Navigation – Plan du site

AccueilNuméros36Chroniques des activités scientif...Revue des livresComptes rendus et notices bibliog...Fremde Religion in Herodots „Hist...

Chroniques des activités scientifiques
Revue des livres
Comptes rendus et notices bibliographiques

Fremde Religion in Herodots „Historien“. Religiöse Mehrdimensionalität bei Persern und Ägyptern

Filippo Carlà-Uhink
p. 241-243
Référence(s) :

Andreas Schwab, Fremde Religion in Herodots „Historien“. Religiöse Mehrdimensionalität bei Persern und Ägyptern, Stuttgart, Franz Steiner Verlag, 2020. 1 vol. 17 × 24 cm, 307 p. (Hermes, Einzelschrift 118). ISBN : 978-3-515-12720-2.

Texte intégral

  • 1 M. Krewet, Vernunft und Religion bei Herodot, Heidelberg, 2017.

1Appare sempre sorprendente come un autore come Erodoto possa, nonostante l’inquantificabile mole di studi dedicata alla sua opera, dare vita ancora e sempre a nuove pubblicazioni che sviluppano prospettive di ricerca originali e nuove letture delle Storie, al livello di singoli passi, di libri individuali o dell’opera nel suo complesso. Anche il tema della religione in Erodoto, trattato più nello specifico dal volume qui recensito, è stato oggetto recentemente di nuovi, significativi studi, tra cui in particolare la monografia di Michael Krewet del 20171, che l’autore di questo volume cita brevemente ma sembra non avere avuto, purtroppo, il tempo di utilizzare in maniera significativa per la sua monografia. Questa, infatti, è il prodotto della rielaborazione della sua Habilitationsschrift, completata e presentata ad Heidelberg nell’inverno 2016/2017.

2La premessa del lavoro di Andreas Schwab è importante e completamente condivisibile — ovvero, che la letteratura sulla religione in Erodoto si sia finora concentrata soprattutto sulla sua presentazione delle figure divine, degli oracoli o del sacrificio, senza preoccuparsi però di definire il concetto di “religione”, sfuggente e difficile per il mondo classico, in assenza, come è noto, di un termine greco che corrisponda al nostro sostantivo (p. 14–15). Schwab ricorre dunque all’identificazione di un “campo religioso”, “attivato” da specifiche sfere semantiche come quelle relative alla venerazione, al culto, al rituale, alla sepoltura, ecc.

  • 2 K. Hock, Einführung in die Religionswissenschaft, 5a edizione, Darmstadt, 2014. Si noti però che (...)

3Distanziandosi chiaramente dalla letteratura precedente, Schwab rifugge come eurocentrici una definizione sostanzialista e un modello essenzialista della religione e si rifà invece, appoggiandosi soprattutto ad un manuale universitario scritto da Klaus Hock2, ad un concetto multidimensionale. In base a questo, la religione viene concepita come un costrutto scientifico, in cui si possono identificare diverse dimensioni. Schwab ne riconosce come rilevanti per lo studio delle religioni nell’opera erodotea: la dimensione sociale, quella spaziale, quella temporale, quella estetica e quella comparativa.

4Sulla base di tali dimensioni, che informano di sé anche, come si vedrà, la struttura del libro, Schwab si prefigge quindi di investigare come Erodoto rappresenti le religioni “altrui”, ed in particolare quella persiana e quella egizia. Si noti subito, però, che nonostante il titolo chiaramente indichi questo come scopo, il volume tratta di fatto la rappresentazione erodotea della religione egizia. Dopo il capitolo introduttivo, che presenta il modello per la ricerca, infatti, un secondo capitolo esemplifica il procedimento sulla base del nomos persiano, cui viene dedicata però un’attenzione non equivalente a quella indirizzata all’Egitto. I capitoli successivi, infatti, sono dedicati uno a ciascuna delle dimensioni identificate nell’introduzione, ma solo in riferimento alla religione egizia. Anche l’ultimo capitolo, che tratta dell’interazione tra religioni, lo fa con una prospettiva prevalentemente indirizzata all’Egitto, e soprattutto alla violazione delle credenze egizie da parte di Cambise.

5Il volume è poi concluso da un capitolo che riassume i punti principali della trattazione e apre nuove prospettive alla ricerca, dalla bibliografia e da utilissimi indici per la consultazione, primo tra tutti un indice dei passi erodotei trattati nel volume.

6Il libro di Schwab, dunque, apre sicuramente vie nuove agli studi su Erodoto e fornisce un contributo prezioso allo studio del religioso nell’opera dello storico di Alicarnasso, indicando chiaramente problemi di definizione, cortocircuiti derivanti dalle lingue e dalla mentalità moderne, e possibili soluzioni fornite da approcci interdisciplinari — e tutto questo rende il volume un importante punto di riferimento per la ricerca a venire. Ciononostante, chi recensisce non può, purtroppo, esprimere un giudizio esclusivamente positivo sulla monografia, che mostra anche alcuni consistenti punti deboli. La struttura, prima di tutto, genera una serie enorme di ripetizioni (e di anticipazioni) — che sembrano a volte parte integrante dello stile dell’autore. Queste rendono a tratti la lettura del volume molto poco scorrevole, né aiuta la scarsa cura editoriale, che ha causato numerosissimi refusi.

  • 3 A puro titolo di esempio di letteratura in lingua tedesca introduttiva su questo tema, si veda S. (...)

7Se Schwab mostra poi un chiaro interesse per modelli interdisciplinari, derivanti dalle scienze sociali, e svecchia in questo modo in maniera rilevante gli studi erodotei, va infatti sottolineato che egli, da un altro lato, utilizza poi concetti come “spazio” e “tempo” in modo non particolarmente riflettuto, quando questi vengono da lui presentati come dimensioni del religioso. La dimensione “spaziale”, infatti, è di fatto limitata all’interazione tra elementi naturali e fenomeno religioso (con un’attenzione particolare, ovviamente, per il Nilo). Se la conclusione di Schwab, in base alla quale in Erodoto non si trova alcuna traccia di determinismo geografico (p. 136–138), è da condividere appieno, è un peccato che l’autore non si soffermi a spiegare quale concetto di “spazio” soggiaccia al capitolo — sembra che implicitamente Schwab intenda lo spazio come l’ambiente-contenitore in cui si svolgono le azioni umane. Eppure, lo spatial turn, ben recepito anche nelle scienze dell’antichità, ci ha insegnato l’importanza della costruzione sociale dello spazio3. E sarebbe particolarmente interessante capire esattamente come la religione — ad esempio nella forma del rito — abbia configurato lo spazio, lo abbia definito e formato. Schwab attira anche l’attenzione sulla risposta dell’oracolo di Zeus Ammone che chiarisce i “confini” dell’Egitto (Hdt. 2.18.3), così definendo anche chi è tenuto allo svolgimento di particolari riti — ovvero, viene data una definizione territoriale come dirimente e normatrice anche della pratica religiosa (e in questo caso, specificamente, delle proibizioni alimentari) — qui sarebbe necessario discutere, appunto dalla prospettiva di teorie dello spazio, come questo venga definito, costituito e normato in relazione alla definizione, costituzione e normazione delle identità.

8Schwab si prefigge con il volume tre scopi, che indica nell’introduzione e a cui torna nelle conclusioni: contribuire agli studi sulle religioni antiche, così come agli studi letterari relativi a testi (o oggetti) a tema religioso — anche per altre epoche — e infine contribuire agli studi sull’opera di Erodoto nello specifico (p. 42). In aggiunta, intende anche considerare e rendere fruttuosi per gli studi erodotei studi di egittologia, e in particolare studi derivanti dal campo della demotistica (p. 39). Quest’ultima premessa mostra però anche quella che per il recensore è una mancanza di chiarezza del volume: mentre Schwab giustamente sottolinea nel close reading dedicato a moltissimi passaggi come Erodoto presenti a volte prospettive egizie, a volte prospettive esterne, e cerchi di “mediare” tra un punto di vista emico e un punto di vista etico (p. 277), non appare discusso con abbastanza chiarezza quanto il punto di vista emico sia da considerare effettivamente “egiziano”. Detto in modo più chiaro: quando Erodoto — o il narratore erodoteo — ci dicono cosa pensano gli Egizi, corrisponde questo ad una vera prospettiva interna egiziana? In fondo, il concetto di emic stricto sensu qui non sarebbe applicabile, visto che anche la voce narrante non appartiene al gruppo descritto… Resta quindi di fatto una fiducia, che non può che essere postulata, nella “fedeltà” con cui Erodoto riporterebbe ciò che “ha sentito” in Egitto, piuttosto che un’analisi di dove e come la “prospettiva autoriale” costruisca narrazioni e immagini indirizzate a propri fini — utilizzando le voci dei locali come strategia di autentificazione.

9Tornando ai tre scopi del volume, è da constatare che essi non sono stati raggiunti appieno. Schwab non ha contribuito allo studio delle religioni antiche — dal momento che la sua analisi si concentra sulla rappresentazione della religione egizia (e in misura molto minoritaria persiana) in Erodoto, né è lui il primo ad usare il concetto di religione multidimensionale in relazione al mondo antico: come ammette lui stesso, Jörg Rüpke e la scuola di Erfurt lo hanno già fatto per alcuni anni (p. 277). Per quanto riguarda l’applicabilità ad altri testi e generi, o persino ad oggetti, anche di altre epoche, sicuramente Schwab ha sviluppato un modello che può essere fonte di ispirazione — ma l’analisi rimane legata al testo erodoteo, e non al contesto storico-culturale o politico del V secolo a.C. Sicuramente il contributo più significativo è quello alla ricerca su Erodoto. Schwab mostra chiaramente come precedenti tentativi di identificare una “religiosità erodotea” siano metodologicamente erronei, e attribuisce invece allo storico di Alicarnasso la qualifica di “scienziato delle religioni” avant la lettre (p. 278). Sicuramente lo possiamo seguire in questo — l’argomento è molto convincente. Ma allora si aprono domande di ricerca importanti che il volume, purtroppo, non considera: cosa vuol dire questo dalla prospettiva del ruolo giocato da Erodoto nell’Atene (e non solo) del V secolo? Come si inserisce questa immagine di Erodoto nei dibattiti dell’epoca — quelli che ruotavano intorno ai cosiddetti “sofisti”? Questa è una prospettiva interessantissima, che la monografia però non esplora.

10In sostanza, Schwab ha sicuramente contribuito a identificare ed indicare con chiarezza molti limiti ed errori della ricerca sulla religione in Erodoto, così come a formulare un modello euristico, basato su considerazioni di natura interdisciplinare, che può aprire molte ed interessanti prospettive. Gli scopi che il volume si prefigge sono però troppo ambiziosi per quello che esso, di fatto, offre. Alla fine del volume l’A. indica possibili vie per la ricerca futura: resta da sperare che Schwab stesso, o qualcun altro, porti a compimento il potenziale qui contenuto e non del tutto sfruttato.

Haut de page

Notes

1 M. Krewet, Vernunft und Religion bei Herodot, Heidelberg, 2017.

2 K. Hock, Einführung in die Religionswissenschaft, 5a edizione, Darmstadt, 2014. Si noti però che Schwab cita dalla seconda edizione.

3 A puro titolo di esempio di letteratura in lingua tedesca introduttiva su questo tema, si veda S. Günzel, Raum. Eine kulturwissenschaftliche Einführung, 2a edizione, Bielefeld, 2018.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Filippo Carlà-Uhink, « Fremde Religion in Herodots „Historien“. Religiöse Mehrdimensionalität bei Persern und Ägyptern »Kernos, 36 | 2023, 241-243.

Référence électronique

Filippo Carlà-Uhink, « Fremde Religion in Herodots „Historien“. Religiöse Mehrdimensionalität bei Persern und Ägyptern »Kernos [En ligne], 36 | 2023, mis en ligne le 01 janvier 2024, consulté le 21 février 2024. URL : http://journals.openedition.org/kernos/4786 ; DOI : https://doi.org/10.4000/kernos.4786

Haut de page

Auteur

Filippo Carlà-Uhink

Universität Potsdam

Haut de page

Droits d’auteur

CC-BY-NC-ND-4.0

Le texte seul est utilisable sous licence CC BY-NC-ND 4.0. Les autres éléments (illustrations, fichiers annexes importés) sont « Tous droits réservés », sauf mention contraire.

Haut de page
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search