Navigazione – Mappa del sito

HomeNumérosXXIIILa poesia dialettale del Rinascim...Facchini in Parnaso. Noterelle su...

La poesia dialettale del Rinascimento nell’Italia del Nord

Facchini in Parnaso. Noterelle sui testi “alla bergamasca” tra Quattro e Cinquecento

Luca D’Onghia
p. 107-150

Note dell’autore

Oltre a Massimo Danzi, che mi ha dato l’occasione di mettere per iscritto queste note e le ha signorilmente accolte a dispetto della loro esorbitante lunghezza, ringrazio per il loro aiuto prezioso e per il loro stimolo Federico Baricci, Nello Bertoletti, Luca Burzelli, Ida Campeggiani, Andrea Canova, Mauro Canova, Edoardo Colombaro, Daniele Iozzia, Lucia Lazzerini, Daniele Musto, Enea Pezzini e Carlo Ziano. Un ringraziamento particolare spetta a Claudio Ciociola, che ha generosamente messo a mia disposizione non solo le sue impareggiabili competenze bergamasche, ma anche i risultati ancora inediti di una importante indagine dedicata ad alcuni dei testi richiamati in queste pagine. Avverto preliminarmente che nella trascrizione di manoscritti e cinquecentine mi attengo di fatto ai criteri fissati da Maria Corti, poi riutilizzati con ritocchi da Ciociola, Paccagnella e Baricci nei loro lavori (vedi da ultimo Federico Baricci, Un travestimento bergamasco dell’Orlandino di Pietro Aretino, «Rinascimento», s. II, LIII (2013), pp. 179-249, alle pp. 215-216). Per nessuno dei testi riprodotti ho confezionato un commento vero e proprio; mi sono limitato piuttosto a poche osservazioni su parole o costrutti bisognosi di riscontri o chiarimenti supplementari.

Estratto del testo

Questo documento sarà pubblicato online con testo integrale in décembre 2022.

Anteprima del testo

Le fortune letterarie del bergamasco coincidono in certa misura con quelle della celebre maschera di Zanni-Arlecchino, grazie alla quale l’idioma proverbialmente ispido dei facchini (o qualcosa che gli somiglia) dilaga dalle valli orobiche a Venezia, per conquistare poi l’industria tipografica, le piazze e i teatri di corte di mezza Europa: tanto che dal tardo Cinquecento in avanti i fasti comici della maschera (che non sempre, però, parla davvero bergamasco) saranno amministrati da étoiles come Tristano Martinelli (1557-1630) o Giuseppe Domenico Biancolelli (1637/38-1688).

L’associazione tra dialetto bergamasco e figura del facchino non è però originaria, e prende quota a inizio Cinquecento, come dimostrano con i loro camei bergamaschi la Calandra di Bibbiena (1513), la prima Cortigiana di Aretino (1525), il Bilora di Ruzante (1530 circa) e soprattutto la Veniexiana (metà anni Trenta), che al facchino Bernardus affida una parte tutt’altro che marginale. Ma prima che il tipo del servito...

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Luca D’Onghia, «Facchini in Parnaso. Noterelle sui testi “alla bergamasca” tra Quattro e Cinquecento»Italique, XXIII | 2020, 107-150.

Notizia bibliografica digitale

Luca D’Onghia, «Facchini in Parnaso. Noterelle sui testi “alla bergamasca” tra Quattro e Cinquecento»Italique [Online], XXIII | 2020, online dal 15 décembre 2022, consultato il 03 octobre 2022. URL: http://journals.openedition.org/italique/743; DOI: https://doi.org/10.4000/italique.743

Torna su

Autore

Luca D’Onghia

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d’autore

All rights reserved

Torna su
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search