Navigation – Plan du site
Comptes rendus

Giuseppe Fabiano, Nel segno di Andrea Camilleri

Milano, Franco Angeli, 2017 150 pages.
Gerardo Iandoli
p. 461-462
Référence(s) :

Giuseppe Fabiano, Nel segno di Andrea Camilleri, Milano, Franco Angeli, 2017, 150 pages.

Texte intégral

1Prima di procedere con la presentazione del testo, bisogna tenere conto di alcuni aspetti: prima di tutto, Giuseppe Fabiano è uno psicologo psicoterapeuta che esercita attivamente la sua professione, accompagnandola all’attività di insegnamento. Il volume, quindi, analizza l’opera di Andrea Camilleri attraverso una metodologia ben precisa, legata al dominio della psicologia, e andando ben al di là di quelli che sono gli strumenti canonici della critica letteraria. La presente recensione, quindi, cercherà di evidenziare i punti di interesse che un lettore di formazione letteraria potrà trarre dalla lettura di questo volume.

2Nel segno di Andrea Camilleri è diviso in tre parti: la prima è dedicata alla metodologia, in cui si mostra il profondo legame tra la narrazione e lo studio psicologico; la seconda all’analisi della serie del commissario Montalbano e la terza a quella di alcuni romanzi storici.

3La prima parte è interessante di per sé e può coinvolgere anche il lettore che non ha dimestichezza con l’opera camilleriana: infatti, si forniscono numerosi spunti per indagare il rapporto tra l’atto del raccontare e lo studio della psiche umana. Il capitolo ha un taglio divulgativo, un’introduzione agile e di facile comprensione alle teorie che serviranno, nei capitoli successivi, a studiare l’opera dello scrittore siciliano. Il punto di partenza è che ogni individuo si forma attraverso le relazioni che instaura con le persone che gli sono accanto: tra le varie relazioni, quella con la madre è fondamentale, nel senso di “fondamento”, poiché è la prima figura con la quale il bambino intesse un legame. Questo scambio determina un “attaccamento” (p. 22): a seconda delle risposte della madre, il bambino svilupperà certi atteggiamenti, i quali, nei casi di atteggiamenti materni ambigui o problematici, possono sviluppare anche tratti patologici. Ovviamente, il legame materno va inteso come un punto iniziale, ma non definitivo, della formazione dell’individuo: molte altre relazioni possono influenzarlo, in maniera più o meno profonda. Alla luce di ciò, si può dire che la narrazione ha un ruolo fondamentale nello studio psicologico, poiché è lo strumento necessario per descrivere una psiche che si fonda su di una relazione. Di fatto, l’incontro tra due personalità è sempre fonte di racconti. Inoltre, il concetto di “trauma”, in questa prospettiva, viene analizzato come un evento inatteso che sopraggiunge nella storia dell’individuo (p. 44), evento che assume, per via della sua importanza, tratti di senso capaci di condizionare fortemente il vissuto del singolo. Pertanto, la ricerca di una “trama” aiuta a inserire il trauma in una cornice di senso su cui, poi, lavorare.

4L’autore su cui Fabiano si concentra maggiormente è Jerome Bruner (p. 61): infatti, lo psicologo statunitense si è soffermato, durante la sua carriera, sull’importanza dell’elemento narrativo nella costruzione del Sé dell’individuo. Infatti, ogni persona riesce a definirsi soltanto costruendo la propria storia personale: la scelta degli eventi marcanti, l’uso di determinate forme retoriche per descriverli, la struttura che si dà al vissuto per connettere i vari accadimenti determinano l’identità, oltre ai fatti vissuti in sé per sé. Pertanto, lo psicoterapeuta deve impegnarsi nel comprendere anche la forma dei racconti dei propri pazienti, al fine di comprendere la percezione che il singolo ha di sé (o che cerca di dare agli altri). In sostanza, questa prima parte permette al lettore di comprendere l’importanza del concetto di “narrativa”, in quanto ponte tra gli studi letterari e quelli psicologici. Nel segno di Andrea Camilleri, allora, risulta essere l’ennesimo esempio della forte multidisciplinarità dell’arte del raccontare: la narrazione, prim’ancora che essere un campo di indagine, è una modalità del pensiero umano. Comprendere tale aspetto permette di vivere la letteratura come una sorta di palestra cognitiva in cui sperimentare le varie possibilità esistenziali dell’essere umano.

5Su questo ultimo aspetto si concentrano le due parti finali: il racconto letterario diventa, allora, uno strumento pedagogico molto utile per analizzare alcune forme patologiche. Ad esempio, i romanzi di Montalbano sono utili per osservare la complessità del desiderio amoroso. Eppure, i testi su cui Fabiano si sofferma maggiormente sono La presa di Macallè e Il casellante, analizzati nella terza parte. Il primo è interessante per studiare il rapporto che il bambino instaura con l’ambiente che lo circonda: Michilino, infatti, affronta le risposte ambigue della madre (rappresentante della morale cristiana) e del padre (rappresentante del fascismo), i quali predicano un certo rigore, pur comportandosi in maniera tutt’altro che conforme a quanto dicono. La conflittualità delle risposte genitoriali, infine, conduce il bambino ad atteggiamenti pericolosi. Il secondo romanzo, invece, mostra come un evento traumatico possa alterare la percezione del proprio Sé: lo stupro di Minica e la conseguenziale scoperta della propria sterilità portano la donna a credersi un albero, nella speranza di ripristinare, in questa nuova forma, la propria forza generatrice.

6In conclusione, si può dire che il testo di Fabiano sia un ottimo esempio di come la letteratura possa trasformarsi in un utile strumento per le scienze, in quanto contenitore di exemplum. In più, il critico letterario troverà molti spunti di ricerca dai quali partire, nel caso in cui si voglia esplorare il vasto campo degli studi sul racconto in quanto strumento diagnostico e terapeutico.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Gerardo Iandoli, « Giuseppe Fabiano, Nel segno di Andrea Camilleri »Italies, 23 | 2019, 461-462.

Référence électronique

Gerardo Iandoli, « Giuseppe Fabiano, Nel segno di Andrea Camilleri »Italies [En ligne], 23 | 2019, mis en ligne le 03 mars 2020, consulté le 13 août 2020. URL : http://journals.openedition.org/italies/7896

Haut de page

Auteur

Gerardo Iandoli

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Italies - Littérature Civilisation Société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
  • Logo Centre aixois d’études romanes
  • Logo Aix-Marseille Université
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals