Navigation – Plan du site
Comptes rendus

Luigi Cazzato, Sguardo inglese e Mediterraneo italiano.
Alle radici del meridionismo

Milano, Mimesis, 2017, 220 p.
Silvia Contarini
p. 533-534
Référence(s) :

Luigi Cazzato, Sguardo inglese e Mediterraneo italiano. Alle radici del meridionismo, Milano, Mimesis, 2017, 220 p.

Texte intégral

1Il volume di Luigi Cazzato, professore di letteratura inglese all’Università di Bari, recente co-curatore del volume S/Murare il Mediterraneo, è il frutto di ricerche svolte nell’arco di un decennio sul tema dell’incontro tra nord e sud e del possibile dialogo sud/sud. Il nord, nei suoi studi, è soprattutto l’Inghilterra ; il sud ha i confini più incerti – l’Italia intera, il meridione, il Mediterraneo – che gli sguardi di cui è stato oggetto gli hanno assegnato.

2La prospettiva in cui si muove l’autore è quella del pensiero post e decoloniale che ha permesso di ripensare il mondo governato dall’occidente colonialista nella modernità e trova oggi nei New Southern Studies e nei teorici del Global South un terreno di ricerca fertile e produttivo ; e, parallelamente, quella del pensiero meridiano – Franco Cassano è l’esplicito riferimento –, un pensiero che offre un’altra visione dello spazio mediterraneo, critica nei confronti di una modernità, modello egemonico imposto dal nord al sud d’Italia e d’Europa.

3L’idea di fondo che attraversa il volume è la necessità di revocare le gerarchie che, sulla base dell’opposizione tra un nord virtuoso e un sud colpevole, hanno distinto e continuano a distinguere fra modernità e arretratezza, centro e periferia, civiltà e barbarie. Per farlo, l’autore abbandona l’approccio testuale per privilegiare l’approccio culturale, e passare dall’idea di rappresentazione della realtà a quella di costruzione della realtà.

4Scrive Iain Chambers nella bella prefazione che « chiaramente il mondo guardato da Londra è profondamente diverso da quello visto da Bari. E il fatto che queste due prospettive non siano considerate eguali nel rendiconto della modernità, ci avverte che alle loro spalle esistono degli apparati storici, culturali e politici che producono delle cartografie diseguali » (p. 11). Nei nove capitoli che compongono il volume, Cazzato analizza con acume l’Italia guardata da Londra, lo sguardo del nord che al sud cerca, e trova o inventa, il pittoresco, il mitico, il romantico, l’arcaico, il magico, ma anche barbarie, sporcizia, decadenza e indolenza.

5I primi quattro capitoli sono particolarmente degni di nota. Nel primo, lo studioso ripercorre le relazioni anglo-meridionali sulla lunga durata, indugiando sul momento in cui, dal xviii secolo in poi, gli inglesi considerano l’Italia una quasi-colonia, barbara, arretrata e improduttiva, ma soprattutto in cui i meccanismi del potere coloniale sorreggono i rapporti fra i popoli che hanno un impero e quelli che non ce l’hanno. Queste gerarchie coloniali sono state imposte, scrive Cazzato, a suon di « cannonate epistemiche ». E constata che l’Italia, « collocata alla periferia della modernità europea, non fu invasa dall’esercito inglese, ma da folte ed eleganti truppe di diplomatici, politici, poeti, scrittori, pittori, filosofi, antiquari : tutti armati di pregiudizi saldi, stereotipi formidabili, sicurezze e passioni granitiche » (p. 32).

6A questo armamentario epistemologico, da lui definito « meridionismo », sulla scia dell’orientalismo saidiano, viene dedicato tutto il secondo capitolo, in cui si analizzano le formazioni discorsive alterizzanti e i paradigmi che hanno contribuito a fissare gerarchie di valori e a essenzializzare i popoli. Lo studioso in realtà non afferma che la differenza del sud è un’invenzione del nord, ma che il sud è stato costruito come spazio dell’identità deficitaria : un Occidente imperfetto (p. 45), uno spazio-tempo che altri presentano come il « non ancora » della modernità e della civiltà. E non si interessa solo a come lo stereotipo viene creato ma soprattutto a come viene usato per stabilire rapporti di potere e scale di valori. Ricorda infine che già Cassano, partito dall’idea del sud come forma incompiuta di nord e come spazio pensato da altri, invitava il sud a pensare se stesso e a rivendicare la dimensione di non-nord ribaltandola in positivo. Cazzato mette tuttavia in guardia contro i pericoli di un ritorno essenzialista.

7I capitoli tre e quattro, intitolati rispettivamente Verticalismo 1 : Europa e Mediterraneo rimosso, e Verticalismo 2 : Europa e ricerca dei confini meridionali, sono dedicati alla storia trascurata del Mediterraneo, spazio fisico e simbolico, eletto culla della civiltà europea dai pensatori del nord, ma di fatto sospinto verso l’Africa e distinto dall’Europa. La linea di confine tra nord e sud, per gli studiosi inglesi, non cadrebbe all’interno delle acque del Mediterraneo, ma all’interno del continente europeo. L’autore, che ricorda il detto piemontese secondo il quale Garibaldi non avrebbe unito l’Italia ma diviso l’Africa (p. 73), si interroga allora sulle strategie secondo le quali sono stati disegnati i confini dell’Europa meridionale, su quelle linee di demarcazione fra Europa e Africa tracciate a latitudini diverse. E noi non possiamo impedirci di ricordare che non gli inglesi ma gli americani, a inizio ‘900, al fine di classificare l’appartenenza razziale degli immigrati, redigono un Dictionary of Races or Peoples, nel quale si precisa che gli italiani non costituiscono una razza omogenea, ma vanno distinti in italiani del nord e del sud : la linea di demarcazione è il bacino del Po.

8Insomma, le acute riflessioni di Cazzato, ben documentate ed esposte con lodevole chiarezza, il suo lavoro di svelamento delle genealogie e di smantellamento degli stereotipi si rivelano utili non solo a chi si interessi alle forme passate o attuali della questione meridionale a livello italiano e europeo, ma anche a chiunque si interroghi sull’impatto delle costruzioni discorsive – incluse le opere di creazione – sulla formazione di gerarchie di potere e di pregiudizi culturali.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Silvia Contarini, « Luigi Cazzato, Sguardo inglese e Mediterraneo italiano.
Alle radici del meridionismo
 », Italies, 21 | 2017, 533-534.

Référence électronique

Silvia Contarini, « Luigi Cazzato, Sguardo inglese e Mediterraneo italiano.
Alle radici del meridionismo
 », Italies [En ligne], 21 | 2017, mis en ligne le 19 janvier 2018, consulté le 23 octobre 2018. URL : http://journals.openedition.org/italies/5895

Haut de page

Auteur

Silvia Contarini

Université Paris Nanterre

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Italies - Littérature Civilisation Société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
  • Logo Centre aixois d’études romanes
  • Logo Aix-Marseille Université
  • OpenEdition Journals