Navigation – Plan du site
La représentation de l'enfance
L'enfant face à l'histoire

Useppe : la voce che parla a tutti
Elsa Morante e la rappresentazione dell’infanzia in La Storia

Matteo Moca
p. 51-69

Résumés

Dans l’œuvre d’Elsa Morante, la représentation de l’enfance joue un rôle très important : il suffit de penser aux contes et aux comptines publiés dans Il Corriere dei piccoli, aux nouvelles qui ont des enfants comme protagonistes, ou encore à son œuvre Il mondo salvato dai ragazzini. Nous voulons cependant centrer notre analyse sur le roman La storia où – fait assez rare dans la littérature italienne – l’enfant a le rôle du protagoniste dans tout le roman, le petit Useppe. L’étude approfondie de ce personnage représente une voie privilégiée pour l’interprétation de l’œuvre. En effet, Useppe se situe sur la ligne de crête qui distingue le monde humain et le monde animal, parce qu’il parle la langue des hommes et la langue des animaux, et qu’il a une mère-femme, Ida, et une mère-chienne, Bella. La storia est un roman de la maternité où les pères sont en situation d’échec (Nino, Gunther, Davide), mais non les mères : ce n’est pas un hasard si à la fin du roman, parmi les survivants, il y a une mère et une fille qui perpétuent ainsi et reproduisent la vie. La figure de l’enfant Useppe incarne alors l’analphabète à qui Morante, en citant Vallejo, consacre son roman : par sa voix enfantine, Useppe devient le porteur d’un message qui grâce à lui devient compréhensible par tous. Notre analyse de la forme que prend la représentation de l’enfance chez Useppe s’appuiera entre autres sur les études de Jung sur l’enfance, et l’influence des philosophies orientales sur Morante.

Haut de page

Entrées d’index

Index géographique :

Italie

Index chronologique :

XXe
Haut de page

Texte intégral

1In un suo saggio dal titolo Zeno, Gonzalo, Berto, Pin, Arturo, Useppe e tutti gli altri. L’infanzia rappresentata nella letteratura italiana del Novecento, Emanuele Zinato ipotizza, per la tematica dell’infanzia all’interno del Novecento letterario italiano, due grandi svolte:

  • 1   Il saggio è consultabile sul profilo di Emanuele Zinato su academia.edu al seguente indirizzo ht (...)

La prima svolta, primonovecentesca, è data soprattutto dalla frustrazione dell’idea di unitarietà dell’io adulto conseguente alla diffusione della psicoanalisi. La seconda svolta, situabile a partire dalla fine degli anni Cinquanta, vale a dire nell’età del “miracolo” economico, è conseguente alla convulsa modernizzazione nostrana ed è data dalla percezione nostalgica dell’infanzia come figura privata di un’età storica, collettiva, del tutto perduta 1.

  • 2   Francesco Orlando, Infanzia, memoria e storia da Rousseau ai romantici, Pisa, Pacini, 2007.

2Per quanto, come specificato anche da Zinato, tale schematizzazione forzi cesure e varianti interne a questo tipo di scrittura, è indubbio che la distinzione colga nel segno. Questa distinzione rimanda, pur con le sue ovvie difformità socio-culturali, alle novità connesse alla nuova rappresentazione dell’infanzia, difformità individuate da Francesco Orlando nel suo studio su Rousseau. Orlando nel suo saggio definisce lo « sguardo dal basso », cioè l’occhio del bambino rivolto verso il mondo adulto, e lo « sguardo all’indietro 2 », quello che il narratore rivolge al se stesso bambino, arricchito da mitizzazioni nei confronti di un’età ormai irraggiungibile.

  • 3   Gli studi sulla letteratura per l’infanzia non costituiscono un campo omogeneo poiché si incontr (...)
  • 4   Basti pensare ad esempio a Le avventure di Pinocchio di Carlo Collodi, pubblicato inizialmente c (...)

3Il rapporto tra infanzia e letteratura risulta ancora oggi non del tutto sviscerato 3, soprattutto se l’attenzione si sposta sul ruolo che l’infanzia e le figure ad essa connesse (dal neonato all’adolescente) rivestono all’interno dei romanzi non specificatamente dedicati ad un pubblico di piccola età. Dal punto di vista della letteratura per l’infanzia e per l’adolescenza, la tradizione italiana può contare su numerose e importanti testimonianze 4, e basti pensare alle grandi narrazioni popolari del libro Cuore di Edmondo De Amicis o Le avventure di Pinocchio di Carlo Collodi, o alla scrittura di autori come Mario Lodi, Gianni Rodari e, anche, Bruno Munari. Il discorso diventa più complesso e variegato se invece si sposta il punto di indagine sul ruolo che, all’interno di narrazioni più ampie e non esplicitamente dedicate a lettori che facciano parte della sfera dell’infanzia, rivestono bambini o ragazzi o su come essi si intreccino con i meccanismi romanzeschi.

4Il caso di Elsa Morante è, come vedremo, paradigmatico, perché si tratta di una scrittrice che nel corso della sua opera ha scritto direttamente per bambini (si pensi ad esempio a Le bellissime avventure di Caterì dalla Trecciolina) o ha descritto le figure dell’infanzia all’interno del mondo adulto, descrivendone rapporti, idiosincrasie e crisi (ad esempio i rapporti tra genitori e figli magistralmente descritti nel romanzo L’isola di Arturo).

5Riprendendo la distinzione di Francesco Orlando, si mostrerà come in Elsa Morante convivano entrambi gli sguardi, sia quello del bambino che si scontra con il mondo adulto, che quello del memorialista che, in chiave nostalgica e talvolta compiacente, rivede non tanto il se stesso bambino, quanto l’infanzia come un tempo mitico e capace di leggere il mondo adulto in maniera lucida e senza impurità. In particolare nel romanzo La Storia, che sarà la chiave privilegiata per l’interpretazione di questo particolare aspetto nell’opera dell’autrice, si tenterà di mostrare come sia proprio questo secondo meccanismo ad essere impiegato nella figura di Useppe che, come vedremo, sarà possibile definire coma la figura principale del romanzo. Qui sta la grande peculiarità dell’opera di Elsa Morante che generò tante polemiche : in La Storia il bambino assurge al ruolo di protagonista di tutto il romanzo e un suo studio particolareggiato e approfondito rappresenta la via privilegiata per l’interpretazione di tutto il romanzo. Sarà questa la nostra prospettiva di analisi, studiando anche il romanzo come un romanzo della maternità, come ha più volte sottolineato anche Garboli.

  • 5   Su questo particolare punto di contatto tra l’opera di Morante e quella di Weil è molto importan (...)

6L’attenzione si concentrerà quindi, in un primo momento, sulle opere antecedenti a La storia, individuando in alcuni racconti di Le avventure di Caterì dalla trecciolina, nella raccolta Il mondo salvato dai ragazzini e nel saggio Il Beato propagandista del Paradiso, introduzione al volume su Beato Angelico edito da Rizzoli all’interno di una collana dedicata ai grandi pittori introdotti da scrittori, caratteri e ragionamenti sull’infanzia che troveranno in La storia e nella figura di Useppe una decisiva conformazione. Come detto, sarà quindi Useppe la chiave interpretativa di questo saggio : l’analisi si soffermerà sui caratteri peculiari di questo personaggio all’interno della complessa impalcatura del romanzo, facendo attenzione a caratteri fondamentali per la sua definizione come il rapporto con gli animali o quello fallimentare con i padri. Useppe sarà inoltre il catalizzatore delle ispirazioni e degli studi della sua autrice, come quelli sull’infanzia di Jung o le filosofie orientali che molto hanno influito sull’opera di Morante 5.

  • 6   Giorgio Agamben, Categorie italiane. Studi di poetica e di letteratura, Bari, Laterza, 2010, p. (...)

7Per usare una felice citazione di Giorgio Agamben, Useppe « sembra uscito da un libro illustrato per l’infanzia, metà Cuore e metà L’isola del tesoro, metà fiaba e metà mistero 6 ». Sarà anche questa ambivalenza, come vedremo, un aspetto della rappresentazione dell’infanzia in Morante che si presenterà sin dalle prime prove e che culminerà nel personaggio del piccolo bambino della Storia. Infine la figura di Useppe incarna alla perfezione l’analfabeta a cui Morante, citando César Vallejo in esergo al romanzo, dedica la sua opera.

Favole e filastrocche: la scrittura di Elsa Morante per l’infanzia

  • 7   Per la ricostruzione precisa e dettagliata del riferimento alla vita personale di Elsa Morante s (...)

8Elsa Morante iniziò molto presto a scrivere poesie e racconti per bambini, arricchendoli con disegni ; all’immagine di bambina dolce e delicata che inventa storie per i suoi coetanei, si contrappone però subito un altro aspetto, ben esemplificato dal racconto Patrizi e Plebei, pubblicato nel 1939, che prende vita da una vicenda infantile, quella della sua precoce inquietudine verso il mondo, che entra in gioco prepotentemente nel momento in cui Elsa Morante tenta di indagarlo 7. All’età di circa sei anni la bambina, a causa del suo pallore e della sua anemia, fu ospitata a lungo nella villa della sua madrina di battesimo Maria Guerrieri Gonzaga Maraini, vivendo quindi in un ambiente più ricco e diverso da quello della sua nascita. Patrizi e plebei è proprio il racconto della divisione interna di una bambina, da una parte gentile e dolce, dall’altra turbata e fuori luogo. L’arrivo nella casa di un’altra bambina, di una classe sociale molto elevata, costituisce per la bambina Morante l’opportunità di una ribellione ; il racconto narra quindi i brutti tiri e gli scherzi giocati alla bambina che nel racconto prende il nome di Giacinta. Da questo episodio minore della produzione di Elsa Morante, si può comunque ricavare un presagio di quella che sarà la rappresentazione dell’infanzia in tutta la sua opera: se da una parte i bambini e gli adolescenti saranno i portatori di un’innocenza unica salvatrice del mondo, dall’altra questi personaggi portano con sé, proprio a causa di questa purezza di analisi e di sguardo, il fardello della coscienza di un mondo in disfacimento. Scriverà appunto Morante sottolineando questa dissociazione interna alla sua infanzia:

  • 8   Elsa Morante, Patrizi e plebei, in Racconti dimenticati, Torino, Einaudi, 2002, p. 203-204.

Di me si diceva « Quant’è carina! Quant’è educata! » ed io mi stupisco oggi stesso che dentro una persona così piccola potesse esistere un simile inferno. Mentre il mio corpo era quel che vi ho detto, l’anima mia era una cosa grossa e nera, piena di occhi curiosi e di tortuosi, cupi, vicoli 8.

  • 9   Elena Porciani, in un importante libro su Elsa Morante che indaga, ed è in questo forse l’unico (...)

9Nel numero del 26 febbraio 1933 del Corriere dei Piccoli, Elsa Morante pubblicherà una filastrocca dal titolo La casina che non c’è più ; nella parte finale della filastrocca, la protagonista si lamenta della scomparsa 9 della sua casa, e lo fa in maniera malinconica e spaesata:

  • 10   Elsa Morante, La casina che non c’è più, in Le bellissima avventure di Caterì dalla trecciolina (...)

Oh, prestatemi una lampada,
lucciole, lucciole, per cercarla!
Talpa, scava un po’ la terra
per vedere se s’è affondata.
E tu cinciallegra che voli
non la vedi là su dall’altro?
Oh, nessuno sa quel che fu
della casina che non c’è più10!

10Se il linguaggio è brillante e infantile, il significato assume invece tinte più fosche: questa ambivalenza rispecchia ancora questo duplice sentimento che sempre ha espresso Morante nella sua scrittura per l’infanzia e sull’infanzia.

  • 11   Graziella Bernabò, op. cit., p. 36.
  • 12   Non solo nei racconti si mostrerà questo carattere: basti pensare ad alcuni personaggi di Menzog (...)

11Il testo però probabilmente più compiuto di questo periodo, e che infatti Morante deciderà di pubblicare in volume, è Le bellissima avventure di Caterì dalla trecciolina che, come scritto nella Lettera raccolta nel libro, l’autrice scrisse a circa 13 anni. Fu pubblicato, accompagnato dai disegni dell’autrice, per la prima volta nel 1942, poi nel 1959 e infine nel 1995 in un volume che raccoglie numerose filastrocche e altri racconti. La protagonista della storia è Caterina, una bambina che vive in povertà con sua sorella Rosetta; in un momento di rabbia Caterina getta via la sua bambola di pezza, Bellissima, che viene acquistata da uno « stracciarolo » per un soldo bucato. Subito pentita per il gesto frettoloso, Caterina vorrebbe immediatamente uscire a ritrovare la sua bambola, ma fuori è freddo e buio e lei non ha il coraggio di uscire. In suo aiuto giunge allora Dan, che si chiamava Tit nell’edizione del 1959, principe con il quale Caterina parte alla ricerca di Bellissima. Con Dan inizia un’avventura fantastica, che porta Caterina ad addentrarsi in uno strano regno abitato da principi e principesse, alberi e animali parlanti e dove si erge il Palazzo dei sogni, che raccoglie le cose sognate dai bambini e al quale si può fare ritorno solo quando si dorme. All’interno di una costruzione che per la sua accuratezza fu sicuramente sin dalla sua prima edizione riveduta dall’autrice, il racconto di Elsa Morante sancisce un punto di partenza importante nella nostra analisi perché, come si è tentato di mostrare anche attraverso altri tentativi, dietro il racconto per bambini si nasconde un ragionamento più adulto e complesso (in questo caso l’importanza dei rapporti affettivi e le conseguenze della perdita delle persone vicine) e perché in Dan-Tit, come nota Bernabò nella sua assai importante monografia, si trova « una, sia pure impercettibile, anticipazione del personaggio maschile – bello, stanco e misterioso – che resterà nella produzione morantiana fino al Davide della Storia 11 ». Il racconto non ha però una vera e propria morale esplicita, ma assume piuttosto i contorni di un’esperienza onirica nella quale rintracciare, senza voler calcare il confronto, ma con una indubbia pregnanza, gli elementi fantastici, come i sogni, le allucinazioni e le apparizioni, che caratterizzeranno i racconti di Il gioco segreto e lo Scialle andaluso dove le visioni spaventose dei bambini succubi dei raggiri dell’immaginazione saranno spie notevoli della familiarità dell’autrice con il mondo fiabesco e con i meccanismi del meraviglioso 12.

  • 13   Si veda a questo proposito Claude Bazalé Bérard, Donne tra memoria e scrittura. Fuller, Weil, Sa (...)

12Come nota Claude Bazalé Bérard nella parte dedicata ad Elsa Morante all’interno della sua monografia sulla scrittura femminile, il rapporto tra il processo creativo della sua opera e la fiaba per bambini è continuo e si attua attraverso perpetui passaggi da un luogo della scrittura all’altro, coinvolgendo quindi la poesia, la filastrocca, il racconto, il romanzo e il saggio 13. Fin dalle sue prove più precoci e per tutta la sua vita, Elsa Morante dimostra di riconoscere alla fiaba una funzione conoscitiva e di mediazione, rivendicando per sé il ruolo di cantastorie. Alla fiaba Morante affida il compito di trasgredire tutti i generi: il suo scopo è quello di assumere un linguaggio universale capace di parlare non solo ai bambini ma di utilizzare un linguaggio parte del loro mondo per parlare al mondo più complesso e più bisognoso di attenzione, quello degli adulti. È ciò che scrive uno dei lettori più acuti di Elsa Morante, Alfonso Berardinelli, quando parlando della forma del romanzo, scrive che Elsa Morante vi ha visto la forma letteraria moderna per eccellenza e loda:

  • 14   Alfonso Berardinelli, « Il sogno della cattedrale. Elsa Morante e il romanzo come archetipo », L (...)

la sua potenzialità magnetica di ripercorrere a ritroso la propria storia borghese, per risalire a origini pre-borghesi, all’epica antica e a quella cavalleresca, nonché ai grandi cicli fiabeschi occidentali e orientali 14.

13Per analizzare questo fondamentale passaggio, il provocatorio proclama contenuto nei risvolti di sovraccoperta di Il mondo salvato dai ragazzini, nella sua prima edizione del 1968, assume un ruolo essenziale:

  • 15   Citato da Marco Bardini, Morante Elsa. Italiana. Di professione, poeta, Pisa, Nistri-Lischi, 199 (...)

A chi voglia a ogni costo sapere a quale « genere letterario » appartenga il presente libro, non si può rispondere che così: « È un romanzo di avventure e d’amore. È un poema epico-eroico-lirico-didascalico. È un’autobiografia. È un memoriale. È un manifesto. È un balletto. È una tragedia. È una commedia. È un madrigale. È un documentario a colori. È un fumetto. È una chiave magica. È un sistema filosofico-sociale (naturalmente coinvolto nelle Attualità contemporanee, dominate dagli idoli atomici e dai conflitti umani fra il primo, il secondo e il terzo mondo ; a cui si aggiunge il ricordo dell’altro mondo : un ricordo che dai filosofi contemporanei viene abitualmente rimosso). Ecc. Ecc. Ecc. Insomma è un libro : se per libro si intende un’esperienza comune e unica, attraverso un ciclo totale (dalla nascita alla morte e il contrario). Ma se per libro s’intende un prodotto d’altra specie, allora questo non è un libro 15 ».

  • 16Ibidem.

14Nella stessa sovraccoperta, poiché « è d’obbligo fornire una scheda bio-bibliografica dell’autore 16 », per insistere ancora sul ruolo della scrittura e del suo libro, nonché sul suo compito di narratrice di fiabe, aggiunge Morante:

  • 17Ibidem, p. 682.

E.M. è tuttora vivente, e abita a Roma nell’unica compagnia di un gatto. Le sue amicizie (poche) le trova a preferenza tra i ragazzini, perché questi sono i soli che si interessano alle cose serie e importanti. Gli adulti, in massima parte, si occupano di roba trita e senza valore. […] Come professione o mestiere, il suo ideale sarebbe di andare in giro per le strade a fare il cantastorie. Questo mestiere infatti le permetterebbe fra l’altro di incontrare l’unico pubblico che oramai sia forse capace di ascoltare la parola dei poeti 17.

15In definitiva Morante, dalla fiaba per bambini parte (con Le bellissime avventure di Caterì dalla trecciolina) e nella sua produzione successiva declina questa forma letteraria nei contenuti dei suoi romanzi, passando dalla fenomenologia dell’esperienza amorosa in Menzogna e sortilegio, all’esperienza di conoscenza del mondo in L’isola di Arturo, per arrivare ad una poetica tanto ancorata al reale quanto visionaria in Il mondo salvato dai ragazzini, La Storia e Aracoeli.

I precedenti de La storia : gli F.P. e Beato Angelico

  • 18   Marco Bardini riporta alcuni stralci dalle note biografiche scritte dalla stessa Morante dove ap (...)

16Anche dopo lo straordinario successo di La storia, Il mondo salvato dai ragazzini, come annota Marco Bardini nella sua monografia 18, restò sempre il libro prediletto da Elsa Morante. Un’opera complessa e di grande impegno come ebbe modo di dire la stessa autrice, priva di frivolezze e uscita nel 1968, in sintonia con i fermenti giovanili di quegli anni. In Italia però il ‘68 non era prevedibile, eppure la Canzone degli F.P. e degli I.M. sembra quasi prevederlo e anticiparlo, come se contasse di risvegliare i suoi lettori con la speranza che giungessero a ribellarsi.

17Come in parte già anticipato, Il mondo salvato dai ragazzini riunisce la poetica dei romanzi già scritti da Morante, con una particolare attenzione a L’isola di Arturo, e le basi di quelli ancora da scrivere, in particolar modo, per quello che a noi interessa, alcuni caratteri de La storia.

  • 19   Su questo particolare punto si veda Elsa Morante, Piccolo manifesto dei comunisti (senza classe (...)

18Per comprendere in pieno il significato dell’opera, è molto utile più che la sovracoperta della prima edizione, la nota introduttiva scritta dall’autrice per la ristampa del 1971. Riprendendo le considerazioni della sua conferenza Pro o contro la bomba atomica sul compito del poeta di denunciare l’irrealtà di un mondo divenuto nient’altro che una fabbrica di morti, nel Mondo salvato dai ragazzini, i ragazzini del titolo corrispondono ai « Felici Pochi » dell’omonima canzone che nel mondo contemporaneo sono assai rari e quasi sempre giovani o giovanissimi, in alcuni momenti in fuga dalla vita per colpa degli adulti che hanno lasciato loro « un mondo inabitabile », in altri in piena lotta rivoluzionaria contro i padri. In questa nota, Morante chiarisce che gli I.M., cioè gli Infelici Molti, sono tutti coloro che esercitano il « degradante vizio » del potere 19, ciò che rende ciechi di fronte alla realtà; al contrario quindi gli F.P. sono quelli che stanno alla larga dal potere e che quindi non comanderanno mai. Risiede in questo particolare passaggio l’apice della provocazione morantiana, come annota Cesare Garboli:

  • 20   Cesare Garboli, Il gioco segreto. Nove immagini di Elsa Morante, Milano, Adelphi, 1995, p. 147.

Bisogna infatti arrendersi all’ultima verità sugli F.P., alla più strana, alla più eretica di tutte : per essere veri F.P., gli F.P. devo essere, in qualche modo, « servili ». Servili come tutti gli F.P. della Morante : servili come Giambellino, come Rembrandt, e, aggiungo io, come Molière. Gli F.P. possono morire di botte, salire sul rogo, farsi ammazzare con la cicuta : ma tutto questo conferma soltanto la loro strana « servilità 20 » .

  • 21   Goffredo Fofi, Prefazione a Elsa Morante, Il mondo salvato dai ragazzini e altri poemi, Torino, (...)
  • 22Ibidem.

19La canzone degli F.P. e degli I.M., e più in generale tutto ciò che dice e racconta il Mondo salvato dai ragazzini, « vale e varrà sempre per ogni generazione a venire21» scrive Goffredo Fofi, perché arriverà sempre per i «ragazzini» e i bambini il momento in cui confrontarsi e far fronte all’ignominia della Storia, « alla sua capacità di piegare i corpi e ottundere le coscienze e alle tentazioni così pervasive di servirlo, di entrarne a far parte sia pure da servi22 ». La lettura del Mondo salvato dai ragazzini avrà ancora senso fino a che riuscirà a destare nei migliori la necessità del contrasto contro il mostro dell’irrealtà, il cui fine è quello di trasformare gli uomini in Infelici Molti. Questi Infelici Molti sono per Morante innanzitutto gli adulti, coloro che accettano la visione distorta della realtà pur di entrare a farne parte in maniera indolore. In contrasto, i Felici Pochi, sono invece quelli che sanno scorgere questa discrepanza tra reale e irreale e contrastarla. Il rischio allora espresso nella Canzone di Morante, è quello di « diventare adulti », poiché sono propri gli adulti che lasceranno ai nuovi arrivati quel mondo inabitabile di cui si è scritto poco sopra:

  • 23Ibidem.

Negli anni del Mondo salvato dai ragazzini, più volte Elsa ha insistito sull’indifferenza adulta verso la tragedia di crescere dentro una società la cui regole e le cui mitologie essa ha subìto senza ribellarsi o ha contribuito ad affermare. Alla tragedia della Storia si aggiunge la tragedia della coscienza, che l’età adulta cova in sé inarrestabile 23.

20Questo frangente è decisivo nella comprensione del libro a cui Elsa Morante teneva di più, ma è altresì necessario per comprendere anche i rapporti tra gli uomini e la Storia all’interno del successivo e omonimo romanzo perché, come si vedrà tra poco, « la tragedia della storia » e quella « dell’età adulta », soprattutto raffigurata in contrasto con quella infantile, saranno i suoi due motori principali.

  • 24   Elsa Morante, Il mondo salvato dai ragazzini e altri poemi, op. cit., p. 39.
  • 25Ibidem, p. 50.
  • 26   Su questo particolare punto si veda l’importante studio in Concetta D’Angeli, La serata a Colono(...)

21Prima di lasciare la raccolta Il mondo salvato dai ragazzini, è però importante fare un riferimento ad un altro componimento utile alla nostra ricerca : si tratta di Serata a Colono, tragedia in versi, parodia dell’Edipo sofocleo e mezzo attraverso il quale proporre una classicità irriproponibile nei mutati scenari del ventesimo secolo. Elsa Morante rappresenta in Edipo l’uomo abbandonato e solo all’interno della moderna civiltà industriale. I due personaggi, Edipo e Antigone, ricalcano alcuni aspetti della situazione mitologica, ma d’altro canto se ne distaccano in maniera decisa. La rovina e la persecuzione di Edipo non nascono dal parricidio del mito o dalle nozze con la madre, ma dall’inspiegabile persecuzione di Febo, dio della luce e della ragione, « è da Lui, o amici, che mi vengono tutti i miei mali24 ». Dal nostro punto di vista però, il personaggio decisivo è Antigone, che assume qui un carattere originale, non quello solenne della tragedia sofoclea, ma quello di un’analfabeta, timida e un po’ sciocca. Antigone è poi l’opposto di Edipo, poiché è una creatura semplice e prova una sincera compassione verso il padre, così diverso da lei, ma non per questo da non amare: « sa ttuttecose che lui / ha letto ttuttilibbri che laltra gente poco ne capisce25 ». Eppure, un po’ per le sue difficoltà nel dialogo, un po’ per questo carattere così diverso, tra i due non si crea mai un dialogo. Antigone soffre di una sorta di autismo 26, perché creatura troppo diversa e troppo lontana dalla frenesia quotidiana per essere compresa dalle persone. Scrive Bardini a proposito di Antigone:

  • 27   Marco Bardini, op. cit., p. 649.

Antigone è la testimone di una condizione ancestrale, infantile, dell’umanità, alla quale la tradizione metafisica ha sempre attribuito, questa sì nostalgicamente, innocenza e purezza, ma che è solo benedetta incoscienza27.

22Questo carattere individuato da Bardini, rimanda direttamente a quella raffigurazione dell’infanzia di cui si parlava all’inizio: Antigone diventa per Elsa Morante il prodotto di quello « sguardo all’indietro » che permette di rappresentare l’infanzia come un’età mitica, incorrotta e pura. Questi eccezionali caratteri presenti nell’Antigone di Una serata a Colono, hanno molto in comune con il bambino Useppe de La Storia : infatti anche lui, come si vedrà tra poco, si costruirà un proprio linguaggio incomprensibile ai più e vivrà con la natura, come il personaggio di Una serata a Colono, un rapporto ancestrale e basato su una comprensione di quel mondo esclusa agli adulti (non sarà un caso infatti che Bella, il cane della famiglia Ramundo, uno dei molti rappresentanti del mondo animale all’interno del romanzo, comprenda il bambino e rivesta il ruolo di una seconda madre, presente al momento del bisogno di soccorso di Useppe). Si crea inoltre, come acutamente notato da Bernabò nella sua monografia, un parallelo tra i personaggi di Una serata a Colono e quelli di La storia:

  • 28   Graziella Bernabò, op. cit., p. 173.

Edipo e Davide sono, in un certo senso, una proiezione della scrittrice nei suoi aspetti più mentali, così come Antigone e Ida ne rappresentano gli elementi più emozionali. Sia nella Serata a Colono che nella Storia, la scrittrice corrode il suo doppio maschile, facendolo affondare nelle spire dei suoi stessi ragionamenti 28.

23Infine, prima di passare all’analisi diretta de La storia, è importante tenere presente un ultimo scritto precedente al romanzo, che nasconde, in nuce, un carattere che tornerà in La storia. Si tratta del saggio Il beato propagandista del Paradiso, scritto dedicato al Beato Angelico, affidato ad Elsa Morante da Rizzoli, che voleva assegnare a vari scrittori noti l’introduzione ai suoi classici dell’arte.

24L’analisi della scrittrice, scevra da qualsiasi pesantezza accademica, guida il lettore dentro la formazione letteraria del frate, scovando proprio nelle sue letture il carattere della sua pittura, immersa in una realtà ultraterrena simbolizzata dalla luce che si impone nei suoi dipinti. Questa luce, per la sua formazione divina, è inesprimibile dall’uomo e lo sforzo di Beato Angelico si concentra sull’uso degli ori, metodo umile e terrestre per esprimere ciò che non può esserlo. È interessante come, leggendo questo saggio cercando di scovare elementi della poetica personale di Morante, emergano in maniera indiretta i carattere della poetica che lei stessa sta elaborando e che la porterà, tra le altre cose, alla stesura de La storia. Scrive Morante a proposito dei fruitori delle opere di Beato Angelico:

  • 29   Elsa Morante, Il beato propagandista del Paradiso, in Pro o contro la bomba atomica e altri scri (...)

Tutto questo (manifesti, inni, spettacoli) è lavoro sociale e impegnato, dovuto alle Chiese, alle Signorie e alle Compagnie, e insomma al pubblico degli idioti : gli stessi a cui Cristo spiegava la luce in parabole, perché i loro intelletti sono confinati nelle dimensioni dello spazio e del tempo. Predicare agli idioti, nella loro lingua, una libertà che non abita dentro quelle dimensioni, e che non si può definire nei termini di nessun vocabolario : questa è la presenza nel mondo, insegnata dall’esempio del Vangelo. La santità-azione e l’arte-preghiera si apparentano in questo paradosso: d’essere sciolte dai limiti comuni, eppure di muoversi dentro questi limiti29.

25Nel suo essere « propagandista del Paradiso », Beato Angelico si metteva al servizio di un messaggio di bellezza e verità con carità e umiltà, nel desiderio di predicare « agli idioti, nella loro lingua », cioè a coloro che sono semplici e puri di cuore ; si tratta dello stesso scopo che lei si prefiggerà in La storia, quello di parlare agli ultimi in modo comprensibile. Non a caso al romanzo successivo sarà premessa, come dedica in esergo, una citazione di César Vallejo, poeta peruviano, che recita « Por el analfabeta a quien escribo ». Proprio come negli aspetti che illustra Morante della pittura del Beato Angelico, in La storia, l’autrice tenterà di far incontrare il divino e il terreno, l’astratto e il concreto, attraverso il personaggio di Useppe (che non a caso all’anagrafe si chiamerà Giuseppe Felice Angiolino, con gli ultimi due nomi che richiamano l’identità del frate), che per questo assume il carattere fondamentale di protagonista.

Useppe: il protagonista di La storia

  • 30   Per la bibliografia riguardante le reazioni all’uscita del romanzo La storia, si rimanda alla no (...)

26Nel giugno 1974, uscì presso Einaudi La storia, nella collana economica come desiderato dalla stessa autrice affinché fosse accessibile a tutti. Il romanzo fu immediatamente un successo, raggiungendo una tiratura altissima, e fu accolta entusiasticamente dal pubblico, suscitando però un’accesa disputa tra i critici 30 dove fu considerato da molti come un banale ritorno alla letteratura semplice e ordinata. Hanno pesato senza dubbio su questo giudizio la grande leggibilità dell’opera, il tema forte che essa trattava, cioè la seconda guerra mondiale, ricordo ancora fresco, vista dagli occhi delle persone semplici e umili, il grande lancio editoriale e le recensioni della prima ora, tutti fattori che facilitarono una lettura superficiale del romanzo anche da parte di critici professionisti. Questa disputa quindi ebbe il demerito di portare la discussione su un piano che esulava da una lettura non superficiale del romanzo e di non riuscire a rendere il senso della sua complessità.

27Il romanzo è composto da otto capitoli, il primo introduttivo, gli altri dedicati ognuno ad un anno tra il 1941, quando inizia la vicenda narrata, e il 1947. Ognuno di questi capitoli è preceduto da un breve riassunto della storia ufficiale dell’anno in cui si andrà a parlare, scritto in carattere più piccolo perché simbolo della contrapposizione tra essa, « uno scandalo che dura da diecimila anni » come scrive Morante nella prima edizione, e la vita di chi la Storia la subisce suo malgrado. Prima del capitolo iniziale e dopo l’ultimo, si trovano invece delle sintetiche descrizioni di quello che è accaduto rispettivamente tra il 1900 e l’inverno del 1940 e tra il 1948 e il 1967. Come detto, il romanzo è ambientato nella Roma della seconda guerra mondiale e dell’immediato dopoguerra, e lo sguardo sulle vicende storiche è quello dei personaggi feriti dalla guerra e alle prese con tutti i problemi che da essa derivano. Lo sguardo è quello di Ida, maestra elementare, vedova, che viene violentata da Gunther, un giovanissimo militare del Reich, ubriaco. Da questa violenza nascerà Useppe, secondo figlio di Ida e fratello di Nino. Si vede la tragedia degli ebrei deportati e discriminati attraverso gli occhi di Carlo Vivaldi, nome di battaglia Piotr e nome all’anagrafe Davide Segre, partigiano ed ebreo la cui famiglia viene uccisa. Ci sono poi i racconti di Nino, dei Mille, abitanti dello stanzone di Pietralata adibito agli sfollati dei bombardamenti, e di tanti altri personaggi disseminati tra le pagine del romanzo, tutte vittime della storia ufficiale, quella che ignora i poveri e gli umili. La Storia si presenta come la denuncia dell’antica e sistematica sopraffazione perpetrata dal Potere ai danni dei deboli.

28Ma lo sguardo privilegiato sugli avvenimenti è quello di Useppe, il figlio di Ida nato dalla violenza, simbolo dell’infanzia per come Morante l’ha rappresentata nel corso della sua opera, come si è tentato di mostrare nelle pagine precedenti, nonché apogeo della visione del mondo incarnata dall’autrice in tutta la sua produzione.

  • 31   Cesare Garboli, “Introduzione” a Elsa Morante, La storia, Torino, Einaudi, 2005, p. XIII.

29L’importanza di Useppe è messa in luce da Elsa Morante sin dal capitolo che racconta della sua nascita, che si tinge di tinte mitiche e viene introdotto dal racconto messianico della nascita di un figlio di una regina. Anche la descrizione del bimbo appena nato prepara già il lettore alla natura duplice del personaggio, così fragile e debole fisicamente, quanto ricco e profondo da un punto di vista emotivo, « bambino miserrimo e fanciullo divino, elemento di una maternità archetipica31 »:

  • 32   Elsa Morante, La storia, Torino, Einaudi, 2005, p. 95.

Era una creaturina così piccola, che stava comodamente sulle due mani della levatrice, come una canestra. E dopo essersi affermato in quell’eroica impresa di venire al mondo aiutandosi da se stesso, non gli era rimasta nemmeno la voce per piangere. Si annunciò con un vagito così leggero che pareva un caprettino nato ultimo e scordato fra la paglia. E aveva intenzione di sopravvivere : tanto è vero che, al momento dato, cercò di propria iniziativa, ansiosamente, le mammelle di sua madre 32.

  • 33   Mario Barenghi, « Tutti i nomi di Useppe: saggio sui personaggi della Storia di Elsa Morante », (...)

30Il romanzo di Elsa Morante è infatti un romanzo di maternità, come definito da Garboli, perché il nucleo famigliare si riduce, alla fine, alla madre e al suo piccolo bambino Useppe. Sono loro due a sopravvivere al bombardamento di San Lorenzo, a sfollare a Pietralata, ad assistere alla deportazione degli ebrei, prelevati dal ghetto, dalla stazione Tiburtina di Roma, fino a trasferirsi nel quartiere di Testaccio dove Ida affitterà la stanza dove si consumerà la tragedia del bambino. I padri, sono gravati invece, come nota Barenghi, da « una letale fatalità che pesa su tutte le figure maschili 33 » : Useppe non conoscerà mai il suo padre biologico e anche le altre figure suscettibili di ricoprire tale ruolo rimangono vittime del peso della Storia: è il caso del fratello Nino, del compagno tra gli sfollati Eppetondo, o di Davide Segre, tutte figure colpite da una morte prematura. E ancora più decisivo sarà che a fronte di una impossibilità di trovare un padre, la breve vita di Useppe sia segnata dal ritrovamento provvidenziale di un’altra madre, il cane Bella, sostituta di Ida nel momento del suo tracollo psicologico e fondamentale perché presente nel momento di una delle crisi epilettiche di Useppe. Non è inoltre di secondaria importanza che il luogo preferito di Useppe, che rifiuta gli spazi chiusi come suo fratello Nino, sia una radura dove trascorre le giornate estive, un luogo dove può essere più a stretto contatto con la natura e fuori dal disordine della città, simbolo di un potere che schiaccia il bambino (basti pensare che è Bella a guidare Useppe tra le vie della città per raggiungere la radura). Così Morante descrive il luogo dei giochi di Useppe:

  • 34   Elsa Morante, La storia, op. cit., p. 508.

Erano entrati un una radura circolare, chiusa da un giro d’alberi che in alto mischiavano i rami, così da trasformarla in una specie di stanza col tetto di foglie. Il pavimento era un cerchio d’erba appena nata con le piogge, forse non calpestata da nessuno. […] Di là dei tronchi, dalla parte del fiume, una palizzata naturale di canne lasciava intravedere l’acqua ; e il passaggio della corrente, insieme all’aria che smuoveva le foglie e i nastri delle canne, variava le ombre colorate dall’interno, in un continuo tremolio 34.

31La descrizione della radura, che assume la struttura di una stanza, rimanda ad elementi di chiusura uterina, a confermare ancora come questa sia la dimensione del romanzo.

32Questo luogo rappresenta lo spazio del gioco, uno spazio infantile dove i bambini possono essere pirati e gli stracci diventare le vele di navi, un locus amoenus, debitore tanto della tradizione dantesca e ariostesca, quanto delle filosofie orientali:

  • 35 Ibidem, p. 509.

Pareva proprio di trovarsi in una tenda esotica, lontanissimo da Roma e da ogni altra città : chi sa dove, arrivati dopo un grande viaggio ; e che fuori all’intorno si stendesse un enorme spazio, senz’altro rumore che il movimento quieto dell’acqua 35.

33La radura è quindi un luogo di gioco, che assume però un carattere che lo rende isolato dal resto del mondo, luogo dove l’uomo può raggiungere quell’annientamento di cui parla Simone Weil, letta e annotata con molto studio da Elsa Morante come testimoniano le copie dei suoi libri da lei posseduti, e che tenterà Ida alla fine del romanzo dopo la morte del piccolo bambino:

  • 36 Ibidem, p. 647.

Stava seduta, con in grembo le mani raccolte, che ogni tanto muoveva intrecciandole come per giocare, e in volto lo stupore luminoso e sperduto di chi si sveglia appena e non riconosce ancora le cose che vede. A parlarle, faceva un sorriso ingenuo e mansueto, pieno di serenità e quasi di gratitudine ; ma era vano attendersi da lei qualche risposta, anzi sembrava percepire a malapena le voci, senza capire nessun linguaggio, né, forse, distinguere nessuna parola. A volte, con un trasognato mormorio, ripeteva fra sé delle sillabe incerte, che parevano raccolte da qualche idioma onirico o dimenticato36.

34Anche Ida, come Useppe, è vittima della Storia. Ma ciò che distingue la madre dal figlio è l’innocenza di Useppe dovuta alla sua tenera età, al suo essere puro e non contaminato dal contatto con il mondo. Per Useppe la vita, come canta nella filastrocca che intona, non a caso nella radura, « è uno scherzo, uno scherzo, è tutto uno scherzo » (si tratta della stessa canzoncina che recita Pazzariello in Il mondo salvato dai ragazzini).

  • 37 Giorgio Agamben, op. cit., p. 134.

35Questo non vuol dire che Morante identifichi Useppe come un elemento totalmente slegato dal mondo, ma invece lo considera come il prototipo degli F.P. de Il mondo salvato dai ragazzini, ovvero come quello che non si mischierà con il potere, che manterrà un contatto originario e puro con la natura (e basti pensare alla funzione che gli animali rivestono nel romanzo La storia, ma anche, in maniera più ampia, in tutta la produzione di Elsa Morante37). Useppe incarna la semplicità, ma non si tratta di una semplicità riducibile ad uno stato superficiale o volgare : da questo particolare punto di vista è interessante rileggere anche la dedica in apertura al romanzo in rapporto al personaggio di Useppe, catalizzatore di critiche spesso sfocate. Morante con il suo romanzo non si rivolge alle consorterie letterarie del suo tempo, non si rivolge neanche a chi si nutre di parole false che rispecchiano una visione errata della realtà : Morante si rivolge, utilizzando una dicitura che usa all’interno del saggio Sul romanzo, a chi ha creato « il silenzio attorno a sé », liberandosi dai condizionamenti delle parole false, scevro dagli sguardi alla moda e ammiccanti, colui che ha rifiutato di asservirsi alla realtà pur di farne parte. Useppe, e l’età della prima infanzia che lui rappresenta, è il simbolo di questa sua poetica.

  • 38   Graziella Bernabò, op. cit., p. 205.

36A conferma di questa tesi è anche il linguaggio di Useppe e il suo modo di confrontarsi con la realtà. Come nota Bernabò, quello di Useppe « è un linguaggio molto aderente alle cose e alla percezione aurorale, estatica, dell’ esistente38». Considerato da questa angolazione, Useppe incarna anche la figura del poeta come inteso da Elsa Morante, una visione che ha qualcosa in comune con la definizione di puer aeternus della scuola junghiana, filosofia dalla quale sicuramente Morante è stata influenzata. Useppe appare, sin dalla sua prima apparizione che abbiamo riportato poco sopra, segnato da un destino tragico, perché più gracile degli altri bambini, dagli « occhi troppo belli », simbolo di un presagio di malattia. Fa da contraltare a questo destino però una vitalità e un rapporto con il mondo fenomenico speciale ed esclusivo. Useppe riesce ad andare oltre l’apparenza delle cose e, attraverso le sue allucinazioni da epilettico, si astrae dal mondo reale e si colloca in un tempo eterno, un tempo nel quale tutto si risolve nel già citato gioco della vita:

  • 39   Elsa Morante, La storia, op. cit., p. 510.

Le canzonette e i belati, e il mare, e le sirene d’allarme, e gli spari, e le tossi, e i motori, e i convogli per Auschwitz, e i grilli, e le bombe dirompenti, e il grugnito minimo dell’animaluccio senza coda ; e « che me lo dai un bacetto, a’ Usè »39.

37Sembra che attraverso le visioni provocate dal « Grande male », Useppe attinga all’incoscio collettivo per come definito da Carl Gustav Jung:

  • 40 Carl Gustav Jung, La struttura della psiche, in Opere, vol. 8, Torino, Bollati Boringhieri, 1976 (...)

L’inconscio collettivo è un patrimonio ereditario di possibilità rappresentative non individuali ma comuni a tutti gli uomini e forse a tutti gli animali, e costituisce la vera e propria base della psiche individuale40.

38È questo patrimonio collettivo e comune che fa sentire Useppe parte di un universo in cui « ogni cosa rimanda ad un’altra ».

Conclusioni

39Quello che si è tentato di mostrare in questo saggio, attraverso un’analisi che ha toccato la presenza dell’infanzia in molte opere di Elsa Morante, è come il personaggio di Useppe rappresenti una summa della visione dell’autrice dell’infanzia e del suo ruolo nel mondo. Nel bambino dal destino tragico della Storia, Elsa Morante riesce a racchiudere la poetica che, in maniera meno omogenea, appare in opere precedenti come i racconti e le filastrocche per bambini fino alla raccolta Il mondo salvato dai ragazzini. Nel romanzo del 1974, questa rappresentazione assume un carattere finalmente unitario e Morante riesce a trasmettere in maniera compiuta e definitiva la sua concezione di questa età.

  • 41   Lorenzo Mondo, « Una saga moderna della povera gente », La Stampa, 19/07/1974, p. 8.
  • 42   Non è un caso infatti che la prima crisi epilettica arrivi dopo aver visto, esposte in un’edicol (...)

40Useppe è inoltre immerso nell’ambientazione del romanzo, nella violenza della seconda guerra mondiale e quindi il suo personaggio porta anche le cicatrici di questa situazione. Anche la stessa malattia appare come una conseguenza ex-post, come un residuo tragico e drammatico della violenza passata. Inoltre Useppe nasce da una violenza carnale, dallo stupro del soldato tedesco Gunther ; porta quindi con sé il sangue dell’oppresso ma anche dell’oppressore ; scrisse al tempo dell’uscita del romanzo Lorenzo Mondo, che Useppe nasce « dall’abbraccio di due paure, [...] e annulla in sé ogni storico discrimine, la sua innocenza è la stessa del primo uomo gettato allo sbaraglio su un pianeta dolcissimo e funesto 41 ». Per tornare all’influenza delle filosofie orientali nella sua scrittura, Useppe è quindi come un piccolo Budda, un bambino che scopre e vive 42 i dolori e le miserie del suo tempo. Nello stesso tempo riesce a non farsi intorbidire da esse, ma invece a mantenere la sua gioia di vivere che si esplica nel rapporto con la natura, nel legame con gli animali, tutti fattori che rendono quindi la sua vita simile ad una favola.

  • 43   Vittorio Giacopini, « Elsa Morante e il ’68 », Lo Straniero, n. 148, ottobre 2012. Consultabile (...)

41Come si è provato a dimostrare, questo non significa però che Useppe viva una vita slegata dal mondo fenomenico, immersa nel sogno infantile. All’opposto, per Morante, il comportamento di Useppe è quello che dovrebbe essere tenuto dall’uomo nel suo vivere quotidiano; è solo così che il popolo della terra può avvicinarsi ai comportamenti e le azioni dei Felici Pochi dell’omonima canzone. I Felici Pochi di Morante si precludono il potere, non comanderanno, perché per Morante la « grande certezza sta in questa avversione libertaria per il potere che ai suoi occhi resta un “vizio degradante”, una rovina43». Riprendendo le riflessioni di Garboli, la raffigurazione dei Felici Pochi e dei personaggi de La storia, finiranno per creare disagio e insofferenza perché si dice ai giovani di togliersi dalla testa l’idea di vincere e di comandare : ai ragazzini Morante non offrirà conforto e consolazione proprio perché non è possibile questa se non chiudendo gli occhi sulla realtà e asservendosi quindi all’irrealtà.

42Eppure questa poetica è anche un invito alla liberazione, ad una fuga dal mediocre cammino del Potere perché ai ragazzini si « apre un cammino esistenziale e sapienziale di altra natura»:

  • 44   Elsa Morante, Il mondo salvato dai ragazzini e altri poemi, op. cit., p. 137-138.

La vostra benedizione è conoscere
che pure il desiderio del paradiso è servile.
Il gioco è divino perché non c’è nessuna promessa
o speranza di guadagno.
E proprio in quest’impossibileè il punto luminoso del teorema, il centro di valore
d’ogni città : della Gerusalemme siderale come
della repubblica di Marx, o della Politeia,
o dell’Eden…
Quel punto è la salute della mente
e si capisce che i padroni praticoni ne hanno paura
come della loro morte. Con questo si tradiscono perché
la paura è servile.
Il gioco è divino perché si mischia pazziando col toro demente e scandaloso
della morte.
La vostra libertà è conoscere
che ogni mèta di vittoria, ogni aspettazione d’applauso
è servile 44.

Haut de page

Notes

1   Il saggio è consultabile sul profilo di Emanuele Zinato su academia.edu al seguente indirizzo https://www.academia.edu/14169119/Linfanzia_rappresentata_nella_letteratura_del_Novecento Data ultima consultazione 30/10/2016.

2   Francesco Orlando, Infanzia, memoria e storia da Rousseau ai romantici, Pisa, Pacini, 2007.

3   Gli studi sulla letteratura per l’infanzia non costituiscono un campo omogeneo poiché si incontrano volumi che hanno una impostazione più manualistica, didattica e storica ed altri che invece si interrogano sul peso che i fenomeni sociali, politici ed economici rivestono nei confronti di questa particolare letteratura. Si segnalano, senza alcuna intenzione di completezza, alcuni volumi usciti negli anni 2000 ad oggi: Wanda De Nunzio-Schillardi, Ada Neiger, Graziella Pagliano (a cura di), Tracce d’infanzia nella letteratura italiana fra Ottocento e Novecento, Napoli, Liguori, 2000; Emy Beseghi, Infanzia e racconto. Il libro, le figure, la voce, lo sguardo, Bologna, Bononia University Press, 2003; Milena Bernardi, Infanzia e fiaba, Bologna, Bononia University Press, 2007; Pino Boero, Carmine De Luca, La letteratura per l’infanzia, Bari, Laterza, 2010; Emy Baseghi, Giorgia Grilli (a cura di), La letteratura invisibile. Infanzia e libri per bambini, Roma, Carocci, 2011.

4   Basti pensare ad esempio a Le avventure di Pinocchio di Carlo Collodi, pubblicato inizialmente con il titolo La storia di un Burattino tra il 1881 e il 1883, Cuore di Edmondo De Amicis pubblicato nel 1886 e Emilio Salgari con I misteri della jungla nera del 1896 e il Corsaro nero di due anni successivi. Nel primo Novecento si incontra invece Il giornalino di Gian Burrasca, scritto da Luigi Bertelli sotto lo pseudonimo di Vamba, pubblicato nel 1912. Nel secondo dopoguerra, le esperienze della Resistenza e della Liberazione influenzano anche la letteratura per l’infanzia: il caso paradigmatico è quello di Gianni Rodari e del suo libro Romanzo di Cipollino uscito nel 1951. Rodari pubblicherà poi per Einaudi libri come Filastrocche in cielo e in terra (1960 con illustrazioni di Bruno Munari), Le favole al telefono (1962) e l’importante La grammatica della fantasia (1973, più volte ristampato), un saggio sull’arte di inventare storie. Da citare poi i libri gioco di Bruno Munari. Fondamentale poi Cipì di Mario Lodi, uscito nel 1961 e simbolo di un approccio paritario tra autore e lettori bambini. Altrettanto importante infine sono le raccolte di fiabe curate da Calvino sotto il titolo di Fiabe italiane, trascritte in lingua italiana da vari dialetti e edite nel 1956.

5   Su questo particolare punto di contatto tra l’opera di Morante e quella di Weil è molto importante il recente volume di Angela Borghesi, Una storia invisibile. Morante Ortese Weil, Macerata, Quodlibet, 2015. Per un discorso più ampio, risulta molto convincente l’ipotesi avanzata con fermezza e rigore scientifico da Giancarlo Gaeta, che nel pensiero fondamentale del Novecento abbia avuto un peso decisivo, forte e originale il pensiero femminile, non inficiato dal potere come quello maschile, di Weil, Hillesum e Arendt e, insieme a loro e non diversamente da loro, quello di Ortese e Morante, per alcuni aspetti debitrici delle prime.

6   Giorgio Agamben, Categorie italiane. Studi di poetica e di letteratura, Bari, Laterza, 2010, p. 123.

7   Per la ricostruzione precisa e dettagliata del riferimento alla vita personale di Elsa Morante si rimanda a Graziella Bernabò, La fiaba estrema. Elsa Morante tra vita e scrittura, Roma, Carocci editore, 2012. In particolare al primo capitolo “Nel segno del leone”, p. 19-42.

8   Elsa Morante, Patrizi e plebei, in Racconti dimenticati, Torino, Einaudi, 2002, p. 203-204.

9   Elena Porciani, in un importante libro su Elsa Morante che indaga, ed è in questo forse l’unico volume di ampio respiro che si concentra su questa tematica, l’imponente mole di racconti, fiabe e poesie che costituiscono il corpus giovanile, e verrebbe da dire quasi infantile, di Elsa Morante, sottolineerà come nella produzione favolistica della scrittrice rivesta un ruolo di primo piano il tema della perdita di familiarità del soggetto verso il mondo circostante. Si veda al riguardo quindi Elena Porciani, L’alibi del sogno nella scrittura giovanile di Elsa Morante, Soveria Mannelli, Iride Edizioni, 2007.

10   Elsa Morante, La casina che non c’è più, in Le bellissima avventure di Caterì dalla trecciolina e altre storie, Torino, Einaudi, 1995, p. 14.

11   Graziella Bernabò, op. cit., p. 36.

12   Non solo nei racconti si mostrerà questo carattere: basti pensare ad alcuni personaggi di Menzogna e sortilegio, come ad esempio il capriccioso e principesco cugino di Anna, o all’ambiente fiabesco de L’isola di Arturo.

13   Si veda a questo proposito Claude Bazalé Bérard, Donne tra memoria e scrittura. Fuller, Weil, Sachs, Morante, Roma, Carocci, 2009. In particolare per quanto riguarda il tema della fiaba, si faccia riferimento al capitolo secondo e ai suoi due paragrafi “La raccontatrici di fiabe: Weil, Morante, Campo, Bachmann” e “Le aporie della storia e la fine della fiaba”, p. 166-242.

14   Alfonso Berardinelli, « Il sogno della cattedrale. Elsa Morante e il romanzo come archetipo », Linea d’ombra, n. 80, 1993, p. 49.

15   Citato da Marco Bardini, Morante Elsa. Italiana. Di professione, poeta, Pisa, Nistri-Lischi, 1999, p. 681.

16Ibidem.

17Ibidem, p. 682.

18   Marco Bardini riporta alcuni stralci dalle note biografiche scritte dalla stessa Morante dove appunto scrive di come sia proprio Il mondo salvato dai ragazzini l’opera in cui ha messo « il meglio della sua esperienza, della sua passione e della sua arte », oppure come tale opera sia « da lei stessa stimata la sua migliore fino a oggi ». Cfr. ibidem, p. 617.

19   Su questo particolare punto si veda Elsa Morante, Piccolo manifesto dei comunisti (senza classe né partito), Roma, Edizioni Nottetempo, 2004. Questo breve scritto si interroga sulla natura del potere e sulle conseguenze che esso ha sull’uomo, assumendo un carattere che porta ad affiancarlo, come spiegazione o aggiunta didascalica, ai temi del Mondo salvato dai ragazzini: l’esercizio del potere scrive Morante è un vizio degradante che rende ciechi di fronte alla realtà.

20   Cesare Garboli, Il gioco segreto. Nove immagini di Elsa Morante, Milano, Adelphi, 1995, p. 147.

21   Goffredo Fofi, Prefazione a Elsa Morante, Il mondo salvato dai ragazzini e altri poemi, Torino, Einaudi, 2012, p. X.

22Ibidem.

23Ibidem.

24   Elsa Morante, Il mondo salvato dai ragazzini e altri poemi, op. cit., p. 39.

25Ibidem, p. 50.

26   Su questo particolare punto si veda l’importante studio in Concetta D’Angeli, La serata a Colono, in Leggere Elsa Morante. Aracoeli. La Storia e Il mondo salvato dai ragazzini, Roma, Carocci, 2003.

27   Marco Bardini, op. cit., p. 649.

28   Graziella Bernabò, op. cit., p. 173.

29   Elsa Morante, Il beato propagandista del Paradiso, in Pro o contro la bomba atomica e altri scritti, Milano, Adelphi, 1987, p. 134.

30   Per la bibliografia riguardante le reazioni all’uscita del romanzo La storia, si rimanda alla nota bibliografica contenuta nella ristampa einaudiana a cura di Cesare Garboli del 1995 nella collana Einaudi Tascabili e nel 2005 nella collana SuperET. Qui sono presentati « tutti o quasi » i documenti relativi « al polverone di pro e contro che il romanzo della Morante suscitò al suo primo apparire ».

31   Cesare Garboli, “Introduzione” a Elsa Morante, La storia, Torino, Einaudi, 2005, p. XIII.

32   Elsa Morante, La storia, Torino, Einaudi, 2005, p. 95.

33   Mario Barenghi, « Tutti i nomi di Useppe: saggio sui personaggi della Storia di Elsa Morante », Studi novecenteschi, n. 62, dicembre 2001, p. 372.

34   Elsa Morante, La storia, op. cit., p. 508.

35 Ibidem, p. 509.

36 Ibidem, p. 647.

37 Giorgio Agamben, op. cit., p. 134.

38   Graziella Bernabò, op. cit., p. 205.

39   Elsa Morante, La storia, op. cit., p. 510.

40 Carl Gustav Jung, La struttura della psiche, in Opere, vol. 8, Torino, Bollati Boringhieri, 1976, p. 170.

41   Lorenzo Mondo, « Una saga moderna della povera gente », La Stampa, 19/07/1974, p. 8.

42   Non è un caso infatti che la prima crisi epilettica arrivi dopo aver visto, esposte in un’edicola, le foto delle violenze della seconda guerra mondiale nell’immediato dopoguerra, quando la vera violenza stava iniziando ad essere svelata.

43   Vittorio Giacopini, « Elsa Morante e il ’68 », Lo Straniero, n. 148, ottobre 2012. Consultabile online al seguente indirizzo: http://lostraniero.net/elsa-morante-e-il-68/. Data ultima consultazione 30/10/2016.

44   Elsa Morante, Il mondo salvato dai ragazzini e altri poemi, op. cit., p. 137-138.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Matteo Moca, « Useppe : la voce che parla a tutti
Elsa Morante e la rappresentazione dell’infanzia in La Storia
 », Italies, 21 | 2017, 51-69.

Référence électronique

Matteo Moca, « Useppe : la voce che parla a tutti
Elsa Morante e la rappresentazione dell’infanzia in La Storia
 », Italies [En ligne], 21 | 2017, mis en ligne le 19 janvier 2018, consulté le 18 août 2018. URL : http://journals.openedition.org/italies/5713 ; DOI : 10.4000/italies.5713

Haut de page

Auteur

Matteo Moca

Université Paris Ouest Nanterre La Défense / Université de Bologne, Italie

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Italies - Littérature Civilisation Société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
  • Logo Centre aixois d’études romanes
  • Logo Aix-Marseille Université
  • OpenEdition Journals