Navigation – Plan du site
  • ENS Éditions
  • ENS de Lyon
2018

Giuseppe Sciara, Un’oscura presenza. Machiavelli nella cultura politica francese dal Termidoro alla Seconda Repubblica

Prefazione di Tabet Xavier, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 2018, XXX-258 p., 28 €
Andrea Salvo Rossi
Référence(s) :

Giuseppe Sciara, Un’oscura presenza. Machiavelli nella cultura politica francese dal Termidoro alla Seconda Repubblica, Prefazione di Tabet Xavier, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 2018, XXX-258 p., 28 €

Texte intégral

1Esaminare un momento della fortuna di Machiavelli significa sempre, fatalmente, metter mano al coacervo di questioni politiche e dottrinali relative all’epoca in esame. Negli scontri ideologici, nel posizionamento pubblico di intellettuali e parti politiche Machiavelli è sempre presenza viva e, almeno strumentalmente, operante: fin dal diffondersi dei machiavellismi durante le cosiddette guerre di religione, infatti, i suoi scritti hanno sempre prodotto letture non neutrali, più interessate ad utilizzare le opere del segretario fiorentino come dispositivi di enunciazione nel proprio presente che non ad una loro comprensione avalutativa. Ne è ben consapevole Giuseppe Sciara, che ripercorre nel suo libro circa mezzo secolo di edizioni, traduzioni, interpretazioni ed «usi» dei testi machiavelliani in Francia (grossomodo dalla reazione termidoriana al 1848). Non a caso, nella sua densa introduzione il machiavellismo viene definito come «paradigma interpretativo della realtà storica», utile a «comprendere meglio le complesse dinamiche del potere che hanno preso forma in determinati contesti storico-politici» (p. XIII). In questo senso, bene ribadirlo, la circolazione del Principe o dei Discorsi (ma ciò vale anche per gli altri scritti politici) smette di essere un fenomeno puramente storico-letterario e diventa un punto di accesso privilegiato alla ricostruzione delle forme e dei linguaggi della politica in un momento dato.

2Ciò vale forse ancor di più quando l’esercizio si svolge alle latitudini della Francia, se è vero che la strage di San Bartolomeo può essere simbolicamente considerata come la data di nascita dell’antimachiavellismo e che, dunque, le tracce della fortuna francese di Machiavelli risultano sempre particolarmente significative (in alcuni momenti, forse, ancor più di quelle italiane). Ricordare questa genealogia cinquecentesca non è inutile: Sciara mette infatti molto opportunamente sull’avviso i suoi lettori, ricordando come «una sottile linea di continuità unisca la strage di San Bartolomeo dell'agosto 1572 al decennio rivoluzionario» (p. XII) e chiedendoci di considerare quest’ultimo come uno spartiacque forse altrettanto importante delle più note vicende controriformistiche.

3Dopo l’Introduzione, utile a chiarire i problemi che si pongono a chiunque approcci agli studi sulla fortuna di Machiavelli, il libro si sviluppa per sei capitoli: il primo dedicato agli anni che vanno dal Termidoro al colpo di Stato del 18 brumaio; il secondo compiutamente organizzato intorno alla fortuna machiavelliana in età napoleonica; il terzo relativo alla transizione verso il processo di restaurazione (1814-1816); il quarto e il quinto che coprono gli anni che vanno dalla restaurazione alla cosiddetta Monarchia di Luglio successiva ai moti del 1830; e il sesto che sviluppa i problemi della ricezione machiavelliana a cavallo del 1848.

4In questo arco temporale, di cui proveremo a ripercorrere alcuni nodi significativi, si avvicendano letture molto diverse (e spesso faziose) dei testi di Machiavelli: dagli usi repubblicani al riaffiorare del problema del «realismo politico» alle riletture romantiche; e tutto ciò accanto ai primi tentativi di contestualizzazione storica dell’opera.

5Il primo capitolo ricorda la centralità della pubblicazione delle Œuvres complètes de Machiavel nel 1799, tradotte da Guiraudet, la cui premessa (il Discours sur Machiavel) segna al contempo la maturazione dell’«utilizzo realistico» (p. 2) di Machiavelli – un Machiavelli politicamente decisionista o comunque teorico dell’efficacia deliberativa come parametro dominante dell’azione politica – e l’apertura a quelle interpretazioni patriottiche e nazionaliste che saranno proprie delle letture machiavelliane del Romanticismo. Ciò ha a che fare con una crisi profonda dell’interpretazione repubblicana (quelle che, ad esempio, finiva per privilegiare i Discorsi a scapito del Principe) che si era ben radicata negli ambienti giacobini prima del colpo di Stato termidoriano: dettaglio non da poco, questo, perché ci ricorda a partire da un case of study importante come quello francese che il repubblicanesimo come chiave di lettura delle opere di Machiavelli non va da sé, ma è radicato in precise coordinate storiche e politiche (e questo dovrebbe retrospettivamente mettere in guardia chi oggi indulge in un’eccessiva ipostatizzazione della matrice repubblicana del pensiero machiavelliano).

6Sarà comunque il secondo Machiavelli – non quello della «maschera realistica» (p. 31), ma quello riletto in ottica patriottica – a risultare particolarmente produttivo a ridosso dell’età napoleonica (dove peraltro non potevano che risultare del tutto anestetizzate sia le interpretazioni repubblicane che quelle realistiche) e, soprattutto, in età romantica. Ciò, però, accade accanto ad un altro fenomeno forse altrettanto rilevante, soprattutto sotto la specola francese, ossia la definizione di primi tentativi organici di storicizzazione dell’opera del segretario fiorentino. Particolarmente interessante, in questo senso, l’affondo che Sciara propone su Pierre-Louis Ginguené (pp. 58-69) che, nella sua Histoire littéraire de l’Italie del 1811, pone in modo compiuto l’esigenza di ricondurre l’interpretazione di un’opera al contesto storico in cui essa è maturata: decisivo, ad esempio, che in quest’opera appaia per la prima volta una traduzione francese della celebre lettera al Vettori, di cui non serve ricordare l’importanza nel riferire a precise contingenze biografiche e storiche la redazione del Principe.

7La circolazione dei testi di Machiavelli riprende vigore politico, come è facile aspettarsi, dopo il tracollo dell’esperienza napoleonica e i tentativi di riassetto del quadro europeo negli anni della Restaurazione: gli anni Venti dell’Ottocento, in particolare, conoscono una proliferazione «di articoli, brevi saggi e voci enciclopediche dedicate a Machiavelli» senza precedenti (p. 147) e sarà probabilmente proprio questa fortuna rinnovata a produrre, per quanto paradossale possa sembrare, una profonda depoliticizzazione dell’opera machiavelliana (pp. 146-160). Anche in questo caso, però, il movimento centripeto delle indagini erudite su Machiavelli non archivierà definitivamente le tendenze centrifughe degli usi politici del testo: a cavallo del Quarantotto Machiavelli torna a essere strumento di catalizzazione di riflessioni politiche radicalmente contemporanee, nelle quali le opere del segretario sono rilette alla luce della cosiddetta Primavera dei popoli. È in questo contesto, ad esempio, che affiora l’opportunità di leggere Machiavelli a partire dal problema delle lotte di classe (pp. 225 e sgg): dato interessante nella sua precocità, se si pensa alla diffusione alluvionale di letture marxiste dell’opera di Machiavelli nel corso del Novecento, che dimostra una volta di più l’assoluto interesse dell’indagine di Sciara, che ci consente di ritrovare nella loro prima genealogia alcune delle piste più fertili di quello che sarà poi il machiavellismo in età contemporanea.

8Senza voler procedere oltre in questo volo d’uccello su di un libro che si muove con altrettanta attenzione tra grandi autori della storia del pensiero politico francese e oscuri commentatori e traduttori che, però, nel loro anonimato restituiscono in modo prezioso l’orizzonte d’attesa del proprio tempo, si può forse tentare un bilancio. Ciò che risulta particolarmente interessante, e proficuo, dello studio di Sciara è esattamente la capacità di seguire il groviglio di letture filologico-erudite di Machiavelli e di usi politici, militanti dei suoi testi, senza prediligere uno dei due filoni, ma invece mostrando la loro costante e proficua interazione. Si tratta, infatti, di una trama spesso indissolubile (perché entrambe le soluzioni possono magari presentarsi nel medesimo interprete), che chiarisce bene la difficoltà e le poste in gioco di un lavoro sulla fortuna di Machiavelli. Il superamento, nel corso del diciottesimo secolo, delle istanze interpretative proprie dell’antimachiavellismo confessionale (quello dell’Anti-Machiavel di Gentillet, per limitarsi al caso più celebre) non ha a che fare necessariamente con una progressiva neutralizzazione delle letture dei testi: contestualizzazioni storiche e distorsioni politiche mosse a partire dalle esigenze del proprio tempo convivono, in modi diversi, nella fortuna francese di Machiavelli. Da ciò viene fuori una certa opacizzazione dell’intentio operis e una complessiva disponibilità ad intendere gli scritti di Machiavelli più come un linguaggio che come un testo: un linguaggio della politica e della storiografia, come tale articolabile ricorsivamente in combinazioni ed enunciazioni nuove, non costrette a ripetere fedelmente la fonte, quanto piuttosto ad utilizzarla per pensare – attraverso essa – il proprio presente.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Andrea Salvo Rossi, « Giuseppe Sciara, Un’oscura presenza. Machiavelli nella cultura politica francese dal Termidoro alla Seconda Repubblica », Laboratoire italien [En ligne], Lectures, mis en ligne le 07 novembre 2018, consulté le 18 novembre 2018. URL : http://journals.openedition.org/laboratoireitalien/2437

Haut de page

Auteur

Andrea Salvo Rossi

Università degli Studi di Napoli Federico II

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Laboratoire italien – Politique et société est mis à disposition selon les termes de la licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page