Navigation – Plan du site
  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon
Dossier

Leonardo profetico

Léonard prophétique
Leonardo’s prophetic mind
Marco Versiero

Résumés

Cette contribution se propose d’analyser un corpus d’écrits de Léonard intitulés Pronostico ou fièrement signés comme « Profezia di Lionardo da Vinci ». Les plus anciens datent de la dernière décennie du XVe siècle, au temps de la chute soudaine du duché de Milan, dont Léonard était un protégé. La conjecture d’une rencontre avec Savonarole à Florence pendant l’été 1495 pourrait également expliquer la naissance de l’intérêt de Léonard pour le genre de l’écriture prophétique, dont on suit l’évolution tout au long de sa carrière : depuis ses premières énigmes prophétiques conçues pour le divertissement des Sforza, jusqu’au projet ambitieux d’un roman épistolaire sur l’apparition d’un « novo profeta » en Arménie, annonçant la « stupenda e dannosa maraviglia » d’un cataclysme naturel (c. 1500-1502). Les prophéties plus tardives, du temps de son retour à Florence sous le patronage de Soderini (c. 1503-1504), comme l’énigme intitulée Un comune, sont analysées à la lumière de leur valeur éthique et politique.

Haut de page

Texte intégral

Questo contributo discende da una rielaborazione dell’intervento dal titolo Leonardo e Savonarola: profezia e politica a Firenze intorno al 1495, presentato il 3 novembre 2016 al séminaire d’études italiennes coordinato da Romain Descendre e Pierre Girard alla ENS de Lyon in collaborazione con l’université Jean Moulin Lyon 3. Ringrazio vivamente Romain Descendre, Jean-Claude Zancarini e Laurent Baggioni per il vivace scambio di idee che ne è a più riprese conseguito e dei cui proficui esiti ho cercato di avvantaggiarmi nella stesura di questo testo. La mia riconoscenza va inoltre a Manuela Bragagnolo e Stéphanie Lanfranchi per averlo favorevolmente accolto tra gli studi confluiti in questo numero della rivista.

  • 1 Leonardo da Vinci, Il Codice Atlantico della Biblioteca Ambrosiana di Milano, trascr. critica di A (...)

«Dilla in forma di frenesia o di farnetico, d’insania di cervello»
Codice Atlantico, f. 1033r (c. 1497-1499)1

  • 2 A. Marinoni, Il Codice Atlantico di Leonardo da Vinci. Indici per materie e alfabetico, a cura di (...)
  • 3 Si veda C. Vecce, a cura di, Leonardo da Vinci. Scritti, Milano, Mursia, 1992, pp. 119-121 (e la r (...)
  • 4 E. H. Gombrich, Leonardo e i maghi: polemiche e rivalità (Lettura Vinciana XXIII, 16 aprile 1983), (...)
  • 5 Questo stesso indovinello è presente anche nella sezione «Documenti morali utilissimi commo prover (...)
  • 6 D. Kiang, The “Enigma of the Dice”. A Bramante sonnet published by Lomazzo, «Achademia Leonardi Vi (...)

1Questo appunto dal chiaro tono programmatico, che Leonardo rivolge in forma di promemoria a se stesso o a un ipotetico interlocutore, correda un’ampia silloge di componimenti letterari denominati profezie, redatti e precipitati su entrambi i lati di un grande bifoglio della miscellanea ambrosiana in almeno due tempi prospicienti, allo scadere dell’ultima decade del sec. XV2: in numero di ben settantotto, la loro densa scrittura costituisce un corpus piuttosto coerente e organico per genere e stile, contrassegnato dalla titolazione unitaria «Pronostico», ancorché caratterizzato da una certa varietà tematica e da una marcata ambivalenza della finalità d’uso3. Se, infatti, l’annotazione in questione è chiara evidenza dell’intento di conferire alla scrittura una dizione enfatica e finanche istrionica (lasciandoci intendere che almeno in parte questi testi dovessero essere stati immaginati per essere abilmente recitati in una pittoresca messinscena), è innegabile che alcune di tali profezie, pur nella relativa omogeneità stilistica, si distacchino per concezione, contenuto e finalità dalle altre. Già Ernst Gombrich, in una memorabile Lettura Vinciana, aveva autorevolmente messo in guardia sul carattere prevalentemente ludico di questi esperimenti letterari di Leonardo, arguzie enigmistiche con le quali trastullare un uditorio aristocratico e cortigiano, trattandosi effettivamente di indovinelli travestiti da pronostici o presagi (in risposta alla diffusa moda contemporanea della divinazione profetica), capaci di tramutare (talvolta in forma invero ingenua) gli aspetti più ovvi e innocui dell’esistenza e della quotidianità in fenomeni bizzarri e creature spaventevoli4. Un chiaro esempio di come il gioco semiotico possa precisamente tradursi in diletto enigmistico viene dal testo che immediatamente precede l’appunto da cui siamo partiti (che dunque ad esso apparirebbe direttamente legato): «Della fossa. Saran molti occupati in esercizio a levar di quella cosa, che tanto cresce quanto se ne leva, e quanto più vi se ne pone, più diminuisce»5. Un altro frequentatore illustre di questa forma di intrattenimento cortigiano sembra essere stato il collega e amico di Leonardo, l’architetto urbinate Donato Bramante, anche lui ospite presso gli Sforza negli stessi anni, che produsse episodicamente alcune interessanti versificazioni di simili enigmi. Uno dei sonetti bramanteschi è anzi strettamente prossimo alla profezia leonardesca I dadi (esempio efficace di come un indovinello dalla soluzione giocosa possa assumere un tono macabro e terrificante affine a quello manifestato nella profezia Della fossa, per l’assimilazione dei dadi, intagliati nelle ossa di corna di bue, a scheletri umani): «Usciran fuor de le lor tombe oscure / ossa di morti alla novella festa» (Bramante); «Vedrassi l’ossa de’ morti, con veloce moto, trattare la fortuna del suo motore» (Leonardo)6.

2Tuttavia, lo stesso Gombrich evidenziava anche la diversa ispirazione di alcuni esiti di questa dissacrante vena ironica e satirica in Leonardo, tale da spingerlo nella profondità di una critica severa e impietosa dei mali della società contemporanea, il cui carattere etico-politico ne determina indubitabilmente un considerevole scarto rispetto ai meri divertissements letterari in cui si concretizzano i restanti testi della serie, secondo una più generale visione pessimistica del mondo, come travolto in una universale e ineluttabile apocalisse.

«Profezia di Lionardo da Vinci»

  • 7 Si tratta del f. 1023v, prevalentemente occupato da studi di meccanica e di idraulica databili all (...)

3Un foglio correlato dello stesso Codice Atlantico, di cronologia pressoché coeva7, riporta l’orgogliosa titolazione De profezia, alla quale segue il conciso e caustico testo: «Tutti li strolagi saran castrati. Cioè i galletti». Giocando sull’omofonia con la parola vernacolare che designa il pollame destinato alla castrazione (strolagi, che per assonanza fonetica rimanda parimenti agli astrologi), Leonardo arriva a presagire il contrappasso di una sciagura che si abbatta sui ciarlatani autori di fasulli e falliti anatemi: si tratta ancora di un palese esempio di come spesso l’enigma sia sciolto in una soluzione banale, seppur dissimulata in maniera ironica e con risultato persino comico e grottesco come in questo caso, non senza che se ne possa ricavare un prezioso indizio dello scetticismo nutrito da Leonardo sulla effettiva valenza dell’operato di questi «profeti», contro i quali egli articola in altri scritti una vera e propria polemica di tenore anti-astrologico. La capziosità dell’indovinello, anzi, è qui accresciuta sia dalla evocativa priorità di senso della suggestione fonetica sul significato letterale, sia dalla circostanza che il titolo «De profezia» ne costituisce, secondo la prassi comune a questi scritti, anche la relativa soluzione, proprio ad indicare che sia esattamente la pratica del vaticinio profetico, proliferata in misura copiosa e in maniera incontrollata allo scadere del secolo, ad essere qui schernita mediante la metafora dei galletti castrati.

4Un altro foglio all’incirca coevo, dedicato a studi per la canalizzazione a gradini di un corso d’acqua, presenta, capovolto verticalmente verso destra e al di sopra di uno schizzo di gorgo o vortice acquatico, la solenne dicitura «Profezia di Lionardo da Vinci», che si risolve tuttavia in una sorta di annuncio privo di seguito, a causa della probabile resecazione della carta lungo quel margine.

  • 8 Codice Atlantico, f. 526 a v, c. 1500: M. Versiero, I «diluvi» di Leonardo, tra profezia, mito e s (...)
  • 9 È il f. 1007v.
  • 10 G. Calvi, I manoscritti di Leonardo da Vinci, dal punto di vista cronologico storico e biografico, (...)

5È nondimeno fondamentale recepire la contiguità di queste due tracce del lavorio mentale di Leonardo, che sente l’esigenza di firmare con una certa fierezza un testo profetico non pervenutoci, contestualmente a una riflessione grafica su un moto ondoso: quasi appunto depositato sovrappensiero, questo automatismo stenografico, insomma, è capace, proprio per la sua adiacenza a una attestazione altrettanto orgogliosa della rivendicazione autoriale dell’invenzione profetica, di rendersi eloquente veicolo della consentaneità, in Leonardo, del tema del presagio con quello del diluvio, di cui quel ritrecine vorticoso contiene già il germe8. Andrà in proposito osservato incidentalmente che su un foglio più antico dell’Atlantico – ma sempre di pertinenza milanese e sforzesca, verso il 1490 – un analogo gorgo è disegnato di fianco all’annotazione rivelatrice «acqua da santo Storzo», cioè ad indicare il corso del Naviglio Grande all’altezza della chiesa di Sant’Eustorgio9. Da quella diretta osservazione empirica di un preciso fenomeno idrodinamico, Leonardo trascorre a una lunga trattazione teorica, sul medesimo foglio, del moto delle acque e dello straripamento dei fiumi, svolta secondo un’ambizione insieme scientifica e letteraria, culminante nell’elencazione di vocaboli utili a un ulteriore sviluppo del tema terrificante dell’inondazione d’acque (che avrebbe conosciuto la sua più drammatica estrinsecazione, nell’œuvre di Leonardo, proprio attraverso la profezia e il diluvio, il cui combinato svolgimento descrittivo e retorico è affidato all’impiego di termini consimili): «terore / inesorabile / repentine / nefande / li oribili e conquassabili / precipitante»10.

  • 11 P. C. Marani, Leonardo, una carriera di pittore, Milano, Motta, 1999, pp. 333-334.
  • 12 C. Scarpati, Leonardo scrittore, Milano, Vita & Pensiero, 2001, pp. 154-155. È il f. 302r dell’Atl (...)
  • 13 C. Pedretti, Leonardo. A Study in Chronology and Style, Londra, Thames & Hudson, 1973, pp. 11-13; (...)

6È sintomatico, in effetti, della lunga e perdurante – quasi ancestrale – fascinazione leonardiana per il tema catastrofico di un immane diluvio, così come per una sua concitata prefigurazione letteraria, affidata a un incalzante registro proto-profetico, l’affiorare di tale stilema in anni sensibilmente precedenti non solo il periodo finale della sua vita (epoca alla quale, dal 1515 circa in poi, si registra il suo confronto più compiuto e spettacolare con il diluvio, declinato per via sia iconografica che testuale11) ma anche l’ultimo lustro del Quattrocento (momento storico e biografico della vicenda privata e pubblica di Leonardo, al quale si proporrà a breve di agganciare specificamente l’insorgere in lui, sia pur sulla base di più antiche premesse, dell’istanza propriamente profetica, nel contesto corrente di una particolare inquietudine sociale e politica): senza arretrare troppo l’orizzonte temporale, andrà ad esempio sottolineato come Claudio Scarpati abbia perspicuamente individuato in un testo databile non oltre il 1492 il «progenitore della serie dei diluvii leonardeschi»12, per la faticosa attenzione prestata alla descrizione verbale delle «nefande ruine, li incredibili deripamenti, le inesorabili rapacità, fatte da’ diluvi de’ rapaci fiumi», contro cui – in via quasi machiavelliana ante litteram – «non vale alcuno umano riparo»13.

  • 14 Si tratta dei vv. 232-236; i frammentari tentativi di trascrizione sono ai ff. 195r e 715r/v del C (...)
  • 15 L’interrelazione tra le redazioni succedanee di questo racconto è stata recentemente analizzata da (...)

7Del resto, sin dalla sua giovinezza fiorentina Leonardo aveva potuto compulsare un classico paradigmatico del naturalismo antico (il cui possesso avrebbe testimoniato più tardi, in occasione di un inventario della propria libreria personale), depositario di icastiche e mitiche immagini di tragedia e premonizione. Al 1480 circa, infatti, sono databili alcuni fogli in cui Leonardo si esercita ripetutamente e in maniera quasi ossessiva nella trascrizione di alcuni versi del libro XV delle Metamorfosi di Ovidio14, incentrati sulla laconica constatazione della inesorabile consunzione operata dal trascorrere irrefrenabile delle epoche del mondo («O tempo, consumatore delle chose, o antichità tu divori ciò che si vede […]»), attuata proprio per effetto del millenario operare delle acque e dei venti, da cui Leonardo perviene all’evocazione di un gigantesco essere marino «disfatto dal tempo paziente» che, fossilizzatosi e sedimentatosi nell’antro di una caverna, è ormai divenuto null’altro che «armadura e sostegnio al sopraposto monte». Nel rammentarne quindi immaginariamente la leggendaria e prodigiosa esistenza passata, Leonardo lascia risuonare un monito carico di presagio, nel quale pare di avvertire già il tono enfatico delle posteriori profezie (e forse persino, nella suggestione dei poderosi ed epici sommovimenti marini, una prefigurazione del diluvio)15: «O quanti popoli corsono ai liti per vedere te, quando orribile apparisti infra l’onde del gonfiato e grande Occe[a]no!».

Tragedia e premonizione, immaginazione letteraria e contingenza

  • 16 Benedetto Dei (1418-1492) è attestato a Milano sin dal 1472 ma un documento riferito agli anni 148 (...)
  • 17 Il f. 265v dell’Atlantico, contenente il testo della lettera, è infatti risultato estratto da un r (...)
  • 18 J. P. Richter, Leonardo da Vinci im Orient, «Zeitschrift für bildende Kunst», vol. XVI, 1881, pp.  (...)

8Altra visione o figurazione «profetica» è quella del «gigante che vien di la diserta Libia», la cui apparizione Leonardo immagina di testimoniare in una lettera fittizia al mercante e faccendiere fiorentino Benedetto Dei, come lui migrato a Milano entro il 1483 e i cui favolosi resoconti dei viaggi precedentemente compiuti a Oriente nel decennio tra il 1459 e il 1467 costituirono fonte e serbatoio ricchissimo di notizie suggestive e di spunti16 per l’invenzione romanzesca di una esplorazione «qua di Levante», vagheggiata da Leonardo allo scadere del penultimo decennio del Quattrocento17. Il carattere realistico dello stile di scrittura epistolare, così come l’acribia dimostrata nella verosimile descrizione delle peculiari e abnormi fattezze del negroide («la nera faccia […] il naso arricciato con l’ampie anari, de’ quali usciva molte e grandi setole, sotto i quali era l’arricciata bocca, colle grosse labbra»), che in verità è piuttosto una diretta conseguenza del versante più etnologico degli studi di fisiognomica messi in opera da Leonardo in questo stesso torno di tempo, avevano persino ingannato alcuni studiosi del passato, convinti assertori di una sua effettiva trasferta in terre mediorientali18. Il racconto della fragorosa caduta del gigante, tale da produrre gli effetti di un disastroso cataclisma, «a guisa di terremoto» al punto che «parve che tutta la provincia tremassi», tradisce già in nuce la predilezione per il tema catastrofico e per la spettacolarità del suo annuncio.

  • 19 La lettura più articolata del f. 393r/v dell’Atlantico è stata offerta a mio avviso da F. P. Di Te (...)

9Questo cimento della sua fucina letteraria con il genere del racconto di fantasia, intriso di velleità terrifiche nella commistione con la incipiente letteratura di viaggio (siamo alla vigilia della scoperta dei nuovi mondi nel 1492), conoscerà in un successivo esperimento narrativo una straordinaria amplificazione, di particolare interesse ai fini della nostra indagine sull’insorgere dell’istanza profetica in Leonardo: si tratta della cosiddetta Lettera al Diodario di Soria, la cui densa minuta affastella entrambi i lati di un altro grande bifoglio del Codice Atlantico, che per certi versi costituisce il gemellare complemento a unità di quello contenente la silloge di settantotto profezie, dal quale siamo partiti con la citazione d’esordio19.

  • 20 Dalle Etymologie di Isidoro da Siviglia al Tractato delle più meravigliose cosse e più notabili ch (...)
  • 21 Questa lettura è stata per la prima volta suggerita, a mia memoria, da K. Clark, The Drawings of L (...)
  • 22 È suggestivo osservare come le dodici profezie vergate al recto del f. 393 dell’Atlantico siano ac (...)
  • 23 Codice Atlantico, f. 573 a v.
  • 24 Pionieristico assertore sin dal 1908 di questa proposta cronologica fu E. Solmi, Scritti vinciani. (...)

10Immaginando di rivolgersi alla personalità politica del devardar di Siria ovvero funzionario o prefetto di palazzo (in arabo-persiano, letteralmente: «colui che porta il calamaio»), che fungeva da governatore di quella regione per conto del Sultano di Babilonia, Leonardo fa ancora una volta appello a fonti e suggestioni diversificate20 (su tutte, la Historia naturalis di Plinio), per illustrare in un racconto di favolosa estrosità la propria personale interpretazione di terre lontane e misteriose, di scenari lussureggianti ancora in larga parte incogniti, intesi come ricettacolo di sciagure e cataclismi portentosi: è infatti la catastrofe di una sovrumana inondazione d’acque, provocata dal rovinoso crollo del «monte Tauro» e dalla conseguente frana a valle, nelle «parte basse di Erminia occidentale», a produrre a suo dire un «grande e stupente effetto» descritto in termini di «stupenda e dannosa maraviglia» ed evocato dagli straordinari disegni paesaggistici (preludio alla estrema serie dei diluvi della collezione di Windsor), che occupano la parte centrale del supporto cartaceo su ambo i lati, in strettissima contiguità con i testi inerenti, così da aver suggerito ad alcuni interpreti che sia qui messa in campo la grandiosa ancorché mutila bozza di un libro illustrato, nel quale scrittura e immagine si sarebbero reciprocamente e finanche didascalicamente completate21. Depongono a favore di quest’ultima ipotesi non solo la presenza contestuale di un puntuale seppur abbreviato schizzo che restituisce una veloce cartografia dell’area geografica (ma forse sarebbe meglio dirla geosofica) descritta dai toponimi che puntellano l’epistola d’invenzione (a corroborarne il carattere di ingannevole e virtuosistica verosimiglianza, come già nella missiva fittizia al Dei), ma anche la schematica indicazione testuale di una «Divisione del libro», premessa al vero e proprio svolgimento dell’azione narrativa e risolta, quasi in guisa di un canovaccio teatrale, in una concitata scansione di eventi o momenti salienti che ne segnano il climax: «[…] La subita inondazione al fine suo / la ruina della città / la morte del popolo e disperazione […]». Trovano spazio in questa drammatica elencazione anche la «trovata del profeta» e la «profezia sua»22, che, in un ribaltamento speculare particolarmente ardito della regia narrativa, Leonardo fa corrispondere sostanzialmente agli ulteriori «mali […] che ‘n brieve tempo ci è promesso», deplorati per voce di una delle straziate vittime del cataclisma in un foglio affine23, in evidente allusione all’anatema annunciato dal profeta nella Lettera al Diodario: «Come il novo profeta mostra di credere, questa ruina è fatta al suo proposito». Che l’emblematica figura di quest’ultimo sia stata suggerita alla fantasia leonardiana dall’avvento in Armenia di un personaggio storicamente esistito, il profeta Shah Ismael Sofì I, detto appunto il Sofì d’Armenia, un episodio documentato nel dicembre 1501 e prontamente riportato nei pressoché coevi Diarii del veneziano Marin Sanudo (che non è escluso Leonardo abbia potuto conoscere in occasione della tappa lagunare della sua travagliata diaspora successiva al tracollo sforzesco, nella primavera del 1500), ha generalmente suggerito di proporre per la Lettera al Diodario una plausibile datazione attorno al 1501-150224.

  • 25 Le più tarde tra le numerose profezie del periodo sforzesco sembrano quelle riversate consecutivam (...)

11Questo riferimento cronologico si dimostra, in una più ampia prospettiva di analisi, un dato di una certa rilevanza, costituendo, in effetti, il secondo di due estremi di un arco temporale al quale sarebbe assegnabile il momento apicale dell’espressione profetica in Leonardo: dal Calvi al Gombrich, diversi interpreti, infatti, hanno declinato l’esegesi della Lettera al Diodario nei termini di un ingegnoso palinsesto illusionistico, che sarebbe stato predisposto ad arte, quasi a fungere da cornice o introduzione proemiale allo svolgimento persino pletorico delle profezie vinciane. È senz’altro vero che si assiste in questo formidabile ipertesto ad una operazione meta-letteraria che mette in campo una inestricabile interazione di almeno tre generi di scrittura (l’epistola di invenzione, il vaticinio profetico, il racconto o relazione di viaggio) ma non bisogna dimenticare quanto sin dall’inizio di questo contributo si è eccepito circa la natura eterogenea del variegato corpus delle profezie vinciane, le cui prime occorrenze in chiave per lo più ludico-enigmistica si registrano sin dalla metà dell’ultima decade del Quattrocento25. Ciò induce a supporre che Leonardo, terminata repentinamente l’esperienza del suo sodalizio sforzesco nell’inverno del 1499 alla capitolazione del Moro per mano di Luigi XII di Francia e abbandonata Milano per un periodo instabile e randagio, abbia potuto pensare di riutilizzare il fertile repertorio dei suoi arguti componimenti profetici per arricchire il progetto del curioso romanzo epistolare, balenatogli al principio del nuovo secolo sulla scorta dell’avventurosa vicenda del profeta armeno. Si vuole dire, cioè, del periodo intercorso almeno dalla primavera del 1500 fino al suo ingaggio presso Cesare Borgia come ingegnere militare nell’estate del 1502, una fase molto precaria della sua vita, trascorsa (dopo la veloce sosta a Venezia) prevalentemente a Firenze.

Leonardo e Savonarola

  • 26 Il racconto si ritrova in entrambe le edizioni delle Vite vasariane (1550 e 1568) ma in corrispond (...)
  • 27 M. Versiero, «La nota del Stato di Firenze». Leonardo e Savonarola: politica, profezia, arte, «Rac (...)
  • 28 L’inventario madrileno della biblioteca di Leonardo registra peraltro, verso il 1503, la generica (...)
  • 29 Per una opportuna contestualizzazione storico-filosofica del programma politico di Savonarola, si (...)
  • 30 G. C. Garfagnini, «Questa è la terra tua». Savonarola a Firenze, Firenze, Sismel - Edizioni del Ga (...)
  • 31 Le immagini di Firenze come nuova Gerusalemme, di Carlo VIII come novello Ciro e di sé come Mosè r (...)
  • 32 Codice Atlantico, f. 628r: E. Villata, a cura di, Leonardo da Vinci. I documenti e le testimonianz (...)

12Al capoluogo toscano, tuttavia, Leonardo era già fugacemente tornato nell’estate del 1495, interrompendo brevemente la sua quasi ventennale permanenza alla corte sforzesca, stando alla tarda ma attendibile testimonianza di Giorgio Vasari, che lo dice convocato insieme ad altri autorevoli esperti di architettura (da Giuliano da Sangallo a Baccio d’Agnolo, da Simone Pollaiuolo detto il Cronaca al giovane Michelangelo) su istanza di Girolamo Savonarola: la consultazione di questa équipe, chiamata a pronunciarsi sulla edificazione della Sala del Maggior Consiglio in Palazzo Vecchio (impresa che stava particolarmente a cuore al frate di San Marco, come simbolo civico-politico della ripristinata repubblica fiorentina), si concluse il 15 luglio con la nomina del Cronaca (fervente savonaroliano) quale sovrintendente alla nuova fabbrica26. Ho già ampiamente espresso in altre sedi recenti27 la mia convinzione che questa circostanza abbia potuto offrire a Leonardo l’occasione di venire direttamente a conoscenza di qualche esempio della tuonante predicazione di Savonarola28, capillarmente ed istantaneamente diffusa e divulgata mediante la stampa a ciclostile dei suoi sermoni promossa dal notaio Lorenzo Violi (ma una cui prima riformulazione, del resto, vide la luce già in quella stessa estate del 1495 con il Compendio di Rivelazione, edito da Francesco Buonaccorsi in agosto29). L’innovazione semantica impressa dal frate allo statuto teologico-politico della profezia30, in assoluta concomitanza con la calata in Italia dell’armata francese di Carlo VIII tra l’inverno del 1494 e l’estate dell’anno seguente (con la quale si apriva la fatidica stagione delle Guerre d’Italia), era stata declinata, da un lato, in termini di strenua ripulsa della ciarlataneria astrologica, dall’altro come scostamento (che si può grossomodo seguire dal ciclo su Aggeo a quello sull’Esodo) da una prospettiva di letterale divinazione o predizione del futuro estremo ad una di accettazione della dimensione storica contingente, seppur trasfigurata in chiave mistica31. Non casualmente, una specifica attenzione alle concrete istanze politiche del riformismo religioso di Savonarola sarebbe stata espressa proprio da Ludovico il Moro, probabile mandante di una istruzione di mano cancelleresca serbata in un foglio successivamente confluito nel Codice Atlantico e indirizzata a Leonardo, come colui che avrebbe dovuto procurare una «nota del stato di Firenze, videlicet como tenuto el modo et stillo el Re[veren]do padre d.[omino] frate Jero[nim]o in ordinare el Stato di Firenze», vale a dire un resoconto circostanziato sul nuovo assetto dell’ordinamento politico di Firenze a seguito della cacciata dei Medici della fine del 149432.

13Sollecitato dalle preoccupazioni politiche del suo patrono milanese, Leonardo giungeva dunque a Firenze in quell’estate del 1495 con una qualche consapevolezza del cambiamento di portata epocale che stava scaturendo dal combinato concorso dell’ascesa del frate domenicano e dell’invasione francese incautamente invocata dallo stesso Sforza.

  • 33 Credo l’esempio savonaroliano assuma simile rilievo per Leonardo non solo per la sua assoluta cele (...)

14L’empito visionario della predicazione savonaroliana, dunque, fornì forse a Leonardo un esempio corrente dell’intensità con cui si potesse imprimere al profetismo (inteso come malleabile registro lessicale e metaforico, anche indipendentemente dalla sua letterale aderenza a qualsivoglia pratica divinatoria) una forgia semantica peculiare, in grado di rivestire di un habitus suggestivo e dissimulante contenuti concettuali di rilevante peso critico e polemico in senso etico e politico33. Se, in effetti, dapprincipio questa conquista poté tradursi per Leonardo nella traslitterazione della profezia in una scrittura dilettevole ed evenemenziale (gli indovinelli), essa nondimeno dovette ispirargli sin da subito la possibilità di farne anche veicolo di personali brucianti convincimenti circa l’uomo e la società del suo tempo, quali del resto affiorano con sconcertante modernità già dagli stessi trastulli enigmistici di epoca sforzesca, non estranei episodicamente ad elementi di satira anti-religiosa, di condanna della misoginia, persino di apologia ambientalista e animalista.

Leonardo politico

15Tuttavia, due componimenti profetici più lunghi ed elaborati, tra loro strettamente interconnessi seppur vergati ciascuno su un diverso lato dello stesso foglio, risultano in via più compiuta depositari, come universalmente riconosciuto, di una concezione antropologica e politica recisamente negativa e pessimistica, affidata a un linguaggio più impetuoso e infervorato, che si fa quasi diretta invettiva, arrivando forse a squarciare il velo della finzione profetica:

De’ metalli

Uscirà delle oscure e tenebrose spelonche chi metterà tutta l’umana spezie in grandi affanni, pericoli e morte, a molti seguaci lor dopo molti affanni darà diletto, e chi non fia suo partigiano morrà con istento e calamità. Questo commetterà infiniti tradimenti, questo aumenterà e persuaderà li omini tristi alli assassinamenti e latrocini e le servitù, questo terrà in sospetto i sua partigiani, questo torrà lo stato alle città libere, questo torrà la vita a molti, questo travaglierà li omini infra lor co’ molte flalde, inganni e tradimenti. O animal mostruoso, quanto sare’ meglio per li omini che tu ti tornassi nell’inferno! Per costui rimarran diserte le gran selve delle lor piante, per costui infiniti animali perdan la vita.

Della crudeltà dell’omo

  • 34 Rispettivamente, al recto e al verso del già citato f. 1033 dell’Atlantico: C. Pedretti, The Liter (...)

Vedrassi animali sopra della terra, i quali sempre combatteranno infra loro e con danni grandissimi e spesso morte di ciascuna della parte. Questi non aran termine nelle lor malignità; per le fiere membra di questi verranno a terra gran parte delli alberi delle gran selve dell’universo; e poi ch’e’ saran pasciuti, il nutrimento de’ lor desideri sarà di dar morte e affanno e fatiche e paure e fuga a qualunche cosa animata. E per la loro ismisurata superbia questi si vorranno levare inverso il cielo, ma la soperchia gravezza delle lor membra gli terrà in basso. Nulla cosa resterà sopra la terra, o sotto la terra e l’acqua, che non sia perseguitata, rimossa e guasta; e quella dell’un paese rimossa nell’altro; e ‘l corpo di questi si farà sepoltura e transito di tutti i già da lor morti corpi animati. O mondo, come non t’apri, e precipita nell’alte fessure de’ tua gran baratri e spelonche, e non mostrare più al cielo sì crudele e dispietato monstro!34

  • 35 Sullo stesso lato del f. 1033, altre due profezie rinviano alla crudeltà della guerra: De’ soldati (...)
  • 36 G. Miglio, Genesi e trasformazioni del termine-concetto ‘Stato’ [1981], in Id., Le regolarità dell (...)
  • 37 È la nota sentenza vergata all’interno della prima coperta del Ms L dell’Institut de France: M. Ve (...)

16Entrambi gli esempi paiono evocare la spaventosa apparizione di un essere mostruoso, dietro la quale non si cela altro che un ritratto smagato e disperante dell’uomo e degli esiti efferati della sua condotta malsana: se i metalli estratti dal sottosuolo e tramutati in armi di distruzione diventano strumenti della delirante onnipotenza del tirannico autore di «infiniti tradimenti», istigatore di «assassinamenti e latrocini e le servitù», temuto persino dai «sua partigiani», proprio nelle viscere della terra meriterebbe infine di tornare tale «crudele e dispietato monstro», precipitatovi per dare scampo a qualunque creatura che altrimenti «sopra la terra, o sotto la terra e l’acqua» sarebbe «perseguitata, rimossa e guasta». L’inciso culminante del convulso decalogo di empietà presagito nella profezia De’ metalli – «questo torrà lo stato alle città libere» – ci restituisce un amalgama tra i più condensati ed efficaci del lessico politico di Leonardo, che così deplora il decadimento e la disfatta degli ordinamenti liberi (siano essi repubbliche o signorie), che perdono lo stato proprio a causa della guerra portata dall’uomo al proprio simile mediante micidiali ordigni di morte35. L’uso incipitario e proto-moderno del termine-concetto stato, colto nella sua gradiente gestazione semantica a significare la condizione stessa dell’equilibrio politico, come coagulo di fattori soggettivi e oggettivi (dal carisma dei governanti alla dotazione patrimoniale e militare36) che la guerra divelle, depaupera e scardina, ritorna in un lapidario memorandum sulla disfatta sforzesca (c. 1499-1500), che riecheggia persino sintatticamente quell’inciso: «il duca perso lo stato e la roba e libertà e nessuna sua opera si finì per lui»37. Tra quella profezia e questa annotazione, che pare costituirne drammatica attuazione, il tempo intercorso sarà stato forse di mesi o settimane (piuttosto che di anni): ciò che cambia dall’una all’altra è la tempra sentimentale che attraversa i due scritti, passando dall’inquietudine all’incombere della minaccia francese all’amara constatazione della più drastica delle sue conseguenze, ormai consumatasi sul piano sia politico (la caduta del ducato di Milano) sia personale (l’interruzione del proprio sodalizio professionale).

17Il dispositivo metaforico della profezia De’ metalli è riproposto in forma più esplicita e concisa in un esempio leggermente più tardo della reviviscenza della frequentazione di questo genere di scrittura, depositato al recto di un foglio riportante a tergo una data d’altra mano riferita alla primavera del 1503:

Delle bombarde ch’escan della fossa e della forma

  • 38 Codice Altantico, f. 357r. Anche un foglio del Codice Arundel riporta due ulteriori rielaborazioni (...)

Uscirà di sotto la terra chi con spaventevoli grida stordirà i circostanti vicini e col suo fiato farà morire li omini e ruinare le città e castella.38

18Si assiste a una rinnovata denuncia della nefandezza della guerra, foriera non solo di disperazione e morte tra gli uomini ma anche di rovina militare e politica per le città fortificate: parole che, come un tragico bilancio, quasi schizzano un ritratto desolato delle campagne militari del Borgia. Nel febbraio di quel 1503, a seguito dell’uccisione di Vitellozzo Vitelli, Leonardo aveva abbandonato il Valentino ed era tornato a Firenze, trovandola però ben diversa dalla città che aveva conosciuto sia in gioventù, sotto l’egida medicea, sia pochi anni prima, all’apice della vicenda savonaroliana: il gonfalonierato perpetuo di Piero Soderini costituiva nei fatti una beffarda devianza dagli autentici principi repubblicani che, dopo l’aurea e dissimulata oligarchia dei Medici, Savonarola aveva tentato di restaurare. È in questo contesto che si origina la più sconvolgente e fosca delle profezie politiche di Leonardo:

Un comune

  • 39 Codice Atlantico, f. 105 a v. La valenza politica di questo scritto è stata posta in evidenza da: (...)

Un meschino sarà soiato e essi soiatori sempre fien sua ingannatori e rubatori e assassini d’esso meschino.39

  • 40 A. Savelli, Sul concetto di popolo: percorsi semantici e note storiografiche, «Laboratoire italien (...)

19Il «meschino» ingannevolmente lusingato e poi depredato e annientato dai suoi stessi adulatori è una spietata metafora della corruzione dell’ordinamento comunale: la disillusione di Leonardo non ammette rimedio e si offre quale testimonianza inesorabile della perversione che circolarmente investe l’autogoverno democratico, la cui corretta attuazione la pristina istituzione del Comune fiorentino avrebbe invece dovuto garantire. La connotazione politica dello scritto è innegabile e la polisemica ambiguità del ricorso alla parola «comune» ne accresce anzi il senso pregnante, ad indicare non soltanto astrattamente l’entità istituzionale o la sua ideale finalità di governo (il bene «comune») ma anche concretamente le persone che la costituiscono, tanto il ristretto ceto dei delegati del mandato governativo in seno all’amministrazione municipale quanto propriamente la più vasta compagine della comunità, che attraverso i primi cittadini dovrebbe potersi identificare nel Comune40. L’inganno è totale e riduce i ministri della repubblica a biechi impostori che tradiscono la fiducia popolare, mirando a fare incetta e sterminio del bene comune per appropriarsene unilateralmente: si avverte, più forte persino della commiserazione di tale stato di fatto, il disprezzo di Leonardo per la vile perpetrazione della menzogna, con la quale blandire i governati a proprio esclusivo vantaggio e a loro irreparabile detrimento. Contigua a questa profezia sullo stesso foglio dell’Atlantico – e ad essa in qualche modo correlata – è quella intitolata De’ danari e oro, nella quale stavolta i metalli estratti «delle cavernose spilonche», per la loro più preziosa qualità, sono mutati in un’altra fonte di «grandi affanni, ansietà, sudori» per «tutti i popoli del mondo», non meno rovinosa delle armi: si tratta qui in effetti della medesima brama di ricchezze istigatrice dei beffardi «soiatori» del «comune».

  • 41 Si legga il denso capitolo Leonardo da Vinci: la descrizione al futuro del saggio di C. Segre, Sem (...)

20La condanna della scelleratezza politica dei suoi giorni tornerà – a conferma dell’amalgama semantico che accomuna il diluvio e la profezia nel suo immaginario come «esempi di discorsività pittorica»41 – in un frammento di scrittura della sua avanzata maturità, riallacciabile a quell’ideale regesto o compilazione di testi interpretabili come riserva di invenzioni figurative, alle quali, come parte cospicua del suo sterminato «atlante della visibilità», sarebbe stato dedicato ampio spazio nell’apografo postumo del Libro di Pittura:

  • 42 Codice Atlantico, f. 1060 a v.

Tutti li anima[li] languiscano, empiendo l’aria di lament[az]ioni, le selve ruinano, le montagne aperte per rapire li generati metalli. Ma che potrò io dire cosa più scellerata di quelli che levano le lalde al cielo di quelli che con più ardore han nociuto alla patria e alla spezie umana?42

21L’immagine dei metalli estratti dal sottosuolo, che doveva apparirgli doppiamente crudele (per la brutale e aggressiva violazione del «corpo» della terra e per le cruente invenzioni di morte e distruzione destinate a scaturirne), culmina in questo tardivo recupero della profezia sforzesca, ormai del tempo delle scritture del diluvio, sulla sua «figurazione» e «dimostrazione in pittura» (c. 1513-1514). Il presagio si invera però drammaticamente nella chiosa finale, che riproietta la descrizione al futuro delle temute e preconizzate devastazioni al tempo presente, su un piano di bruciante attualità storica e politica: Leonardo entra di prepotenza nella finzione letteraria e prende parola in prima persona per denunciare l’impossibilità di eguagliare con il racconto anche più terrificante l’orrore di chi loda le gesta di coloro che nuocciono «alla patria e alla spezie umana». L’endiadi è fortissima e riconferma l’inscindibile congiunzione, nella sua visione, di natura e politica, ovvero del livello antropologico dell’esistenza umana e di quello politico dell’identità comunitaria, contemperando, di conseguenza, l’esigenza della preservazione della nuda vita biologica con quella della tutela e custodia dei valori attorno ai quali si ipostatizza il senso di appartenenza di un’entità collettiva e dunque l’essenza politica di una comunità. Come già nel caso di stato e comune, Leonardo impiega con estrema disinvoltura nel registro espressivo profetico un termine-concetto esiziale dell’incipiente modernità politica, nella sua tensione tra tradizione e rinnovamento: patria, infatti, sembra voler veicolare in questo frammento una nozione duplice e complessa, che, in linea con quei fermenti lessicali e concettuali che in Machiavelli verranno a maturazione, suggerisce di riferirsi tanto alla compagine fisica e fattuale del popolo inteso come comunità, quanto – nella sua esplicita giustapposizione al sintagma «spezie umana», a denotare qualcosa di diverso e ulteriore rispetto al significato cui allude quest’ultimo – a una precisa modalità culturale del «vivere insieme» come «vivere libero», perché (come gli altri frammenti più sopra ricordati e commentati testificano) è precisamente la perdita di libertà il più grave danno politico che il pessimismo antropologico del Leonardo «profetico» riconduce alla latente e ineliminabile conflittualità tra gli uomini.

22Il cimentarsi di Leonardo in questa singolare esperienza creativa, affidata a una duttilità discorsiva che – pur imitando la forma esteriore delle scritture divinatorie – finisce per accogliere generi e contenuti diversificati (tra suggestioni letterarie e velleità scientifiche), può quindi essere annoverato tra le testimonianze più peculiari della fortuna e diffusione della «profezia politica» al tempo delle Guerre d’Italia.

Haut de page

Notes

1 Leonardo da Vinci, Il Codice Atlantico della Biblioteca Ambrosiana di Milano, trascr. critica di A. Marinoni, pres. di C. Pedretti, Firenze, Giunti, 2000, vol. III, pp. 1866-1868.

2 A. Marinoni, Il Codice Atlantico di Leonardo da Vinci. Indici per materie e alfabetico, a cura di P. C. Marani, Firenze, Giunti, 2004, p. 62, sub voce «Profezie», p. 76, sub anno «1497». Sia consentito inoltre il rinvio a M. Versiero, Codex Atlanticus #14. I diluvi e le profezie. Disegni di Leonardo dal Codice Atlantico, catalogo della mostra (Milano, Biblioteca Ambrosiana, 11 dicembre 2012 - 10 marzo 2013), pres. di F. Buzzi, Novara, De Agostini, 2012, p. 42, scheda n. 40.

3 Si veda C. Vecce, a cura di, Leonardo da Vinci. Scritti, Milano, Mursia, 1992, pp. 119-121 (e la relativa discussione critica svolta nelle note 65-78 a p. 130).

4 E. H. Gombrich, Leonardo e i maghi: polemiche e rivalità (Lettura Vinciana XXIII, 16 aprile 1983), Firenze, Giunti Barbèra, 1984, p. 6.

5 Questo stesso indovinello è presente anche nella sezione «Documenti morali utilissimi commo proverbi» del De viribus quantitatis di Luca Pacioli, l’inizio della cui stesura, protrattasi poi fino al 1508, risale al 1496, poco dopo il suo arrivo a Milano, dove strinse, come universalmente noto, un sodalizio personale e scientifico con Leonardo: F. Calabrese, Leonardo’s Profezia: moral writings of a hybrid kind, «Quaderni d’italianistica», vol. XXXII, n. 2, 2011, pp. 75-100 (il riferimento è alla nota 23 a p. 81).

6 D. Kiang, The “Enigma of the Dice”. A Bramante sonnet published by Lomazzo, «Achademia Leonardi Vinci», vol. IV, 1991, pp. 196-199.

7 Si tratta del f. 1023v, prevalentemente occupato da studi di meccanica e di idraulica databili allo scadere del periodo sforzesco, c. 1497: C. Pedretti, The Codex Atlanticus of Leonardo da Vinci. A Catalogue of Its Newly Restored Sheets, New York, Johnson Reprint, 1978-1979, vol. II (1979), p. 241.

8 Codice Atlantico, f. 526 a v, c. 1500: M. Versiero, I «diluvi» di Leonardo, tra profezia, mito e storia, in Leonardo da Vinci, 1452-1519: il disegno del mondo, catalogo della mostra (Milano, Palazzo Reale, 15 aprile - 19 luglio 2015), a cura di P. C. Marani e M. T. Fiorio, Milano-Ginevra, Skira, 2015, pp. 409-417.

9 È il f. 1007v.

10 G. Calvi, I manoscritti di Leonardo da Vinci, dal punto di vista cronologico storico e biografico, nuova ed. a cura di A. Marinoni, Busto Arsizio, Bramante Editrice, 1982 [1925], p. 107.

11 P. C. Marani, Leonardo, una carriera di pittore, Milano, Motta, 1999, pp. 333-334.

12 C. Scarpati, Leonardo scrittore, Milano, Vita & Pensiero, 2001, pp. 154-155. È il f. 302r dell’Atlantico, la cui datazione è stata orientata in base al ductus della grafia al 1490-1492.

13 C. Pedretti, Leonardo. A Study in Chronology and Style, Londra, Thames & Hudson, 1973, pp. 11-13; M. Kemp, Lezioni dell’occhio. Leonardo da Vinci, discepolo dell’esperienza, Milano, Vita & Pensiero, 2004, pp. 65-67; P. Boucheron, Leonardo e Machiavelli. Vite incrociate, trad. ital. di M. Paternesi, Roma, Viella, 2014 (prima ed. francese 2008), pp. 73-90. Sia consentito inoltre il rinvio a M. Versiero, Il dono della libertà e l’ambizione dei tiranni. L’arte della politica nel pensiero di Leonardo da Vinci, pres. di P. C. Marani, Napoli, Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, 2012, pp. 190-194.

14 Si tratta dei vv. 232-236; i frammentari tentativi di trascrizione sono ai ff. 195r e 715r/v del Codice Atlantico e sono ritenuti derivare da una versione manoscritta del volgarizzamento di Arrigo Simintendi (c. 1330): C. Vecce, Leonardo e il «Paragone» della Natura, in Leonardo da Vinci on Nature. Knowledge and Representation, a cura di F. Frosini e A. Nova, Venezia, Marsilio, 2015, pp. 183-205, part. pp. 198 ss.

15 L’interrelazione tra le redazioni succedanee di questo racconto è stata recentemente analizzata da G. Cirnigliaro, Le favole di Leonardo da Vinci. Struttura e temi, «Rivista di Letteratura Italiana», XXXI, 2, 2013, pp. 23-43, part. pp. 38-39.

16 Benedetto Dei (1418-1492) è attestato a Milano sin dal 1472 ma un documento riferito agli anni 1480-1483 lo accomuna proprio a Leonardo in una lista di fiorentini espatriati e appena stabilitisi in città; fu in stretti rapporti con Galeazzo da Sanseverino (genero di Ludovico il Moro e capitano delle milizie sforzesche) nel 1487-88, epoca alla quale è grossomodo assegnabile la lettera fittizia che Leonardo gli indirizzò: G. Ponte, Leonardo prosatore, Genova, Tilgher, 1976, pp. 38-39 e nota 47; Leonardo da Vinci, la vera immagine. Documenti e testimonianze sulla vita e l’opera, catalogo della mostra (Firenze, Archivio di Stato, 15 ottobre 2005 - 28 gennaio 2006), a cura di V. Arrighi, A. Bellinazzi e E. Villata, Firenze, Giunti, 2005, p. 140, n. IV.24 (scheda di L. Böninger).

17 Il f. 265v dell’Atlantico, contenente il testo della lettera, è infatti risultato estratto da un registro contabile della Fabbrica del Duomo di Milano, al tempo del documentato interesse di Leonardo alla competizione indetta per il progetto dell’erigendo tiburio della cattedrale, tra il 1487 e il 1490. Il testo è correlato a quello riversato sul f. 852r e ne costituisce diretta continuazione: E. Villata, Codex Atlanticus #02. La biblioteca, il tempo e gli amici di Leonardo. Disegni di Leonardo dal Codice Atlantico, catalogo della mostra (Milano, Biblioteca Ambrosiana, 3 dicembre 2009 - 28 febbraio 2010), pres. di P. C. Marani, Novara, De Agostini, 2009, pp. 52-54, scheda n. 7.

18 J. P. Richter, Leonardo da Vinci im Orient, «Zeitschrift für bildende Kunst», vol. XVI, 1881, pp. 133-141; G. Séailles, Léonard de Vinci, l’artiste et le savant (1452-1519). Essai de biographie psychologique, Parigi, Perrin, 1892 (rist. 1906), pp. 525-528; E. Solmi, Leonardo (1452-1519), Firenze, Barbèra, 1900, pp. 43-45.

19 La lettura più articolata del f. 393r/v dell’Atlantico è stata offerta a mio avviso da F. P. Di Teodoro, «Stupenda e dannosa maraviglia», «Achademia Leonardi Vinci», vol. II, 1989, pp. 121-126.

20 Dalle Etymologie di Isidoro da Siviglia al Tractato delle più meravigliose cosse e più notabili che si trovano in le parti del mondo di Jean de Mandeville: G. Castelfranco, Studi vinciani, Roma, De Luca, 1966, pp. 137-138.

21 Questa lettura è stata per la prima volta suggerita, a mia memoria, da K. Clark, The Drawings of Leonardo da Vinci in the Collection of Her Majesty the Queen at Windsor Castle, nuova edizione rivista con l’assistenza di C. Pedretti, Londra, Phaidon, 1968 [1935], vol. I, p. 7 (sub numero 12280) e p. 56 (sub numero 12388).

22 È suggestivo osservare come le dodici profezie vergate al recto del f. 393 dell’Atlantico siano accompagnate da una «Divisione della profezia» che appare come un duplicato speculare della «Divisione del libro» premessa alla Lettera al Diodario sul verso dello stesso foglio, con analoga funzione retorica: Leonardo si proponeva di attuare una partizione delle profezie per gruppi tematici, riservando «i gran casi inverso il fine, e’ deboli dal principio» e mostrando per ciascuno «prima e’ mali e poi le punizioni». Tale riorganizzazione del materiale, che non fu mai attuata, avrebbe comportato ben otto sezioni, secondo le quali alcuni compilatori di moderne antologie di scritti vinciani (dal Solmi alla Fumagalli) hanno tentato a posteriori di classificare le profezie: «Prima delle cose degli animali razionali. Seconda delli inrazionali. Terza delle piante. Quarta delle cerimonie, quinta dei costumi. Sesta delli casi overo editti over quistioni. Settima de’ casi che non possono stare in natura […] Ottava delle cose filosofiche».

23 Codice Atlantico, f. 573 a v.

24 Pionieristico assertore sin dal 1908 di questa proposta cronologica fu E. Solmi, Scritti vinciani. Le fonti dei manoscritti di Leonardo da Vinci e altri studi, pres. di E. Garin, Firenze, La Nuova Italia, 1976, pp. 318-320, che precisò anche l’identità storica del profeta armeno: musulmano sciita avverso ai sunniti (e quindi ai turchi), figlio di Sheik Aidar e di una discendente di Usunhassan, egli fu al principio del nuovo secolo il fondatore della dinastia Safawide.

25 Le più tarde tra le numerose profezie del periodo sforzesco sembrano quelle riversate consecutivamente in numero di quarantuno alle carte da 63 r a 66 v del Ms I dell’Institut de France (che contiene inoltre altri quattro indovinelli in fogli sparsi), i cui riferimenti cronologici interni ed esterni ne stabiliscono una datazione piuttosto ferma al 1497-1498, cioè quasi allo scadere del primo lungo soggiorno milanese di Leonardo. Tra di esse, oltre alla profezia I dadi, qui ricordata all’inizio, si ritrova sulla stessa pagina anche una prima embrionale e abbreviata formulazione della profezia De’ metalli, sulla quale ci si soffermerà più avanti: «L’umane opere fien cagione di lor morte. Le spade e le lance» (f. 64v).

26 Il racconto si ritrova in entrambe le edizioni delle Vite vasariane (1550 e 1568) ma in corrispondenza della biografia del Cronaca (non vi si fa cenno, invece, in quella di Leonardo): L. H. Goldscheider, Leonardo da Vinci, Londra, Phaidon, 1959, p. 20, nota 43.

27 M. Versiero, «La nota del Stato di Firenze». Leonardo e Savonarola: politica, profezia, arte, «Raccolta Vinciana», fasc. XXXV, 2013, pp. 1-46; Id., Leonardo in «chiaroscuro», tra Savonarola e Machiavelli (c. 1494-1504), Mantova, Il Rio Arte, 2015 (rist. 2016), pp. 11-51; Id., Figurazioni profetiche come allegorie politiche: Savonarola e Leonardo intorno al 1495, «Bruniana & Campanelliana», anno XXII, fasc. 1, 2016, pp. 173-178; Id., Leonardo da Vinci, Firenze, Mandragora, 2016, pp. 149-155. A questi contributi si rinvia per un esaustivo spoglio di tutta la letteratura critica pertinente, che non è possibile qui richiamare.

28 L’inventario madrileno della biblioteca di Leonardo registra peraltro, verso il 1503, la generica presenza di «Prediche» di autore non specificato, per le quali si è talvolta fatto il nome di Savonarola: J. Juncić, Leonardo da Vinci in Rome: meditations on the Sermons of Savonarola, «Raccolta Vinciana», fasc. XXXI, 2005, pp. 181-214. Una certa consonanza tra il profetismo savonaroliano e le espressioni catastrofiche del naturalismo di Leonardo è stata colta da: E. Garin, La cultura filosofica del Rinascimento italiano. Ricerche e documenti, Firenze, Sansoni, 1979, pp. 189-190; C. Sisi, Poliziano, Savonarola, Leonardo e la cultura al tempo del Soderini, in L’officina della maniera. Varietà e fierezza dell’arte fiorentina fra le due repubbliche, 1494-1530, a cura di A. Cecchi e A. Natali, catalogo della mostra (Firenze, Galleria degli Uffizi, 28 settembre 1996 - 6 gennaio 1997), Venezia, Marsilio, 1996, pp. 16-22, part. p. 19; S. Fabrizio-Costa, Léonard de Vinci : volcan(s) et caverne(s), in Nature et politique. Logique des métaphores telluriques, a cura di D. Bertrand, Clermont-Ferrand, Presses universitaires Blaise Pascal, 2005, pp. 25-45, part. pp. 31-32.

29 Per una opportuna contestualizzazione storico-filosofica del programma politico di Savonarola, si rimanda a J.-L. Fournel, Retorica della guerra, retorica dell’emergenza nella Firenze repubblicana, «Giornale Critico della Filosofia Italiana», II, 3, 2006, pp. 389-411. Sulla centralità simbolica per Savonarola della Sala del Maggior Consiglio, si legga C. Varotti, Gloria e ambizione politica nel Rinascimento. Da Petrarca a Machiavelli, Milano, Bruno Mondadori, 1998, pp. 347-349.

30 G. C. Garfagnini, «Questa è la terra tua». Savonarola a Firenze, Firenze, Sismel - Edizioni del Galluzzo, 2000, pp. 29-55; C. Terreaux-Scotto, Le tragique des guerres d’Italie dans les sermons de Savonarole et de ses émules, «Cahiers d’études italiennes», n. 19, 2014, pp. 83-109.

31 Le immagini di Firenze come nuova Gerusalemme, di Carlo VIII come novello Ciro e di sé come Mosè redivivo ne costituiscono icastiche ipostasi: P. Venturelli, Considerazioni sull’ultimo profeta del bene comune storico, Girolamo Savonarola, in Studi di storia della filosofia. Ricordando Anselmo Cassani (1946-2001), a cura di D. Felice, Bologna, Clueb, 2009, pp. 39-76.

32 Codice Atlantico, f. 628r: E. Villata, a cura di, Leonardo da Vinci. I documenti e le testimonianze contemporanee, pres. di P. C. Marani, Milano, Ente Raccolta Vinciana, 1999, p. 145, doc. 161. Non sfuggito al maggiore biografo di Savonarola (R. Ridolfi, Vita di Girolamo Savonarola, quarta ed. accresciuta, Firenze, Sansoni, 1974, vol. I, p. 210; vol. II, pp. 573-575, nota 45), il foglio è stato studiato con particolare attenzione da C. Pedretti, Leonardo & io, Milano, Mondadori, 2008, pp. 258-260.

33 Credo l’esempio savonaroliano assuma simile rilievo per Leonardo non solo per la sua assoluta celebrità e priorità sulle altre esperienze profetiche millenaristiche di quello scorcio di secolo ma anche – e soprattutto – perché queste ultime erano disancorate da qualsiasi «prise immédiate sur la réalité politique», laddove il frate ferrarese «lie les mots avec les faits et les œuvres», facendo della profezia «une lecture globale du temps présent» (J.-L. Fournel, J.-C. Zancarini, La politique de l’expérience. Savonarole, Guicciardini et le républicanisme florentin, Alessandria, Edizioni dell’Orso, 2002, pp. 43-45).

34 Rispettivamente, al recto e al verso del già citato f. 1033 dell’Atlantico: C. Pedretti, The Literary Works of Leonardo da Vinci Compiled and Edited from the Original Manuscripts by Jean Paul Richter. Commentary, Londra, Phaidon, 1977, vol. II, pp. 279-280, §§ 1295-1296.

35 Sullo stesso lato del f. 1033, altre due profezie rinviano alla crudeltà della guerra: De’ soldati a cavallo e Delle spade e lance.

36 G. Miglio, Genesi e trasformazioni del termine-concetto ‘Stato’ [1981], in Id., Le regolarità della politica, Milano, Giuffrè, 1988, vol. II, pp. 801-832; S. Goyard-Fabre, État, in Encyclopédie philosophique universelle. Les notions philosophiques. Dictionnaire, a cura di S. Auroux, Parigi, PUF, 1998, vol. II, t. I, pp. 862-864; R. Descendre, Aux origines de l’« État » : langage et institutionnalisation de la nomination, in Linguagem, Sociedade, Políticas, a cura di E. Orlandi, Campinas Univás, RG Editores, 2014, pp. 15-27.

37 È la nota sentenza vergata all’interno della prima coperta del Ms L dell’Institut de France: M. Versiero, «Il duca [ha] perso lo stato…»: Niccolò Machiavelli, Leonardo da Vinci e l’idea di «stato», «Filosofia Politica», anno XXI, n. 1, 2007, pp. 85-105.

38 Codice Altantico, f. 357r. Anche un foglio del Codice Arundel riporta due ulteriori rielaborazioni dello stesso spunto: «I morti usciranno di sotto terra e co’ loro fieri movimenti cacceranno dal mondo innumerabili creature umane. Il ferro uscito di sotto terra è morto e se ne fa l’arme che ha morti tanti omini»; «O quanti grandi edifizi fieno ruinati per causa del foco! Del foco delle bombarde» (f. 42v).

39 Codice Atlantico, f. 105 a v. La valenza politica di questo scritto è stata posta in evidenza da: C. Pedretti, Gleanings #3. The Commune, «Achademia Leonardi Vinci», vol. I, 1988, p. 127; Id., I mondi di Leonardo, in I mondi di Leonardo: arte, scienza, filosofia, atti del convegno (Milano, 21-22 ottobre 2002), a cura di C. Vecce, Milano, Edizioni Iulm, 2003, pp. 17-28, part. pp. 22-23.

40 A. Savelli, Sul concetto di popolo: percorsi semantici e note storiografiche, «Laboratoire italien», n. 1, 2001, pp. 9-24; E. Fasano Guarini, Stato e governo a Firenze tra Quattrocento e Cinquecento, in Governare a Firenze. Savonarola, Machiavelli, Guicciardini, atti della giornata di studi (Parigi, 20 novembre 2006), a cura di J.-L. Fournel e J.-C. Zancarini, Parigi, Istituto Italiano di Cultura, 2007, pp. 23-44. In questa prospettiva, lo scritto di Leonardo sarà allora da annoverarsi tra gli esempi della situazione linguistica comune a Machiavelli e ai suoi contemporanei, descritta da J.-L. Fournel, J.-C. Zancarini, Sur la langue du Prince : des mots pour comprendre et agir, in Machiavel, Le Prince, Paris, PUF, 2000, pp. 545-610, part. p. 547, come confluenza tra «le vocabulaire quotidien et technique des marchands et la terminologie, latine ou vulgaire, des offices et charges politiques».

41 Si legga il denso capitolo Leonardo da Vinci: la descrizione al futuro del saggio di C. Segre, Semiotica filologica. Testo e modelli culturali, Torino, Einaudi, 1979, pp. 131-160, part. p. 143 (da cui è tratta la citazione).

42 Codice Atlantico, f. 1060 a v.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Marco Versiero, « Leonardo profetico », Laboratoire italien [En ligne], 21 | 2018, mis en ligne le 21 juin 2018, consulté le 12 novembre 2018. URL : http://journals.openedition.org/laboratoireitalien/1950 ; DOI : 10.4000/laboratoireitalien.1950

Haut de page

Auteur

Marco Versiero

Marco Versiero a été post-doctorant en études italiennes auprès du laboratoire Triangle (ENS de Lyon, 2016-2017). Il est titulaire d’un doctorat en philosophie politique à l’université de Naples (Orientale, 2009). Il a obtenu une bourse de recherche en sciences de la culture à l’École des hautes études de la Fondation San Carlo de Modène (2009) ainsi qu’un doctorat en littérature italienne moderne de l’Institut italien de sciences humaines de Naples et de l’École normale supérieure de Pise (2014). Habilité par le ministère italien de l’Enseignement supérieur aux fonctions de professeur associé (2013), il est membre ordinaire de l’Ente Raccolta Vinciana de Milan et membre de la Leonardo da Vinci Society de Londres. Il a été boursier du Center for Medieval and Renaissance Studies de l’université de Californie à Los Angeles (UCLA). Il est l’auteur de plusieurs publications sur la pensée politique de Léonard, à propos duquel il a publié une récente monographie (Leonardo da Vinci, Mandragora, 2016).

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Laboratoire italien – Politique et société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page