Navigation – Plan du site

Genere bucolico poesia pastorale. Le metamorfosi dell’egloga nel Quattrocento

Antonia Tissoni Benvenuti
p. 13-31

Extrait du texte

Ce document sera publié en ligne en texte intégral en octobre 2019.

Aperçu du texte

L’opera di Virgilio per secoli è stata paradigma di tre generi stilisticamente ben deniti: la bucolica, stile umile; le Georgiche, stile medio; l’Eneide, stile alto. I tre stili erano schematizzati nella medievale Rota Virgilii. Non si può non pensare anche alla miniatura di Simone Martini nel Virgilio di Petrarca. L’insegnamento del latino aveva inizio con la bucolica di Virgilio: di qui la sua universale conoscenza e la sua migrazione nei generi più disparati. E. R. Curtius lo ha detto molto bene:

Dal primo secolo dell’impero romano no all’epoca di Goethe, lo studio del latino è sempre incominciato con la lettura della prima ecloga; non si esagera aermando che manca una chiave della tradizione letteraria europea a chi non abbia presente questo piccolo poemetto.

Lo studio delle ecloghe era accompagnato dal commento di Servio, che specicava nelle pagine iniziali i caratteri del genere. Quando l’imitazione, o meglio la ricreazione dell’antico diventa inevitabile, l’analisi di Servi...

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Antonia Tissoni Benvenuti, « Genere bucolico poesia pastorale. Le metamorfosi dell’egloga nel Quattrocento », Italique, XX | 2017, 13-31.

Référence électronique

Antonia Tissoni Benvenuti, « Genere bucolico poesia pastorale. Le metamorfosi dell’egloga nel Quattrocento », Italique [En ligne], XX | 2017, mis en ligne le 01 octobre 2019, consulté le 15 août 2018. URL : http://journals.openedition.org/italique/448 ; DOI : 10.4000/italique.448

Haut de page

Droits d’auteur

© Tous droits réservés

Haut de page