Navigation – Plan du site
L'enfant et le poète

Il bambino interiore di Umberto Fiori

Fabrice De Poli
p. 367-399

Résumés

L’article met au jour deux grandes modalités de l’enfance dans la poésie d’Umberto Fiori. D’une part, l’enfance comme loupe grossissante de l’adulte, expression première, pure et patente des sentiments avec lesquels l’adulte devra vivre toute sa vie durant. D’autre part, l’enfance personnelle du poète en lien avec son parcours humain spécifique – du conditionnement idéologique à une « regénération » comme homme et comme poète dans laquelle sont revécus et réactualisés de manière prégnante des moments clés de l’enfance.

Haut de page

Entrées d’index

Index géographique :

Italie

Index chronologique :

XXe
Haut de page

Texte intégral

  • 1 Umberto Fiori, Poesie 1986-2014, Milano, Mondadori, 2014, d’ora in poi : PO. Qui di seguito le altr (...)

1Scopo di questo studio è cercare di capire lo spazio e la funzione che occupa la figura ricorrente dell’infanzia nella poesia di Umberto Fiori (nato nel 1949) e in particolare in che modo l’infanzia serva alla messa in scena del percorso umano autobiografico che sottende la sua scrittura: dopo anni di impegno politico come cantante degli Stormy Six, gruppo storico antifascista nato negli anni ’70, Fiori ha conosciuto un periodo di forte crisi a cui allude nella sua opera e talvolta nelle sue interviste, prima di rinascere come uomo e artista: cestina allora tutta la sua produzione poetica passata, inedita, e comincia a scrivere proprio a partire da un’emozione d’infanzia che gli risorge dal profondo della memoria – la luce riflessa da un muro che egli vedeva dai banchi di scuola. È quindi dal risorgere della propria infanzia che nascerà il poeta dallo stile limpido che oggi conosciamo e che viene sempre più riconosciuto come dimostra la pubblicazione, nel 2014, delle opere poetiche complete di Fiori presso Mondadori 1. Ma se l’infanzia si riflette nel percorso autobiografico del poeta (come vedremo nel secondo momento della nostra riflessione), vorremmo mostrare prima come essa si presenti anzitutto quale specchio universale in cui l’adulto può vedere la propria immagine presente, i propri sentimenti, positivi o negativi che siano.

L’infanzia per dire l’adulto

Similitudine, opposizione

2Fiori non rientra in quella stirpe di poeti che intendono l’infanzia come età transitoria che si perde irrimediabilmente con gli anni provocando incurabile nostalgia (ove si annoverano poeti elegiaci come il Leopardi delle Ricordanze o il Montale di Fine dell’infanzia). Egli appartiene piuttosto a questa famiglia di poeti che vedono nell’infanzia l’espressione di un’istanza costitutiva dell’essere umano che permane nell’adulto (e figura di spicco di questa famiglia è sicuramente Pascoli col suo Fanciullino, un poeta di cui Fiori è attento lettore, come illustra l’articolo che gli dedicò nel 2006 2).

3Una delle caratteristiche più forti dell’infanzia in Fiori consiste infatti nel costituirsi come elemento di paragone per esprimere efficacemente i sentimenti dell’adulto, spesso nei momenti conclusivi dei componimenti, come nella paradigmatica Esempi, poesia liminare della raccolta omonima, in cui le spiegazioni (esistenziali) lungamente attese sono infine ma paradossalmente offerte dal muto spettacolo delle cose e delle « case » (termine chiave del mondo poetico fioriano) ; l’immagine conclusiva dell’infanzia serve qui a suggerire la distrazione congenita dell’essere umano che gli impedisce di aderire al presente e di ascoltare quello che le cose o le « case » hanno da dirgli :

  • 3 Umberto Fiori, Esempi, ES, p. 9.

Stanno lì, queste case,
come le spiegazioni

che i bambini pretendono e che poi
mai che le ascoltino 3.

  • 4 Umberto Fiori, Le parole, CH, p. 89.

4Fiori esplicita una delle funzioni che ha per lui l’infanzia nella poesia Le parole, in cui si sofferma peraltro su un tema che gli è caro, quello della presunzione degli uomini di avere assolutamente ragione, quello della « fede [che essi hanno] nelle parole 4 » :

  • 5 Le parole, CH, p. 90.

Le parole
se vuoi vedere la forza che hanno,
e cosa sono, e come sono grandi,
guarda i bambini quando
scoppia una lite,
che prima uno ripete la sua ragione,
l’altro la sua, a voce sempre più alta,
poi, quando è diventata una canzone,
si urlano in faccia solo di sì, di no,
di no, di sì, con le lacrime agli occhi :
non ci possono credere
che là fuori non faccia
nessun effetto, che non tocchi
niente, nessuno,
quello che dentro invece è così chiaro
che toglie il fiato
e piega le ginocchia 5.

5È chiaro che Fiori riconsidera in questo modo l’intero periodo da lui vissuto come cantante politicamente impegnato negli anni Settanta, anni di forti contrasti ideologici all’interno dei paesi occidentali europei e ancor più marcatamente in Italia.

6L’invito a guardare i bambini per conoscere meglio i sentimenti dell’adulto è esplicitato analogamente nei primi versi della poesia Capriccio, in cui il bambino assurge addirittura a « idolo », cioè a figura che esprime una verità universale e atemporale, nella fattispecie la verità della rabbia inerente all’esistere umano :

  • 6 Capriccio, BV, p. 83.

Guardalo questo bambino come si strangola
di rabbia, senza più lacrime.
Guardalo com’è brutto, com’è solo
Là, nel suo angolo.
[…]
Tu dici : lascia fare, finirà.
Ma non senti com’è
eterna la sua furia,
com’è lontana
dalla nostra pietà ?

Appassiscono i fiori,
si vela il sole,
sotto questo grido.

Guardalo : la sua faccia
adesso è immensa.
È la smorfia di un idolo 6.

7Va notato che il rapporto che lega l’infanzia in Fiori all’età adulta può essere sia di identità ma anche, più eccezionalemente, di opposizione, quando Fiori recupera l’idea tradizionale dell’infanzia come momento della gioia incondizionata opposta al male di vivere che attanaglia gli adulti, ad esempio nella poesia intitolata Trenino in cui la gioia aperta dei bambini contrasta col viso chiuso del « conducente » a fine poesia :

  • 7 Trenino, TU, p. 88.

Gira gira il trenino dei giardini,
[…]
sette vagoni di bambini
che fanno viva viva
alla mamma,
ciao ciao con la manina.

Davanti a tutti, sulla locomotiva,
il faccione di pietra del conducente 7.

8Nella poesia Incidente invece la gente, mentre pulisce il proprio appartamento, dà un’impressione di salda sicurezza paragonabile a quella dei bambini quando giocano, ma entrambi (gente e bambini) sono implicitamente messi in contrasto con la figura di un adulto problematico, quella del poeta stesso che contempla la scena e si meraviglia di questa loro apparente adesione innocente al mondo :

  • 8 Incidente, ES, p. 32.

A vederli passare
con il piumino in mano,
decisi e seri
come i bambini quando giocano,
misteri il mondo
è come non ne avesse mai avuti 8.

9Il poeta invece sa di vivere un mondo misterioso, vasto e vagamente inquietante, come suggerisce sottilmente il seguito della poesia in cui viene evocata una persona (il poeta) che vede e contempla, al di là dei palazzi, uno sbuffo di fumo salire in cielo. L’evocazione dell’infanzia ricorre nell’espressione di specifiche emozioni e sentimenti, positivi o negativi, fra cui spiccano, oltre allo stupore meravigliato di fronte al mondo (su cui ci soffermeremo dopo), l’attesa fiduciosa, il senso di estraneità, la rabbia.

L’attesa fiduciosa

10Fiori esprime in più poesie il flusso di emozioni che nasce dalla prospettiva di un momento gioioso, come una cena programmata tra amici – il tema, già trattato nella poesia La settimana che viene (ES, p. 71), torna nella raccolta Chiarimenti, sia nell’attacco del poemetto proemiale (Il discorso e la voce) sia nel componimento finale (Conferenze). Nel poemetto Il discorso e la voce la programmazione di una cena viene espressa in termini iperbolici, come « promessa », « gloria » che potrebbe « venir fuori » (CH, p. 11) e simile sentimento in apparenza insignificante è in realtà profondo e intenso per il personaggio fioriano, rimanda alle forti emozioni dell’infanzia (« Ti stanno in testa ormai, queste serate, / come ai bambini / la notte di Natale »). Un sentimento analogo viene evocato nella poesia Ordinazione (nella Bella vista) quando, spazzato il tavolino appena liberato, inclinato l’ombrellone e sistemata la tovaglia, la cameriera aspetta l’ordinazione :

  • 9 Ordinazione, BV, p. 72.

Nessuno parla. Siamo
ancora là,
a sentire le cose che si lasciano
tirare e spingere,
alzare e rivoltare
come un bambino già pesante di sonno
mentre gli infilano il pigiama.

Un giorno finirà
la smania.
Non ci saranno più intenzioni :
soltanto ordine, risposo 9.

11Questo stato d’animo passeggero di attesa fiduciosa al ristorante, prosaico e banale, nasce tuttavia da tendenze profonde dell’essere umano all’abbandono di sé e anche in questo caso l’infanzia serve come strumento espressivo e riferimento antropologico. Si sente nell’ultimo passo citato un sapore che ricorda Baudelaire (nell’Invitation au voyage : « Là, tout n’est qu’ordre et beauté, / Luxe, calme et volupté ») e soprattutto Montale (quello di Ossi di seppia) per quanto riguarda l’idea di un abbandono totale (senza più « intenzioni ») associato al tema dell’infanzia :

  • 10 Eugenio Montale, Là fuoresce il Tritone [Portovenere], in Ossi di seppia, Tutte le poesie, Milano, (...)

[…] Ogni dubbiezza
si conduce per mano
come una fanciulletta amica.

Là non è chi si guardi
o stia di sé in ascolto.
Quivi sei alle orgini
e decidere è stolto :
ripartirai più tardi
per assumere un volto 10.

12I riferimenti intertestuali fanno risaltare la dimensione prosaica della poesia fioriana e, con essa, l’utilizzo prosaico e “desublimizzante” della figura dell’infanzia.

Il peso dell’identità

  • 11 Per uno studio (parziale) dei rapporti di Fiori con Montale, rimando a un mio articolo : Fabrice De (...)

13Il riferimento a Montale illustra peraltro un altro legame intertestuale che riguarda la questione dell’identità, del nome sentito come peso, un tema fioriano di chiara ascendenza montaliana che viene espresso attraverso la figura dell’infanzia nella poesia intitolata appunto Nome 11 :

  • 12 Nome, ES, p. 24.

Come in piazza un bambino
ancora col chiaro in alto
vede le cose diventare buie
lì intorno, e resta seduto sul prato
dove ha giocato tutto il giorno,
tocca la terra calda
e guarda, e ascolta,
da questa voce che mi vuole
e continua a chiamarmi,
imparo che cos’è
avere un nome,
trovarsi qui,
nei posti che ci reggono
e ci risparmiano 12.

  • 13 Paolo Zanotti, Infanzia, in Dizionario dei temi letterari, a cura di Remo Ceserani – Mario Domenich (...)

14Se Nome ricorda la pascoliana Ora di Barga dei Canti di Castelvecchio, che propone una scena analoga (col motivo della voce insistente che distoglie il personaggio dalla sua comunione col mondo), è ideologicamente più pregnante l’influenza di Montale : come nel componimento montaliano citato, l’identità (il « volto » in Montale, il « nome » in Fiori) è percepita negativamente, perché è ritenuta ontologicamente inautentica, e perché rimanda ai legami umani e quindi a doveri, responsabilità, obblighi sentiti come estranei – in questo modo Fiori, sulla scia di Montale, si ricongiungerebbe qui ad una visione dell’ infanzia romantico-borghese se, come scrive Zanotti, nell’Ottocento borghese « il bambino-tabula rasa diventerà un simbolo dell’inesausto divenire, e una riserva infinita di virtuali potenzialità di opposizione all’essere specializzato per eccellenza : il borghese 13 ».

15In materia di intertestualità occorre citare un altro componimento di Ossi di seppia che costituisce quasi un prototipo di molte poesie fioriane per il tema dell’infanzia (anche se, lo ripetiamo, il tema dell’infanzia assume generalemente in Montale una dimensione nostalgica ben diversa dall’identità bambino/uomo diffusa in Fiori) :

  • 14 Eugenio Montale, Felicità raggiunta, si cammina [Portovenere], Tutte le poesie, op. cit., p. 59.

Felicità raggiunta, si cammina
per te su fil di lama.
[…]
Se giungi sulle anime invase
di tristezza e le schiari, il tuo mattino
è dolce e turbatore come i nidi delle cimase.
Ma nulla paga il pianto del bambino
a cui fugge il pallone tra le case 14.

16In comune con Fiori ritroviamo l’accomunarsi dei sentimenti dell’adulto e del bambino e l’utilizzo – così frequente in Fiori – di una similitudine (esplicita o implicita) legata al mondo dell’infanzia proprio nel finale del componimento.

L’imbarazzo di essere al mondo

17Il bambino in Fiori non è per niente idealizzato, egli condivide fondamentalmente tutti i sentimenti dell’adulto, perfino il senso di estraneità di fronte alla realtà, sentimento prettamente moderno che solo un moderno, figlio di Freud e della nuova visione che la psicoanalisi diffonde, può associare all’infanzia.

18Emerge più volte nella poesia di Fiori il tema dell’imbarazzo e disagio dell’individuo in mezzo agli altri, specialmente quando un personaggio poco sicuro di sé prende la parola in una comitiva durante una discussione. Nel già citato poemetto Il discorso e la voce che presenta una discussione (« Ma a volte si ragiona intorno al tavolo, / si fa sul serio : / comincia una discussione », CH, p. 12) un personaggio vuole dire la sua ma si sente ad un tratto solo, s’inceppa nel discorso (per un disagio o una timidezza forse ereditata dall’infanzia) e viene paragonato ad un neonato : egli « va su di tono, è rosso come un neonato » (p. 16). A questo adulto-neonato si oppone un altro personaggio, sicuro di sé, capace di lasciare fluire un discorso di autenticità che suona perfettamente (tanto che, grazie alla sua voce, « la cosa che è nascosta dentro il mondo / rischia la vita », p. 23), suscitando il fascino di chi non riesce a superare la paura infantile degli altri : « Lo guardi come i bambini / guardano i grandi, e ti domandi il premio / per questa perfezione » (p. 22).

  • 15 Come recita il famoso « osso minore » Meriggiare pallido e assorto… : « Ah l’uomo che se ne va sicu (...)

19Il senso di estraneità dell’adulto in mezzo agli altri (un uomo, per dirla in termini montaliani, che non è « agli altri ed a se stesso amico 15 ») rimanda di nuovo all’infanzia nella poesia Tavolata, con un’altra cena :

  • 16 Tavolata, CH, p. 30.

quando intorno le voci si accavallano
e i discorsi si incrociano, c’è chi
stretto in mezzo al rumore
guarda nel piatto
e se ne sta lì zitto, pieno di noia
e di pazienza, come un bambino
lasciato troppo tempo in mezzo ai grandi 16

20Estraneità ed infanzia sono più volte legate nella raccolta Voi (2009), lungo e singolare dialogo tra un io problematico e un « voi » (gli altri) che rappresenta il mondo degli adulti in apparente sintonia col mondo e con la norma. Vi ritroviamo varie modalità di ricorso al tema dell’infanzia, a cominciare dal paragone espressivo con l’infanzia per dire un sentimento del personaggio fioriano – come il senso di distacco (attraverso l’immagine di un bambino che ricorda tuttavia « l’idolo » arrabbiato di Capriccio) :

  • 17 Voi, p. 44.

I vostri imbrogli, i torti che mi fate,
le gomitate, dopo tutti questi anni,
l’indifferenza, la spocchia,
non mi fanno più male
del piccolino
che quando lo prendi in braccio
ti strappa gli occhiali, ti graffia
tutta la faccia 17.

21Il paragone può essere fatto dagli adulti stessi (parenti, amici o colleghi) che sembrano non capire fin in fondo il malessere del personaggio, come in questo passo che riprende il motivo dell’isolamento del poeta a tavola con gli altri :

  • 18 Ibidem, p. 75.

« Smettila di giocare
come un bambino » mi dite, « renditi utile :
fissa il bicchiere, il vassoio, stai qui seduto
coi pugni alle tempie, dispérati 18 »

22Una seconda modalità di ricorso all’infanzia consiste nel paragonare gli altri adulti a bambini, con stupore misto a invidia (quando il poeta sottolinea la spensieratezza degli altri) o con ironia, quando il poeta suggerisce la superficialità della vita “normale” :

  • 19 Ibidem, p. 46.

Io spero sempre di imparare
tutto, da voi.

Perché voi siete grandi.

Voi sapete. Vi guardo
intascare l’assegno, chiedere
un caffè lungo, due campari.

Vi guardo scambiarvi le biglie,
i bottoni, le bambole,
bisbigliarvi all’orecchio un altro segreto 
19.

23Il poeta adotta qui nei confronti degli altri lo sguardo di un bambino, suggerendo così, anche involontariamente, che il disagio provato dal poeta adulto attinge alla propria infanzia. Una terza modalità consiste infatti nel ricordare momenti o sentimenti determinanti della propria fanciullezza :

  • 20 Ibidem, p. 69.

Già da bambino, a vedervi
in pelliccia e gioielli,
le altissime teste d’oro ferme nel vento,
o certe mattine di festa, alla fontanella,
col secchio e lo straccio
intorno alla millecento,
sentivo pesarmi il cuore,
la terra sotto i piedi
mancare 20.

24Il senso di estraneità non tocca soltanto il rapporto con l’altro ma più globalmente il rapporto col mondo, come si legge nella poesia intitolata Taglio che presenta, come spesso in Fiori, un paragone sorprendente con l’infanzia per il malessere esistenziale :

  • 21 Taglio, TU, p. 82.

Come a un bambino che si è fatto un taglio
più stretto e più lontano per lo schifo
tiene il suo dito
mentre gli grida contro, più vivo
il sangue cola giù dalla ferita :
così a te che ora stai
al finestrino, in treno,
sfuggono i campi sportivi,
i teli che si gonfiano, il trionfo
delle pievi
e dei passi carrai 21.

25La pubblicazione nel 2009 di una raccolta come Voi sembrerebbe indicare che il malessere esistenziale costituisca una modalità strutturante della psiche fioriana. In realtà costituisce solo una delle modalità di approccio col mondo, poiché il malessere (che corrisponda ad un periodo autobiografico preciso o ad una modalità possibile, sempre in agguato, del sentire di Fiori) viene superato in momenti di somma contemplazione vivifica, momenti che sono alla radice della scrittura fioriana. Capire meglio ciò che lega il tema dell’infanzia al percorso umano di Fiori ci permetterà di sottolineare la dimensione numinosa del suo poetare.

L’infanzia per raccontare il proprio percorso interiore

26Il periodo dell’impegno politico negli Stormy Six fu seguito da un periodo di crisi che ha permesso una « rigenerazione », come spiega Fiori in varie interviste :

  • 22 Intervista data al festival Ritratti di poesia, del 5/02/16, durante l’appuntamento « Di penna in p (...)

[…] è stata una specie di rigenerazione, è stato un momento difficile, molto buio... però mi sono ritrovato finalmente solo [...] sentivo il sollievo di non dover più parlare a nome di tanti e di non dover più ricorrere a delle spiegazioni appunto ideologiche : c’era sempre una spiegazione per tutto, era anche un po’ opprimente. Mi sono ritrovato da solo a dover rispondere di quello che scrivevo, di quello che dicevo. E la poesia è stata proprio quest’esperienza. È stata anche una riscoperta della città di Milano che per me fino a quel momento era un posto di transito, un posto da usare, un posto dove avrebbero dovuto comparire le nuove cose che noi sognavamo 22.

27Fiori nasce come poeta autentico, originale, proprio da una crisi vissuta nel momento del cosiddetto riflusso delle ideologie politiche negli anni Ottanta :

  • 23 Intervista del 08/07/2007 tratta da Eterno splendore, blog di Fabio Garietta (docente). URL: http:/ (...)

In più, erano crollate tutte le certezze ideologiche che in passato ancora potevano sostenere la mia scrittura : i miei versi, ora, erano completamente disarmati. Questo, certo, mi dava angoscia, ma anche un senso nuovo di libertà, di verità, di serietà 23.

28Queste affermazioni di Fiori sono utilissime per capire meglio la sua poesia, e ad esempio una poesia come Esempi, della raccolta omonima ; si capisce così che, se le « spiegazioni » stanno nelle cose stesse che occorre vedere con occhio nuovo, esse si oppongono implicitamente alle « spiegazioni » fatte di parole e dettate dalle ideologie.

  • 24 Umberto Fiori, Poesie 1986-2014, op. cit.

29Ma il distacco da uno modo di pensare fortemente ideologizzato non è quasi mai affrontato di petto nella sua poesia, tranne nel recente racconto in versi Il conoscente (pubblicato parzialemente nel 2014 nel volume mondadoriano delle opere complete 24). In quel racconto in versi il protagonista (chiamato « Umberto Fiori ») si imbatte per caso, su un autobus, in un uomo conosciuto negli anni lontani della sua militanza antifascista. Si noteranno in questo racconto due similitudini che mostrano quanto il ricorso al tema dell’infanzia sia frequente, pressoché automatico, quasi un tic stilistico : il conoscente è rozzo, parla a voce alta in mezzo alla gente mentre ricorda il passato politico del poeta : « col tono di un bambino che ripete / la sua lezione, mi grida in faccia chi sono » (PO, p. 266). Il poeta invece sembra debole e tende in un primo momento a lasciarsi guidare e manipolare dal conoscente che lo invita a bere qualcosa e « [s]enza aspettare risposta / [lo] fa ruotare di forza, come un bambino / a lezione di tennis » (PO, p. 269). Questi paragoni con i bambini possono tuttavia rientrare nella prospettiva più generale del crudo sguardo fioriano sugli uomini, al pari dei paragoni con gli animali, espliciti o impliciti, meno frequenti ma ripetuti – qui ad esempio « le mani enormi, brune, pelose » del conoscente (PO, p. 270) costituiscono un dettaglio fisico incongruo, in apparenza gratuito o banalmente realistico, ma che in realtà partecipa, come tanti altri segnali, di una visione dell’uomo non sublime.

La crisi

  • 25 Andrea Afribo, Umberto Fiori in Poesia contemporanea dal 1980 a oggi: storia linguistica italiana, (...)

30Merita un’attenzione particolare la raccolta Tutti perché in essa appare più nettamente il passaggio dalla crisi alla rigenerazione. Sintomatica di tale pregnanza autobiografica più marcata in questa raccolta è la presenza ricorrente dell’io, presenza piuttosto rara o inconsueta nelle raccolte anteriori (Case, Esempi, Chiarimenti) – in Fiori, come scrive Andrea Afribo, « l’io tanto caro al codice poetico è sostituito da degli uno qualsiasi […] oppure da due, qualcuno, tizio, nessuno, tutti, la gente e così via 25 ».

31Ritroveremo in una parte della raccolta l’espressione di un malessere che attraversa la produzione fioriana fino a Voi ; ma la particolarità di Tutti sta nel fatto che questo malessere è per lo più specificato in una persona, l’io poetico, e in un tempo – un tempo passato : al contrario dell’io poetico di Voi che racconta di un malessere attuale, presente, quello di Tutti evoca un malessere superato. L’espressione della crisi porta il poeta mentalmente verso l’infanzia, sia essa un’infanzia generica che serve da paragone, da lente d’ingrandimento per esprimere un sentimento (come abbiamo già visto), sia essa un’infanzia di natura autobiografica :

  • 26 Fuori, TU, p. 33.

Ho visto, da bambino,
scorticare un coniglio appeso a un gancio
con uno strappo : così stavo io
davanti a voi. Fino alla carne viva
mi si vedeva. Ero tutto di fuori
in quel verso mostruoso 26

32Il senso di estraneità, come nelle raccolte anteriori, si esprimerà volentieri nel mondo paradigmatico dell’infanzia :

  • 27 Rispettivamente : Pari, TU, p. 36 ; Facciate, TU, p. 46 ; Niente, TU, p. 49.

Il disgusto, e persino
l’odio vero
che può avere un bambino per i grandi
quando li guarda masticare e bere
o sente certe parole come le dicono,
io ce l’avevo ormai
per la gente.

Quante volte un discorso, mezza risata,
una parola, o anche solo
guardare un orecchio, un dito, mi ha dato in gola
come a un bambino
una boccata di etere.
Ogni momento
il mondo mi schiacciava : io lanciavo
il solito lamento,
come in mano a un bambino
la pancia gonfia
di una giraffa col fischietto 27.

33Nella prospettiva del legame autobiografico infanzia-estraneità si inserisce Rinfresco, un componimento che esprime il rifiuto di due modi di vivere : il modo edonistico (con la prima strofa e con le « signore » all’ultimo verso) per cui si cerca di godere del presente ; il modo idealista (con la seconda strofa e con i « soldatini » al penultimo verso) per cui si tende a rimandare perennemente il godimento in un futuro roseo (e in quest’ultima figura si annida ovviamente la figura dell’idealista politico com’era Fiori stesso negli anni Settanta) :

  • 28 Rinfresco, TU, p. 21.

« Ma goditi un po’ la vita !
Sei sempre così serio, così rigido… »
sospirava un cadavere, al rinfresco,
versandomi l’aperitivo.
« Perché non provi a essere più sciolto,
più morbido ? »

Un altro parlava dei nuovi
scenari, di come, presto,
niente sarebbe stato più lo stesso,
e gli brillavano le orbite.

Io sorridevo fino a farmi male,
ma non riuscivo più a nasconderlo
né a me né a loro, che ero troppo piccolo
persino per giocare ai soldatini,
o alle signore 28.

34Ma le due modalità (edonismo/idealismo) non sono per forza disgiunte e possono costituire due tendenze contemporanee di una stessa persona, come nel caso del Conoscente in cui proprio il « conoscente », rimasto « soldatino » di un’ideologia, rimprovera al personaggio « Umberto Fiori » la sua eccessiva cupezza e serietà (PO, p. 270-71).

La rigenerazione

35Il tema di fondo del passaggio dalla crisi alla rinascita è come incastonato in quella specie di dittico formato dalla poesia Rinfresco e da quella successiva nella raccolta, Fondali : essa racconta in che modo, nel corso di un viaggio in un autobus urbano dal centro verso la periferia, il poeta si libera felicemente dai « bei discorsi » (ovvero dai discorsi – ideologici – di presunta verità) per vivere uno stato di « meraviglia » rappresentato dal luminoso mare aperto e dal richiamo all’infanzia :

  • 29 Fondali, TU, p. 22-23.

Dopo tutti quegli anni sempre insieme,
sempre in tanti a vedersi, a fare
e disfare, e discutere, sono salito
sull’extraurbano delle sei e venti
del mattino, pieno di gente,
e lì mi ha tolto il fiato la meraviglia
di ritrovarmi senza compagnia.

[…] Tutti i bei discorsi
che avevo ancora in testa,
da un palo all’altro li perdevo.

O erano loro, invece, che mi perdevano.
E infatti eccoli laggiù
a sbracciarsi, a gridare
per richiamarmi indietro, come da terra
i parenti richiamano il bambino
che sul materassino, in mezzo al mare,
non sente più, non risponde.

Più il vento mi spingeva verso il largo
più m’incantavo a cercare
la luce del fondo 29.

36La ricorrenza del tema dell’infanzia inciterebbe anche ad un approccio psicocritico. Ci accontenteremo qui di notare che il distacco dagli anni dell’ideologia viene espresso attraverso un atto di ribellione nei confronti dei genitori, come se il personaggio dovesse affrancarsi dal peso di un dovere che essi rappresentano. Il tema del bambino chiamato dai genitori compariva già nella poesia Nome e anche lì il richiamo negativo rompeva l’incanto del bambino in comunione solitaria col mondo. L’andare verso il mare aperto significa liberazione dal dovere (come il poeta Fiori si era liberato dal dovere del militante vincolato ad un credo – ricordiamo il passo dell’intervista citata in cui dichiarava il suo sollievo di « non dover più parlare a nome di tanti e di non dover più ricorrere a delle spiegazioni appunto ideologiche »). Questa liberazione rimanda sintomaticamente all’infanzia, che è insieme periodo relativamente “a-ideologico” e periodo in cui si cristallizzano schemi mentali quali quello dell’ubbidienza e fedeltà cieca a valori altrui (quelli dei genitori in primis, o quelli della collettività in cui si vive). Abbandonati questi schemi ritenuti inautentici dal poeta, non profondamente suoi, il poeta prova così una liberatoria solitudine (« mi sono ritrovato finalmente solo » spiegava nell’intervista), la solitudine del bambino non ancora condizionato.

37Il poeta opera così una conversione dello sguardo, non più teso sostanzialmente verso un futuro da far venire secondo gli schemi di un’ideologia, ma rivolto al già dato, al presente. Questa conversione è vissuta, come ogni conversione ideologica e/o religiosa, con la sensazione di raggiungere una parte più profonda di sé stessi, come suggerisce, nella poesia intitolata Posizione, l’immagine della scavatrice la quale, operando concretamente nel cantiere, mostra tutto il divario esistente tra l’idea della casa nuova (allegoricamente : l’ideologia) e lo spettacolo del buco scavato e dei sacchi di cemento (allegoricamente : la realtà cruda) :

Dentro lo stomaco la senti,
la scavatrice che manovra
nelle pozzanghere
in fondo alle fondamenta.
A sentirsela raccontare
era chiara la casa nuova,
chiara frase per frase
come averla già lì, finita, ma ora
anche in piedi sui sacchi di cemento
cosa si vede ?

Questo è il discorso,
sono queste le condizioni ?
Noi sognamo di avere di fronte il mondo
e invece dentro ci siamo. Noi siamo al centro :
al centro di tutta la luce,
al centro di tutto il fumo e di tutti i suoni.

  • 30 Posizione, ES, p. 54.


Siamo qui, noi, con la passione
di un bambino rimasto
solo nel mezzo
nel gioco dei quattro cantoni 30.

38La pregnanza e la ricorrenza del tema dell’infanzia in Fiori sono dovute alla maniera stessa in cui si è rigenerato ed è nato il suo stile ; alle fondamenta della sua scrittura sta un ricordo d’infanzia che risorgerà nella mente del poeta e lo farà uscire dalla crisi profonda che stava attraversando :

  • 31 Intervista data al festival Ritratti di poesia, del 5/02/16, op. cit.

sono ripartito [...] dalle case di Milano e da un ricordo mio d’infanzia : un muro, uno dei tanti muri ciechi che ci sono a Milano, che sono rimasti così, senza un’altra casa che li accompagnasse e a un certo punto, quando ero bambino, di mattina il sole girava di mattina e questo muro si illuminava. Per me era un’emozione fortissima, non ho mai capito che cosa rappresentasse, era come se questo muro mi volesse parlare. Poi me lo sono dimenticato e quando mi sono ritrovato, molti molti anni dopo di fronte alle case di Milano, ho ricordato quell’esperienza : l’esperienza davanti alla facciata della casa, l’esperienza del muro, e ho cominciato a lavorare su quello. Ho cambiato completamente modo di scrivere 31.

39Molte poesie di Fiori traducono in versi questa reminiscenza intensa attraverso il motivo delle « case » e dei « muri » come supporto di una contemplazione illuminante che rimanda all’infanzia. In qualche raro caso, il carattere autobiografico dell’infanzia viene esplicitato, come nella poesia Intonaco in cui il poeta racconta il suo pianto al cinema, da adulto, mentre vede sullo schermo un paesaggio illuminato dal sole che gli ricorda la sua infanzia :

  • 32 Intonaco, TU, p. 31.

E ti ricordi quella volta, al cinema,
quando di colpo
mi avete sentito piangere ?

Sullo schermo passava una pineta,
poi la facciata rosa
di una scuola, il portone di un deposito.

[…] ero io
a cinque anni.
E prima ancora, e dopo.
Ero io sempre 32.

40Nel dittico formato dalle poesie Tornare e Risveglio (TU, p. 16-17), egli rievoca più specificatamente il momento del risveglio dalla crisi attraverso l’immagine del viaggiatore che torna nella propria città e la riscopre incantato :

Per la calma che c’era all’improvviso
riaprivo gli occhi
senza capire bene ; come il bambino
che in viaggio ha preso sonno
quando alla fine
si arriva, e il mondo è fermo
sotto la luna :
è lì che aspetta, come dappertutto.

41La rigenerazione consiste nel ritrovare quello sguardo infantile originario, vergine, che tanti poeti rivendicavano come sguardo puramente poetico (come il già citato Pascoli), uno sguardo di innocenza ritrovata al di là degli strati mentali dell’adulto. La contemplazione scatta spesso inavvertitamente, per un effetto di luce o un evento urbano che ferma la corsa del desiderio, come in Tempo, poesia che propone il motivo fioriano del ritardo (per via di un ingorgo, di un autobus che non arriva), un ritardo che in un primo tempo tormenta il poeta prima che riesca quasi involontariamente a superare quel mondo mentale di progetti e ansie che fanno il quotidiano dell’uomo occidentale :

  • 33 Tempo, TU, p. 61.

Proprio mentre il ritardo diventava
talmente grave
che le cose pareva di vederle
già dalla parte della fine :
proprio allora ho sentito il tempo
da una sfilata di palazzi nuovi
parlarmi in italiano
come una madre
al suo bambino più piccolo.

Mentre le macchine in coda, là in fondo,
ricominciavano a muoversi
l’ho sentito spiegare bene le cose
una per una, con calma,
come si dicono,
e per ogni parola
fare una bella faccia
e dirmi : bravo 33.

42Citiamo un altro esempio di ritardo seguito da illuminazione con la poesia Corsa in cui la furia di chi subisce il ritardo (dell’autobus) viene di colpo cancellata dallo spettacolo delle case illuminate – e questa volta sono le case stesse che ricordano il mondo originario dell’infanzia :

  • 34 Corsa, TU, p. 29.

[…] e senza voce a furia di maledire
le partenze e gli arrivi,
la strada, il tempo, la vita e il mondo intero,
sotto un cartello, alla fine,
mi sono fermato.

Ho ascoltato l’invidia che veniva,
care case, a vedervi là sopra
col sole in faccia
ridere come bambine 
34.

  • 35 Intervista data al festival Ritratti di poesia, del 5/02/16, op. cit.

43L’infanzia è stata determinante per la sensibilità di Fiori al bello, non solo per il motivo delle case contemplate dalla scuola come illustra l’intera raccolta La bella vista, del 2002, tutta concentrata sul paesaggio marino del golfo della Spezia, luogo dell’infanzia del poeta, luogo di illuminazione al pari delle case e dei muri di città, come spiega Fiori : « La “Bella vista” è il posto dove sono nato [...] in fondo, la « bella vista » e lo squallido muro di Milano sono parenti35 ». La bella vista nasce infatti da un’esperienza marina estetica ed estatica vissuta nell’infanzia (e potrebbe essere questo uno dei motivi per cui Fiori diventerà a dodici anni un lettore appassionato del Montale di Ossi di seppia) :

  • 36 BV, p. 19.

Lo so, lo so. È stato quello che ho visto
– quasi all’inizio della mia memoria –
dopo pranzo, un’estate, appena fuori
dall’ombra delle stanze
dove sulle poltrone
e sui divani-letto i miei parenti
dormivano :
l’attenzione fermissima dei pini
e degli ulivi, l’abbaglio calmo del mare
[…]
La bella vista 36.

L’infanzia nell’esperienza numinosa

  • 37 Intervista del 30/04/16 con Livio Partiti, in Il posto delle parole. URL: http://www.ilpostodellepa (...)
  • 38 Le pagine di Otto che citeremo sono tratte da un’edizione francese del suo libro : Rudolf Otto, Le (...)
  • 39 Fabrice De Poli, « Du sacré sans dieu(x) dans la poésie d’Umberto Fiori », Écritures poétiques – éc (...)

44La rigenerazione da cui nasce la poesia di Fiori è difficilmente catalogabile. Il poeta stesso confessa di non sapere cosa gli volessero dire le case illuminate della sua infanzia. E precisa, in una recente intervista, che le « rivelazioni » che sono oggetto del suo poetare « sono rivelazioni non mistiche ; si passa dalla vista alla “visione” 37 ». Sta di fatto tuttavia che queste « visioni », se non sono religiose e non portano a scoperte metafisiche, corrispondono all’esperienza del sacro descritta e analizzata da Rudolf Otto nel suo famoso saggio del 1917, Il sacro, esperienza per la quale conia il termine « numinoso 38 » in modo da distinguere la sua ampia concezione del sacro dai limiti stretti che per secoli ha avuto tale concetto, associato soltanto ad esperienze prettamente religiose. Abbiamo affrontato in altra sede il tema del sacro in Fiori cercando di mostrare in che modo si esprime nella sua poesia una forma di sacralità senza divino, una sacralità non mistica 39. Il tema dell’infanzia ci offre l’occasione di completare il nostro studio poiché la sua evocazione risulta, a conti fatti, una componente importante della “contemplazione” fioriana.

  • 40 Cf. Rudolf Otto, op. cit., p. 24 e p. 40.

45Il primo aspetto del numinoso che l’opera di Fiori ricorda è quello che Otto chiama « il sentimento della creatura di fronte ad una potenza sovrana » nell’esperienza della « majestas40 », cioè la sensazione di contemplare qualcosa di grande che eccede le nostre facoltà e per questo esalta, innalza o dilata l’animo (più che l’anima, nell’opera di Fiori). Il tema dell’infanzia in questo caso esprime efficacemente il senso di soggezione o di piccolezza del personaggio fioriano di fronte alla maestà spettacolare che suscita la meraviglia, come nella conclusione della poesia intitolata La scena (ES, p. 91) in cui, per dirla con parole che esplicitano la scena evocata, il poeta si vede come un bambino di fronte a due enormi adulti, da un lato le case alte illuminate, in ascolto, e dall’altro il Sole che comunica il suo discorso di luce :

Le case vedono il sole.
Passando, noi guardiamo
le case al sole
come un bambino
dentro gli occhi di chi
lo tiene per mano
segue un lungo discorso
serio, che qualcuno fa, lì davanti.

46Il sublime della scena si esprime qui attraverso l’idea della relazione tra il bambino (la creatura) e l’adulto (il Padre) che lo affascina.

47Il sublime fioriano (poiché, nonostante la volontà del poeta di abbassare il tono, una forma di sublime c’è) necessita tavolta di un lessico religioso, il che tende a suggerire che non si tratta di un’emozione estetica superficiale, semplice apprezzamento di belle forme, ma di qualcosa di più, quasi una comunione religiosa :

  • 41 Sguardo, ES, p. 35

senti il pensiero che si dilata,
che cresce, come nelle guance
il boccone al bambino che non mangia,
come in chiesa cresce la faccia
sotto le mani dei comunicandi 41.

48Il senso di dilatazione può prendere varie forme in Fiori, si esprime nello spazio o attraverso la sensazione di diventare « tutti » (così suona il titolo della quarta raccolta fioriana), come in questo passo in cui la contemplazione dal balcone si fa identificazione dilatata negli altri :

  • 42 Aiuola, TU, p. 74-75.

Quassù al balcone, sono
un bambino.

Due, tre bambini sono,
vecchi, uomini, donne : tutto un paese 42.

49L’intensità e la profondità di quei momenti contemplativi ed estatici si traducono nell’idea di percepire – finalmente – nientemeno che la verità. Non una verità metafisica, trascendente o appartenente ad un altro ordine ontologico rispetto al mondo in cui viviamo, bensì una « verità » intimamente legata ad un’esperienza intensa dell’essere al mondo, della presenza, del fatto che si esiste – parole povere, queste, per tradurre un’esperienza concettualmente intraducibile tranne in una parola autenticamente poetica. L’esperienza evocata da Fiori consiste in un abbandono repentino, involontario, di schemi mentali ereditati dalla cultura, dalla lingua del soggetto, che gli permette di sperimentare una forma di meraviglia (gioia o stupore che sia) per il solo fatto di sentirsi presente al mondo, in un mondo di presenze. Quest’esperienza si fa a volte sensazione di grandezza molto vicina al « sentimento della creatura » di cui parlava Rudolf Otto, per cui la meraviglia è quella di un bambino di fronte ad una cosa « grande » e « santa » :

  • 43 La strada, TU, p. 63.

[…] si ritrova
a una fermata,
tra i marciapiedi e le robinie, pieno
di meraviglia
come un bambino :
vede, alla fine, che non è una cosa
che si toglie o si tiene,
la verità.

Un giorno , mentre cammina,
vede la strada. Sente com’è grande
e santa, la giustizia
che non si fa 43.

  • 44 Si osserverà che Fiori, in una conferenza su The Waste Land di Eliot, insiste sulla funzione del «  (...)

50Particolarità di Fiori è quella di rifiutare tuttavia un’espressione troppo sublime di quegli stati estatici. Il riferimento all’infanzia permette così, per la leggerezza e l’innocenza che attribuiamo ad essa, di compensare e abbassare il sublime che nasce dall’esperienza eccezionale e dall’uso di parole forti come quella di « verità » (che sintomaticamente Fiori scrive con una v minuscola 44). Così nella poesia Dosso la sensazione repentina e sfuggevole di « verità » legata ad uno sguardo nuovo sulle cose è paragonata ad un’esperienza fanciullesca veramente prosaica e quasi comica :

  • 45 Dosso, CH, p. 34.

Sentila che ti scappa tra le gambe
e ti saluta, la verità.
È come da bambini,
aggrappati al sedile, quando in macchina
si è scavalcato un dosso 45.

  • 46 Rudolfo Otto, op. cit., p. 42-43.

51Fiori applica lo stesso procedimento per attutire l’espressione di altre componenti dell’esperienza numinosa analizzate da Otto : come il tremendum, cioè la paura legata alla sensazione di percepire qualcosa di straordinario, il tutt’altro (anche se, in Fiori, lo straordinario si esprime paradossalmente nel ritrovare la realtà percepita in maniera del tutto semplice e fanciullesca, senza più incrostazioni culturali o nevrotiche) ; come l’esaltazione vivificante, cioè che Otto chiama « l’elemento di energia 46 ». Così le « visioni » nuove e incontaminate della realtà e di sé stessi come parte di questa realtà, nella poesia omonima, Visioni, possono suscitare una paura che ricorda le paure fanciullesce del buio :

  • 47 Visioni, CH, p. 68.

Allora viene la paura
di apparirsi di colpo. Come ai bambini,
nelle cantine, il diavolo 47.

52In altre poesie il sentimento della creatura e il trememdum sono sdrammatizzati attraverso il riferimento allo scolaro buono che vuole imparare da chi è molto più grande di lui :

  • 48 A lezione, CH, p. 43.

[…] è tanto più grande di noi,
talmente vera, e profonda, questa paura
che abbiamo dentro,
che da lei qualcosa
dovremo pure imparare.

Sedermi composto vorrei,
come un bravo scolaro ;
ascoltarla, e se passa in mezzo ai banchi
lasciarmi accarezzare.
[…]
Alla base di tutto, al buio pesto,
studiare, fare i conti,
prendere appunti 
48.

53Similmente l’esaltazione che nasce dall’esperienza numinosa è a volte espressa con la figura del bambino, come nella poesia intitolata Le belle giornate che suggerisce l’ambivalenza dell’esperienza numinosa, fatta di paura e gioia estrema, entrambi sentimenti evocati nel componimento attraverso immagini fanciullesche:

  • 49 Le belle giornate, CH, p. 78.

Quello che stava nascosto
ritorna.
È tanto vero,
tanto forte che quasi
ti fa paura,
come quando di notte un lampo
strappa dal buio
– per un attimo – le figure.
[…]
Ecco il posto
dove si sta, che si era
perso per sempre.
[…]
Con la guancia appoggiata a un momumento
tiepido come un uovo,
qui sei il bambino
lanciato in alto,
che ride tutto, dalla testa ai piedi 49.

Conclusione

54Il nostro approccio ha messo in luce almeno due grandi categorie del tema dell’infanzia in Fiori. La prima, genealogicamente, è l’infanzia stessa del poeta che determina e plasma la sua sensibilità, permea la sua opera, allusivamente o esplicitamente (come nell’esemplare Bella vista). Il secondo tipo d’infanzia è l’infanzia di tutti, l’età in cui i sentimenti costitutivi dell’essere umano (la paura, la meraviglia, il senso di estraneità, la rabbia ecc.) sono già presenti e si esprimono in maniera forte, incisiva, tanto da fare dei bambini una lente d’ingrandimento per gli adulti. Questa nostra distinzione critica fa risaltare due ragioni che sottostanno ai frequenti riferimenti all’infanzia in Fiori : la prima sta nell’esprimere e capire l’uomo, e perciò risalire ai momenti chiave in cui si forma la sua sensibilità ; la seconda (ma le due ragioni sono parallele) sta nel capire e esprimere sé stessi, e in particolare esprimere quel risorgere della memoria infantile nell’esperienza numinosa.

  • 50 Umberto Fiori, Lettera a un poeta su memoria e poesia, in La poesia è un fischio, Milano, Marcos y (...)
  • 51 Ibidem, p. 130.
  • 52 Ibidem.
  • 53 Ibidem, p. 129.

55Ma andrebbe interrogata questa memoria infantile. È sempre una memoria autobiografica che il poeta ricorda ? Questa domanda che potrebbe sembrare assurda parafrasa in realtà quelle domande che Fiori pone in un piccolo saggio intitolato Lettera a un poeta su memoria e poesia50. Il poeta si chiede « cosa muove a produrre un’opera » e risponde così : « Prima ancora di essere (o di non essere) ricordato insieme alla propria opera, il poeta ricorda : è da questo ricordare che si genera la poesia 51 ». Ma quell’affermazione che potrebbe risultare banale suscita ulteriori interrogazioni in Fiori : « di che cosa sarebbe memoria, la poesia ? Che cosa ricorda, il poeta 52 ? ». Con queste domande Fiori rifiuta di fatto le risposte più ovvie (come, appunto : il poeta ricorda la propria infanzia ; il poeta ricorda la Storia), suggerisce una dimensione misteriosa della memoria poetica e rimanda quindi al mito greco delle Muse (« Le Muse, figlie di Mnemosyne, la memoria, e di Zeus, vincitore di Cronos, il tempo 53 ») :

  • 54 Ibidem, p. 130.

La nostra idea di poesia e di memoria è ormai talmente lontana da quella greca da farci avvertire il mito del loro legame originario come una forzatura anacronistica, dai fumosi contorni misticheggianti. Eppure, chiunque abbia fatto esperienza di scrittura – dal grande lirico al più fatuo dilettante – si è trovato, presto o tardi, in un modo o nell’altro, a fare i conti con quel legame e con la domanda che esso pone 54.

  • 55 Ibidem.

56Con l’idea che il legame poesia/memoria ponga una domanda (alla quale egli risponde nel saggio), Fiori sembra alludere ad una dimensione della memoria misteriosa che non rientra sostanzialmente nelle categorie che abbiamo proposto per il tema dell’infanzia nella sua opera. Di certo non crede in una memoria mistica, in un’ispirazione divina che muova il poeta, in una memoria che trascenda l’esistenza individuale. Ciononostante Fiori ci invita a rivalutare una concezione della poesia che di primo acchito potrebbe sembrare « dai fumosi contorni misticheggianti 55 ». Queste interrogazioni fioriane, che aprono orizzonti vertiginosi, possono essere un invito a considerare una dimensione della memoria e dell’infanzia che sottostà o supera il semplice riferimento storico o autobiografico. Se questa dimensione rimane ignota, del tutto misteriosa o addirittura ipotetica, Fiori fa di essa la matrice di ogni poesia. E forse proprio quel perno memoriale enigmatico attorno a cui ruota la sua poesia e la sua poetica si traduce, in questo componimento di Voi, nell’ossessione di un passato indefinito, come se, a definire il poeta nella sua alterità e diversità, ci fosse soprattutto un movimento interiore verso una dimensione ancestrale :

  • 56 Voi, p. 79.

Ora c’è tutto questo
prendere e dare.
C’è il vantaggio, la parità.
Il sacrificio, il gelo, la simpatia.

C’è il rancore, la stima. La simmetria.
C’è la vostra, la mia
felicità.

Ma io ripenso a prima,
a prima, a prima 56.

57Questo « prima », indefinito, può certo rimandare al passato del poeta (il periodo dell’ideologia in cui tutto aveva un senso ?) oppure all’infanzia del poeta (in cui viveva più fortemente nello stupore e nella meraviglia dell’esistere ?), ma potrebbe anche indicare, più semplicemente e più essenzialmente, il puro movimento verso l’origine.

58Di conseguenza, l’infanzia ricordata nella poesia di Fiori non varrebbe solo per il suo valore autobiografico o paradigmatico-morale ma anche come movimento verso un « prima », verso ciò che è originario, genuino, adamico.

Haut de page

Notes

1 Umberto Fiori, Poesie 1986-2014, Milano, Mondadori, 2014, d’ora in poi : PO. Qui di seguito le altre sigle che utilizzeremo per le altre raccolte fioriane : Case, Genova, San Marco dei Giustiniani, 1986 : CA ; Esempi, Milano, Marcos y Marcos, 1992 : ES ; Chiarimenti, Milano, Marcos y Marcos, 1995 : CH ; Tutti, Milano, Marcos y Marcos, 1998 : TU ; Parlare al muro, Milano, Marcos y Marcos, 1996 : PA ; La bella vista, Milano, Marcos y Marcos, 2002 : BV. Invece per Voi, Milano, Mondadori, 2009 : Voi.

2 Umberto Fiori, Un Pascoli tutto nuovo, in Consorzio Aetnanet. URL : http://www.aetnanet.org/scuola-news-4763.html. Consultato il 30/05/2016.

3 Umberto Fiori, Esempi, ES, p. 9.

4 Umberto Fiori, Le parole, CH, p. 89.

5 Le parole, CH, p. 90.

6 Capriccio, BV, p. 83.

7 Trenino, TU, p. 88.

8 Incidente, ES, p. 32.

9 Ordinazione, BV, p. 72.

10 Eugenio Montale, Là fuoresce il Tritone [Portovenere], in Ossi di seppia, Tutte le poesie, Milano, Mondadori, 1977, p. 56.

11 Per uno studio (parziale) dei rapporti di Fiori con Montale, rimando a un mio articolo : Fabrice De Poli, « La présence de Montale et sa fonction d’appui dans La bella vista d’Umberto Fiori », Italies, n° 13, Études présentées et réunies par Yannick Gouchan, Université de Provence, Centre Aixois d’Études Romanes CAER, 2010, p. 117-137.

12 Nome, ES, p. 24.

13 Paolo Zanotti, Infanzia, in Dizionario dei temi letterari, a cura di Remo Ceserani – Mario Domenichelli – Pino Fasano, Torino, UTET, 2007, 3 voll., vol II, p. 1161, citato da Luca Bani, Yannick Gouchan, La figura del fanciullo nell’opera di D’Annunzio, di Pascoli e dei Crepuscolari, Milano, Monduzzi Cisalpino, 2015, p. 28.

14 Eugenio Montale, Felicità raggiunta, si cammina [Portovenere], Tutte le poesie, op. cit., p. 59.

15 Come recita il famoso « osso minore » Meriggiare pallido e assorto… : « Ah l’uomo che se ne va sicuro, / agli altri ed a se stesso amico », v. 5-6.

16 Tavolata, CH, p. 30.

17 Voi, p. 44.

18 Ibidem, p. 75.

19 Ibidem, p. 46.

20 Ibidem, p. 69.

21 Taglio, TU, p. 82.

22 Intervista data al festival Ritratti di poesia, del 5/02/16, durante l’appuntamento « Di penna in penna ». URL: https://youtu.be/8R4ZcjL8j0o. Consultato il 30/05/16.

23 Intervista del 08/07/2007 tratta da Eterno splendore, blog di Fabio Garietta (docente). URL: http://eternosplendore.blogspot.fr/2006_07_01_archive.html Consultato il 30/05/16.

24 Umberto Fiori, Poesie 1986-2014, op. cit.

25 Andrea Afribo, Umberto Fiori in Poesia contemporanea dal 1980 a oggi: storia linguistica italiana, Roma, Carocci, 2007, p. 139.

26 Fuori, TU, p. 33.

27 Rispettivamente : Pari, TU, p. 36 ; Facciate, TU, p. 46 ; Niente, TU, p. 49.

28 Rinfresco, TU, p. 21.

29 Fondali, TU, p. 22-23.

30 Posizione, ES, p. 54.

31 Intervista data al festival Ritratti di poesia, del 5/02/16, op. cit.

32 Intonaco, TU, p. 31.

33 Tempo, TU, p. 61.

34 Corsa, TU, p. 29.

35 Intervista data al festival Ritratti di poesia, del 5/02/16, op. cit.

36 BV, p. 19.

37 Intervista del 30/04/16 con Livio Partiti, in Il posto delle parole. URL: http://www.ilpostodelleparole.it/umberto-fiori/umberto-fiori-europa-versi/ Consultato il 30/05/16.

38 Le pagine di Otto che citeremo sono tratte da un’edizione francese del suo libro : Rudolf Otto, Le sacré, Paris, Payot, 1995, p. 302.

39 Fabrice De Poli, « Du sacré sans dieu(x) dans la poésie d’Umberto Fiori », Écritures poétiques – écritures du sacré : interactions, (Actes du colloque international Écritures poétiques et écritures du sacré de l’Université Blaise Pascal, Clermont-Ferrand, 2014), Paris, Michel Houdiard éditeur, 2015, p. 305-317.

40 Cf. Rudolf Otto, op. cit., p. 24 e p. 40.

41 Sguardo, ES, p. 35

42 Aiuola, TU, p. 74-75.

43 La strada, TU, p. 63.

44 Si osserverà che Fiori, in una conferenza su The Waste Land di Eliot, insiste sulla funzione del « comico » come strumento di sdrammatizzazione nella poesia moderna. Conferenza data al festival di poesia Cabudanne de sos poetas – Settembre dei poeti, Seneghe (6-9 settembre 2012). URL: https://youtu.be/GANNlzKDlGo Consultato il 30/05/16.

45 Dosso, CH, p. 34.

46 Rudolfo Otto, op. cit., p. 42-43.

47 Visioni, CH, p. 68.

48 A lezione, CH, p. 43.

49 Le belle giornate, CH, p. 78.

50 Umberto Fiori, Lettera a un poeta su memoria e poesia, in La poesia è un fischio, Milano, Marcos y Marcos, 2007. Si veda in particolare : p. 129-130.

51 Ibidem, p. 130.

52 Ibidem.

53 Ibidem, p. 129.

54 Ibidem, p. 130.

55 Ibidem.

56 Voi, p. 79.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Fabrice De Poli, « Il bambino interiore di Umberto Fiori », Italies, 21 | 2017, 367-399.

Référence électronique

Fabrice De Poli, « Il bambino interiore di Umberto Fiori », Italies [En ligne], 21 | 2017, mis en ligne le 19 janvier 2018, consulté le 16 octobre 2018. URL : http://journals.openedition.org/italies/5926 ; DOI : 10.4000/italies.5926

Haut de page

Auteur

Fabrice De Poli

Université Savoie Mont Blanc

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Italies - Littérature Civilisation Société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
  • Logo Centre aixois d’études romanes
  • Logo Aix-Marseille Université
  • OpenEdition Journals