Skip to navigation – Site map

HomeNuméros23Comptes rendusIda Campeggiani, L’ultimo Ariosto...

Comptes rendus

Ida Campeggiani, L’ultimo Ariosto. Dalle «Satire» ai
«Frammenti autografi»

Pisa, Edizioni della Normale, 2018, 494 pages.
Antonio Resta
p. 437-440
Bibliographical reference

Ida Campeggiani, L’ultimo Ariosto. Dalle «Satire» ai «Frammenti autografi», Pisa, Edizioni della Normale, 2018, 494 pages.

Full text

1L’ultimo periodo della vita e dell’opera dell’Ariosto, dal 1516 al 1532, e cioè dalla prima alla terza e definitiva edizione del Furioso (la seconda è del ‘21), è un quindicennio assai ricco di esperienze biografiche, compreso il gravoso ufficio di governatore della Garfagnana nel 1522-1525, e fecondo di esiti letterari, se a quegli anni risalgono le Satire, il rifacimento in versi delle Commedie, l’allestimento dei Cinque canti, oltre, naturalmente, la revisione del capolavoro, che divergerà dalla prima edizione per notevoli mutamenti sul piano linguistico e stilistico, nella concezione della storia e della politica, grazie a un maggiore approfondimento della natura umana e un allargarsi dell’orizzonte da Ferrara e dagli stati italiani a una dimensione europea. Ed è proprio questo il periodo oggetto di studio nel volume di Campeggiani, che si inserisce in un nuovo indirizzo della critica, lontano dal teleologismo imperante ancora pochi decenni fa, quando il poeta era esaminato nella progressione dalle opere minori al Furioso del ‘32, come se Satire e Commedie fossero fasi acerbe e incerte dinanzi al traguardo di una luminosa compiuta poesia.

2Lungo questo tracciato, l’autrice approfondisce in effetti i raccordi, anche minuti, e i reciproci condizionamenti, in una visione mobile e obliqua, che congiunge l’intera produzione dell’Ariosto sullo sfondo del suo tempo, fino a superare quei dualismi (storia e finzione, realtà e favola, costrizione di funzionario e libertà di poeta) ancora vivi nella saggistica dell’Otto e del Novecento. Così, il realismo delle Commedie e delle Satire innerva e sostanzia la concezione dell’uomo e della vita associata, in direzione di un sempre più accentuato pessimismo, venato di delusione e amarezza; e, di converso, l’intento encomiastico del Furioso trova un contraltare nelle Satire, nelle forme di una censura sdegnosa del mondo cortigiano. È significativo, ad esempio, che le ottave proemiali 1-10 del canto XXXV, soppresse nella seconda edizione in seguito alla nuova situazione politica e mai più sostituite (con il risultato di « un singolare esordio di canto in medias res », p. 120), trasmettano le loro risentite istanze – si tratta del rapporto complicato con i Medici – alle Satire. Quelle ottave infatti si configurano come « un preludio » (p. 125) alla Satira III, composta nel 1518, a proposito dell’infedeltà degli « antiqui amici » (p. 124).

3Improntato a un’assidua osmosi tra un’opera e l’altra, L’ultimo Ariosto è un libro che si segnala per chiarezza espositiva e rigore argomentativo, oltre che per larghezza e vivacità di prospettive e suggerimenti, di rilievi puntuali e di proposte interpretative, che è difficile, se non impossibile, riassumere nei particolari o condensare nella loro totalità. Analisi della lingua e dello stile, studio delle fonti e delle varianti, conoscenze biografiche e storiche, con incursioni nella tessitura metrica, sono tutti strumenti di cui si avvale Campeggiani per cogliere il sinolo o l’etimo da cui si dipartono le molteplici linee di tendenza, fluide e trasversali, in una personalità d’eccezione, seguita nel suo evolversi. Sono prese in esame perfino le “soglie”, se alcune pagine sono dedicate all’insegna (api che fuggono da un alveare cui è stato appiccato il fuoco) e al motto Pro bono malum che l’accompagna: insegna e motto che compaiono, all’inizio o alla fine, nelle tre edizioni del Furioso, quale riferimento costante « all’ingratitudine umana » (p. 253).

4Campeggiani tiene presente la bibliografia più accreditata che, nei casi in cui avviene, discute sempre con rispetto e insieme con ferma risolutezza, confidando nella validità delle proprie deduzioni, tanto da misurarsi senza remore anche con studiosi di rango, quali possono essere Carlo Dionisotti e Santorre Debenedetti. Per la datazione dei Cinque canti, ad esempio, non accoglie il 1521 come termine ante quem fissato da Dionisotti; propende piuttosto per un periodo successivo, poiché le allusioni storiche rimandano a una stagione posteriore a quell’anno (p. 191), avvicinandosi in tal modo alla soluzione di Cesare Segre, che li colloca tra il 1521 e il 1528. Allo stesso modo, di fronte alle conclusioni di Santorre Debenedetti nell’edizione da lui curata nel 1937 dei Frammenti autografi dell’« Orlando Furioso », essa dimostra come Ariosto non si limitasse a correggere, ma seguitasse a comporre (p. 310), così che quei Frammenti non costituiscono una semplice copia provvista di rettifiche e ritocchi. E molto opportunamente un’Appendice fotografica di quegli autografi, conservati a Ferrara nella Biblioteca Comunale Ariostea, correda il volume, insieme con gli Indici quanto mai utili dei nomi e dei luoghi ariosteschi, e con l’ampia Bibliografia cui si è accennato.

5Concentrato su intricati problemi testuali, vere e proprie cruces filologiche ed esegetiche, il discorso circoscrive alcuni “luoghi” della produzione ariostesca, pur nelle numerose diramazioni che si espandono a largo raggio, aggregando una miriade di indagini e chiarimenti; e nondimeno un “filo rosso” attraversa e lega i singoli brani, costituito dal tema del potere, della fortuna e della provvidenza divina: un tema che, variamente declinato e modulato, secondo le fasi dell’ideologia letteraria, giunge dalle Satire al Furioso, attraverso le Commedie e i Cinque canti, in una riflessione sempre più disillusa e realistica, improntata a un accentuato relativismo. Nel Negromante (la cui seconda redazione, secondo Campeggiani, risale al 1524 e fu ritoccata nel 1530, in vista della rappresentazione), ad esempio, il poeta enuncia, attraverso Iachelino, la sua sfiducia nelle possibilità dell’uomo di dominare o razionalizzare il corso delle cose. « L’esistenza è inafferrabile e il bene e il male non sono individuabili con sicurezza »; ed è « in questa visione disincantata, priva di indignatio, che si esprimono la moralità e la fede dell’ultimo Ariosto  » (p. 318).

6Delle Satire Campeggiani analizza la III, relativa come è noto alla visita a Roma al vecchio amico Giovanni de’ Medici divenuto papa Leone X, nella speranza vana di averne qualche beneficio, e in particolare inquadra l’apologo delle genti che si affannano a raggiungere la luna arrampicandosi sul monte che « è la ruota di Fortuna / ne la cui cima il volgo ignaro pensa / ch’ogni quïete sia, né ve n’è alcuna » (p. 37). Il tema della fortuna percorre l’opera dell’Ariosto e l’immagine della ruota ritornerà nel proemio del canto XLV del Furioso: « Quanto più su l’instabil ruota vedi / Fortuna »; ma intanto Ariosto porge un quadro critico e risentito della curia papale, attraverso la raffigurazione sfumata di alti prelati, che il ricorso alla letteratura ‘bassa’ delle pasquinate permette all’autrice di individuare (così come sono indicati personaggi che compaiono nelle Satire IV e VI). Tra linguaggio comico e frecciate mordenti, da un côté cautamente disinibito, le Satire comunicano l’amarezza o il malcontento di un servitore le cui benemerenze non sono riconosciute, così da essere ancora costretto a muoversi di luogo in luogo, secondo le disposizioni del principe.

7Il discorso che nelle Satire poggia sull’autobiografia e sulla cronaca si amplia nei Cinque canti, e nel Furioso, in una visione globale di individui, di popoli e di religioni che convivono o si fronteggiano, in una trama inesauribile di vicende e di voci. Notevole importanza, nello sviluppo del pensiero e dell’arte, rivestono i Cinque canti, nei quali « c’è sempre il sistema di valori cavallereschi proiettato nel Furioso, ma colto dall’angolazione dolorosa della storia » (p. 146), se lì emerge « un pensiero che si definisce e si struttura » « e che approda alle giunte al Furioso del 1532 » (p. 217). Campeggiani dimostra infatti come in questo momento sia preminente la lezione di Lucano, per concludere che « i Cinque Canti, come la Pharsalia, conducono una riflessione moralistica sulla politica e mettono in scena una catastrofe che coinvolge i concetti topici della letteratura d’impianto etico, come la fortuna, il caos e la ratio » (p. 253), così che a « questo “Ariosto lucaneo” si dovranno riconoscere lo stile drammatico e tenebroso e un contenuto esoterico e negromantico » (p. 304). Si fa strada un atteggiamento negativo che incrina o vanifica la fiducia nella storia, ossia nello storicismo umanistico, se aggalla un mondo stravolto, in cui è impossibile ristabilire il bene. Ne sono toccate anche la grandezza del principe, la provvidenza, la fortuna, con acquisizioni che filtreranno negli episodi aggiunti al terzo Furioso, specialmente in quelli relativi a Ruggiero e Leone, a Drusilla e Marganorre, segnati da maggiore “tragicità”. In quest’ultimo episodio, ad esempio, la legge crudele di re Marganorre contro le donne turba e deprime l’effigie del potere, in consonanza con i Cinque canti, in cui per l’appunto comincia « a maturare una visione, alquanto fosca, dell’autorità imperiale » (p. 221).

8Si deve all’alta coscienza che il poeta ebbe della sua opera maggiore, sovranamente atteggiata a una medietas di grande “tenuta” nei trapassi da un registro all’altro, fra “alto” e “basso”, la decisione di escludere i Cinque canti dall’edizione finale del Furioso; e nondimeno gli umori negativi lì impellenti riescono a sfiorarla, passando, alleggeriti e sfumati, in quelle « giunte » che si sono ricordate. Un poeta ben consapevole della crisi del suo tempo e delle molteplici tensioni che essa racchiude: è questo il ritratto che emerge dal libro di Campeggiani, che si risolve, di là dall’apparente impianto rapsodico, in un saggio unitario, variegato e complesso, dell’ultimo Ariosto. Per il quale, priva della boria dei “superatori”, l’autrice non respinge la celebre formula del Croce (l’« armonia »), ma accanto ad essa ne affaccia un’altra, forse più pertinente e persuasiva nel suggellarne l’intera produzione: la « malinconia tragicomica » (p. 27).

Top of page

References

Bibliographical reference

Antonio Resta, “Ida Campeggiani, L’ultimo Ariosto. Dalle «Satire» ai
«Frammenti autografi»
Italies, 23 | 2019, 437-440.

Electronic reference

Antonio Resta, “Ida Campeggiani, L’ultimo Ariosto. Dalle «Satire» ai
«Frammenti autografi»
Italies [Online], 23 | 2019, Online since 03 March 2020, connection on 20 June 2021. URL: http://journals.openedition.org/italies/7809; DOI: https://doi.org/10.4000/italies.7809

Top of page

About the author

Antonio Resta

Centro Luigi Russo, Pietrasanta, Lucca

Top of page

Copyright

Licence Creative Commons
Italies - Littérature Civilisation Société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Top of page
  • Logo Centre aixois d’études romanes
  • Logo Aix-Marseille Université
  • DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search