Navigation – Plan du site

AccueilNuméros23Comptes rendusAlberto Toscano, Gino Bartali: Un...

Comptes rendus

Alberto Toscano, Gino Bartali: Una bici contro il fascismo

Milano, Baldini & Castoldi, 2019, 197 pages.
Rebecca Ricci
p. 456-460
Référence(s) :

Alberto Toscano, Gino Bartali: Una bici contro il fascismo, Milano, Baldini & Castoldi, 2019, 197 pages.

Texte intégral

  • 1 Alberto Toscano, Un vélo contre la barbarie nazie. L’incroyable destin du champion Gino Bartali, (...)

1La prima edizione di questo libro, vede la luce in Francia con il titolo Un vélo contre la barbarie nazie - L’incroyable destin du champion Gino Bartali1. Il libro ritraccia la storia del Campione, del suo impegno sportivo e soprattutto del suo impegno sociale, inquadrandolo con particolare cura nel suo periodo storico. Esce nella primavera del 2018, poco prima dell’inizio del Giro d’Italia che parte fuori dal territorio nazionale. Non è la prima volta che lo start è dato in terra straniera, ben tredici volte è già accaduto che un altro paese europeo ne ospitasse la partenza. La particolarità del Giro 2018 risiede però nella sua connotazione extraeuropea: il via è dato infatti in Israele, a Gerusalemme, il 4 maggio ed è caratterizzato dall’omaggio a Gino Bartali, il cui nome è inciso sul muro d’onore del Giardino dei Giusti dello Yad Vashem, il memoriale della Shoah, un Bartali che due giorni prima, ha ricevuto la «cittadinanza onoraria» dallo Stato di Israele.

  • 2 Alcune opere recenti di Alberto Toscano : France-Italie. Coups de tête, coups de cœur, Paris, Tal (...)
  • 3 Alberto Toscano, « Bartali un maillot jaune au cœur d’or », Historia, n° 847, juillet-août 2017. (...)

2Questa realizzazione nella sua edizione francese nasce da un progetto di Alberto Toscano, giornalista, scrittore2 e politologo italiano, da oltre trent’anni residente a Parigi e collaboratore di media italiani e francesi. Un vélo contre la barbarie nazie incrocia temporalmente questo omaggio a Bartali, ma ha radici ben più lontane. Alberto Toscano da tempo vuol far scoprire ai francesi oltre al ben noto campione Bartali anche l’uomo Bartali, religioso, profondamente schivo, riservato che non ama parlare di sé e tanto meno delle sue vittorie extra sportive non meno grandiose dei suoi exploits ciclistici. Questo è un Bartali infatti semi sconosciuto in Francia. Prima del libro, nell’estate del 2017, il Toscano giornalista pubblica su Historia « Bartali, un maillot jaune au cœur d’or3 », un articolo “laboratorio” da cui prende il via la vecchia idea di raccontare ai francesi accanto allo sportivo, il Bartali meno conosciuto, inserendolo nel suo contesto storico e restituendolo in un libro, testimonianza di un triste periodo della Storia in generale e della storia italiana in particolare.

  • 4 Alberto Toscano, Gino Bartali: Una bici contro il fascismo, Milano, Baldini&Castoldi, 2019, 197 p

3Poco meno di un anno dopo Un vélo contre la barbarie nazie, arriva in libreria Una bici contro il fascismo4. Tradotta da Giovanni Zucca la versione italiana è poi rivista, in parte alleggerita dall’autore (rivolgendosi a un pubblico italiano, certe precisazioni essenziali per un pubblico estero non sono più necessarie) e arricchita da nuovi particolari e anche da testimonianze non più indirette, ma raccolte da Alberto Toscano direttamente da amici e familiari di Gino Bartali.

  • 5 Ibidem, p. 20.
  • 6 Ibidem, p. 21.

4La prefazione dello scrittore Marek Halter che apriva la versione francese cede il passo a quella del giornalista e scrittore Gianni Mura, ma la ritroviamo anche nella versione italiana come postfazione. Il libro vero e proprio inizia con una introduzione dell’autore in cui sono tracciate le grandi linee della narrazione. Questa coprirà i 700mila chilometri percorsi da Bartali in bicicletta in allenamenti e gare culminate spesso in vittorie. Le tante vittorie riportate in Italia, al Giro, a quelli di Lombardia, Piemonte, Toscana, alla Milano-San Remo, e all’estero al Tour de France, della Svizzera, del Paese Basco, fino alla pausa imposta dalla Seconda Guerra mondiale. In questo difficile periodo storico, Gino ha continuato a macinare chilometri pedalando per tenersi in allenamento e «ha percorso i chilometri più importanti della sua vita e soprattutto di quella altrui5», facendo il “postino6” per una organizzazione clandestina impegnata a salvare in una corsa contre la montre, numerosi ebrei dalla deportazione. Ebrei nascosti in monasteri dell’Italia centrale, in attesa di documenti sapientemente falsificati che Bartali appunto trasportava nascosti nel telaio della sua bicicletta, avanti e indietro tra Firenze e Assisi.

  • 7 Ibidem.
  • 8 Ibidem, p. 22.

5«La memoria di quelle sgroppate eroiche era cosa tutta sua. Solo sua. Gino voleva essere conosciuto e riconosciuto solo per i suoi straordinari exploit di corridore ciclista7» fedele al suo motto che «il bene si fa ma non si dice8».

6Bartali, come Alberto Toscano ripete a più riprese, non si vanterà mai del suo contributo apportato per salvare uomini, donne, bambini ebrei, mettendo a rischio la sua stessa vita. Non solo non se ne vanterà, ma neppure lo ammetterà facilmente, anzi farà di tutto per evitare di parlarne e di dare importanza al suo operato. Anche decenni più tardi si rifiuterà ostinatamente di commentare le informazioni che piano piano con il tempo iniziano a filtrare.

7I riconoscimenti ufficiali con la Medaglia d’oro al Merito civile della Repubblica italiana nel 2005, il titolo di “Giusto tra le Nazioni” del Memoriale Yad Vashem di Gerusalemme nel 2013, arriveranno postumi: Bartali è infatti morto all’inizio degli anni 2000.

8Questa non breve introduzione dell’autore dà il tono della narrazione che segue e ci prepara al Bartali “segreto” che Toscano ci racconterà accanto al grande ciclista.

9Il libro diviso in dodici capitoli ritraccia la storia di Bartali dalla sua nascita nel 1914 a Ponte a Ema alle porte di Firenze, la sua infanzia, la prima bicicletta, le prime gare, le vittorie. Adriana la fidanzata che diventerà sua moglie, vicina a lui fino alla fine, senza rivali femminili, eccettuata la bicicletta. I momenti tragici della vita del Campione con la morte del fratello minore in un incidente ciclistico e quella del figlio secondogenito quando durante la guerra, fatica a trovare un medico disposto a sfidare il coprifuoco per assistere sua moglie partoriente. Il suo impegno civile, l’aiuto alle reti clandestine, e poi di nuovo in sella per nuove grandi vittorie. La rivalità con Fausto Coppi che finirà per diventare un’amicizia sancita sugli schermi TV durante il noto programma “Il Musichiere”. Le prime notizie che trapelano sulle reti clandestine con cui Bartali ha collaborato e di cui rifiuta di parlare, fino agli ultimi anni, quando ancora in TV partecipa a “Striscia la notizia” e in cui ripete la frase che lo contraddistingue: “È tutto sbagliato, è tutto da rifare”.

  • 9 Ibidem, p. 188.

10Bartali muore nella sua casa di Firenze dove « fino all’ultimo ha immaginato nuove attività, nuove iniziative. Diceva: - Io sono sempre all’inseguimento di qualcosa! - Come se la vita per lui fosse una corsa in bicicletta9 ».

11Alberto Toscano incrocia quindi la storia di Gino con la Storia e ce la racconta in un libro che si legge come un romanzo che scorre veloce come i chilometri sotto le ruote della “bici” del Campione. Non è quindi un libro per gli addetti ai lavori o per gli abbonati della Gazzetta dello Sport, ma un libro destinato a una vasta platea di lettori.

  • 10 Ibidem, p. 27.
  • 11 Vale la pena di sottolineare che Toscano ha una collezione notevole di giornali italiani e france (...)
  • 12 Ibidem, p. 65-66.

12Gli eventi storici narrati dal libro iniziano all’alba della Grande Guerra, coprono l’avvento del Fascismo e il suo imporsi con l’assassinio Matteotti e le Leggi razziali, continuano con l’armistizio dell’8 settembre, il dopoguerra con la definizione delle nuove frontiere e l’attentato a Togliatti. Tutto questo con un’Italia che si disegna e si racconta anche attraverso tanti piccoli clin d’œil legati al mondo del cinema sin dal primo capitolo che attacca d’emblée: « In principio era la bici. “O la trovi subito o nun la trovi più” dice la veggente al disoccupato Antonio Ricci, protagonista di Ladri di Biciclette splendido film e straordinario ritratto dell’Italia povera e lavoratrice dell’immediato dopoguerra10 ». Un vero “Amarcord” per chi certi anni li ha vissuti o li ha sentiti raccontare così tanto da sentirli incrostati nel proprio DNA. L’ambientazione storica di Alberto Toscano non fa solo da sfondo alla vita di Bartali e alle sue vittorie, ma, come in una sorta di altalena, Storia e Bartali, ora l’una ora l’altro, sono in primo piano, come una coppia di attori protagonisti che recitano insieme e si fanno da spalla. Il connubio sport-politica cui mira il fascismo e come lui ogni forma di dittatura che cerca di relegare lo sport a strumento di propaganda, asservendo l’uno all’altra ne è un esempio. L’autore ci racconta la retorica nazionalista anche attraverso i titoli dei quotidiani del ventennio11. Tutto è grazie al fascismo, che si parli della transvolata atlantica del 1931 di Cesare Balbo o dei successi della X Olimpiade a Los Angeles nel 1932. Tutto è riconducibile al Duce e alla sua gloria, osannato con il saluto fascista nel momento supremo della vittoria sportiva. Bartali che non ha mai preso la tessera del PNF, coerente con i suoi principi contrari a ogni forma di ingiustizia e di sopruso, rifiuterà di essere il Campione di questa dittatura. Il potere, attraverso la stampa che lo serve, farà smorzare i toni entusiastici utilizzati per altri campioni “ortodossi”. Si parlerà della vittoria, dell’exploit ciclistico ma nessuna glorificazione dell’uomo Bartali. Bartali, antifascista e non solo a parole, e religioso a fatti e a gesti rifugge dall’offrire le sue vittorie sull’altare del Duce e la sua mano destra si alza non per il saluto romano ma per fare il segno della croce. Il fascismo cerca di recuperare la faccia, almeno in parte, istituendo per il vincitore del Giro d’Italia “il Premio del Duce”. «Ecco il titolo della «Gazzetta» dell’8 giugno 1936: Bartali ha trionfato nel XXIV Giro d’Italia, aggiudicandosi il primo Premio del Duce12». Ottiene così come compenso una medaglia d’argento, premio di cui evidentemente farebbe volentieri a meno e di cui infatti due anni più tardi, dopo la prima vittoria al Tour de France, si libererà gettandola nelle acque dell’Arno. Dopo aver vinto la Grande boucle, per Bartali la boucle est bouclée!

13Gino Bartali: Una bici contro il fascismo; bicicletta e fascismo due parole del titolo che interpellano, magari incuriosiscono ma che potrebbero lasciare perplessi. A chi è destinato questo libro? quale pubblico vuole toccare? Sicuramente chi è un fan di Bartali e un appassionato del ciclismo e della sua storia. In realtà ha però il pregio di interessare anche chi non è particolarmente attratto dallo sport. È una riscoperta di un mondo forse lontano ma di valori universali e purtroppo di derive sempre di attualità. La conoscenza e l’interesse di Alberto Toscano nei confronti della Storia, benché non rinforzata da una solida bibliografia è supportata da pagine di giornali, cui il giornalista fa spesso riferimento. Ci è chiaro quindi che Toscano non ha scritto né un saggio storico, né un saggio sulla storia dello sport, ma un’opera divulgativa. L’animo del giornalista riaffiora a molteplici riprese in questo libro che possiamo definire un’opera devoir de mémoire, per non dimenticare un periodo storico con le sue derive, monito per tutte le generazioni e per ricordare un atleta che ha saputo distinguersi per la sua grande umanità. Il suo comportamento ci porta a riflettere che ancora in tempi non lontanissimi sono esistiti grandi atleti che lungi dal credersi divi, o delle divinità terrestri hanno saputo mantenersi ligi alla loro deontologia.

Haut de page

Notes

1 Alberto Toscano, Un vélo contre la barbarie nazie. L’incroyable destin du champion Gino Bartali, Paris, Armand Colin, 2018 p. 220.

2 Alcune opere recenti di Alberto Toscano : France-Italie. Coups de tête, coups de cœur, Paris, Tallandier, 2006 ; Critique amoureuse des Français, Paris, Hachette, 2009 ; Vive l’Italie. Quand les Français se passionnaient pour l’unité italienne, Paris, Armand Colin, 2010 ; Ces gaffeurs qui nous gouvernent, Paris, Fayard, 2011 ; Sacrés Italiens !, Paris, Armand Colin, 2014 ; Benedetti Italiani!, Pisa, Della Porta Editori, 2014.

3 Alberto Toscano, « Bartali un maillot jaune au cœur d’or », Historia, n° 847, juillet-août 2017. Légende de l’histoire du cyclisme, Bartali a aussi sa place dans l’Histoire. Mais il a fallu attendre son décès pour le comprendre. Parce que « Ginettaccio », surnom dû à son caractère d’éternel grincheux et de « bourru bienfaisant », n’aimait pas parler de ses performances extra sportives. Au point de cacher longtemps les actes d’héroïsme qui lui vaudront, après sa mort, la médaille d’or du mérite civil du président Carlo Azeglio Ciampi (2005) et le titre de Juste parmi les nations de la part du mémorial Yad Vashem de Jérusalem (2013) pour avoir contribué à sauver la vie de 800 Juifs, en grande partie des enfants, entre 1943 et 1944.

4 Alberto Toscano, Gino Bartali: Una bici contro il fascismo, Milano, Baldini&Castoldi, 2019, 197 p.

5 Ibidem, p. 20.

6 Ibidem, p. 21.

7 Ibidem.

8 Ibidem, p. 22.

9 Ibidem, p. 188.

10 Ibidem, p. 27.

11 Vale la pena di sottolineare che Toscano ha una collezione notevole di giornali italiani e francesi d’epoca, con i quali ha realizzato mostre, fonte anche di informazioni cui ha attinto per questo libro.

12 Ibidem, p. 65-66.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Rebecca Ricci, « Alberto Toscano, Gino Bartali: Una bici contro il fascismo »Italies, 23 | 2019, 456-460.

Référence électronique

Rebecca Ricci, « Alberto Toscano, Gino Bartali: Una bici contro il fascismo »Italies [En ligne], 23 | 2019, mis en ligne le 03 mars 2020, consulté le 08 mai 2021. URL : http://journals.openedition.org/italies/7876 ; DOI : https://doi.org/10.4000/italies.7876

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Italies - Littérature Civilisation Société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
  • Logo Centre aixois d’études romanes
  • Logo Aix-Marseille Université
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search