lico figlio di Ermolao, hiereus heptaeterikos dei theoi Sebastoi, e di T. Flavio Eubioto e L. Cassio Petreo, archiereis con mansioni relative alla festa dei Sebasta127.

  • 128 Cfr. Follet 1976, 126-131; Spawforth - Walker 1985, 84-86; Camia 2011, 45 n. 125.

43La combinazione di funzioni magistratuali e sacerdotali e l’accumulo in un’unica persona di cariche di vario tipo rappresentano un fenomeno diffuso e dalle molteplici implicazioni, che esula dallo specifico oggetto di indagine del presente studio e che non più qui essere analizzato in dettaglio. Mi limiterò a indicare un ulteriore caso relativo al culto imperiale, quello dello hiereus di Adriano Panhellenios: dalla documentazione epigrafica ad esso relativa risulta infatti che questo sacerdozio era spesso associato all’agonotesia dei Panhellenia e che entrambe queste funzioni venivano talvolta rivestite dall’arconte del Panellenio128.

Durata del sacerdozio

44Alcune considerazioni, tra cui in particolare il numero relativamente limitato di individui che ricoprirono il sacerdozio del culto imperiale e il fatto che non risultino attestate vere eponimie da parte di sacerdoti degli imperatori, inducono a ritenere che la durata di questa funzione in Grecia fosse per lo più vitalizia. La documentazione epigrafica, comunque, non offre risposte definitive in tal senso, dal momento che l’unico criterio sicuro, vale a dire la specificazione διὰ βίου nella titolatura dei sacerdoti, è utilizzato in maniera irregolare.

  • 129 In un caso è in latino con l’espressione in perpetuum (Corinth 8.2, 68, l. 9).

45Nella documentazione in esame l’espressione διὰ βίου ricorre 24 volte nella titolatura dei sacerdoti cittadini, 17 volte in quella dei sacerdoti sopra-cittadini129.

  • 130 F.Delphes III 1, 557 (Delfi; post 250 d.C.), ll. 1-3: ὁ ἀρχιερεὺς τοῦ [σύμπαντος ξυστοῦ δι]ὰ βίου ξ (...)

46Sedici delle attestazioni relative all’ambito sopra-cittadino si riferiscono al koinon acheo, la restante riguarda lo xystos ecumenico degli atleti130. Benché per gli altri koina di Grecia per cui sono attestati archiereis non si abbiano indicazioni relative alla durata dell’incarico sacerdotale, è probabile che fosse anch’esso vitalizio.

  • 131 Cfr. Clinton 2008, 301: «there is no evidence that this priesthood was ever anything but a lifetime (...)
  • 132 Argo: SEG LVIII 323 (principato di Claudio o Nerone); Kantirea 2007, 172, n. 2 (principato di Domiz (...)
  • 133 Acrefia: IG VII 2713 (ca. 67 d.C.), ll. 27-28. Cheronea: IG VII 3426 (ca. 200-250 d.C.), ll. 9-10.
  • 134 IG VII 111 (II-III sec. d.C.).
  • 135 IG XII 5, 292 (III sec. d.C.).
  • 136 IG XII 5, 937 (principato di Antonino Pio), l. 7: ὁ ἀρχιερεὺς τὸ δεύτερον.
  • 137 SEG LIV 556.
  • 138 Vd. Camia - Kantirea 2010, 392-393 (e n. 145).

47In ambito municipale la situazione sembra più diversificata. Ad Atene la nuova carica di “archiereus dei Sebastoi” era vitalizia, benché solo in alcuni casi ciò venisse esplicitato a livello epigrafico. Vitalizi erano probabilmente anche i sacerdozi di singoli imperatori o membri della famiglia imperiale che sono attestati nella fase precedente l’introduzione del nuovo sacerdozio131. Sacerdoti vitalizi sono attestati anche nel Peloponneso132, in Beozia133, a Megara134 e nell’isola di Paro135. D’altronde, in un’altra isola delle Cicladi, Tino, è attestato un sacerdozio annuale136, e in Tessaglia, a Ipata, il già menzionato Lico figlio di Ermolao tenne per due volte il sacerdozio del culto imperiale137. Mutamenti possono essere intervenuti nel corso del tempo, come a Sparta, dove la documentazione epigrafica permette di seguire il passaggio del sommo sacerdozio del culto imperiale dalla durata vitalizia a quella annuale verso la metà del II sec. d.C.138.

Dall’analisi alla sintesi: uno sguardo d’insieme sul sacerdozio del culto imperiale in Grecia

48Le attestazioni epigrafiche di hiereis e archiereis addetti al culto degli imperatori romani in Grecia confermano l’immagine di precoce e consistente diffusione del culto imperiale in terra greca offerta da altri tipi di documentazione. La distribuzione geografica riflette il diverso peso politico e socio-economico delle regioni della Grecia romana, con l’Attica e il Peloponneso a fare ‘la parte del leone’. I dati relativi alla cronologia e all’oggetto del culto rivelano una sostanziale omogeneità, pur con qualche variazione tra le differenti aree.

49In ambito sopra-cittadino il titolo di gran lunga più attestato è archiereus, fin dalle prime esperienze di culto imperiale nelle organizzazioni ‘federali’ (koina) della Grecia romana alla metà del I sec. d.C. A parte l’ambiguo riferimento allo hiereus Iuventiano nell’epigrafe corinzia su base di statua già ricordata (Corinth 8.3, 201), l’unica vera eccezione a questa ‘regola’ è rappresentata dallo hiereus di Adriano Panhellenios, che si occupava del culto di Adriano – cui dopo la sua morte vennero associati anche gli altri imperatori – nell’ambito del Panellenio. Due aspetti di questo culto vanno a mio parere tenuti presenti nel considerare questa deviazione dalla ‘norma’ che vede solo archiereis occuparsi in Grecia di culti imperiali sopra-cittadini: a) il culto che Adriano riceveva nell’ambito del Panellenio era strettamente associato alla figura di Zeus, il ‘re’ degli dèi tradizionali; b) il sacerdozio di Adriano Panhellenios era spesso rivestito dall’arconte del Panellenio, funzione mutuata dall’ambito cittadino, per lo più insieme alla funzione di agonoteta delle feste Panhellenia. Alla scelta (da parte greca) del titolo hiereus per questo sacerdote, inoltre, potrebbe non essere estranea la nota predilezione del graeculus Adriano per la cultura greca di età classica, in particolare ateniese. Alla luce del coinvolgimento personale di Adriano anche nelle istituzioni religiose del Panellenio, gli elementi sopra indicati possono contribuire a spiegare l’adozione del ‘classico’ titolo hiereus per il sacerdote di Adriano Panhellenios.

  • 139 Attica (archiereus: 39; hiereus: 41, 22 delle quali si riferiscono però allo hiereus annuale di Dru (...)

50Anche in ambito cittadino il titolo più diffuso per designare un sacerdote del culto imperiale è archiereus, benché hiereus sia molto più presente che in ambito sopra-cittadino. Con la sola eccezione della Tessaglia, dove hiereus è attestato circa il doppio delle volte rispetto ad archiereus (9:5), nelle altre zone della Grecia si nota una generale prevalenza del termine archiereus139. Ma l’aspetto a mio parere più significativo che emerge dall’analisi condotta nelle pagine precedenti riguarda l’esistenza di una linea evolutiva nella titolatura dei sacerdoti municipali degli imperatori e nell’oggetto del culto servito da quelli. Si considerino i seguenti dati. La maggior parte delle attestazioni di hiereis del culto imperiale nelle città della provincia d’Acaia (comprese la Tessaglia e le Cicladi) si data al I sec. d.C.; dopo l’età neroniana il titolo è raramente utilizzato in relazione al culto degli imperatori. Di converso, il titolo archiereus, benché già attestato a partire dalla prima età imperiale, si diffonde soprattutto a partire dalla metà - ultimo terzo del I sec. d.C., andando di fatto a sostituirsi gradualmente e poi a soppiantare in maniera quasi definitiva il titolo hiereus per indicare un sacerdote del culto imperiale. A questa differenza cronologica si intreccia una differenza nell’oggetto del culto. Mentre sono noti sia hiereis dell’imperatore regnante (in un solo caso di un Divus, nella fattispecie Augusto) sia di altre figure – quasi esclusivamente femminili – della famiglia imperiale sia della dea Roma o di altre divinità legate a Roma e al culto imperiale, hiereis dei Sebastoi e, ancor più, della Domus Augusta sono rari. Al contrario, tra gli archiereis i più attestati sono proprio quelli che servono il culto dell’insieme degli Augusti, la cui titolatura è specificata dal genitivo plurale Σεβαστῶν o da espressioni affini che si riferiscono alla famiglia imperiale nel suo complesso, e a cui sono accostabili anche gli archiereis il cui titolo non reca alcuna specificazione. Di gran lunga meno numerose sono le attestazioni di archiereis di uno specifico imperatore, che è invariabilmente il princeps regnante.

  • 140 Cfr. per la provincia d’Asia Frija 2010, 298-308; 2012 (spec. 49-54); 2016, 161-164.

51Il quadro che ne risulta è chiaro. Si ha un’evoluzione dal titolo hiereus verso il titolo archiereus, che riflette al contempo un passaggio nell’oggetto del culto da singole figure (imperatore regnante o altri membri della Domus Augusta) all’insieme dei Sebastoi. Il mutamento di prospettiva dal princeps alla Domus Augusta, testimoniato dal mutamento nella titolatura dei sacerdoti del culto imperiale, non è un fenomeno esclusivo della Grecia né della sola parte orientale dell’Impero140, configurandosi piuttosto come una tendenza generalizzata in cui si potrebbe anche riconoscere qualche impulso (se non precise direttive) da parte del centro del potere. Come per altri processi di questo tipo, si sarà trattato di un’evoluzione graduale, con tempi e modalità diverse a seconda delle aree, solo in parte ricostruibili a causa della natura diseguale della documentazione. Ad esempio ad Atene, una delle aree meglio note, l’affermazione del termine archiereus sembra essere stata più precoce che altrove. Il titolo, riservato fin dalla sua introduzione all’imperatore regnante, è forse già attestato in relazione ad Augusto (inizialmente insieme al titolo hiereus, come si è visto), e agli inizi del Principato di Nerone è diventato, da solo o specificato da un riferimento ai Sebastoi, il titolo ufficiale dei sacerdoti del culto imperiale civico. Le uniche eccezioni a me note sono rappresentate dallo hiereus di Adriano Eleuthereus, attestato una sola volta su di un sedile del teatro di Dioniso, e dalla funzione di hiereus di Druso hypatos, ricoperta congiuntamente dall’arconte eponimo e attestata fino a età traianeo/adrianea. La stessa precocità ed esclusività nell’uso del titolo archiereus non si incontra invece in altre zone, come a Echino, in Tessaglia, dove ancora nel secondo quarto del II sec. d.C. è regolarmente operante un collegio di “hiereis e agonoteti τῶν Σεβαστῶν”. Ad ogni modo, tenute in debito conto le differenze regionali, alla fine del I sec. d.C., se non prima, l’affermazione del titolo “archiereus dei Sebastoi (vel similia) nelle città della Grecia sembra essere un fatto compiuto e generalizzato, e il titolo archiereus è ormai così strettamente associato al culto degli imperatori da rendere superflua qualsiasi specificazione aggiuntiva: l’archiereus è un sacerdote addetto al culto degli imperatori, in ambito sia cittadino che sopra-cittadino, benché in rari casi il termine, specificato dal genitivo della relativa divinità, continui ad essere utilizzato per indicare sacerdoti di altri culti.

  • 141 Clinton 1997, 169; cfr. anche Spawforth 1997, 185.
  • 142 Per lo stesso motivo il termine archiereus è utilizzato da autori greci come Polibio e nelle iscriz (...)
  • 143 Come indicato da Frija 2010, 293, l’archiereus del regno attalide (probabilmente un sommo-sacerdote (...)

52Ci si può chiedere quale sia stata la ragione della diffusione e del prevalere definitivo del titolo archiereus per indicare i sacerdoti addetti al culto degli imperatori. Un motivo ha evidentemente a che fare con l’etimologia stessa del termine, indicante il “sommo sacerdote”, «the priest with the highest standing among all priests in a given community» nella definizione data da Kevin Clinton141, quindi il più adatto per la suprema autorità politica dell’epoca. Nelle fonti greche il titolo è assegnato a sacerdoti che si pongono su di un livello più alto rispetto agli altri sacerdoti (hiereis); esso si trova utilizzato in riferimento a sistemi religiosi e politici sopra-cittadini (o non cittadini) eterogenei, caratterizzati dalla presenza di una gerarchia sacerdotale e di un collegio di sacerdoti, di cui l’archiereus occupa la sommità142. Utilizzato in età ellenistica generalmente per indicare il sacerdote addetto al culto del sovrano a livello sopra-cittadino, in età imperiale il suo uso si diffonde anche in ambito cittadino143.

  • 144 Sulla questione, per le città dell’Asia Minore cfr. quanto dice Frija 2010, 305, la quale esprime d (...)

53All’etimologia e all’applicazione concreta del termine archiereus si connette un’altra questione: è questo termine indizio dell’esistenza nelle città della Grecia continentale di collegi di sacerdoti del culto imperiale, alla cui sommità si troverebbe un archiereus? Alla luce della documentazione epigrafica la risposta è negativa. Infatti le iscrizioni analizzate non testimoniano questo tipo di organizzazione del culto imperiale cittadino144. L’unico esempio di una funzione sacerdotale collegiale legata al culto imperiale è dato dai più volte citati “hiereis e agonoteti τῶν Σεβαστῶν” attestati nel II sec. d.C. a Echino, città per la quale, tuttavia, non sono noti degli archiereis.

  • 145 Campanile 2004a e 2004b.

54Quanto al culto imperiale sopra-cittadino, va rilevato che neppure un’organizzazione di tipo collegiale affine a quella attestata, ad esempio, nella provincia d’Asia – dove le città neokoroi disponevano ciascuna di un archiereus ‘provinciale’ del culto imperiale, di pari rango rispetto ai sommi sacerdoti delle altre città145 – può essere indicata per la Grecia, in quanto nei koina greci per i quali è attestato il culto imperiale (acheo, beotico, tessalico, dei Magneti, degli Elleni di Platea), esso è officiato da un unico archiereus, e non vi è traccia di un collegio di sacerdoti delle varie città-membro della lega. La differenza, che si intreccia alla più ampia questione della presenza di un culto imperiale ‘provinciale’ in Acaia, ha a che fare con l’evoluzione storica della penisola greca, con le condizioni che la portarono sotto il dominio romano e con la particolare struttura amministrativa ereditata dal passato preromano, la quale contemplava numerosi koina di vario tipo, indipendentemente dalle delimitazioni provinciali. Ma si tratta di scenari complessi e di ampia portata che meritano di essere affrontati in altra sede.

Torna su

Bibliografia

Ameling 1983: W. Ameling, Herodes Atticus, I-II, (Subsidia Epigraphica 11), Hildesheim-Zürich-New York.

Bouchon 2007: R. Bouchon, En deçà et au-delà des Thermopyles ou: Quelle Grèce pour Néron? Néron, Delphes et la Thessalie, in Neronia VII : Rome, l’Italie et la Grèce : hellénisme et philhellénisme au premier siècle après J.-C. : actes du VIIe Colloque international de la SIEN (Athènes, 21-23- octobre 2004), éd par Y. Perrin, Bruxelles, 213-224.

Bouchon 2016: R. Bouchon, Les Thessaliens et le culte des empereurs de Rome: tradition, intégration, polycentrisme et jeu d’échelles, in Kaiserkult in den Provinzen des Römischen Reiches. Organisation, Kommunikation und Repräsentation, hrsg. von A. Kolb - M. Vitale, Berlin-Boston, 285-307.

Byrne 2003: S.G. Byrne, Roman Citizens of Athens, Leuven-Dudley, Ma.

Camia 2011: F. Camia, Theoi Sebastoi. Il culto degli imperatori romani in Grecia (provincia Achaia) nel secondo secolo d.C., (Meletemata 65), Atene.

Camia 2012: F. Camia, A note on the Athenian hiereus of Drusus hypatos, «Tekmeria» 11, 37-50.

Camia 2016: F. Camia, Between tradition and innovation: cults for Roman emperors in the province of Achaia, in Kaiserkult in den Provinzen des Römischen Reiches. Organisation, Kommunikation und Repräsentation, hrsg. von A. Kolb - M. Vitale, Berlin-Boston, 255-283.

Camia c.d.s.: F. Camia, A Prosopography of Athenian Cult Personnel During the Principate: Preliminary Considerations, in corso di stampa.

Camia - Kantirea 2010: F. Camia - M. Kantirea, The Imperial Cult in the Peloponnese, in Roman Peloponnese III. Society, Economy and Culture under the Roman Empire: Continuity and Innovation (Meletemata 63), ed. by A.D. Rizakis - Cl. Lepenioti, Athens, 375-406.

Campanile 2004a: M.D. Campanile, I sacerdoti del koinon d’Asia, I secolo a.C. - III secolo d.C.: contributo allo studio della romanizzazione delle élites provinciali nell’Oriente greco, (Studi ellenistici 7), Pisa.

Campanile 2004b: M.D. Campanile, I sommi sacerdoti del koinòn d’Asia. Numero, rango e criteri di elezione, «ZPE» 100, 422-426.

Cartledge - Spawforth 2002: P. Cartledge - A.J.S. Spawforth, Hellenistic and Roman Sparta. A tale of two cities, London-New York2.

Clinton 1997: K. Clinton, Eleusis and the Romans: Late Republic to Marcus Aurelius, in The Romanization of Athens. Proceedings of an International Conference Held at Lincoln, Nebraska (April 1996), ed. by M.C. Hoff - S.I. Rotroff, Oxford, 161-181.

Clinton 2008: K. Clinton, Eleusis. The Inscriptions on Stone. Documents of the Sanctuary of the Two Goddesses and Public Documents of the Deme. Volume II: Commentary, Athens.

Fayer 1976: C. Fayer, Il culto della Dea Roma. Origine e diffusione nell’Impero, Pescara.

Follet 1976: S. Follet, Athènes au IIe et au IIIe siècle. Études chronologiques et prosopographiques, Paris.

Frija 2010: G. Frija, Du prêtre du roi au prêtre de Roma et au grand prêtre d’Auguste : la mise en place du culte impérial civique, in Des rois au prince. Pratiques du pouvoir monarchique dans l’Orient hellénistique et romain (IVe siècle av. J.-C. - IIe siècle ap. J.-C.), éd par I. Savalli-Lestrade - I. Cogitore, Grenoble, 291-308.

Frija 2012: G. Frija, Les prêtres des empereurs : le culte impérial civique dans la province romaine d’Asie, Rennes 2012.

Frija 2016: G. Frija, Le cultes impériaux dans les cités d’Asie Mineure: des spécificités provinciales?, in Kaiserkult in den Provinzen des Römischen Reiches. Organisation, Kommunikation und Repräsentation, hrsg. von A. Kolb - M. Vitale, Berlin-Boston, 159-172.

Geagan 1967: D.J. Geagan, The Athenian Constitution after Sulla, («Hesperia» Suppl. 12), Princeton.

Geagan 1979: D.J. Geagan, Tiberius Claudius Novius, the hoplite generalship and the epimeleteia of the free city of Athens, «AJPh» 100, 279-287.

Gordillo 2012: R. Gordillo Hervas, La construcción religiosa de la Hélade imperial. El Panhelenion, Firenze.

Graindor 1914: P. Graindor, Inscriptions attiques d’époque impériale. Textes inédits et corrections, «BCH» 38, 351-443.

Graindor 1934: P. Graindor, Athènes sous Hadrien, Le Caire.

Hänlein Schäfer 1985: H. Hänlein Schäfer, Veneratio Augusti: eine Studie zu den Tempeln des ersten römischen Kaisers, Roma.

Henrichs 2008: What is a Greek priest?, in Practitioners of the Divine. Greek Priests and Religious Officials from Homer to Heliodorus, ed. by B. Dignas - K. Trampedach, Cambridge, MA, 1-16.

Hoët-van Cauwenberghe 2003: Ch. Hoët-van Cauwenberghe, Mémoire abolie des femmes: l’exemple de l’Achaïe romaine au premier siècle après J.-C., «CCG» 14, 263-280.

Hojte 2005: J.M. Hojte, Roman Imperial Statue Bases from Augustus to Commodus, Aarhus.

Homolle 1884: Th. Homolle, Les Romains à Délos, «BCH» 8, 75-158.

Janiszewski-Stebnicka-Szabat 2015: P. Janiszewski - K. Stebnicka - E. Szabat, Prosopography of Greek Rhetors and Sophists of the Roman Empire, Oxford.

Jones 1996: C.P. Jones, The Panhellenion, «Chiron» 26, 29-56.

Kantirea 2007: M. Kantirea, Les dieux et les dieux Augustes. Le culte impérial en Grèce sous les Julio-claudiens et les Flaviens. Etudes épigraphiques et archéologiques, (Μeletemata 50), Athènes.

Kantirea 2008: M. Kantirea, Une famille sacerdotale du culte impérial de Sicyone (Syll3 846 et IG IV 399), in Pathways to Power. Civic Elites in the Eastern Part of the Roman Empire (Proceedings of an International Workshop held at Athens, Scuola Archeologica Italiana di Atene, 19 December 2005) (Tripodes 6), ed. by A.D. Rizakis - F. Camia, Athens, 15-22.

Le Quéré 2015: E. Le Quéré, Les Cyclades sous l’Empire romain: histoire d’une renaissance, Rennes.

Lefèvre 1998: F. Lefèvre, L’Amphictionie pyléo-delphique: histoire et institutions, Athènes.

Lozano 2002: F. Lozano, La religión del Poder. El culto imperial en Atenas en época de Augusto y los emperadores Julio-Claudios, Oxford.

Lozano 2004: F. Lozano, Thea Livia in Athens: Redating IG II2 3242, «ZPE» 148, 177-180.

Lozano 2007: F. Lozano, La promoción social a través del culto a los emperadores: el caso de Tiberio Claudio Novio en Atenas, «Habis» 38, 185-203.

Lozano 2010: F. Lozano, Un dios entre los hombres. La adoración a los emperadores romanos en Grecia, Barcelona.

Lozano c.d.s.: F. Lozano, A provincial priest for the province of Achaia? A reconsideration and an up-date based on several recently found inscriptions, in What’s New in Roman Greece? Recent Work on the Greek Mainland and the Islands in the Roman Period. Proceedings of a Conference Held at Athens, 8-10 October 2015, ed. by V. Di Napoli - F. Camia - V. Evanghelidis - D. Grigoropoulos - D. Rogers - S. Vlizos, Athens.

Lozano - Gordillo 2015: F. Lozano - R. Gordillo, A dialogue on power: Emperor worship in the delphic amphictyony, in Ruling the Greek World. Approaches to the Roman Empire in the East, ed. by J.M. Cortés Copete - E. Muñiz Grijalvo - F. Lozano Gómez, Stuttgart, 127-145.

Maas 1972: C.M. Maas, Die Prohedrie des Dionysostheaters in Athen, München.

Mendoni - Zoumbaki 2008: L.G. Mendoni - S.B. Zoumbaki, Roman Names in the Cyclades. Part I, (Meletemata 56), Athens.

Monaco 2001: M.C. Monaco, Contributi allo studio di alcuni santuari ateniesi: I) Il temenos del Demos e delle Charites, «ASAA» 79, 103-150.

Moretti 1953: L. Moretti, Un nuovo proconsole d’Acaia, «ArchClass» 5, 255-259.

Oliver 1950: J.H. Oliver, The Athenian Expounders of the Sacred and Ancestral Law, Baltimore.

Oliver 1970: J.H. Oliver, Marcus Aurelius. Aspects of civic and cultural policy in the East, («Hesperia» Suppl. 13), Princeton.

Oliver 1978: J.H. Oliver, The Helladarch, «RSA» 8, 1-6.

Puech 1983: B. Puech, Grands-prêtres et helladarques d’Achaïe, «REA» 85, 15-31.

Puech 2002: B. Puech, Orateurs et sophistes grecs dans les inscriptions d’époque impériale, Paris.

Robert 1940: L. Robert, Les gladiateurs dans l’Orient grec, Paris.

Roman Peloponnese I: A.D. Rizakis - S. Zoumbaki - M. Kantirea, Roman Peloponnese I. Roman personal names in their social context, (Meletemata 31), Athens 2001.

Roman Peloponnese II: A.D. Rizakis - S. Zoumbaki - Cl. Lepenioti, Roman Peloponnese II. Roman personal names in their social context, (Meletemata 36), Athens 2004.

Romeo 2002: I. Romeo, The Panhellenion and ethnic identity in Hadrianic Greece, «Classical Philology» 97.1, 21-40.

Sánchez 2001: P. Sánchez, L’Amphictionie des Pyles et de Delphes, Stuttgart.

Schmalz 2009: G.C.R. Schmalz, Augustan and Julio-Claudian Athens. A New Epigraphy and Prosopography, Leiden-Boston.

Spawforth 1984: A.J.S. Spawforth, Notes on the third century A.D. in Spartan epigraphy, «BSA» 79, 263-281.

Spawforth 1994: A.J.S. Spawforth, Corinth, Argos and the imperial cult: Pseudo-Julian, Letters 198, «Hesperia» 63, 211-232.

Spawforth 1997: A.J.S. Spawforth, The early reception of the imperial cult in Athens: Problems and ambiguities, in The Romanization of Athens. Proceedings of an International Conference Held at Lincoln, Nebraska (April 1996), ed. by M.C. Hoff - S.I. Rotroff, Oxford, 183-202.

Spawforth 1999: A.J.S. Spawforth, The Panhellenion Again, «Chiron» 29, 339-352.

Spawforth - Walker 1985: A.J.S. Spawforth - S. Walker, The world of the Panhellenion I. Athens and Eleusis, «JRS» 75, 78-104.

Spawforth - Walker 1986: A.J.S. Spawforth - S. Walker, The world of the Panhellenion II. Three Dorian cities, «JRS» 76, 88-105.

Ζουμπάκη 2008: Σ. Ζουμπάκη, Στά ίχνη επιφανών Αργείων της ρωμαϊκής εποχής παλαιές· και νέες επιγραφικές μαρτυρίες για μία σημαντική οικογένεια από το Άργος, in Β΄ Πανελλήνιο Συνέδριο Επιγραφικής, Θεσσαλονίκη, 115-134.

Torna su

Note

1 Uso il termine ‘sacerdote’ nell’accezione generica di funzionario cultuale, senza alcuna connessione con i sacerdoti delle religioni monoteistiche; per la questione terminologica cfr. Henrichs 2008. Dal presente studio sono esclusi magistrati o altri funzionari che svolgevano (o possono talvolta aver assunto) anche mansioni in relazione al culto imperiale, ma che non recano uno specifico titolo di tipo cultuale. Le iscrizioni su cui si basa questa indagine sono tutte greche ad eccezione di due epigrafi latine dalla colonia romana di Corinto, nelle quali ricorre il termine archiereus, trascrizione latina del greco ἀρχιερεύς, per designare il sommo sacerdote della Lega achea: a) Corinth 8.2, 68, ll. 8-9: archieri Domus Aug(ustae) [in] perpetuum; b) Corinth 8.3, 199, l. 5: archiereus.

2 Una prosopografia dei sacerdoti dei culti presenti ad Atene in età imperiale è in corso di preparazione da parte dello scrivente; per una presentazione preliminare vd. Camia c.d.s.

3 L’integrazione della Tessaglia e delle Cicladi nel sistema amministrativo romano, caratterizzata da situazioni mutevoli nel tempo, presenta ancora punti incerti: per la Tessaglia si veda Bouchon 2007 (cfr. anche Bouchon 2016, 287-288), per le Cicladi Le Quéré 2015, 29-70. Si noti che nel presente studio le iscrizioni di Delo e Kea sono incluse nella documentazione epigrafica delle Cicladi (e quindi contribuiscono ai dati percentuali di quest’area), benché le due isole fossero possedimenti ateniesi.

4 Una di queste attestazioni si riferisce alla città di Tolosa (Agora XVIII H398, l. 8: hiereia della dea Roma).

5 Sul culto imperiale in Grecia vd. Kantirea 2007; Lozano 2010; Camia 2011 e 2016.

6 L’iscrizione onoraria per il sommo sacerdote della Lega achea M. Aurelio Amaranto, pubblicata da Moretti 1953, 255, e conservata al Museo Maffeiano di Verona, proviene probabilmente da una città del Peloponneso, regione da cui provengono diverse iscrizioni di quel museo.

7 Per l’Attica, in aggiunta alle 90 attestazioni da me considerate, se ne possono ricordare altre tre, dalle isole di Lemno e Peparethos (odierna Skiathos), relative a cittadini ateniesi: l’archiereus P. Elio Metrofane del demo di Prospaltos, menzionato in un’iscrizione lemnia del III sec. d.C. (IG XII 8, 27, ll. 3-6; cfr. Byrne 2003, Aelii (187) – ringrazio Enrica Culasso per la segnalazione); l’archiereus apo patros Filippo figlio di Filippo del demo di Azenia e l’archiereus τῆς Σελεινουσίων πόλε[ως] Icesio figlio di Neikoteles del demo di Sfetto, menzionati in due iscrizioni di Peparethos di età adrianea (IG XII 8, 633 e 661).

8 Camia 2012. Si noti che in Grecia il sacerdozio del culto imperiale, a livello sia municipale che sopra-cittadino, era per lo più vitalizio.

9 Nel gruppo delle attestazioni della Grecia centrale, ve n’è una proveniente da Caristo in Eubea (IG XII 9, 11).

10 SEG XI 810 (Sparta; età di Costantino): M. Aurelio Stefano, archiereus degli Augusti a Sparta; IG IV2 436-437 (Epidauro; 308 d.C.): Plutarco, archiereus ad Atene (cfr. Oliver 1950, 84); IG II-III2 5206 (Atene; IV sec. d.C.): Fl(avio) Settimio Marcellino, φλαμ(ινάλιος); vd. nota seguente.

11 IG II-III2 5206; cfr. Oliver 1950, 88-89.

12 Cfr. IG IX 1, 218 (Anficleia, Focide; età antonina o severiana): M. Ulpio Damasippo archiereus di Dioniso; IG VII 3426 (Cheronea; ca. 200-250 d.C.): Flavia Laneike archiereia di Atena Ithonia nel koinon beotico, del koinon focidese e di homonoia degli Elleni presso il santuario di Trofonio; I.Eleusis 640 (Eleusi; secondo quarto del III sec. d.C.): Flavia Prokleine archiereia della Meter theon nel koinon beotico.

13 IvO 301 (Olimpia; metà del II sec. a.C.) e I.Délos 1528 (Delo; seconda metà del II sec. a.C.): Seleuco e Krokos, governatori di Cipro sotto Tolemeo Evergete II, associano alle funzioni di strategos e nauarkos il titolo archiereus, da intendersi in riferimento ai vari santuari dell’isola. IG XII 3, 1102 (Melo; III-II sec. a.C.): generico riferimento ad archiereis al plurale. F.Delphes III 1, 576 (Delfi; ca. 150 a.C.), l. 3: τὸν []ρχ[ιερέα(?)]; il titolo è attribuito ad un personaggio di Naupatto di nome Gaio Aristodemo. Vd. anche IG XII 5, 650 (Kea), l. 2: [τὸν(?)] ἀρχιερέα(?); se l’iscrizione proviene effettivamente da Coresia, città che fu abbandonata alla fine del I sec. a.C., il titolo archiereus non può riferirsi al culto imperiale.

14 IG VII 2517, ll. 8-9. Il personaggio fu anche agonoteta dei Kaisareia Erotideia Rhomaia (anche questa funzione è espressa col participio).

15 IG IX 2, 333.

16 IG XII 3, 1119 (+ IG XII 3 Suppl. 1119), l. 2. Sul personaggio, cfr. Puech 2002, 248-259; Mendoni - Zoumbaki 2008, 132-138 nr. 11; Janiszewski - Stebnicka - Szabat 2015, 138-139 nr. 401.

17 Corinth 8.1, 80 (ll. 4-5). Sul Panellenio cfr. Graindor 1934, 102-111; Oliver 1970, 90-138; Spawforth - Walker 1985 e 1986; Jones 1996; Spawforth 1999; Romeo 2002; Gordillo 2012.

18 Corinth 8.3, 201.

19 Sui sacerdoti sopra-cittadini del culto imperiale vd. infra.

20 IG II-III2 5034 (Atene): ἱερέως καὶ ἀρχιερέως Σεβαστοῦ Καίσαρος; IG V 1, 1172 (Gizio), ll. 5-7: ̣ερέα κ[αὶ ἀρχιερέα] τοῦ τῶν̣ [Σ]εβαστῶν̣ [οἴκου δι]̣ βίου. Un altro caso di assunzione contemporanea dei titoli hiereus e archiereus potrebbe essere fornito da IG II-III2 3274, secondo l’integrazione delle ll. 3-4 proposta da D.J. Geagan in Agora XVIII H258: ἱερεὺς αὐτοῦ [καὶ ἀρχιερεὺς] διὰ βίου (IG: [τοῦ γένους]). Nella formula “archiereus e hiereus presente in un’epigrafe di Melo (IG XII 3, 1119 + IG XII 3 Suppl. 1119, ll. 5-6: Πο(πλίου) Αἰλίου Λειουίου Φλαουιανοῦ Μηνογένους ἀρχιερέως καὶ <>ερέως ἐπιμελησαμένου καὶ τούτου τοῦ ἀνδριάντος), il termine hiereus si riferisce molto probabilmente ad un culto diverso da quello dell’imperatore: questo caso, in effetti, si differenzia dagli altri menzionati sia per l’assenza di riferimenti espliciti all’imperatore sia per l’ordine inverso in cui ricorrono i due titoli; cfr. Mendoni - Zoumbaki 2008, 121-122 nr. 1.

21 Vd. nota precedente per i riferimenti e per un ulteriore possibile caso.

22 Per un altro possibile caso vd. infra n. 41.

23 IG II-III2 1995 (l. 2); 3543; SEG XXXI 122; IG II-III2 4193A (ll. 12-13); Agora XVIII H398 (l. 5); IG II-III2 3572; 3589.

24 IG II-III2 5035; cfr. Maas 1972, 116-117.

25 IG V 1, 1172, ll. 5-7: ̣ερέα κ[αὶ ἀρχιερέα] τοῦ τῶν̣ [Σ]εβαστῶν̣ [οἴκου δι]̣ βίου.

26 SEG XXXIII 342: ἱερέ[α τῶν Σεβαστῶ]ν ἐν Ἀθή[ναις]. All’epoca in cui fu posta l’iscrizione, ad Attico, non più in vita, era succeduto il figlio Erode nella funzione di arhiereus degli Augusti ad Atene.

27 IG V 1, 500 (ll. 5-6) e 525 (ll. 10-13: ἱερέως θεᾶς Ῥώμης, ἀρχιερέως δὶς τῶν Σεβαστῶν καὶ τῶν θείων προγόνων αὐτ<ῶν>); a quest’epoca il sommo sacerdozio del culto imperiale a Sparta era diventato annuale. Le due funzioni sono ricordate anche nell’iscrizione delfica F.Delphes III 1, 543.

28 SEG LIV 556; cfr. Camia 2011; Bouchon 2016, 291-292.

29 SEG XXXVI 543-546; vd. anche IG IX 2, 92 (= SEG XXXIX 493).

30 SEG LIV 556, ll. 5-9: ̣ερέα ἑπταετηρικὸν δὶς τῶν Σεβαστῶν καὶ Διὸς Καραιο̣[] γενόμενον καὶ ἱερέα τῶν Σεβαστῶν καὶ Διὸς Σωτῆ̣ρος καὶ Ἀθηνᾶς δίς.

31 IG IX 2, 44, ll. 5-6: ἀρχιερέα [κ]αὶ ἀγωνοθέτην τῶν Σεβαστῶν Θεῶν ἐπὶ τοῖς δύο στεφά[νοις]; Syll.3 825C, ll. 2-3: ἀρχιερέα ἐπὶ τοῖς δυσὶν στεφάνοις, con chiaro riferimento ai premi per i vincitori degli agoni in onore degli imperatori (cfr. Robert 1940, 193 e n. 5).

32 In un lacunoso atto di manomissione da Echino (IG IX 2, 92 = SEG XXXIX 493) è menzionato un unico “hiereus e agonoteta”; come indicato da Bouchon 2016, 297, n. 59, questa testimonianza potrebbe riferirsi ad una fase precedente in cui la funzione non era collegiale, oppure indicare che in determinati anni essa era rivestita da un solo funzionario.

33 SEG XXXVI 543, ll. 8-9 e 544, ll. 8-9: τοῖς κατὰ πόλιν ἱερεῦσι καὶ ἀγωνοθέταις τῶν Σεβαστῶν; SEG XXXVI 546, ll. 8-9: τοῖς ἱερεῦσι καὶ ἀγωνοθέταις τῶν κατὰ πόλιν Σεβαστῶν. Secondo Bouchon 2016, 297, l’espressione τῶν κατὰ πόλιν Σεβαστῶν si riferirebbe a Sebasta locali, costituendo di conseguenza una prova indiretta della simultanea esistenza ad Echino di Sebasta di livello sopra-cittadino (indicati nelle liste di manomissione senza la specificazione κατὰ πόλιν), presieduti dagli ἀγωνοθέται τῶν Σεβαστῶν, che sarebbero dunque funzionari ‘federali’. In maniera similare, Bouchon ipotizza l’esistenza ad Echino di un collegio di «grands-prêtres κατὰ ἔθνος, auxquels s’opposeraient les prêtres κατὰ πόλιν». Tuttavia, se la funzione (collegiale) di “hiereus e agonoteta” era unica, come risulta dalle attestazioni epigrafiche, come spiegare l’esistenza di hiereis κατὰ πόλιν che sono contemporaneamente agonoteti dei Sebasta ‘federali’? Si potrebbe in alternativa ipotizzare che le due espressioni ἀγωνοθέται τῶν Σεβαστῶν e ἀγωνοθέται τῶν κατὰ πόλιν Σεβαστῶν siano in realtà equivalenti e che la precisazione κατὰ πόλιν fosse aggiunta solo saltuariamente, senza che la sua presenza o assenza rimandi ad una differenza di livelli (civico e ‘federale’), così com’è del resto per gli hiereis, che sono menzionati ora con ora senza la specificazione κατὰ πόλιν.

34 IG VII 572: ἱέρεια Ἀλεξὼ Ἡρακλᾶ Φλ(αβίαν) Δομίτιλλαν Τύχην τοῖς θεοῖς καὶ τῇ πόλει; cfr. Kantirea 2007, 87, che considera Alexo sacerdotessa di Domitilla, da lei identificata con la figlia di Vespasiano.

35 SEG XI 923, ll. 33-34. Diverso è con ogni probabilità il caso della dedica IG IX 1, 282 da Opunte nella Locride orientale, che accompagnava l’offerta di una krene ad Augusto, qui designato come θεὸς Σεβαστὸς Καῖσαρ, e al demos di Opunte da parte dell’archon e hiereus θεοῦ Σεβαστοῦ Καίσαρος Cn. Calpurnio Elix: il fatto che l’imperatore destinatario dell’offerta, evidentemente il princeps allora al potere, sia menzionato come theos – epiteto che in Grecia veniva attribuito anche all’imperatore vivente – induce a pensare che nella titolatura del sacerdote questo termine si riferisca al princeps regnante e che Elix fosse quindi sacerdote di Augusto vivente.

36 Attica: I.Eleusis 297 (Eleusi; principato di Augusto), l. 2: [ ἱερε]̣ς αὐτοῦ; IG II-III2 5034 (Atene; principato di Augusto? – vd. infra n. 67): ἱερέως καὶ ἀρχιερέως Σεβαστοῦ Καίσαρος. Per le tre attestazioni insieme alla dea Roma, due da Atene (IG II-III2 3173; 5114), l’altra da Ramnunte (IG II-III2 3242), vd. infra nn. 51-52. Peloponneso: IG IV2 652 (Epidauro; principato di Augusto), ll. 3-4: ἱερέα τοῦ Σεβαστοῦ Καίσαρος δίς; IG IV 671 (Nauplio; principato di Augusto): ἱερέα γενόμενον Καίσαρος; SEG XI 923 (Gizio; 15 d.C.), ll. 33-34: ἱερέως θεοῦ Σεβαστοῦ Καίσαρος. Grecia centrale: IG IX 1, 282 (Opunte; principato di Augusto), ll. 2-3: ἱερεὺς θεοῦ Σεβαστοῦ Καίσαρος – vd. nota precedente. Cicladi: Homolle 1884, 156 (Delo; principato di Augusto): [Σεβασ]τοῦ (?) ἱε[ρέα - -] – qui il sacerdozio si riferisce all’Ateniese Pammene di Maratona.

37 Lo stesso vale in sostanza anche per l’altro titolo, archiereus; vd. infra.

38 IG II-III2 3274, ll. 3-4: ἱερεὺς αὐτοῦ [καὶ τοῦ γένους] διὰ βίου; ma vd. Agora XVIII H258, dove viene preferita l’integrazione [καὶ ἀρχιερεὺς].

39 L’argivo Ti. Giulio Claudiano fu hiereus di un imperatore che può essere identificato con Claudio o con Nerone; cfr. Ζουμπάκη 2008, 127, ll. 1-5: Τιβέριον Ἰο[ύλιον Σιάν]θου ὑιὸν Κλα[υδιανὸν] ἱερέα διὰ βίου [Τιβερίου (vel Νέρωνος)] Κλαυδίου Καίσα[ρος Σεβα]στοῦ Γερμανικο[].

40 Messene: IG V 1, 1449 (l. 7: ἱερεὺς α̣ὐτο̣̣ πρῶτος καὶ ἱερεὺς Ῥώμης); 1450 (ll. 10-11: ἱερεὺς αὐτοῦ καὶ [ἱερεὺς Ῥώμης]) – il ripetersi del titolo hiereus indica che si tratta di due funzioni distinte. Argo: vd. nota precedente.

41 IG II-III2 5035: Ἱερέως Ἁδριανοῦ Ἐλευθεραίως; cfr. Maas 1972, 116-117. Uno hiereus di Traiano potrebbe essere attestato da IG XII 3, 1110, una dedica dell’isola di Melo in onore di Traiano posta dal sacerdote T. Flavio Dameino, ma data la cronologia dell’iscrizione il titolo portato da questi, conservato solo parzialmente sulla pietra, è più probabilmente da integrare come archiereus (l. 3: [ ἀρχιερ]εὺς αὐτοῦ Τίτος Φλάβιος ΔαμεῖνοςIG: [ ἱερ]εὺς αὐτοῦ); cfr. Mendoni - Zoumbaki 2008, 147-148 nr. 33. Nell’iscrizione melia già ricordata per il notabile P. Elio Livio Flaviano Menogene (vd. supra, n. 20), il titolo hiereus che compare in congiunzione con archiereus [IG XII 3, 1119 (+ IG XII 3 Suppl. 1119), l. 6: ἀρχιερέως καὶ ()ερέως)] si riferisce molto probabilmente ad un culto diverso da quello dell’imperatore. L’unica altra attestazione del termine hiereus in relazione al culto imperiale nelle Cicladi riguarda il sacerdote ateniese di Augusto Pammene di Maratona, onorato a Delo (Homolle 1884, 156).

42 Vd. Camia 2012, 46-49 per una lista delle attestazioni epigrafiche, tutte da Atene fuorché due da Epidauro (IG IV2 83, l. 7; 84, l. 21).

43 IG II-III2 5096: ἱερήας Ἑστίας ἐπἀκροπόλει καὶ Λειβίας καὶ Ἰουλία[ς]; cfr. anche IG II-III2 5161 (Λειβίας), un sedile del teatro di Dioniso per uno hiereus o una hiereia di Livia.

44 IG II-III2 5095: ἱερή[ας] ε — — Ἀν[τ]ωνίας. Lo stesso sacerdozio (ma col titolo archiereus) è attestato un’altra volta ad Atene, in una dedica per Ti. Claudio Novio di Oion (IG II-III2 3535).

45 IG II-III2 5101 (AE 1949, 89): Ὀλβίας ἱερήας καθὑπομνημ[α]τισμὸν καὶ κατὰ ψήφισμα Ἰουλίας τῆς Γ[ερ]μα[ν]ικο[] θυ[γατρός]. L’identificazione di questa Giulia non è sicura; secondo Schmalz 2009, 225 nr. 298, l’iscrizione si daterebbe al II-III sec. d.C. per l’esplicito riferimento al decreto, che egli ritiene poter essere in onore di un’imperatrice severa.

46 I.Eleusis 354: ̣ []ε̣ρ̣ε̣̣ς [α]̣[τ]̣ς.

47 IG IV2 600, l. 5: ἱέρεια αὐτῆς; cfr. Kantirea 2007, 72. Vd. anche IG II-III2 3266: a causa dello stato lacunoso di questa duplice iscrizione onoraria che sosteneva un gruppo scultoreo finanziato dallo hiereus ateniese e generale degli opliti C. Silio Policrito di Azenia, l’identità dei due personaggi onorati – il nome del secondo, una donna come si ricava dal pronome αὐτή (l. 9) che specifica l’oggetto del culto servito da Policrito, fu eraso in antico – non è definibile con sicurezza; i due onorati sono stati identificati sia con Caligola e una tra le sorelle Drusilla e Livilla [Graindor 1914, 401-407 nr. 18, seguito dal Kirchner in IG II-III2 3266; così anche Byrne 2003, Silii (2); Hojte 2005, 290 nr. 13; Schmalz 2009, 111-113 nr. 142; vd. anche Agora XVIII X737] sia con Claudio e la moglie Valeria Messalina (Oliver 1950, 86; Kantirea 2007, 80 e n. 5; Hoët-van Cauwenberghe 2003, 271 e n. 27).

48 Cass. Dio LI 20.

49 IG II-III2 3173, ll. 2-3: ἱερέως θεᾶς Ῥώμης καὶ Σεβαστοῦ Σωτῆρος ἐπἀκροπόλει. Allo stesso personaggio si riferisce una frammentaria iscrizione delia nella quale potrebbe essere stata menzionata anche la dea Roma accanto ad Augusto; Homolle 1884, 156: [Σεβασ]τοῦ (?) ἱε[ρέα - -].

50 IG II-III2 5114.

51 IG II-III2 3242, ll. 3-4: ἱερέως θεᾶς Ῥώ[μη]ς̣ κ̣[α]̣ Σεβασ[τ]οῦ Καίσαρος. L’assenza sia nella titolatura di [Dem]ostrato sia nel sedile IG II-III2 5114 di qualsiasi riferimento all’Acropoli, presente invece nell’iscrizione dedicatoria del monoptero, ha indotto ad ipotizzare l’esistenza di due sacerdozi di Augusto e della dea Roma, in relazione a due diversi culti che sarebbero stati localizzati l’uno sull’Acropoli l’altro nella città ‘bassa’ o nella chora di Atene; tuttavia, il fatto che sia noto un solo sedile del teatro di Dioniso per lo hiereus di Roma e di Augusto depone a favore dell’esistenza di un solo sacerdozio, il cui culto era evidentemente incentrato sul monoptero dell’Acropoli; cfr. Lozano 2002, 26.

52 Lozano 2004 (vd. anche Schmalz 2009, 103-105 nr. 132); contra, a favore della cronologia tradizionale in età claudia Kantirea 2007, 115-116 e n. 7.

53 Vd. infra, n. 67; cfr. Lozano 2002, 25-29. Un sacerdote di Roma e di Augusto potrebbe essere attestato a Ipata in un’epigrafe ancora inedita consistente nella consacrazione di una statua della Nike (Archives thessaliennes de Lyon nr. GHW6220; cfr. Bouchon 2016, 290); a Richard Bouchon devo la comunicazione personale (per epistulam) di alcune sequenze dell’iscrizione: ΑΙΤΗΣΡΩΜ --- ΤΗΝΝΙΚΗΝ ---- ΑΝΕΘΗΚΕΝ, di cui lo ringrazio; si noti che la presenza di uno specifico hiereus della dea Roma, a detta dello stesso Bouchon, è dubbia. Cfr. IG IX 2, 32, una dedica alla dea Roma e ai Theoi Sebastoi sempre da Ipata.

54 IG II-III2 5047: ἱερέως Δήμου καὶ Χαρίτων καὶ Ῥώμης (tarda età augustea; cfr. Maas 1972, 55).

55 I.Eleusis 333 (ca. 20 d.C. o poco dopo), ll. 1-2: ἱερέα συνκλή̣[του Ῥωμαίων] καὶ Δήμου κα̣ Χα̣ρ̣ίτω̣[ν]. La presenza del Senato, che in questa triade sembra sostituire la dea Roma (vd. nota precedente), potrebbe essere messa in relazione con l’istituzione a Smirne nel 23 d.C. di un culto ‘provinciale’ del Senato (Tac. Ann. IV, 14); cfr. Schmalz 2009, 135-136 nr. 171. Sul culto del demos e delle Charites cfr. Monaco 2001.

56 IG V 1, 1149 e 1150; i due personaggi ricoprirono anche il sacerdozio di Nerone; vd. supra n. 40.

57 IG V 1, 500 (ll. 5-6) e 525 (ll. 10-13); il personaggio, Ti. Claudio Spartiatico, fu anche archiereus dei Sebastoi; vd. supra n. 27.

58 IG IV 799 (prima età imperiale?): ἱερέως Τύχης Σ[ε]βαστῆς.

59 I.Eleusis 341 (ca. 25-65 d.C.?): ἱερεὺς Σεβαστῆς Δικα[ιοσύνης].

60 SEG XXXIII 342 (Olimpia; ca. 150 d.C. – hiereus è attribuito a Ti. Claudio Attico e si riferisce alla città di Atene); CID IV 138 (Delfi; metà del I sec. d.C.); IG IX 2, 34 (Ipata; poco dopo la metà del I sec. d.C.); SEG LIV 556 (Ipata; fine I-inizi II sec. d.C. – hiereus ricorre due volte, in associazione rispettivamente con Zeus Karaios e con Zeus Soter e Atena); IG IX 2, 92 e SEG XXXVI 543-546 (Echino; secondo quarto del II sec. d.C. – hiereus ricorre in associazione con la funzione di agonoteta).

61 IG V 1, 1172, ll. 5-7: ̣ερέα κ[αὶ ἀρχιερέα] τοῦ τῶν̣ [Σ]εβαστῶν̣ [οἴκου δι]̣ βίου.

62 IG II-III2 3274, ll. 3-4: ἱερεὺς αὐτοῦ [καὶ τοῦ γένους] διὰ βίου (ma vd. ora la diversa integrazione proposta in Agora XVIII H258: ἱερεὺς αὐτοῦ [καὶ ἀρχιερεὺς] διὰ βίου).

63 I.Eleusis 334, 335, 355 (Eleusi; I sec. d.C.); IG VII 572 (Tanagra; ultimo quarto I sec. d.C. – hiereia).

64 SEG XLI 328 (Messene, 15 d.C.). Benché non certa – ciò che seguiva la parola hiereus (l. 7) è andato perduto – la pertinenza del titolo al culto imperiale è resa probabile dal contenuto del decreto in questione.

65 Per i riferimenti e per un altro possibile caso di combinazione dei due titoli hiereus e archiereus vd. supra n. 20.

66 IG II-III2 5034: ἱερέως καὶ ἀρχιερέως Σεβαστοῦ Καίσαρος.

67 I.Eleusis 344 (ca. 30-37 d.C.). Il primo a rilevare le due fasi di realizzazione di IG II-III2 5034 è stato M. Maas, che su base paleografica ha datato l’iscrizione in età augustea (Maas 1972, 55), aggiungendo però che non è possibile stabilire se il passaggio da “hiereus a “hiereus e archiereus sia avvenuto quando Augusto era ancora in vita o solamente dopo la sua morte (Spawforth 1997, 185, nota correttamente come il fatto che le lettere aggiunte «were matched to the existing letter forms is not … an indicator of date», e che «paleographically there is no evidence for the length of time between the first and second inscription»). Prima di Maas, Dittenberger (IG III 252) e Kirchner (IG II-III2 5034) avevano datato l’iscrizione in età augustea, mentre Oliver 1950, 95-96 e n. 43 – ripreso da Fayer 1976, 148 n. 67; Ameling 1983, II, 55; Hänlein Schäfer 1985, 160 n. 2 – l’aveva collocata in età neroniana. In seguito, la maggior parte degli studiosi ha datato l’introduzione ad Atene del termine archiereus dopo la morte di Augusto: Clinton 1997, 173, ritiene che la titolatura del sacerdote sul sedile del teatro sia stata modificata all’epoca del primo archiereus ateniese conosciuto, il sommo sacerdote di Tiberio Policarmo figlio di Eukles (I.Eleusis 344); lo stesso personaggio è identificato come possibile primo Ateniese a portare il titolo di “sommo sacerdote” anche da Spawforth 1997, 183-186, per il quale il nuovo titolo avrebbe inizialmente un valore prettamente onorifico, e da Kantirea 2007, 61-62, secondo la quale, però, l’aggiunta del termine archiereus al sedile del teatro indicherebbe che «le siège était réservé chaque fois au ministre cultuel du prince régnant, qui, en même temps, était élu ou nommé grand-prêtre, à savoir président du conseil des prêtres municipaux»; per Lozano 2010, 177-178, la comparsa ad Atene, in età tiberiana, del titolo archiereus – inizialmente non associato ad una figura specifica – avrebbe, almeno fino all’età neroniana, un valore soprattutto onorifico e mostrerebbe l’influsso del sacerdozio romano del Pontifex Maximus. Vd. anche Schmalz 2009, 223-224, che data la modifica dell’iscrizione sul sedile del teatro alla tarda età augustea («AD 4-14») e collega la nuova titolatura all’adozione da parte di Augusto dei ‘nuovi Cesari’ Tiberio e Germanico (4 d.C.), ammettendo al contempo la possibilità che tale modifica sia avvenuta subito dopo la morte di Augusto (14 d.C.), nel qual caso essa potrebbe essere stata dettata dall’esigenza di includere nel culto l’imperatore regnante e quelli passati (il che tuttavia sembra difficile da ammettere, dal momento che la titolatura fa riferimento al solo princeps regnante).

68 Un’eccezione è rappresentata dallo hiereus di Druso (maggiore), attestato ancora in età traianea; cfr. Camia 2012.

69 L’unico caso a me noto è rappresentato dallo hiereus θεοῦ Σεβαστοῦ Καίσαρος (cioè del Divo Augusto) menzionato nella ‘legge sacra’ di Gizio (SEG XI 923, ll. 33-34).

70 Per l’unica eccezione a questa ‘norma’, rappresentata da alcuni archiereis spartani di età severiana, vd. infra. Alla luce di questa considerazione, va probabilmente riferita all’età augustea anche IG II-III2 3521, una lacunosa iscrizione onoraria per un anonimo [ρχιε]ρεὺς τοῦ Σ[εβαστοῦ], di cui purtroppo non si conserva il seguito; cfr. Schmalz 2009, 133 nr. 168, che data l’epigrafe al periodo ca. 4-14 d.C. e propone in maniera ipotetica di identificare l’onorato col futuro archiereus di Tiberio Policarmo di Maratona. La presenza nella proedria del teatro di Dioniso di sedili riservati a sacerdoti di culti non più ‘attivi’ non doveva porre particolari problemi, come dimostra il fatto che sedili riservati a sacerdoti di singoli personaggi della famiglia imperiale – es. archiereus di Antonia Minore (IG II-III2 3535) – mantennero inalterata la loro iscrizione anche dopo la riorganizzazione del sacerdozio imperiale ad Atene alla metà del I sec. d.C. con l’introduzione della nuova titolatura “archiereus dei Sebastoi”, che soppianta tutte le altre. Secondo Oliver 1950, 97, l’“archiereus dei Sebastoi” avrebbe occupato il sedile dello “hiereus e archiereus di Augusto Cesare”, che egli data in età neroniana attribuendo la titolatura, genericamente, al sacerdote dell’imperatore regnante.

71 I.Eleusis 334 (ca. 25 d.C.?).

72 IG II-III2 3274 (con Agora XVIII H258); vd. supra n. 62.

73 IG II-III2 3535.

74 IG II-III2 5095 (post 37 d.C.?).

75 IG II-III2 1990 (61/2 d.C.), l. 5: [ἀρχι]ερέως τοῦ οἴκου τῶν Σεβαστῶν. Novio, più volte generale degli opliti, ricoprì varie magistrature e sacerdozi, non solo ad Atene ma anche in ambito sopra-cittadino, come dimostra la funzione di sommo sacerdote di Nerone e di Zeus Eleutherios per il koinon degli Elleni di Platea (ibidem, ll. 3-4). È probabilmente da identificare con Novio l’anonimo benefattore che fu onorato ad Eleusi per avere dedicato degli agalmata in un edificio che potrebbe essere un Sebasteion (I.Eleusis 361). Sul personaggio vd. Geagan 1979; Spawforth 1997, 189-190; Byrne 2003, Claudii (213); Kantirea 2007, 175-178; Lozano 2007; Schmalz 2009, 290-292.

76 Cfr. IG II-III2 2773 (metà del III sec. d.C.), ll. 3-4: ἀρ[χιερεὺς Σεβαστῶν καὶ] Σεβαστῆς [οἰκίας] (Flavio Asclepiade del demo di Diomeia).

77 IvO 426 (Olimpia); IG XII 5, 558 e 629 (Kea).

78 IG VII 2713, ll. 27-28 (Acrefia); vd. anche CID IV 139-140 (Delfi), dove però il titolo portato da Ti. Claudio Cleomaco di Nicopoli potrebbe riferirsi alla sua città d’origine.

79 Syll.3 825C; IG IX 2, 44 (entrambe da Ipata).

80 IG IX 2, 92 (= SEG XXXIX 493); SEG XXXVI 543-546.

81 IG V 1, 302, 500, 525, 546, 590 (Sparta; vd. infra).

82 IG II-III2 2773 (Atene; metà del III sec. d.C.), ll. 3-4: ἀρ[χιερεὺς Σεβαστῶν καὶ] Σεβαστῆς [οἰκίας]. Particolari sono le espressioni Sebastoi kai Kaisares e Megistoi Autokratores Sebastoi che ricorrono in due iscrizioni delle Cicladi: IG XII 5, 292 (Paro; III sec. d.C.), l. 3: ἀρχιερέως ἐκ προγόνων διὰ βίου τῶν Σεββ(αστῶν) καὶ Καισάρων, forse con riferimento agli Augusti Diocleziano e Massimiano e ai Cesari Costanzo Cloro e Galerio Massimiano; IG XII 1097 (Kea; 166-169 d.C.), l. 7: [- - - ὁ ἀρχιερεὺς τῶν μεγ]ίστων Αὐτοκρατόρων Σεβασ[τῶν], con probabile riferimento a Marco Aurelio e Lucio Vero. Vd. anche SEG XI 810 (Sparta; età di Costantino), l. 7: τοῦ διασ(ημοτάτου) ἀρχιερέως τῶν Αὐγούστων.

83 IG II-III2 1990 (Atene; 60/1 d.C.), l. 5: [ἀρχι]ερέως τοῦ οἴκου τῶν Σεβαστῶν; Kantirea 2007, 172, n. 2 (Argo; principato di Domiziano): ἀ[ρχιερεὺ]ς διὰ βίου τοῦ οἴκου τῶν Σεβ[αστῶν]; IG V 1, 1172 (Gizio; principato di Adriano), ll. 5-7: ἱ̣ερέα κ[αὶ ἀρχιερέα] τοῦ τῶν̣ [Σ]εβαστῶν̣ [οἴκου δι]ὰ̣ βίου; SEG XXXI 372 (Olimpia; fine del II sec. d.C.), ll. 9-11: ἀρχιερέα τοῦ οἴκου τοῦ Σεβασμίου; IG V 2, 132.2 (Tegea; post 212 d.C.), ll. 3-6: ἀρχιερέα τοῦ οἴκου τῶν Σεβαστῶν καὶ τῶν προγόνων αὐτῶν̣.

84 In uno di questi casi, da Olimpia, lo stato lacunoso dell’iscrizione (IvO 354) impedisce in realtà di sapere se l’oggetto del culto servito dal sacerdote fosse specificato o meno.

85 In tre casi il nome dell’imperatore (Traiano) è sostituito dal genitivo singolare del dimostrativo αὐτός: Ameling 1983, II, nrr. 37-38 (Atene); IG XII 3, 1110 (Melo).

86 IG II-III2 5034: ἱερέως καὶ ἀρχιερέως Σεβαστοῦ Καίσαρος; IG II-III2 3521, ll. 3-4: ἀ[ρχιε]ρέα τοῦ Σ[εβαστοῦ].

87 I.Eleusis 344, ll. 1-2: ἀρχιερέα Τιβερίου Καίσαρος Σεβαστοῦ.

88 Acrefia: IG VII 2713, ll. 27-28: ἀρχιερεὺς τῶν Σεβαστῶν διὰ βίου καὶ Νέρωνος Κλαυδίου Καίσαρος Σεβαστοῦ. Atene: IG II-III2 3182 (con Schmalz 2009, 86): [ἀρχιερεὺς [[Νέρωνος]] Καίσαρος Σεβαστ]οῦ διὰ βίου (in Ameling 1983, II nr. 22 il titolo è restituito come “hiereus e archiereus”); si noti che il personaggio, la cui identità non è sicura, potrebbe avere posto la dedica in qualità di epimeletes anziché come sacerdote del culto imperiale; cfr. Spawforth 1997, 198 n. 50; Byrne 2003, 172 (xiii.i); vd. anche Kantirea 2007, 138.

89 IvO 437, ll. 6-8: [ἀρχιερέα Αὐτοκράτορ]ος Κα[ίσαρος Ν]έρ̣[βα Σ]εβαστ̣ο[ῦ].

90 Atene: Ameling 1983, II, nrr. 37-38 (ὁ ἀρχιερεὺς αὐτοῦ). Melo: IG XII 3, 1110, l. 3: [ὁ ἀρχιερ]εὺς αὐτοῦ; per questa integrazione, a mio parere preferibile a quella delle IG ([ὁ ἱερ]εὺς αὐτοῦ), vd. supra n. 41.

91 IG XII 9, 11, l. 1: [ἀρχιερέα θεοῦ Ἁ]δριανοῦ. S. Follet - Delmousou 2009 hanno mostrato che la restituzione del termine archiereus nella dedica onoraria ateniese IG II-III2 3617 (ll. 4-6: τὸν ἀ[ρχιερέα? τοῦ] μεγίστ[ου Αὐτοκράτο]ρος Ἀντ[ωνείνου] – l’integrazione è di Dittenberger) è difficilmente sostenibile, e propongono di integrare λ[ογιστὴς] (dall’apografo presente in IG III add. 697 si vede che la traccia di lettera prima della lacuna potrebbe appartenere sia a un alpha che a un lambda); cfr. SEG LIX 261.

92 Nella parte ellenofona dell’Impero il termine θεός viene normalmente attribuito all’imperatore vivente.

93 IG II-III2 3535. Per due possibili archiereiai di personaggi femminili della famiglia imperiale vd. IG IV 399 (Corinto), ll. 1 e 9-10, con Kantirea 2008 (la seconda funzione potrebbe riferirsi al koinon acheo).

94 IG V 1, 556; IG V 1, 682 (SEG XI add. et corr. 844).

95 Spawforth 1984, 281; Cartledge - Spawforth 2002, 117-118.

96 L’archiereus τῶν Σεβαστῶν καὶ τῶν θείων προγόνων αὐτῶν Ti. Claudio Eudamo, che in base alla titolatura dovrebbe avere servito in un anno tra il 198 e il 212 d.C., è menzionato in un’iscrizione onoraria per la figlia Claudia Damostheneia che è stata datata su base prosopografica al secondo quarto del III sec. d.C. (IG V 1, 590; cfr. Roman Peloponnese II, LAC 218 e 290[1]); l’iscrizione potrebbe essere stata posta dopo che il sommo sacerdozio (annuale) di Eudamo era terminato. M. Aurelio Filippo è menzionato come ex sommo sacerdote in un’iscrizione onoraria dell’età di Caracalla [SEG XI 800, ll. 2-4: [ἀρχι]ερέα γε|[νόμενον τ]οῦ Σεβα|[στοῦ]; cfr. Roman Peloponnese II, LAC 170 [3] (e p. 120)], e deve quindi avere servito al più tardi durante il regno di Caracalla, cioè prima della scomparsa del riferimento ai theioi progonoi dalla titolatura degli archiereis spartani; l’assenza del riferimento agli antenati divinizzati potrebbe essere dovuta alla forma in cui è espressa la funzione di sommo sacerdote (col participio). In modo simile (una forma sintetica) si potrebbe spiegare l’assenza del riferimento ai theioi progonoi nella titolatura dell’archiereus δὶς τῶν Σεββ(αστῶν) Ti. Claudio Spartiatico in un’iscrizione onoraria da Delfi (F.Delphes III 1, 543). Contra Hupfloher 2000, 153-154, ha negato valore alla tesi di Spawforth.

97 Corinth 8.1, 80-81 e Corinth 8.3, 139 (Corinto; principato di Adriano); IG II-III2 3626 (Atene; seconda metà del II sec. d.C.?); Oliver 1970, nr. 14, con Follet 1976, 129-130 (Atene; fine II-inizi III sec. d.C.); Oliver 1970, nr. 19 (Atene; II-III sec. d.C.).

98 Sommo sacerdozio d’Asia: SEG XLVII 163, l. 46 (Atene; principato di Adriano); I.Eleusis 463, l. 16 (Eleusi; ca. metà del II sec. d.C.); IG XII 3, 1119 (+ IG XII 3 Suppl. 1119), l. 2 (Melo; fine II-inizi III sec. d.C.); SEG XVII 200 (Olimpia; 221-224 d.C.). Sommo sacerdozio della Gallia Narbonese: IG II-III2 4193A, ll. 6-7 e Agora XVIII H398, ll. 2-3 (Atene; principato di Domiziano).

99 IG V 1, 669, ll. 5-9 (Sparta; II-III sec. d.C.); F.Delphes III 1, 557 (Delfi; post 250 d.C.). Vd. anche AEph 1945-1947, 106 nr. 34 (BE 1951, 124): in questa iscrizione è menzionata una ἀρχι(ε)ρωσύνη come ultima tappa del cursus di un anonimo personaggio dell’epoca di Gallieno onorato dalla città tessalica di Larissa. Secondo Bouchon 2016, 303 (e n. 95), questa funzione potrebbe corrispondere alla «prêtrise fédérale des Thessaliens»; egli ammette tuttavia che l’espressione possa riferirsi ad un altro ambito (Anfizionia, Panellenio o provincia di Macedonia).

100 IG II-III2 3538; Corinth 8.2, 68.

101 IG II-III2 4193A (ll. 6-7); Agora XVIII H398 (ll. 2-3).

102 IG II-III2 3538, ll. 2-6; cfr. Spawforth 1994, 218-219; Roman Peloponnese II, LAC 509; Kantirea 2007, 192-193; Camia 2011, 239.

103 Corinth 8.2, 68, ll. 5-6 e 8-9 (archieri Domus Aug(ustae) [in] perpetuum).

104 Ti. Claudio Policrate, Ti. Claudio Saethida Celiano (I), C. Cornelio Pulcro, Ti. Claudio Saethida Celiano (II), T. Statilio Timocrate Memmiano (per i riferimenti vd. Camia - Kantirea 2010, 398-402); cfr. Oliver 1978; Puech 1983, 32-33. L’elladarca è attestato anche nell’ambito dell’Anfizionia delfica (vd. Lefèvre 1998, 132-133; Sánchez 2001, 441-442).

105 Si veda in primo luogo Puech 1983.

106 In entrambi è attestato il culto degli imperatori.

107 Il titolo hiereus/archiereus attestato epigraficamente per alcuni epimeleti degli Anfizioni (CID IV 138-141; Syll3 825C; IG IX 2, 44) potrebbe riferirsi al culto imperiale civico delle loro rispettive città d’origine; contra, a favore della regolare presenza del culto imperiale nell’Anfizionia (con sacerdoti, feste e un luogo di culto) vd. da ultimo Lozano - Gordillo 2015.

108 A tal proposito si vedano le importanti osservazioni di Lozano 2010, 119-124; cfr. anche Lozano c.d.s.

109 Bouchon 2016, 296 (Larissa; ca. 160-180; iscrizione inedita): ἀρχιερεῖς καὶ ἀγωνοθετὲ (sic) τοῦ κοινοῦ τῶν Θεσσαλῶν; CID IV 163 (Delfi; fine II - inizi III sec. d.C.), ll. 6-7: ἀρχιερέα τοῦ κ[οινοῦ τῶν Θεσ]σαλῶν; per il terzo possibile caso vd. supra n. 99.

110 Bouchon 2016, 287 n. 8 (II sec. d.C.; inedita): ἀρχιερεὺς καὶ ἀγωνοθέτης.

111 Oliver 1970, nr. 32 (Amphikleia; età antonina o severiana), ll. 4-5: ἀρχιερέα τῆς Βοιωτίας.

112 IG II-III2 1990 (Atene; 61/2 d.C.), ll. 3-4: ἀρχιερέως Νέρωνος Κλαυδίου Καίσαρος Γερμανικοῦ καὶ Διὸς Ἐλευθερίου ἐκ τῶν Ἑλλήνων.

113 Vd. supra n. 97.

114 Corinth 8.3, 138, ll. 5-7: [ἑ]λλαδάρχη̣[ν κ]α̣ὶ ἀρχιερέα̣ [Αὐτοκράτορος Καίσαρος Τ]ραιανοῦ Ἁδ[ριαν]ο̣ῦ Σεβ̣[αστοῦ ἀπὸ τοῦ κοινοῦ τ]ῶ̣ν Ἀχαιῶ̣[ν συνεδρίου διὰ βιοῦ].

115 Vd. supra n. 113.

116 IvO 473 (Olimpia; 212-213 d.C.), ll. 9-13: ἀρχιέρεια διὰ βίου τοῦ κυρίου ἡμῶν αὐτοκράτορος καὶ τοῦ κοινοῦ τῶν Ἀχαιῶν.

117 IG V 1, 1455, ll. 2-5: ἀρχιερεὺς τῶν Σεβαστῶν διὰ βίου καὶ ἑλλαδάρχης ἀπὸ τοῦ κοινοῦ τῶν Ἀχαιῶν διὰ βίου; SEG LI 458 A, ll. 3-4: ἀρχιερεὺς τῶν Σεβα[στῶν - - -] καὶ Ἑλλαδάρχης – entrambe queste iscrizioni provengono da Messene e si riferiscono allo stesso personaggio, Ti. Claudio Saethida Celiano (I). IG II-III2 3538 (Atene; metà del I sec. d.C.), ll. 2-6: ἀρχιερέα θε[ῶν] Σεβαστῶν κ[αὶ γέ]νους Σε[β]αστῶν ἐκ τοῦ κοινοῦ τῆ[ς] Ἀχαίας διὰ βίου (C. Giulio Spartiatico).

118 Moretti 1953, 255; Corinth 8.2, 68 (in latino).

119 IG IV 795. Secondo Puech 1983, 20, invece, all’epoca in cui fu posta l’iscrizione, Pulcro non avrebbe ancora assunto l’elladarchia, ciò che confermerebbe l’ipotesi, già formulata da Oliver 1978, secondo la quale l’elladarchia sarebbe stata introdotta in età adrianea. Tuttavia, la menzione di Ti. Claudio Saethida Celiano (I) come “archiereus ed elladarca degli Achei a vita” in un’iscrizione messenia in onore di Adriano databile tra il 117 e il 129 d.C. (SEG LV 512) mostra che l’elladarchia doveva esistere già in età traianea; infatti, considerato che il sommo sacerdozio della lega era vitalizio e che l’epigrafe trezenia IG IV 795 attesta che Cn. Cornelio Pulcro era archiereus già negli anni finali del regno di Traiano, ne consegue che Celiano (I) avrà ricoperto la duplice funzione di archiereus ed elladarca della Lega achea prima di Pulcro; di conseguenza, l’elladarchia esisteva già in età traianaea. Cfr. Camia - Kantirea 2010, 401; Camia 2011, 172-173.

120 IvO 460, 483.

121 In un’iscrizione posta a Messene dal koinon acheo in onore del messenio Ti. Claudio Dionisio Crispiano (SEG XI 984) compare l’espressione ἄρξαντα τῆς Ἑλλάδος riferita a Crispiano, con ogni probabilità indicante la funzione dell’elladarchia; se è giusta la dazione tra la fine del I e gli inizi del II sec. d.C. (cfr. Roman Peloponnese II, MES 136), l’epigrafe potrebbe testimoniare una fase precedente all’associazione dell’elladarchia al sommo sacerdozio; inoltre, la presenza del participio indicherebbe che la carica era (ancora) annuale. Contra Puech 1983, 30, data l’iscrizione alla fine del II sec. d.C. e la ritiene una testimonianza della fase in cui le due funzioni di sommo sacerdote ed elladarca della lega non erano più tra loro associate, e la seconda era diventata annuale.

122 Per il periodo in questione mi sono noti due casi di possibile assunzione della sola carica di elladarca, entrambi, va detto, di interpretazione incerta. In una dedica del koinon acheo per Faustina Minore, figlia di Antonino Pio, proveniente da Olimpia e databile al 138 d.C. (IvO 382), viene menzionato in una formula eponimica lo stratego ed elladarca L. Gellio Areton; come suggerito da Puech 1983, 27, in questo caso si potrebbe ipotizzare che a seguito della morte del sommo sacerdote Cn. Cornelio Pulcro, lo stratego del koinon abbia assunto in via eccezionale la carica di elladarca, in attesa che venisse nominato il nuovo archiereus vitalizio. Un caso affine potrebbe essere quello del generale della Lega achea Ti. Claudio Calligene, messenio, che viene onorato dal koinon ad Olimpia dopo avere svolto la funzione di elladarca (ἄρξαντα τῆς Ἑλλάδος). L’iscrizione (IvO 458) è normalmente datata in età adrianeo-antonina sulla scorta di Kolbe, IG V 1, p. XVII («aetate Hadriani vel Antoninorum»); contra Puech 1983, 30-31, identifica il personaggio con l’omonimo individuo onorato dalla città di Messene alla fine del II sec. d.C. (SEG XXXI 372), e ritiene anche questa iscrizione, al pari di SEG XI 984 (vd. nota precedente), come testimonianza della fase, a partire dalla fine del II secolo, in cui le funzioni di archiereus e elladarca della Lega achea non erano più associate; cfr. Roman Peloponnese I, EL 146-147. Vd. anche Corinth 8.3, 307, l. 6 (fine II sec. d.C.).

123 Cfr. da ultimo Camia 2012.

124 IG II-III2 1076; cfr. Geagan 1967, 9.

125 SEG XXXVI 543-546.

126 IG IX 2, 92 (= SEG XXXIX 493); vd. supra n. 32.

127 Vd. supra nn. 30-31.

128 Cfr. Follet 1976, 126-131; Spawforth - Walker 1985, 84-86; Camia 2011, 45 n. 125.

129 In un caso è in latino con l’espressione in perpetuum (Corinth 8.2, 68, l. 9).

130 F.Delphes III 1, 557 (Delfi; post 250 d.C.), ll. 1-3: ὁ ἀρχιερεὺς τοῦ [σύμπαντος ξυστοῦ δι]ὰ βίου ξυστάρχης καὶ ἐπὶ [βαλανείων τῶν Σεβασ]τῶν.

131 Cfr. Clinton 2008, 301: «there is no evidence that this priesthood was ever anything but a lifetime one at Athens». Vd. anche Camia c.d.s.

132 Argo: SEG LVIII 323 (principato di Claudio o Nerone); Kantirea 2007, 172, n. 2 (principato di Domiziano). Licosura: IG V 2, 515B (post 14 d.C.), ll. 29-30. Messene: IvO 447 (fine del I - inizi del II sec. d.C.). Sparta: SEG XI 780 (ll. 2-3).

133 Acrefia: IG VII 2713 (ca. 67 d.C.), ll. 27-28. Cheronea: IG VII 3426 (ca. 200-250 d.C.), ll. 9-10.

134 IG VII 111 (II-III sec. d.C.).

135 IG XII 5, 292 (III sec. d.C.).

136 IG XII 5, 937 (principato di Antonino Pio), l. 7: ὁ ἀρχιερεὺς τὸ δεύτερον.

137 SEG LIV 556.

138 Vd. Camia - Kantirea 2010, 392-393 (e n. 145).

139 Attica (archiereus: 39; hiereus: 41, 22 delle quali si riferiscono però allo hiereus annuale di Druso Hypatos); Peloponneso (archiereus: 56; hiereus: 17); Grecia centrale (archiereus: 18; hiereus: 4); Cicladi (archiereus: 15; hiereus: 1).

140 Cfr. per la provincia d’Asia Frija 2010, 298-308; 2012 (spec. 49-54); 2016, 161-164.

141 Clinton 1997, 169; cfr. anche Spawforth 1997, 185.

142 Per lo stesso motivo il termine archiereus è utilizzato da autori greci come Polibio e nelle iscrizioni nella titolatura imperiale per rendere la funzione romana di Pontefice Massimo.

143 Come indicato da Frija 2010, 293, l’archiereus del regno attalide (probabilmente un sommo-sacerdote municipale la cui funzione, anche nel caso che fosse nominato dal re e non dalla città di Pergamo, era limitata a quest’ultima e non riguardava l’intero regno pergameno) potrebbe costituire un precursore (di II sec. a.C.) della successiva evoluzione che caratterizzerà l’età imperiale; la questione comunque è dibattuta (vd. i riferimenti bibliografici in Frija 2010, 293 n. 7).

144 Sulla questione, per le città dell’Asia Minore cfr. quanto dice Frija 2010, 305, la quale esprime dubbi al riguardo: «L’enquête sur ce point est à poursuivre, mais une organisation en collège de prêtres dirigé par un grand prêtre parait peu probable et, en tout cas, elle ne peut en aucun cas être considérée come systématique».

145 Campanile 2004a e 2004b.

Torna su

Indice delle illustrazioni

Titolo Fig. 1 : Distribuzione geografica delle attestazioni epigrafiche di sacerdoti del culto imperiale in Grecia
URL http://journals.openedition.org/historika/docannexe/image/416/img-1.png
File image/png, 47k
Titolo Fig. 2 : Distribuzione cronologica delle attestazioni epigrafiche di sacerdoti del culto imperiale in Grecia.
URL http://journals.openedition.org/historika/docannexe/image/416/img-2.png
File image/png, 49k
Titolo Fig. 3 : Titolatura dei sacerdoti del culto imperiale in Grecia.
URL http://journals.openedition.org/historika/docannexe/image/416/img-3.png
File image/png, 46k
Titolo Fig. 4 : Hiereis municipali: oggetto del culto.
URL http://journals.openedition.org/historika/docannexe/image/416/img-4.png
File image/png, 67k
Titolo Fig. 5 : Archiereis municipali: oggetto del culto.
URL http://journals.openedition.org/historika/docannexe/image/416/img-5.png
File image/png, 47k
Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Francesco Camia, « La titolatura dei sacerdoti del culto imperiale in Grecia: terminologia ed evoluzione »Historika, 7 | 2017, 451-489.

Notizia bibliografica digitale

Francesco Camia, « La titolatura dei sacerdoti del culto imperiale in Grecia: terminologia ed evoluzione »Historika [Online], 7 | 2017, online dal 01 mai 2020, consultato il 03 août 2020. URL: http://journals.openedition.org/historika/416

Torna su

Autore

Francesco Camia

francesco.camia@uniroma1.it

Torna su

Diritti d'autore

Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale (CC BY-NC-ND 4.0)-Creative Commons - Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International - CC BY-NC-ND 4.0

Torna su
  • Logo Celid
  • Logo Università degli Studi di Torino – Dipartimento di Studi Storici - Storia antica
  • Logo DOAJ
  • OpenEdition Journals