Skip to navigation – Site map

HomeNuméros30DossierMussolini in arte: prospettive it...Sulle rappresentazioni di Benito ...

Dossier
Mussolini in arte: prospettive italiane ed internazionali

Sulle rappresentazioni di Benito Mussolini e del fascismo in Sibilla Aleramo

Sur les représentations de Benito Mussolini et du fascisme chez Sibilla Aleramo
On Representations of Benito Mussolini and fascism in Sibilla Aleramo
Serena Mercuri

Abstracts

Fascism’s totalitarian aspiration does not contemplate the creation of new forms of masculine identity exclusively. In fact, a concept of the “New Woman” accompanies the Nietzschean ides of the “New Man”, in a specular and sometimes opposite form. Fascism, indeed, welcomes and promotes the idea of a female universe made up of good wives and excellent mothers of the Fascist faith, identities created according to the dictates of a canon that is not entirely new but which was subject to a framing that was unprecedented in Italian history and specific to the socio-political system. The Fascist woman is thus essentially subordinate: to men, to husbands, to children, to the duce, to the fatherland. How, then, can the feminist ideas of the turn of the century, the emancipationist discourses of A Woman, Sibilla Aleramo, a European Sibyl, then known to the most important transnational feminist circles, be reconciled with the forms of fascist thought? To explore Sibilla Aleramo’s complex relationship with the regime, this article analyzes the occurrences of Benito Mussolini and fascism in the writer’s texts.

Top of page

Full text

1Lo scopo di questo mio lavoro è di mettere in evidenza come determinate ricorrenze di Benito Mussolini e del fascismo che ritroviamo nei discorsi e negli scritti di Sibilla Aleramo (1876-1960) siano in contrasto con le sue ragioni femministe e con le sue riflessioni sulla condizione femminile. Ci interrogheremo sulla necessità per l’autrice di elaborare determinate considerazioni e rappresentazioni su Mussolini e sul fascismo e tenteremo di definire le posizioni d’Aleramo e della sua letteratura prodotta nel corso del Ventennio rispetto alla ricezione del fascismo in seno alla classe intellettuale italiana e, in parte, europea.

  • 1 La fase iniziale di questa ricerca, frutto della collaborazione con Stéphanie Lanfranchi ed Hélène (...)
  • 2 Si veda l’articolo di Hélène Martinelli in questo stesso numero.

2L’articolo ha origine da un’iniziativa di ricerca comune1, il cui obiettivo consisteva nell’analisi delle raffigurazioni di Benito Mussolini elaborate tra gli anni Venti e Trenta del Novecento da alcune tra le principali scrittrici rappresentanti del femminismo europeo. Con l’intento di vagliare esperienze umane e letterarie eterogenee abbiamo scelto di concentrarci sulle elaborazioni di Sibilla Aleramo, su quelle di Virginia Woolf (1882-1941), di Victoria Ocampo (1890-1979), di Zofia Nałkowska (1884-1954) e di Marguerite Yourcenar (1903-1987)2.

  • 3 Per il dibattito sul carattere totalitario del fascismo si veda: H. Arendt, The Origins of Totalit (...)
  • 4 Il 21 aprile 1925 appare su Il Popolo d’Italia (quotidiano politico fondato nel 1914 da Benito Mus (...)
  • 5 Sibilla Aleramo conosce l’attentatore di Mussolini, Tito Zaniboni, ed è per questo che, al momento (...)

3In seguito, la mia decisione di approfondire individualmente lo studio del caso Aleramo deriva dal fatto che all’interno di questa dimensione europea esso avrebbe potuto restituire risultati diversi rispetto a quelli ottenuti per le altre scrittrici prese in esame, in funzione della diversa prospettiva da cui esse considerano Mussolini e il fenomeno fascista. Quella dell’Aleramo è infatti una vicenda italiana, di una intellettuale che vive dall’interno l’esperienza del totalitarismo3, che si schiera in un primo momento dalla parte dell’antifascismo, firmando nel 1925 il Manifesto degli intellettuali antifascisti4 redatto da Benedetto Croce (1866-1952) e che, nel novembre dello stesso anno, viene arrestata poiché sospettata di aver preso parte all’attentato al duce5. È poi nel 1928 che la scrittrice, indigente, si rivolge a Benito Mussolini in persona al fine di ottenere delle sovvenzioni.

  • 6 S. Aleramo, Il mio primo amore, Roma, [s.n.], 1924; Ead., Amo dunque sono, Milano, A. Mondadori, 1 (...)
  • 7 Ead., Dal mio diario (1940-1944), Roma, Tumminelli, 1945, pubblicato in versione ampliata col tito (...)

4L’analisi dei testi dell’autrice editi sotto il fascismo6, dei Diari7, della corrispondenza e della rassegna stampa presenti nell’Archivio Sibilla Aleramo della Fondazione Gramsci Onlus di Roma, ha confermato la disposizione differente d’Aleramo, rispetto alle altre scrittrici considerate, nell’elaborazione delle rappresentazioni di Mussolini e del fascismo.

  • 8 «Perciò Napoleone e Mussolini insistono tanto enfaticamente sull’inferiorità delle donne, perché s (...)
  • 9 Implicito è il riferimento alla concezione de «l’eterno femminino» di Goethe.
  • 10 «Goethe le onorava; Mussolini le disprezza», ivi, p. 49.
  • 11 V. Woolf, Three Guineas, Londra, The Hogarth Press, 1938 – New York, Hartcourt, Brace and Co., 193 (...)
  • 12 «Hitler e Mussolini hanno entrambi più volte e con parole molto simili espresso l’opinione che “es (...)
  • 13 «Creonte, che aveva “uno dei vivi spinto sottoterra e spietatamente chiusa un’anima ad abitare nel (...)
  • 14 Per ulteriori approfondimenti su Virginia Woolf e il fascismo si veda: M. M. Pawlowski, Virginia W (...)
  • 15 Si tratta di uno spazio di espressione interessante, in quanto rappresentano un’opera non destinat (...)
  • 16 Per approfondimenti sul mito Mussolini si veda: M. G. Sarfatti, Dux, Milano, Mondadori, 1932; L. P (...)

5Virginia Woolf, in A Room of One’s Own (1929), associa Mussolini a Napoleone, ponendo l’accento su come entrambi abbiano insistito sull’inferiorità delle donne8, e lo contrappone a Goethe sottolineando come l’uno onorasse le donne9 e l’altro le detesti10. In Three Guineas11 (1938), Woolf realizza poi un parallelismo tra fascismo e patriarcato e ancora tra Hitler e Mussolini12, paragonandoli successivamente a Creonte13, tirannico re di Tebe secondo la mitologia greca14. Quanto alle altre scrittrici, esse elaborano, nel corso degli anni Trenta, nuove considerazioni femministe a partire dalla denuncia di un potere costruito su una logica patriarcale e virilista, che riduce l’identità della donna a quella di fattrice di nuovi soldati di fede fascista. Sibilla Aleramo invece, nonostante una prima forma di denuncia del fascismo attraverso la firma del contromanifesto di Croce nel ‘25, omaggia, tra gli anni Venti e gli anni Trenta, sia la politica fascista sia Benito Mussolini. Per di più, non vi è in Aleramo in quegli anni, e almeno fino al 1940, quando intraprende la scrittura dei Diari15, una denuncia del culto del duce: al contrario, ella non ne elogia solo l’azione politica, ma lo rappresenta in quanto uomo attraverso l’esaltazione di qualità intellettuali, caratteriali e talora anche corporee – seppur senza cedere a glorificazioni di tipo marziale o a forme di erotizzazione – contribuendo alla costruzione del mito Mussolini16.

  • 17 «Sibilla Aleramo, proprio perché letterata e intellettuale, intuiva più che elaborare. La sua tend (...)
  • 18 Ivi, p. 15.
  • 19 B. Conti e A. Morino, Sibilla Aleramo e il suo tempo  – Vita raccontata e illustrata, Milano, Felt (...)
  • 20 Si veda S. Aleramo, La donna e il femminismo, op. cit.
  • 21 Non abbiamo finora riscontrato alcun riferimento di Sibilla Aleramo a Marguerite Yourcenar; verosi (...)
  • 22 A Room of One’s Own, viene tradotto per la prima volta in Italiano da A. Forgione, col titolo Una (...)
  • 23 V. Woolf, Orlando: A Biography, Londra, The Hogarth Press, 1928 – New York, Hartcourt, Brace, 1928 (...)
  • 24 Rivista attiva tra il 1929 e il 1936 a Roma, sotto la direzione di Giovanni Battista Angioletti (1 (...)
  • 25 S. Aleramo, Orlando inglese, «L’Italia Letteraria», pp. 3-4, in Rassegna stampa/Articoli di Sibill (...)
  • 26 Ibid.
  • 27 Ibid.
  • 28 Per approfondimenti sulla ricezione di Virginia Woolf (e dell’Orlando) in Italia tra le due guerre (...)

6Sibilla Aleramo, pur non essendo un’attivista e non apportando un contributo in termini pratici al movimento femminista17, è ben inserita nel contesto del femminismo italiano ed europeo dell’epoca. Sin da giovanissima si interessa alla questione femminile. Nel 1899 si trasferisce a Milano per assumere la direzione del giornale Italia femminile, fondato dalla femminista Emilia Mariani (1854-1917), in cui «ampio spazio veniva riservato alle notizie sui movimenti femministi in Italia e all’estero»18. È in contatto con personalità quali la suffragetta tedesca Paolina Schiff (1841-1926), che nel 1898 le dà «l’incarico di fondare una lega femminile nelle Marche»19 ed Ersilia Majno (1859-1933) una delle principali rappresentanti del movimento emancipazionista femminile italiano. Nei suoi scritti20 giovanili si concentra sulla condizione della donna nella società, sul femminismo italiano, sui congressi femministi internazionali, sulla psicologia femminile. Dunque, nonostante non vi sia probabilmente una ricezione immediata da parte di Aleramo delle riflessioni su Benito Mussolini e sul rapporto tra donne e fascismo elaborate dalle scrittrici femministe europee21, ella conosce bene Virginia Woolf ed è consapevole dell’importanza che la scrittrice riveste nel panorama letterario dell’epoca (pur non essendovi contatti diretti tra le due). Se da una parte l’Aleramo non ha la possibilità di leggere sotto il fascismo A Room of One’s Own (1929), per una questione di traduzioni tardive22, ella legge sicuramente la traduzione francese di Orlando: A Biography23(1928) a cui, nell’ottobre 1931, dedica un articolo all’interno de «L’Italia Letteraria»24, dal titolo Orlando inglese, in cui definisce la Woolf «forse in Europa oggi la più alta di tutte»25. Incontra, dunque, il pensiero innovativo e sovversivo woolfiano, le sue intuizioni e in particolare la sua rappresentazione di Orlando, che nel passare dall’essere uomo a donna incarna il nuovo eroe del femminismo e che ella definisce il personaggio in grado di spezzare «le leggi della natura e della logica»26. Inoltre nell’articolo esalta le «pitture veridiche di costumi, sociali e letterari»27 della scrittrice e ne accoglie il modernismo28.

  • 29 S. Aleramo, Una donna, Roma-Torino, Società tipografico-editrice nazionale, 1906.
  • 30 Una donna (1906), al momento della sua pubblicazione, smuove le coscienze ed insinua il dubbio; è (...)
  • 31 Ivi, p. 1.

7Le esperienze infantili e giovanili di Sibilla Aleramo nutrono la successiva vicenda umana e letteraria della scrittrice. È proprio il racconto della sua infanzia da privilegiata, ricca di stimoli emotivi, intellettuali, ma anche di risorse materiali, ad occupare le prime pagine di Una donna29 (1906), quel primo romanzo che le vale il titolo di scrittrice femminista e attraverso cui si inserisce ufficialmente all’interno del panorama letterario dell’epoca30. Al momento della scrittura del romanzo, l’Aleramo percepiva la sé bambina come «libera e gagliarda»31, sensazione in contrapposizione a quel sentimento di frustrazione maturato poi da adulta, nel momento in cui si confrontò con le ipocrisie della realtà sociale, con le sue disuguaglianze e acquisì la consapevolezza del ruolo di subalternità della donna all’uomo.

  • 32 S. Aleramo, Una donna, op. cit., p. 75.
  • 33 Ibid.
  • 34 Ella tenterà tuttavia di ottenere per vie legali, seppur senza risultati, la custodia del figlio W (...)

8Nel 1893 Sibilla Aleramo sposò il suo stesso stupratore, Ulderico Pierangeli, impiegato della fabbrica del padre; Pierangeli, che viene descritto dalla scrittrice come «incapace d’ogni indagine»32 non possedeva i suoi stessi riferimenti culturali e neppure un buon temperamento; l’uomo inoltre faticava, già prima del matrimonio, ad accettare che in fabbrica l’Aleramo potesse rappresentare un suo superiore. Ciò ribaltava infatti la gerarchia sociale dell’unica società ch’egli conosceva. Fu in particolare questo vincolo matrimoniale a disilludere l’Aleramo, a cancellare la speranza di quel futuro accogliente e promettente che aveva immaginato da bambina, a farle percepire il mondo come «un carcere strano»33, a renderla cosciente del ruolo esclusivo di mogli e madri assegnato alle donne dalle convenzioni sociali. Inoltre, la vicenda di sua madre, che da sempre ella considerava come debole, fragile e sottomessa, per poi scoprire che in realtà la donna avrebbe voluto sottrarsi a quella dimensione di costrizione e sacrificio impostale dalla maternità, nutrì ulteriormente la sua riflessione sulla condizione femminile. Ella si chiedeva se amare e soccombere fosse davvero il destino di ogni donna. Ciò la condusse non soltanto all’elaborazione letteraria di considerazioni sulla necessità per la donna di emanciparsi, ma anche al suo personale sacrificio: l’Aleramo, alla ricerca di una forma di autonomia sia spirituale che materiale, decise infatti di affrancarsi dal ruolo di madre e di moglie, abbandonando il tetto coniugale e il proprio figlio. La speranza era quella di trasmettere, sia attraverso la letteratura sia attraverso la sua vicenda umana e personale e la sua rinuncia alla maternità34, un messaggio che avesse valenza universale, affinché le donne potessero non abbandonarsi alla rassegnazione e svincolarsi dall’idea di ricoprire quei ruoli fissi e definitivi ereditati da una tradizione patriarcale.

  • 35 Per approfondimenti si veda: B. Conti e A. Morino, op. cit.; A. Caesar, Italian Feminism and the N (...)
  • 36 S. Aleramo, La donna e il femminismo, op. cit., p. 70.

9Sibilla Aleramo è considerata una delle prime ad utilizzare lo strumento letterario per esortare il genere femminile a determinarsi a livello sociale, ad assumere il controllo della propria esistenza, a ricercare la propria legge interiore e un’autonomia dello spirito e del corpo35. Ella ritiene che le «condizioni sociali – di cui la donna assai più che l’uomo è vittima – debbono subire una radicale trasformazione»36.

  • 37 Ivi, p. 54.

10All’interno dei suoi articoli e dei suoi discorsi dell’anteguerra e del suo primo romanzo, è presente una denuncia chiara nei confronti della società patriarcale, che declama «che nella famiglia solo, la donna deve vivere e pensare»37 e che la scrittrice percepisce dunque come ostacolo alle libertà d’espressione. Ella sostiene la necessità dell’uguaglianza politica, legislativa ed economica tra donne e uomini come garanzia all’emancipazione femminile.

11L’Aleramo, prima dell’avvento del fascismo, denuncia e si scaglia dunque contro quei meccanismi sociali sessisti che successivamente l’ideologia fascista, nella sua volontà di restauro della tradizione, fa in gran parte (se non integralmente) propri. È possibile rintracciare un orientamento contraddittorio nelle misure messe in atto dallo Stato fascista al fine di regolamentare e controllare la realtà e la quotidianità femminili.

  • 38 M. Leone, Il fascismo e l’universo femminile: consenso e dissenso delle donne italiane, Verona, Qu (...)
  • 39 Per approfondimenti su fascismo e femminismo, oltre al libro di Leone appena citato, si veda: V. d (...)
  • 40 Statuto dei fasci femminili del 4 dicembre 1921, in P. Meldini, Sposa e madre esemplare – Ideologi (...)
  • 41 Regio Decreto 1054/23, 6 maggio 1923, Ordinamento della istruzione media e dei convitti nazionali, (...)

12Se «nella fase di ascesa del fascismo, quella che inizia nel 1919» le femministe sono «attratte dal modernismo del nuovo movimento, che sembrava accogliere tutti gli obiettivi del suffragismo»38, questo finisce col deluderne le aspettative39. Già nel dicembre 1921, l’elaborazione del programma-statuto del Gruppo femminile romano dei fasci femminili stabilisce cosa la donna debba e non debba fare. Si tratta di un primo documento ufficiale in cui vengono formalmente definite le prime forme di discriminazione. In esso si legge che la donna deve adoperarsi per sviluppare al meglio le proprie attitudini femminili «anziché cimentarsi nel campo dell’azione maschile dove riuscirebbe sempre imperfetta»40. Creata dunque una base solida di consenso femminile, il fascismo non assegna più alle donne incarichi politici e, ritenendo il lavoro femminile in grado di sterilizzare la donna, allontanandola dall’esercizio dei propri compiti educativi, mette in atto una serie di riforme volte ad escluderle dagli studi e dalle professioni ordinarie41. Li sostituisce poi con formazioni professionalizzanti attinenti alla dimensione dell’educazione, a quella dell’accudimento, dell’assistenza e della maternità, più adatte a quelle che considera le naturali inclinazioni femminili.

  • 42 V. de Grazia, op. cit.; I. Botteri, La donna tra modernità e fascismo, in AA. VV., Donne e fascism (...)

13Tuttavia, permane un’ambivalenza di fondo nell’atteggiamento fascista nei confronti dell’universo femminile, che, come sottolineano diversi specialisti, tra cui Victoria de Grazia e Inge Botteri42, tenta di conciliare volontà di restaurazione e modernità emergente. Così, se da un lato il fascismo vuole relegare le donne in casa, affinché si occupino di generare ed educare futuri soldati, dall’altro tenta di adattare le proprie iniziative alle nuove esigenze delle donne, coinvolgendole in attività sociali. Nonostante l’obiettivo sia quello di controllarle e di assicurarsi il sostegno dell’opinione pubblica femminile, le donne vengono in tal modo sottratte allo spazio domestico. Inoltre, per la prima volta nella storia, lo Stato definisce l’identità della donna e la fa sentire parte integrante di un progetto politico. Ma nei fatti, l’identità e l’azione femminili sotto il fascismo vengono ricondotte, come in passato, ai ruoli di sposa e madre.

  • 43 B. Mussolini, Discorso dell’Ascensione, in Id., Opera omnia, a cura di E. e D. Susmel, Firenze, La (...)

14Si assiste ad una meccanizzazione e ad una strumentalizzazione del corpo femminile, legittimata a livello politico: nel discorso del 26 maggio 1927, definito in seguito Discorso dell’Ascensione, in funzione del giorno in cui si tenne, Mussolini dichiara come il ruolo delle donne nella costruzione del nuovo Stato sia connesso al problema demografico. Il calo demografico determinato dall’elevata mortalità è problematico sia per la preservazione della razza, ma soprattutto per quella dello Stato: se «si diminuisce, […] non si fa l’Impero, si diventa una colonia»43 dichiara il capo del governo. Esso può essere contrastato solo attraverso un considerevole incremento delle nascite. In questo senso le donne rappresentano lo strumento in grado di determinare l’aumento del tasso di natalità.

  • 44 E. Ludwig, Colloqui con Mussolini, trad. T. Gnoli, Milano, Mondadori, 1932, p. 166.

15Vi è sotto il fascismo uno svilimento della donna, additata come fisicamente e intellettualmente debole rispetto all’uomo. Nel 1932, nel corso dell’intervista del giornalista e scrittore Emil Ludwig, Benito Mussolini dichiara che la donna «deve obbedire», che la sua «opinione della sua parte nello Stato è in opposizione ad ogni femminismo» e che nello Stato fascista «essa non deve contare»44.

16Questi primi elementi contestuali rivelano quanto sia grande la discordanza tra l’immagine e l’idea di donna veicolate dal regime fascista e i profili femminili, autonomi ed emancipati tracciati invece da Aleramo.

  • 45 Dalla lettera di Sibilla Aleramo a Benito Mussolini, in B. Conti e A. Morino, op. cit., pp. 234-23 (...)

17È il 29 dicembre 1928, quando Sibilla Aleramo scrive a Benito Mussolini. Nell’incipit di questa sua lettera, si presenta come l’autrice di Una donna (1906), sottolineando il successo dell’opera anche al di là dei confini nazionali. Dunque, ella pone l’accento sul romanzo che la definisce in quanto scrittrice femminista, in cui sostiene l’emancipazione femminile, il riscatto della donna da quello stesso ruolo che il fascismo le attribuisce all’interno della società. Ma soprattutto, si riferisce ad un’opera in cui racconta dell’abbandono del figlio e della sua rinuncia alla maternità, maternità in funzione della quale il fascismo definisce la donna. La scelta della scrittrice potrebbe coincidere con la volontà di prendere le distanze dall’atto che sta compiendo. Oppure, potrebbe essere interpretata come un’ammissione di colpa, con la volontà di rinnovare la sua opera letteraria nell’eventualità di una collaborazione col regime. Ancora, l’intenzione di Aleramo potrebbe esser quella di sottolineare come in passato Una donna le abbia garantito un enorme successo, e come invece, nel momento in cui si sta rivolgendo a Mussolini, «alla vigilia del Natale 1928» ella abbia «nel borsellino 45 lire, […] debiti per qualche migliaio di lire. Nessun parente né protettore né mecenate. Nessun oggetto prezioso o pellicce da vendere»45. Potrebbe dunque essere interpretata come una critica nei confronti di uno Stato che non garantisce la ristampa di certe opere e che finisce per abbandonare i propri intellettuali tra le difficoltà economiche. Nella lettera ella sottolinea infatti come i giornali le chiedano di sospendere le collaborazioni. Segue nella lettera la richiesta a Mussolini di potersi dedicare alla realizzazione di un’opera letteraria in cambio di un cespite fisso da parte dello Stato. La richiesta della scrittrice viene accolta da Benito Mussolini che, pochi giorni dopo, la riceve a Palazzo Chigi.

  • 46 Per ulteriori approfondimenti si veda: G. Turi, Sorvegliare e premiare: l’Accademia d’Italia, 1926 (...)
  • 47 Nato nel 1937, per volontà del Ministro degli affari esteri Galeazzo Ciano (1903-1944) di assicura (...)
  • 48 G. Sedita, Gli intellettuali di Mussolini. La cultura finanziata dal fascismo, Firenze, Le lettere (...)

18La lettera di Sibilla Aleramo si inserisce in un vero e proprio meccanismo di ricompense e sovvenzioni messo a punto dal regime. Quest’ultimo esorta gli intellettuali a scendere dalle loro torri d’avorio e a sostenere apertamente, attraverso l’opera letteraria, la politica fascista. A questo scopo, viene fondata nel 1926 – e inaugurata nel 1929 – la Reale Accademia d’Italia, che garantisce ai suoi membri non soltanto una remunerazione, ma anche prestigio e ricompense46. Allo stesso modo, il progetto dell’Enciclopedia italiana di Giovanni Treccani, finanziato dal fascismo, la cui direzione viene affidata nel 1925 a Giovanni Gentile, diviene uno strumento per convincere gli intellettuali e le intellettuali ad allinearsi alla politica di regime. Ma soprattutto, allo scopo di “arruolare” la cultura, il regime dà vita ad un sistema di sovvenzioni confidenziali, fisse o sporadiche. Questo sistema è attestato dalla documentazione pervenuta presso l’archivio del Ministero della Cultura Popolare (Minculpop)47. Il carattere confidenziale di questo genere di sovvenzioni, deriva dal fatto che il denaro in questione è prelevato in modo opaco – seppur col consenso del capo della polizia Arturo Bocchini in combutta con Mussolini – dai fondi della polizia fascista, al fine di non intaccare il bilancio del Minculpop. L’intellettuale, per ricevere la sovvenzione, deve rivolgersi direttamente a Mussolini o al Ministero, che gli avrebbe a sua volta inoltrato la domanda48. È proprio attraverso questo processo di richiesta diretta e personale, che il regime veicola l’idea che si tratti di una scelta libera: in realtà rappresenta un modo per rendere l’intellettuale dipendente dal regime. L’Aleramo abbraccia questo sistema di sovvenzioni e inizia a ricevere uno stipendio fisso.

  • 49 «Se ha intenzione di scrivere romanzi, una donna deve possedere denaro e una stanza tutta per sé», (...)

19Ma perché una scrittrice così ben conscia delle necessità sociali femminili finisce per dipendere da un potere oppressivo e machista? Per tentare una risposta è necessario riflettere sulle reali condizioni materiali di Sibilla Aleramo e sull’importanza della libertà economica per la produzione letteraria49. Difatti, l’indipendenza economica forse avrebbe fatto sì che Aleramo facesse scelte e assumesse posizioni diverse rispetto al potere fascista – sempre nei limiti del possibile in un regime totalitario. Dunque, la libertà economica, nel caso specifico di Aleramo, in un periodo storico segnato dalla politica di regime, influenza, se non addirittura coincide, con la libertà di scelta e, di conseguenza, con la libertà di espressione e certe libertà editoriali. Difatti, dal 1928, anno in cui Aleramo scrive e viene ricevuta da Benito Mussolini, ella inizia a dipendere economicamente dal regime e l’attività letteraria e giornalistica deve rispondere ai meccanismi di propaganda fascista o in qualche modo adeguarsi alla domanda letteraria di un regime che pretende che le donne scrittrici si dedichino alla scrittura per l’infanzia, che realizzino manuali di buone maniere o che producano romanzi psicologici che ben analizzano i sentimenti femminili e che spesso però si riducono alla trattazione di tematiche amorose. Ed è quest’ultimo il caso di Sibilla Aleramo, la quale, pur non producendo libri di buone maniere o libri per l’infanzia fa del tema amoroso sotto il fascismo l’elemento chiave delle sue opere.

20Il prezzo per essere sovvenzionati e riuscire ad ottenere delle collaborazioni più o meno importanti è dunque la compromissione, una drastica rilettura delle proprie profonde convinzioni. Sibilla Aleramo, colei che è tra le prime a ricercare la libertà interiore attraverso l’emancipazione non solo dello spirito ma anche materiale, finisce per accettare una condizione di dipendenza materiale che implica necessariamente la perdita dell’autonomia spirituale per cui si è a lungo battuta.

21Questa riflessione sulle condizioni materiali della scrittrice esige innanzitutto una valutazione dell’indigenza di Aleramo. Per farlo occorre contestualizzare il fenomeno, analizzando gli elementi storici, politici e sociali di cui le difficoltà economiche della scrittrice risultano funzione diretta. Sotto il fascismo, l’attività giornalistica e letteraria è infatti controllata direttamente dallo Stato e dunque, a meno che non si sia apertamente fascisti, o ufficialmente sostenuti dal regime, risulta difficilissimo ottenere delle collaborazioni con le riviste e se si ottengono sono inoltre pagate male. Non è infatti un caso che Aleramo, dopo il 1928, riceva un gran numero di richieste di collaborazioni da parte di numerose testate giornalistiche.

22Tuttavia, ridurre le difficoltà economiche di Aleramo a mera conseguenza dell’elemento politico sarebbe in parte errato. Occorre infatti tener presente tutto un sistema legislativo patriarcale, le gerarchie di potere a sfavore delle donne che non sono esclusività del periodo fascista ma che sono elementi ben radicati nel tempo. All’epoca in Italia non era infatti prevista l’autonomia finanziaria per le donne e non era ammesso il diritto ai beni e alle proprietà ed era dunque particolarmente complesso dedicarsi alla cultura e alla scrittura. È questo innanzitutto che differenzia Sibilla Aleramo dalle scrittrici femministe contemporanee, ovvero la possibilità di accedere al proprio credito dotale e di potersi esprimere liberamente senza che interferissero cause politiche ed economiche.

23In Italia la donna dipende economicamente dal marito e dall’istituzione matrimoniale e per godere se non di un’agiatezza quantomeno di una tranquillità economica le donne devono sposarsi, subendo un’imposizione coniugale. Aleramo ha invece abbandonato il tetto coniugale, non ha dunque un marito che provveda al suo sostentamento e non ha neppure una rendita su cui esercitare i propri diritti. Ella non ottiene attraverso la scelta di svincolarsi dal matrimonio una libertà economica, ma di certo non l’avrebbe raggiunta all’interno di esso, continuando a dipendere dal marito Ulderico Pierangeli. Apparentemente non vi è dunque per la scrittrice una via d’uscita, la possibilità di acquisire un’autonomia economica. Ella continuerà a dipendere per tutta la vita dagli altri, amici ed editori, uomini ricchi e dal regime fascista.

24Non è dunque un caso se a partire dal 1928 assistiamo ad una mitigazione delle affermazioni d’Aleramo sulle necessità dell’emancipazione femminile e ad un procedere più cauto e accorto nell’elaborazione della sua riflessione sulle condizioni storiche, sociali e politiche della donna.

25Quanto alle rappresentazioni pubbliche in favore di Benito Mussolini, di cui l’Aleramo esalta le qualità intellettuali, caratteriali e corporee, esse appaiono per la prima volta nel 1929. Seguirà, nel 1930, la formulazione da parte della scrittrice di alcuni discorsi che andranno nella direzione di veri e propri atti di propaganda a sostegno del fascismo.

  • 50 Rinvenuta all’interno della Rassegna stampa contenuta nell’archivio «Sibilla Aleramo» proprietà de (...)
  • 51 «L’Eloquenza – Parla una Sibilla», in Rassegna stampa/Articoli di Sibilla Aleramo/1929 dell’archiv (...)
  • 52 Ibid.
  • 53 «In fondo l’eloquenza femminile, se ci sarà e quando ci sarà, dovrà accentuare i caratteri femmini (...)

26La prima ricorrenza di Benito Mussolini si ha in un’intervista alla scrittrice, del 192950, intorno alla tematica dell’eloquenza. Sibilla Aleramo dichiara di non avere idee precise in merito all’argomento e rivela al proprio interlocutore l’intima difficoltà a parlare in presenza di un uditorio. Ella ritiene che la persuasività del discorso pubblico sia funzione non della bellezza esteriore dell’oratore, quanto invece del possesso di «un elemento interiore […] un elemento magnetico, originato proprio dalla forza spirituale di colei o di colui che parla»51. Afferma poi che non vi sono oratrici nei suoi romanzi, sostenendo di essere come gli uomini e preferire «le donne che sanno tacere»52. Inoltre, si riferisce all’eloquenza femminile come ad un fenomeno futuro ed ipotetico53, sottintendendone l’inattualità. Quanto al tipo di «donna-uomo politico», come la definisce nel corso dell’intervista, la scrittrice dice di detestarlo. L’ultima domanda del giornalista riguarda l’incontro con il capo del governo avvenuto a Palazzo Chigi a gennaio di quello stesso anno; alla domanda «E l’oratoria del Duce?» Sibilla Aleramo risponde:

  • 54 Ibid.

È un conversatore di fascino; è vario, agile, eclettico. Si è mostrato perfettamente al corrente delle pubblicazioni letterarie, anche più recenti: mi ha detto che legge tutto quello che gli si manda, perché trova tempo per tutto. Ha lodato il mio Passaggio; dice che è il migliore fra tutti i libri che ho scritto. Mussolini ha una voce che sembra modulata: io sento il ritmo delle belle voci: credo che la voce sia, per chi parli, un essenziale fattore di successo.54

27L’intervista sembra essere stata concepita in modo tale da risolversi in questa dichiarazione finale. In questo senso, indicativa è la stessa scelta dell’argomento dell’intervista: è infatti irragionevole che il giornalista sfrutti la possibilità di conversare con una scrittrice ben inserita nel panorama letterario dell’epoca, per interrogarla esclusivamente su una tematica ch’ella stessa afferma non esserle familiare. Il colloquio appare invece più calzante se se ne riconsiderano gli scopi e se dunque non lo si concepisce più esclusivamente come un dialogo sull’eloquenza, a proposito della quale le risposte della scrittrice restituiscono poche informazioni e perlopiù di scarsa importanza a livello letterario. Ella si sofferma infatti solamente sul talento che l’oratore deve possedere e sull’assenza di un’oratoria femminile. Se si considerano invece le intenzioni propagandistiche dell’intervista, il discorso assume una sua coerenza. La propaganda si esplicita nelle considerazioni finali dell’Aleramo su Benito Mussolini; d’altronde il regime non richiedeva forme di propaganda smodate, al contrario, esso provvedeva a censurare quelle forme di propaganda considerate eccessive. In questo caso invece, ad una prima lettura si ha come l’impressione che l’elogio finale non sia programmato, ma consista in una rappresentazione spontanea sul capo del governo italiano. In realtà le considerazioni iniziali di Sibilla Aleramo circa le qualità che un oratore deve possedere coincidono sin da subito con gli attributi di Benito Mussolini, che per l’appunto viene alla fine dell’intervista definito un «conversatore di fascino» e che dunque possiede «l’elemento magnetico» a cui fa riferimento l’Aleramo, tipico dei grandi oratori capaci di orientare le opinioni del proprio pubblico. L’esaltazione di Mussolini non è esteriore, ma interiore: la scrittrice esclude infatti che la bellezza possa influenzare l’uditorio.

  • 55 Ibid.

28Un altro elemento significativo dell’intervista è rappresentato dalla volontà della scrittrice di ridimensionare il ruolo della donna rispetto all’uomo: l’eloquenza è una prerogativa maschile, l’uomo deve parlare, la donna deve piuttosto tacere. E semmai questa avesse la forza spirituale per divenire oratrice, dovrebbe utilizzare il suo talento per «accentuare i caratteri femminili» ed «esprimere di più la femminilità»55 e non di certo dunque a fini politici, dimensione da cui deve tenersi ben lontana. Inoltre, sostiene che le donne dei suoi romanzi non siano oratrici: ma le donne di Aleramo sono espressione di un genere, quello femminile. Dunque ella si riferisce se non ad una condizione universale quantomeno generale. Le considerazioni della scrittrice appaiono così ossimoriche: ella vorrebbe che tacessero quelle stesse donne a cui attraverso i suoi romanzi ha dato una voce.

  • 56 B. Mussolini, Le donne e il voto, in Id., Opera omnia, op. cit., vol. XXI, p. 198.
  • 57 S. Aleramo, Amo, dunque sono, Milano, Mondadori, 1927.

29La rappresentazione finale di Benito Mussolini si inserisce nella dimensione del culto del duce. L’Aleramo esalta la sua attenzione nei confronti del mondo letterario, che è indicativa di quanta importanza fosse accordata dal capo del governo all’elemento culturale all’interno del progetto totalitario: un elemento da controllare, da disciplinare e da irregimentare. Mussolini chiaramente non elogia il romanzo Una donna (1906), quanto piuttosto una produzione letteraria successiva, più lirica e sentimentalista. Non è un caso, dal momento che il fascismo ritiene appropriato e naturale che la donna si occupi di sentimenti e, in particolare, di tematiche amorose. Nel discorso del 15 maggio del 1925 Mussolini afferma: «La vita della donna è dominata sempre dall’amore o per i figli, o per un uomo»56. Ne Il passaggio (1919) Sibilla Aleramo inserisce il racconto della propria vicenda personale proprio in una cornice sentimentalistica, per una riflessione sul significato profondo di questa. Ella non utilizza più i toni di rivolta sociale tipici di Una donna (1906), ma riorganizza il racconto della propria esperienza all’interno di un discorso lirico, soffermandosi sull’analisi delle proprie percezioni, sulla carica emotiva di certi avvenimenti e sull’amore. In seguito, la tematica amorosa diviene il fulcro della sua produzione: nel marzo del 1927 pubblica infatti un romanzo epistolare dal titolo Amo, dunque sono57, quarantatré lettere incentrate sulla relazione della scrittrice con il giovane Giulio Parise (1902-1969). In esse, la scrittrice si rivolge al proprio amante lontano, rendendolo partecipe della propria ansia di rivederlo e del proprio desiderio, non solo platonico ma anche carnale. Vi è dunque negli scritti d’Aleramo una dimensione erotizzata in cui ella non inserisce mai però Benito Mussolini: il fascino del dittatore è determinato piuttosto da caratteristiche ed abilità intellettuali, non da un’attrazione erotica.

30Ritroviamo una seconda ricorrenza di Benito Mussolini in un articolo di Aleramo, dal titolo La donna italiana, pubblicato in una rivista berlinese nel 1930 in un numero dedicato all’Italia. Nell’articolo l’Aleramo riflette sul cambiamento del ruolo della donna durante la Grande Guerra. La guerra fa sì che le donne assumano responsabilità nuove, compiti in precedenza destinati dalla società all’uomo, manifestando intraprendenza ed intelligenza. Tuttavia la rapidità di questo genere di emancipazione e il fatto ch’essa abbia rappresentato un’esigenza e sia avvenuta dunque meccanicamente, senza una vera consapevolezza da parte della donna del processo di autodeterminazione in atto, hanno condotto ad una degenerazione dei costumi. La scrittrice sostiene che siano stati proprio l’avvento di Mussolini e del fascismo a determinare un ordine nuovo:

  • 58 La donna italiana, 12 ottobre 1930-14 ottobre 1930, in Scritti/Articoli/Articoli III dell’archivio (...)

Con qualche esitazione, con qualche contraddizione, si va creando la nuova italiana – nuova su ceppo antico –. Il Fascismo, istituendo mirabili assistenze per la maternità, ha provveduto anzitutto a ricondurre le masse femminili alla loro precisa e sacra funzione di riproduttrici della specie. Poi, ha dato alle giovani generazioni una cultura fisica perfetta. Ha voluto che anche le fanciulle […] crescessero salvaguardando i magnifici doni della razza […]. Queste fanciulle, addestrate alle palestre, si trovano naturalmente ad affrontare la vita con più sano equilibrio che non per il passato; con minore sentimentalismo, certo, ma anche con minore frivolezza, con senso più realistico, più disciplinato. […] Tuttavia, Mussolini non ha loro concesso né il voto politico, né il voto amministrativo, che ad un certo momento parevano raggiunti, così come pareva stesse per ottenersi, nuovamente instaurato, l’istituto Romano del divorzio. Né ha ammesso le donne nella Reale Accademia da lui fondata, sebbene […] ammiri e generosamente incoraggi le vere artiste. Contraddizioni, ho detto? Ma chissà! Forse questo statista enigmatico e lucidissimo prevede ed attende, per elargire i pubblici segni del riconoscimento, il tempo in cui si sarà formato il tipo spirituale della donna italiana, ben deciso, inconfondibile.58

31All’interno dell’articolo sono inoltre presenti due riferimenti fondamentali, uno temporale, «nel 1906», ed uno spaziale, «in alcune contrade remote dai centri, nelle Calabrie e nell’interno della Sardegna e della Sicilia», che si rivelano necessari, dal momento che l’Aleramo li impiega per retrodatare la sua denuncia contro la subalternità sociale della donna al 1906. Il tentativo della scrittrice è quello di limitare nel tempo e nello spazio la validità della sua denuncia e delle sue considerazioni femministe sulla necessità per la donna di autodeterminarsi. La volontà è probabilmente quella di non rinnegare certe sue posizioni anticonvenzionali ma, allo stesso tempo, di assegnarle al passato o a dei luoghi circoscritti, in quanto non più necessarie, come a far intendere che quel mondo ch’ella descrive all’interno del suo primo romanzo non è più attuale e non è dunque applicabile allo Stato fascista. Si tratta di una forma di propaganda: la scrittrice vuole veicolare l’idea che il fascismo abbia risolto quel disagio femminile ch’ella illustra all’interno di Una donna.

32Inoltre, all’interno dell’articolo ella si riferisce alla sudditanza materiale femminile come ad una caratteristica di una società passata e ormai superata, quando invece, come abbiamo visto, sembra proprio essere la mancanza di libertà economica, data dal suo essere una donna sola, senza un marito o un uomo che provveda al suo mantenimento, alla base della sua dipendenza dal regime fascista.

33Nell’estratto che abbiamo considerato l’Aleramo tenta inoltre una giustificazione delle mancate promesse di Mussolini, rispetto a certe concessioni alle donne, come se percorresse la via di un’assoluzione: non si tratterebbe di una manchevolezza del capo del governo italiano, quanto piuttosto di una legittima attesa in vista dello sviluppo spirituale di una donna che fin a quel momento non aveva potuto ricercare e realizzare la propria emancipazione spirituale. All’interno delle considerazioni sul mancato conferimento del voto politico alle donne e sull’esclusione di queste ultime dall’Accademia d’Italia, Sibilla Aleramo inserisce la rappresentazione di Mussolini, definendolo «statista enigmatico e lucidissimo». Egli non fa trasparire le proprie intenzioni e ciò gli vale il beneficio del dubbio: non si esclude che in futuro possa concedere il voto politico o ammettere le donne alla Reale Accademia d’Italia. Adottando questa prospettiva, non emerge la volontà di Mussolini di negare dei diritti alle donne e tantomeno il carattere definitivo delle sue disposizioni. Viene invece messa in risalto la cautela di quest’uomo di Stato che attende che il genere femminile acquisisca una nuova maturità prima di concedere incarichi o possibilità che richiedono una consapevolezza completa da parte delle donne. Ma Mussolini in realtà non ha alcuna intenzione di concedere nell’effettivo il voto politico, tantomeno, egli attende che la donna si emancipi per conferirlo, non sostenendo l’emancipazionismo femminile.

  • 59 B. Mussolini, Le donne e il voto, op. cit., p. 198.

34Nel momento in cui la scrittrice fa riferimento al voto politico appare inoltre chiaro come ella abbia in mente il discorso sulle donne e il voto del ‘25, in cui Mussolini sostiene che «la donna non abbia grande potere di sintesi, e che quindi sia negata alle grandi creazioni spirituali»59, affermazione che contrasta radicalmente col principale obiettivo letterario dell’Aleramo e con la sua esaltazione dello spirito femminile.

  • 60 S. Aleramo, Gioie d’occasione miscellanea, Milano, Mondadori, 1930.
  • 61 Ivi, pp. 59-66.
  • 62 Nella seconda edizione dell’opera, quella del 1954, Sibilla Aleramo elimina l’intero capitolo.
  • 63 Ivi, p. 60.
  • 64 Ivi, p. 65.
  • 65 Ivi, p. 61.
  • 66 Ivi, p. 65.

35Le tracce della propaganda fascista appaiono più evidenti nella produzione del 1930. Gioie d’occasione60 (1930), raccolta di testi in prosa dell’autrice, pubblicata da Mondadori, che rappresenta infatti uno dei prodotti letterari tra i più compromessi di Aleramo. L’opera si divide in cinque sezioni che corrispondono a cinque periodi cronologicamente differenti: la prima sezione contiene i racconti dell’infanzia e della giovinezza dell’autrice, mentre le altre si riferiscono agli anni successivi fino al 1928. La seconda delle cinque sezioni si apre con il racconto di un suo viaggio in treno dal titolo «Non ha paura, signora?», a cui la scrittrice dedica un intero capitolo61 e che si riduce ad un elogio dei soldati fascisti62. Nel capitolo ella assimila questi «uomini armati […] non in divisa militare ma in camicia nera»63 ad una scorta contro il pericolo comunista. Essi non parlano di azioni militari ma di tentativi di difesa, di redenzioni e di missioni. Riportando il dialogo dei soldati fascisti, l’autrice veicola dunque una prospettiva salvifica dell’opera bellica fascista. Ella definisce questi soldati come i rappresentanti «d’una collettività nuova, risoluta e formidabile, scaturita come per miracolo nel giro di qualche semestre», «Nuova su ceppo antico»64, come lo era la volontà politica fascista che tentava di coniugare modernità e restauro della tradizione. La scrittrice celebra le caratteristiche dei militari, ma l’esaltazione di questi coincide con l’esaltazione più generale del fascismo: la «fiduciosa cordialità»65 di questi uomini è in realtà la fiducia che il fenomeno fascista ispira. I soldati sono dunque benevoli, sani, savi, volenterosi, determinati, eroici, generosi, speranzosi, «candidamente accesi» e «pronti al sacrificio»66 perché è il fascismo ad esserlo.

  • 67 Gioie d’occasione (1930) (31 gennaio 1921-12 febbraio 1929), in Scritti/Manoscritti editi (giugno  (...)

36Nonostante i toni esplicitamente encomiastici del racconto, esso viene inserito ancora una volta all’interno di una cornice più ampia, fatta di note di taccuino, racconti autobiografici, appunti di vario genere, cronache, riflessioni sulla realtà fisica, sull’umanità, sul mistero universale, questioni di carattere spirituale e tutta una serie di digressioni che esulano dagli intenti propagandistici e danno l’idea che la scrittrice si limiti ad esprimere un giudizio incondizionato da un punto di vista politico. Inoltre, la disposizione cronologica della raccolta, situa il racconto in una dimensione temporale antecedente al 1928, data di uno dei racconti successivi contenuti nell’opera. Vi è dunque il tentativo di Aleramo di retrodatare il suo giudizio ad un momento in cui ancora non dipendeva economicamente dal regime, probabilmente con l’intento di accentuare il carattere disinteressato delle proprie considerazioni. Nel corso delle mie ricerche d’archivio presso la Fondazione Gramsci di Roma, mi sono imbattuta nella copia manoscritta del capitolo in questione. In calce, viene riportata la seguente dicitura: «Assisi, 7 agosto 1922 (pubblicato sul Resto del Carlino, stesso mese)»67. Se l’articolo fosse stato realmente pubblicato nell’agosto del 1922, vorrebbe dire che l’Aleramo è da considerarsi una fascista della prima ora, una delle femministe che nutrono delle speranze nella rivoluzione fascista e che solo in un secondo momento, dinnanzi alla disillusione fascista, si schiererebbe dalla parte dell’antifascismo.

37Un nuovo riferimento a Benito Mussolini appare in una rassegna mensile d’Eloquenza diretta dal giornalista italiano Titta Madia, Gli oratori del giorno. All’interno di un’inchiesta del novembre 1931, dal titolo Quale figura storica richiama Mussolini?, Aleramo risponde:

  • 68 Quale figura storica richiama Mussolini?, in «Gli oratori del giorno – rassegna mensile d’eloquenz (...)

Donna, credo poco alla Storia, e quindi poco la conosco. Credo invece, per quanto possa parer contraddittorio, alla individualità umana, alla forza misteriosa, per cui, di tanto in tanto, si presenta sulla terra un individuo originale, differente da ogni altro, un esemplare unico, creatore e provocatore di nuove forze di vita e di arte. Benito Mussolini è di questi. Epperò non mi richiama allo spirito nessuna precedente figura. È sé stesso e basta.68

38In questo passaggio l’Aleramo rappresenta Mussolini come figura demiurgica, definendolo «creatore e provocatore di nuove forze di vita», alla pari di Dio, e nutrendo così ulteriormente la visione del fenomeno fascista come religione politica.

39Inoltre, vi è una contrapposizione tra il suo definirsi «donna» e non nominarsi in altro modo se non come appartenente ad un genere e l’esaltazione dell’unicità di Benito Mussolini, che è invece considerato dall’Aleramo un individuo.

  • 69 Nel 1932, viene pubblicato da Mondadori Il frustino, quarto romanzo di Sibilla Aleramo. In esso l’ (...)

40Tra il 1931 e il 1940 i testi editi dell’Aleramo non contengono più citazioni esplicite a Mussolini o celebrazioni dello spirito dell’Italia fascista. Tuttavia, si assiste alla realizzazione di una narrativa pervasa dalla tematica amorosa69, attraverso la quale l’Aleramo sembra rispondere all’esigenza fascista dell’impegno delle donne a parlare d’amore e di sentimenti femminili.

  • 70 «Spiritualità femminile» in Rassegna stampa/Articoli di Sibilla Aleramo/1940 dell’archivio «Sibill (...)

41In un articolo della scrittrice del 13 marzo 1940, apparso sul «Corriere di Napoli» e incentrato sulla spiritualità femminile, parlando di «uomini curvi sotto il peso della fatica e del tragico quotidiano» ella menziona Benito Mussolini accostando il suo nome a quello di Pericle e definendoli i «grandi reggitori di Stato»70. Si tratta di un parallelismo che, pur venendo inserito nell’articolo in forma incisiva, tra due parentesi, è importante in quanto potrebbe suggerire l’intenzione dell’autrice di teorizzare un’età d’oro fascista. Quest’ultimo caso incide ulteriormente sulla dissociazione di Sibilla Aleramo dal pensiero femminista europeo in quanto richiama il parallelismo di Virginia Woolf, contenuto in A Room of One’s Own, tra Mussolini e Napoleone. Nel caso di Virginia Woolf tuttavia il parallelismo ha un’evidente connotazione spregiativa, mentre in Aleramo vi è una volontà encomiastica.

42Occorre soffermarsi infine sulle ricorrenze mussoliniane inserite nell’esperimento aleramiano dei Diari, che impongono una valutazione molto diversa, se non speculare, e l’analisi di definizioni che parrebbero avvicinare l’autrice a quella sensibilità comune costituitasi in seno al femminismo letterario europeo.

43Il primo dei Diari di Sibilla Aleramo include gli anni dal 1940 al 1944, il secondo gli anni dal 1945 al 1960. I Diari rappresentano un esperimento importante poiché costituiscono una vera e propria cronaca degli avvenimenti dell’Italia fascista, soprattutto negli anni di guerra. In essi, è infatti contenuta la descrizione del Paese in guerra, dei bombardamenti, dei bollettini e delle dichiarazioni di guerra.

44Quella dei Diari è probabilmente anche una presa di posizione importante da parte di Aleramo, che decide di consacrarsi ad una forma di scrittura intimistica e individuale a discapito dell’esaltazione fascista della funzione sociale della letteratura e della necessità di una collettivizzazione delle forme letterarie.

45È in queste pagine che la scrittrice esprime nuovamente delle esitazioni fondamentali verso il fascismo e persino dei giudizi avversi alla politica di regime. Non è forse un caso, dunque, ch’ella parli delle sue letture della Woolf, de Le onde del 1931, di Gita al faro del 1934 – che legge tuttavia solo nell’aprile del 1941 – e de Gli anni del 1937.

46Il 26 luglio 1943, alle 21.30, scrive:

  • 71 S. Aleramo, Un amore insolito, a cura di A. Morino, Milano, Feltrinelli, 1979, p. 263.

Povera cara Italia. Stamane l’abbiam veduta a una svolta, come si dice, della sua storia. Ancora una. Ha potuto scrollarsi di dosso l’oppressione fascista, che pareva invincibile: così inattesamente, quasi senza crederci. Il fascismo l’aveva tanto ossessionata col mito della propria potenza. Ora Mussolini e i suoi gregari, Farinacci, Scorza, Interlandi e via via, sono prigionieri. […] E appena proclamata la pace, si sarà all’inizio di un’immensa fase creativa.71

  • 72 Quale figura storica richiama Mussolini?, art. cit.

47L’azione fascista, la stessa che nei passaggi analizzati precedentemente era stata accolta come esperienza in grado di condurre ad un ordine nuovo, solido e mirabile, viene assimilata ora all’oppressione. Ella utilizza il termine «gregari», per definire l’entourage di Benito Mussolini. Se in un recentissimo passato ella aveva definito Mussolini «creatore e provocatore di nuove forze di vita e di arte»72, ora ritiene possibile una nuova fase creativa proprio come conseguenza della sua caduta.

  • 73 «E ora Zweig è morto, s’è ucciso, stanco, stanco com’era stanca la Woolf quando s’è suicidata, un (...)

48Riferendosi alla guerra, Aleramo la definisce mostruosa, atroce, inammissibile. La scrittrice arriva persino a sostenere che questa abbia contribuito al suicidio di Virginia Woolf73.

49Infine, è così che Sibilla Aleramo si esprime in merito alla notte del 28 aprile 1945. Il giorno successivo, nei Diari, scrive:

Mussolini è stato giustiziato stanotte.

  • 74 S. Aleramo, Diario di una donna – inediti 1945-1960, Milano, Feltrinelli, 1978, p. 44.

Ma nessun poeta scriverà un Ventotto aprile. Nessuno si chiede, oggi «Fu vera gloria?».74

50Queste ultime asserzioni aleramiane sembrano porre dunque l’autrice in una posizione di revisione di quelle definizioni e di quegli aspetti favorevoli all’azione e al pensiero mussoliniani che abbiamo finora passato in rassegna.

  • 75 «Non a me donna, estranea ad ogni corrente politica, tocca giudicare e prevedere», in S. Aleramo, (...)

51L’esperienza di Sibilla Aleramo rispetto al regime è l’esperienza sistemica dell’intellettuale che per poter guadagnarsi di che vivere deve allinearsi alla politica fascista. La sua produzione diviene strumento del regime a fini propagandistici. Lo Stato accetta di finanziare la scrittrice al fine di poter avere un’autorità, seppur non dichiarata ma implicita, sull’informazione ch’essa veicola. Si tratta dunque di un sistema di dipendenza materiale che viene messo in atto per manipolare l’informazione destinata alle masse ed orientare in tal modo l’opinione pubblica. La scrittrice, con la sua produzione letteraria, rientra dunque nel progetto di costruzione dello Stato totalitario e anche nel momento in cui le sue opere appaiono autonome, esse sono sempre controllate o attraverso meccanismi censori messi in atto dal regime o dalla pretesa di quest’ultimo che l’intellettuale che non intende favorire il regime attraverso la propria arte si dedichi ad una letteratura apartitica, politicamente non impegnata. E l’Aleramo dichiara a più riprese75 di non interessarsi alla politica, come a volersi tenere ben lontana dalla possibilità di nuocere attraverso la propria produzione all’immagine del regime fascista.

52Questo mio studio, che non ha alcuna pretesa di esaustività, ma che mira piuttosto a mettere in risalto i tratti generali di un’esperienza letteraria femminile sotto il fascismo, favorisce nuove prospettive di ricerca. Viene infatti da chiedersi se ad accomunare le scrittrici che vivono personalmente l’esperienza del totalitarismo fascista sia un destino comune o occorra elaborare dei discorsi individuali.

53Ciò che è certo è che invece l’atteggiamento del regime fascista rispetto agli intellettuali è replicabile: vi è infatti una logica adattabile alla collettività intellettuale dietro alle modalità d’azione del regime.

Top of page

Notes

1 La fase iniziale di questa ricerca, frutto della collaborazione con Stéphanie Lanfranchi ed Hélène Martinelli, ha coinciso con l’indagine sulla circolazione, nell’Europa degli anni Trenta, di A Room of One’s Own (Londra, The Hogarth Press, 1929 – New York, Harcourt, Brace and Co., 1929) dell’autrice britannica Virginia Woolf. Lo studio ci ha consentito di valutare la ricezione del saggio, e delle rappresentazioni di Benito Mussolini in esso contenute, da parte di quelle donne scrittrici, europee e femministe, che si fossero espresse in merito alla figura, al pensiero e all’azione mussoliniani tra gli anni Venti e Trenta del Novecento. Si è dunque tentato di stabilire se fosse legittimo parlare dello sviluppo, all’interno del gruppo letterario considerato, di una sensibilità comune attorno alla figura di Benito Mussolini.

2 Si veda l’articolo di Hélène Martinelli in questo stesso numero.

3 Per il dibattito sul carattere totalitario del fascismo si veda: H. Arendt, The Origins of Totalitarianism, New York, Harcourt, Brace and Co., 1951; R. De Felice, Mussolini il fascista: l’organizzazione dello Stato fascista, Torino, Einaudi, 1968; Id., Le interpretazioni del fascismo, Bari, Laterza, 1969; Id., Mussolini il duce. II. Lo Stato totalitario: 1936-1940, Torino, Einaudi, 1981; E. Gentile, La via italiana al totalitarismo: il partito e lo Stato nel regime fascista, Roma, La Nuova Italia Scientifica, 1995; A. Pedio, La cultura del totalitarismo imperfetto, Milano, Unicopli, 2000.

4 Il 21 aprile 1925 appare su Il Popolo d’Italia (quotidiano politico fondato nel 1914 da Benito Mussolini) il Manifesto degli intellettuali fascisti. Redatto da Giovanni Gentile (1875-1944) e risultato del convegno per le istituzioni fasciste di cultura tenutosi a Bologna nel marzo dello stesso anno, esso sollecita al sacrificio e all’abnegazione in nome della Patria. I firmatari sono duecentocinquanta. Il primo maggio 1925 Benedetto Croce risponde con Il Manifesto degli intellettuali antifascisti in cui emerge il rifiuto di dar vita ad una letteratura subordinata all’ideologia e agli interessi del regime e la volontà ch’essa mantenga invece, nella sua superiorità, una propria autonomia.

5 Sibilla Aleramo conosce l’attentatore di Mussolini, Tito Zaniboni, ed è per questo che, al momento dell’attentato, viene condotta nel carcere di Santa Verdiana affinché venga accertata la sua estraneità ai fatti ed esclusa così una sua complicità. Ella viene rilasciata il giorno successivo.

6 S. Aleramo, Il mio primo amore, Roma, [s.n.], 1924; Ead., Amo dunque sono, Milano, A. Mondadori, 1927; Ead., Gioie d’occasione miscellanea, Milano, Mondadori, 1930; Ead., Il frustino romanzo, Milano, Mondadori, 1932; Ead., Orsa minore. Note di taccuino, Milano, Mondadori, 1938.

7 Ead., Dal mio diario (1940-1944), Roma, Tumminelli, 1945, pubblicato in versione ampliata col titolo Un amore insolito ; Ead., Diario di una donna. Inediti 1945-1960, a cura di A. Morino, Milano, Feltrinelli, 1979. Per un approfondimento della questione editoriale dei Diari, si veda A. Morino, L’analista di carta. Sibilla Aleramo, un’esperienza, un metodo, Imola, La Mandragora, 2003.

8 «Perciò Napoleone e Mussolini insistono tanto enfaticamente sull’inferiorità delle donne, perché se esse non fossero inferiori, gli uomini cesserebbero di ingrandirsi», V. Woolf, Una stanza tutta per sé, trad. it. a cura di G. Mistrulli, Rimini, Guaraldi, 1995, p. 55 ; «Vi ho rivelato che cosa pensava di voi Napoleone, e cosa ne pensa Mussolini», ivi, p. 135.

9 Implicito è il riferimento alla concezione de «l’eterno femminino» di Goethe.

10 «Goethe le onorava; Mussolini le disprezza», ivi, p. 49.

11 V. Woolf, Three Guineas, Londra, The Hogarth Press, 1938 – New York, Hartcourt, Brace and Co., 1938.

12 «Hitler e Mussolini hanno entrambi più volte e con parole molto simili espresso l’opinione che “esistono due mondi nella vita di una nazione, il mondo degli uomini e il mondo delle donne”, definendone in termini molto simili le rispettive funzioni.», V. Woolf, Le tree ghinee, trad. it. a cura di A. Bottini, La Tartaruga, Milano, 1975, p. 129.

13 «Creonte, che aveva “uno dei vivi spinto sottoterra e spietatamente chiusa un’anima ad abitare nella tomba”, che sosteneva che “la disubbidienza è il male più grande che ci sia”, e che “colui che lo Stato ha scelto per suo capo, a costui bisogna ubbidire nelle questioni piccole come nelle grandi, nelle cose giuste come nelle ingiuste”, assomiglia a certi uomini politici del passato, a Hitler e a Mussolini, oggi.», ivi, p. 121.

14 Per ulteriori approfondimenti su Virginia Woolf e il fascismo si veda: M. M. Pawlowski, Virginia Woolf and Fascism: Resisting the Dictators’ Seduction, New York, Palgrave, 2001; P. K. Joplin, The authority of illusion: feminism and fascism in Virginia Woolf’s “Between the Acts”, «South Central Review», vol. 6, no. 2, 1989, pp. 88-104.

15 Si tratta di uno spazio di espressione interessante, in quanto rappresentano un’opera non destinata alla pubblicazione sotto il fascismo e in cui era dunque più semplice per l’autrice formulare delle riflessioni personali senza che queste fossero contaminate dall’autocensura e dai rapporti di forza.

16 Per approfondimenti sul mito Mussolini si veda: M. G. Sarfatti, Dux, Milano, Mondadori, 1932; L. Passerini, Mussolini immaginario: storia di una biografia 1915-1939, Roma-Bari, Laterza, 1991.

17 «Sibilla Aleramo, proprio perché letterata e intellettuale, intuiva più che elaborare. La sua tendenza ad universalizzare il discorso, […] a sentire intuitivamente certe rivendicazioni non poteva essere strumento sul quale impostare a breve termine una concreta attività politica», S. Aleramo, La donna e il femminismo: scritti 1897-1910, a cura di B. Conti, Roma, Editori Riuniti, 1978, p. 10.

18 Ivi, p. 15.

19 B. Conti e A. Morino, Sibilla Aleramo e il suo tempo  – Vita raccontata e illustrata, Milano, Feltrinelli Editore, 1981, p. 21.

20 Si veda S. Aleramo, La donna e il femminismo, op. cit.

21 Non abbiamo finora riscontrato alcun riferimento di Sibilla Aleramo a Marguerite Yourcenar; verosimilmente, pur conoscendo molto bene la lingua francese, ella non legge il romanzo sul mancato attentato a Benito Mussolini di Yourcenar, Denier du rêve (Parigi, Grasset, 1934), o almeno non al momento della sua pubblicazione. L’Aleramo non potrà leggerlo nella sua versione italiana in quanto la prima traduzione, realizzata da Oreste Del Buono, appare solamente nel 1984 col titolo Moneta del sogno (Milano, Bompiani). Quasi sicuramente, non avendo una padronanza della lingua spagnola, non frequentando abitualmente gli ambienti ispanofoni e non essendo attestata una traduzione italiana né francese del saggio, non legge neppure La Historia viva (1936) della scrittrice argentina Victoria Ocampo in cui l’autrice parla della sua intervista a Benito Mussolini (per ulteriori approfondimenti sulle rappresentazioni di Benito Mussolini in Victoria Ocampo si veda l’articolo di Hélène Martinelli in questo stesso numero). Per quanto riguarda la scrittrice polacca Zofia Nalkowska, quest’ultima fa riferimento a Mussolini soltanto all’interno dei suoi scritti privati. È molto improbabile dunque che queste idee potessero circolare in Italia se non attraverso la corrispondenza. Bisogna tener conto inoltre che questa nel corso del Ventennio era soggetta a controlli da parte dello Stato, soprattutto se proveniente dall’estero e dunque occorre non trascurare la tendenza dei mittenti all’autocensura. Perdipiù, nella breve corrispondenza del 1930 tra Zofia Nalkowska e Sibilla Aleramo, le due scrittrici discutono esclusivamente i termini della traduzione italiana di Aleramo dell’opera teatrale di Nalkowska, Dom kobiet (Varsavia, Gebethner i Wolff, 1930). Non vi è invece alcun riferimento alla politica fascista né a Benito Mussolini.

22 A Room of One’s Own, viene tradotto per la prima volta in Italiano da A. Forgione, col titolo Una stanza tutta per sé, solamente nel 1963 (Milano, Il Saggiatore). Per una traduzione francese bisognerà invece attendere il 1965 (Une chambre à soi, trad. fr. di C. Malraux, Ginevra-Parigi, Gonthier).

23 V. Woolf, Orlando: A Biography, Londra, The Hogarth Press, 1928 – New York, Hartcourt, Brace, 1928; Ead., Orlando, trad. fr. di C. Mauron, Parigi, Delamain et Boutelleau, 1931; Ead., Orlando, trad. it. di A. Scalero, Milano, Mondadori, 1933.

24 Rivista attiva tra il 1929 e il 1936 a Roma, sotto la direzione di Giovanni Battista Angioletti (1896-1961) e Curzio Malaparte (1898-1957).

25 S. Aleramo, Orlando inglese, «L’Italia Letteraria», pp. 3-4, in Rassegna stampa/Articoli di Sibilla Aleramo/1931 dell’archivio «Sibilla Aleramo» proprietà della Fondazione Gramsci Onlus.

26 Ibid.

27 Ibid.

28 Per approfondimenti sulla ricezione di Virginia Woolf (e dell’Orlando) in Italia tra le due guerre, si veda E. Bolchi, Il paese della bellezza: Virginia Woolf nelle riviste italiane tra le due guerre, Milano, I.S.U. Università Cattolica, 2007.

29 S. Aleramo, Una donna, Roma-Torino, Società tipografico-editrice nazionale, 1906.

30 Una donna (1906), al momento della sua pubblicazione, smuove le coscienze ed insinua il dubbio; è infatti tra i libri più recensiti e apprezzati all’epoca da scrittori e scrittrici (tra cui Luigi Pirandello, Massimo Bontempelli, Alfredo Panzini, Emilio Cecchi, Pellizza da Volpedo). Riportiamo di seguito un esempio di recensione all’opera: «Questo libero è sincero, è crudele, è modernissimo. Solo per la difesa della propria mente e della propria individualità, nessuna donna, in nessun romanzo di vent’anni fa, sarebbe fuggita. […] Ecco qui una donna colta, intelligente, sincera, finzione di romanzo a sostegno d’una tesi, o, se è vero che il libro sia un’autobiografia, esempio vivo e franco di una nuova morale che proclama il proprio diritto alla libertà e all’intelligenza attiva» (U. Ojetti sul «Corriere della Sera0», in B. Conti e A. Morino, op. cit.). Inoltre viene tradotto, tra il 1907 e il 1910, in sette lingue (attualmente è stato tradotto in 18 lingue: spagnolo, svedese, tedesco, inglese, francese, russo, polacco, cecoslovacco, olandese, greco, portoghese, danese, iraniano, albanese, catalano, macedone, sardo, arabo): S. Aleramo, Una Mujer, trad. sp. di J. Prat, Valencia, F. Sempere y Compania, 1907; Ead., En kvinna, trad. sv. di G. Branting, Stoccolma, Broderna lagerstroms Tryckeri, 1908; Ead., Eine Frau: roman, trad. ted. di N. Knoblich, Berlino, Marquardt, 1908; Ead., A Woman at Bay (Una Donna), tr. ingl. di M. H. Lansdale, New York-Londra, G. P. Putnam, 1908; Ead., Une Femme : roman, trad. fr. di P.P. Plan, Parigi, Calmann-Levy, 1908; Ead., Bezpravnaja: una Donna: roman, trad. rus. di E. Lazarevskoj, pubblicata a Mosca sulla rivista «Obrazovanie», 1908; Ead., Kobieta, trad. pol. di S. Gallone, pubblicata a Varsavia, tra il 1909 e il 1910 sul periodico «Prawda».

31 Ivi, p. 1.

32 S. Aleramo, Una donna, op. cit., p. 75.

33 Ibid.

34 Ella tenterà tuttavia di ottenere per vie legali, seppur senza risultati, la custodia del figlio Walter.

35 Per approfondimenti si veda: B. Conti e A. Morino, op. cit.; A. Caesar, Italian Feminism and the Novel: Sibilla Aleramo’s A Woman, «Feminist Review», 5, 1980, pp. 79-87, Online: [https://www.jstor.org/stable/1394701] (consultato il 28 gennaio 2023); AA.VV., Sibilla Aleramo – Coscienza e scrittura, a cura di F. Contorbia [et al.], Milano, Feltrinelli, 1986; AA.VV., Svelamento: Sibilla Aleramo: una biografia intellettuale, a cura di A. Buttafuoco e M. Zancan, Milano, Feltrinelli, 1988.

36 S. Aleramo, La donna e il femminismo, op. cit., p. 70.

37 Ivi, p. 54.

38 M. Leone, Il fascismo e l’universo femminile: consenso e dissenso delle donne italiane, Verona, QuiEdit, 2017, p. 13.

39 Per approfondimenti su fascismo e femminismo, oltre al libro di Leone appena citato, si veda: V. de Grazia, Le donne nel regime fascista, trad. it. S. Musso, Venezia, Marsilio, 1993, pp. 55-62.

40 Statuto dei fasci femminili del 4 dicembre 1921, in P. Meldini, Sposa e madre esemplare – Ideologia e politica della donna e della famiglia durante il fascismo, Rimini-Firenze, Guaraldi Editore, 1975, p. 25.

41 Regio Decreto 1054/23, 6 maggio 1923, Ordinamento della istruzione media e dei convitti nazionali, Art. 12: «I presidi sono scelti dal ministro tra i professori ordinari provveduti di laurea con almeno un quadriennio di anzianità ordinario. Dalla scelta sono escluse le donne»; Regio Decreto 2480/26, 9 dicembre 1926, Regolamento per i concorsi a cattedra nei Regi istituti medi d’istruzione e per le abilitazioni all’esercizio professionale dell’insegnamento medio, Art. 11: «Ai concorsi e agli esami di abilitazione sono ammessi indistintamente gli uomini e le donne, fatta eccezione dei concorsi delle classi IV, V (limitatamente ai concorsi per l’istituto tecnico) VI e VII (limitatamente ai concorsi per il liceo classico e il liceo scientifico) di cui all’annessa tabella, che sono riservate agli uomini, e dei concorsi e degli esami di abilitazione per maestra giardiniera negli istituti magistrali, che sono riservati alle donne»; Regio Decreto n.1514, 5 settembre 1938, Disciplina dell’assunzione di personale femminile agli impieghi pubblici e privati, Art. 1: «L’assunzione delle donne agli impieghi presso le Amministrazioni dello Stato e degli altri Enti od Istituti pubblici, ai quali esse sono ammesse in base alle disposizioni in vigore nonché agli impieghi privati, è limitata alla proporzione massima del dieci per cento del numero dei posti. È riservata alle pubbliche Amministrazioni la facoltà di stabilire una percentuale minore nei bandi di concorso per nomine ad impieghi. Le pubbliche Amministrazioni e le aziende private che abbiano meno di dieci impiegati, non possono assumere alcuna donna quale impiegata. È fatta eccezione nei riguardi nelle aziende private per le parenti od affini sino al quarto grado del titolare dell’azienda», Art. 2: «Oltre i casi già previsti dalle vigenti leggi, gli ordinamenti delle singole Amministrazioni stabiliranno l’esclusione della donna da quei pubblici impieghi ai quali sia ritenuta inadatta, per ragioni di inidoneità fisica o per le caratteristiche degli impieghi stessi».

42 V. de Grazia, op. cit.; I. Botteri, La donna tra modernità e fascismo, in AA. VV., Donne e fascismo: immagine e modelli educativi, Brescia, Editrice La Scuola, 2011.

43 B. Mussolini, Discorso dell’Ascensione, in Id., Opera omnia, a cura di E. e D. Susmel, Firenze, La Fenice, 1951-1963, vol. XXII, p. 254.

44 E. Ludwig, Colloqui con Mussolini, trad. T. Gnoli, Milano, Mondadori, 1932, p. 166.

45 Dalla lettera di Sibilla Aleramo a Benito Mussolini, in B. Conti e A. Morino, op. cit., pp. 234-235.

46 Per ulteriori approfondimenti si veda: G. Turi, Sorvegliare e premiare: l’Accademia d’Italia, 1926-1944, Roma, Viella, 2016.

47 Nato nel 1937, per volontà del Ministro degli affari esteri Galeazzo Ciano (1903-1944) di assicurare una modernizzazione della propaganda, il Minculpop rappresenta l’evoluzione del vecchio Ufficio stampa del Capo del governo.

48 G. Sedita, Gli intellettuali di Mussolini. La cultura finanziata dal fascismo, Firenze, Le lettere, 2010.

49 «Se ha intenzione di scrivere romanzi, una donna deve possedere denaro e una stanza tutta per sé», V. Woolf, Una stanza tutta per sé, trad. it. a cura di G. Mistrulli, Rimini, Guaraldi, 1995, p. 22.

50 Rinvenuta all’interno della Rassegna stampa contenuta nell’archivio «Sibilla Aleramo» proprietà della Fondazione Gramsci Onlus, riporta in calce la firma «Gast. Polacco», ma non presenta al suo interno altri riferimenti e non sono state trovate informazioni in merito all’articolista.

51 «L’Eloquenza – Parla una Sibilla», in Rassegna stampa/Articoli di Sibilla Aleramo/1929 dell’archivio «Sibilla Aleramo» proprietà della Fondazione Gramsci Onlus.

52 Ibid.

53 «In fondo l’eloquenza femminile, se ci sarà e quando ci sarà, dovrà accentuare i caratteri femminili, dovrà esprimere di più la femminilità», Ibid.

54 Ibid.

55 Ibid.

56 B. Mussolini, Le donne e il voto, in Id., Opera omnia, op. cit., vol. XXI, p. 198.

57 S. Aleramo, Amo, dunque sono, Milano, Mondadori, 1927.

58 La donna italiana, 12 ottobre 1930-14 ottobre 1930, in Scritti/Articoli/Articoli III dell’archivio «Sibilla Aleramo» proprietà della Fondazione Gramsci Onlus.

59 B. Mussolini, Le donne e il voto, op. cit., p. 198.

60 S. Aleramo, Gioie d’occasione miscellanea, Milano, Mondadori, 1930.

61 Ivi, pp. 59-66.

62 Nella seconda edizione dell’opera, quella del 1954, Sibilla Aleramo elimina l’intero capitolo.

63 Ivi, p. 60.

64 Ivi, p. 65.

65 Ivi, p. 61.

66 Ivi, p. 65.

67 Gioie d’occasione (1930) (31 gennaio 1921-12 febbraio 1929), in Scritti/Manoscritti editi (giugno 1901-2 gennaio 1960)/Gioie d’occasione (1930) dell’archivio «Sibilla Aleramo» proprietà della Fondazione Gramsci Onlus.

68 Quale figura storica richiama Mussolini?, in «Gli oratori del giorno – rassegna mensile d’eloquenza», 10-11, ottobre-novembre 1931, p. 83, in Rassegna stampa/Articoli di Sibilla Aleramo/1931 dell’archivio «Sibilla Aleramo» proprietà della Fondazione Gramsci Onlus.

69 Nel 1932, viene pubblicato da Mondadori Il frustino, quarto romanzo di Sibilla Aleramo. In esso l’autrice narra, per la prima volta in terza persona, le vicende amorose di personaggi dai nomi fittizi dietro i quali si celano personalità reali con le quali l’Aleramo ha intrattenuto delle relazioni sentimentali.

70 «Spiritualità femminile» in Rassegna stampa/Articoli di Sibilla Aleramo/1940 dell’archivio «Sibilla Aleramo» proprietà della Fondazione Gramsci Onlus.

71 S. Aleramo, Un amore insolito, a cura di A. Morino, Milano, Feltrinelli, 1979, p. 263.

72 Quale figura storica richiama Mussolini?, art. cit.

73 «E ora Zweig è morto, s’è ucciso, stanco, stanco com’era stanca la Woolf quando s’è suicidata, un anno fa. Due nobili, fortissimi ingegni, che la guerra ha falcidiato, quest’altra guerra che non ha neppure la scusante d’aspirare un grande poeta…», ivi, p. 150.

74 S. Aleramo, Diario di una donna – inediti 1945-1960, Milano, Feltrinelli, 1978, p. 44.

75 «Non a me donna, estranea ad ogni corrente politica, tocca giudicare e prevedere», in S. Aleramo, Gioie d’occasione miscellanea, op. cit., p. 65. «La donna-uomo politico, io la detesto», in L’Eloquenza – Parla una Sibilla, in Rassegna stampa/Articoli di Sibilla Aleramo/1929 dell’archivio «Sibilla Aleramo» proprietà della Fondazione Gramsci Onlus.

Top of page

References

Electronic reference

Serena Mercuri, “Sulle rappresentazioni di Benito Mussolini e del fascismo in Sibilla Aleramo”Laboratoire italien [Online], 30 | 2023, Online since 01 September 2023, connection on 29 May 2024. URL: http://journals.openedition.org/laboratoireitalien/10329; DOI: https://doi.org/10.4000/laboratoireitalien.10329

Top of page

About the author

Serena Mercuri

Université Aix-Marseille • Serena Mercuri est doctorante contractuelle en Études italiennes à l’université d’Aix-Marseille depuis 2021 et travaille sous la direction de Stefano Magni (AMU, CAER) et de Stéphanie Lanfranchi (ENS de Lyon, Triangle). Elle est également lauréate d’une bourse « Jean Walter Zellidja » octroyée par l’Académie française pour l’année 2023-2024. Ses recherches portent sur les rapports entre pouvoir politique et littérature féminine. Elle entend en particulier sonder les liens entre créativité́, production littéraire féminine et réception au sein du régime fasciste italien avec un focus sur l’œuvre littéraire de Sibilla Aleramo.

Top of page

Copyright

CC-BY-NC-ND-4.0

The text only may be used under licence CC BY-NC-ND 4.0. All other elements (illustrations, imported files) are “All rights reserved”, unless otherwise stated.

Top of page
Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search