Navigation – Plan du site

AccueilNumérosXXIIIVariaCenni sulla tradizione enoica nel...

Varia

Cenni sulla tradizione enoica nella poesia di Gabriello Chiabrera

Barbara Tanzi Imbri
p. 371-394

Extrait du texte

Ce document sera publié en ligne en texte intégral en décembre 2022.

Aperçu du texte

La vasta produzione poetica di Gabriello Chiabrera annovera anche un cospicuo numero di componimenti di tema bacchico, riuniti per la prima volta da Giacomo Paolucci nel 1718, sotto il titolo Vendemmie di Parnaso. Il corpus, costituito di 53 poesie di vario metro, non fu mai considerato unitario dall’autore, che publicò i testi in momenti diversi, tra il 1599 e il 1627. L’esteso arco cronologico interessato dalla composizione di versi bacchici suggerisce che il motivo non rappresentò per Chiabrera soltanto un breve momento sperimentale, né un divertissement durato una stagione, ma appartenne al ventaglio tematico della sua produzione lirica fino all’ultima raccolta curata personalmente, pubblicata nel 1627-1628.

Non tutti i testi bacchici editi da Paolucci comparvero in raccolte d’autore, e due di essi non furono mai stampati durante la vita del Chiabrera. L’operazione compiuta dal curatore settecentesco, dunque, fu arbitraria, sia nella scelta dei componimenti, sia nel loro ordinamen...

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Barbara Tanzi Imbri, « Cenni sulla tradizione enoica nella poesia di Gabriello Chiabrera »Italique, XXIII | 2020, 371-394.

Référence électronique

Barbara Tanzi Imbri, « Cenni sulla tradizione enoica nella poesia di Gabriello Chiabrera »Italique [En ligne], XXIII | 2020, mis en ligne le 15 décembre 2022, consulté le 14 août 2022. URL : http://journals.openedition.org/italique/800 ; DOI : https://doi.org/10.4000/italique.800

Haut de page

Droits d’auteur

Tous droits réservés

Haut de page
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search