Navigation – Plan du site

AccueilNuméros24Comptes rendusRenzo Bragantini, Testi e vicende...

Comptes rendus

Renzo Bragantini, Testi e vicende del Trecento. Letture ed esegesi di Dante, Petrarca, Boccaccio

Soveria Mannelli (CZ), Rubbettino Università, 2019, 172 pages
Michela Fantacci
p. 247-250
Référence(s) :

Renzo Bragantini, Testi e vicende del Trecento. Letture ed esegesi di Dante, Petrarca, Boccaccio, Soveria Mannelli (CZ), Rubbettino Università, 2019, 172 pages.

Texte intégral

1Il volume, accolto nella nuova collana Lanterne. Studi di Italianistica diretta da Maria Cristina Figorilli, propone differenti tappe di un percorso di ricerca unitario, con capitoli che hanno in parte visto la luce in riviste specialistiche e si concentrano sull’opera di Dante, Petrarca e Boccaccio, con una chiara predilezione per quest’ultimo.

2Il primo capitolo (pp. 9-27) è dedicato al canto più esteso della Commedia dantesca, il XXXII del Purgatorio, e allo studio dei passi che ne hanno provocato l’ascrizione tra i «segmenti più controversi del poema» (p. 11). Con la convinzione che si debba partire dall’interpretazione letterale per arrivare a chiarire il «sovrasenso» (p. 11), si snoda, tra le altre, un’importante riflessione sulla potenziale produttività di una lettura «in chiave apocalittica» (p. 24) del poema. Dopo una difficile, quanto rigorosa, distinzione tra dimensione apocalittica e profetica e dopo l’identificazione dell’esperienza dantesca come accoppiamento delle due «tipologie apocalittiche» individuate da Bernard McGinn [Introduction: John’s Apocalypse and the Apocalyptic Mentality, in The Apoclypse in the Middle Ages, a cura di R. K. Emmerson, B. McGinn, Ithaca, Cornell University Press, 1992], ossia di «una dimensione orizzontale e storica con una verticale che ha di mira il rapporto del regno terreno col celeste» (p. 25), B. arriva a giustificare «la congestione vorticosa delle immagini» (p. 26) che ne rende difficoltoso lo scioglimento, ma non la rassegnazione critica all’oscurità del testo e dei suoi riferimenti. Ciò che ne deriva, dunque, è l’accettazione del permanere di «un certo residuo di opacità», chiaro ostacolo alla spiegazione puntuale del «tessuto figurale del canto» (p. 27).

3L’affondo sul sesto sonetto petrarchesco (Sì travïato è ’l folle mi’ desio, pp. 29 - 45) avviene in ragione della sua – indebita – svalutazione: da una parte per la «supposta trasparenza» (p. 29) non corrispondente a realtà, dall’altra a causa del riconoscimento – ancora indebito – della scarsa strutturazione macrotestuale del Canzoniere, colpevole di non riconoscergli l’effettivo valore di «testo di cerniera» e insieme «testo-emblema» (p. 30). Il percorso esegetico seguito da Bragantini prende le mosse dalla descrizione dello schema metrico del sonetto, evidenziando la scansione tra terzine e quartine, che sugella la tensione oppositiva tra i due crinali del «moto ingovernabile di eros» e della «forzata inerzia in cui si aggruma la frustrazione amorosa» (p. 32). Sul piano del lessico e della figuralità, invece, una significativa attenzione è riservata al dispiegarsi della metafora del cavallo imbizzarrito (vv. 5 e sgg.), spunto per un’indagine sulle possibili fonti, tra cui compare, oltre alla Commedia e con le dovute riserve, il Convivio dantesco. La conclusione è che, in tale sonetto, «il nesso tra frustrazione del desiderio e innesco del dettato lirico […] si salda perfettamente» (p. 45) per merito dell’interrelazione con i testi che lo precedono e lo seguono.

4Nel frequentare l’argomento dei rapporti intellettuali (e personali) tra Petrarca e Boccaccio (pp. 47-72), B. si prefigge lo scopo di riconsiderare le due correnti critiche preponderanti: quella «irenica» e quella «conflittuale» che, più recente, tende a presentare il secondo come «soggiogato dalla personalità dell’amico e maestro fino a spogliarsi volontariamente dei suoi tratti individui» (p. 47). L’occasione è offerta da uno studio di Francisco Rico [Ritratti allo specchio (Boccaccio, Petrarca), Roma-Padova, Antenore, 2012] e la premessa è che «la dicotomia tra lettura irenica e lettura conflittuale», lì presa come base teorica, «non può essere presentata in termini così assoluti» (p. 48). È così che Bragantini riflette sui limiti di quel contributo con il supporto diretto dei testi, soprattutto epistolari. Intervengono a corroborare la tesi dell’autore diversi altri elementi, tra cui l’interessante confronto di un passo del Trattatello in laude di Dante nella revisione chigiana e nella sua prima redazione. Punto d’approdo è l’idea che Petrarca e Boccaccio abbraccino e sostengano un tipo di cultura, e dunque una prassi scrittoria, volta «alla compresenza della lezione dei classici e degli apporti della […] letteratura medioevale» (p. 72).

5L’intervento a proposito dell’organizzazione testuale del Decameron (pp. 73 - 95) verte sulla sola novella di Melchisedech e del Saladino (I 3) e sulle sue «immediate propaggini» (p. 73). Il fine ultimo è confermare il «principio della rispondenza», a scapito dell’«erroneo mito […] dell’unità del Decameron» (p. 73). Il primo passo è, dunque, leggere il testo con strumenti inediti, fino a ripensare il principio di «unità progressiva ascensionale» (p. 74). Secondo Bragantini, già il filtro rappresentato nell’opera dalle figure dei narratori è spia dell’eccezionalità della sua struttura rispetto agli antecedenti. Inevitabile dunque la riflessione sulla macrotestualità «di peculiare natura» (p. 79) dell’opera, che fa perno sulla credenza secolare – e per Bragantini erronea – di poter leggere le singole novelle come «autosufficienti monadi» (p. 78). Su questa base, B. propone una «riconsiderazione del nucleo narrativo del racconto» (p. 85), dimostrando che la vicenda ha come elementi cardine i «meccanismi della comunicazione tra gli esseri umani» (p. 88) e che in questo modo diventa, insieme ad altre novelle della stessa giornata, «snodo nevralgico» per il Decameron, opera incentrata proprio sul meccanismo di comunicazione e ricezione.

6Il tema della fortuna nel Decameron (pp. 97-117) viene affrontato restringendo lo spettro d’indagine alla sola seconda giornata. Considerata l’entità dell’apporto esercitato dalla concezione dantesca, petrarchesca e classica della fortuna sulla formulazione boccacciana, Bragantini fa notare che è fondamentale tenere presente la differenza tra le riflessioni affidate a scritti latamente teorici e quelle plasmate per l’inserimento in contesti narrativi, soprattutto nel caso del Decameron, «legato all’urgenza del contingente e alla sollecitazione dell’esperienza quotidiana» (p. 106). Nell’anticipazione del tema della seconda giornata (Filomena: I Concl.) si palesa l’esistenza di due variazioni sul tema, ovvero la Fortuna-Provvidenza e il caso, entrambe riconducibili a una lunga tradizione; la precisazione comporta considerazioni sullo «sconfinato deposito memoriale» (p. 114), ovvero sull’importanza della «lezione dei classici», a suo avviso trascurata dai commentatori a vantaggio dei contatti con i modelli “medioevali”. Bragantini sostiene che sia opportuno, in questo, «invertire la tendenza […] senza cadere nell’eccesso opposto» (p. 114). La più rilevante suggestione messa in campo è quella di una relazione della novella II 7 (e ipoteticamente II 2 e II 4) con la decima satira di Giovenale. Questo si spiegherebbe con il ricorso alla «memoria testuale» che «nel caso della novella di Alatiel ha innescato la memoria associativa, probabilmente all’origine di quelle di Rinaldo d’Asti e di Landolfo Rufolo» (p. 116), e svelerebbe un fenomeno molto più ampio per cui, «camuffate e velate […], la voce dei classici, così come quella della Scrittura» (p. 117) e dei propri precursori (Dante, Petrarca) continuano costantemente a riemergere.

7Il sesto contributo (pp. 119-145) s’innesta sulla certezza che sia ancora giusto «interrogarsi sulle fonti delle narrazioni del capolavoro» (p. 119) boccacciano. Su questa via, Bragantini insiste sull’importanza di un simile lavoro, tantopiù per il Decameron, «qualificabile come raffinatissimo esercizio di parodia (non però sempre […])» (p. 120). Nella maggioranza dei casi «l’inventio non può, in Boccaccio, essere separata dalla memoria culta dell’autore, che con quella fa corpo unico» (p. 122); questo non toglie, però, l’urgenza di un esame delle fonti e degli intertesti, perché proprio l’«equivoco» della dipendenza di Boccaccio dall’universo mercantile ha collaborato a sottovalutare «gli enzimi classici agenti nel libro» (p. 123), dimenticando che in contesto narrativo quei riferimenti, quando presenti, rimangono perlopiù sotterranei. Il più notabile tra i contatti rintracciati è sicuramente quello con il De beneficiis di Seneca, portato all’attenzione con il fine di palesare l’«inadeguatezza di ogni lettura che […] si ostina a presentare il Decameron come testo di mero intrattenimento» (p. 135). L’efficace immagine del «meticciato degli intertesti» (p. 145) ben spiega la non linearità dei processi compositivi di Boccaccio, che tende a condensare «spunti di diversa provenienza» (p. 138). Sul piano interpretativo, tutto ciò porta a riconoscere nell’opera boccacciana «un testo narrativo con intenti di filosofia morale» (p. 145).

8L’ultimo contributo (pp. 147-166) si apre su un quesito: l’accostamento critico di Fiammetta e Corbaccio è da ricondurre «a una nostra postuma affiliazione» (p. 147) oppure era già percepito come tale dai fruitori contemporanei? Affiora l’evidenza di un affiancamento delle due opere già nella tradizione manoscritta (e molto precoce, come testimoniato dalla copia Allegretti). Una delle ipotesi è data dall’opportunità della «lettura delle due opere come […] una sorta di ripresa del dittico ovidiano» (p. 148), dove la Fiammetta corrisponderebbe all’Ars amatoria e il Corbaccio ai Remedia amoris. La spiegazione ulteriore, che «non esclude le precedenti» (p. 148), fa leva sul fenomeno della «pseudoautobiografia» (p. 149) derivato da Segre. Anche nel contesto di ipotetici inserti autobiografici, Bragantini invita a conservare un atteggiamento cauto: bisogna saper riconoscere il legame con fonti, intertesti e modelli specifici e mettere in debito conto il permanere di un alto tasso di letterarietà. In relazione a Fiammetta e Corbaccio, l’autore riepiloga la situazione filologica, la definizione del genere e l’individuazione delle fonti. Riguardo alla Fiammetta, Bragantini si dilunga sui riscontri intertestuali con i classici e con la recente letteratura volgare, soprattutto Dante, e lo stesso accade con il Corbaccio, con attenzione ancora e soprattutto agli «imprestiti danteschi (e a uno petrarchesco)» (p. 162). Larga parte delle considerazioni su quest’ultima opera muovono dal lavoro di Padoan [G. Boccaccio, Corbaccio, a cura di G. Padoan, Milano, Mondadori, 1994] «studioso ed editore benemerito di Boccaccio» (p. 166) e curatore di un’edizione che, nonostante il grande merito, lascia intendere chiaramente come «ancora molto resti da fare» (p. 166).

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Michela Fantacci, « Renzo Bragantini, Testi e vicende del Trecento. Letture ed esegesi di Dante, Petrarca, Boccaccio »Italies, 24 | 2020, 247-250.

Référence électronique

Michela Fantacci, « Renzo Bragantini, Testi e vicende del Trecento. Letture ed esegesi di Dante, Petrarca, Boccaccio »Italies [En ligne], 24 | 2020, mis en ligne le 25 février 2021, consulté le 18 octobre 2021. URL : http://journals.openedition.org/italies/8616 ; DOI : https://doi.org/10.4000/italies.8616

Haut de page

Auteur

Michela Fantacci

Aix Marseille Université, CAER, Aix-en-Provence, France
Università della Calabria, Cosenza, Italie

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Italies - Littérature Civilisation Société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
  • Logo Centre aixois d’études romanes
  • Logo Aix-Marseille Université
  • DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search