Navigation – Plan du site

AccueilNuméros24Comptes rendusMaurizio Ascari, Alessandra Calan...

Comptes rendus

Maurizio Ascari, Alessandra Calanchi (a cura di), I labirinti della mente

Fano, Aras Edizioni, 2018, 198 pages
Gerardo Iandoli
p. 282-284
Référence(s) :

Maurizio Ascari, Alessandra Calanchi (a cura di), I labirinti della mente, Fano, Aras Edizioni, 2018, 198 pages.

Texte intégral

1Facendo riferimento a questo volume della collana Urbinoir, legata all’omonimo convegno (p. 191), si può dire che il concetto di noir travalichi il campo dei generi letterari per trasformarsi in una chiave per comprendere i meccanismi della mente umana, o almeno come questi meccanismi siano stati rappresentati nell’arte degli ultimi due secoli. In maniera molto concreta, si vuole fare riferimento al colore nero: bisogna immaginarlo come un tratto che cala sulla nostra vista, sia esterna che interna. La mente umana sembra svilupparsi dalla continua lotta contro questa oscurità che limita la visione, che nasconde parte del reale. Tuttavia, ciò che viene nascosto non scompare, ma continua a essere presente e a influenzare il mondo intorno a sé.

2Da questo punto di vista, è illuminante partire dal saggio di Kristopher Mecholsky. Esso, in poche parole, sintetizza l’intera problematica intorno alla quale ruota I labirinti della mente: «il thriller psicologico è una contraddizione, un genere in conflitto con se stesso e con una dialettica centrale: possiamo capire la mente – non possiamo capire la mente» (p. 59). L’autore americano individua nel romanzo gotico il punto di inizio di quell’attenzione nei confronti dei lati oscuri della psiche umana che, successivamente, confluirà nel genere thriller, con largo successo di pubblico (p. 63). Questo per dire che, ben prima di Freud, è stata la letteratura a interrogarsi su quei lati del nostro carattere che non rispondono pienamente alla razionalità, così come descritta dall’epoca dei lumi. La narrativa, allora, si trasforma nello strumento privilegiato per tentare di esplorare quell’“oscurità” che avvolge parte della nostra mente. La tensione che aleggia in queste opere nasce dallo scontro tra il desiderio di osservare ciò che è in ombra e l’impossibilità di penetrarla fino in fondo. Un continuo sottoporsi a un fallimento assicurato, che tuttavia non porta i personaggi a desistere dall’impresa. E in tutto questo viene coinvolto anche il lettore, che attraverso il romanzo viene sottoposto agli effetti di tensione che gli stessi personaggi vivono: anch’egli si getta, tra le pagine del thriller, nell’esplorazione dell’inesplorabile (p. 79).

3Al saggio di Mecholsky bisogna affiancare quello di Walter Bisello, poiché anch’esso tenta di ricostruire la storia di un genere: l’horror. Quest’ultimo si concentra su elementi materiali, sulle immagini e sulla visione: pertanto, trova maggiori possibilità espressive al cinema che in altri media. L’horror sfrutta le paure recondite dell’essere umano per mostrare i limiti della società contemporanea: nonostante la tecnologia e il progresso, ci sarà sempre qualche elemento irrazionale che verrà a “infestare” le nostre vite, imponendosi sulle nostre percezioni e andando al di là del logos, della capacità di dire e pensare la cosa che ci spaventa (p. 171). Il nero dell’horror si fa materico, come un oggetto difficile da individuare e che tuttavia si impone, resiste e può anche far male.

4Per Maria Gabriella Pediconi, il nero è un processo cognitivo vero e proprio: partendo dalla tragedia Edipo Re, l’autrice mostra come nel gesto finale dell’accecamento ci sia il desiderio di oscurare la realtà disvelata dall’indagine che lo stesso Edipo aveva condotto (p. 90). Il non vedere gli permette di non dovere riconfigurare tutto ciò che gli era familiare alla luce di una verità, che anziché illuminare, distorce i vecchi volti: la moglie è in realtà la madre, i figli sono in realtà i fratelli. Qui si annida il perturbante freudiano, quell’effetto di «incertezza intellettuale» che si prova di fronte a ciò che ci è familiare, che non è una novità per noi (p. 94). Tutto ciò viene messo a confronto con l’esperienza della famiglia Renoir, che, secondo Pediconi, ruota intorno alla scelta del padre Pierre-Auguste di rinunciare al nero per i suoi quadri, vero e proprio atto fondativo dell’Impressionismo (p. 99). Questo nuovo modo di dipingere registra le impressioni che scaturiscono dalla luce che riflette sulle cose, concentrandosi sul mondo delle apparenze. Tuttavia, questo eccesso di luminosità conduce all’evanescenza, con il nero che resiste come rimosso sempre pronto a riemergere (p. 100): la natura diventa perturbante, poiché si mostra come pura forma (p. 109). Tutto ciò si riversa nel rapporto con il figlio Jean: gli ultimi anni della vita del padre, allora, saranno un tentativo da parte di entrambi di conoscere e riconoscere quell’intimità nascosta che si cela in ognuno di noi (p. 104). A differenza della tragedia greca, la famiglia Renoir si immerge in questo lavoro di riscoperta dell’altro, lottando contro il perturbante che nasce dal dovere mettere a rischio ciò che si sapeva sul proprio padre, sul proprio figlio, sulla propria famiglia.

5La dimensione familiare coinvolge anche le riflessioni di Giorgio Grimaldi, il quale analizza Doppio sogno di Arthur Schnitzler e il suo adattamento cinematografico, Eyes Wide Shut di Stanley Kubrick. Qui il nero coinvolge la dimensione del sonno, quello stato che oscura il reale per illuminare il mondo interiore delle pulsioni. L’oscurità del sonno permette al “sogno” di realizzarsi, e il desiderio di adulterio trova compimento nella dimensione onirica. La vita borghese, rappresentata nelle due opere, sembra fondarsi sulla rinuncia, sull’oscurare parte della propria esistenza: l’adulterio è possibile, ma solo a occhi chiusi; si può attraversare il reale, a patto che si rinunci alla propria pulsione erotica. Tutto ciò è anche una lotta con l’alterità: nel sogno l’altro è una nostra proiezione, mentre nella veglia è qualcosa che oppone resistenza e che deve essere scoperta. La coppia borghese deve continuamente venire a patti con questa alterità incontrollabile, a meno che non la si voglia trasformare in un oggetto (p. 122): l’uomo e la donna delle due storie, mettendo a confronto mondo esterno e mondo interno, possono riconoscersi e riscoprirsi, fino ad accettare questo continuo passaggio tra il sé e l’altro.

6La dicotomia intimità/superficie impegna Giuseppe Cervino nelle sue analisi di Il cacciatore di androidi di Philip Dick e la sua ripresa cinematografica, Blade Runner di Ridley Scott. Il protagonista della storia, impegnato in una caccia a un gruppo di androidi, si trova perennemente di fronte all’ambiguità tra il vero e il falso. Tuttavia, qui è la consistenza del mondo interiore, della sua capacità di provare empatia, a dare sostanza alla realtà: di fatto, gli androidi possono essere riconosciuti perché non provano empatia nei confronti degli animali, sempre più rari nel mondo apocalittico descritto da Dick (p. 182). Se in Grimaldi è il mondo interiore a mettere in crisi l’ipocrisia del mondo borghese all’esterno, in Cervino è l’empatia a discernere il vero dal falso, a dare concretezza a ciò che si trova là fuori. Il noir di Dick si incarna nella paranoia, il dover vedere tutto nero per essere sempre pronti a non fidarsi del reale, perché ovunque può nascondersi il nemico da combattere, il dis-umano che si confonde con l’umano.

7La dicotomia intimità/superficie, per certi versi, coinvolge anche le riflessioni di Alessandra Calanchi su Gaslight di George Cukor. L’autrice si concentra su di un’analisi di genere: di fatto, il film racconta la storia di una donna che viene lentamente piegata psicologicamente al volere del marito. La violenza è tale che il marito cerca di alterare la stessa percezione del reale della moglie, attraverso il controllo delle luci della propria abitazione. Se il dubbio in Dick è una condizione esistenziale, qui il dubbio è un meccanismo di controllo, una messa in crisi delle capacità cognitive dell’altro al fine di soggiogarlo e renderlo inerme (p. 124). Qui è la luce stessa a ricoprire il ruolo del nero, poiché ci troviamo di fronte a una luce che acceca, una luce che oscura parte del reale per mettere in evidenza solo ciò che conviene al volere del marito.

8Un discorso a parte va fatto per gli ultimi tre saggi, i quali hanno in comune l’idea di mettere in legame gli studi letterari a quelli giuridici. Il saggio di Glauco Maria Genga analizza la produzione filmica di Fritz Lang, mettendo in evidenza il rapporto che corre tra psicoanalisi e diritto. I film di Lang mostrano personaggi che oscillano sempre tra la colpa e l’innocenza: lo spettatore è portato a cambiare spesso il suo giudizio sulle azioni dei personaggi, aspetto che mette in crisi la capacità di ognuno di discernere facilmente il bene dal male. Il saggio di Carlo Zaza illumina i processi logici che governano i meccanismi d’indagine, usando la letteratura come esempio. La logica che ne deriva è detta “abduttiva”, la quale lavora sui “frammenti” di un determinato fatto, va alla ricerca di particolari per ricostruire gli eventi. Un ragionare a ritroso (p. 36) che in letteratura si trasforma nel racconto di come si è ricostruita la trama di un’altra storia. Il saggio di Luca Marrone ragiona sulla professione del criminal profiler, che si occupa di ricostruire i “profili” caratteriali dei possibili autori di un delitto. Una professione ancora poco riconosciuta dal sistema giuridico italiano (p. 55). Marrone sottolinea il legame tra il criminal profiling e la dimensione artistica, poiché esso sfrutta soprattutto le capacità di immedesimazione dell’investigatore con il criminale, così come accade per un lettore di romanzi. L’attività interpretativa del profiler è simile a quella del critico, che dal testo può risalire a riflessioni più ampie, di carattere generale. Più che risolvere un delitto, allora, il criminal profiling aiuta ad attivare nuove vie interpretative, che possono rivelarsi più efficaci rispetto a quelle seguite precedentemente (p. 54).

9In conclusione, si può dire che questa raccolta di saggi può indirizzarsi a vari tipi di lettori: i primi due saggi analizzati in questa recensione introducono i generi legati al nero e risultano essere un ottimo punto di partenza per chi si avvicina a questi generi per la prima volta. Gli altri studi che si concentrano sul cinema e la letteratura possono attirare l’attenzione del lettore esperto, che può trovare approfondimenti su alcune opere che non appartengono propriamente ai “grandi classici” del noir, mostrando come il nero sia una lente interpretativa capace di illuminare anche testi che non rientrano in maniera specifica in tale genere. Infine, tale testo sembra avere in sé già una sua possibile continuazione: indagare i rapporti tra diritto e letteratura, campo non proprio inedito, ma che è ancora aperto a possibili sviluppi.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Gerardo Iandoli, « Maurizio Ascari, Alessandra Calanchi (a cura di), I labirinti della mente »Italies, 24 | 2020, 282-284.

Référence électronique

Gerardo Iandoli, « Maurizio Ascari, Alessandra Calanchi (a cura di), I labirinti della mente »Italies [En ligne], 24 | 2020, mis en ligne le 25 février 2021, consulté le 08 mai 2021. URL : http://journals.openedition.org/italies/8713 ; DOI : https://doi.org/10.4000/italies.8713

Haut de page

Auteur

Gerardo Iandoli

Aix Marseille Université, CAER, Aix-en-Provence, France

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Italies - Littérature Civilisation Société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
  • Logo Centre aixois d’études romanes
  • Logo Aix-Marseille Université
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search